REDDITOMETRO: PROFILI DIFENSIVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REDDITOMETRO: PROFILI DIFENSIVI"

Transcript

1 Guida ai RICORSI & SENTENZE REDDITOMETRO: PROFILI DIFENSIVI Analisi dei profili di legittimità del redditometro, della carenza di motivazione degli atti accertativi, nonché della revisione della presunzione applicata. di ADRIANO PELLEGRINI studio commercialisti associati Trento ( ) Di recente, abbiamo affrontato il caso del redditometro applicato ai cosiddetti «bamboccioni».(1) Di seguito, invece, ci si focalizzerà su aspetti non ancora approfonditi, come i profili di legittimità del redditometro, la carenza di motivazione degli atti accertativi e la revisione della presunzione applicata. RISPETTO delle NORME di PROCEDURA Innanzitutto occorre rilevare che la normativa in materia di redditometro prevede una fase di contraddittorio preaccertativo avente carattere di obbligatorietà. In particolare, l Ufficio è tenuto ad invitare il contribuente alla definizione dell accertamento con adesione, dopo averlo invitato «( ) a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento ( )», giusta disposto dell art. 38, co. 7, D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 [CFF 6338]. Laddove, dunque, l Amministrazione ( ) Con la collaborazione del dott. Massimiliano Giuliani. (1) Si rinvia a A.Pellegrini, «Redditometro a bamboccioni : efficaci strategie difensive», su questa Rivista n. 11/2011, pagg. 76 e segg. finanziaria non attivi l accertamento con adesione, incorre, evidentemente, in una violazione procedimentale che deve essere rilevata nel ricorso introduttivo. INCOMPETENZA FUNZIONALE del DIRETTORE dell AGENZIA ad «AGGIORNARE» il REDDITOMETRO Il D.M. 10 settembre 1992, norma secondaria che di fatto ha istituito il redditometro attualmente applicato in fase accertativa, statuisce che: «Con successivi decreti ministeriali, gli importi stabiliti nella tabella allegata saranno adeguati ogni due anni tenendo conto delle variazioni, rispetto alla media dell anno 1992, dell indice dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale calcolato dall istituto nazionale di statistica». Di contro, il provvedimento Ag. Entrate 4 febbraio 2007 è stato concepito ed emesso dal Direttore dell Agenzia delle Entrate e come tale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 2 marzo 2007, n. 51. La disposizione anzidetta, non è ascrivibile ai meri provvedimenti dal contenuto tecnico/ ordinamentale e/o d indirizzo; di fatto, ha chiara natura impositiva, pur considerando che dà attuazione ad una norma procedurale N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 63

2 RICORSI & SENTENZE Guida ai art. 38, co. 4, D.P.R. 600/1973 tenuto conto che il prodotto degli «importi» che costituiscono il suo allegato A, si traduce nella quantificazione del reddito complessivo netto attribuibile al contribuente destinatario di attività accertativa. Ne discende che il provvedimento 14 febbraio 2007 dell Agenzia delle Entrate non rientra in nessuna delle fonti del diritto, come risulta dalla giurisprudenza della stessa Corte Costituzionale, per la quale si rinvia direttamente al ricorso proposto. Pertanto, è necessario indagare se la legge di riforma dell organizzazione del Governo D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300 contenga una specifica disposizione portante legittimazione all emanazione della statuizione più volte citata. Ed infatti, è bene ripeterlo, la disposizione che effettivamente reca portata impositiva è il D.M. 10 settembre 1992: dunque è più che necessario, imprescindibile, che anche l aggiornamento di tale decreto avvenga per fonte del diritto analoga. Ai fini de quibus, le due norme basilari che sembrano delineare con sufficiente chiarezza i rispettivi perimetri operativi, sono gli artt. 56 e 62, D.Lgs. 300/1999. Il primo, che titola «Attribuzioni del Ministero delle Finanze» recita che: «Il Ministero delle Finanze svolge le seguenti funzioni statali: predisposizione dei relativi atti normativi (...) per il conseguimento degli obiettivi fissati». Il secondo, dispone che «All Agenzia delle Entrate sono attribuite tutte le funzioni concernenti le entrate tributarie erariali che non siano assegnate alla competenza di altre Agenzie, Amministrazioni dello Stato ( )»;«L agenzia è competente in particolare a svolgere i servizi relativi alla amministrazione, alla riscossione e al contenzioso dei tributi diretti e dell imposta sul valore aggiunto ( )». Come vi è modo di percepire con sufficiente chiarezza dal confronto dispositivo delle fonti citate, al Ministero delle Finanze è attribuita l esclusiva competenza di predisporre gli atti normativi, all Agenzia delle Entrate, tramite il suo Dirigente generale, di svolgere, residualmente, tutti i servizi aventi ad oggetto l amministrazione, la riscossione ed il contenzioso. Ne consegue l incompetenza funzionale del Direttore dell Agenzia ad emettere il censurato provvedimento 14 febbraio 2007, di cui è giocoforza chiederne la disapplicazione. DIFETTO di MOTIVAZIONE dell ATTO Infine, è opportuno sottolineare che l Amministrazione finanziaria è tenuta a dare spiegazioni di quale sarebbe la fonte reddituale occultata che il redditometro ha permesso di «scovare». Ed infatti, ai fini Irpef, le categorie reddituali sono ben 6 e non è ragionevole ritenere che ve ne possa essere una settima («il reddito da redditometro») non codificata nel D.P.R. 22 dicembre 1986, n Peraltro, le categorie reddituali presentano caratteristiche assai diverse tra loro. Ad esempio, diverse sono anche le modalità di determinazione del periodo di competenza (criterio contabile o cassa); diverse, sono anche le modalità di quantificazione del reddito stesso (criterio catastale o effettivo) o le detrazioni di legge spettanti al contribuente. Da ciò ne discende la necessità di poter capire a quale categoria reddituale appartenga il reddito evaso. CASO di SPECIE Un contribuente viene convocato, ai sensi dell art. 32, D.P.R. 600/1973 [CFF 6332], per fornire spiegazioni in ordine allo scostamento tra il proprio reddito e quello desumibile dall applicazione del redditometro. In sede di contraddittorio, giustifica e dimostra l avvenuta acquisizione dei beni per effetto di dazioni patrimoniali derivanti dalla famiglia. A quel punto, riceve notifica di due accertamenti, a carico degli anni 2006 e 2007, con riferimento alle spese di mantenimento di detti beni. 64 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

3 Guida ai RICORSI & SENTENZE Opposizione all avviso di accertamento da redditometro: fac-simile di ricorso RICORSO Proposto da., con sede legale in, P.Iva e C.F., a mezzo del legale rappresentante., rappresentato e difeso, anche in via disgiuntiva, da giusta procura apposta a margine del presente atto, con elezione di domicilio presso. CONTRO L Agenzia delle Entrate di.., in persona del Direttore pro tempore, per l annullamento dell avviso di accertamento n.., prot. n..., emesso a valere per gli anni d imposta 2006 e 2007 ai fini Irpef (All. x). Avverso gli atti amministrativi predescritti, a mezzo dei sottoscritti procuratori alla lite, il sig. A B.. per i motivi di seguito addotti. ELEVA GRAVAME IN FATTO In data la Guardia di finanza,, concluse una verifica ispettiva a carico della ditta individuale. Dall analisi dell atto istruttorio, l Amministrazione finanziaria non decise di emettere alcun provvedimento impositivo. Successivamente, invece, l Amministrazione finanziaria, ai sensi dell art. 32, D.P.R. 600/1973, invitò il contribuente a produrre documentazione probatoria in ordine alla propria posizione fiscale, documentazione che, in data, il ricorrente puntualmente fornì, instaurando un contraddittorio che si tenne nei giorni successivi. Esaminata la documentazione, parte attrice ha deciso (comunque) di emettere gli avvisi di accertamento impugnati, facendo applicazione dell art. 38, D.P.R. 600/1973, sulla scorta della tesi per cui le condizioni di vita del signor non sarebbero coerenti con il reddito dichiarato. L Amministrazione finanziaria utilizza, per la quantificazione del maggior reddito, il cosiddetto «redditometro». Fondamento dell attività accertativa sarebbe, quindi, l inadeguatezza del reddito dichiarato, a fronte della presenza di taluni beni indice di capacità contributiva, come un bene immobile ed un autovettura. Con riferimento a tali beni indice di capacità produttiva, il contribuente ebbe, già in sede di primo contraddittorio, a produrre ampia dimostrazione di come l acquisto dell immobile avvenne a seguito di finanziamento da parte dei genitori. Il sottoscritto Sig.... (ovvero la società..., in persona del sottoscritto legale rappresentante pro tempore Sig....), delega a rappresentarlo e difenderlo in ogni fase del giudizio l avv./dott./rag.... conferendogli ogni e più ampio potere, ivi compreso quello di conciliare, di farsi sostituire in udienza, di nominare c o a d i u t o r i e assistenti in giudizio, di rinunciare al ricorso e agli atti. Elegge altresì domicilio presso lo Studio del difensore, sito in..., via... Firma del delegante... «È autentica» Firma del difensore... IN DIRITTO 1. Carenza di motivazione dell atto. Mancata indicazione della tipologia di reddito asseritamente evaso. Violazione degli artt. 42, D.P.R. 600/1973, 3, L. 241/1990 e 7, L. 212/2000. Controparte, in atti, non inquadra il reddito presunto in nessuna delle 6 (sei) categorie reddituali previste dell attuale D.P.R. 917/1986. In altri termini, non è dato sapere quale possa essere stata, anche presuntivamente, la fonte del reddito accertato, sicché ci si domanda con quali criteri sia stato calcolato il maggior onere fiscale che il signor avrebbe evaso. Siffatta carenza motiva è dirimente nel caso di specie, giacché, negli anni 2006 e 2007, era socio di associazione professionale e, residualmente, anche per entità del reddito prodotto, lavoratore autonomo, don- N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 65

4 RICORSI & SENTENZE Guida ai de l impossibilità di comprendere quale o quali siano le specifiche fonti reddituali da cui deriverebbe il maggior reddito accertato. La censura non è priva di significatività tenuto conto che: il reddito di periodo si manifesta fiscalmente con diversa modalità, a seconda che sia determinato e/o determinabile per cassa e/o competenza; la conoscenza/individuazione della fonte di provenienza non è senza pregio, tenuto conto che il maggior reddito accertato potrebbe avere natura partecipativa ed in tal caso l Amministrazione finanziaria dovrebbe dimostrare l avvenuta preventiva rettifica del reddito di natura associativa per poterne attribuire i maggiori esiti in capo all associato; infine, l eventuale maggior reddito accertato potrebbe derivare, in astratto, in tutto o in parte, dalla componente immobiliare con conseguente applicabilità della riduzione del 15%, dettata dall art. 37, co. 4, D.P.R. 917/1986. In conclusione, è chiaro che controparte avrebbe necessariamente dovuto «collegare», e quindi qualificare, il maggior reddito ad una diversa fonte reddituale, indicazione che in atti non si ravvede. 2. Violazione dell art. 38, co. 7, D.P.R. 600/1973. La norma richiamata in rubrica testualmente dispone che: «L ufficio che procede alla determinazione sintetica del reddito complessivo ha l obbligo di invitare il contribuente a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento e, successivamente, di avviare il procedimento di accertamento con adesione ai sensi dell art. 5 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218». L Ufficio procedente ha palesemente ignorato e trascurato l ulteriore obbligo che lo gravava traducentesi nell imperscrittibile necessità di dare corso al procedimento di accertamento con adesione; ne viene che gli accertamenti impugnati sono affetti da violazione di legge, pertanto illegittimi e quindi annullabili. 3. Violazione dell art. 5, co. 1, D.M. 1 settembre 1992 e dell art. 23, Costituzione. Inefficacia del provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 14 febbraio Il decreto ministeriale richiamato in rubrica statuisce che «Con successivi decreti ministeriali, gli importi stabiliti nella tabella allegata saranno adeguati ogni due anni tenendo conto delle variazioni, rispetto alla media dell anno 1992, dell indice dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale calcolato dall istituto nazionale di statistica». Di contro, il provvedimento 14 febbraio 2007 è stato concepito ed emesso dal Direttore dell Agenzia delle Entrate e come tale pubblicato in G.U. 2 marzo 2007, n. 51. La disposizione anzidetta, non è ascrivibile ai meri provvedimenti dal contenuto tecnico/ordinamentale e/o d indirizzo; di fatto, ha chiara natura impositiva, pur considerando che dà attuazione ad una norma procedurale art. 38, co. 4, D.P.R. 600/1973 tenuto conto che il prodotto degli «importi» che costituiscono il suo allegato A, si traduce nella quantificazione del reddito complessivo netto attribuibile al contribuente destinatario di attività accertativa. In argomento, è di necessità evocare l art. 23, Cost. e, soprattutto, la giurisprudenza correlativa a tenore della quale: «La disposizione dell art. 23 Cost., in forza della quale nessuna prestazione può essere imposta se non in base alla legge, non può intendersi nel senso che solo la legge dello Stato può imporre tributi, altrimenti si escluderebbe quella potestà normativa regionale in materia tributaria che altre norme costituzionali attribuiscono alle Regioni. Neppure può ritenersi che l art. 23 attribuisca alla parola legge il significato di norma emanata nell esercizio di una potestà legislativa piena, e cioè esclusiva, dato che gli atti emanati dalla Regione nell esercizio della competenza legislativa concorrente o sussidiaria sono, nel linguaggio dei testi costituzionali, leggi come le altre e d altra parte il valore dell art. 23 Cost. sta unicamente nel disporre una riserva legislativa, che è garanzia della sfera giuridica dei singoli soggetti, in quanto è diretta a escludere ogni limitazione e ogni invasione di essa, da parte della pubblica autorità, che non sia voluta dalla legge o posta in essere in base alla legge» (C. Cost. 23 giugno 1965, n. 64, 14 dicembre 1979, n. 148); «La garanzia stabilita nell art. 23 Cost., non vieta che, con l osservanza dei limiti stabiliti dall art. 76 della stessa Carta costituzionale, possa essere demandata al Governo l emanazione di atti normativi in materia di imposte avente lo stesso valore della legge ordinaria, purché la volontà del Parlamento a delegare l esercizio della funzione legislativa, trovi essa stessa espressione nella legge formale, a conclusione della normale procedura di esame ed approvazione della legge, in conformità dell art. 72, ultimo comma, Cost.» (C. Cost. 11 luglio 1969, n. 126, C. Cost. 10 luglio 1981, n. 127); 66 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

5 Guida ai RICORSI & SENTENZE «Potendo le prestazioni patrimoniali, secondo l art. 23 Cost., essere imposte solo in base alla legge, il giudice ordinario deve disapplicare i regolamenti che prevedono l imposizione di prestazioni senza che l autorità amministrativa sia a ciò autorizzata in base a legge» (Cass. 3 luglio 1979, n. 3728). È pacifico che il provvedimento 14 febbraio 2007 non rientra in nessuna delle fonti cui più sopra è stato fatto cenno. Dal ché, la necessità di verificare se la legge di riforma dell organizzazione del Governo D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300 contenga una specifica disposizione portante legittimazione all emanazione della statuizione più volte citata. Ai fini de quibus, le due norme basilari che sembrano delineare con sufficiente chiarezza i rispettivi perimetri operativi, sono gli artt. 56 e 62, D.Lgs. 300/1999. Il primo, che titola «Attribuzioni del Ministero delle Finanze» recita che: «Il Ministero delle Finanze svolge le seguenti funzioni statali: predisposizione dei relativi atti normativi (...) per il conseguimento degli obiettivi fissati». Il secondo, dispone che «All Agenzia delle Entrate sono attribuite tutte le funzioni concernenti le entrate tributarie erariali che non siano assegnate alla competenza di altre agenzie, amministrazioni dello Stato ( )»(ecc.); «L Agenzia è competente in particolare a svolgere i servizi relativi alla amministrazione, alla riscossione e al contenzioso dei tributi diretti e dell imposta sul valore aggiunto ( )». Come vi è modo di percepire con sufficiente chiarezza dal confronto dispositivo delle fonti citate, al Ministero delle Finanze è attribuita l esclusiva competenza di predisporre gli atti normativi, all Agenzia delle Entrate, tramite il suo Dirigente generale, di svolgere, residualmente, tutti i servizi aventi ad oggetto l amministrazione, la riscossione ed il contenzioso. Ne consegue l incompetenza funzionale del Direttore dell Agenzia ad emettere il censurato provvedimento 14 febbraio 2007, di cui si chiede la disapplicazione. Analisi specifica della ricostruzione sintetica di controparte L applicazione dell art. 38, D.P.R. 600/1973 è radicata sul sostenimento dei presunti costi di gestione dei seguenti beni: autovettura Bmw, alimentata a gasolio, anno di acquisto 2004, HP 26; appartamento non locato, utilizzato direttamente dal contribuente. Il contribuente, dunque, viene accertato per il sostenimento delle spese di gestione di un appartamento utilizzato direttamente e di un autoveicolo. 4. Sulla prova contraria già ampiamente resa in sede di contraddittorio e sull insensatezza della ricostruzione sintetica. È pressoché superfluo precisare che l accertamento sintetico, ex art. 38, D.P.R. 600/1973, è fondato «( ) sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d imposta, salva la prova che il relativo finanziamento è avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile ( )», così come modificato dal D.L. 31 maggio 2010, n Da quanto prodotto in sede di preventivo contradditorio, appare evidente il pregresso sostentamento finanziario attuato dalla madre,, che ha «finanziato» con mezzi propri sia l acquisto dell abitazione che dell autoveicolo. 5. Sul concetto di «spese indici di capacità contributiva» e dimostrazione dell irragionevolezza del reddito presunto. Nonostante tutti i beni indice di capacità contributiva siano stati finanziati dalla madre, la fantasia dell estensore dell atto l ha condotto a postulare l applicazione dell art. 38 anzidetto a fronte delle spese di gestione dei predetti beni, cioè dell appartamento e dell autovettura, mediante lo strumento del redditometro. N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 67

6 RICORSI & SENTENZE Guida ai Vale appena la pena di ricordare che, pochi giorni prima dell emissione del provvedimento impositivo, era balzata alle cronache anche su quotidiani on line di matrice ministeriale, la sentenza 11 marzo 2011, n. 97/2/11 della Ctp di Benevento (Doc. 5), nella quale, i giudici campani hanno ritenuto del tutto inattendibile il redditometro applicato per valorizzare il costo di mantenimento di un autovettura. Le considerazioni addotte nella citata sentenza si adattano perfettamente al caso di specie e ad esse si fa preciso rinvio. Ancora, più recentemente, la Ctp di Sondrio 25 marzo 2011, n. 24/2/11, ha enunciato il principio per cui il redditometro con applicazione acritica e tabellare dei parametri costituisce soltanto una presunzione semplice di capacità reddituale e contributiva che deve essere accompagnato da verifiche di fatto circostanziate e documentate circa la reale ed effettiva capacità contributiva del soggetto verificato. Nel merito della pretesa impositiva, inoltre, pare sinceramente assai discutibile asserire che la mera gestione di un appartamento per personali esigenze abitative e di un autovettura possa indurre a ritenere l esistenza di un reddito pari a rispettivi ,05 ed ,43 pro 2006 e 2007, dacché non si dirà certo strano il fatto che un contribuente detenga, un immobile abitativo e possegga ed utilizzi una sola autovettura, entrambi frutto di regalia da parte della madre. Già queste semplici osservazioni, inducono a ritenere che il redditometro sia strumento accertativo inattendibile nel caso in esame. Quanto all autovettura, al di là del calcolo materiale, è fatto noto e risaputo che da tempo, negli accertamenti sintetici, il mero possesso e mantenimento di un autovettura è circostanza di dubbia valenza accertativa. La stessa Amministrazione finanziaria, con la C.M. 14 agosto 1981, n. 27/7/2648, affermava che il possesso di un autovettura è talmente generalizzato da non consentire una presunzione di maggiore reddito fondata sulla sua disponibilità. Più di recente, è stata la Commissione parlamentare di vigilanza sull Anagrafe tributaria ad affermare che la categoria delle autovetture necessita di modifiche, perché poco idonea allo scopo, come risulta dal documento XVII adottato nella seduta del 15 luglio Con valutazione dirimente, si consideri la valorizzazione della spesa di gestione dell autovettura, ricostruita grazie ai dati Aci, unanimemente riconosciuti come autorevoli ed attendibili: utilizzo e mantenimento per mesi 12 dell autovettura Bmw 330XD, targata CP 716 TS; percorrenza complessiva di km come da dichiarazione rilasciata dall Autofficina Lampis S.a.s. del 23 novembre 2011 (doc. 6) e fotografia digitale comprovante il kilometraggio de quo (doc. 7): Costi complessivi per la rispettiva percorrenza annua Costi gestione /km 0, Percorrenza di riferimento km Km percorsi Costo di mantenimento 6.383,78 I dati economici e non, di cui sopra, sono comprovati dal doc. X, desunto dal sito Aci e riferito all autovettura mod. 330XD. Il costo di gestione al Km è stato ottenuto mediante il seguente calcolo proporzionale: km : 0, = km : X X = 0,4472 al km x 0,4472 = Km medi annui percorsi dall anno di acquisto (2004) km : 7 anni = Km annui Il risultato finanziario anzidetto, 6.383,78 di spesa annua complessiva di gestione dell autovettura è, palesemente, 68 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

7 Guida ai RICORSI & SENTENZE di gran lunga inferiore al reddito presunto di ,58 e ,20 (rispettivamente, pro 2006 e 2007) che sarebbe necessario per il mantenimento del cespite de quo. Ad ulteriore dimostrazione e riprova della modestia delle risorse reddituali di cui dispone il ricorrente si dimette copia dell E/C del conto c/c n. (docc. X e X) allo stesso intestato da cui risulta che gli accrediti complessivi, ignorando quelli di derivazione materna e paterna, ammontano a quanto segue: 2006: ( reddito presunto per il 2006) 2007: ( reddito presunto per il 2007) Il dato tra parentesi costituisce il reddito complessivo netto accertato in capo all odierno ricorrente che confligge in maniera stridente con i versamenti effettuati sull unico c/c di cui è titolare il contribuente. Dalle surriferite entità finanziarie emerge che i versamenti de quibus relativi ai 2 periodi d imposta accertati assommano ad a fronte di redditi totali accertati di ,48, con un delta negativo di ben ,96! Il tutto, a dimostrazione del fatto che lo strumento accertativo applicato, il redditometro, è inattendibile. 6. Inesistenza del reddito accertato. Erroneità operative e di altra natura attribuibili al soggetto accertante. Tenuto conto che le presunzioni insite nell applicazione dello strumento presuntivo del reddito «( ) sono soltanto relative e non assolute» (Cass. 19 aprile 2001 n. 5794) e che «il contribuente può dimostrare ( ) anche che il reddito presunto sulla base del redditometro non esiste o esiste in misura inferiore ( )» (Cass. 5794/2001, 656/1996 e 11300/2000), si muovono le seguenti conclusive argomentazioni. Controparte, allo scopo di far emergere la stridente confliggenza tra reddito (imponibile) dichiarato e reddito complessivo netto calcolato, pone a confronto i seguenti ammontari: 2006: , : ,43 Invero, e di contro, il reddito complessivo dichiarato dal contribuente nei due periodi d imposta anzidetti, ammonta, rispettivamente ad per il 2006 e ad per il 2007 (docc. X e X, rigo RN1 del modello Unico). In secondo luogo, in termini d importanza, è affetta da errore l altrui determinazione che induce il soggetto accertante a considerare l apporto economico materno di nel 2006 e di nel 2007 di derivazione paterna quali fattori differenziali che hanno effetto sui redditi di periodo accertati. Dette risorse finanziarie, invece, vanno ragionevolmente portate in diminuzione dagli indici di spesa, riportati nelle esemplificazioni sotto dei due atti amministrativi opposti. Infatti, se l indice di spesa di mantenimento ed utilizzo di determinati beni (nella specie, autovettura ed appartamento) viene a costituire il moltiplicatore dei rispettivi coefficienti, donde il prodotto rappresenta il reddito accertabile, è intuibile che la spesa sostenuta da terzi non può essere assunta quale parametro coefficientizio per la determinazione del reddito presunto. Allo scopo di dimostrare la bontà e la fondatezza del rilievo che precede si pensi all ipotesi in cui le spese di utilizzo dei cespiti siano sostenute integralmente da terzi. Nel caso, il reddito utilizzato/consumato sarebbe soltanto quello degli eroganti, mentre al beneficiato nessuna entità reddituale sarebbe passibile di accertamento trattandosi di redditi terzi dallo stesso consumati. Per quanto precede, il conteggio dovrebbe assumere la seguente (ri)configurazione: Anno 2006 Spesa auto: 6.476, = 4.976,60 x 7 = ,20 Spesa appartamento: 2.363, = 863,27 x 4 40% = 2.072,57 Totale ,77 In luogo di ,05 N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 69

8 RICORSI & SENTENZE Guida ai Si è ipotizzato che la dazione di disposta dalla madre sia stata utilizzata salomonicamente per la gestione dei 2 cespiti. Anno 2007 Spesa auto: 6.476, = 5.476,60 x 7 10% = ,58 Spesa appartamento: 2.363,27 x 4 40% = 5.671,85 Totale ,43 In luogo di ,43 Questi sarebbero i conteggi, corretti, che l Amministrazione finanziaria avrebbe dovuto esporre negli avvisi di accertamento. Di converso, dato che lo strumento presuntivo applicato è certamente inidoneo a stimare le spese di mantenimento dell autovettura, come certificato dalla tabelle Aci, valgono i conteggi che seguono: Anno 2006 Spesa auto: 6.383,78 (Aci) 1.500,00 = 4.883,78 Spesa appartamento: 2.363, ,00 = 863,27 x 4 40% = 2.072,57 Totale 6.956,35 In luogo di ,05 Si è ipotizzato che la dazione di disposta dalla madre sia stata utilizzata salomonicamente per la gestione dei 2 cespiti. Anno 2007 Spesa auto: 6.383,78 (Aci) = 5.383,70 Spesa appartamento: 2.363,27 x 4 40% = 5.671,85 Totale ,55 In luogo di ,43 Tanto premesso, il contribuente, come rappresentato dai sottoscritti procuratori, CHIEDE a Codesta On.le Commissione che voglia, contrariis reiectis, accogliere le seguenti conclusioni: 1. in via principale, dichiarare la nullità degli opposti atti amministrativi, o disporne il loro annullamento, per la palese violazione di tutte le norme specificamente indicate e richiamate sub punti da 1) a 6) del presente gravame e per le eccezioni e controdeduzioni ivi sviluppate; 2. in via subordinata, ridurre i redditi accertati nella misura rettificata ed individuata come testé più sopra indicato; 3. condannare l Amministrazione finanziaria al rimborso delle spese di lite. (Luogo), (data) Firma dei difensori ( ) 70 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

efficaci strategie difensive

efficaci strategie difensive REDDITOMETRO ai «BAMBOCCIONI»: efficaci strategie difensive Può accadere che ad un alto stile di vita non corrispondano redditi consistenti: linee difensive per motivare adeguatamente tale scostamento.

Dettagli

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 proposto dal sig. (riportare dati identificativi, domicilio fiscale, P. IVA), nato a il, C.F., rappresentato

Dettagli

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA Dott. Steven Mohamed TRACCIA Un contribuente, lavoratore autonomo, per il periodo d imposta 2013

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

IL REDDITOMETRO: DUBBI E CRITICITA

IL REDDITOMETRO: DUBBI E CRITICITA IL REDDITOMETRO: DUBBI E CRITICITA Relatore : Dott. Vincenzo Di Tella Collaboratori: Dott. Piero Capestrano Dott. Alessando Paglione Dott. Mario Di Bernardo Dott. Alessandro Tentoni IL NUOVO REDDITOMETRO

Dettagli

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento LUCIDI II Il procedimento di accertamento Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento 1 Dichiarazione tributaria (1) Periodicità: annuale Soggetti: Chi produce redditi (anche

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 38/D Roma, 23 ottobre 2008 Protocollo: 31326 Rif.: Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI All.ti 1 Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici di Diretta Collaborazione del Direttore

Dettagli

Rag. Renzo Del Rosso. OGGETTO: Nuovo redditometro: la procedura. Massa e Cozzile, li 01 aprile 2014. Circolare n 21

Rag. Renzo Del Rosso. OGGETTO: Nuovo redditometro: la procedura. Massa e Cozzile, li 01 aprile 2014. Circolare n 21 Massa e Cozzile, li 01 aprile 2014 Circolare n 21 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Nuovo redditometro: la procedura Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 CIRCOLARE N. 23 DEL 16/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: AGGIORNATO IL REDDITOMETRO APPLICABILE DAL 2011 PAG. 2 IN SINTESI: È stato recentemente pubblicato sulla

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014

Fiscal News N. 298. Locazioni commerciali: canoni non percepiti. La circolare di aggiornamento professionale 23.10.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 298 23.10.2014 Locazioni commerciali: canoni non percepiti Con la risoluzione del contratto di locazione, cessa l assoggettamento a imposta sui

Dettagli

Fiscal News N. 111. Cartelle. Eredi obbligati solidali. La circolare di aggiornamento professionale 14.04.2014

Fiscal News N. 111. Cartelle. Eredi obbligati solidali. La circolare di aggiornamento professionale 14.04.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 111 14.04.2014 Cartelle. Eredi obbligati solidali La notifica è valida ed efficace anche se rivolta a uno soltanto degli eredi Categoria: Accertamento

Dettagli

ALL' AGENZIA DEL TERRITORIO UFFICIO PROVINCIALE DI LECCE

ALL' AGENZIA DEL TERRITORIO UFFICIO PROVINCIALE DI LECCE FORMULARIO 169 ALL' AGENZIA DEL TERRITORIO UFFICIO PROVINCIALE DI LECCE In ottemperanza a quanto previsto dall'art. 5 D. Lgs. 30/12/1992 n. 504, integrato dall'art. 30, comma 11 legge finanziaria per l'anno

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi...

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi... CIRCOLARE N. 49/E Roma, 01 ottobre 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Esecuzione dei rimborsi dovuti per effetto di sentenze nei giudizi tributari INDICE 1. Premessa...2 2. Rimborsi

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 FEBBRAIO 2015 75/2015/R/GAS CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO, AVVIATO CON DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 350/2013/R/GAS, PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AGLI ANNI 2012 E 2013 DELLA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente.

Comunicazione di debito e provvedimento di recupero di somme erogate indebitamente. Inpdap: la procedura per il recupero degli indebiti (Inpdap, Nota Operativa 20.6.2006 n. 39) Sono in arrivo le comunicazioni Inpdap relative alle somme indebitamente percepite dai pensionati. L istituto

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni IMMIGRAZIONE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Regione Campania Legge della Regione Campania 8 febbraio 2010, n. 6 recante Norme per l inclusione sociale, economica e culturale

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * *

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 * * * * * * * * * * * * Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.3/2008 OGGETTO: Nuova disciplina delle dimissioni volontarie * * * * * * * * * * * * In Gazzetta Ufficiale n. 42 del 19 febbraio 2008 è stato

Dettagli

RIMBORSI IVA/2. n 5 - maggio 2011. studio commercialisti associati Trento ( ) il sole 24 ore

RIMBORSI IVA/2. n 5 - maggio 2011. studio commercialisti associati Trento ( ) il sole 24 ore DINIEGO di RIMBORSO IVA per MANCATA PRESENTAZIONE del MODELLO VR Infondatezza della tesi ministeriale nell ipotesi di diniego di rimborso Iva a fronte della mancata presentazione del modello VR. Caratteristiche

Dettagli

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti

La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti La Regione non può legiferare in materia di donazione degli organi e tessuti Corte Cost., sentenza 9 ottobre 2015, n. 195 (Pres. Criscuolo, est. Cartabia) Sanità pubblica Legge della Regione Calabria Norme

Dettagli

Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto

Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto Informativa per i clienti dello studio 16 Febbraio 2010 Ai gentili clienti Loro sedi Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Luglio Giuseppe - Presidente Cordola Michele - Relatore

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX.

Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. Determinazione dirigenziale n. 15 del 24 dicembre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX/ OKCOM XXX. IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i.,

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15/1/1999 Modificato con deliberazione di C.C.

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Promotori finanziari ed IRAP

Promotori finanziari ed IRAP Promotori finanziari ed IRAP Nuove sentenze e le opzioni di cui dispone il pf PREMESSA Resta sempre vivo l interesse per il tema della debenza, o meno, dell IRAP i capo ai promotori finanziari. Va ribadito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Prot. n.3662 del 15.04.2016 AVVISO PUBBLICO U.N.R.R.A 2016 Avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare a valere sul Fondo Lire U.N.R.R.A. per l anno 2016. Direttiva del Ministro del

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011 Direzione Centrale Entrate Roma, 28/09/2011 Circolare n. 122 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO

NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO NUOVO ACCERTAMENTO SINTETICO E DA REDDITOMETRO - APPROFONDIMENTI- Articolo 38 vecchio e nuovo a confronto Accertamenti relativi ad annualità per le quali il termine di dichiarazione non è ancora decaduto

Dettagli

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile

Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Consiglio di Stato, n. 11/2010 Incentivi alle fonti di energia rinnovabile Ai sensi del D.Lgs n. 79/1999, non vi è decadenza dalle incentivazioni previste per le fonti di energia rinnovabile se le autorizzazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente la rettifica di una dichiarazione di successione, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 8/E. Con l interpello specificato in oggetto, concernente la rettifica di una dichiarazione di successione, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 8/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 13 gennaio 2012 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Rettifica di valore degli immobili inseriti nella dichiarazione

Dettagli

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE

COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE COMUNE DI CUNEO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SETTORE CONTRATTI E PERSONALE N. Proposta 319 del 17/03/2014 OGGETTO: RICORSO CONSIGLIO DI STATO PROMOSSO DALLA REGIONE PIEMONTE AVVERSO ORDINANZA DEL TAR

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 6 31/05/2013 7.40 N. 00781/2013 REG.PROV.COLL. N. 01322/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 23 aprile 2015 OGGETTO: Piani urbanistici particolareggiati - Art. 33, comma 3, della legge n. 388 del 2000 Applicabilità regime

Dettagli

CIRCOLARE n. 1 / 2006

CIRCOLARE n. 1 / 2006 CIRCOLARE n. 1 / 2006 PROT. n 326 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DC Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare. Ulteriori chiarimenti per la corretta attuazione dell art. 1, comma 336, della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ENNA SEZIONE PRIMA SENT. N. 145 del 2010 REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ENNA SEZIONE PRIMA DEL 29/1/2010

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MACERATA SECONDA SEZIONE SENTENZA FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MACERATA SECONDA SEZIONE SENTENZA FATTO riunita con l intervento dei Signori: - CIOTTI ARMANDO Presidente - POLCI LEIDE Relatore - LANDI ALBERTO Giudice ha emesso la seguente (OMISSIS.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale Oggetto: P.S.R. 2007-2013 Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare, nonché in quello forestale. - Rigetto ricorso gerarchico della

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO a cura Cosimo Turrisi L autotutela tributaria è un procedimento amministrativo di secondo grado che consente, in ossequio ai principi di cui

Dettagli

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 SERVIZI ANAAO ASSOMED La sentenza 08.10.2012 n. 223 della Corte Costituzionale offre molteplici spunti di riflessione non solo sulle specifiche disposizione oggetto

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE

ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 17 SEDUTA DEL OGGETTO ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF. CONFERMA ALIQUOTE ANNO 2014 30/04/2014 IL CONSIGLIO COMUNALE Richiamato l articolo 52, comma 1, del decreto legislativo 15 dicembre 1997,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. Roma - Prima Sezione SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio Roma - Prima Sezione nelle persone dei Magistrati: Dott. Giorgio Giovannini Dott. Antonino Savo Amodio

Dettagli

Potenziamento dell accertamento basato sul c.d. redditometro

Potenziamento dell accertamento basato sul c.d. redditometro Accertamento Potenziamento dell accertamento basato sul c.d. redditometro di Alfio Cissello (*) LA NOVITA Redditometro Nell ambito dell attività di accertamento del triennio 2009-2011 è previsto un piano

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Denunce e atti presentati all ufficio del registro delle imprese in via telematica. Imposta di bollo. D.M. 17 maggio 2002 n. 127.

Denunce e atti presentati all ufficio del registro delle imprese in via telematica. Imposta di bollo. D.M. 17 maggio 2002 n. 127. Denunce e atti presentati all ufficio del registro delle imprese in via telematica. Imposta di bollo. D.M. 17 maggio 2002 n. 127. Premessa. Con D.M. 17 maggio 2002 n. 127 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE FROSINONE

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE FROSINONE COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE FROSINONE - Sentenza 07 gennaio 2015, n. 12 Tributi - Imposte sui redditi - Avviso di accertamento sottoscritto dal capo area - Delega alla sottoscrizione - Necessità

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile Credaro (BG), 26/09/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Circ. 48/2013: NUOVO REDDITOMETRO PRIME INDICAZIONI OPERATIVE In questa Circolare 1. Vecchio e nuovo redditometro 2. Ricostruzione sintetica del reddito

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

Accertamenti e Controlli 2011

Accertamenti e Controlli 2011 Accertamenti e Controlli 2011 Manovra estiva 2010 D.L. n. 78/2010 Manovre estive 2011 D.L. n. 70/2011 D.L. n. 98/2011 D.L. n. 138/2011 28 SETTEMBRE 2011 Avv. Giampaolo Foresi ACCERTAMENTO SINTETICO (Art.

Dettagli

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente http://www.dplmodena.it/04-10-11consstatodimisspubb.html Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5384 del 27 settembre 2011,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE CONSILIARE NR. 32 DD. 13/10/2011 OGGETTO: Esame ed approvazione schema contratto di servizio a disciplina delle modalità amministrative e tecniche per l affidamento a Trentino Riscossioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità, disciplinato dall

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Ecc.ma PROCURA DELLA REPUBBLICA, Ecc.ma PROCURA REGIONALE DELLA CORTE DEI CONTI PER LA PUGLIA

Ecc.ma PROCURA DELLA REPUBBLICA, Ecc.ma PROCURA REGIONALE DELLA CORTE DEI CONTI PER LA PUGLIA Raccomandata A/R Alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di BARI Via Nazariantz 1-70122 Bari Alla Corte dei Conti Procura regionale presso la sezione giurisdizionale per la regione PUGLIA Via

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

Accertamento sintetico e redditometro

Accertamento sintetico e redditometro Accertamento sintetico e redditometro di Leda Rita Corrado (*) L accertamento dei redditi delle persone fisiche: metodo analitico versus metodo sintetico. L accertamento dei redditi delle persone fisiche

Dettagli