MANITOWOC. Oggetto: Norme relative all Insider Trading per direttori, funzionari e dipendenti chiave

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANITOWOC. Oggetto: Norme relative all Insider Trading per direttori, funzionari e dipendenti chiave"

Transcript

1 MANITOWOC Bollettino Norme di Condotta Aziendale Oggetto: Norme relative all Insider Trading per direttori, funzionari e dipendenti chiave Bollettino originale Sostituisce il bollettino 112 datato 1 Settembre 2000 N.: Dicembre 2002 SCADE: Quando viene sostituito EMESSO DA: Ufficio Segreteria FIRMATO: Maurice D. Jones APPROVATO: Terry D. Growcock I documenti firmati sono archiviati presso la Segreteria Esecutiva del Presidente del Consiglio d Amministrazione e Direttore Generale. Le copie firmate hanno la precedenza in ordine di importanza sulle politiche stampate e visualizzate sull intranet della società. Norme di Condotta Aziendale Questo documento contiene le sezioni seguenti: 1.0 Principio generale 2.0 Interdizione relativa all Insider Trading 3.0 Operazioni effettuate secondo i piani aziendali 4.0 Nulla-osta preventivo per le operazioni relative a titoli 5.0 Integrazione della Sezione 16, Regola 144 e Norme relative all Insider Trading 6.0 Certificazioni 1.0 Principio generale Questo documento contiene le politiche di Manitowoc Company, Inc. (la "Società") relative all insider trading da parte di direttori, funzionari e altri dipendenti chiave della Società, il cui lavoro potrebbe metterli a rischio di violazioni alle normative relative all insider trading. Tutti i riferimenti alla Società contenuti in questa Norme comprendono la Società e le sue divisioni e sussidiarie, a meno che il contesto non specifichi diversamente. Queste Norme di condotta impongono degli standard specifici ai direttori, ai

2 Pag. 2 funzionari e ad altri dipendenti chiave (chiamati collettivamente Persone regolamentate ). Queste Norme di condotta sono molto importanti e devono essere rispettate dai dipendenti per i quali sono valide. La necessità di avere queste Norme di condotta. La fiducia continuata nell equità e nell integrità dei mercati finanziari è critica per il successo futuro della Società e per il successo futuro dei suoi clienti. L Insider Trading (cioè l acquisto o la vendita di titoli utilizzando informazioni che non sono di pubblico dominio) danneggia i mercati finanziari e riduce la fede del pubblico nelle politiche di equità essenziale. La Securities and Exchange Commission ("SEC") ed altri enti normativi perseguiscono fermamente e da diversi anni coloro che violano le leggi relative all insider trading. Il Governo americano ha reso pubblica la propria decisione di eliminare questo tipo di operazioni e tutti gli altri abusi del mercato azionario promulgando l Insider Trading and Securities Fraud Enforcement Act nel 1988 (la Legge ). La Legge ha aiutato gli sforzi contro l insider trading grazie a diverse nuove misure. Oltre all aumento delle pene per insider trading, una delle misure che ha spettro più ampio contenuta nella Legge è la creazione di una responsabilità maggiore da parte delle Persone regolamentate i datori di lavoro e altri che possono influenzare o controllare le attività di un altra persona, tra cui i manager e i supervisori. Per di più, nel 1990, il Governo americano ha conferito alla SEC dei poteri aggiuntivi per implementare le normative federali relative a titoli azionari. Inoltre, le linee guida federali per l applicazione delle pene per le società (adottate nel 1991) hanno fornito un incentivo ulteriore per le società per adottare degli standard necessari alle prevenzione e alla rilevazione di eventuali violazioni della legge. In modo da poter assistere nella lotta contro l insider trading e per assicurare che le Persone regolamentate siano a piena conoscenza dell importanza di queste normative, la Società ha adottato le presenti Norme di condotta. Oltre a rispondere a questi sviluppi, stiamo adottando queste Norme relative all Insider Trading per evitare persino una possibile parvenza di possibilità di condotta impropria da parte delle Persone regolamentate. Da anni lavoriamo insieme per creare una reputazione di integrità e di condotta etica e non possiamo certo permettere che venga danneggiata. Pertanto, intendiamo superare i limiti minimi richiesti dalla legge. Le conseguenze. Le conseguenze delle violazioni alle normative relative all insider trading sono veramente pesanti. Persone che conducono operazioni basandosi su informazioni privilegiate (o forniscono dette informazioni ad altri) possono essere soggetti a: a. Una sanzione secondo il codice civile del valore di tre volte il guadagno ottenuto o la perdita evitata;

3 Pag. 3 b. Una multa con valore criminale (che non tiene conto del valore del guadagno ottenuto) di fino a $ ; c. Un periodo d incarcerazione fino a dieci anni; e d. Un ordine del tribunale che sancisce il divieto di servire come funzionario o direttore di una società pubblica. Una società (e possibilmente anche chiunque rivesta una carica di supervisore) che non prenda le misure necessarie a prevenire operazioni illegali di scambio di titoli può essere soggetta alle seguenti sanzioni: a. Una multa aumentata secondo le linee guida federali per l applicazione delle pene perchè non era stato implementato un programma valido di prevenzione; b. Una sanzione civile pari a $ o tre volte il guadagno ottenuto o la perdita evitata, a seconda di quale sia la più alta; e c. Una sanzione penale di fino a $ Oltre a queste possibili sanzioni federali, una persona regolamentata che viola queste Norme di condotta verrà sottoposta ad azioni disciplinari, tra cui anche il licenziamento. È ovvio, pertanto, che le conseguenze di cui sopra o persino un procedimento investigativo senza sanzioni civili o penali sono sufficienti a rovinare la reputazione di un individuo e a danneggiare irreparabilmente la sua carriera. Persone regolamentate. Oltre ai direttori ed ai funzionari della Società, le altre persone coperte da queste Norme di condotta sono quei dipendenti chiave che possono essere designati di tanto in tanto dalla Società come a rischio di potenziali violazioni della politica relativa all insider trading perchè hanno accesso a materiale contenente informazioni che non sono di pubblico dominio. Se siete un dipendente chiave che è soggetto a queste Norme di condotta, la vostra copia del presente documento vi viene consegnata con un avviso scritto che vi identifica come tale. 2.0 Divieto di Insider Trading Le Persone regolamentate (e i loro familiari, parenti o co-inquilini) non possono acquistare o vendere titoli della Società basandosi su informazioni che non sono di pubblico dominio, né possono avvalersi in qualsiasi altro modo di tali informazioni. Tantomeno, tali persone potranno rivelare ad altri materiale contenente informazioni che non sono di pubblico dominio ad esclusione di coloro che possono aver bisogno di conoscere dette informazioni in modo da poter eseguire i propri compiti professionali per conto della Società. Inoltre, questa proibizione è valida anche per quelle operazioni basate

4 Pag. 4 su informazioni che non sono di pubblico dominio relative a qualsiasi altra società, tra cui le società nostre clienti, e che sono state acquisite durante l esecuzione dei propri compiti professionali. Le operazioni che possono essere necessarie o giustificabili per ragioni indipendenti (come la necessità di creare una liquidità di fondi per spese d emergenza) non sono eccezioni a quanto determinato da queste Norme di condotta. È necessario evitare anche la possibile sembianza di un operazione di natura compromettente per poter preservare la nostra reputazione di rispetto degli standard più elevati di condotta. Qualsiasi comportamento che contravviene a questa Normativa ricade nell inaccettabile secondo lo scopo dell attività lavorativa presso la Società. Rivelazione di informazioni a terzi. La Società deve, secondo la Normativa FD della legge federale, evitare la rivelazione selettiva di materiale non di pubblico dominio. La Società ha procedure ben stabilite per la rivelazione di materiale informativo in modo da ottenere la disseminazione pubblica e ad ampio raggio delle informazioni non appena vengono pubblicate. Pertanto, non è possibile rivelare informazioni a persone esterne alla Società, tra cui familiari e amici, in maniera che non sia conforme a quanto determianto da queste procedure. Inoltre non è consentito discutere la Società o le sue attività in una "chat room" o in un forum simile su internet. Informazioni materiali Per informazioni materiali si intende qualsiasi dato o notizia che un investitore finanziario può considerare importante nel prendere una decisione di acquistare, tenere o vendere titoli o altri valori azionari. In breve, qualsiasi informazione che possa avere un effetto qualsiasi sul prezzo dei titoli o di altri valori azionari. Le informazioni devono essere considerate materiali" qualora siano relative, tra l altro, a quanto qui elencato: a. Aumenti o diminuzioni dei dividendi; b. Stime degli utili o dati finanziari attuali; C. Cambiamenti in stime degli utili pubblicate in precedenza; d. Espansione o riduzione significative delle operazioni; e. Aumenti o riduzioni significative degli ordini; f. Proposte o accordi di fusione o di acquisizione; g. Nuovi prodotti o scoperte significative; h. Finanziamenti straordinari; i. Dispute; j. Problemi di liquidità; k. Sviluppi di gestione straordinari; 1. Acquisti o vendite di beni; m. Dichiarazione di un frazionamento delle azioni; n. Offerta di titoli aggiuntivi. Sia le informazioni positive che quelle negative possono essere considerate materiali.

5 Pag. 5 Quali sono le informazioni di pubblico dominio. Le informazioni non sono di pubblico dominio se non sono state communicate al pubblico. Le informazioni sono invece considerate come di pubblico dominio quando sono state pubblicate sui giornali, o comunicatre tramite altri mezzi d informazione o sono state oggetto di un comunicato stampa. Tuttavia, non è corretto che una persona regolamentata esegua un operazione su titoli immadiatamente dopo un annuncio pubblico di informazioni materiali, tra cui anche i dati relativi agli utili, effettuato dalla Società. Vedere Periodi di proibizione qui di seguito. Siccome agli azionisti della Società ed al pubblico degli investitori deve essere consentito di ricevere le informazioni e di agire di conseguenza, come regola generale, non sarà possibile eseguire un operazione azionaria fino al primo giorno dopo la rivelazione delle informazioni ed in ogni caso non prima di ventiquattr ore dopo che le informazioni sono state rivelate. Per esempio, se un annuncio è stato reso pubblico alle 15 di un Lunedì, non si potranno eseguire operazioni fino alle 15 del Martedì. Se un annuncio viene reso pubblico un Venerdì, non si potranno eseguire operazioni fino al Lunedì seguente. Operazioni eseguite da familiari. Tutte le restrizioni delineate in questa Normativa aziendale sono valide anche per i vostri familiari e per tutti coloro che abitano insieme a voi. Le Persone regolamentate sono responsabili per il comportamento dei loro familiari e di coloro con i quali condividono l abitazione. Rivelazione delle informazioni a terzi. Qualora le informazioni sono privilegiate e relative alla Società o sono informazioni che possono avere un impatto sul prezzo dei nostri titoli azionari, le Persone regolamentate (e i componenti della loro famiglia e co-inquilini) non devono passare dette informazioni a terzi. Le sanzioni di cui sopra sono valide sia che vengano ottenuti dei guadagni o meno dalle azioni di terzi. Operazioni a breve termine su titoli. In modo da evitare l apparenza di un uso possibile di informazioni non di pubblico dominio, le Persone regolamentate (e i componenti della loro famiglia e co-inquilini) non devono eseguire operazioni a breve termine sui titoli azionari della Società. Indipendentemente da quanto stabilito da questa normativa aziendale, ai direttori e ai funzionari esecutivi non è consentito eseguire operazioni a breve termine e e sono soggetti a possibile responsabilità qualora eseguano compravendite a breve termine secondo la Sezione 16 del Securities Exchange Act del 1934 ("Sezione 16"). Le Persone regolamentate non devono eseguire operazioni di compravendita a breve termine, operazioni di garanzia di margine e la costituzione di pegno dei titoli azionari comuni della Società come collaterale per un prestito i cui proventi servono per acquistare valori azionari della Società. Le Persone regolamentate non devono eseguire operazioni in contratti a premio di opzione per le azioni della Società, qualora dovessero diventare disponibili. In modo da evitare qualsiasi implicazione per le Persone regolamentate in operazioni azionarie di speculazione, tutti i titoli della Società acquistati sul mercato libero devono essere tenuti per almeno sei mesi, o meglio ancora per un periodo superiore. Periodi di proibizione, In modo da evitare ogni supposizione di irregolarità in relazione alle informazioni finanziarie correnti che possono essere disponibili all interno dell azienda prima

6 Revisionata 2 Dicembre 2002 Pag. 6 e dopo la fine di un trimestre o di un periodo finanziario ma che non sono state ancora rivelate pubblicamente, la Persone regolamentate (e i componenti della loro famiglia e coinquilini) non devono eseguire acquisti o vendite di titoli azionari della Società durante il periodo che inizia il 15 dell ultimo mese di un qualsiasi trimestre di calendario e che finisce il primo giorno lavorativo dopo la presentazione dei risultati trimestrali o annuali, ma in nessun caso una Persona regolamentata potrà eseguire un operazione su titoli prima di ventiquattr ore dopo tale presentazione. Di tanto in tanto, la Società potrà informare le Persone regolamentate dell esistenza di altri periodi di proibizione risultanti da informazioni materiali non di pubblico dominio. 3.0 Operazioni secondo i piani della Società Esercizi di titoli azionari. Le Norme di condotta relative all insider trading non sono applicabili all esercizio di titoli azionari di un dipendente, o all esercizio di un diritto di trattenuta fiscale. Tuttavia, le norme sono valide per le vendite di azioni tramite un intermediario per l esercizio senza contanti di un opzione, o qualsiasi altra vendita allo scopo di generare liquidità necessaria per pagare il prezzo d esercizio di un opzione. Piano di pensionamento 401(k). Le Norme di condotta relative all insider trading non sono valide in relazione agli acquisti di titoli azionari della Società nell ambito del piano di pensionamento 401(k) risultanti dal contributo periodico di somme di denaro a seguito delle detrazioni dallo stipendio. Tuttavia, le norme sono valide per certe detrazioni secondo il piano di pensionamento 401(k), tra cui (a) una decisione di aumentare o ridurre la percentuale dei contributi periodici che vengono allocati al fondo azionario della Società, (b) una decisione di eseguire un trasferimento tra piani di un saldo di un conto esistente in entrata o in uscita dal fondo azionario della Società, (c) una decisione di prendere denaro in prestito utilizzando il piano di pensionamento 401(k) come collaterale, qualora il prestito abbia come risultato la liquidazione di parte o di tutto il saldo del fondo azionario della Società, e (d) una decisione di pre-pagare un prestito, qualora detto pre-pagamento abbia come risultato l allocazione dei proventi del prestito al fondo azionario della Società. Piano per i dipendenti di acquisto dei titoli azionari della Società. Le Norme di condotta relative all insider trading non sono valide in relazione agli acquisti di titoli azionari della Società nell ambito del piano per i dipendenti e risultante dal contributo periodico di somme di denaro al piano secondo quanto deciso all iscrizione al piano stesso. Inoltre, le norme non sono valide per quanto riguarda gli acquisti di titoli azionari della Società risultanti da contributi in somma forfettaria al piano, purché si sia deciso di partecipare in tal modo al piano al momento dell iscrizione. Le norme non sono relative alla decisione di partecipare al piano per un qualsiasi periodo d iscrizione e alle vendite di titoli azionari della Società acquistati nel merito del piano stesso. Piano di rinvestimento dei dividendi. Le Norme di condotta relative all insider trading non sono valide in relazione agli acquisti di titoli azionari della Società nell ambito del piano di rinvestimento dei dividendi e risultante dal rinvestimento dei dividendi pagati sui titoli azionari della Società. Tuttavia, le norme sono valide per gli acquisti volontari di titoli

7 Pag. 7 azionari della Società risultanti da contributi al piano e dalla decisione di partecipare al piano o di aumentare il livello di partecipazione al piano stesso. Queste norme, inoltre, sono valide per le vendite di titoli azionari della Società acquistati secondo il piano stesso. Retroattività. Va ricordato che, quando le operazioni su titoli azionari vengono esaminate, verranno giudicate con retroattività. Pertanto, prima di eseguire qualsiasi operazione sui titoli azionari, va considerato attentamente come le autorità di regolamentazione valuteranno le operazioni su titoli azionari, alla luce di avvenimenti che possono aversi verificati poco dopo. 4.0 Approvazione preventiva di tutte le operazioni su titoli azionari Per fornire assistenza volta ad evitare che si verifichino operazioni involontarie di insider trading e violazioni della Sezione 16 e per evitare persino la percezione di una possibile operazione illecita (che può succedere, per esempio, qualora una Persona regolamentata esegua un operazione di compravendita di titoli senza sapere che si sta per verificare uno sviluppo importante e inaspettato), implementiamo la procedura seguente: Tutte le operazioni su titoli azionari della Società (acquisizioni, vendite, trasferimenti, ecc.) eseguite da Persone regolamentate (e dai loro coinquilini) devono essere pre-approvate dall Ufficio di Segreteria. Pertanto, qualora si dovesse pensare di eseguire una tale operazione, va contattato l Ufficio di Segreteria in anticipo. Questa regola non è applicabile agli acquisti regolari e costanti dei titoli azionari della Società che risultano dalla partecipazione continuata ai piani aziendali creati per i propri dipendenti che la Società o i suoi agenti amministrano. l Ufficio di Segreteria sarà in grado di confermare qualora vi fossero, al momento prescelto per l esecuzione delle operazioni di compravendita, degli sviluppi relativi alla Società che possano costituire, secondo quanto determinato dalla Società stessa, informazioni materiali non di pubblico dominio. Inoltre, l Ufficio di Segreteria sarà in grado di rispondere a qualsiasi domanda in relazione alle Norme sull Insider Trading. Tuttavia, convalidando queste Norme sull Insider Trading, la Società non intende approvare né disapprovare specifiche operazioni di compravendita di titoli azionari, ad eccezione di quelle transazioni che sono senza dubbio alcuno in violazione della legge. La responsabilità finale relativa al rispetto di questa normativa e all evitare operazioni illegali è vostra. È assolutamente necessario usare buon senso, anche dopo aver ottenuto informazioni e consigli dall Ufficio di Segreteria. Nel caso in cui la Società dovesse venire a conoscenza di una violazione di questa normativa, la Società stessa può informare le autorità competenti per ottenere una riduzione delle sanzioni o per evitare di venire implicata in un azione illecita.

8 Pag Integrazione della Sezione 16, Regola 144 e Norme relative all Insider Trading I direttori ed i funzionari sono soggetti ad un Programma separato di Aderenza in relazione alla Sezione 16 Regola 144 che impone restrizioni ulteriori sui tempi di esecuzione di operazioni su titoli azionari e sulla compilazione di report da presentare alla SEC. Qualora la normativa relativa alla Sezione 16 e Regola 144 sia più restrittiva della normativa presente, per i direttori ed i funzionari esecutivi, la normativa relativa alla Sezione 16 e Regola 144 avrà il sopravvento. 6.0 Certificazioni Di tanto in tanto, a tutte le Persone regolamentate potrà essere richiesto di certificare la loro comprensione delle presenti Norme relative all Insider Trading e la loro intenzione di rispettarla.

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Un attività solida ha inizio con. dipendenti più sani.

Un attività solida ha inizio con. dipendenti più sani. Un attività solida ha inizio con dipendenti più sani. Marketplace per piccole imprese di NY State of Health Quadro generale per titolari di piccole imprese Chiamateci al numero 1-855-355-5777 TTY: 1-800-662-1220

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Linee guida di condotta aziendale

Linee guida di condotta aziendale Linee guida di condotta aziendale INTEGRITÀ RISPETTO FIDUCIA RICERCA DELL ECCELLENZA CLIENTI DIPENDENTI PARTNER COMMERCIALI FORNITORI AZIONISTI COMMUNITÀ AMBIENTE SOMMARIO Linee guida di condotta aziendale

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità

:-) Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta. Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità General Business Principles Fare la cosa giusta! Inizia con il leggere la cosa giusta :-) Philips General Business Principles, La tua guida per agire con integrità pww.gbp.philips.com June 2014 Abbiamo

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo

Codice Etico e di Condotta Aziendale. Noi. ci impegnamo Codice Etico e di Condotta Aziendale Noi ci impegnamo La Missione di Bombardier La nostra missione è essere leader mondiali nella produzione di aerei e treni. Ci impegniamo a fornire ai nostri clienti

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ

CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ CODICE DI CONDOTTA AGIRE CON INTEGRITÀ PREMESSA GTECH S.p.A. è un'azienda che opera a livello mondiale in un ambiente commerciale complesso e altamente regolamentato. I propri dipendenti vivono e lavorano

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001

SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 SER 1 S.p.A. CODICE ETICO ex D. Lgs. 231/2001 PREMESSA... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 5 Articolo 1... 5 Ambito di applicazione e Destinatari... 5 Articolo 2... 5 Comunicazione... 5 Articolo 3... 6 Responsabilità...

Dettagli

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa -

TITOLOPROGETTO SEDE DI ATTUAZIONE N. VOL... ED IO AVRÒ CURA DI TE A CASTELLAMMARE - Viale Europa - BANDO PER LA SELEZIONE DI 2.005 VOLONTARI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA EUROPEO GARANZIA GIOVANI NELLA REGIONE CAMPANIA Art. 1 Progetti e sedi di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009

Codice di Condotta Aziendale ed Etica. Luglio 2009 Codice di Condotta Aziendale ed Etica Luglio 2009 Contenuto 3 Messaggio dell'amministratore Delegato di Flextronics 4 La Cultura di Flextronics 5 Introduzione 5 Approvazioni, emendamenti e deroghe 6 Rapida

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

I certificati anagrafici

I certificati anagrafici I certificati anagrafici I certificati anagrafici sono rilasciati dal Comune di residenza e attestano le risultanze delle iscrizioni nell'anagrafe della popolazione residente (APR) e degli italiani residenti

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli