EMERGENZE OSTETRICHE E GINECOLOGICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMERGENZE OSTETRICHE E GINECOLOGICHE"

Transcript

1 BENVENUTI

2 EMERGENZE OSTETRICHE E GINECOLOGICHE

3 INTRODUZIONE Urgenze/emergenze ginecologiche: Metrorragia; Trauma ai genitali; Violenza sessuale. Urgenze/emergenze ostetriche e del neonato: Urgenze/emergenze in gravidanza (eclampsia,distacco di placenta,aborto,gravidanza extrauterina); Parto in contesto extraospedaliero; Urgenze/emergenze durante il parto (parti plurimi e podalici, acque tinte di meconio, prolasso del funicolo,cordone attorcigliato); Valutazione ed urgenze neonatali; Il trauma in gravidanza.

4 ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL APPARATO GENITALE FEMMINILE

5 A COSA SERVE? L apparato genitale femminile ha 3 funzioni: Produrre, attraverso l ovaio, i gameti (cellule specializzate per dare origine alla vita, chiamate ovuli nel caso della donna); Creare le condizioni ambientali giuste per lo sviluppo dell embrione e del feto; Garantire il nutrimento del bambino prima e dopo la nascita (in quest ultimo caso, tramite l allattamento).

6 ANATOMIA L apparato genitale femminile: È collocato nella cavità addominale inferiore, chiamata pelvi, ma è separato dagli organi digestivi da una sottile pellicola, detta peritoneo; È composto da 2 ovaie, 2 tube che si collegano all utero, il quale sbocca nella vagina, che a sua volta si apre verso l estero (nei genitali esterni).

7 ANATOMIA OVAIE: Sono due organi posti a fianco delle tube uterine,e hanno due funzioni: Far maturare ed espellere (nelle tube) la cellula uovo per permetterne la fecondazione; Produrre alcuni ormoni utili a regolare il ciclo mestruale e a permettere di portare a termine la gravidanza.

8 ANATOMIA TUBE: Sono due condotti muscolari cavi lunghi 13 centimetri circa, che collegano l ovaio all utero; Ricevono l ovulo dall ovaio e in esso avviene la fecondazione; in seguito a quest ultima, con le loro contrazioni, spingono il prodotto del concepimento verso l utero.

9 ANATOMIA UTERO: È un piccolo organo a forma di pera lungo 8 cm circa, che sbocca in vagina; La sua funzione è quella di protezione e nutrimento dell embrione e del feto, nonché di eliminazione dei rifiuti prodotti da questo. Al termine della gravidanza permette il parto tramite forti contrazioni.

10 ANATOMIA VAGINA E GENITALI ESTERNI: La vagina è un condotto muscolare che collega l utero verso l esterno. E lunga 8 cm circa. I genitali esterni sono composti da piccole e grandi labbra, uretra, vagina e clitoride.

11 ANATOMIA VASCOLARIZZAZIONE: Ovaie ed utero ricevono vene e arterie dai grandi vasi del corpo. In particolar modo, le arterie ovariche derivano dall arteria renale (la quale si connette direttamente all aorta), e le arterie uterine dalle iliache. Tutto ciò porta a capire come le emorragie ginecologiche o in gravidanza possano essere velocemente mortali.

12 FISIOLOGIA IL CICLO OVARICO Il ciclo ovarico è diviso in due fasi: FASE FOLLICOLARE: della durata di circa 14 giorni,durante il quale la cellula uovo matura all interno dell ovaio. Si conclude con la sua espulsione nella tuba; FASE LUTEINICA, della durata fissa di 14 giorni, in cui l ovaio produce ormoni che preparano l utero ad una eventuale gravidanza. In che modo lo preparano a ciò?

13 FISIOLOGIA IL CICLO UTERINO Le ovaie preparano l ambiente adatto alla fecondazione producendo ormoni che regolano il ciclo uterino. Quest ultimo è diviso in 2 fasi: I primi 7 giorni (circa), in cui è presente la mestruazione; I giorni che vanno dall 8 al 28, in cui l endometrio, il tessuto che riveste l interno dell utero, si accresce fino ad arrivare ad uno spessore di 15 mm. Questo accade perché esso è il tessuto che accoglierà l ovulo eventualmente fecondato, inglobandolo al suo interno. Se la fecondazione non avviene si sfalda e vi sarà una nuova mestruazione.

14 DOMANDE?

15 EMERGENZE E URGENZE GINECOLOGICHE

16 METRORRAGIA DEFINIZIONE: Perdita di sangue dalla vagina al di fuori del periodo mestruale. Le cause possono essere molteplici: da quelle ginecologiche (polipi, fibromi, tumori, infiammazioni) a quelle ostetriche (aborto, gravidanza extrauterina). SEGNI E SINTOMI: Perdita di sangue più o meno abbondante; Dolore; Eventuale shock ipovolemico.

17 METRORRAGIA COSA FARE? Chiedere data delle ultime mestruazioni e notizie di una eventuale gravidanza; Parametri vitali; Quantificare le perdite di sangue tenendo eventuali assorbenti o tamponi; Trasportare la paziente supina e a gambe sollevate; Allertare MSA nel caso la perdita risulti abbondante o vi siano segni di shock; in questi casi somministrare O2.

18 TRAUMI E VIOLENZE TRAUMI AI GENITALI SEGNI E SINTOMI: Dolore e possibile sanguinamento; Lacerazioni/tagli; Ecchimosi/gonfiore. COSA FARE? Garantire la riservatezza; Mai toccare i genitali senza la presenza del collega! Individuare il meccanismo lesivo; PV e somministrazione O2 se occorre; Tamponare l emorragia ed applicare eventualmente ghiaccio; Detergere e disinfettare; Trasportare (nella posizione che preferisce la paziente se non vi sono emorragie). VIOLENZA SESSUALE COSA FARE? Attenzione alla sicurezza: chiedere eventualmente alla CO di allertare le forze dell ordine; Garantire massima riservatezza; Mai toccare i genitali senza la presenza del collega! Non alterare alcuna prova; PV e somministrazione O2 se occorre; Dare supporto psicologico.

19 DOMANDE?

20 ANATOMIA E FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA

21 INTRODUZIONE La gravidanza dura mediamente 40 settimane;fisiologicamente il parto può avvenire dalla 37 alla 41 ; Se il parto avviene prima della 37 settimana è detto prematuro; se avviene prima della giorni è detto aborto (anche se con le moderne tecnologie il feto più piccolo sopravvissuto era di 22 settimane e 4 giorni); Se il parto non è ancora avvenuto entro (e non oltre) la 42 settimana,si parla di gravidanza protratta. In questo caso l unica soluzione è l induzione del parto.

22 ANATOMIA UNO SGUARDO DAL DI FUORI L utero cresce nel corso della gravidanza fino ad arrivare alla lunghezza di 30 cm e a contenere 5 kg di liquido, per un peso complessivo di 10 kg. Questo situazione crea un grande impegno aggiuntivo all organismo della donna, sia in termini di energie richieste che in termini di spazio. Per questi motivi nella gravida cambiano molti parametri fisiologici.

23 ANATOMIA UNO SGUARDO DAL DI FUORI Innanzitutto gli organi addominali (stomaco, intestino, fegato) vengono spinti contro il diaframma, mentre il retto e la vagina vengono schiacciati verso il basso. Questa è la causa di minzione frequente e stipsi nella gravida. Poi vi sono i grossi cambiamenti a livello cardiocircolatorio. Nell ultimo trimestre sono presenti ben 1,5 lt di sangue in più, con conseguente aumento della gittata cardiaca (cioè una maggiore quantità di sangue per minuto pompata in circolo), e della FC. La PA rimane invece costante.

24 PV IN GRAVIDANZA PA: è leggermente diminuita nel primo trimestre e poi si stabilizza sui consueti valori della gravida. Non deve MAI essere più alta di 140/90!! SpO2: 100%; FR: nella norma ma con un respiro molto profondo e con possibile leggera dispnea a termine della gravidanza; FC: aumentata, si aggira tra gli 85 e i 105 bpm; sono normali casi di leggera tachicardia o qualche extrasistole.

25 ANATOMIA E UNO SGUARDO DALL INTERNO. LA FECONDAZIONE La fecondazione avviene nella tuba; Immediatamente dopo l ovulo fecondato la percorre fino ad arrivare all utero; Verso il 5-6 giorno dalla fecondazione esso si impianta nell endometrio.

26 ANATOMIA E UNO SGUARDO DALL INTERNO. LA GRAVIDANZA La gravidanza si divide in 3 fasi: Primo trimestre: in cui nel feto si formano tutti gli organi principali, anche se ancora allo stato di bozza ; Secondo trimestre: gli organi si sviluppano nella loro forma definitiva e il feto assume le proporzioni che avrà alla nascita; Terzo trimestre: il feto si accresce in lunghezza e in peso.

27 ANATOMIA IL FETO E GLI ANNESSI FETALI Gli annessi fetali sono organi e tessuti che si sviluppano nell utero assieme al feto e sono indispensabili per il suo sviluppo e la sua sopravvivenza. Il sacco amniotico è un sacchetto che contiene il liquido (detto amniotico) che protegge il feto; La placenta è un organo che consente al bambino di ricevere dalla madre tutto l ossigeno e il nutrimento necessario per la sua crescita,e di eliminare le sostanze di rifiuto. Il cordone ombelicale collega il feto alla placenta.

28 ANATOMIA COME FUNZIONA LA PLACENTA? La placenta è formata da una parte fetale e una materna. Quella materna ha delle cavità ripiene di sangue (ovviamente materno) chiamate lacune. In tali cavità si inseriscono delle ramificazioni provenienti dal cordone ombelicale del feto (villi coriali), che trasportano sangue fetale. Gli scambi avvengono tra i villi e le lacune,esattamente come capita con l O2 e la CO2 tra alveoli polmonari e il sangue.

29

30 DOMANDE?

31 EMERGENZE E URGENZE OSTETRICHE

32 GRAVIDANZA EXTRAUTERINA DEFINIZIONE: E la gravidanza in cui l ovulo fecondato si annida al di fuori dell utero. Esso può annidarsi nelle tube, nella cervice uterine e addirittura nell addome e nell ovaio. Ovviamente, soprattutto quando l ovulo si impianta nella tuba, esiste un altissimo rischio che questa si rompa con conseguente emorragia massiva. SEGNI E SINTOMI: In genere la paziente sa di essere incinta: chiedere la settimana di gestazione; Quadro clinico simile alla minaccia di aborto; Possibile perdita di sangue dalla vagina; Dolore alla palpazione pelvica;

33 GRAVIDANZA EXTRAUTERINA SEGNI E SINTOMI: Eventuale dolore acuto a lama di pugnale in sede pelvica con segni di addome acuto; Eventuale lipotimia o sincope; Eventuale shock emorragico; Eventuale segno di Cullen (macchie violacee attorno all ombelico). COSA FARE? Chiedere alla paziente se è gravida, e se nega chiederle quando ha avuto l ultima mestruazione; PV e ABC; Posizione antishock e O2; Allertare MSA.

34 MINACCIA DI ABORTO E ABORTO DEFINIZIONE: Si definisce aborto l interruzione della gravidanza (nel nostro caso spontanea) prima del 180 giorno di amenorrea (25 settimane + 5 giorni). SEGNI E SINTOMI: Perdita ematica vaginale da lieve ad abbondante; Contrazioni uterine dolorose similmestruali; Espulsione vaginale di di materiale misto a coaguli; Eventuale addome teso; Eventuale ipertermia.

35 MINACCIA DI ABORTO E ABORTO COSA FARE? Accertare che vi sia gravidanza in corso; PV e ABCD; Quantificare le perdite (tenere le garze o gli assorbenti imbevuti di sangue e consegnare tutto al PS); Dare sostegno psicologico; Non parlare mai di aborto ma di minaccia di aborto con la paziente; Trasporto in PS o allertamento MSA nel caso le perdite siano molto abbondanti.

36 DISTACCO DI PLACENTA DEFINIZIONE: E il distacco della placenta dall utero che avviene a causa della rottura di una piccola arteria uterina. Le cause sono sconosciute, anche se placenta previa, traumi, eclampsia, ipertensione o utero troppo grande possono favorirla. SEGNI E SINTOMI: Possono essere quasi assenti in caso di parziale distacco. Diventano drammatici in caso di distacco esteso o totale: Utero contratto, dolente e ligneo; Perdita di sangue dalla vagina, spesso massivo; Lipotimia e sincope possibili; Possibile shock emorragico.

37 DISTACCO DI PLACENTA COSA FARE? E sempre una emergenza: se il distacco è totale, madre e feto muoiono in pochi minuti; PV e somministrazione O2 ad alti flussi; Posizionare la donna sul fianco sinistro, poiché questa posizione migliora la perfusione fetale; Posizionare del ghiaccio a livello del pube (il freddo vasocostringe); Allertare MSA.

38 PREECLAMPSIA ED ECLAMPSIA DEFINIZIONE: La preeclampsia è la più frequente complicanza della gravidanza. Si tratta di una patologia che insorge dopo la 20 settimana,caratterizzata da una diffusa vasocostrizione che causa danni (ischemici) a diversi organi e anche al feto,che riceve troppo poco ossigeno. I sintomi cardine sono ipertensione e proteine nelle urine. SEGNI E SINTOMI: Ipertensione: PA>140/90; Proteine nelle urine; Edema diffuso con aumento veloce di peso; Disturbi della visione e forti cefalee (a causa dell ipertensione);

39 PRE-ECLAMPSIA ED ECLAMPSIA SEGNI E SINTOMI: Possibile ischemia cerebrale(con tutti i segni e i sintomi del caso); Cefalea acuta, lipotimia o sincope, vomito a getto e convulsioni sono infine segni di eclampsia. COSA FARE: PV e ABCD: se i parametri sono stabili trasportare,in caso contrario allertare MSA; In caso di segni e sintomi di eclampsia: somministrare O2 ad alti flussi,mettere la donna in posizione laterale di sicurezza (sul fianco sinistro) se incosciente,controllare la pervietà delle vie aeree, la FR e la FC di continuo.

40 DOMANDE?

41 FISIOLOGIA DEL PARTO - PARTO IN CONTESTO EXTRAOSPEDALIERO

42 FISIOLOGIA IL TRAVAGLIO Il travaglio è l insieme delle operazioni che l utero mette in atto per prepararsi all espulsione del feto (il parto vero e proprio). Queste operazioni consistono nella dilatazione del collo dell utero e nelle contrazioni. LE FASI DEL PARTO: Esse sono 3: Stadio della dilatazione; Stadio dell espulsione; Stadio placentare (o secondamento).

43 FISIOLOGIA STADIO DILATANTE: E la prima fase del travaglio e termina con la dilatazione completa della cervice (10 cm). La sua durata è di 6-10 h nella primipara e 3-4 h nella pluripara. Al termine di questa fase in genere avviene la rottura delle acque. Le contrazioni vanno da una ogni 30 minuti fino ad una ogni 10. STADIO ESPULSIVO: Inizia a dilatazione completa. Dura circa 1-2 h nella nullipara e minuti nella pluripara. Le contrazioni avvengono a distanza di 2-3 minuti e la donna inizia a sentire l esigenza di spingere e lo stimolo a defecare. Questo stadio termina con l espulsione del feto.

44 FISIOLOGIA STADIO PLACENTARE (O SECONDAMENTO): L utero si contrae su se stesso e forma una specie di palla della dimensione di un melone, chiamato globo di sicurezza. Durante la formazione di questo globo la placenta si distacca, e la sua funzione è quindi quella di fermare l emorragia che altrimenti ucciderebbe la donna in pochi minuti. Una perdita di sangue avviene comunque, di circa ml. Questa fase dura in media 5-15 minuti, e non deve superare l ora.

45 ARRIVO SUL POSTO COSA DOMANDARE? In che settimana di gravidanza si trova? Ha già avuto figli? Ha avuto patologie in gravidanza? Quando sono cominciate le contrazioni? Che frequenza hanno? Le acque si sono rotte? C è desiderio di spingere o sensazione di dover defecare? COSA VERIFICARE? Osservare il perineo; Rilevare i PV. RIMANERE Si deve rimanere sul posto se: Le contrazioni sono ogni 2 minuti circa; La paziente sente il bisogno di spingere o defecare; La fase espulsiva è in atto e/o si vede la testa del bambino. In questi casi si deve naturalmente allertare MSA. O TRASPORTARE? Si può trasportare se: La paziente è nella fase del travaglio; Le contrazioni sono meno frequenti di 2-3 minuti; Indipendentemente dalla fase del parto,vi è: emorragia,acque tinte di meconio,presentazione podalica,parto gemellare,parto pretermine,prolasso del funicolo,alterazione dei PV. In questi casi allertare MSA.

46 ASSISTENZA ALLA FASE ESPULSIVA - MATERIALI

47 ASSISTENZA ALLA FASE ESPULSIVA Sostenere la testa del neonato: attenzione,scivola!! Aspirare delicatamente con la pompetta naso e bocca; Aiutare nell uscita della spalla (eventualmente facendo flettere una delle gambe della donna sulla coscia); Non fare mai alcuna manovra di trazione del neonato!! Se il cordone ombelicale è attorcigliato,cercare di liberarlo delicatamente; Sostenere il corpo del neonato che esce; Appoggiare il neonato sul medesimo livello della madre;

48 ASSISTENZA ALLA FASE ESPULSIVA Clampare il cordone ombelicale in 2 punti: uno il più possibile vicino alla vagina,per monitorare la discesa della placenta, e l altro a 4-5 cm dall addome del neonato. Mai tagliare il cordone a meno che la vita della madre o del neonato siano a rischio!! Se entro 30 secondi il neonato non inizia a piangere: iniziare manovre rianimatorie; Asciugare il neonato,avvolgerlo con un lenzuolo asciutto e pulito ed eventualmente con la metallina; Metterlo in braccio alla madre; Registrare l ora della nascita!!

49 ASSISTENZA AL SECONDAMENTO Assistere alla fuoriuscita della placenta (tenendola per il cordone ombelicale, ruotarla leggermente su se stessa senza tirarla); Una fuoriuscita di sangue che va dai 200 ai 500 ml è normale; Se la fuoriuscita è maggiore è indizio di emorragia in atto a causa della mancata contrazione dell utero su se stesso; per cercare di favorirla massaggiarlo in senso rotatorio; Nel caso di emorragia, mortale in pochi minuti, allertare MSA, caricare la paziente in posizione antishock, somministrare O2 ad alti flussi e procedere con il rendez vous; Se arresto cardiocircolatorio, iniziare RCP.

50 DOMANDE?

51 ASSISTENZA AL NEONATO

52 VALUTAZIONE DEL NEONATO INDICE DI APGAR: Si tratta di un test effettuato alla nascita (dopo 1 e 5 minuti) che permette di valutare lo stato di salute del neonato. Vengono valutati 5 parametri vitali in modo piuttosto immediato e per ognuno si stabilisce un punteggio da 0 a 2. Se il punteggio va da 8 a 10, la situazione del neonato è ottimale. Da 4 a 7 il bambino necessita di O2 e di monitoraggio continuo, mentre da 0 a 3 è necessario iniziare le manovre rianimatorie.

53 VALUTAZIONE DEL NEONATO QUANDO RIANIMARE? COME RIANIMARE? Cianosi diffusa Atonia muscolare Pianto flebile o assente FR < 30/min FC > 60/min VENTILARE Una ventilazione ogni 2 secondi, per 30 secondi dopo la nascita.a questo punto ricontrollare e continuare il caso di necessità. FC (ombelicale) < 60/min RCP PBLS (compressioni 1/3 dello spessore del torace).

54 DOMANDE?

55 EMERGENZE E URGENZE DURANTE IL PARTO

56 ACQUE TINTE DI MECONIO DEFINIZIONE: Il meconio è il materiale contenuto nell intestino del feto. Normalmente viene espulso dopo la nascita, ma in caso di sofferenza fetale (ipossia derivante da diversi motivi) esso viene rilasciato in utero tingendo le acque amniotiche e venendo inspirato dal feto che alla nascita gli creerà insufficienza respiratoria. SEGNI E SINTOMI: Acque amniotiche di colore verdastro. COSA FARE: Allertare MSA e trasportare velocemente; Aspirare bene il neonato e somministrare O2 ad alti flussi ventilando se necessario; PV costantemente monitorati. PARTO GEMELLARE Il parto gemellare non è una urgenza di per se, ma lo diventa in un contesto extraospedaliero in quanto il parto risulta essere molto più difficoltoso e laborioso e soprattutto a più alta incidenza di complicazioni. In un utero molto disteso infatti vi è una maggiore possibilità di distacco di placenta; inoltre spesso uno dei 2 gemelli è podalico. L unica cosa da fare quindi in questi casi è allertare MSA e andare il più velocemente possibile verso di essa o in ospedale, preparare 2 kit ostetrici e, in caso di nascita del primo gemello, dare la stessa assistenza che viene data al nascituro singolo.

57 PARTO PODALICO DEFINIZIONE: Il parto podalico avviene quando il bambino si presenta con i piedi o con le natiche. Questa situazione è molto pericolosa poiché spesso il canale del parto non è sufficientemente largo per far passare la testa, che è la parte anatomica più grossa del feto. COSA FARE: Ritardare il parto per il tempo del tragitto in ambulanza o fino all arrivo dell MSA sollevando il bacino della donna; Posizione sul lato sinistro per garantire maggiore ossigenazione al feto; O2 ad alta concentrazione; Preparare il kit per RCP adulto e neonatale e al parto.

58 PROLASSO DEL FUNICOLO DEFINIZIONE: Si tratta di una situazione in cui il cordone ombelicale si incunea davanti alla testa del feto o davanti ai piedi, nel caso sia podalico, venendo di conseguenza schiacciato tra il feto stesso e il canale del parto. E una emergenza, in quanto l arresto del sangue ombelicale causa in pochi minuti la morte del bambino. COSA FARE? Verificare se vi è pulsazione del cordone; Avvolgere la parte di cordone che fuoriesce con un telino sterile umidificato con fisiologica; Sollevare il bacino della donna, metterla sul fianco sinistro e somministrare O2 ad alti flussi; Introdurre la mano in vagina, sollevare la testa del feto dal cordone e correre in ospedale.

59 DOMANDE?

60 IL TRAUMA IN GRAVIDANZA

61 TRAUMA IN GRAVIDANZA Il trauma in gravidanza ha una frequenza del 6-7%, e la maggior parte dei traumi è causata da incidenti della strada. Seguono cadute accidentali, violenze domestiche e traumi penetranti o colpi diretti all addome; Le possibili conseguenze di esso sono: aborto, emorragia potenzialmente letale per madre e feto, distacco di placenta,inizio del travaglio, lesioni dirette al feto con sua possibile morte; Con alcune piccole variazioni, il trauma della gravida si tratta come tutti i traumi.

62 TRAUMA IN GRAVIDANZA COME SI ESEGUE LA VALUTAZIONE? Considerando la gravida come qualsiasi traumatizzato, con poche eccezioni: A (vie aeree): come la non gravida; B (respiro): come la non gravida; C (circolazione): come la gravida più spostamento dell utero a sinistra; Valutazione rapida del trauma con particolare attenzione all addome ed all utero Decisione o meno di LOAD AND GO

63 TRAUMA IN GRAVIDANZA COSA FARE? Trattamento come in tutti i pazienti traumatici; Spinale inclinata del 15% o decubito laterale sinistro se la paziente non è spinalizzata ( per evitare lo schiacciamento della vena cava); Ricordare SEMPRE che nel 50% dei traumi vi è distacco di placenta e che in ogni caso i sanguinamenti sono molto probabili. Come già spiegato l utero è molto vascolarizzato e vengono perse grandi quantità di sangue. Infine, la donna gravida compensa fino ad una perdita di sangue del 30-40%, a scapito del feto. In definitiva, il trauma in gravidanza è da considerare sempre perlomeno una urgenza.

64 TRAUMA IN GRAVIDANZA E INFINE NON è VERO CHE LE CINTURE SONO PERIC0LOSE IN GRAVIDANZA, SE POSIZIONATE CORRETTAMENTE EVITANO GRAVI DANNI ALL UTERO E AL FETO!!!

65 DOMANDE?

66 GRAZIE PER L ATTENZIONE

67 BIBLIOGRAFIA A cura del Comitato Regionale della Regione Piemonte, Scenari di soccorso. 2009, ANPAS, Torino. Campbell JE, Basic Trauma Life Support. 1999, Brady. Germann WJ, Stanfield CL, Fisiologia umana. 2003, Napoli, EdiSES. Martini FH, Timmons MJ, Tallitsch RB, Anatomia umana. 2004, Napoli, EdiSES. Wierdis T, Romanini C, Ginecologia e ostetricia. 2008, Torino, Edizioni Minerva Medica.

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Batteria - 04 Pag. 1 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Batteria - 04 Pag. 1 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE: Batteria - 04 Pag. 1 1 QUALI SONO GLI ELEMENTI CHE COMPONGONO LE PROTEINE? * A) Carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto Solo idrogeno, ossigeno e azoto Solo idrogeno e ossigeno 2 L ASPIRAZIONE ENDOTRACHEALE:

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Semplice, veloce ed economica:

Semplice, veloce ed economica: GYN 30-6 05/2013-IT Semplice, veloce ed economica: ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI per l isterectomia laparoscopica sopracervicale (LASH) Ansa unipolare SupraLoop sec. BRUCKER/MESSROGHLI

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria Università degli Studi di Bari Prova di ammissione al corso di laurea Specialistica/Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Anno Accademico 2009/2010 Test di Teoria/pratica pertinente alla

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA y = -10x +10,33 1 atm = colonna di 0.762 m di mercurio (Torricelli) a quanti metri di acqua corrisponde? 0.762 x 13.5 = 10.33 m, ~ 10m (13.5 : approx

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli