INFIAMMAZIONE. Nabissi 15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFIAMMAZIONE. Nabissi 15"

Transcript

1 INFIAMMAZIONE

2 CARATTERISTICHE GENERALI DELL INFIAMMAZIONE L infiammazione è una reazione complessa ad agenti lesivi, come microbi e cellule danneggiate, in genere necrotiche, e consiste nella risposta vascolare, nella migrazione ed attivazione dei leucociti ed in una reazione sistemica. Caratteristica peculiare della reazione infiammatoria è la reazione dei vasi sanguigni, che porta all accumulo extravascolari. di liquidi e leucociti nei tessuti

3 L infiammazione si differenzia in: Acuta : esordio rapido e durata relativamente breve, con formazione di essudato (edema) e migrazione di leucociti. Cronica: ha una durata maggiore ed è associata istologicamente alla presenza di linfociti e macrofagi, proliferazione di vasi sanguigni, fibrosi e necrosi tissutale. LE RISPOSTE VASCOLARI E CELLULARI DELL INFIAMMAZIONE, SIA ACUTA CHE CRONICA, SONO MEDIATE DA FATTORI CHIMICI CHE SONO PRODOTTI IN RISPOSTA ALLO STIMOLO INFIAMMATORIO.

4 - La risposta infiammatoria è strettamente legata al processo di riparazione, in quanto l infiammazione distrugge, diluisce o isola l agente infettivo e mette in moto dei meccanismi che mirano alla guarigione ed alla ricostruzione del tessuto danneggiato (rigenerazione (cell.parench.) o cicatrizzazione (tess. fibroso) )

5 CARATTERISTICHE GENERALI DELL INFIAMMAZIONE COMPONENTI DELLA RISPOSTA INFIAMMATORIA ACUTA E CRONICA

6 Le reazioni infiammatorie ACUTA sono scatenate da diversi stimoli. Infezioni (batteri, virus, parassiti) Traumi (superficiali, profondi) Agenti fisici e chimici (ustioni, congelamento), U.V., sostanze chimiche ambientali) Necrosi tissutale (varie cause) Reazioni immunitarie (ipersensibilità) Per quanto gli stimoli inducono reazioni in parte distinte, alcune caratteristiche base rimangono comuni.

7 CARATTERISTICHE GENERALI DELL INFIAMMAZIONE EFFETTI LOCALI EFFETTI SISTEMICI Rubor (rossore) Sintomi specifici della patologia Calor (calore) Febbre Tumor (tumefazione) Anoressia Dolor (dolore) Debolezza Funcio lesa (lesione) Alterazione eq.idrico - Perdita minerali Leucocitosi Modificazioni biochimico-cliniche di fase acuta.

8 INFIAMMAZIONE ACUTA L infiammazione acuta è la risposta rapida che serve a portare nella sede della lesione mediatori, leucociti e proteine plasmatiche. Consiste in: - Alterazione del calibro vascolare che determinano un aumento del flusso ematico. - Modificazioni strutturali nella microvascolarizzazione: aumento della permeabilità che comporta la fuoriuscita di liquidi e proteine plasmatiche dal circolo sanguigno (formazione di edema) - Fuoriuscita dei leucociti dal microcircolo, accumolo nella sede di lesione e attivazione per l eliminazione della causa infettiva

9 MODIFICAZIONI VASCOLARI VASODILATAZIONE: porta ad un aumento del flusso ematico, causando il rossore ed il calore della regione colpita dal processo infiammatorio. Indotta da istamina e ossido nitrico che agiscono sulla muscolatura liscia dei vasi. AUMENTO DELLA PERMEABILITA : la fuoriuscita di liquido porta ad un aumento della viscosità del sangue (STASI) con conseguente concentrazione dei globuli rossi al centro dei piccoli vasi ed accumulo dei leucociti in prossimità dell endotelio.

10 FORMAZIONE DELL EDEMA Con la perdita delle proteine plasmatiche si riduce la pressione osmotica all interno dei vasi ed aumenta quella dei liquidi interstiziali. Questo fenomeno in associazione all aumento della pressione idrostatica (data dalla vasodilatazione), causa una notevole fuoriuscita di liquidi nei tessuti interstiziali ed una riduzione del rientro di liquidi a livello delle venule post-capillari.

11 EDEMA Edema: puo essere essudato o trasudato ed indica un eccesso di liquido nelle cavità sierose o interstiziali. Essudazione: fuoriuscita di liquido, proteine e cellule ematiche dal sistema vascolare verso il tessuto interstiziale o nelle cavità corporee, causato da un alterazione della permeabilità dei vasi Trasudazione: fuoriuscita di liquido dal sistema vascolare verso il tessuto interstiziale o nelle cavità corporee, derivato da uno squilibrio osmotico o idrostatico. Non si ha aumento della permeabilità vascolare. Pus: essudato purolento ricco di leucociti, cellule morte e spesso microbi.

12 In che modo l endotelio diventa permeabile?

13 Formazione di aperture nell endotelio delle venule Indotto da istamina, bradichinine, leucotrieni, Sostanza P ed altri mediatori chimici, con risposta rapida, reversibile e di breve durata: RISPOSTA IMMEDIATA TRANSITORIA (15-30 min). Interessa le venule di piccolo diametro e non capillari ed arteriole (probabilimente per la presenza di una minore concentrazione di recettori). Il legame dei mediatori chimici ai loro recettori presenti a livello delle cellule endoteliali attiva dei segnali intracellulari (fosforilazione di proteine del citoscheletro) che porta alla contrazione delle cellule endoteliali e alla separazione delle giunzioni intercellulari. Altri fattori coinvolti sono IL-1, TNF ed IFN-g. L azione di queste citochine è ritardata e di lunga durata.

14 Lesioni endoteliale diretta con necrosi e distacco delle cellule endoteliali Danno diretto all endotelio dello stimolo lesivo (ustioni, infezioni batteriche litiche), è una risposta immediata sostenuta. La fuoriuscita di liquidi e proteine inizia immediatamente e perdura a lungo fino alla riparazione o trombizzazione dei vasi. In questa risposta sono coinvolti tutti i tipi di vasi.

15 Lesioni endoteliali mediate da leucociti I leucociti aderiscono alle pareti dell endotelio dopo un breve periodo dall inizio del processo infiammatorio e possono liberare metaboliti tossici (radicali liberi dell O 2 od enzimi proteolitici) che causano danno alle pareti dei vasi, dando luogo a maggiore permeabilità vascolare. Soprattutto si verifica a livello dei capillari polmonari e glomerulari.

16 Aumento della transcitosi Formazione di canali costituiti da agglomerati di vescicole e vacuoli interconnessi, detti organuli vescicolo-vacuolari, localizzati principalmente a livello delle giunzioni cellulari. Il VEGF e l istamina aumentano il numero e le dimensioni di questi organuli portando ad un aumento della permeabilità.

17 Fuoriuscita di liquidi e proteine da vasi neoformati Durante la riparazione le cellule endoteliali proliferano e formano nuovi vasi (angiogenesi). La fuoriuscita, da vasi neoformati con il processo dell angiogenesi, perdura fino a quando le cellule endoteliali dei vasi non si differenziano completamente (diventando poco permeabili). Inoltre alcuni fattori come il VEGF che stimolano il processo angiogenetico rendono i vasi preesistenti piu permeabili.

18

19 EVENTI CELLULARI Una funzione primaria dell infiammazione è quella di portare i leucociti nella sede della lesione e di attivarli. Le sequenze di eventi che portano al travaso sono: Attivazione dell endotelio per indurre il reclutamento leucociti (marginazione, rotolamento, adesione) Diapedesi Migrazione

20 Invio dei leucociti della linea mieloide (principalmente neutrofili e monociti) dal midollo al focolaio infiammatorio Invio dei linfociti dal midollo e timo agli organi linfoidi secondari per incontrare gli antigeni e differenziarsi in linfociti effettori (LE) Invio dei LE nel sito infiammatorio NEI FOCOLAI INFETTIVI LE CELLULE ENDOTELIALI SONO ATTIVATE (grazie alle citochine prodotte dai macrofagi residenti). L attivazione endoteliale aumenta la loro affinità per i leucociti.

21 Marginazione Con la stasi le condizioni emodinamiche cambiano ed un maggior numero di leucociti assume una posizione periferica lungo le pareti del vaso. Mediante questo processo di marginazione i leucociti rotolano lentamente lungo le pareti dei vasi aderendovi in maniera transitoria (rolling). Le pareti dei vasi vengono rivestite dai leucociti (pavimentazione). Dopo una solida adesione i leucociti inseriscono degli pseudopodi nelle giunzioni delle pareti del vaso per poi migrare al di fuori dei vasi.

22 Adesione e Diapedesi L adesione e la migrazione dei leucociti sono regolate dal legame di molecole d adesione complementari presenti sui leucociti e sull endotelio. I mediatori chimici influiscono su questo processo modulando l espressione di superficie e l avidità di queste molecole. I recettori di adesione appartengono a quattro famiglie: Selectine Integrine Glicoproteine mucina-simili Immunoglobuline

23

24 LE SELECTINE: I principali iniziatori dell adesione sono le tre selectine espresse sui leucociti (L- Selectina), sulle cellule endoteliali (P e E-Selectina) e piastrine attivate (P-selectine). Le selectine (E, P, L) si legano attraverso il loro dominio di lectina alle forme sialilate degli oligosaccaridi, presenti nelle glicoproteine mucina-simile.

25 Le selectine appartengono alla famiglia di proteine chiamata LECAM (Leucocyte Endothelium Cell Adhesion Molecules) sono glicoproteine transmembrana a catena singola capaci di legare i ligandi con alta velocità di attacco ma con bassa affinità. L espressione della selectina E viene indotta sulle cellule endoteliali da citochine infiammatorie dopo poche ore (3-4) dalla stimolo infiammatorio e diminuisce dopo circa 8-10 ore. La selectina E è riconosciuta da monociti, linfociti T di memoria e polimorfonucleati. La selectina P è sempre presente nell endotelio ma inattiva, localizzata nei corpuscoli di Weibel e Palade; solo dopo attivazione da mediatori (es. istamina) viene esposta in membrana. Il processo di attivazione ed inattivazione è molto rapido.

26 Molecole d adesione Distribuzione Ligando Regolazione e funzione L-selectine Leucociti Gly CAM-1 E-selectine Endoteliali attivati da citochine Glicani sialilati tipo Lewis X Glicani sialilati tipo Lewis X Homing dei linfociti memoria T vergini e dei leucociti infiammatori Legame dei leucociti nei siti d infiammazione P-selectine Endoteliali e piastrine Immagazzinamento intracellulare, rapida traslocazione e attivazione da istamina, trombossani e superossidi Glicani sialilati tipo Lewis X Legame dei leucociti nei siti d infiammazione

27 Integrine Per terminare il rotolamento le cellule devono formare nuovi legami addizionali più saldi. Le molecole d adesione coinvolte in questa fase sono le integrine. Ci sono differenti sottofamiglie di integrine ed i componenti di ogni sottofamiglia esprimono una catena conservata β associata a differenti catene a. INTEGRINE a1b2 INTEGRINE a4b1 Comunemente chiamate LFA-1 (leukocyte function-associated antigen-1) responsabili dell adesione intercellulare e alla matrice. Riconoscono i ligandi ICAM-1, ICAM-2 and ICAM-3 sulle cellule endoteliali, linfociti, macrofagi, fibroblasti, cheratinociti Anche conosciute come VLA (very late activation). Lega VCAM-1 (vascular cell adhesion molecule-1) Sono responsabili dell adesione alle proteine della matrice extracellulare come collagene, laminina e fibronectina.

28 'inside out' signalling, Un attivatore intracellulare, si lega alla β-integrin tail, portando un cambio conformazionale aumentando l affinità per componenti extracellulari (attivazione delle integrine) favorendo la migrazione. 'outside in' signalling. Legame delle integrine al ligando extracellulare cambia la loro conformazione. L insieme dei due eventi contribuisce al controllo della polarità cellulare, ri-arrangiameno del citoscheletro, espressione genica, proliferazione e sopravvivenza cellulare

29 Le integrine sono espresse sulla membrana dei leucociti circolanti in uno stato a bassa affinità. Quando il leucocita entra in contatto con una cellula endoteliale, le chemochine presenti sulle cellule endoteliali attivano il recettore delle chemochine presente sul leucocita. Il legame C-CR determina il cambio conformazionale delle integrine (Alta affinità).

30 Immunoglobuline Le immunoglobuline sono le molecole d adesione presenti a livello delle cellule endoteliali che fungono da ligandi per le integrine presenti sui leucociti. Le due molecole d adesione endoteliale sono: ICAM-1/2 (molecola d adesione intercellulare-1) VCAM-1 (Molecole d adesione cellulare vascolare-1) ICAM e VCAM riconosciute da linfociti e monociti, mentre i polimorfonucleati riconoscono solo ICAM-1 Molecole d adesion e ICAM-1 ICAM-2 Ligando a1b2 integrine, fibrinogeno a1b2 integrine VCAM-1 a4b1 integrine

31

32

33

34 INDUZIONE DELLE MOLECOLE D ADESIONE Istamina, trombina e PAF (fattore attivante le piastrine) stimolano la distribuzione della P-selectina dai corpi di Weibel-Palade alla superficie cellulare. Macrofagi, mastociti, cellule endoteliali rispondono agli stimoli infettivi rilasciando citochine (TNF), IL-1 e chemochine. TNF, IL-1 stimolano le cellule endoteliali a produrre molecole di adesione (ex. E- selectine) e i leucociti le molecole complementari alla E-selectina. TNF, IL-1 stimolano anche la produzione di ICAM-1 e VCAM-1.

35 DIAPEDESI Il passaggio dei leucociti attraverso l endotelio è chiamato diapedesi, le cellule attivate migrano in direzione del gradiente di concentrazione chimica. Le molecole di adesione presenti nelle giunzioni intercellulari dell endotelio coinvolte nel passaggio dei leucociti appartengono alla superfamiglia delle immunoglobuline e sono chiamate PECAM (Platelet endothelial Cell Adhesion Molecule) o CD31.

36 Uno stimolo infiammatorio induce l espressione di ICAM-1. Dopo adesione e rolling I leucociti migrano grazie alle PECAM-1 e CD99. Le chemochine ed integrine stimolani l espressione e le interazioni fra LFA-1 e ICAM-1. Le interazione fra PECAM-1 e CD99 contribuiscono alla trasmigrazione dei leucociti

37 Il tipo di leucociti migranti varia in relazione alla progressione temporale della risposta infiammatoria ed al tipo di stimolo. Nella maggior parte delle infiammazioni acute nell infiltrato infiammatorio predominano i neutrofili per le prime 6-24 ore, sostituiti quindi dai monociti dopo ore. I neutrofili sono i primi perché sono piu numerosi e sensibili alle chemochine, quindi tendono a formare legami piu saldi. Comunque i neutrofili hanno vita breve andando incontro ad apoptosi (formando l essudato), mentre i monociti sopravvivono piu a lungo.

38 CHEMIOTASSI I movimenti cellulari sono orientati da un gradiente chimico. Le sostanze CHEMIOATTRATTRICI possono essere i prodotti di origine batterica o componenti del sistema del complemento (C5a), prodotti della via lipossigenasica (leucotrieni) e chemochine. Come avviene l induzione del movimento cellulare orientato? Gli agenti chemiotattici si legano a specifici recettori transmembrana accoppiati alle proteine-g (GPCR) che generano segnali intracellulari che portano alla polimerizzazione dell actina. Questo porta a modificazioni della membrana cellulare come la formazione di filopodi e contrazione cellulare.

39 Le molecole chemioattrattrici formano un gradiente anche all interno del lume vascolare. L eparan-solfato sulla superficie dell endotelio previene la dissoluzione del gradiente di chemochine nel plasma e fornisce una via differenziale per la migrazione leucocitaria

40 CHEMOCHINE E RECETTORI Piccole molecole suddivise in 4 sottofamiglie, sulla base del numero e posizione dei residui di cisteina: (CC, CXC, CX 3 C e _C) Prodotte da leucociti, cellule endoteliali, fibroblasti ed epiteliali sotto stimoli infiammatori (presenza di microrganismi riconosciuti da recettori dell immunità innata), citochine infiammatorie.

41

42 Le chemochine C-X-C: hanno un residuo aminoacidico che separa le due cisteine, come IL-8 (CXCL8) che attrae i leucociti polimorfonucleati nel sito dell infiammazione acuta. Vengono indotte da prodotti microbici e da IL-1 e TNF.

43 Le chemochine CX 3 C: contengono tre aminoacidi fra i due residui di cisteina, Il solo menbro di questa classe è chiamato FRACTALCHINA. Questa chemochina esiste in due forme, una legata alla superficie cellulare ed indotta da citochine infiammatorie (TNFa) promuove l adesione di monociti e linfociti T e una solubile che ha un potente effetto chemiotattico d attrazione per le stesse cellule. La linfotactina (XCL1) è il solo membro della quarta famiglia e contiene un singolo residuo di cisteina

44 Patologie infiammatorie e chemochine Le chemochine sono state correlate a diversi tipi di malattie con una prominente componente infiammatoria. Alti livelli di chemochine CC (CCL2, CCL3, CCL5) sono riscontrate in pazienti con artrite reumatoide in coincidenza con il reclutamento di monociti e linfociti T nei tessuti sinoviali. La chemochina CCL11 ed il suo recettore CCR3 nell asma, contribuiscono al reclutamento di eosinofili nel polmone.

45 Le chemochine si legano a specifici recettori a sette domini transmembrana accoppiati a proteine G, espressi nelle varie popolazioni leuocitarie, determinando un profilo di migrazione unico ai vari leucociti.

46 ATTIVITA BIOLOGICHE Reclutamento dei leucociti nel sito infiammatorio. Le chemochine legate sulle cellule endoteliali (mediante molecole di eparan-solfato proteoglicani) vengono riconosciute dai recettori delle chemochine presenti sui leucociti, attivano le molecole d adesione e facilitano il reclutamento. Inducono lo sviluppo degli organi linfoidi, indirizzando i leucociti verso i linfonodi secondari. Inducono la migrazione delle cellule dendritiche dai focolai d infezione ai linfonodi drenanti, facilitando la presentazione dell antigene.

47

48 MIGRAZIONE DEI LINFOCITI T I linfociti migrano continuamente fra il torrente ematico, i linfonodi secondari ed i tessuti non linfoidi periferici.

49 Come i neutrofili possono muoversi attraverso i numerosi compartimenti (midollo, vasi, matrice extracellulare, sito d infiammazione) disposti in siti lontani usando un singolo gradiente? Se l attrazione verso le pareti dell endotelio è guidata da IL-8, come fa il leucocita ad allontanarsi dal gradiente di IL-8 e migrare verso il sito d infiammazione? Le molecole chemiotrattrici di origine batterica (fmlp, LPS) inibiscono il segnale di IL-8, agendo sugli stessi pathways molecolari (PI3K, PTEN, ecc)

50 DIFETTI DELLA FUNZIONE LEUCOCITARIA LAD: Leukocyte Adhesion Deficiency La caratteristica di questa patologia è la mancanza di un corretto processo di adesione dei leucociti all endotelio con conseguente marcata leucocitosi e severe infezioni ricorrenti. Senza la fase di adesione infatti, i leucociti non sono in grado di lasciare il torrente circolatorio per migrare nel sito di infezione. Negli ultimi 20 anni sono stati identificati tre momenti nello corso dell adesione in cui si possono avere problemi: nel rolling, nell attivazione delle integrine, nella adesione forte,

51 L incapacità da parte dei leucociti di raggiungere il sito infiammatorio determina infezioni batteriche ricorrenti, localizzate principalmente a livello della cute e delle mucose. Queste patologie sono evidenti fin dalla nascita, in cui i pazienti possono mostrare già una infezione particolare all ombelico con ritardo nel distacco del cordone. Nei casi più severi della malattia l individuo muore durante l infanzia, mentre nei casi moderati sopravvive fino all età adulta presentando gravi gengiviti, periodontiti, ulcere cutanee, otiti, enterocoliti, perforazioni dell ileo e dell appendice, laringotracheiti e l incapacità di rimarginare ferite chirurgiche.

52

53 LAD I: è una malattia autosomica recessiva dovuta a mutazioni del gene ITGB2 localizzato nel cromosoma 21 che codifica per la subunità b2 (CD18) delle integrine. Segno caratteristico ritardo nel distacco del cordone ombelicale. La severità e le complicazioni dei pazienti affetti da LAD I sono direttamente correlate con il grado di deficienza della catena CD18: individui con meno dell 1% di espressione hanno una forma molto grave con morte durante l infanzia; mentre pazienti con un espressione che va dal 2.5 al 10% riescono a sopravvivere fino all età adulta.

54 LAD II: il difetto genetico riguarda un trasportatore del fucosio localizzato nell apparato del Golgi. La conseguenza è una scorretta glicosilazione e quindi la mancata espressione del ligando (sle X antigen) per le selectine, espresse dalle cellule endoteliali e quindi un rolling insufficiente. I pazienti presentano il raro gruppo sanguigno Bombay e alla nascita sono di peso e statura normali con un corretto distacco del cordone ombelicale. Più tardi con la crescita mostrano ritardo mentale, caratteristici lineamenti e statura piccola. LAD III: è molto simile alla LAD I ed il difetto genetico non è ancora esattamente conosciuto. Probabilmente si tratta del risultato di mutazioni che coinvolgono più geni responsabili dell attivazione delle integrine b1, b2 e b3. Gli individui affetti hanno sintomi molto simili alla LAD I ma in più mostrano difetti nell attivazione piastrinica e quindi una facilità nel sanguinamento.

55 DIAGNOSI -conta delle cellule del sangue: rileva la profonda neutrofilia -FACS analisi con l uso di anticorpi specifici per identificare la presenza o meno di CD18 e di glicoproteine fucosilate -Test di adesione -Sequenziamento genico -Diagnosi prenatale attraverso villocentesi dopo circa settimane di gestazione

56 TERAPIA -Profilassi antibiotica -per la LAD I ottimi risultati il trapianto di midollo. Risultati promettenti con terapia genica in cui cellule ematopoietiche vengono trasfettate con il gene normale della CD18. -per la LAD II ci sono risultati incoraggaianti con terapie che aumentano la formazione di glicoproteine fucosilate. -per la LAD III trasfusioni di sangue.

57 Recettori di membrana dell immunità innata Riconoscono strutture molecolari caratteristiche dei patogeni microbici (Profili Molecolari associati ai patogeni, PAMP) o molecole endogene rilasciate da cellule danneggiate (Profili Molecolari Associati al Danno, DAMP). Recettori per i peptidi formilati, formati da 7 domini transmembrana accoppiati a proteine G. Riconoscono peptidi che iniziano con formilmetionina, caratteristica delle proteine batteriche e proteine self come la b-amiloide o la lipotossina (presenti nel plasma in presenza d infiammazione). Recettori per il mannosio o lectinici riconoscono strutture ricche di mannosio, come le membrane batteriche. Recettori SCAVENGER che riconoscono strutture batteriche e lipoproteine alterate self, come nel processo dell arteriosclerosi in cui l infiammazione ha un ruolo importante. TOLL receptor che hanno un dominio costituito da leucine ripetute

58 I leucociti esprimono diversi tipi di recettori di membrana che sono coinvolti nella loro attivazione

59 I recettori scavenger nei macrofagi sono responsabili delll uptake di cellule apoptotiche, lipoproteine modificate ed altri ligandi di origine batterica.

60 TOOL-LIKE RECEPTORS

61 I Toll sono costituiti, nella parte citoplasmatica da un dominio TIR (Toll/IL-1 receptor domain), che agisce da sensore citoplasmatico che attiva una complessa cascata d attivazione del segnale. L attivazione di TIR, che è un dominio d interazione proteina-proteina recluta proteine adattatrici, come MyD88 che è costituita da un dominio TIR e uno DD (Death Domain). Grazie a DD vengono reclutate chinasi, denominate IRAK che fosforilano un adattatore (TRAF6) che recluta diverse chinasi. Questa cascata porta all attivazione di NfkB o della via della chinasi da stress JNK e p38.

62 Il fattore trascrizionale NFkB attiva un programma pro-infiammatorio. I membri principali della famiglia NFkB sono p50 e p65 che sono complessati a livello citoplasmatico con il loro inibitore IkB. L attivazione dei recettori che hanno come via quella di NFkB, porta all attivazione di chinasi (IKK1 e IKK2) che fosforilano IkB, dopo essere state attivate da serin treonin chinasi TAK che fosforilano e distaccano l inibitore delle IKK (NEMO). p50 e p65 attivate migrano nel nucleo ed attivano la trascrizione di geni pro-infiammatori: (IL-1, IL-6), molecole d adesione endoteliale, NO sintetasi (enzima che produce NO), COX-2 (via delle lipossigenasi).

63 CD14 è un componente recettoriale dell immunità innata che si trova in forma libera o legato alla membrana dei fagociti. Il suo ruolo è quello di presentare endotossine (come LPS) a TRL4, rendendo responsive cellule mancanti di CD14 ma esprimenti TRL4 a prodotti microbici ed attivando cosi il processo infiammatorio, come nelle cellule endoteliali che esprimono TRL4

64 RECETTORI TIPO NOD NOD (Nucelotide Oligomerization Domain-Containing Protein), riconoscono PAMP e DAMP intracitoplasmatici ed inducono risposta infiammatoria. La sottofamiglia NLRP (Pyrin- Domain Containing Proteins) rispondono a PAMP e DAMP formano dei complessi denominati INFLAMMOSOMI, che inducono attivazione della caspasi-1che attiva IL-1beta e IL-18 inducendo risposta infiammatoria.

65 IMMUNITA INNATA Recettori per le citochine. Ad esempio INF-g, la principale citochina che attiva i macrofagi, prodotta dai linfociti attiva i macrofagi e viene secreta dalle cellule natural killer (NK) nella risposta immunitaria innata e dai linfociti T attivati dall antigene nella risposta immunitaria acquisita. I recettori per le opsonine, promuovono la fagocitosi dei microbi rivestiti da varie proteine trasmettendo i segnali che attivano i fagociti. La OPSONIZZAZIONE è il processo che riveste le cellule microbiche di opsonine (anticorpi, proteine del complemento, lectine). Uno dei processi principali di opsonizzazione permette di rivestire le particelle batteriche con anticorpi IgG, i quali sono poi riconosciuti dal recettore ad alta affinità Fcg (FcgRI) presenti nel lato esterno della membrana dei fagociti. Un altro processo di oposonizzazione comprende i frammenti della proteina del complemento C3, che si legano ai microbi e li presentano ai fagociti che esprimono il recettore CR1.

66 OPSONINE Le opsonine principali sono le immunoglobuline G (IgG) che vengono riconosciute dai recettori per la porzione cristallizzabile (FcgR) presente sui fagociti e le proteine derivanti dall attivazione della cascata del complemento (C3b, C3bi, C1q) che vengono riconosciute da recettori specifici (CR1, 2, 3).

67 FAGOCITOSI https://www.youtube.com/watch?v=z_mxdvzq6du

68 I LISOSOMI Il lisosoma è un organulo cellulare contenente enzimi digestivi capaci di degradare molte macromolecole biologiche permettono di digerire sia macromolecole introdotte dall esterno che quelle danneggiate interne. Gli enzimi lisosomiali sono racchiusi in una vescicola membranosa rivestita di clatrina e rilasciati dalla porzione trans del Golgi

69 LESIONI LEUCOCITARIE I leucociti liberano i prodotti antimicrobici anche nello spazio extracellulare (lisozima, ROI, metaboliti dell AA (prostaglandine, leucotrieni)). Siccome queste sostanze possono causare danno endoteliale, se l attivazione leucocitaria persiste, lo stesso infiltrato puo risultare dannoso. Rigurgito durante l ingestione: quando il vacuolo d ingestione rimane momentaneamente aperto prima della fusione fagolisosoma Fagocitosi ostacolata: adesione dei leucociti a immunocomplessi depositati su superfici piatte attiva i leucociti ma non ne permette la fagocitosi. Quindi gli enzimi lisosomiali sono rilasciati nell ambiente extracellulare.

70 UCCISIONE E DEGRADAZIONE L uccisione avviene principalmente mediante meccanismi ossigeno-dipendenti, con un improvviso aumento del consumo di ossigeno, della glicogenolisi, ossidazione del glucosio e produzione di intermedi liberi dell ossigeno (ROI). La formazione dei ROI è dovuta all attivazione della NADPH ossidasi che ossida il NADPH (nicotinamide-adenin-dinucleotide fosfato ridotto) riducendo l ossigeno a ANIONE SUPEROSSIDO (O 2- ). Il O 2- viene poi convertito in perossido d idrogeno (H 2 O 2 ) che puo essere ulteriormente ridotto a radicale idrossile altamente reattivo (OH - ). Altri sistemi di degradazione coinvolgono la MIELOPEROSSIDASI (nei neutrofili) che in presenza di Cl- converte H 2 O 2 in ipoclorito (HOCl) che distrugge in batteri mediante ALOGENAZIONE.

71

72

73 Azione dei ROS Gli effetti delle specie reattive sono molti, ma i danno cellulari principali sono: la perossidazione lipidica della membrana, le alterazioni ossidative delle proteine ed il danno al DNA. Il danno ossidativo ai lipidi di membrana avviene quando i doppi legami presenti negli acidi grassi insaturi vengono attaccati dai radicali liberi dell ossigeno, generando perossidi che attraverso la reazione a catena producono danni alla membrana cellulare e da quelle degli organelli citoplasmatici. Le alterazioni ossidative delle proteine indotte da radicali liberi comportano la formazione di legami crociati proteina-proteina, causandone la frammentazione, mentre il danno al DNA comporta la dimerizzazione delle timine adiacenti sullo stesso filamento con rottura del filamento di DNA.

74

75 RADICALI LIBERI DELL OSSIGENO Le specie reattive sono l anione superossido (O 2- ), il perossido d idrogeno (H 2 O 2 ) ed il radicale idrossilico (OH - ) e tali specie possono combinarsi con NO per formare altri intermedi reattivi dell azoto (RNS). Il rilascio extracellulare di queste specie reattive puo aumentare l espressione di chemochine, citochine e molecole d adesione endoteliali nei leucociti, amplificando la cascata di eventi dell infiammazione.

76

77 Un eccesso di produzione di questi mediatori puo chiaramente risultare dannosa per la cellula ospite, anche se sono comunque presenti dei meccanismi enzimatici antiossidanti, che sono: Ceruloplasmina: proteina sierica contenente rame Transferina: frazione sierica priva di ferro Superossido Dismutasi Catalasi Glutadione perossidasi: altro potente detossificatore del H 2 O 2 Quindi il ruolo dei radicali liberi dell ossigeno dipende dall equilibrio tra la produzione e l inattivazione di tali metaboliti. RADICALI LIBERI DELL OSSIGENO meccanismi antiossidanti

78 INIBITORI DEI ROS Gli inibitori primari comprendono sostanze chelanti (es. fenoli, vitamina E, A) l attività di alcuni enzimi presenti all interno della cellula (catalasi, glutadione-perossidasi, superossido dismutasi), i secondari comprendono sostanze che reagiscono con radicali propagatori della catena attraverso reazioni di trasferimento d idrogeno, elettroni o addizione con il risultato di terminare la catena di produzione di radicali liberi o con la formazione di radicali meno reattivi. La catalasi converte H 2 O 2 in O 2 + H 2 O ed è presente all interno dei perossisomi, la superossido dismutasi è presente in molti tipi di cellule e converte l anione superossido in H 2 O 2. La glutadione perossidasi catalizza la degradazione dei radicali liberi utilizzando glutadione ridotto (GSH), convertendo cosi H 2 O 2 in acqua e GSH in glutadione ossidato (GSSG). Importante è il rapporto intracellulare di GSSG e GSH in quando indica lo stato ossidativo della cellula e la capacità cellulare di detossificare

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Argomento della lezione

Argomento della lezione Argomento della lezione Le molecole d adesione intercellulare: definizione Le famiglie delle molecole d adesione: Selectine Integrine ICAM Espressione e funzione MOLECOLE DI ADESIONE INTERCELLULARE Le

Dettagli

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare Downloaded from www.immunologyhomepage.com Migrazione cellulare Migrazione dei leucociti I leucociti migrano nei diversi tessuti dell organismo l interazione tra le cellule migranti e le cellule dei tessuti

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE Corso di Laurea Magistrale in Farmacia INFIAMMAZIONE O FLOGOSI FLOGOSI La flogosi è un processo morboso che si manifesta, negli organismi forniti di un sistema

Dettagli

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo.

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. IMMUNOLOGIA L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. L'IMMUNOPATOLOGIA analizza i casi in cui il sistema immunitario non funziona correttamente:

Dettagli

Corso di Immunologia A.A. 2009-10. Il Sistema del Complemento

Corso di Immunologia A.A. 2009-10. Il Sistema del Complemento Corso di Immunologia A.A. 2009-10 Il Sistema del Complemento 1 IL COMPLEMENTO: Background Il plasma dei vertebrati contiene diverse proteine che, attivandosi sequenzialmente, svolgono una determinata funzione

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici

Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici MORTE CELLULARE Proliferazione e morte cellulare sono eventi fisiologici Omeostasi tissutale (di tessuti dinamici) Sviluppo embrionale Eliminazione di strutture corporee inutili - Fasi di scultura/rimodellamento

Dettagli

Danno tessutale. Infiammazione. Meccanismo di difesa. Circoscrizione Eliminazione Riparazione agente agente danni eziologico eziologico tessutali

Danno tessutale. Infiammazione. Meccanismo di difesa. Circoscrizione Eliminazione Riparazione agente agente danni eziologico eziologico tessutali Danno tessutale Infiammazione Meccanismo di difesa Circoscrizione Eliminazione Riparazione agente agente danni eziologico eziologico tessutali Guarigione Danno tessutale Infiammazione Meccanismo di difesa

Dettagli

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico.

Lipidi (ossidazione acidi grassi di membrana) Proteine (idrolisi) DNA (rottura, modificazione delle basi) Ossigeno atmosferico. STRESS OSSIDATIVO I lipidi, così come del resto altre macromolecole quali proteine, carboidrati e acidi nucleici, possono andare incontro a reazioni di ossidazione (Figura 1). L ossidazione è un processo

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE

ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTI Grassi IV LEZIONE ANTIOSSIDANTE Sostanza che, pur presente in concentrazione ridotta rispetto al substrato ossidabile, può prevenire o ritardare l ossidazione iniziata da un fattore proossidante.

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA

KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA KIR EVOLUZIONE RAPIDA E DIVERSIFICATA DEI RECETTORI DELL IMMUNITA INNATA E ADATTATIVA C.Vilches, P. Parham Natural Killer Cellule di origine linfoide la cui funzione è lisare le cellule infettate da virus

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it Recettori a tirosina chinasi I recettori a tirosina chinasi presentano vari domini Una regione di legame (extracellulare) Una regione transmembrana Una coda intracellulare con numerose tirosine scaricato

Dettagli

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula

Mediatore chimico. Recettore. Trasduzione del segnale. Risposta della cellula Mediatore chimico Recettore Trasduzione del segnale Risposta della cellula I mediatori chimici sono prodotti da cellule specializzate e sono diffusi nell organismo da apparati di distribuzione Sistemi

Dettagli

1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata

1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata 1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata Alcune malattie umane sono causate da risposte immunitarie ad antigeni ambientali che portano alla differenziazione CD4 + T H 2 e alla produzione di anticorpi IgE

Dettagli

TRASDUZIONE DEL SEGNALE LE PRINCIPALI MOLECOLE CHE PROVVEDONO ALLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI TRA LE CELLULE SONO FATTORI SOLUBILI QUALI NEUROTRASMETTITORI, ORMONI, FATTORI DI CRESCITA, CITOCHINE. UN CASO

Dettagli

Immunità innata 2. Riconoscimento da parte di effettori preesistenti, non specifici. Rimozione dell'agente infettivo

Immunità innata 2. Riconoscimento da parte di effettori preesistenti, non specifici. Rimozione dell'agente infettivo Immunità innata 2 37 Immunità innata (immediata: 0-4 ore) Infezione Riconoscimento da parte di effettori preesistenti, non specifici Rimozione dell'agente infettivo Fig. 2.1 La risposta ad un infezione

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è

Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è Con il supporto cellulare e la regolazione degli organi siamo ora al 3 livello o pilastro del trattamento omotossicologico. Il supporto organico è assolutamente essenziale nelle malattie croniche e negli

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO

GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO GLUCOSIO E INVECCHIAMENTO Numerose sono le teorie per spiegare l eziopatogenesi dell invecchiamento La reazione di Maillard potrebbe contribuire al declino dei tessuti e delle cellule connesso all età

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE D Alicandro G, Infascelli R M, Aprea G, Silvestro M, Iuliano P SC di Anestesia, Rianimazione e Terapia Iperbarica A.O. Santobono-Pausilipon

Dettagli

MEDIATORI DELL INFIAMMAZIONE. Nabissi 15

MEDIATORI DELL INFIAMMAZIONE. Nabissi 15 MEDIATORI DELL INFIAMMAZIONE Nabissi 15 MEDIATORI DELL INFIAMMAZIONE DANNO RICONOSCIMENTO SISTEMI POLIMOLECOLARI CELLULE SOLUBILI SEGNALI (mediatori) TRASFORMAZIONE DEI SEGNALI IN EVENTI CELLULARI CLAMOROSI

Dettagli

Prof. Maria Alessandra Santucci

Prof. Maria Alessandra Santucci La famiglia Abl consiste di due isoforme Abl (1a e 1b ) e due isoforme Arg (1a e 1b). Le isoforme di tipo b contengono un sito di miristoilazione all N-teminale che manca nelle isoforme a. c-abl è una

Dettagli

Le cellule cancerose

Le cellule cancerose Le cellule cancerose Cosa è il cancro? Malattia che insorge in conseguenza di anomalie della funzionalità cellulare E la Seconda causa di morte si possono sviluppare in quasi tutti gli organi Le diverse

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

LA APOPTOSI DEL GRASSO. Le Motivazioni Scientifiche e La tecnica di esecuzione in tutte le zone dove è presente un accumulo adiposo

LA APOPTOSI DEL GRASSO. Le Motivazioni Scientifiche e La tecnica di esecuzione in tutte le zone dove è presente un accumulo adiposo LA APOPTOSI DEL GRASSO Le Motivazioni Scientifiche e La tecnica di esecuzione in tutte le zone dove è presente un accumulo adiposo Adiposità Dobbiamo specificare che questo trattamento è diretto alla eliminazione

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

Sviluppo dei linfociti B

Sviluppo dei linfociti B Sviluppo dei linfociti B Checkpoints multipli nella maturazione dei linfociti Durante lo sviluppo i linfociti che esprimono recettori per l antigene funzionali sono selezionati e sopravvivono, gli altri

Dettagli

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis

IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E. Giuseppe De Vincentis IL RUOLO DEL MEDICO NUCLEARE NELL'IMAGING E NEL TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA POLMONARE LOCALMENTE AVANZATA E METASTATICA Giuseppe De Vincentis 18 FDG PET: presupposti La degenerazione cancerosa si associa

Dettagli

PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE

PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE PROCESSI REGRESSIVI DELLA MATRICE EXTRACELLULARE Accumulo anomalo di molecole di varia natura nella matrice extracellulare Disorganizzazione del tessuto interstiziale Perdita di funzionalità dell interstizio

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16

Sistemi di regolazione. MICROBIOLOGIA GENERALE C. Mazzoni 05/16 Sistemi di regolazione Importanza del controllo I componenti cellulari devono essere presenti nelle giuste concentrazioni. La composizione chimica dell ambiente che circonda la cellula è in contante cambiamento

Dettagli

La risposta immunitaria di tipo umorale

La risposta immunitaria di tipo umorale La risposta immunitaria di tipo umorale Linfociti B, Plasmacellule ed Anticorpi 1 2 L IMMUNITA UMORALE (mediata da anticorpi) Questo tipo di immunità protegge dagli antigeni circolanti, quali: batteri

Dettagli

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma

Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Ricerca di bersagli per la terapia sistemica del mesotelioma Searching for targets for the systemic therapy of mesothelioma Stahel RA, Weder W, Felley- Bosco E, Petrausch U, Curioni-Fontecedro A, Schmitt-Opitz

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015

Servizi di Ricerca a Terzi. Luglio 2015 Servizi di Ricerca a Terzi Luglio 2015 Chi siamo Vera Salus Ricerca S.r.l. (VSR) è una target discovery biotech company che mette a disposizione le proprie competenze e la propria strumentazione in qualità

Dettagli

PROTEINE. Amminoacidi

PROTEINE. Amminoacidi PROTEINE Le proteine sono le macromolecole alla base delle attività cellulari. Sono oltre diecimila per cellula, dove svolgono differenti funzioni: Sono ad esempio: enzimi: aumentano la velocità delle

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI INTRODUZIONE ARTROSINOVITE SETTICA: processo infettivo delle articolazioni spesso determinante una rapida distruzione e proliferazione della capsula e delle cartilagini articolari. Le vie,attraverso le

Dettagli

Processi che coinvolgono la chemochine e i loro recettori. Annarita Zeoli

Processi che coinvolgono la chemochine e i loro recettori. Annarita Zeoli Processi che coinvolgono la chemochine e i loro recettori Annarita Zeoli Sviluppo nei tessuti linfoidi primari Migrazione linfocitaria Homing linfocitario Timo /CXCL12 CCR9/ CCL25 CCR4/ CCL17/CCL22 CCR7/

Dettagli

Si distinguono tre diversi livelli di prevenzione. PRIMARIA Obiettivo: impedire l insorgenza della malattia DIMINUISCE l INCIDENZA

Si distinguono tre diversi livelli di prevenzione. PRIMARIA Obiettivo: impedire l insorgenza della malattia DIMINUISCE l INCIDENZA Determinanti di malattia PROFILASSI GENERALE Soggetto sano Soggetto in fase preclinica di malattia Soggetto in fase clinica di malattia Prevenzione primaria Prevenzione secondaria Prevenzione terziaria

Dettagli

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier

Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier RICERCA APPLICATA / Stress ossidativo, invecchiamento e malattie degenerative Finalmente chiarezza sull'originale fermentato da Carica papaya studiato da Luc Montagnier A cura del Dipartimento Scientifico

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO IL SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO L'apparato cardiocircolatorio è costituito

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

Come si organizza la Làmina nucleare e a cosa provvede: proteine coinvolte in malattie genetiche di Làmina

Come si organizza la Làmina nucleare e a cosa provvede: proteine coinvolte in malattie genetiche di Làmina Come si organizza la Làmina nucleare e a cosa provvede: proteine coinvolte in malattie genetiche di Làmina Stoian Larisa Oana, ITIS Belluzzi Bologna Francesca Petrillo, Liceo Righi Bologna Istituto di

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario 1 Il sistema immunitario COMPONENTI MOLECOLARI E CELLULARI. Meccanismi e caratteristiche delle risposte immunitarie; Risposte umorali e cellulari; Teoria della selezione clonale; Versatilità, specificità

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

DELPLVTLPHPNLHGPEILDVPST EILDVPST

DELPLVTLPHPNLHGPEILDVPST EILDVPST Tesi di Laurea Triennale Anna Pezzutto Glicoproteine transmembrana eterodimeriche (α/β) 18 subunitàαe 8 β che si possono assemblare in 24 diversi eterodimeri Mediano interazioni cellula-cellula e cellula-matrice

Dettagli

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO

Anatomia, Microbiologia, Immunologia, Biologia e Genetica ANNO DI CORSO FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Medicina e Chirurgia- Chirone MAGISTRALE) INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia generale TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz FARMACODINAMICA La farmacodinamica può essere definita come lo studio degli effetti biochimici e fisiologici dei farmaci e dei loro meccanismi d azione. Gli obiettivi dell analisi

Dettagli

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO

PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Interazione tra Biomateriali e Tessuti Anno Accademico 2004/2005 PROCESSI DI ADESIONE ED ACCRESCIMENTO DEI TESSUTI: BIOMOLECOLE DI INTERESSE APPLICATIVO Premessa Negli ultimi 20 anni, indagini in campo

Dettagli

Immunità. Caratteristiche generali e malattie del sistema immunitario

Immunità. Caratteristiche generali e malattie del sistema immunitario Immunità Caratteristiche generali e malattie del sistema immunitario Il Sistema Immunitario (SI) è composto da diversi tipi di cellule, capaci di riconoscere (e neutralizzare) strutture molecolari 1 estranee

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

CLASSIFICAZIONE del DIABETE

CLASSIFICAZIONE del DIABETE Il DIABETE Malattia cronica Elevati livelli di glucosio nel sangue(iperglicemia) Alterata quantità o funzione dell insulina, che si accumula nel circolo sanguigno TASSI di GLICEMIA Fino a 110 mg/dl normalità

Dettagli

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali Tessuto connettivo pr. detto Tessuto adiposo Cartilagine Osso Sangue

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

L apparato cardiocircolatorio

L apparato cardiocircolatorio L apparato cardiocircolatorio L apparato cardio-circolatorio E costituito da tre strutture diverse: Il cuore I vasi sanguigni Il sangue Il cuore Funziona come una pompa premente (ventricoli) e aspirante

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz

DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI. www.fisiokinesiterapia.biz DIFFERENZIAMENTO E COMUNICAZIONE TRA CELLULE - LE CELLULE STAMINALI www.fisiokinesiterapia.biz sito dell NIH sulle cellule staminali in genere http://stemcells.nih.gov/info/basics/basics4.asp sito completo

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

La ROP per il pediatra di base

La ROP per il pediatra di base Il neonato prematuro o di basso peso La ROP per il pediatra di base Vito Console Conoscenze e prospettive nell attività del pediatra di famiglia Agadir (Marocco) 5 luglio 2006 Meccanismo del danno retinico

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica

04/04/14. Fondamenti di biochimica Terza edizione. Le ghiandole principali del sistema endocrino. Capitolo 13 La segnalazione biochimica Fondamenti di biochimica Terza edizione Donald Voet Judith G. Voet Charlotte W. Pratt La segnalazione biochimica Copyright 2013 Zanichelli editore S.p.A. Gli ormoni Conce& chiave 13.1 Gli ormoni endocrini

Dettagli

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche

Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Biochimica Strutturale con Elementi di Enzimologia corso integrato di Struttura e Funzione delle Macromolecole Biologiche Codice Disciplina : BT019 Settore : BIO/10 N CFU: 6 Codice Corso integrato : BT067

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011

IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO. Reggio Emilia, 24 gennaio 2011 SCUOLA REGIONALE DI DI FORMAZIONE SPECIFICA IN IN MEDICINA GENERALE -- CORSO 2008-2011 IMMUNITA ED ED ESAMI DI DI LABORATORIO Dott.ssa Laura Laura Albertazzi Dott.ssa Maria Maria Brini Brini Reggio Emilia,

Dettagli

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda Prima parte Prof. Leonardo Della Salda Modalità di difesa dell organismo Aspetti essenziali della risposta immunitaria Fattori che influenzano l antigenicità Antigeni Apteni Penicillina-albumina (ipersensibilità

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP)

Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Nutraceutici in Valle d Aosta (NUTRALP) Dott.ssa Daniela Palmieri Laboratorio di Biologia Vascolare Clinica e Sperimentale IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST Dipartimento di Scienze

Dettagli

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE SANIT 2008 V Forum internazionale della salute INTERVENTI DI PREVENZIONE ORALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 23 giugno 2008 Daniela Carmagnola & Clinica Odontoiatrica Dip.. di Medicina, Chirurgia

Dettagli

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti

IL 12R e IL 27R. Diego Alberti IL 12R e IL 27R Diego Alberti Caratteristiche generali IL 12R e IL 27R appartengono alla famiglia di citochine/recettori di tipo I La classe I di recettori è caratterizzata da 4 residui di cisteina conservati

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

Tabella 1 : Glucosio Età

Tabella 1 : Glucosio Età Tabella 1 : Glucosio Età V.R. (mg/dl) Fino a 2 giorni 40 60 Da 2 giorni a 1 mese 50 80 Da 1 mese a 12 anni 60 110 Da 12 anni a 60 anni 70 105 Da 60 anni a 70 anni 80 115 Oltre 70 anni 83 105 Tabella 2

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

Seminario. Domini modulari delle proteine 1

Seminario. Domini modulari delle proteine 1 Seminario Proteine della matrice DOMINI E MODULI Domini modulari delle proteine 1 La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO GENERALITA A causa della natura di PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO, il virus può esprimere la sua attività biologica solo all interno di una CELLULA OSPITE che permetta la completa espressione del suo

Dettagli

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2

DOMINI E MODULI 02/04/2014. Domini modulari delle proteine 2 Domini modulari delle proteine 1 Proteine della matrice DOMINI E MODULI La maggior parte dei peptidi consiste in disposizioni lineari di regioni globulari, ripiegate in modo indipendente, dette domini,

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili.

Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. Meccanismi molecolari di trasduzione del segnale. Le vie di trasduzione del segnale sono molto specifiche ed estremamente sensibili. La sensibilita delle vie di trasduzione dipende da 3 fattori: -l affinita

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI

7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI 7a. COMPARTIMENTI INTRACELLULARI contiene materiale protetto da copyright, ad esclusivo uso personale; non è consentita diffusione ed utilizzo di tipo commerciale molte delle reazioni chimiche che avvengono

Dettagli

Utilizzo dei vaccini in oncologia

Utilizzo dei vaccini in oncologia L E G U I D E Utilizzo dei vaccini in oncologia Fondazione Federico Calabresi Utilizzo dei vaccini in oncologia Michele Maio Luana Calabrò Arianna Burigo U.O.C. Immunoterapia Oncologica Azienda Ospedaliera

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

- CINETICA ENZIMATICA

- CINETICA ENZIMATICA - CINETICA ENZIMATICA ENZIMI: - CATALIZZATORI aumenta la V di una reazione chimica senza subire trasformazioni durante l intero processo - PROTEINE gli enzimi sono proteine di struttura 3 o talora 4 -

Dettagli

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica

Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Lo stress ossidativo: dal Laboratorio alla pratica clinica Bologna 21 Marzo 2009 Dr.ssa G.Cenni Laboratorio Analisi Caravelli srl .e infine il laboratorio Quali sono i test di laboratorio che possono routinariamente

Dettagli