REDDITOMETRO: PROFILI DIFENSIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REDDITOMETRO: PROFILI DIFENSIVI"

Transcript

1 Guida ai RICORSI & SENTENZE REDDITOMETRO: PROFILI DIFENSIVI Analisi dei profili di legittimità del redditometro, della carenza di motivazione degli atti accertativi, nonché della revisione della presunzione applicata. di ADRIANO PELLEGRINI studio commercialisti associati Trento ( ) Di recente, abbiamo affrontato il caso del redditometro applicato ai cosiddetti «bamboccioni».(1) Di seguito, invece, ci si focalizzerà su aspetti non ancora approfonditi, come i profili di legittimità del redditometro, la carenza di motivazione degli atti accertativi e la revisione della presunzione applicata. RISPETTO delle NORME di PROCEDURA Innanzitutto occorre rilevare che la normativa in materia di redditometro prevede una fase di contraddittorio preaccertativo avente carattere di obbligatorietà. In particolare, l Ufficio è tenuto ad invitare il contribuente alla definizione dell accertamento con adesione, dopo averlo invitato «( ) a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento ( )», giusta disposto dell art. 38, co. 7, D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 [CFF 6338]. Laddove, dunque, l Amministrazione ( ) Con la collaborazione del dott. Massimiliano Giuliani. (1) Si rinvia a A.Pellegrini, «Redditometro a bamboccioni : efficaci strategie difensive», su questa Rivista n. 11/2011, pagg. 76 e segg. finanziaria non attivi l accertamento con adesione, incorre, evidentemente, in una violazione procedimentale che deve essere rilevata nel ricorso introduttivo. INCOMPETENZA FUNZIONALE del DIRETTORE dell AGENZIA ad «AGGIORNARE» il REDDITOMETRO Il D.M. 10 settembre 1992, norma secondaria che di fatto ha istituito il redditometro attualmente applicato in fase accertativa, statuisce che: «Con successivi decreti ministeriali, gli importi stabiliti nella tabella allegata saranno adeguati ogni due anni tenendo conto delle variazioni, rispetto alla media dell anno 1992, dell indice dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale calcolato dall istituto nazionale di statistica». Di contro, il provvedimento Ag. Entrate 4 febbraio 2007 è stato concepito ed emesso dal Direttore dell Agenzia delle Entrate e come tale pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 2 marzo 2007, n. 51. La disposizione anzidetta, non è ascrivibile ai meri provvedimenti dal contenuto tecnico/ ordinamentale e/o d indirizzo; di fatto, ha chiara natura impositiva, pur considerando che dà attuazione ad una norma procedurale N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 63

2 RICORSI & SENTENZE Guida ai art. 38, co. 4, D.P.R. 600/1973 tenuto conto che il prodotto degli «importi» che costituiscono il suo allegato A, si traduce nella quantificazione del reddito complessivo netto attribuibile al contribuente destinatario di attività accertativa. Ne discende che il provvedimento 14 febbraio 2007 dell Agenzia delle Entrate non rientra in nessuna delle fonti del diritto, come risulta dalla giurisprudenza della stessa Corte Costituzionale, per la quale si rinvia direttamente al ricorso proposto. Pertanto, è necessario indagare se la legge di riforma dell organizzazione del Governo D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300 contenga una specifica disposizione portante legittimazione all emanazione della statuizione più volte citata. Ed infatti, è bene ripeterlo, la disposizione che effettivamente reca portata impositiva è il D.M. 10 settembre 1992: dunque è più che necessario, imprescindibile, che anche l aggiornamento di tale decreto avvenga per fonte del diritto analoga. Ai fini de quibus, le due norme basilari che sembrano delineare con sufficiente chiarezza i rispettivi perimetri operativi, sono gli artt. 56 e 62, D.Lgs. 300/1999. Il primo, che titola «Attribuzioni del Ministero delle Finanze» recita che: «Il Ministero delle Finanze svolge le seguenti funzioni statali: predisposizione dei relativi atti normativi (...) per il conseguimento degli obiettivi fissati». Il secondo, dispone che «All Agenzia delle Entrate sono attribuite tutte le funzioni concernenti le entrate tributarie erariali che non siano assegnate alla competenza di altre Agenzie, Amministrazioni dello Stato ( )»;«L agenzia è competente in particolare a svolgere i servizi relativi alla amministrazione, alla riscossione e al contenzioso dei tributi diretti e dell imposta sul valore aggiunto ( )». Come vi è modo di percepire con sufficiente chiarezza dal confronto dispositivo delle fonti citate, al Ministero delle Finanze è attribuita l esclusiva competenza di predisporre gli atti normativi, all Agenzia delle Entrate, tramite il suo Dirigente generale, di svolgere, residualmente, tutti i servizi aventi ad oggetto l amministrazione, la riscossione ed il contenzioso. Ne consegue l incompetenza funzionale del Direttore dell Agenzia ad emettere il censurato provvedimento 14 febbraio 2007, di cui è giocoforza chiederne la disapplicazione. DIFETTO di MOTIVAZIONE dell ATTO Infine, è opportuno sottolineare che l Amministrazione finanziaria è tenuta a dare spiegazioni di quale sarebbe la fonte reddituale occultata che il redditometro ha permesso di «scovare». Ed infatti, ai fini Irpef, le categorie reddituali sono ben 6 e non è ragionevole ritenere che ve ne possa essere una settima («il reddito da redditometro») non codificata nel D.P.R. 22 dicembre 1986, n Peraltro, le categorie reddituali presentano caratteristiche assai diverse tra loro. Ad esempio, diverse sono anche le modalità di determinazione del periodo di competenza (criterio contabile o cassa); diverse, sono anche le modalità di quantificazione del reddito stesso (criterio catastale o effettivo) o le detrazioni di legge spettanti al contribuente. Da ciò ne discende la necessità di poter capire a quale categoria reddituale appartenga il reddito evaso. CASO di SPECIE Un contribuente viene convocato, ai sensi dell art. 32, D.P.R. 600/1973 [CFF 6332], per fornire spiegazioni in ordine allo scostamento tra il proprio reddito e quello desumibile dall applicazione del redditometro. In sede di contraddittorio, giustifica e dimostra l avvenuta acquisizione dei beni per effetto di dazioni patrimoniali derivanti dalla famiglia. A quel punto, riceve notifica di due accertamenti, a carico degli anni 2006 e 2007, con riferimento alle spese di mantenimento di detti beni. 64 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

3 Guida ai RICORSI & SENTENZE Opposizione all avviso di accertamento da redditometro: fac-simile di ricorso RICORSO Proposto da., con sede legale in, P.Iva e C.F., a mezzo del legale rappresentante., rappresentato e difeso, anche in via disgiuntiva, da giusta procura apposta a margine del presente atto, con elezione di domicilio presso. CONTRO L Agenzia delle Entrate di.., in persona del Direttore pro tempore, per l annullamento dell avviso di accertamento n.., prot. n..., emesso a valere per gli anni d imposta 2006 e 2007 ai fini Irpef (All. x). Avverso gli atti amministrativi predescritti, a mezzo dei sottoscritti procuratori alla lite, il sig. A B.. per i motivi di seguito addotti. ELEVA GRAVAME IN FATTO In data la Guardia di finanza,, concluse una verifica ispettiva a carico della ditta individuale. Dall analisi dell atto istruttorio, l Amministrazione finanziaria non decise di emettere alcun provvedimento impositivo. Successivamente, invece, l Amministrazione finanziaria, ai sensi dell art. 32, D.P.R. 600/1973, invitò il contribuente a produrre documentazione probatoria in ordine alla propria posizione fiscale, documentazione che, in data, il ricorrente puntualmente fornì, instaurando un contraddittorio che si tenne nei giorni successivi. Esaminata la documentazione, parte attrice ha deciso (comunque) di emettere gli avvisi di accertamento impugnati, facendo applicazione dell art. 38, D.P.R. 600/1973, sulla scorta della tesi per cui le condizioni di vita del signor non sarebbero coerenti con il reddito dichiarato. L Amministrazione finanziaria utilizza, per la quantificazione del maggior reddito, il cosiddetto «redditometro». Fondamento dell attività accertativa sarebbe, quindi, l inadeguatezza del reddito dichiarato, a fronte della presenza di taluni beni indice di capacità contributiva, come un bene immobile ed un autovettura. Con riferimento a tali beni indice di capacità produttiva, il contribuente ebbe, già in sede di primo contraddittorio, a produrre ampia dimostrazione di come l acquisto dell immobile avvenne a seguito di finanziamento da parte dei genitori. Il sottoscritto Sig.... (ovvero la società..., in persona del sottoscritto legale rappresentante pro tempore Sig....), delega a rappresentarlo e difenderlo in ogni fase del giudizio l avv./dott./rag.... conferendogli ogni e più ampio potere, ivi compreso quello di conciliare, di farsi sostituire in udienza, di nominare c o a d i u t o r i e assistenti in giudizio, di rinunciare al ricorso e agli atti. Elegge altresì domicilio presso lo Studio del difensore, sito in..., via... Firma del delegante... «È autentica» Firma del difensore... IN DIRITTO 1. Carenza di motivazione dell atto. Mancata indicazione della tipologia di reddito asseritamente evaso. Violazione degli artt. 42, D.P.R. 600/1973, 3, L. 241/1990 e 7, L. 212/2000. Controparte, in atti, non inquadra il reddito presunto in nessuna delle 6 (sei) categorie reddituali previste dell attuale D.P.R. 917/1986. In altri termini, non è dato sapere quale possa essere stata, anche presuntivamente, la fonte del reddito accertato, sicché ci si domanda con quali criteri sia stato calcolato il maggior onere fiscale che il signor avrebbe evaso. Siffatta carenza motiva è dirimente nel caso di specie, giacché, negli anni 2006 e 2007, era socio di associazione professionale e, residualmente, anche per entità del reddito prodotto, lavoratore autonomo, don- N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 65

4 RICORSI & SENTENZE Guida ai de l impossibilità di comprendere quale o quali siano le specifiche fonti reddituali da cui deriverebbe il maggior reddito accertato. La censura non è priva di significatività tenuto conto che: il reddito di periodo si manifesta fiscalmente con diversa modalità, a seconda che sia determinato e/o determinabile per cassa e/o competenza; la conoscenza/individuazione della fonte di provenienza non è senza pregio, tenuto conto che il maggior reddito accertato potrebbe avere natura partecipativa ed in tal caso l Amministrazione finanziaria dovrebbe dimostrare l avvenuta preventiva rettifica del reddito di natura associativa per poterne attribuire i maggiori esiti in capo all associato; infine, l eventuale maggior reddito accertato potrebbe derivare, in astratto, in tutto o in parte, dalla componente immobiliare con conseguente applicabilità della riduzione del 15%, dettata dall art. 37, co. 4, D.P.R. 917/1986. In conclusione, è chiaro che controparte avrebbe necessariamente dovuto «collegare», e quindi qualificare, il maggior reddito ad una diversa fonte reddituale, indicazione che in atti non si ravvede. 2. Violazione dell art. 38, co. 7, D.P.R. 600/1973. La norma richiamata in rubrica testualmente dispone che: «L ufficio che procede alla determinazione sintetica del reddito complessivo ha l obbligo di invitare il contribuente a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento e, successivamente, di avviare il procedimento di accertamento con adesione ai sensi dell art. 5 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218». L Ufficio procedente ha palesemente ignorato e trascurato l ulteriore obbligo che lo gravava traducentesi nell imperscrittibile necessità di dare corso al procedimento di accertamento con adesione; ne viene che gli accertamenti impugnati sono affetti da violazione di legge, pertanto illegittimi e quindi annullabili. 3. Violazione dell art. 5, co. 1, D.M. 1 settembre 1992 e dell art. 23, Costituzione. Inefficacia del provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 14 febbraio Il decreto ministeriale richiamato in rubrica statuisce che «Con successivi decreti ministeriali, gli importi stabiliti nella tabella allegata saranno adeguati ogni due anni tenendo conto delle variazioni, rispetto alla media dell anno 1992, dell indice dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale calcolato dall istituto nazionale di statistica». Di contro, il provvedimento 14 febbraio 2007 è stato concepito ed emesso dal Direttore dell Agenzia delle Entrate e come tale pubblicato in G.U. 2 marzo 2007, n. 51. La disposizione anzidetta, non è ascrivibile ai meri provvedimenti dal contenuto tecnico/ordinamentale e/o d indirizzo; di fatto, ha chiara natura impositiva, pur considerando che dà attuazione ad una norma procedurale art. 38, co. 4, D.P.R. 600/1973 tenuto conto che il prodotto degli «importi» che costituiscono il suo allegato A, si traduce nella quantificazione del reddito complessivo netto attribuibile al contribuente destinatario di attività accertativa. In argomento, è di necessità evocare l art. 23, Cost. e, soprattutto, la giurisprudenza correlativa a tenore della quale: «La disposizione dell art. 23 Cost., in forza della quale nessuna prestazione può essere imposta se non in base alla legge, non può intendersi nel senso che solo la legge dello Stato può imporre tributi, altrimenti si escluderebbe quella potestà normativa regionale in materia tributaria che altre norme costituzionali attribuiscono alle Regioni. Neppure può ritenersi che l art. 23 attribuisca alla parola legge il significato di norma emanata nell esercizio di una potestà legislativa piena, e cioè esclusiva, dato che gli atti emanati dalla Regione nell esercizio della competenza legislativa concorrente o sussidiaria sono, nel linguaggio dei testi costituzionali, leggi come le altre e d altra parte il valore dell art. 23 Cost. sta unicamente nel disporre una riserva legislativa, che è garanzia della sfera giuridica dei singoli soggetti, in quanto è diretta a escludere ogni limitazione e ogni invasione di essa, da parte della pubblica autorità, che non sia voluta dalla legge o posta in essere in base alla legge» (C. Cost. 23 giugno 1965, n. 64, 14 dicembre 1979, n. 148); «La garanzia stabilita nell art. 23 Cost., non vieta che, con l osservanza dei limiti stabiliti dall art. 76 della stessa Carta costituzionale, possa essere demandata al Governo l emanazione di atti normativi in materia di imposte avente lo stesso valore della legge ordinaria, purché la volontà del Parlamento a delegare l esercizio della funzione legislativa, trovi essa stessa espressione nella legge formale, a conclusione della normale procedura di esame ed approvazione della legge, in conformità dell art. 72, ultimo comma, Cost.» (C. Cost. 11 luglio 1969, n. 126, C. Cost. 10 luglio 1981, n. 127); 66 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

5 Guida ai RICORSI & SENTENZE «Potendo le prestazioni patrimoniali, secondo l art. 23 Cost., essere imposte solo in base alla legge, il giudice ordinario deve disapplicare i regolamenti che prevedono l imposizione di prestazioni senza che l autorità amministrativa sia a ciò autorizzata in base a legge» (Cass. 3 luglio 1979, n. 3728). È pacifico che il provvedimento 14 febbraio 2007 non rientra in nessuna delle fonti cui più sopra è stato fatto cenno. Dal ché, la necessità di verificare se la legge di riforma dell organizzazione del Governo D.Lgs. 30 luglio 1999, n. 300 contenga una specifica disposizione portante legittimazione all emanazione della statuizione più volte citata. Ai fini de quibus, le due norme basilari che sembrano delineare con sufficiente chiarezza i rispettivi perimetri operativi, sono gli artt. 56 e 62, D.Lgs. 300/1999. Il primo, che titola «Attribuzioni del Ministero delle Finanze» recita che: «Il Ministero delle Finanze svolge le seguenti funzioni statali: predisposizione dei relativi atti normativi (...) per il conseguimento degli obiettivi fissati». Il secondo, dispone che «All Agenzia delle Entrate sono attribuite tutte le funzioni concernenti le entrate tributarie erariali che non siano assegnate alla competenza di altre agenzie, amministrazioni dello Stato ( )»(ecc.); «L Agenzia è competente in particolare a svolgere i servizi relativi alla amministrazione, alla riscossione e al contenzioso dei tributi diretti e dell imposta sul valore aggiunto ( )». Come vi è modo di percepire con sufficiente chiarezza dal confronto dispositivo delle fonti citate, al Ministero delle Finanze è attribuita l esclusiva competenza di predisporre gli atti normativi, all Agenzia delle Entrate, tramite il suo Dirigente generale, di svolgere, residualmente, tutti i servizi aventi ad oggetto l amministrazione, la riscossione ed il contenzioso. Ne consegue l incompetenza funzionale del Direttore dell Agenzia ad emettere il censurato provvedimento 14 febbraio 2007, di cui si chiede la disapplicazione. Analisi specifica della ricostruzione sintetica di controparte L applicazione dell art. 38, D.P.R. 600/1973 è radicata sul sostenimento dei presunti costi di gestione dei seguenti beni: autovettura Bmw, alimentata a gasolio, anno di acquisto 2004, HP 26; appartamento non locato, utilizzato direttamente dal contribuente. Il contribuente, dunque, viene accertato per il sostenimento delle spese di gestione di un appartamento utilizzato direttamente e di un autoveicolo. 4. Sulla prova contraria già ampiamente resa in sede di contraddittorio e sull insensatezza della ricostruzione sintetica. È pressoché superfluo precisare che l accertamento sintetico, ex art. 38, D.P.R. 600/1973, è fondato «( ) sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d imposta, salva la prova che il relativo finanziamento è avvenuto con redditi diversi da quelli posseduti nello stesso periodo d imposta, o con redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o, comunque, legalmente esclusi dalla formazione della base imponibile ( )», così come modificato dal D.L. 31 maggio 2010, n Da quanto prodotto in sede di preventivo contradditorio, appare evidente il pregresso sostentamento finanziario attuato dalla madre,, che ha «finanziato» con mezzi propri sia l acquisto dell abitazione che dell autoveicolo. 5. Sul concetto di «spese indici di capacità contributiva» e dimostrazione dell irragionevolezza del reddito presunto. Nonostante tutti i beni indice di capacità contributiva siano stati finanziati dalla madre, la fantasia dell estensore dell atto l ha condotto a postulare l applicazione dell art. 38 anzidetto a fronte delle spese di gestione dei predetti beni, cioè dell appartamento e dell autovettura, mediante lo strumento del redditometro. N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 67

6 RICORSI & SENTENZE Guida ai Vale appena la pena di ricordare che, pochi giorni prima dell emissione del provvedimento impositivo, era balzata alle cronache anche su quotidiani on line di matrice ministeriale, la sentenza 11 marzo 2011, n. 97/2/11 della Ctp di Benevento (Doc. 5), nella quale, i giudici campani hanno ritenuto del tutto inattendibile il redditometro applicato per valorizzare il costo di mantenimento di un autovettura. Le considerazioni addotte nella citata sentenza si adattano perfettamente al caso di specie e ad esse si fa preciso rinvio. Ancora, più recentemente, la Ctp di Sondrio 25 marzo 2011, n. 24/2/11, ha enunciato il principio per cui il redditometro con applicazione acritica e tabellare dei parametri costituisce soltanto una presunzione semplice di capacità reddituale e contributiva che deve essere accompagnato da verifiche di fatto circostanziate e documentate circa la reale ed effettiva capacità contributiva del soggetto verificato. Nel merito della pretesa impositiva, inoltre, pare sinceramente assai discutibile asserire che la mera gestione di un appartamento per personali esigenze abitative e di un autovettura possa indurre a ritenere l esistenza di un reddito pari a rispettivi ,05 ed ,43 pro 2006 e 2007, dacché non si dirà certo strano il fatto che un contribuente detenga, un immobile abitativo e possegga ed utilizzi una sola autovettura, entrambi frutto di regalia da parte della madre. Già queste semplici osservazioni, inducono a ritenere che il redditometro sia strumento accertativo inattendibile nel caso in esame. Quanto all autovettura, al di là del calcolo materiale, è fatto noto e risaputo che da tempo, negli accertamenti sintetici, il mero possesso e mantenimento di un autovettura è circostanza di dubbia valenza accertativa. La stessa Amministrazione finanziaria, con la C.M. 14 agosto 1981, n. 27/7/2648, affermava che il possesso di un autovettura è talmente generalizzato da non consentire una presunzione di maggiore reddito fondata sulla sua disponibilità. Più di recente, è stata la Commissione parlamentare di vigilanza sull Anagrafe tributaria ad affermare che la categoria delle autovetture necessita di modifiche, perché poco idonea allo scopo, come risulta dal documento XVII adottato nella seduta del 15 luglio Con valutazione dirimente, si consideri la valorizzazione della spesa di gestione dell autovettura, ricostruita grazie ai dati Aci, unanimemente riconosciuti come autorevoli ed attendibili: utilizzo e mantenimento per mesi 12 dell autovettura Bmw 330XD, targata CP 716 TS; percorrenza complessiva di km come da dichiarazione rilasciata dall Autofficina Lampis S.a.s. del 23 novembre 2011 (doc. 6) e fotografia digitale comprovante il kilometraggio de quo (doc. 7): Costi complessivi per la rispettiva percorrenza annua Costi gestione /km 0, Percorrenza di riferimento km Km percorsi Costo di mantenimento 6.383,78 I dati economici e non, di cui sopra, sono comprovati dal doc. X, desunto dal sito Aci e riferito all autovettura mod. 330XD. Il costo di gestione al Km è stato ottenuto mediante il seguente calcolo proporzionale: km : 0, = km : X X = 0,4472 al km x 0,4472 = Km medi annui percorsi dall anno di acquisto (2004) km : 7 anni = Km annui Il risultato finanziario anzidetto, 6.383,78 di spesa annua complessiva di gestione dell autovettura è, palesemente, 68 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

7 Guida ai RICORSI & SENTENZE di gran lunga inferiore al reddito presunto di ,58 e ,20 (rispettivamente, pro 2006 e 2007) che sarebbe necessario per il mantenimento del cespite de quo. Ad ulteriore dimostrazione e riprova della modestia delle risorse reddituali di cui dispone il ricorrente si dimette copia dell E/C del conto c/c n. (docc. X e X) allo stesso intestato da cui risulta che gli accrediti complessivi, ignorando quelli di derivazione materna e paterna, ammontano a quanto segue: 2006: ( reddito presunto per il 2006) 2007: ( reddito presunto per il 2007) Il dato tra parentesi costituisce il reddito complessivo netto accertato in capo all odierno ricorrente che confligge in maniera stridente con i versamenti effettuati sull unico c/c di cui è titolare il contribuente. Dalle surriferite entità finanziarie emerge che i versamenti de quibus relativi ai 2 periodi d imposta accertati assommano ad a fronte di redditi totali accertati di ,48, con un delta negativo di ben ,96! Il tutto, a dimostrazione del fatto che lo strumento accertativo applicato, il redditometro, è inattendibile. 6. Inesistenza del reddito accertato. Erroneità operative e di altra natura attribuibili al soggetto accertante. Tenuto conto che le presunzioni insite nell applicazione dello strumento presuntivo del reddito «( ) sono soltanto relative e non assolute» (Cass. 19 aprile 2001 n. 5794) e che «il contribuente può dimostrare ( ) anche che il reddito presunto sulla base del redditometro non esiste o esiste in misura inferiore ( )» (Cass. 5794/2001, 656/1996 e 11300/2000), si muovono le seguenti conclusive argomentazioni. Controparte, allo scopo di far emergere la stridente confliggenza tra reddito (imponibile) dichiarato e reddito complessivo netto calcolato, pone a confronto i seguenti ammontari: 2006: , : ,43 Invero, e di contro, il reddito complessivo dichiarato dal contribuente nei due periodi d imposta anzidetti, ammonta, rispettivamente ad per il 2006 e ad per il 2007 (docc. X e X, rigo RN1 del modello Unico). In secondo luogo, in termini d importanza, è affetta da errore l altrui determinazione che induce il soggetto accertante a considerare l apporto economico materno di nel 2006 e di nel 2007 di derivazione paterna quali fattori differenziali che hanno effetto sui redditi di periodo accertati. Dette risorse finanziarie, invece, vanno ragionevolmente portate in diminuzione dagli indici di spesa, riportati nelle esemplificazioni sotto dei due atti amministrativi opposti. Infatti, se l indice di spesa di mantenimento ed utilizzo di determinati beni (nella specie, autovettura ed appartamento) viene a costituire il moltiplicatore dei rispettivi coefficienti, donde il prodotto rappresenta il reddito accertabile, è intuibile che la spesa sostenuta da terzi non può essere assunta quale parametro coefficientizio per la determinazione del reddito presunto. Allo scopo di dimostrare la bontà e la fondatezza del rilievo che precede si pensi all ipotesi in cui le spese di utilizzo dei cespiti siano sostenute integralmente da terzi. Nel caso, il reddito utilizzato/consumato sarebbe soltanto quello degli eroganti, mentre al beneficiato nessuna entità reddituale sarebbe passibile di accertamento trattandosi di redditi terzi dallo stesso consumati. Per quanto precede, il conteggio dovrebbe assumere la seguente (ri)configurazione: Anno 2006 Spesa auto: 6.476, = 4.976,60 x 7 = ,20 Spesa appartamento: 2.363, = 863,27 x 4 40% = 2.072,57 Totale ,77 In luogo di ,05 N 1 - GENNAIO 2012 IL SOLE 24 ORE 69

8 RICORSI & SENTENZE Guida ai Si è ipotizzato che la dazione di disposta dalla madre sia stata utilizzata salomonicamente per la gestione dei 2 cespiti. Anno 2007 Spesa auto: 6.476, = 5.476,60 x 7 10% = ,58 Spesa appartamento: 2.363,27 x 4 40% = 5.671,85 Totale ,43 In luogo di ,43 Questi sarebbero i conteggi, corretti, che l Amministrazione finanziaria avrebbe dovuto esporre negli avvisi di accertamento. Di converso, dato che lo strumento presuntivo applicato è certamente inidoneo a stimare le spese di mantenimento dell autovettura, come certificato dalla tabelle Aci, valgono i conteggi che seguono: Anno 2006 Spesa auto: 6.383,78 (Aci) 1.500,00 = 4.883,78 Spesa appartamento: 2.363, ,00 = 863,27 x 4 40% = 2.072,57 Totale 6.956,35 In luogo di ,05 Si è ipotizzato che la dazione di disposta dalla madre sia stata utilizzata salomonicamente per la gestione dei 2 cespiti. Anno 2007 Spesa auto: 6.383,78 (Aci) = 5.383,70 Spesa appartamento: 2.363,27 x 4 40% = 5.671,85 Totale ,55 In luogo di ,43 Tanto premesso, il contribuente, come rappresentato dai sottoscritti procuratori, CHIEDE a Codesta On.le Commissione che voglia, contrariis reiectis, accogliere le seguenti conclusioni: 1. in via principale, dichiarare la nullità degli opposti atti amministrativi, o disporne il loro annullamento, per la palese violazione di tutte le norme specificamente indicate e richiamate sub punti da 1) a 6) del presente gravame e per le eccezioni e controdeduzioni ivi sviluppate; 2. in via subordinata, ridurre i redditi accertati nella misura rettificata ed individuata come testé più sopra indicato; 3. condannare l Amministrazione finanziaria al rimborso delle spese di lite. (Luogo), (data) Firma dei difensori ( ) 70 IL SOLE 24 ORE N 1 - GENNAIO 2012

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO MAURO NICOLA PREDIDENTE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NOVARA REVISORE LEGALE MEMBRO DELLA COMM. II. DD. DEL CNDCEC L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO IL NUOVO REDDITOMETRO

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Quando è valida la procura alle liti?

Quando è valida la procura alle liti? PROCESSO / PROCURA ALLE LITI Quando è valida la procura alle liti? L esiguo dettato normativo ha portato ad incertezze e contrasti sulle ipostesi di validità della procura e sulle conseguenze della sua

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013

GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 GUIDA AI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI 2013 4 5 5 5 5 5 5 6 6 6 6 7 9 9 9 9 9 9 10 10 10 10 10 10 11 12 12 12 12 12 12 12 12 13 13 14 14 15 PREMESSA 1 Capitolo Procedimento disciplinare di competenza del Consiglio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli