Agobiopsia ecoguidata linfonodale con studio citofluorimetrico nelle malattie linfoproliferative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agobiopsia ecoguidata linfonodale con studio citofluorimetrico nelle malattie linfoproliferative"

Transcript

1 Agobiopsia ecoguidata linfonodale con studio citofluorimetrico nelle malattie linfoproliferative V. Iovino, S. De Lorenzo, G. D Adamo, M.R. Tagliamonte, B. Fimiani, A.M. D Arco U.O. Medicina Interna ed Ematoncologia - Ospedali Riuniti delle Tre Valli - Nocera Inferiore - ASL Salerno 1 Comunicazione orale premiata al XVI Congresso Nazionale SIUMB 2004 Parole chiave: Malattie linfoproliferative; Tipizzazione citofluorimetrica; Biopsia ecoguidata Scopo. Valutare il ruolo diagnostico della tipizzazione citofluorimetrica (CFM) su Fine Needle Aspiration Citology (FNAC) eco-guidati di linfonodi in pazienti con sospetto linfoma. Materiali e metodi. Abbiamo raccolto retrospettivamente i dati di 63 pazienti consecutivi studiati per sospetto linfoma; su tutti i pazienti è stato praticato FNAC ecoguidato per CFM su linfonodo ecograficamente patologico; la conferma diagnostica è stata ottenuta con esame istologico del linfonodo e/o esame morfologico del midollo osseo. Risultati. In 7 casi il prelievo per CFM è stato non diagnostico. In 49 pazienti vi è stata concordanza fra diagnosi morfologica e tipizzazione con CFM, con 20 veri negativi (espansione policlonale reattiva o metastasi), mentre 29 sono stati i veri positivi di cui 27 sono stati linfomi non Hodgkin (LNH) a fenotipo B e 2 a cellule T. Le diagnosi non concordanti sono state 7 delle quali 5 hanno riguardato linfomi di Hodgkin (LH), 2 LNH a cellule T. La sensibilità della CFM per la diagnosi di linfomi è stata del 74% e la specificità del, raggiungendo il di sensibilità estrapolando solo i LNH di derivazione B linfocitaria. Conclusioni. I nostri dati confermano che la valutazione citofluorimetrica dell immunofenotipo delle cellule prelevate con FNAC linfonodale ha una buona concordanza con l esame morfologico e immunoistochimico su campione bioptico. La metodica in particolare ha dimostrato un alta sensibilità e specificità () per la diagnosi dei LNH a fenotipo B. Tale metodica, rispetto all esame morfologico, mostra indubbi vantaggi di facilità di esecuzione, economicità e rapidità. Ultrasound-guided fine-needle cytology and flow cytometry in lymphoproliferative disorders Key words: Lymphoproliferative disorders; Flow cytometry; Ultrasound-guided biopsy Purpose. To evaluate the diagnostic role of flow cytometry on ultrasound-guided fine-needle aspiration cytology (FNAC) of lymph nodes in the work-up of lymphoproliferative disorders. Materials and methods. We retrospectively analyzed 63 consecutive cases of suspected lymphoma. Lymph nodes with pathological features on ultrasound were subjected to ultrasound-guided FNAC with flow cytometry. All diagnoses were confirmed by histological examination of lymph nodes and/or bone marrow. Results. In 7/63 cases, flow cytometry results were non-diagnostic. In 49 cases, the cytometric and histological diagnoses were concordant (20 true negatives, 29 true positives, including 27 diagnoses of Non-Hodgkin lymphoma (LNH) phenotype B and 2 that were phenotype T. Discordant diagnoses emerged in 7 cases (five patients with Hodgkin lymphoma (LH) and 2 with T LNH. The sensitivity of FNAC with flow cytometry was 74% and specificity was among all the lymphoma cases; sensitivity was for B LNH. Conclusions. Our data confirm that flow cytometry evaluation of lymphocytes obtained by lymphnode FNAC is highly concordant with biopsy diagnoses. This approach is highly sensitive and specific for B LNH phenotyping. Although histology remains the gold standard for diagnosing lymphoproliferative disorders, flow cytometry evaluation of lymph-node FNAC is a simple and economic alternative that could be useful for routine use. Introduzione Il problema della valutazione diagnostica di pazienti con linfoadenopatia è molto comune nella pratica clinica. Anche se soltanto l 1% di tutti pazienti che richiedono una prima valutazione clinica per linfoadenopatia ha una malattia neoplastica [1], la precoce caratterizzazione di una linfoadenopatia di natura potenzialmente maligna è di fondamentale importanza nella gestione diagnostica e terapeutica dei pazienti. Infatti la precisa e veloce identificazione di una malattia neoplastica linfonodale con esami di primo livello può essere determinante nell indirizzare l algoritmo decisionale del clinico, con un netto risparmio in termini di tempo e risorse. Anche il followup dei pazienti con linfoadenopatia neoplastica già diagnosticata e sottoposta a trattamento presenta notevoli difficoltà nella ristadiazione della malattia. Il ruolo dell ecografia ad alta risoluzione per lo studio dei linfonodi è ormai validato Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

2 FNAC ecoguidato linfonodale con citofluorimetria nei linfomi dalla letteratura internazionale. Sono stati, infatti, ben definiti i criteri morfologici (dimensioni, forma, ecogenicità dell ilo, caratteristiche della corticale) per la diagnosi differenziale delle linfoadenopatie [2-4], ed anche l introduzione dello studio ecografico della vascolarizzazione linfonodale con il Color e il Power Doppler ad alta sensibilità ha aggiunto ulteriori informazioni alla ecografia di base in scala di grigi [5-8]. Le potenzialità della diagnostica ecografica, inoltre, sono state più di recente esaltate con lo studio perfusionale con imaging armonico dopo iniezione di mezzi di contrasto, che forniscono un dettaglio molto superiore a quello consentito con le tecniche Doppler [9]. Tuttavia, nonostante siano numerose le evidenze della validità delle tecniche ultrasonografiche per lo studio delle linfoadenopatie, la diagnostica per immagini delle linfoadenopatie in campo oncologico necessita di ulteriori studi per aumentarne l accuratezza [10] e, ad oggi, l esame istologico con studio immunoistochimico sul linfonodo escisso chirurgicamente è ancora l imprescindibile gold standard della diagnostica dei disordini linfoproliferativi. Nel vasto campo della diagnostica delle linfoadenopatie, d altro canto, lo studio di campioni citologici ottenuti con aspirazione con ago sottile (FNAC) è stato oggetto di dibattito scientifico. Il FNAC infatti è una metodica veloce e poco invasiva che offre degli indubbi vantaggi nella diagnosi di metastasi linfonodali di tumori solidi, mentre il suo ruolo nell identificazione di malattie linfoproliferative resta ancora controverso. Il FNAC, infatti, raggiunge un grado di attendibilità dell 80-90% nell identificazione dei linfomi non Hodgkin (LNH) e del 76-80% nella classificazione dei suoi sottotipi; la diagnostica citologica dei linfomi di Hodgkin (LH) dipende dalla identificazione delle cellule di Reed Sternberg e raggiunge circa l 85% [11,12]. Le problematiche nella diagnostica citologica dei disordini linfoproliferativi riguardano soprattutto la corretta identificazione di un gruppo di tumori a piccole cellule rotonde, delle leucemie acute non linfoidi e dei LH. Molte riserve inoltre sono state espresse per ciò che riguarda l efficacia della citologia nel differenziare l iperplasia reattiva florida dai linfomi maligni di basso grado; gli stessi LNH follicolari e la variante a sclerosi nodulare dei LH non sono diagnosticabili con la sola citologia in quanto la loro identificazione si basa su criteri classificativi strettamente istologici [11,12]. Nell ultimo decennio un altra metodica si è affiancata alla citologia morfologica per lo studio dei campioni ottenuti con FNAC, cioè la citofluorimetria a flusso (CFM), che è in grado di effettuare uno studio del pattern immunofenotipico cellulare, soprattutto linfocitario, evidenziando con analisi qualitative e quantitative la presenza di eventuali popolazioni clonali. Tale applicazione ha notevolmente migliorato l accuratezza diagnostica della citopatologia nei confronti dei disordini linfoproliferativi [13-22], raggiungendo per alcuni autori il di concordanza con la classificazione istologica in caso di LNH con cellule a fenotipo B [23]; anche in tale settore però le esperienze non sono del tutto univoche, in quanto per altri autori la metodica citofluorimetrica può conservare un alta percentuale di falsi negativi in caso di linfomi B a grandi cellule [24]. Lo scopo del nostro lavoro è di riportare la nostra esperienza nell uso della tipizzazione citofluorimetrica su FNAC eco-guidati di linfonodi in pazienti studiati per un primo inquadramento diagnostico in caso di sospetta malattia linfoproliferativa. Materiali e metodi Disegno dello studio e caratteristiche della popolazione. Lo studio è stato di tipo retrospettivo. Sono stati considerati retrospettivamente 63 pazienti, giunti consecutivamente ad una valutazione clinica presso l U.O. di Medicina Interna ed Emato-Oncologia del Presidio Ospedaliero di Nocera Inferiore - ASL Salerno 1 per linfoadenomegalia di recente insorgenza clinicamente palpabile associata o meno a sintomi sistemici (febbre, perdita di peso, anemia) nel periodo compreso dal Gennaio 2003 al Dicembre Tutti i pazienti non erano mai stati osservati né presso la nostra unità operativa né presso altri centri per lo specifico problema clinico legato alla linfoadenopatia. Tutti i pazienti erano stati ricoverati per la valutazione diagnostica o in regime di ricovero ordinario (10 pazienti) o in regime di DH (53 pazienti). Dopo essere stati edotti circa il tipo di esame da dover praticare, i potenziali rischi ad esso connessi ed aver espresso verbalmente e per iscritto formale consenso all esecuzione della metodica, tutti i pazienti erano stati sottoposti ad esame ecografico delle stazioni linfonodali superficiali ed il FNAC era stato effettuato contestualmente all esame ecografico sulla base del riscontro di caratteristiche ultrasonografiche patologiche dei linfonodi esaminati (aumento di volume, ipoecogenicità, forma tondeggiante, perdita di ecogenicità dell ilo) e in considerazione dell indicazione clinica. Tutti i pazienti avevano poi completato il loro iter per la conferma diagnostica con l esame istologico ed immunoistochimico del linfonodo escisso e/o agoaspirato midollare con biopsia ossea. La conferma diagnostica era stata altresì ottenuta con microbiopsia linfonodale con ago tranciante effettuata sul linfonodo in 5 casi, quando la CFM suggeriva un interessamento linfonodale metastatico da parte di neoplasia solida o in caso di evidenza clinico- strumentale di sospetta lesione neoplastica in altro organo. Esame ecografico e FNAC. L esame ecografico e il FNAC erano stati effettuati solo da due operatori, medici internisti con specifica esperienza in ultrasonografia diagnostica in campo emato-oncologico, utilizzando un ecografo della GE Medical Systems (Logiq 500 MD) equipaggiato con sonda lineare ad alta frequenza (10 MHz) per tessuti superficiali. I linfonodi studiati erano stati caratterizzati in relazione al loro sito anatomico, alle loro dimensioni, alla loro forma, e alle caratteristiche di ecogenicità del parenchima e dell ilo, nonchè in base al numero di stazioni linfonodali superficiali interessate. I prelievi erano stati effettuati con guida ecografica mediante tecnica a mano libera. In asepsi con ago spinale da 23 Gauche si effettuava aspirazione gentile con siringa da 10 ml. Per ogni prelievo sono stati effettuati in media 10 passaggi con movimento di va e vieni in aspirazione nel parenchima linfonodale. L aspirato veniva quindi sospeso in circa 5 ml di soluzione fisiologica NaCl allo 0.9%. In 4 casi il prelievo era stato ripetuto in quanto ritenuto troppo contaminato da sangue. 302 Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

3 V. Iovino et al 1a 1b Fig. 1. Rilievi ecografici di linfonodi studiati: a) linfonodo normale; b) linfonodo patologico. Figure 1. Sonographic features of the lymph nodes examined: a) normal lymph node; b) pathological lymph node. Analisi citofluorimetrica. I campioni ottenuti con FNAC sono stati processati entro due ore dal prelievo. I campioni sospesi in soluzione fisiologica NaCl allo 0.9% sono stati centrifugati a 1500 rpm, a 4 C per 5 minuti. Dopo rimozione del sovranatante i campioni sono stati risospesi in 1 ml di soluzione salina tamponata FACS Flow (Becton Dickinson (BD), San Jose, CA). E stata impiegata una tecnica di immunofluorescenza diretta con duplice o triplice marcatura, mediante l uso di anticorpi monoclonali (MoAbs) direttamente coniugati con i fluorocromi fluoresceina isotiocianato (FITC), phicoeritrina (PE), peridinclorofillproteina (PerCP) della BD. Ogni campione diluito in 1 ml di FACS Flow è stato suddiviso in aliquote di 50 microlitri (µl); a ciascuna aliquota sono stati aggiunti 5 µl per ogni soluzione di MoAb impiegato, quindi i campioni sono stati incubati al buio a 4 C, per 30 minuti. Al fine di ottenere la lisi degli eritrociti, i campioni sono stati risospesi in 1 ml di soluzione lisante a base di cloruro di ammonio (BD) ed incubati per 5-10 minuti, al buio a temperatura ambiente. Dopo centrifugazione a 1500 rpm, per 5 minuti a 4 C i campioni sono stati risospesi in 1 ml di FACS Flow e ricentrifugati a 1500 rpm per 5 minuti a 4 C. I pellets di cellule così ottenuti sono stati risospesi in 1 ml di FACS Flow e per ciascun campione sono stati acquisiti eventi mediante un citofluorometro di tipo FACS Calibur (BD, San Jose, CA). I dati ottenuti sono stati memorizzati in file in modalità listmode e successivamente analizzati mediante software CELLQuest (BD, San Jose, CA). Sono stati studiati 5 parametri: forward scatter (FSC) e side scatter (SSC) in scala lineare insieme a tre fluorescenze in scala logaritmica (FL1, FL2, FL3). L analisi è stata effettuata dopo aver fissato dei gates logici per l identificazione dei linfociti, in base ai parametri fisici (FSC/SSC) e fisici e di fluorescenza (SSC/CD45). Ulteriori strategie di gating sono state impiegate qualora necessario per lo studio di sottopopolazioni linfoidi, in base alla dimensione cellulare e all espressione antigenica. Il panel anticorpale utilizzato è stato il seguente: CD20-FITC/CD3-PE/CD45- PerCP, CD5-FITC/CD19-PE/CD45-PerCP, CD1- FITC/HLADR-PE/CD19-PerCP, CD22-FITC/CD23 PE, FMC 7 FITC/CD11C-PE, CD20-FITC/CD38-PE, CD103-FITC/CD25 PE [25]. Sono stati utilizzati controlli isotipici (BD). Panel aggiuntivi sono stati effettuati in caso di sospetto di malattia linfoproliferativa T e NK (Natural Killer) mediante l uso di ulteriori MoAb: CD2, CD4, CD7, CD8, TCRαβ/TCRγδ, TdT, CD16, CD56 nonché eventuali ulteriori marcatori per lo studio dei casi dubbi. Nell analisi dei dati l espressione anticorpale è stata considerata positiva se presente in almeno il 20% delle cellule incluse nel gate. La clonalità per le malattie linfoproliferative B è stata valutata mediante lo studio dell espressione delle catene leggere delle immunoglobuline di superficie (smig) di tipo kappa (κ) e lambda (λ), con triplice marcatura, usando i seguenti MoAbs: smigκ- FITC/smIgλ-PE/CD19-PerCP (BD). L analisi è stata effettuata dopo gate logico per l identificazione dei linfociti B, usando i parametri di SSC/CD19. La popolazione linfoide B è stata considerata monoclonale in presenza di: 1) un rapporto κ:λ > 3:1 o di un rapporto λ:κ > 2:1; 2) mancata espressione di catene κ o λ nella popolazione di cellule B con fenotipo maturo (CD45 bright+, CD20 bright+, CD34-). Per le malattie linfoproliferative T si è ricercata la presenza di surrogati di clonalità in base alla presenza di anomalie di espressione dei marcatori T. Inoltre, in presenza di una popolazione sospetta e apparentemente significativa, evidenziata con un primo screening dall analisi dei parametri fisici (FSC/SSC) e negativa per l antigene panleucocitario CD45 nonché per i marcatori linfoidi, è stata valutata con specifici MoAbs l espressione di ulteriori antigeni da parte di tale popolazione, in particolare di antigeni piastrinici ed eritroidi. La negatività degli stessi ha fatto porre il sospetto di metastasi linfonodale da malattia extraematologica. Analisi statistica. Abbiamo valutato la sensibilità e la specificità della diagnosi ottenuta con indagine CFM su FNAC confrontandola in ciascun paziente con quella ottenuta con caratterizzazione bioptica ed immunofenotipica del campione ottenuto da escissione linfonodale e/o biopsia ossea. Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

4 FNAC ecoguidato linfonodale con citofluorimetria nei linfomi 2a 2b Fig. 2. Differenti grafici delle analisi di citometria a flusso: a) pattern citofluorimetrico policlonale in linfonodo reattivo; b) pattern citofluorimetrico clonale in linfoma a cellule B. Figure 2. Different flow cytometry patterns encountered in the study: a) polyclonal pattern in a reactive lymph node; b) clonal pattern in B-cell lymphoma. Risultati Il nostro campione è risultato composto da 34 maschi e 29 femmine di età compresa tra 13 e 84 anni con una media di 53 ±18 anni. L esame ecografico di base aveva valutato le caratteristiche ecografiche di patogenicità in base alle quali veniva effettuato il FNAB (Fig. 1a,b). Le caratteristiche ecografiche dei linfonodi studiati sono mostrate nella Tab. I. Come si può notare, nella maggior parte dei casi (35 su 63) due o più stazioni linfonodali erano interessate da linfoadenomegalia ed il 74% dei pazienti presentava almeno un linfonodo di diametro massimo superiore a 1.5 cm. In più dell 80% dei casi il linfonodo si mostrava ipoecogeno, con ilo non visibile e tendenzialmente rotondeggiante. La sede del prelievo era stata in più della metà dei casi (39 su 63) laterocervicale e solo in una minoranza il prelievo era stato eseguito in sede ascellare o inguinale. La Tab. II mostra il confronto tra le diagnosi ottenute con CFM su FNAC e quelle ottenute mediante istologia con tipizzazione immunofenotipica. In 7 casi il prelievo per CFM è stato non diagnostico per scarsità di cellule. Tali casi risultavano essere all analisi istologica così ripartiti: 3 LH, 1 metastasi da tumore solido e 3 linfoadenopatie reattive. In 49 casi vi è stata corrispondenza fra diagnosi morfologica e tipizzazione con CFM. In particolare 20 sono stati i veri negativi (espansione policlonale reattiva o metastasi da tumori solidi - Fig. 2a) mentre 29 sono stati i veri positivi di cui 27 sono stati LNH (Fig. 2b) a fenotipo B e 2 a cellule T. Le diagnosi non concordanti sono state 7 delle quali 5 hanno riguardato LH e 2 LNH a cellule T. In tutti questi casi la CFM aveva diagnosticato espansione policlonale reattiva. La sensibilità e la specificità della CFM effettuata su campioni ottenuti con FNAB di linfonodi macroscopicamente patologici all ecografia è riportata in Tab. III. Come si nota tale metodica per tutte le patologie linfomatose prese in esame ha dimostrato una sensibilità del 74% ed una specificità del. Tuttavia nell analisi dei vari tipi di patologia fenotipizzata si nota che il migliore risultato si era ottenuto con i LNH tipo B per i quali, nella nostra casistica, si raggiungeva sensibilità e specificità pari al, Tab. I. Caratteristiche ecografiche dei linfonodi studiati. Table I. Sonographic characteristics of the lymph nodes examined. CARATTERISTICA Stazioni linfonodali interessate (n) N di casi o più 10 Grandezza (cm) > Ecogenicità Ipoecogeni* 57 Iperecogeni* 6 Caratteristiche ilo Visibile 11 Non visibile 52 Rapporto diametro longitudinale/trasversale > Sede FNAC Laterocervicale 39 Ascellare 10 Inguinale 14 * Rispetto all aspetto abituale del linfonodo normale. FNAC: Fine Needle Aspiration Citology 304 Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

5 V. Iovino et al Tab. II. Diagnosi citofluorimetrica ed istologica dei linfonodi esaminati. Table II. Flow cytometry and hystology of the lymph nodes studied. DIAGNOSI CITOFLUORIMETRICA DIAGNOSI ISTOLOGICA N casi N casi LNH B LNH T LH Metastasi Linfoadenite reattiva Prelievo incongruo Totale LNH B LNH T LH Metastasi Linfoadenite reattiva Totale 63 LNH: Linfomi non Hodgkin; LH: Linfomi di Hodgkin. mentre per i LH la sensibilità era pari allo 0%. Infine va detto che due delle diagnosi risultate alla fine concordanti non hanno dimostrato corrispondenza alla prima valutazione; in esse, tuttavia, si è dimostrata una maggiore sensibilità della CFM in quanto in un caso la revisione istologica postuma del campione studiato ha mostrato concordanza con l esame citofluorimetrico; nell altro caso ad una citologia su linfonodo negativa ha corrisposto una positività all esame del midollo in accordo con la CFM (Tab. II). Discussione L interpretazione dell immagine ultrasonografica di una linfoadenopatia è un problema di comune riscontro negli ambulatori di ecografia ed è sempre opportuno che l operatore offra una refertazione completata con un preciso indirizzo diagnostico. Tale esigenza si avverte soprattutto in ambulatori di ecografia dedicati alla diagnostica emato-oncologica, in cui la maggior parte delle richieste dei clinici riguarda proprio la definizione morfologica e quindi prognostica delle linfoadenomegalie [27]. Fatto salvo il concetto che la caratterizzazione istologica ed immunoistochimica è necessaria per la diagnosi e una corretta pianificazione terapeutica, l ultrasonografia ha un ruolo, oltre che di indirizzo diagnostico, anche complementare all indagine istologica, aumentandone l accuratezza. Molto spesso, infatti, si chiede all indagine ultrasonografica l identificazione dei linfonodi più significativi per il campionamento bioptico, che sia istologico o citologico; ciò è ancora più importante nel caso i linfonodi non siano clinicamente palpabili, siano in sedi profonde, che coesistano nello stesso paziente linfoadenomegalie con caratteristiche morfologiche di reattività o di malignità con linfoadenopatie satelliti o che in uno stesso linfonodo siano identificabili gettoni di tessuto neoplastico che ne alterino solo parzialmente la struttura. Di recente le tecniche flussimetriche e l utilizzo dei mezzi di contrasto hanno aumentato l accuratezza diagnostica dell ecografia nella valutazione delle linfoadenopatie, correlando l indice di resistenza dei vasi linfonodali con il grading del linfoma [8-10,26]. Tuttavia la variabilità operatore dipendente, limite tipico dell esame ultrasonografico, in assenza di programmi di training specialistici per gli operatori dediti a tali tipi di indagini, costituisce ancora oggi un ostacolo alla piena utilizzazione di tali potenzialità diagnostiche. La caratterizzazione immunofenotipica dei disordini linfoproliferativi è alla base della pianificazione diagnostica, prognostica e terapeutica dei linfomi, soprattutto dopo l ultima classificazione REAL dei linfomi [27]. Lo studio immunofenotipico è ormai universalmente accettato come indispensabile supporto alla convenzionale diagnostica morfologica ed è stato sufficientemente standardizzato. Gli approcci metodologici all analisi immunofenotipica sono sostanzialmente lo studio dei marcatori di superficie e/o intracitoplasmatici mediante citometria a flusso o microscopia a fluorescenza su sospensioni cellulari e lo studio immunoistochimico di sezioni di tessuto fissato e criopreservato o di sospensioni cellulari. L analisi delle sospensioni cellulari in citometria a flusso ha numerosi vantaggi: è un sistema rapido, versatile, riproducibile, altamente sensibile il quale permette di stabilire la presenza o meno di un determinato antigene di membrana o intracitoplasmatico su un elevato e statisticamente significativo numero di cellule, permette inoltre di rilevare l eventuale clonalità della popolazione campionata. Inoltre, l esame citofluorimetrico consente di valutare l espressione contemporanea di più antigeni Tab. III. Sensibilità e specificità della metodica citofluorimetrica su FNAC nelle varie patologie riscontrate. Table III. Sensibility and specificity of flow cytometry on FNAC in different lymphoproliferative disorders. LNH B LNH T LH Metastasi Linfoadenite reattiva Tutti i linfomi Sensibilità 50% 0% 83% 83% 74% LNH: Linfomi non Hodgkin; LH: Linfomi di Hodgkin. Specificità 84% Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

6 FNAC ecoguidato linfonodale con citofluorimetria nei linfomi sulle stesse cellule e di definire algoritmi diagnostici per le malattie linfoproliferative, in base ai diversi pattern di coespressione antigenica. Partendo da tali premesse, il FNAC, soprattutto quando associato allo studio citofluorimetrico, ha guadagnato buona credibilità nell inquadramento iniziale dei disordini linfoproliferativi. Sebbene, infatti, la biopsia linfonodale con esame istologico ed immunoistochimico resta il gold standard per la diagnostica delle malattie linfoproliferative, soprattutto in prima diagnosi, con l avvento dell esame citofluorimetrico le due metodiche sono divenute complementari e laddove l esame cito/istologico mostra dei limiti (ad esempio nella differenziazione tra iperplasia reattiva benigna e linfoma di basso grado) la citofluorimetria acquisisce potere diagnostico così come nei casi in cui la citofluorimetria può essere limitata (ad esempio nei LH, nei LNH ad alto grado o smig-) l esame citoistologico è di ausilio diagnostico. La metodica citofluorimetrica presenta tuttavia dei limiti. In particolare essa può risentire della selezione cellulare operata in fase di prelievo del campione o di preparazione della sospensione; inoltre è preferibile che la metodica sia effettuata entro poche ore dal prelievo, al fine di limitare il danneggiamento del campione poiché, nonostante la conservazione a 4 C, il numero di detriti e la perdita cellulare aumentano con l aumentare del tempo di processamento del campione e le metodiche di fissazione (es. con paraformaldeide), che consentono un analisi entro 48 ore, possono determinare una possibile riduzione dell accuratezza della stessa. E necessario pertanto avere la disponibilità di un laboratorio di citometria collocato logisticamente in modo tale da poter interagire in tempo breve con il servizio di ecografia, per l analisi tempestiva dei campioni Va inoltre sottolineato che la riproducibilità della metodica citofluorimetrica può essere influenzata dall incongruità del campione. In letteratura sono riportati dal 4% al 30% di casi con incongruità del campione. La riproducibilità può, inoltre, anche essere influenzata dall esperienza acquisita dal citofluorimetrista in campo ematologico. Il training formativo ematologico è fondamentale per ridurre la variabilità interpretativa dei dati. Al fine nel corso degli anni sono stati fatti diversi tentativi di standardizzazione della metodica citofluorimetrica. Nella nostra esperienza abbiamo riscontrato una bassa percentuale di incongruità, pari all 11% dei campioni. Tale risultato è sicuramente legato alla buona tecnica esecutiva del campionamento ed alla immediata processazione dei campioni stessi. I risultati da noi ottenuti dimostrano un alta specificità della metodica con una sensibilità nel complesso soddisfacente, anche se non uniformemente distribuita nell analisi delle varie patologie linfoproliferative. Tali risultati sono facilmente interpretabili tenuto conto della difficoltà di diagnosi citofluorimetrica nel caso di talune malattie linfoproliferative ove non esistono marcatori specifici di clonalità (es. Linfomi di Hodgkin), in talune malattie linfoproliferative T ove non è sempre agevole identificare anomalie immunofenotipiche che possano rappresentare surrogati di clonalità, nonché in alcuni sottotipi di LNH B (es. smig-). In letteratura, infatti, si ritrovano articoli recenti che hanno riportato risultati contraddittori sull accuratezza della metodica citofluorimetrica su campioni di FNAC, registrando falsi negativi nella diagnosi di linfomi, anche in alcuni sottotipi ad immunofenotipo B [24,28] così come d altra parte, sono stati pubblicati numerosi altri articoli che hanno enfatizzato la precisione diagnostica della citofluorimetria nei disordini linfoproliferativi, stressando anche la capacità della metodica di formulare una sottoclassificazione dei linfomi in base alla dimensione delle cellule e a patterns immunofenotipici specifici [29,30]. La nostra esperienza dimostra un alta affidabilità della metodica citofluorimetrica nell identificazione delle malattie linfoproliferative ad immunofenotipo B (sensibilità del ). La metodica appare meno accurata nella diagnostica dei linfomi ad immunofenotipo T, in accordo con la maggior parte dei dati presenti in letteratura ed è di scarso ausilio nella diagnostica dei LH, potendo in tal caso solo escludere altre forme di malattia linfoproliferativa [31,32]. Molto interessante, inoltre, è risultata la possibilità di suggerire al clinico e al patologo il sospetto di malattia linfonodale da metastasi di pertinenza extraematologica, al fine di valutare l opportunità di effettuare ulteriori approfondimenti diagnostici. L esigenza di un corretto inquadramento diagnostico iniziale di una linfoadenopatia è dettata da molteplici esigenze. Naturalmente sono prioritarie quelle relative al singolo paziente studiato, per il quale è importante ottenere al più presto dati precisi sul suo problema clinico sia per motivi di pianificazione terapeutica, sia per giustificati motivi emozionali. Vi sono infatti forme di linfoma clinicamente aggressivo, spesso in pazienti anziani, che hanno una prognosi infausta a breve termine e nei quali anche una escissione chirurgica linfonodale può risultare un intervento gravato da morbidità poco accettabile. A questo si aggiunga che spesso l organizzazione ospedaliera non consente la disponibilità immediata del chirurgo e in alcuni casi del patologo. Tali ostacoli logistico-organizzativi incidono sui tempi di refertazione creando, talvolta, non poche difficoltà decisionali sul piano gestionale. Le stesse difficoltà organizzative si moltiplicano nell affrontare i percorsi diagnostici di tutti i numerosi pazienti afferenti ad un centro ematologico di riferimento nell ambito del proprio territorio. L utilizzo quindi di una tecnica ancillare, quale appunto il FNACecoguidato, che permetta di superare in gran parte tali difficoltà è ben accetta soprattutto se si dimostra avere innegabili vantaggi in termini di rapidità, mini invasività e scarsa morbilità con potenziale riduzione della morbidità postbioptica e dei costi di ospedalizzazione, cosa dimostrata dal fatto che viene effettuata quasi sempre in regime di Day Hospital. Tale tecnica associata allo studio immunofenotipico mediante una metodica rapida e riproducibile quale la citometria a flusso ha mostrato buona affidabilità nella diagnostica delle malattie linfoproliferative (in particolare LNH a fenotipo B e T) in prima diagnosi. Inoltre, in considerazione dei vantaggi citati di entrambe le metodiche appare molto promettente un impiego delle stesse soprattutto in fase di follow-up dei pazienti, al fine di valutare eventuali recidive senza necessità di dover ricorrere a metodiche invasive quali la biopsia chirurgica con esame istologico/immunoistochimico che comporterebbe anche maggiori tempi diagnostici. L esame citofluorimetrico dei FNAC ecoguidati potrebbe essere integrativo di altri esami comunemente 306 Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

7 V. Iovino et al impiegati in fase di follow-up (basti pensare ai falsi negativi della PET). L impiego della metodica, inoltre, potrebbe risultare utile per la diagnostica di linfonodi sospetti a localizzazione profonda raggiungibili sotto guida ecografica, in pazienti non suscettibili di metodiche invasive (laparoscopia, laparotomia) o nei casi in cui si configuri clinicamente un emergenza ematologica, è il caso ad esempio dei linfomi altamente aggressivi, che impone di ottenere una diagnosi quanto più rapida possibile per iniziare un trattamento specifico. In conclusione, i nostri dati confrontati con quelli presenti nella letteratura internazionale dimostrano che l indagine citofluorimetrica su FNAC ecoguidato di linfonodi ecograficamente patologici, pur non sostituendo le metodiche attualmente considerate gold standard, può essere di grande ausilio al clinico nella prima diagnosi di malattie linfoproliferative. L impiego tuttavia di tale metodica su larga scala impone, oltre alla necessaria disponibilità di un laboratorio di citometria a flusso, la possibilità di disporre di operatori con grande esperienza nella valutazione ecografica delle linfoadenopatie in quanto una corretta iniziale caratterizzazione di patogenicità di un linfonodo esaminato ed una buona tecnica esecutiva del prelievo citologico sono alla base dei buoni risultati ottenibili in termini di sensibilità della metodica stessa. Ulteriori studi saranno necessari per valutare la applicabilità di tale tecnica nel follow-up dei pazienti con malattia linfomatosa. Bibliografia References 1) Longo DL, Henry PH. Enlargement of lymph nodes and spleen. In: Fauci AS, Brauwald E, Isselbacher KJ, et al (eds): Harrison s Principles of Internal medicine, 14th ed, New York, McGraw-Hill, 1998: ) Rubaltelli L, Proto E, Salmaso R, Bortoletto P, Candiani F, Cagol P. Sonography of abnormal lymph nodes in vitro: correlation of sonographic and histologic findings. AJR Am J Roentgenol 1990; 155: ) Vassallo PV, Wernecke K, Roos N, Peters PE. Differentiation of benign from malignant superficial lymphadenopathy: the role of high-resolution US. Radiology 1992; 183: ) Yu KK, Hricak H, Alagappan R et al. Diagnostic accuracy of sonographic criteria for evaluation of cervical lymphadenopathy. J Ultrasound Med 1998 Jul; 17(7): ) Tschammler A, Ott G, Schang T, Seelback-Goebel B, KahnD. Lymphadenopathy: differentiation of benign from malignant disease: color Doppler US assessment of intranodal angioarchitecture. Radiology 1998; 208: ) Wu CH, Chang YL, Hsu WC, Ko JY, Sheen TS, Hsieh FJ. Uselfulness of Doppler spectral analysis and power Doppler sonography in the differentiation of cervical lymphadenopathies. AJR Am J Roentgenol 1998; 171: ) Ying M, Ahuja AT, Yuen HY. Grey-scale and power Doppler sonography of unusual cervical lymphadenopathy. Ultrasound Med Biol 2004 Apr; 30(4): ) Picardi M, Gennarelli N, Ciancia R et al. Randomized comparition of Power Doppler Ultrasound - direct excisional biopsy for characterization of lymphadenopathies in patients with suspected lymphoma. J Clin Oncol 2004; 22: ) Solbiati L, Cova L, Tonolini M et al. Improved characterization of reactive and malignant superficial lymph nodes using armonic ultrasound with second generation contrast agent (abstr) Radiology 2002; 225(P): ) Rubaltelli L, Tregnaghi A, Stramare R. Ecografia dei linfonodi superficiali. Risultati acquisiti e nuove sperimentazioni. Radiol Med 2004; 107: ) Das DK. Value and limitation of fine-needle aspiration cytology in diagnosis and classification of lymphomas: A Review. Diagn Cytopathol Oct; 21(4): ) Steel BL, Schwartz MR, Ramzy I. Fine needle aspiration biopsy in the diagnosis of lymphadenopathy in 1,103 patients. Role, limitations and analysis of diagnostic pitfalls. Acta Cytologica 1995; 39: ) Zander DS, Iturraspe JA, Everett ET, Massey JK, Braylan RC. Flow cytometry. In vitro assessment of its potential application for diagnosis and classification of lymphoid processes in cytologic preparations from fine-needle aspirates. Am J Clin Pathol 1994 May; 101(5): ) Robins DB, Katz RL, Swan F Jr et al. Immunotyping of lymphoma by fine-needle aspiration. A comparative study of cytospin preparations and flow cytometry. Am J Clin Pathol 1994; 101: ) Kaleem Z, White G, Vollmer RT. Critical analysis and diagnostic usefulness of limited immunophenotyping of B-cell non-hodgkin lymphomas by flow cytometry. Am J Clin Pathol 2001 Jan; 115(1): ) Daskalopoulou D, Harhalakis N, Maouni N et al. Fine needle aspiration cytology of non-hodgkin s lymphomas. A morphologic and immunophenotypic study. Acta Cytologica 1995; 39: ) Henrique RM, Sousa ME, Godinho MI, Costa I, Barbosa IL, Lopes CA. Immunophenotyping by flow cytometry of fine needle aspirates in the diagnosis of lymphoproliferative disorders: A retrospective study. J Clin Lab Anal 1999; 13(5): ) Young NA, Al-Saleem TI, Ehya H, Smith MR. Utilization of fineneedle aspiration cytology and flow cytometry in the diagnosis and subclassification of primary and recurrent lymphoma. Cancer 1998 Aug 25; 84(4): ) Meda BA, Buss DH, Woodruff RD et al. Diagnosis and subclassification of primary and recurrent lymphoma. The usefulness and limitations of combined fine-needle aspiration cytomorphology and flow cytometry. Am J Clin Pathol 2000 May; 13(5): ) Nicol TL, Silberman M, Rosenthal DL, Borowitz MJ. The accuracy of combined cytopathologic and flow cytometric analysis of fine-needle aspirates of lymph nodes. Am J Clin Pathol 2000 Jul; 114(1): ) Dong HY, Harris NL, Preffer FI, Pitman MB. Fine-needle aspiration biopsy in the diagnosis and classification of primary and recurrent lymphoma: a retrospective analysis of the utility of cytomorphology and flow cytometry. Mod Pathol 2001 May; 14(5): ) Sigstad E, Dong HP, Davidson B, Berner A, Tierens A, Risberg B. The role of flow cytometric immunophenotyping in improving the diagnostic accuracy in referred fine-needle aspiration specimens. Diagn Cytopathol 2004 Sep; 31(3): ) Liu K, Stern RC, Rogers RT, Dodd LG, Mann KP. Diagnosis of hematopoietic processes by fine-needle aspiration in conjunction with flow cytometry: A review of 127 cases. Diagn Cytopathol Jan; 24(1): ) Verstovsek G, Chakraborty S, Rmazy I, Jorgensen JL. Large B-cell lymphomas: fine needle aspiration plays an important role in initial diagnosis of case which are falsely negative by flow cytometry. Diagn Cytopathol 2002 Nov; 27(5): ) Preffer FI. Flow cytometry. In: Colvin RB, Bhan AK, McCluskey RT, editors. Diagnostic immunopathology. 2nd ed. Raven press: New York, 1993: ) Dragoni F, Cartoni C, Pescarmona E et al The role of high resolution pulsed and color Doppler ultrasound in the differential diagnosis of benign and malignant lymphoadenopathy: result of multivariate analysis. Cancer 1999 Jun 1; 85(11): Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

8 FNAC ecoguidato linfonodale con citofluorimetria nei linfomi 27) Harris N, Jaffe E, Stein H et al. A revised European-American classification of lymphoid neoplasms: a proposal from the International Lymphoma Study Group. Blood 1994; 84: ) Landgren O, Porwit MacDonald A, Tani E et al. A prospective comparison of fine-needle aspiration cytology and histopathology in the diagnosis and classification of lymphomas. Hematol J 2004; 5(1): ) Zeppa P, Marino G, Troncone G et al. Fine-needle cytology and flow cytometry immunophenotyping and subclassification of Non Hodgkin Lymphoma. Cancer 2004 Feb 25; 102: ) Laane E, Tani E, Bjorklund E et al Flow citometry immunophenotyping including BCL-2 detection on fine needle aspirates in the diagnosis of reactive lymphoadenopathy and non Hodgkin s lymphoma. Cytometry B Clin Cytom 2005 Mar; 64(1): ) Mayall F, Darlington A, Harrison B. Fine needle aspiration cytology in the diagnosis of uncommon types of lymphoma. J Clin Pathol 2003 Nov; 56(11): ) Mayall F, Dray M, Stanley D. Immunoflow cytometry and cell block immunoistochemistry in the FNA diagnosis of lymphoma: a review of 73 consecutive cases. J Clin Pathol 2000; 53: Address correspondence: Dott. Vincenzo Iovino ASL SA1 - UO di Medicina Interna ed Oncoematologia Ospedali Riuniti delle Tre Valli Via San Francesco, Nocera Inferiore (SA) Tel. e Fax: Cell Giornale Italiano di Ecografia 2005; 8(4):

ATTI III Congresso Nazionale

ATTI III Congresso Nazionale AIPVet Associazione Italiana di Patologia Veterinaria ATTI III Congresso Nazionale ISSN 1825-2265 con la partecipazione della Società Italiana di Patologia Tossicologica e Sperimentale del Gruppo di Patologia

Dettagli

CASO DEL MESE DOTT.SSA MARIA PAOLA FEDELI

CASO DEL MESE DOTT.SSA MARIA PAOLA FEDELI CASO DEL MESE DOTT.SSA MARIA PAOLA FEDELI Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Radiodiagnostica IRCCS Policlinico San Donato ANAMNESI/STORIA CLINICA

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo. "Diagnostica Citologica"

Il Nodulo Tiroideo. Diagnostica Citologica Il Nodulo Tiroideo "Diagnostica Citologica" FNAC Con il termine di FNAC (Fine Needle Aspiration Cytology) si intende un prelievo citologico eseguito mediante un ago definito sottile (a partire da 22G ),

Dettagli

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia

Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Il Nodulo Tiroideo dalla diagnosi alla Terapia Genova Voltri 15 Dicembre 2012 Luca Anselmi Anatomia Patologica Sestri Ponente Percorso Diagnostico Terapeutico Multidisciplinare ENDOCRINOLOGO RADIOLOGO

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

Agoaspirato tiroideo Indicazioni, tecniche, di esecuzione, complicanze ROBERTO CESAREO LATINA

Agoaspirato tiroideo Indicazioni, tecniche, di esecuzione, complicanze ROBERTO CESAREO LATINA Agoaspirato tiroideo Indicazioni, tecniche, di esecuzione, complicanze ROBERTO CESAREO LATINA Storia di irradiazione capo-collo Irradiazione total body per trapianto di midollo osseo Storia famigliare

Dettagli

Ospedale S.S. Antonio e Margherita di Tortona Servizio Radiologia Primario: Dott. Bruno Carrea. Dott.ssa T. Dallocchio

Ospedale S.S. Antonio e Margherita di Tortona Servizio Radiologia Primario: Dott. Bruno Carrea. Dott.ssa T. Dallocchio Ospedale S.S. Antonio e Margherita di Tortona Servizio Radiologia Primario: Dott. Bruno Carrea Dott.ssa T. Dallocchio forma a farfalla Circondata da muscoli Lateralmente a.carotide comune e vena giugulare

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it

Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it marsteller/ B-M Healthcare Sede nazionale: Via Ravenna, 34 00161 Roma - Tel.: 06.4403763 www.ail.it IN COLLABORAZIONE CON: SI RINGRAZIA: PER AVER SOSTENUTO L AIL NELLA DIFFUSIONE DI QUESTO MESSAGGIO. L

Dettagli

ame flash luglio 2009 L ASPIRATO TIROIDEO CON AGO SOTTILE PER ESAME CITOLOGICO Indicazioni

ame flash luglio 2009 L ASPIRATO TIROIDEO CON AGO SOTTILE PER ESAME CITOLOGICO Indicazioni L ASPIRATO TIROIDEO CON AGO SOTTILE PER ESAME CITOLOGICO Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano Indicazioni L esame citologico mediante agoaspirazione (Fine Needle Aspiration = FNA) rappresenta

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Nucleare

Unità Operativa di Medicina Nucleare Parte Seconda (per il Medico di Famiglia) INDICAZIONI "APPROPRIATE" Nonostante la documentata efficacia diagnostica, la diffusione dei tomografi PET/CT sul territorio nazionale e regionale è ancora limitata

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

corso di citologia tiroidea

corso di citologia tiroidea PreSentAzIone IntroduzIone: L introduzione della citologia per aspirazione con ago sottile ha rappresentato un notevole progresso nella diagnostica delle lesioni tiroidee. Infatti, benché le innovazioni

Dettagli

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA

SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA SERVIZIO DI SENOLOGIA E MAMMOGRAFIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA Questo testo intende fornire in maniera semplice utili informazioni su un tema di particolare importanza

Dettagli

IL NODULO TIROIDEO: CLINICA E INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO.

IL NODULO TIROIDEO: CLINICA E INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO. IL NODULO TIROIDEO: CLINICA E INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO. DR. R. GIANNATTASIO DIRIGENTE MEDICO I LIVELLO UO MEDICINA NUCLEARE E CMM - PSI ELENA D AOSTA PSI NAPOLI EST NAPOLI, 14/05 E 11/06 2009 NODULO TIROIDEO

Dettagli

Problematiche chirurgiche nel paziente affetto da linfoadenopatia Prof. Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it. La prassi più comune:

Problematiche chirurgiche nel paziente affetto da linfoadenopatia Prof. Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it. La prassi più comune: Problematiche chirurgiche nel paziente affetto da linfoadenopatia Prof. Roberto Caronna roberto.caronna@uniroma1.it Sapienza Università di Roma Cattedra di Chirurgia Generale N Direttore: Prof. P. Chirletti

Dettagli

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia

GIE - Gruppo Italiano di studio di Ematopatologia INDAGINI DI CARATTERIZZAZIONE CITOFLUORIMETRICA E GENETICO- MOLECOLARE PREFAZIONE La diagnosi delle malattie linfoproliferative si basa sull integrazioni delle informazioni istomorfologiche con i dati

Dettagli

LESIONI FOCALI BENIGNE

LESIONI FOCALI BENIGNE Sardinian Research Group in Advanced Ultra-Sound Medical Application LESIONI FOCALI BENIGNE M. Carboni, G.Virgilio, D. Sirigu, M A. Barracciu, L. Loi, P. Cucciari, G.Campisi, V.Migaleddu. Ala Birdi, 04

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali

Linfonodo sentinella. AJCC (6th edition 2002) Micrometastasi e ITC. Assenza di metastasi linfonodali Dieci anni di linfonodo sentinella: un primo bilancio L. Mazzucchelli Istituto cantonale di patologia, Locarno Seno Forum 2010, Lugano Linfonodo sentinella Le metastasi linfonodali sono il fattore prognostico

Dettagli

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R,

Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Utilità della metodica ROSE (Rapid On Site Cytology Evaluation) nella citologia polmonare in differenti contesti clinici Giarnieri E*, Arduini R, Falasca C, Bruno P*, De Rosa N, Giovagnoli MR*, Micheli

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER PAZIENTI CON NODULO EPATICO DI NATURA DA DEFINIRE

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER PAZIENTI CON NODULO EPATICO DI NATURA DA DEFINIRE PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER PAZIENTI CON NODULO EPATICO DI NATURA DA DEFINIRE PDT 028.2 SC Medicina Generale-Ecografia Interventistica Protocollo nodulo epatico Rev 1 del 31/12/2010 1/8 1. BACKGROUND

Dettagli

ADENOCARCINOMA DEL PANCREAS - indicazioni alla biopsia pancreatica percutanea US/TC guidata: in quali situazioni cliniche -

ADENOCARCINOMA DEL PANCREAS - indicazioni alla biopsia pancreatica percutanea US/TC guidata: in quali situazioni cliniche - GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS E VIE BILIARI ADENOCARCINOMA DEL PANCREAS - indicazioni alla biopsia pancreatica percutanea US/TC guidata: in quali situazioni cliniche - Documento redatto da: Dr.

Dettagli

Elementi di Anatomia Patologica

Elementi di Anatomia Patologica TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA' Elementi di Anatomia Patologica Conegliano, 17-1-2014 Dr.ssa L. Bittesini, Dr.ssa F. Becherini La paziente affetta da una

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013. Torino 7 novembre 2013. Anatomia Patologica. Isabella Castellano

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013. Torino 7 novembre 2013. Anatomia Patologica. Isabella Castellano PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING MAMMOGRAFICO PREVENZIONE SERENA Workshop 2013 Torino 7 novembre 2013 Anatomia Patologica Isabella Castellano Dipartimento di Scienze Mediche Università di Torino Anatomia

Dettagli

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura

Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto. La diagnostica per immagini del polmone e della pleura Progetto Ex Esposti Amianto Regione Veneto La diagnostica per immagini del polmone e della pleura PLEURA LE MANIFESTAZIONI - PLACCHE POLMONE RADIOLOGICHE - ISPESSIMENTO DIFFUSO - VERSAMENTO - MESOTELIOMA

Dettagli

Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato. CEUS epatica Fasi diagnostiche. Fase arteriosa 10-35 sec inizio: 10-20 sec fine: 25-35 sec

Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato. CEUS epatica Fasi diagnostiche. Fase arteriosa 10-35 sec inizio: 10-20 sec fine: 25-35 sec ECOGRAFIA COLOR DOPPLER E MEZZI DI CONTRASTO: Stato dell arte arte Portonovo,, 6-86 8 luglio 2009 Color Doppler e MDC nelle neoplasie benigne del fegato E. Accogli, V Arienti Centro di Ecografia Internistica,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases.

Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. Histological subtypes of non small cell lung cancer (NSCLC): benchmark on NSCLC NOS. Are adenocarcinoma decreasing? Our experience on 1636 cases. De Pellegrin A., De Maglio G., Pizzolitto S. A.O.U. S.

Dettagli

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria

Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Diagnosi di linfoma: citologia, citochimica e citofluorimetria Antonio Carminato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie acarminato@izsvenezie.it Percorso oncologico Mestre Diagnosi di linfoma:

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi

Bari, 7-10 novembre 2013. CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE CHIRURGIA: tra certezze e controversie Marco Boniardi CARCINOMA MIDOLLARE FAMILIARE Marco Boniardi RUOLO CENTRALE DELLA CHIRURGIA Assenza di terapie complementari efficaci ai fini della guarigione Prognosi più severa rispetto ai tumori differenziati tiroidei

Dettagli

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA Premessa LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA ALLEGATO A Il rinnovamento e le trasformazioni organizzative dei sistemi sanitari sono posti da tutti i paesi industrializzati come elementi fondamentali

Dettagli

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino

CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI. Prof. Paola Maiolino CITOLOGIA DEI TUMORI MAMMARI Prof. Paola Maiolino L indagine citologica dei tumori mammari è poco applicata in medicina veterinaria e da molti è considerata poco attendibile. Ciò è legato: alla notevole

Dettagli

Cosa sono i Macatori Tumorali?

Cosa sono i Macatori Tumorali? Marcatori tumorali Cosa sono i Macatori Tumorali? Sostanze biologiche sintetizzate e rilasciate dalle cellule tumorali o prodotte dall ospite in risposta alla presenza del tumore Assenti o presenti in

Dettagli

ESPERIENZA SULLE BIOPSIE VACUUM-ASSISTED ASSISTED E LORO INDICAZIONI

ESPERIENZA SULLE BIOPSIE VACUUM-ASSISTED ASSISTED E LORO INDICAZIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE MEDICO-CHIRURGICHE SEZIONE DI RADIODIAGNOSTICA CATTEDRA DI RADIOLOGIA DIRETTORE: PROF. G. GANDINI RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

La stadiazione dei tumori

La stadiazione dei tumori La stadiazione dei tumori Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Cosa è lo stadio di un tumore? E la rappresentazione sintetica dell estensione anatomica del tumore.

Dettagli

IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE. Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE)

IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE. Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE) IL TUMORE DEL POLMONE - LA STADIAZIONE Roberta Polverosi UOC RADIOLOGIA S. Donà di Piave (VE) 1974 2.155 casi da 1 centro 2009 67.725 casi da 46 centri PARAMETRI TNM POLMONE T grandezza del tumore e invasione

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, IMAGING E DIAGNOSI DELLE PATOLOGIE TIROIDEE

EPIDEMIOLOGIA, IMAGING E DIAGNOSI DELLE PATOLOGIE TIROIDEE Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia EPIDEMIOLOGIA, IMAGING E DIAGNOSI DELLE PATOLOGIE TIROIDEE Prof. Cesare Carani Cattedra e Servizio di Endocrinologia Dipartimento Integrato di Medicine

Dettagli

Modulo 2. Diagnostica per immagini APPROFONDIMENTO

Modulo 2. Diagnostica per immagini APPROFONDIMENTO Modulo 2 Diagnostica per immagini APPROFONDIMENTO Istotipi Eventuale meno sottotitolo frequenti Carcinoma neuroendocrino a grandi cellule Neoplasia maligna a grandi cellule caratterizzata da un pattern

Dettagli

Work-up diagnostico delle linfoadenopatie e delle splenomegalie: focus sulle procedure d imaging

Work-up diagnostico delle linfoadenopatie e delle splenomegalie: focus sulle procedure d imaging Work-up diagnostico delle linfoadenopatie e delle splenomegalie: focus sulle procedure d imaging Il punto di vista dell ematologo Dr Marco Picardi Area Funzionale di Ematologia AOU-Federico II Napoli Direttore

Dettagli

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau

TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau TBNA Utilità della Citologia e aspetti metodologici Cristina Maddau Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica Unità Operativa di Citopatologia La citologia polmonare riveste un ruolo rilevante

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Due sono le possibili situazioni Nodulo tiroideo palpabile Nodulo tiroideo "incidentaloma"

Due sono le possibili situazioni Nodulo tiroideo palpabile Nodulo tiroideo incidentaloma MMG NODULO TIROIDEO Due sono le possibili situazioni Nodulo tiroideo palpabile Nodulo tiroideo "incidentaloma" MMG CASO CLINICO: 1 step Paziente di sesso femminile, 38 anni, in buone condizioni cliniche

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004

MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004 MENINGIOMI ATIPICI, MALIGNI E RECIDIVI: ESPERIENZA PERSONALE SU UNA SERIE CONSECUTIVA DI 246 MENINGIOMI DAL 2000 AL 2004 Giovanni Profeta*, Giuseppe Ambrosio*, Roberto Monaco**, Giuseppina Ianniciello*,

Dettagli

Cap 2 - Principali tipi di cancro

Cap 2 - Principali tipi di cancro Cap 2 - Principali tipi di cancro PRINCIPALI TIPI DI CANCRO Ogni cellula presente nell organismo può potenzialmente andare incontro a mutazioni e diventare cancerosa, dando origine a moltissime varianti

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi

Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Ruolo dei test di clonalità nei disordini linfoproliferativi Dr.ssa Claudia Mannu Laboratorio di Patologia Molecolare,

Dettagli

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella

Percorso Clinico-Assistenziale della Paziente con Tumore della Mammella DIPARTIMENTO EMATOLOGIA, ONCOLOGIA E MEDICINA DI LABORATORIO - DIRETTORE: PROF. F.W. GRIGIONI DIPARTIMENTO EMERGENZA/URGENZA, CHIRURGIA GENERALE E DEI TRAPIANTI - DIRETTORE: PROF. A.D. PINNA DIPARTIMENTO

Dettagli

IRCCS-FPO Candiolo (Torino) IL CASO DEL MESE. S. Carabalona, L. Martincich, E. Rachetta, V. Deantoni, A. Rivolin, R.Ponzone, F. Maggiorotto, D.

IRCCS-FPO Candiolo (Torino) IL CASO DEL MESE. S. Carabalona, L. Martincich, E. Rachetta, V. Deantoni, A. Rivolin, R.Ponzone, F. Maggiorotto, D. IRCCS-FPO Candiolo (Torino) IL CASO DEL MESE S. Carabalona, L. Martincich, E. Rachetta, V. Deantoni, A. Rivolin, R.Ponzone, F. Maggiorotto, D.Regge Anamnesi: Donna di 47 aa Para 2002 Familiarità per ca

Dettagli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica del carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Generalità Neoplasia non cutanea più frequente nel maschio Malattia a lenta

Dettagli

Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide

Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide Il Linfonodo Sentinella nel Tumore della Tiroide M. Grosso - G. Boni Centro Regionale di Medicina Nucleare Università di Pisa INTRODUZIONE (I) La rimozione del Linfonodo Sentinella (LS) si basa sul concetto

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS ITER DIAGNOSTICO ITTERO

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS ITER DIAGNOSTICO ITTERO GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS ITER DIAGNOSTICO ITTERO Documento redatto da: Prof. M. Garavoglia S.C. Chirurgia Generale 1. A.O.U. Maggiore della Carità di Novara Dipartimento interaziendale ed interregionale

Dettagli

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino

FATTORI PROGNOSTICI. Dr.ssa Rossana Tiberio. Dr.ssa Benedetta Miglino FATTORI PROGNOSTICI MELANOMA Dr.ssa Rossana Tiberio Dr.ssa Benedetta Miglino UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE "A. AVOGADRO" FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - NOVARA CLINICA DERMATOLOGICA

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi

Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi NEVI E MELANOMA DEL BAMBINO : Bassa incidenza di trasformazione maligna dei nevi STORIA CLINICA I NEVI MELANOCITARI COMPAIONO NELLA PRIMA INFANZIA E IL LORO NUMERO COMPLESSIVO CRESCE CON IL CRESCERE DELL

Dettagli

Linfoadenopatie superficiali di sospetta natura neoplastica. Pareri a confronto CSD Chirurgico Oncologico Chieti 21 Settembre 2006

Linfoadenopatie superficiali di sospetta natura neoplastica. Pareri a confronto CSD Chirurgico Oncologico Chieti 21 Settembre 2006 Linfoadenopatie superficiali di sospetta natura neoplastica Pareri a confronto CSD Chirurgico Oncologico Chieti 21 Settembre 2006 Linfoadenopatie in età pediatrica L incidenza delle linfoadenopatie non

Dettagli

G. Mariscotti, M. Durando, G. Gandini. Torino 8 Marzo 2011

G. Mariscotti, M. Durando, G. Gandini. Torino 8 Marzo 2011 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ASOU SAN GIOVANNI BATTISTA TORINO ISTITUTO DI RADIOLOGIA DIAGNOSTICA ED INTERVENTISTICA DIRETTORE: PROF. GIOVANNI GANDINI La radiologia

Dettagli

LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato

LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato LE NEOPLASIE DIFFERENZIATE DELLA TIROIDE Paolo Fracchia SOC ORL ASL AL Casale Monferrato 19 marzo-2 aprile 2011 INTRODUZIONE Il carcinoma papillare ed il carcinoma follicolare della tiroide, definiti carcinomi

Dettagli

SCREENING ECOTOMOGRAFICO DELLA TIROIDE IN LAVORATORI RADIOESPOSTI: ESAME DI ROUTINE NELLA SORVEGLIANZA SANITARIA?

SCREENING ECOTOMOGRAFICO DELLA TIROIDE IN LAVORATORI RADIOESPOSTI: ESAME DI ROUTINE NELLA SORVEGLIANZA SANITARIA? SCREENING ECOTOMOGRAFICO DELLA TIROIDE IN LAVORATORI RADIOESPOSTI: ESAME DI Dott.ssa A. Francini ROUTINE NELLA SORVEGLIANZA SANITARIA? A.S.O. S. Croce e Carle Disclosure Slide Il sottoscritto FRANCINI

Dettagli

L ecografia della Tiroide. Firenze 6-7 febbraio 2015

L ecografia della Tiroide. Firenze 6-7 febbraio 2015 L ecografia della Tiroide Firenze 6-7 febbraio 2015 Ora sai riconoscere le principali strutture anatomiche del collo. Facile, no? Adesso scrivi su un foglio le caratteristiche ecografiche della tiroide

Dettagli

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo

In ambito clinico l'anatomia patologica svolge un ruolo fondamentale per la pianificazione di eventuali terapie mediche o chirurgiche fornendo ANATOMIA PATOLOGICA Branca specialistica della medicina che studia le malattie umane mediante esame macroscopico degli organi o microscopico dei tessuti e delle cellule In ambito clinico l'anatomia patologica

Dettagli

ALTRI TUMORI PRIMITIVI DEL FEGATO

ALTRI TUMORI PRIMITIVI DEL FEGATO SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE, CORSO 2010/2013. I TUMORI DEL FEGATO ALTRI TUMORI PRIMITIVI DEL FEGATO Elisabetta Ascari Fabio Bassi Medicina III Gastroenterologia Azienda

Dettagli

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site:

XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012. Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: XIX Corso Nazionale per Tecnici di Laboratorio Biomedico Riccione, 22-25 maggio 2012 Citoassistenza e Gestione del materiale biologico on site: CASI CLINICI Dr.ssa Paola Baccarini, U.O. Anatomia Patologica

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

generalità Diagnosi di lesioni della mammella

generalità Diagnosi di lesioni della mammella "database QT survey GISMa 2007". generalità Diagnosi di lesioni della mammella Senza intervento chirurgico Prima di intervento chirurgico terapeutico per carcinoma Pianificazione della chirurgia Unico

Dettagli

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr.

Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Le malattie della tiroide (dalla diagnosi alla terapia ) Focus sui percorsi aziendali A cura del Gruppo tiroide ASLAL Coordinatore: Dr. Singarelli Il follow-up del paziente operato Piero Iacovoni Acqui

Dettagli

Dr.ssa Mara Fornasarig

Dr.ssa Mara Fornasarig I TUMORI RARI GIST: Percorso diagnostico-terapeutico 5 novembre 2015 Dr.ssa Mara Fornasarig S.O.C. Gastroenterologia Oncologica CRO - ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO GIST GENERALITA I GIST appartengono

Dettagli

PROTOCOLLO PET/TC ONCOLOGICA

PROTOCOLLO PET/TC ONCOLOGICA Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO ospedale di Castelfranco Veneto e Montebelluna dipartimento diagnostica per immagini sede di Castelfranco Veneto unità operativa medicina nucleare - direttore:

Dettagli

18F-Colina PET/TC riscontri incidentali in 691 Pazienti con AdCa della prostata M. Rensi, F. Giacomuzzi, L. Bastianutti, O. Geatti

18F-Colina PET/TC riscontri incidentali in 691 Pazienti con AdCa della prostata M. Rensi, F. Giacomuzzi, L. Bastianutti, O. Geatti 18F-Colina PET/TC riscontri incidentali in 691 Pazienti con AdCa della prostata M. Rensi, F. Giacomuzzi, L. Bastianutti, O. Geatti SOC di Medicina Nucleare, Azienda Ospedaliera Universitaria, Udine FLOGOSI

Dettagli

Il linfonodo sentinella: esperienza dell Ospedale S. Chiara

Il linfonodo sentinella: esperienza dell Ospedale S. Chiara : esperienza dell Ospedale S. Chiara Mariella Bonzanini; Davide Donner; Daniela Cazzolli; Bruno Zani Trento 19 novembre 2009 1 Criteri di eligibilità 2002-2005 Ca infiltrante (diagnosi Mx e FNAB) unifocale,

Dettagli

Ruolo del radiologo Cristiana Vanoli. Ospedale di Circolo-Varese Servizio di Radiologia

Ruolo del radiologo Cristiana Vanoli. Ospedale di Circolo-Varese Servizio di Radiologia Ruolo del radiologo Cristiana Vanoli Ospedale di Circolo-Varese Servizio di Radiologia SCREENING CA MAMMARIO RUOLO DEL RADIOLOGO TEST DI I LIVELLO: Refertazione della Mx ACCERTAMENTI DI II LIVELLO: Proiezioni

Dettagli

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti

GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti GLOSSARIO DEI TERMINI Interventi e trattamenti A cura del D r.g.antonini RIASSUNTO Questo capitolo tratta in maniera semplice e comprensibile i termini utilizzati dai medici, spiegando sommariamente il

Dettagli

PATOLOGIA NODULARE E CARCINOMA DELLA TIROIDE IN PAZIENTI CON POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE

PATOLOGIA NODULARE E CARCINOMA DELLA TIROIDE IN PAZIENTI CON POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Medicine e Specialità Mediche Medicina 1 PATOLOGIA NODULARE E CARCINOMA DELLA TIROIDE IN PAZIENTI CON POLIPOSI ADENOMATOSA FAMILIARE Luca

Dettagli

La diagnostica per immagini nel carcinoma prostatico Girolamo Morelli

La diagnostica per immagini nel carcinoma prostatico Girolamo Morelli La diagnostica per immagini nel carcinoma prostatico Girolamo Morelli Ricercatore presso l Università di Pisa U.O. di Urologia Universitaria Diagnostica per immagini nel carcinoma prostatico Ecografia

Dettagli

Preparazione ed allestimento dei preparati citologici

Preparazione ed allestimento dei preparati citologici Preparazione ed allestimento dei preparati citologici Dr.ssa Ilaria Di Candia, DVM La citologia diagnostica (citopatologia) è l esame morfologico delle cellule prelevate da un tessuto. L utilità della

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

ASP di CATANIA P.O. «S. MARTA E S. VENERA» - ACIREALE. U.O.C. di UROLOGIA. Direttore: Dr. Giuseppe Salvia

ASP di CATANIA P.O. «S. MARTA E S. VENERA» - ACIREALE. U.O.C. di UROLOGIA. Direttore: Dr. Giuseppe Salvia ASP di CATANIA P.O. «S. MARTA E S. VENERA» - ACIREALE U.O.C. di UROLOGIA Direttore: Dr. Giuseppe Salvia LA BIOPSIA PROSTATICA: QUANDO, QUANTE VOLTE, QUANTI PRELIEVI Giuseppe Salvia? Carcinoma della Prostata:

Dettagli

VERSAMENTI PLEURICI. CdC Mater Dei Hospital Bari UO Chirurgia Toracica Responsabile Dott. SILVIO ORLANDO

VERSAMENTI PLEURICI. CdC Mater Dei Hospital Bari UO Chirurgia Toracica Responsabile Dott. SILVIO ORLANDO BARI PNEUMOLOGICA 2016 RESPIRATORY UPDATE Presidente del Convegno: Dr. Pietro Visaggi CdC Mater Dei Hospital Bari UO Chirurgia Toracica Responsabile Dott. SILVIO ORLANDO VERSAMENTI PLEURICI Normalmente

Dettagli

Scopo della lezione è illustrare il significato, i problemi e l utilità di questa nuova metodica, evoluzione della TC dinamica

Scopo della lezione è illustrare il significato, i problemi e l utilità di questa nuova metodica, evoluzione della TC dinamica Studio TC della perfusione tissutale Carlo Biagini Radiologo Centro Oncologico Fiorentino Scopo della lezione è illustrare il significato, i problemi e l utilità di questa nuova metodica, evoluzione della

Dettagli

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 642-647 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

CdC Mater Dei Hospital Bari UO Chirurgia Toracica Responsabile Dott. SILVIO ORLANDO VERSAMENTI PLEURICI

CdC Mater Dei Hospital Bari UO Chirurgia Toracica Responsabile Dott. SILVIO ORLANDO VERSAMENTI PLEURICI CdC Mater Dei Hospital Bari UO Chirurgia Toracica Responsabile Dott. SILVIO ORLANDO VERSAMENTI PLEURICI I versamenti pleurici rappresentano il 10% dei ricoveri nelle Divisioni di Pneumologia Circa il

Dettagli

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale Fino al 50% dei casi riscontri incidentali Costante aumento dell incidenza di nuove diagnosi Aumento dell eta

Dettagli

IL NODO TIROIDEO. Daniele De Vido. Belluno, 1 ottobre 2011

IL NODO TIROIDEO. Daniele De Vido. Belluno, 1 ottobre 2011 IL NODO TIROIDEO Daniele De Vido Belluno, 1 ottobre 2011 EPIDEMIOLOGIA Prevalenza 3 7 % (donne = 5% e uomini =1% in aree iodosufficienti) Ecografia 20 70 % Anziani Donne Aree di deficienza iodica Esposizione

Dettagli

ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO

ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO ECOENDOSCOPIA ESOFAGO E MEDIASTINO Marianna Di Maso Servizio di Endoscopia Digestiva Ospedale di San Severo - ASL Foggia Learning Corner AIGO XX Congresso Nazionale delle Malattie Digestive Napoli 19-22

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

RICHIAMO ANATOMOPATOLOGICO

RICHIAMO ANATOMOPATOLOGICO Tumori 4 C A P I T O L O RICHIAMO ANATOMOPATOLOGICO La classificazione dei tumori tiroidei (OMS 1998) separa (Fig. 4-1): i tumori maligni epiteliali (85%): carcinomi differenziati (85%) e carcinomi indifferenziati

Dettagli

Ecografia del surrene

Ecografia del surrene Ecografia del surrene Metodica di studio Anatomia ecografia Quadri patologici Congresso SIEMG Up-Date Vibo Valentia 01-03 maggio 2014 Visibilità ecografia Sonde convex multifrequenza 2-5 Mhz Surrene destro

Dettagli

Diagnostica per Immagini dei tumori del RINOFARINGE

Diagnostica per Immagini dei tumori del RINOFARINGE Diagnostica per Immagini dei tumori del RINOFARINGE Cesare Colosimo Istituto di Radiologia Dipartimento di Scienze Radiologiche Università Cattolica del Sacro Cuore. Roma colosimo@rm.unicatt.it DpI nei

Dettagli

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Principi di codifica delle neoplasie Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Perché codificare Dare un nome girasole tulipano iris margherita

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli