Convenzione regolante il servizio di trattamento e smaltimento di rifiuti speciali presso il Complesso Impiantistico IPPC del CIPNES Gallura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Convenzione regolante il servizio di trattamento e smaltimento di rifiuti speciali presso il Complesso Impiantistico IPPC del CIPNES Gallura"

Transcript

1 Settore Igiene Ambientale Olbia, Convenzione regolante il servizio di trattamento e smaltimento di rifiuti speciali presso il Complesso Impiantistico IPPC del CIPNES Gallura Con il presente accordo si intende regolare i rapporti tra: Consorzio Industriale Provinciale Nord Est Sardegna Gallura, con sede legale in Olbia, Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, codice fiscale , Partita IVA , nella persona del Dirigente Dott. Aldo Carta, in forza della regolamentazione stabilita nella determina commissariale n.408/99 e successiva innovativa regolamentazione nell ordinamento funzionale del CIPNES, nella sua qualità di Direttore Generale del CIPNES Gallura, in nome e per conto del quale dichiara di agire e Ditta, con sede in via, nella persona di in qualità di Avente ad oggetto il conferimento, trattamento e successivo recupero e/o smaltimento di R.S., come di seguito specificato e disciplinato. N.b.: il format della presente convenzione è stato predisposto per il conferimento di rifiuti speciali non pericolosi da parte di Ditte private o Enti che non agiscono su delega dei Comuni. Sono dunque espressamente escluse le Ditte incaricate della gestione della raccolta da parte delle Amministrazioni comunali (per le quali esiste un format di convenzione a se stante). Premesso che: Il CIPNES Gallura, quale Consorzio di Enti Locali ex art.3 della L.R. n.10/08, è proprietario/gestore in regime di privativa di una piattaforma pubblica per il trattamento e lo smaltimento di R.S.U./R.S. Cod. IPPC 5.3 e 5.4 sita in Olbia, Loc. Spiritu Santu; CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 1

2 Settore Igiene Ambientale Con Determinazione n.84 e ss.mm.ii. del 14/02/2014 del Dirigente del Settore Ambiente e Sostenibilità della Provincia di Olbia Tempio è stata rilasciata l AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) al CIPNES Gallura per l esercizio delle attività IPPC Codici 5.3 e 5.4 presso la suddetta infrastruttura impiantistica; Questo Consorzio esercita l attività di gestore di rifiuti anche ai sensi dell art.16 del D.M.3/6/2014 n.120 (Regolamento Nazionale Albo Gestori Ambientali), in osservanza alla precitata AIA e alle sue eventuali successive variazioni; Visti: Il D.Lgs.152/06 e ss.mm.ii.; Il D.M. 3/6/2014 n.120; Il D.M. 27/9/2010; Tutto ciò premesso, fra le parti si conviene e si stipula quanto segue: ART.1 - Per effetto del presente accordo, la Ditta potrà conferire, a propria cura ed onere, rifiuti speciali non pericolosi, nel rispetto della normativa vigente o che comunque in futuro regolerà la materia, e accettabili presso l infrastruttura impiantistica del CIPNES Gallura a seguito delle autorizzazioni in premessa. Nello specifico, alla Ditta viene consentito il conferimento dei rifiuti identificati dai CER elencati nel prospetto seguente (rif. Allegato C Elenco CER ammissibili in impianto AIA n.84/2014): N.b.: l elenco di seguito riportato non comprende rifiuti urbani (identificati con i codici CER 20.XX.XX), che vengono normalmente prodotti dai Comuni e conferiti dai Gestori di raccolta in privativa comunale (esclusi come detto dal presente modello di convenzione). Il comma 2 dell articolo 184 del D.lgs. 152/06 stabilisce che sono rifiuti urbani: a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità; c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade; CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 2

3 Settore Igiene Ambientale d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi d acqua; e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale. Si precisa tuttavia che in alcuni specifici casi (ad esempio quello individuato al precedente punto d) la normativa consente che soggetti privati non gestori di raccolta comunale conferiscano rifiuti urbani. In tali circostanze sarà cura del CIPNES Gallura valutare volta per volta l adeguamento del presente format con l integrazione dei codici CER in parola. Sezione A: Discarica CER Descrizione feci animali, urine e letame (comprese le lettiere usate), effluenti, raccolti separatamente e trattati fuori sito scarti della selezione di carta e cartone destinati ad essere riciclati cemento mattoni mattonelle e ceramiche miscugli o scorie di cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di cui alla voce (a) terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce pietrisco per massicciate ferroviarie, diverso da quello di cui alla voce parte di rifiuti animali e vegetali non compostata (b) fanghi prodotti da altri trattamenti delle acque reflue industriali, diversi da quelli di cui alla voce (c) altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli di cui alla voce Carbone attivo esaurito CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 3

4 resine a scambio ionico saturate o esaurite (d) rifiuti dell'eliminazione della sabbia Settore Igiene Ambientale Note: (a) : codice CER per il quale sono imposti specifici limiti quantitativi (AIA 84/2014) (b) : esclusivamente di tipo palabile e purché già stabilizzati (c) : limitatamente alla frazione secca (sopravaglio) prodotta da sezioni di selezione e triturazione (d) : limitatamente alla frazione già stabilizzata Tabella 1: rifiuti conferibili nella Sezione Impiantistica A (discarica) Sezione B: Impianto di selezione e triturazione CER Descrizione Scarti di tessuti animali (a) segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli di cui alla voce scarti della separazione meccanica nella produzione di polpa da rifiuti di carta e cartone rifiuti da materiali compositi (fibre impregnate, elastomeri, plastomeri) rifiuti da fibre tessili lavorate vaglio rifiuti dell eliminazione della sabbia rifiuti solidi prodotti dai processi di filtrazione e vaglio primari Note: (a) : esclusi gli scarti di legno non trattato chimicamente Tabella 2: rifiuti conferibili nella Sezione Impiantistica B (Impianto di selezione e triturazione) Sezione C: Impianto di biostabilizzazione CER Descrizione (a) fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti (b) rifiuti prodotti dalle operazioni di lavaggio, pulizia e macinazione della materia prima nella CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 4

5 produzione di bevande alcoliche (tranne caffè, tè e cacao) (c) parte di rifiuti urbani e simili non compostata (a) fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane Settore Igiene Ambientale (a) fanghi prodotti dal trattamento biologico delle acque reflue industriali, diversi da quelli di cui alla voce (d) scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione Note: (a) : esclusivamente di tipo palabile (b) : limitatamente ai rifiuti prodotti dalle operazioni di lavaggio e pulizia (c) :limitatamente alla frazione umida (sottovaglio) prodotta da sezioni di selezione e triturazione (d) : codice CER per il quale sono imposti specifici limiti qualitativi (AIA 84/2014) Tabella 3: rifiuti conferibili nella Sezione Impiantistica C (Impianto di biostabilizzazione) Sezione D: Impianto di compostaggio di qualità CER Descrizione Scarti di tessuti vegetali scarti inutilizzabili per il consumo o la trasformazione senza imballaggi (a) rifiuti prodotti dalle operazioni di lavaggio, pulizia e macinazione della materia prima (tranne caffè, tè e cacao) scarti di corteccia e sughero (b) segatura, trucioli, residui di taglio, legno, pannelli di truciolare e piallacci diversi da quelli di cui alla voce Imballaggi in legno Note: (a) : limitatamente ai rifiuti prodotti dalle operazioni di macinazione della materia prima (b) : solo se costituito unicamente da scarti di legno non trattato chimicamente Tabella 4: rifiuti conferibili nella Sezione Impiantistica D (Impianto di compostaggio di qualità) CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 5

6 Sezione E: Piattaforma di valorizzazione delle frazioni differenziate Settore Igiene Ambientale Sottosezione E1: rifiuti di carta e cartone CER Descrizione imballaggi in carta e cartone imballaggi in materiali compositi imballaggi in materiali misti Sottosezione E2: rifiuti di vetro imballaggi in vetro vetro prodotto dallo smantellamento di veicoli fuori uso e dalla manutenzione di veicoli vetro Vetro prodotto dal trattamento meccanico dei rifiuti Sottosezione E3: rifiuti di metallo Scaglie di laminazione limatura e trucioli di materiali ferrosi polveri e particolato di materiali ferrosi imballaggi metallici metalli ferrosi ferro e acciaio rifiuti della pirolisi, diversi da quelli di cui alla voce metalli ferrosi rifiuti non specificati altrimenti rifiuti non specificati altrimenti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e meccanico superficiale di metalli e plastiche Sottosezione E4: rifiuti di plastica rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) imballaggi in plastica plastica plastica e gomma Sottosezione E5: rifiuti di legno CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 6

7 imballaggi in legno legno da demolizioni legno diverso da quello di cui alla voce Settore Igiene Ambientale Tabella 5: rifiuti conferibili nella Sezione Impiantistica E (Piattaforma di valorizzazione delle frazioni differenziate) ART.2 La Ditta è tenuta a rispettare la stima dei quantitativi di rifiuti e le relative tipologie indicati nell istanza di autorizzazione al conferimento (Allegato 1), presentata anteriormente alla sottoscrizione della presente convenzione e ricevuta dal CIPNES Gallura il giorno / / (rif. prot. CIPNES ). La Ditta è altresì tenuta a presentare, con la sottoscrizione della presente scrittura, apposita analisi di caratterizzazione di detti rifiuti ai sensi degli artt.2 e 6 del D.M. 27 Settembre 2010 [caratterizzazione da presentare contestualmente all istanza di autorizzazione al conferimento, da allegare alla Convenzione (vedi Allegato 1)]. Una volta appurata l ammissibilità dei rifiuti in parola all interno della Piattaforma Impiantistica consortile, il CIPNES Gallura provvederà alla verifica di conformità degli stessi, ai sensi dell art.3 del succitato D.M., sulla base dei dati forniti dal produttore in esito alla fase di caratterizzazione. Al fine di verificare per quanto possibile la conformità di quanto attestato dalla Ditta, il CIPNES Gallura potrà effettuare sopralluogo ed omologa dei rifiuti che la Ditta intende conferire giusta art.4 del D.M.27 Settembre 2010, riservandosi la possibilità di richiedere analisi aggiuntive o nuove attraverso laboratori di propria fiducia. Si specifica che i costi relativi alle procedure di omologa dei rifiuti verranno addebitati direttamente alla Ditta. I rifiuti potranno essere conferiti dalla Ditta solo nel caso di rilascio di conformità positiva espressa dal CIPNES Gallura. Se la tipologia del rifiuto che la Ditta intende conferire agli impianti CIPNES Gallura dovesse subire variazioni (esempio: produttore del rifiuto, luogo di produzione, tipologia del rifiuto etc.) rispetto alle certificazioni di analisi presentate per la stipula della presente convenzione, il conferente dovrà inoltrare prima del conferimento del rifiuto specifica richiesta di conferimento di nuova tipologia di rifiuto, corredata dalle relative analisi, il cui costo è a carico della Ditta. Il CIPNES Gallura a sua volta procederà alle verifiche del caso e all eventuale rilascio di nuova omologa. CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 7

8 Settore Igiene Ambientale Nel caso in cui venga rilasciato al CIPNES un nuovo atto autorizzativo ambientale, verrà data immediata comunicazione di tutte le variazioni e/o nuove prescrizioni alla Ditta. ART.3 I rifiuti di cui sopra, conferiti dalla Ditta presso la Piattaforma consortile, a seconda della loro tipologia e in ottemperanza all atto autorizzativo vigente, saranno avviati a smaltimento o a trattamento/recupero presso idonea sezione impiantistica del complesso IPPC del CIPNES Gallura. ART.4 Qualora la Ditta abbia dato in appalto a imprese private il servizio di trasporto dei rifiuti, la stessa Ditta si impegna a verificare e assicurare che: - le imprese cui è affidato il servizio siano regolarmente iscritte all Albo Nazionale Gestori Ambientali; - i mezzi attraverso i quali verrà effettuato il conferimento siano autorizzati ai sensi di Legge al trasporto specifico dei rifiuti in parola per categoria e classe, di cui al D.M.120/14. ART.5 Il CIPNES Gallura si impegna a ricevere ed eseguire il trattamento dei rifiuti di cui all art. 1 della presente Convenzione, purché questi risultino ammissibili in Piattaforma, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente e dal succitato atto autorizzativo (Det.84/2014 AIA). ART.6 Per ogni conferimento il CIPNES Gallura provvederà a: - verificare la tipologia di rifiuto conferito e la sua conformità all elenco dei rifiuti conferibili, di cui al precedente art.1, a termine del regolamento gestionale consortile; - verificare la presenza e la corretta compilazione dei documenti di accompagnamento (secondo le modalità e nei casi prescritti dalla Legge) e la loro conformità alla tipologia di rifiuto conferito; - effettuare l ispezione visiva di ogni carico di rifiuti conferiti, sia prima che dopo lo scarico ai sensi dell atto autorizzativo vigente e dell art. 4 del D.M. 27 Settembre 2010, al fine di verificarne la conformità alle caratteristiche indicate nel formulario di identificazione. Qualora, a seguito dei suddetti controlli di conformità, i rifiuti risultassero non ammissibili nella sezione impiantistica di destinazione, il CIPNES Gallura provvederà al respingimento del carico, dandone immediata comunicazione alla Ditta e agli Enti competenti (Regione Autonoma della Sardegna, Provincia di Olbia Tempio). ART.7 Per ogni conferimento, qualora (ove consentito dalla Normativa vigente) questo avvenga senza formulario di identificazione, a seguito dei controlli di conformità di cui all art.6 e purché essi abbiano dato esito positivo, il CIPNES Gallura rilascerà una bolla di pesatura che dovrà essere controfirmata dall autista dell automezzo che trasporta i rifiuti per conto della Ditta; la bolla così sottoscritta costituirà accettazione del peso e conferma della tipologia di rifiuto conferito per la Ditta, e sarà presa a base per la relativa fatturazione. CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 8

9 Settore Igiene Ambientale ART.8 Il CIPNES Gallura si riserva il diritto di effettuare controlli aggiuntivi a campione sui carichi in ingresso alla Piattaforma consortile, conferiti dalla Ditta o da terzi incaricati dalla stessa. I costi di tali analisi di caratterizzazione saranno a carico della Ditta. ART.9 In caso di reiterata difformità fra la tipologia e le caratteristiche dei rifiuti dichiarate e quelle verificate all atto del conferimento tramite i controlli di cui agli artt.6 e 8 della presente convenzione, il CIPNES Gallura si riserva di disporre l immediata sospensione del servizio nei confronti della Ditta, con diritto al risarcimento dei danni eventualmente procurati. ART.10 La durata della presente convenzione viene stabilita nel periodo di 1(uno) anni con decorrenza dal / /20 al / /20. Rimane stabilito che la convenzione potrà essere in qualunque momento risolta dalle parti mediante semplice comunicazione scritta da inviarsi con anticipo di cinque giorni lavorativi. Alla scadenza del contratto, l'eventuale proroga dovrà essere espressamente concordata dalle parti. ART.11 Il corrispettivo per il servizio che verrà svolto dal CIPNES Gallura, calcolato sulla base delle quantità effettivamente conferite, viene fissato provvisoriamente così come specificato nella tabella quantificativa allegata alla presente (Allegato 2) e salvo conguaglio. Il suddetto importo deve intendersi al netto del tributo speciale di cui all'art. 3 della Legge n 549/95 (ove previsto), ed al netto di IVA di Legge. La fatturazione del servizio da parte del CIPNES Gallura avrà cadenza mensile. A titolo cauzionale la ditta presenta, alla firma della presente convenzione apposito fondo cauzionale o apposita fideiussione bancaria o assicurativa, con sottoscrizione dell emittente in forma notarile. L importo di tale fondo cauzionale o fideiussione deve essere pari al corrispettivo corrispondente al 10% dei conferimenti previsti nel periodo di durata della presente convenzione, così come quantificati nella stima di cui al precedente art.2. ART.12 Il pagamento delle fatture dovrà avvenire entro e non oltre 30 giorni dalla data di emissione delle stesse, in correlazione all esecuzione del servizio. Qualora il pagamento non venga effettuato nei termini di cui al periodo precedente, il CIPNES Gallura non accetterà ulteriori conferimenti presso la Piattaforma consortile di trattamento e smaltimento RSU/RS, fintanto che la Ditta non provvederà al saldo del debito maturato. Per il ritardato pagamento saranno applicati interessi ai sensi dell'art. 5 del D.Lgs.231/2002. ART.13 L accesso agli impianti CIPNES Gallura per il conferimento dei rifiuti è regolamentata secondo quanto previsto dalla normativa vigente, integrata secondo le disposizioni impartite dal CIPNES Gallura e CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 9

10 Settore Igiene Ambientale sotto la vigilanza e il controllo del personale incaricato dal CIPNES Gallura. L'accesso alla Piattaforma verrà consentito solo ed esclusivamente agli operatori della Ditta o di impresa terza incaricata dei trasporti, equipaggiati con idonei dispositivi di protezione individuale. All'interno degli impianti CIPNES Gallura gli operatori devono rispettare il divieto assoluto di fumare e/o di utilizzare attrezzature e/o strumentazioni che generino fiamme libere. Gli operatori non devono portare all'interno degli impianti CIPNES Gallura contenitori con liquidi e/o sostanze infiammabili, quali ad esempio alcool o carburanti e comunque in ogni caso tutto ciò che potrebbe dar vita a pericoli. Gli automezzi utilizzati dalla Ditta devono rispettare il limite massimo di velocità, fissato all'interno della Piattaforma del CIPNES Gallura in 10 km/h. Gli automezzi utilizzati per il conferimento inoltre non devono perdere liquami o altro materiale di qualsiasi natura durante la fase di percorrenza interna agli impianti. ART.14 La Ditta si obbliga a tenere il CIPNES Gallura esente da ogni responsabilità e indenne nel caso di danni diretti e/o indiretti a persone e/o cose che avvengono durante le fasi di transito e/o conferimento dei rifiuti all'interno della Piattaforma consortile, causati per negligenza, imperizia o inosservanza di regolamenti interni al CIPNES Gallura o disposizioni legislative, in particolar modo relativamente alla sicurezza sul luogo di lavoro e al rispetto dell'ambiente. ART.15 Le operazioni di accettazione dei rifiuti potranno essere sospese in qualsiasi momento a seguito di un formale provvedimento delle Autorità competenti e/o per il tempo strettamente necessario a eseguire lavori di ripristino, nel caso di guasti o inconvenienti che non consentano il regolare esercizio, in caso di scioperi o per altri casi di forza maggiore. ART.16 Il CIPNES Gallura stabilirà ragionevolmente l'orario di accettazione dei rifiuti e le modalità di accesso alla propria Piattaforma, dandone opportuna comunicazione alla Ditta. ART.17 Le suddette disposizioni potranno essere modificate in qualsiasi momento per ragioni di pratico esercizio degli impianti e/o per disposizione degli Enti Competenti. ART.18 Il Responsabile della esecuzione e gestione del presente contratto per conto del CIPNES è individuato nella persona del Dirigente del settore igiene ambientale o di un suo delegato. ART.19 Le suddette disposizioni organizzative potranno essere modificate in qualsiasi momento per ragioni di pratico esercizio degli impianti e/o per disposizione degli Enti Competenti. CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 10

11 Settore Igiene Ambientale ART.20 Il presente atto è soggetto a registrazione in misura fissa solo in caso d uso ai sensi di legge. La eventuale detta imposta, nonché le spese contrattuali e l imposta di bollo sono a carico della Ditta. Il Direttore Generale CIPNES Gallura Dott. Aldo Carta La Ditta Il Dirigente CIPNES Gallura Settore Igiene Ambientale Ing. Giovanni Maurelli Ai sensi e per gli effetti degli artt e ss. del Codice Civile si approvano espressamente gli artt. 1, 2, 4, 11, 12, 14, 15, 16, 17, 18. Il Direttore Generale CIPNES Gallura Dott. Aldo Carta La Ditta Il Dirigente CIPNES Gallura Settore Igiene Ambientale Ing. Giovanni Maurelli CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 11

12 Settore Igiene Ambientale ALLEGATO 1 (Istanza di autorizzazione al conferimento, precedentemente trasmessa al CIPNES e propedeutica alla stipula della convenzione) CIPNES GALLURA con sede legale in Olbia Zona Industriale Loc. Cala Saccaia, ( tel. 0789/ fax 0789/ ) Sito 12

13 " # $% & ' "## $% 1

14 ( )*+),)--./' #"" # *,* "011* & '(( Allegati: - scheda descrittiva del rifiuto per ciascun codice CER indicato nella richiesta di autorizzazione. La scheda deve essere compilata a cura del produttore del rifiuto; - copia del documento di iscrizione all albo dei trasportatori di rifiuti; - copia dell ultima ricevuta di versamento della quota di iscrizione all albo dei trasportatori di rifiuti; - scheda di caratterizzazione (ai sensi del D.M.27/9/2010), compilata dal produttore per ciascuna tipologia di rifiuto per il quale si richiede l autorizzazione al conferimento. 2

15 Consenso al trattamento dei dati personali Il sottoscritto dichiara di aver ricevuto completa informativa ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003, unitamente a copia dell art. 7 della legge medesima ed esprime il consenso al trattamento dei propri dati personali, anche sensibili, qualificati dalla citata legge, nei limiti e per le finalità precisate nell informativa. Autorizza inoltre l azienda ad effettuare tutti i trattamenti sopra citati fino a quando ritenuto utile dall azienda stessa e comunque non oltre alla richiesta di cancellazione dalla banca dati. Firma 3

16

17

18 "#$ % &'%()*+), +-+)))-./()*+), 0 " 121% 1% - 333% 1%

19 " # $#$ % &'( Il presente prospetto riporta le tariffe di trattamento/smaltimento e trattamento (preselezione, riduzione volumetrica, ecc.), per unità di peso di rifiuto conferito, relative ai rifiuti in ingresso alla Piattaforma per l'anno 2014 "#$%&' $&"() * ",, "-.- / 1 ""/0&& (*) $ " 1 2&0&& (*) /0&& ( 2 1 5&0&& # % % 6, 7" 2-"2 ' 8 7" 2-"2 98" 5 7# "2 98$. 7$ "2 982 / : 7( "2 98( "" 8 ; "2 1 ".&0&& + "$ < "2 =,.- / 1 ".&0&& 72 "2 98# = 7, 9 8 > > = " 1 ".&0&&,.- / 1 ".&0&& Sezione A: Discarica per rifiuti non pericolosi Sezione B: Impianto di selezione/triturazione Sezione C: Impianto di biostabilizzazione Sezione D: Impianto di compostaggio di qualità Nomenclatura sezioni impiantistiche: Sezione E: Piattaforma di valorizzazione dei rifiuti differenziati, suddivisa in: sezione E1 (rifiuti di carta), sezione E2 (rifiuti di vetro), sezione E3 (rifiuti di ferro), sezione E4 (rifiuti di plastica), sezione E1 (rifiuti di legno). Relativamente ai punti 1, 3 il Comune di Olbia ha una diminuzione tariffaria pari a 7,96 a tonn a titolo di indennizzo per il pregiudizio ambientale patito a ragione della ubicazione nel territorio Comunale di Olbia della discarica controllata consortile in conformità all atto di indirizzo della Regione del 13/04/2007 (delibera n. 17/7) =: 9 % 9 9

20 " *$$ ( ),$ '$+ - # $%%#&'$$ & % " # # # " # $ ) )$ ) $$ # *$+$ $$ % &&

21 1.1 a: Circuito COMIECO,'$$$ $ '-' -' + %%$ + 4 %%'%* % ' '%+$ % %'-',5''-- 6''+' % 1 $'$ %* ' $$+' + ' % '2%%''$ % % 0 #' * 8 - +,$%$ *-' ' % %-' % '* $+./+' /+ '0' '% 7*'+ ''$%+' $+.$' +. %%'' ' ' %'- %& -+ %,' +' ' -. '% $ *$$' %' +%% * b: Circuito COMIECO,'$$$ $ '-' -' + %%$ + 4 %%'%* % ' '%+$ % %'-',5''-- 6''+' % 1 $'$ %* ' $$+' + ' % '2%%''$ % % 0 #' * # $% %%&''' ()# *% %''' * '' +%% $ ' $$+' +' *' $ $ ' 1.2: Circuito EXTRA - COMIECO,$%$ *-' ' % %-' % '* $+./+' /+ '0'' % 7*'+ ''$%+' $+.$' +. %%'' ' ' %'- %& -+ %,' +' ' -. '% $ *$$' %' +%% *,'$$$ $ '-' '' % + %%$+ 4 %%'%* % ' '%+$ % %'-',5''-- 6''+' % 0 #' * $%+'. % +'$ % %' '%'' * * : Altri imballaggi misti %,5''-- ' %$,5''-- ' " "

22 2.1: Circuito Rilegno, """ - $"$") *+(( ( #$" (*) (*) Qualora le impurità (f.e.) superino il 10% del totale conferito, il carico sarà respinto e si procederà con una delle seguenti opzioni: Cambio del codice CER in ingresso: il rifiuto sarà considerato come rifiuto indifferenziato (codice CER ), con la conseguente applicazione della tariffa corrispondente alla tipologia dei rifiuti in parola; Respingimento del mezzo: Il rifiuto potrà essere ricaricato sul mezzo conferitore e respinto dall impianto, con conseguente applicazione dei costi logistici (da determinare volta per volta). 2.2: Altri rifiuti di legno (Circuito Rilegno) $."/"$ $%$/". /""$)0 ( #$" (*) Qualora le impurità (f.e.) superino il 10% del totale conferito, il carico sarà respinto e si procederà con una delle seguenti opzioni: Cambio del codice CER in ingresso: il rifiuto sarà considerato come rifiuto indifferenziato (codice CER ), con la conseguente applicazione della tariffa corrispondente alla tipologia dei rifiuti in parola; Respingimento del mezzo: Il rifiuto potrà essere ricaricato sul mezzo conferitore e respinto dall impianto, con conseguente applicazione dei costi logistici (da determinare volta per volta). & ' ( %""" (*), -

23 " #$%%&& ' ( ( )**% + +$ 3.1: Rifiuti di vetro,-*+%./0 * +% - * *% %.*%% ' '/ 2 ( "(( 3.2: Altri rifiuti di vetro * )% + ' *% ) 1 ( )** * +

24 4.1: Circuito COREPLA 2 / / 3 // / 20//. + * 20// ''( $ " # " # Per percentuali di impurità (scarti) superiori al 20% del totale conferito, sarà applicata una maggiorazione agli oneri succitati pari a 20,00 /t. La valutazione della percentuale di impurità presente nel rifiuto sarà determinata con controlli trimestrali (analisi merceologiche) eseguite in contradditorio. Il risultato di tali indagini determinerà il corrispettivo da applicare nel trimestre successivo Qualora un comune/gestore deleghi direttamente il CIPNES "Gallura", lo stesso si impegna a corrispondere al comune/gestore il corrispettivo ricevuto da Corepla, al netto dei succitati oneri per le operazioni di ricevimento, selezione e prepulitura. Si specifica che l'importo da corrispondere sarà relativo alle tonnellate effettivamente conferite a Corepla, al netto delle frazioni estranee che verranno smaltite presso idoneo impianto di smaltimento. 4.2: Circuito extra - COREPLA 2 / 3 // / 20//. %& + * 20// ''( ')* ( $ + 4 ''5 ' 4.3: Altri rifiuti in plastica * - / 0// 1 * $.,* -. / * $,. 0 %&

25 5.1: Rifiuti di ferro " (*) Qualora le impurità (f.e.) superino il 10% del totale conferito, il carico sarà respinto e si procederà con una delle seguenti opzioni: Cambio del codice CER in ingresso: il rifiuto sarà considerato come rifiuto indifferenziato (codice CER ), con la conseguente applicazione della tariffa corrispondente alla tipologia dei rifiuti in parola; Respingimento del mezzo: Il rifiuto potrà essere ricaricato sul mezzo conferitore e respinto dall impianto, con conseguente applicazione dei costi logistici (da determinare volta per volta).

SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI

SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI Esempio di convenzione per Ente Pubblico - 2010 - C.I.P.N.E.S. SCHEMA DI CONVENZIONE BOZZA 2010 COMUNE DI.. PROVINCIA DI Convenzione per il servizio di trattamento e smaltimento dei RR.SS.UU. e assimilabili

Dettagli

% &. ( 8!9))& :9 +) &1; ;% &.66 %8(*))$ 5 5 5 1 <.$6 &$=$ > ; $

% &. ( 8!9))& :9 +) &1; ;% &.66 %8(*))$ 5 5 5 1 <.$6 &$=$ > ; $ &44444444444444444444 156 11 11 5 6 7 & &#$ - % &. ( 89))& :9 +) &1; ;% &.66 %8(*))$ 5 5 5 1 ; $ 55 1$ 1 4444444444444& 1 =$? 444444444444444444444444444444444444444444 & 1 444444444444444444444444444444444444

Dettagli

CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI LIQUIDI MEDIANTE AUTOSPURGO SCRITTURA PRIVATA AUTORIZZATIVA DEL CONFERIMENTO

CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI LIQUIDI MEDIANTE AUTOSPURGO SCRITTURA PRIVATA AUTORIZZATIVA DEL CONFERIMENTO CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI LIQUIDI MEDIANTE AUTOSPURGO SCRITTURA PRIVATA AUTORIZZATIVA DEL CONFERIMENTO L anno 20, il giorno del mese di, nella sede del Consorzio Industriale Provinciale

Dettagli

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE

C.E.R. DESCRIZIONE NOTE Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 133 Allegato parte integrante ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI ELENCO DEI RIFIUTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA LOCALI

Dettagli

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto

APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto APPENDICE I Elenco CER ammessi all impianto CER DESCRIZIONE 01.04.07* rifiuti contenenti sostanze pericolose, prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi 02.01.03 scarti di tessuti

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 129 82468 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale

Sommario. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Integrazione allo Studio di Impatto Ambientale Sommario 1. PREMESSE... 2 2. RIFIUTI ATTUALMENTE AMMESSI AL SISTEMA INTEGRATO... 4 3. CODICI OGGETTO DELL ISTANZA IN ESAME... 9 3.1 Rifiuti già ammessi al Sistema Integrato, ma con limitazioni nell A.I.A....

Dettagli

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica

ALLEGATO 10 Codici Tabella A e Tabella B rev.01 Allegato all Elaborato Tecnico 1 Relazione Tecnica IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot 100963 del

Dettagli

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative:

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative: Allegato CRITERI E PROCEDURE PER AMMISSIBILITA DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI IN DISCARICHE PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DAL 01/07/2009 AI SENSI DEL DM 3 AGOSTO 2005 Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. MODULO 1/11 Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo Spett.le RAP S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO.

Dettagli

OBBLIGHI AMMINISTRATIVI DI TRASMISSIONE DEI DATI e METODO DI CALCOLO DELLA %RD Corso di aggiornamento

OBBLIGHI AMMINISTRATIVI DI TRASMISSIONE DEI DATI e METODO DI CALCOLO DELLA %RD Corso di aggiornamento Servizio Osservatorio Rifiuti OBBLIGHI AMMINISTRATIVI DI TRASMISSIONE DEI DATI e METODO DI CALCOLO DELLA %RD Corso di aggiornamento Padova, 5 febbraio 2013 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA. DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I - TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente

PROVINCIA DI ANCONA. DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I - TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE del 25/07/2013 [n. 387 PROVINCIA DI ANCONA DIPARTIMENTO III Governo del Territorio SETTORE I TUTELA E VALORIZZAZIONE DELL AMBIENTE Area Ambiente Oggetto: Provvedimento n. 62/2013.

Dettagli

SINTESI NON TECNICA. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Sintesi non tecnica

SINTESI NON TECNICA. Sistema Integrato di Trattamento e Smaltimento RSU di Torretta di Legnago (VR) Sintesi non tecnica SINTESI NON TECNICA A seguito mutata situazione dei flussi di rifiuti urbani conferiti al Sistema Integrato di Torretta di, la Legnago Servizi S.p.A. (Le.Se.) si è vista costretta a considerare la possibilità

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: -

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - SICULA TRASPORTI S.R.L., con sede a Catania in Via Antonino

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI Premessa Allegato a) Come noto, in base alla disciplina di settore, i rifiuti vengono classificati urbani se prodotti dalle utenze domestiche

Dettagli

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI

ALLEGATO 3 LIMITI E PRESCRIZIONI RIFIUTI LIMITI E PRESCRIZIONI ALLEGATO 3 L autorizzazione integrata ambientale ai sensi del D.lgs 152/2006, è rilasciata alla Società ECO-WORKS S.r.l. per l esercizio dell impianto di raccolta, stoccaggio e trattamento

Dettagli

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI

PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11

Dettagli

TABELLA 1 Codice CER Descrizione R13 R12 SC R12 EI/A/DR/RV R3 02.01.04 rifiuti plastici (ad esclusione degli imballaggi) 03.01.01 scarti di corteccia e sughero 03.01.05 04.01.08 segatura, trucioli, residui

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO:

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 IL SINDACO PREMESSO: Ordinanza Sindacale n 86 del 19 Luglio 2011 PREMESSO: IL SINDACO CHE con Ordinanza del Commissario Delegato per l Emergenza Rifiuti nella Regione Campania ex O.P.C.M. 3653 del 30.01.2008 n 122 del 07.05.2008

Dettagli

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani

La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani La gestione dei rifiuti speciali assimilabili agli urbani Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano 1 Classificazione e codifica dei rifiuti 2 I criteri

Dettagli

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA

DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA DESCRIZIONE IMPIANTO E ATTIVITA La ditta Agrinord Srl gestisce un impianto di trattamento biologico di rifiuti urbani e speciali non pericolosi, mediante stabilizzazione aerobica (compostaggio) e digestione

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI

CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI CRITERI PER L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AGLI URBANI (Legge regionale 13 maggio 2009, n. 11 - art. 13, comma 2, lettera d) ALLEGATO P8 Idecom Srl Via Innsbruck, 33 39100 Bolzano OIKOS Progetti

Dettagli

COMUNE DI VILLENEUVE

COMUNE DI VILLENEUVE COMUNE DI VILLENEUVE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA SITA IN LOC. CHAMPLONG DESSUS NEL COMUNE DI VILLENEUVE DI 2^ CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI INERTI. Approvato

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Approvato con deliberazione dell assemblea comprensoriale n. 32 del 19.12.2002,modificato

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED

ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ALLEGATO D: ELENCO DELLE POSSIBILI TIPOLOGIE DI RIFIUTI CON IL RELATIVO CODICE CER CHE POTREBBERO ESSERE TRATTATI IN SEGUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE PRODUTTIVA ED ENERGETICA

Dettagli

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI

G2 AMBIENTE SRL Elenco CODICI CER/OPERAZIONI G2 AMBIENTE SRL Elenco CDICI CER/PERAZINI DESCRIZINE RECUPER LESI TRATTAMENT CENTRIFUGAZINE ED INERTIZZAZINE DEPSIT 01 05 04 fanghi e rifiuti di perforazione di pozzi per acque dolci 01 05 05* fanghi e

Dettagli

Deliberazione N.: 54 del: 28/01/2015

Deliberazione N.: 54 del: 28/01/2015 Deliberazione N.: 54 del: 28/01/2015 Oggetto : CONVENZIONE CON IL COMUNE DI MANERBIO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI DERIVANTI DAL PRESIDIO OSPEDALIERO DI MANERBIO.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

tra con sede legale in n. con sede legale in - impianto, l impianto ubicato nel Comune di, autorizzato

tra con sede legale in n. con sede legale in - impianto, l impianto ubicato nel Comune di, autorizzato SERVIZI COMUNALI S.p.A. CONTRATTO DI SMALTIMENTO Rifiuti solidi urbani e assimilati tra con sede legale in n., codice fiscale e partita I.V.A. n., in persona del Suo Legale Rappresentante sig. (di seguito

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Regione Autonoma Valle d Aosta COMUNE DI GRESSAN

Regione Autonoma Valle d Aosta COMUNE DI GRESSAN Regione Autonoma Valle d Aosta COMUNE DI GRESSAN REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA COMUNALE SITA IN LOC. PALLUES DI 2ª CATEGORIA DI TIPO A PER LO SMALTIMENTO DEFINITIVO DI RIFIUTI INERTI Approvazione

Dettagli

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia.

L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. L'Azienda Vescovo Romano & C. è attiva dal 1960, svolgendo quindi da oltre 40 anni un ruolo importante nel settore dell'ecologia. Al fine di ridurre l'impatto ambientale,si occupa del riciclaggio dei materiali

Dettagli

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE

Costo./ton Smaltimento Selezione Ritiro. Corrispettivo./ton DESCRIZIONE Costo 20 RIFIUTI URBANI (RIFIUTI DOMESTICI E ASSIMILABILI PRODOTTI DA ATTIVITÀ COMMERCIALI E INDUSTRIALI NONCHÉ DALLE ISTITUZIONI) INCLUSI I RIFIUTI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA 20 01 frazioni oggetto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO D APPALTO RELATIVO AL SERVIZIO BIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO FERROSI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI DERIVANTI DALLA

REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO D APPALTO RELATIVO AL SERVIZIO BIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO FERROSI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI DERIVANTI DALLA Contratto Rep. n. COMUNE DI BERCHIDDA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO REPUBBLICA ITALIANA CONTRATTO D APPALTO RELATIVO AL SERVIZIO BIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E CONFERIMENTO A RECUPERO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI

Dettagli

DATI CLIENTE. CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DEI MATERIALI (rifiuti speciali non pericolosi)

DATI CLIENTE. CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DEI MATERIALI (rifiuti speciali non pericolosi) DATI CLIENTE RAGIONE SOCIALE INDIRIZZO COMUNE P. IVA e CODICE FISCALE TEL e FAX e CELL. IBAN Indirizzo E-MAIL FOTOCOPIA di un DOCUMENTO CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DEI MATERIALI (rifiuti speciali

Dettagli

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE)

SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) SUB-ALLEGATO 1 ELENCO CODICI CER AMMESSI IN IMPIANTO DEMOLIZIONI POMILI SRL (LOCALITA PRATO DELLA CORTE) 1/6 CER AUTORIZZATI E RELATIVE OPERAZIONI ALLE QUALI POSSONO ESSERE SOTTOPOSTI CER RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani

Regolamento di assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani Premessa Il presente Regolamento è finalizzato a disciplinare l assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani, in ottemperanza a quanto previsto dall art. 198, comma 2., lettera g)

Dettagli

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE

LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE LINEE GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DA PARTE DEL PRODUTTORE Le linee guida di seguito proposte rappresentano un Vademecum per la gestione dei rifiuti speciali originatisi dall attività produttiva

Dettagli

e, p.c. ALLE PROVINCE DELLA REGIONE SICILIANA

e, p.c. ALLE PROVINCE DELLA REGIONE SICILIANA CIRCOLARI PRESIDENZA CIRCOLARE 30 aprile 2008. Dati sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani e sulla raccolta differenziata in Sicilia per l'anno 2007. ALLE SOCIETA' DI AMBITO DELLA REGIONE SICILIANA AI

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti,

LA GIUNTA REGIONALE. su proposta dell Assessore alle Attività produttive e Politiche dei rifiuti, DGR del 7 agosto 2010, n. 375 OGGETTO: Revisione del Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di cui alla D.G.R. 310/2009. LA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SMALTIMENTO DEI MATERIALI INERTI NELLE DISCARICHE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SMALTIMENTO DEI MATERIALI INERTI NELLE DISCARICHE COMUNALI COMUNE DI SOVER Provincia di Trento PP i iaa i zz zz aa SS. LL oo r ee nn zz oo nn. 11 22 33 88 00 44 88 SS OO VV EE RR (TT ( NN) ) PP..I I VV AA ee CC oo dd. FFi i iss cc. 00 00 33 77 11 88 77 00 22 22

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO. Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani

DOCUMENTO TECNICO. Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani DOCUMENTO TECNICO Metodo standardizzato di certificazione della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani Premessa La Regione Lazio è chiamata a garantire l adozione di una metodologia uniforme,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013

REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013 REGIONE PIEMONTE BU26 27/06/2013 Codice DB1014 D.D. 8 maggio 2013, n. 264 Approvazione dello schema di accordo relativo alla condivisione di informazioni ambientali in materia rifiuti tra Regione Piemonte

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Art.

REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Art. COMUNE DI MONTALTO DI CASTRO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO COMUNALE RELATIVO ALL ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI (ex D.Lgs.152/06, art. 198 comma g) Classificazione

Dettagli

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI BASE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI IN DISCARICA PER INERTI

SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI BASE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI IN DISCARICA PER INERTI SCHEDA DI CARATTERIZZAZIONE DI BASE PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI IN DISCARICA PER INERTI Il presente documento deve essere compilato per ottenere l eventuale consenso al conferimento ed in occasione

Dettagli

Metodologie di calcolo delle raccolte differenziate Firenze, Piazza Tasso, 7-8 (zona Porta Romana) Sala delle ex Leopoldine

Metodologie di calcolo delle raccolte differenziate Firenze, Piazza Tasso, 7-8 (zona Porta Romana) Sala delle ex Leopoldine presentazione delle studio ATIA-ISWA Italia sulle Metodologie di calcolo delle raccolte differenziate Firenze, Piazza Tasso, 7-8 (zona Porta Romana) Sala delle ex Leopoldine La raccolta differenziata nel

Dettagli

**** Tra. IL COMUNE DI, in persona del signor. , autorizzato alla stipula del presente

**** Tra. IL COMUNE DI, in persona del signor. , autorizzato alla stipula del presente SCHEMA DI CONTRATTO UNIFORME PER IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI, RACCOLTI IN MANIERA IN- DIFFERENZIATA DAI COMUNI SOCI DI AMBIENTE SPA, PRESSO L IMPIANTO DI TRATTAMENTO MECCANICO BIOLOGICO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 14/E. Roma, 17 gennaio 2006

RISOLUZIONE N. 14/E. Roma, 17 gennaio 2006 RISOLUZIONE N. 14/E Roma, 17 gennaio 2006 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza d interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 Tabella A parte III n. 127-sexiesdecies, quinquies, sexies

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

ALLEGATO 3 METODO STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI DELLA REGIONE CAMPANIA

ALLEGATO 3 METODO STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI DELLA REGIONE CAMPANIA ALLEGATO 3 METODO STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI DELLA REGIONE CAMPANIA PREMESSA Il decreto legge 23 maggio 2008, n. 90 convertito, con modificazioni,

Dettagli

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti

pulizia, sbucciatura, centrifugazione e separazione 02 03 05 Fanghi prodotti dal trattamento in loco degli effluenti 01 03 09 Fanghi rossi derivanti dalla produzione di allumina, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 10 Polveri e residui affini, diversi da quelli di cui alla voce 01 03 07 01 04 14 Rifiuti

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009)

Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009) Ambito Territoriale Ottimale per la gestione dei rifiuti (Art. 8 L.R. 11 del 13 maggio 2009) PIANO D AMBITO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ED ASSIMILATI (LINEE GUIDA D.G.R.n. 1229 DEL 7 settembre 2009

Dettagli

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8

SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 SUB-ALLEGATO 3 INTEGRAZIONE ALL ALLEGATO B GRUPPO DI MISCELAZIONE NPP8 Integrazione all Allegato B - gruppo di miscelazione NPP8 GRUPPO NPP8 solidi di natura prevalentemente inorganica Tipologie da miscelare:

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA Pag. 1 di 10 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA RIFIUTI URBANI (Isola Ecologica) Pag. 2 di 10 INDICE Art.- 1 - Accesso alla piattaforma ecologica - Tipologie di rifiuti ammesse e non alla piattaforma

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

PROCEDURA DI OMOLOGA DI UN NUOVO RIFIUTO PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE CO.R.D.A.R. VALSESIA S.P.A.

PROCEDURA DI OMOLOGA DI UN NUOVO RIFIUTO PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE CO.R.D.A.R. VALSESIA S.P.A. PROCEDURA DI OMOLOGA DI UN NUOVO RIFIUTO PRESSO L IMPIANTO DI DEPURAZIONE CO.R.D.A.R. VALSESIA S.P.A. La procedura di seguito descritta ha lo scopo di definire le modalità e le responsabilità di omologa

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Allegato 2) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Approvato con deliberazione n. 39 del 29/12/2011 Regolamento_AggDic2011_Approvato.doc pagina 2 di 13 Co.S.R.A.B.

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P.

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. 72 Rapagnanese; 2. Oggetto del presente regolamento è la gestione, l organizzazione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania Area Generale di Coordinamento Programmazione e Gestione Rifiuti ALLEGATO 2

Giunta Regionale della Campania Area Generale di Coordinamento Programmazione e Gestione Rifiuti ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 METODO STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI DELLA REGIONE CAMPANIA PREMESSA Il monitoraggio e la certificazione dei dati della R.D. dei Comuni,

Dettagli

ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536 4E Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi

ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536 4E Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi ISCRIZIONE ORDINARIA ALBO NAZ.GEST.AMBIETALI N. NA 536 4E Raccolta e trasporto di rifiuti speciali non pericolosi prodotti da terzi CER DESCRIZIONE 01 01 01 rifiuti da estrazione di minerali metalliferi

Dettagli

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.:

APPENDICE I. Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: APPENDICE I Elenco rifiuti pericolosi e relative operazioni autorizzate alla società G.S.A. s.r.l.: CER DESCRIZIONE 01 04 07* rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non metalliferi

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI

REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNE di CINQUEFRONDI (Provincia di Reggio Calabria) REGOLAMENTO CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI (Approvato con deliberazione di C.C. n. 7 del 30.4.2014) Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI TRA., nato a il, domiciliato per la carica in

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI TRA., nato a il, domiciliato per la carica in CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI SMALTIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI TRA, nato a, domiciliato per la carica in Monza, Via Canova n.3, che interviene in quest atto in nome, per conto e nell interesse

Dettagli

ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto

ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto C.E.R. 02 Rifiuti non pericolosi DESCRIZIONE QUANTITA (TONN/ANNO) 3.000 OPERAZIONE DI GESTIONE

Dettagli

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE **** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE Servizio di noleggio contenitori, trasporto, smaltimento o recupero dei rifiuti speciali provenienti da impianto di depurazione periodo dal 01-01-2016 al 31-12-2016.

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio Convegno Propostametodologica: analisi dell efficacia delle filiere di recupero di materia dai rifiuti Mercoledì 5 Novembre Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni

Dettagli

fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura,

fanghi prodotti da operazioni di lavaggio, pulizia, sbucciatura, REFECTA s.r.l. - ALLEGATO A Elenco rifiuti speciali non pericolosi e speciali pericolosi autorizzati, gestibili presso l impianto sito in Via Grotte di Nottola 21 Cisterna di Latina (LT) C.E.R. DESCRIZIONE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

C O M U N E di A R G E N T A REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA COMUNALE

C O M U N E di A R G E N T A REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA COMUNALE C O M U N E di A R G E N T A Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA DISCARICA COMUNALE - Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 05.05.1998 - Controllato dal C.R.C.

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D 1 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D. E DI UN SERVIZIO DI SMALTIMENTO SOVVALLI CONFERITI DALL ASIA NAPOLI SPA Disciplinare tecnico 2 1. Principi

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA PER UN PERIODO DI 36 MESI CUP B49E10001760004 CIG 0557130E34

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA PER UN PERIODO DI 36 MESI CUP B49E10001760004 CIG 0557130E34 Comune di San Colombano al Lambro - Provincia di Milano Via Monti, 47-20078 San Colombano al Lambro Tel. 03712931 - fax 0371897965 E mail: protocollo@comune.sancolombanoallambro.mi.it WWW.comune.sancolombanoallambro.mi.it

Dettagli

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTEGRATO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI [ D.lgs. 152/2006, art. 198; L.R. 24/2002, art. 4 ] Approvato con D.C. n. 26 del 07.08.2008

Dettagli

Metodo standard di certificazione delle percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani - 2008

Metodo standard di certificazione delle percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani - 2008 ALLEGATO 1 METODO STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI ------------------------------------------------ 1. PREMESSA Il seguente metodo standard di certificazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. (rinnovo comunicazione R13 ed R4 ai sensi dell art 216 del d.lgs 152/06)

RELAZIONE TECNICA. (rinnovo comunicazione R13 ed R4 ai sensi dell art 216 del d.lgs 152/06) RELAZIONE TECNICA Comunicazione R13 ed R4 ai sensi dell art 216 del D.Lgs. 152/06 BALASINI ROTTAMI SNC Via Tomba n 45 42045 Luzzara (RE) Sede impianto: via Tomba n 45-42045 LUZZARA (RE) Allegato 1 RELAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE APPALTO DI SERVIZI DI CONFERIMENTO RIFIUTI CER 150106

CAPITOLATO SPECIALE APPALTO DI SERVIZI DI CONFERIMENTO RIFIUTI CER 150106 CAPITOLATO SPECIALE APPALTO DI SERVIZI DI CONFERIMENTO RIFIUTI CER 150106 CAPITOLO I Natura ed oggetto dell appalto Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto la selezione e valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI

APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI APPENDICE I IMPIANTO TRATTAMEMTO RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLSI LINEA TRATTAMENTO BIOLOGICO (CAPACITÀ TECNICA DI TRATTAMENTO 20 mc/h) CER Descrizione Operazioni 02 01 01 fanghi da operazioni di lavaggio

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag.1 di 7

CAPITOLATO TECNICO. Pag.1 di 7 SERVIZIO DI CARICO, TRASPORTO E RECUPERO/VALORIZZAZIONE DI RIFIUTI DI LEGNO DA RACCOLTA DIFFERENZIATA (CODICE CER 20 01 38) E IMBALLAGGI IN LEGNO (CODICE CER 15 01 03) CAPITOLATO TECNICO Pag.1 di 7 Art.

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA DI CONFERIMENTO - ECOCENTRO COMUNALE - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO.

MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA DI CONFERIMENTO - ECOCENTRO COMUNALE - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO. MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA DI CONFERIMENTO - ECOCENTRO COMUNALE - DI VIA CECA ANGOLO VIA DEL LAVORO. Art. 1 Oggetto La stazione ecologica di conferimento di via Ceca è

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Spett.le CLIENTE. CER Urbani, CER xx.xx.99, CER non pericolosi (destinazione ex 2B), CER pericolosi

Spett.le CLIENTE. CER Urbani, CER xx.xx.99, CER non pericolosi (destinazione ex 2B), CER pericolosi Spett.le CLIENTE In allegato si trasmette l autorizzazione 5/2005 e le integrazione alla stessa, aut. 54/2005 e 83/2005. Si fa presente che, allo stato attuale, rimangono i criteri di accettabilità dei

Dettagli