Analisi citofluorimetrica dei leucociti residui negli emocomponenti leucodepleti: requisiti tecnici per l'ottimizzazione della metodica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi citofluorimetrica dei leucociti residui negli emocomponenti leucodepleti: requisiti tecnici per l'ottimizzazione della metodica"

Transcript

1 Analisi citofluorimetrica dei leucociti residui negli emocomponenti leucodepleti: requisiti tecnici per l'ottimizzazione della metodica Bruno Brando, Barbara Scarpati, Claudia Fazi, Valeria Cantarelli, Luca Santoleri, Domenico Angeloro, Moreno Bauli, Mauro Casiraghi, Colombo Cattalani, Giovanni Inghilleri, Francesco Mercuriali Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale SIMT, Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda-Ca'Granda, Milano Responsabile dello studio: Dott. Bruno Brando Universal leucoreduction is now mandatory in many countries. The wide application of leucoreduction now requires the use of validated and robust low-level leucocyte counting (LLLC) assays. Microbead-based flow cytometric counting methods have proved to be more sensitive, accurate and linear than any other conventional assay, but a number of technical issues which are critical for residual WBC (rwbc) counting are still under testing. Methods. LLLC by single-platform, microbeadbased flow cytometry requires a clearcut positive identification of the very rare rwbc events. This can be best accomplished by a propidium iodide staining buffer containing RNAse and detergent. Instrument cleaning is crucial, and every effort should be made to avoid the undesired acquisition of non-specific Stray Events in the rwbc window. Since leucoreduced products may show a virtual zero rwbc count, the customary acquisition of 100 positive events cannot be usually obtained. A substitute criterion is therefore the acquisition of at least 15 or 20 µl of raw blood product, which can be obtained by monitoring the number of counting beads. The acceptance of cell fragments into the count window is guided by their relative size, as estimated by the rationing between the main rwbc DNA mode and the cell fragment fluorescence intensity. The inclusion of the Time parameter allows the control of the fluidic status throughout the cell run. This method can be safely used as an universal procedure on every existing flow cytometer. With the usage of such guidelines this method can be credited of an interlaboratory CV around 14% at about 3 rwbc/µl, using stabilized leucoreduced blood produced by NIBSC. Results and conclusions. The application of strict but easy to follow laboratory guidelines allows the Ricevuto: 20 giugno Accettato: 31 luglio 2002 Corrispondenza: Dott. Bruno Brando Servizio Immunoematologia e Medicina Trasfusionale - SIMT Ospedale Niguarda-Ca'Granda Piazza Ospedale Maggiore Milano precise and accurate detection of rwbc down to the critical range around 0 to 3 rwbc/µl. Parole Chiave: leucodeplezione, leucociti residui, citometria, conta assoluta, emocomponenti Key Words: leucoreduction, residual leucocytes, flow cytometry, absolute count, blood product Introduzione In un recente workshop internazionale tenutosi ad Anversa (Belgio) a cura del consorzio olandese Sanquin 1 si è evidenziata con chiarezza la superiorità in termini di sensibilità, accuratezza e riproducibilità dei metodi citofluorimetrici nel conteggio dei leucociti residui (rwbc) negli emocomponenti leucodepleti 2. In particolare, tra i cinque diversi metodi valutati, i sistemi di identificazione e conteggio dei rwbc impieganti fluorescenza nucleare con Ioduro di Propidio e conta assoluta in singola piattaforma con microsfere mostravano le migliori prestazioni. A partire da queste premesse abbiamo cercato di chiarire i principali fattori di variabilità tecnici e strumentali della metodologia citometrica di identificazione dei rwbc, per renderne universale l'applicabilità e ottimizzarne i punti più critici. La crescente domanda di procedure di controllo della leucodeplezione degli emocomponenti richiede infatti l'applicazione estensiva di metodi di conteggio affidabili, riproducibili e soprattutto economici 3. La procedura da noi sviluppata permette la misura accurata di valori di rwbc estremamente bassi, fino al virtuale "zero citometrico", e l'efficace discrimine tra valori di 0, 2 e 4 rwbc/µl, cioè nel range più critico dal punto di vista decisionale, in tutti i tipi di emocomponenti e su tutti i tipi di piattaforme citometriche. LA TRASFUSIONE DEL SANGUE vol num. 3 maggio-giugno 2002 ( ) 389

2 B Brando et al. Metodi La colorazione del DNA nucleare leucocitario si ottiene con un tampone citrato ipotonico, contenente Propidio Ioduro a bassa concentrazione, RNAsi bovina e tensioattivi. Il medium va filtrato con filtri da 0,22 µm e si mantiene stabile per 6 settimane a 4 C in vetro scuro. Per l'uso, 50 o 100 µl di campione vengono aggiunti a 250 o 500 µl di medium, con pipettamento inverso di precisione 4. Uno stesso volume di microsfere di conteggio ben risospese (Beckman Coulter, Miami, FL, USA) viene aggiunto con analoghe modalità. Come controllo positivo si utilizzano i leucociti presenti in 5µL di un qualsiasi plasma spontaneamente sedimentato in µl di medium, con o senza l'aggiunta di microsfere. Come controllo negativo si impiega il solo medium. Piattaforme citometriche utilizzate: FACSCalibur (BD Biosciences, San José, CA, USA), EPICS XL-ADC (Beckman-Coulter), PARTEC PAS (Partec GmbH, Muenster, Germania). Indipendentemente dalla piattaforma utilizzata, la configurazione strumentale era così concepita: Acquisizione di FL1 Log, FL2 Log e Tempo; Soglia su FL2 (Propidio Ioduro) con valore impostato attorno a Unità; Amplificazione FL2 in modo da ottenere il cluster dei rwbc a 100 Unità; Amplificazione FL1 in modo da ottenere il cluster dei rwbc a 5-10 Unità; Diagramma Tempo verso FL2, con finestra di cattura delle singolette di microsfere (Figura 1). Standard biologici di riferimento costituiti da sangue umano leucodepleto stabilizzato a livello di circa 4 rwbc/µl (Lotto 01/436) sono stati ottenuti dal National Institute for Biological Standards and Controls NIBSC (Potters Bar, UK, Valutazioni esterne di qualità (VEQ) sono state eseguite con l'adesione al programma pilota "Low-Level Leucocyte Count LLLC" di UK-NEQAS (www.ukneqas.org.uk). Risultati 1- Il Problema degli Eventi Aspecifici (Stray Events) In ogni analisi di emocomponenti leucodepleti si riscontra una disturbante popolazione di eventi aspecifici di fondo (stray events). Questi eventi sono generati da materiale corpuscolato proveniente, nell'ordine, da campione, medium e fluidica strumentale. Una quota minoritaria è di provenienza elettronica od ottica. Gli stray events sono ineliminabili, ma possono essere minimizzati dall' accurata pulizia dello strumento e dalla filtrazione del medium. È essenziale verificare che la finestra di acquisizione dei rwbc sia comunque priva di stray events durante almeno due minuti di corsa del preparato di controllo. La natura aspecifica e casuale degli stray events è testimoniata dal loro pattern "a ipotenusa" nel diagramma FL1 vs FL2. Gli eventi rilevanti (rwbc) sono invece polarizzati lungo l'asse verticale (Figura 2) e sono ben discriminabili dagli stray events. Allo stesso modo, le microsfere Flow-Count presentano un forte segnale di fluorescenza sia su FL1 che su FL2 e sono sempre perfettamente distinguibili sia dai rwbc che dagli stray events. 2- Configurazione della Finestra di Acquisizione Negli emocomponenti si possono ritrovare rwbc sostanzialmente integri e/o frammenti cellulari di varie dimensioni, in funzione dell'età del campione, della modalità di preparazione e della tempistica di filtrazione rispetto al prelievo. Il medium permeabilizzante qui impiegato non distingue tra cellule vive o morte, ma colora il DNA cellulare in modo stechiometrico. Impostato su 100 Unità, il picco di fluorescenza del DNA relativo ai rwbc integri, un frammento cellulare pari al 50% di una cellula integra, genera un segnale di fluorescenza di 50 Unità. Al disotto di tale valore, non è più possibile attribuire univocamente un evento citometrico ad un singolo rwbc (eventi "cometa"). Si è quindi convenuto in modo conservativo di accettare nella finestra di acquisizione solo gli eventi con contenuto di DNA nucleare dal 50% del normale in su. 3- Configurazione del Protocollo di Analisi e Quantificazione del Campione Analizzato Viene configurato un diagramma FL1 vs FL2 senza gate, contenente la finestra di acquisizione dei rwbc. Viene, quindi, impostato un diagramma Tempo vs FL2, contenente la finestra di cattura delle singolette di microsfere (BEADS). Un terzo display a istogrammi su FL2, filtrato da un gate logico "rwbc OR BEADS" permette di raffigurare contemporaneamente i rwbc accettati e le singolette di microsfere (vedi figura 1). Il display "Tempo" è di fondamentale importanza perché permette di monitorare la regolarità dell'acquisizione, lunga anche 4 5 minuti, mentre il numero di microsfere accumulato rende conto della quantità di campione effettivamente processato. Il numero di microsfere aggiunto ad ogni microlitro di campione è sempre attorno a 1.000, per cui l'acquisizione di sferette sottende il processamento di circa 1 µl del campione originario. L'acquisizione dei rwbc segue la statistica degli eventi ultra-rari, che vengono caratteristicamente in clusters. Il coefficiente di variazione longitudinale incomprimibile della misura, per valori di rwbc attorno 390

3 Analisi citometrica della leucodeplezione Figura 1 - Schermata di Acquisizione / Analisi con esempio di calcolo del livello assoluto di rwbc Figura 2 - Rappresentazione degli eventi aspecifici di fondo (Stray Events). Soglia su FL2 volutamente abbassata per mostrare l entità e la morfologia degli stray events ed il loro discrimine con la finestra di acquisizione dei rwbc e le microsfere 391

4 B Brando et al. Figura 3 - Valutazione multicentrica del metodo di conteggio con preparati stabilizzati (NIBSC 01/436). Otto repliche per centro in due giorni successivi. Eccellente riproducibilità del metodo attorno al valore di 4 rwbc/µl ai 3/µL e acquisizione di 20µL di campione, è circa del 12%. 4- Validazione Multicentrica del Sistema con Preparati Stabilizzati NIBSC Il NIBSC è una istituzione della Organizzazione Mondiale della Sanità che ha recentemente sviluppato preparati leucodepleti stabilizzati, utilizzabili come standard biologici di riferimento. L'uso di questi prodotti consente analisi multicentriche per la validazione delle metodologie di conteggio. La figura 3 mostra i risultati di un trial collaborativo europeo tra 7 centri utilizzanti il nostro sistema. Otto diverse repliche in due tornate analitiche sono state effettuate in modo cieco con tre lotti di NIBSC 01/436. Il CV interlaboratorio è = 14% su un valore di rwbc atteso di 3,9/µL. Lo stesso campione, analizzato con il sistema commerciale ProCOUNT secondo quanto raccomandato dal fabbricante, dava un CV interlaboratorio del 30,7% (dati non mostrati). Discussione La tecnologia di identificazione e conteggio assoluto dei rwbc negli emocomponenti leucodepleti basata su citofluorimetria, colorazione nucleare con Propidio Ioduro e microsfere è oggi in grado di enumerare con grande affidabilità valori estremamente bassi di rwbc. Questo ha importanti conseguenze pratiche, poiché l'attuale limite di accettabilità di un emocomponente leucodepleto (< 1 milione rwbc/sacca) richiede la massima precisione e accuratezza di conteggio tra 2 e 4 rwbc/µl nel campione originario. Il conteggio in camera di Nageotte in ormai diversi studi controllati si è dimostrato del tutto inadeguato prestazionalmente in questo ambito di valori e va pertanto definitivamente abbandonato 1. Curiosamente, il limite di sicurezza ad 1 milione rwbc/sacca è stato deciso sulla base di conteggi in camera di Nageotte. Oggi sappiamo che, con gli scadenti limiti di confidenza di questo metodo, un valore medio di 3 rwbc/µl in camera di conta può significare indifferentemente da 0 a 20 rwbc/µl, con le immaginabili conseguenze biologiche e cliniche. Abbiamo sviluppato una metodologia di conteggio di applicabilità universale a tutte le piattaforme citometriche oggi in circolazione, di grande affidabilità ed economia e validata da uno studio collaborativo multinazionale. I prerequisiti di tale metodologia richiedono una particolare attenzione ad alcuni fattori tecnici di cruciale importanza, di seguito elencati. 1) L'estrema pulizia della parte fluidica dello strumento, non sempre facile da ottenere per ragioni strutturali in tutti i tipi di piattaforme. 2) L'uso di un medium a bassa concentrazione di propidio, estensivamente filtrato per minimizzare gli stray events. 3) Il dimensionamento della finestra di acquisizione in modo 392

5 Analisi citometrica della leucodeplezione da accettare gli eventi cellulari ancora riconducibili ad almeno il 50% dell'originario materiale nucleare. 4) L'uso del parametro "Tempo" che permette di rigettare con sicurezza eventuali conteggi alterati da occasionali irregolarità fluidiche. 5) La valutazione della quantità di campione processato calcolata sulla base del numero di microsfere acquisite (ad esesmpio, microsfere = 1 µl di campione) e l'acquisizione di non meno di 15 µl di campione originario. Quest'ultimo punto merita una precisazione. Nell'analisi citometrica degli eventi rari o ultrarari è raccomandata l'acquisizione di almeno 100 eventi "positivi" per rendere il conteggio sufficientemente rappresentativo e statisticamente robusto 4. Con le attuali efficienti metodologie di leucodeplezione viene spesso ottenuta una condizione di virtuale livello "zero rwbc/µl". Questo significa che anche passando al citometro tutto l'emocomponente non si potrebbero in teoria mai raccogliere i necessari "100 eventi positivi". Ne consegue la necessità di una differente strategia di acquisizione, che preveda il processamento di una quota prefissata e rappresentativa di campione, stimata attorno a 15 µl. Le microsfere di conta assoluta svolgono qui un triplice ruolo (conteggio, controllo della regolarità della corsa, stima della quantità di campione processato). Poiché per ragioni statistiche gli eventi ultra-rari si presentano irregolarmente e a piccoli gruppi, il CV longitudinale della misura, in media attorno al 12%, risulta tanto maggiore quanto più basso è il volume di campione acquisito. È soprattutto sulla base di questo dato che abbiamo stabilito a 15 µl il minimo volume necessario per una conta di sufficiente accuratezza. La disponibilità di preparati stabilizzati di riferimento (NIBSC) permette un efficace controllo interno della intera procedura, mentre l'adesione a programmi di VEQ (UK NEQAS) mette il laboratorio trasfusionale impegnato nel controllo qualitativo della leucodeplezione in una posizione di eccellenza e di assoluta affidabilità nel delicato campo della conta dei rwbc negli emocomponenti. Riassunto Premessa. L' identificazione e il conteggio citometrico (FCM) dei leucociti residui (rwbc) negli emocomponenti leucodepleti rientrano nel capitolo dell'analisi degli eventi rari. Tipicamente, si vanno a contare cellule nel range di 0 5/µL nelle condizioni più restrittive per la qualità delle sacche leucodeplete. Nessuno dei metodi convenzionali non-fcm si è dimostrato sufficientemente sensibile, preciso e accurato in questo ambito di valori. I requisiti della metodologia FCM di conta dei rwbc, basata su fluorescenza nucleare con Propidio Ioduro e conta assoluta con microsfere in singola piattaforma, sono stati studiati e validati, con lo scopo di standardizzare e ottimizzare la procedura di conteggio. Metodi. Campioni di concentrati eritrocitari e di concentrati piastrinici leucodepleti ( µl) sono marcati con Propidio Ioduro in un tampone ipotonico contenente tensioattivi e RNAsi. Un uguale volume di microsfere di conteggio Flow-Count (Beckman-Coulter) viene aggiunto al momento della lettura. L'analisi viene eseguita con uno stesso tipo di protocollo indifferentemente su FACSCalibur (Becton-Dickinson) o EpicsXL (Beckman-Coulter). Controllo positivo: 5 µl di buffy-coat spontaneamente sedimentato. Controllo negativo: solo medium. Risultati. 1) Necessità di operare in condizioni di massima pulizia fluidica per ottenere l'acquisizione di Zero rwbc' nel controllo negativo. Un passaggio di detergente per sec. è necessario prima di ciascuna analisi. 2) Ottimizzazione del discrimine tra il segnale dei rwbc e degli eventi indesiderati, ottenibile con un diagramma FL1/FL2. 3) Inclusione del parametro Tempo' per monitorare la regolarità dell'analisi, che può durare fino a 4-5 minuti. 4) Valutazione della quantità di campione iniziale processato in base al numero di microsfere acquisite (1.000 microsfere = circa 1 µl di campione iniziale) e acquisizione di almeno 15 µl di campione. 5) Misura del CV intrinseco longitudinale (ottimalmente <15%). Discussione. Questa metodologia riesce a definire con elevatissima affidabilità le condizioni di Zero rwbc (frequenti nei preparati piastrinici) e a discriminare emoderivati con 2 rwbc/µl da preparati con 4 rwbc/µl, permettendo quindi un'accurata valutazione prestazionale di filtri e sistemi di leucodeplezione nel range di valori più critici dal punto di vista decisionale. Bibliografia 1) PF van der Meer, JW Gratama, CJ van Delden et al. for the Dutch Working Party "Universal Leukoreduction Leukocyte Counting": Comparison of five platforms for enumeration of residual leucocytes in leucoreduced blood components.br J Haematol, 115, 953, ) Mandy F, Brando B: Enumeration of absolute cell counts using immunophenotypic techniques. In: Robinson JP, Darzynkiewicz Z, Dean PN, Dressler LG, Rabinovitch PS, Stewart CC, Tanke HJ, Wheeless LL (Eds), Current Protocols in Cytometry, Supplement 13 edition, p , John Wiley & Sons, New York, ) Masse M: Universal leukoreduction of cellular and plasma components: process control and performance of the leukoreduction process.transfus Clin Biol, 8, 297, ) Brando B, Barnett D, Janossy G et al.: Cytofluorometric methods for assessing absolute numbers of cell subsets in blood. Cytometry, 42, 327,

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT E COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI TECNICO-SANITARIE E DELLA RIABILITAZIONE Tesi di Master

Dettagli

Filtri in linea per leucoriduzione

Filtri in linea per leucoriduzione Filtri in linea per leucoriduzione Leucoflex LST Filtro in linea per sangue intero Filtro morbido costituto da strati di polipropilene La filtrazione del sangue intero può essere effettuata a temperatura

Dettagli

Requisiti Autorizzativi per le Strutture Trasfusionali: il nuovo percorso

Requisiti Autorizzativi per le Strutture Trasfusionali: il nuovo percorso Requisiti Autorizzativi per le Strutture Trasfusionali: il nuovo percorso I piani della qualità e la programmazione della raccolta dati in funzione dell'analisi e delle valutazioni/riesami Luciana Labanca,

Dettagli

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento.

S. Morabito - A. Benassi. Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l'accreditamento. ISO 7218:2007 Microbiology of food and animal feeding stuffs-general requirements and guidance for microbiological examinations. Implicazioni per il laboratorio e per la conduzione degli audit S. Morabito

Dettagli

La sicurezza del sangue e degli emoderivati

La sicurezza del sangue e degli emoderivati La sicurezza del sangue e degli emoderivati Vincenzo de Angelis Coordinamento Regionale del Sistema Trasfusionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia 1 QUALITY SYSTEM IN THE CLINICAL USE OF BLOOD GUIDE

Dettagli

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011

3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana 3 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma, 23-25 Novembre 2011 ILARIA CIABATTI Verification of analytical methods

Dettagli

METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DELLA FLORA TOTALE NEL LATTE CRUDO: CONSIDERAZIONI E CRITERI DI VALIDAZIONE

METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DELLA FLORA TOTALE NEL LATTE CRUDO: CONSIDERAZIONI E CRITERI DI VALIDAZIONE METODI ALTERNATIVI PER LA VALUTAZIONE DELLA FLORA TOTALE NEL LATTE CRUDO: CONSIDERAZIONI E CRITERI DI VALIDAZIONE Anna Maria Ferrini LNR per il latte e i prodotti a base di latte riunione tecnica a chiusura

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO

APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO APPLICAZIONI DELLA CITOFLUORIMETRIA QUALCHE ESEMPIO STUDIO DEL SISTEMA IMMUNITARIO Una delle maggiori applicazioni della citofluorimetria e rappresentata dall analisi (e sorting) delle diverse popolazioni

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE

ISTRUZIONE OPERATIVA CAMPIONAMENTO DEGLI EMOCOMPONENTI PER I CONTROLLI DI QUALITA REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE, RESPONSABILE I.O., VERIFICA, APPROVAZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE EMISSIONE Claudia Ferocino TSLB; Dott.ssa Francesca Tanzi Responsabile Accreditamento Servizio Immunoematologia e Dott.ssa

Dettagli

You can visualize the free space percentage in Compact Flash memory from the MENU/INFO C.F. UTILITY-FREE SPACE page.

You can visualize the free space percentage in Compact Flash memory from the MENU/INFO C.F. UTILITY-FREE SPACE page. This release introduces some new features: -TUNE PITCH -FREE SPACE -TUNER -DRUMKIT EDITOR From the PARAM MIDI page, it is possible to modify the "TUNE PITCH" parameter, which allows you to tune up the

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 028 Controlli Qualità

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 028 Controlli Qualità 1 1 2 1 SCOPO Scopo della presente Procedura è fornire indicazioni circa le modalità di esecuzione e gestione del Controllo di Qualità (C.Q.) interno ed esterno nell area di Validazione Biologica. 2 CAMPO

Dettagli

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal

Portale Materiali Grafiche Tamburini. Grafiche Tamburini Materials Portal Portale Materiali Grafiche Tamburini Documentazione utente italiano pag. 2 Grafiche Tamburini Materials Portal English user guide page 6 pag. 1 Introduzione Il Portale Materiali è il Sistema Web di Grafiche

Dettagli

La sanità virtuale mette il paziente al centro dell attenzione

La sanità virtuale mette il paziente al centro dell attenzione La sanità virtuale mette il paziente al centro dell attenzione L Azienda Sanitaria dell Alto Adige (ASDAA) ha ideato un modello organizzativo e gestionale innovativo nel campo della cura dei pazienti oncologici.

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI CITOMETRIA A FLUSSO. ESCCA Italy SUMMER SCHOOL. ESCCA Italy SCHOOL CORSO RESIDENZIALE URBINO 16-20 NOVEMBRE 2015.

CORSO TEORICO-PRATICO DI CITOMETRIA A FLUSSO. ESCCA Italy SUMMER SCHOOL. ESCCA Italy SCHOOL CORSO RESIDENZIALE URBINO 16-20 NOVEMBRE 2015. ESCCA Italy ESCCA Italy SUMMER SCHOOL SCHOOL ESCCA Italy SUMMER SCHOOL CORSO RESIDENZIALE CORSO TEORICO-PRATICO DI CITOMETRIA A FLUSSO URBINO 16-20 NOVEMBRE 2015 UNIVERSITA DI URBINO Programma Preliminare

Dettagli

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto

STATO DI AGGIORNAMENTO. Rev. Pag. Tipo di modifica data visto DI. Unità emittente SGQ Unità destinataria DIR TAL IMM UdR CQB SGQ BSCS SGA LAB CRIO CAR X X X X X X X X X X X REDATTO Dott. P.A. Accardo 25/10/2013 REVISIONATO Dott.ssa M. Ferraro APPROVATO Dott. F. Buscemi

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

rappresentazione alchemica

rappresentazione alchemica La moderna diagnostica esige una impostazione sistematica del monitoraggio della qualità del dato di laboratorio, una impostazione che deve avere caratteristiche di razionalità, di globalità, di integrazione.

Dettagli

UNI CEI EN 17025:2005 Assicurazione di Qualità: I Circuiti Interlaboratorio

UNI CEI EN 17025:2005 Assicurazione di Qualità: I Circuiti Interlaboratorio agenzia regionale prevenzione e ambiente dell emilia-romagna WORKSHOP CIRCUITI DI QUALITA NELLE ATIVITA ANALITCHE DELL AMIANTO: I RISULTATI E LE CRITICITA. ACCORDO STATO REGIONI 7 MAGGIO 2015 UNI CEI EN

Dettagli

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica

5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica 5 Convegno Rete Ematologica Pediatrica EMOCOMPONENTI: PRODUZIONE E LAVORAZIONI Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale A.O.U. San Luigi Gonzaga-Orbassano EMOCOMPONENTI Emazie concentrate

Dettagli

La qualità vista dal monitor

La qualità vista dal monitor La qualità vista dal monitor F. Paolo Alesi - V Corso di aggiornamento sui farmaci - Qualità e competenza Roma, 4 ottobre 2012 Monitoraggio La supervisione dell'andamento di uno studio clinico per garantire

Dettagli

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII

DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII DM 2 novembre 2015 Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti Allegati V, VI, VII, VIII Giancarlo Maria Liumbruno Direttore Centro Nazionale Sangue Istituto

Dettagli

Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD. Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna

Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD. Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna Congresso Nazionale Congiunto SIMMESN e SIMGePeD Malattie genetico-metaboliche tra tecnologia e assistenza 27-29 Ottobre 2011, Bologna Controllo Qualità L'analisi è un procedimento metrologico che ha lo

Dettagli

Simposio Educazionale Aspetti Normativi in Citometria a Flusso

Simposio Educazionale Aspetti Normativi in Citometria a Flusso Simposio Educazionale Aspetti Normativi in Citometria a Flusso Procedure per il Controllo di Qualità e la Standardizzazione in Citometria Clinica M. Valentini Laboratorio di Patologia Clinica AO San Salvatore

Dettagli

La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica

La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica La ricerca del Sangue Occulto nello Screening del CCR e nella Pratica Clinica Protocollo regionale ed esperienze a confronto Baggiovara (MO), 26/11/2010 PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL CONTROLLO DI QUALITÀ

Dettagli

Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità. Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B

Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità. Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B Procedure operative in sala prelievi: Informatizzazione e Sistema Qualità Giancarlo Carbone U.O.C. Medicina Trasfusionale ASL Roma B Aspetti normativi LEGGE SANGUE 219 DEL 21-10-2005 (nuova disciplina

Dettagli

WHITE PAPER CITOMETRIA

WHITE PAPER CITOMETRIA SYSMEX OTTOBRE 214 WHITE PAPER CITOMETRIA Citometria a flusso per l analisi della ploidia e delle dimensioni del genoma nelle piante e in altri organismi Introduzione: Fin dagli inizi, la citometria a

Dettagli

Il controllo statistico di processo

Il controllo statistico di processo Il controllo statistico di processo Torino, 02 ottobre 2012 Relatrice: Monica Lanzoni QUALITÀ DI DI UN UN PRODOTTO: l'adeguatezza del del medesimo all'uso per per il il quale quale è stato stato realizzato

Dettagli

AFLA-V FOGLIO D ISTRUZIONI

AFLA-V FOGLIO D ISTRUZIONI AFLA-V FOGLIO D ISTRUZIONI CULTIVIAMO IL SUCCESSO MEDIANTE LA SCIENZA Nel settore della sicurezza alimentare,vicam è da più di 20 anni il primo fornitore di tecnologie innovative e di test rapidi per la

Dettagli

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 1 IMPIEGO PREVISTO Per uso diagnostico in vitro Il Kit CELLSEARCH Circulating Tumor Cell Control è stato formulato per essere utilizzato come controllo

Dettagli

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo

Sezione 1 / Section 1. Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Sezione 1 / Section 1 2 Elementi d identità: il marchio Elements of identity: the logo Elements of identity: the logo Indice 2.01 Elementi d identità 2.02 Versioni declinabili 2.03 Versioni A e A1, a colori

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle

5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle 5.9. Assicurazione qualità dei risultati Il laboratorio deve avere procedure di controllo qualità per monitorare la validità delle prove e o delle tarature eseguite. I dati risultanti devono essere registrati

Dettagli

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI A LLEGATO V RACCOLTA, PREPARAZIONE, CONSERVAZIONE E STANDARD DI QUALITÀ DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI PARTE A A.1 Modalità per la raccolta del sangue intero e degli emocomponenti raccolti mediante aferesi

Dettagli

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4

Metodi: CEN/TC275/WG6/TAG4 Determinazione di HAV e Norovirus in molluschi bivalvi mediante Real time PCR Elisabetta Suffredini Istituto Superiore di Sanità Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare Ancona

Dettagli

Proliferazione cellulare: CFSE staining

Proliferazione cellulare: CFSE staining Proliferazione cellulare: CFSE staining La CFSE (Carboxyfluorescein Succinimidyl ester) e una molecola fluorescente lipofilica, in grado di diffondere liberamente attraverso la membrana cellulare. All

Dettagli

ALTRI PROGRAMMI EQA UKNEQAS DI COMPETENZA DEL LABORATORIO TRASFUSIONALE: Raggiungere e Mantenere l Eccellenza

ALTRI PROGRAMMI EQA UKNEQAS DI COMPETENZA DEL LABORATORIO TRASFUSIONALE: Raggiungere e Mantenere l Eccellenza Azienda Ospedaliera Ospedale Civile di Legnano Incontro con i Centri Trasfusionali della Regione Marche Ancona, 27 Maggio 2010 ALTRI PROGRAMMI EQA UKNEQAS DI COMPETENZA DEL LABORATORIO TRASFUSIONALE: Raggiungere

Dettagli

the creative point of view www.geomaticscube.com

the creative point of view www.geomaticscube.com the creative point of view www.geomaticscube.com side B THE CREATIVE approach 03 Another point of view 04/05 Welcome to the unbelievable world 06/07 Interact easily with complexity 08/09 Create brand-new

Dettagli

IL CITOFLUORIMETRO. - quantificare e memorizzare contemporaneamente più parametri per ogni cellula che compone la popolazione

IL CITOFLUORIMETRO. - quantificare e memorizzare contemporaneamente più parametri per ogni cellula che compone la popolazione IL CITOFLUORIMETRO E uno strumento di laboratorio che permette un analisi veloce ed automatica di popolazioni cellulari in sospensione misurandone le caratteristiche fisiche e/o biochimiche (volume, granulosita,

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Il progetto di riorganizzazione della Macroarea Cremona-Mantova

Il progetto di riorganizzazione della Macroarea Cremona-Mantova Dr.ssa Aida Andreassi Direzione Sanitaria AREU Il progetto di riorganizzazione della Macroarea Cremona-Mantova Relazione Dr.. Gli Stati Europei..Le regioni Italiane Olanda Spagna Francia Inghilterra Emilia

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 GNGTS Atti del 17 Convegno Nazionale 06.01 A. Zirizzotti e M. Marchetti Istituto Nazionale di Geofisica, Roma UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 Riassunto. Le tecniche magnetometriche

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti 1 1 2 1 SCOPO Lo scopo della seguente procedura è descrivere le modalità di esecuzione della validazione finale e dell etichettatura degli emocomponenti derivanti dalla donazione di sangue intero o di

Dettagli

Ogni donatore è differente fai la differenza con l MCS + L unico vero sistema multi componente

Ogni donatore è differente fai la differenza con l MCS + L unico vero sistema multi componente Ogni donatore è differente fai la differenza con l MCS + L unico vero sistema multi componente 1 SDP + 2 FFP 3 FFP 1-2 SDP 1 RBC + 2 FFP 1 SDP + 1 RBC 2 RBC Aferesi produttiva Piastrine globuli rossi plasma

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia

Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility. Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia Cogliere le opportunità offerte dalla Mobility Claudia Bonatti, Direttore Divisione Windows Microsoft Italia La Mobility ha cambiato il nostro modo di lavorare e può cambiare il modo in cui le aziende

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI MICHIELOTTO BARBARA ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana

F ORMATO INFORMAZIONI PERSONALI MICHIELOTTO BARBARA ESPERIENZA LAVORATIVA. Italiana F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MICHIELOTTO BARBARA 0498213523 0498211452 Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale Italiana 15/06/1972

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

Immunoematologia-Medicina Trasfusionale

Immunoematologia-Medicina Trasfusionale CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome Lo Pardo Catia Data di nascita 09/04/1954 Qualifica Dirigente Medico Disciplina Immunoematologia-Medicina Trasfusionale Matricola 34855 Incarico attuale

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 24 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1806 del 24 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di Trento e di Bolzano sul

Dettagli

Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende. Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean

Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende. Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean Lean Thinking Alla ricerca dell EBIT nascosto dentro le aziende Standard Work: uno strumento fondamentale a supporto delle trasformazioni Lean Castellanza, 21 novembre 2011 Fabio Salomone Responsabile

Dettagli

Sinossi dei disegni di studio

Sinossi dei disegni di studio Sinossi dei disegni di studio di intervento osservazionali serie di casi trasversale ecologici individuali quasisperimentali sperimentali (RCT) coorte caso-controllo Studi caso-controllo Il punto di partenza

Dettagli

Elenco dei Documenti di origine esterna

Elenco dei Documenti di origine esterna 15511 Leggi e Normative Legislazione trasfusionale italiana allo stato: Decreto Ministeriale 28 novembre 1986: inserimento nell elenco delle malattie infettive e diffusive sottoposte a notifica obbligatoria,

Dettagli

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49

John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 John S. Silva, Marion J. Ball, Prognosis for year 2013, International Journal of Medical Informatics 2002, vol. 66, pag. 45 49 Introduzione Nuove conoscenze fornite dalle biotecnologie Mappa del genoma

Dettagli

Taratura di un multicanale

Taratura di un multicanale COSO DI LABOATOIO DI FISICA A Scopo dell esperienza è la verifica della relazione lineare tra il canale individuato da un analizzatore multicanale (M.C.A.) e la carica elettrica media relativa a segnali

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Numero telefonico ufficio 02 6444 2329 Fax dell ufficio 02 6444 3676 E-mail istituzionale barbara.scarpati@ospedaleniguarda.

CURRICULUM VITAE. Numero telefonico ufficio 02 6444 2329 Fax dell ufficio 02 6444 3676 E-mail istituzionale barbara.scarpati@ospedaleniguarda. CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome BARBARA SCARPATI Data di nascita 21/04/1972 Qualifica Dirigente BIOLOGO Amministrazione Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca Granda Incarico attuale DIRIGENTE

Dettagli

TEST REPORT INDICE - INDEX

TEST REPORT INDICE - INDEX Test Report Number: 10/11/2015 Sesto San Giovanni (MI) Data Emissione - Issuing date Luogo Emissione - Issuing place Verifica della conformità al capitolato prove di KIDS P.A. S.r.l secondo EN 12266-1:2012

Dettagli

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D

determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Metodi di studio delle proteine : determinazione della quantità determinazione della struttura primaria (sequenza a.a.) determinazione della struttura 3D Spettrofotometro cuvetta monocromatore rivelatore

Dettagli

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB

Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB Microscopi digitali con Tablet PC B-190TB La serie B-190 è il risultato di una perfetta fusione tra anni di esperienza nel settore microscopia e uno studio di design raffinato. Questa serie rappresenta

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Servizio Provveditorato ed Economato. Via Ospedale, 54 09124 Cagliari Tel. 070/6092130 - Fax 070/6092288

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Servizio Provveditorato ed Economato. Via Ospedale, 54 09124 Cagliari Tel. 070/6092130 - Fax 070/6092288 Capitolato Tecnico Caratteristiche generali valide per fornitura in oggetto: Offerta tecnica 1.strumentazione la Ditta dovrà indicare la strumentazione che intende proporre che deve essere nuova di ultima

Dettagli

Vincenzo Saturni. Varese, 28 gennaio 2012 2

Vincenzo Saturni. Varese, 28 gennaio 2012 2 1 Vincenzo Saturni Varese, 28 gennaio 2012 2 THE ITALIAN BLOOD SYSTEM According to 21 st October 2005 Law New discipline for blood transfusion activities and national production of blood derivatives SELF

Dettagli

IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico

IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico IV Congresso Regionale I Congresso del Middle Management di Area Tecnica Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Analisi dei costi come strumento di governo clinico, l'esperienza del DIMT

Dettagli

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip

Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Guida all installazione del prodotto 4600 in configurazione plip Premessa Questo prodotto è stato pensato e progettato, per poter essere installato, sia sulle vetture provviste di piattaforma CAN che su

Dettagli

Un occhio sul Controllo di Qualità (Dott. Roberto Balducci)

Un occhio sul Controllo di Qualità (Dott. Roberto Balducci) Un occhio sul Controllo di Qualità (Dott. Roberto Balducci) In tempi recenti si è dibattuto tanto e giustamente sugli aspetti dell appropriatezza degli esami di laboratorio nel contesto più generale della

Dettagli

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ

SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ 1 Prima Stesura Data: 15-02/2013 Redattori: Gasbarri, De Agelis, Rizzo SIMT-IO 003 MODALITA OPERATIVA DI CQ Indice 1 DESCRIZIONE ATTIVITÀ... 2 2 RESPONSABILITA... 10 3 BIBLIOGRAFIA... 10 4 INDICATORI...

Dettagli

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo

Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO. Pasquale Iandolo Il Controllo Interno di Qualità dalla teoria alla pratica: guida passo per passo IL MODELLO TEORICO Pasquale Iandolo Laboratorio analisi ASL 4 Chiavarese, Lavagna (GE) 42 Congresso Nazionale SIBioC Roma

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 027 Analisi Immnunoematologiche 1 1 2 1 SCOPO Scopo della presente procedura è quello di illustrare le analisi immunoematologiche che vengono effettuate presso il SIMT andando a descrivere le modalità attraverso le quali vengono gestite.

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

La Tecnologia dei Microarray. Tor Vergata Aprile 2011 (Susana.Bueno@caspur.it)

La Tecnologia dei Microarray. Tor Vergata Aprile 2011 (Susana.Bueno@caspur.it) La Tecnologia dei Microarray Tor Vergata Aprile 2011 (Susana.Bueno@caspur.it) SH Friend and RB Stoughton, The Magic of Microarray, Scientific American, February. 2002, pp. 44-49 Vogliamo sapere velocemente

Dettagli

Freni idraulici multidisco serie F Hydraulic Multidisc Brakes F Series

Freni idraulici multidisco serie F Hydraulic Multidisc Brakes F Series HYDRAULIC COMPONENTS HYDROSTATIC TRANSMISSIONS GEARBOXES - ACCESSORIES Via M.L. King, 6-41122 MODENA (ITALY) Tel: +39 059 415 711 Fax: +39 059 415 729 / 059 415 730 INTERNET: http://www.hansatmp.it E-MAIL:

Dettagli

Qualità del software. Qualità: intuizione iniziale. Qualità del software. Qualità: una definizione. IS Sistema qualità

Qualità del software. Qualità: intuizione iniziale. Qualità del software. Qualità: una definizione. IS Sistema qualità : una definizione del software Ingegneria del Software V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Aggiornamenti di: T. Vardanega (UniPD) Insieme delle caratteristiche di un'entità (prodotto, processo,

Dettagli

Laboratori unificati per il test HPV: problemi di organizzazione e controlli di qualita

Laboratori unificati per il test HPV: problemi di organizzazione e controlli di qualita Laboratori unificati per il test HPV: problemi di organizzazione e controlli di qualita Laura De Marco 1, Anna Gillio Tos 1, Carla Contessa 2 1 Centro Unificato Screening Cervico Vaginale, AOU Città della

Dettagli

Metodi di conta microbica

Metodi di conta microbica Metodi di conta microbica esistono differenti metodiche per la determinazione quantitativa dei microrganismi tecniche colturali e non colturali conta diretta ed indiretta il tipo di microrganismo/i ed

Dettagli

ExoNanoDi. Giorgia Radano Researcher

ExoNanoDi. Giorgia Radano Researcher ExoNanoDi Studio per l Identificazione di Nanomateriali Funzionalizzati idonei alla Purificazione, Quantificazione e Caratterizzazione degli Exosomi dai Fluidi Biologici: Approccio Innovativo nella Diagnostica

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP.

L accesso alla Cochrane è consentito solo dal PC collegati alla rete della struttura tramite controllo dell indirizzo IP. La Cochrane Library è il principale prodotto della Cochrane Collaboration. Si tratta di un Database che raccoglie tutte le revisioni sitematiche (RS) prodotte dalla Cochrane Collaboration ed i protocolli

Dettagli

CATALOGO TECNICO PIETRA. TOOLING SOLUTIONs FOR STONE

CATALOGO TECNICO PIETRA. TOOLING SOLUTIONs FOR STONE CATALOGO TECNICO PIETRA TOOLING SOLUTIONs FOR STONE 1 ABRATECH srl Via dell Artigianato 2/a 61022 Montecchio (PU) ITALY www.abratech.it sales@abratech.it Tel +39 0721 472547 Fax +39 0721 907413 L AZIENDA

Dettagli

Trofile. identifica il tropismo HIV. Domande? Conoscere il tropismo HIV e la tecnologia Trofi le ; come ordinare un test Trofi le.

Trofile. identifica il tropismo HIV. Domande? Conoscere il tropismo HIV e la tecnologia Trofi le ; come ordinare un test Trofi le. identifica il tropismo HIV Un nuovo standard per riconoscere il tropismo HIV Trofi le identifi ca i pazienti candidati alla terapia con i farmaci CCR5-antagonisti. Trofi le è l unico test clinicamente

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics

September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics September 2015 artus CMV QS-RGQ Kit: Performance characteristics artus CMV QS-RGQ Kit, Version 1 4503363 Check availability of new electronic labeling revisions at www.qiagen.com/products/artuscmvpcrkitce.aspx

Dettagli

SLIM LINE ACU Slim solutions

SLIM LINE ACU Slim solutions SLIM LINE ACU Slim solutions I condizionatori della serie KSL Slim line sono studiati per installazione verticale interna o esterna al quadro.questa nuova linea di prodotto è il risultato tecnico più evoluto

Dettagli

Definizione di segnale

Definizione di segnale Signal detection Laura Sottosanti Ugo Moretti Definizione di segnale Information that arises from one or multiple sources (including observations and experiments), which suggests a new potentially causal

Dettagli

ESCCA Italy SUMMER SCHOOL ESCCA ITALIAN BRANCH SUMMER SCHOOL. CORSO IN CITOMETRIA DI BASE Università di Urbino

ESCCA Italy SUMMER SCHOOL ESCCA ITALIAN BRANCH SUMMER SCHOOL. CORSO IN CITOMETRIA DI BASE Università di Urbino ESCCA Italy SUMMER SCHOOL ESCCA ITALIAN BRANCH SUMMER SCHOOL Università di (PU) 7 11 july 2014 RELATORI DOCENTI E MODERATORI & TUTORI Marcella Arcangeletti Bruno Brando Legnano, MI Flavia Buccella Barbara

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig.

M/S CERAMICA SCARABEO Località Pian del Trullo 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. 01034 Fabrica di Roma (VT), ITALY. C. A. Sig. M/S C. A. Sig. Calisti Giampaolo RAPPORTO DI PROVA del LABORATORIO TECNOLOGICO N 65d/2013 in accordo con la norma UNI EN 14688 sul lavabo LUNA TECHNOLOGIAL LABORATORY TEST REPORT N 65d/2013 in compliance

Dettagli

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Produzione di anticorpi policlonali 1. Si inietta nel topo (o coniglio) l antigene X purificato 2. Si preleva il siero, che contiene anticorpi contro X 3. Eventualmente

Dettagli

Ancona, 27 maggio 2010

Ancona, 27 maggio 2010 Gli schemi UK-NEQAS in Medicina Trasfusionale e nella emorragia feto-materna DIPARTIMENTO REGIONALE INTERAZIENDALE di MEDICINA TRASFUSIONALE Direzione di Dipartimento Ancona, 27 maggio 2010 Dott. Francesco

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

silvia.larghi@istitutotumori.mi.it

silvia.larghi@istitutotumori.mi.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Incarico e struttura LARGHI SILVIA Numero telefono 0223903499 E-mail FONDAZIONE IRCCS- ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Coordinatore

Dettagli

Riguardo le ABITUDINI ALIMENTARI degli ADOLESCENTI

Riguardo le ABITUDINI ALIMENTARI degli ADOLESCENTI Riguardo le ABITUDINI ALIMENTARI degli ADOLESCENTI Indagine svolta dalla classe 2AL Indirizzo Linguistico I.S. Liceo di Faenza Hanno collaborato alla elaborazione dei dati alcuni alunni di 5AC Indirizzo

Dettagli

Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto e/o contenenti Amianto

Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto e/o contenenti Amianto Il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contenenti Amianto: situazione italiana 12 dicembre 2013 Aula Pocchiari, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Caratterizzazione e classificazione dei rifiuti di Amianto

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Revisione 1 Redattori : Cosenza 20-01-2014 09-11-2015 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2

Dettagli

Tutti i sistemi sono aggiornabili sino alla configurazione a tre laser.

Tutti i sistemi sono aggiornabili sino alla configurazione a tre laser. Puoi iniziare con un laser e aggiungere gli altri quando serviranno. NovoCyte TM, la nuova frontiera della citofluorimetria in ricerca. E con i reagenti ebioscience Affymetrix, completiamo l offerta facendoti

Dettagli

Celle da incasso Scotch Brite Built-in Scotch Brite cabinets

Celle da incasso Scotch Brite Built-in Scotch Brite cabinets Celle da incasso Scotch Brite Built-in Scotch Brite cabinets Componenti Tecnologici per l Arredamento Bar e per il Contract Technological components for bars and contract furnishing Sportelli a chiusura

Dettagli

Transient, corrupting is input. A pattern of transactions across the network causes database corruption. Unquantifiable! Should never happen in the lifetime of the system Cost Low Medium High Very Reliability

Dettagli

Linee guida per un approccio semplificato alla validazione del metodo multiresiduo

Linee guida per un approccio semplificato alla validazione del metodo multiresiduo Linee guida per un approccio semplificato alla validazione del metodo multiresiduo Simona Coppi Specializzazione Fitofarmaci ARPA Ferrara 4 CONVEGNO NAZIONALE FITOFARMACI E AMBIENTE Ambiente, Alimenti,

Dettagli

Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD

Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD Non in distribuzione negli Stati Uniti URINALYSIS LAB FORWARD I laboratori per l analisi delle urine richiedono sia tecnologia avanzata che strategie davvero innovative. Per questo motivo Beckman Coulter

Dettagli