Cellule staminali : definizione, applicazioni, aspetti bioetici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cellule staminali : definizione, applicazioni, aspetti bioetici"

Transcript

1 Prof. Maria Grazia Cifone Professore Ordinario di Patologia Generale Dipartimento di Scienze della Salute Università dell Aquila Cellule staminali : definizione, applicazioni, aspetti bioetici

2

3

4

5

6

7 Gerarchia delle cellule staminali CELLULE STAMINALI MULTIPOTENTI

8 PROVENIENZA Cellule staminali embrionali sono ricavate dalle cellule interne di blastocisti di embrioni di tre giorni provenienti da fecondazione in vitro. Si possono anche ottenere dalle cellule della linea germinale di feti abortiti all ottava settimana. Cellule staminali adulte sono cellule non specializzate reperibili tra cellule specializzate di un tessuto specifico e provvedono al rinnovamento di alcune popolazioni cellulari (sono prevalentemente multipotenti). Cellule staminali ottenute da sangue del cordone ombelicale sotto forma di elementi multipotenti capaci di fornire gli elementi del sangue (cellule staminali emopoietiche). Cellule staminali ottenute per clonazione terapeutica sostituendo il materiale genetico di una cellula uovo umana con il nucleo di una cellula adulta.

9 FASI DI SVILUPPO EMBRIONALE BLASTOCISTI Embrioblasto Trofoblasto

10 Le tipologie cellulari che sono state ottenute in vitro da cellule staminali embrionali

11 LA SPERIMENTAZIONE SUGLI EMBRIONI Il prelievo di cellule da un embrione comporta necessariamente la sua distruzione. È lecito quindi chiedersi: è moralmente accettabile uccidere un embrione umano, sia pure per finalità benefiche? Esistono almeno due modi di affrontare questo problema, articolati poi in varie posizioni. La risposta deriva da un altra fondamentale domanda: che cos è l embrione umano?

12 La questione definita ontologica è oggetto di una controversia di natura filosofica e religiosa. Possiamo individuare due principali posizioni: L embrione umano, fin dalla fase di zigote, è persona e quindi ha diritto allo stesso grado di protezione e di rispetto assegnato alle persone. Quindi ogni intervento che porta alla distruzione di un embrione (anche se soprannumerario) è equivalente a un omicidio. L embrione umano non è persona fin dall inizio, ma acquisisce questo status in un momento successivo, variamente individuato: quando si impianta nell utero (5-6 giorno); quando si forma la linea primitiva (14 giorno); quando si forma l abbozzo del cervello (verso il 28 giorno); al momento della nascita.

13 L IDENTITA DELL EMBRIONE UMANO: UNA QUESTIONE DECISIVA

14 Chi o che cosa è l embrione umano?

15 L'embrione umano segno di contraddizione Da un lato: il fine dell intervento di fecondazione in vitro, per dare un figlio ad una coppia un piccolo paziente, su cui fare diagnosi (preimpianto) e attuare terapie, seppure sperimentali Dall altro: oggetto disponibile, destinato alla distruzione in vista del bene di terzi: per permettere ad altri di nascere, di essere curati (cellule staminali), di acquisire dati sperimentali (progresso della scienza)

16 L embrione umano

17 I dati della embriologia e della genetica: una sintesi CARATTERI E CAPACITA EMBRIONALI Identità genetica Autonomia biologica Capacità dialogica Induzione dell assenza di rigetto nella madre Capacità di moltiplicarsi Capacità di differenziarsi

18 Le proprietà biologiche dello sviluppo embrionale "Una volta che [il processo] è iniziato, non c'è frazione particolare del processo di sviluppo che sia più importante dell'altra: tutte sono parti di un processo continuo [...] Perciò, da un punto di vista biologico, non si può identificare un singolo stadio nello sviluppo dell'embrione al di là del quale l'embrione in vitro non dovrebbe essere mantenuto in vita. [ ]

19 Chi è persona? Teoria funzionalistico-attualistica Rifiuto della persona come sostanza, considerata statica, e concezione dinamica dell uomo, identificato col continuo fare della sua vita (egli sempre cambia perché continuamente si fa ). Affermazione della libertà totale dell uomo: nel libero esercizio delle sue azioni egli crea se stesso (le azioni non svelano la realtà dell uomo ma la creano). Caratteristiche biologiche (individualità SNC aspetto dolore/piacere) Caratteristiche psico-sociali Teorie monofattoriali (razionalità relazionalità riconoscimento sostitutivo - intenzione di procreare) Teorie multifattoriali (Es. Singer Engelhardt) Teoria sostanzialista (personalismo ontologico)

20 La visione funzionalistico-attualistica In base ad alcune caratteristiche biologiche: L INDIVIDUALITA (non divisum in se, sed divisum a quolibet alio) 1. La teoria della CARIOGAMIA 2. La t. della GEMELLAZIONE 3. La t. dell IMPIANTO 4. La FORMAZIONE DELLA STRIA PRIMITIVA La PRESENZA DELL ATTIVITA CEREBRALE (parallelismo con la morte cerebrale)

21 CARATTERISTICHE BIOLOGICHE Teoria della cariogamia: poiché per la ricombinazione del patrimonio genetico paterno e materno sono necessarie almeno 21 ore dalla fecondazione, in questo arco di tempo non si è ancora di fronte ad un individuo umano. Totipotenza cellulare: la presenza di cellule totipotenti (capaci di dare origine ad un nuovo individuo quando fossero separate dall embrione) nelle prime fasi dello sviluppo embrionale, porta a negare l individualità dell embrione precoce che viene considerato come un aggregato di individui in potenza e lo zigote come una cellula indeterminata.

22 CARATTERISTICHE BIOLOGICHE Teoria della gemellanza monozigotica: l embrione non può essere considerato un individuo umano perché è possibile che si verifichi la gemellazione monozigote (l embrione precoce avrebbe quindi la capacità di diventare due individui) Formazione della stria primitiva (pre-embrione): fino al 14 g. dalla fecondazione avverrebbe una semplice preparazione dei sistemi protettivi e nutritivi (derivati dal trofoblasto) per le necessità dell embrione QUINDI non ci sarebbe presenza di un individuo/embrione ma di un preembrione. Con la comparsa della stria primitiva nel disco embrionale si può parlare di sviluppo embrionale.

23 CARATTERISTICHE BIOLOGICHE Formazione sistema nervoso centrale: nessun embrione umano può ritenersi un individuo umano fino alla formazione del sistema nervoso centrale perché esso è il centro critico di unità del soggetto umano, è condizione per l esercizio della razionalità e per la percezione del piacere/dolore. Così come si fa riferimento alla morte cerebrale totale per diagnosticare la morte di un individuo allo stesso modo si può individuare l inizio dell esistenza umana con la formazione del sistema nervoso centrale

24 Problemi etici - 1 E moralmente lecito produrre e/o utilizzare embrioni umani viventi per la preparazione di embryonic stem cells (Esc)? Le ragioni del Sì: L embrione non è un individuo a tutti gli effetti (pre-embrione, gemellazione, relazione, animazione) Pertanto è materiale biologico disponibile per il progresso delle conoscenze e per sperimentazione Le ESC sono numerose e facilmente estraibili Con le conoscenze acquisite e le stesse ESC si potrebbero ricavare cure per malattie oggi inguaribili (Alzheimer, Parkinson, distrofie, ecc.)

25 Problemi etici - 2 E moralmente lecito produrre e/o utilizzare embrioni umani viventi per la preparazione di embryonic stem cells (ESC)? Le ragioni del No: L embrione è un individuo umano a tutti gli effetti continuità, coordinazione, gradualità) Dunque ha diritto alla vita e non è materiale disponibile seppure per il progresso delle conoscenze L ablazione della massa cellulare interna della blastocisti comporta inevitabilmente la morte del embrione, pertanto è inaccettabile perché nessun fine BUONO può giustificare un MALE Giustificabile un intervento terapeutico L implemento conoscitivo può essere ottenuto anche con le staminali da adulto

26 Problemi etici - 3 E moralmente lecito eseguire la cosiddetta CLONAZIONE TERAPEUTICA attraverso la produzione di embrioni umani e la loro successiva distruzione per la produzione di ESC? VALGONO LE RAGIONI DEL SI E DEL NO ESPOSTE IN PRECEDENZA

27 Cosa è la clonazione? Definizione: RIPRODUZIONE DI INDIVIDUI BIOLOGICAMENTE UGUALI ALL INDIVIDUO ADULTO FORNITORE DEL PATRIMONIO GENETICO NUCLEARE Deriva dal greco Klon (germoglio Si tratta di una forma di riproduzione a-sessuata e a- gamica Due sono le tecniche utilizzate: 1. embryo-splitting (scissione gemellare) 2. Nuclear transfer (trasferimento di nucleo)

28 Perché la clonazione?

29 STORIA DELLA CLONAZIONE 1938: Spemann propone un esperimento di trasferimento nucleare per capire se il nucleo di una cellula differenziata fosse in grado di riprogrammare l'informazione espressa e di controllare lo sviluppo embrionale. Spemann non poté tuttavia condurre l'esperimento per la mancanza di strumenti. Idea brillante ma senza opportunità tecniche. 1952: R. Briggs e T.J. King misero in pratica l'esperimento proposto da Spemann 14 anni prima sulla rana leopardo (Rana pipiens). Prelevarono il nucleo da una cellula embrionale di rana allo stadio di blastula e lo trasferirono in una cellula uovo enucleata. Il 60% di tutti i nuclei trasferiti portarono a girini, ma non superarono mai questo stadio. 1962: J. Gurdon ritenta l'esperimento di Briggs e King, prelevando nuclei di cellule differenziate dall'intestino di girino di Xeanopus laevis e trasferendole in una cellula uovo enucleata e ottiene lo sviluppo di un embrione fino al completamento dello stadio larvale (alcuni di questi girini metamorfosarono in rane adulte fertili) : successi non confermati e tentativi falliti portano a concludere che nei mammiferi le tecniche di trasferimento nucleare non funzionano.

30 STORIA DELLA CLONAZIONE dal 1986: vengono effettuati trasferimenti nucleari da embrioni di bovini, suini e ovini ottenendo migliaia di cloni. 1997: nasce Dolly, il primo animale clonato a partire da cellule somatiche adulte e quindi completamente differenziate. L'esperimento viene effettuato dal gruppo di ricerca di Ian Wilmut e pubblicato su Nature. Delle 277 cellule somatiche trasferite in altrettanti oociti prelevati da pecore di razza diversa solo 29 si sviluppano fino allo stadio di morula/blastocisti e vengono trasferite nell'utero di 13 femmine surrogate. Di queste solo una completa lo sviluppo fino alla nascita, la famosa Dolly. 1998: Y. Ryuzo e il suo gruppo di ricerca riescono finalmente ad ottenere la nascita di topolini a partire da nuclei somatici trasferiti in oociti enucleati. Dopo 80 anni dall'esperimento suggerito da Spemann si possono avere alcune risposte alle domande poste in precedenza: una cellula differenziata di un adulto contiene l'intero patrimonio genetico e questo può essere riprogrammato e diretto verso lo sviluppo di un nuovo individuo.

31 CLONAZIONE Clonare significa fare copie identiche di un organismo vivente. La clonazione è un processo naturale praticato normalmente dagli organismi uni-cellulari, da alcuni invertebrati e dalle piante per scopi riproduttivi (riproduzione asessuata). Occorre però distinguere tra diverse forme: 1. Clonazione del DNA 2. Clonazione terapeutica 3. Clonazione riproduttiva CLONAZIONE DEL DNA Implica il trasferimento di un frammento di DNA da un organismo donatore in un altro che è capace di replicarlo in modo da aumentarne velocemente il numero di copie. CLONAZIONE TERAPEUTICA Come già visto è una tecnica che consente di ottenere cellule staminali embrionali geneticamente identiche all individuo dal quale si preleva la cellula somatica dalla quale estrarre il nucleo. CLONAZIONE RIPRODUTTIVA: Questo processo mira alla produzione artificiale e per via asessuata di un organismo geneticamente identico ad un altro.

32 TECNICHE DELLA CLONAZIONE RIPRODUTTIVA Negli organismi pluricellulari oggi esistono due metodi di clonazione riproduttiva. Uno comporta la suddivisione di embrioni precoci, l altro il trapianto di nuclei somatici in ovociti svuotati del loro nucleo. Fissione gemellare dell'embrione Questo metodo di clonazione riproduttiva consiste nella suddivisione di un embrione, meglio se precoce, a non più di otto - sedici blastomeri. La natura fa qualcosa di simile quando da un unico zigote produce gemelli monozigotici, o identici, ma la loro frequenza è bassa, all'incirca una ogni trecento nascite; la selezione naturale evidentemente non favorisce la clonazione. Non deve quindi sorprendere che anche in provetta, pur usando cellule estratte da embrioni precoci, questo metodo funzioni con rese scarse, spesso inferiori all'uno per cento.

33 TECNICHE DELLA CLONAZIONE RIPRODUTTIVA Trasferimento nucleare del somatocita Si preleva un certo numero di cellule somatiche da un organismo, possibilmente adulto; di solito le si coltiva in vitro per alcune gene-razioni, al fine di metterle nelle condizioni più favorevoli al riavvio dell'intero programma di sviluppo dell'organismo; infine le cellule vengono trapiantate, una alla volta, in altrettanti ovociti enucleati. Grazie a questa donazione il genoma di una qualsiasi cellula soma-tica potrebbe riprogrammare l'ovocita e originare una copia dell'or-ganismo donatore. Perché ciò avvenga è però necessario che il nucleo somatico trapian-tato conservi la totipotenza e che la possa esprimere pienamente. Il metodo del trapianto di nucleo ha prodotto la ormai famosa pecora Dolly e ha reso la clonazione riproduttiva un argomento familiare a tutti, forse in chiave più sensazionale che critica. Anche se finora questo tipo di clonazione ha prodotto topi, buoi, maiali, capre e pecore, restano non poche questioni irrisolte.

34

35 TECNICA DELLA CLONAZIONE TERAPEUTICA

36 ASPETTI ETICI DELLA CLONAZIONE A proposito di clonazione umana Sul piano biologico non sembra possano sussistere difficoltà tecniche insormontabili per estendere la clonazione alla specie umana, ma non si vedono ragioni vere per procedere alla sua realizzazione. Inoltre, alla luce dei risultati ottenuti sugli animali, sarebbe rischioso oggi tentare di metterla in pratica, perché sap-piamo troppo poco dei meccanismi e delle conseguenze della clo-nazione e in ogni caso richiederebbe comunque un appropriato codice deontologico di operazione. La clonazione umana con finalità riproduttive è attualmente vietata per legge negli Stati Uniti e in quelli dell Unione Europea ed è stata respinta da tutti gli organismi internazionali (Consiglio d Europa, Parlamento Europeo, OMS, UNESCO).

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52 PRO E CONTRO Tipo di cellule Vantaggi Svantaggi Embrionali Adulte DELL UTILIZZO Grande disponibilità Proliferazione indefinita (in vitro) Facilmente reperibili Transdifferenziazione Possibilità di prelievo dal ricevente Non sollevano problemi etici Costi ridotti Difficoltà ad orientare la differenziazione Formazione di tumori Sollevano problemi etici Costi elevati Quantità limitate Identificazione delicata Non utilizzabili per la terapia di malattie genetiche Per clonazione terapeutica Abbondante disponibilità Compatibilità con il donatore del nucleo Scarsa disponibilità di cellule uovo umane Sollevano problemi etici

53 GEOGRAFIA NUOVE PAESE DELLE CLONAZIONE STAMINALI FONDI PER LA USA U.E. RICERCHE SU STAMINALI EMBRIONALI Consentite, ma non con fondi pubblici Consentite solo in alcuni stati in forme diverse (Svezia, Gran Bretagna, Belgio, Spagna, Germania e Irlanda) TERAPEUTICA Consentita solo in alcuni stati (es. California) Consentita solo in alcuni stati (Gran Bretagna, Svezia) RICERCA Pubblici: 550 mln di dollari (24 mln per le stam.embr.) Privati: 200 mln di dollari 170 mln di dollari nell ultimo triennio (solo 650 mila dollari per le stam.embr.) CINA Consentite Consentita 40 mln di dollari tra pubblici e privati

54 PAESE NUOVE RICERCHE SU STAMINALI EMBRIONALI CLONAZIONE TERAPEUTICA FONDI PER LA RICERCA ISRAELE Consentite Consentita Pubblici: 5 mln di dollari Privati: mln AUSTRALIA Consentite solo a condizioni particolari Vietata Pubblici: 90 mln di dollari (entro il 2011) BRASILE Consentite da marzo 2006 su embrioni creati in vitro di almeno tre anni Vietata Pubblici: 4,5 mln di dollari COREA DEL SUD Consentite solo su approvazione del ministero della Salute Consentita solo su approvazione (primo paese a clonare un embrione umano per fini terapeutici) Pubblici: 10 mln di dollari Privati: 50 mln di dollari

55 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Alla luce di quanto esposto ci si può domandare se è il caso di mettere in discussione il modello dominante di scienza. Da più parti si sente ad esempio il bisogno di promuovere un etica della responsabilità per affrontare i complessi e difficili problemi posti dai progressi delle scienze e delle tecnologie della vita. Tra le proposte più originali: Il filosofo Hans Jonas teorizza un cambiamento del concetto di responsabilità introducendovi la preoccupazione per le generazioni future e promuove la cosiddetta etica negativa che invita ad un rallentamento della scienza, una sorta di pausa di riflessione per consentire all etica il tempo per far fronte alle nuove sfide.

56 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Secondo il filosofo H.M. Sass si dovrebbe invece accelerare la riflessione bioetica al punto di riuscire a pilotare la rivoluzione tecnica in maniera anticipatoria e strategica e di poterla tenere sotto controllo. Il filosofo D. Callahan sottolinea invece le precise responsabilità degli scienziati in modo da condurli ad un ripensamento sui modi, sulle tecniche e sulle finalità del proprio lavoro. Il principio secondo cui gli scienziati non sono responsabili delle conseguenze delle proprie azioni oggi non è più sostenibile. Il ricercatore ha il dovere di usare la sua immaginazione morale nella stessa misura in cui usa la sua immaginazione scientifica.

57 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA L etica della responsabilità, che ha come principali soggetti gli scienziati, secondo F. Terragni, deve essere estesa e coinvolgere una pluralità di attori. Equivale a dire la scienza è troppo importante perché se ne occupino solo gli scienziati. Sulla stessa linea si schierano anche diversi scienziati. In particolare il biochimico Chargaff che lancia un grido di allarme contro le tecnologie riproduttive ( la produzione semi-industriale di bambini ) e contro le tendenze riduzioniste della biologia moderna ( Non sappiamo cosa sia la vita, eppure la manipoliamo come se fosse una soluzione di sali inorganici ). Secondo lui va rimesso in discussione il valore assoluto solitamente attribuito al progresso e scrive: Spesso si dice che il progresso - sociale, economico, scientifico e anche culturale - sia guidato dalla tecnologia. Ma va considerato anche un punto di vista alternativo: che siano le domande, i bisogni, le urgenze, sorte in modo inesplicabile, a generare le tecniche adatte alla loro soddisfazione.

58 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Il biologo francese Jacques Testart giunge a una valutazione complessivamente negativa sulle attuali tendenze della scienza e sostiene che Il ricercatore dovrebbe sentire l'esigenza di porre un limite a se stesso, in quanto non deve necessariamente essere l'esecutore di ogni progetto che nasca nell'ambito della logica specifica della tecnica. E ancora Il ricercatore è troppo specializzato per agire in questa immensa vertigine, appannaggio dei filosofi. Ma la singolarità della situazione che stiamo vivendo rende necessario un controllo sociale dell'attività scientifica. Secondo Testart Il vero motore della marcia non è affatto la ricerca proclamata del benessere: per questo la sua marcia in avanti è inarrestabile. Come poter dire: Fermiamoci, riflettiamo, quando sappiamo che la minima pausa ci verrebbe rimproverata come un ritardo tecnologico, forse irreversibile, rispetto ai progressi dei nostri concorrenti?

59 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Vi sono però anche alcuni che partono dall assunzione preliminare che un etica della ricerca scientifica, per poter avere una certa efficacia nel mondo degli scienziati, debba sorgere dall interno della ricerca stessa. È di questa idea il premio Nobel J. Monod, secondo il quale: O si ammette che l attività scientifica come tale (in quanto attività umana) è già sotto il dominio dell etica, per cui deve rispondere fin dal principio della liceità o illiceità dei suoi atti, oppure non sarà più possibile reintrodurre, nell attività scientifica, finalità diverse da quelle della scienza come tale. L attività scientifica, quindi, essendo un tipo di attività umana (libera e responsabile), va considerata alla luce di quei principi morali che, in generale, devono guidare tutte le azioni dell uomo. In altri termini potremmo dire che: la dimensione etica è intrinseca al sapere tecnico-scientifico in quanto sapere umano.

60 24/8/2010 (17:42) - BATTAGLIA NEGLI USA- DELUSIONE DELLA COMUNITA' MEDICA "La ricerca sulle staminali è vitale" ROMA La ricerca sulle cellule staminali «è vitale». La Casa Bianca prende atto dello stop del tribunale, che ha congelato i finanziamenti pubblici per le normative volute dal governo Obama, e si guarda cercando una soluzione per uscire dall empasse, mentre il Vaticano plaude alla sentenza perché «da questa strada non si è cavato nulla di buono». In un testo lungo 15 pagine, il giudice Royce C. Lamberth ha accolto il ricorso avanzato da due scienziati, secondo i quali destinare fondi pubblici agli studi sulle cellule bambine viola una legge del 1996 volta a prevenire la distruzione di embrioni umani. Questo nonostante il via libera di Obama riguardasse l impiego di linee cellulari ottenute da embrioni congelati, rimasti inutilizzati dopo i trattamenti di fecondazione medicalmente assistita. L ok della Casa Bianca non permetteva invece finanziamenti pubblici alla creazione di nuove linee di staminali, procedura che avrebbe comportato la distruzione di embrioni di pochi giorni di vita, vietata dal cosiddetto emendamento Dickey-Wicker. Per gli scienziati che hanno sfidato le linee guida Obama, però, l emendamento impedisce anche, più in generale, di devolvere fondi pubblici a ogni tipo di ricerca in cui embrioni umani vengono distrutti. E non importa se la distruzione risale ad anni prima. «A lungo termine, l impatto di questa ingiunzione si traduce in un sostanziale altolà alla maggior parte della ricerca sulle cellule staminali negli Stati Uniti», protesta Irving Weissman, direttore dello Stanford Institute for Stem Cell Biology and Rigenerative Medicine, citato dal Los Angeles Times. Nessun commento, per ora, dai National Institutes of Health (Nih), mentre la Casa Bianca parla di «ricerche cruciali». Apprezza la sentenza invece la Santa Sede. «Era ciò che si attendeva da tempo - dice monsignor Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontificia Accademia per la Vita ed esperto di questioni di bioetica - la decisione è giusta per il fatto che l embrione è un essere umano». In tal senso, per monsignor Sgreccia, «gli scienziati che si oppongono all utilizzo di embrioni resido delle cliniche della fertilità per ricavare cellule hanno ragione, sia prima di tutto per una ragione etica, e poi perchè da questa strada non si è cavato nulla di buono». «Questa decisione - conclude il vescovo - è un bene, era ciò che aspettavamo dal presidente Barack Obama e dalle autorità politiche che, negli Stati Uniti, hanno capacità di intervento». Dalla Pontificia Accademia per la Vita il commento è positivo. «Il Vaticano accoglie positivamente questa decisione - dicono - perchè va in favore dei pazienti. Altrimenti, c è un grosso rischio su questa sperimentazione».

61 Cosa dice la Legge italiana sulla conservazione delle cellule staminali? Il dibattito in Italia che riguarda le cellule staminali è sempre più acceso, è un dibattito soprattutto etico, che ha portato anche l attuale Governo ad emanare il un ordinanza Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale, entrata in vigore nel marzo Anche il Governo afferma l importanza della donazione e della raccolta del sangue del cordone ombelicale, definendo la conservazione delle staminali come un interesse primario del servizio sanitario nazionale.

62 Quali sono i motivi della conservazione delle staminali? Il trapianto di cellule staminali emopoietiche rappresenta una maggiore opportunità per la cura di numerose e gravi malattie del sangue. Da qui la necessità dell istituzione di apposite banche per la raccolta e la conservazione delle cellule staminali, in Italia queste banche sono istituite all'interno di strutture pubbliche, svolgono la loro attività nel rispetto degli standard di qualità e sicurezza definiti a livello nazionale e internazionale. Nel nostro Paese il coordinamento delle diverse strutture, che conta ben 18 banche, è assegnato al Centro Nazionale Sangue in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti.

63 Dove si effettua la raccolta delle cellule staminali? L ordinanza autorizza la conservazione delle staminali per uso allogenico, cioè in favore di altre persone, in strutture pubbliche dedicate. E consentita, inoltre, la conservazione di sangue da cordone ombelicale per uso dedicato al neonato stesso o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta, per la quale risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato l'utilizzo di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico sanitaria. La conservazione per uso personale è permessa anche nel caso di famiglie a rischio di avere figli affetti da malattie genetiche per le quali risulti clinicamente appropriato l'utilizzo di tali cellule. In questi casi si tratta di donazione dedicata e le cellule staminali, conservate gratuitamente nelle banche italiane, sono ad esclusiva disposizione del soggetto al quale sono state dedicate in ragione della sua patologia. La conservazione, autorizzata dalle Regioni e senza oneri a carico dei richiedenti, avviene nelle strutture trasfusionali pubbliche ed in quelle indicate dalla legge 219/2005. E vietata l istituzione di banche per tale conservazione presso strutture sanitarie private.

64 Come richiedere l autorizzazione per mandare le staminali all estero? La richiesta di autorizzazione, contenente tutte le informazioni indicate in un apposito modulo allegato all ordinanza (tra cui i dati anagrafici dei genitori richiedenti, idonea certificazione della struttura ove viene raccolto il campione) deve essere inviata al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-direzione generale della prevenzione sanitaria.

65 Normativa europea Per quanto attiene la normativa europea in materia, essa ha il suo cardine nella direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 2004/23/CE Definizione di norme di qualità e di sicurezza per la donazione, l'approvvigionamento, il controllo, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani che ha lo scopo di garantire la qualità e la sicurezza della donazione di tessuti e cellule umani (comprese quelle riproduttive) per limitare al massimo i rischi di infezione da trapianto: a tal fine vengono stabiliti parametri di qualità e procedure di controllo specifici in tutti gli aspetti relativi al loro trattamento, compreso il loro trasporto nazionale ed internazionale.

66 Normativa europea Direttamente collegate a questa sono altre due direttive, la 2006/17/CE che attua la direttiva 2004/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda determinate prescrizioni tecniche per la donazione, l'approvvigionamento e il controllo di tessuti e cellule umani e la Direttiva 2006/86/CE che attua la direttiva 2004/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le prescrizioni in tema di rintracciabilità, la notifica di reazioni ed eventi avversi gravi e determinate prescrizioni tecniche per la codifica, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani; entrambe le direttive sono state peraltro recentemente recepite dalla legge Comunitaria 2008.

67 Normativa europea La direttiva 2004/23/CE è stata recepita in Italia dal Decreto legislativo del 6 novembre 2007, n. 191 (pubblicato in G.U. il ) che ha adottato integralmente tutti i contenuti della direttiva ma nulla ha stabilito riguardo la sua applicazione. Peraltro l applicazione di questa direttiva rivela alcune incongruenze e contraddizioni di fondo con la materia normata a livello nazionale: infatti le cellule emopoietiche, in Italia, sono disciplinate insieme al sangue e suoi derivati, mentre in Europa si rafforza l interpretazione che le cellule emopoietiche appartengano ai tessuti e non facciano parte del sangue.

68 Normativa europea Mentre in Europa si prevede che qualsiasi struttura possa essere accreditata come istituto dei tessuti e delle cellule, disponendo di fatto la liberalizzazione della funzione di conservazione e la stessa esistenza di biobanche private, in Italia gli istituti che conservano cellule riproduttive sono compresi tra gli istituti dei tessuti ai sensi della L. 40/2004 per le attività compatibili con la legge medesima e le banche di conservazione del cordone ombelicale sono solo pubbliche, in quanto vige, come già detto, il divieto assoluto di conservazione privata e autologa. Inoltre, la legislazione europea non impedisce la conservazione autologa e l eventuale riconoscimento di una indennità in favore dei donatori (anche se strettamente limitata a far fronte alle spese e agli inconvenienti risultanti dalla donazione) mentre in Italia la linea di principio è la donazione come solo atto gratuito e volontario di solidarietà.

69 Quadro normativo in Italia La ratio del quadro normativo sul tema ad oggi delineato dal legislatore italiano, è che lo Stato ha teso a promuovere la donazione e conservazione ad uso allogenico a fini solidaristici, gratuitamente e in strutture pubbliche scoraggiando la conservazione autologa, poiché il trapianto di cellule staminali emopoietiche rappresenta una terapia salvavita consolidata e di grande successo per la cura di numerose e gravi malattie del sangue. Tale animus solidaristico traspare da recenti dati che evidenziano che, dei circa trapianti di cellule staminali emopoietiche effettuati ogni anno in Europa, oltre 5000 avvengono in Italia.

70

71

72 Considerazioni Negli ultimi anni il DNA umano non ha subito importanti modificazioni e i "geni dell invecchiamento" citati in precedenza continuano a far parte del nostro alfabeto genico. La differenza, rispetto ad allora, è la recente scomparsa di quei criteri che per millenni hanno contribuito a selezionare tali geni. Nonostante molte persone lottino ancora quotidianamente contro la fame, la loro condizione è dovuta essenzialmente a questioni politiche e sociali, dal momento che già oggi esisterebbero le risorse naturali e tecnologiche per cancellare la fame nel mondo.

73 Considerazioni Secondo recenti stime, i bambini nati all'inizio del ventunesimo secolo hanno un'aspettativa di vita di circa cento anni. Oggi, abbiamo infatti a disposizione sufficienti tecnologie e conoscenze mediche per consentire ad una significativa fascia di popolazione di spegnere cento o più candeline. Con il ritmo attuale, l aspettativa di vita umana cresce di circa 2,2 mesi all anno, secondo un trend che si è mantenuto pressoché costante negli ultimi sessant anni.

74 La teoria evoluzionistica non è dalla nostra parte Le radici di questa affascinante ipotesi affondano in tempi estremamente remoti, quando per sopravvivere l uomo era costretto a lottare faccia a faccia contro animali ed intemperie. In quest epoca di penuria, i nostri antenati non conoscevano certo la strafogante abbondanza dei cenoni natalizi o le sterminate distese di cibo riposte negli scaffali dei supermarket. Al contrario, erano costantemente in competizione con la natura per procurarsi il cibo necessario al proprio sostentamento. In questo triste scenario, la lotta per accaparrarsi le ridotte risorse alimentari era estesa anche ad individui appartenenti alla stessa specie. Vista in quest ottica, un eccessiva sopravvivenza dei membri più anziani della tribù era deleteria per l evoluzione stessa della comunità, poiché sottraeva al gruppo le già limitate risorse di nutrienti. Per il bene della specie, l uomo doveva vivere abbastanza a lungo e in salute per riprodursi e crescere i propri figli. Una volta assolta questa primaria funzione biologica, sempre per il bene collettivo, avrebbe dovuto farsi da parte lasciando spazio agli individui più giovani. Per questo motivo era importante che a un certo punto della vita si attivassero i "geni dell invecchiamento", capaci di avviare rapidamente il soggetto verso un crudele destino. Eliminando i più anziani, gli individui più giovani avevano maggiori chances di sopravvivere e contribuire all evoluzione della specie secondo le regole della selezione darwiniana.

75 Ma. Grazie ai recenti progressi, il genere umano non ha più alcun motivo per avvantaggiarsi della sua breve esistenza. Al contrario, ha tutto l'interesse di mantenersi in vita più a lungo e soprattutto.in salute.

76 In alcune parti del mondo (paesi ricchi, sviluppati) abbiamo ottimizzato l ambiente (nutrizione, igiene, medicina, condizioni di lavoro, Brianza.e non soltanto) L. Maggiore Aruba Porto Rotondo Milano Portofino

77 People age differently The basis for much of modern research on aging is the notion of heterogeneity, or differences, among individuals. That is, people "age" differently outwardly, in the appearance of hair, eyes, and skin, and inside, in muscles, bones, heart, brain, and other vital tissues and organs. It is now clear to scientists that each of us is a product of a complex mix of heredity, environment, and lifestyle. Understanding the genetic, molecular, and cellular processes common to aging as well as how these processes may differ in individuals will lead to biological and lifestyle interventions that maintain function and prevent disease.

78 Lifespan By improvements in health and sanitation mean and median lifespan can be dramatically increased. Whether there is a finite limit to human lifespan is currently unclear. However, the maximum human lifespan is increasing. In 1952 the England queen sent out 225 telegrams to people on their 100th birthday. In 1996 she sent out Since 1946 the number of centenarians has doubled every years. A child born today who lives to age 65 is ten times more likely to reach 100 than people born one century ago.

una questione decisiva

una questione decisiva Bioetica di inizio vita L identità dell embrione umano: una questione decisiva Qualche premessa metodologica Provare a superare la mera logica della contrapposizione, pur rilevando la cogenza del dibattito

Dettagli

Che cos è una cellula staminale?

Che cos è una cellula staminale? Che cos è una cellula staminale? Una cellula che ha la capacita di rigenerarsi - self renewal (dare origine ad altre cellule staminali) dare origine a cellule specializzate Una cellula staminale è una

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente)

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) La CLONAZIONE Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) Perchè clonare? Finalità della clonazione animale

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello.

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello. CHE COSA SI INTENDE PER CLONAZIONE? La clonazione è diventata un argomento popolare grazie al caso della pecora Dolly. Da allora, anche se della questione si parla frequentemente, troppo spesso non si

Dettagli

Le cellule staminali umane

Le cellule staminali umane Le cellule staminali umane considerazioni etiche sulla loro produzione e sul loro utilizzo Prof. M. Calipari L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011-12 CHE

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo, ramoscello), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o artificiale, di un intero organismo vivente o anche di una

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO

Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Via Sallustiana, 26 00187 Roma Il quadro normativo europeo e nazionale sulla conservazione delle CS del SCO Roma, 14 giugno 2011 Conservazione del SCO -Conservazione pubblica per uso allogenico (da donazione

Dettagli

un uovo, un embrione, un adulto, normalità. Ma un uovo bokanovskificato germoglia, prolifera, si scinde. Da otto a novantasei germogli e ogni

un uovo, un embrione, un adulto, normalità. Ma un uovo bokanovskificato germoglia, prolifera, si scinde. Da otto a novantasei germogli e ogni LA CLONAZIONE un uovo, un embrione, un adulto, normalità. Ma un uovo bokanovskificato germoglia, prolifera, si scinde. Da otto a novantasei germogli e ogni germoglio diventerà un embrione perfetto, e ogni

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4747 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BARANI Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione

Dettagli

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva La cellula staminale Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi Viene mantenuta la riserva Cellule staminali Malattie fino ad oggi incurabili, per le quali si può prospettare un terapia

Dettagli

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Definizione e caratteristiche delle cellule staminali. A tutt oggi non esiste ancora una definizione

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

un uovo, un embrione, un adulto, normalità. Ma un uovo bokanovskificato germoglia, prolifera, si scinde. Da otto a novantasei germogli e ogni

un uovo, un embrione, un adulto, normalità. Ma un uovo bokanovskificato germoglia, prolifera, si scinde. Da otto a novantasei germogli e ogni LA CLONAZIONE un uovo, un embrione, un adulto, normalità. Ma un uovo bokanovskificato germoglia, prolifera, si scinde. Da otto a novantasei germogli e ogni germoglio diventerà un embrione perfetto, e ogni

Dettagli

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì Parte specifica Parere del Comitato etico provinciale sull uso di cellule staminali embrionali con particolare riferimento alla diagnosi genetica preimpianto (ingl. preimplantation genetic diagnosis =

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato DECRETO 18 novembre 2009 Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione precoce

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile Il Popolo svizzero deve potersi esprimere sulla legislazione riguardante la ricerca sulle cellule staminali embrionali. La portata

Dettagli

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c CELLULE STAMINALI Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c è la necessità di riparare un tessuto

Dettagli

Visione della superficie dorsale

Visione della superficie dorsale mappe gastrulazione presuntive Tracciare linee di discendenza cellulare. Mappare la struttura larvale o adulta sulla regione dell embrione dalla quale tale struttura deriverà. Visione della superficie

Dettagli

Conferenza di Giovedì 16 dicembre 2004 sul tema. «Superare il disagio di malattie genetiche, illusione o realtà? : le cellule staminali.

Conferenza di Giovedì 16 dicembre 2004 sul tema. «Superare il disagio di malattie genetiche, illusione o realtà? : le cellule staminali. Conferenza di Giovedì 16 dicembre 2004 sul tema «Superare il disagio di malattie genetiche, illusione o realtà? : le cellule staminali.» relatore : dr. Vania Broccoli, ricercatore del DiBit, Istituto Scientifico

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 4 maggio 2007 Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. (GU n.110 del 14-5-2007) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 289

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 289 Senato della Repubblica XVII Legislatura Fascicolo Iter DDL S. 289 Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione del sangue da cordone ombelicale e istituzione della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

1 di 5 20/01/15 12:01

1 di 5 20/01/15 12:01 N u m e rr o A :49643 tt tt i i A g g i i o rr n a tt : o 19 a gennaio l l 2015 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA Dettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA

Dettagli

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta;

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta; Cellule staminali da cordone ombelicale: misure urgenti Ministero Salute, ordinanza 04.05.2007, G.U. 14.05.2007 (Gesuele Bellini) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2007, l ordinanza del

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA. Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa

CORSO INTEGRATO DI GENETICA. Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa CORSO INTEGRATO DI GENETICA AA 2010/11 Prof Alberto Turco Martedi 14 dicembre 2010 Lezioni 55 e 56 Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa Early human preimplantation development in vitro Pronuclear-stage

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.07.2005 COM(2005) 312 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Sviluppi e implicazioni del diritto dei brevetti nel settore

Dettagli

Cellule staminali : unione delle due culture per il bene comune

Cellule staminali : unione delle due culture per il bene comune PROGETTO LEGGERE E...NON SOLO Anno Scolastico 2008/2009 Cellule staminali : unione delle due culture per il bene comune Articolo di approfondimento per il mensile Le Scienze di Beatrice Pizzarotti È vietata

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico FERTILITA UMANA CAPACITA FISIOLOGICA DI UNA COPPIA, FORMATA DA UN UOMO E DA UNA DONNA, DI CONCEPIRE IN QUESTA FUNZIONE NON SONO COINVOLTI SOLO GLI

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte)

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOL.MOLECOLARE AA 2012/13 Prof Alberto Turco Lezioni 57-60 12 e 13.12.2012 CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) Early human preimplantation development

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Cosa sono Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in diversi altri tipi

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo Per animali transgenici

Dettagli

Saviour sibling : definizione

Saviour sibling : definizione La questione del saviour sibling Dino Moltisanti dino.moltisanti@gmail.com Saviour sibling : definizione Con questa espressione (bebé medicamento in spagnolo, fratello salvatore in italiano) si indica,

Dettagli

Dott.. Giovanni Bracchitta

Dott.. Giovanni Bracchitta Conferenza Dibattito sulla Legge 40/2004 Procreazione Medicalmente Assistita: evoluzione scientifica o fenomeno da scoraggiare? Perché il ricorso al referendum? Dott.. Giovanni Bracchitta Centro A.S.T.E.R.

Dettagli

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali Che cos è una cellula staminale? Le cellule, così come gli esseri viventi, invecchiano e muoiono, devono quindi essere rimpiazzate le cellule staminali sono

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62 CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014 Giov 12 e Merc 18.12.2013 Lezioni 59,60,61,62 Prof.A.Turco CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (da stamen, filo della vita..) CELLULE

Dettagli

La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in:

La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in: La genetica La genetica è la disciplina che si occupa della trasmissione dei caratteri ereditari Si divide in: 1. Genetica mendeliana 2. Genetica citoplasmatica 3. Citogenetica 4. La genetica delle popolazioni

Dettagli

MANIPOLAZIONE GENETICA DEGLI ANIMALI

MANIPOLAZIONE GENETICA DEGLI ANIMALI MANIPOLAZIONE GENETICA DEGLI ANIMALI Perché creare animali transgenici Per studiare la funzione e la regolazione di geni coinvolti in processi biologici complessi come lo sviluppo di un organismo e l insorgenza

Dettagli

L'embrione umano: scienza, antropologia ed etica a confronto

L'embrione umano: scienza, antropologia ed etica a confronto Prof. M. Calipari L'embrione umano: scienza, antropologia ed etica a confronto L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011-12 Considerazioni preliminari Quando

Dettagli

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione LA PRIMA SETTIMANA La segmentazione Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo. LA PRIMA globulo polare SETTIMANA A, uovo fecondato; B, C e D, stadi a 2, 4 e 8 blastomeri. LA PRIMA SETTIMANA 24-30 ore

Dettagli

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA AUDIZIONE del 26 aprile 2001 Carlos Alonso BEDATE Curriculum accademico Laurea in filosofia Università

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura Disposizioni sanzionatorie per la violazione della disciplina in materia di prelievo, conservazione e utilizzazione del sangue del cordone ombelicale

Dettagli

Nel febbraio 2010, in Francia, nel

Nel febbraio 2010, in Francia, nel tools di Paolo Fontana Biologo, docente di Bioetica presso il Seminario teologico del PIME (Pontificio istituto missioni estere) di Monza Nel febbraio 2010, in Francia, nel corso di una conferenza stampa

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE

Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: 2 cellule: ZIGOTE Vengono definiti STATI DI PRE EMBRIONE i seguenti: cavità blastocelica ICM 2 cellule: ZIGOTE 8 16 cellule: MORULA: inizia la sintesi attiva di RNA e proteine trofectoderma BLASTOCISTI 32 64 cellule: BLASTOCISTI:

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO (Sintesi) Il Ministro della Sanità, professor Umberto Veronesi, il 7 settembre scorso, nominò la Commissione di studio sull utilizzo di cellule staminali per finalità

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA LE CELLULE STAMINALI CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA CHE COSA SONO Le cellule staminali sono cellule

Dettagli

LIMITI E PARADOSSI DELLA DIMENSIONE DELL UMANO NEL DIRITTO ALLA SALUTE. Alessandra Pioggia Perugia 26 gennaio 2013 LeG Scuola di Politica

LIMITI E PARADOSSI DELLA DIMENSIONE DELL UMANO NEL DIRITTO ALLA SALUTE. Alessandra Pioggia Perugia 26 gennaio 2013 LeG Scuola di Politica LIMITI E PARADOSSI DELLA DIMENSIONE DELL UMANO NEL DIRITTO ALLA SALUTE Alessandra Pioggia Perugia 26 gennaio 2013 LeG Scuola di Politica SCIENZE BIOMEDICHE, ETICA E DIRITTO - La scienza e il progresso

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Presentazione autori

Presentazione autori «Regolerò il tenore di vita per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, mi asterrò dal recare danno e offesa. [...] In qualunque casa andrò io vi entrerò per il sollievo dei malati,

Dettagli

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del metabolismo o richieste per altre funzioni basali Nei mammiferi

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n.

OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22 dicembre 1986, n. RISOLUZIONE N. 155/E Roma, 12 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - IRPEF detrazione - spese sanitarie conservazione cellule staminali - art 15 - DPR 22

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

Cellule staminali. Emanuele Nasole

Cellule staminali. Emanuele Nasole Cellule staminali Emanuele Nasole Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica Docente Master di II Livello in Medicina Subacquea e Iperbarica - Univ-Palermo - Sede di Trapani Servizio di VUNOLOGIA

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

Embryology. Early development from a phenomenological point of view. Bolk s Companions for the study of medicine www.louisbolk.org

Embryology. Early development from a phenomenological point of view. Bolk s Companions for the study of medicine www.louisbolk.org Tratto da: Guus van der Bie, M.D. Embryology. Early development from a phenomenological point of view Bolk s Companions for the study of medicine www.louisbolk.org Traduzione a cura di: Stefano Cecchi

Dettagli