Domande e risposte frequenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domande e risposte frequenti"

Transcript

1 Domande e risposte frequenti La malattia autosomica dominante di Alzheimer (Autosomal Dominant Alzheimer s Disease, ADAD) è una forma rara della malattia di Alzheimer (Alzheimer s disease, AD) che provoca perdita di memoria e demenza in persone tra i 30 e i 60 anni di età. L ADAD interessa soltanto l 1% della popolazione totale affetta da AD. L unità di sperimentazione della rete sull Alzheimer di tipo ereditario dominante (Dominantly Inherited Alzheimer Network Trials Unit, DIAN-TU) della Washington University ha lanciato la prima sperimentazione di prevenzione per famiglie a rischio affette da ADAD. La sperimentazione clinica metterà alla prova due composti promettenti, ciascuno studiato per contrastare l AD in modi diversi. La DIAN-TU ha ricevuto un certo numero di domande dalle famiglie e dai soggetti interessati che stanno partecipando allo studio osservazionale condotto da DIAN. Le domande più frequenti riguardo alla partecipazione a tale sperimentazione sono elencate di seguito. Possono arruolarsi nella sperimentazione soggetti cognitivamente normali o affetti da demenza lieve? Sì. I criteri di idoneità alla sperimentazione DIAN-TU includono la demenza lieve e anche l attività mnemonica normale o l assenza di modifiche cognitive. Per partecipare alla sperimentazione, devo conoscere lo stato della mia mutazione? No. Deve essere presente una mutazione autosomica dominante documentata nella famiglia per poter rientrare nei requisiti di idoneità dello studio, ma ai partecipanti non è richiesto di essere o di venire a conoscenza dello stato della mutazione genetica personale per partecipare alla sperimentazione. Se una persona sa che lo stato di mutazione è positivo, può comunque essere idonea a partecipare. Tuttavia, non si è idonei se si sa che lo stato di mutazione è negativo, cioè non si è affetti dalla mutazione che causa l AD nella propria famiglia. Può partecipare alla sperimentazione DIAN-TU sul trattamento chiunque provenga da una famiglia con malattia di Alzheimer autosomica dominante? No. Vi è un numero di criteri specifici di idoneità alla sperimentazione DIAN-TU che sarà necessario soddisfare per poter essere qualificati a partecipare. Il team dello studio DIAN-TU, in collaborazione con le case farmaceutiche associate e con gli enti regolatori coinvolti nei Paesi partecipanti, quali l Agenzia statunitense per gli alimenti e i farmaci (Food and Drug Administration, FDA), ha elaborato questi criteri per assicurarsi che la sperimentazione sia il più sicura ed efficace possibile e per garantire che i risultati forniscano informazioni utili riguardo all impatto dei trattamenti testati sull AD. Tutte le persone interessate lavoreranno con un team dello studio approvato presso il centro per completare una visita di screening e accertarsi che i criteri di inclusione siano rispettati. Ai partecipanti della sperimentazione è richiesta una probabilità di avere una mutazione ADAD di almeno il 50%. Per risultare idonei alla sperimentazione, bisogna avere un genitore o un fratello/una sorella affetti da una mutazione ADAD. Se si è a conoscenza di essere negativi alla mutazione, non si è idonei a partecipare alla sperimentazione. Si noti che i partecipanti alla sperimentazione NON

2 devono necessariamente conoscere il proprio stato di mutazione durante il corso della sperimentazione (lo stato di mutazione è un informazione mantenuta strettamente riservata). Lo studio arruola partecipanti tra i 18 e gli 80 anni di età e 15 anni più giovani o 10 anni più anziani rispetto all età in cui il proprio genitore o fratello/sorella, ha presentato i sintomi dell AD per la prima volta. Per esempio, se il genitore ha mostrato i primi sintomi all età di 45 anni, allora i figli adulti saranno considerati idonei a partecipare dai 30 ai 55 anni di età. Un membro del team dello studio ripercorrerà con Lei la storia della malattia all interno della Sua famiglia, inclusa l età del genitore affetto al momento in cui sono apparsi per la prima volta i sintomi dell AD per determinare la Sua idoneità. Un membro del team dello studio rivedrà con Lei l anamnesi medica e i trattamenti in corso. Le persone affette da condizioni mediche instabili non potranno partecipare. I potenziali partecipanti alla sperimentazione completeranno una visita di screening per stabilire se rientrano nei requisiti di idoneità per una partecipazione sicura. Sono già stati selezionati i farmaci da usare in questa sperimentazione e, se sì, come possiamo avere maggiori informazioni su ciascuno di essi? Sì. La sperimentazione è sponsorizzata e condotta dalla DIAN-TU presso la Washington University in collaborazione con gli Istituti nazionali sulla sanità (Istituto nazionale per l invecchiamento, National Institute on Aging U01AG042791), Eli Lilly & Company e Hoffman-La Roche, produttori dei farmaci selezionati per la ricerca in questa sperimentazione clinica. I fondi e il supporto iniziali saranno forniti dall Associazione per l Alzheimer. Lo scopo dello studio è quello di stabilire la sicurezza, la tollerabilità e l efficacia delle due terapie potenzialmente in grado di modificare la malattia, Solanezumab (composto di Lilly ) e Gantenerumab (composto di Roche ), in soggetti a rischio di mutazione genetica causa della malattia di Alzheimer di tipo ereditario dominante, confrontando ciascun farmaco con placebo per stabilire se uno o entrambi possano prevenire, ritardare o addirittura invertire l AD. Solanezumab e Gantenerumab sono entrambi anticorpi monoclonali che si legano alla beta amiloide, una proteina che si accumula nel cervello di persone affette dalla malattia di Alzheimer. Si pensa che l accumulo anomalo di questa proteina nel cervello abbia un ruolo importante in sintomi quali perdita di memoria e confusione. Solanezumab e Gantenerumab agiscono come una sorta di immunizzazione passiva dell organismo, cioè forniscono anticorpi che aiutano le difese dell organismo contro infezioni o malattie. Tale immunizzazione passiva avviene quando gli anticorpi vengono immessi direttamente nell organismo, senza costringere l organismo a produrli. La speranza è che uno dei farmaci in studio (anticorpi monoclonali) o entrambi, possano rimuovere le beta amiloidi dal cervello. Una spiegazione esaustiva dei farmaci in studio, della somministrazione e degli effetti collaterali viene fornita nei moduli di consenso informato dello studio. È previsto un gruppo placebo per la sperimentazione? Sì. Al fine di determinare l efficacia e/o l azione del/dei farmaco/i in studio, la sperimentazione include un placebo, cioè una preparazione inattiva, progettata per assomigliare al farmaco in studio. I partecipanti positivi alla mutazione avranno 3 possibilità su 4 (75%) di venire assegnati a un gruppo trattato con il farmaco attivo. I partecipanti negativi alla mutazione saranno invece randomizzati per ricevere il placebo. Se si è a conoscenza di essere negativi alla mutazione, non si è idonei a partecipare allo studio. Il rapporto farmaco:placebo è di 3:1. La maggior parte delle sperimentazioni di ricerca hanno soltanto una possibilità

3 del 50% di ricevere il farmaco. L inclusione di un gruppo placebo nella sperimentazione del trattamento è un requisito dell Agenzia statunitense per gli alimenti e i farmaci (Food and Drug Administration, FDA), l agenzia governativa che fornisce supervisione e linee guida sulle sperimentazioni di potenziali terapie con nuovi farmaci. Chi decide se i partecipanti ricevono il farmaco attivo o il placebo? Un sistema informatico assegna a caso i partecipanti al farmaco attivo o al placebo. L assegnazione al farmaco o al placebo è in cieco, cioè né il partecipante, né i membri del team dello studio sapranno se una persona riceve il medicinale in studio o il placebo. I partecipanti con mutazione negativa saranno assegnati al trattamento con placebo per motivi di sicurezza e in modo da non rivelare lo stato della mutazione al partecipante o al team dello studio. Quali sono i possibili effetti collaterali dei farmaci? Un elenco degli effetti collaterali potenziali è incluso nel modulo di consenso di cui riceverà copia prima dell arruolamento nello studio. Il team dello studio sarà disponibile a rispondere a qualsiasi domanda prima della prima visita dello studio. La incoraggiamo a prendersi tutto il tempo necessario per leggere e rivedere il modulo di consenso. Durante la partecipazione, sarà seguito/a da vicino da un infermiere dello studio. Se manifestasse effetti collaterali gravi, il trattamento con il farmaco in studio potrebbe essere sospeso temporaneamente, finché l effetto o gli effetti scompaiono. Se l effetto collaterale fosse grave, il trattamento potrebbe essere interrotto. Le verrà chiesto di sottoporsi a esami di risonanza magnetica di sicurezza, circa ogni tre mesi, per consentire agli sperimentatori dello studio di monitorare la Sua condizione e assicurarsi che non vi siano modifiche cerebrali. Potrebbero anche verificarsi effetti collaterali non noti. La comparsa di effetti collaterali, indica che si è positivi alla mutazione? No. Anche chi è assegnato al gruppo placebo potrebbe manifestare effetti collaterali. È molto probabile che gli effetti collaterali siano lievi e non differiscano da forme di disagio comuni quali mal di testa, affaticamento e nausea. Tutti gli effetti collaterali manifestati saranno documentati. La sperimentazione valuterà eventuali cambiamenti dei biomarcatori per stabilire se ci sia una risposta al medicinale in studio. Il personale dello studio farà tutto il possibile per mantenere coloro che sono coinvolti nella sperimentazione in cieco riguardo allo stato di mutazione, ma è possibile che tramite la partecipazione allo studio Lei venga a conoscenza del Suo stato di mutazione, per esempio se manifestasse un effetto collaterale associato al farmaco attivo. Come verranno somministrati i farmaci in studio? Il farmaco in studio verrà somministrato sia per via endovenosa (EV) sia per iniezione sottocutanea nella regione addominale. Ulteriori informazioni sul modo di somministrazione del farmaco saranno fornite nel documento di consenso specifico di ciascun gruppo di trattamento. Quanto dura la sperimentazione? Dovrà rimanere nello studio per 24 mesi, con possibili estensioni o ricerche aggiuntive. Quanto sono frequenti le visite dello studio?

4 Le visite dello studio includono: la visita di screening a domicilio, la visita basale, le visite mensili di sicurezza e somministrazione del farmaco, a domicilio o nelle vicinanze, gli esami trimestrali di risonanza magnetica di sicurezza e le visite annuali, il primo e il secondo anno, presso il centro di sperimentazione DIAN-TU per una valutazione completa. Un membro del team dello studio La aiuterà a programmare tutte le visite. Il programma delle visite dello studio è incluso nel modulo di consenso. Una volta completate tutte le procedure di screening e appena confermata l idoneità alla partecipazione, sarà randomizzato/a a un braccio di trattamento dello studio, che può essere Solanezumab rispetto al placebo o Gantenerumab rispetto al placebo. Né Lei né i membri del team dello studio sapranno se Le sarà assegnato il medicinale in studio o il placebo. Non potrà scegliere il braccio di trattamento dello studio. Appena sarà assegnato/a, a caso, a un braccio di trattamento dello studio, un membro del team revisionerà assieme a Lei il consenso specifico al farmaco in studio. Riceverà la prima dose del medicinale in studio il Giorno 3 della visita basale. Le procedure dello studio al basale (ad es. la puntura lombare, il prelievo di sangue per i biomarcatori e la scansione cerebrale) saranno completate annualmente, per due anni, dall inizio dello studio. Cos è la visita di screening? Lo screening include la raccolta di dati demografici, segni vitali, anamnesi medico-chirurgica, esami genetici e di laboratorio di sicurezza (incluso il test di gravidanza) e test mnemonici e cognitivi (così potrà familiarizzare con l uso dell ipad e delle istruzioni per i test). La visita di screening potrebbe essere condotta al centro di sperimentazione DIAN-TU, a domicilio oppure in un altro centro, se richiesto. Questa visita ha lo scopo di valutare l idoneità preliminare del soggetto e di condurre gli esami di sicurezza prima della visita 2 al basale presso il centro di sperimentazione DIAN-TU. La visita di screening dura generalmente 3-4 ore e può essere pianificata quando Le risulta comodo, anche il fine settimana o la sera. Cos è la visita basale? Per completare una visita basale dovrà recarsi al centro di sperimentazione DIAN-TU per una visita dello studio di 3-4 giorni, che prevede le restanti procedure di screening richieste per valutare l idoneità. Dopo che il medico dello studio avrà determinato che Lei soddisfa tutti i criteri di idoneità per la partecipazione, Le sarà chiesto di sottoporsi a un certo numero di studi sui biomarcatori. Un elenco delle procedure dello studio a questa visita è fornito di seguito: - Elettrocardiogramma di screening per rilevare eventuali anomalie cardiache. - Risonanza magnetica per osservare la struttura cerebrale. - Tre esami PET programmati nel corso dell intera visita. Ciascun esame PET utilizza una piccola quantità di tracciante radioattivo per rilevare l uso energetico cerebrale o la presenza di placche amiloidi. - Una puntura lombare per la raccolta del liquido cerebrospinale. - Una valutazione clinica con un medico dello studio per determinare modifiche mnemoniche e cognitive, cambi d umore, di giudizio e di personalità. Il medico La sottoporrà anche a esame obiettivo e neurologico. - Test con carta e penna e computerizzati per valutare le Sue abilità mnemoniche e cognitive. - Prelievi di sangue per stabilire se sono presenti (e se presenti, in quali quantità) determinati marcatori che potrebbero indicare la presenza di malattie.

5 - Prelievi di sangue per test genetici. I campioni di sangue saranno inviati a un laboratorio approvato dello studio, utilizzando un numero identificativo unico per le analisi relative alla mutazione familiare riportata. Non Le verranno quindi inviati i risultati di tali test. Se desiderasse conoscere, nel corso della partecipazione allo studio, lo stato di mutazione genetica, il team dello studio le consiglierà di rivolgersi a un genetista certificato. Dopo il completamento delle procedure sui biomarcatori e dopo la randomizzazione, Le verrà somministrato il farmaco in studio. Le visite dello studio posso essere programmate durante le ore lavorative? Sì. La DIAN-TU ha previsto la disponibilità di infermieri per condurre visite dello studio a domicilio o in ufficio. Gli infermieri addetti alle visite saranno disponibili durante i giorni feriali, nei fine settimana e anche alla sera, se necessario. Il team di ricerca collaborerà con Lei per programmare le visite dello studio e garantire che tutte le visite di sicurezza siano completate nel modo a Lei più conveniente possibile. Gli infermieri addetti alle visite non faranno parte del personale del centro ma saranno assunti tramite un azienda di servizi sanitari a domicilio. Purtroppo, non siamo in grado di programmare le visite basali o annuali presso il centro di sperimentazione DIAN-TU durante i fine settimana. I partecipanti che assumono medicinali per il deterioramento mnemonico (Namenda, Aricept, Razadyne, Exelon ) potranno continuare il trattamento durante la partecipazione alla sperimentazione? Sì. Sarà possibile continuare il trattamento prescritto e partecipare allo studio. Tuttavia, la dose del medicinale dovrà essere stabile per almeno 90 giorni prima di iniziare lo studio e il farmaco prescritto non dovrà essere sostituito durante la durata dello studio. Durante la visita di screening, un infermiere dello studio discuterà con Lei dei farmaci che assume. Devo segnalare al mio medico la partecipazione alla sperimentazione? No. Non dovrà segnalare al Suo medico di base o ad altri professionisti sanitari la partecipazione alla sperimentazione. Starà a Lei decidere se rivelare tale informazione al Suo medico. Se al momento sto partecipando allo studio osservazionale DIAN, devo recarmi allo stesso centro di ricerca? L ideale sarebbe che Lei rimanesse al centro DIAN presso cui si reca normalmente, dove il team di ricerca La conosce bene. Tuttavia, non tutti i centri di ricerca osservazionale sono anche centri di sperimentazione DIAN-TU, quindi potrebbe essere necessario recarsi presso un altro centro. Inoltre, un determinato centro di sperimentazione DIAN-TU potrebbe risultarle più comodo o raggiungibile, quindi i partecipanti potranno arruolarsi in qualsiasi centro di sperimentazione DIAN-TU. La esortiamo a rivolgersi al coordinatore del Registro Esteso DIAN sul sito o al numero 844-DIAN-EXR ( ) per discutere della Sua partecipazione. Dove trovo ulteriori informazioni sui centri di ricerca DIAN-TU? Per ulteriori informazioni, La preghiamo di rivolgersi al Registro Esteso DIAN sul sito o di visitare il sito La sperimentazione è in corso in vari centri DIAN-TU o in centri associati. Le informazioni riguardo ai centri di sperimentazione DIAN-TU approvati

6 sono disponibili sui relativi siti web forniti. La DIAN-TU prevede che i centri interessati negli Stati Uniti (incluso Porto Rico) e in Canada saranno 15, con l aggiunta di centri internazionali in Europa (Francia, Italia, Spagna e Regno Unito) e Australia.

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

Febbre Mediterranea Familiare

Febbre Mediterranea Familiare Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Cos è? Febbre Mediterranea Familiare La febbre mediterranea familiare (FMF) è una malattia genetica. I pazienti affetti soffrono di ricorrenti attacchi

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Conoscere i volti della demenza. Cosa si deve sapere della malattia di Alzheimer e delle altre demenze

Conoscere i volti della demenza. Cosa si deve sapere della malattia di Alzheimer e delle altre demenze Conoscere i volti della demenza Cosa si deve sapere della malattia di Alzheimer e delle altre demenze Vero o falso? Barrare una casella e controllare la risposta alle pagine seguenti Vero Falso 1 Chi ha

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Sezione di Citogenetica e Genetica molecolare Responsabile: Dott. Guglielmo Sabbadini Specialista in Genetica Medica Informazioni per la diagnosi molecolare di sordita

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO

Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO Versione breve del documento informativo sullo studio per il PAZIENTE ADULTO CHE HA RIACQUISTATO CAPACITA DI DISCERNIMENTO Per una migliore leggibilità viene utilizzata solo la forma maschile. Confronto

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante

Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Indicazioni per la predisposizione del foglio informativo, del modulo di consenso informato e della lettera al medico curante Introduzione e premesse Sezione 1: Indicazioni per la redazione del foglio

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO STUDIO ACIDO FOLICO TITOLO DEL PROTOCOLLO DI STUDIO: EFFICACIA DI DOSAGGI ELEVATI DI ACIDO FOLICO NEL PREVENIRE L OCCORRENZA DELLE MALFORMAZIONI CONGENITE. TRIAL CLINICO RANDOMIZZATO NELLE DONNE IN ETA

Dettagli

www.isscr.org Appendice 1 delle linee guida per la traslazione clinica delle cellule staminali. Dicembre 2008

www.isscr.org Appendice 1 delle linee guida per la traslazione clinica delle cellule staminali. Dicembre 2008 Società Internazionale Per La Ricerca Sulle Cellule Staminali (ISSCR) Manuale per il paziente relativo alle terapie con cellule staminali Appendice 1 delle linee guida per la traslazione clinica delle

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PAZIENTI. POPART MUS: progesterone ed estradiolo nella prevenzione delle recidive post-partum nella Sclerosi Multipla

FOGLIO INFORMATIVO PER LE PAZIENTI. POPART MUS: progesterone ed estradiolo nella prevenzione delle recidive post-partum nella Sclerosi Multipla FOGLIO INFORMATIVO PER LE PAZIENTI PROMOTORE OSDEDALI CIVILI DI LIONE POPART MUS: progesterone ed estradiolo nella prevenzione delle recidive post-partum nella Sclerosi Multipla Studio clinico multicentrico

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE

DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE DOMANDE E RISPOSTE SUI CONTRACCETTIVI ORMONALI COMBINATI: INFORMAZIONI AGGIORNATE PER LE DONNE Perché sono ora disponibili nuove informazioni? Un ampia recente revisione europea ha valutato i benefici

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA

Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA Autismo. Potrebbe iniziare già in gravidanza. Ecco lo studio USA http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=20640 Pagina 1 di 2 28/03/2014 quotidianosanità.it Venerdì 28 MARZO 2014

Dettagli

Versione breve del documento informativo sullo studio per paziente ADOLESCENTE (14-17 anni) CON CAPACITA DI DISCERNIMENTO

Versione breve del documento informativo sullo studio per paziente ADOLESCENTE (14-17 anni) CON CAPACITA DI DISCERNIMENTO Versione breve del documento informativo sullo studio per paziente ADOLESCENTE (14-17 anni) CON CAPACITA DI DISCERNIMENTO Per una migliore leggibilità viene utilizzata solo la forma maschile. Confronto

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico:

Premesse. Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Premesse 2 Lo sviluppo di nuovi medicinali è un processo molto impegnativo sia dal punto di vista procedurale che economico: Su 8 molecole che presentano potenzialità terapeutiche solo 1, solitamente,

Dettagli

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Faustina Lalatta Medico genetista Responsabile UOD Genetica Medica Dipartimento area salute della donna, del bambino e del neonato Direttore

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 2 Gli studi crossover Periodo 1 Periodo 2 R A N D O M A B A B Valutazione Tempo 1 0 1 1 2 0 2 1 Gli studi crossover Metodo epidemiologici per la clinica

Dettagli

Le basi gettate nel 2007

Le basi gettate nel 2007 420 Lexington Avenue Tel : +1-212-297-0010 Suite 1609 Fax: +1-212-297-0020 New York, NY 10170, USA www.callistopharma.com Lettera agli Azionisti 21 Dicembre 2007 Gentile Azionista Callisto, abbiamo il

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO.

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. Che cosa è? La febbre reumatica è una malattia scatenata da un infezione streptococcica. La malattia può causare

Dettagli

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia

SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE. Pietro Ragni. Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia SETTE FASI PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE Pietro Ragni Risk Manager, Direzione Sanitaria AUSL di Reggio Emilia Libera traduzione da National Patient Safety Agency (NPSA),

Dettagli

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE ACICLOVIR ABC 800 mg COMPRESSE ACICLOVIR ABC 400 mg/5 ml SOSPENSIONE ORALE 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Aciclovir

Dettagli

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI

STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI STRUMENTO EDUCATIVO PER PAZIENTI CHE ASSUMONO FARMACI CHEMIOTERAPICI ORALI Questo strumento è stato creato per facilitare gli operatori sanitari nella valutazione e nell educazione dei pazienti trattati

Dettagli

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002.

Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Le tabelle sui suicidi indotti dall uso di psicofarmaci. Un analisi dell utilizzo del Prozac, Paxil e Zoloft negli Usa dal 1988 al 2002. Il metodo IMR - Patient Flow Model è stato ora utilizzato per analizzare

Dettagli

TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE.

TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE. TITOLO DELLO STUDIO: CLAMPAGGIO AD 1 MINUTO NEL PRETERMINE. CODICE DELLO STUDIO: DATA DEL DOCUMENTO: CENTRO N.: N. DI ARRUOLAMENTO: INIZIALI DEL PAZIENTE: PAGINA N. 1 DI 10 PAGINE Gentili Mamme e Papà,

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

Relazione autonoma del paziente: questionario di registrazione medica (II) Il registro internazionale delle disferlinopatie

Relazione autonoma del paziente: questionario di registrazione medica (II) Il registro internazionale delle disferlinopatie Il registro internazionale delle disferlinopatie Questionario II Pagina 1 / 8 Relazione autonoma del paziente: questionario di registrazione medica (II) Il registro internazionale delle disferlinopatie

Dettagli

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più

Soluzione. Benefici. Esigenze. Il cliente. Per saperne di più Medicina d iniziativa rivolta al paziente cronico: una piattaforma integrata per il telemonitoraggio domiciliare a supporto del Medico di Medicina Generale in Lombardia con i servizi di Telbios e la tecnologia

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

Documento informativo sullo studio osservazionale

Documento informativo sullo studio osservazionale Documento informativo sullo studio osservazionale TITOLO DELLO STUDIO: PokerMapper - mappatura delle funzioni esecutive in ambienti di poker online Le viene chiesto di partecipare, a fini di ricerca, a

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

L informazione ai pazienti

L informazione ai pazienti PREVENZIONE DELLE MALATTIE RARE: LO STATO DELL ARTE L informazione ai pazienti La Consulenza Genetica come strumento d informazione sulle malattie rare Dott. Danilo Deiana Servizio di Screening e Consulenza

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa

Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa National Community Education Initiative Porre domande può essere d aiuto: Un aiuto per le persone in cura palliativa Asking Questions Can Help: An aid for people seeing the palliative care team Italian

Dettagli

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più

Che cosa è Cam più. A chi si rivolge. Quali benefici apporta. Cam più Che cosa è Cam più CAM PIU è un servizio sanitario polispecialistico finalizzato all incremento della qualità di vita in soggetti sani: di chi cioè sta bene, ma vorrebbe stare meglio e ritardare gli effetti

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto?

Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? Il carcinoma della mammella può essere prevenuto? A cura del Dr.G.Antonini Non esiste un modo sicuro per prevenire il cancro al seno. Ma ci sono cose che tutte le donne possono fare che potrebbero ridurre

Dettagli

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN)

Firenze 26 Settembre 2014. Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Firenze 26 Settembre 2014 Antonella Leto Presidente Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze (ANIN) Regolamento (UE) n. 536/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 aprile 2014, sulla

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Gestione del farmaco sperimentale Santina Fasani, GMO Country Head Novartis Oncologia Italia Università degli Studi di Firenze, 26 settembre

Dettagli

-Sinossi del Protocollo-

-Sinossi del Protocollo- -Sinossi del Protocollo- CHEMIO-IMMUNOTERAPIA INTENSIVA PER IL TRATTAMENTO IN PRIMA LINEA DI PAZIENTI ADULTI CON LINFOMA NON HODGKIN A CELLULE T PERIFERICHE (PTCL) Studio Clinico A Tipo di studio Scopo

Dettagli

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4

Anemia e nefropatia. Stadi 1 4 Anemia e nefropatia Stadi 1 4 Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L iniziativa della National Kidney Foundation (NKF-KDOQI ) sviluppa linee

Dettagli

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE

PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE PROF. MASSIMO TABATON - CURRICULUM VITAE Stato Professionale 1980-1981: Assistente di ruolo in Neurologia, Osp. Di Alessandria 1987-1990 : Assistente Neurologo, Clinica Neurologica, Università di Genova

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Lezioni di musica fin da bambini Un investimento per il cervello

Lezioni di musica fin da bambini Un investimento per il cervello Corriere della Sera http://www.corriere.it/salute/pediatria/14_febbraio_24/lezioni-musica-fin-bambini-inv... Page 1 of 1 03/03/2014 stampa chiudi STUDIO Lezioni di musica fin da bambini Un investimento

Dettagli

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana

CAUSE E CONSEGUENZE. Lingua Italiana Che cos è il Diabete CAUSE E CONSEGUENZE. Lilly Cos è il Diabete Il DIABETE MELLITO è una malattia frequente che dura tutta la vita. In Italia ci sono 3 milioni e mezzo di persone con Diabete, a cui vanno

Dettagli

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015

Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 IL DOVERE E IL DIRITTO DI DARE VOCE E CURA AL DOLORE DELLA PERSONA NON IN GRADO DI RIFERIRLO Questionario per indagine nazionale conoscitiva data di avvio: marzo 2015 Il dolore è il più soggettivo tra

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

IL GRUPPO ITALIANO PAZIENTI DI FABRY ED ASSISTENZA DOMICILIARE

IL GRUPPO ITALIANO PAZIENTI DI FABRY ED ASSISTENZA DOMICILIARE DOTT. GINO DI NELLA Presidente Associazione Gruppo Italiano Pazienti di Fabry, G.I.P.F. Onlus IL GRUPPO ITALIANO PAZIENTI DI FABRY ED ASSISTENZA DOMICILIARE La malattia di Fabry, sue possibilità terapeutiche

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

Efficacia di un nutraceutico a base di fosfatidilinositolo, acidi grassi n-3 e melatonina in pazienti affetti da Mild Cognitive Impairment: studio pilota Mariangela Rondanelli 1, Marco Mozzoni 1, Annalisa

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

Con il patrocinio della FNOMCeO

Con il patrocinio della FNOMCeO SPERIMENTAZIONE PURA NAZIONALE Il rimedio omeopatico ultramolecolare: il medico che sperimenta su se stesso. Aspetti legali, metodologici ed etici della sperimentazione pura sull uomo sano. Con il patrocinio

Dettagli

INFORMATIVA AI CITTADINI

INFORMATIVA AI CITTADINI INFORMATIVA AI CITTADINI per le persone fragili Regione Lombardia ha definito modalità e strumenti di intervento, in particolare a favore di: - persone in condizione di dipendenza vitale - persone portatrici

Dettagli

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State 1 Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law vi permette di nominare una persona di fiducia, ad

Dettagli

PER CHI FOSSE INTERESSATO A PARTECIPARE ALLA SPERIMENTAZIONE ALLEGHIAMO QUI DI SEGUITO UN OPUSCOLO INFORMATIVO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI CHIAMARE IL

PER CHI FOSSE INTERESSATO A PARTECIPARE ALLA SPERIMENTAZIONE ALLEGHIAMO QUI DI SEGUITO UN OPUSCOLO INFORMATIVO. PER ULTERIORI INFORMAZIONI CHIAMARE IL 1 CONTRACCEZIONE ORMONALE MASCHILE Sino ad oggi notevoli sforzi sono stati compiuti nello studio e sviluppo di contraccettivi femminili, ma non altrettanti nel campo della contraccezione maschile. Le più

Dettagli

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti.

ICTUS CEREBRI. Come per le patologie cardiache acute, il fattore tempo diventa decisivo, per poter ottenere risultati soddisfacenti. ICTUS CEREBRI L ictus cerebri è un improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale (coma) delle funzioni cerebrali di durata superiore alle 24 ore o ad esito infausto,

Dettagli

IL DISEGNO DELLO STUDIO

IL DISEGNO DELLO STUDIO IL DISEGNO DELLO STUDIO Le strategie dell epidemiologia clinica Epidemiologia osservazionale Studi descrittivi Case-report Case-series Studi costruttivi Trasversali Caso-controllo Coorte Epidemiologia

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

03/12/2008 10.30 REGIONE LOMBARDIA -> Page 006 of 10

03/12/2008 10.30 REGIONE LOMBARDIA -> Page 006 of 10 03/12/2008 10.30 REGIONE LOMBARDIA -> Page 006 of 10 EMENCHMP/590563/2008 EMEA/H/A-5.3 Parere del Comitato per i Prodotti Medicinali ad Uso Umano, ai sensi dell'articolo 5(39) del regolamento (CE) n. 726/2004,

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Promotore: Division de Pharmacologie et Toxicologie Cliniques, CHUV, 1011 Losanna

Promotore: Division de Pharmacologie et Toxicologie Cliniques, CHUV, 1011 Losanna Informazione per i pazienti: VALUTAZIONE DEL MONITORAGGIO DELLA CONCENTRAZIONE DI IMATINIB: CONFRONTO TRA L UTILITÀ CLINICA DI UN MONITORAGGIO TERAPEUTICO DEI FARMACI (TDM) "DI ROUTINE" E DI UN TDM "D'EMERGENZA"

Dettagli

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea.

8 maggio2014. Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico. La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. 8 maggio2014 Giornata Mondiale sul Tumore Ovarico La Rete Farmacisti Preparatori è in prima linea. Aiutaci ad abbattere il muro del silenzio Ognuno di noi ha una donna che ama e che ci ama: una mamma,

Dettagli

ASSOCIAZIONE. SCLEROSI MULTIPLA dell ISTITUTO SCIENTIFICO H SAN RAFFAELE ONLUS AMICI DEL CENTRO PER LA

ASSOCIAZIONE. SCLEROSI MULTIPLA dell ISTITUTO SCIENTIFICO H SAN RAFFAELE ONLUS AMICI DEL CENTRO PER LA ASSOCIAZIONE AMICI DEL CENTRO PER LA SCLEROSI MULTIPLA dell ISTITUTO SCIENTIFICO H SAN RAFFAELE ONLUS www. acesm. org Foglio d informazione n 49 giugno 2012 Resoconto dall AAN Congresso Annuale della Società

Dettagli

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg).

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg). EMA/47517/2015 EMEA/H/C/000829 Riassunto destinato al pubblico dabigatran etexilato Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

INVESTIGATOR MEETING

INVESTIGATOR MEETING 2005 INVESTIGATOR MEETING Introduzione e obiettivi dello studio ECM BPCO Campus come parte del protocollo Protocollo e Scheda Raccolta Dati Aspetti organizzativi e gestionali Discussione e Conclusione

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli