ANS Training Aeromobili

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANS Training Aeromobili"

Transcript

1 ALTIMETRO L altimetro barometrico è lo strumento che indica la distanza verticale di un punto dalla superficie isobarica di riferimento in precedenza stabilita e in ogni caso variabile in un campo che va dai 948 hpa (28.00 inches) ai 1050 hpa (31.00 inches). Il suo funzionamento si basa sulla capsula aneroide tarata secondo i valori ISA, influenzata esclusivamente dalla pressione statica presente nella cassa, rilevata dalle prese, e trasdotta in indicazioni analogiche o digitali mostrate al pilota attraverso il quadrante graduato. Esiste poi un particolare tipo d altimetro detto a tamburo o elettropneumatico che equipaggia gli aerei a turbina dotati di C.A.D.C. L altimetro tarato in atmosfera standard (pressione hpa), indicherebbe, a valore costante, la quota dell aereo sempre in maniera corretta e uguale per tutti i luoghi. Così i piloti, conoscendo l elevazione degli ostacoli, potrebbero volare senza bisogno di modificare il valore di pressione di riferimento, in sicurezza e senza complicazioni per i CTA che li devono mantenere separati; purtroppo non è così. Variando il valore di pressione nel tempo e nello spazio (gradiente barico orizzontale) in funzione delle condizioni meteorologiche ed essendo diverse le esigenze del pilota e del controllore nelle singole fasi del volo: decollo, atterraggio, crociera, si sono stabiliti dei parametri d utilizzo dei vari valori di pressione funzionali all esigenza del momento. 128

2 Il valore di pressione per il regolaggio altimetrico varia tra un minimo di 948 hpa ad un massimo di 1050 hpa. Il pilota comanda la scala attraverso un nottolino sullo strumento, e l intervallo che si può leggere tra i valori di pressione che variano di un hpa per volta equivale allo spostamento della lancetta (indicante le decine di piedi), di 27 piedi alla volta (vedere valori ISA). I metodi per la regolazione dell altimetro in funzione della fase di volo, devono essere comuni a tutti gli operatori e fare riferimento alle superfici isobariche: Le superfici aeroportuali, la superficie del mare e la superficie isobarica standard o, assoluta. altim. convenzionale. altim. a tamburo. 129

3 Per poter operare sulla superficie aeroportuale (voli in circuito, avvicinamenti strumentali, operazioni di volo in zone di depressione orografica) e conoscere esattamente la quota rispetto al terreno occorre inserire nell altimetro in hpa o inches il valore di pressione presente a livello della pista. Questo valore di pressione s identifica con la sigla Q F E. Quando lo strumento è tarato su questo valore con l aeromobile a terra, l altimetro indicherà la quota 0 (zero)ft Il QFE dà indicazioni d altezza rispetto alla superficie aeroportuale La regolazione altimetrica più usata è quella riferita al valore di pressione esistente al livello del mare. Questo valore di pressione si identifica con la sigla Q N H. I Controllori del traffico aereo forniscono il valore di pressione al pilota. Il pilota leggerà sull altimetro la quota dell aeromobile espressa come altitudine ovvero la distanza verticale del velivolo dalla superficie media del mare. Comparando il valore del QNH con quello del QFE si ricava l elevazione dell aeroporto rispetto alla superficie del mare tenendo presente il gradiente barico verticale ISA. 130

4 Il QNH da indicazione d altitudine La regolazione altimetrica per il volo in aerovia è definita regolazione isobarica standard o assoluta e fa riferimento al valore di pressione 1013,2 hpa. Questo tipo di regolazione si identifica con la sigla Q N E. Si usa a partire dall altitudine di transizione durante la fase di salita e, fino al livello di transizione durante la fase di discesa. Garantisce l unicità di riferimento per la quota dei voli controllati. Il QNE da indicazione dei livelli di volo 131

5 132

6 L altimetro è soggetto ad errori di: isteresi; postazione; meccanica; e di scala che vengono praticamente risolti adottando un altimetro a presentazione digitale (dotazione obligatoria per gli AA/MM RVSM) ma anche di pressione e temperatura. Questi ultimi sono i più importanti. L errore di pressione è più evidente per aeromobili con caratteristiche di volo avanzate, non comporta nessuna conseguenza quando l altimetro è regolato su hpa (QNE) e si vola per livelli di volo, mentre volando con il QNH su lunghe distanze senza aggiornarlo passando da una zona di alta pressione ad una zona di bassa pressione potrebbe trovarsi a volare in condizioni non di sicurezza. Infatti pur rimanendo l indicazione dell altimetro costante (es piedi), in realtà l aeromobile si troverebbe al di sotto della quota indicata, compromettendo la separazione dagli ostacoli. Il fenomeno inverso si può riscontrare volando da zone di bassa pressione verso aree con valori di alta pressione. Traiettoria del volo da alta a bassa pressione. L errore di temperatura, si riferisce allo scostamento tra isobare in funzione della temperatura. Poiché gli altimetri sono tarati in aria standard, essi misurano il gradiente barico verticale sempre con gli stessi valori standard (ISA) quindi: un hpa ogni 27 ft.. La meteorologia insegna che al diminuire della temperatura di una massa d aria, corrisponde una diminuzione del gradiente barico verticale, diminuisce cioè l intervallo tra due successive superfici isobariche (ad es. da 27ft a 18 ft) e quindi la distanza verticale dell aereo, rispetto alla superficie di riferimento (QNH). Infine, volando da una zona più 133

7 calda verso una più fredda senza aggiornare il regolaggio altimetrico (QNH) ci si troverà comunque ad avere una distanza verticale rispetto alla superficie isobarica di riferimento, inferiore a quella effettivamente letta sullo strumento. Traiettoria del volo da bassa ad alta temperatura. NOTA: La variazione di pressione da luogo a luogo, pone due problemi: La separazione dagli ostacoli. La separazione tra aeromobili. Per i voli IFR i problemi sono stati risolte assegnando percorsi standard (SID/STAR/AWYS) in cui la separazione dagli ostacoli è sempre assicurata e al sopra una determinata altitudine (altitudine di transizione) gli aeromobili utilizzano il regolaggio altimetrico standard 1013,2 e volano per livelli di volo. Altitude Allerting System. Il sistema di allarme quota è presente sugli aeromobili che hanno capacità di effettuare salite/discese a ratei elevati (e dotazione obligatroria per i voli RVSM). Il suo scopo è quello di avvisare l equipaggio che si è prossimi al raggiungimento della quota stabilita, utilizzando sistemi visivi e sonori. L avviso viene generato con un anticipo di 900/1000Ft prima della quota e qualora il livello mantenuto differisca di +200 Ft da quello da mantenere. Negli AA/MM EFIS, questo sistema è integrato nell avionica digitale. Il radioaltimetro, misura l altezza di volo dell aeromobile riferita al punto inferiore delle ruote a carrello esteso. Il sistema si basa confronto tra un segnale in partenza dall antenna trasmittente posizionata sotto la fusoliera, con quello di ritorno riflesso dal suolo, legge 134

8 il tempo che intercorre tra invio e ricezione e lo trasforma distanza verticale ovvero in altezza assoluta riferita alla superficie. Esistono due tipi di radioaltimetro: il primo funziona a modulazione di frequenza (frequenze da 4,250 a 4,350 MHz) ed è impiegato per misurare altezze inferiori ai 5000 ft. Il secondo funziona ad impulsi ed è chiamato radaraltimetro, adatto alla misurazione d altezze maggiori. Viene utilizzato prevalentemente per la misurazione della quota durante i voli spaziali e, data la sua semplicità di istallazione e funzionamento, equipaggia gli UAV. ubicazione delle antenne del RA Presentazione a quadrante Presentazione a tamburo. 135

9 VARIOMETRO (VSI) Il variometro (Vertical Speed Indicator) è uno strumento che serve per misurare e indicare la velocità verticale dell aeromobile. È complementare all altimetro giacché fornisce la variazione di quota rispetto al tempo trascorso. Il principio di funzionamento si basa sulla misurazione delle variazioni di pressione statica trasformate in indicazioni di variazione di quota nell unità di tempo e la esprime in piedi/minuto o metri/secondo. La capsula è collegata all impianto delle prese statiche ed è contenuta in una cassa a tenuta stagna con la quale ha un unico collegamento costituito da un tubicino capillare con la funzione di ritardare il flusso d aria da e per l interno della cassa. La capsula è collegata ad una combinazione di leve ed ingranaggi che trasformano le contrazioni o le dilatazioni in indicazioni alfanumeriche o digitali sul quadrante dello strumento. Quando l aereo è al suolo oppure in volo livellato le pressioni all interno della capsula e quelle nella cassa sono eguali quindi l indicatore, sarà a 0 ; se l aereo inizia la salita la pressione all interno della cassa, grazie all azione del tubo capillare, sarà superiore di quella all interno della capsula e l indicazione strumentale sarà a salire. L indicazione a salire o a scendere dello strumento sarà il risultato del ritardo con cui la pressione statica all interno della capsula, tramite il capillare, cerca di equilibrare quella della cassa esterna. Le indicazioni di variazione delle velocità variometriche subiscono un certo ritardo sul loro inizio e sul loro termine, sono attendibili solo dopo qualche secondo (da 5 a 10 sec circa). Il variometro è comunque un ottimo indicatore di tendenza. L inconveniente ritardo si è risolto dotando i variometri di due accelerometri che rinominano lo strumento con la sigla: IV S I. 136

10 RIEPILOGATIVO DEGLI STRUMENTI A CAPSULA ANEMOMETRO (ASI = Air Speed Indicator) COMPONENTI: MISURAZIONI: INDICAZIONI DI RIFERIMENTO: Tubo di Pitot. Capsula differenziale. Scala graduata con indice. Indici di riferimento (fissi e/o mobili). Velocità all aria indicata (IAS in nodi). È tarato alla densità dell aria ISA al MSL. Vel. di stallo. Vel. caratteristiche di manovra per le varie fasi del volo. Vel. massime (VNE, VMO). 137

11 ALTIMETRO (Altitude Indicator) COMPONENTI: Presa statica. Capsula barometrica aneroide. Scala graduata con indici. Regolatore valori pressione di riferimento in hpa o Pollici di Hg. MISURAZIONI: Press. statica in atmosfera reale. Scala barometrica in ISA. INDICAZIONI DI RIFERIMENTO: Distanza verticale della superficie isobarica di riferimento*. QNH; QFE; *Riferimento QNH = quota espressa in termini di altitudine Riferimento QFE = quota espressa in termini di altezza rispetto alla pista. Riferimento = quota espressa in termini di livelli di volo VARIOMETRO (Vertical Speed Indicator) COMPONENTI: Presa statica. Capsula con unità di dosaggio (tubo capillare). Accelerometri (eventuali). Scala graduata logaritmica speculare negativa (a scendere) e positiva (a salire) con indice. MISURAZIONI: INDICAZIONI DI RIFERIMENTO: Velocità di discesa o di salita misurate nell unità di tempo (ft/min o mt/sec). È tarato in ISA. Misurazione delle variazioni di quota nell unità di tempo attraverso l indicazione del gradiente di salita o discesa anche se con minimo ritardo. Indicazione istantanea della tendenza a cambiare quota o rateo. 138

12 STRUMENTI GIROSCOPICI Gli strumenti giroscopici sono: il direzionale, l orizzonte artificiale, ed il virosbandometro. Hanno come fonte di energia un particolare meccanismo detto giroscopio che ne caratterizza il principio di funzionamento. Il giroscopio è composto da una massa coerente di forma cilindrica posizionata in maniera da poter ruotare liberamente molto rapidamente intorno al proprio asse di simmetria. Il sistema giroscopico base è formato da tre componenti principali: la massa rotante o rotore che per essere efficiente deve possedere un peso consistente ed un altissima velocità di rotazione (oltre i RPM), l asse di rotazione, le sospensioni cardaniche per sostenere l asse di rotazione e consentigli 1 o 2 ulteriori gradi di libertà. Avete presente la bicicletta? La massa rotante è la ruota, l asse intorno al quale ruota la massa è il mozzo, i supporti cardanici sono le forcelle. Il giroscopio a due gradi di libertà è munito di un articolazione che oltre la rotazione consente il cambiamento d inclinazione rispetto al sistema su cui è montato. Questo giroscopio serve alla misurazione delle forze angolari e consente il funzionamento dell indicatore di virata (virometro). 139

13 Il giroscopio a tre gradi di libertà svincola completamente il giroscopio dai movimenti che può compiere il sistema su cui è montato. Il numero degli snodi garantisce il cambio d orientamento e il cambio d inclinazione rispetto al sistema base. Gli strumenti che sfruttano le sue proprietà sono gli indicatori bussola o direzionali e quelli d assetto. I giroscopi vengono suddivisi anche in funzione delle posizione dell asse di rotazione del rotore rispetto alla superficie terrestre. Se l asse di rotazione e parallelo alla superficie sono detti giroscopi direzionali, se invece è perpendicolare sono detti giroscopi verticali. Le proprietà principali che caratterizzano questi sistemi e quindi consentono la loro applicazione sono: la rigidità giroscopica e la precessione. La rigidità giroscopica o inerzia è la proprietà che ha il giroscopio messo in rotazione, di mantenersi sullo stesso piano in cui si trovava all inizio del movimento vorticoso, cioè mantenersi orientato verso lo stesso punto nello spazio. Qualsiasi posizione assuma l intero sistema (a due o tre gradi di libertà), l asse di rotazione rimane orientato nella direzione d origine opponendosi quindi alle forze esterne proporzionalmente al suo peso, alla velocità di rotazione ed al raggio del rotore. Gli indicatori d assetto e di prua sfruttano questa proprietà per il loro funzionamento. 140

14 Sistema giroscopico completo La precessione è il movimento rotatorio che il rotore oppone ad eventuali forze esterne perturbatrici del proprio equilibrio, si manifesta con una rotazione del suo asse, perpendicolarmente a quello della perturbazione e nel senso della rotazione stessa. Sistema giroscopico completo perturbato Gli strumenti di bordo hanno lo scopo di individuare direzioni o piani rispetto alla superficie terrestre e proprio per questo, nei giroscopi, connessi si verifica un particolare fenomeno dovuto al movimento di rotazione del pianeta che si manifesta come precessione ma poiché in assoluto non è tale, viene denominato apparente. 141

15 La precessione apparente è la conseguenza dell azione concomitante della rigidità giroscopica, che mantiene il rotore in un piano fisso rispetto allo spazio e della rotazione terrestre che trascina con se tutto il sistema giroscopico. Per completezza accenniamo anche alla precessione da trasporto legata alla convergenza dei meridiani. Alla famiglia degli strumenti giroscopici appartengono gli indicatori di prua o girodirezionali, gli indicatori d assetto e dell angolo di virata noti come orizzonte artificiale e gli indicatori del rateo di virata chiamati virometri. L alimentazione necessaria per mantenere operativi gli strumenti giroscopici e i loro rotori, può essere di due tipi: pneumatica (a pressione o a depressione) o elettrica. Negli aerei leggeri i giroscopi sono alimentati con entrambi i sistemi: quello pneumatico per il direzionale e l indicatore d assetto e quello elettrico per il virometro. Questo dualismo è necessario poiché in caso d avaria ad uno dei due impianti le informazione dell indicatore di virata sono garantite. Sugli aerei a turbina i giroscopi sono alimentati elettricamente e per di più i gruppi strumenti dei due panelli (pilota e co-pilota) presenti in cabina di pilotaggio hanno sorgenti d energia indipendenti; inoltre è presente un ulteriore gruppo strumenti, definito stand-by alimentato pneumaticamente allo scopo di garantire la continuità delle indicazioni. 142

16 NOTA:Ovviamente, del gruppo strumenti stand-by fanno parte anche l anemometro e l altimetro. Sviluppi futuri dei sistemi giroscopici I tradizionali giroscopi meccanici saranno sostituiti con i giroscopi ad anello laser, costituiti da una serie di laser i cui fasci sono allineati su uno stesso piano e formano un anello. Le interferenze tra i fasci laser ad ogni movimento del piano su cui giacciono creano l indicazione della rotazione del piano stesso. Questa nuova generazione di giroscopi garantisce una maggiore precisione e affidabilità, sono più leggeri e consumano menoa energia producendo meno calore. I giroscopi laser già equipaggiano i sistemi strumentali di bordo con tecnologia E-FIS. 143

17 Il direzionale o girodirezionale, ha la funzione di sostituire l utilizzo della bussola magnetica. Confrontando le immagini dei due strumenti si capiscono i vantaggi connessi all utilizzo del girodirezionale, più stabile nelle indicazioni. Il sistema è soggetto ad errori che si accentuano nel tempo e per questo è necessario riallineare lo strumento con le indicazioni della bussola magnetica. Questa operazione viene effettuata ogni10/15 minuti di volo attraverso un pomello posto sullo strumento direzionale. Gli aeromobili più grandi sono equipaggiati con impianti girodirezionali auto stabilizzanti chiamati telebussole giroscopiche. Una volta allineato elettronicamente il giroscopio con le indicazioni della bussola, la precessione apparente del sistema viene corretta automaticamente da un circuito che fa parte del giroscopico. Le telebussole giroscopiche equipaggiano gli aerei di linea e da trasporto pesante per il medio e lungo raggio. L impianto, simile al precedente, è integrato con una bussola elettrica normalmente ubicata sull estremità alare lontana dai campi magnetici dell aeromobile che potrebbero disturbare il funzionamento, e dotata di un apparato sensibile alle variazioni del campo magnetico terrestre: la valvola di flusso o flux valve il cui scopo e quello di mantenere continuamente allineato il giroscopio al variare del campo magnetico, anche in funzione della latitudine, preservandolo dall errore di precessione. 144

18 Direzionale con unità giroscopica a distanza Telebussola giroscopica con flux valve. L indicatore di virata o virometro 145

19 Sbandometro Il virometro, che sugli aerei leggeri è associato ad un indicatore di sbandamento ed è chiamato virosbandometro, è composto di un giroscopio a 2 gradi di libertà privato della possibilità di ruotare attorno al suo asse verticale. Il rotore gira longitudinalmente (asse di rotazione orizzontale) all aereo ed ogni qualvolta questo compie un imbardata, il suo stato è perturbato e causa l inclinazione del suo asse di rotazione, che è trasmessa all indicatore (chiamato nel gergo aeronautico paletta). Tanto maggiore è il movimento tanto più saranno le indicazioni relative. Il sistema paletta è vincolato da due molle che provvedono a riportare il sistema in posizione di riposo al termine della sollecitazione; mentre sul quadrante vengono riportate le indicazioni di velocità angolari. che si raggiungono durante la manovra di virata. La virata si considera corretta, cioè coordinata, quando la pallina è al centro, indipendentemente dal valore angolare della virata. La virata si considera standard, quando viene effettuata ad una velocità angolare di 3 al secondo; occorreranno quindi due minuti per effettuare un 360 completo. Virosbandometro È composto di una pallina metallica inserita in un tubo trasparente a sezione toroidale, riempito di liquido anti-congelante per ammortizzarne i movimenti. Lo strumento ha lo scopo di indicare al pilota se sta effettuando il volo in modo coordinato, ovvero la pallina, che funziona alla stregua di una livella, indica durante le virate se la forza centrifuga è equilibrata dalla forza centripeta. Quando la forza centrifuga prevale sulla forza centripeta l aereo è soggetto ad una derapata, ovvero il raggio di virata è eccessivo rispetto all inclinazione dell ala, mentre al contrario, è soggetto ad una scivolata. 146

20 Volo rettilineo Derapata Scivolata Coordinatore di virata 147

21 L orizzonte artificiale, è di facile riconoscimento per chiunque si sieda in una cabina di pilotaggio, infatti, dall inizio degli anni sessanta con l avvento dei primi jet di linea (B707, DC8, Caravelle), era l unico strumento del cruscotto ad essere decisamente colorato, ciò nacque dalla necessità di delimitare senza possibilità d errore la linea dell orizzonte tra cielo (tonalità d azzurro o grigio chiaro) e terra (tonalità più scura tra il nero ed il marrone). L Attitude Director Indicator è la sua evoluzione e verrà trattato nel capitolo successivo. Orizzonte artificiale 148

22 Attitude Director Indicator L orizzonte artificiale è lo strumento che consente al pilota d individuare i movimenti che l aereo compie attorno all asse trasversale (asse di beccheggio o pitch axis) e a quello longitudinale (asse di rollio o roll axis). Sostituendo l orizzonte reale, diventa uno strumento indispensabile nel volo strumentale e un valido ausilio nel volo a vista. Lo strumento è asservito ad un giroscopio a tre gradi di libertà con asse di rotazione verticale. Nel sistema meccanico, tirando il nottolino, si provvede al riallineamento del giroscopio, se ruotato, muove la sagomina dell aeromobile in alto o in basso in modo da poterla posizionare come meglio si crede in funzione delle operazioni di volo da compiere. 149

23 OA regolabile 150

24 Indicazioni degli strumenti durante le varie fasi del volo: 151

25 152

ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA

ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA ELEMENTI DI TEORIA DEL VOLO E CULTURA AERONAUTICA Esercitazioni Dopo avere letto attentamente il testo rispondi alle domande di seguito elencate scegliendo la risposta che ritieni corretta. In alcuni casi

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

Strumenti di Guida e Pilotaggio

Strumenti di Guida e Pilotaggio Unità 1 Strumenti di Guida e Pilotaggio 1.1 Strumenti di guida e pilotaggio Qualunque sia il velivolo considerato, gli strumenti di bordo si classificano in base alla funzione che ognuno è preposto a svolgere

Dettagli

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO

ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO ALTIMETRIA E REGOLAGGIO ALTIMETRICO 1. Introduzione Quota e livello sono termini generici riferiti alla posizione verticale di un aereo in volo che indicano, a seconda dei casi, un altezza, un altitudine

Dettagli

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-170

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-170 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-170 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a

Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a Volare nel cielo sopra la Terra e l Acqua. C o n g r a n d e s i c u r e z z a TRAFFICO AEREO S.A.T. Security air traffic E il traffico operativo militare svolto per la sicurezza nazionale ; comprende

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte I 24/07/12 enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

Gli strumenti giroscopici

Gli strumenti giroscopici Gli strumenti giroscopici Camilla Castellani & Nicola Morganti 2 marzo 2004 Indice 1 Il giroscopio 1 1.1 Introduzione................................ 1 1.2 I limiti del giroscopio...........................

Dettagli

ANS Training Aeromobili

ANS Training Aeromobili CAPITOLO 5 STRUMENTI MOTORE Il monitoraggio continuo dell efficienza e della funzionalità dell apparato motopropulsore è prioritario rispetto a qualsiasi verifica sugli altri apparati di bordo. Tutto ciò

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 1 - AERODINAMICA 1 Il fenomeno aerodinamico della vite è caratterizzato da: A) semiala interna alla rotazione completamente stallata;

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Scienze e tecnologie applicate DOCENTE: Messina Marco CLASSE II SEZ. A A.S.2015_ /2016

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172)

Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172) 1 di 7 12/06/2006 16.32 Cockpit di un aereo da turismo (Cessna 172) CTA Adriano GANDINI Click su uno strumento per leggerne la spiegazione Immagine tratta da "Flight Unlimited III" - Looking Glass Studios

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna

ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna ESERCITAZIONE CON SIMULATORE DI VOLO Attraverso un volo simulato con decollo dall aeroporto di Rimini (LIPR) ed atterraggio all aeroporto di Bologna (LIPE) su un aereo da addestramento Cessna C172SP Skyhawk,

Dettagli

Sensori inerziali nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007

Sensori inerziali nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 Sensori inerziali nei Mobile Mapping Systems Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 MOTO DI UN CORPO RIGIDO NELLO SPAZIO: Descritto da 6 parametri: - un vettore posizione - 3

Dettagli

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650

PNEUMATICA. PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 PNEUMATICA PN20DNT - Unità di Studio su Ventilatori Centrifughi ed Assiali - Cod. 970650 1. Generalità L unità carrellata Didacta PN20DNT consente lo studio dei parametri tipici di ventilatori centrifughi

Dettagli

Tecniche per l analisi della postura e del movimento

Tecniche per l analisi della postura e del movimento Tecniche per l analisi della postura e del movimento 1/14 Tecniche di analisi La rilevazione, attraverso l utilizzo di sistemi automatici basati su tecnologie avanzate di grandezze cinematiche e dinamiche

Dettagli

Teoria Generale Del Volo

Teoria Generale Del Volo Teoria Generale Del Volo Di Giuseppe Grugno Regano Premessa Innanzitutto è d obbligo una premessa: Questa guida non vuole essere affatto un documento che descriva in maniera esaustiva tutto ciò che c è

Dettagli

Impianti per il trasferimento di energia

Impianti per il trasferimento di energia Capitolo 2 Impianti per il trasferimento di energia 2.1 2.1 Introduzione In molte zone di un velivolo è necessario disporre di energia, in modo controllato; questo è necessario per molte attività, ad esempio

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 4 - TECNICA DI PILOTAGGIO 1 In linea generale, quale è la funzione dei comandi di volo? A) di permettere il controllo delle prestazioni

Dettagli

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei.

FlyWise contiene al suo interno il più completo database di aereoporti, campi di volo, aviosuperfici, punti di riporto, radioaiuti e spazi aerei. FlyWise Navigare con saggezza. FlyWise è un sistema di navigazione completo dedicato ai piloti, che vi aiuta in ogni aspetto della vostra navigazione. Un sistema pensato per rispondere velocemente alle

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1 Impianto pneumatico La finalità di tale impianto è quella di fornire ad una serie di utenze aria a pressione e temperatura controllate. Queste sono raggiungibili con una rete di distribuzione, composta

Dettagli

I primi passi con Microsoft Flight Simulator

I primi passi con Microsoft Flight Simulator I primi passi con Microsoft Flight Simulator Sommario I primi passi con Microsoft Flight Simulator... 1 Sommario... 1 Da dove comincio?... 1 Preliminari... 2 Uno sguardo all aereo... 3 Gli strumenti base...

Dettagli

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 1 - DEFINIZIONE - COMPOSIZIONE TEMPERATURA - PRESSIONE - DENSITÀ RELAZIONE PRESSIONE - QUOTA - TEMPERATURA SUPERFICI ISOBARICHE - ATMOSFERA STANDARD ICAO SISTEMI

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva

Le sospensioni 22 R.T.A. 152. di Gianpaolo Riva Le sospensioni di Gianpaolo Riva Sono elementi nascosti alla vista dell automobilista. Assicurano comfort e tenuta di strada e perciò la loro funzione è indispensabile e fondamentale per la sicurezza attiva.

Dettagli

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica

FISICA. MECCANICA: La Cinematica unidimensionale. Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica FISICA MECCANICA: La Cinematica unidimensionale Autore: prof. Pappalardo Vincenzo docente di Matematica e Fisica LA MECCANICA La Meccanica è quella parte della fisica che studia il movimento e si compone

Dettagli

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR DEFINIZIONE DI WIND SHEAR Una variazione nella velocità e/o nella direzione del vento, includendo correnti ascendenti o discendenti. La definizione è tratta dalla Circolare ICAO 186 del 1987, che descrive

Dettagli

MISURATORE DI LIVELLO IDRICO A BILANCIA

MISURATORE DI LIVELLO IDRICO A BILANCIA I sistemi a bilancia dinamometrica di nostra produzione sono progettati per il rilievo, la registrazione e la trasmissione a distanza della misura del livello idrico di grandi bacini, con elevata precisione

Dettagli

TRASDUTTORI di POSIZIONE

TRASDUTTORI di POSIZIONE TRASDUTTORI di POSIZIONE Numerosi trasduttori sono stati messi a punto per il rilievo di posizione, in movimenti sia rettilinei sia rotatori. I potenziometri, rettilinei o circolari selezionano una quota

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

Fate tutto quello che volete. Con questo laser potete.

Fate tutto quello che volete. Con questo laser potete. Completamente sporco e polveroso? Basta lavarlo ed è pulito. Estremamente robusto Il set di STABILA per uso interno ed esterno: Laser rotante LAR 250 con ricevitore REC 300 Digital. Fate tutto quello che

Dettagli

Il volo in formazione

Il volo in formazione Il volo in formazione Questo tutorial si prefigge di fornire i rudimenti di base preliminari al volo in formazione ed è quindi necessaria la sua lettura prima di iniziare ad effettuare i primi voli. L

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS 1 In caso di piantata di motore in decollo è possibile invertire la rotta e riatterrare

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2 Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco nuovo indirizzo in Trasporti e Logistica articolazione Costruzione del Mezzo opzione Costruzioni Aeronautiche Studio dell elica aeronautica Parte

Dettagli

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA

www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA www.interaviosup.it ias@interaviosup.it tel. +39 0831 555625 GALLERIA DEL VENTO SUBSONICA L azienda Nata nel 1985 come fornitore internazionale di ricambi aeronautici, sia per il settore militare che per

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Volume CORSO DI AEROMODELLISMO. Elementi di aerodinamica semplice. Sommario

Volume CORSO DI AEROMODELLISMO. Elementi di aerodinamica semplice. Sommario Volume 1 CORSO DI AEROMODELLISMO Elementi di aerodinamica semplice Sommario Introduzione CAPITOLO I Perché volano i modelli pag. 2 Il centro di gravità pag. 2 La stabilita pag. 3 Gli stabilizzatori d assetto

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Quesito 1 Un punto materiale di massa 5 kg si muove di moto circolare uniforme con velocità tangenziale 1 m/s. Quanto

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza (trattata nella parte I) il wind shear (trattato

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

Procedure base per il volo con l MB339 OVT

Procedure base per il volo con l MB339 OVT Procedure base per il volo con l MB339 OVT Introduzione Le procedure qui descritte si applicano all Aermacchi MB339 OVT con Patch installata. E consigliato lo studio preliminare del manuale dell MB339

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it

Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it Titolo del progetto: STERILIZZATORE ULTRA-FLASH Proponente: GIOSUE FEOLA TEL. 3401014152 E-Mail: giosuefeola@libero.it GENERALITA L idea è quella di realizzare uno sterilizzatore per latte, di nuova concezione,

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche

Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche Luca Salvadori 1 La Vite Positiva Consiste in un autorotazione attorno ad un asse verticale, con il velivolo stallato a meno di una piccola

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. AUTOGIRO Ref. 41-826-341

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. AUTOGIRO Ref. 41-826-341 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. AUTOGIRO Ref. 41-826-341 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS 1 A parità

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE

APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE APPROFONDIMENTI E INTEGRAZIONI AL CAPITOLO XIV GIORNALE NAUTICO LIBRO III CONSEGNE DEL COMANDANTE LINEAMENTI DI NAVIGAZIONE AEREA Parte II a a cura del Comandante Pilota Leonardo LELLA La navigazione aerea,

Dettagli

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4)

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) Misura di e/m Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai fenomeni in esame Un elettrone all interno di un campo elettrico risente della forza elettrica

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG I Radar ad Onda Continua (CW) Principi di funzionamento dei radar CW. Al contrario dei radar ad impulsi, quelli ad onda continua (CW) emettono radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma La fisica della vela comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! laura.romano@fis.unipr.it Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma Il gioco della simmetria Dal

Dettagli

Giroscopi, girobussole e sistemi di guida inerziale

Giroscopi, girobussole e sistemi di guida inerziale Giroscopi, girobussole e sistemi di guida inerziale (Ing. Stefano Di Cairano) Scopi: Giroscopi e Sistemi di Guida Inerziale 1. Fornire misurazioni di velocità e accelerazioni angolari 2. Fornire misurazioni

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo.

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo. Febbraio 1. Un aereo in volo orizzontale, alla velocità costante di 360 km/h, lascia cadere delle provviste per un accampamento da un altezza di 200 metri. Determina a quale distanza dall accampamento

Dettagli

Smorzamento Degli Ammortizzatori

Smorzamento Degli Ammortizzatori Smorzamento Degli Ammortizzatori Lo smorzamento governa la resistenza al movimento degli ammortizzatori, per mezzo di un pistone interno che si muove a bagno d olio quando l ammortizzatore si comprime

Dettagli

STRUMENTI DI BORDO 1

STRUMENTI DI BORDO 1 STRUMENTI DI BORDO 1 Qualunque sia il velivolo considerato, gli strumenti di bordo si classificano in base alla funzione che ognuno è preposto a svolgere in : Strumenti di guida o pilotaggio Strumenti

Dettagli

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 -

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 - Capitolo 6 Impianto Pneumatico - 6.1 - 6.1 Introduzione In diversi casi è conveniente sfruttare energia proveniente da aria compressa; questo è soprattutto vero quando il velivolo possiede dei motori a

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE A- Idrostatica o Principali proprietà dei fluidi (densità, peso specifico, viscosità, comprimibilità e dilatabilità) o Nozione di liquido reale e liquido ideale.

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI

EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI EASY FSX ITALIA CARTE NAUTICHE NOZIONI GENERALI 1. LE CARTE AEROPORTUALI. le carte aeroportuali individuano le aeree e gli spazi entro i quali i velivoli di varie categorie possono manovrare, decollare

Dettagli