Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, Sapienza Università di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, Sapienza Università di Roma"

Transcript

1 Facial Action Coding System (FACS): uno strumento di valutazione obiettiva dell espressività mimica facciale e le sue potenziali applicazioni allo studio della schizofrenia Facial Action Coding System (FACS): an instrument for the objective evaluation of facial expression and its potential applications to the study of schizophrenia ELISA POLLI 1, FRANCESCO SAVERIO BERSANI 1,2, CRISTINA DE ROSE 1, DAMIEN LIBERATI 1, GIUSEPPE VALERIANI 1, FILIPPO WEISZ 1, CHIARA COLLETTI 1, ANNALISA ANASTASIA 1, GIUSEPPE BERSANI UOD Universitaria di Psichiatria, Ospedale A. Fiorini, DSM LT, Terracina, Dipartimento di Scienze e Biotecnologie Medico-Chirurgiche, Sapienza Università di Roma 2 Dipartimento di Neurologia e Psichiatria, Sapienza Università di Roma RIASSUNTO. Introduzione. L appiattimento affettivo e la conseguente espressione anomala delle emozioni sono considerati come elementi fondamentali dei sintomi negativi della schizofrenia. L obiettivo di questo lavoro è di valutare quanto uno strumento d indagine obiettiva delle emozioni basato sulla valutazione dell espressività facciale (FACS) e un metodo di elicitazione delle emozioni (spezzoni di film) possano fornire informazioni su manifestazioni psicopatologiche inerenti la schizofrenia. Metodi. È stata effettuata una ricerca in letteratura di articoli scientifici digitando su Medline, PsychInfo e PubMed le parole chiave elicitation of emotions, facial action coding system e schizophrenia. La ricerca è stata limitata alle pubblicazioni in lingua inglese e agli studi condotti esclusivamente sull uomo. Risultati. Dalla valutazione degli studi analizzati nella presente rassegna risulta che il FACS è uno strumento utile a evidenziare caratteristiche cliniche peculiari dei pazienti con schizofrenia che presentano deficit nell espressione e riconoscimento delle emozioni, quali lo stato di ospedalizzazione, la maggiore età di esordio della malattia, la terapia con farmaci antipsicotici, gli elevati punteggi in scale cliniche quali SANS, SAPS e BPRS. Conclusioni. Anche se disponiamo di dati preliminari e incompleti, il FACS e l elicitazione di emozioni tramite spezzoni di film possono fornire un contributo originale allo sviluppo delle conoscenze su manifestazioni fisiopatologiche e modelli interpretativi della schizofrenia. PAROLE CHIAVE: schizofrenia, emozione, espressività facciale, FACS, social cognition. SUMMARY. Introduction. Affective flattening and the consequent anomalous expression of emotions are considered as key elements of the negative symptoms of schizophrenia. The purpose of this work is to assess how a survey instrument based on objective evaluation of emotional facial expressiveness (FACS) and a method of elicitation of emotions (film clips) can provide psychopathological manifestations about schizophrenia. Methods. Relevant literature was identified through a search of Medline, PsychInfo and PubMed. Search terms included: elicitation of emotions, facial action coding system and schizophrenia. The research was limited to English-language publications and studies conducted exclusively in humans. Results. The overall evaluation of the studies analyzed in this work show that the FACS is a useful tool to highlight specific clinical characteristics of schizophrenic patients with significant deficits in the expression and recognition of emotions, such as the status of hospitalization, the age of onset, the treatment with antipsychotic drugs, the SANS, SAPS and BPRS scores. Conclusions. Even if we have preliminary and incomplete data, the FACS and the elicitation of emotions through film clips can give an original contribution to the development of knowledge on pathophysiological events and interpretive models of schizophrenia. KEY WORDS: schizophrenia, emotion, facial expression, FACS, social cognition. 126

2 Facial Action Coding System (FACS) INTRODUZIONE L obiettivo di questo lavoro è quello di valutare quanto uno strumento d indagine obiettiva delle emozioni basato sulla valutazione dell espressività facciale quale il Facial Action Coding System (FACS) e un metodo di elicitazione delle emozioni (spezzoni di film) possano fornire informazioni, sulla base della letteratura attuale, su manifestazioni attinenti al campo della psicopatologia, con interesse specifico all area clinica della schizofrenia, e possano contribuire a delineare modelli patogenetici o fisiopatologici di questa. Per rendere tale valutazione più completa ed esauriente, è stata effettuata un attenta analisi dello stato dell arte delle conoscenze su argomenti attinenti quali la biologia dell espressione e dell interpretazione delle emozioni e il rapporto tra espressività facciale e social cognition nella schizofrenia. L espressività facciale è comune a tutti gli uomini ed è centrale per la comunicazione tra individui della stessa specie e di specie diversa (1). L appiattimento affettivo viene considerato come l elemento fondamentale dei sintomi negativi della schizofrenia (2) e l espressione anomala delle emozioni che ne consegue è stata descritta come un sintomo caratteristico della malattia (3) che può precedere l esordio psicopatologico di molti anni (4). Nonostante questo, nella corrente pratica psichiatrica esistono diversi strumenti che misurano e analizzano la disfunzione cognitiva nella schizofrenia e la sua neurobiologia, ma ne esistono pochi che misurano i sintomi negativi di tale patologia. Infatti, le valutazioni cliniche dell appiattimento affettivo e di altri sintomi negativi si basano esclusivamente su una serie di scale basate sul giudizio dell osservatore, quali la Scale for the Assessment of Negative Symptoms (SANS) (5) e la Scale for Emotional Blunting (SEB) (6). Per un esame più approfondito della specificità nosologica o dei determinanti neurobiologici dell appiattimento affettivo, appare evidente che un approccio così soggettivo non può considerarsi sufficientemente raffinato. Secondo la definizione di umore data nel DSM-IV come «un insieme di comportamenti osservabili che è espressione di uno stato emotivo vissuto soggettivamente (emozione)», la ridotta espressività facciale è considerata il principale indicatore dell appiattimento affettivo (7). Per questo motivo, sono state sviluppate alcune tecniche alternative che mirano alla valutazione oggettiva dell espressività facciale per una più precisa definizione e valutazione dell appiattimento affettivo, sebbene sia ancora in discussione se la ridotta espressività facciale nei pazienti con schizofrenia sia dovuta a un deficit emotivo, a un deficit motorio o a entrambi, oltre che all effetto di trattamenti farmacologici. D altro canto, poiché la psicopatologia della schizofrenia è estremamente complessa e scarsamente definibile nelle sue varianti cliniche tradizionali, anche aspetti di espressività emotiva e affettiva relativi ad altri elementi della psicopatologia del disturbo, quali incongruità affettiva, interpretatività delirante, riduzione della psicomotricità, ecc., dovrebbero essere oggetto di indagine mediante strumenti in grado di fornirne un quadro obiettivo. Sulla base del movimento dei muscoli facciali, nel 1978 Ekman e Friesen hanno sviluppato il FACS (8). Questo sistema consente la registrazione dell attività di 44 singole unità di muscoli facciali, codificate nel termine unità di azione (Action Units, AU), da parte di osservatori addestrati e certificati. Queste 44 AU sono definite su base anatomica e muscolare e rappresentano il repertorio di base dell espressività facciale. Grazie a tale tecnica, l intensità e la varietà dei movimenti facciali possono essere valutate oggettivamente, senza l interferenza dell interpretazione soggettiva dell osservatore. METODOLOGIA DELLO STUDIO Numerosi sono gli studi riguardanti i deficit nell espressività facciale nei pazienti schizofrenici. Ricerche su PubMed, utilizzando parole chiave quali facial expression and schizophrenia hanno prodotto 142 articoli di datazione dal 1974 al 2010; analoghe indagini su PsychInfo hanno individuato 193 articoli. In questo lavoro ci siamo soffermati soprattutto sugli studi di elicitazione delle emozioni; abbiamo quindi ricercato in letteratura articoli scientifici digitando su Medline, PsychInfo e PubMed le parole chiave elicitation of emotions, facial action coding system, and schizophrenia. Ricerche approfondite sono state effettuate utilizzando riferimenti da articoli originali e recensioni. La ricerca è stata limitata alle pubblicazioni in lingua inglese e agli studi condotti esclusivamente sull uomo. FACS Il Facial Action Coding System nasce dagli studi condotti da Ekman e Friesen (8) sull espressione facciale delle emozione in soggetti appartenenti a culture diverse. Si tratta di uno strumento che permette la decodifica delle espressioni facciali in termini emozionali. Gli autori hanno esaminato oltre 5000 videoregistrazioni di combinazioni dei muscoli facciali giungendo all individuazione di 44 AU (Tabella 1), secondo una logica di economia nell attività di decodifica. 127

3 Polli E et al. Tabella 1. Action Units AU Number FACS Name Muscular Basis 1 Inner Brow Raiser Frontalis, Pars Medialis 2 Outer Brow Raiser Frontalis, Pars Lateralis 4 Brow Lowerer Depressor Glabellae; Depressor Supercilli; Corrugator 5 Upper Lid Raiser Levator Palpebrae Superioris 6 Cheek Raiser Orbicularis Oculi, Pars Orbitalis 7 Lid Tightener Orbicularis Oculi, Pars Palebralis 8 Lips Toward Each Other Orbicularis Oris 9 Nose Wrinkler Levator Labii Superioris, Alaeque Nasi 10 Upper Lip Raiser Levator Labii Superioris, Caput Infraorbitalis 11 Nasolabial Furrow Deepener Zygomatic Minor 12 Lip Corner Puller Zygomatic Major 13 Cheek Puffer Caninus 14 Dimpler Buccinnator 15 Lip Corner Depressor Triangularis 16 Lower Lip Depressor Depressor Labii 17 Chin Raiser Mentalis 18 Lip Puckerer Incisivii Labii Superioris; Incisivii Labii Inferioris 20 Lip Stretcher Risorius 22 Lip Funneler Orbicularis Oris 23 Lip Tightner Orbicularis Oris 24 Lip Pressor Orbicularis Oris 25 Lips Part Depressor Labii, or Relaxation of Mentalis or Orbicularis Oris 26 Jaw Drop Masetter; Temporal and Internal Pterygoid Relaxed 27 Mouth Stretch Pterygoids; Digastric 28 Lip Suck Orbicularis Oris 38 Nostril Dilator Nasalis, Pars Alaris 39 Nostril Compressor Nasalis, Pars Transversa and Depressor Septi Nasi 41 Lip Droop Relaxation of Levator Palpebrae Superioris 42 Slit Orbicularis Oculi 43 Eyes Closed Relaxation of Levator Palpebrae Superioris 44 Squint Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 45 Blink Relaxation of Levator Palpebrae and Contraction of Orbicularis Oculi, Pars Palpebralis 46 Wink Orbicularis Oculi Tratto da Ekman P, Friesen WV (8). 128

4 Facial Action Coding System (FACS) L utilizzo del FACS permette di dissezionare un espressione facciale, spontanea oppure indotta dall esposizione a opportuni stimoli, e di scomporla nelle AU coinvolte. Vengono, inoltre, considerate l intensità di attivazione delle AU, la durata ed eventuali asimmetrie. Le unità di punteggio del FACS, che di fatto listano le unità di azione coinvolte in un espressione facciale, sono descrittive e non interferiscono con l interpretazione delle emozioni. Lo strumento fornisce anche un dizionario per la codificazione delle emozioni (angoscia, paura, disgusto, tristezza, felicità, disprezzo e sorpresa), originariamente basato su una teoria psico-evoluzionistica delle emozioni e successivamente confermato dai numerosi riscontri empirici del gruppo di ricerca di Ekman e Friesen. I punteggi delle AU producono predizioni e post-dizioni molto accurate delle emozioni segnalate agli osservatori in più di quindici culture, sia dell Est che dell Ovest, letterate e pre-letterate; punteggi specifici di AU mostrano da moderata ad alta correlazione con i report soggettivi sulla qualità e l intensità dell emozione percepita dai soggetti che esprimono l emozione stessa; circostanze sperimentali sono associate con specifiche espressioni facciali; modelli differenti e specifici di attività fisiologica concorrono con specifiche espressioni facciali (8). Gli autori distinguono quattro classi di segnali facciali: segnali facciali statici, lenti, artificiali e rapidi; questi ultimi, che sono i più difficili da discriminare, veicolano messaggi differenti tra i quali le emozioni. Questi movimenti dei muscoli facciali tirano la pelle, distorcendo temporaneamente la forma degli occhi, delle sopracciglia, delle labbra e la sembianza delle pieghe, delle rughe e dei rigonfiamenti facciali in differenti parti della pelle. Questi cambi nell attività dei muscoli facciali sono brevi in quanto durano pochi secondi (raramente durano più di cinque secondi e meno di 250 millisecondi). Il FACS ha trovato il suo impiego in aree diverse: antropologica, psicologica, delle neuroscienze e clinica. Il valore clinico di tale strumento si misura sulla possibilità di avvalersi di una raffinata misurazione dell espressione affettiva, in categorie diverse di pazienti, nell ambito della pratica psichiatrica al fine di una maggiore accuratezza nella diagnosi dimensionale e nella misurazione dell efficacia farmacologica. BIOLOGIA DELLʼESPRESSIONE E DELLʼINTERPRETAZIONE DELLE EMOZIONI Molte specie di animali, inclusa la nostra, comunicano le proprie emozioni mediante cambiamenti posturali, espressioni facciali, suoni non verbali (sospiri, gemiti, ringhi). Queste espressioni assolvono diverse funzioni sociali, quali comunicare agli altri individui quello che proviamo e cosa abbiamo intenzione di fare (9). L espressività facciale è innata. Tale ipotesi fu posta la prima volta da Darwin, il quale argomentava che se le persone di diverse aree del pianeta esibiscono le stesse espressioni facciali legate all emotività, allora tali espressioni devono necessariamente avere un origine ereditaria, piuttosto che essere frutto dell apprendimento (1) In effetti, mentre l isolamento prolungato di comunità diverse porta allo sviluppo di linguaggi diversi, persone appartenenti a diverse culture utilizzano la stessa configurazione del movimento dei muscoli facciali per esprimere un particolare stato emozionale. Le espressioni facciali sono cioè il risultato di schemi comportamentali non appresi, il linguaggio è invece una capacità che consegue a un processo di apprendimento. L ipotesi di Darwin è stata confermata nel tempo da numerose ricerche. Ekman e Friesen (10) riscontrarono che, per gli indigeni di tribù isolate della Nuova Guinea, riconoscere le espressioni facciali di persone occidentali era assolutamente possibile e che essi stessi producevano a loro volta espressioni facciali altamente interpretabili dagli occidentali. Altre serie di esperimenti hanno confrontato le espressioni facciali di bambini ciechi dalla nascita con quelle di bambini vedenti normalmente, attestando che esse erano di fatto molto simili (11). Il manifestarsi dell espressività facciale conseguente a un emozione è un processo che deriva da meccanismi cerebrali distinti da quelli coinvolti nell esecuzione di movimenti volontari della muscolatura facciale. A differenza dei movimenti volontari del volto, infatti, l espressività facciale è automatica e involontaria. In altre parole, è difficile produrre una mimica facciale realistica quando questa non coincide con lo stato d animo provato (9). Guillaume-Benjamin Duchenne (12) aveva già strutturato, nel XIX secolo, l idea della separazione neurofisiologica tra movimenti volontari ed espressività facciale, evidenziando che nei sorrisi genuini si contrae il muscolo orbicolare degli occhi, mentre nei sorrisi simulati si contrae il muscolo zigomatico maggiore. Un ictus cerebrale può portare a lesioni in parti diverse del cervello, dando luogo a due patologie neurologiche che esplicano efficacemente la differenza cerebrale tra il processo di movimento volontario della muscolatura facciale e il processo involontario dell espressività facciale: la paresi dei movimenti facciali volontari e la paresi dei movimenti facciali spontanei. La paresi dei movimenti facciali volontari è provocata da lesioni nella regione della corteccia motoria primaria o nelle fibre che la connettono con il nucleo motore del ner- 129

5 Polli E et al. vo facciale. I pazienti affetti da tale patologia non possono muovere volontariamente i muscoli facciali, ma sono in grado di esprimere un emozione spontanea con quegli stessi muscoli (13). La corteccia primaria risulta dunque essere un compartimento neuroanatomico essenziale nel movimento volontario dei muscoli del volto. La paresi dei movimenti facciali spontanei, invece, è causata da lesioni della regione insulare della corteccia prefrontale, della sostanza bianca del lobo prefrontale o di alcune parti del talamo. Le persone affette da questo disturbo possono muovere volontariamente la muscolatura facciale, ma non riescono a esprimere emozioni nel lato colpito della faccia (14). Le zone colpite da tale patologia risultano pertanto importanti nella neurofisiologia dell espressività facciale. Oltre alle zone cerebrali sopracitate, è ormai accertato che l emisfero destro sembra essere quello maggiormente coinvolto nell espressione delle emozioni. Infatti, quando sia persone sia animali esprimono emozioni attraverso la mimica facciale, la parte sinistra del volto trasmette di solito un espressione più intensa (15,16). Tale ipotesi è sostenuta da molti studi recensiti in una rassegna da Borod et al. nel 1998 (17), in cui la maggiore espressività del volto sinistro veniva accertata con l EMG, con altre tecniche di quantificazione della contrazione muscolare o con la tecnica delle facce chimeriche. Tale tecnica consiste nel tagliare a metà fotografie ritraenti persone atteggiate in pose emotive e nel costruire una copia speculativa di ogni metà per analizzare quale emivolto è quello più espressivo (18). Anche i risultati ottenuti con il WADA test (19) confermano che l emisfero destro possa essere quello maggiormente coinvolto nell espressione delle emozioni. Il test consiste nel farsi raccontare dai pazienti alcuni dei momenti che maggiormente hanno stimolato emozioni intense nella loro vita (tradimenti, innamoramenti, lutti, incidenti stradali, morti scampate) e di descrivere il loro stato emotivo in quei momenti. Si chiede poi ai pazienti di raccontare nuovamente gli stessi avvenimenti dopo aver anestetizzato l emisfero destro mediante un barbiturico iniettato nella arteria carotide destra. Nella stragrande maggioranza dei casi, i pazienti riferiscono gli stessi eventi usando termini molto più pacati e distaccati e con un coinvolgimento emozionale notevolmente minore. Un maggiore coinvolgimento dell emisfero destro nelle emozioni in generale è dimostrato infine dai pazienti affetti da afasia di Wernicke, i quali sono in grado di modulare la propria voce conformemente alle emozioni che provano pur pronunciando parole che non hanno senso (20,21). Oltre a quanto detto sulla manifestazione delle emozioni tramite l espressività facciale, è importante sottolineare che la comunicazione efficace di un emozione è un processo bidirezionale. In altre parole, la nostra capacità di esibire stati emotivi attraverso cambiamenti di espressione è utile solo se la persona con cui interagiamo è in grado di interpretarli. In molte malattie neuropsichiatriche, tra cui la schizofrenia, tanto l espressione quanto l interpretazione delle emozioni sono alterate (22). Così come nell espressività facciale, anche nella decodificazione delle emozioni l emisfero cerebrale destro sembra essere più importante rispetto al sinistro. Numerosi studi sono stati condotti in pazienti con lesioni all emisfero destro in cui è stato accertato che tali pazienti sono meno capaci di comprendere il significato emozionale di alcune frasi (23,24). Inoltre, nel 1996 la maggiore attività dell emisfero destro è stata evidenziata da George et al. (25) in uno studio condotto con la PET, in cui i pazienti erano invitati a interpretare il contenuto emotivo di alcune canzoni mentre erano monitorati neuroradiologicamente. Oltre all emisfero destro in generale, varie regioni neuroanatomiche sono certamente connesse con la decodificazione delle emozioni. Le lesioni dell amigdala (dovute a disturbi degenerativi o a interventi neurochirurgici per la terapie di epilessie gravi) compromettono la capacità delle persone di riconoscere le espressioni facciali delle emozioni, specialmente le espressioni di paura (26). Tenuto presente che l amigdala riceve afferenze corticali e sottocorticali (pulvinar), sembra che l impulso sottocorticale sia quello deputato a fornire le informazioni più importanti per il riconoscimento dell espressione facciale delle emozioni (27). Krolak-Salmon et al. nel 2004 (28) hanno confermato il coinvolgimento dell amigdala nella decodificazione delle emozioni mediante uno studio basato sulla registrazione di potenziali elettrici. Una lesione ai gangli della base spesso associata alla Corea di Hungtinton e al disturbo ossessivo-compulsivo danneggia la capacità di riconoscere l emozione del disgusto (29). Lesioni riguardanti la corteccia associativa sensoriale, invece, generano nei pazienti difficoltà a riconoscere le emozioni negative come la paura o la tristezza (30). Philippi et al. (31), infine, hanno valutato la capacità di riconoscere le emozioni in 103 pazienti con lesioni cerebrali focalizzate, individuando l importanza di alcuni tratti di sostanza bianca (fascio longitudinale inferiore, fascio fronto-occipitale inferiore) in tale processo. RAPPORTO TRA ESPRESSIVITÀ FACCIALE E SOCIAL COGNITION NELLA SCHIZOFRENIA Negli ultimi anni si è giunti a un progresso decisivo nel chiarire l effettivo ruolo delle emozioni nei proces- 130

6 Facial Action Coding System (FACS) si mentali e nelle relazioni interpersonali. Tale processo trae origine, in realtà, da una rilevante quantità di dati che aveva lo scopo, in sostanza, di determinare la relazione reciproca fra processi emotivi e cognitivi. L idea che potesse esistere una sostanziale indipendenza o addirittura un primato delle emozioni rispetto alle cognizioni risale all ipotesi di James (32), il quale vedeva le prime come stati specifici di attivazione viscero-motoria rappresentanti essenzialmente la percezione di stati corporei. Studi successivi indagarono la sostanziale dipendenza della qualità positiva o negativa delle emozioni dalle informazioni disponibili sul contesto all interno del quale vengono attivate, affermando di fatto il primato dei processi cognitivi (33,34). Esistono in realtà ricerche che testimoniano l influenza rilevante delle emozioni sul pensiero (35), come testimoniato dal fenomeno denominato mood congruity effect, attraverso il quale lo stato emotivo corrente sarebbe in grado di influenzare i processi di memoria, rievocazione e apprendimento in sintonia con esso. Tali dati dimostrano, in sostanza, la reciproca influenza tra emozioni e cognizioni, rendendo infruttuoso qualsiasi tentativo di stabilire una sorta di supremazia. Il convergere di questi dati con quelli del filone darwiniano, che ponevano l accento sul ruolo comunicativo delle emozioni attraverso le espressioni facciali, ha permesso di inserire emozioni e processi di pensiero all interno di una teoria più complessa (36). Secondo tale prospettiva, un sistema cognitivo sarebbe composto da numerosi sottosistemi, denominati moduli, operanti in parallelo, e ciascuno connesso a uno scopo specifico. Le emozioni sarebbero intese come quei fenomeni, affiancati alla coscienza e ai processi di pensiero, che regolerebbero il passaggio da un modulo all altro, tenendo conto dell andamento degli scopi in corso. Sono dunque una fonte di informazione rapida e sintetica che permette al sistema di adeguare il comportamento al fine di raggiungere il maggior numero di scopi possibile. Un ulteriore, decisivo contributo alla comprensione del ruolo delle emozioni nei processi cognitivi proviene dall ambito delle neuroscienze e, più nello specifico, dal lavoro di Damasio del 1995 (37). Dallo studio di pazienti con lesioni specifiche dell area ventromediale del lobo frontale, i quali mantenevano pressoché intatte le proprie funzioni cognitive e il proprio sistema di valori morali, si rese evidente la loro sostanziale incapacità di provare emozioni. Tale deficit dimostrò pesanti ripercussioni nella vita sociale e nel comportamento di questi soggetti, diventati grossolanamente incapaci di scelte quotidiane efficaci. Secondo l ipotesi di Damasio, l emozione rappresenterebbe una componente in grado di facilitare le decisioni operando una sintesi fra i vari fattori da valutare e le possibili conseguenze di ogni scelta, associando specifici scenari mentali a stati positivi o negativi del corpo. Damasio ha denominato questa componente marcatore somatico. In assenza di tale fattore, il soggetto sarebbe praticamente bloccato in ogni decisione quotidiana, dovendo valutare razionalmente infiniti scenari ipotetici emotivamente neutri e quindi di scarso interesse nel perseguirli. Attualmente le varie linee di ricerca sembrano abbastanza in accordo nell attribuire alle emozioni anche una forte connotazione comunicativa, essendo estremamente connesse con l andamento delle relazioni interpersonali in corso fino al punto di influenzarle in maniera diretta (38). È tenendo presente questa prospettiva che acquisiscono estrema importanza studi atti a dimostrare e a indagare la connessione fra l alterazione nella capacità di provare e manifestare emozioni e il funzionamento sociale. A questo proposito si sta rivelando utile il concetto di social cognition. In letteratura è difficile trovare una definizione univoca di questo. Molto semplicemente, la social cognition può essere descritta come pensare alla gente (39), o, in maniera più precisa, l abilità di costruire rappresentazioni tra sé stessi e gli altri e usare queste rappresentazioni in modo flessibile per guidare i comportamenti (40). Tale abilità è stata successivamente scomposta in almeno quattro componenti (Percezione delle Emozioni, Percezione Sociale, Teoria della Mente, Stile Attribuitivo). L alterazione di tale abilità è stata studiata in diversi disturbi psichiatrici, ma appare più pronunciata nella schizofrenia, fino ad assurgere a caratteristica clinica (41) all interno dei sintomi identificati come negativi, ossia derivanti da un assenza di alcune delle normali capacità dell individuo. Questo tipo di disabilità è spesso presente all esordio (42) e tende a essere persistente, se non a peggiorare con il progredire della malattia (43). Infine, problematiche a carico della social cognition sono spesso presenti anche nei parenti sani di individui affetti da schizofrenia (44). Negli anni si sono avvicendati molti sforzi mirati a identificare quali caratteristiche neurocognitive potessero essere implicate, e in tal caso isolate, nell alterazione della social cognition, tuttavia tale sforzo sembra aver prodotti risultati non sempre coerenti fra loro (45). Il passo successivo, perciò, è stato quello di cercare nuove aree della cognizione che differissero da quelle tradizionali e che rendessero conto, in modo autonomo, del comportamento sociale. Sempre maggiori evidenze sottolineano il ruolo centrale che ha il deficit di riconoscimento dell identità e dell espressione dei visi nella disfunzione della social cognition. 131

7 Polli E et al. L elaborazione dell informazione del volto altrui è un concetto strettamente connesso alla capacità di autorappresentazione delle proprie emozioni, dato che a livello cognitivo le informazioni che un organismo possiede sul proprio assetto emotivo corrente vengono usate come guida per la decodifica delle emozioni altrui. Chiaramente tale capacità può essere dedotta in maniera sufficientemente affidabile dalle modificazioni dell espressività facciale. A livello clinico, si è visto che in molti pazienti affetti da schizofrenia, anche se non in tutti, vi sono sia deficit di riconoscimento/discriminazione di visi non noti (46,47), sia deficit nel riconoscimento di visi familiari (48,49). Apparentemente, laddove sembra esservi un ruolo maggiore della memoria a breve termine (ossia discriminazione dei visi non noti) vi è un peggioramento dei punteggi. Ciò lascia pensare che una componente di questo deficit sia attribuibile in parte a uno specifico deficit della memoria. In realtà, questo deficit non sembra specifico per i visi, poiché vi è un alta correlazione tra deficit di riconoscimento dei visi e manipolazione (e percezione) tridimensionale. Pertanto, ulteriori studi dovranno approfondire questo legame. Va infine ricordato che il deficit di riconoscimento dei visi non è apparentemente associato a sintomi specifici o alla severità degli stessi. Un secondo grande filone di studi riguarda l interpretazione delle espressioni facciali o meglio la capacità di riconoscimento delle emozioni mostrate dagli altri. Vi è una grande mole di dati che attesta una disabilità importante dei pazienti schizofrenici, rispetto ai controlli, nel riconoscimento delle espressioni emotive (50). In particolare, questa problematica investe le emozioni negative (51) e, in alcuni casi, è estremamente marcata per la paura (52). L errata interpretazione delle emozioni altrui, secondo alcuni, potrebbe spiegare sintomi come il deliro di persecuzione o il ritiro sociale che seguirebbe alla sofferenza di numerose interazioni frustranti (53). Questo pertanto, per il suo valore, potrebbe imporsi come un vero e proprio tratto, dal momento che è spesso presente già al primo episodio (54), e talvolta anche nei parenti sani del paziente (55). Infine, sembra che il deficit tenda a peggiorare con il progredire della malattia (47). LʼUTILIZZO DEI FILM PER ELICITARE LE EMOZIONI L enfasi nell interesse riguardante l espressione delle emozioni è un filone scientifico sviluppato piuttosto di recente e risale a non oltre 25 anni or sono (56). Attualmente, si è giunti ben oltre la lineare definizione di emozione che Karl Jaspers forniva nella sua Psicopatologia Generale (57): «Affetti o emozioni si chiamano modificazioni sentimentali complesse e momentanee di grande intensità, cui si associano manifestazioni somatiche concomitanti e consecutive». Ekman e Davidson (58) sottolineano come esistano quelle che loro stessi definiscono famiglie di emozioni base, ovvero raggruppamenti di emozioni intorno a un tema principale, innate e rintracciabili nell uomo e negli animali, sottoposte poi a un modellamento culturale ed esperienziale. Attraverso le ricerche empiriche da loro condotte, il numero delle famiglie di emozioni individuato è sei: rabbia, disgusto, gioia, sorpresa, paura e tristezza. Un emozione non è comandabile, sorge in maniera spontanea e rapida, dopo l esposizione a uno stimolo. La rapidità ha un valore centrale che riconduce alla funzione adattativa dell emozione, in quanto essa attiva nell organismo una risposta subitanea capace di far fronte all ambiente (59) a velocità di insorgenza e la rapidità della durata mette l individuo nella condizione di reagire prontamente: ha dunque un valore decisionale. Gli autori che si sono occupati di studiare l espressione delle emozioni in popolazioni di soggetti schizofrenici hanno adottato procedure differenti: alcuni autori hanno creato condizioni laboratoristiche riproducibili finalizzate a evocare risposte emotive prevedibili, altri hanno preferito osservare la naturale espressione emotiva dei pazienti in condizioni più basali, come per esempio durante un colloquio clinico. Alcuni autori hanno unito l osservazione dell espressione emotiva evocata alla valutazione della capacità di soggetti psicotici di decodificare l espressione emotiva di altri (59). La differenza non è soltanto metodologica: è stato infatti dimostrato che nell attività di decodifica delle emozioni si attivano aree cerebrali ben diverse da quelle che si attivano negli studi di elicitazione (60). Negli studi in cui si adotta un metodo evocativo dell esperienza emotiva, in genere, si rivolge l attenzione all espressione facciale che ne consegue e si confronta questa con l esperienza riportata dal paziente. Gli stimoli ai quali i partecipanti allo studio sono esposti possono essere di vario genere: film, fotografie, richiesta di rievocare un evento di vita particolarmente significativo, role-play, ecc. L utilizzo dei film è una metodologia particolarmente facile da standardizzare, se confrontata ai racconti evocativi o al role-play, e soprattutto unisce fattori evocativi visivi e uditivi in un contesto più dinamico, se confrontato per esempio a immagini di espressioni facciali. L interesse e la messa a punto di protocolli specifici si è andata sviluppando di pari passo con il crescente interesse per il campo delle emozioni (61). 132

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I

T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I presenta In collaborazione con T E C N I C H E D I C O D I F I C A D E L L E M I C R O E S P R E S S I O N I F A C C I A L I Spesso la nostra faccia dice di più delle nostre parole 1 PROGRAMMA DEL CORSO

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Fax E-mail MARIA PONTILLO maria.pontillo@opbg.net maria.pontillo@uniroma1.it Nazionalità Data di nascita

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it

FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it FONDAZIONE OPERA SANTA RITA PRATO I SERVIZI PER L AUTISMO www.operasantarita.it MEMORIA PER AUDIZIONE ALLA XII COMMISSIONE PERMANENTE (IGIENE E SANITÀ ) DEL SENATO L autismo è una sindrome di carattere

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 3 e 4 dr.ssa Raffaella Faggioli I moduli 3 e 4 dell ADOS Permettono l osservazione diretta dei comportamenti di ragazzi e adulti in situazione

Dettagli

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI?

Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? Giovanni de Girolamo ETA DI INSORGENZA DEI DISTURBI MENTALI: COSA SAPPIAMO? QUALI IMPLICAZIONI PER I SERVIZI? CHE COSA E L ETA DI INSORGENZA? Vi sono vari criteri, non univoci, per definire l età di insorgenza

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l F.A.C.S.

Analisi della comunicazione tra pediatra e madre attraverso l applicazione l F.A.C.S. Università degli Studi di Trieste Dottorato di ricerca in medicina materno infantile, pediatria dello sviluppo e dell educazione, educazione, perinatologia XIX ciclo Dott.ssa Vanessa Greco Analisi della

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi

Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi Disabilità e interventi riabilitativi nelle psicosi Prof.ssa Armida Mucci Dipartimento di Salute Mentale e Fisica e Medicina Preventiva Università di Napoli SUN Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: DIAGNOSI E INTERVENTO IN AMBITO SCOLASTICO «Figlio della borghesia di stato, cresciuto in una famiglia affettuosa, senza conflitti, circondato da adulti responsabili

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA

STRESS ACUTO E QUALITA DI VITA A DISTANZA ASSOCIAZIONE ReintrAs Trauma, Onlus Associazione italiana per l assistenza e il reintegro socio-lavorativo delle vittime di incidenti stradali e sul lavoro Via Pasquale Galluppi, 8-00136 Roma Tel. 06.39910668

Dettagli

EMOZIONI DI BASE ESPRESSIONI FACCIALI ESPRESSIONI CORPOREE

EMOZIONI DI BASE ESPRESSIONI FACCIALI ESPRESSIONI CORPOREE Cognitivismo clinico (2010) 7, 2, 160-190 CONTESTI APPLICATIVI DEL FACIAL ACTION CODING SYSTEM (FACS): PSICOPATOLOGIA E PSICOTERAPIA Anna Gasparre Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di

Dettagli

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015

VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE. Edizione 2015 VOLONTARI E FAMIGLIE IN RETE PER LA SALUTE MENTALE Edizione 2015 Il training alle abilità sociali e l auto aiuto come strumenti di riabilitazione e inclusione sociale Dr.ssa Mariella Battipaglia Diagnosi

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA INTRODUZIONE ALLA LEZIONE INTRODUZIONE ALLA 2007 Università degli studi e-campus - Via Isimbardi 0-22060 Novedrate (CO) - C.F. 0854905004 Tel: 03/7942500-7942505 Fax: 03/794250 - info@uniecampus.it INTRODUZIONE

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE RICERCA DELLA SOGLIA UDITIVA: METODI E TECNICHE AUDIOMETRISTA R. RUBERTO Quando si parla di adulto non collaborante si ha a che fare con un paziente complesso,

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO D.S.A. DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE: Non indicano disabilità a livello cognitivo globale, il Q.I. è nel range della norma con un punteggio superiore a 85 (le normali

Dettagli

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013

DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 INTESTAZIONE CORSO DOLORE E DEMENZA: la valutazione Dr.ssa Francesca Frangipane Centro di Neurogenetica Lamezia Terme 29 ottobre 2013 Number of clinical and experimental publications on pain in dementia,

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica 3 Disegni sperimentali Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Perché misurare 1. Per valutare le caratteristiche di uno specifico individuo (comune

Dettagli

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio

Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio Utilizzo della Classificazione ICF Esperienza della Regione Lazio ICF, OUTCOME e RIABILITAZIONE Perugia, 24 giugno 2011 Gabriella Guasticchi - Rita De Giuli Perché l ICF nel Sistema Informativo per l Assistenza

Dettagli

Psicologia e sicurezza stradale

Psicologia e sicurezza stradale Psicologia e sicurezza stradale Molteplici sono i dati sugli incidenti stradali che compaiono quotidianamente sulla stampa, specialmente nei periodi dei grandi esodi. I dati ISTAT, comunque allarmanti,

Dettagli

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare All interno di un approccio a base relazionale Nella cornice di un affetto fortemente positivo Per programmi

Dettagli

L intervento psicoterapeutico nei disturbi sessuali Dott.ssa Valentina Selbmann

L intervento psicoterapeutico nei disturbi sessuali Dott.ssa Valentina Selbmann L intervento psicoterapeutico nei disturbi sessuali Dott.ssa Valentina Selbmann Attualmente uno dei temi più discussi a livello di mass media, capace di attrarre l attenzione della maggior parte di persone,

Dettagli

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A

C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A C L A S S I F I C A Z I O N E, D I A G N O S I E S E T T I N G D I C U R A N E I D C A Trento, 14 marzo 2015 Dott. Alessandro Salvi UNA VISIONE PANORAMICA DEI DCA : ALCUNI TRATTI CARATTERISTICI I DCA sono

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione PSICOLOGIA COGNITIVA Studia le reazioni ed i comportamenti di soggetti

Dettagli

La Neurostimolazione cerebrale profonda

La Neurostimolazione cerebrale profonda 27 Giugno 2009 AGGIORNAMENTO SULLE TERAPIE INTERVENTISTICHE PER LE DISTONIE: INCONTRO CON GLI ESPERTI La Neurostimolazione cerebrale profonda Dott.ssa S. Biguzzi U.O. di Neurologia, Ospedale dell Angelo,

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A.

ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche. Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. ADHD e NEUROIMAGING: aspetti epistemologici e implicazioni psico-pedagogiche Marta Sporchia Corso di Laurea in Scienze Pedagogiche A.A. 2012-2013 OBIETTIVO Discussione di alcuni PROBLEMI EPISTEMOLOGICI

Dettagli

Charles_Darwin, Carte de visite (Ernest Edwards, 1868) Darwin-online.org

Charles_Darwin, Carte de visite (Ernest Edwards, 1868) Darwin-online.org Nel 1872, tredici anni dopo L'origine delle specie, Charles Darwin pubblicò L espressione delle Emozioni nell Uomo e negli Animali, testo considerato non solo come un importante contributo alla psicologia,

Dettagli

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A.

Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro. Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. Adozione e ADHD: criticità nel trattamento e proposte di lavoro Dott.ssa G. Menchetti Dott.ssa S. Rota Dott.ssa B. R. Berti U.F.S.M.I.A. ASL 5 Pisa Eziologia L ADHD è un disturbo ad eziologia multifattoriale

Dettagli

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI NEL CONTESTO SCOLASTICO

PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI NEL CONTESTO SCOLASTICO Facoltà di Psicologia di Firenze Corso di Attività di contesto (Prof.ssa E.Ciucci) Anno Accademico 2009-2010 PERCORSI DI EDUCAZIONE ALLE EMOZIONI NEL CONTESTO SCOLASTICO Dott.ssa Anna Maria Corso (Equipe

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA

Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente. 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Cesare Cornoldi Università degli Studi di Padova, Presidente Nazionale AIRIPA 9.30-10.15 Caratteristiche del problema e storia dei bambini con i DSA Difficoltà a scuola In tutto il mondo, moltissime famiglie

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Clinical Practise Guidelines Against ABA approach. Da pag 20 a pag 22 Le linee guida sull autismo pubblicate nel 2000 e emesse dall ICDL Clinical Practice Guidelines Workgroup dedicano una parte del documento

Dettagli

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD

CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Azienda Ospedaliera G. Salvini Garbagnate Milanese Unità Operativa di Neuropsichiatria dell Infanzia e dell Adolescenza. CENTRO PER LO STUDIO, LA DIAGNOSI E LA TERAPIA DELL ADHD Direttore: prof. Giuseppe

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY

THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY THE EVOLUTIONARY PSYCHOLOGY OF FACIAL BEAUTY Gillian Rhodes School of Psychology, University of Western Austriala, Crawley, Perth, WA 6009, Austriala, email: gill@psy.uwa.edu.au CHE COSA RENDE UNA FACCIA

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

I disturbi specifici di apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento I disturbi specifici di apprendimento a cura della Dott.ssa Luigia Milani I più noti sono la dislessia e i disturbi della scrittura e dell aritmetica. Vediamo nel dettaglio in cosa consistono e quali sono

Dettagli

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD

Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto per la realizzazione di Corsi di Parent Training sul Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività ADHD Progetto AIFA Onlus /AIDAI Onlus A cura di: Consiglio Direttivo, AIFA Onlus Erica Menotti,

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Già nella vita fetale ci sono sensibilità alla luce, al suono, al dolore, movimenti coordinati

Dettagli

VERO/FALSO Riconoscimento della menzogna

VERO/FALSO Riconoscimento della menzogna VERO/FALSO Riconoscimento della menzogna VERO O FALSO? Corso sul riconoscimento delle menzogne Riconoscere la menzogna e smascherarla. In cosa può essere utile? In ogni istante della vita siamo a contatto

Dettagli

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

III CONGRESSO NAZIONALE COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

CAMMINANDO SI APPRENDE LA VITA

CAMMINANDO SI APPRENDE LA VITA 1 PROGETTO RIVOLTO AI MINORI CAMMINANTI AFFERENTI ALLA UONPI CAMMINANDO SI APPRENDE LA VITA Anno Scolastico 2011-2012 INTRODUZIONE Alunni in difficoltà a scuola per apprendimenti insufficienti costituiscono

Dettagli

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE

PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE PROFESSIONI NELL AMBITO DELLA PSICOLOGIA, PSICHIATRIA E ASSISTENZA SOCIALE L incontro si è tenuto Martedì 22 Aprile alle ore 14:00 presso il Liceo Galvani I relatori erano i seguenti: Andrea Biancardi,

Dettagli

dr.ssa Raffaella Faggioli

dr.ssa Raffaella Faggioli L osservazione diagnostica dell autismo con l ADOS ADOS Moduli 1 e 2 dr.ssa Raffaella Faggioli Introduzione ADOS Osservazione diretta dei comportamenti del soggetto in situazione di pressing sociale Osservazione

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Sistemi per la valutazione del recupero

Sistemi per la valutazione del recupero Giovani, sport e montagna - 7 convegno nazionale di Formazione - Carichi di allenamento e recupero Predazzo, 9 maggio 2015 Sistemi per la valutazione del recupero Alessandra Galmonte v Dipartimento di

Dettagli

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI

CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI CAPITOLO 2 I TRATTI COMPLESSI Tratti semplici e tratti complessi Come detto nel capitolo precedente, la genetica classica studia fondamentalmente i cosiddetti tratti mendeliani semplici, quelli in cui,

Dettagli

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Department of Brain and Behavioral Sciences, Università di Pavia Brain Connectivity Center, IRCCS Mondino I fondamenti psicologici dell esperienza musicale

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli