INVIO DEL MATERIALE E TRATTAMENTO DEL TESSUTO EMOLINFOPOIETICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INVIO DEL MATERIALE E TRATTAMENTO DEL TESSUTO EMOLINFOPOIETICO"

Transcript

1 INVIO DEL MATERIALE E TRATTAMENTO DEL TESSUTO EMOLINFOPOIETICO PREMESSA Le procedure riportate di seguito fanno segnatamente riferimento al trattamento del tessuto emolinfopoietico (linfonodo, milza, midollo osseo, etc.). La maggior parte di esse, tuttavia, non ha alcun carattere di specificità, corrispondendo ai passi tecnici ottimali che ogni Struttura di Anatomia Patologica applica o dovrebbe applicare nella gestione del materiale bioptico, indipendentemente dal tipo di patologia in esame. Il raggiungimento del pieno successo nell utilizzazione di tali procedure non può prescindere dalla stretta collaborazione fra Anatomo-Patologo e Clinico o Chirurgo. In particolare, Quest ultimo deve avere completa conoscenza di una serie di problematiche di ordine generale, che saranno trattate sinteticamente nel prosieguo. SCELTA DELL APPROCCIO BIOPTICO LINFOGHIANDOLE SUPERFICIALI In linea di principio, è opportuno effettuare l asportazione completa, con rispetto là dove possibile della capsula. Non altrettanto efficace si rivela la biopsia incisionale: essa, infatti, frequentemente si associa a degenerazione filamentosa dei nuclei per danneggiamento delle cellule nel corso del prelievo: ciò può rendere difficile o, perfino, impossibile l interpretazione del dettaglio citologico, con le conseguenti difficoltà diagnostiche, che non dipendono dal Patologo. Nel caso in cui si sospetti un emopatia, assolutamente da proscrivere è l ago-aspirato: questo, infatti, oltre a non dare alcuna informazione topografica, importante nella diagnostica emolinfopatologica, può addirittura ingenerare false impressioni, causate dalla prevalente aspirazione di una delle componenti cellulari del tessuto esaminato. Così, si spiegano le diagnosi errate di linfoma diffuso a grandi cellule B, talora riscontrate in corso di iperplasia follicolare e dovute all aspirazione di soli centroblasti nel contesto di un centro germinativo in fase secondaria di sviluppo. E vero che il rischio di misinterpretazione potrebbe essere ridotto dall avvio di una parte del materiale aspirato allo studio citofluorimetrico, approccio, tuttavia, che comporta costi di gestione piuttosto elevati. Appare, pertanto, difficile giustificare perché si debba basare la diagnosi e, quindi, la terapia su di un cito-aspirato, quando l esame istopatologico dell intera linfoghiandola è in grado di fornire in tempi brevi una quantità molto più sostanziosa di informazioni, consentendo anche di acquisire materiale che opportunamente conservato può rappresentare uno strumento insostituibile

2 per l attività di ricerca. Da ultimo, non è possibile sottacere un rischio connesso con l aspirazione: in un certo numero di casi, essa è seguita dall infarto del linfonodo per lesione dei vasi ematici da parte dell ago. Se ciò si verifica in un Paziente con una singola adenopatia, nel quale l ago-aspirato non ha prodotto la diagnosi, la successiva asportazione del linfonodo infartuato non è di alcuna utilità. Di fatto, il caso rimane non concluso non certo per colpa del Patologo ed il Paziente deve essere strettamente seguito nel tempo, al fine di cogliere tempestivamente la comparsa di eventuali nuove adenopatie: nel caso di una forma sistemica, ciò comporterebbe un ritardo nell inizio della terapia e potrebbe avere implicazioni giudiziarie. Sempre nel sospetto di un emopatia, inopportuna appare la richiesta di un esame estemporaneo. Infatti, quest ultimo comportando il congelamento del materiale causa una significativa alterazione del dettaglio citologico, che ha fondamentale importanza nella diagnostica ematopatologica. MASSE PROFONDE Vale anche per queste la necessità di disporre di un adeguata quantità di materiale da esaminare, elemento che dovrebbe influenzare la scelta dell approccio strumentale più idoneo (laparotomia, laparoscopia, agobiopsia eco/tac-guidata, etc.). E chiaro, comunque, come in relazione alle condizioni del Paziente, si debba di volta in volta ricercare il giusto compromesso fra l invasività e l accuratezza dell esame. Importante è ricordare che per l ago-aspirato valgono in prima istanza le considerazioni di cui sopra. Per ciò che riguarda l esame estemporaneo, questo rappresenta soltanto il mezzo per stabilire la rappresentatività dell area nella quale si sta operando. Il tessuto prelevato per l estemporanea da una massa profonda non potrà, quindi, costituire l unico campione disponibile per la diagnosi: una volta definita in intraoperatoria l idoneità del campo, dovranno essere effettuate nuove prese da avviare alle procedure routinarie. INVIO DEL MATERIALE Il materiale bioptico deve essere sempre accompagnato da esaurienti notizie cliniche, le quali fanno parte integrante degli elementi richiesti per la diagnosi, come previsto dalla Classificazione dell Organizzazione Mondiale della Sanità. L invio del campione va effettuato in maniera tempestiva, rispettando i tempi concordati con l Anatomo-Patologo in base alla modalità prescelta (a fresco od in fissativo). In caso di invio in fissativo, se il campione tissutale non corrisponde ad un ago-biopsia ed il tempo che intercorre fra l exeresi e la consegna alla Struttura di Anatomia Patologica è di alcune ore, è necessario che il Chirurgo esegua un primo sommario sezionamento, seguendo i

3 protocolli che sono riportati su alcuni Trattati (ad esempio il Rosai and Ackerman s Surgical Pathology, 9 a Edizione, Mosby Editore) che possono essergli facilmente trasmessi dal Patologo. Assolutamente da proscrivere, in quanto scorretta sotto il profilo deontologico e possibile motivo di controversie giuridiche, è la suddivisione del materiale bioptico fra due diverse Strutture di Anatomia-Patologica. LINEE GUIDA PER LA MANIPOLAZIONE DEI PRELIEVI CHIRURGICI (con specifico riferimento al linfonodo) Il tessuto può giungere alla Struttura di Anatomia Patologica a fresco/senza fissativo od in fissativo. Essendo le procedure da seguire in queste eventualità differenti, tali vie verranno descritte separatamente. INVIO A FRESCO Questa procedura è preferibile per l ottimale conservazione degli antigeni e degli acidi nucleici. CONSEGNA La consegna del prelievo all Anatomia Patologica di riferimento deve essere effettuata entro 30 minuti dall asportazione chirurgica; laddove il rispetto dei tempi di consegna non possa essere garantito, si sconsiglia di intraprendere tale via. La modalità consigliata per l invio del materiale bioptico consiste nell avvolgere lo stesso in una garza imbevuta di soluzione fisiologica, ponendo il tutto in un contenitore a tenuta; se il pezzo ha grandi dimensioni, può essere ricoperto da molteplici garze imbevute dello stesso liquido. CAMPIONAMENTO/FISSAZIONE Il campione bioptico va sezionato subito dopo la consegna. Si raccomanda di eseguire sezioni dello spessore massimo di 3-5 mm. A questo punto, possono essere allestite 2 o più apposizioni; di queste, una va asciugata all aria e colorata con May-Grünwald-Giemsa, un altra fissata con cytofix e colorata con Papanicolau. Se le dimensioni del pezzo lo consentono, si consiglia di procedere effettuando prelievi (di dimensioni tali da non occupare l intera superficie del supporto impiegato per la criopreservazione o l inclusione) da avviare a: criopreservazione

4 La procedura ottimale consiste nel porre sul fondo di un contenitore CRYOMOLD STANDARD (modelli 25mm x 20mm x 5mm) un sottile strato di O.C.T. Compound, sul quale va appoggiato il prelievo; quest ultimo deve essere poi completamente ricoperto con altro O.C.T. Compound, avendo cura che il gel non fuoriesca dal contenitore. L intero cryomold è posto a congelare in azoto liquido per circa 1 minuto e, quindi, conservato in ultrafreezer a -80 C. Tale approccio garantisce l ottimale conservazione degli acidi nucleici; fissazione ordinaria Il fissativo di elezione è la formalina. Si raccomanda l uso di formalina tamponata al 10%. Quest ultima viene realizzata, diluendo l aldeide formica al 40%, commercialmente disponibile, in acqua distillata, in un rapporto di 1/10; alla soluzione così prodotta viene aggiunto il tampone, seguendo possibilmente la metodica di Lillie (allegato 1). l tempo di fissazione ottimale è di 24 ore, superate le quali il prelievo può essere conservato in alcool 70% fino al momento dell inserimento nel processatore automatico. E vivamente consigliata la fissazione a temperatura ambiente (non in inclusore). Laddove la disponibilità di materiale lo consenta, una parte del tessuto può essere fissata in B5 (allegato 2). In tale caso, ci si deve attenere ai seguenti accorgimenti: a) il prelievo deve avere spessore massimo di 2 mm, b) il tempo di fissazione ottimale è di ore: tale tempistica va osservata scrupolosamente, pena l indurimento eccessivo del campione, con difficoltà di taglio, c) dopo la fissazione, il pezzo va conservato in alcool 70% fino al momento dell inserimento nel processatore automatico, d) il B5 e la miscela fissativa vanno preparate attenendosi alle istruzioni (allegato 2). Tale approccio, che consente di avere il materiale bioptico in visione in tempi molto rapidi e preserva ottimalmente diversi antigeni, non viene tuttavia consigliato quale unica modalità di fissazione a causa della degradazione degli acidi nucleici, che esso produce. Un alternativa al B5 è rappresentata dalla fissazione in liquido di Bouin (allegato 3). Anche in questo caso, vanno eseguiti prelievi sottili, dato lo scarso potere di penetrazione del fissativo, ed il tempo di esposizione deve essere limitato a poche ore (18 al massimo), a causa dell indurimento del pezzo prodotto dal Bouin. Dopo la fissazione, il campione tissutale va lavato in alcool 70%, fino alla quasi completa rimozione del colore giallo da questo assunto durante la fissazione;

5 ulteriori procedure applicabili alla biopsia a fresco per: 1) esami culturali/microbiologici Appare indispensabile che l invio del materiale alla Struttura di Anatomia Patologica avvenga in maniera sterile e che le condizioni di sterilità siano garantite durante la successiva manipolazione/sezionamento del tessuto da parte del Patologo; 2) analisi citogenetiche di cariotipo Come per tutte le procedure che coinvolgono il linfonodo a fresco è necessario che trascorra un brevissimo lasso di tempo tra l asportazione del pezzo e la sua manipolazione che deve seguire le fasi seguenti: a) preparazione della coltura (fase da eseguirsi in sterilità): - mettere circa 2 ml di terreno di coltura (RPMI 1640) in una capsula di Petri (grande) o in un mortaio e provvedere a mettervi una fettina od un pezzetto di tessuto; - sminuzzare il tessuto usando un bisturi monouso (se si usa la capsula di Petri) od il pestello (se si usa il mortaio); - procedere ad una conta automatizzata delle cellule; - prendere una quantità di tessuto che contenga circa 60 milioni di cellule ed aggiungere terreno di coltura fino a 10 ml. (laddove si riesca ad ottenere solo una minore quantità di tessuto utilizzare solo 5 ml. di terreno di coltura); - se possibile, allestire almeno 6 colture ed incubare a 37 C al 5% di CO 2 per tempi diversi (due per 24 ore, 2 per 48 ore, 2 per 72 ore); b) arresto in metafase (fase da eseguirsi in sterilità): - terminata la fase (a) aggiungere 40 microlitri di colcemid lasciando incubare a 37 C al 5% di CO 2 per tempi di 20 e 40 minuti per ogni coppia di colture; c) fase di raccolta ( harvest ): - centrifugare i campioni per 10 minuti a 1200 rpm; - rimuovere il sopranatante; - aggiungere 8 ml si soluzione ipotonica e mixare ; - lasciare riposare per 20 minuti a 37 C; - vortexare aggiungendo 5 ml di fissativo; - centrifugare per 10 minuti a 1200 rpm; - rimuovere il sopranatante; - aggiungere 5 ml di fissativo: i primi 2 ml goccia a goccia; - centrifugare per 10 minuti a 1200 rpm; - fare tre lavaggi con il fissativo; d) allestimento vetrini: - eliminare il sovranatante e risospendere il fondello con il fissativo; - allestire tre vetrini per ogni campione;

6 - conservare il materiale rimasto a 20 C; e) colorazione dei vetrini: - colorare per ogni campione un vetrino con soluzione di Giemsa al 10% in tampone per 3 minuti; - mettere i restanti due vetrini in termostato a -60 C da 1 a 3 giorni e poi colorali mediante bandeggio G; 3) conservazione di cellule vitali selezionate Come per tutte le procedure che coinvolgono il linfonodo a fresco è necessario che trascorra un brevissimo lasso di tempo tra l asportazione del pezzo e la sua manipolazione che deve seguire le fasi seguenti: a) trattamento del campione: - mettere circa 2 ml di terreno di coltura (RPMI 1640) in una capsula di Petri (grande) o in un mortaio e provvedere a mettervi una fettina od un pezzetto di tessuto; - sminuzzare il tessuto usando un bisturi monouso (se si usa la capsula di Petri) od il pestello (se si usa il mortaio); b) separazione delle cellule: - mediante citocentrifugazione per densità, con isolamento dello strato desiderato (procedura opzionale, che può precedere la separazione con biglie); - mediante l uso di biglie magnetiche (con conferma mediante FACS analisi della purezza delle cellule isolate); - conteggio delle cellule isolate; - criopreservazione in aliquote definite delle cellule isolate (4-8 milioni), poste in 60% di siero bovino fetale, 30% di terreno coltura (RPMI 1640) e 10% di DMSO; la criopreservazione avviene a -80 C; a distanza di ore, le aliquote sono trasferite in Azoto liquido, ove vengono conservate fino al momento dell uso. INVIO IN FISSATIVO Quale fissativo si intende generalmente la formalina (con le specifiche di cui sopra). CONSEGNA La consegna del campione bioptico all Anatomia Patologica di riferimento in un contenitore a tenuta deve essere effettuata entro la stessa giornata lavorativa rispetto all asportazione chirurgica. Laddove, per motivi organizzativi delle sale operatorie e/o dei servizi di anatomia patologica, tale modalità non possa essere rispettata, si raccomandano accordi preventivi con i Colleghi Chirurghi, affinché procedano al parziale sezionamento del

7 campione, secondo le indicazioni fornite dal Patologo (vedi sopra), in modo da evitare che le aree più profonde non raggiunte dalla formalina (che ha una capacità di penetrazione di 4 mm in 16 ore) vadano incontro a fenomeni autolitici. Il rapporto volumetrico tra il campione bioptico ed il fissativo deve essere di circa 1/20. CAMPIONAMENTO Il campionamento del prelievo va eseguito preferibilmente entro la giornata di consegna: laddove ciò contrasti con l organizzazione del Servizio, si raccomanda comunque la valutazione macroscopica del materiale da campionare e l esecuzione degli atti necessari a garantire l omogenea fissazione (tagli di ampie masse, aperture di organi cavi giunti chiusi etc). Si raccomandano prelievi dello spessore di 3-5 mm e di non eccessiva ampiezza (nello specifico evitare che il prelievo occupi l intera superficie dell unicassetta, pena il rischio che, nel corso delle operazioni di inclusione, il campione si imbarchi, rendendo poi difficile la completa scopertura della sua superficie di taglio, al momento del sezionamento al microtomo). FISSAZIONE: Dopo la campionatura, in relazione allo stato macroscopico di fissazione del pezzo, il campione può essere ancora conservato in formalina o posto in alcool 70%. In ogni caso, vanno rispettate le indicazioni sopra riportate: a) uso di formalina tamponata al 10%, partendo dall aldeide formica con concentrazione al 40%, commercialmente disponibile, ed utilizzando possibilmente il tampone previsto dalla metodica di Lillie (allegato 1), b) tempo di fissazione medio di 24 ore a temperatura ambiente (non in inclusore). Laddove vi sia la necessità di avere in visione dei preparati in tempi rapidi, incompatibili con le convenzionali 24 ore di fissazione in formalina, si può procedere ad una post-fissazione in B5 per , in modo da avviare la processazione del pezzo in giornata. Per le modalità di preparazione del B5 e della miscela fissativa si veda l allegato 2. Il liquido di Bouin può rappresentare un alternativa al B5 (allegato 3). LINEE GUIDA PER LA MANIPOLAZIONE DELLE AGOBIOPSIE (non osteomidollari) E DELLE BIOPSIE ENDOSCOPICHE Tali prelievi giungono usualmente all Anatomia Patologica già in fissativo. Il fissativo di elezione è la formalina (da usare tamponata al 10%, partendo dall aldeide formica a concentrazione 40%, commercialmente disponibile; per il tamponamento secondo Lillie, si veda l allegato 1). Il tempo di fissazione raccomandato va dalle 12 alle 24 ore.

8 Dopo la fissazione, la biopsia va posta in alcool 70% fino al momento dell inserimento nel processatore automatico. LINEE GUIDA PER LA MANIPOLAZIONE DELLE AGOBIOPSIE OSTEOMIDOLLARI FISSAZIONE Usualmente le biopsie osteo-midollari giungono al Servizio di Anatomia Patologica in fissativo. Per quest ultimo, si prospettano le seguenti alternative: fissazione in B5 Impone molta attenzione nel rispetto dei tempi di fissazione, pena l indurimento eccessivo del campione con importanti difficoltà di taglio. Tali tempi corrispondono a ore per soluzioni preparate presso l Ospedale (vedi anche allegato 2 per la preparazione del B5 e della miscela fissativa) ed a 1.30 ore per soluzioni commercialmente disponibili (tipo BIOPTICA-Mielodec reagente A). GIUDIZIO: ottimale per rapidità e conservazione sia citologica che antigenica; non consente studi molecolari. Presuppone collaboratività con il Personale tecnico-infermieristico, che assiste all esecuzione della biopsia; fissazione in formalina Usare formalina tamponata al 10% (vedi sopra + allegato 1); tempo di fissazione ore; dopo la fissazione porre la biopsia in alcool 70% fino al momento dell inserimento nel processatore automatico. GIUDIZIO: non ottimale per la conservazione del dettaglio citologico; analoga al B5 per la conservazione antigenica; consente studi molecolari; CONSERVAZIONE Dopo la fissazione, la biopsia va posta in alcool 70% per almeno 20 minuti. Si segnala come l alcool 70% costituisca il mezzo nel quale la biopsia osteomidollare fissata può essere conservata anche per tempi lunghi, prima di essere sottoposta alla successiva fase di decalcificazione. Ciò permette anche la spedizione del campione fissato in sedi distanti: il dettaglio citologico ed il profilo antigenico rimangono sostanzialmente immodificati, specie nel caso in cui sia stato usato il B5 quale fissativo. DECALCIFICAZIONE Immergere la biopsia in liquido decalcificante, verificando che questa non tenda a galleggiare (fenomeno possibile nei casi a ricca componente adiposa). Rispettare il rapporto ottimale tra il volume del campione e quello del decalcificante (almeno 1:20).

9 Il tempo di decalcificazione varia in base al tipo di liquido decalcificante utilizzato: a) per soluzioni preparate presso il Laboratorio secondo le indicazioni dell allegato 4: 180 minuti; b) per la soluzione BIOPTICA-Mielodec Reagente B: minuti. Terminata la decalcificazione, la biopsia viene nuovamente posta in alcool 70% fino all inizio della processazione.

10 ALLEGATI Allegato 1: FORMALINA TAMPONATA SECONDO LILLIE Componenti: Aldeide formica 40% 100ml Acqua distillata 900ml Na 2 H 2 PO 4 H 2 O 4g Na 2 HPO 4 6.5g La confezione di aldeide formica va conservata al buio, a temperatura ambiente Allegato 2: B5 PREPARAZIONE DEL B5 (SOLUZIONE MADRE) Componenti: Mercurio cloruro ico 6g Sodio acetato anidro 1.25g Acqua distillata 90 ml Preparazione: - far bollire per 45 una quantità di acqua distillata sufficiente per la soluzione (90 ml) e per il lavaggio della vetreria di lavoro; - dopo 45 di ebollizione, misurare 90 ml di acqua distillata e sciogliervi, con agitazione, prima il mercurio cloruro ico e poi il sodio acetato anidro; - filtrare la soluzione su carta. Il B5 va conservato in bottiglie di vetro scuro con l indicazione della data di preparazione. Sostituire la soluzione madre almeno una volta alla settimana. PREPARAZIONE DEL B5 (SOLUZIONE DI LAVORO) Al momento della biopsia miscelare 9 ml del B5 (soluzione madre) e 1 ml di aldeide formica al 40% (la confezione di aldeide formica va conservata al buio, a temperatura ambiente); il frustolo agobioptico va immerso in tale miscela e da questo momento va calcolato il tempo di fissazione.

11 Allegato 3: PREPARAZIONE DEL LIQUIDO DI BOUIN - Mescolare 75 ml di soluzione satura di acido picrico con 25 ml di formalina madre (soluzione satura di aldeide formica al 40%); - Aggiungere 5 ml di acido acetico glaciale. Allegato 4: PREPARAZIONE DEL DECALCIFICANTE - Portare 1 litro di acqua distillata ad ebollizione; - sciogliere a caldo 37,22g di sale bisodico dell acido etilen-diamino-tetraacetico (EDTA); - raffreddare a 40 C ed aggiungere 70 ml di HCL concentrato; - lasciar riposare una notte e filtrare.

12 PROCESSAZIONE DEL TESSUTO Una volta terminata la fase di fissazione, i prelievi vanno posti nel processatore automatico od inclusore. Relativamente a questa fase, si raccomandano i seguenti accorgimenti: a) evitare la fissazione a temperatura; b) garantire tempi di disidratazione, chiarificazione ed impregnazione in paraffina sufficienti (almeno 45 minuti per stazione); c) applicare un ottimale sequenza di reagenti [ad esempio: alcool 70, alcool 80, alcool 90, alcool 95, alcool 100 (x3), diafanizzante (x3), paraffina con punto di fusione a 56 C, addittivata con polimeri (x4)]; d) garantire la frequente pulizia della macchina ed il ricambio dei vari reagenti (in particolare, scalando possibilmente ogni giorno l ultimo degli alcool, dei diafanizzanti e delle paraffine). INCLUSIONE Le unicassette, prelevate dal processatore automatico, vengono poste nella camera calda della centralina d inclusione ed aperte una alla volta. Il procedimento di inclusione segue modalità standard. Si raccomanda che temperatura della paraffina rimanga compresa tra 56 e 57 C, in ogni fase del processo di inclusione (ivi compresa quella di dispensazione). SEZIONAMENTO Il procedimento di sezionamento segue modalità standard. Si raccomandano sezioni di spessore non superiore a 3 micron (monostrato di cellule) rappresentative dell intera superficie di sezione del campione. RACCOLTA DELLE SEZIONI Il procedimento di raccolta delle sezioni segue modalità standard. Si raccomanda che la temperatura del bagno termostatico non superi i C (necessari controlli sistematici), allo scopo di fare distendere le sezioni in maniera ottimale, eliminando così eventuali ripiegature.

13 I vetrini con le sezioni raccolte vanno posizionati in apposite griglie portavetrini e lasciate asciugare in stufette a 37 C per un tempo massimo di 60 minuti. Se per l indagine immunoistochimica si utilizza un coloratore automatico, si raccomanda di utilizzare vetrini a carica elettrica per la raccolta delle sezioni; se l immunocoloratore lavora per capillarità di risalita del reagente è opportuno che nella fase di raccolta, la sezione venga posizionata nella metà inferiore del vetrino, in modo che possa essere raggiunta agilmente dai reagenti. Le sezioni destinate alla Biologia Molecolare vanno tagliate con uno spessore di 10 micron, raccolte in contenitori eppendorf o su vetrini (opzione definita dal Personale addetto all esecuzione dell indagine molecolare). COLORAZIONI ISTOMORFOLOGICHE Le colorazioni da eseguire routinariamente per la diagnostica ematopatologica sono la Ematossilina Eosina, il Giemsa l impregnazione argentica secondo Gomori (quest ultima almeno per le biopsie osteomidollari). Colorazioni aggiuntive utili ai fini diagnostici sono: l acido Periodico di Schiff (PAS), il Pearls, lo Ziehl-Neelsen ed il Rosso Congo. Tutte le sezioni devono venire sottoposte al processo di sparaffinatura e reidratazione del tessuto. Nell esecuzione manuale, tale processo prevede: alcool etilico 100%: alcool etilico 95 alcool etilico 80 alcool etilico 70 alcool etilico 50 acqua distillata 2 passaggi di 20 minuti ciascuno; 3 passaggi; 1 passaggio (alcuni risciacqui); 1 passaggio (alcuni risciacqui); 1 passaggio (alcuni risciacqui); 1 passaggio (alcuni risciacqui); 1 passaggio (alcuni risciacqui). Qualora le colorazioni vengano effettuate in maniera automatizzata, i tempi di sparaffinatura e di re-idratazione sono indicati nella specifica procedura (vedi sotto). Le colorazioni possono venire eseguite, sia manualmente (evenienza necessaria per il Giemsa) che in coloratore automatico, con possibili modifiche dei tempi previsti per le singole fasi, per cui si daranno prima

14 indicazioni sulle modalità di colorazione manuale e poi di quelle in automatico. COLORAZIONI MANUALI Colorazione Giemsa (secondo Lennert) 1 soluzione di Giemsa (preferibilmente Merck) diluita al 50% con acqua distillata: 5 minuti 2 Soluzione acida (10 gocce di acido acetico puro in 200 ml di acqua distillata): 2-3 passaggi (questo passaggio non si esegue per le sezioni ottenute da biopsie osteomidollari) 3 Alcool etilico 95% : alcuni passaggi 4 Fase di differenziazione : controllo al microscopio ottico dell intensità di colorazione per valutare l eventuale necessità di ulteriori passaggi in alcool 95% 5 Alcool isopropilico 6 : in tale liquido i vetrini possono permanere a lungo. Di regola vi permangono sino alla fase successiva di montaggio In caso di estemporanea: i passaggi osservano la stessa sequenza, ma vengono accorciati i tempi (Giemsa 1 minuto circa, rapido passaggio in acqua acida, rapido passaggio in alcool 95%, rapido passaggio in alcool isopropilico e lavaggio breve in Histoclear). Nel caso in cui il tessuto sia stato fissato in liquido di Bouin, oltre ai prolungati lavaggi del pezzo in alcool 70% prima della processazione, è necessario effettuare lavaggi prolungati delle sezioni, sia in alcool 70% (durante la fase di reidratazione) che in acqua (a reidratazione terminata), prima di procedere alla colorazione in Giemsa. Ematossilina Eosina Ematossilina: Acqua di fonte: Eosina G: Acqua distillata: Alcool 70% : Alcool 80% : Alcool 95% : Alcool 100% : : immersione per 5 minuti lavaggio rapido (10 secondi) immersione per 5 minuti lavaggio rapido (10 secondi) lavaggio rapido (5 secondi) lavaggio rapido (5 secondi) lavaggio rapido (5 secondi) lavaggio con 3 cambi (5-10 secondi ciascuno) lavaggio con 3 cambi (5-10 secondi ciascuno) In caso di estemporanea: i passaggi osservano la stessa sequenza, ma vengono accorciati i tempi [Ematossilina 1 minuto, rapido passaggio in acqua

15 di fonte, Eosina 1 minuto, rapidi lavaggi in acqua distillata, rapidi lavaggi nella scala crescente degli alcooli (100%, 95%, 80%, 70%), lavaggio breve in Histoclear] Impregnazione argentica secondo Gomori: 1. Permanganato di potassio allo 0,5%. acidificato con acido solforico al 3% 2. Lavaggio in acqua distillata 3. Acido ossalico al 5% (lasciare le sezioni in soluzione fino a schiarimento) 4. Lavaggio in acqua distillata 5. Soluzione di ferro ammonio solfato-ico al 2% 6. Lavaggio in acqua distillata 7. Nitrato d argento filtrato 8. Soluzione di formalina al 10% (togliere le sezioni non appena le stesse si scuriscono) 9. Lavaggio in acqua distillata 10. Tiosolfato di sodio al 5% 11. Lavaggio in acqua distillata 12. Alcool 70% 13. Alcool 80% 14. Alcool 95% 15. Alcool 100%: 3 passaggi 16. : 3 passaggi Modalità di preparazione della soluzione di argento ammoniacale: In 10 cc di soluzione acquosa di nitrato di argento al 10% aggiungere goccia a goccia ammoniaca concentrata, fino a scomparsa del precipitato. Aggiungere quindi 10 cc di idrossido di sodio al 3%: tale aggiunta induce la formazione di un precipitato nero. Aggiungere lentamente, goccia a goccia dell ammoniaca, fino a che la soluzione non diventa limpida ed incolore. A questo punto si aggiungono 100 cc di acqua distillata. La soluzione così ottenuta va conservata in un contenitore di vetro scuro a +4 C. ACIDO PERIODICO DI SCHIFF (PAS): 1. Acido periodico all 1%: 10 minuti 2. Lavaggio in acqua distillata 3. Reattivo di Schiff: 20 minuti 4. Lavaggio in acqua di fonte 5. Contrasto con emallume 6. Lavaggio in acqua di fonte 7. Alcool 70% 8. Alcool 80%

16 9. Alcool 95% 10. Alcool 100%: 3 passaggi 11. : 2 passaggi PAS DOPO DIASTASI: 1. Ricoprire la sezione con una soluzione di alfa-amilasi allo 0,1% per 15 minuti. 2. Lavaggio in acqua distillata 3. procedere come per il PAS (vedi sopra) ZIEHL NEELSEN 1. Fucsina pura filtrata: 5 minuti, fiammeggiando e facendo attenzione a non fare asciugare le sezioni 2. Lavaggio in acqua distillata 3. Acido solforico 20% 4. Lavaggio in acqua distillata 5. Acido solforico 20% 6. Lavaggio in acqua distillata 7. Acido solforico 20% 8. Lavaggio in acqua distillata 9. Alcool 95% 10. Lavaggio in acqua distillata 11. Contrasto con blu di metilene 12. Alcool 70% 13. Alcool 80% 14. Alcool 95% 15. Alcool 100%: 3 passaggi 16. : 3 passaggi COLORAZIONI AUTOMATIZZATE Ematossilina Eosina: Alcool 100% Alcool 95% Alcool 80% Alcool 70% Alcool 50% Acqua corrente Ematossilina di Gill Acqua corrente Eosina 10 minuti 10 minuti 25 minuti 25 minuti 25 minuti 25 minuti 25 minuti 30 minuti 5 minuti 10 minuti 3 minuti

17 Acqua corrente Alcool 70% Alcool 80% Alcool 95% Alcool 100% Impregnazione Argentica: Alcool 100% Alcool 95% Alcool 80% Alcool 70% Alcool 50% Acqua corrente Permanganato Acqua corrente Acido Ossalico Acqua corrente Argento Nitrato Acqua Formalina Acqua Sodio Tiosolfato Acqua Alcool 70% Alcool 80 Alcool 95% Alcool 100% 10 minuti 10 minuti 10 minuti 10 minuti 1 minuto tempo indefinito; in base alla contingenza d uso 20 minuti 1 minuto 20 minuti 1 minuto 20 minuto 1 minuto 20 minuti 40 minuti 20 minuti 1 minuto 20 minuti 1 minuto tempo indefinito; in base alla contingenza d uso MONTAGGIO Il montaggio dei vetrini può essere eseguito a mano o tramite un montavetrini automatico. Il montante è rappresentato dalla gelatina Eukitt.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE PLVERI MULTIDSE MENTL PLVERE CUTANEA PREPARARE UNA A SCELTA FRA LE DUE FRMULAZINI Composizione: levomentolo o mentolo racemico g 1.0 talco g 99.0 Preparazione 20 g TALC MENT-CANFRAT Composizioe: levomentolo

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00

Data: 15/12/2010. CARTA DEI SERVIZI Rev: 00 Unità Operativa di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero S.S. Trinità via Is Mirrionis N 92-09121 Cagliari IN VIGORE DAL INDICE Pag. 1. ABBREVIAZIONI 1 2. OGGETTO 1 3. SCOPO 1 4. PRESENTAZIONE DELL'UNITÀ

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LISTINO PREZZI SOLUZIONI DA LABORATORIO

LISTINO PREZZI SOLUZIONI DA LABORATORIO LISTINO PREZZI SOLUZIONI DA LABORATORIO CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA Listino prezzi soluzioni da laboratorio Validità prezzi dal 01/01/2015 fino al 31/12/2015 ( i prezzi non sono in ogni caso per noi

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI

DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI Rapporti ISTISAN 2005 DETERMINAZIONE DI ESCHERICHIA COLI 0. Generalità e definizioni Escherichia coli è stato descritto per la prima volta nel 1885 da Theodor Escherich col nome di Bacterium coli. Il microrganismo,

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT

Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 UNITS 7-2 07/2014-IT Elettrobisturi ad alta frequenza AUTOCON II 80 L unità AUTOCON II 80 è un elettrobisturi ad alta frequenza compatto e potente che convince

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli