Mariapia Giulivo GRAVIDANZA E CURA DEI NEONATI NEGLI USI E NEI PREGIUDIZI POPOLARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mariapia Giulivo GRAVIDANZA E CURA DEI NEONATI NEGLI USI E NEI PREGIUDIZI POPOLARI"

Transcript

1 Mariapia Giulivo GRAVIDANZA E CURA DEI NEONATI NEGLI USI E NEI PREGIUDIZI POPOLARI Da Umanesimo della Pietra - Martina Franca (Ta) - luglio 91 È sempre vivo nella mia mente il racconto di una donna, madre di undici figli e vedova settantaseienne di un facoltoso massaro putignanese, relativo alla fortunosa venuta al mondo del suo terzogenito: una narrazione vivace, vagamente nostalgica, ricca di forza e vitalità. Dunque, le cose erano andate così. Era ormai prossima a sgravarsi e, in un tardo pomeriggio di autunno, le doglie erano sopraggiunte con una tale intensità, che il marito pensò bene di evitare inutili perdite di tempo e di portarla in paese a casa della mammara, anziché fare il contrario, come era d uso, e condurre la levatrice alla masseria, che distava circa sette chilometri dal centro abitato. Durante il tragitto il massaro spronava i cavalli ad andare più forte, mentre la sciarretta traballava pericolosamente. La povera donna, attanagliata dai dolori, non riuscì a contenere il naturale impulso del parto e si sgravò li, sulla sciarretta, tenendosi stretto il suo bambino tra le gambe grazie ai grandi mutandoni di tela che portava sotto gli abiti. Giunse in paese livida e sfinita, appena in tempo per salvarsi e salvare il suo bambino. La mammara, non credendo ai propri occhi, tagliò soltanto il cordone ombelicale e prestò le cure necessarie alla puerpera ed al neonato. La donna mi raccontava che, mentre avveniva quel parto così insolito, pregava intensamente la Madonna e non si lagnava, tanto che don Ciccio, il marito, tutto preso dalla concitata guida dei cavalli, neppure si rese conto di quello che avveniva. Ella commentava, alla fine del racconto, che solo la Vergine l aveva aiutata, che lei non era miracolosa, come le donne d oggi; che una volta far figli era più naturale e sentito, che i figli sono la vera ricchezza di una casa. Ho voluto introdurre l argomento che tratterò riferendo questa vicenda, accaduta circa sessant anni fa, perché è già in grado di farci percepire quanto diversa era in passato la mentalità che riguardava la gravidanza, il puerperio e la cura dei figli. In questo ambito, schiettamente contadino, ancora una volta, sagge e pratiche consuetudini si mescolano ad un empirismo di tipo magico e fatalistico, al sacro e al profano. Il mistero, sempre affascinante della vita, si colora di pregiudizio e di fantastico, riportandoci in una dimensione quasi a- temporale, in cui la ritualità e la superstizione sono quanto mai vive e degne di indagine. Scopriamo, così, un mondo quotidiano con i suoi principi, le sue usanze, i suoi simboli, e, soprattutto, termini ed oggetti desueti in un mondo contadino ancora molto lontano dalla civiltà dei consumi e dalla medicina ufficiale. Gesti quotidiani nella cura di un neonato di altri tempi. Un mondo che ho affrontato non solo come curiosità antropologica ma come specchio di una realtà, alla costante ricerca di risposte e sempre in lotta contro le forze occulte dell ignoto. Gravidanza e superstizioni La gravidanza è un periodo molto importane nella vita di una donna: pur non essendo considerata un ammalata, la donna incinta è fatta oggetto di particolari attenzioni. Nella tradizione popolare le attenzioni sono più d una e quasi tutte intrise di superstizione e di fatalismo. 1

2 Di fondamentale importanza è soddisfare tutti i bisogni e i desideri alimentari della gestante, al fine di evitare le tanto temute voglie, che si possono tramutare, sul corpo della creatura che nascerà, in antiestetiche chiazze di diverso colore: rosata è, per esempio, una voglia di vino; marrone, una di caffè; scura e pelosa, una voglia di carne di maiale; rossa, è di fragola; e così via. Alle donne gravide si consiglia, quando sentono il goloso desiderio di un cibo, di grattarsi le natiche: in questo modo la voglia comparirà al neonato su quel punto del corpo poco visibile. Così forte è la preoccupazione di evitare le voglie, che si obbliga chiunque a non negare mai un alimento appetito da donna incinta, altrimenti, come conseguenza, vedrà comparire presto un orzaiolo vicino al suo occhio. Una donna gravida non deve mai neppure fissare persone o animali particolarmente brutti e sgradevoli, poiché questo potrà influenzare negativamente le fattezze del nascituro; deve, al contrario, circondarsi di graziose bambole e di oggetti armoniosi, perché sarà sicuramente di buon auspicio. Queste strane superstizioni, che oggi fanno quasi sorridere, in realtà hanno origini antichissime ed erano già note agli antichi romani. Tra i tanti riferimenti, cito dal saggio del 1982 su Magia e medicina popolare in Italia di Cecilia Gatto Trocchi: si narra di Macrina, moglie del console Torquato, che ai tempi della Repubblica morì perché incinta non potè vedere un uomo guercio che passava per strada. A quei tempi alle donne oneste era vietato affacciarsi alla finestra; ma dopo questo fatto il Senato, dolente, concesse alle donne incinte molti privilegi; tra l altro si ordinava che nulla a loro fosse negato in fatto di cibi. Altra cosa da evitare è di cingersi il collo con fili di cotone o di lana o con sciarpette e fazzoletti, altrimenti il neonato nascerà col cordone ombelicale attorcigliato intorno al collo, rendendo il parto non solo difficile ma estremamente pericoloso. Gravidanza e pronostici Sarà maschio o sarà femmina? L interrogativo, oggi ormai superato grazie a sofisticati esami medici, ha un peso notevole nella tradizione popolare. Nel mondo contadino di stampo patriarcale è importante che almeno il primogenito sia un bel maschio: questo è il sogno di tutti i padri, l orgoglio delle madri, la certezza che la continuità famigliare non sarà interrotta, che il nome del nonno non scomparirà dalla genealogia, che ci sarà un erede sicuro per le terre e per l attività agricola. E, come sempre, di fronte ad un incognita di tale portata, il popolo reagisce col pregiudizio cercando di darsi rassicuranti risposte. Esistono moltissimi pronostici atti a prevedere il sesso del nascituro, che hanno il fascino di tempi ormai trascorsi e l indeterminata suggestione della casualità. Se una donna incinta, intenta alla cucina, brucia accidentalmente un lembo del sendie de nanz, si presta molta attenzione alla bruciatura del grembiule: se è sulla parte destra, la donna partorirà un maschio; se a sinistra, nascerà una femmina. Sotto osservazione sono tenute anche le pieghe prese dagli abiti sui corpo ingrossato della gestante: se il vestito forma una piega centrale, partendo dalla pancia, il nascituro sarà maschio; se le pieghe sono due e laterali al ventre, sarà una femmina. Inoltre il volto di una futura mamma che si chiazza di macchie color caffelatte fa prevedere la nascita di una femmina, così come la comparsa di gocce di latte alle mammelle circa trenta giorni prima del parto. Tra i pronostici ce n è uno riportato dal Karusio nei suoi Pregiudizi popolari putignanesi, che descrive: Volendo indovinare se quella femmina incinta partorirebbe un bambino o una bambina, la si farebbe sedere a terra, quindi la si farebbe alzare. Se levandosi di terra, si sostenesse sul lato destro, darebbe alla luce un maschio, se sul lato sinistro, una femmina. 2

3 Un metodo semplice, appannaggio di donne anziane ed affidabili e tuttora in qualche caso praticato, è quello della collanina tolta dal collo della gestante e fatta cadere perpendicolarmente sul palmo aperto della sua mano: se la catenina cade a piombo e si ferma, nascerà un bambino; se, invece, oscilla, nascerà una bambina. Un pronostico è racchiuso persino in un vecchio adagio: Venta chiàtte annòsce a zappe / venta pzzòte annòsce u fòse (un ventre largo e piatto fa presagire un maschio, che sarà dedito alla zappa; un ventre stretto e appuntito porta dentro di se un fuso, cioè una femmina, che si dedicherà a lavori tipicamente femminili per tradizione). Concludo con i pronostici, citandone uno particolarmente curioso che denota lo stretto rapporto esistente in campagna tra uomini e animali, anch esso raccolto dal Karusio: Un asina gravida, che fosse montata da una donna pregna, se partorisce maschio, indicherebbe sgravo di femmina alla donna che l ha cavalcata, e viceversa. Il parto e il puerperio Il parto è inteso dal popolo come evento collettivo, nel senso che parenti, amiche e comari, purché già madri, si danno da fare per aiutare la mammara o addirittura si sostituiscono ad essa in casi di emergenza, dando prova di tutta la loro esperienza. Per facilitare il parto si cinge la vita della partoriente con la funicella usata per legare le quattro zampe della pecora durante la tosatura: è usanza molto antica praticata soprattutto nelle nostre campagne. Inoltre si danno da bere alla donna infusioni particolari che evitano il pericolo di un parto asciutto e, quindi, doloroso; inoltre si recitano accorate preghiere a Sant Anna, ritenuta la protettrice delle partorienti. Dopo il parto la donna è sottoposta a cure attente: la si nutre principalmente con delicato brodo di colombo, perché si crede abbia la virtù di far scendere il latte; chi non se lo può permettere, somministra un brodo preparato con ceci neri, che ha la stessa proprietà. Si evita, invece, di nutrirla con il pesce, perché è ritenuto di cattivo auspicio. I capezzoli delle puerpere vengono delicatamente massaggiati con olio d oliva, per essere opportunamente preparati all allattamento. Il nutrimento al seno da parte del bambino si protrarrà, infatti, per lungo, tempo, anche a svezzamento avvenuto con pancotto e farina cotta e a volte anche dopo il primo anno di vita, poichè il latte materno è ritenuto un alimento insostituibile. Se una puerpera non ha quantità sufficiente di latte per nutrire il proprio nato, si ricorre ad una mamma u llàtte, cioè una nutrice che si presta, dietro compenso, a fornire al neonato il prezioso alimento. Cura e abbigliamento del neonato Poco dopo che il bambino vede la luce, viene reciso il cordone ombelicale. Una certa importanza avrà il luogo dove esso sarà riposto quando si disseccherà e si staccherà dal corpo del bambino: è d uso avvolgerlo in un pezzo di tela e nasconderlo sul pizzinurro più alto di un trullo o, comunque, in un luogo elevato, per assicurare al bambino una voce intonata, limpida e squillante. Se il bambino piange, lo si lascia strepitare, perché si pensa che così si rafforzino i polmoni; oppure, si prepara u pupèdole, un succhiotto casalingo fatto con garza e ovatta imbevuta di decotto d orzo, d infuso di camomilla, o riempito di zucchero. Se il neonato è particolarmente nzullènte (capriccioso, nervoso), si somministra a papàgne, decotto fortissimo preparato con il papavero officinale (Papaver somnzferum), un abitudine davvero rischiosa poiché la pianta in questione, comune nelle nostre campagne, è un oppiaceo. Ma l aspetto più interessante riguarda sicuramente l abbigliamento e la fasciatura del neonato, poichè ci 3

4 tramanda una serie di complicati indumenti, meticolosamente studiati ed ormai sostituiti da altri più pratici e funzionali. E il caso di dire che i bambini di una volta hanno, rispetto a quelli di oggi, troppa roba addosso. Sulla pelle delicata indossano una leggera camicina di cotone, poi un cacciamàn, bustino aderente di piquet o di flanella e le magliettine di lana. I sparghene, i panni, sono di tela fattincasa e vengono fissati con spille francesi, u peraròle, un triangolo di stoffa, serve per avvolgere i piedini; inoltre con una lunga fascia di cotone pesante si nfàsse il bambino, avvolgendo strettamente il suo corpo fino a renderlo un rigido cilindro ed evitando allegri sgambettii che, si pensa, rendano storte le gambe. Così fasciato, lo si infila in un sacchetìdde, un sacchetto di millerighe o di piquet grazioso e ricamato e gli si lega intorno al collo a varvaròl, il bavaglino che raccoglie i vàv (le bave), soprattutto quando spuntano i primi dentini. La testa viene protetta dal freddo o dai colpi di sole per mezzo di una cuffietta di lana o di cotone e in inverno completa l abbigliamento un giubbettino di lana lavorato ai ferri e ornato generalmente di merletti o nastrini. La cuffietta di lana si toglie ai neonati soltanto il Sabato Santo, dopo il Gloria, perchè solo così si evitano raffreddori e colpi d aria. Per tenere fermo il neonato, mentre ci si dedica ad altre faccende, si usa u squànne, una sorta di sediolina fissa con un foro centrale in cui si infila il corpo del bimbo rigidamente fasciato; per il suo riposo si prepara a nach, la culla a dondolo di legno, dotata di materassi- no di crine, di una buttètell (trapuntina imbottita di lana) e di u uasce, preparato con un incerata per evitare che il bimbo possa bagnare il materasso. Quando il neonato comincia a crescere si sostengono i suoi primi passi con i tranze, grosse bretelle di tela con delle redini; oppure lo si mette nello scapelatòrer, antenato povero del girello, un oggetto artigianale fatto di legno, dotato di ruote per permettere al bimbo i primi spostamenti senza il pericolo di cadute. Per l igiene del neonato si fa grande uso di olio di oliva, che si strofina sulla pelle per addolcirla o per eliminare con delicatezza le croste lattee; per il culetto arrossato, invece, si usa sostituire il pannetto bianco con uno nero, perché è superstizione credere che il nero permetta di guarire le scaldature. Un proverbio, in ogni caso, avverte che piccènne de iente a nache / na deje ienghie, iia dej devach (bimbo della culla un giorno è tondo e roseo, un altro è pallido e magro) e che, quindi, nessuna preoccupazione devono destare deperimenti o improvvisi cali di peso. Tra pregiudizio e magia Fra le cure del neonato rientrano indubbiamente pratiche empiriche e pregiudizi inspiegabili, che testimoniano il tipico timore del popolo nei confronti di forze sconosciute e misteriose. Un bambino è un essere fragile ed indifeso, perciò deve essere protetto da qualunque tipo di aggressione. Prima del battesimo, cioè prima che la sua anima venga purificata, si pensa che il neonato sia particolarmente esposto a vari pericoli. Tra il parto e il giorno del battesimo, quindi, dalla casa in cui è nato un bimbo non devono mai uscire sale o fiammiferi, perché questo porta male. Inoltre la mamma non partecipa mai all evento, chi prepara il bambino per la cerimonia è la mammara o la commara: l intervento materno è ritenuto di cattivo auspicio per la futura vita del bimbo. Prima del battesimo si usa preparare l abbetène, un sacchetto di stoffa imbottito con immagini di santi, che si porta in dono al bambino e che viene benedetto durante la cerimonia religiosa. Da questo 4

5 momento il neonato lo porterà sempre nascosto negli indumenti e l insolito amuleto lo preserverà da l affàscene, dalla malia e dall incantesimo. Sempre prima che il bimbo si purifichi e diventi cristiano non lo si deve mai baciare, nè è opportuno prelevare fuoco pagano dal camino o dal braciere della sua casa per portarlo in altra abitazione. Fino a quando non viene battezzato, inoltre, è anche sorvegliato durante la notte per tenere lontano il monacello o altri spiriti maligni che potrebbero danneggiarlo. Se, invece, si ritiene che il neonato sia stato vittima di un affascino, nonostante le attente precauzioni, si tengono sospesi sulla sua testa due oggetti simbolici: le mutande del padre o un paio di forbici aperte, perché si ritiene scaccino il malocchio. Concludo con i pregiudizi citando una credenza curiosa. Chi taglia per la prima volta le unghie ad un neonato è da considerarsi il suo compare o la sua commara. Va detto che questi due ruoli hanno una importanza notevole, che si è persa nel corso degli anni: sono infatti le persone più prossime ad occuparsi del bambino in caso di impossibilità da parte dei genitori ed hanno il compito di guidare saggiamente il proprio comparello o la propria commarella. La sintesi in un proverbio Questa mia breve indagine potrà apparire forse troppo distaccata e documentaristica, dato che si limita a fornire notizie ed evita commenti o riflessioni sugli argomenti presentati. In realtà ho usato il presente proprio per dare al mio scritto un tono da cronaca quotidiana perché di piccoli avvenimenti famigliari è fatta la tradizione. Ma è indubbio che i suoi linguaggi, i suoi contenuti ed i suoi simboli sono oltremodo complessi. Resta, però, immutabile il fatto che per il popolo certi riti e pregiudizi erano questioni da affrontare senza sentimentalismi e con pratica determinazione non ci si poneva domande sui perché di gesti e di segni e neppure sull efficacia dei risultati. Soltanto alcuni dei pregiudizi descritti sono sopravvissuti nella cultura della città, dove, perlopiù, è mutato l atteggiamento nei confronti di essi. Nel caso specifico, la maternità, il parto, i figli erano valori basilari, perché la nascita dell uomo era il fondamento dell amore e della famiglia, del lavoro e della continuità. Essere sterili era un onta grave per una donna che, essendo dedita solo al matrimonio e alla famiglia, si sentiva mutilata ed esclusa. Spesso le donne più sfortunate si affidavano a San Francesco da Paola, affinché attraverso la loro preghiera le rendesse feconde. Le considerazioni finali le lascio ad un proverbio del nostro vernacolo, Lasse a murènte i fosce a parturènte, che contiene davvero la sintesi di tutto il discorso. Lascia chi sta morendo, ci dice, e corri da chi sta partorendo. Accorri con sollecitudine per aiutare una vita che nasce, non ti curare di una vita che muore e per la quale non puoi fare più nulla. La sentenza può apparire persino disumana ma è fattiva, concreta e ci fornisce la chiave di lettura di una cultura articolata ed irrazionale, spesso difficile da interpretare nel modo corretto. 5

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità

LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità C l a u d i o P a g a n o t t i LA NASCITA Credenze, attualità e curiosità Prefazione di Attilio Gastaldi Marco Serra Tarantola Editore SOMMARIO Prefazione...7 Introduzione...9 1. LA NASCITA TRA STORIE

Dettagli

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino

Claudia Porta. Come realizzare una. Bambola Waldorf. Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino Claudia Porta Come realizzare una Bambola Waldorf Cartamodello e istruzioni per bambola, maglia, pantaloni e pannolino 1 2 3 Le bambole Waldorf sono bambole di stoffa morbide e semplici, realizzate a mano

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Livello: A2 Gruppo 1 Autori: Betto Michela, Camozzi Laura, Ros Laura Destinatari: Alunni di 2-3 elementare con conoscenza dell italiano di livello A2 Tempi

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne,

Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, Francoise Héritier, Maschile e femminile. Il pensiero della differenza, Laterza, Bari 2000 Ilenya Burrini Il potere è negato alle donne in quanto individui veri, perché prima di tutto sono donne, cioè

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

Avete contato bene le dita?

Avete contato bene le dita? Gino Nebiolo Avete contato bene le dita? Confessioni semiserie di un nonno alle prime armi Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A. Milano ISBN 978-88-17-08037-8 Prima edizione: marzo

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

Vestiario e abitudini giornaliere

Vestiario e abitudini giornaliere Vestiario e abitudini giornaliere Il vestiario Conviene sempre mettere a contatto con la pelle del neonato un body di cotone, sostiene Elena Calcinai, pediatra presso l Ospedale Macedonio Melloni di Milano.

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi

3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi 3 modulo STESURA DI UN DIARIO QUOTIDIANO chi-fa-cosa-quando in settimana e nei festivi L intento di questo modulo è di far lavorare sulla condivisione di responsabilità, ovvero di permettere ai bambini

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni

GIROTONDO DI PAROLE Edizioni GIROTONDO DI PAROLE Edizioni Associazione Culturale Lecce,. Preg.ma/o Dirigente dell Istituto Scolastico e p.c. alla/al Responsabile dei Progetti Buongiorno, mi chiamo Alessandra Toma e con la mia Associazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino La nostra storia La nostra storia In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino a oggi. Imparerai a ricostruire

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

astoplastica Riduttiva

astoplastica Riduttiva astoplastica Riduttiva 1 MASTOPLASTICA RIDUTTIVA Quando una donna ha le mammelle molto grandi e cadenti può accusare una serie di disturbi dovuti al peso eccessivo; male alla schiena e al collo, irritazioni

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione

Sessione 22 IL PIANTO. 106 22. Il pianto. Introduzione 106 22. Il pianto Sessione 22 IL PIANTO Introduzione Molte madri cominciano a dare aggiunte inutili perché il loro bambino piange. Tuttavia le aggiunte spesso non fanno piangere di meno un bambino, che

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp.

Cartellino culla. Richard Le Gallienn. Ambulatorio allattamento presso il NIDO previa prenotazione telefonica (0424 888552 opp. Al mio bambino fragili ali appena nate, piccola voce che canta, nuovo cuoricino che batte, non temere la tua nascita, né il mondo poichè sei l infinito. Il sole risplende, la terra gira, per darti il benvenuto

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Il permesso di soggiorno

Il permesso di soggiorno Il permesso di soggiorno Febbraio, giornate fredde e ventose, il vento tramontano investe in pieno le persone e le case, ci si ripara con difficoltà, cappotti lunghi e cappucci in capo. Ieri Scegersada

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio La virtù del risparmio è cosa da adulti, ma fin da bambini occorre prenderne l abitudine e capirne il valore. Perché gli uomini risparmiano? Per

Dettagli

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE

DALL ALGERIA RITI E TRADIZIONI LA NASCITA LA CIRCONCISIONE DALL ALGERIA LA NASCITA RITI E TRADIZIONI Secondo le tradizioni algerine, una coppia ha il primo bambino entro i primi due anni dal matrimonio. Nei nostri giorni la famiglia ha in media due, tre o al massimo

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE...

Come crescere tuo figlio secondo natura SCOPRI QUALI INFORMAZIONI POSSIEDONO! EPPURE DEVI SAPERE CHE... Come crescere tuo figlio secondo natura Hai difficoltà nel crescere tuo figlio? Ecco una notizia per te. Ci sono genitori che comprendono i bisogni del proprio figlio e con il quale costruiscono nel tempo

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Io e gli altri: il mondo a tre anni Come nascono i bambini Dalla percezione della pancia e del busto

Io e gli altri: il mondo a tre anni Come nascono i bambini Dalla percezione della pancia e del busto Servizio 2-6 anni Turri Sezione rossa a. s. 2009-2010 dal progetto didattico annuale Io e gli altri: il mondo a tre anni raccontiamo Come nascono i bambini Il nostro viaggio è cominciato con l intento

Dettagli

1.Tradizioni e usanze natalizie (riassunto)

1.Tradizioni e usanze natalizie (riassunto) 1.Tradizioni e usanze natalizie (riassunto) Prof: Come si festeggia il Natale in Italia? Io: Mah, ci sono molti modi di festeggiarlo. Normalmente tutta la famiglia cena insieme la vigila di Natale. Poi

Dettagli

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO

ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO ALLA SCOPERTA DI UN MONDO MICROSCOPICO Capire chi siamo, come siamo fatti e in che mondo viviamo sono esigenze vitali delle persone e, in particolare, dei bambini. Bisogna allora cominciare a guardare

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Volando sull arcobaleno.

Volando sull arcobaleno. Volando sull arcobaleno. Non tutte le storie sono uguali ma tutti abbiamo bisogno di sognarle. Quattro incontri di letture per bambini (3-10 anni) con storie incentrate sulla diversità. Quattro libri che

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

NASCITA DI UNA MADRE D. Stern

NASCITA DI UNA MADRE D. Stern NASCITA DI UNA MADRE D. Stern Introduzione Alla nascita fisica del bambino corrisponde la nascita psicologica della mamma. Ella nella propria mente dà origine non a un nuovo essere umano, bensì a una nuova

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO ESERCIZI FASE DELL ATTENZIONE Il cliente sarà coinvolto nel processo di auto se prestiamo attenzione Es.1: prestare

Dettagli

Pupazzi in lana cardata

Pupazzi in lana cardata Pupazzi in lana cardata Graziella Gandolfo Che cosa sono? Sono pupazzi morbidi, piacevoli al tatto, fatti con materiale naturale e riciclabile: la lana. Si costruiscono senza usare la colla, solo punzecchiando

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Sei forte in materia...grigia?

Sei forte in materia...grigia? Sei forte in materia...grigia? Il tuo cervello non è un semplice coinquilino,ma è un potenziale BFF (best friend forever) capito,coccolato e spronato a dare il meglio di sé. Abitudinario,spesso troppo

Dettagli

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a

È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a 1 Un occasione in più È uno dei motivi che spinge Germano Versiglia, titolare dell impresa di onoranze funebri Versiglia con sede a Stradella, in provincia di Pavia, a continuare a scegliere Scrigno del

Dettagli

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola

Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia. scuola Campagna Regionale di vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia scuola morbillo vaccino parotite rosolia Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2004 Il morbillo è

Dettagli

Come proteggere il tuo bambino in inverno

Come proteggere il tuo bambino in inverno Come proteggere il tuo bambino in inverno GUIDA PRATICA N.2 Parlane con il tuo pediatra Da oltre 145 anni per aiutarti a crescerlo nel tuo abbraccio di mamma La cameretta In pieno inverno, come proteggere

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli