Osso e ingegneria tissutale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osso e ingegneria tissutale"

Transcript

1 Università degli studi di Torino Master in Parodontologia Direttore:Prof. M. Aimetti Osso e ingegneria tissutale Dott. A.Graziano, DDS, PhD

2 Tessuto osseo TIPI: a fibre non intrecciate Non lamellare a fibre intrecciate compatto Lamellare spugnoso 2

3 Funzioni dell osso Sostegno meccanico Locomozione Protezione Riserva metabolica (Sali minerali) 3

4 componenti del tessuto osseo Cellule proprie Cellule di altra provenienza Matrice organica (osteoide; collageno I; GAGs; proteoglicani; glicoproteine) Sali minerali inorganici (idrossidi di calcio e di fosfato) idrossiapatite: Ca10(PO4)6(OH)2 4

5 matrice organica dell osso fibre collagene (di tipo I) Pochissimi proteoglicani GAGs Glicoproteine: osteopontina, osteocalcina, osteonectina, osterix, BAP, BSP, decorina 5

6 OSTEONECTIN Bone SialoProtein (BSP) Bone Alkaline Phosphatase Collagen type I OSTEOCALCIN Collagen type III FIBRONECTIN RUNX-2

7 matrice inorganica dell osso aumenta durante sviluppo e accrescimento fino a raggiungere il 65% del peso secco dell osso principalmente: fosfato di calcio carbonato di calcio sotto forma di aghi sottili (cristalli di idrossiapatite) combinati con le fibrille collagene 7

8 se nell osso si distrugge componente organica: l osso conserva forma e dimensioni originali, ma diventa fragile come porcellana componente inorganica: l osso perde la sua durezza e rigidità, diventando flessibile ma conservando la resistenza alla trazione 8

9 Cellule dell osso Cellule osteoprogenitrici staminali Osteoblasti Osteociti Osteoclasti (provenienti dal midollo osseo) 9

10 4 tipi di cellule tre stadi evolutivi periostio della stessa cellula osteoblasto osteoide matrice ossea mineralizzata fibre collagene preosteoblasto osteoclasto: cellula derivante osteoclasto dalla linea monocitoorletto increspato macrofagica lacuna di Howship osteocito canalicolo osseo 10

11 Osteoblasti ed osteoclasta Created by G. Papaccio 11

12 as ti Os te ob l Non sintetizzano solo la matrice organica dell osso ma posseggono anche recettori per l ormone paratiroideo 12

13 osteoblasti sulla superficie dell osso 13

14 Osteoclasti Sono cellule multinucleate che derivano da progenitori macrofagicigranulocitici (GM-CFU) ed agiscono nel riassorbimento osseo. Presentano recettori per: OPLG (stimolante le colonie); Osteoprotergina; Calcitonina. Hanno: -diametro di circa 150 micrometri; -fino a 50 nuclei Enzima chiave: Fosfatasi acida 14

15 Osteoclasta

16 MECCANISMO D AZIONE L anidrasi carbonica (presente sul ruffled border) catalizza la formazione di acido carbonico a partire da acqua ed anidride carbonica; -sua dissociazione in H+ ed HCO3-gli ioni bicarbonato ed Na+ attraversano la membrana e vanno nei capillari; -la pompa protonica della membrana trasporta gli H+ abbassando il ph, cosicchè la matrice solubilizza; -la lacuna dello Howship diventa un vero e proprio lisosoma extracellulare -idrolasi e metalloproteasi (collagenasi e gelatinasi) secrete dall Oc degradano la componente organica della matrice decalcificata; -tali prodotti vengono internalizzati dall Oc e degradati per essere versati nel sangue; -il processo si arresta quando la concentrazione del calcio raggiunge i livelli soglia nella lacuna per cui si apre il sensore di membrana podosomiale, così da favorire il disassemblamento ed il distacco della cellula. 16

17 osteoclasti 17

18 Osso di supporto e osso alveolare

19 Osso di supporto e osso alveolare

20 Il «bundle bone»

21 Parodonto: un tessuto «unico»

22 Ossificazione Rimodellamento Riassorbimento osseo 22

23 modalità di ossificazione membranosa l osso si sviluppa dal mesenchima o dal tessuto connettivo fibroso endocondrale l osso sostituisce un modello cartilagineo preesistente 23

24 ossificazione intramembranosa si verifica negli strati più profondi del derma ossa dermiche ossa del cranio mandibola clavicola 24

25 Il tessuto che riempie gli spazi primitivi Created by G. Papaccio 25

26 Ossificazione intramembranosa 26

27 Ossificazione intramembranosa 1intercellular bone matrix 2- osteocytes 3- periosteum 27

28 Ossificazione intramembranosa 1 - intercellular bone matrix 2 - osteocytes 3 - periosteum 4 - osteoclast 28

29 gli gli osteoclasti osteoclasti scavano scavano una una cavità cavità che che viene viene invasa invasa da da mesenchima mesenchima ee vasi vasi sanguigni sanguigni nascita di un osteone gli gli osteoblasti osteoblasti depositano depositano nuove nuove lamelle, lamelle, procedendo procedendo dall esterno dall esterno verso verso ilil centro centro dell osteone dell osteone Created by G. Papaccio questo questo processo processo sisi verifica verifica continuacontinuamente mente durante durante la la vita vita dell individuo dell individuo 29

30 Ossificazione Fosfatasi alcalina: key role Fornisce la sorgente di fosfato necessario per innalzare la concentrazione di ioni Ca e P oltre la soglia di nucleazione, favorendo così la precipitazione dei cristalli. Gli enzimi delle vescicole rimuoverebbero inibitori dell ossificazione presenti nella matrice (pirofosfato, ATP) Una volta iniziata, la nucleazione dei cristalli procede spontaneamente Sequenza delle glicoproteine: OP+OC BSP+OC ON+OC OC 30

31 stadi di differenziamento delle cellule che producono osso preosteoblasti osteoblasti cellule staminali, fusate o appiattite, simili ai comuni fibroblasti, che si trasformano in: cellule cuboidi, disposte in strati, partecipano attivamente alla formazione dell osso osteociti cellule dell osso maturo; sono osteoblasti che, dopo aver elaborato la sostanza ossea, rimangono imprigionati nelle lacune ossee 31

32 STRO-1/Flk-1 Runx2/Flk-1 Osteoblasts Precursor Preosteoblast Flk-1/OC

33 Co-differentiation c-kit /Flk-1/CD34 STRO-1/CD44/Flk-1 CD54/CD31 Pre-endotheliocyte Runx2 Preosteoblast

34 NODULE FORMATION

35 ALP detection

36 Endotheliocyte

37 VEGF INTERACTIONS Wang D.S. et al. Endocrinology. 138: ; 1997

38 TEM

39 LAB vessels 100x 200x 400x CD31 DAPI MERGE

40 periostio membrana connettivale riccamente vascolarizzata che riveste l osso; si àncora all osso a mezzo di fibre dette di Sharpey è assente sulle superfici articolari e sulle zone d inserzione di tendini e legamenti 40

41 endostio sottile strato cellulare incompleto contiene osteoblasti, preosteoblasti, osteoclasti e c. staminali riveste le le trabecole dell osso spugnoso, le cavità midollari, i canali di Havers e i canali di Volkmann 41

42 1.1 AIM OF THIS STUDY Understanding the regulation of stem cells during differentiation and specific tissue production. Certain tissues require the production of specialized extracellular materials such as bone, dentin, cartilage, and tendon. The production of the extracellular matrix and its maturation into specialized tissues involve a sequential activation of cascades of signals. Controlling and providing these signals artificially at a particular step may facilitate the desired tissue regeneration Kolf C, Cho E, Tuan R (2007). Mesenchymal stromal cells. Biology of adult mesenchymal stem cells: regulation of niche, self renewal and differentiation. Arthritis Res Ther

43 MATHERIALS AND METHODS Patients selection 10 pazienti di entrambi I sessi sono stati selezionati dal reparto di chirurgia estrattiva per almeno 2 estrazioni su arcate differenti e sono stati divisi per fasce di età (2030 aa; 30-50aa; aa) Dopo aver sottoscritto unconsenso informato, durante l estrazione sono stati prelevati 3 campioni di periostio da 3 sedi orali diverse: palato vestibolo superiore e vestibolo inferiore. I campioni sono stati immersi in soluzione fisiologica e tenuti refrigerati a 4 C prima di essere processati.

44 MATHERIALS AND METHODS Processazione tissutale 3. Alcuni cloni (5) sono stati espansi per effettuare l'analisi dei markers di superfice (analisi FACS fluorescence activated cell sorting) per confermare la loro natura staminale (CD90) e mesenchimale (CD105, CD13, CD29 positivi e contemporanea negatività per CD34 e CD45) Togli emopoietici e sotto metti le tabelle del facs n 17 devi parlarne con antonio perché Il primo clone risulta positivo per CD34

45 Risultati FACS

46 CLONE 23 LONG TERM d21

47 CLONE 24 LONG TERM d21

48 osso compatto osteocita osteocita nella nella lacuna lacuna ossea ossea osteoblasti osteoblasti allineati allineati lungo lungo la la superficie superficie dell osso dell osso Created by G. Papaccio cellule cellule del del midollo midollo emopoietico emopoietico 48

49 Mineralizzazione dell osso 49

50 aumento di dimensioni dell osso diametro apposizione di nuovo osso di origine periostale creste di osso neoformato inglobano vasi sanguigni longitudinali, fondendosi intorno ad esso e formando gli osteoni lunghezza sostituzione di cartilagine con osso a livello della metafisi il tessuto cartilagineo sul lato epifisario continua ad accrescersi, mentre quello diafisario viene invaso da nuovo osso 50

51 Agenti innescanti Fosfatasi alcalina Fibre collagene Proteine morfogenetiche: BMP, osteogenina, TGF-β (trasformatore autocrino) 51

52 La prevalenza dell una o dell altra di queste fasi dipende dallo spazio disponibile: Poche fibre ed ampia matrice calcificazione extrafibrillare rapida Molte fibre aggregate a scarsa matrice calcificazione lenta ed intrafibrillare 52

53 Studio dell ossificazione da parte della m. di Schneider Componente epiteliale : epitelio pseudostratitifcato ciliato con cellule caliciformi mucipare intercalate Componente connettivale: connettivo lasso riccamente vascolarizzato con gh. tubulo acinose a sec.mista -Aimetti M, Massei G, Morra M, Cardesi E, Romano F. Correlation between gingival phenotype and Schneiderian membrane thickness. Int J Oral Maxillofac Implants Nov-Dec;23(6): Caylakli F, Yavuz H, Cagici AC, and Ozluoglu LN. Endoscopic sinus surgery for maxillary sinus mucoceles.head Face Med. 2006; 2: 29. -Gruber R, Kandler B, Fuerst G, Fischer MB, Watzek G. Porcine sinus mucosa holds cells that respond to bone morphogenetic protein (BMP)-6 and BMP-7 with increased osteogenic differentiation in vitro. Clin Oral Implants Res Oct;15(5): Srouji S, Kizhner T, Ben David D, Riminucci M, Bianco P, Livne E. The Schneiderian membrane contains the osteoprogenitor cells: in vivo and in vitro study. Calcif Tissue Int

54 Analisi trascrizionale mediante PCR Membrana di Scheneider I T0 GAPDH RUNX CD90 COL I OC OP BOSP II T0 III T0 Periostio IVT0 V T0 VI T0 1 T0 2 T0

55 Analisi trascrizionale mediante PCR I 14g II 14gg III14gg I 38gg II 38gg III 38gg BOSP BOSP Membrana di Schneider OC OC GAPDH GAPDH Periostio

56 Discussione 1. L'identificazione di progenitori estremamente indifferenziati che esprimono CD La possibilità per questa popolazione eterogenea di andare incontro ad un self-commitment, una auto programmazione in senso osteogenico 3. L'origine di questi progenitori sarebbe da ricercare nelle guaine perivasali, come evidenziato dalla marcata positività a CD Il fatto che al giorno 20 vi sia ancora una subpopolazione, che esprima marker di staminalità, testimonia un'alta capacità rigenerativa delle cellule da membrana, leggermente superiore allo stesso periostio come risulta dalle percentuali più alte di cellule CD117+ (3,83 VS 3,05).

57 5. La negatività al CD34 e al CD133 elimina la possibilità di una pluripotenzialità staminale e ci restringe decisamente il campo all'ambito rigenerativo mesenchimale 6. E stata rilevata l'espressione differenziale nei due siti di OP e BOSP, la prima presente nella membrana ma non nel periostio, con pattern opposto la seconda. 7. La deposizione di cristalli di HA aumenta dal giorno 30 al giorno 38

58 Omeostasi Scheletrica Riduzione della solubilizzazione dei Sali minerali con l età Legge di Guldberg e Waage regola secondo una costante di dissociazione la reazione Ca3(PO4)2 3Ca2++Po43(fosfatasi alcalina) Calcemia: 7-8mg/100ml (+ riserve grazie alla mobilizzazione ormoni) 58

59 Rimodellamento osseo Funzioni del Calcio Concentrazione muscolare Secrezione Fagocitosi Coagulazione sanguigna Segnali cellulari Fusione fra cellule Apertura canali membrana Mitosi Fecondazione Trasporto assonico Trasmissione sinaptica 59

60 Rimodellamento osseo (selettivo) FATTORI CHE INTERFERISCONO Gravidanza Allattamento Menopausa Patologie 60

61 ormoni Calcitonina Gh Ormoni tiroidei Ormoni sessuali Vit adc Ossigeno NO

62 Ampiezza Biologica

63 OC

64

65 HLA-I

66 Guarigione frattura Infiammazione Riparazione Rimodellamento Parole chiave bmp-2 e runx2

67 Piastrine 67

68 Piastrine Created by G. Papaccio 68

69 Ruolo delle piastrine Le piastrine sono strutture cellulari molto importanti nel fenomeno della coagulazione e nella riparazione di lesioni 69

70 ruolo delle piastrine nell emostasi a contatto con il collagene esposto dalla lesione, le piastrine liberano serotonina e altre sostanze, provocando vasocostrizione le piastrine si agglutinano formando un tappo piastrinico che si ingrossa rapidamente occludendo la soluzione di continuo il tappo piastrinico viene successivamente convertito in coagulo in seguito alla precipitazione di fibrinogeno in fibrina, formando una rete di filamenti che imbriglia piastrine, globuli rossi e altre cellule del sangue 70

71 Formazione del coagulo Created by G. Papaccio 71

72 72 globuli rossi imbrigliati in un reticolo di fibrina

73 Created by G. Papaccio 73

74 Guarigione frattura 1 STADIO: LA FRATTURA Al momento della frattura accadono due cose: 1) la frattura sensibilizza le cellule localmente presenti cosicché esse possano rispondere meglio a stimoli umorali di natura locale e sistemica; 2) al momento della frattura si liberano sostanze mitogene che sono in grado di spingere a proliferare le cellule precursori ed a guidarne la differenziazione in cellule figlie. Queste ultime daranno vita a nuovi capillari, a nuovo tessuto connettivo, a tessuto osseo e cartilagineo. In questa fase i mastociti ed i leucociti rivestono grande importanza perché rilasciano anch essi sostanze chimiche fondamentali ai fini del processo riparativo. Questo primo stadio dura circa 7 giorni a partire dalla

75 2 STADIO: QUELLO DEL TESSUTO DI GRANULAZIONE Le cellule precursori stimolate dai meccanismi mediatori locali incominciano a produrre nuovi vasi, fibroblasti, matrice intercellulare, cellule di supporto ed altre cellule. Questo insieme di elementi va a formare un tessuto di granulazione molle nello spazio fra i frammenti di frattura. In seguito compaiono i macrofagi che invadono il tessuto di granulazione e provvedono alla sua rimozione. Intanto alcuni osteoclasti incominciano ad erodere le superfici dell osso fratturato. Questo stadio dura circa 2 settimane, ed il tessuto di granulazione può essere interpretato come un meccanismo mediatore che porta allo stadio successivo. 75

76 3 STADIO: QUELLO DEL CALLO Da un ulteriore proliferazione, differenziazione ed organizzazione si vengono a creare nuovi condroblasti ed osteoblasti che provvedono alla produzione di una matrice extracellulare cartilaginea ed osteoide. Generalmente la matrice sintetizzata impiega una settimana a calcificare. La mineralizzazione finisce col formare, qualche settimana più avanti, un callo di frattura visibile agli Rx poiché calcifico. Ci vogliono da 4 a 16 settimane perché si formi il callo di frattura. In questa fase l orientamento delle trabecole ossee non segue la direzione delle stimolazioni meccaniche e dei carichi, bensì riflette la disposizione dei capillari ematici che sono preesistenti rispetto alla comparsa delle trabecole ossee stesse. 76

77 4 STADIO: QUELLO DEL REMODELING (RIMANEGGIAMENTO) In questo stadio all interno del callo mineralizzato incomincia il processo di rimaneggiamento (remodeling) che porta alla sostituzione del callo stesso con osso nuovo. Le B.M.U. (Remodeling Basic Multicellular Unit) sono reponsabili del processo di rimaneggiamento. Le B.M.U. sono un importante meccanismo mediatore della guarigione di una frattura. Ogni B.M.U. comprende molti tipi di cellule, materiale intercellulare e capillari.; questi elementi sono organizzati nel tempo e nello spazio e sono comunicanti fra loro. Una B.M.U. dapprima produce osteoclasti che rimuovono il callo poi dà origine ad osteoblasti che lo sostituiscono con osso nuovo, seguendo uno schema stereotipato che prevede i seguenti passaggi: attivazione-riassorbimento77 formazione. Questa sequenza impiega 3-4 mesi per

78 5 STADIO: QUELLO DEL MODELING (RIMODELLAMENTO) In contemporanea con il processo di rimaneggiamento si sviluppa anche il processo di rimodellamento. Tale processo si sviluppa sulla corticale endostale e su quella periostale ed il suo fine è quello di recuperare la forma originale dell osso. Tale processo giunge sempre a compimento nei bambini piccoli e nei giovani, ma mai negli adulti. Il processo di rimodellamento richiede uno o più anni e procede in concomitanza con il processo di rimaneggiamento. Al momento della frattura, la frattura stessa innesca il R.A.P. (Regional Acceleratory Phenomenon). Il R.A.P. agisce sui singoli stadi della guarigione della frattura velocizzandoli. La guarigione si ottiene così da 2 a 10 volte più velocemente che in assenza del R.A.P. 78

79 In passato si riteneva che il primo responsabile della buona guarigione di una frattura fosse l osteoblasto. Secondo ormai superate concezioni, si pensava che un trattamento errato, malattie, infezioni locali, farmaci, disturbi circolatori, una combinazione di questi fattori o cause sconosciute agissero negativamente sugli osteoblasti e che così si determinasse l insuccesso del processo riparativo di una frattura. Secondo invece recenti vedute esistono dei meccanismi mediatori della guarigione di una frattura. Tali meccanismi mediatori sono costituiti dai capillari ematici, da quelli linfatici da materiale intercellulare, da un sistema di comunicazione locale e da fibre nervose. Gli agenti locali e sistemici che innescano e successivamente controllano il processo di guarigione dell osso fanno ciò agendo sui meccanismi mediatori e non direttamente su ogni singolo ostoblasto ed osteoclasto. In ultima analisi, i 79 meccanismi mediatori in risposta alle sostanze che

80 Timing guarigione ossea 1 min formazione coagulo rilascio piastirne, formazione fibrina, rilascio fattori piastrinici legame della fibronectina al materiale innestate 1h chemiotassi dei pmn, secrezione di collagenasi ed elastasi, rilascio di peptidi del collagene 3-18 h accumulo di pmn, adesione cellulare, limitata proteolisie rilascio fattori chemiotatttici per fibroblasti 1 giorno chemiotassi dei fibroblasti adesione cellulare verso la ecm del materiale innestato rilascio peptidi di fibronectina aumento mobilità cellulare, aumento del ruolo di microtubuli e microfilamenti 2 giorni aumento chemio dei fibroblasti, trasduzione del segnale, attivazione di sintesi del dna e proteine, rilascio fattori di crescita 3 giorni Proliferazione cellulare, sintesi di dna e coll III giorni differenziamento di osteoblasti, coll I sintesi di proteoglicani ossei, picco di calcio e fosfatasi alcalina gg osteoclasti rimodellamento e dissoluzione matrice dell innesto, aumento lisosomi accumulo di osteocalcina, rilascio di collagenasi e proteasi 21 gg midollo osseo

81 A seconda del letto ospitante, tipo di insulto(e in funzione di) - vascolarizzazione -tensione di ossigeno -stabilità FASE CARTILAGINEA Ossa lunghe GUARIGIONE PRIMARIA Frammenti a contatto la guarigione segue gli osteoni e parte dal tessuto cambiale FASE GRANULAZIONE Insulto osseo senza frattura Alveolo post estrattivo Prelievo di midollo osseo

82 LAB vessel ACE CD 31

83 Critical size defect - - Definita come la dimensione doppia rispetto al diametro dei frammenti coinvolti Esita in pseudoartrosi o riparazione con interposizione di tessuto fibroso

84 Osteodistrazione Metodica rigenerativa che sfrutta le fasi di guarigione di una frattura Applicazione del concetto di allungamento del callo osseo Sfrutta l elasticità del tessuto osseo fibroso primario

85 Fasi clinico-biologiche Osteotomia Latenza Distrazione attiva Consolidamento Rimodellamento

86 Vantaggi -No necessità di prelievi di autograft -Nessun biomateriale (solo attivatori autoclavabili) -No necessità di lembi complessi o innesti di tessuto molle Svantaggi -Necsssita di attivazione quotidiana -Durante l attivazione le comuni funzioni sono disagevoli -Dolorabilità e morbilità del sito elevata

87 Ingegneria Tissutale Ossea 87

88 Biomateriale PBM 2GF VE Cellule Fattori osteoinducenti

89 Origine delle cellule connettivali Derivano tutte, direttamente o indirettamente durante lo sviluppo embrionale, dalla cellula mesenchimale pluripotente. Un piccolo numero di tali cellule persiste nell adulto (cellule staminali) 89

90 Una cellula staminale è una cellula capace di autorigenerarsi infinite volte, spesso per l intera vita dell organismo cui appartiene. Nelle giuste condizioni, in seguito a stimoli specifici, queste cellule possono generare diversi citotipi e tessuti che possono dare vita ad un intero organismo. N.I.H. National Institute of Health

91 SNC BONE MARROW SKIN LIVER PANCREAS MUSCLES LUNG HEART KIDNEY BONES CARTILAGE

92 Fonti di prelievo umane di cellule staminali adulte Elevata accessibilità chirurgica 2. Ridotto sacrificio tissutale con deficit minimo residuo a carico dell organo o del tessuto donatore 3. Alta resa di elementi cellulari staminali in rapporto al volume tissutale prelevato. 1.

93 Caratteristiche richieste per applicazioni cliniche I) Estensiva capacità proliferativa, al fine di poter riparare deficit tissutali II) Potenzialità pluri-differenziativa e stabilità morfo-funzionale del fenotipo acquisito III) Interattività con biomateriali in colture 3D al fine di ottenere un'ingegnerizzazione patient-designed, secondo forma e volume richiesti dal tipo di deficit tissutale

94 STATIC Proprieta delle cellule staminali Undifferentiated Cells (lack differentiation markers and specific morphology) Proliferation Capacity Ability to Self-Maintain Ability to Generate Differentiated Progeny DYNAMIC Can Vary Proliferation and SelfMaintenance Flexible in Differentiation Fate Choice

95 Le cellule negli organismi multicellulari, nei tessuti specializzati, possono avere un diverso grado di specializzazione, anche definito differenziamento. All interno di ogni tessuto esiste una popolazione cellulare che serve al rinnovamento del tessuto stesso, definita popolazione di cellule staminali. Le cellule staminali sono scarsamente differenziate e si dividono attivamente. Le cellule differenziate non si dividono più, ma svolgono la loro funzione e quindi vanno incontro a morte

96 Staminale Progenitore

97 A Stem cells Progenitor cells Differentiated cells C B Unipotent Multipotent

98 La pluripotenza delle cellule staminali S S S S D1 D1 D1 P D1 D2 P D3 D1 D4 Unipotente Pluripotente

99 Fonti di prelievo umane di cellule staminali adulte di interesse in odontoiatria a)polpa e tessuti peridentari (DPSC, SHED e FENC) b) Tessuto adiposo (ADAS) c)cordone ombelicale Wharton gelly (HUPVC) d) Stroma midollare osseo (BMSSC)

100

101 Vantaggi della polpa dentaria come sede di prelievo Accessibilità chirurgica Rapporto elementi cellulari staminali/volume tissutale Possibilità di numerosi prelievi per individuo con bassa morbilità del sito Caratteristiche antigenico-funzionali Possibilità di criobancaggio

102 E costituita da connettivo lasso derivato dalla cresta neurale Le cellule costituenti provvedono alle funzioni odontogeniche, nutritive, sensoriali, difensive dell intero elemento dentario

103 PREDENTINA ODONTOBLASTI STRATO POVERO DI CELLULE STRATO RICCO DI CELLULE ZONA PULPARE PROPRIA

104 La zona ricca di cellule è costituita da: Fibroblasti Cellule perivascolari Periciti Cellule endoteliali Cellule indifferenziate

105 PLGA 85:15 Secondary Concavities micron micron micron

106 Confocal Microscopy Lactide co-glycolic acid PRIMARY Concavities SECONDARY Concavities

107 Altri Materiali Alloplastici Biovetri (catene di silicofosfati alcalini) PMMA Gore-tex Carbossi-Metilcellulosa Polietilenglicole (PEG) Acido Ialuronico Acido Poliglicolico (PGA)

108 OSTEOPROMOTORI BMP IGF E PDGF TGF BETA PRP POLIPEPTIDI

109 Monocita CS pluripotente Endotossina Azione dei fattori di crescita IL-3 T cell CFUGEMM Early BFU GM-CSF EPO Ipossia Fibroblasto IL-1 Late BFU Rene Cellula endoteliale EPO EPO EPO CFU-Eo CFU-G CFU-M Eosinofili Neutrofili Monociti EPO CFUMeg Piastrine CFU-E Eritrociti 109

110 Proteine adesive (ligandi) e loro recettori Ligandi proteine della superficie cellulare con la funzione di trattenere le cellule nel midollo: - VCAM-1 ligando la cui espressione è ridotta da: chemioterapia, G-CSF (Granulocyte Colony-Stimulating Factor) - ICAM-1 Recettori adesivi - Integrine - Selectine - CD34, CD43, CD45RA, CD164: importanti per il processo di homing e di ritenzione delle CS al midollo 110

111 Sintesi ed effetti Molte citochine sono prodotte dalle cellule stromali del midollo e agiscono a livello midollare e spesso agiscono in siti ben precisi e specifici. I fattori di crescita agiscono: inducendo la proliferazione dei progenitori emopoietici attivando le cellule mature stimolando le funzioni delle cellule mature stimolando la produzione di altri HGF - 111

112 BMP Appartenenti alla superfamiglia dei TGF Essendo morfogeni sono rapidamente assorbiti dai tessuti Combinabili con DMB, collagene, HA, PLGA, carbonato e solfato di calcio Versione commerciale clinicamente disponibile di BMP-2 (INFUSE) e combinazione di IGF e PDGF (Gem21)

113 BMPrI-II BMP7 BMP2

114 Osteopontin and osteocalcin enhanced production by HUVEC stimulated with Stem cell culture medium Protein concentration (µg/ml) Huvec (Control) 6 Huvec stimulated with Stem cell culture medium Osteocalcin Osteonectin Ostepontin

115 PRP Si ottiene mediante centrifugazione a 5600 rpm di un unità di sangue (50 ml) Dopo una prima scrematura del sopranatante (plasma povero di piastrine e buffy coat) si centrifuga nuovamente a 2400 rpm Si ottengono da a di piastrine che vanno miscelate con calcio cloridrato ( U/10%)

116 PRGF Considerata un evoluzione del PRP Prelievo di sangue con anticoagulante (da 5 a 40ml) Una sola centrifugazione a 1400 rpm per 7 minuti Alla fine della centrifugazione e della separazione di circa 0,5 ml si possono aggiungere cloridrato di calcio, solfato di calcio o trombina a secondo del protocollo

117 PRF Acronimo per fibrina ricca in piastrine Prelievo di sangue (10 ml) senza anticoagulante Centrifugazione a 3000 rpm per 10 min Dopo separazione della porzione liquida e di quella corpuscolata solida si comprime il gel tra 2 garze e si ottiene una membrana di 3 x 1,5 cm

118 Cenni storici Periodo antico, egitto e culture precolombiane, denti di animali e denti scolpiti in avorio, esami rx evidenziano buon adattamento osseo Periodo medievale, dal 1000 al 1800, europa, denti umani trapiantati da un paziente all altro, abbandonata quando nel sec. XVIII si comincia a parlare di infezioni Periodo fondamentale, dal 1800 al 1910, usa oro porcellana legno Periodo moderno Europa e usa, porcellana, vitallio, titanio, Tipo I vite sommersa e impianti sottopoeriostei Tipo II lame e viti con appoggi Periodo contemporaneo 1970 oggi titanio, ha, ceramica Studi cominciati nel 1952 su perone di coniglio in situ, temperatura, ischemia relativa, sostanze topiche(disinfettatnti) modificano l equilibrio

119 Fattori di un adeguata riparazione peri-implantare Presenza di cellule adatte Adeguata nutrizione Stimolo appropriato per la riparazione ossea Sotto carico si forma corticale all around l impianto ma richiede un tempo di guarigione più lungo

120 Percentuale di contatto influenzata da: Superficie dell impianto Materiale impianto e forma Qualità ossea (influenza vascolarizzazione) Tecnica chirurgica (influenza temperatura) Tempo di guarigione

121 Fasi di guarigione periimplantare I fase cicatrizzazione, 1 mm introno all impianto muore, neoformazione osso fibroso II fase, fino a 18 settimane, gli osteoclasti eliminano osso necrotico, l osso fibroso è sostituito da osso lamellare i cui osteoni hanno un andamento perpendicolare a quelli primari, continuo rimodellamento, permane interfaccia non ossea

122 Principi di osteointegrazione Fattori legati alla fisiopatologia del tessuto osseo - Fattori generali, fattori locali, fattori di rischio Fattori legati all mpianti (biocompatinbilità, forma, superficie, Fattori chirurgici e protesici

123 Fattori generali Età Affezioni endocrine, diabete tipo I e II, iperparatirodismo, reumatiche, ematologiche, medicazioni, (attenzione a glucocorticoidi, metotrexate, ciclosporina, litio, tetracicline, eparina, nicotina, anticonvulsivi Radioterapia attendere 1-6 mesi Chemioterapia Tabacco e alcool

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO

FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO FONDAMENTI DI BIOLOGIA DELLO SVILUPPO Grazyna Ptak, PhD, DSc Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Università degli Studi di Teramo Il ciclo della vita: gli stadi dello sviluppo animale 1. specificazione

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino...

Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio... sotto al cuscino... Non nasconda la salute futura di suo figlio sotto al cuscino I denti da latte contengono cellule staminali che possono essere usate per

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Caleidoscopio. Fisiologia della Vitamina D: Trattamento dell osteoporosi post-menopausale. I t a l i a n o. Ranuccio Nuti ISSN 0394 3291

Caleidoscopio. Fisiologia della Vitamina D: Trattamento dell osteoporosi post-menopausale. I t a l i a n o. Ranuccio Nuti ISSN 0394 3291 ISSN 0394 3291 Caleidoscopio I t a l i a n o Ranuccio Nuti Fisiologia della Vitamina D: Trattamento dell osteoporosi post-menopausale 17 Direttore Responsabile Sergio Rassu Via Rio Torbido, 40 - Genova

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE Allegato 5 FONDO ASSISTENZA SANITARIA DIRIGENTI AZIENDE FASDAC COMMERCIALI Via Eleonora Duse, 14/16-00197 Roma PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA Spazio per l etichetta con il codice a barre (a cura

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE CONSENSUS INTERNAZIONALE MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE Review dell Expert Working Group REDATTORE: Suzie Calne EDITORE: Kathy Day CONSULTANT ADVISOR: Professor Gregory Schultz,

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano

Aferesi terapeutica. Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Aferesi terapeutica Vivere con un elevato livello di colesterolo Quando dieta e farmaci non bastano Sommario: breve e dolce Parte 1: i dati 1 Parte 3: la lipidoaferesi 3 Colesterolo buono e colesterolo

Dettagli

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni

Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Funzioni del CALCIO Contrazione dei muscoli Tono vascolare Sintesi ed uptake di neurotrasmettitori Secrezioni di ormoni Trasduzione intracellulare dei segnali Sintesi dell osso Coagulazione Fabbisogno

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli