Un esempio sintetico di Piano di autocontrollo. Ristorante Il gabbiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un esempio sintetico di Piano di autocontrollo. Ristorante Il gabbiano"

Transcript

1 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione Un esempio sintetico di Piano di autocontrollo Ristorante Il gabbiano Introduzione: descrizione dell azienda L attività è denominata: Il gabbiano. Ha sede legale e sede operativa a Senigallia in via Marco Polo 13. Il titolare è il sig. Mario Rossi. L autorizzazione sanitaria è stata rilasciata dal sindaco di Senigallia il 25/11/1998, numero 345. Si tratta di un ristorante aperto da aprile a settembre, che fa cucina tipica regionale, con specialità di mare. Ha una capienza massima di 100 coperti. Oltre al proprietario, vi lavorano 7 persone: due cuochi diplomati; quattro camerieri, di cui due diplomati; un addetto al lavaggio e alle pulizie. Definizioni e riferimenti Nella predisposizione del piano useremo i termini con il significato che andremo di seguito a specificare (elencare termini e significati. Ad esempio v. paragrafo Glossario essenziale). Faremo inoltre riferimento alle seguenti norme: (elencarle. Ad esempio, v. Appendice A.4). Gruppo di lavoro HACCP Il gruppo di lavoro HACCP è stato costituito il 15 dicembre 1998 ed è composto dal proprietario, dai due cuochi (sig. Roberto Bianchi e sig.ra Giovanna Casadio) e da un cameriere diplomato (sig. Stefano Loreti). Tale gruppo si riunisce ogni 30 giorni. Descrizione del prodotto Descrizione delle materie prime In questo locale vengono usati alimenti freschi e congelati. L uso di prodotti congelati è segnato nel menu. Tutto è acquistato secondo canali ufficiali. Non si effettuano acquisti tramite tentata vendita o da fornitori occasionali. Il magazzino è organizzato secondo la logica FIFO. I prodotti più utilizzati sono i seguenti, raggruppati in categorie, dei quali non si riporta particolare descrizione, in quanto i lavoranti in cucina sono due cuochi diplomati e fanno ambedue parte del gruppo HACCP: alimentari conservati: pasta, riso, farine, zucchero, sale, conserve, scatolame ecc.; olio extravergine di oliva, olio di arachidi; latte U.H.T., panna U.H.T.; ortofrutta fresca, secondo la stagione; latticini e formaggi: panna fresca, ricotta, mascarpone, parmigiano reggiano, pecorino sardo, scamorza, edamer; salumi: prosciutto crudo, prosciutto cotto, salame, pancetta affumicata; carni da macello fresche, principalmente: posteriore di vitello e di bovino adulto, salsiccia, pancetta, lombata di agnello; altre carni, principalmente: fegato di vitello, petto d anatra, piccione, coniglio; prodotti ittici: vari tipi di pesce, cozze, vongole, calamari, seppie, astice, granchi; prodotti ittici surgelati: sogliole, gamberetti, scampi, polpo, seppia; ortaggi surgelati, in particolare: spinaci, piselli, patate a spicchio, patate a bastoncino, funghi porcini; altri prodotti surgelati: vol-au-vent, salatini, paste ripiene (tortelloni, tortellini), gnocchi, dessert pronti. Descrizione del prodotto finito Antipasti caldi e freddi, anche con maionese (di tipo industriale), tra cui carpaccio e tartara di pesce; primi piatti: pasta secca e pasta surgelata con condimenti propri (preparati giornalmente); prodotti ittici arrosto, alla griglia, al salto, in umido; carne arrosto, alla griglia, al salto; verdure cotte e crude; dolci: in parte di produzione industriale, in parte di produzione propria (semifreddi, mascarpone, tiramisù, crème caramel). Si allega copia del menu.

2 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione Alimenti e prodotti ritenuti pericolosi Considerato le materie prime e le preparazioni effettuate, riteniamo che gli alimenti più pericolosi siano: cozze e vongole; pesci consumati crudi (carpaccio, tartara); dolci a base di uova non pastorizzate (mascarpone, tiramisù). Descrizione dell utenza I clienti sono di tipo occasionale, con aumento delle presenze verso il fine settimana e nel periodo estivo. Capita qualche comitiva di turisti. Vengono organizzate molte colazioni di lavoro per aziende dei dintorni. Descrizione dell ambiente Il ristorante si compone dei seguenti vani: a. cucina; b. sala ristorante; c. deposito alimenti; d. deposito bevande; e. servizi per clienti; f. servizi e spogliatoi per dipendenti. Descrizione dei vani a. Cucina Dati tecnici: unico locale a pianterreno della superficie di mq. 40, altezza m 3, finestre apribili n. 2 (complessivi mq 3), condizioni microclimatiche nella norma (esposto ad est), sistema di aspirazione presente e molto efficace (ricambio d aria a piena potenza mc /ora). Caratteristiche tecniche: il pavimento è in clinker senza fughe, le pareti sono piastrellate fino all altezza di due metri, le finestre in alluminio anodizzato sono attrezzate con zanzariere. Percorsi e zone di lavoro: le zone di lavoro disposte in sequenza (preparazione, cottura, distribuzione), in modo tale che non vi siano incroci tra materia prima pulita e materia prima grezza. Vi sono due ingressi: uno per il personale ed uno che immette in un piccolo corridoio per accedere al magazzino. Attrezzature presenti: cucina, forno trivalente, forno a microonde, salamandra, cuocipasta, friggitrice, fry top, affettatrice, gruppo grattugia-tritacarne, planetaria da banco, 2 lavelli, un lavamani con sterilizzacoltelli, 2 armadi frigoriferi da 1400 litri a comparti separati, una cella frigorifera per frutta e verdura, una vetrina-congelatore per pasta fresca, un abbattitore rapido di temperatura, un tavolo refrigerato, 6 tavoli da lavoro, 2 pensili chiusi. Zona lavaggio: è situata vicino alla zona distribuzione, divisa dalla cucina e dall office di sala da due passe (uno per le stoviglie di sala ed uno per l attrezzatura di cucina). È attrezzata lavello con boccetta per prima pulizia dei piatti, lavastoviglie a traino di cestelli, lavello a due vasche per lavaggio pentole, armadi chiusi per pentole. b. Sala ristorante Dati tecnici: due locali comunicanti a pianterreno della superficie di mq 80, altezza m 3, finestre apribili n. 6 (complessivi mq 8), aria climatizzata. È separata dalla cucina da un piccolo office per i camerieri (mq 6) contenente la lavabicchieri e il produttore di ghiaccio. Attrezzature principali: banco bar con frigorifero e macchina del caffè, due vetrine-frigorifero per bevande, due vetrine-frigorifero (uno per antipasti, uno per dessert), due vetrine-congelatore (uno per dessert, uno per gelati), tavoli e sedie. c. Deposito alimenti Dati tecnici: locale a pianterreno della superficie di mq. 12, altezza m 2,5, finestre apribili n. 1 (complessivi mq 0,8), esposto a nord, con umidità relativa non elevata. Caratteristiche tecniche: il pavimento è in clinker senza fughe, le pareti sono piastrellate fino all altezza di due metri, la finestra in alluminio anodizzato è attrezzata con zanzariere. Attrezzature: dotato di scaffali in acciaio, altezza m. 1,80, scostati dal muro di circa 25 cm, con il ripiano più basso a 20 cm da terra. È presente un pensile chiuso per detergenti e disinfettanti, una bilancia elettronica con display separato ed un lavello. Vi si trovano due congelatori a pozzetto, uno per le verdure, i prodotti da forno e i dessert, l altro per i prodotti ittici. d. Deposito bevande Dati tecnici: locale a pianterreno della superficie di mq. 10, altezza m 2,5. È cieco con aspirazione forzata da attivare al bisogno. È esposto a nord, con umidità relativa non elevata. Caratteristiche tecniche: come deposito alimenti. Attrezzature: dotato di scaffali in acciaio, altezza m. 1,80, scostati dal muro di circa 25 cm, con il ripiano più basso a 20 cm da terra.

3 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione e. Servizi per clienti Due toilette con antibagno, una per donne, una per uomini, ambedue accessibili ai portatori di handicap. Completamente piastrellate alle pareti, hanno finestre esterne. I lavelli hanno comandi a raggi infrarossi. f. Servizi e spogliatoi per dipendenti Vi sono due spogliatoi non comunicanti direttamente con i locali di cucina, arredati con 8 armadietti a doppio scomparto, con lavelli a comando a pedale. Ogni spogliatoio permette l accesso ad una toilette e ad un ambiente doccia. Tutti i locali hanno le pareti completamente piastrellate e sono dotati di idonei impianti di aspirazione. Descrizione dell attrezzatura Cucina a 8 fuochi e due piastre, potenza kcal, senza forno sottostante. Forno trivalente: capienza dieci teglie, dotato di dispositivo di pulizia, a gas, potenza kcal. Forno a microonde: professionale, in acciaio, capienza una teglia gastronorm, potenza assorbita kw 2,8. [ecc.] Ambiente esterno Essendo il ristorante situato in città, non presenta problemi particolari a riguardo di eventuali pericoli esterni (zone di discarica, sudiciumi, polvere, animali selvatici ecc.), se non il traffico motorizzato. Il ristorante dispone di piccolo giardino antistante mantenuto a prato, regolarmente curato da una ditta di giardinaggio. Approvvigionamento idrico L acqua utilizzata proviene dall acquedotto pubblico. Una volta l anno facciamo effettuare un analisi di un campione per verificare che non vi siano infiltrazioni nelle condutture del nostro edificio. Rifiuti e residui di lavorazione Vengono immessi nell apposito cassonetto municipale all esterno del locale. È presente contratto di smaltimento per oli esausti con ditta autorizzata. Problema infestanti Nei vari locali sono posizionate le zanzariere alle finestre (ad eccezione della zona somministrazione). Sono presenti lampade a raggi UV. Al di fuori dall orario di servizio non vengono lasciati alimenti sui tavoli di lavoro (messi in abbattitore, in frigorifero, in armadietti). Tutti i contenitori di rifiuti sono dotati di coperchio con comando non manuale. Per i roditori si agisce mantenendo ordine nei depositi e posizionando trappole. Si mantengono monitorati pavimento e pareti per rilevare possibili fessure che andranno immediatamente chiuse. Diagrammi di flusso Ricezione e conservazione materie prime Arrivo materia prima Controllo rispondenza ordine Controllare: temperatura, Verifica condizioni di trasporto pulizia, ordine Controllare: integrità confezione, integrità alimento, data scadenza, stato organolettico (rifiutare se non conforme) Controllo del prodotto Stoccaggio Refrigerazione Conservazione in congelatore Controllare: temperatura, TMC Stoccaggio a lunga scadenza Controllare: temperature, scadenza Controllare: condizioni di conservazione, scadenza

4 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione Produzione calda Selezione ingredienti Trasferimento in zona preparazione Eliminare se non conforme Verifica TMC e integrità confezione Eliminazione imballo e verifica Eliminare se non conforme stato di conservazione Pulizia, mondatura, taglio, altre operazioni Trasferimento zona cottura Abbattimento Cottura Porzionamento Conservazione a + 4 C Somministrazione (Porzionamento) Rinvenimento Somministrazione Produzione fredda Eliminare se non conforme Eliminare se non conforme Selezione ingredienti Trasferimento in zona preparazione Verifica TMC e integrità confezione Eliminazione imballo e verifica stato di conservazione Pulizia, mondatura, taglio, altre operazioni Assemblaggio ingredienti Conservazione in frigorifero Analisi dei pericoli della nostra attività Pericoli chimici Per evitare danni legati a pesticidi, ormoni e biotossine utilizziamo canali di rifornimento regolari, pretendendo dai fornitori certificazione dell applicazione del piano HACCP e della qualità della merce. Per evitare che venga ingerito accidentalmente detergente o disinfettante eseguiamo un controllo visivo al termine di ogni lavaggio. Ogni prodotto chimico è mantenuto solo nelle confezioni originali. Tali prodotti sono conservati in armadi chiusi, non a contatto con gli alimenti. Pericoli fisici Per la possibile radioattività utilizziamo canali di rifornimento regolari. La presenza di insetti negli alimenti è evitata con una buona difesa contro l arrivo degli stessi e non lasciando a lungo il cibo sul tavolo di lavoro. Per evitare corpi estranei negli alimenti vietiamo al personale di cucina l uso di orecchini e anelli e controlliamo periodicamente la tenuta degli intonaci.

5 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione Pericoli microbiologici Botulismo: vigilanza continua sulle conserve. Salmonellosi: vigilanza sui fornitori, controllo della temperatura e dell igiene personale. Stafilococchi: controllo dell igiene personale. Clostridium perfringens: corretta cottura delle carni (eventuale corretto raffreddamento). In generale si vigila sui fornitori, sull igiene personale, sulle temperature e sulla promiscuità degli alimenti. Identificazione dei punti critici di controllo Nel nostro piano di autocontrollo riteniamo che i CCP siano i seguenti: controllo delle temperature; pulizia. Effettuando quasi tutte cotture espresse non riteniamo necessario misurare la temperatura nella conservazione a caldo. Nelle cotture al forno di carni arrostite, periodicamente verifichiamo mediante sonda che la temperatura al cuore del prodotto superi i 65 C (ad eccezione del roast-beef, cotto a 52 C, raffreddato immediatamente in abbattitore di temperatura e tagliato solo al momento della richiesta). Ogni sei mesi eseguiamo tre tamponi su utensili e attrezzature da fare analizzare in laboratorio (estrazione a sorte su: taglieri, coltelli, ceppo, affettatrice, tritacarne, lavello, maniglie frigorifero). Sono anche importanti, senza essere CCP, il controllo dei fornitori e le scadenze. Per le buone pratiche di lavorazione in fase di preparazione, cottura e distribuzione, alleghiamo il manuale di buone pratiche da noi redatto. Gestione dei punti critici di controllo CCP refrigerazione Temperatura Temperatura ideale: tra 0 e 4 C per prodotti animali, fino a 8 C per i prodotti vegetali. Limite critico: 10 C (per i prodotti animali). Monitoraggio: da effettuare due volte al giorno. Azione correttiva: si presentano due casi: 1. se la temperatura è compresa tra 5 e 9 C, abbassiamo la temperatura regolando il termostato, ma non agiamo sugli alimenti; 2. se la temperatura supera il limite critico (10 C), non possiamo agire con regole fisse, perché le problematiche sono differenti in base al tipo di alimento, ai suoi termini di scadenza, al valore di temperatura rilevato nel termometro. In linea di massima procederemo in uno dei seguenti modi: 1. gettare gli alimenti; 2. cuocere subito gli alimenti ed utilizzarli in giornata; 3. cuocere subito gli alimenti, abbattere la temperatura ed utilizzarli entro i 3 giorni successivi. Verifica: ogni tre mesi viene valutato quanto fatto. Documentazione: compilazione della scheda seguente. Scheda rilevazione temperatura frigoriferi agosto 2004 Data Ora Frigo n. 1 Frigo n. 2 Cella frigo Anomalie riscontrate Azioni correttive Firma T in C T in C T in C / Giovanna Casadio / Giovanna Casadio Frigo carni t. > 4 C Regolato Giovanna Casadio termostato / Giovanna Casadio / Giovanna Casadio / Giovanna Casadio / Giovanna Casadio / Giovanna Casadio Frigo formaggi/salumi v. nota 1 in fondo Giovanna Casadio > 4 C 5 17, / Giovanna Casadio [ ] Nota 1. È stato immediatamente chiamato il tecnico per aggiustare il gusto. I formaggi sono utilizzati in giornata nella preparazione di altri piatti. La panna fresca è stata eliminata. I salumi sono stati posti immediatamente in abbattitore di temperatura a +4 C e saranno consumati entro tre giorni.

6 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione CCP conservazione in congelatore Temperatura Temperatura ideale: -20 C/ -18 C. Limite critico: -1 C. Monitoraggio: da effettuare una volta al giorno. Azione correttiva: si presentano due casi: 1. se la temperatura è compresa tra 17 C e 2 C, abbassiamo la temperatura regolando il termostato, ma non agiamo sugli alimenti; 2. se la temperatura supera il limite critico, non possiamo agire con regole fisse, perché le problematiche sono differenti in base al tipo di alimento, ai suoi termini di scadenza, al valore di temperatura rilevato nel termometro. In linea di massima procederemo in uno dei seguenti modi: cuocere subito l alimento e utilizzarlo in giornata; cuocere subito l alimento, abbattere la temperatura e utilizzarlo entro i 3 giorni successivi. Verifica: ogni tre mesi viene valutato quanto fatto. Documentazione: compilazione dell apposita scheda (simile a quella sopra). CCP Pulizia Situazione ideale: superfici sempre pulite che annullano la possibilità di contaminazione microbica. Limite critico: non esiste (o è pulito o è sporco). Monitoraggio: da effettuare ogni giorno. Azione correttiva: se una superficie non è pulita occorre ripetere l operazione. Verifica: ogni tre mesi si valuta quanto fatto. Documentazione: compilazione dell apposita scheda. Programma delle pulizie Quando Area Detergente e disinfettante utilizzati Dopo l uso Tutte le attrezzature e tavoli da lavoro (particolare attenzione a tritacarne, cutter e affettatrici) Ogni giorno Pavimenti cucina Lavelli e vasche della cucina Servizi igienici Camera dei rifiuti Lunedì Pavimenti celle e magazzino Lunedì Pareti lavabili cucina e celle Mercoledì Finestre Mercoledì Vetri Giovedì Lavelli e vasche Giovedì Rubinetterie e sanitari 1 del mese Ambiente cucina, celle, magazzino 8 del mese Pareti lavabili magazzino 15 del mese Soffitti e pareti 22 del mese Plafoniere Scheda verifica pulizie agosto 2004 Giorno Data Giornaliere Settimanali Mensili Note Firma Martedì 1 X X Roberto Bianchi Mercoledì 2 X X Roberto Bianchi Giovedì 3 X X Prova fazzoletto: piano di lavoro Roberto Bianchi risultato sporco, rieseguita la pulizia Venerdì 4 X Roberto Bianchi Sabato 5 X Roberto Bianchi Domenica 6 X Roberto Bianchi Lunedì 7 X X Roberto Bianchi Martedì 8 X X Roberto Bianchi Mercoledì 9 X X Roberto Bianchi Giovedì 10 Venerdì 11 Sabato 12 Domenica 13 Lunedì 14 Martedì 15 [ ] [ ]

7 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione Criteri di verifica A seconda della superficie: ispettivo: vedere se vi sono residui di alimenti o residui di calcare; tattile: strisciare un dito e avvertire persistenza di unto o di grasso. Oppure strisciare un fazzoletto di carta e verificare presenza di sporco o di grasso; olfattivo: verificare presenza di odori sgradevoli. (N.B. Nel mese di agosto l esercizio non effettua il turno di riposo). Controllo dei fornitori Ad ogni consegna effettuiamo i seguenti controlli, segnando su di un apposita scheda le rilevazioni eseguite: controllo delle condizioni di trasporto: temperatura, pulizia del mezzo, ordine, separazione delle materie prime; controllo del prodotto: integrità della confezione, integrità dell alimento, data di scadenza, stato organolettico. Qualora le condizioni di trasporto o la merce non siano conformi a quanto dettato dalla legge o a quanto stabilito, rifiutiamo di prendere in carico tale merce. Scheda di non conformità Data: Fornitore: Prodotto: Lotto: Quantità: Bolla n.: Non conformità riscontrata: Decisioni: prodotto reso prodotto declassato altro Nome del responsabile Firma: Controllo delle scadenze Controlliamo le date di scadenza: ogni 2 giorni per i prodotti deperibili; ogni 15 giorni per i prodotti a lunga conservazione. Verifica e riesame del piano Ogni tre mesi il gruppo HACCP si riunisce per: valutare l andamento generale e verificare l efficacia del piano di autocontrollo igienico-sanitario; verificare analiticamente la documentazione prodotta, le non conformità riscontrate e le azioni correttive proposte ed effettuate. Inoltre il gruppo si riunisce per riesaminare il piano ed apportare eventuali cambiamenti in occasione di: valutazioni negative del piano; cambiamento di materie prime o di processi di lavorazione; modifiche/acquisti di attrezzature e di modifiche di altro genere. N.B. In casi di lavoro intensivo (es.: più banchetti o pranzi di comitive nello stesso giorno) il piano di autocontrollo viene incrementato nel seguente modo: CCP refrigerazione Temperatura: monitoraggio da effettuare quattro volte al giorno; CCP Pulizia: pavimento e piani di lavoro sono puliti con frequenza raddoppiata. Allegati Si allega al presente piano di autocontrollo: planimetria dei locali dell attività; copia della licenza; autorizzazione sanitaria; conformità degli impianti; verbali degli incontri di formazione effettuati al personale; certificazione di disinfestazione; schede di GMP: Procedura del lavaggio delle mani, Obblighi normativi sanitari a carico del dipendente, Comportamento igienico sul lavoro, Procedura di pulizia ;

8 P. Gentili I servizi della ristorazione. Laboratorio di organizzazione e gestione copia del menu; copia del contratto di smaltimento oli esausti; analisi dell acqua e dei campioni ambientali; tutta la documentazione di monitoraggio prodotta; verbali delle verifiche periodiche.

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott.

REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E INTERVENTI DI PREVENZIONE INDIVIDUALE E COLLETTIVA Responsabile: dott. LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE, NELL AMBITO DELLE MANIFESTAZIONI TEMPORANEE, DELLA NORMATIVA COMUNITARIA SULLA SICUREZZA ALIMENTARE REGIONE PIEMONTE - DIREZIONE SANITÀ SETTORE PROMOZIONE DELLA SALUTE E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE ALLEGATO A REQUISITI DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO COMUNALE DI IGIENE IN MATERIA DI ALIMENTI E BEVANDE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Principi Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Ambito di applicazione Art. 4 - Igiene del personale ed autocontrollo

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione Piazzale San Lorenzo Giustiniani 11/D 30174 Zelarino Venezia tel. 041 2607135 8486-8465 fax 041 2607145 REQUISITI DELLE ATTIVITA DEL FOOD

Dettagli

People. Process. Product.

People. Process. Product. People. Process. Product. INTRODUZIONE Il programma StoreSafe è stato creato per identificare i prodotti Cambro che aiutano gli operatori nel settore della ristorazione collettiva a soddisfare i requisiti

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

manuale di buone pratiche di igiene

manuale di buone pratiche di igiene ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE Istituto Zooprofilattico Sperimentale DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA della Lombardia e dell Emilia BRUNO UBERTINI Romagna Bruno Ubertini ENTE SANITARIO DI DIRITTO

Dettagli

Il pacchetto igiene dell UE

Il pacchetto igiene dell UE Il pacchetto igiene dell UE Il primo gennaio 2006 è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto igiene dell Unione Europea, mettendo finalmente ordine nella normativa sull igiene alimentare che, fino a quel

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00

REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 REQUISITI IGIENICO SANITARI PUBBLICI ESERCIZI 06/02/2012 16.43.00 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Sede di- BASSANO DEL GRAPPA (VI) Via Cereria, 15 tel. 0424 885500 - fax

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Disposizioni generali

Disposizioni generali IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLE BEVANDE CAPITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Ambiti e organi di vigilanza I Servizi o Unità Operative di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione e Igiene degli Alimenti

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI GUIDA PER GLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE Coordinamento editoriale: Marta Fin, Alba Carola Finarelli, Laura Vicinelli, Claudio Visani Redazione: Alessandro Brunozzi,

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA.

Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. Presentazione format Konopizza per nuove aperture Punti Vendita ITALIA. In che cosa consiste il nostro format? Il cono è l attore protagonista di tutte le formule Konopizza diventando un ottimo contenitore

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO

LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO LINEA AMBIENT UNA GAMMA PER OGNI DESIDERIO La linea Ambient rappresenta l integrazione perfetta di un design lineare con una funzionalità semplice ed intuitiva.

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari

Sicurezza alimentare. Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Sicurezza alimentare Come usare e conservare correttamente i prodotti alimentari Indice Introduzione 3 1. La sicurezza inizia al momento dell acquisto 4 2. La dispensa moderna: il vostro frigorifero 6

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica

SEPARARE PULIRE CUOCERE CONSERVARE. Dipartimento di Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica PULIRE SEPARARE CUOCERE CONSERVARE a cura di Maria Rita Fontana - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Michele Pupillo - Servizio Igiene degli Alimenti e della

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica):

Forni ECO: Funzione pizza: Resistenza cielo + resistenza suola (cottura tradizionale o statica): Forni ECO: la combinazione tra il grill centrale e la resistenza inferiore più la ventola è particolarmente indicata per per la cottura di piccole quantità di cibo, a bassi consumi energetici. Funzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

ISTRUZIONI IMPORTANTI PER LA SICUREZZA PERICOLO AVVERTENZA

ISTRUZIONI IMPORTANTI PER LA SICUREZZA PERICOLO AVVERTENZA ISTRUZIONI IMPORTANTI PER LA SICUREZZA IMPORTANZA DELLA SICUREZZA PER SÉ E PER GLI ALTRI Il presente manuale e l apparecchio stesso sono corredati da importanti messaggi relativi alla sicurezza, da leggere

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano

Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione Ess-Trends alimentari Fokus in primo piano Eine Un iniziativa Initiative von Coop Coop con

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

12/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 47. Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Regione Lazio DIREZIONE SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 maggio 2014, n. G06917 "Deliberazione della Giunta Regionale del 14 gennaio 2011 n. 3". Procedura

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Il ristorante. Marco Mazzanti

Il ristorante. Marco Mazzanti Il ristorante I colori del mare, i sapori della tradizione la calda accoglienza e la cantina generosa sono le note caratteristiche della Tartana. Benvenuti nel nostro ristorante. Marco Mazzanti Il mare

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie!

É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! É tutto pronto... Scopri le nostre confezioni natalizie! Family Trancio di Prosciutto 2 kg Trancio di Pancetta Arrotolata 600 gr Zampone 1 kg Lenticchie 500 gr Trentingrana 500 gr Mortadella 500 gr Pasta

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni

Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Pizzaport il Thermoport di classe 2 per pizze e quant altro! [ Sistemi universali di trasporto vivande ] buone soluzioni Appena sfornate! Calde... pizze dal Pizzaport Per un ottimo isolamento: struttura

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano

Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Disciplinare di Produzione della DOP Pecorino Romano Art. 1 La zona di provenienza del latte destinato alla trasformazione del formaggio Pecorino Romano comprende l intero territorio delle regioni della

Dettagli

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO CHECK UP AMBIENTALE DELLE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO La gestione ambientale di una struttura turistica prevede di porre sotto controllo, gestire e ridurre gli impatti ambientali legati al ciclo di vita

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro!

Auguri e vedi di fare il tuo esame, cuoco dilettante che non sei altro! 1. A parte questo, possedevo un paio di altre caratteristiche che non facevano propriamente pensare a un cuoco in carriera. Ero soprattutto lento. Ero lento a muovermi, lento a pensare, lento di comprendonio,

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro

NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro line GREY NE MULTIRINSE Lavastoviglie a nastro 5 buoni motivi per scegliere la serie NE MR 1 Economia Tutte le lavastoviglie della serie NE MULTIRINSE sono dotate del sistema rivoluzionario MULTIRINSE,

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI

CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI CINQUE PUNTI CHIAVE PER ALIMENTI PIÙ SICURI MANUALE DEPARTMENT OF FOOD SAFETY, ZOONOSES AND FOODBORNE DISEASES A.S.L. TO5 Ce.I.R.S.A. Centro Interdipartimentale di Ricerca e Documentazione per la Sicurezza

Dettagli

ELETTRODOMESTICI DA CUCINA 2014

ELETTRODOMESTICI DA CUCINA 2014 ELETTRODOMESTICI DA CUCINA 2014 Tutti i prezzi si intendono in Franchi Svizzeri (CHF) e restano validi fino al 9 agosto 2014. Sono possibili ribassi dei prezzi durante l anno. Tutte le indicazioni valgono

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare

Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare. Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Osservatorio Regionale Sicurezza Alimentare Guida all acquisto acquisto e al consumo dei frutti di mare Cosa sono i frutti di mare? I molluschi costituiscono un ampio raggruppamento del Regno Animale,

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli