PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE"

Transcript

1 PROVINCIA DI TORINO Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE AnnalisaIunco Raul Richiardone TORINO 18 dicembre 2014

2 SOMMARIO La normativa vigente in Regione Piemonte La procedura del Bollino Verde C.I.T. - Catasto Impianti Termici (ex SIGIT) Attività ispettiva sul territorio Normativa Tecnica

3 NORMATIVA STATALE LEGGE 10/91 D.P.R. 412/93 Rendimento energetico D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 Sicurezza impianti termici D.Lgs. 311/06 D.Lgs. 152/06 Manutenzione degli impianti termici D.M. 37/08 D.Lgs. 128/10 Autorizzazioni alle emissioni in atmosfera LEGGE 90/13 D.P.R. 74/2013 Nuovi modelli di libretto impianto e di rapporto di efficienza energetica D.M. 10/02/2014 D.Lgs. 102/14

4 NORMATIVA REGIONALE Legge Regionale n. 13 del 28 maggio 2007: Disposizioni in materia di rendimento energetico nell edilizia. D.G.R. del 30 settembre 2008 n : Disposizioni attuative della Legge Regionale 13/07 in materia di impianti termici. D.C.R. dell 11 Gennaio 2007 n : Stralcio di Piano per il Riscaldamento Ambientale ed il Condizionamento. D.G.R. del 4 agosto 2009 n nuovo testo del Piano D.G.R. del 23 novembre 2009 n proroga entrata in vigore D.G.R. del 01 marzo 2010 n proroga entrata in vigore D.G.R. del 22 marzo 2010 n fissa l entrata in vigore del Nuovo Stralcio di piano per il riscaldamento ambientale e il condizionamento per il 1 aprile 2010.

5 NORMATIVA REGIONALE DGR n del 3 agosto modifiche alla D.G.R. del 4 agosto 2009, n (limiti emissivi, tempistica di adeguamento impianti olio combustibile, gasolio, ecc ). DGR n del 27 aprile 2012 proroga alla termoregolazione e contabilizzazione del calore. DGR n del 06 agosto 2012 proroghe ai termini relativi all adeguamento emissivo dei generatori di calore. DGR n del 15 ottobre proroga all inserimento on-line dei rapporti di controllo tecnico al 30 giugno DGR n del 2 luglio 2013 dei rapporti di controllo tecnico bollinati. - proroga al 15 ottobre 2013 per l'inserimento on-line

6 NORMATIVA REGIONALE DGR n del 2 agosto 2013 proroghe ai termini relativi all adeguamento emissivo dei generatori di calore. DD 12 marzo 2014, n. 52 metodologia per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. DGR n del 4 agosto 2014 proroga del calore al 31/12/2016. alla termoregolazione e contabilizzazione DGR n del 6 ottobre 2014 disposizioni operative per la costituzione e gestione del catasto degli impianti termici in attuazione del D.Lgs Lgs.. 192/05 e smi e del DPR 74/13. Approvazione dei nuovi modelli di libretto di impianto e di rapporto di controllo di efficienza energetica. DGR n del 3 novembre 2014 integrazioni e rettifica errori materiali dei nuovi libretti di impianto e di rapporto di controllo di efficienza energetica ergetica di cui alla DGR 6 ottobre 2014, n

7 COMPETENZE IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI PROVINCE Controllo del rendimento energetico e manutenzione di tutti gli impianti termici. Controllo delle emissioni degli impianti termici finalizzati al riscaldamento di edifici non di civile abitazione. Autorizzazioni all emissione per impianti termici sopra soglia adibiti alla climatizzazione di ambienti non di civile abitazione. COMUNI Controllo delle emissioni degli impianti termici di civili abitazioni. Autorizzazioni all emissione per impianti termici sopra soglia adibiti alla climatizzazione di ambienti di civile abitazione. Controlli sulla sicurezza e corretta installazione degli impianti. SOGLIA Pn >= 3 MW (D.Lgs. 128/10)

8 PRINCIPALI OBBLIGHI NORMATIVI SUGLI IMPIANTI TERMICI IN

9 Nuovo Stralcio di Piano per il Riscaldamento Ambientale ed il Condizionamento Il testo del Nuovo Piano Stralcio è stato approvato dalla Regione Piemonte con D.G.R. 4 agosto 2009 n e smi. In vigore dal 1 aprile 2010 : dalla data di entrata in vigore, il regolamento sostituisce integralmente il precedente approvato con la D.C.R. 11 gennaio 2007 n Le indicazioni contenute si applicano agli interventi per i quali la richiesta di permesso di costruire o la denuncia di inizio attività (SCIA - Segnalazione certificata di inizio attività) sia presentata successivamente all entrata in vigore del provvedimento e, nel caso non siano previsti specifici titoli abilitativi, agli interventi realizzati successivamente all entrata in vigore dello stesso. Tali indicazioni sono cogenti in forza di quanto previsto dalla L.R. 43/2000 (art.6, comma 5) e dalla L.R. 13/2007. Non occorre pertanto esplicito recepimento dei contenuti del provvedimento all interno dei Regolamenti Edilizi comunali.

10 Definizione di impianto termico Impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato, comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento. Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kw. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate. (Legge 90/2013)

11 Prescrizioni sugli impianti termici PRESCRIZIONI Nel caso di installazione, in edifici esistenti, di generatori di calore con potenza nominale uguale o superiore a 100 kw è fatto obbligo di allegare, alla relazione tecnica di cui all art. 7, comma 1 della L.R. 13/2007, una diagnosi energetica dell edificio edificio e dell impianto impianto. PRESCRIZIONI Nel caso di sostituzioni di generatori di calore di potenza termica utile nominale inferiore a 35 kw non è richiesta la relazione di cui al comma 1, all art. 7 della L.R. 13/2007, ma solo la presentazione della dichiarazione di conformità ai sensi del D.M.37/2008.

12 Prescrizioni sugli impianti termici in edifici di cui alla Scheda 1* Gli edifici di cui alla Scheda 1 con un numero di unità abitative fino a 4 possono essere dotati di impianti termici con generazione di calore separata per singola unità abitativa. Gli impianti termici installati in edifici di cui alla Scheda 1 con un numero di unità abitative superiore a 4 devono essere di tipo centralizzato e dotati di termoregolazione e contabilizzazione del calore per ogni singola unità abitativa. * SCHEDA 1 Edifici adibiti a: E. 1 (1) Abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo, quali abitazioni civili e rurali, collegi, conventi, case di pena, caserme E. 1 (2) Abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria, quali case per vacanze, fine settimana e simili E. 1 (3) Albergo, pensione ed attività similari Fanno riferimento a questa scheda le attività commerciali, artigianali, di servizio e assimilabili, che sono inserite in edifici classificati nella categoria E (1) del D.P.R. 412/1993.

13 Termoregolazione e contabilizzazione del calore negli edifici di cui alla Scheda 1 Tutti gli edifici la cui costruzione è stata autorizzata dopo il DEVONO già essere dotati di termoregolazione e contabilizzazione del calore per singola unità abitativa (ove tecnicamente possibile). Gli edifici esistenti di cui alla Scheda 1, la cui costruzione è stata autorizzata prima del , devono essere sottoposti agli interventi necessari per permettere, ove tecnicamente possibile, la termoregolazione e la contabilizzazione del calore per singola unità abitativa nel caso di nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti o ristrutturazione di impianti termici oppure venga sostituito il generatore di calore (comprendendosi nel concetto di sostituzione del generatore di calore l allacciamento ad una rete di teleriscaldamento) e in ogni caso ENTRO IL 31 DICEMBRE 2016 A seguito della realizzazione degli interventi finalizzati a consentire la termoregolazione e la contabilizzazione del calore il responsabile dell impianto è tenuto a inviare apposita comunicazione al Comune. Nei casi di impossibilità tecnica i medesimi dovranno essere giustificati mediante perizia asseverata da parte di un tecnico abilitato, da inoltrasi al Comune a cura del responsabile dell impianto.

14 Deroghe sugli impianti termici in edifici di cui alla Scheda 1 Negli edifici di nuova costruzione di cui alla Scheda 1 con un numero di unità abitative superiore a 4 è consentita, in alternativa all installazione dell impianto termico centralizzato, l installazione di sistemi di climatizzazione separati per ogni unità abitativa basati esclusivamente su pompe di calore prive di sistemi di combustione e aventi caratteristiche conformi a quanto indicato nell Allegato 4 del nuovo Stralcio di Piano. Nel caso di locali destinati ad attività commerciali, artigianali, di servizio e assimilabili, facenti parte di edifici di nuova costruzione classificati nella categoria E(1) del DPR 412/1993, è consentita, anche in presenza di impianto termico centralizzato a servizio delle restanti unità abitative, l installazione di pompe di calore prive di sistemi di combustione, purché rappresenti l unico dispositivo adibito a tale funzione.

15 GENERATORI DI CALORE obblighi I generatori di calore da installarsi in edifici di nuova costruzione o in edifici esistenti devono garantire in condizioni operative: 1. rendimenti non inferiori a η log. Pn. (quelli previsti per la classe 4 stelle ); 2. NOx a 80 mg/kwht (70 mg/kwht per generatori di calore con potenza nominale Pn <35 kw alimentati a gas naturale o a GPL); 3. particolato fine (PM10) 10 mg/kwh. Il fattore di emissione relativo al PM10 si ritiene rispettato per i generatori di calore e i generatori di aria calda aventi le caratteristiche sopra riportate, alimentati a gas naturale, GPL, biogas, gasolio, emulsioni acqua-gasolio e biodiesel.

16 GENERATORI DI CALORE deroghe- Deroga all installazione di impianti con η log P n (due stelle) nel caso siano utilizzati come integrazione o riserva a reti di teleriscaldamento. Negli interventi che prevedono la sostituzione di un generatore di calore esistente, possono essere accettate deroghe ai livelli di rendimento fissati nei casi in cui la necessità di scaricare i fumi di combustione in canne fumarie ramificate non permetta, per ragioni di sicurezza, l installazione di generatori di calore in grado di garantire le prestazioni energetiche previste. In questi casi il generatore di calore installato dovrà essere caratterizzato da un rendimento non inferiore a η log Pn (2 stelle) se di tipo B a tiraggio naturale o non inferiore a η log Pn (3 stelle) se di tipo C a tiraggio naturale. Generatori ad aria calda: devono garantire un rendimento termico utile non inferiore a η log Pn (3 stelle) nonché prestazioni emissive conformi a quanto previsto per i generatori di calore ad acqua calda alimentati dallo stesso tipo di combustibile. Non sono soggetti alle prescrizioni dei valori emissivi ed energetici, i generatori di calore di Pn < a 35 kw finalizzati esclusivamente alla produzione di ACS.

17 GENERATORI DI CALORE deroghe impianti a gasolio - Nel caso di installazione in edifici di nuova costruzione o in edifici e esistenti, di generatori di calore alimentati a gasolio, emulsioni acqua-gasolio e biodiesel è consentito, se sussistono le condizioni esplicitate nella deliberazione del 3 agosto 2011 n e s.m.i., l utilizzo di generatori caratterizzati da un rendimento energetico non inferiore a η log Pn (classe quattro stelle), NOx <= a 120 mg/kwht e PM10 <= 10 mg/kwh. Nel caso di adeguamento di generatori di calore alimentati a gasolio, emulsioni acqua- gasolio e biodiesel installati al 24/02/2007 è consentito, se sussistono le condizioni esplicitate nella deliberazione del 3 agosto 2011 n e s.m.i., considerare come requisito minimo emissivo di riferimento per quanto riguarda gli ossidi di azoto (NOx), un valore inferiore o uguale a 120 mg/kwht kwht. C O N D I Z I O N I - non siano disponibili, sul mercato, generatori di calore aventi la Pn nominale di interesse, in grado di rispettare la prestazione emissiva relativa agli ossidi di azoto (NOx) pari ad 80 mg/kwht. Tale condizione non è verificata quando i generatori medesimi siano reperibili presso almeno tre produttori indipendenti operanti sul mercato europeo; - non sia tecnicamente possibile, al fine del rispetto della citata prestazione emissiva, la scelta di utilizzare altri combustibili per i generatori di calore; -non sia disponibile una rete di teleriscaldamento in grado di soddisfare l utenza termica altrimenti servita dal generatore di calore in questione Le suddette condizioni devono essere attestate da un tecnico abilitato mediante idonea perizia, da inoltrarsi al Comune a cura del responsabile dell impianto

18 GENERATORI DI CALORE A BIOMASSA Per i generatori di calore alimentati a legna da ardere o a biomassa solida, come individuate alle lettere f) e h) del paragrafo 1, sezione 2, parte I dell Allegato X alla Parte quinta del D.Lgs. 152/2006 e smi, devono essere rispettati i limiti emissivi disposti dal D.Lgs. 152/2006, allegati alla parte V, allegato IX, parte III, sezione II, integrati da quanto previsto nell Allegato 2 Sezione A del Nuovo Stralcio di Piano per gli interventi in zona di piano, oppure Sezione B per gli interventi in zona di mantenimento.

19 GENERATORI DI CALORE AD ACQUA CALDA - TABELLA RIEPILOGATIVA - Requisiti emissivi Requisiti energetici NOx espresso come NO 2 Rendimento termico PM (mg/kwh) (mg/kwh) (valore in %) Combustibili gassosi 80 o 70 se Pn 1 <35 kw 10 ηg = (93+2Log Pn) (4 stelle) Combustibili liquidi (incluse le ηg = (93+2Log Pn) (4 stelle) biomasse liquide) deroga a 120 mg/kwh * Combustibili solidi (escluse le biomasse solide e la legna da ardere) ηg = (93+2Log Pn) (4 stelle) Biomasse solide e legna da ardere Allegato 2 Sez. a) e b) Allegato 2 Sez. a) e b) Allegato 2 Sez. a) e b) 1 Il valore di Pn è da intendersi riferito alla potenza nominale complessiva dell impianto termico * Esclusivamente per generatori di calore alimentati a gasolio, emulsioni acqua-gasolio e biodiesel se sussistono le condizioni di cui alla DGR del 3 agosto 2011 n e s.m.i GENERATORI DI CALORE AD ARIA CALDA I sistemi di generazione di aria calda devono garantire un valore di rendimento termico utile, in condizioni operative, non inferiore a tre stelle, nonché prestazioni emissive conformi a quanto riportato nella tabella precedente per i diversi tipi di combustibile.

20 Adeguamento generatori di calore installati al 24/02/2007 ADEGUAMENTO REQUISITI EMISSIVI Pot (kw) GN, GPL, Gas di città Pn < 35 01/09/2015 GN, GPL, Gas di città 35 < Pn <= /12/2014 GN, GPL, Gas di città 300 < Pn <= /12/2014 GN, GPL, Gas di città Pn > /09/2011 gasolio e Kero, biodiesel, emulsioni e biogas Pn < 35 01/09/2015 gasolio e Kero, biodiesel, emulsioni e biogas 35 < Pn <= /12/2014 gasolio e Kero, biodiesel, emulsioni e biogas Pn > /06/2012 Olio comb., emulsioni, biomasse liquide, comb. solidi Pn > /06/2012 ADEGUAMENTO REQUISITI ENERGETICI E possibile posticipare l adeguamento energetico (vedi Allegato 5) al 1/9/2020. I limiti di emissione e i requisiti energetici a cui adeguare gli impianti sono riportati nella Tabella B del nuovo Piano Stralcio.

21 Adeguamento generatori di calore a legna da ardere o biomassa solida Entro il 01 settembre DAL 1/ SETTEMBRE/ ADEGUAMENTO REQUISITI ENERGETICI E possibile posticipare l adeguamento energetico al 1/9/2020. I limiti di emissione e i requisiti energetici a cui adeguare gli impianti sono riportati nell Allegato 2 (sez. A e B) del Nuovo Stralcio di Piano.

22 FONTI RINNOVABILI In forza di quanto previsto dalla L.R. n. 13/2007, si ribadisce che in caso di nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti o di ristrutturazione di impianti termici sussiste l obbligo di coprire il 60% del fabbisogno annuale per la produzione di acqua calda sanitaria mediante impianti solari termici o, nel caso di impossibilità tecnica, con altra fonte rinnovabile. Per quanto riguarda il calcolo del fabbisogno annuale, nonché i casi di deroga, si rimanda alla D.G.R. 4 agosto 2009 n Disposizioni attuative in materia di impianti solari termici, impianti da fonti rinnovabile e serre solari (L.R. 13/2007 art. 21, comma 1, lett. g) e p)).

23 SCARICHI FUMI I condotti per lo scarico dei prodotti della combustione, derivanti da qualsiasi tipologia di generatore di calore, devono essere realizzati in modo tale da superare s qualsiasi ostacolo o struttura distante meno di dieci metri. Eventuali deroghe possono essere concesse con provvedimento del responsabile della struttura comunale competente. DEROGHE ALLO SCARICO Questo concetto generale espresso dalla DGR regionale è affiancato dalla normativa nazionale (art. 5 del d.p.r. 412/93 modificato sia dall art. 17bis della l. 90/2013 che dall art. 14, commi 8 e 9 del D.Lgs. 102/2014), che prevede limitate possibilità di deroga. Vedasi FAQ V12 al seguente indirizzo internet:

24 MISURA DEGLI NOx Nell ambito della attività finalizzate ai controlli di efficienza energetica dei generatori di calore, dal 01/01/2011 deve essere anche rilevato, in condizioni di potenza nominale, il valore delle emissioni di ossidi di azoto (NOx), espresso in p.p.m. e riferito a gas secco e ad una concentrazione volumetrica di ossigeno pari al 3%. Con D.D. del 12 marzo 2014, n. 52, la Regione Piemonte ha chiarito le metodologie per la misura e il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. ili.

25 OLIO COMBUSTIBILE 1. Divieto di utilizzo dal 01 settembre 2007 in tutti i generatori di calore di Pn 300 kw (D.Lgs. 152/06). 2. Obbligo di adeguamento emissivo entro il per i generatori di calore di Pn > 300 kw: (NOx = 80 mg/kwh, PM10 = 10 mg/kwh) (D.G.R. n come modificata dalla D.G.R. n del 3/8/2011). 3. Divieto di utilizzo dal 26 Agosto 2010 in tutti i nuovi impianti termici di Pn < 3 MW l utilizzo dell olio combustibile. (D.Lgs. 128/2010) 4. Adeguamento alle disposizioni del Titolo II dal 01/09/2017 per gli impianti esistenti e già autorizzati ai sensi del D.Lgs. 152/06 (art. 3, comma 32 del D.Lgs. 128/2010) di Pn compresa fra 300 < Pn < 3000 kw. ATTENZIONE gli impianti di cui al punto 4 devono comunque essere in regola con le prestazioni emissive fissate al punto 2 Negli impianti termici civili di Pn inferiore a 3 MW possono essere utilizzati esclusivamente i combustibili riportati dall Allegato X alla parte quinta del D.Lgs. 152/2006 così come modificato dal D.Lgs. 128/2010.

26 OBBLIGHI DELL INSTALLATORE/MANUTENTORE ALL ATTO DELL INSTALLAZIONE Rilascio della Dichiarazione di Conformità Compilazione on-line del Libretto d impianto Compilazione e rilascio del primo Rapporto di controllo di efficienza energetica Prova del Rendimento di combustione Terzo Responsabile Autorizzazione all emissione in atmosfera di impianti termici civili

27 Dichiarazione di conformità Deve essere rilasciata in 3 copie: 1 da dare al committente; 1 per il proprio archivio; fac simile 1 da trasmettere allo sportello unico del Comune nel caso si sia già in possesso del certificato da agibilità; in caso contrario questa copia deve essere data allo stesso committente allo scopo di richiedere tale certificato. Il modello di dichiarazione di conformità era stato modificato con il Decreto 19 maggio 2010

28 Dichiarazione di Conformità Modello di dichiarazione Il D.Lgs. 128/10 ha introdotto che nel corso delle verifiche finalizzate alla dichiarazione di conformità, per gli impianti di potenzialità superiore a 35 kw, l installatore verifica e dichiara anche che l impianto è conforme alle caratteristiche tecniche di cui all articolo 285 ed è idoneo a rispettare i valori limite di cui all articolo 286 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Tali dichiarazioni devono essere espressamente riportate in un atto allegato alla dichiarazione di conformità, e messo a disposizione del responsabile dell esercizio e della manutenzione dell impianto da parte dell installatore entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori. (riferimento art. 284 comma 1 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.). Sanzioni / Sospensioni Sanzioni irrogate dalle C.C.I.A.A: - da 100 a 1000 Euro per mancato rilascio della Dichiarazione di Conformità; - per più di 3 violazioni o per particolari gravità sono possibili sospensioni temporanee dall iscrizione al registro delle imprese.

29 Libretto d impianto La Regione Piemonte con D.G.R. del 6 ottobre 2014 n e D.G.R. n del 3 novembre 2014 ha pubblicato i nuovi modelli di libretto di impianto e di rapporto di controllo di efficienza energetica. In vigore dal 15 ottobre 2014 L impianto DEVE essere registrato sul CIT Non è necessaria una copia cartacea del libretto da rilasciare al cliente. Sarà cura del Responsabile, laddove richiesta stamparla e firmarla. In caso di ispezione DEVE essere stampata una copia cartacea del libretto Se non è rilasciata copia cartacea del libretto si DEVE rilasciare una dichiarazione di avvenuta esecuzione dell intervento La dichiarazione di avvenuta esecuzione dell intervento è scaricabile al seguente indirizzo sistemapiemonte.it/cms/privati/ambiente-e-energia/servizi/810- catasto-impianti impianti-termici/3173-documenti-utili-per-i-manutentori

30 Fac-simile di Dichiarazione di Avvenuta esecuzione dei lavori

31 Compilazione e rilascio del libretto d impianto e del primo Rapporto di efficienza energetica La ditta installatrice all atto della prima messa in servizio dell impianto deve effettuare la misurazione del rendimento di combustione (rif. art. 8 DPR 74/13 ) e rilasciare il primo rapporto di efficienza energetica. Il rapporto di controllo di efficienza energetica ed il libretto di impianto devono essere trasmessi on-line al Catasto Impianti Termici entro 60 gg dalla loro redazione (90 gg fino al 31 gennaio 2015 rif. DGR n del 6 ottobre 2014 )

32 Prova del Rendimento di combustione Generatori ad acqua calda Installati prima del 29/10/1993 Installati tra il 29/10/1993 e il 31/12/97 Rendimenti minimi di combustione η log Pn η log Pn Installati tra il 1/1/1998 e il 7/10/2005 Caldaia standard Caldaia a bassa temperatura Caldaia a condensazione η log Pn η 87,5 + 1,5 log Pn η 91+ log Pn Installati tra l 8/10/2005 e il 23/2/2007 Caldaia a condensazione Generatore di calore (esclusa condensazione) η log Pn η log Pn Installati dal 24/2/2007 η log Pn Riferimenti Normativi : D.P.R. 74/2013 e D.G.R. del 4 agosto 2009 n

33 Prova del Rendimento di combustione Generatori ad aria calda Installati prima del 29/10/1993 Installati tra il 29/10/1993 e il 23/2/2007 Installati dopo il 24/02/2007 Rendimenti minimi di combustione η log Pn η log Pn η log Pn

34 Prova del Rendimento di combustione Norma UNI Generatori di calore. Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione (in vigore dal settembre 2009) prevede che: la misura del rendimento di combustione va ripetuta 3 volte; il valore del rendimento di combustione è quello risultante dalla media di tre misure; in assenza di prescrizioni più restrittive fornite dal costruttore, lo strumento di misura DEVE essere verificato e tarato almeno una volta ogni 12 mesi.

35 Terzo Responsabile In nessun caso vi è l obbligo di nominare un terzo responsabile. In caso di impianti non conformi alle vigenti disposizioni, la delega NON può essere rilasciata, salvo che nell atto sia espressamente conferito l incarico di procedere alla loro messa a norma. L atto di assunzione di responsabilità da parte del terzo, anche come destinatario delle sanzioni amministrative, deve essere redatto in forma scritta contestualmente all atto di delega. Il terzo responsabile comunica tempestivamente in forma scritta al delegante l esigenza di effettuare gli interventi non previsti al momento dell atto di delega. Nel caso di condomini il delegante deve espressamente autorizzare con apposita delibera condominiale il terzo responsabile ad effettuare i predetti interventi entro 10 giorni dalla comunicazione facendosi carico dei relativi costi. In assenza di deliberazione condominiale nei detti termini la delega di terzo responsabile decade automaticamente.

36 Terzo Responsabile Il Terzo Responsabile informa l autorità competente: - della delega ricevuta entro 10 giorni lavorativi; - della eventuale revoca dell incarico o rinuncia allo stesso entro 2 giorni lavorativi; - della decadenza automatica per assenza della deliberazione condominiale di autorizzazione a procedere agli interventi necessari (adeguamento normativo ecc.) entro due giorni lavorativi. La delega al terzo responsabile non è consentita nel caso di singole unità immobiliari residenziali in cui il generatore o i generatori non siano installati in locale tecnico esclusivamente dedicato. Per impianti con potenza superiore a 350 kw il terzo responsabile deve essere in possesso di certificazione UNI EN ISO 9001 relativa all attività di gestione e manutenzione degli impianti termici, o attestazione rilasciata ai sensi del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207, nelle categorie OG 11, impianti tecnologici, oppure OS 28 (impianti tecnici di condizionamento).

37 Autorizzazione all emissione in atmosfera di impianti termici civili Tutti gli impianti termici civili che hanno potenzialità uguale o maggiore a 3 MW, a prescindere dal tipo di combustibile e dalla data d installazione, sono disciplinati dal Titolo I del decreto D.Lgs. 152/06 e smi. Per tali impianti è necessaria l autorizzazione all emissione in atmosfera. Competenze: i Comuni per impianti termici che riscaldano edifici adibiti a civile abitazione*, le Province per impianti termici che riscaldano edifici industriali, del terziario, pubblici ecc La Regione Piemonte con D.D. 21 novembre 2011, n D.Lgs. 3 aprile 2006 n Autorizzazione di carattere generale per le emissioni in atmosfera provenienti da stabilimenti in cui sono eserciti impianti di climatizzazione - ha predisposto le vie generali per l autorizzazione alle emissioni in atmosfera dei suddetti impianti. *Vengono considerati edifici di civile abitazione le tipologie di edifici rientranti nella categoria E1 di cui all articolo 3, comma 1 del DPR 26 agosto 1993, n 412 e di seguito elencate: E1 Edifici adibiti a residenza e assimilabili: E1(1) abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo, quali abitazioni civili e rurali, collegi, conventi, case di pena, caserme; E1(2) abitazioni adibite a residenza con occupazione saltuaria, quali case vacanze, fine settimana e simili; E1(3) edifici adibiti ad albergo, pensione ed attività similari. con l avvertenza che rientrano in detta categoria le attività commerciali, artigianali, di servizio e assimilabili, inserite in edifici classificati nella categoria E1.

38 ALL ATTO DELLA MANUTENZIONE Periodicità della manutenzione Compilazione dei rapporti di controllo di efficienza energetica Compilazione del libretto d impianto o di centrale

39 PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI (ART. 7 DPR 74/13) Eseguite SOLO da ditte abilitate ai sensi del DM 37/2008 Periodicità: 1. Conformemente a quanto previsto nelle istruzioni tecniche per l uso e la manutenzione rese disponibili dall impresa installatrice dell impianto. 2. Conformemente alle prescrizioni contenute nelle istruzioni tecniche relative allo specifico modello elaborate dal fabbricante ai sensi della normativa vigente. 3. Secondo le prescrizioni e la periodicità prevista dalle normative UNI CEI per lo specifico elemento o tipo di apparecchio o dispositivo. 4. Gli installatori e i manutentori degli impianti termici, nell ambito delle rispettive responsabilità, devono definire e dichiarare esplicitamente al committente o all utente, in forma scritta e e facendo riferimento alla documentazione tecnica del progettista dell impianto o del fabbricante degli apparecchi: a) quali siano le operazioni di controllo e manutenzione necessarie; b) con quale frequenza devono essere eseguite le operazioni di controllo e manutenzione.

40 COTROLLO DELL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI In occasione degli interventi di controllo ed eventuale manutenzione su impianti termici di climatizzazione invernale di Pn termica utile nominale maggiore di 10 kw e sugli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale maggiore di 12 kw si effettua un controllo di efficienza energetica con la seguente periodicità.

41 COTROLLO DELL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI I controlli di efficienza energetica devono essere inoltre realizzati: a) all atto della prima messa in esercizio dell impianto a cura dell installatore; b) nel caso di sostituzioni degli apparecchi del sottosistema di generazione; c) nel caso di interventi che non rientrano tra quelli periodici, ma tali da poter modificare l efficienza energetica. Al termine delle operazioni di controllo l operatore provvede a redigere e sottoscrivere uno specifico Rapporto di Efficienza Energetica che dovrà essere registrato sul Catasto Impianti Termici.

42 ANOMALIE RISCONTRATE NEL CORSO DEI CONTROLLI DI EFFICIENZA ENERGETICA O DELLE ISPEZIONI I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo, siano stati rilevati rendimenti di combustione inferiori ai limiti fissati e non riconducibili a tali valori mediante operazioni di manutenzione, devono essere sostituiti entro 180 giorni solari a partire dalla data del controllo. Ove il responsabile si avvalga della facoltà di richiedere, a sue spese, un ulteriore verifica da parte dell autorità competente ai sensi dell articolo 9 del citato decreto, tale scadenza viene sospesa fino all ottenimento delle definitive risultanze di tale verifica. I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo, siano stati rilevati rendimenti di combustione inferiori a quelli fissati sono comunque esclusi dalla conduzione in esercizio continuo. Le macchine frigorifere e le pompe di calore per le quali nel corso delle operazioni di controllo sia stato rilevato che i valori dei parametri che caratterizzano l efficienza energetica siano inferiori del 15 per cento rispetto a quelli misurati in fase di collaudo o primo avviamento riportati sul libretto di impianto, devono essere riportate alla situazione iniziale, con una tolleranza del 5 per cento.

43 Il NUOVO SISTEMA DI CENSIMENTO DEGLI IMPIANTI TERMICI IN REGIONE PIEMONTE

44 IERI Bollino Verde era un sistema di censimento degli impianti termici civili entrato in vigore in Regione Piemonte il 15 ottobre Era gratuito, obbligatorio e gestito a livello provinciale. I rapporti di controllo tecnico dovevano essere caricati sul SIGIT. Sistema utilizzato fino al 14 ottobre 2014 OGGI Dal 15 ottobre 2014 il Bollino Verde è Regionale, gratuito, obbligatorio, non più cartaceo. Il libretto di impianto e i rapporti di efficienza energetica devono essere registrati on-line sul nuovo Catasto Impianti Termici (C.I.T). Gli interventi di manutenzione di cui all art.7 del DPR 74/2013 (manutenzioni periodiche) non si riportano nel libretto della Regione Piemonte e al momento neanche nel CIT. Al fine di agevolare i manutentori è stato predisposto un fac-simile per le operazioni di manutenzione che, al momento, deve essere rilasciato al responsabile di impianto in solo formato cartaceo.

45 IMPRESE ABILITATE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio ed abilitate alla manutenzione degli impianti termici che hanno seguito i seminari di abilitazione/aggiornamento organizzati dalle Province (obbligo di partecipazione per il responsabile tecnico della ditta) e sottoscritto l apposito disciplinare previsto dalla Regione Piemonte. Il Disciplinare compilato e firmato dal Legale Rappresentante dell impresa, deve essere trasmesso alla CCIAA di Torino. Solo ad avvenuta registrazione da parte della CCIAA in un apposito elenco regionale sarà possibile per l impresa acquisire i bollini verdi e i codici impianto attraverso il sistema informativo CIT. Il Bollino Verde è valido solo sul territorio della Regione Piemonte. Il bollino verde deve essere apposto, in occasione del controllo di efficienza energetica, obbligatoriamente secondo le periodicità indicate dall Allegato A del DPR 74/2013.

46 Trasmissione dei rapporti di efficienza energetica con bollino verde Entro sessanta giorni dalla compilazione, il rapporto di efficienza energetica con bollino verde va trasmesso a cura del manutentore/installatore all autorità competente attraverso la procedura on line C.I.T. La trasmissione in forma cartacea NON è ammessa

47 IMPORTANTE Per ottemperare a quanto previsto dalle nuove disposizioni in materia di impianti termici e non incorrere in eventuali sanzioni amministrative per non aver apposto il bollino, è indispensabile che il responsabile dell impianto si rivolga ad imprese abilitate al rilascio del bollino verde. Come conoscere le imprese abilitate E disponibile, collegandosi alla pagina l elenco delle imprese abilitate al rilascio del bollino verde.

48 ok

49 LIBERO ACCESSO

50 L UNICA MODALITA DI TRASMISSIONE DEI RAPPORTI DI EFFICIENZA ENERGETICA BOLLINATI E E QUELLA ON LINE ATTRAVERSO IL CARICAMENTO SUL CATASTO IMPIANTI TERMICI (C.I.T.)

51 ATTIVITA ISPETTIVA

52 Ispezioni sugli impianti termici Le ispezioni si effettuano su impianti di climatizzazione invernale di Pn termica utile nominale non minore di 10 kw e di climatizzazione estiva di Pn termica utile nominale non minore di 12 kw. I risultati delle ispezioni sono allegati al libretto di impianto. Per gli impianti di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale compresa tra 10 kw e 100 kw, alimentati a gas, metano o gpl e per gli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale compresa tra 12 e 100 kw l accertamento del rapporto di controllo di efficienza energetica inviato dal manutentore o terzo responsabile è ritenuto sostitutivo dell ispezione ispezione. In caso di affidamento a organismi esterni delle attività di ispezione sugli impianti termici, questi devono comunque soddisfare i requisiti minimi di cui all Allegato C del DPR 74/13.

53 Ispezioni sugli impianti termici Le ispezioni sono programmate in base ai seguenti criteri e priorità: Impianti per cui non sia pervenuto il rapporto di controllo di efficienza energetico o per i quali in fase di accertamento siano emersi elementi di criticità. Impianti dotati di generatori o macchine frigorifere con anzianità superiore a 15 anni. Impianti dotati di generatori a combustibile liquido o solido con Pn utile nominale superiore a 100 kw, ispezioni sul 100 per cento degli impianti ogni due anni. Impianti dotati di macchine frigorifere con potenza termica utile nominale superiore ai 100 kw: ispezioni sul 100 per cento degli impianti, ogni quattro anni. Impianti dotati di generatori a gas con potenza termica utile nominale superiore a 100 kw e impianti dotati di generatori a combustibile liquido o solido con potenza termica utile nominale compresa tra 20 e 100 kw: ispezioni sul 100 per cento degli impianti, ogni quattro anni. Gli impianti, di cui all articolo 8, comma 7 del DPR 74/13, per i quali dai rapporti di controllo dell efficienza energetica risulti la non riconducibilità a rendimenti superiori a quelli fissati nell Allegato B del medesimo decreto.

54 Ispezioni su impianti bollinati Eseguite da ARPA Piemonte - senza onere per il responsabile dell impianto - (L.R. 13/2007) Ispezioni su impianti non bollinati e impianti di condizionamento Eseguite dalle Province, ovvero dagli enti locali dalle stesse delegati (Comuni); per lo svolgimento delle ispezioni, le Province possono incaricare anche organismi esterni in possesso dei requisiti di cui all allegato I del D.P.R. 412/93 e s.m.i.; le Province annualmente devono effettuare ispezioni nella misura minima del 5% degli impianti privi di bollino verde stimati sul proprio territorio; l ispezione è onerosa ed i relativi costi sono a carico del responsabile dell esercizio e della manutenzione; ispezioni (gratuite) degli impianti di condizionamento d aria di Pu > 12 kw.

55 Sanzioni Il responsabile dell'esercizio e della manutenzione che non ottempera al compito di mantenere in esercizio gli impianti termici e di provvedere affinché siano eseguite le operazioni di controllo e di manutenzione, secondo le prescrizioni della normativa vigente, è punito con la sanzione amministrativa da euro 500,00 a euro 3.000,00. Il responsabile dell'esercizio e della manutenzione, che provvede affinché siano eseguite le operazioni di controllo di efficienza energetica senza osservare le modalità previste all'articolo 10 della L.R. 13/07, è punito con la sanzione amministrativa da euro 100,00 a euro 600,00 graduata in relazione alla potenza dell'impianto, e provvede altresì ai sensi dello stesso articolo 10, entro il termine di trenta giorni dalla data di accertamento dell'infrazione. Il Legale Rappresentante dell'impresa incaricata del controllo e della manutenzione, che non ottempera ai doveri sanciti all'articolo 9, commi 2, 3 e 4 della Legge Regionale 13/2007, è punito con la sanzione amministrativa da euro 1.000,00 a euro 6.000,00. L'autorità che applica la sanzione ne dà comunicazione alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di appartenenza per i provvedimenti disciplinari conseguenti.

56 Sanzioni sulla Termoregolazione e Contabilizzazione del calore Sino al 31 dicembre 2016 NEI CASI DI OMESSA INSTALLAZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Nel caso venga sostituito il generatore di calore o sia effettuato l allacciamento alla rete di teleriscaldamento si applica la sanzione amministrativa da euro 516,00 a euro 2.582,00 a carico dell installatore (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06). Nel caso vengano realizzati interventi di nuova installazione e ristrutturazione di impianti termici si applicano: - a carico dell installatore la sanzione da euro 516,00 a euro 2.582,00 (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06); - a carico del proprietario dell impianto o di chi ne ha titolo la sanzione da euro a euro (art. 20, comma 14 della L.R. 13/2007).

57 Sanzioni sulla Termoregolazione e Contabilizzazione del calore A decorrere dal 1 gennaio 2017 NEI CASI DI OMESSA INSTALLAZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Nel caso venga sostituito il generatore di calore o sia effettuato l allacciamento alla rete di teleriscaldamento si applica la sanzione amministrativa da euro 516,00 a euro 2582,00 a carico dell installatore (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06). Nel caso vengano realizzati interventi di nuova installazione e ristrutturazione di impianti termici si applicano: - a carico dell installatore la sanzione da euro 516,00 a euro 2.582,00 (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06); - a carico del proprietario dell impianto o di chi ne ha titolo la sanzione da euro a euro (art. 20, comma 14 della LR 13/2007). Al di fuori dei suddetti casi si applica la sola sanzione da euro 516,00 a euro 2.582,00 a carico del responsabile dell esercizio esercizio e della manutenzione dell impianto (art. 288, comma 2 del D.Lgs. 152/06).

58 OPERAZIONE BOLLINO VERDE AGGIORNAMENTO AL 31 ottobre 2014 SEMINARI ANNO 2009 N 17 (Torino, Ivrea, Susa, Pinerolo e Lanzo ) ANNO 2010 N 3 (Torino) ANNO 2011 N 3 (Torino) ANNO 2012 N 2 (Torino) ANNO 2013 N 2 (Torino) ANNO 2014 N 2 (Torino) PERSONALE TECNICO CHE HA SEGUITO I SEMINARI ANNI N 2470 IMPRESE ABILITATE AL RILASCIO DEI BOLLINI VERDI (dato aggregato 8 Province) N 3133 RAPPORTI DI CONTROLLO TECNICO BOLLINATI CARICATI ON LINE (RIFERITI ALLA PROVINCIA DI TORINO AL 31/10/2014) N

59 MODIFICHE ALLA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO NEGLI EDIFICI - Legge 11 dicembre 2012, n. 220 Entrata in vigore a Giugno Possibilità di distacco dall impianto centralizzato a condizione che non si arrechino notevoli squilibri di funzionamento e aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso l inquilino resta tenuto a concorrere al pagamento delle spese per la manutenzione straordinaria dell impianto e per la sua conservazione e messa a norma. ATTENZIONE: la Regione Piemonte con nota del 27 febbraio 2013 ha ribadito il divieto di interventi finalizzati alla trasformazione e di impianti termici centralizzati in impianti con generazione di calore separata per singola unità abitativa (fatta eccezione per i casi di deroga previsti nello Stralcio di Piano sul Riscaldamento). Applicazione di sanzioni amministrative da euro 5000 a per il condomino che installa la l impianto individuale.

60 ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI BOLLINATI 1) Modalità d ispezione 2) Procedura di avviso all utente 3) Anomalie

61 MODALITA D ISPEZIONE Ispezioni gratuite e a campione sugli impianti bollinati. Le ispezioni saranno programmate in modo tale da garantire almeno la verifica, con periodicità triennale di tutte le imprese di manutenzione qualificate secondo criteri di priorità che tengono conto di eventuali segnalazioni da parte delle autorità competenti e degli esiti di precedenti verifiche. L ispezione è condotta in modo tale da conseguire le seguenti finalità: Accertamento della rispondenza delle condizioni di esercizio e manutenzione rispetto a quanto dichiarato dal manutentore/installatore Verifica della sussistenza dei requisiti delle imprese di manutenzione autorizzate al rilascio del bollino verde Verifica della correttezza e regolarità dell operato delle imprese di manutenzione Nel caso di impianti dotati di generatore di calore di età superiore a quindici anni, la diagnosi energetica, il rilevamento del rendimento di produzione medio stagionale e la relativa relazione sono svolti da ARPA gratuitamente.

62 MODALITA D ISPEZIONE L ispezione dell impianto avviene nei periodi di esercizio dello stesso, in base alle zone climatiche individuate dal D.P.R. 412/93 e s.m.i. Al momento della visita a domicilio, il tecnico incaricato, munito dell'apposita tessera di riconoscimento, deve soddisfare le richieste d informazioni o chiarimenti pertinenti al servizio. Al termine dell ispezione, il tecnico predispone, sia in formato elettronico che cartaceo, il rapporto di controllo di cui all allegato V delle Disposizioni attuative della Legge Regionale 13/07 in materia di impianti termici approvate con DGR n del 30 settembre 2008 e, quando prevista, la diagnosi di cui all allegato VI. Viene eseguita la prova del rendimento di combustione dei generatori di calore secondo quanto previsto dalla norma UNI I valori del rendimento di combustione misurato alla massima potenza termica effettiva del focolare deve risultare non inferiore ai valori limite fissati dal DPR 74/13 e dalla Regione Piemonte con DGR n del 30 settembre 2008 (allegato I). Al valore strumentale misurato dal tecnico ARPA (media delle tre misure) viene sommata l incertezza di misura prevista dalla norma UNI di 2 punti percentuale. Questo valore deve essere superiore al valore minimo ammissibile per il generatore misurato.

63 Procedura di avviso all utente Le ispezioni sono effettuate previo preavviso scritto di almeno 15 giorni, mediante raccomandata A/R. Qualora il responsabile dell impianto non fosse disponibile alla data indicata per l ispezione, entro otto giorni dal ricevimento della lettera d avviso deve contattare l ARPA per concordare una nuova data. Qualora l ispezione non possa essere effettuata per causa imputabile al responsabile dell impianto, allo stesso è addebitata una somma pari ad euro 25,00 a titolo di rimborso spese. L ispezione è effettuata in ogni caso in altra data, con le stesse modalità di preavviso. Qualora anche la seconda visita non si potesse effettuare per le motivazioni di cui sopra, il soggetto competente allo svolgimento dell ispezione, oltre ad addebitare al responsabile la somma pari ad euro 25,00 a titolo di rimborso spese, comunicherà il fatto al Sindaco per i conseguenti provvedimenti di competenza a tutela della pubblica incolumità. Inoltre, nel caso in cui si tratti di un impianto alimentato a gas di rete, sarà informata l azienda distributrice per i provvedimenti previsti ai sensi dell art.16, comma 6, del D.Lgs. 23 maggio 2000 n.164 (Attuazione della direttiva n. 98/30/CE recante norme comuni per il mercato interno del gas naturale, a norma dell'articolo 41 della legge 17 maggio 1999, n. 144).

64 Anomalie I rapporti delle ispezioni sugli impianti termici sono resi disponibili da ARPA alle autorità competenti. Nell eventualità in cui l impianto sottoposto a ispezione evidenzi irregolarità relative all art. 20 della L.R. 13/2007, ARPA provvede ad istruire la contestazione e la notifica al trasgressore applicando le sanzioni previste. Se a seguito di ispezione su impianti bollinati si riscontrano violazioni dell'articolo 9, commi 2, 3 e 4 della Legge Regionale 13/2007 nel corso di cinque anni e in relazione ad almeno tre impianti oggetto di bollino verde, l'impresa autorizzata, singola o associata, è sospesa per un anno dall'elenco di cui all'articolo 11, comma 1 della stessa legge. La sospensione dall'elenco è prevista per due anni, se si riscontra che, nel corso di cinque anni e in relazione ad almeno tre impianti oggetto di bollino verde, sul rapporto di prova non sono state segnalate le anomalie accertate in materia di sicurezza dell'impianto termico.

65 SINTESI DELLE PRINCIPALI NORME TECNICHE

SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE

SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche AnnalisaIunco Raul Richiardone TORINO 19 FEBBRAIO 2015 SOMMARIO La normativa vigente in Regione

Dettagli

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE BOLLINO VERDE Che cosa è un sistema obbligatorio di autocertificazione di tutti gli impianti termici In vigore dal 15 ottobre 2009

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Seminario di Aggiornamento - Raul Richiardone, Annalisa Iunco

DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Seminario di Aggiornamento - Raul Richiardone, Annalisa Iunco DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI Seminario di Aggiornamento - Raul Richiardone, Annalisa Iunco DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA L.R. 13/2007 IN MATERIA DI IN COLLABORAZIONE

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN Raul Richiardone, Annalisa Iunco SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE IN COLLABORAZIONE CON LA E Le principali

Dettagli

PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE

PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE PROVINCIA DI TORINO Servizio Qualità dell Aria e Risorse Energetiche SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE AnnalisaIunco Raul Richiardone TORINO 10 aprile 2014 SOMMARIO La normativa

Dettagli

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO

OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO OLTRE LA L.R. 13/2007 NUOVE PROCEDURE, NUOVO LIBRETTO DI IMPIANTO, NUOVO SISTEMA INFORMATICO CUNEO 3 novembre 2014 Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Il nuovo

Dettagli

SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE NOVARA 21 GENNAIO 2014

SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE NOVARA 21 GENNAIO 2014 SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE NOVARA 21 GENNAIO 2014 SOMMARIO La normativa vigente in Regione Piemonte La procedura del Bollino Verde in Piemonte Utilizzo degli strumenti informatici

Dettagli

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74

D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 Il NUOVO libretto di centrale. Quali sono gli adempimenti a carico dell amministratore condominiale e quali a carico del manutentore della centrale termica. D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 D.M. 10 febbraio

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE

SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE TORINO 28 FEBBRAIO 2012 SEMINARIO PER L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL BOLLINO VERDE SERVIZIO QUALITA DELL ARIA E RISORSE ENERGETICHE Raul Richiardone Annalisa Iunco SOMMARIO Le principali novità introdotte

Dettagli

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni D.P.R. n. 74/2013 Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni Domenico Prisinzano ENEA CCEI Sicilia Milano, 03 giugno 2014 Ing. Domenico Prisinzano

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure per l'effettuazione

Dettagli

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Recepimento D.P.R. 16 aprile 2013 n. 74 e del D.M. 10 febbraio 2014 Confartigianato Sondrio 6 novembre 2014 Regione Lombardia

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici. CIRCOLARE N. 028 Bergamo, 24 gennaio 2014 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Aggiornamento delle disposizioni relative all esercizio, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici.

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 IMPIANTI TERMICI 1 Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 2 Esercizio dell impianto termico ai sensi del D.Lgs 192/2005 L esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Dettagli

INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFORMAZIONI PER I CITTADINI 1 INDICE Pagina Informazioni per i cittadini: Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Cosa si intende per impianto termico... 4 Responsabile dell impianto termico... 4 Il Libretto di Impianto

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118

Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118 Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118 Aggiornamento delle disposizioni per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici. Recepimento D.P.R. 16 aprile

Dettagli

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEL CON- TROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2015 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA APPROVATO DAL CONSIGLIO PROVINCIALE IN DATA 1 DICEMBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto -

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015)

VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni VADEMECUM PER I CITTADINI (versione aggiornata a Dicembre 2015) Impianti

Dettagli

I nuovi libretti di impianto in Emilia Romagna. G. Galeotti APAVE ITALIA CPM Divisione Fgas

I nuovi libretti di impianto in Emilia Romagna. G. Galeotti APAVE ITALIA CPM Divisione Fgas I nuovi libretti di impianto in Emilia Romagna G. Galeotti APAVE ITALIA CPM Divisione Fgas Il nuovo libretto di impianto Da quando 15 ottobre 2014 scatta l obbligo? Il libretto va conservato per almeno

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

Vademecum per i cittadini

Vademecum per i cittadini Impianti termici degli edifici Esercizio, controllo e manutenzione, accertamenti ed ispezioni nella Regione Marche. (Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19) Vademecum per i cittadini IMPIANTO TERMICO L

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ISPEZIONE E CONTROLLO SUGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ISPEZIONE E CONTROLLO SUGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI REGOLAMENTO PER L ATTIVITA DI ISPEZIONE E CONTROLLO SUGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI AI SENSI DEL D.LGS N. 192/2005 E S.M.I. E DELLA LEGGE REGIONE MARCHE n. 19 DEL 14/04/2015 Compiti e funzioni degli

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni Linee guida per il regolamento delle ispezioni degli impianti termici degli edifici ai sensi del D.P.R. n. 74/2013. Domenico Prisinzano Torino, 14 ottobre 2014 Esercizio e manutenzione

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Aggiornamento dello STRALCIO DI PIANO PER IL RISCALDAMENTO AMBIENTALE E IL CONDIZIONAMENTO e disposizioni attuative della l.r. 13/2007 IN MATERIA

Dettagli

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti Nuovi Decreti Impianti Termici Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti 1.1 Ambiti di intervento e finalità Definizioni: Esercizio: attività che dispone e coordina, nel

Dettagli

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1

Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Manutenzione degli impianto di riscaldamento 19/06/2007 Ing. SOCAL - Legge 10/91 1 Legge 10/91 Oggetto: uso razionale dell energia Finalità: ridurre i consumi energetici e migliorare la compatibilità ambientale

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009)

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI D ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Venerdì 23

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

Decreto Dirigente Unità Organizzativa

Decreto Dirigente Unità Organizzativa D.d.U.O 5027 11/06/14 Decreto Dirigente Unità Organizzativa AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L ESERCIZIO, LA MANUTENZIONE, IL CONTROLLO E ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

Dettagli

Argomenti trattati. 1. Nuovo Libretto di Impianto (D.P.R. 74/2013 e DM 10/2/2014)

Argomenti trattati. 1. Nuovo Libretto di Impianto (D.P.R. 74/2013 e DM 10/2/2014) Argomenti trattati 1. Nuovo Libretto di Impianto (D.P.R. 74/2013 e DM 10/2/2014) 2. DGR X/1118 del 20 Dicembre 2013 1. Responsabilità dell impianto 2. Targatura Impianto Termico 3. Libretto di Impianto

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI ALLEGATO 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E/O ESTIVA DEFINIZIONI Ai fini della presente determinazione si definisce impianto di climatizzazione un impianto tecnologico la cui produzione di calore

Dettagli

DPR 74/2013. pubblicato su Gazzetta Ufficiale n.149 del 27-6-2013. Entrato in vigore il 12 luglio 2013

DPR 74/2013. pubblicato su Gazzetta Ufficiale n.149 del 27-6-2013. Entrato in vigore il 12 luglio 2013 DPR 74/2013 «Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva

Dettagli

Canne fumarie. Sommario

Canne fumarie. Sommario Canne fumarie Sommario Legislazione e normativa di riferimento Esempi pratici di allacciamento Canne collettive ramificate Scarico a parete Termostato fumi Esempi di installazioni errate 1 Sommario Legislazione

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI Guida per l esercizio, controllo e manutenzione degli impianti termici Realizzato da ENEA nell ambito delle attività di informazione e formazione del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Riscaldiamoci risparmiando...

Riscaldiamoci risparmiando... REGOLAMENTO/ MANUALE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI Città di Scafati Città di Scafati GUIDA ALLA SICUREZZA E ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA PER IL CONTROLLO OBBLIGATORIO

Dettagli

LE NUOVE REGOLE SUGLI IMPIANTI TERMICI: IL DPR 74/2013 E IL RECEPIMENTO IN REGIONE FVG

LE NUOVE REGOLE SUGLI IMPIANTI TERMICI: IL DPR 74/2013 E IL RECEPIMENTO IN REGIONE FVG LE NUOVE REGOLE SUGLI IMPIANTI TERMICI: IL DPR 74/2013 E IL RECEPIMENTO IN REGIONE FVG Servizio Energia Servizio Energia PREMESSE Il D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74, «Regolamento in materia di esercizio,

Dettagli

Città di Torre del Greco

Città di Torre del Greco Città di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Regolamento per l esecuzione delle ispezioni sullo stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici, ai sensi della Legge 9 gennaio 1991 n. 10 e s.

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE Stagione termica 2014-2015 Il D.P.R. n 74 del 2013 ha definito

Dettagli

Impianti termici: esercizio e manutenzione

Impianti termici: esercizio e manutenzione Impianti termici: esercizio e manutenzione Quadro normativo: Esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici degli edifici. Legge 10/91 D.lgs 192/05 e s.m.i.; D.P.R. n.

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015 n. 19 NORME IN MATERIA DI ESERCIZIO E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI Rossano Basili Esercizio e manutenzione degli impianti termici:

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO

RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO RISPARMIO ENERGETICO E RISCALDAMENTO ing. arch. Luca Rollino, Ph. D. Esperto Gestione Energia UNI 11339 info@studiorollino.com www.studiorollino.com Alessandria, venerdì 18 marzo 2016 Argomenti trattati

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n.72 del 28/06/2010. Modificato con deliberazione C.P. n 67 del 28/10/2013

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n.72 del 28/06/2010. Modificato con deliberazione C.P. n 67 del 28/10/2013 PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E

Dettagli

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici

Art.9 Ispezioni sugli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici Art.8 Controllo dell'efficienza energetica degli impianti termici 7. I generatori di calore per i quali, durante le operazioni di controllo,

Dettagli

DETERMINAZIONE IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE IL DIRIGENTE Determina Dirigenziale N. 2397 del 31/03/2014 Protocollo N. 50236/2014 Firmato digitalmente da FANELLI VITO SERGIO SERVIZIO Impianti Termici e Sicurezza sul Lavoro DETERMINAZIONE Oggetto: Verifica dello

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n. 72 del 28/06/2010

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n. 72 del 28/06/2010 PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E

Dettagli

D.G.R. 30 settembre 2008, n. 35-9702

D.G.R. 30 settembre 2008, n. 35-9702 D.G.R. 30 settembre 2008, n. 35-9702 DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 28 MAGGIO 2007 N. 13 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI (ART. 21, COMMA 1, LETTERE H, I, J, K, L, M, O) (B.U.R. n. 41 del 9

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Testo modificato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 28 luglio 2008 con delibera n. 167 d ordine. REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.

INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7. INTEGRAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MERITO ALLA DISCIPLINA PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI APPROVATE CON DECRETO 6480 DEL 30.7.2015 1. Obbligo di dotazione e allegazione dell Attestato di Prestazione

Dettagli

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014

Faq: efficienza energetica degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2014 A seguito della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 55 del 7 marzo 2014 del decreto 10 febbraio 2014, riportante in allegato i modelli del Libretto di impianto

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione"

Art. 1 A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione Art. 1 "A partire dal 1 giugno 2014, gli impianti termici sono muniti di un libretto di impianto per la climatizzazione" QUESITO N. 2 Quali impianti devono essere muniti del libretto? Ad esempio se ho

Dettagli

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna

Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Bologna, 19 novembre 2014 Gestione delle centrali termiche condominiali: il quadro vigente in Emilia Romagna Risparmio energetico? Benvenuto nel Club! DPR 74/2013 (1) Regolamento recante definizione dei

Dettagli

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici.

Documentazione relativa alle pratiche: ISPESL Prevenzione Incendi. Disposizioni relative all uso razionale dell energia degli impianti termici. TERMOIDRAULICA: PROGRAMMA FORMAZIONE 2010 Con l obiettivo di fornire costante informazione alle imprese termoidrauliche che operano nel settore degli impianti tecnologici, il programma di aggiornamento

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica

Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Libretto di impianto per la climatizzazione e rapporti di efficienza energetica Dott. Ing. Michele Baleani M. +39 349 2807769 0F. +39 071 7231280 We Plan Ingegneria è costituito da un gruppo di giovani

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

COMUNE DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE E L ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

COMUNE DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE E L ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI COMUNE DI PISA REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE E L ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE TITOLO I...3 NORME GENERALI...3 Articolo 1 Ambito di applicazione...3 Articolo

Dettagli

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria,

E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, E un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato

Dettagli

Agenzia Fiorentina per l Energia Srl Florence Energy Agency Ltd www.firenzenergia.it info@firenzenergia.it

Agenzia Fiorentina per l Energia Srl Florence Energy Agency Ltd www.firenzenergia.it info@firenzenergia.it Firenze, 14 Ottobre 2008 Alla c.a. imprese manutenzione iscritte all accordo volontario Loro sedi Camera di Commercio di Firenze Piazza dei Giudici, 3 50122 Firenze FI info@fi.camcom.it Confartigianto

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTROLLI SUGLI IMPIANTI TERMICI APPROVATO

Dettagli

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99)

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) 1 Art.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento emanato per dare attuazione

Dettagli

COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di Cuneo Medaglia d'oro al Merito Civile

COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di Cuneo Medaglia d'oro al Merito Civile COMUNE DI BORGO SAN DALMAZZO Provincia di Cuneo Medaglia d'oro al Merito Civile Ufficio Tecnico Comunale Settore LL.PP. Servizio Gestione Immobili e Impianti Ambiente e Patrimonio bando per la concessione

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Vercelli, 15 Dicembre 2014 Provincia di Vercelli Sala del Polo di Educazione Ambientale Via Alessandro Manzoni 8

Vercelli, 15 Dicembre 2014 Provincia di Vercelli Sala del Polo di Educazione Ambientale Via Alessandro Manzoni 8 SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Vercelli, 15 Dicembre 2014 Provincia di Vercelli Sala del Polo di Educazione Ambientale Via

Dettagli

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385

RM Impianti Via delle case Rosse, 16 Loc. Tuori, 52040, Civitella in Val di Chiana Arezzo Tel.: +390575441292 Fax : +390575441385 Requisiti necessari per accedere alla detrazione Irpef del 65% per l installazione di caldaia a biomassa REQUISITI GENERALI CHE L IMMOBILE OGGETTO D INTERVENTO DEVE POSSEDERE PER POTER USUFRUIRE DELLE

Dettagli

La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi

La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi La legislazione nazionale in materia di impianti termici FAQ e casi applicativi Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Martedì, 14 ottobre 2014 Regione Piemonte

Dettagli

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06 OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D Lgs 152/06 Premessa Il DLgs 152/06, emanato dal precedente Governo con l'intento di essere il Testo Unico dell'ambiente ha introdotto diverse

Dettagli

PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE. Articolo 1 - Premessa...

PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE. Articolo 1 - Premessa... PROVINCIA DI CAMPOBASSO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI INDICE Articolo 1 - Premessa...2 Articolo 2 - Termini e definizioni...2 Articolo 3 Oggetto

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO LIBRETTO di IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) Conforme

Dettagli

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

DIVISIONE ENERGIA. Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici DIVISIONE ENERGIA Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione

Dettagli

UFFICIO POLITICHE ENERGETICHE ANNO 2015

UFFICIO POLITICHE ENERGETICHE ANNO 2015 CITTÀ DI ALBANO LAZIALE UFFICIO POLITICHE ENERGETICHE CAMPAGNA DI CONTROLLO dello stato di esercizio e di manutenzione DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E ESTIVA ANNO 2015 INTRODUZIONE Le tematiche

Dettagli

Incontri informativi con gli operatori tecnici. DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74

Incontri informativi con gli operatori tecnici. DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 PROVINCIA DI GENOVA DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA Ufficio Impianti Termici Incontri informativi con gli operatori tecnici DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA 16 aprile 2013,

Dettagli

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici dalla legge 10/91 al

Ispezione, controllo e manutenzione degli impianti termici dalla legge 10/91 al Ispezione, controllo e manutenzione degli dalla legge 10/91 al DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 74 (Gazzetta Ufficiale N. 149 del 27 Giugno 2013) Ing. Camillo Calvaresi ACEER

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli