Guida Utente SIMT e Laboratori di Ematologia - Sezione 3 Elenco Servizi e Prestazioni Laboratori del SIMT & LE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida Utente SIMT e Laboratori di Ematologia - Sezione 3 Elenco Servizi e Prestazioni Laboratori del SIMT & LE"

Transcript

1 ASL di Pescara Ospedale Civile dello Spirito Santo **** U.O.C. DI IMMUNOEMATOLOIA MEDICINA TRASFUSIONALE LAB. DI EMATOLOIA Direttore f.f. Dr.ssa Patrizia Accorsi Tel: Fax: Website: Organizzazione con Sistema estione per la Qualità certificata secondo UNI EN ISO 9001:2008 Reg. N 4268 A Certificato N 4268 A uida Utente SIMT e Laboratori di Ematologia - Sezione 3 Elenco Servizi e Prestazioni Laboratori del SIMT & LE /07/14 Adeguamenti requisiti accreditamento Ed Rev Data Descrizione RSQ Redatto Resp SIMT Approvato Dir. Sanitaria Approvato U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 1 di

2 ASL Pescara Ospedale "Spirito Santo" U.O.C. di Immunoematologia Centro Trasfusionale Lab di Ematologia UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 SOMMARIO Scopo...3 Campo di applicazione...3 Utenti...3 Organizzazione dei Laboratori...3 Tipologia delle prestazioni...4 Modalità di accesso ai servizi...6 Utenti Interni...6 Utenti esterni...6 Prelievo del campione...6 Identificazione del campione...7 Moduli di richiesta...7 Verifica di conformità...7 Refertazione Tempi...8 Conformità del servizio...9 Indagini effettuate dai Laboratori...9 Laboratorio di Immunoematologia...12 Laboratorio di Emocitometria ed Ematologia...13 Laboratorio di Citofluorimetria...14 Laboratorio di Citochimica ematologica...17 Laboratorio di Colture Cellulari...18 Laboratorio di Biologia Molecolare Ematologica...19 Laboratorio di Emostasi e Trombosi...22 Laboratorio di Sierologia Virale - TRINAT...24 Modulistica di Richiesta... Allegati... U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 2 di

3 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Scopo Descrivere gli standard di riferimento del Prodotto/Servizio fornito agli Utenti interni ed esterni dai Laboratori del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale e dai Laboratori di Ematologia (Laboratori SIMT&LE). Campo di applicazione Il documento viene applicato a tutti gli Utenti interni ed esterni, intermedi e finali, che si rapportano con i Laboratori SIMT&LE. Utenti Sono Utenti dei Laboratori SIMT&LE: UUOO del PO Spirito Santo UUOO della ASL Pescara Presidi Territoriali di Zona Case di Cura convenzionate/collegate Altre ASL della Regione Abruzzo Donatori Sangue/Donatrici SCO Pazienti ambulatoriali che effettuano prelievi presso il SIMT Pazienti ambulatoriali che effettuano prelievi presso altri punto prelievo del PO Spirito Santo. Utenti funzionali/intermedi (Laboratori e Servizi dell U.O.C. di Immunoematologia Medicina Trasfusionale Lab. Ematologia, per prestazioni analitiche relative a pazienti/donatori/donatrici e/o alla caratterizzazione e/o ai Controlli di Qualità di prodotti intermedi e finali). Organizzazione dei Laboratori La struttura organizzativa è descritta nell organigramma funzionale reperibile nella Sezione 1 della uida Utente SIMT&LE. Si riporta di seguito elenco dei Laboratori SIMT&LE con i rispettivi Responsabili di settore e sostituti, con relativi recapiti telefonici. Laboratori SIMT & LE Servizio Accettazione campioni e richieste/ Consegna emocomponenti e referti Lab Immunoematologia Lab Sierologia virale, TRINAT e Chimica clinica Lab Emocitometria/Ematologia Lab Citofluorimetria Lab Biol. Mol. Ematologica Lab Microscopia e Citochimica Lab Emostasi e Trombosi Lab Colture Cellulari Responsabile/sostituto Dott. ssa A. Quaglietta*/ Dott.ssa P. Accorsi Dott.ssa P. Striani/ Dott. ssa A. Quaglietta Dott. ssa A. Quaglietta Dott. ssa L. Carinci Dott.ssa N. Toselli/ Dott. ssa L. Carinci Dott. ssa V. Catinella/ Dott.. Rolandi Dott. ssa V. Catinella/ Dott.ssa R. iancola Dott. A. Spadano/ Dott.ssa R. iancola Dott.. Rolandi/ Dott.ssa V. Catinella Dott.. Rolandi/ Dott.ssa V. Catinella Dott. ssa I. Villanova/ Dott.ssa T. Bonfini U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 3 di

4 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 * funzioni di coordinamento generale Tipologia delle prestazioni I Laboratori SIMT&LE sono suddivisi in Settori per specifiche aree di tipologia diagnostica; ogni settore può ricomprendere più aree di competenza come di seguito descritto. IMMUNOEMATOLOIA: Immunoematologia eritrocitaria e piastrinica di primo e secondo livello, controlli immunoematologici per i donatori di sangue e cellule staminali, in adempimento alla normativa che disciplina le attività trasfusionali e di trapianto. EMOCITOMETRIA/EMATOLOIA: emocitometria, morfologia, diagnostica anemie. MICROSCOPIA E CITOCHIMICA: diagnostica morfologica citochimica delle emopatie da sangue periferico, midollo osseo, liquor, etc. CITOFLUORIMETRIA: diagnostica citofluorimetrica, sottopopolazioni linfocitarie, caratterizzazione e controlli di qualità su emocomponenti, prodotti trapiantologici e per terapia cellulare, freschi e scongelati; timing di raccolta di cellule staminali periferiche, tipizzazione leucemie, anticorpi antipiastrine. BIOLOIA MOLECOLARE EMATOLOICA: Diagnostica molecolare ematologica: diagnostica leucemie e linfomi, studio delle mutazioni delle talassemie ed dell emocromatosi; gruppo ABO, Rh. EMOSTASI E TROMBOSI: esami coagulativi di primo e secondo livello; funzionalità piastrinica, dosaggio fattori plasmatici della coagulazione, diagnostica CID e fibrinolisi, diagnostica di laboratorio per gli stati trombofilici con test molecolari. COLTURE CELLULARI: caratterizzazione e controlli di qualità dei prodotti trapiantologici intermedi e finali, freschi e scongelati (HPC-M, HPC-A, Selezione CD34, HPC-C); valutazione di pazienti/donatori sottoposti a programmi trapiantologici (valutazione basale, in corso di mobilizzazione, durante la raccolta, al follow up); diagnostica funzionale di anemie, leucopenie, mielodisplasie, neoplasie mieloproliferative croniche. SIEROLOIA VIRALE, CHIMICA CLINICA E TRINAT: Sezione Sierologia microbica e virale - per lo screening infettivologico di virus epatite B, epatite C, HIV 1-2, CMV e sifilide nei donatori sangue del SIMT Pescara e delle strutture di raccolta (Penne, Popoli e sezione AVIS di Pescara), nei donatori di cellule staminali e nei prodotti per uso trasfusionale, non trasfusionale e trapiantologici mediante metodiche sierologiche; Sezione NAT - per il triplo screening virale HIV, HCV, HBV mediante tecnica di amplificazione genica per la qualificazione biologica degli emocomponenti e dei prodotti trapiantologici (midollo osseo, cellule staminali periferiche, donatrici di sangue di cordone ombelicale) compreso il test HTL V1-2; - per i degenti presso le UUOO ed i pazienti ambulatoriali della ASL di Pescara. Sezione di Chimica clinica dedicata ai donatori di sangue ed emocomponenti e donatori di CSE (profilo biochimico, assetto marziale). Orario di servizio Le prestazioni analitiche sono garantite durante i giorni feriali, secondo gli orari di seguito indicati. Laboratori SIMT & LE Servizio Accettazione campioni e richieste/consegna emocomponenti e ritiro referti Orario di servizio Lunedì-sabato h 8,00-20,00 U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 4 di

5 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Laboratori SIMT & LE Orario di servizio Lab Immunoematologia Lunedì-sabato h 8,00-14,00 1 Lab Sierologia virale, chimica clinica e TRINAT Lunedì-sabato h 8,00-14,00 2 Lab Emocitometria/Ematologia Lunedì-sabato h 8,00-14,00 2 Lab Citofluorimetria Lunedì-sabato h 8,00-14,00 3 Lab Biol. Mol. Ematologica Lunedì-sabato h 8,00-14,00 Lab Emostasi e Trombosi Lunedì-sabato h 8,00-14,00 Lab Microscopia e Citochimica Lunedì-sabato h 8,00-14,00 Lab Colture Cellulari Lunedì-sabato h 8,00-14, cfr prestazioni urgenti 2 in funzione dell apertura pomeridiana del Servizio Donazione 3 disponibilità in funzione delle esigenze dei programmi trapiantologici I laboratori SIMT&LE restano chiusi nei seguenti giorni festivi: ennaio 1 maggio 8 dicembre 6 gennaio 2 giugno 25 dicembre Pasqua 15 agosto 26 dicembre Lunedì dell Angelo 10 ottobre (Santo Patrono) 25 aprile 1 novembre Prestazioni urgenti Le prestazioni richiedibili ai Laboratori SIMT&LE sono elencate ai rispettivi paragrafi per settore diagnostico cui si rimanda. Tutte le prestazioni routinarie e dichiarate richiedibili in urgenza elencate nei medesimi paragrafi sono refertate nei tempi definiti per l urgenza, durante gli orari di servizio di routine, entro le ore 14,00. Le prestazioni richiedibili in urgenza al di fuori dei normali orari di servizio del laboratorio sono elencate di seguito con i criteri di restrizione e con le modalità di accesso di seguito specificate, previ accordi telefonici. Per la modulistica di richiesta per emocromo, esame citologico e assetto coagulativo adottare i moduli aziendali di richieste urgenti, mentre per la richiesta di gruppo sanguigno e test di Coombs diretto nei neonati adottare apposita modulistica di laboratorio, segnalando l urgenza. Prestazione Emocromo Emocromo+ reticolociti ruppo sanguigno + Coombs diretto e indiretto (finalizzato trasfusione) ruppo sanguigno neonati + Coombs diretto UUOO Ematologia UTIE Oncologia Tutte le UUOO del PO e Case di cura convenzionate/collegate Ostetricia e Nido PO Spirito Santo Servizio e Termini di consegna previ accordi telefonici con il numero 2577/2688 lunedì - sabato h 14,00-20,00 Tempo max Accettazione h 19,00 domenica e festivi h 8,00-13,00 Tempo max Accettazione h 12,00 previ accordi telefonici con il numero 2688 o tramite centralino con l attivazione di personale reperibile 24 h/365 gg/anno lunedì- sabato h 14,00-20,00 Tempo max Accettazione h 19,00 domenica e festivi h 8,00-13,00 Tempo max Accettazione h 12,00 U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 5 di

6 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Prestazione Esame citologico su Liquor (allestimento e colorazione citocentrifugato) Assetto coagulativo: PT PTT Fibrinogeno AT III D Dimero UUOO Ematologia UTIE Oncologia Ematologia UTIE Altre UUOO previa consulenza Ematologica/ Servizio Emostasi e Trombosi Servizio e Termini di consegna previ accordi telefonici con il numero 2378/2688 lunedì - venerdì h 14,00-20,00 Tempo max Accettazione h 17,00 sabato h 8,00-14,00 Tempo max Accettazione h 12,00 previ accordi telefonici con il numero 2378/2688 lunedì - venerdì h 14,00-20,00 Tempo max Accettazione h 19,00 sabato h 8,00-14,00 Tempo max Accettazione h 12,00 Modalità di accesso ai servizi Utenti Interni Per accedere alle prestazioni di I livello dei Laboratori SIMT&LE è necessario caricare gli esami in ORDER ENTRY, per gli esami di II livello compilare gli appositi moduli di richiesta rimessi in allegato. Ogni richiesta deve essere accompagnata da uno o più campioni di sangue, secondo le specifiche elencate nella sezione relative alle schede delle singole indagini diagnostiche. La struttura che effettua il prelievo è responsabile del corretto prelievo del campione biologico, della sua identificazione, della compilazione del modulo di richiesta, dell'inoltro tempestivo ai Laboratori o della conservazione con modalità idonee. Le richieste e i campioni biologici, opportunamente identificati e confezionati per il trasporto, devono pervenire al settore Accettazione del U.O.C. di Immunoematologia Medicina Trasfusionale Lab. Ematologia, sito al 2 piano della palazzina dei servizi, attraverso personale addetto, nei termini orari riportati nelle specifiche di settore. I campioni consegnati dopo l orario stabilito vengono inviati alla routine del giorno feriale successivo. Utenti esterni Per accedere alle prestazioni, l utente esterno deve presentare una richiesta compilata dal proprio medico curante o da un medico specialista su ricettario SSN. Il ticket degli esami è riportato nel tariffario regionale. Il ritiro dei referti è subordinato alla presentazione del tagliando, consegnato all utente al momento del prelievo, recante la data di ritiro ed i dati anagrafici, valido come autorizzazione al portatore. Nel caso in cui l utente esterno non possa ritirare personalmente il proprio referto, il tagliando deve essere compilato in ogni sua parte in quanto non vengono consegnati referti senza delega e valido documento di riconoscimento. Per i distretti gli esami sono caricati direttamente sul programma. Un incaricato consegna le provette e ritira i referti al II piano. Prelievo del campione I prelievi biologici devono essere effettuati secondo corrette modalità di raccolta per assicurare la qualità del dato e quindi la qualità del servizio offerto al cliente. Nell allegato 1 sono riportate le corrette modalita di prelievo venoso e la preparazione del paziente al prelievo. Le provette/contenitori per il prelievo sono specificati nei rispettivi paragrafi dei singoli settori, nell elenco prestazioni cui si rimanda. Per indagini particolari non indicate nel modulo di richiesta, si raccomanda di prendere contatto con i responsabili di settore, prima di procedere al prelievo. U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 6 di

7 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Identificazione del campione Tutti i contenitori inviati ai Laboratori SIMT&LE devono essere identificati con: Cognome e nome del paziente/donatore/identificazione del prodotto/codice a barre, se applicabile Data e luogo di nascita Reparto di provenienza Data del prelievo Matrice biologica (nel caso di più campioni per lo stesso paziente) per gli esami di II livello Indagine richiesta (nel caso di più campioni per lo stesso paziente) Qualora i campioni non siano barcodati, i dati anagrafici del paziente devono essere scritti in stampatello, sia sulla richieste che sulle provette, per evitare errori di interpretazione da parte del personale del Laboratorio. Nel caso in particolare delle prove di compatibilità pretrasfusionale, deve essere sempre apposta sulla provetta la firma leggibile della persona che ha eseguito il prelievo. Moduli di richiesta Le richieste di esami sia di routine che d urgenza, se non già caricati nei sistemi informatici, devono essere compilate correttamente in modo completo e congruente e devono accompagnare il campione. I laboratori SIMT&LE hanno predisposto appositi moduli di richiesta rimessi in allegato. I reparti clinici, gli ambulatori ospedalieri, il CUP e i distretti di base sono collegati informaticamente; permane la necessità di inviare richiesta cartacea per gli esami specialistici di 2 livello. Pertanto le richieste dovranno essere inoltrate secondo le modalità convenute tra le parti. Eventuali modifiche verranno comunicate in modalità scritta. La richiesta di esami viene acquisita da una lista campioni, attraverso la lettura informatizzata di codici a barre applicati sulle provette che permettono alla strumentazione, durante la fase analitica, di riconoscere l identità della provetta e gli esami richiesti. INVIO E TRAORTO I campioni devono essere inviati ai laboratori tempestivamente in provette/contenitori a tenuta e trasportati in contenitori decontaminabili a tenuta ermetica. Il rispetto di queste procedure è indispensabile per garantire la protezione dal rischio biologico degli operatori addetti al trasporto ed alle successive manipolazioni. I campioni di pazienti affetti da patologie infettive diagnosticate devono essere segnalati sulla richiesta e sul campione stesso; il campione deve essere confezionato con un involucro di protezione e segregato dagli altri. Verifica di conformità Le richieste di analisi di routine e d urgenza e tutti i campioni che pervengono ai Laboratori SIMT&LE sono preventivamente sottoposti a verifica di conformità. Si riassumono di seguito le non conformità della fase preanalitica (prelievo, conservazione e trasporto), controllate dagli operatori dei settori Accettazione e dei Settori specifici di Laboratorio: Richieste pervenute oltre l orario di accettazione Richieste incomplete/mancanti/incongruenti Campioni non identificati correttamente U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 7 di

8 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Campioni inadeguati (volume, matrice biologica, provetta, modalità di conservazione). Il trattamento delle richieste e dei campioni non conformi verrà eseguito secondo modalità codificate. Le provette sporche di sangue saranno accettate solo nel caso di irripetibilità del prelievo (es. prelievo di midollo osseo, sangue del funicolo, liquor, prelievo proveniente dalla sala operatoria etc.), previa autorizzazione del Responsabile Dirigente del Laboratorio. I Laboratori SIMT&LE provvederanno ad inviare alle UUOO comunicazione di eventuali "non conformità" rilevate, che non consentono di procedere all'esame sul campione; riporteranno invece nel referto le "non conformità" lievi, che potrebbero aver condizionato in qualche modo il risultato dell'indagine. Refertazione Tempi Il referto è univoco e contiene: - i dati anagrafici del paziente - identificativo paziente, identificativo richiesta - nome dell esame richiesto - risultato con eventuale indicazione di allarme - unià di misura e valori di riferimento - eventuali commenti relativi al campione (siero lipemico, emolizzato, coagulato, ecc.) - firma del Personale dirigente che ha validato il referto cartaceo. I tempi di risposta sono calcolati escludendo i giorni festivi e comprendono sia il tempo tecnico di esecuzione (che per alcune indagini è condizionato dalle modalità organizzative - seduta analitica in giorni fissi della settimana - o dai tempi di processazione del campione prima della fase analitica), sia il tempo occorrente per la stampa e lo smistamento dei referti. Per gli esami che necessitano di ricontrollo e/o test di conferma, il tempo di risposta potrà non essere rispettato. Nel caso venga reputato opportuno un approfondimento diagnostico, il personale dei Laboratori SIMT &LE potrà richiedere ulteriori informazioni ai medici richiedenti l indagine. Per gli esami richiesti in urgenza i tempi massimi di refertazione si intendono rispettati salvo imprevisti di natura tecnica e organizzativa. I referti dei pazienti interni ed esterni sono archiviati nel sistema informatizzato secondo la normativa vigente. Consegna referti - Modalità I referti di esami eseguiti per degenti della ASL di Pescara, una volta validati sono visibili direttamente a video nei reparti richiedenti e possono essere ritirati presso il servizio Accettazione richieste e Ritiro referti del U.O.C. di Immunoematologia Medicina Trasfusionale Lab. Ematologia (2 piano, Piastra dei Servizi), dal lunedì al sabato, nelle ore di apertura del Servizio (dalle ore 8.00 alle ore 20.00). I referti di esami eseguiti per i donatori sangue vengono inviati a domicilio a mezzo posta. I referti di esami di pazienti ambulatoriali eseguiti presso l Ambulatorio prelievi del Centro Trasfusionale e i referti di esami di pazienti ambulatoriali eseguiti presso altri Punti prelievo, si ritirano dal lunedì al venerdì, dalle ore alle ore 13.30, al piano terra del U.O.C. di Immunoematologia Medicina Trasfusionale Lab. Ematologia. Nel caso di pazienti ambulatoriali, gli esiti non saranno mai comunicati per telefono direttamente al richiedente. In ogni caso il referto dovrà essere ritirato, pena l addebito dell intero costo della prestazione (legge n 412 del ). I referti di esami di pazienti degenti presso altri PO/ASL e Case di Cura vengono inviati via fax o, su richiesta, a mezzo posta. U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 8 di

9 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Qualora vengano evidenziate alterazioni di particolare gravità, il Responsabile di laboratorio provvederà a refertare tempestivamente e ad avvisare il Medico di reparto Conformità del servizio I Laboratori SIMT&LE monitorizzano attraverso Controlli di Qualità Interni (CQI) la accuratezza e la stabilità delle prestazioni e delle metodiche utilizzate al fine di rilevare le possibili non conformità e ottimizzare le performance. I laboratori SIMT&LE partecipano a verifiche esterne di qualità (VEQ) aderendo ai seguenti programmi di valutazione: Università Careggi di Firenze, One World Accuracy, UK NEQAS, Proficiency Testing Program StemCell Technologies, CRB Castelfranco Veneto. I Laboratori SIMT&LE sono sottoposti a audit interni periodici, per la valutazione della conformità organizzativa e procedurale alle norme del Sistema per la Qualità ISO 9001:2008 e agli standard professionali di accreditamento. I risultati degli audit sono conservati dal Responsabile Sistema estione Qualità e comunicati ai referenti e al Direttore dell UOC SIMT e Lab Ematologia. Periodicamente, e comunque almeno una volta all anno, i Clienti interni ed esterni vengono invitati a compilare questionari valutativi sull organizzazione e sulla qualità delle performance del servizio. Tutte le parti interessate sono invitate, inoltre, ad inoltrare segnalazioni/reclami al Responsabile del Sistema estione Qualità. I rapporti degli audit interni, i questionari compilati, le segnalazioni/reclami e i risultati del CQ di processo/procedura sono sistematicamente valutati da parte della direzione (Riesame della Direzione). Per ogni segnalazione/reclamo confermato e per ogni non conformità riscontrata sono messe in atto le necessarie azioni correttive e preventive al fine del miglioramento continuo dell'organizzazione generale e del prodotto/servizio erogato, nonché per il giusto soddisfacimento delle attese di tutte le parti interessate. Le segnalazioni/reclami possono essere comunicate all'u.o. o all URP utilizzando il Modulo "Segnalazioni/Suggerimenti" riportato al termine della presente sezione. Indagini effettuate dai Laboratori L elenco dettagliato delle indagini effettuate da SIMT&LE è riportato di seguito nel documento e comprende le seguenti sezioni: Area a cui compete l indagine Descrizione della prestazione Frequenza della prestazione e fruibilità in urgenza Tipo di materiale biologico su cui è possibile effettuare l indagine Orario di accettazione Tipo di contenitore necessario per la raccolta e l invio del materiale biologico Procedura di preparazione, prelievo, conservazione, trasporto Strumentazione/Sistemi analitici utilizzati Metodica analitica Modalità di esecuzione Tempi massimi di attesa per la risposta. Il documento è strutturato in modo che ogni riga corrisponda ad una prestazione. Da sinistra verso destra vengono riportate le principali informazioni relative alla prestazione stessa come sopra specificato: Laboratorio U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 9 di

10 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Denominazi o ne analisi Frequenza Esecuzione/ Urgenza Tipo di Campione Accettazz. entro le h Contenitore Proc. Prel./ Conservazone. Trasporto Strumenta zione Metodo Modalità esecuzione entro Si riporta di seguito la spiegazione sintetica delle voci sopra indicate e le eventuali abbreviazioni utilizzate. Nome Analisi: si riporta descrizione della prestazione Frequenza Esecuzione/Urgenza: si riporta la frequenza con cui vengono eseguite le analisi, nello stesso campo è indicata l'eventuale fruibilità in urgenza della prestazione. = frequenza iornaliera U= richiedibile in Urgenza S= frequenza Settimanale Q= frequenza Quindicinale M= frequenza Mensile =esame disponibile a richiesta Tipo di campione: si specifica il campione biologico/la matrice su cui si effettua la prestazione diagnostica. = Sangue Periferico MO =Midollo Osseo ( Midollare) EC=Emocomponenti PT= prodotti trapiantologici e per terapia cellulare (HPC-M midollo osseo, HPC-A cellule staminali da aferesi, HPC-C sangue cordonale, Selezione CD34+, ranulociti, Linfociti) BAL= lavaggio bronco alveolare Liquor Liquido pleurico Liquido ascitico Orario di accettazione: si specifica l'orario entro il quale è possibile inviare le richieste Routine= R Urgenza= U Dopo l orario dichiarato si accettano campioni solo eccezionalmente, per motivate esigenze e previ accordi telefonici con il Responsabile di laboratorio prelievo/contenitore di trasporto: Si specificano Tipo di Provette/contenitore/supporto necessario per la raccolta e l invio del materiale biologico Provette Vacutainer Terumo Tappo rosso da siero tappo Litio-eparina tappo K3 EDTA tappo Citrato CTAD Kit prelievo adesività piastrinica Provette 10 ml tappo a vite Provette 50 ml tappo a vite Nunc da 2 ml Vetrini molati Procedura di preparazione, prelievo, conservazione e trasporto PVS = Prelievo Standard MO = Midollo Osseo ( ) CS = Campionamento sterile Prelievo per coagulazione (con e senza KIT) Rachicentesi U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 10 di

11 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Toracentesi Paracentesi Strumentazione/ Sistemi analitici: si specifica la strumentazione/il sistema utilizzato per l esecuzione della prestazione Metodica analitica utilizzata: si specifica la metodica utilizzata per l esecuzione della prestazione analitica A Colt EIA ELISA HPLC IF Mcr MEIA PCR RT TMA UV Modalità di esecuzione: Semiautomatica : tempi di refertazione entro: xx : minuti h: ore gg: giorni Agglutinazione Citofluorimetrica Colturale Enzyme Immuno Assay Enzyme Linked Immuno Assay Fluorescence Activated Cell Sorting High Performance Liquid Chromatography Immunofluorescenza indiretta Es. microscopico Metodica Immunoenzimatica su Microparticelle Polimerase Chain Reaction Trascription Mediated Amplification Ultravioletto Per eventuali problematiche connesse al prelievo di campioni biologici non considerati nelle pagine seguenti ed eventuali chiarimenti riguardo l interpretazione dei risultati, i Colleghi sono invitati a contattare i Responsabili di Laboratorio ai numeri telefonici sopra indicati, tutti i giorni feriali dalle h 13,00 alle 14,00. U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 11 di

12 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Laboratorio di Immunoematologia Denominazione analisi ruppaggio ABO, Rh, Kell Fenotipizzazione Eritrocitaria Completa Test di Coombs diretto Test di Coombs indiretto Identificazione anticorpi irregolari e loro titolazione Eluizione ed assorbimento alloanticorpi Eluizione ed assorbimento autoanticorpi Frequenza Esecuzione /Urgenza Tipo di Accettazz. campione entro le h /U 10,30 10,30 /U 10,30 /U 10,30 /U 10,30 10,30 10,30 /Co ntenitore Proc. Prel. Strumentazione Metodo Sistema automatico per il gruppaggio Sistema automatico per il gruppaggio Sistema automatico per il gruppaggio Sistema automatico per il gruppaggio A Modalità esecuzione entro h 14,00 U=1 h A 3 gg A A - A h 14,00 U=1 h h 14,00 U=1 h 3 gg U=4 h - A 3 gg - A 3 gg Anticorpi immuni anti A/B Crioglobuline + Criocrito S 10,30 10,30 - A ciliegia (n 2 provette) 1 - A Agglutinine fredde identificazione titolazione Anticorpi antipiastrine Metodica diretta e indiretta Anticorpi antipiastrine Metodica diretta e indiretta Crossmatch per piastrine 10,30 S/U 10,30 S/U 10,30 /U 10,30 Anticorpi anti HLA /U 10,30 Test di Donath Landesteiner 10,30 ciliegia (n 4 provette) P.tappo (n 4 provette) ciliegia ciliegia - A Incubatore Lavatore Centrifuga Incubatore Lavatore Fotometro Incubatore Lavatore Centrifuga Incubatore Lavatore Fotometro A ELISA A ELISA U= g U= 2 gg h 14,00 U=4 h U= 2 gg - A 3 gg 1 trasporto a 37 C U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 12 di

13 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Laboratorio di Emocitometria ed Ematologia Nome analisi Emocromo e Reticolociti Emoglobina A2 Emoglobina fetale Emoglobine anomale (HbS, HbC) Frequenza Esecuzione /Urgenza Tipo di Accettazz. campione entro le h Contenitore Proc. Prel. Strumentazione Metodo Analizzatore 1 /U 10,30 1 automatico S 10,30 2 Test Autoemolisi a r. 3 10,30 + P. tappo ciliegia Cromatografo Resistivo volumetrico ottico Spettrofotometro Ottico Modalità esecuzione entro h 14,00 U=20 HPLC Resistenza Osmotica eritrocitaria Determinazione lucosio-6-fosfatodeidrogenasi a r. a r. 10,30 10,30 Spettrofotometro Ottico Spettrofotometro Ottico U= 6 h 2 nelle urgenze il prelievo va accettato entro le ore 9,00 3 dal lunedi' al giovedi' 1 in casi particolari, secondo prescrizione medica, può essere richiesto il trasporto a 37 C, oppure il prelievo in provetta tappo (sodio-citrato) e provetta tappo (litioeparina) U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 13 di

14 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Laboratorio di Citofluorimetria Nome analisi Valutazione contaminazione leucocitaria Determinazione Sottopopolazioni Linfocitarie: CD 3,4/8, CD19, CD3/16, CD56/45 Determinazione (Anti-TCR αβ γδ) Determinazione CD 2 Determinazione CD 5 Determinazione CD 7 Determinazione CD 10 Determinazione CD 20 Determinazione CD 22 Determinazione CD 23 Determinazione CD 24 Determinazione CD 25 Determinazione CD 45/ 14 Determinazione CD 13 Determinazione CD 33 Determinazione CD 14 Determinazione CD 15 Determinazione CD 34 Frequenza Esecuzione /Urgenza Tipo di Accettazz. campione entro le h Contenitore Proc. Prel. Strumentazione EC 12,00 CS, MO, BAL 12,00,MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00, MO 12,00, MO 12,00, MO 12,00, MO 12,00, MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00, MO 12,00, MO, PT 12,00,,,,,, Midollare U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Metodo Modalità esecuzione Pag. 14 di entro h 14,00

15 UIDA UTENTE SIMT & LE Sezione 3 Nome analisi Frequenza Esecuzione /Urgenza Tipo di Accettazz. campione entro le h Contenitore Proc. Prel. Strumentazione CS Metodo Modalità esecuzione entro Determinazione CD 11b Determinazione CD 61 Determinazione CD 117 Determinazione CD 103 Determinazione FMC7 Determinazione CD 45RA/RO Determinazione -HLA DR Determinazione TdT Determinazione MPO Determinazione S e CyIg Determinazione CD 38 Determinazione CD 58 Determinazione CD 138, MO 12,00, MO 12,00, MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00,MO 12,00,MO,MO,MO,MO,MO,MO,MO 12,00 12,00 12,00 12,00 12,00 12,00 12,00 Determinazione CD 11c,MO 12,00 Determinazione CD 30,MO 12,00 Determinazione CD 59,MO 12,00 Determinazione CD 71,MO 12,00 Determinazione CD 135,MO 12,00 P. tappo Midollare Midollare Midollare Midollare U SIMT&LE - Sezione3 - Elenco Servizi_Ed01Rev00.doc Ed 01 rev 00 - Luglio 2014 Pag. 15 di

S. C. IMMUNOLOGIA e TRASFUSIONALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. IMMUNOLOGIA e TRASFUSIONALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. IMMULOGIA e TRASFUONALE OSPEDALE SAN BASA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA Il servizio di Immunotrasfusionale (T) è un organizzazione complessa che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa,

Dettagli

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE

S.S.D. MEDICINA TRASFUSIONALE S.S.D. MEDICINA TRASFUONALE PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La struttura di Medicina Trasfusionale è un organizzazione che ottempera a compiti specifici previsti dalla normativa, sia in termini di raccolta

Dettagli

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT)

REGIONE LAZIO. Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita. Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott.Vittorio Bonavita Impegno con il Cittadino del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale (SIMT) La sede della Sezione di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale

Dettagli

SIMT. U.O.C. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE (Direttore FF Dott. Silvestro Volpe)

SIMT. U.O.C. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE (Direttore FF Dott. Silvestro Volpe) 2014 GUIDA AI SERVIZI SIMT U.O.C. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE (Direttore FF Dott. Silvestro Volpe) Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale ed Alta Specialità San Giuseppe Moscati C.da Amoretta

Dettagli

Immunoematologia e MedicinaTrasfusionale: qualificazione dei processi diagnostici

Immunoematologia e MedicinaTrasfusionale: qualificazione dei processi diagnostici Immunoematologia e MedicinaTrasfusionale: qualificazione dei processi diagnostici Gabriella Girelli Ordinario di Immunoematologia Sapienza Università di Roma 4 UK NEQAS USERS MEETING Servizi di Quality

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5

Rev. N 4 del 06/11/2014 pag 1 di 5 La struttura complessa SIMT (Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale) effettua indagini di laboratorio e prestazioni di medicina trasfusionale, in regime di routine e urgenza, in conformità

Dettagli

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione

Sistema di gestione per la Qualità. Carta dei Servizi. Documento emesso il 26/7/2013 Rev. 2. Iter di approvazione. Redazione Verifica Approvazione CARTA DEI SERVIZI STRUTTURA TRASFUSIONALE E DIPARTIMENTO TRASFUSIONALE PROVINCIALE Ospedale di Belluno Sistema di gestione per la Qualità Carta dei Servizi Struttura Unità Operativa Direttore f.f. Ospedale

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 051 Gestione del Campione di Sangue 1 1 2 1 SCOPO. Descrivere le caratteristiche e le modalità di invio dei campioni inviati da soli, in associazione alle richieste trasfusionali o allo scopo di eseguire esami immunoematologici anche sulla

Dettagli

IL SISTEMA TRASFUSIONALE AZIENDALE

IL SISTEMA TRASFUSIONALE AZIENDALE IL SISTEMA TRASFUSIONALE AZIENDALE Pag. 1 a 31 Il sistema trasfusionale aziendale è costituito dalla rete dei Servizi di Immunoematologia (SIMT) dell Azienda Sanitaria Provinciale n. 8 di Siracusa, presenti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE D AREA VASTA GIULIANO-ISONTINA

DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE D AREA VASTA GIULIANO-ISONTINA DIPARTIMENTO DI MEDICINA TRASFUSIONALE D AREA VASTA GIULIANO-ISONTINA CARTA DEI SERVIZI 2 3 4 Direttore Servizio di Medicina Trasfusionale: Dott. Luca Giovanni Mascaretti: tel. 040 399 2920, 040 399 4589,

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

ALLEGATO B Lotto n. 1 - CHIMICA CLINICA SCHEDA DI VALUTAZIONE ECONOMICA

ALLEGATO B Lotto n. 1 - CHIMICA CLINICA SCHEDA DI VALUTAZIONE ECONOMICA Lotto n. 1 - CHIMICA CLINICA Glicemia n test 15.000 Creatinina n test 15.000 Acido Urico n test 15.000 Amilasi n test 7.000 Azotemia n test 15.000 Bilirubina n test 7.000 Colesterolo HDL n test 15.000

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio

Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Centro Unico di Validazione Sistema Trasfusionale Lazio Quadro Normativo Oggi. Sicurezza Trasfusionale Preanalitica Analitica Postanalitica Input Output Outcame Efficienza Efficacia Economicità complessiva

Dettagli

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE.

GESTIONE EMOCOMPONENTI AD USO NON TRASFUSIONALE TRASFUSIONALE. REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZION E EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi- Dirigente Medico U.O. Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Dott Alessandro

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

infettive potenzialmente trasmissibili

infettive potenzialmente trasmissibili REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE Dott. Gino Bernuzzi, Dirigente Medico Dott.re Paolo Annunziato Dell Anna, Dirigente Medico De

Dettagli

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici

LABORATORIO ANALISI CLINICHE. K.R.A.S.I. srl. Ematologia. Immunologia. Chimica clinica. Parassitologia. Esami Microscopici LABORATORIO ANALISI CLINICHE K.R.A.S.I. srl Via Annone,1 00199 Roma Tel. 06 86 06 414 fax. 06 86 38 43 71 Direttore: Dott. Giovanni Finazzi Agrò Laboratorio Analisi Cliniche K.R.A.S.I srl diretto dal Dott.re

Dettagli

95 DELIBERAZIONE 23 febbraio 2004, n. 159 17.3.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

95 DELIBERAZIONE 23 febbraio 2004, n. 159 17.3.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 95 DELIBERAZIONE 23 febbraio 2004, n. 159 Assistenza sanitaria ai soggetti affetti da diabete mellito. LA GIUNTA REGIONALE Vista la legge regionale n.14 del 22 marzo 1999 "disposizioni per la prevenzione

Dettagli

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI

SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI 1 Prima Stesura Redattori : Cosenza Data: 20-01-2014 SIMT - POS 045 SORVEGLIANZA EPIDEMIOLOGICA DONATORI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Carta. dei Servizi. UOSD SIMT Servizio di Immunoematologia e Medicina trasfusionale. Emissione RSGQ/SIMT. Approvazione RSP/SIMT

Carta. dei Servizi. UOSD SIMT Servizio di Immunoematologia e Medicina trasfusionale. Emissione RSGQ/SIMT. Approvazione RSP/SIMT UOSD SIMT Servizio di Immunoematologia e Medicina trasfusionale Carta dei Servizi Redazione RSGQ/SIMT Approvazione RSP/SIMT Validazione RSP/UATP-URP Emissione RSGQ/SIMT Dott. Alessandro Lanti Prof. Gaspare

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI BOMBARA, MARIA. Nome. Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale

INFORMAZIONI PERSONALI BOMBARA, MARIA. Nome. Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOMBARA, MARIA Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico I livello Responsabile della Sezione Professionale di Ematologia

Dettagli

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare

Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Carta dei Servizi U.O.C. Laboratorio di Virologia Molecolare Mission Il Policlinico Tor Vergata ha iniziato, dal 10 gennaio 2001, a costruire insieme con tutti i suoi professionisti l ospedale umano aperto

Dettagli

UNITA OPERATIVA COMPLESSA CENTRO TRASFUSIONALE

UNITA OPERATIVA COMPLESSA CENTRO TRASFUSIONALE Pagina 1 di 6 Servizio Sanitario Nazionale AZIENDA ULSS 13 MIRANO - REGIONE VENETO UNITA OPERATIVA COMPLESSA PRESIDI OSPEDALIERI DOLO MIRANO NOALE Pagina 2 di 6 La Struttura Trasfusionale dell Azienda

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio Marina Buzzi BO S.ORSOLA BO MAGGI BENTIVOGLIO PORRETTA IMOLA PARMA FIDENZA BORGOTARO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda

I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda I data base e il servizio di medicina trasfusionale: problematiche attuali nella nostra Azienda Angela Mazzi, Dirigente Medico Servizio di Medicina Trasfusionale Cosa conserviamo c/o il SIMT Emocomponenti

Dettagli

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti

Direttore Dr.ssa Tiziana Riscaldati. SIMT-POS 013 Validazione Emocomponenti 1 1 2 1 SCOPO Lo scopo della seguente procedura è descrivere le modalità di esecuzione della validazione finale e dell etichettatura degli emocomponenti derivanti dalla donazione di sangue intero o di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 118 DEL 12 MARZO 2014 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, Partita IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale Prof. Giovanni Persico,

Dettagli

UNITA OPERATIVA COMPLESSA. EMATOLOGIA d.u SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE OSPEDALE POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. Prof.

UNITA OPERATIVA COMPLESSA. EMATOLOGIA d.u SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE OSPEDALE POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. Prof. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNITA OPERATIVA COMPLESSA EMATOLOGIA d.u OSPEDALE POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI MA 28 Rev. 0 del 12.01.12

Dettagli

LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue

LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue U.O.C. SIMT, U.O.C. CAPE LOTTO 30 Sub-lotto A: Sistema macchina-reattivi per l'esecuzione degli esami diagnostici di Laboratorio per la validazione delle unità di sangue NB: I sub-lotti A e B del lotto

Dettagli

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE

SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE SEMINARIO INTERATTIVO MEDICI, PAZIENTI E FAMIGLIE Aula Magna I.I.S.S. O. Notarangelo-G. Rosati Foggia AIL Pazienti Mielodisplasie La trasfusione di sangue: Quando è necessaria e quali rischi comporta 22

Dettagli

Il Processo Trasfusionale

Il Processo Trasfusionale Il Processo Trasfusionale Approvvigionamento Apparecchiature Risorse umane Sicurezza D O NA T O RE Esami di validazione e controlli Selezione del donatore Raccolta emocomponenti Preparazione emocomponenti

Dettagli

SIMT Vito ASL/Le Direttore SIMT

SIMT Vito ASL/Le Direttore SIMT CURRICUU LUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome DATA di Nascita Qualifica Amministrazione Incarico Attuale VALENTINO FERDINANDO 24/11/1950 Direttore UOC SIMT Vito Fazzi Lecce ASL/Le Direttore SIMT Presidio

Dettagli

Ha conseguito il diploma di Specializzazione in

Ha conseguito il diploma di Specializzazione in CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI La dott.ssa Angela LATORRACA nata a Matera il 14 agosto 1963 e residente a Matera, ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia il 22 marzo

Dettagli

silvia.larghi@istitutotumori.mi.it

silvia.larghi@istitutotumori.mi.it C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Incarico e struttura LARGHI SILVIA Numero telefono 0223903499 E-mail FONDAZIONE IRCCS- ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Coordinatore

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

RIF. NORMA UNI EN ISO

RIF. NORMA UNI EN ISO Dipartimento Interaziendale Regionale di Direttore Dott. Mario Piani RIF. RMA UNI EN ISO 9001:2008 sviluppato dal Responsabile Assicurazione Qualità Dipartimentale Dott.ssa G.Siracusa e dai RAQ delle UU.

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

Documento organizzativo UOC di Patologia Clinica e Microbiologia P.O. Cimino Termini Imerese

Documento organizzativo UOC di Patologia Clinica e Microbiologia P.O. Cimino Termini Imerese 1 CONTESTO TERRITORIALE Termini Imerese e comuni del comprensorio ( ASP Palermo Centro-orientale ), Bagheria e comuni del comprensorio ( Punto Prelievo Distretto Sanitario di Bagheria ), PoCT presso P.O.

Dettagli

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Padova 11 giugno 2007 Conferma di Laboratorio della Rosolia e Significato del Dosaggio degli Anticorpi Anna Piazza Giorgio Palù

Dettagli

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006

STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 STUDIO DI PREVALENZA DI HIV; HCV; HBV SU 578 UTENTI DEL SER.T.DI AREZZO STUDIATI NEGLI ANNI 1998-2006 Autori Dott.ssa Fabrizia Giusti,Medico Internista, Ser.T. Arezzo, Asl 8 Dott. Paolo Edoardo Dimauro

Dettagli

ALLEGATO B LOTTO N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE ECONOMICA

ALLEGATO B LOTTO N. 1 SCHEDA DI VALUTAZIONE ECONOMICA LOTTO N. 1 Test per la ricerca degli anticorpi anti HCV metodica immunoenzimatica con antigeni del Core, NS3, NS4, NS5 HCV metodica immunoblot con antigeni del Core, NS3, NS4, NS5 Test per la ricerca dell'hbsag

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto.

Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Le cellule staminali emopoietiche: caratteristiche, funzioni, potenzialità terapeutiche, donazioni da adulto. Vincenzo Saturni Ascoli Piceno, 29 settembre 2012 Cellule staminali Cellule non specializzate,

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pagliarini Aura Indirizzo Strada Terza, n 16 - Asola ( MN ) Telefono 0372 405461-2 Fax 0372 431768 E-mail a.pagliarini@ospedale.cremona.it

Dettagli

TIPOLOGIA DELLE PROVETTE

TIPOLOGIA DELLE PROVETTE Pag. 1 di 7 EMATOLOGIA - URGENZE Emocromo EMATOLOGIA (provetta PEDIATRICA) Emocromo Reticolociti Emocromo + Formula CONTA LEUCOCITI SU LIQUIDI CAVITARI PARASSITA MALARICO ESAMI IN SERVICE Ciclosporina

Dettagli

Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto

Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto Area Sanitaria ULSS 20 Verona - Regione Veneto U.O.C. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche Via Circonvallazione. 1-37047 San Bonifacio (VR) Tel: 045 6138471 - Fax: 045 6138047 E-mail:

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

UO IMMUNOLOGIA CLINICA - OP PRONTUARIO DEGLI ESAMI DI LABORATORIO E REPERTORIO DELLE PRESTAZIONI AMBULATORIALI E DI CONSULENZA

UO IMMUNOLOGIA CLINICA - OP PRONTUARIO DEGLI ESAMI DI LABORATORIO E REPERTORIO DELLE PRESTAZIONI AMBULATORIALI E DI CONSULENZA AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA UO IMMUNOLOGIA CLINICA - OP PRONTUARIO DEGLI ESAMI DI LABORATORIO E REPERTORIO DELLE PRESTAZIONI AMBULATORIALI E DI CONSULENZA ultimo aggiornamento 04.02.2008

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

Ricostruzione dente con otturazione (gratuita fino a 14 anni solo in caso di evento traumatico)

Ricostruzione dente con otturazione (gratuita fino a 14 anni solo in caso di evento traumatico) ESAMI "NON NECESSARI" A PAGAMENTO - LA LISTA COMPLETA Estrazione e ricostruzione di denti Estrazione di dente deciduo (gratuita fino a 14 anni) Estrazione di dente permanente (gratuita fino a 14 anni)

Dettagli

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA

Alla c.a.: - Direttore Generale - p.c.: Ufficio Protocollo OGGETTO: PRESENTAZIONE PROGETTO GRUPPO DI LAVORO EMATOLOGIA Struttura Complessa di ONCOLOGIA MEDICA ED EMATOLOGIA Azienda Ospedaliera CARLO POMA - v.le Albertoni, 1 46100 Mantova (Direttore Dr. Enrico Aitini) Gruppo di LavoroEmatologia Dr. Maria Donatella Zamagni,

Dettagli

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI U. O. ANATOMIA PATOLOGICA - LEGNANO Direttore Dott.ssa Agnese Assi Telefono segreteria: 0331/449358-449266 Fax:0331/449266 e-mail: anatomopatologialegnano@ao-legnano.it Indirizzo: Via Candiani,2-20025

Dettagli

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale

Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale Problematiche di Laboratorio nell applicazione del Protocollo regionale UOC di Microbiologia e Virologia DAI di Patologia e Diagnostica AOUI di Verona MALATTIE TRASMESSE DA VETTORI E SORVEGLIANZA DELLE

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MORENO PORCARI Indirizzo VIA RIALTO 20/D Telefono 3389859340 Fax 0372410960 E-mail m.porcari1@virgilio.it Nazionalità ITALIANA Data

Dettagli

GES.L.AN. S.r.l. Laboratorio di Analisi Cliniche

GES.L.AN. S.r.l. Laboratorio di Analisi Cliniche GES.L.AN. S.r.l. Laboratorio di Analisi Cliniche Via Adige n 41-03100 Frosinone Telefono: 0775-85.41.11 Fax: 0775-21.13.11 Web: www.geslan.it E-mail: labgeslanfr@inwind.it P. IVA: 00168020600 AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca

Sangue autologo Autotrasfusione Da donatore specifico Banca Università degli studi G. D Annunzio Cattedra di Ematologia Direttore Prof. Giovanni Davì Medicina trasfusionale Corso di Laurea in Infermieristica AA 2008-20092009 Dr.ssa Francesca Santilli Fonti di sangue

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare

Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Un nuovo approccio: la VEQ in biologia molecolare Il crescente interesse nella biologia molecolare applicata alla diagnostica è il risultato dei profondi progressi ottenuti nelle conoscenze scientifiche

Dettagli

ANALISI DI MEDICINA TRASFUSIONALE SUL PAZIENTE

ANALISI DI MEDICINA TRASFUSIONALE SUL PAZIENTE ANALISI DI MEDICINA TRASFUSIONALE SUL PAZIENTE Raccomandazioni dell ASMT e di T-CH-CRS relative alle analisi di immuno-ematologia e di biologia molecolare dei campioni di sangue dei pazienti All attenzione

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melani Daniela Data di nascita 10/04/1965

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Melani Daniela Data di nascita 10/04/1965 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Melani Daniela Data di nascita 10/04/1965 Qualifica Amministrazione I Fascia ASL DI PRATO Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Laboratorio Analisi Chimico Cliniche - Sezione

Dettagli

TIPOLOGIA DELLE PROVETTE

TIPOLOGIA DELLE PROVETTE Pag. 1 di 7 EMATOLOGIA - URGENZE Emocromo EMATOLOGIA (provetta PEDIATRICA) Emocromo Reticolociti Emocromo + Formula BNP (Peptide Natriuretico) CONTA LEUCOCITI SU LIQUIDI CAVITARI 2 ml EDTA k2 454024 PARASSITA

Dettagli

DIRIGENTE BIOLOGO. C/O A.S.L. N 02 OLBIA; 0789-50430 / 0789 552256 ; franceco.masala@aslolbia.it

DIRIGENTE BIOLOGO. C/O A.S.L. N 02 OLBIA; 0789-50430 / 0789 552256 ; franceco.masala@aslolbia.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome [ ] Data di nascita [ 29 MAGGIO 1952 ] Qualifica Amministrazione Incarico attuale e Numero di telefono e

Dettagli

CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA

CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA CURRICULUM VITAE DI MARINA MOLA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Mola Marina Data di nascita 15/09/1979 ESPERIENZE LAVORATIVE Nome e indirizzo datore di lavoro Laboratorio Analisi dell Azienda Ospedaliera Universitaria

Dettagli

ASP - PRESIDIO OSPEDALIERO UNIFICATO DI LAGONEGRO-CHIAROMONTE- LAURIA MARATEA. UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI PATOLOGIA CLINICA

ASP - PRESIDIO OSPEDALIERO UNIFICATO DI LAGONEGRO-CHIAROMONTE- LAURIA MARATEA. UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI PATOLOGIA CLINICA ASP - PRESIDIO OSPEDALIERO UNIFICATO DI LAGONEGRO-CHIAROMONTE- LAURIA MARATEA. UNITA OPERATIVA COMPLESSA DI PATOLOGIA CLINICA LABORATORIO DI ANALISI CLINICHE E MICROBIOLOGICHE DI CHIAROMONTE PRESENTAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA

PROTOCOLLO PER LA RICHIESTA TRASFUSIONALE URGENTISSIMA INDICE Pag. 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. PAROLE CHIAVE... 2 3. PERSONALE INTERESSATO... 2 4. MODALITA OPERATIVA... 2 4.1 PREMESSA... 2 4.2 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA... 3 4.2.1 Richiesta

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

AZIENDA SANITARIA. Prot. 150/13-PC Paternò, 30/09/13. OGGETTO: Programma triennale per la trasparenza 2013-2015

AZIENDA SANITARIA. Prot. 150/13-PC Paternò, 30/09/13. OGGETTO: Programma triennale per la trasparenza 2013-2015 Direttore: Dott. Luigi Sangiorgio Tel:095-7975213 Fax:095-7975017 Prot. 150/13-PC Paternò, 30/09/13 Al Direttore dell U.O.C. Ingegneria Informatica c.a. Alessandro Greco Angelica Prestianni OGGETTO: Programma

Dettagli

OBIETTIVI DI TIROCINO E LABORATORIO CDL TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO

OBIETTIVI DI TIROCINO E LABORATORIO CDL TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO _ OBIETTIVI DI TIROCINO E LABORATORIO CDL TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO Allegato A ANNO ACCADEMICO 2014/15 Primo anno OBIETTIVI DI TIROCINIO E LABORATORIO I 18 CFU+1CFU SEDI: Azienda Ospedaliero Universitaria

Dettagli

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia

DETTAGLIO DEI PROTOCOLLI DIAGNOSTICI ESEGUITI PRESSO LABORATORIO SPECIALISTICO DI COAGULAZIONE. PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia Pag.1/5 PROTOCOLLI PATOLOGIA TROMBOTICA Screening trombofilia e necessarie 3 impegnative riportanti le seguenti Screening trombofilia 3 Screening trombofilia in TAO e Ricerca LAC (DT) Proteina C attività

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

Ancona, 27 maggio 2010

Ancona, 27 maggio 2010 Gli schemi UK-NEQAS in Medicina Trasfusionale e nella emorragia feto-materna DIPARTIMENTO REGIONALE INTERAZIENDALE di MEDICINA TRASFUSIONALE Direzione di Dipartimento Ancona, 27 maggio 2010 Dott. Francesco

Dettagli

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO

CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO CARTELLA CLINICA PER IL DONATORE DI SANGUE OMOLOGO MODULO DI ACCETTAZIONE E CONSENSO ALLA DONAZIONE Cognome.. Nome.. Professione.. M F Nato a... (Prov.) il. Codice Fiscale Residente in. Via... N.. Cap

Dettagli

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi

Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi La Medicina Trasfusionale verso l' Europa Crotone Sala Congressi Lido degli Scogli 9-10 Ottobre 2015 Il percorso di convalida nei servizi trasfusionali calabresi Dr. A.Trimarchi Simt Reggio Cal 8 Corso

Dettagli

CHI DONA SANGUE HA CUORE.

CHI DONA SANGUE HA CUORE. Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax Tel. e Fax IL E I SUOI COMPONENTI. LE DIVERSE FORME DI DONAZIONE. Il sangue è un tessuto fluido che circola nei vasi sanguigni, rappresenta l 8% del peso corporeo ed è

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE

INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE e r o m a d a i c c o g Una INFORMAZIONI SULLA DONAZIONE DI SANGUE Donare il sangue è un gesto di grande solidarietà e responsabilità. I requisiti di idoneità per la donazione hanno la finalità di evitare

Dettagli

GEL PIASTRICO AUTOLOGO

GEL PIASTRICO AUTOLOGO GEL PIASTRICO AUTOLOGO NECESSITA DI COOPERAZIONE CON IL CENTRO TRASFUSIONALE Considerazioni Medico-Legali L I.S.S. in una nota del 27/12/2001, precisa che: 1) Il prelievo e tutta la procedura di preparazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis

Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis Il trasporto, la conservazione e l etichettatura degli Emocomponenti Torino 2012 Relatrice: Francesca Pollis L ETICHETTATURA, IL CONFEZIONAMENTO, LA CONSERVAZIONE E IL TRASPORTO DEL SANGUE E DEGLI EMOCOMPONENTI

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli