Fluorescenza e fluorocromi: caratteristiche. fisico chimiche e spettrali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fluorescenza e fluorocromi: caratteristiche. fisico chimiche e spettrali"

Transcript

1 Fluorescenza e fluorocromi: caratteristiche fisico chimiche e spettrali Le applicazioni della Citometria a Flusso (CF) sono quasi esclusivamente basate sullʹimpiego di uno o più fluorocromi in vario modo legati alle strutture da analizzare. La CF è oggi utilizzata nel settore della fenotipizzazione cellulare mentre inizialmente il suo utilizzo era mirato all analisi della misura del volume e del contenuto di DNA, utilizzando la valutazione della luce diffusa e la misura della fluorescenza del Bromuro di Etidio (EB). I fluorocromi in questo modo hanno sostituito i coloranti classici della citochimica, almeno per quanto riguarda gli aspetti qualitativi e in parte anche quantitativi. In seguito l uso della CF è stato impiegato in un ampia ricerca metodologica attraverso l utilizzo di una vasta gamma di metodologie e di fluorocromi ed è stato rivolto allo studio delle proteine cellulari utilizzando dapprima tecniche tradizionali e, successivamente, metodiche e fluorocromi dedicati alla CF. FLUORESCENZA Nell analisi le cellule vengono attraversate da un fascio di luce laser di determinata frequenza ed elevata intensità che può venire diffusa (trasmessa), rifratta o riemessa come fluorescenza nel caso ecciti molecole in grado di emetterla. La fluorescenza è quel fenomeno per cui una molecola colpita da una radiazione luminosa ad una certa lunghezza dʹonda (frequenza di eccitazione) ne emette unʹaltra a lunghezza dʹonda superiore (frequenza di emissione). Le molecole fluorescenti (Fluorofori, fluorocromi o coloranti fluorescenti) assorbono la luce in una regione dello spettro (figura 2.1) e di conseguenza emettono luce (energia fotonica) fluorescente in una regione dello spettro superiore, ad una lunghezza d onda (λ) più alta. Infatti, in seguito a questo assorbimento dʹenergia gli elettroni degli orbitali più esterni si spostano da un livello energetico ad uno 1

2 superiore (eccitazione), dove la permanenza al livello superiore è brevissima, dellʹordine dei miliardesimi di secondo, dopo di che gli elettroni tornano al livello energetico originario liberando lʹenergia assorbita sotto forma di radiazioni elettromagnetiche (emissione di fotoni). Poichè la resa energetica non è mai del 100% le radiazioni liberate sono di lunghezza dʹonda superiore, e quindi di energia minore, rispetto a quella dellʹenergia di eccitazione; l emissione è spostata verso la regione del rosso rispetto all eccitazione perché è la zona ad energia più bassa (il livello di energia è inversamente proporzionale alla lunghezza d onda). Fig Ambito spettrale di analisi in citometria a flusso Ogni molecola possiede uno specifico spettro di emissione e le molecole che riescono ad emettere luce in modo particolarmente efficiente una volta eccitate vengono definite fluorocromi. Una delle proprietà fondamentali che caratterizzano un fluorocromo si chiama stokeʹs shift e rappresenta la differenza tra la lunghezza dʹonda della luce emessa e quella della luce assorbita, o, che è la stessa cosa, tra l energia del fotone di eccitazione e quella del fotone di emissione. Questa proprietà è caratteristica per ogni molecola ed è limitata di solito a poche decine di nanometri. 2

3 Quando gli elettroni passano da uno stato energetico superiore ad uno stato energetico inferiore, lʹenergia recuperata può venire emessa sotto forma di radiazione elettromagnetica. Una volta che la molecola ha assorbito la radiazione incidente torna allo stato fondamentale e la dissipazione di energia che ha ricevuto dal quanto può avvenire in due modi: 1. la molecola trasferisce lʹeccesso di energia allʹintorno con un processo non radiativo. Attraverso gli incontri con altre molecole, come di solvente, o attraverso moti che avvengono nei solidi, lʹenergia emessa, sotto forma di calore, permette alle molecole circostanti di compiere vibrazioni, rotazioni e traslazioni; infatti, la molecola può cedere energia che si trasforma in energia cinetica, energia vibrazionale, ecc. ma l effetto è comunque quello di un aumento di energia termica; 2. la molecola, invece, subisce un decadimento radiativo dove lʹenergia in eccesso viene liberata sotto forma di fotoni, dando luogo ad un evento di emissione spontanea che può essere fluorescenza o fosforescenza. Ogni livello elettronico ha dei sottolivelli vibrazionali. Una molecola eccitata si trova in uno degli stati vibrazionali di un livello energetico superiore e, essendo soggetta a collisioni con le molecole circostanti, rilascia parte della sua energia sotto forma non radiativa, scendendo nella scala dei livelli vibrazionali. Il comportamento delle molecole fino a questo punto è indistinto; la prima differenza dipende dalle molecole circostanti: se queste sono in grado di assorbire la restante energia elettronica in eccesso della molecola eccitata, questa completa il suo rilassamento in modo non radiativo tornando allo stato fondamentale e liberando così calore; altrimenti si ha il decadimento radiativo delle molecole eccitate, in cui viene emesso un fotone, che ha però minore energia rispetto a quella del fotone che l ha portata allo stato eccitato, e si hanno così i processi di fluorescenza o di fosforescenza. La fluorescenza è uno dei due processi radiativi con cui si può verificare il rilassamento di una molecola eccitata, lʹaltro è la fosforescenza. 3

4 La distinzione tra i due processi fu originariamente fatta in base al tempo di vita della radiazione: nella fluorescenza la luminescenza cessa quasi subito dopo aver eliminato la radiazione eccitante, infatti i materiali fluorescenti cessano di essere luminosi al cessare dello stimolo che ne determina la luminosità. Mentre nella fosforescenza la radiazione continua ad essere emessa, almeno per un breve lasso di tempo, anche dopo aver eliminato la sorgente eccitante, così nei materiali fosforescenti la luce continua ad essere emessa per un certo periodo dopo la fine dello stimolo. Ora, invece, si possono distinguere i due processi sulla base della natura degli stati elettronici coinvolti nelle transizioni responsabili dellʹemissione di radiazione. Quando un elettrone viene promosso da uno stato fondamentale ad uno di eccitato, esso può mantenere lo spin originario oppure invertirlo (figura 2.2). Se l eccitazione avviene con ritenzione dello spin, si parla di stato di singoletto(s1) e gli spin degli elettroni nello stato eccitato sono appaiati come nello stato fondamentale (S0). Se, invece, il passaggio allo stato attivato avviene con inversione dello spin, si parla di stato di tripletto (T1). Fig. 2.2 Rappresentazione dei differenti stati elettronici, sia allo stato fondamentale (S0) che in seguito ad eccitazione, in cui si può avere lo stato di singoletto (S1) o lo stato di tripletto (T1). Allo stato di singoletto compete una energia più alta e una vita media che va da a 10 9 sec, mentre lo stato di tripletto ha una energia inferiore e una vita media che va da 10 3 a 10 1 sec. 4

5 Nella fluorescenza la radiazione è generata da transizioni tra stati con la stessa molteplicità di spin (es. S1 S0). Nella fosforescenza, invece, la transizione coinvolta comporta variazione della molteplicità di spin, dove il caso più frequente sono transizioni tripletto singoletto (es. T1 S0). Una molecola nello stato fondamentale (S0), a seguito dell assorbimento di luce, viene eccitata a uno dei suoi stati elettronici di singoletto (S1, S2, ); quindi, in un primo momento si genera uno stato di singoletto, dato che le molecole nello stato fondamentale sono quasi tutte dei singoletto. L energia vibrazionale della molecola eccitata viene trasferita a molecole vicine in seguito a collisioni; infatti, vi è sempre un rapido ritorno al più basso livello vibrazionale dello stato di singoletto eccitato, senza emissione di radiazioni. Questo fenomeno si chiama conversione interna e si verifica in tempi dell ordine di secondi. Inoltre, c è la possibilità di un passaggio dallo stato di singoletto (S1) allo stato di tripletto (T1) mediante conversione di sistema o Intersystem Crossing. Questo passaggio è una inversione dello spin dell elettrone che viene determinato dagli urti con altre molecole o da processi intramolecolari. Dallo stato di tripletto per passare allo stato fondamentale la molecola può subire l emissione spontanea di un fotone dando luogo al fenomeno della fosforescenza. L eccitazione segue la legge della conservazione dello spin, cioè le transizioni tra stati a diverse molteplicità sono proibite; pertanto, la transizione di uno stato fondamentale di singoletto (S0) al primo stadio di tripletto eccitato (T1) ha una scarsissima probabilità di avvenire. Il diagramma di Jablonski (figura 2.3) riassume le trasformazioni che si verificano per assorbimento di una radiazione di sufficiente energia in una molecola. 5

6 Fig. 2.3 Diagramma di Jablonski: descrive il fenomeno di eccitazione di un fluorocromo e successiva emissione di fluorescenza. 1. ECCITAZIONE: un fotone di energia hυ viene emesso da una radiazione ed assorbito da un fluoroforo, questo determina la formazione di uno stato eccitato di singoletto (S1 ). 2. STATO TEMPORANEAMENTE ECCITATO: lo stato di eccitazione si mantiene tale per circa 10 9 secondi. Durante questo periodo di tempo, il fluoroforo va incontro a cambiamenti conformazionali grazie ai quali ha la possibilità di interagire con il proprio ambiente molecolare, dando origine al fenomeno di conversione interna o di quencing. Questi processi determinano due importanti conseguenze: per prima cosa, l energia di S 1 viene in parte dissipata, producendo uno stato eccitato di singoletto (S1) dal quale si ha emissione di fluorescenza; secondo, non tutte le molecole inizialmente eccitate dall assorbimento ritornano allo stato fondamentale (S0). 3. EMISSIONE DI FLUORESCENZA: si ha emissione di un fotone con energia hυem ed il fluoroforo ritorna allo stato fondamentale (S0); durante questo processo l energia del fotone hυem è più bassa rispetto al fotone eccitato hυex, e di conseguenza la lunghezza d onda è maggiore. hυem hυex 6

7 L energia di un fotone viene misurata come: E = hυ = hc/λ dove: h = costante di Plank ( J s) c = velocità della luce ( m/s) E = energia di 1 fotone [J = ev] λ = lunghezza dʹonda della radiazione [m] υ = frequenza della radiazione [Hz] 1 ev = 8000 cm 1 e corrisponde a λ= 800 nm Più la λ è alta e più bassa è l energia del fotone. L intensità di fluorescenza è quantitativamente dipendente da una serie di parametri, quali: Legge di Lambert Beer, descrive l assorbimento delle sostanze in soluzione e stabilisce che quando un fascio di luce (mono o policromatica) di intensità I0 attraversa uno strato di spessore l di un mezzo, una parte di esso viene assorbita dal mezzo stesso e una parte ne viene trasmessa con intensità residua IT. Il rapporto tra l intensità della luce incidente e di quella trasmessa con il mezzo attraversato è espresso dalla seguente relazione: dove kλ è detto coefficiente di estinzione ed è una costante caratteristica del mezzo oltre che della lunghezza d onda della luce incidente. Il rapporto tra le intensità viene detto Trasmittanza. 7

8 Efficienza Quantica è espressione della probabilità di conversione dellʹenergia di eccitazione in emissione di fluorescenza: maggiore è il suo valore e maggiore sarà la sensibilità della determinazione. n fotoni emessi/n fotoni assorbiti = IEm/IEx In generale, è il rapporto tra il numero di fotoni emessi, in un processo sensibilizzato sulle radiazioni elettromagnetiche, ed il numero di fotoni assorbiti. E rilevante la precisazione della intensità della radiazione in funzione della frequenza o della lunghezza dʹonda. Un fluorocromo ideale dovrebbe avere una efficienza quantica decisamente più alta nella forma legata che in quella libera, così da ridurre il rumore di fondo dovuto al colorante libero; una simile situazione è riscontrabile per il Bromuro di Etidio e lo Ioduro di Propidio nella forma intercalata e non. Inoltre, i processi non radiativi che competono con la fluorescenza, come la conversione interna, i processi di conversione di sistema e le perdite di intensità (fading), influenzano direttamente l efficienza quantica di fluorescenza. I fenomeni di fading (decadimento) comprendono il quenching (spegnimento) ed il photobleaching (fotodecadimento). Una proprietà unica della fluorescenza sta nella capacità dei fluorocromi, che si trovano ad una certa distanza da altri fluorocromi, di provocare quenching di fluorescenza di questi ultimi. Alcune interazioni elettroniche però possono verificarsi tra due fluorocromi anche quando essi sono così distanti da non poter dare variazioni di spettro; tale disposizione è detta limite dell accoppiamento debole. Definendo donatore il componente che assorbe ad una energia più alta (λ minore) e l altro accettore, quando il donatore viene eccitato perde rapidamente energia per conversione interna fino a che non raggiunge il livello vibrazionale fondamentale del primo stato eccitato elettronico. A questo punto i quencher reagiscono con lo stato eccitato depopolandolo oppure possono reagire con lo stato fondamentale impedendo il raggiungimento dello stato eccitato. 8

9 Il quenching non è sempre un fenomeno negativo (es. molecole dello stesso fluorocromo, Fitc o CarboxyFitc); se l energia di emissione del donatore coincide con l energia di assorbimento dell accettore, l accoppiamento debole permette che avvenga il fenomeno di trasferimento di energia, FRET (Fluorescence Resonance Energy Transfer). Così il donatore è soggetto a fenomeni di quencing, cedendo la sua energia all accettore che diventa eccitato e quindi fluoresce; è quindi necessario che i due fluorocromi appartengano a molecole diverse. La FRET consiste quindi nell interazione fra gli stati eccitati di due molecole di fluorocromo, in cui lʹeccitazione di una molecola donatore è trasferita ad una molecola accettore, senza emissione di fotoni. Questo fenomeno dipende dalla distanza intermolecolare (R), diventando molto evidente a distanze fra donatore e accettore dellʹordine di Å. Le condizioni essenziali perché possa avvenire la FRET sono: a) lo spettro di assorbimento dellʹaccettore deve essere in buona parte sovrapponibile allo spettro di emissione del donatore; la zona di sovrapposizione è chiamata FRET spectral overlap integral (integrale di sovrapposizione) (figura 2.4); Fig. 2.4 FRET: integrale di sovrapposizione tra lo spettro di emissione del donatore e lo spettro di assorbimento dell accettore. b) i dipoli di transizione del donatore e dellʹaccettore devono avere orientamento parallelo. 9

10 Cy 5 Emette PE non Emette Laser 488 nm Fig. 2.5 FRET: esempio di capping di superficie Questa proprietà dei fluorocromi è pertanto estremamente utile quando si vogliano studiare processi biologici che avvengono su distanze comparabili con le dimensioni delle macromolecole biologiche, o che comportino modificazioni delle conformazioni o delle distanze molecolari. Le principali applicazioni della FRET riguardano struttura e conformazione di proteine ed acidi nucleici, interazioni recettore/ligando, sequenziamento del DNA, distribuzione e trasporto di lipidi, fusione di membrane, ecc. Poiché, nella maggior parte delle applicazioni, donatore e accettore sono fluorofori diversi (figura 2.5), come la coppia fluorescein donatore e tetramethylrhodamin accettore (R = 55 Å), la FRET può essere rivelata dalla graduale comparsa della fluorescenza dellʹaccettore e scomparsa di quella del donatore. Nel caso di donatore ed accettore uguali, come fluoresceinfluorescein (R= 44 Å), la FRET viene rivelata dalla conseguente depolarizzazione della fluorescenza. 10

11 Le principali differenze tra il quenching e la FRET sono: QUENCHING fenomeno statico breve distanza intermolecolare, R < 20 Å dipendente da e R forte dipendenza dalla temperatura alterazione dello spettro di assorbimento del fluorocromo FRET fenomeno dinamico grande distanza intermolecolare, R Å dipendente da 1/R 6 non dipende dalla temperatura spettro di assorbimento del fluorocromo invariato Un altro fenomeno capace di influenzare l intensità di fluorescenza emessa è il photobleaching, che consiste nella scomparsa irreversibile della fluorescenza prodotta da un eccessiva intensità della luce di stimolazione. In questo caso l energia in eccesso viene utilizzata da altre molecole per dissociarsi o per attivare reazioni chimiche. Si può dire quindi che l emissione di un fluorocromo e la relativa intensità di fluorescenza dipendono da vari fattori tra cui il ph, la concentrazione, la vicinanza di altre molecole, la fototossicità, il fading, la presenza di particolari ioni, ecc... In figura 2.6 viene mostrata la dipendenza dal ph dell emissione di fluorescenza comparata tra i fluorocromi Oregon Green 488, carboxyfluoresceina e Alexa Fluor 488; le intensità di fluorescenza sono state misurate per uguali concentrazioni dei tre fluorocromi usando uno spettro eccitazione/emissione a 490/520 nm. 11

12 Oregon Green 488 Carboxyfluoresceina Alexa Fluor 488 Fig. 2.6 Comparazione della dipendenza dal ph dell emissione fluorescente dei tre fluorocromi. 12

13 Proprietà dei fluorocromi Virtualmente, ogni molecola può essere considerata un fluorocromo e può emettere una fluorescenza quantificabile se opportunamente eccitata. Anche la stabilità dellʹintensità di fluorescenza del fluorocromo durante lʹirraggiamento è particolarmente importante per lʹaccuratezza della misura citofluorimetrica quantitativa. La brillantezza (B) dell emissione di un fluorocromo dipende da vari fattori e segue la seguente relazione: B = NxExQ Dove: N è il numero di molecole di fluorocromo; E è l estinzione: la probabilità che una mole di fluorocromo riesca effettivamente ad assorbire un fotone incidente; Q è l efficienza quantica: la probabilità che una mole di fluorocromo che abbia assorbito un fotone ne emetta un altro. Le caratteristiche spettrali di un fluorocromo devono essere adeguate allo strumento che si usa. In particolare, maggiore è lʹestinzione (E) maggiore è la possibilità di creare lo stato eccitato; inoltre, se si usano più fluorocromi, i loro spettri di emissione devono essere sufficientemente separati. I fluorocromi devono essere compatibili con la biologia dellʹesperimento e devono: 1. presentare adeguata specificità del legame 2. presentare legame proporzionale al numero di siti da riconoscere 3. devono poter raggiungere il loro bersaglio 4. non devono essere tossici, in particolare i reagenti usati per il cell sorting, e non reattivi in modo da evitare processi di idrolisi, con conseguente rilascio di colorante libero ed aumento del segnale di fondo, nei tempi normalmente previsti per lʹimpiego dei coloranti e lʹesecuzione delle analisi. 13

14 Esistono numerosissimi fluorocromi per differenti applicazioni. Di essi occorre conoscere le lunghezze dʹonda di eccitazione ottimali e le lunghezze dʹonda di massima emissione. In caso di impiego simultaneo di due o più fluorocromi è indispensabile conoscerne i diagrammi spettrali dettagliati, in modo da valutare la loro compatibilità e l eventuale sovrapposizione degli spettri di emissione, che verrà sottratta mediante la procedura di compensazione. Le caratteristiche dello spettro di emissione possono essere sfruttate per analisi multicolour; questo tipo di indagine possiede un campo di applicazione sia in immunofenotipizzazione che in studi di funzionalità cellulare e citogenetica. In generale la fluorescenza si può distinguere in fluorescenza primaria (o spontanea o ancora, autofluorescenza) e secondaria (o indotta), dovuta all introduzione di un fluorocromo nel sistema. Qualsiasi oggetto biologico che viene colpito da luce incidente emette un segnale di fluorescenza misurabile su tutti i canali, anche se di debole intensitaʹ; questo fenomeno è detto autofluorescenza ed interferisce nella misurazione dell intensità di fluorescenza indotta. Generalmente, è prodotta dalla fotoluminescenza di alcuni aminoacidi e quindi dalle proteine che li contengono; in particolare il triptofano e la tiroxina sono i principali responsabili della tipica autofluorescenza di molti tessuti biologici osservati in luce ultravioletta al microscopio a fluorescenza. Lʹintensitaʹ dellʹautofluorescenza cellulare dipende dalla lunghezza dʹonda incidente, dove è massima per λ basse, come gli UV e Blu (Argon 488 nm), e minima per λ alte, come Rosso (He Ne 633 nm); ma, a parità di lunghezza dʹonda incidente, lʹintensitaʹ dellʹautofluorescenza cellulare dipende dal tipo di cellula (figura 2.7): massima per macrofagi alveolari, linee in vitro e granulociti. Alcune condizioni patologiche inoltre aumentano questo fenomeno, come nel caso di blasti leucemici mieloidi, iperbilirubinemia, trattamento con vitamine del gruppo B, emolisi spontanea, alcuni antibiotici e citostatici, che in alcuni casi possono essere considerati veri e propri fluorocromi. 14

15 Infine, lʹattacco aspecifico di anticorpi coniugati e la presenza di fluorocromi liberi in soluzione (fluorescenza aspecifica), ed i fissativi cellulari, come la paraformaldeide e la formaldeide, aumentano anch essi il fenomeno dellʹautofluorescenza PIASTRINE LINFOCITI (LYSE NO WASH) GRANULOCITI (LYSE NO WASH) Fig. 2.7 Autofluorescenza su FL1 (exc 488 nm) di preparati di controllo: sono evidenti le differenze tra i diversi tipi di cellule. La fluorescenza primaria si può ridurre effettuando dei lavaggi, ma eʹ comunque ineliminabile e rappresenta un aspetto negativo di molti approcci citometrici, soprattutto in citometria statica, ma anche, in misura minore, a flusso. E chiaro che si dovrebbe sempre avere un valore del livello di autofluorescenza come termine di paragone di ogni marcatura cellulare, utilizzando un campione non marcato che funge da controllo negativo; questo permette di capire quanto l autofluorescenza incide percentualmente sul valore dellʹintensità di fluorescenza da quantificare, prevedendo così il livello di errore, più o meno elevato, della misura stessa. Le fluorescenze che però interessano maggiormente il campo della citometria sono le cosiddette fluorescenze indotte o secondarie, a cui appartengono tutte le luminescenze. 15

16 Caratterizzazione dei fluorocromi Le attuali indagini, che utilizzano come strumentazione la citometria a flusso, sono sostanzialmente riconducibili a due tipi di tecniche: 1) l utilizzo di un fluorocromo coniugato ad anticorpo (Ab) per la valutazione di antigeni di interesse; 2) l utilizzo di un fluorocromo capace di legarsi agli acidi nucleici (DNA, RNA); 3) l utilizzo di un fluorocromo in grado di valutare la funzionalità cellulare. FLUOROCROMI CONIUGATI AD ANTICORPI La scoperta degli Anticorpi monoclonali (mab), capaci quindi di riconoscere un solo epitopo di uno specifico antigene (Ag), ha introdotto la CF in molti laboratori sia di ricerca che clinici, in particolare per la immunofenotipizzazione leucocitaria. Tra i fluorocromi che vengono coniugati a mab, il primo posto è sicuramente occupato dalla fluorescina isotiocianato (FITC). Esso stabilisce un legame covalente fra il radicale tiocianato ed il gruppo aminico primario che unisce stabilmente il fluorocromo alla struttura proteica. La FITC rappresenta uno dei fluorocromi più stabili, più economici, più facilmente coniugabili ed inoltre, presenta un basso peso molecolare, con conseguente basso rischio di impedimento sterico; presenta però problemi relativi alla stabilità dell emissione fluorescente in presenza di variazioni del ph, nonché il fenomeno del quenching in funzione del numero di molecole adese per mab. La sua stabilità permette di effettuare procedure di lavaggio importanti per eliminare le molecole FITC non legate che sono comunque fluorescenti, in modo da poter effettuare corrette analisi quantitative. L eccitazione avviene con la sorgente 488 nm del laser ad Argon, lo spettro di assorbimento è massimo intorno a 490 nm e l emissione è nel verde con massimo a nm. Un altra famiglia importante è quella delle rodamine a cui appartengono la sulforodamina 101 (SR101), con assorbimento massimo intorno a 596 ed emissione a 16

17 620nm, e la tetrametilrodamina isotiocianato (TRITC), con assorbimento massimo intorno a 550 nm ed emissione a 570nm. In particolare SR101 viene impiegata insieme a DAPI, con la singola eccitazione in UV, dove si è notato un miglioramento del CV del DNA rispetto alla misura effettuata con solo DAPI. Recentemente sono stati sviluppati alcuni derivati cumarinici fra cui la 7 amino cumarina (AMCA) ed il derivato maleimide DACM, caratteristici per le loro proprietà spettrofluorimetriche: ovvero dal grande assorbimento nell ultravioletto (UV). In particolare lʹamca viene utilizzata nel campo della ibridazione in situ in fluorescenza dove grazie alla sua efficacia e grande brillantezza, permette di rilevare marcature anche deboli. Il DACM invece ha grande affinità per i gruppi sulfidrilici SH (anziché per i gruppi aminici), ed è stato utilizzato prevalentemente per marcature citochimiche, come di proteine solforate, quali il glutatione, nelle applicazioni legate al suo ruolo verso i radicali liberi, ma anche per la determinazione della frazione proteica associata al nucleo caratterizzata da una più elevata componente proteica solforata. Un altro gruppo rappresentativo è quello dei derivati phyco, molecole di origine naturale, con proprietà molto interessanti per lʹapplicazione in fluorimetria ed in immunofluorescenza. Sono composti chiamati ʺphycobiliproteinsʺ, vengono estratti da alcune specie di alghe rosse e da alcuni batteri (in particolare dai cianobatteri) caratterizzati da un alta capacità di trasformare energia luminosa in metabolica. Hanno quindi un elevato Coefficiente di Estinzione ed elevata Efficienza Quantica (Rapporto tra Energia emessa/energia Incidente, rapporto fra i fotoni emessi e quelli assorbiti), elemento molto importante per una buona fluorescenza. I tre fluorocromi commerciali sono: ficoeritrina B (B PE), ficoeritrina R (R PE) e alloficocianina (APC). Come tutte le clorofille, le ficobiliproteine sono caratterizzate da un elevato peso molecolare, derivante dalla struttura organica molto complessa; inoltre, presentano spettri di assorbimento che vanno oltre 450 nm: I coniugati R PE hanno il picco di assorbimento intorno a 490 nm, idonei per essere 17

18 eccitati con laser ad Argon (488 nm); Il B PE, ha il massimo di eccitazione verso il verde, intorno a 530 nm, e si eccita quindi meglio in questa regione spettrale; L APC ha eccitazione spostata nella zona rossa dello spettro, con massimo intorno a 650 nm. PROBES ECCITAZIONE (nm) EMISSIONE (nm) FITC PE APC PerCP Cascade Blue Coumerin phalloidin Texas ReD Tetramethylrhodamine amines Cy3 (indotrimethinecyanines) Cy5 (indopentamethinecyanines) Cy7 (cyanine7) Come già detto più sopra la peculiarità di questi fluorocromi è quella di essere particolarmente efficienti in termini di emissione di fluorescenza; si vede quindi che la capacità di questi fluorocromi di assorbire luce è molto elevata rispetto alla FITC. Tuttavia lʹelevato peso molecolare limita notevolmente la coniugazione del fluorocromo allʹanticorpo da marcare e quindi fa si che si possano ottenere solo coniugati a basso valore di F/P (rapporto Fluorocromo/Proteina), mentre nel caso di FITC questo valore è sempre superiore a 1. Inoltre la reattività chimica, fa si che il procedimento di coniugazione (ad esempio ad anticorpi monoclonali) non sia così semplice e perfettamente riproducibile, come quello di FITC. 18

19 Rientrano in questo gruppo anche la famiglia delle cianine ed i fluorocromi tandem. Le cianine sono fluorocromi di sintesi concepiti per simulare le caratteristiche e soprattutto i vantaggi delle ficobiliproteine naturali. Costituiscono una serie, anchʹessa costituita da nomi commerciali es. Cy da 2 a 7 e sono caratterizzate da: un elevato assorbimento di luce specifico unitamente ad una buona efficienza quantica; spettri di assorbimento emissione più stretti delle molecole parentali naturali, ciò per poter offrire una migliore selettività delle emissioni e un minor riassorbimento reciproco quando vengono utilizzate in analisi multiparametrica (minor spillover di assorbimento); un elevata fotostabilità, non tanto per le applicazioni emergenti in citometria a flusso, ma sicuramente per quelle in FISH, per cui sono state quasi appositamente sviluppate, e lʹottima idrosolubilità. Purtroppo questi fattori sono mitigati dal costo elevato. I fluorocromi tandem sono generalmente costituiti da due molecole con proprietà fotofisiche complementari, atte a sfruttare il principio del trasferimento di energia dallʹuna (donatore) allʹaltra (accettore) (FRET), comportandosi come un unico fluorocromo. Si tratta dell unione covalente di due diversi fluorocromi in cui lo spettro di emissione del donatore corrisponde alla regione di eccitazione dell accettore. Generalmente vi è un fluorocromo PE che funge da donatore verso un accettore a cui è accoppiato; infatti la prima molecola tandem prodotta era composta da due ficobiliproteine, PE/APC, dove PE emette intorno a 570 nm, regione di eccitazione di APC, e si diseccita in modo non radiativo, trasferendo direttamente l energia all APC che viene conseguentemente eccitata. Questa coppia di fluorocromi non è stata mai commercializzata perché l APC era rieccitabile dal secondo laser, ma lo stesso principio è stato utilizzato per la sintesi di nuovi tandem, come PE/Texas Red, PE/Cy5 e PE/Cy7. Quest ultimo, recentemente prodotto, è più vantaggioso di PE/Cy5 (figura 2.8) perché non richiede compensazione con PE e può essere utilizzato nei sistemi dual laser senza problemi di compensazione interlaser, dato che assorbe attorno a 700 nm e non viene 19

20 eccitato dal laser secondario. Fig. 2.8 Principio dei fluorocromi Tandem PE: 1. PE viene eccitato da laser a 488nm ed attiva Cy5 per Energy Transfer (FRET); 2. Cy5 emette per FRET a 650nm, ma non emette se eccitata a 488nm; 3. PE teoricamente non emette luce se tutta la sua energia viene impiegata in FRET. Un problema dei fluorocromi tandem è la possibile rottura del legame covalente e perdita del secondo fluorocromo, con produzione di un segnale inappropriato da parte della PE residua. Inoltre, la Cy5 tende a legarsi selettivamente a particolari subset cellulari, come monociti, sottopopolazioni di B linfociti e a cellule morte. Il peridinin clorophylla protein (PerCP) è un tandem naturale in cui l energia viene trasferita dai cromofori della peridinina, un pigmento carotenoide, ai cromofori della clorofilla. Questa caratteristica conferisce al fluorocromo un elevato shift di Stoke, con un vasto spettro di eccitazione, tra 430 e 550 nm, ed un picco di emissione a 675 nm; però presenta una certa fotosensibilità, che ne limita l uso con potenze luminose elevate. 20

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com

Manuale sull illuminazione UV www.dohse-terraristik.com Manuale sull illuminazione UV La corretta illuminazione dei terrari è importante per il benessere degli animali da terrario e per il successo dell allevamento. In ciò rivestono particolare importanza determinate

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85

O 6 - GLI SPECCHI. Fig. 85 O 6 - GLI SPECCHI Quando un fascio di luce (radiazione ottica) incide sulla superficie di separazione fra due materiali diversi, possono avvenire tre cose, generalmente tutte e tre allo stesso tempo, in

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione

Fig. 2 - Spiegazione della rifrazione. Fig. 1 - La rifrazione O1 - LA RIFRAZIONE La luce, si sa, viaggia in linea retta. Detto così, sembra ovvio. Ma Prima di tutto, cos è la luce? In secondo luogo, come viaggia? In terzo luogo, proprio sempre in linea retta? Vediamo.

Dettagli