PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE"

Transcript

1 PROVINCIA DI TORINO Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE AnnalisaIunco Raul Richiardone TORINO 18 dicembre 2014

2 SOMMARIO La normativa vigente in Regione Piemonte La procedura del Bollino Verde C.I.T. - Catasto Impianti Termici (ex SIGIT) Attività ispettiva sul territorio Normativa Tecnica

3 NORMATIVA STATALE LEGGE 10/91 D.P.R. 412/93 Rendimento energetico D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 Sicurezza impianti termici D.Lgs. 311/06 D.Lgs. 152/06 Manutenzione degli impianti termici D.M. 37/08 D.Lgs. 128/10 Autorizzazioni alle emissioni in atmosfera LEGGE 90/13 D.P.R. 74/2013 Nuovi modelli di libretto impianto e di rapporto di efficienza energetica D.M. 10/02/2014 D.Lgs. 102/14

4 NORMATIVA REGIONALE Legge Regionale n. 13 del 28 maggio 2007: Disposizioni in materia di rendimento energetico nell edilizia. D.G.R. del 30 settembre 2008 n : Disposizioni attuative della Legge Regionale 13/07 in materia di impianti termici. D.C.R. dell 11 Gennaio 2007 n : Stralcio di Piano per il Riscaldamento Ambientale ed il Condizionamento. D.G.R. del 4 agosto 2009 n nuovo testo del Piano D.G.R. del 23 novembre 2009 n proroga entrata in vigore D.G.R. del 01 marzo 2010 n proroga entrata in vigore D.G.R. del 22 marzo 2010 n fissa l entrata in vigore del Nuovo Stralcio di piano per il riscaldamento ambientale e il condizionamento per il 1 aprile 2010.

5 NORMATIVA REGIONALE DGR n del 3 agosto modifiche alla D.G.R. del 4 agosto 2009, n (limiti emissivi, tempistica di adeguamento impianti olio combustibile, gasolio, ecc ). DGR n del 27 aprile 2012 proroga alla termoregolazione e contabilizzazione del calore. DGR n del 06 agosto 2012 proroghe ai termini relativi all adeguamento emissivo dei generatori di calore. DGR n del 15 ottobre proroga all inserimento on-line dei rapporti di controllo tecnico al 30 giugno DGR n del 2 luglio 2013 dei rapporti di controllo tecnico bollinati. - proroga al 15 ottobre 2013 per l'inserimento on-line

6 NORMATIVA REGIONALE DGR n del 2 agosto 2013 proroghe ai termini relativi all adeguamento emissivo dei generatori di calore. DD 12 marzo 2014, n. 52 metodologia per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. DGR n del 4 agosto 2014 proroga del calore al 31/12/2016. alla termoregolazione e contabilizzazione DGR n del 6 ottobre 2014 disposizioni operative per la costituzione e gestione del catasto degli impianti termici in attuazione del D.Lgs Lgs.. 192/05 e smi e del DPR 74/13. Approvazione dei nuovi modelli di libretto di impianto e di rapporto di controllo di efficienza energetica. DGR n del 3 novembre 2014 integrazioni e rettifica errori materiali dei nuovi libretti di impianto e di rapporto di controllo di efficienza energetica ergetica di cui alla DGR 6 ottobre 2014, n

7 COMPETENZE IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI PROVINCE Controllo del rendimento energetico e manutenzione di tutti gli impianti termici. Controllo delle emissioni degli impianti termici finalizzati al riscaldamento di edifici non di civile abitazione. Autorizzazioni all emissione per impianti termici sopra soglia adibiti alla climatizzazione di ambienti non di civile abitazione. COMUNI Controllo delle emissioni degli impianti termici di civili abitazioni. Autorizzazioni all emissione per impianti termici sopra soglia adibiti alla climatizzazione di ambienti di civile abitazione. Controlli sulla sicurezza e corretta installazione degli impianti. SOGLIA Pn >= 3 MW (D.Lgs. 128/10)

8 PRINCIPALI OBBLIGHI NORMATIVI SUGLI IMPIANTI TERMICI IN

9 Nuovo Stralcio di Piano per il Riscaldamento Ambientale ed il Condizionamento Il testo del Nuovo Piano Stralcio è stato approvato dalla Regione Piemonte con D.G.R. 4 agosto 2009 n e smi. In vigore dal 1 aprile 2010 : dalla data di entrata in vigore, il regolamento sostituisce integralmente il precedente approvato con la D.C.R. 11 gennaio 2007 n Le indicazioni contenute si applicano agli interventi per i quali la richiesta di permesso di costruire o la denuncia di inizio attività (SCIA - Segnalazione certificata di inizio attività) sia presentata successivamente all entrata in vigore del provvedimento e, nel caso non siano previsti specifici titoli abilitativi, agli interventi realizzati successivamente all entrata in vigore dello stesso. Tali indicazioni sono cogenti in forza di quanto previsto dalla L.R. 43/2000 (art.6, comma 5) e dalla L.R. 13/2007. Non occorre pertanto esplicito recepimento dei contenuti del provvedimento all interno dei Regolamenti Edilizi comunali.

10 Definizione di impianto termico Impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento. Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kw. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate. (Legge 90/2013)

11 Prescrizioni sugli impianti termici PRESCRIZIONI Nel caso di installazione, in edifici esistenti, di generatori di calore con potenza nominale uguale o superiore a 100 kw è fatto obbligo di allegare, alla relazione tecnica di cui all art. 7, comma 1 della L.R. 13/2007, una diagnosi energetica dell edificio edificio e dell impianto impianto. PRESCRIZIONI Nel caso di sostituzioni di generatori di calore di potenza termica utile nominale inferiore a 35 kw non è richiesta la relazione di cui al comma 1, all art. 7 della L.R. 13/2007, ma solo la presentazione della dichiarazione di conformità ai sensi del D.M.37/2008.

12 Prescrizioni sugli impianti termici in edifici di cui alla Scheda 1* Gli edifici di cui alla Scheda 1 con un numero di unità abitative fino a 4 possono essere dotati di impianti termici con generazione di calore separata per singola unità abitativa. Gli impianti termici installati in edifici di cui alla Scheda 1 con un numero di unità abitative superiore a 4 devono essere di tipo centralizzato e dotati di termoregolazione e contabilizzazione del calore per ogni singola unità abitativa. * SCHEDA 1 Edifici adibiti a: E. 1 (1) Abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo, quali abitazioni civili e rurali, collegi, conventi, case di pena, caserme E. 1 (2) Abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria, quali case per vacanze, fine settimana e simili E. 1 (3) Albergo, pensione ed attività similari Fanno riferimento a questa scheda le attività commerciali, artigianali, di servizio e assimilabili, che sono inserite in edifici classificati nella categoria E (1) del D.P.R. 412/1993.

13 Termoregolazione e contabilizzazione del calore negli edifici di cui alla Scheda 1 Tutti gli edifici la cui costruzione è stata autorizzata dopo il DEVONO già essere dotati di termoregolazione e contabilizzazione del calore per singola unità abitativa (ove tecnicamente possibile). Gli edifici esistenti di cui alla Scheda 1, la cui costruzione è stata autorizzata prima del , devono essere sottoposti agli interventi necessari per permettere, ove tecnicamente possibile, la termoregolazione e la contabilizzazione del calore per singola unità abitativa nel caso di nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti o ristrutturazione di impianti termici oppure venga sostituito il generatore di calore (comprendendosi nel concetto di sostituzione del generatore di calore l allacciamento ad una rete di teleriscaldamento) e in ogni caso ENTRO IL 31 DICEMBRE 2016 A seguito della realizzazione degli interventi finalizzati a consentire la termoregolazione e la contabilizzazione del calore il responsabile dell impianto è tenuto a inviare apposita comunicazione al Comune. Nei casi di impossibilità tecnica i medesimi dovranno essere giustificati mediante perizia asseverata da parte di un tecnico abilitato, da inoltrasi al Comune a cura del responsabile dell impianto.

14 Deroghe sugli impianti termici in edifici di cui alla Scheda 1 Negli edifici di nuova costruzione di cui alla Scheda 1 con un numero di unità abitative superiore a 4 è consentita, in alternativa all installazione dell impianto termico centralizzato, l installazione di sistemi di climatizzazione separati per ogni unità abitativa basati esclusivamente su pompe di calore prive di sistemi di combustione e aventi caratteristiche conformi a quanto indicato nell Allegato 4 del nuovo Stralcio di Piano. Nel caso di locali destinati ad attività commerciali, artigianali, di servizio e assimilabili, facenti parte di edifici di nuova costruzione classificati nella categoria E(1) del DPR 412/1993, è consentita, anche in presenza di impianto termico centralizzato a servizio delle restanti unità abitative, l installazione di pompe di calore prive di sistemi di combustione, purché rappresenti l unico dispositivo adibito a tale funzione.

15 GENERATORI DI CALORE obblighi I generatori di calore da installarsi in edifici di nuova costruzione o in edifici esistenti devono garantire in condizioni operative: 1. rendimenti non inferiori a η log. Pn. (quelli previsti per la classe 4 stelle ); 2. NOx a 80 mg/kwht (70 mg/kwht per generatori di calore con potenza nominale Pn <35 kw alimentati a gas naturale o a GPL); 3. particolato fine (PM10) 10 mg/kwh. Il fattore di emissione relativo al PM10 si ritiene rispettato per i generatori di calore e i generatori di aria calda aventi le caratteristiche sopra riportate, alimentati a gas naturale, GPL, biogas, gasolio, emulsioni acqua-gasolio e biodiesel.

16 GENERATORI DI CALORE deroghe- Deroga all installazione di impianti con η log P n (due stelle) nel caso siano utilizzati come integrazione o riserva a reti di teleriscaldamento. Negli interventi che prevedono la sostituzione di un generatore di calore esistente, possono essere accettate deroghe ai livelli di rendimento fissati nei casi in cui la necessità di scaricare i fumi di combustione in canne fumarie ramificate non permetta, per ragioni di sicurezza, l installazione di generatori di calore in grado di garantire le prestazioni energetiche previste. In questi casi il generatore di calore installato dovrà essere caratterizzato da un rendimento non inferiore a η log Pn (2 stelle) se di tipo B a tiraggio naturale o non inferiore a η log Pn (3 stelle) se di tipo C a tiraggio naturale. Generatori ad aria calda: devono garantire un rendimento termico utile non inferiore a η log Pn (3 stelle) nonché prestazioni emissive conformi a quanto previsto per i generatori di calore ad acqua calda alimentati dallo stesso tipo di combustibile. Non sono soggetti alle prescrizioni dei valori emissivi ed energetici, i generatori di calore di Pn < a 35 kw finalizzati esclusivamente alla produzione di ACS.

17 GENERATORI DI CALORE deroghe impianti a gasolio - Nel caso di installazione in edifici di nuova costruzione o in edifici e esistenti, di generatori di calore alimentati a gasolio, emulsioni acqua-gasolio e biodiesel è consentito, se sussistono le condizioni esplicitate nella deliberazione del 3 agosto 2011 n e s.m.i., l utilizzo di generatori caratterizzati da un rendimento energetico non inferiore a η log Pn (classe quattro stelle), NOx <= a 120 mg/kwht e PM10 <= 10 mg/kwh. Nel caso di adeguamento di generatori di calore alimentati a gasolio, emulsioni acqua- gasolio e biodiesel installati al 24/02/2007 è consentito, se sussistono le condizioni esplicitate nella deliberazione del 3 agosto 2011 n e s.m.i., considerare come requisito minimo emissivo di riferimento per quanto riguarda gli ossidi di azoto (NOx), un valore inferiore o uguale a 120 mg/kwht kwht. C O N D I Z I O N I - non siano disponibili, sul mercato, generatori di calore aventi la Pn nominale di interesse, in grado di rispettare la prestazione emissiva relativa agli ossidi di azoto (NOx) pari ad 80 mg/kwht. Tale condizione non è verificata quando i generatori medesimi siano reperibili presso almeno tre produttori indipendenti operanti sul mercato europeo; - non sia tecnicamente possibile, al fine del rispetto della citata prestazione emissiva, la scelta di utilizzare altri combustibili per i generatori di calore; -non sia disponibile una rete di teleriscaldamento in grado di soddisfare l utenza termica altrimenti servita dal generatore di calore in questione Le suddette condizioni devono essere attestate da un tecnico abilitato mediante idonea perizia, da inoltrarsi al Comune a cura del responsabile dell impianto

18 GENERATORI DI CALORE A BIOMASSA Per i generatori di calore alimentati a legna da ardere o a biomassa solida, come individuate alle lettere f) e h) del paragrafo 1, sezione 2, parte I dell Allegato X alla Parte quinta del D.Lgs. 152/2006 e smi, devono essere rispettati i limiti emissivi disposti dal D.Lgs. 152/2006, allegati alla parte V, allegato IX, parte III, sezione II, integrati da quanto previsto nell Allegato 2 Sezione A del Nuovo Stralcio di Piano per gli interventi in zona di piano, oppure Sezione B per gli interventi in zona di mantenimento.

19 GENERATORI DI CALORE AD ACQUA CALDA - TABELLA RIEPILOGATIVA - Requisiti emissivi Requisiti energetici NOx espresso come NO 2 Rendimento termico PM (mg/kwh) (mg/kwh) (valore in %) Combustibili gassosi 80 o 70 se Pn 1 <35 kw 10 ηg = (93+2Log Pn) (4 stelle) Combustibili liquidi (incluse le ηg = (93+2Log Pn) (4 stelle) biomasse liquide) deroga a 120 mg/kwh * Combustibili solidi (escluse le biomasse solide e la legna da ardere) ηg = (93+2Log Pn) (4 stelle) Biomasse solide e legna da ardere Allegato 2 Sez. a) e b) Allegato 2 Sez. a) e b) Allegato 2 Sez. a) e b) 1 Il valore di Pn è da intendersi riferito alla potenza nominale complessiva dell impianto termico * Esclusivamente per generatori di calore alimentati a gasolio, emulsioni acqua-gasolio e biodiesel se sussistono le condizioni di cui alla DGR del 3 agosto 2011 n e s.m.i GENERATORI DI CALORE AD ARIA CALDA I sistemi di generazione di aria calda devono garantire un valore di rendimento termico utile, in condizioni operative, non inferiore a tre stelle, nonché prestazioni emissive conformi a quanto riportato nella tabella precedente per i diversi tipi di combustibile.

20 Adeguamento generatori di calore installati al 24/02/2007 ADEGUAMENTO REQUISITI EMISSIVI Pot (kw) GN, GPL, Gas di città Pn < 35 01/09/2015 GN, GPL, Gas di città 35 < Pn <= /12/2014 GN, GPL, Gas di città 300 < Pn <= /12/2014 GN, GPL, Gas di città Pn > /09/2011 gasolio e Kero, biodiesel, emulsioni e biogas Pn < 35 01/09/2015 gasolio e Kero, biodiesel, emulsioni e biogas 35 < Pn <= /12/2014 gasolio e Kero, biodiesel, emulsioni e biogas Pn > /06/2012 Olio comb., emulsioni, biomasse liquide, comb. solidi Pn > /06/2012 ADEGUAMENTO REQUISITI ENERGETICI E possibile posticipare l adeguamento energetico (vedi Allegato 5) al 1/9/2020. I limiti di emissione e i requisiti energetici a cui adeguare gli impianti sono riportati nella Tabella B del nuovo Piano Stralcio.

21 Adeguamento generatori di calore a legna da ardere o biomassa solida Entro il 01 settembre DAL 1/ SETTEMBRE/ ADEGUAMENTO REQUISITI ENERGETICI E possibile posticipare l adeguamento energetico al 1/9/2020. I limiti di emissione e i requisiti energetici a cui adeguare gli impianti sono riportati nell Allegato 2 (sez. A e B) del Nuovo Stralcio di Piano.

22 FONTI RINNOVABILI In forza di quanto previsto dalla L.R. n. 13/2007, si ribadisce che in caso di nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti o di ristrutturazione di impianti termici sussiste l obbligo di coprire il 60% del fabbisogno annuale per la produzione di acqua calda sanitaria mediante impianti solari termici o, nel caso di impossibilità tecnica, con altra fonte rinnovabile. Per quanto riguarda il calcolo del fabbisogno annuale, nonché i casi di deroga, si rimanda alla D.G.R. 4 agosto 2009 n Disposizioni attuative in materia di impianti solari termici, impianti da fonti rinnovabile e serre solari (L.R. 13/2007 art. 21, comma 1, lett. g) e p)).

23 SCARICHI FUMI I condotti per lo scarico dei prodotti della combustione, derivanti da qualsiasi tipologia di generatore di calore, devono essere realizzati in modo tale da superare s qualsiasi ostacolo o struttura distante meno di dieci metri. Eventuali deroghe possono essere concesse con provvedimento del responsabile della struttura comunale competente. DEROGHE ALLO SCARICO Questo concetto generale espresso dalla DGR regionale è affiancato dalla normativa nazionale (art. 5 del d.p.r. 412/93 modificato sia dall art. 17bis della l. 90/2013 che dall art. 14, commi 8 e 9 del D.Lgs. 102/2014), che prevede limitate possibilità di deroga. Vedasi FAQ V12 al seguente indirizzo internet:

24 MISURA DEGLI NOx Nell ambito della attività finalizzate ai controlli di efficienza energetica dei generatori di calore, dal 01/01/2011 deve essere anche rilevato, in condizioni di potenza nominale, il valore delle emissioni di ossidi di azoto (NOx), espresso in p.p.m. e riferito a gas secco e ad una concentrazione volumetrica di ossigeno pari al 3%. Con D.D. del 12 marzo 2014, n. 52, la Regione Piemonte ha chiarito le metodologie per la misura e il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. ili.

25 OLIO COMBUSTIBILE 1. Divieto di utilizzo dal 01 settembre 2007 in tutti i generatori di calore di Pn 300 kw (D.Lgs. 152/06). 2. Obbligo di adeguamento emissivo entro il per i generatori di calore di Pn > 300 kw: (NOx = 80 mg/kwh, PM10 = 10 mg/kwh) (D.G.R. n come modificata dalla D.G.R. n del 3/8/2011). 3. Divieto di utilizzo dal 26 Agosto 2010 in tutti i nuovi impianti termici di Pn < 3 MW l utilizzo dell olio combustibile. (D.Lgs. 128/2010) 4. Adeguamento alle disposizioni del Titolo II dal 01/09/2017 per gli impianti esistenti e già autorizzati ai sensi del D.Lgs. 152/06 (art. 3, comma 32 del D.Lgs. 128/2010) di Pn compresa fra 300 < Pn < 3000 kw. ATTENZIONE gli impianti di cui al punto 4 devono comunque essere in regola con le prestazioni emissive fissate al punto 2 Negli impianti termici civili di Pn inferiore a 3 MW possono essere utilizzati esclusivamente i combustibili riportati dall Allegato X alla parte quinta del D.Lgs. 152/2006 così come modificato dal D.Lgs. 128/2010.

26 OBBLIGHI DELL INSTALLATORE/MANUTENTORE ALL ATTO DELL INSTALLAZIONE Rilascio della Dichiarazione di Conformità Compilazione on-line del Libretto d impianto Compilazione e rilascio del primo Rapporto di controllo di efficienza energetica Prova del Rendimento di combustione Terzo Responsabile Autorizzazione all emissione in atmosfera di impianti termici civili

27 Dichiarazione di conformità Deve essere rilasciata in 3 copie: 1 da dare al committente; 1 per il proprio archivio; fac simile 1 da trasmettere allo sportello unico del Comune nel caso si sia già in possesso del certificato da agibilità; in caso contrario questa copia deve essere data allo stesso committente allo scopo di richiedere tale certificato. Il modello di dichiarazione di conformità era stato modificato con il Decreto 19 maggio 2010

28 Dichiarazione di Conformità Modello di dichiarazione Il D.Lgs. 128/10 ha introdotto che nel corso delle verifiche finalizzate alla dichiarazione di conformità, per gli impianti di potenzialità superiore a 35 kw, l installatore verifica e dichiara anche che l impianto è conforme alle caratteristiche tecniche di cui all articolo 285 ed è idoneo a rispettare i valori limite di cui all articolo 286 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Tali dichiarazioni devono essere espressamente riportate in un atto allegato alla dichiarazione di conformità, e messo a disposizione del responsabile dell esercizio e della manutenzione dell impianto da parte dell installatore entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori. (riferimento art. 284 comma 1 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.). Sanzioni / Sospensioni Sanzioni irrogate dalle C.C.I.A.A: - da 100 a 1000 Euro per mancato rilascio della Dichiarazione di Conformità; - per più di 3 violazioni o per particolari gravità sono possibili sospensioni temporanee dall iscrizione al registro delle imprese.

29 Libretto d impianto La Regione Piemonte con D.G.R. del 6 ottobre 2014 n e D.G.R. n del 3 novembre 2014 ha pubblicato i nuovi modelli di libretto di impianto e di rapporto di controllo di efficienza energetica. In vigore dal 15 ottobre 2014 L impianto DEVE essere registrato sul CIT Non è necessaria una copia cartacea del libretto da rilasciare al cliente. Sarà cura del Responsabile, laddove richiesta stamparla e firmarla. In caso di ispezione DEVE essere stampata una copia cartacea del libretto Se non è rilasciata copia cartacea del libretto si DEVE rilasciare una dichiarazione di avvenuta esecuzione dell intervento La dichiarazione di avvenuta esecuzione dell intervento è scaricabile al seguente indirizzo sistemapiemonte.it/cms/privati/ambiente-e-energia/servizi/810- catasto-impianti impianti-termici/3173-documenti-utili-per-i-manutentori

30 Fac-simile di Dichiarazione di Avvenuta esecuzione dei lavori

31 Compilazione e rilascio del libretto d impianto e del primo Rapporto di efficienza energetica La ditta installatrice all atto della prima messa in servizio dell impianto deve effettuare la misurazione del rendimento di combustione (rif. art. 8 DPR 74/13 ) e rilasciare il primo rapporto di efficienza energetica. Il rapporto di controllo di efficienza energetica ed il libretto di impianto devono essere trasmessi on-line al Catasto Impianti Termici entro 60 gg dalla loro redazione (90 gg fino al 31 gennaio 2015 rif. DGR n del 6 ottobre 2014 )

32 Prova del Rendimento di combustione Generatori ad acqua calda Installati prima del 29/10/1993 Installati tra il 29/10/1993 e il 31/12/97 Rendimenti minimi di combustione η log Pn η log Pn Installati tra il 1/1/1998 e il 7/10/2005 Caldaia standard Caldaia a bassa temperatura Caldaia a condensazione η log Pn η 87,5 + 1,5 log Pn η 91+ log Pn Installati tra l 8/10/2005 e il 23/2/2007 Caldaia a condensazione Generatore di calore (esclusa condensazione) η log Pn η log Pn Installati dal 24/2/2007 η log Pn Riferimenti Normativi : D.P.R. 74/2013 e D.G.R. del 4 agosto 2009 n

33 Prova del Rendimento di combustione Generatori ad aria calda Installati prima del 29/10/1993 Installati tra il 29/10/1993 e il 23/2/2007 Installati dopo il 24/02/2007 Rendimenti minimi di combustione η log Pn η log Pn η log Pn

34 Prova del Rendimento di combustione Norma UNI Generatori di calore. Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione (in vigore dal settembre 2009) prevede che: la misura del rendimento di combustione va ripetuta 3 volte; il valore del rendimento di combustione è quello risultante dalla media di tre misure; in assenza di prescrizioni più restrittive fornite dal costruttore, lo strumento di misura DEVE essere verificato e tarato almeno una volta ogni 12 mesi.

35 Terzo Responsabile In nessun caso vi è l obbligo di nominare un terzo responsabile. In caso di impianti non conformi alle vigenti disposizioni, la delega NON può essere rilasciata, salvo che nell atto sia espressamente conferito l incarico di procedere alla loro messa a norma. L atto di assunzione di responsabilità da parte del terzo, anche come destinatario delle sanzioni amministrative, deve essere redatto in forma scritta contestualmente all atto di delega. Il terzo responsabile comunica tempestivamente in forma scritta al delegante l esigenza di effettuare gli interventi non previsti al momento dell atto di delega. Nel caso di condomini il delegante deve espressamente autorizzare con apposita delibera condominiale il terzo responsabile ad effettuare i predetti interventi entro 10 giorni dalla comunicazione facendosi carico dei relativi costi. In assenza di deliberazione condominiale nei detti termini la delega di terzo responsabile decade automaticamente.

36 Terzo Responsabile Il Terzo Responsabile informa l autorità competente: - della delega ricevuta entro 10 giorni lavorativi; - della eventuale revoca dell incarico o rinuncia allo stesso entro 2 giorni lavorativi; - della decadenza automatica per assenza della deliberazione condominiale di autorizzazione a procedere agli interventi necessari (adeguamento normativo ecc.) entro due giorni lavorativi. La delega al terzo responsabile non è consentita nel caso di singole unità immobiliari residenziali in cui il generatore o i generatori non siano installati in locale tecnico esclusivamente dedicato. Per impianti con potenza superiore a 350 kw il terzo responsabile deve essere in possesso di certificazione UNI EN ISO 9001 relativa all attività di gestione e manutenzione degli impianti termici, o attestazione rilasciata ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, nelle categorie OG 11, impianti tecnologici, oppure OS 28 (impianti tecnici di condizionamento).

37 Autorizzazione all emissione in atmosfera di impianti termici civili Tutti gli impianti termici civili che hanno potenzialità uguale o maggiore a 3 MW, a prescindere dal tipo di combustibile e dalla data d installazione, sono disciplinati dal Titolo I del decreto D.Lgs. 152/06 e smi. Per tali impianti è necessaria l autorizzazione all emissione in atmosfera. Competenze: i Comuni per impianti termici che riscaldano edifici adibiti a civile abitazione*, le Province per impianti termici che riscaldano edifici industriali, del terziario, pubblici ecc La Regione Piemonte con D.D. 21 novembre 2011, n D.Lgs. 3 aprile 2006 n Autorizzazione di carattere generale per le emissioni in atmosfera provenienti da stabilimenti in cui sono eserciti impianti di climatizzazione - ha predisposto le vie generali per l autorizzazione alle emissioni in atmosfera dei suddetti impianti. *Vengono considerati edifici di civile abitazione le tipologie di edifici rientranti nella categoria E1 di cui all articolo 3, comma 1 del DPR 26 agosto 1993, n 412 e di seguito elencate: E1 Edifici adibiti a residenza e assimilabili: E1(1) abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo, quali abitazioni civili e rurali, collegi, conventi, case di pena, caserme; E1(2) abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria, quali case vacanze, fine settimana e simili; E1(3) edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari. con l avvertenza che rientrano in detta categoria le attività commerciali, artigianali, di servizio e assimilabili, inserite in edifici classificati nella categoria E1.

38 ALL ATTO DELLA MANUTENZIONE Periodicità della manutenzione Compilazione dei rapporti di controllo di efficienza energetica Compilazione del libretto d impianto o di centrale

39 PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI (ART. 7 DPR 74/13) Eseguite SOLO da ditte abilitate ai sensi del DM 37/2008 Periodicità: 1. Conformemente a quanto previsto nelle istruzioni tecniche per l uso e la manutenzione rese disponibili dall impresa installatrice dell impianto. 2. Conformemente alle prescrizioni contenute nelle istruzioni tecniche relative allo specifico modello elaborate dal fabbricante ai sensi della normativa vigente. 3. Secondo le prescrizioni e la periodicità prevista dalle normative UNI CEI per lo specifico elemento o tipo di apparecchio o dispositivo. 4. Gli installatori e i manutentori degli impianti termici, nell ambito delle rispettive responsabilità, devono definire e dichiarare esplicitamente al committente o all utente, in forma scritta e e facendo riferimento alla documentazione tecnica del progettista dell impianto o del fabbricante degli apparecchi: a) quali siano le operazioni di controllo e manutenzione necessarie; b) con quale frequenza devono essere eseguite le operazioni di controllo e manutenzione.

40 COTROLLO DELL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI In occasione degli interventi di controllo ed eventuale manutenzione su impianti termici di climatizzazione invernale di Pn termica utile nominale maggiore di 10 kw e sugli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kw si effettua un controllo di efficienza energetica con la seguente periodicità.

41 COTROLLO DELL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI I controlli di efficienza energetica devono essere inoltre realizzati: a) all atto della prima messa in esercizio dell impianto a cura dell installatore; b) nel caso di sostituzioni degli apparecchi del sottosistema di generazione; c) nel caso di interventi che non rientrano tra quelli periodici, ma tali da poter modificare l efficienza energetica. Al termine delle operazioni di controllo l operatore provvede a redigere e sottoscrivere uno specifico Rapporto di Efficienza Energetica che dovrà essere registrato sul Catasto Impianti Termici.

42 ANOMALIE RISCONTRATE NEL CORSO DEI CONTROLLI DI EFFICIENZA ENERGETICA O DELLE ISPEZIONI I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo, siano stati rilevati rendimenti di combustione inferiori ai limiti fissati e non riconducibili a tali valori mediante operazioni di manutenzione, devono essere sostituiti entro 180 giorni solari a partire dalla data del controllo. Ove il responsabile si avvalga della facoltà di richiedere, a sue spese, un ulteriore verifica da parte dell autorità competente ai sensi dell articolo 9 del citato decreto, tale scadenza viene sospesa fino all ottenimento delle definitive risultanze di tale verifica. I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo, siano stati rilevati rendimenti di combustione inferiori a quelli fissati sono comunque esclusi dalla conduzione in esercizio continuo. Le macchine frigorifere e le pompe di calore per le quali nel corso delle operazioni di controllo sia stato rilevato che i valori dei parametri che caratterizzano l efficienza energetica siano inferiori del 15 per cento rispetto a quelli misurati in fase di collaudo o primo avviamento riportati sul libretto di impianto, devono essere riportate alla situazione iniziale, con una tolleranza del 5 per cento.

43 Il NUOVO SISTEMA DI CENSIMENTO DEGLI IMPIANTI TERMICI IN REGIONE PIEMONTE

44 IERI Bollino Verde era un sistema di censimento degli impianti termici civili entrato in vigore in Regione Piemonte il 15 ottobre Era gratuito, obbligatorio e gestito a livello provinciale. I rapporti di controllo tecnico dovevano essere caricati sul SIGIT. Sistema utilizzato fino al 14 ottobre 2014 OGGI Dal 15 ottobre 2014 il Bollino Verde è Regionale, gratuito, obbligatorio, non più cartaceo. Il libretto di impianto e i rapporti di efficienza energetica devono essere registrati on-line sul nuovo Catasto Impianti Termici (C.I.T). Gli interventi di manutenzione di cui all art.7 del DPR 74/2013 (manutenzioni periodiche) non si riportano nel libretto della Regione Piemonte e al momento neanche nel CIT. Al fine di agevolare i manutentori è stato predisposto un fac-simile per le operazioni di manutenzione che, al momento, deve essere rilasciato al responsabile di impianto in solo formato cartaceo.

45 IMPRESE ABILITATE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio ed abilitate alla manutenzione degli impianti termici che hanno seguito i seminari di abilitazione/aggiornamento organizzati dalle Province (obbligo di partecipazione per il responsabile tecnico della ditta) e sottoscritto l apposito disciplinare previsto dalla Regione Piemonte. Il Disciplinare compilato e firmato dal Legale Rappresentante dell impresa, deve essere trasmesso alla CCIAA di Torino. Solo ad avvenuta registrazione da parte della CCIAA in un apposito elenco regionale sarà possibile per l impresa acquisire i bollini verdi e i codici impianto attraverso il sistema informativo CIT. Il Bollino Verde è valido solo sul territorio della Regione Piemonte. Il bollino verde deve essere apposto, in occasione del controllo di efficienza energetica, obbligatoriamente secondo le periodicità indicate dall Allegato A del DPR 74/2013.

46 Trasmissione dei rapporti di efficienza energetica con bollino verde Entro sessanta giorni dalla compilazione, il rapporto di efficienza energetica con bollino verde va trasmesso a cura del manutentore/installatore all autorità competente attraverso la procedura on line C.I.T. La trasmissione in forma cartacea NON è ammessa

47 IMPORTANTE Per ottemperare a quanto previsto dalle nuove disposizioni in materia di impianti termici e non incorrere in eventuali sanzioni amministrative per non aver apposto il bollino, è indispensabile che il responsabile dell impianto si rivolga ad imprese abilitate al rilascio del bollino verde. Come conoscere le imprese abilitate E disponibile, collegandosi alla pagina l elenco delle imprese abilitate al rilascio del bollino verde.

48 ok

49 LIBERO ACCESSO

50 L UNICA MODALITA DI TRASMISSIONE DEI RAPPORTI DI EFFICIENZA ENERGETICA BOLLINATI E E QUELLA ON LINE ATTRAVERSO IL CARICAMENTO SUL CATASTO IMPIANTI TERMICI (C.I.T.)

51 ATTIVITA ISPETTIVA

52 Ispezioni sugli impianti termici Le ispezioni si effettuano su impianti di climatizzazione invernale di Pn termica utile nominale non minore di 10 kw e di climatizzazione estiva di Pn termica utile nominale non minore di 12 kw. I risultati delle ispezioni sono allegati al libretto di impianto. Per gli impianti di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale compresa tra 10 kw e 100 kw, alimentati a gas, metano o gpl e per gli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale compresa tra 12 e 100 kw l accertamento del rapporto di controllo di efficienza energetica inviato dal manutentore o terzo responsabile è ritenuto sostitutivo dell ispezione ispezione. In caso di affidamento a organismi esterni delle attività di ispezione sugli impianti termici, questi devono comunque soddisfare i requisiti minimi di cui all Allegato C del DPR 74/13.

53 Ispezioni sugli impianti termici Le ispezioni sono programmate in base ai seguenti criteri e priorità: Impianti per cui non sia pervenuto il rapporto di controllo di efficienza energetico o per i quali in fase di accertamento siano emersi elementi di criticità. Impianti dotati di generatori o macchine frigorifere con anzianità superiore a 15 anni. Impianti dotati di generatori a combustibile liquido o solido con Pn utile nominale superiore a 100 kw, ispezioni sul 100 per cento degli impianti ogni due anni. Impianti dotati di macchine frigorifere con potenza termica utile nominale superiore ai 100 kw: ispezioni sul 100 per cento degli impianti, ogni quattro anni. Impianti dotati di generatori a gas con potenza termica utile nominale superiore a 100 kw e impianti dotati di generatori a combustibile liquido o solido con potenza termica utile nominale compresa tra 20 e 100 kw: ispezioni sul 100 per cento degli impianti, ogni quattro anni. Gli impianti, di cui all articolo 8, comma 7 del DPR 74/13, per i quali dai rapporti di controllo dell efficienza energetica risulti la non riconducibilità a rendimenti superiori a quelli fissati nell Allegato B del medesimo decreto.

54 Ispezioni su impianti bollinati Eseguite da ARPA Piemonte - senza onere per il responsabile dell impianto - (L.R. 13/2007) Ispezioni su impianti non bollinati e impianti di condizionamento Eseguite dalle Province, ovvero dagli enti locali dalle stesse delegati (Comuni); per lo svolgimento delle ispezioni, le Province possono incaricare anche organismi esterni in possesso dei requisiti di cui all allegato I del D.P.R. 412/93 e s.m.i.; le Province annualmente devono effettuare ispezioni nella misura minima del 5% degli impianti privi di bollino verde stimati sul proprio territorio; l ispezione è onerosa ed i relativi costi sono a carico del responsabile dell esercizio e della manutenzione; ispezioni (gratuite) degli impianti di condizionamento d aria di Pu > 12 kw.

55 Sanzioni Il responsabile dell'esercizio e della manutenzione che non ottempera al compito di mantenere in esercizio gli impianti termici e di provvedere affinché siano eseguite le operazioni di controllo e di manutenzione, secondo le prescrizioni della normativa vigente, è punito con la sanzione amministrativa da euro 500,00 a euro 3.000,00. Il responsabile dell'esercizio e della manutenzione, che provvede affinché siano eseguite le operazioni di controllo di efficienza energetica senza osservare le modalità previste all'articolo 10 della L.R. 13/07, è punito con la sanzione amministrativa da euro 100,00 a euro 600,00 graduata in relazione alla potenza dell'impianto, e provvede altresì ai sensi dello stesso articolo 10, entro il termine di trenta giorni dalla data di accertamento dell'infrazione. Il Legale Rappresentante dell'impresa incaricata del controllo e della manutenzione, che non ottempera ai doveri sanciti all'articolo 9, commi 2, 3 e 4 della Legge Regionale 13/2007, è punito con la sanzione amministrativa da euro 1.000,00 a euro 6.000,00. L'autorità che applica la sanzione ne dà comunicazione alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di appartenenza per i provvedimenti disciplinari conseguenti.

56 Sanzioni sulla Termoregolazione e Contabilizzazione del calore Sino al 31 dicembre 2016 NEI CASI DI OMESSA INSTALLAZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Nel caso venga sostituito il generatore di calore o sia effettuato l allacciamento alla rete di teleriscaldamento si applica la sanzione amministrativa da euro 516,00 a euro 2.582,00 a carico dell installatore (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06). Nel caso vengano realizzati interventi di nuova installazione e ristrutturazione di impianti termici si applicano: - a carico dell installatore la sanzione da euro 516,00 a euro 2.582,00 (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06); - a carico del proprietario dell impianto o di chi ne ha titolo la sanzione da euro a euro (art. 20, comma 14 della L.R. 13/2007).

57 Sanzioni sulla Termoregolazione e Contabilizzazione del calore A decorrere dal 1 gennaio 2017 NEI CASI DI OMESSA INSTALLAZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Nel caso venga sostituito il generatore di calore o sia effettuato l allacciamento alla rete di teleriscaldamento si applica la sanzione amministrativa da euro 516,00 a euro 2582,00 a carico dell installatore (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06). Nel caso vengano realizzati interventi di nuova installazione e ristrutturazione di impianti termici si applicano: - a carico dell installatore la sanzione da euro 516,00 a euro 2.582,00 (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06); - a carico del proprietario dell impianto o di chi ne ha titolo la sanzione da euro a euro (art. 20, comma 14 della LR 13/2007). Al di fuori dei suddetti casi si applica la sola sanzione da euro 516,00 a euro 2.582,00 a carico del responsabile dell esercizio esercizio e della manutenzione dell impianto (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06).

58 OPERAZIONE BOLLINO VERDE AGGIORNAMENTO AL 31 ottobre 2014 SEMINARI ANNO 2009 N 17 (Torino, Ivrea, Susa, Pinerolo e Lanzo ) ANNO 2010 N 3 (Torino) ANNO 2011 N 3 (Torino) ANNO 2012 N 2 (Torino) ANNO 2013 N 2 (Torino) ANNO 2014 N 2 (Torino) PERSONALE TECNICO CHE HA SEGUITO I SEMINARI ANNI N 2470 IMPRESE ABILITATE AL RILASCIO DEI BOLLINI VERDI (dato aggregato 8 Province) N 3133 RAPPORTI DI CONTROLLO TECNICO BOLLINATI CARICATI ON LINE (RIFERITI ALLA PROVINCIA DI TORINO AL 31/10/2014) N

59 MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI - Legge 11 dicembre 2012, n. 220 Entrata in vigore a Giugno Possibilità di distacco dall impianto centralizzato a condizione che non si arrechino notevoli squilibri di funzionamento e aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso l inquilino resta tenuto a concorrere al pagamento delle spese per la manutenzione straordinaria dell impianto e per la sua conservazione e messa a norma. ATTENZIONE: la Regione Piemonte con nota del 27 febbraio 2013 ha ribadito il divieto di interventi finalizzati alla trasformazione e di impianti termici centralizzati in impianti con generazione di calore separata per singola unità abitativa (fatta eccezione per i casi di deroga previsti nello Stralcio di Piano sul Riscaldamento). Applicazione di sanzioni amministrative da euro 5000 a per il condomino che installa la l impianto individuale.

60 ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI BOLLINATI 1) Modalità d ispezione 2) Procedura di avviso all utente 3) Anomalie

61 MODALITA D ISPEZIONE Ispezioni gratuite e a campione sugli impianti bollinati. Le ispezioni saranno programmate in modo tale da garantire almeno la verifica, con periodicità triennale di tutte le imprese di manutenzione qualificate secondo criteri di priorità che tengono conto di eventuali segnalazioni da parte delle autorità competenti e degli esiti di precedenti verifiche. L ispezione è condotta in modo tale da conseguire le seguenti finalità: Accertamento della rispondenza delle condizioni di esercizio e manutenzione rispetto a quanto dichiarato dal manutentore/installatore Verifica della sussistenza dei requisiti delle imprese di manutenzione autorizzate al rilascio del bollino verde Verifica della correttezza e regolarità dell operato delle imprese di manutenzione Nel caso di impianti dotati di generatore di calore di età superiore a quindici anni, la diagnosi energetica, il rilevamento del rendimento di produzione medio stagionale e la relativa relazione sono svolti da ARPA gratuitamente.

62 MODALITA D ISPEZIONE L ispezione dell impianto avviene nei periodi di esercizio dello stesso, in base alle zone climatiche individuate dal D.P.R. 412/93 e s.m.i. Al momento della visita a domicilio, il tecnico incaricato, munito dell'apposita tessera di riconoscimento, deve soddisfare le richieste d informazioni o chiarimenti pertinenti al servizio. Al termine dell ispezione, il tecnico predispone, sia in formato elettronico che cartaceo, il rapporto di controllo di cui all allegato V delle Disposizioni attuative della Legge Regionale 13/07 in materia di impianti termici approvate con DGR n del 30 settembre 2008 e, quando prevista, la diagnosi di cui all allegato VI. Viene eseguita la prova del rendimento di combustione dei generatori di calore secondo quanto previsto dalla norma UNI I valori del rendimento di combustione misurato alla massima potenza termica effettiva del focolare deve risultare non inferiore ai valori limite fissati dal DPR 74/13 e dalla Regione Piemonte con DGR n del 30 settembre 2008 (allegato I). Al valore strumentale misurato dal tecnico ARPA (media delle tre misure) viene sommata l incertezza di misura prevista dalla norma UNI di 2 punti percentuale. Questo valore deve essere superiore al valore minimo ammissibile per il generatore misurato.

63 Procedura di avviso all utente Le ispezioni sono effettuate previo preavviso scritto di almeno 15 giorni, mediante raccomandata A/R. Qualora il responsabile dell impianto non fosse disponibile alla data indicata per l ispezione, entro otto giorni dal ricevimento della lettera d avviso deve contattare l ARPA per concordare una nuova data. Qualora l ispezione non possa essere effettuata per causa imputabile al responsabile dell impianto, allo stesso è addebitata una somma pari ad euro 25,00 a titolo di rimborso spese. L ispezione è effettuata in ogni caso in altra data, con le stesse modalità di preavviso. Qualora anche la seconda visita non si potesse effettuare per le motivazioni di cui sopra, il soggetto competente allo svolgimento dell ispezione, oltre ad addebitare al responsabile la somma pari ad euro 25,00 a titolo di rimborso spese, comunicherà il fatto al Sindaco per i conseguenti provvedimenti di competenza a tutela della pubblica incolumità. Inoltre, nel caso in cui si tratti di un impianto alimentato a gas di rete, sarà informata l azienda distributrice per i provvedimenti previsti ai sensi dell art.16, comma 6, del D.Lgs. 23 maggio 2000 n.164 (Attuazione della direttiva n. 98/30/CE recante norme comuni per il mercato interno del gas naturale, a norma dell'articolo 41 della legge 17 maggio 1999, n. 144).

64 Anomalie I rapporti delle ispezioni sugli impianti termici sono resi disponibili da ARPA alle autorità competenti. Nell eventualità in cui l impianto sottoposto a ispezione evidenzi irregolarità relative all art. 20 della L.R. 13/2007, ARPA provvede ad istruire la contestazione e la notifica al trasgressore applicando le sanzioni previste. Se a seguito di ispezione su impianti bollinati si riscontrano violazioni dell'articolo 9, commi 2, 3 e 4 della Legge Regionale 13/2007 nel corso di cinque anni e in relazione ad almeno tre impianti oggetto di bollino verde, l'impresa autorizzata, singola o associata, è sospesa per un anno dall'elenco di cui all'articolo 11, comma 1 della stessa legge. La sospensione dall'elenco è prevista per due anni, se si riscontra che, nel corso di cinque anni e in relazione ad almeno tre impianti oggetto di bollino verde, sul rapporto di prova non sono state segnalate le anomalie accertate in materia di sicurezza dell'impianto termico.

65 SINTESI DELLE PRINCIPALI NORME TECNICHE

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013

DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 DELIBERAZIONE N X / 1118 Seduta del 20/12/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99

DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 DPR 412/93 INTEGRATO CON DPR 551/99 Le scritte in verde sono le integrazioni o variazioni apportate dal DPR 551/99 al DPR 412/93 Le scritte in nero sono il testo del DPR 412/93 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 15 novembre 1996, n.661 Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE DI ULTIMAZIONE LAVORI SU PERMESSO DI COSTRUIRE Dati del titolare Cognome Nome Codice fiscale Data

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO

GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO Delibera n. 1036/10 Consiglio Direttivo 08/02/2010 GUIDA ALLE PROCEDURE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO ELETTRICO e/o ELETTRONICO IN AMBITO PRIVATO in APPLICAZIONE DI Codice Civile

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0002-2010 Data 20/12/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Flavio Paglierini Via Via Cesare

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LEGGE 10 E CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Aggiornamento alle UNI TS 11300 parte 4 Contiene la versione del software Termo versione Lite, sviluppato

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli