STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -"

Transcript

1 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI Sede Legale: Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita IVA, Codice Fiscale e Iscrizione Registro Imprese di Lecce: * R.E.A. n Capitale Sociale al 31/12/2014: ,00 (i.v.) * Riserve e Fondi ,00 Iscritta all Albo delle Banche Capogruppo del Gruppo Bancario Banca Popolare Pugliese - iscritto all Albo dei Gruppi Bancari al n Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia ed al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi Iscritta all Albo delle Società Cooperative al n. A Tel * Fax * web address: STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE Adottata ai sensi della Delibera CONSOB n del 29/10/ DOCUMENTO DI SINTESI - Matino, 3 luglio 2015 (Ver. 4 ed. 07/2015) Mod. SIM Ed. 07/2015

2 I N D I C E 1.- PREMESSA SIGNIFICATO DI BEST EXECUTION I FATTORI DI ESECUZIONE CONSIDERATI PER LA BEST EXECUTION PROCESSO DI SELEZIONE DELLE SEDI DI ESECUZIONE ISTRUZIONI SPECIFICHE DEL CLIENTE AGGREGAZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI MONITORAGGIO PROCESSO DI AGGIORNAMENTO E INFORMATIVA AL CLIENTE ALLEGATI...5 Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 1

3 1.- Premessa La Direttiva dell Unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive ha modificato, a partire dal 1 novembre 2007, l operatività nell ambito dell erogazione dei servizi di investimento sugli strumenti finanziari. La MiFID ha come scopo la creazione di un mercato unico dei servizi finanziari. La Direttiva, infatti, apre alla concorrenza e cancella il monopolio delle Borse sulle contrattazioni degli strumenti finanziari quotati, creando nuove Sedi di Esecuzione degli ordini in aggiunta ai mercati regolamentati, quali i Sistemi Multilaterali di Negoziazione (Multilateral Trading Facilities) e gli Internalizzatori Sistematici. La normativa introduce, inoltre, la suddivisione della clientela in tre tipologie: clientela al dettaglio, clientela professionale e controparte qualificata a cui sono associati livelli decrescenti di tutela in termini di diritto ad un informativa chiara e trasparente e di garanzia di Best Execution. La normativa (agli artt. 45 e 46 del Regolamento Intermediari CONSOB, Delibera num del 29/10/2007) richiede che gli intermediari che erogano i servizi di negoziazione per conto proprio e di esecuzione di ordini per conto dei clienti debbano formalizzare e informare i clienti della propria Strategia di Esecuzione degli ordini a garanzia della Best Execution e specificare se la stessa preveda che gli ordini possano essere eseguiti al di fuori di un mercato regolamentato o di un Sistema Multilaterale di Negoziazione. La normativa prescrive inoltre che gli intermediari debbano ottenere il consenso preliminare del cliente sulla strategia di esecuzione degli ordini. Tale consenso deve essere esplicito, nel caso in cui sia prevista l esecuzione degli ordini al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Tale consenso può essere espresso in via generale o in relazione alle singole operazioni. Nel rispetto di quanto previsto dalla normativa, la Banca Popolare Pugliese fornisce le seguenti informazioni e richiede il consenso esplicito della clientela. 2.- Significato di Best Execution Garantire la Best Execution significa che la Banca Popolare Pugliese deve definire ed attuare una strategia di gestione ed esecuzione degli ordini che consenta di ottenere, per ogni ordine dei clienti (intesi come clientela al dettaglio e clientela professionale ), il miglior risultato possibile. Nello svolgimento di servizi di investimento quali la negoziazione per conto proprio e l esecuzione degli ordini per conto dei clienti la Banca agisce in qualità di soggetto negoziatore, per cui dovrà analizzare i fattori di esecuzione rilevanti e definire l ordine di importanza, che può variare in funzione delle caratteristiche del cliente, dell ordine, dello strumento finanziario e delle Sedi di Esecuzione. La Banca, inoltre, deve procedere alla scelta delle Sedi di Esecuzione che, sulla base della gerarchia di fattori definita, consentono di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per il cliente. Il miglior risultato possibile è da intendersi relativamente alla specifica combinazione dei fattori di esecuzione, elencati nel paragrafo 3, e alle Sedi di Esecuzione prescelte dalla Banca, elencate nell allegato n. 1, e non in termini assoluti ossia considerando tutte le Sedi di Esecuzione possibili dello specifico strumento finanziario. Ne consegue che, su richiesta del cliente, la Banca Popolare Pugliese fornirà gli elementi necessari per dimostrare la conformità dell esecuzione dell ordine alla Strategia di Esecuzione della Banca stessa, salvo istruzioni specifiche impartite dal cliente. Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 2

4 Le sedi di esecuzioni scelte dalla Banca sono indicate, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, nell allegato num. 1 al presente documento. 3.- I Fattori di Esecuzione considerati per la Best Execution I Fattori di Esecuzione presi in considerazioni dalla Banca Popolare Pugliese al fine di garantire la Best Execution sono: prezzo dello strumento finanziario; costi di esecuzione; rapidità e probabilità di esecuzione; rapidità e probabilità di regolamento; natura e dimensione dell ordine; ogni altra considerazione rilevante all esecuzione dell ordine. Per i clienti classificati come clientela al dettaglio assumerà importanza centrale, tra i Fattori di Esecuzione, il corrispettivo totale (total consideration), composto dalla somma dei fattori prezzo dello strumento finanziario e costi di esecuzione (commissioni o spread e spese associate all esecuzione dell ordine, quali costi di accesso e/o connessi alle Sedi di Esecuzione, costi di regolamento, oneri fiscali). Tuttavia, nella stesura della presente Strategia di Esecuzione, la Banca ha preso atto delle attuali difficoltà di gestione dei regolamenti su più sistemi di regolamento (settlement) di uno stesso titolo. Per tale ragione, la Banca si riserva di tenere in maggiore considerazione, ai fini della Best Execution, altri Fattori di Esecuzione rispetto al corrispettivo totale, in presenza di: particolarità degli ordini; particolarità degli strumenti finanziari; particolarità delle Sedi di Esecuzione. In tali casi si darà rilevanza al fattore rapidità e probabilità di regolamento, scegliendo soluzioni caratterizzate da efficienti processi di settlement. 4.- Processo di selezione delle Sedi di Esecuzione La Banca Popolare Pugliese esegue gli ordini dei clienti nelle Sedi di Esecuzione che ritiene possano assicurare, in modo duraturo, la Best Execution, come definita nei paragrafi precedenti. Nella selezione delle Sedi di Esecuzione e nella relativa definizione delle commissioni applicabili, la Banca si impegna ad evitare discriminazioni indebite tra Sedi di Esecuzione. Nella selezione delle Sedi di Esecuzione per i clienti al dettaglio e per i clienti professionali la Banca tiene conto principalmente: con riferimento ai mercati e ai sistemi multilaterali di negoziazione: dei costi di esecuzione, della probabilità di regolamento e dei relativi costi; della liquidità; della velocità di esecuzione. con riferimento all individuazione degli internalizzatori sistematici e dei liquidity provider: dello standing (merito creditizio, affidabilità, professionalità, quota di mercato); della capacità di esprimere prezzi indicativi delle condizioni di mercato; della tecnologia utilizzata nella filiera produttiva (in particolare, nella ricezione degli ordini e nella comunicazione degli eseguiti); della probabilità di regolamento e dei relativi costi; della velocità di esecuzione. La strategia di esecuzione degli ordini della Banca Popolare Pugliese prevede, per alcune categorie di strumenti finanziari, la possibilità di esecuzione degli ordini in Sedi di Esecuzione diverse da un mercato Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 3

5 regolamentato o da un sistema multilaterale di negoziazione, fermi restando tutti gli obblighi assunti in tema di Best Execution. Nell esecuzione di un ordine su un mercato regolamento o su un sistema multilaterale di negoziazione, la Banca, qualora non sia membro di tali Sedi di Esecuzione, si avvarrà di soggetti negoziatori che vi partecipino, con i quali è stato concluso un accordo per l esecuzione degli ordini. A tale proposito si rimanda alla Strategia di Trasmissione, appositamente predisposta per regolamentare tale fattispecie di operatività. Le Sedi di Esecuzione scelte dalla Banca sono indicate, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, nell allegato num. 1 al presente documento. La Banca Popolare Pugliese si riserva il diritto di utilizzare altre Sedi di Esecuzione, in particolari circostanze, quando ciò possa essere ritenuto necessario per assicurare la Best Execution. 5.- Istruzioni specifiche del Cliente Nell esecuzione dell ordine la Banca accetta e si attiene ad eventuali istruzioni specifiche impartite dai clienti circa l esecuzione dei singoli ordini, ma evidenzia che attenersi a tali istruzioni può pregiudicare l ottenimento del miglior risultato possibile per il cliente, impedendo in tutto o in parte il rispetto dei fattori di esecuzione o della loro importanza relativa, che vanno a determinare il miglior risultato possibile, come sopra specificato. Se le istruzioni specifiche si riferiscono solo ad una parte dell ordine, la Strategia di Esecuzione verrà applicata agli aspetti dell ordine non coperti dalle istruzioni specifiche al fine di conseguire la Best Execution. 6.- Aggregazione e assegnazione degli ordini La Banca può trattare gli ordini ricevuti dalla clientela in aggregazione con quelli trasmessi per conto di altri clienti. La Banca non aggrega gli ordini del conto proprio con gli ordini della propria clientela. L aggregazione degli ordini sarà effettuata in modo da minimizzare il rischio di penalizzazione di uno qualsiasi dei clienti i cui ordini vengono aggregati, rischio insito nell attività di aggregazione e, comunque, solo quando è improbabile che l aggregazione degli ordini e delle operazioni vada a discapito di uno qualsiasi dei clienti i cui ordini vengono aggregati. L aggregazione sarà comunque effettuata nel rispetto della normativa vigente (artt. 49, 50 e 51 del Regolamento Intermediari CONSOB, Delibera num del 29/10/2007). Sarà applicata con efficacia una strategia di assegnazione degli ordini che preveda una ripartizione corretta degli ordini aggregati. 7.- Monitoraggio La Banca Popolare Pugliese monitorerà in via continuativa l efficacia della propria Strategia di Esecuzione degli ordini, con l obiettivo di correggere eventuali carenze riscontrate. Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 4

6 8.- Processo di aggiornamento e informativa al cliente La Banca Popolare Pugliese revisionerà la Strategia di Esecuzione, con periodicità almeno annuale, nonché sempre al verificarsi di circostanze rilevanti, tali da influire sulla capacità di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile. L elenco delle Sedi di Esecuzione (indicato nella presente strategia) è disponibile sul sito web della Banca Popolare Pugliese: Ogni modifica essenziale apportata alla Strategia di Esecuzione verrà notificata alla clientela, pubblicando la versione aggiornata sul sito web citato. Una copia della Strategia di Esecuzione aggiornata verrà consegnata alla clientela presso le Filiali della Banca o inviata, anche tramite (se il cliente ha esplicitamente autorizzato detta modalità per la ricezione delle comunicazioni inviate dalla Banca). 9.- Allegati Costituisce parte integrante della Strategia di Esecuzione l allegato num. 1, che dettaglia le Sedi di Esecuzione selezionate dalla Banca Popolare Pugliese. Matino, 3 luglio 2015 BANCA POPOLARE PUGLIESE Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 5

7 Allegato num. 1 Sedi di Esecuzione per categorie di strumenti finanziari E.P.1.- Titoli azionari emessi dalla Banca Popolare Pugliese, non quotati sui mercati regolamentati Per questa tipologia di strumenti finanziari, in quanto titoli non quotati su mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione (MTF), gli ordini della clientela vengono trattati in modalità di negoziazione per conto proprio da parte della Banca Popolare Pugliese, in modo non sistematico, al di fuori, quindi, di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Per agevolare l interscambio tra gli investitori e, al tempo stesso, garantire la negoziabilità del titolo azionario, entro determinati limiti, a supporto della continuità e liquidità degli scambi, le operazioni di compravendita vengono eseguite dalla Banca, per conto dei singoli investitori, in contropartita diretta, nell ambito del servizio di negoziazione e, pertanto, la Banca rappresenta l unica sede di negoziazione disponibile, privilegiando, quale fattore di esecuzione, la probabilità di esecuzione. Al fine di incentivare una larga partecipazione della propria clientela allo scopo mutualistico della società e garantire, al tempo stesso, una liquidabilità di norma in tempi brevi dei relativi investimenti, le azioni della Banca vengono catalogate in due distinte tipologie ai fini della liquidità: una contraddistinta da un elevato grado di liquidità, c.d. azione ordinaria liquida, l altra avente un basso grado di liquidità, c.d. azione ordinaria. La predetta catalogazione è puramente interna ed è stata adottata della Banca per ragioni di tipo meramente operativo e amministrativo, senza alcuna valenza nei confronti degli azionisti. Le azioni della Banca continuano, infatti, ad essere contrassegnate da un codice ISIN univoco. Rientrano nella tipologia delle azioni ordinarie liquide i titoli acquisiti dagli investitori, dopo la data di attuazione della predetta catalogazione, nel limite massimo individuale pari a num azioni, tenendo conto dei titoli della stessa tipologia posseduti dall investitore al momento delle nuove acquisizioni. La catalogazione delle azioni in ordinarie liquide e ordinarie avviene sin dal momento dell acquisizione; in nessun momento alle azioni detenute dalla clientela in portafoglio può essere attribuita una diversa tipologia. Esclusivamente, al momento della data di attuazione della predetta catalogazione, viene attribuita la tipologia di azioni ordinarie liquide ai possessi azionari individuali per singolo investitore non superiori a num. 500 azioni. L esecuzione degli ordini di vendita relativi alle azioni ordinarie liquide avviene entro i 3 giorni lavorativi successivi al ricevimento degli stessi, per il quantitativo di azioni della stessa tipologia di cui ne è stato richiesto l acquisto da altri investitori e con l ulteriore intervento della Banca con i fondi di riserva per acquisti azioni proprie. L intervento della Banca avviene nel rispetto di 2 limiti: a) limite massimo giornaliero e b) limite massimo globale, rappresentati dal quantitativo di azioni acquistabili dalla Banca con utilizzo dei fondi di riserva predetti, rispettivamente, giornalmente e cumulativamente. L esecuzione degli ordini relativi alle azioni ordinarie avviene con periodicità almeno mensile, salvo specifica disposizione del Consiglio di Amministrazione, esclusivamente per i quantitativi che si renderanno disponibili, a fronte di richieste di acquisto da parte della clientela di azioni della stessa tipologia, dopo aver assegnato tutte le azioni detenute in proprietà dalla Banca. Nel caso in cui, le proposte di acquisto pervenute nel periodo di riferimento non siano sufficienti ad evadere Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 6

8 tutte le richieste di vendita relative alla tipologia ordinaria, ogni singola richiesta di vendita viene eseguita per un quantitativo massimo non superiore a azioni in ragione di mese. Qualora, seguendo il criterio indicato, non risultino evase tutte le proposte di acquisto, gli ordini di vendita parzialmente evasi saranno eseguiti, sempre per lotti massimi di azioni in ragione di mese. La Banca non assume alcun impegno a riacquistare le azioni ordinarie, mentre per le azioni ordinarie liquide procede al riacquisto nel rispetto dei 2 limiti su indicati. Al fine di garantire un processo equo ed ordinato, nonché criteri obiettivi per un esecuzione efficace degli ordini, secondo regole e procedure trasparenti e non discrezionali, vengono definite le seguenti modalità di negoziazione: le proposte di negoziazione da parte della clientela, indirizzate (dirette) alla Banca Popolare Pugliese, possono essere presentate in qualsiasi giornata lavorativa, durante il normale orario di apertura al pubblico delle Filiali della Banca (comunicato come previsto da normativa vigente tempo per tempo), e immesse nel sistema informatico rispettando la priorità di tempo nella loro ricezione; le proposte di negoziazione possono essere soggette alle seguenti condizioni: a) di prezzo: se indicato, viene considerato come limite massimo per le richieste di acquisto (l ordine viene eseguito se il prezzo di negoziazione determinato per la giornata è inferiore o uguale), come limite minimo per le richiese di vendita (l ordine viene eseguito se il prezzo di negoziazione determinato per la giornata è superiore o uguale); se non indicato, l ordine viene considerato al meglio (viene eseguito al prezzo di negoziazione determinato per la giornata); b) di tempo: se indicata la data di scadenza, l ordine viene ritenuto valido sino alla data indicata; se non è indicata alcuna data di scadenza, l ordine viene ritenuto valido fino ad esecuzione o revoca; c) di quantità: se indicato il quantitativo minimo, l ordine viene eseguito almeno per il quantitativo indicato; se non indicato il quantitativo minimo, l ordine viene eseguito per il quantitativo disponibile. non vengono accolte le proposte di vendita formulate da soci che risultino inadempienti alle obbligazioni assunte nei confronti della Banca; il lotto minimo di negoziazione è pari ad 1 azione; nel caso di richieste di acquisto di azioni da parte di investitore non socio, che lo portino a detenere almeno num. 100 azioni, lo stesso deve contestualmente formulare la domanda di ammissione a socio della Banca; le proposte di negoziazione sono eseguite rispettando la priorità determinata dal prezzo (in ordine decrescente se di acquisto o crescente se di vendita) e dal tempo (data e ora di immissione nel sistema informatico); le proposte di negoziazione senza limite di prezzo ( al meglio ) hanno una priorità di esecuzione sempre superiore alle proposte inserite con limite di prezzo; le negoziazioni sono eseguite dalla Banca Popolare Pugliese, successivamente alla chiusura della giornata lavorativa di riferimento, con modalità di negoziazione conto proprio, in forma anonima, per i quantitativi che si rendono disponibili; le proposte di negoziazione possono essere revocate dall investitore sino al momento della loro esecuzione, per la quantità non ancora eseguita. In casi del tutto eccezionali: la richiesta di vendita può essere eseguita senza rispettare la priorità di prezzo e di tempo dietro esplicita richiesta motivata da parte del titolare delle azioni e con l autorizzazione del Consiglio di Amministrazione della Banca o dell organo da questi all uopo delegato; le richieste di vendita possono essere eseguite senza rispettare la priorità di prezzo e di tempo al fine di ridurre le eventuali operazioni sospese, con l autorizzazione del Consiglio di Amministrazione della Banca o dell organo da questi all uopo delegato, che stabilisce il quantitativo totale massimo da acquistare e i criteri di individuazione degli ordini; fermo restando comunque il limite costituito dalla riserva disponibile per l acquisto o il rimborso di azioni di cui all art. 52 dello Statuto Sociale. Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 7

9 Per entrambe le tipologie di azioni, la conclusione dei contratti avviene al prezzo determinato giornalmente dalla Banca, secondo quanto previsto da apposita pricing policy (di seguito riportata), dopo la chiusura della giornata lavorativa e viene reso disponibile alla Rete entro l apertura della giornata lavorativa successiva. Il prezzo viene determinato con le modalità d asta e corrisponde al prezzo: a) al quale è negoziabile il maggior quantitativo di azioni; b) che produce il minor quantitativo non negoziabile, a parità di quantità scambiabile; c) più prossimo all ultimo prezzo giornaliero determinato, a parità di quantità scambiabile e di quantitativi non negoziabili; d) più elevato, in caso di ulteriore parità delle altre condizioni. Il prezzo così determinato non potrà mai essere: 1) superiore o inferiore di oltre il 2,5% dell ultimo prezzo giornaliero rilevato; 2) superiore al prezzo stabilito annualmente dall Assemblea dei Soci per l emissione di nuove azioni né inferiore di oltre il 15% di detto prezzo. In caso di superamento dei predetti limiti, il prezzo giornaliero sarà pari, rispettivamente, al limite superiore o inferiore. Il prezzo di emissione determinato dall Assemblea dei Soci, in sede di approvazione del bilancio, ai sensi dell art. 6 dello Statuto Sociale della Banca Popolare Pugliese, per l emissione di nuove azioni viene assunto come prezzo di riferimento per il limite di cui al punto 1 nella prima giornata di negoziazione successiva all assemblea. Il prezzo della giornata è pari a quello dell ultimo prezzo giornaliero rilevato nei seguenti casi, in cui non è possibile determinare il prezzo: a) non sono presenti proposte di negoziazione; b) esistono solo proposte di negoziazione a prezzo limitato solo da un lato del mercato; c) i prezzi limitati dei due lati del mercato non consentono di quantificare il maggior quantitativo di azioni negoziabili (cioè nel caso in cui il più alto prezzo in acquisto risulti inferiore al minor prezzo di vendita). Ai fini della determinazione del prezzo vengono considerate tutte le proposte di negoziazione valide risultanti sospese alla fine della giornata lavorativa, riguardanti le azioni ordinarie liquide e ordinarie. Su richiesta degli investitori, la Banca provvede a fornire maggiori informazioni riguardanti la data di attuazione delle nuova catalogazione delle azioni, i limiti giornalieri e globale di intervento della Banca mediante i fondi di riserva per acquisti azioni proprie, le modalità di determinazione del prezzo di negoziazione delle azioni. E.P.2.- Titoli Obbligazionari emessi dalla Banca Popolare Pugliese, non quotati sui mercati regolamentati Per questa tipologia di strumenti finanziari, in quanto titoli non quotati su mercati regolamentati né su sistemi multilaterali di negoziazione (MTF), gli ordini della clientela vengono eseguiti dalla Banca Popolare Pugliese in modalità di negoziazione conto proprio, in modo non sistematico. Pertanto, le operazioni avvengono in contropartita diretta tra Banca e cliente, e cioè al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. La scelta della sede di esecuzione su cui operare è stata effettuata privilegiando, quali fattori di esecuzione, la probabilità e la velocità di esecuzione, oltre che la qualità dei prezzi esposti, rispetto ai costi di negoziazione e/o commissioni. Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 8

10 Indipendentemente se gli strumenti finanziari in oggetto siano stati definiti liquidi oppure siano illiquidi, il prezzo di negoziazione viene determinato secondo la tecnica dello sconto finanziario utilizzando, per l attualizzazione della sequenza temporale dei flussi di cassa, il tasso ricavato prendendo a riferimento la curva dei tassi zero coupon ricavata attraverso il metodo del bootstrapping dalla curva dei tassi IRS del giorno precedente, per i titoli a tasso fisso, e la curva dei tassi Euribor o il rendimento Asta BOT alle diverse scadenze previste per la periodicità della cedola definita in fase di emissione e riferita al giorno precedente, per i titoli a tasso variabile. A detto valore di tasso viene aggiunto un credit spread (che può essere positivo o negativo) determinato prendendo in considerazione l ultimo spread utilizzato per l emissione dei prestiti obbligazionari della Banca e riproporzionato sulla base della curva Euro corporate composite BBB. Il tasso così determinato può essere variato, sino ad un massimo di 40 bps., anche in maniera differenziata per le operazioni di acquisto (denaro) e di vendita (lettera). Per i titoli strutturati, per la determinazione del valore della componente obbligazionaria si fa riferimento a quanto sopra indicato, mentre per la componente derivativa, vengono prese in considerazione le volatilità tratte dalle matrici di volatilità implicite delle swaption, per le opzioni su tassi, e la volatilità storica dell indice di riferimento con profondità pari a 260 giorni, per le opzioni su indici. Per tener conto degli oneri, sia diretti che indiretti, sostenuti dalla Banca per porre in essere le operazioni, il prezzo del titolo così determinato può essere variato sino ad un massimo di 50 bps. La differenza tra il prezzo delle proposte in vendita (quotazione lettera) e quello delle proposte in acquisto (quotazione denaro), a parità di condizioni di mercato, può essere pari a massimo 300 basis points. E.P.3.- Titoli Azionari Italiani ed Esteri, di emittenti diversi dalla Banca Popolare Pugliese, non quotati sui mercati regolamentati E.P.4.- Titoli Obbligazionari Italiani ed Esteri, di emittenti diversi dalla Banca Popolare Pugliese, non quotati sui mercati regolamentati E.P.5.- Titoli di debito diversi dalle obbligazioni (esempio certificati di deposito), di emittenti diversi dalla Banca Popolare Pugliese, non quotati sui mercati regolamentati Per questa tipologia di strumenti finanziari, in quanto titoli non quotati su mercati regolamentati, gli ordini della clientela vengono eseguiti dalla Banca Popolare Pugliese in modalità di esecuzione di ordini per conto di clienti o di negoziazione conto proprio, in modo non sistematico. Le operazioni, pertanto, avvengono al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Per detti strumenti finanziari la scelta del servizio da prestare e la selezione della trading venues su cui operare viene effettuata, di volta in volta, comparando più sedi di esecuzione e privilegiando la probabilità e la velocità di esecuzione, oltre che la qualità dei prezzi esposti, rispetto ai costi di negoziazione e/o commissioni, in modo da ottenere la best execution. Nella scelta dell Internalizzatore Sistematico o Liquidity provider, nella prestazione del servizio di esecuzione per conto di clienti, il fattore di esecuzione rilevante è la quotazione indicata. L eventuale scelta di operare in negoziazione in contropartita diretta con la clientela sarà determinata dalla possibilità di ottenere maggiori vantaggi per il cliente in termini di probabilità di esecuzione (l'operazione viene chiusa con la Banca stessa e non è subordinata alla disponibilità di una controparte terza a concludere operazioni) e di velocità (l'esecuzione non risulta essere vincolata alle tempistiche di altri market maker). In questo caso, sarà comunque cura della Banca operare a "prezzi di mercato" competitivi. Nella negoziazione conto proprio, per la determinazione dei prezzi di negoziazione per i titoli azionari Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 9

11 vengono prese a riferimento le quotazioni presenti su piattaforme di scambio, se disponibili; in caso di assenza viene preso a riferimento il valore definito dall emittente per le proprie operazioni di compravendita. Al predetto valore di riferimento viene aggiunto uno spread (per un valore massimo di 70 bp) che tiene conto degli oneri, sia diretti che indiretti, sostenuti dalla Banca per porre in essere l operazione, tendendo, comunque, alla realizzazione del miglior risultato possibile per il cliente. Per i titoli obbligazionari e i titoli di debito non branded (cioè, di emittenti diversi dalla Banca Popolare Pugliese ), indipendentemente se siano stati definiti liquidi oppure siano illiquidi, per la determinazione dei prezzi di negoziazione vengono prese a riferimento le quotazioni presenti su piattaforme di scambio per gli investitori istituzionali, se disponibili; in caso di assenza viene preso a riferimento il rendimento di uno strumento finanziario quotato su un mercato regolamento, avente caratteristiche e durata residua analoghe, ovvero si fa riferimento alla curva dei tassi dei relativi strumenti finanziari, utilizzando la metodologia descritta per i titoli branded, nei paragrafi E.P.2.- Titoli Obbligazionari emessi dalla Banca Popolare Pugliese, non quotati sui mercati regolamentati. In questo caso riguardo al credit spread viene presa a riferimento la curva composite avente rating pari a quello assegnato all emittente o, in caso di assenza, a quello assegnato ad emittenti similari. Per tener conto degli oneri, sia diretti che indiretti, sostenuti dalla Banca per porre in essere le operazioni, il prezzo del titolo così determinato può essere variato sino ad un massimo di 50 bps. La differenza tra il prezzo delle proposte in vendita (quotazione lettera) e quello delle proposte in acquisto (quotazione denaro), a parità di condizioni di mercato, può essere pari a massimo 300 basis points. E.P.6.- Pronti contro Termine Per questa tipologia di strumenti finanziari, che presentano un elevato livello di personalizzazione in cui assume valenza sostanziale il tasso di interesse, gli ordini della clientela vengono eseguiti dalla Banca Popolare Pugliese in modalità di negoziazione conto proprio, in modo non sistematico. Pertanto, le operazioni avvengono in contropartita diretta tra Banca e cliente, e cioè al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. La scelta della sede di esecuzione su cui operare è stata effettuata privilegiando, quali fattori di esecuzione, la probabilità e la velocità di esecuzione. Ai fini della determinazione delle condizioni di negoziazione per le operazioni aventi ad oggetto contratti di pronti contro termine vengono presi in considerazione i tassi di riferimento stabiliti sui mercati interbancari, per la relativa scadenza, ritenuti più rappresentativi. Al predetto valore di riferimento viene aggiunto uno spread (per un valore massimo di 50 bp) che tiene conto degli oneri, sia diretti che indiretti, sostenuti dalla Banca per porre in essere l operazione, tendendo, comunque, alla realizzazione del miglior risultato possibile per il cliente. E.P.7.- Derivati OTC Rientrano in questa tipologia gli strumenti finanziari derivati OTC su tassi di interesse, rendimenti, valute o per il trasferimento del rischio di credito quali interest rate swap, swaption, interest rate cap, interest rate floor, forward rate agreement e ogni altro strumento finanziario derivato definito tale dalla normativa in materia. Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 10

12 Per questa tipologia di strumenti finanziari, caratterizzati da un elevato grado di personalizzazione e richiesti generalmente ai soli fini di copertura, gli ordini della clientela vengono eseguiti dalla Banca Popolare Pugliese in modalità di esecuzione di ordini per conto dei clienti o di negoziazione conto proprio, in modo non sistematico. Le operazioni, pertanto, avvengono al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Per detti strumenti finanziari la scelta del servizio da prestare e la selezione della trading venues su cui operare viene effettuata, di volta in volta, comparando più sedi di esecuzione e privilegiando la probabilità e la velocità di esecuzione, oltre che la qualità dei prezzi esposti, rispetto ai costi di negoziazione e/o commissioni, in modo da ottenere la best execution. Nella scelta dell Internalizzatore Sistematico o Liquidity provider, nella prestazione del servizio di esecuzione per conto di clienti, il fattore di esecuzione rilevante è la quotazione indicata. L eventuale scelta di operare in negoziazione in contropartita diretta con la clientela sarà determinata dalla possibilità di ottenere maggiori vantaggi per il cliente in termini di personalizzazione dell offerta (in funzione della tipologia dell ordine), probabilità di esecuzione (l'operazione viene chiusa con la Banca stessa e non è subordinata alla disponibilità di una controparte terza a concludere operazioni) e di velocità (l'esecuzione non risulta essere vincolata alle tempistiche di altri market maker). Nella negoziazione in conto proprio viene seguita la seguente metodologia. In fase di accensione dei contratti derivati otc di copertura tassi: Contratti Interest Rate Swap Il valore del tasso fisso dei contratti Interest Rate Swap viene determinato valorizzando i flussi futuri variabili non ancora determinati utilizzando i tassi Forward, desunti dalla curva dei tassi zero coupon ricavata dalla curva dei tassi IRS spot risk free, corrispondenti alle varie scadenze. Le somme dei differenziali futuri tra il tasso fisso dell IRS e i tassi variabili, ottenuti come sopra indicato, vengono attualizzate con i tassi zero coupon desunti dalla curva dei tassi IRS spot risk free corrispondenti alle varie scadenze. Il tasso swap corrisponde al tasso fisso che azzera il valore attuale dei predetti differenziali. Al valore del tasso fisso così ottenuto, viene applicato uno spread pari a massimo 40 basis points, in aumento nel caso in cui il cliente sia debitore del tasso fisso e in diminuzione nel caso contrario. Contratti Interest Rate Option (Cap / Floor) Il valore di negoziazione dei contratti Interest Rate Option viene determinato valorizzando l opzione relativa ad ogni data di regolamento del contratto (c.d. caplet /floorlet) con la formula di Black, che utilizza i tassi zero coupon e i tassi Forward desunti dalla curva dei tassi zero coupon ricavata dalla curva dei tassi IRS spot risk free, corrispondenti alle varie scadenze e le volatilità implicite quotate sul mercato. Le predette volatilità implicite, al fine di ottenere dei valori in linea con quelli praticati dalle controparti con le quali la Banca effettua le coperture, potranno essere aumentate o diminuite di uno spread pari a massimo 2,00%. Ai valori così ottenuti viene applicato un moltiplicatore decrescente o crescente, a seconda che si tratti di vendita o di acquisto del derivato, al crescere del valore di mercato delle operazioni. Il moltiplicatore viene applicato dalla Banca per far fronte ai costi sostenuti per la eventuale copertura con le controparti e per la gestione e l amministrazione delle operazioni, oltre che a titolo di margine operativo. In fase di estinzione anticipata dei contratti di derivati di copertura tassi (IRS; IRO cap e floor), al fine di coprire i costi amministrativi, viene applicato un importo fino ad un massimo del 10% del controvalore di chiusura delle operazioni e, comunque, non superiore a euro per contratto. Il valore di chiusura è costituito dal fair value, determinato applicando la metodologia sopra riportata, relativa alla fase di accensione. Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 11

13 E.P.8.- Titoli Obbligazionari Italiani ed Esteri quotati sui mercati regolamentati E.P.9.- Titoli Azionari Italiani ed Esteri quotati sui mercati regolamentati Per questa tipologia di strumenti finanziari, in presenza di esigenze di particolari clienti e/o di particolari caratteristiche degli ordini (ad esempio, dimensioni importanti) e/o di richieste di particolari condizioni di esecuzione e/o di istruzioni specifiche fornite dai clienti, gli ordini possono essere eseguiti dalla Banca Popolare Pugliese in modalità di esecuzione di ordini per conto dei clienti o di negoziazione conto proprio, in modo non sistematico. Le operazioni, pertanto, avvengono al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Per detti strumenti finanziari la scelta del servizio da prestare e la selezione della trading venues su cui operare viene effettuata, di volta in volta, comparando più sedi di esecuzione e privilegiando la probabilità e la velocità di esecuzione, oltre che la qualità dei prezzi esposti, rispetto ai costi di negoziazione e/o commissioni, in modo da ottenere la best execution. Nella scelta dell Internalizzatore Sistematico o Liquidity provider, nella prestazione del servizio di esecuzione per conto di clienti, il fattore di esecuzione rilevante è la quotazione indicata. L eventuale scelta di operare in negoziazione in contropartita diretta con la clientela sarà determinata dalla possibilità di ottenere maggiori vantaggi per il cliente in termini di probabilità di esecuzione (l'operazione viene chiusa con la Banca stessa e non è subordinata alla disponibilità di una controparte terza a concludere operazioni) e di velocità (l'esecuzione non risulta essere vincolata alle tempistiche di altri market maker). In questo caso, sarà comunque cura della Banca operare a "prezzi di mercato" competitivi. Nella negoziazione conto proprio, per la determinazione dei prezzi di negoziazione per detti strumenti finanziari viene preso a riferimento il relativo prezzo ufficiale o il prezzo corrente rilevato nel mercato di riferimento. Al predetto valore di riferimento viene aggiunto uno spread (per un valore massimo pari a 50 bp, per i titoli obbligazionari, e a 70 bp, per i titoli azionari) che tiene conto degli oneri, sia diretti che indiretti, sostenuti dalla Banca per porre in essere l operazione, tendendo, comunque, alla realizzazione del miglior risultato possibile per il cliente. Ver. 4 ed. 07/2015 Pag. 12

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca Santo Stefano Credito Cooperativo Martellago-Venezia Società Cooperativa aggiornato con delibera C.d.A. del 13/02/2013

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY

REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY Edizione settembre 2014 1 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE DEI SERVIZI DI NEGOZIAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI PREMESSE La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento Europeo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno LA NORMATIVA MIFID DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno Delibera CdA del 29 Ottobre 2007 La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI

SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI E DI ASSEGNAZIONE DEGLI ORDINI Il presente documento descrive le misure per l esecuzione e la trasmissione degli ordini alle condizioni più favorevoli per il cliente (art. 45 e 48 del Regolamento Consob in materia di Intermediari) e

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. **********

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. ********** Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Signa S.c. ********** CDA del 13/11/2013 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING...

Dettagli

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente

CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CASSA RURALE PINETANA FORNACE E SEREGNANO - Banca di Credito Cooperativo - Società Cooperativa

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dal Credito Cooperativo Valdarno Fiorentino Ufficio Organizzazione 1 Delibera CdA 09.03.2016 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina s.c. Credito Cooperativo ********** gennaio 2012 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING... 3 2.1

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione delle

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo **********

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Cascina Credito Cooperativo ********** 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING... 3 2.1 PRICING... 5 2 1.

Dettagli

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c.

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA S.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI D.D.S. STRATEGIA ESECUZIONE E TRASMISSIONE ORDINI Ed. Marzo 2012 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dettagli

Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta

Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Sintesi Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Impruneta Delibera CdA del 09/06/2015 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo Montepulciano

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo Montepulciano Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo Montepulciano 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING... 3 2.1 PRICING... 5 2 1. PREMESSA

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

SINTESI DELLA POLICY di VALUTAZIONE E PRICING DELLE OBBLIGAZIONI EMESSE DAL CREDITO VALDINIEVOLE S.C.

SINTESI DELLA POLICY di VALUTAZIONE E PRICING DELLE OBBLIGAZIONI EMESSE DAL CREDITO VALDINIEVOLE S.C. SINTESI DELLA POLICY di VALUTAZIONE E PRICING DELLE OBBLIGAZIONI EMESSE DAL CREDITO VALDINIEVOLE S.C. 17 Ottobre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. METODOLOGIA DI PRICING... 3 2.1 PRICING... 4 2 1. PREMESSA

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini (Delibera del Consiglio di Amministrazione del 29/10/2007) (Revisione del Consiglio di Amministrazione del 18/09/2009) (Revisione del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI)

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) Tipo: Redazione: Approvazione: Data rilascio: Policy Revisione Data Tipologia di aggiornamento 1 17/12/2014 Revisione

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007

CASSA RURALE DI LEDRO. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Data 29.10.2007 CASSA RURALE DI LEDRO Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Data 29.10.2007 Aggiornata in data 12/10/2012 Indice PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, pricing

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, princing

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A.

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. 1 DESTINATARI. Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it

Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca www.bancadiimola.it INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A (Titolo illiquido ai sensi della Comunicazione Consob n. 9019104 del 2 marzo 2009) Copia della presente Policy è a disposizione

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli