Cellule staminali : definizione, applicazioni, aspetti bioetici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cellule staminali : definizione, applicazioni, aspetti bioetici"

Transcript

1 Prof. Maria Grazia Cifone Professore Ordinario di Patologia Generale Dipartimento di Scienze della Salute Università dell Aquila Cellule staminali : definizione, applicazioni, aspetti bioetici

2

3

4

5

6

7 Gerarchia delle cellule staminali CELLULE STAMINALI MULTIPOTENTI

8 PROVENIENZA Cellule staminali embrionali sono ricavate dalle cellule interne di blastocisti di embrioni di tre giorni provenienti da fecondazione in vitro. Si possono anche ottenere dalle cellule della linea germinale di feti abortiti all ottava settimana. Cellule staminali adulte sono cellule non specializzate reperibili tra cellule specializzate di un tessuto specifico e provvedono al rinnovamento di alcune popolazioni cellulari (sono prevalentemente multipotenti). Cellule staminali ottenute da sangue del cordone ombelicale sotto forma di elementi multipotenti capaci di fornire gli elementi del sangue (cellule staminali emopoietiche). Cellule staminali ottenute per clonazione terapeutica sostituendo il materiale genetico di una cellula uovo umana con il nucleo di una cellula adulta.

9 FASI DI SVILUPPO EMBRIONALE BLASTOCISTI Embrioblasto Trofoblasto

10 Le tipologie cellulari che sono state ottenute in vitro da cellule staminali embrionali

11 LA SPERIMENTAZIONE SUGLI EMBRIONI Il prelievo di cellule da un embrione comporta necessariamente la sua distruzione. È lecito quindi chiedersi: è moralmente accettabile uccidere un embrione umano, sia pure per finalità benefiche? Esistono almeno due modi di affrontare questo problema, articolati poi in varie posizioni. La risposta deriva da un altra fondamentale domanda: che cos è l embrione umano?

12 La questione definita ontologica è oggetto di una controversia di natura filosofica e religiosa. Possiamo individuare due principali posizioni: L embrione umano, fin dalla fase di zigote, è persona e quindi ha diritto allo stesso grado di protezione e di rispetto assegnato alle persone. Quindi ogni intervento che porta alla distruzione di un embrione (anche se soprannumerario) è equivalente a un omicidio. L embrione umano non è persona fin dall inizio, ma acquisisce questo status in un momento successivo, variamente individuato: quando si impianta nell utero (5-6 giorno); quando si forma la linea primitiva (14 giorno); quando si forma l abbozzo del cervello (verso il 28 giorno); al momento della nascita.

13 L IDENTITA DELL EMBRIONE UMANO: UNA QUESTIONE DECISIVA

14 Chi o che cosa è l embrione umano?

15 L'embrione umano segno di contraddizione Da un lato: il fine dell intervento di fecondazione in vitro, per dare un figlio ad una coppia un piccolo paziente, su cui fare diagnosi (preimpianto) e attuare terapie, seppure sperimentali Dall altro: oggetto disponibile, destinato alla distruzione in vista del bene di terzi: per permettere ad altri di nascere, di essere curati (cellule staminali), di acquisire dati sperimentali (progresso della scienza)

16 L embrione umano

17 I dati della embriologia e della genetica: una sintesi CARATTERI E CAPACITA EMBRIONALI Identità genetica Autonomia biologica Capacità dialogica Induzione dell assenza di rigetto nella madre Capacità di moltiplicarsi Capacità di differenziarsi

18 Le proprietà biologiche dello sviluppo embrionale "Una volta che [il processo] è iniziato, non c'è frazione particolare del processo di sviluppo che sia più importante dell'altra: tutte sono parti di un processo continuo [...] Perciò, da un punto di vista biologico, non si può identificare un singolo stadio nello sviluppo dell'embrione al di là del quale l'embrione in vitro non dovrebbe essere mantenuto in vita. [ ]

19 Chi è persona? Teoria funzionalistico-attualistica Rifiuto della persona come sostanza, considerata statica, e concezione dinamica dell uomo, identificato col continuo fare della sua vita (egli sempre cambia perché continuamente si fa ). Affermazione della libertà totale dell uomo: nel libero esercizio delle sue azioni egli crea se stesso (le azioni non svelano la realtà dell uomo ma la creano). Caratteristiche biologiche (individualità SNC aspetto dolore/piacere) Caratteristiche psico-sociali Teorie monofattoriali (razionalità relazionalità riconoscimento sostitutivo - intenzione di procreare) Teorie multifattoriali (Es. Singer Engelhardt) Teoria sostanzialista (personalismo ontologico)

20 La visione funzionalistico-attualistica In base ad alcune caratteristiche biologiche: L INDIVIDUALITA (non divisum in se, sed divisum a quolibet alio) 1. La teoria della CARIOGAMIA 2. La t. della GEMELLAZIONE 3. La t. dell IMPIANTO 4. La FORMAZIONE DELLA STRIA PRIMITIVA La PRESENZA DELL ATTIVITA CEREBRALE (parallelismo con la morte cerebrale)

21 CARATTERISTICHE BIOLOGICHE Teoria della cariogamia: poiché per la ricombinazione del patrimonio genetico paterno e materno sono necessarie almeno 21 ore dalla fecondazione, in questo arco di tempo non si è ancora di fronte ad un individuo umano. Totipotenza cellulare: la presenza di cellule totipotenti (capaci di dare origine ad un nuovo individuo quando fossero separate dall embrione) nelle prime fasi dello sviluppo embrionale, porta a negare l individualità dell embrione precoce che viene considerato come un aggregato di individui in potenza e lo zigote come una cellula indeterminata.

22 CARATTERISTICHE BIOLOGICHE Teoria della gemellanza monozigotica: l embrione non può essere considerato un individuo umano perché è possibile che si verifichi la gemellazione monozigote (l embrione precoce avrebbe quindi la capacità di diventare due individui) Formazione della stria primitiva (pre-embrione): fino al 14 g. dalla fecondazione avverrebbe una semplice preparazione dei sistemi protettivi e nutritivi (derivati dal trofoblasto) per le necessità dell embrione QUINDI non ci sarebbe presenza di un individuo/embrione ma di un preembrione. Con la comparsa della stria primitiva nel disco embrionale si può parlare di sviluppo embrionale.

23 CARATTERISTICHE BIOLOGICHE Formazione sistema nervoso centrale: nessun embrione umano può ritenersi un individuo umano fino alla formazione del sistema nervoso centrale perché esso è il centro critico di unità del soggetto umano, è condizione per l esercizio della razionalità e per la percezione del piacere/dolore. Così come si fa riferimento alla morte cerebrale totale per diagnosticare la morte di un individuo allo stesso modo si può individuare l inizio dell esistenza umana con la formazione del sistema nervoso centrale

24 Problemi etici - 1 E moralmente lecito produrre e/o utilizzare embrioni umani viventi per la preparazione di embryonic stem cells (Esc)? Le ragioni del Sì: L embrione non è un individuo a tutti gli effetti (pre-embrione, gemellazione, relazione, animazione) Pertanto è materiale biologico disponibile per il progresso delle conoscenze e per sperimentazione Le ESC sono numerose e facilmente estraibili Con le conoscenze acquisite e le stesse ESC si potrebbero ricavare cure per malattie oggi inguaribili (Alzheimer, Parkinson, distrofie, ecc.)

25 Problemi etici - 2 E moralmente lecito produrre e/o utilizzare embrioni umani viventi per la preparazione di embryonic stem cells (ESC)? Le ragioni del No: L embrione è un individuo umano a tutti gli effetti continuità, coordinazione, gradualità) Dunque ha diritto alla vita e non è materiale disponibile seppure per il progresso delle conoscenze L ablazione della massa cellulare interna della blastocisti comporta inevitabilmente la morte del embrione, pertanto è inaccettabile perché nessun fine BUONO può giustificare un MALE Giustificabile un intervento terapeutico L implemento conoscitivo può essere ottenuto anche con le staminali da adulto

26 Problemi etici - 3 E moralmente lecito eseguire la cosiddetta CLONAZIONE TERAPEUTICA attraverso la produzione di embrioni umani e la loro successiva distruzione per la produzione di ESC? VALGONO LE RAGIONI DEL SI E DEL NO ESPOSTE IN PRECEDENZA

27 Cosa è la clonazione? Definizione: RIPRODUZIONE DI INDIVIDUI BIOLOGICAMENTE UGUALI ALL INDIVIDUO ADULTO FORNITORE DEL PATRIMONIO GENETICO NUCLEARE Deriva dal greco Klon (germoglio Si tratta di una forma di riproduzione a-sessuata e a- gamica Due sono le tecniche utilizzate: 1. embryo-splitting (scissione gemellare) 2. Nuclear transfer (trasferimento di nucleo)

28 Perché la clonazione?

29 STORIA DELLA CLONAZIONE 1938: Spemann propone un esperimento di trasferimento nucleare per capire se il nucleo di una cellula differenziata fosse in grado di riprogrammare l'informazione espressa e di controllare lo sviluppo embrionale. Spemann non poté tuttavia condurre l'esperimento per la mancanza di strumenti. Idea brillante ma senza opportunità tecniche. 1952: R. Briggs e T.J. King misero in pratica l'esperimento proposto da Spemann 14 anni prima sulla rana leopardo (Rana pipiens). Prelevarono il nucleo da una cellula embrionale di rana allo stadio di blastula e lo trasferirono in una cellula uovo enucleata. Il 60% di tutti i nuclei trasferiti portarono a girini, ma non superarono mai questo stadio. 1962: J. Gurdon ritenta l'esperimento di Briggs e King, prelevando nuclei di cellule differenziate dall'intestino di girino di Xeanopus laevis e trasferendole in una cellula uovo enucleata e ottiene lo sviluppo di un embrione fino al completamento dello stadio larvale (alcuni di questi girini metamorfosarono in rane adulte fertili) : successi non confermati e tentativi falliti portano a concludere che nei mammiferi le tecniche di trasferimento nucleare non funzionano.

30 STORIA DELLA CLONAZIONE dal 1986: vengono effettuati trasferimenti nucleari da embrioni di bovini, suini e ovini ottenendo migliaia di cloni. 1997: nasce Dolly, il primo animale clonato a partire da cellule somatiche adulte e quindi completamente differenziate. L'esperimento viene effettuato dal gruppo di ricerca di Ian Wilmut e pubblicato su Nature. Delle 277 cellule somatiche trasferite in altrettanti oociti prelevati da pecore di razza diversa solo 29 si sviluppano fino allo stadio di morula/blastocisti e vengono trasferite nell'utero di 13 femmine surrogate. Di queste solo una completa lo sviluppo fino alla nascita, la famosa Dolly. 1998: Y. Ryuzo e il suo gruppo di ricerca riescono finalmente ad ottenere la nascita di topolini a partire da nuclei somatici trasferiti in oociti enucleati. Dopo 80 anni dall'esperimento suggerito da Spemann si possono avere alcune risposte alle domande poste in precedenza: una cellula differenziata di un adulto contiene l'intero patrimonio genetico e questo può essere riprogrammato e diretto verso lo sviluppo di un nuovo individuo.

31 CLONAZIONE Clonare significa fare copie identiche di un organismo vivente. La clonazione è un processo naturale praticato normalmente dagli organismi uni-cellulari, da alcuni invertebrati e dalle piante per scopi riproduttivi (riproduzione asessuata). Occorre però distinguere tra diverse forme: 1. Clonazione del DNA 2. Clonazione terapeutica 3. Clonazione riproduttiva CLONAZIONE DEL DNA Implica il trasferimento di un frammento di DNA da un organismo donatore in un altro che è capace di replicarlo in modo da aumentarne velocemente il numero di copie. CLONAZIONE TERAPEUTICA Come già visto è una tecnica che consente di ottenere cellule staminali embrionali geneticamente identiche all individuo dal quale si preleva la cellula somatica dalla quale estrarre il nucleo. CLONAZIONE RIPRODUTTIVA: Questo processo mira alla produzione artificiale e per via asessuata di un organismo geneticamente identico ad un altro.

32 TECNICHE DELLA CLONAZIONE RIPRODUTTIVA Negli organismi pluricellulari oggi esistono due metodi di clonazione riproduttiva. Uno comporta la suddivisione di embrioni precoci, l altro il trapianto di nuclei somatici in ovociti svuotati del loro nucleo. Fissione gemellare dell'embrione Questo metodo di clonazione riproduttiva consiste nella suddivisione di un embrione, meglio se precoce, a non più di otto - sedici blastomeri. La natura fa qualcosa di simile quando da un unico zigote produce gemelli monozigotici, o identici, ma la loro frequenza è bassa, all'incirca una ogni trecento nascite; la selezione naturale evidentemente non favorisce la clonazione. Non deve quindi sorprendere che anche in provetta, pur usando cellule estratte da embrioni precoci, questo metodo funzioni con rese scarse, spesso inferiori all'uno per cento.

33 TECNICHE DELLA CLONAZIONE RIPRODUTTIVA Trasferimento nucleare del somatocita Si preleva un certo numero di cellule somatiche da un organismo, possibilmente adulto; di solito le si coltiva in vitro per alcune gene-razioni, al fine di metterle nelle condizioni più favorevoli al riavvio dell'intero programma di sviluppo dell'organismo; infine le cellule vengono trapiantate, una alla volta, in altrettanti ovociti enucleati. Grazie a questa donazione il genoma di una qualsiasi cellula soma-tica potrebbe riprogrammare l'ovocita e originare una copia dell'or-ganismo donatore. Perché ciò avvenga è però necessario che il nucleo somatico trapian-tato conservi la totipotenza e che la possa esprimere pienamente. Il metodo del trapianto di nucleo ha prodotto la ormai famosa pecora Dolly e ha reso la clonazione riproduttiva un argomento familiare a tutti, forse in chiave più sensazionale che critica. Anche se finora questo tipo di clonazione ha prodotto topi, buoi, maiali, capre e pecore, restano non poche questioni irrisolte.

34

35 TECNICA DELLA CLONAZIONE TERAPEUTICA

36 ASPETTI ETICI DELLA CLONAZIONE A proposito di clonazione umana Sul piano biologico non sembra possano sussistere difficoltà tecniche insormontabili per estendere la clonazione alla specie umana, ma non si vedono ragioni vere per procedere alla sua realizzazione. Inoltre, alla luce dei risultati ottenuti sugli animali, sarebbe rischioso oggi tentare di metterla in pratica, perché sap-piamo troppo poco dei meccanismi e delle conseguenze della clo-nazione e in ogni caso richiederebbe comunque un appropriato codice deontologico di operazione. La clonazione umana con finalità riproduttive è attualmente vietata per legge negli Stati Uniti e in quelli dell Unione Europea ed è stata respinta da tutti gli organismi internazionali (Consiglio d Europa, Parlamento Europeo, OMS, UNESCO).

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52 PRO E CONTRO Tipo di cellule Vantaggi Svantaggi Embrionali Adulte DELL UTILIZZO Grande disponibilità Proliferazione indefinita (in vitro) Facilmente reperibili Transdifferenziazione Possibilità di prelievo dal ricevente Non sollevano problemi etici Costi ridotti Difficoltà ad orientare la differenziazione Formazione di tumori Sollevano problemi etici Costi elevati Quantità limitate Identificazione delicata Non utilizzabili per la terapia di malattie genetiche Per clonazione terapeutica Abbondante disponibilità Compatibilità con il donatore del nucleo Scarsa disponibilità di cellule uovo umane Sollevano problemi etici

53 GEOGRAFIA NUOVE PAESE DELLE CLONAZIONE STAMINALI FONDI PER LA USA U.E. RICERCHE SU STAMINALI EMBRIONALI Consentite, ma non con fondi pubblici Consentite solo in alcuni stati in forme diverse (Svezia, Gran Bretagna, Belgio, Spagna, Germania e Irlanda) TERAPEUTICA Consentita solo in alcuni stati (es. California) Consentita solo in alcuni stati (Gran Bretagna, Svezia) RICERCA Pubblici: 550 mln di dollari (24 mln per le stam.embr.) Privati: 200 mln di dollari 170 mln di dollari nell ultimo triennio (solo 650 mila dollari per le stam.embr.) CINA Consentite Consentita 40 mln di dollari tra pubblici e privati

54 PAESE NUOVE RICERCHE SU STAMINALI EMBRIONALI CLONAZIONE TERAPEUTICA FONDI PER LA RICERCA ISRAELE Consentite Consentita Pubblici: 5 mln di dollari Privati: mln AUSTRALIA Consentite solo a condizioni particolari Vietata Pubblici: 90 mln di dollari (entro il 2011) BRASILE Consentite da marzo 2006 su embrioni creati in vitro di almeno tre anni Vietata Pubblici: 4,5 mln di dollari COREA DEL SUD Consentite solo su approvazione del ministero della Salute Consentita solo su approvazione (primo paese a clonare un embrione umano per fini terapeutici) Pubblici: 10 mln di dollari Privati: 50 mln di dollari

55 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Alla luce di quanto esposto ci si può domandare se è il caso di mettere in discussione il modello dominante di scienza. Da più parti si sente ad esempio il bisogno di promuovere un etica della responsabilità per affrontare i complessi e difficili problemi posti dai progressi delle scienze e delle tecnologie della vita. Tra le proposte più originali: Il filosofo Hans Jonas teorizza un cambiamento del concetto di responsabilità introducendovi la preoccupazione per le generazioni future e promuove la cosiddetta etica negativa che invita ad un rallentamento della scienza, una sorta di pausa di riflessione per consentire all etica il tempo per far fronte alle nuove sfide.

56 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Secondo il filosofo H.M. Sass si dovrebbe invece accelerare la riflessione bioetica al punto di riuscire a pilotare la rivoluzione tecnica in maniera anticipatoria e strategica e di poterla tenere sotto controllo. Il filosofo D. Callahan sottolinea invece le precise responsabilità degli scienziati in modo da condurli ad un ripensamento sui modi, sulle tecniche e sulle finalità del proprio lavoro. Il principio secondo cui gli scienziati non sono responsabili delle conseguenze delle proprie azioni oggi non è più sostenibile. Il ricercatore ha il dovere di usare la sua immaginazione morale nella stessa misura in cui usa la sua immaginazione scientifica.

57 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA L etica della responsabilità, che ha come principali soggetti gli scienziati, secondo F. Terragni, deve essere estesa e coinvolgere una pluralità di attori. Equivale a dire la scienza è troppo importante perché se ne occupino solo gli scienziati. Sulla stessa linea si schierano anche diversi scienziati. In particolare il biochimico Chargaff che lancia un grido di allarme contro le tecnologie riproduttive ( la produzione semi-industriale di bambini ) e contro le tendenze riduzioniste della biologia moderna ( Non sappiamo cosa sia la vita, eppure la manipoliamo come se fosse una soluzione di sali inorganici ). Secondo lui va rimesso in discussione il valore assoluto solitamente attribuito al progresso e scrive: Spesso si dice che il progresso - sociale, economico, scientifico e anche culturale - sia guidato dalla tecnologia. Ma va considerato anche un punto di vista alternativo: che siano le domande, i bisogni, le urgenze, sorte in modo inesplicabile, a generare le tecniche adatte alla loro soddisfazione.

58 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Il biologo francese Jacques Testart giunge a una valutazione complessivamente negativa sulle attuali tendenze della scienza e sostiene che Il ricercatore dovrebbe sentire l'esigenza di porre un limite a se stesso, in quanto non deve necessariamente essere l'esecutore di ogni progetto che nasca nell'ambito della logica specifica della tecnica. E ancora Il ricercatore è troppo specializzato per agire in questa immensa vertigine, appannaggio dei filosofi. Ma la singolarità della situazione che stiamo vivendo rende necessario un controllo sociale dell'attività scientifica. Secondo Testart Il vero motore della marcia non è affatto la ricerca proclamata del benessere: per questo la sua marcia in avanti è inarrestabile. Come poter dire: Fermiamoci, riflettiamo, quando sappiamo che la minima pausa ci verrebbe rimproverata come un ritardo tecnologico, forse irreversibile, rispetto ai progressi dei nostri concorrenti?

59 RIFLESSIONI SUL RAPPORTO ETICA-SCIENZA Vi sono però anche alcuni che partono dall assunzione preliminare che un etica della ricerca scientifica, per poter avere una certa efficacia nel mondo degli scienziati, debba sorgere dall interno della ricerca stessa. È di questa idea il premio Nobel J. Monod, secondo il quale: O si ammette che l attività scientifica come tale (in quanto attività umana) è già sotto il dominio dell etica, per cui deve rispondere fin dal principio della liceità o illiceità dei suoi atti, oppure non sarà più possibile reintrodurre, nell attività scientifica, finalità diverse da quelle della scienza come tale. L attività scientifica, quindi, essendo un tipo di attività umana (libera e responsabile), va considerata alla luce di quei principi morali che, in generale, devono guidare tutte le azioni dell uomo. In altri termini potremmo dire che: la dimensione etica è intrinseca al sapere tecnico-scientifico in quanto sapere umano.

60 24/8/2010 (17:42) - BATTAGLIA NEGLI USA- DELUSIONE DELLA COMUNITA' MEDICA "La ricerca sulle staminali è vitale" ROMA La ricerca sulle cellule staminali «è vitale». La Casa Bianca prende atto dello stop del tribunale, che ha congelato i finanziamenti pubblici per le normative volute dal governo Obama, e si guarda cercando una soluzione per uscire dall empasse, mentre il Vaticano plaude alla sentenza perché «da questa strada non si è cavato nulla di buono». In un testo lungo 15 pagine, il giudice Royce C. Lamberth ha accolto il ricorso avanzato da due scienziati, secondo i quali destinare fondi pubblici agli studi sulle cellule bambine viola una legge del 1996 volta a prevenire la distruzione di embrioni umani. Questo nonostante il via libera di Obama riguardasse l impiego di linee cellulari ottenute da embrioni congelati, rimasti inutilizzati dopo i trattamenti di fecondazione medicalmente assistita. L ok della Casa Bianca non permetteva invece finanziamenti pubblici alla creazione di nuove linee di staminali, procedura che avrebbe comportato la distruzione di embrioni di pochi giorni di vita, vietata dal cosiddetto emendamento Dickey-Wicker. Per gli scienziati che hanno sfidato le linee guida Obama, però, l emendamento impedisce anche, più in generale, di devolvere fondi pubblici a ogni tipo di ricerca in cui embrioni umani vengono distrutti. E non importa se la distruzione risale ad anni prima. «A lungo termine, l impatto di questa ingiunzione si traduce in un sostanziale altolà alla maggior parte della ricerca sulle cellule staminali negli Stati Uniti», protesta Irving Weissman, direttore dello Stanford Institute for Stem Cell Biology and Rigenerative Medicine, citato dal Los Angeles Times. Nessun commento, per ora, dai National Institutes of Health (Nih), mentre la Casa Bianca parla di «ricerche cruciali». Apprezza la sentenza invece la Santa Sede. «Era ciò che si attendeva da tempo - dice monsignor Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontificia Accademia per la Vita ed esperto di questioni di bioetica - la decisione è giusta per il fatto che l embrione è un essere umano». In tal senso, per monsignor Sgreccia, «gli scienziati che si oppongono all utilizzo di embrioni resido delle cliniche della fertilità per ricavare cellule hanno ragione, sia prima di tutto per una ragione etica, e poi perchè da questa strada non si è cavato nulla di buono». «Questa decisione - conclude il vescovo - è un bene, era ciò che aspettavamo dal presidente Barack Obama e dalle autorità politiche che, negli Stati Uniti, hanno capacità di intervento». Dalla Pontificia Accademia per la Vita il commento è positivo. «Il Vaticano accoglie positivamente questa decisione - dicono - perchè va in favore dei pazienti. Altrimenti, c è un grosso rischio su questa sperimentazione».

61 Cosa dice la Legge italiana sulla conservazione delle cellule staminali? Il dibattito in Italia che riguarda le cellule staminali è sempre più acceso, è un dibattito soprattutto etico, che ha portato anche l attuale Governo ad emanare il un ordinanza Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale, entrata in vigore nel marzo Anche il Governo afferma l importanza della donazione e della raccolta del sangue del cordone ombelicale, definendo la conservazione delle staminali come un interesse primario del servizio sanitario nazionale.

62 Quali sono i motivi della conservazione delle staminali? Il trapianto di cellule staminali emopoietiche rappresenta una maggiore opportunità per la cura di numerose e gravi malattie del sangue. Da qui la necessità dell istituzione di apposite banche per la raccolta e la conservazione delle cellule staminali, in Italia queste banche sono istituite all'interno di strutture pubbliche, svolgono la loro attività nel rispetto degli standard di qualità e sicurezza definiti a livello nazionale e internazionale. Nel nostro Paese il coordinamento delle diverse strutture, che conta ben 18 banche, è assegnato al Centro Nazionale Sangue in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti.

63 Dove si effettua la raccolta delle cellule staminali? L ordinanza autorizza la conservazione delle staminali per uso allogenico, cioè in favore di altre persone, in strutture pubbliche dedicate. E consentita, inoltre, la conservazione di sangue da cordone ombelicale per uso dedicato al neonato stesso o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta, per la quale risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato l'utilizzo di cellule staminali da sangue cordonale, previa presentazione di motivata documentazione clinico sanitaria. La conservazione per uso personale è permessa anche nel caso di famiglie a rischio di avere figli affetti da malattie genetiche per le quali risulti clinicamente appropriato l'utilizzo di tali cellule. In questi casi si tratta di donazione dedicata e le cellule staminali, conservate gratuitamente nelle banche italiane, sono ad esclusiva disposizione del soggetto al quale sono state dedicate in ragione della sua patologia. La conservazione, autorizzata dalle Regioni e senza oneri a carico dei richiedenti, avviene nelle strutture trasfusionali pubbliche ed in quelle indicate dalla legge 219/2005. E vietata l istituzione di banche per tale conservazione presso strutture sanitarie private.

64 Come richiedere l autorizzazione per mandare le staminali all estero? La richiesta di autorizzazione, contenente tutte le informazioni indicate in un apposito modulo allegato all ordinanza (tra cui i dati anagrafici dei genitori richiedenti, idonea certificazione della struttura ove viene raccolto il campione) deve essere inviata al Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali-direzione generale della prevenzione sanitaria.

65 Normativa europea Per quanto attiene la normativa europea in materia, essa ha il suo cardine nella direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 2004/23/CE Definizione di norme di qualità e di sicurezza per la donazione, l'approvvigionamento, il controllo, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani che ha lo scopo di garantire la qualità e la sicurezza della donazione di tessuti e cellule umani (comprese quelle riproduttive) per limitare al massimo i rischi di infezione da trapianto: a tal fine vengono stabiliti parametri di qualità e procedure di controllo specifici in tutti gli aspetti relativi al loro trattamento, compreso il loro trasporto nazionale ed internazionale.

66 Normativa europea Direttamente collegate a questa sono altre due direttive, la 2006/17/CE che attua la direttiva 2004/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda determinate prescrizioni tecniche per la donazione, l'approvvigionamento e il controllo di tessuti e cellule umani e la Direttiva 2006/86/CE che attua la direttiva 2004/23/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda le prescrizioni in tema di rintracciabilità, la notifica di reazioni ed eventi avversi gravi e determinate prescrizioni tecniche per la codifica, la lavorazione, la conservazione, lo stoccaggio e la distribuzione di tessuti e cellule umani; entrambe le direttive sono state peraltro recentemente recepite dalla legge Comunitaria 2008.

67 Normativa europea La direttiva 2004/23/CE è stata recepita in Italia dal Decreto legislativo del 6 novembre 2007, n. 191 (pubblicato in G.U. il ) che ha adottato integralmente tutti i contenuti della direttiva ma nulla ha stabilito riguardo la sua applicazione. Peraltro l applicazione di questa direttiva rivela alcune incongruenze e contraddizioni di fondo con la materia normata a livello nazionale: infatti le cellule emopoietiche, in Italia, sono disciplinate insieme al sangue e suoi derivati, mentre in Europa si rafforza l interpretazione che le cellule emopoietiche appartengano ai tessuti e non facciano parte del sangue.

68 Normativa europea Mentre in Europa si prevede che qualsiasi struttura possa essere accreditata come istituto dei tessuti e delle cellule, disponendo di fatto la liberalizzazione della funzione di conservazione e la stessa esistenza di biobanche private, in Italia gli istituti che conservano cellule riproduttive sono compresi tra gli istituti dei tessuti ai sensi della L. 40/2004 per le attività compatibili con la legge medesima e le banche di conservazione del cordone ombelicale sono solo pubbliche, in quanto vige, come già detto, il divieto assoluto di conservazione privata e autologa. Inoltre, la legislazione europea non impedisce la conservazione autologa e l eventuale riconoscimento di una indennità in favore dei donatori (anche se strettamente limitata a far fronte alle spese e agli inconvenienti risultanti dalla donazione) mentre in Italia la linea di principio è la donazione come solo atto gratuito e volontario di solidarietà.

69 Quadro normativo in Italia La ratio del quadro normativo sul tema ad oggi delineato dal legislatore italiano, è che lo Stato ha teso a promuovere la donazione e conservazione ad uso allogenico a fini solidaristici, gratuitamente e in strutture pubbliche scoraggiando la conservazione autologa, poiché il trapianto di cellule staminali emopoietiche rappresenta una terapia salvavita consolidata e di grande successo per la cura di numerose e gravi malattie del sangue. Tale animus solidaristico traspare da recenti dati che evidenziano che, dei circa trapianti di cellule staminali emopoietiche effettuati ogni anno in Europa, oltre 5000 avvengono in Italia.

70

71

72 Considerazioni Negli ultimi anni il DNA umano non ha subito importanti modificazioni e i "geni dell invecchiamento" citati in precedenza continuano a far parte del nostro alfabeto genico. La differenza, rispetto ad allora, è la recente scomparsa di quei criteri che per millenni hanno contribuito a selezionare tali geni. Nonostante molte persone lottino ancora quotidianamente contro la fame, la loro condizione è dovuta essenzialmente a questioni politiche e sociali, dal momento che già oggi esisterebbero le risorse naturali e tecnologiche per cancellare la fame nel mondo.

73 Considerazioni Secondo recenti stime, i bambini nati all'inizio del ventunesimo secolo hanno un'aspettativa di vita di circa cento anni. Oggi, abbiamo infatti a disposizione sufficienti tecnologie e conoscenze mediche per consentire ad una significativa fascia di popolazione di spegnere cento o più candeline. Con il ritmo attuale, l aspettativa di vita umana cresce di circa 2,2 mesi all anno, secondo un trend che si è mantenuto pressoché costante negli ultimi sessant anni.

74 La teoria evoluzionistica non è dalla nostra parte Le radici di questa affascinante ipotesi affondano in tempi estremamente remoti, quando per sopravvivere l uomo era costretto a lottare faccia a faccia contro animali ed intemperie. In quest epoca di penuria, i nostri antenati non conoscevano certo la strafogante abbondanza dei cenoni natalizi o le sterminate distese di cibo riposte negli scaffali dei supermarket. Al contrario, erano costantemente in competizione con la natura per procurarsi il cibo necessario al proprio sostentamento. In questo triste scenario, la lotta per accaparrarsi le ridotte risorse alimentari era estesa anche ad individui appartenenti alla stessa specie. Vista in quest ottica, un eccessiva sopravvivenza dei membri più anziani della tribù era deleteria per l evoluzione stessa della comunità, poiché sottraeva al gruppo le già limitate risorse di nutrienti. Per il bene della specie, l uomo doveva vivere abbastanza a lungo e in salute per riprodursi e crescere i propri figli. Una volta assolta questa primaria funzione biologica, sempre per il bene collettivo, avrebbe dovuto farsi da parte lasciando spazio agli individui più giovani. Per questo motivo era importante che a un certo punto della vita si attivassero i "geni dell invecchiamento", capaci di avviare rapidamente il soggetto verso un crudele destino. Eliminando i più anziani, gli individui più giovani avevano maggiori chances di sopravvivere e contribuire all evoluzione della specie secondo le regole della selezione darwiniana.

75 Ma. Grazie ai recenti progressi, il genere umano non ha più alcun motivo per avvantaggiarsi della sua breve esistenza. Al contrario, ha tutto l'interesse di mantenersi in vita più a lungo e soprattutto.in salute.

76 In alcune parti del mondo (paesi ricchi, sviluppati) abbiamo ottimizzato l ambiente (nutrizione, igiene, medicina, condizioni di lavoro, Brianza.e non soltanto) L. Maggiore Aruba Porto Rotondo Milano Portofino

77 People age differently The basis for much of modern research on aging is the notion of heterogeneity, or differences, among individuals. That is, people "age" differently outwardly, in the appearance of hair, eyes, and skin, and inside, in muscles, bones, heart, brain, and other vital tissues and organs. It is now clear to scientists that each of us is a product of a complex mix of heredity, environment, and lifestyle. Understanding the genetic, molecular, and cellular processes common to aging as well as how these processes may differ in individuals will lead to biological and lifestyle interventions that maintain function and prevent disease.

78 Lifespan By improvements in health and sanitation mean and median lifespan can be dramatically increased. Whether there is a finite limit to human lifespan is currently unclear. However, the maximum human lifespan is increasing. In 1952 the England queen sent out 225 telegrams to people on their 100th birthday. In 1996 she sent out Since 1946 the number of centenarians has doubled every years. A child born today who lives to age 65 is ten times more likely to reach 100 than people born one century ago.

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale?

Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Il Dibattito sul Sangue del Cordone Ombelicale: a chi e a che cosa serve la conservazione privata del sangue cordonale? Licinio Contu Presidente Federazione Italiana ADOCES Cagliari 25 agosto 2011 Il Dibattito

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI INTRODUZIONE Referenze iconografiche: Archivio San Paolo: Carmine 163; Giovannini 124c; Rolandi Fassio 130 Emilio Giannelli: copertina, 3, 9, 31, 32, 79, 113, 159 Alessandro

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261

Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 Decreto Legislativo 20 dicembre 2007, n. 261 "Revisione del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 191, recante attuazione della direttiva 2002/98/CE che stabilisce norme di qualita' e di sicurezza per

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2003 Repertorio Atti n. 1770 del 10 luglio 2003 Oggetto: Accordo tra Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sul documento

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Cos'é un test genetico predittivo?

Cos'é un test genetico predittivo? 16 Orientamenti bioetici per i test genetici http://www.governo.it/bioetica/testi/191199.html IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Autorizzazione al trattamento dei dati genetici - 22 febbraio

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli