Mariapia Giulivo GRAVIDANZA E CURA DEI NEONATI NEGLI USI E NEI PREGIUDIZI POPOLARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mariapia Giulivo GRAVIDANZA E CURA DEI NEONATI NEGLI USI E NEI PREGIUDIZI POPOLARI"

Transcript

1 Mariapia Giulivo GRAVIDANZA E CURA DEI NEONATI NEGLI USI E NEI PREGIUDIZI POPOLARI Da Umanesimo della Pietra - Martina Franca (Ta) - luglio 91 È sempre vivo nella mia mente il racconto di una donna, madre di undici figli e vedova settantaseienne di un facoltoso massaro putignanese, relativo alla fortunosa venuta al mondo del suo terzogenito: una narrazione vivace, vagamente nostalgica, ricca di forza e vitalità. Dunque, le cose erano andate così. Era ormai prossima a sgravarsi e, in un tardo pomeriggio di autunno, le doglie erano sopraggiunte con una tale intensità, che il marito pensò bene di evitare inutili perdite di tempo e di portarla in paese a casa della mammara, anziché fare il contrario, come era d uso, e condurre la levatrice alla masseria, che distava circa sette chilometri dal centro abitato. Durante il tragitto il massaro spronava i cavalli ad andare più forte, mentre la sciarretta traballava pericolosamente. La povera donna, attanagliata dai dolori, non riuscì a contenere il naturale impulso del parto e si sgravò li, sulla sciarretta, tenendosi stretto il suo bambino tra le gambe grazie ai grandi mutandoni di tela che portava sotto gli abiti. Giunse in paese livida e sfinita, appena in tempo per salvarsi e salvare il suo bambino. La mammara, non credendo ai propri occhi, tagliò soltanto il cordone ombelicale e prestò le cure necessarie alla puerpera ed al neonato. La donna mi raccontava che, mentre avveniva quel parto così insolito, pregava intensamente la Madonna e non si lagnava, tanto che don Ciccio, il marito, tutto preso dalla concitata guida dei cavalli, neppure si rese conto di quello che avveniva. Ella commentava, alla fine del racconto, che solo la Vergine l aveva aiutata, che lei non era miracolosa, come le donne d oggi; che una volta far figli era più naturale e sentito, che i figli sono la vera ricchezza di una casa. Ho voluto introdurre l argomento che tratterò riferendo questa vicenda, accaduta circa sessant anni fa, perché è già in grado di farci percepire quanto diversa era in passato la mentalità che riguardava la gravidanza, il puerperio e la cura dei figli. In questo ambito, schiettamente contadino, ancora una volta, sagge e pratiche consuetudini si mescolano ad un empirismo di tipo magico e fatalistico, al sacro e al profano. Il mistero, sempre affascinante della vita, si colora di pregiudizio e di fantastico, riportandoci in una dimensione quasi a- temporale, in cui la ritualità e la superstizione sono quanto mai vive e degne di indagine. Scopriamo, così, un mondo quotidiano con i suoi principi, le sue usanze, i suoi simboli, e, soprattutto, termini ed oggetti desueti in un mondo contadino ancora molto lontano dalla civiltà dei consumi e dalla medicina ufficiale. Gesti quotidiani nella cura di un neonato di altri tempi. Un mondo che ho affrontato non solo come curiosità antropologica ma come specchio di una realtà, alla costante ricerca di risposte e sempre in lotta contro le forze occulte dell ignoto. Gravidanza e superstizioni La gravidanza è un periodo molto importane nella vita di una donna: pur non essendo considerata un ammalata, la donna incinta è fatta oggetto di particolari attenzioni. Nella tradizione popolare le attenzioni sono più d una e quasi tutte intrise di superstizione e di fatalismo. 1

2 Di fondamentale importanza è soddisfare tutti i bisogni e i desideri alimentari della gestante, al fine di evitare le tanto temute voglie, che si possono tramutare, sul corpo della creatura che nascerà, in antiestetiche chiazze di diverso colore: rosata è, per esempio, una voglia di vino; marrone, una di caffè; scura e pelosa, una voglia di carne di maiale; rossa, è di fragola; e così via. Alle donne gravide si consiglia, quando sentono il goloso desiderio di un cibo, di grattarsi le natiche: in questo modo la voglia comparirà al neonato su quel punto del corpo poco visibile. Così forte è la preoccupazione di evitare le voglie, che si obbliga chiunque a non negare mai un alimento appetito da donna incinta, altrimenti, come conseguenza, vedrà comparire presto un orzaiolo vicino al suo occhio. Una donna gravida non deve mai neppure fissare persone o animali particolarmente brutti e sgradevoli, poiché questo potrà influenzare negativamente le fattezze del nascituro; deve, al contrario, circondarsi di graziose bambole e di oggetti armoniosi, perché sarà sicuramente di buon auspicio. Queste strane superstizioni, che oggi fanno quasi sorridere, in realtà hanno origini antichissime ed erano già note agli antichi romani. Tra i tanti riferimenti, cito dal saggio del 1982 su Magia e medicina popolare in Italia di Cecilia Gatto Trocchi: si narra di Macrina, moglie del console Torquato, che ai tempi della Repubblica morì perché incinta non potè vedere un uomo guercio che passava per strada. A quei tempi alle donne oneste era vietato affacciarsi alla finestra; ma dopo questo fatto il Senato, dolente, concesse alle donne incinte molti privilegi; tra l altro si ordinava che nulla a loro fosse negato in fatto di cibi. Altra cosa da evitare è di cingersi il collo con fili di cotone o di lana o con sciarpette e fazzoletti, altrimenti il neonato nascerà col cordone ombelicale attorcigliato intorno al collo, rendendo il parto non solo difficile ma estremamente pericoloso. Gravidanza e pronostici Sarà maschio o sarà femmina? L interrogativo, oggi ormai superato grazie a sofisticati esami medici, ha un peso notevole nella tradizione popolare. Nel mondo contadino di stampo patriarcale è importante che almeno il primogenito sia un bel maschio: questo è il sogno di tutti i padri, l orgoglio delle madri, la certezza che la continuità famigliare non sarà interrotta, che il nome del nonno non scomparirà dalla genealogia, che ci sarà un erede sicuro per le terre e per l attività agricola. E, come sempre, di fronte ad un incognita di tale portata, il popolo reagisce col pregiudizio cercando di darsi rassicuranti risposte. Esistono moltissimi pronostici atti a prevedere il sesso del nascituro, che hanno il fascino di tempi ormai trascorsi e l indeterminata suggestione della casualità. Se una donna incinta, intenta alla cucina, brucia accidentalmente un lembo del sendie de nanz, si presta molta attenzione alla bruciatura del grembiule: se è sulla parte destra, la donna partorirà un maschio; se a sinistra, nascerà una femmina. Sotto osservazione sono tenute anche le pieghe prese dagli abiti sui corpo ingrossato della gestante: se il vestito forma una piega centrale, partendo dalla pancia, il nascituro sarà maschio; se le pieghe sono due e laterali al ventre, sarà una femmina. Inoltre il volto di una futura mamma che si chiazza di macchie color caffelatte fa prevedere la nascita di una femmina, così come la comparsa di gocce di latte alle mammelle circa trenta giorni prima del parto. Tra i pronostici ce n è uno riportato dal Karusio nei suoi Pregiudizi popolari putignanesi, che descrive: Volendo indovinare se quella femmina incinta partorirebbe un bambino o una bambina, la si farebbe sedere a terra, quindi la si farebbe alzare. Se levandosi di terra, si sostenesse sul lato destro, darebbe alla luce un maschio, se sul lato sinistro, una femmina. 2

3 Un metodo semplice, appannaggio di donne anziane ed affidabili e tuttora in qualche caso praticato, è quello della collanina tolta dal collo della gestante e fatta cadere perpendicolarmente sul palmo aperto della sua mano: se la catenina cade a piombo e si ferma, nascerà un bambino; se, invece, oscilla, nascerà una bambina. Un pronostico è racchiuso persino in un vecchio adagio: Venta chiàtte annòsce a zappe / venta pzzòte annòsce u fòse (un ventre largo e piatto fa presagire un maschio, che sarà dedito alla zappa; un ventre stretto e appuntito porta dentro di se un fuso, cioè una femmina, che si dedicherà a lavori tipicamente femminili per tradizione). Concludo con i pronostici, citandone uno particolarmente curioso che denota lo stretto rapporto esistente in campagna tra uomini e animali, anch esso raccolto dal Karusio: Un asina gravida, che fosse montata da una donna pregna, se partorisce maschio, indicherebbe sgravo di femmina alla donna che l ha cavalcata, e viceversa. Il parto e il puerperio Il parto è inteso dal popolo come evento collettivo, nel senso che parenti, amiche e comari, purché già madri, si danno da fare per aiutare la mammara o addirittura si sostituiscono ad essa in casi di emergenza, dando prova di tutta la loro esperienza. Per facilitare il parto si cinge la vita della partoriente con la funicella usata per legare le quattro zampe della pecora durante la tosatura: è usanza molto antica praticata soprattutto nelle nostre campagne. Inoltre si danno da bere alla donna infusioni particolari che evitano il pericolo di un parto asciutto e, quindi, doloroso; inoltre si recitano accorate preghiere a Sant Anna, ritenuta la protettrice delle partorienti. Dopo il parto la donna è sottoposta a cure attente: la si nutre principalmente con delicato brodo di colombo, perché si crede abbia la virtù di far scendere il latte; chi non se lo può permettere, somministra un brodo preparato con ceci neri, che ha la stessa proprietà. Si evita, invece, di nutrirla con il pesce, perché è ritenuto di cattivo auspicio. I capezzoli delle puerpere vengono delicatamente massaggiati con olio d oliva, per essere opportunamente preparati all allattamento. Il nutrimento al seno da parte del bambino si protrarrà, infatti, per lungo, tempo, anche a svezzamento avvenuto con pancotto e farina cotta e a volte anche dopo il primo anno di vita, poichè il latte materno è ritenuto un alimento insostituibile. Se una puerpera non ha quantità sufficiente di latte per nutrire il proprio nato, si ricorre ad una mamma u llàtte, cioè una nutrice che si presta, dietro compenso, a fornire al neonato il prezioso alimento. Cura e abbigliamento del neonato Poco dopo che il bambino vede la luce, viene reciso il cordone ombelicale. Una certa importanza avrà il luogo dove esso sarà riposto quando si disseccherà e si staccherà dal corpo del bambino: è d uso avvolgerlo in un pezzo di tela e nasconderlo sul pizzinurro più alto di un trullo o, comunque, in un luogo elevato, per assicurare al bambino una voce intonata, limpida e squillante. Se il bambino piange, lo si lascia strepitare, perché si pensa che così si rafforzino i polmoni; oppure, si prepara u pupèdole, un succhiotto casalingo fatto con garza e ovatta imbevuta di decotto d orzo, d infuso di camomilla, o riempito di zucchero. Se il neonato è particolarmente nzullènte (capriccioso, nervoso), si somministra a papàgne, decotto fortissimo preparato con il papavero officinale (Papaver somnzferum), un abitudine davvero rischiosa poiché la pianta in questione, comune nelle nostre campagne, è un oppiaceo. Ma l aspetto più interessante riguarda sicuramente l abbigliamento e la fasciatura del neonato, poichè ci 3

4 tramanda una serie di complicati indumenti, meticolosamente studiati ed ormai sostituiti da altri più pratici e funzionali. E il caso di dire che i bambini di una volta hanno, rispetto a quelli di oggi, troppa roba addosso. Sulla pelle delicata indossano una leggera camicina di cotone, poi un cacciamàn, bustino aderente di piquet o di flanella e le magliettine di lana. I sparghene, i panni, sono di tela fattincasa e vengono fissati con spille francesi, u peraròle, un triangolo di stoffa, serve per avvolgere i piedini; inoltre con una lunga fascia di cotone pesante si nfàsse il bambino, avvolgendo strettamente il suo corpo fino a renderlo un rigido cilindro ed evitando allegri sgambettii che, si pensa, rendano storte le gambe. Così fasciato, lo si infila in un sacchetìdde, un sacchetto di millerighe o di piquet grazioso e ricamato e gli si lega intorno al collo a varvaròl, il bavaglino che raccoglie i vàv (le bave), soprattutto quando spuntano i primi dentini. La testa viene protetta dal freddo o dai colpi di sole per mezzo di una cuffietta di lana o di cotone e in inverno completa l abbigliamento un giubbettino di lana lavorato ai ferri e ornato generalmente di merletti o nastrini. La cuffietta di lana si toglie ai neonati soltanto il Sabato Santo, dopo il Gloria, perchè solo così si evitano raffreddori e colpi d aria. Per tenere fermo il neonato, mentre ci si dedica ad altre faccende, si usa u squànne, una sorta di sediolina fissa con un foro centrale in cui si infila il corpo del bimbo rigidamente fasciato; per il suo riposo si prepara a nach, la culla a dondolo di legno, dotata di materassi- no di crine, di una buttètell (trapuntina imbottita di lana) e di u uasce, preparato con un incerata per evitare che il bimbo possa bagnare il materasso. Quando il neonato comincia a crescere si sostengono i suoi primi passi con i tranze, grosse bretelle di tela con delle redini; oppure lo si mette nello scapelatòrer, antenato povero del girello, un oggetto artigianale fatto di legno, dotato di ruote per permettere al bimbo i primi spostamenti senza il pericolo di cadute. Per l igiene del neonato si fa grande uso di olio di oliva, che si strofina sulla pelle per addolcirla o per eliminare con delicatezza le croste lattee; per il culetto arrossato, invece, si usa sostituire il pannetto bianco con uno nero, perché è superstizione credere che il nero permetta di guarire le scaldature. Un proverbio, in ogni caso, avverte che piccènne de iente a nache / na deje ienghie, iia dej devach (bimbo della culla un giorno è tondo e roseo, un altro è pallido e magro) e che, quindi, nessuna preoccupazione devono destare deperimenti o improvvisi cali di peso. Tra pregiudizio e magia Fra le cure del neonato rientrano indubbiamente pratiche empiriche e pregiudizi inspiegabili, che testimoniano il tipico timore del popolo nei confronti di forze sconosciute e misteriose. Un bambino è un essere fragile ed indifeso, perciò deve essere protetto da qualunque tipo di aggressione. Prima del battesimo, cioè prima che la sua anima venga purificata, si pensa che il neonato sia particolarmente esposto a vari pericoli. Tra il parto e il giorno del battesimo, quindi, dalla casa in cui è nato un bimbo non devono mai uscire sale o fiammiferi, perché questo porta male. Inoltre la mamma non partecipa mai all evento, chi prepara il bambino per la cerimonia è la mammara o la commara: l intervento materno è ritenuto di cattivo auspicio per la futura vita del bimbo. Prima del battesimo si usa preparare l abbetène, un sacchetto di stoffa imbottito con immagini di santi, che si porta in dono al bambino e che viene benedetto durante la cerimonia religiosa. Da questo 4

5 momento il neonato lo porterà sempre nascosto negli indumenti e l insolito amuleto lo preserverà da l affàscene, dalla malia e dall incantesimo. Sempre prima che il bimbo si purifichi e diventi cristiano non lo si deve mai baciare, nè è opportuno prelevare fuoco pagano dal camino o dal braciere della sua casa per portarlo in altra abitazione. Fino a quando non viene battezzato, inoltre, è anche sorvegliato durante la notte per tenere lontano il monacello o altri spiriti maligni che potrebbero danneggiarlo. Se, invece, si ritiene che il neonato sia stato vittima di un affascino, nonostante le attente precauzioni, si tengono sospesi sulla sua testa due oggetti simbolici: le mutande del padre o un paio di forbici aperte, perché si ritiene scaccino il malocchio. Concludo con i pregiudizi citando una credenza curiosa. Chi taglia per la prima volta le unghie ad un neonato è da considerarsi il suo compare o la sua commara. Va detto che questi due ruoli hanno una importanza notevole, che si è persa nel corso degli anni: sono infatti le persone più prossime ad occuparsi del bambino in caso di impossibilità da parte dei genitori ed hanno il compito di guidare saggiamente il proprio comparello o la propria commarella. La sintesi in un proverbio Questa mia breve indagine potrà apparire forse troppo distaccata e documentaristica, dato che si limita a fornire notizie ed evita commenti o riflessioni sugli argomenti presentati. In realtà ho usato il presente proprio per dare al mio scritto un tono da cronaca quotidiana perché di piccoli avvenimenti famigliari è fatta la tradizione. Ma è indubbio che i suoi linguaggi, i suoi contenuti ed i suoi simboli sono oltremodo complessi. Resta, però, immutabile il fatto che per il popolo certi riti e pregiudizi erano questioni da affrontare senza sentimentalismi e con pratica determinazione non ci si poneva domande sui perché di gesti e di segni e neppure sull efficacia dei risultati. Soltanto alcuni dei pregiudizi descritti sono sopravvissuti nella cultura della città, dove, perlopiù, è mutato l atteggiamento nei confronti di essi. Nel caso specifico, la maternità, il parto, i figli erano valori basilari, perché la nascita dell uomo era il fondamento dell amore e della famiglia, del lavoro e della continuità. Essere sterili era un onta grave per una donna che, essendo dedita solo al matrimonio e alla famiglia, si sentiva mutilata ed esclusa. Spesso le donne più sfortunate si affidavano a San Francesco da Paola, affinché attraverso la loro preghiera le rendesse feconde. Le considerazioni finali le lascio ad un proverbio del nostro vernacolo, Lasse a murènte i fosce a parturènte, che contiene davvero la sintesi di tutto il discorso. Lascia chi sta morendo, ci dice, e corri da chi sta partorendo. Accorri con sollecitudine per aiutare una vita che nasce, non ti curare di una vita che muore e per la quale non puoi fare più nulla. La sentenza può apparire persino disumana ma è fattiva, concreta e ci fornisce la chiave di lettura di una cultura articolata ed irrazionale, spesso difficile da interpretare nel modo corretto. 5

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa

Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA. Accettare ciò che una madre pensa 48 12. Esercizi su come infondere fiducia Sessione 12 ESERCIZI SU COME INFONDERE FIDUCIA Esercizio 6. Accettare ciò che una madre pensa Gli esempi da 1 a 3 sono concetti errati in cui le madri potrebbero

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

La superstizione e il malocchio. Ilaria Manchinu II B

La superstizione e il malocchio. Ilaria Manchinu II B La superstizione e il malocchio Ilaria Manchinu II B La superstizione Da sempre l uomo ha cercato nelle cose, nei segni, negli eventi, i presagi per un suo desiderio, per la sua fortuna. La superstizione

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno

LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI. Maggio-Giugno LA CHIESA I SUOI SIMBOLI ED I SUOI SIGNIFICATI Maggio-Giugno Le campane nel campanile suonano a festa. E risorto Gesù E Pasqua senti come suonano allegre! ascoltiamole Queste suonano forte! Maestra perchè

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO. Comprensione della lettura. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI ITALIANO Comprensione della lettura Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino Claudia Porta Come realizzare una Bambola Waldorf Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino 1 2 3 Le bambole Waldorf sono bambole di stoffa morbide e semplici, realizzate a mano

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno.

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. 20. Spremere il latte 92 Sessione 20 SPREMERE IL LATTE Introduzione La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. Spremere

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

LA SALUTE DEL BAMBINO E L AMBIENTE

LA SALUTE DEL BAMBINO E L AMBIENTE LA SALUTE DEL BAMBINO E L AMBIENTE CODICE / (da compilarsi a cura del centro di coordinamento) 1 1 Il codice deve essere formato da una lettera che identifica la zona/comune di rilevazione e da cifre che

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

Scritto da Fortunato Loi Sabato 01 Agosto 2009 11:00 - Ultimo aggiornamento Sabato 01 Agosto 2009 11:12

Scritto da Fortunato Loi Sabato 01 Agosto 2009 11:00 - Ultimo aggiornamento Sabato 01 Agosto 2009 11:12 Fino alla metà del secolo scorso lo scorrere della vita quotidiana degli Asunesi, pur essendo stata influenzata dai grandi eventi storici nazionali, non fu stravolta come accadde nei grandi centri, ma

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno

Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno Parrocchia di S. Gregorio Magno Scuola dell infanzia S. Gregorio Magno via Boccaccio, 91-35128 Padova, P. IVA 03386430288, C.F. 80041130289 Tel.e Fax 049-8071565, E mail: scuolamaterna@sangregoriomagnopadova.it,

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino

La mia Storia. nome. cognome. Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. By Maestra Luciana. Spazio riservato alla foto del bambino La mia Storia nome Spazio riservato alla foto del bambino cognome Istituto Comprensivo di Scuola Primaria di Classe II sez. Questa è la copia del mio documento d identità: ( Spazio riservato alla copia

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Livello: A2 Gruppo 1 Autori: Betto Michela, Camozzi Laura, Ros Laura Destinatari: Alunni di 2-3 elementare con conoscenza dell italiano di livello A2 Tempi

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

la compagnia della casina Laboratorio teatrale

la compagnia della casina Laboratorio teatrale la compagnia della casina Laboratorio teatrale CASINA DEI BIMBI L Associazione Casina dei Bimbi Onlus opera nel territorio delle province di Reggio Emilia, Modena e Parma occupandosi, in convenzione con

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO Capire chi siamo, come siamo fatti e in che mondo viviamo sono esigenze vitali delle persone e, in particolare, dei bambini. Bisogna allora cominciare a guardare

Dettagli

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015.

INCIPIT. Qui di seguito vengono raccolti alcuni testi e disegni prodotti dagli alunni tra il il 17 e il 24 Marzo 2015. INCIPIT Inizia così il nostro viaggio alla scoperta del legame che unisce territorio, cibo e cultura. In particolare vengono proposte due attività introduttive al fine di far emergere le conoscenze pregresse

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo

Mente&Cibo Premaman. Chi siamo. Obiettivo Mente&Cibo Premaman Chi siamo Antropica Gruppo Interdisciplinare per lo Sviluppo Umano è un associazione culturale, senza fini di lucro e indirizzi di carattere politico, che si propone di promuovere la

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio La virtù del risparmio è cosa da adulti, ma fin da bambini occorre prenderne l abitudine e capirne il valore. Perché gli uomini risparmiano? Per

Dettagli

Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com

Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com Come io preparo le punte da danza by Monica MicioGatta fabuland@gmail.com In rete ci sono alcuni tutorial su come preparare le punte, ma niente di davvero specifico. Ho deciso di creare questo tutorial

Dettagli

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti.

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti. PRESENTAZIONE Dalla relazione svolta dal card. Carlo M. Martini a Camaldoli, luglio 2002, al convegno Cristianesimo e democrazia nel futuro dell Europa. La Bibbia divenga il libro del futuro dell Europa

Dettagli

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO

INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO INCENTIVAZIONE DELL ALLATTAMENTO AL SENO Il reparto Maternità del Gaslini favorisce l'allattamento al seno, in base alle norme definite dall'oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall'unicef (Fondo

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY caosfera www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Angela Grazioso Una corsa in bicicletta Essenza Angela Grazioso Una corsa in bicicletta ISBN 978-88-6628-203-7 copyright 2013 Caosfera Edizioni

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD

Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD Presentazione di Silvana Ciscato, AUSER PROV.LE PD DIETRO IL FILO - 9 maggio 2012 1 Lo scopo della ricerca è è quello delle EMOZIONI, delle PERCEZIONI, dei SENTIMENTI; dimensioni difficili da comunicare.

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI:

CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013. a fumetti. SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO INSEGNANTI: CAPPUCCETTO ROSSO CLASSE 5^B 2012/2013 a fumetti SCUOLA PRIMARIA MAESTRE PIE Bologna INSEGNANTI: ALESSANDRA BONACINI E CHIARA CATALANO CREAZIONE DI UN FUMETTO A PARTIRE DA UN BREVE TESTO Motivo della proposta:

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica

La moda nel tempo. Sumeri. Greci. Egizi. Etruschi. Fenici. Romani. Civiltà minoica La moda nel tempo Sumeri Egizi Fenici Civiltà minoica Greci Etruschi Romani LAVORO DI STORIA CLASSE 1 A MODA a.s. 2013 2014 Martina Bugiolacchi Sharon Tracanna Eleonora Mastropasqua Michela Socionovo Jasmine

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare.

SCHEDA n 4. Dopo la raccolta delle preconoscenze si individuano collettivamente i temi da indagare. SCHEDA n 4 6) Individuazione dei temi da indagare per delineare i quadri di società relativi alle quattro generazioni: famiglia, lavoro, casa, cibo, abbigliamento, gioco, mezzi di trasporto, mezzi di comunicazione,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni GIROTONDO DI PAROLE Edizioni Associazione Culturale Lecce,. Preg.ma/o Dirigente dell Istituto Scolastico e p.c. alla/al Responsabile dei Progetti Buongiorno, mi chiamo Alessandra Toma e con la mia Associazione

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola

VIOLENZA DI GENERE. un esclusiva maschile? - Fabio Nestola VIOLENZA DI GENERE un esclusiva maschile? - Fabio Nestola MOGLI, MADRI, SORELLE, AMANTI Stereotipati e limitativi, sono i ruoli in cui la società rinchiude, storicamente, il destino sociale delle donne,

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

Volando sull arcobaleno.

Volando sull arcobaleno. Volando sull arcobaleno. Non tutte le storie sono uguali ma tutti abbiamo bisogno di sognarle. Quattro incontri di letture per bambini (3-10 anni) con storie incentrate sulla diversità. Quattro libri che

Dettagli

Vestiario e abitudini giornaliere

Vestiario e abitudini giornaliere Vestiario e abitudini giornaliere Il vestiario Conviene sempre mettere a contatto con la pelle del neonato un body di cotone, sostiene Elena Calcinai, pediatra presso l Ospedale Macedonio Melloni di Milano.

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

Esercizio 1 ILLUSTRA CON UN DISEGNO A PIACERE LA FIABA LO SCIENZIATO E IL TESORO

Esercizio 1 ILLUSTRA CON UN DISEGNO A PIACERE LA FIABA LO SCIENZIATO E IL TESORO Esercizio 1 ILLUSTRA CON UN DISEGNO A PIACERE LA FIABA LO SCIENZIATO E IL TESORO Esercizio 2 SCRIVI SOTTO LA FACCIA SORRIDENTE I COMPORTAMENTI CHE FANNO BENE ALLA SALUTE E SOTTO LA FACCIA TRISTE I COMPORTAMENTI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Sei forte in materia...grigia?

Sei forte in materia...grigia? Sei forte in materia...grigia? Il tuo cervello non è un semplice coinquilino,ma è un potenziale BFF (best friend forever) capito,coccolato e spronato a dare il meglio di sé. Abitudinario,spesso troppo

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli