74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali"

Transcript

1 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in ocazione finanziaria con obbigo di acquisto, da un Gruppo europeo di interesse economico (GEIE) o da una società per azioni o a responsabiità imitata per e quai sia stata esercitata opzione prevista da art. 115, co. 4, de predetto testo unico, ad un impresa che i destini a esercizio dea propria attività abituae, si rinvia ae indicazioni riportate nee «novità aa discipina de reddito d impresa» con riferimento ai commi 218 e 219, de art. 2, L. 24 dicembre 2007, n ATTENZIONE: si ricorda che efficacia dea predetta disposizione è subordinata, ai sensi de art. 88, paragrafo 3, de Trattato istitutivo dea Comunità europea, a autorizzazione dea Commissione europea e può essere fruita escusivamente in reazione a costo sostenuto successivamente aa data dea decisione di autorizzazione dea Commissione europea; a fruizione di aiuti ritenuti iegittimi daa CE, determina i recupero dee somme presso i beneficiario. Ne rigo RF22, coonna 2, vanno indicate e quote di ammortamento finanziario dei beni gratuitamente devovibii imputate a conto economico, per a parte che eccede importo deducibie ai sensi de art. 104, D.P.R. 917/1986. Ne rigo RF22, coonna 3, va indicato ammontare degi ammortamenti indeducibii, comprensivo degi importi indicati nee coonne 1 e 2. RIGO RF23: Variazioni ex att. 118 e 123 Ne rigo RF23, vanno evidenziate e variazioni in aumento connesse aa partecipazione aa tassazione di gruppo di cui agi artt. da 117 a 129, D.P.R. 917/1986 [CFF Ë ]; in particoare vanno indicati gi importi corrispondenti: aa rettifica degi ammortamenti civiistici effettuati daa cessionaria per importo corrispondente aa differenza tra a quota di ammortamento cacoata su vaore di ibro e quea cacoata su vaore fiscamente riconosciuto in capo a cedente dei beni trasferiti in regime di neutraità di cui a art. 123, D.P.R. 917/1986 (coonna 1); aa variazione in aumento pari aa differenza residua tra i vaore di ibro e i vaore fiscae dei beni acquisiti in regime di neutraità e successivamente ceduti a di fuori di tae regime (coonna 2); ae somme versate in contropartita dei vantaggi fiscai ricevuti per effetto de esercizio de opzione per i consoidato ai sensi de art. 118, co. 4, D.P.R. 917/1986 (coonna 3); per e somme percepite in contropartita dei vantaggi fiscai attribuiti per effetto de opzione occorre operare una corrispondente variazione in diminuzione da indicare ne rigo RF54. È da tener presente che in caso di interruzione totae dea tassazione di gruppo prima de compimento de triennio di cui a'art. 124 e 126, co. 2, D.P.R. 917/1986 e de'art. 13, D.M , a società o ente già consoidante deve porre in essere e variazioni in aumento e in diminuzione de proprio reddito ai sensi de'art. 124, co. 1, D.P.R. 917/1986. In ta caso, ne rigo RF23, coonna 4, va indicata a corrispondente variazione in aumento, mentre a variazione in diminuzione va indicata ne rigo RF54. Negi stessi righi si devono indicare e somme percepite o versate di cui a'art. 124, co. 6, D.P.R. 917/1986. RIGO RF24: Spese reative a più esercizi non deducibii in tutto o in parte (art. 108) o di competenza di atri esercizi (art. 109, co. 4) Ne rigo RF24, coonna 2, va indicato importo: Unico 2009 Società di capitai ed enti commerciai

2 75 dee spese di rappresentanza indeducibii, di cui a art. 108, co. 2, secondo periodo, de Tuir, come modificato da comma 33, ett. p), de art. 1 dea L. 244/2007; tae importo va indicato anche in coonna 1; si ricorda che ai sensi de suddetto co. 2 de art. 108, tai spese non sono deducibii ne periodo d imposta di sostenimento se non rispondenti ai requisiti di inerenza e congruità stabiiti con decreto de Ministro de economia e dee finanze de Ai sensi de art. 1, co. 3, de predetto decreto, per e imprese di nuova costituzione e spese di rappresentanza sostenute nei periodi d imposta anteriori a queo in cui sono conseguiti i primi ricavi, possono essere portate in deduzione da reddito deo stesso periodo e di queo successivo; in ta caso riportare importo dee suddette spese non deducibii ne presente periodo d imposta ne rigo RS145; dea spesa che a società o ente ha sostenuto ne interesse dei soci per a perizia giurata di stima, di cui a art. 2, comma 2, de D.L , n. 282, come prorogato da utimo da art. 11-quaterdecies, comma 4, de D.L. 203/2005, rievante ai fini dea rideterminazione dei vaori di acquisto dee partecipazioni non negoziate in mercati regoamentati. Ne rigo RF24 va indicata anaoga variazione da parte dei soggetti con periodo d'imposta in corso a 1 gennaio 2008, che appicano e disposizioni di cui a'art. 2, co. 2, D.L. 282/2002, a seguito de'art. 1, co. 191, L , n In tae rigo vanno, atresì, indicate e spese non capitaizzabii per effetto dei principi contabii internazionai, deducibii in quote costanti ne esercizio in cui sono state sostenute e nei quattro successivi ai sensi de art. 108, comma 3, secondo periodo, D.P.R. 917/1986. Le quote dee suddette spese deducibii ne esercizio vanno indicate ne rigo RF43. RIGO RF25: Spese di manutenzione, riparazione, ammodernamento e trasformazione eccedenti a quota deducibie (art. 102, co. 6) Va riportato ammontare dee spese di manutenzione, riparazione, ammodernamento e trasformazione per a quota eccedente i 5% determinata a norma de art. 102, co. 6. La quota di deducibiità de 5% è determinata (quaora e spese sopracitate non siano state imputate ad incremento de costo dei beni ai quai si riferiscono) su costo compessivo di tutti i beni materiai ammortizzabii risutanti a inizio de esercizio da ibro dei cespiti ammortizzabii, incrementato de costo dei beni acquistati ne anno, rapportato a periodo di possesso, diminuito de costo dei beni ceduti, rapportato a periodo di non possesso. L eccedenza da riportare in dichiarazione come variazione in aumento, è deducibie in quote costanti nei 5 esercizi successivi. Le quote imputabii a reddito oggetto di dichiarazione vanno indicate a rigo RF54, indicando i codice 6 ne'apposito campo. I costi eccedenti a quota ammessa in deduzione vanno iscritti separatamente ne registro beni ammortizzabii a seconda de anno di formazione (art. 16, D.P.R. 600/1973 [CFF Ë 6316]). N.B.: per i cacoo de 5%, bisogna tener conto dee percentuai di deducibiità e dei imiti a costo di acquisizione posti da art. 164, D.P.R. 917/1986 [CFF Ë 5264]. Per determinate categorie di attività tae imite viene eevato a: 11% se trattasi di imprese siderurgiche; 25% se trattasi di imprese esercenti attività di autotrasporto per conto terzi iscritte a reativo abo; 25% se trattasi di imprese esercenti attività di scuoa guida; 25% se trattasi di imprese esercenti attività di noeggio di autoveicoi; 25% se trattasi di concessioni di autoservizi di autoinea. Unico 2009 Società di capitai ed enti commerciai

3 76 RIGO RF26: Svautazioni e accantonamenti non deducibii in tutto o in parte (artt. 105 e 106) Ne rigo RF26, coonna 1, va indicato importo degi accantonamenti di quiescenza e previdenza imputato a conto economico eccedente a quota deducibie ai sensi de art. 105, D.P.R. 917/1986. In coonna 2, va indicata eccedenza dee svautazioni dei crediti e degi accantonamenti per rischi su crediti imputati a conto economico rispetto a importo deducibie ai sensi de art. 106, D.P.R. 917/1986; per gi enti creditizi e finanziari e per e imprese di assicurazione, e svautazioni sono deducibii ne imite deo 0,30 per cento de vaore dei crediti risutanti in biancio. Si precisa che per i soggetti IAS, i predetto imite non si appica ae differenze emergenti daa prima iscrizione dei crediti ivi previsti. I soggetti cui si appica i comma 3 de citato articoo 106 possono, tuttavia, assoggettare anche e predette differenze di prima iscrizione ai imiti ivi indicati. In coonna 3, va indicato importo degi atri accantonamenti imputati a conto economico non deducibii in tutto o in parte ai sensi de art. 107, D.P.R. 917/1986, nonché a somma degi importi evidenziati nee coonne 1 e 2. RIGO RF27: Variazione riserva sinistri (art. 111, co. 3) Va indicato importo dea variazione dea riserva sinistri reativa a contratti di assicurazione dei rami danni che eccede queo deducibie ne periodo d imposta, in base a art. 111, co. 3, D.P.R. 917/1986. Si ricorda che a variazione dea riserva sinistri è deducibie ne esercizio in misura pari a 47,5% de importo iscritto in biancio. RIGO RF28: Spese ed atri componenti negativi eccedenti a quota deducibie ai sensi de art. 109, co. 5 e 6 Ne rigo RF28, va indicato importo dee spese e degi atri componenti negativi imputati a conto economico, diversi dagi interessi passivi, tranne gi oneri fiscai, contributivi e di utiità sociae, per a parte indeducibie ai sensi de art. 109, commi 5 e 6, D.P.R. 917/1986. Con specifico riferimento a art. 109, comma 5, secondo periodo, si ricorda che e spese e gi atri componenti negativi riferibii indistintamente ad attività o beni produttivi di proventi computabii, o non computabii in quanto escusi, e ad attività o beni produttivi di proventi non computabii, in quanto esenti, nea determinazione de reddito, sono deducibii per a parte corrispondente a ammontare dei ricavi e atri proventi che concorrono a formare i reddito d impresa o che non vi concorrono in quanto escusi e ammontare compessivo di tutti i ricavi e proventi e che, ai fini de appicazione di detto secondo periodo, non rievano e pusvaenze di cui a art. 87, D.P.R. 917/1986. RIGO RF29: Differenze su cambi (art. 110, co. 3) Ne rigo RF29, vanno indicate e perdite su cambi imputate a conto economico derivanti daa vautazione dei crediti e dei debiti, anche sotto forma di obbigazioni, in vauta estera secondo i cambio aa data di chiusura de esercizio, quaora i rischio di cambio non sia coperto da contratti di copertura anche essi vautati in modo coerente secondo i cambio di chiusura de esercizio (v. art. 110, co. 3, D.P.R. 917/1986, come modificato da art. 11, comma 1, ett. e), D.Lgs. 38/2005); i disaineamento tra i vaore civie e queo fiscae dei crediti e debiti in vauta va evidenziato ne quadro RV. In tae rigo va atresì indicata, a atto de reaizzo, i maggior utie o a minor perdita derivante daa divergenza tra i vaore civie e queo fiscae. RIGO RF30: Spese ed atri componenti negativi per operazioni con soggetti residenti in Stati o territori con regimi fiscai priviegiati (art. 110, co. 10, D.P.R. 917/ 1986) Unico 2009 Società di capitai ed enti commerciai

4 82 imputato a Conto economico. Trattasi di crediti d imposta: su proventi da partecipazione a fondi comuni di investimento immobiiare chiusi; su proventi da partecipazione a O.I.C.V.M. RIGO RF50: Reddito esente e detassato Va riportato, in coonna 3: ammontare de reddito esente ai fini Ires, per i quae deve essere compiato i prospetto dee agevoazioni territoriai e settoriai (cooperative agricoe, dea piccoa pesca e di produzione e avoro) posto ne quadro RS; 80% de reddito derivante da utiizzazione di navi iscritte ne registro internazionae istituito ai sensi de D.L. 457/1997, convertito daa L. 30/ 1998, e de reddito prodotto dae imprese armatoriai che esercitano a pesca otre gi stretti o che esercitano, a bordo di navi da crociera, e attività commerciai compementari, accessorie o comunque reative aa prestazione principae, anche se esercitate da terzi in base a rapporti contrattuai con armatore. Per i redditi derivanti da attività di escursione comunque reaizzata, agevoazione si appica soo nei confronti de armatore; i 64%, pari a'80% de 80%, de reddito dee imprese che esercitano a pesca costiera o a pesca nee acque interne e agunari, e i 56%, pari a 70% de'80%, de reddito dee imprese che esercitano a pesca mediterranea; 'ammontare de reddito esente di cui a rigo RF108 per effetto de'art. 1, commi da 1088 a 1092, L , n. 296 (Finanziaria 2007). Tae ammontare, come determinato ne prospetto di cui a quadro RS, va indicato in coonna 1; a quota di reddito dee piccoe e medie imprese destinata ad investimenti ambientai, come definiti da art. 6, co. 15, dea L. 388/2000, corrispondente a eccedenza rispetto aa media degi investimenti ambientai reaizzati nei due periodi d imposta precedenti. Tae quota va evidenziata in coonna 2; a quota di utii dichiarati dae imprese di produzione e di distribuzione cinematografica, con periodo d'imposta in corso a' , impiegati nea produzione o nea distribuzione di fim di cui a'art. 2, co. 2, 4, 5 e 6, D.Lgs , n. 28; a quota di utii ne imite de 30%, dichiarati, per periodo d'imposta in corso a' , dae imprese itaiane operanti in settori diversi da queo cinematografico, e quai, da soe o per mezzo di accordi con società di produzione o di distribuzione cinematografica, i impiegano nea produzione o nea distribuzione dei fim di cui a'art. 2, co. 2, 4 e 5, D.Lgs , n. 28, riconosciuti di nazionaità itaiana ai sensi de'art. 5 de citato decreto egisativo. Le disposizioni appicative sono dettate con decreto de Ministro per i beni e e attività cuturai, di concerto con i Ministro de economia e dee finanze, sentito i Ministro deo sviuppo economico. ATTENZIONE Si ricorda che efficacia dee utime agevoazioni è subordinata, ai sensi de articoo 88, paragrafo 3, de Trattato istitutivo dea Comunità europea, a autorizzazione dea Commissione europea e possono essere fruite escusivamente in reazione a costo sostenuto successivamente aa data dea decisione di autorizzazione dea Commissione europea; a fruizione di aiuti ritenuti iegittimi daa CE, determina i recupero dee somme presso i beneficiario. Unico 2009 Società di capitai ed enti commerciai

5 84 e a consistenza compessiva de medesimo fondo risutante aa fine de esercizio precedente a erogazione dee prestazioni; codice 5, e somme distribuite da trust; codice 6, e quote dee eccedenze pregresse riferibii ae spese di cui a rigo RF25; codice 7, per e cooperative ediizie a proprietà indivisa, un importo pari aa rendita catastae di ciascuna unità immobiiare adibita ad abitazione principae dei soci assegnatari e dee reative pertinenze; codice 8, ammontare dei ricavi de attività propria dee società agricoe di cui a art. 2, D.Lgs. 29 marzo 2004, n. 99 e dee società di persone costituite da imprenditori agricoi che esercitano escusivamente e attività dirette aa manipoazione, conservazione, trasformazione, commerciaizzazione e vaorizzazione di prodotti agricoi ceduti dai soci che adottano, rispettivamente, i regimi di cui a art. 1, commi 1093 e 1094, L. 296/ 2006; codice 99, e atre variazioni in diminuzione non espressamente eencate ne quadro, tra e quai, a titoo meramente esempificativo: a remunerazione spettante in base ai contratti di cui a art. 109, co. 9, ett. b), contabiizzata per competenza, non ancora percepita; e pusvaenze iscritte sui beni patrimoniai e irrievanti fiscamente per a parte eccedente e minusvaenze dedotte. I beni patrimoniai di cui a art. 86 che risutano iscritti in biancio a vaori superiori a quei riconosciuti ai fini dee imposte sui redditi, vanno indicati ne quadro RV; e minusvaenze, e sopravvenienze e e perdite determinate ai sensi de art. 101, D.P.R. 917/1986, non imputate a conto economico ovvero imputate in misura inferiore, tenendo conto in ta caso dea differenza; ai sensi de comma 2-bis de predetto art. 101 de Tuir (introdotto da comma 58, art. 1 dea L. 244/2007) in deroga a comma 2, per i soggetti che redigono i biancio in base ai principi contabii internazionai, a vautazione dei beni indicati ne art. 85, comma 1, ettere c), d) ed e), che si considerano immobiizzazioni finanziarie ai sensi de art. 85, comma 3-bis, rieva secondo e disposizioni de art. 110, comma 1-bis; importo deducibie ne presente periodo d imposta in reazione ai marchi e a avviamento per cooro che redigono i biancio in base ai principi contabii internazionai, di cui a regoamento (CE) n. 1606/ 2002 de Paramento europeo e de Consigio, de 19 ugio 2002, in aternativa a regime de imposizione sostitutiva prevista da co. 33 de art. 1 dea L , n. 244; a deduzione forfetaria prevista da art. 21, L. 23 dicembre 1998, n. 448, come prorogata da art. 1, co. 393, L. 27 dicembre 2006, n. 296, riconosciuta, per i periodo d imposta in corso aa data de 31 dicembre 2007, agi esercenti impianti di distribuzione di carburanti per uso di autotrazione. In base a detta disposizione, i reddito di tai soggetti è ridotto, a titoo di deduzione forfetaria, de importo derivante da appicazione dee percentuai ivi indicate ai ricavi di cui a art. 85, co. 1, ett. a), D.P.R. 917/1986, costituiti sotanto da quei reativi a attività di cessione di carburante, con escusione, quindi, dei ricavi derivanti da atre attività, anche accessorie, esercitate (quai, ad esempio, gestioni di bar, officina e atre prestazioni di servizi); gi avanzi di gestione de CONAI e dei consorzi di imbaaggio, de Consorzio obbigatorio batterie a piombo esauste e rifiuti piombosi (COBAT) e de Consorzio nazionae di raccota degi oi e dei grassi vegetai ed animai esausti, se accantonati nee riserve costituenti i oro patrimonio netto, a condizione che sia rispettato i divieto di di- Unico 2009 Società di capitai ed enti commerciai

6 83 RIGO RF51: Differenze su cambi (art. 110, co. 3) Ne rigo RF51 vanno indicati gi utii su cambi imputati a conto economico derivanti daa vautazione dei crediti e dei debiti, anche sotto forma di obbigazioni, in vauta estera secondo i cambio aa data di chiusura de esercizio, quaora i rischio di cambio non sia coperto da contratti di copertura anche essi vautati in modo coerente secondo i cambio di chiusura de esercizio (v. art. 110, comma 3, D.P.R. 917/1986, come modificato da art. 11, comma 1, ett. e, de D.Lgs. 38/2005); i disaineamento tra i vaore civie e queo fiscae dei crediti e debiti in vauta va evidenziato ne quadro RV. In tae rigo va atresì indicato, a atto de reaizzo, i minor utie o a maggior perdita derivante daa divergenza tra i vaore civie e queo fiscae. RIGO RF52:Spese ed atri componenti negativi per operazioni con soggetti residenti in Stati o territori con regimi fiscai priviegiati (art. 110, co. 11) Ne rigo RF52 vanno indicate e spese e gi atri componenti negativi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti e imprese domiciiate fiscamente in Stati o territori extra-comunitari con regime fiscae priviegiato per e quai, per effetto dea escusione di cui a art. 110, co. 11, D.P.R. 917/1986 [CFF Ë 5210] non opera indeducibiità prevista dai commi 10 e 12- bis de medesimo articoo. RIGO RF53:Prima appicazione IAS/IFRS Ne rigo RF53, coonna 2, va indicato ammontare compessivo di tutti i componenti negativi imputati direttamente a patrimonio, in sede di appicazione dei principi contabii internazionai. In coonna 1, vanno evidenziati i componenti imputati a patrimonio derivanti da cambiamento de criterio di vautazione dei beni fungibii, già ricompresi in coonna 2. RIGO RF54: Atre variazioni in diminuzione Ne rigo RF54, vanno indicate e variazioni in diminuzione diverse da quee espressamente eencate. Ogni voce è identificata da un codice, da indicare ne campo immediatamente precedente queo che accogie importo. In particoare, vanno indicati con i: codice 1, i dividendi imputati per competenza a conto economico de periodo di imposta oggetto dea presente dichiarazione non ancora percepiti; codice 2, per i titoari di concessioni di cotivazione di idrocarburi nee quai sono presenti giacimenti marginai, uteriore quota percentuae degi investimenti, otre a quea de oro ammortamento, ammessa in deduzione ai sensi de art. 5, D.Lgs. 164/2000; codice 3, importo forfetario di euro 59,65 a giorno, eevate a euro 95,80 per e trasferte a estero, a netto dee spese di viaggio e di trasporto, che e imprese autorizzate a autotrasporto di merci possono dedurre in uogo dea deduzione, anche anaitica, dee spese sostenute in reazione ae trasferte effettuate da proprio dipendente fuori de territorio comunae. Quaora impresa sia una società cooperativa autorizzata a autotrasporto che non fruisce dea deduzione de importo suindicato, né dea deduzione anaitica dee spese sostenute, in reazione ae trasferte effettuate dai soci fuori de territorio comunae, i suddetto importo è deducibie ai fini dea determinazione de reddito dei soci; codice 4, importo dee quote di accantonamento annuae a TFR destinate a forme pensionistiche, deducibie ai sensi de art. 105, co. 3, D.P.R. 917/1986, nonché e somme erogate agi iscritti ai fondi di previdenza de personae dipendente, nea misura percentuae corrispondente a rapporto tra a parte de fondo pensione interno assoggettata a tassazione Unico 2009 Società di capitai ed enti commerciai

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 12 06.05.2014 Riporto delle perdite fiscali Disciplina Ires Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico Società di capitali Ai fini Ires

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (A) Regime fiscale applicabile agli iscritti a partire dal 1 gennaio 2007ed ai contributi versati dal 1 gennaio 2007dai lavoratori già iscritti 1. I Contributi 1.1 Il regime

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni

Riapertura dei termini per la rideterminazione del valore delle partecipazioni Tratto da: Collana Dichiarazioni fiscali 2009 - Unico Società di persone, a cura di G. Cremona, P. Monarca, N. Tarantino Aspetti generali NOVITÀ Sezione I Imposta sostitutiva 20% Da quest anno, in seguito

Dettagli

Documento Sul Regime Fiscale

Documento Sul Regime Fiscale 2015 Documento Sul Regime Fiscale Il presente documento illustra sinteticamente il regime fiscale in vigore a decorrere dall 1 gennaio 2007, alla luce delle disposizioni dell Agenzia delle Entrate (Circolare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

QUADRO RS - Prospetti vari

QUADRO RS - Prospetti vari QUADRO - Prospetti vari Il presente quadro rappresenta un completamento del quadro RF; esso raggruppa, infatti, una serie di prospetti che risultano complementari ai dati relativi al reddito in esso indicati.

Dettagli

Roma, 22 ottobre 2001

Roma, 22 ottobre 2001 RISOLUZIONE N. 163/E Roma, 22 ottobre 2001 OGGETTO: Istanza di interpello n..2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dal Signor in ordine all assoggettabilità all imposta

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini

Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione allegato

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti

OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti CIRCOLARE N. 50/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 novembre 2011 OGGETTO: Eventi sismici del 6 aprile 2009 Ulteriori chiarimenti La presente circolare intende fornire alcuni chiarimenti in ordine

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI. Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE EDILI ED AFFINI Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 136 Documento sul regime fiscale del Fondo Pensione (allegato

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008

NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 NOTIZIARIO FISCALE N. 1 DEL 14 GENNAIO 2008 PARTE I PESCA E ACQUACOLTURA Legge Finanziaria per il 2008 (L. 24 dicembre 2007 n. 244, pubblicata nel Supplemento Ordinario n. 285 della G.U. 28 dicembre 2007,

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

AXA progetto pensione più

AXA progetto pensione più AXA progetto pensione più PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO FONDO PENSIONE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE allegato alla nota informativa edizione 2015 AXA Assicurazioni S.p.A. AXA progetto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto Legislativo 10 aprile 1998, n. 137 DISPOSIZIONI CORRETTIVE DEL DECRETO LEGISLATIVO 15 DICEMBRE 1997, n. 446, CONCERNENTE L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITA' PRODUTTIVE, LA REVISIONE

Dettagli

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN

Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN Stampa Modello UNICO SOCIETA DI CAPITALI: modalità di compilazione del quadro TN admin in Quadro normativo - L art. 115, co. 1, del D.P.R. 917/1986 é relativo all opzione per il regime della trasparenza

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER PREVICOOPER FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE NAZIONALE A CAPITALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE COOPERATIVA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DEL FONDO PENSIONE PREVICOOPER Approvato

Dettagli

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012

Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Focus di pratica professionale di Francesco Facchini Il prospetto degli interessi passivi in Unico SC 2012 Nel modello Unico Società di Capitali 2012 devono essere indicati i dati relativi al calcolo degli

Dettagli

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008

Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare. Bergamo, 24 Novembre 2008 Allegato alla nota informativa. La fiscalità della previdenza complementare " La fiscalità della nuova previdenza complementare" INTRODUZIONE La legge di riforma della previdenza complementare (D.Lgs.252/2005

Dettagli

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Circolare N.47 del 29 Marzo 2012 Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Convegno IL MODELLO COOPERATIVISTICO: QUALI OPPORTUNITÀ PER I PROFESSIONISTI? *** PECULIARITÀ DEL SISTEMA FISCALE NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE

Convegno IL MODELLO COOPERATIVISTICO: QUALI OPPORTUNITÀ PER I PROFESSIONISTI? *** PECULIARITÀ DEL SISTEMA FISCALE NELLE SOCIETÀ COOPERATIVE Convegno IL MODELLO COOPERATIVISTICO: QUALI OPPORTUNITÀ PER I PROFESSIONISTI? Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Cagliari Cagliari, 24 aprile 2015 *** PECULIARITÀ DEL SISTEMA

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Iscrizione N: T000629 Il Presidente della Sezione regionale del Piemonte dell'albo Nazionale Gestori Ambientali J Abo Nazionae Gestori Ambientai SE ZIONE REGIONALE DEL PIEMONTE a presso a Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricotura di TORINO Iscrizione N: T000629 I Presidente dea Sezione regionae de Piemonte

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF

NOTA INFORMATIVA N. 2/2013. Legge di stabilità 2013 (L. 24/12/2012 n. 228) Parte Prima // Principali disposizioni in materia fiscale - IRES ed IRPEF Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA

Dettagli

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate

direttamente, tramite i servizi telematici dell Agenzia delle Entrate Chi deve presentare la dichiarazione La soggettività passiva all IRAP non è circoscritta unicamente ai soggetti che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo ma anche agli enti non commerciali

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato al 1 gennaio 2015) 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in regime di contribuzione definita, sono

Dettagli

Documento sul regime fiscale

Documento sul regime fiscale Fondo Scuola Espero FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 145 Documento sul regime fiscale (depositato presso la Covip

Dettagli

---- ~4/e --- -- _... --- . ",., l Entrate per la realizzazione di programmi e progetti nazionali ed internazionali. ---l.- -t -

---- ~4/e --- -- _... --- . ,., l Entrate per la realizzazione di programmi e progetti nazionali ed internazionali. ---l.- -t - . ",., Agenzia per 'Itaia Digitae ---- D VALORE DELLA PRODUZIONE Parziai, Totai ---.- 1 Anno 2012 Parziai, Totai 0.06 Entrate di tributi 0.07 Proventi e corrispettivi per a produzione dee prestazioni e/o

Dettagli

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014

La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società. Roma, 18 marzo 2014 La dichiarazione Unico 2014 per gli enti e le società Roma, 18 marzo 2014 La start-up innovativa Decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (legge 17 dicembre 2012, n. 221, artt. 25-32) Favorire la nascita,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO UNIPOL INSIEME DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti in

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE BYBLOS FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELLE AZIENDE ESERCENTI L INDUSTRIA DELLA CARTA E DEL CARTONE, DELLE AZIENDE GRAFICHE

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati

Unico 2012. di Giorgio Gavelli. Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Unico 2012 di Giorgio Gavelli Studio Sirri-Gavelli-Zavatta & Associati Le novità del modello Unico 2012 Il frontespizio Dichiarazione integrativa Inserita casella «Dichiarazione integrativa (art. 2, comma

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) ARCO FONDO NAZIONALE PENSIONE FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DEL LEGNO, SUGHERO, MOBILE ARREDAMENTO, BOSCHIVI/FORESTALI, LATERIZI E MANUFATTI IN CEMENTO, LAPIDEI, MANIGLIE

Dettagli

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE

MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE aprile MODELLO UNICO 2013 SOCIETÀ DI PERSONE Principali novità A cura di Roberta Braga Dottore commercialista in Mantova. Indice 1. Premessa 2. Novità in tema di reddito di impresa e/o di lavoro autonomo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI. 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE - FONDO PENSIONE DIRIGENTI COOPERATIVE DI CONSUMATORI 1. FASE DEI VERSAMENTI: Regime fiscale dei contributi Contributi versati dal 1 gennaio 2007 I contributi versati a fondi

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007

SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 SOCIETA NON OPERATIVE DOPO LE NOVITA DELLA FINANZIARIA 2007 La legge Finanziaria 2007 è nuovamente intervenuta sulla disciplina delle società non operative, già oggetto di modifiche da parte del Decreto

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA BANCA POPOLARE DI ANCONA E DELLE SOCIETA CONTROLLATE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015)

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Aggiornato al 23 febbraio 2015) Il presente documento integra il contenuto della Nota informativa per l adesione al fondo pensione aperto a contribuzione definita PENSPLAN

Dettagli

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013

La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 SEGRETERIA PROVINCIALE - TORINO La disciplina delle società di comodo in Unico 2013 A cura di Riccardo Perinetto DAL 2012 ESISTONO DUE TIPOLOGIE DI SOCIETA DI COMODO SOCIETA NON OPERATIVE (problemi ricavi)

Dettagli

Spese di rappresentanza

Spese di rappresentanza Spese di rappresentanza LE NUOVE REGOLE PER LA DEDUCIBILITA Trattamento fiscale fino al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2007 La normativa previgente non forniva una definizione di spese di rappresentanza

Dettagli

-- -1. n. l istanza. nel termine di scadenza previsto dal bando, è pervenuta CONCESSIONE PER POSTEGGIO AL MERCATO COPERTO DI P MARZOLI.

-- -1. n. l istanza. nel termine di scadenza previsto dal bando, è pervenuta CONCESSIONE PER POSTEGGIO AL MERCATO COPERTO DI P MARZOLI. { CONCESSONE PER POSTEGGO AL MERCATO COPERTO D P MARZOL. L'anno duemiaquindici (20L5) addì...-...( ) de resid enza comunae di Bernada, con a presente scrittura privata da vaere ad ogni effetto di egge

Dettagli

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC

LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC INFORMATIVA N. 081 25 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE NOVITÀ DEL MOD. UNICO 2013 SC Istruzioni mod. UNICO 2013 SC Nel mod. UNICO 2013 SC sono presenti alcune novità connesse con l operatività di una serie

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA

FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE APERTO AVIVA FONDO PENSIONE ISTITUITO IN FORMA DI PATRIMONIO SEPARATO DA AVIVA S.P.A. (ART. 12 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE fondo pensione aperto aviva Fondo Pensione Istituito in Forma di Patrimonio Separato da AVIVA S.p.A. (Art. 12 del Decreto Legislativo 5 Dicembre 2005, n. 252) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE

Dettagli

Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte

Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte Focus di pratica professionale di Sandro Cerato e Michele Bana Quadro RF: analisi delle principali variazioni in aumento II parte I contribuenti Ires, determinato il reddito d impresa del periodo d imposta

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO PENSIONE APERTO SOLUZIONE PREVIDENTE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il Fondo Pensione Aperto Soluzione Previdente è iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 155. Helvetia Vita S.p.A. Compagnia

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI CIGO, CIGS, CdS, Fondi biaterai Roberto Benagia - Giugno 2015 Lavoratori beneficiari Operai, impiegati, quadri + apprendisti in professionaizzante per Cigo e Cigs crisi aziendae

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Fisco Pratico 2005 IRES 5 I R E S. Imposta sul reddito delle società. Disposizioni generali. (Artt. 72 e 73)

Fisco Pratico 2005 IRES 5 I R E S. Imposta sul reddito delle società. Disposizioni generali. (Artt. 72 e 73) Fisco Pratico 2005 IRES 5 I R E S Imposta sul reddito delle società Disposizioni generali (Artt. 72 e 73) Presupposto dell Ires L'Ires si applica sui redditi in denaro o in natura di qualsiasi categoria

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI

AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI AMMORTAMENTI (COMPRESI ONERI PLURIENNALI) LEASING INTERESSI PASSIVI 1 L AMMORTAMENTO (NOZIONE GIURIDICA) il costo delle immobilizzazioni, materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo

Dettagli

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni

PREVIMODA. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 117. Sezioni Previmoda Fondo Pensione a capitalizzazione per i lavoratori dell industria tessile-abbigliamento, delle calzature e degli altri settori industriali del sistema moda. Documento PREVIMODA FONDO PENSIONE

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE.

CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. Lavori Pubbici Urbanistica Ecoogia e Ambiente Ediizia Privata Moniga de Garda, ì 28/09/2015 CONCESSIONE DELLA COLTIVAZIONE DI ORTI SOCIALI SU APPEZZAMENTO DI TERRENO COMUNALE. IL RESPONSABILE DELL'AREA

Dettagli

Roma, 6 dicembre 2011

Roma, 6 dicembre 2011 CIRCOLARE N.53/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 dicembre 2011 OGGETTO: Chiarimenti in tema di trattamento fiscale delle perdite d impresa ai sensi del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, convertito

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Titoli non costituenti immobilizzazioni (Attivo Circolante) Art. 94 c. 3 DPR 917/86 I titoli vanno raggruppati in categorie omogenee per natura, intendendo della stessa

Dettagli

RISOLUZIONE N.129/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Disciplina applicabile all utilizzo e riporto delle perdite articoli 83 e 84 del TUIR

RISOLUZIONE N.129/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Disciplina applicabile all utilizzo e riporto delle perdite articoli 83 e 84 del TUIR RISOLUZIONE N.129/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica - Disciplina applicabile all utilizzo e riporto delle perdite articoli 83 e 84 del TUIR Con la consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli