Chirurgia di torace e addome Reticolo peritonite traumatica del bovino Eziopatogenesi: sostenuta da un corpo estraneo di materiale vario (legno,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Chirurgia di torace e addome Reticolo peritonite traumatica del bovino Eziopatogenesi: sostenuta da un corpo estraneo di materiale vario (legno,"

Transcript

1 Chirurgia di torace e addome Reticolo peritonite traumatica del bovino Eziopatogenesi: sostenuta da un corpo estraneo di materiale vario (legno, ferro) che cade nel reticolo durante l alimentazione (quella del bovino è una masticazione grossolana e non seleziona l alimento). Le contrazioni del reticolo permettono l infissione del corpo nella sua mucosa fino alla tonaca muscolare provocando una reticolite circoscritta (reazione connettivale). In alternativa il corpo estraneo può arrivare a perforare l organo e può: 1. raggiungere il peritoneo, perforarlo e permettere che il cavo addominale si riempia di materiale alimentare con peritonite acuta letale; 2. penetrare lentamente attraverso la parete reticolare fino alla sottosierosa con essudazione del peritoneo di tipo siero-fibrinosa e formazione di un aderenza tra reticolo e diaframma che impedisce la fuoriuscita di alimento (peritonite saccata circoscritta); 3. il corpo estraneo poi può arrivare durante la penetrazione fino al diaframma e progredire pungendo l apice cardiaco che si trova vicino, creando una reazione che giunge ad una pericardite essudativa con cronicizzazione fino alla formazione di aderenze pleuro-pericardiche e causare gravi danni alla funzionalità cardiaca. Sintomi: insorgenza improvvisa, l animale non mangia e mostra sintomatologia dolorifica con gemiti dolori colici negli spostamenti e atteggiamenti antalgici (cifosi). Si notano tachisfigmia, polso normale, ruminazione sospesa. Diagnosi: prova di Kalschmidt (si basa sul presupposto che le sedi di lesione siano innervate da tratti spinali che innervano particolari zone cutanee perciò la risposta dolorifica in caso di stimolazione di tali aree sarebbe indice di lesioni profonde; la zona cutanea corrispondente al reticolo si trova caudalmente al garrese e stimolando questa zona tirando semplicemente un ciuffo di peli si avrà blocco momentaneo della inspirazione) e prova del garrese (sollevamento di una plica cutanea che provoca inarcamento la colonna trainando il reticolo dolore). Trattamento: laparotomia e ruminotomia con asportazione del corpo estraneo per via regressa, altrimenti si tenta di estrarlo dove è arrivato. Paratopie La dilatazione è presente in tutte le specie. Bovino: il meteorismo dei prestomaci provoca la dilatazione dell abomaso e predispone alla dislocazione. Ciò avviene soprattutto nella BLAP (Bovina Latte Alta Produzione), dove si pratica un alimentazione molto spinta che crea squilibri acido-base con conseguente alterazione della mucosa, sofferenza nervosa vagale e dislocazione dell abomaso. Gatto: è rara, anche perché ha meno processi fermentativi degli erbivori. Cane: è frequente e correlata a tare neurodegenerative. Dislocazione dell abomaso nel bovino L abomaso si trova ventralmente (appoggiato all ombelico), a destra del rumine. In caso di problemi metabolici si dilata e sale lungo la parete addominale sinistra passando sotto al rumine. Alla fine si viene a trovare tra parete sinistra e rumine. Ci può essere anche una dislocazione a destra fra parete e piccolo intestino. Il primo sintomo che si osserva è la cessazione della ruminazione, con sofferenza dell animale. All auscultazione non sono più percepibili rumori di cascata del rumine, ma rumore di goccia cadente dovuta alla dilatazione con contenuto di gas e liquido. Tecnica chirurgica: ingresso dalla parete destra, incisione dorsale perché ventralmente troviamo i visceri. Perforazione con ago, trazione dell epiploon (che lega alla grande curvatura dello stomaco) e pessi alla breccia operatoria. Anestesie locali: il nervo esce dal foro e si divide in un ramo ventrale, superficiale che innerva il peritoneo e profondo che innerva l intestino (dolorabilità viscerale), e in un ramo dorsale che va ai muscoli lombari (psoas). Si possono fare: 1. anestesia paravertebrale prossimale all emergenza del nervo (difficile individuare il punto). C è rischio di incidere sia arteria che vena; 2. anestesia paravertebrale distale all estremità dei processi trasversi (punto di repere più facile). Il deposito è sotto peritoneale per il ramo profondo (punto l ago in profondità fino al sibilo del cavo addominale, poi salgo finché il sibilo non cessa) e sottocutaneo per il ramo superficiale. Il nervo T13 esce tra T13 e L1 non è proprio perpendicolare col canale, ma esce più caudalmente. Si prende tra margine caudale all ultima costa e il margine craniale del primo processo trasverso. L2 fa un angolo ancora più acuto, lo posso prendere alla terminazione del processo trasverso posteriormente (ci sono meno fasci muscolari). T13, L1, L2 ci danno una buona anestesia del fianco.

2 5? Dilatazione - torsione gastrica del cane Eziologia multifattoriale: 1. fattori meccanici eccessivo movimento dopo i pasti; 2. fattori genetici cani di grossa taglia (Alani e Molossoidi); 3. alimentazione con sostanze eccessivamente fermentescibili porta a continue dilatazioni gastriche, rilasciamento dei legamenti e quindi torsione. Inoltre molto spesso la milza si tira dietro lo stomaco; 4. turbe neurovegetative a livello di piloro se dopo che il cibo è stato triturato non si apre e resta nella fase stenotica di contrattura si creano disturbi di svuotamento gastrico e le fermentazioni avvengono nello stomaco; ciò porta a dilatazione delle pareti, stress delle funzioni neurovegetative ed ulteriore peggioramento della funzionalità pilorica; 5. eccesso di amido; 6. splenomegalia funzionale o anatomica. Quando lo stomaco si dilata si torce a causa della sua conformazione, questo causa stiramento dei vasi e torsione con aree di ischemia tissutale e dolore dovuto allo stiramento delle fibre nervose. È un intervento che necessita di urgenza; se si instaurano fenomeni di ischemia e necrosi della parete gastrica non si può più fare nulla (trombi emboli tossine CID). Sintomi: quando si instaura torsione i primi sono depressione, addome acuto, dolore, aumento di volume dell addome soprattutto sui fianchi dietro le coste (addome a botte) perché è impedita l eruttazione; le mucose pallide inizialmente per la stimolazione vagale che provoca bradicardia diventano congeste. Diagnosi: alla percussione addominale c è rumore timpanico. All Rx si nota bolla gastrica dilatata e linee di torsione. Trattamento: si può intervenire decomprimendo subito il diaframma tramite una sonda gastrica che sgonfia lo stomaco e favorisce il ritorno in posizione. L animale può essere sedato con Domitor. Generalmente si usa la sonda più grande che si ha a disposizione, se non passa si può fare la laparocentesi con ago lungo nel punto di maggior risonanza timpanica. Si può ricorrere ad un trattamento conservativo con somministrazione di antitimpanici, carbone attivo, ma nella maggior parte dei casi il trattamento è di tipo chirurgico con: 1. gastropessi si attacca l omento della grande curvatura alla linea alba (breccia operatoria) o all ultima costa per una lunghezza di 10 cm; 2. gastro-duodeno-stomia lo stomaco scarica dal piloro e dalla stomia nel duodeno. Se la torsione è lieve si seda l animale, si solleva per gli arti anteriori e si introduce una sonda gastrica torcendola a S ; in questo modo esce il gas e lo stomaco si decomprime. Se lo stomaco è pieno è necessario effettuare una gastrotomia per vuotarlo del contenuto attraverso una sonda aspirante o manualmente. può esserci coinvolgimento della milza con splenomegalia (in questo caso bisogna fare anche una splenectomia). La prognosi è riservatissima e nel post-operatorio occorre un abbondante fluido terapia per non compromettere i reni. Se tutto va bene si cambia dieta: no a zuccheri, amidi, verdure, da evitare le fermentazioni esagerate (dieta iperproteica). Sono probabili le recidive. Ernie Le ernie sono la dislocazione di visceri da una cavità naturale o preformata attraverso una porta naturale, accidentale o teratologica. Sono formate da una porta, un contenuto e un sacco erniatico. Sono generalmente congenite, ereditarie, ad eccezione di quelle traumatiche che conseguono ad incidenti. Vengono classificate in: 1. mono-cavitarie ernia muscolare: il muscolo ernia attraverso la fascia muscolare; 2. intra-cavitarie ernia Winsloviana nel cavallo: anse intestinali che si impegnano nella borsa omentale; 3. inter-cavitarie ernia diaframmatica: tra due cavità toracica e addominale. Possono essere riducibili o meno; le non riducibili sono le più gravi perché evolvono a strozzate. Alcune non sono evidenti esternamente come le diaframmatiche; a volte la sintomatologia è subdola (il proprietario si accorge di dispnea post-prandiale). Colpiscono in genere tutte le specie e la più frequente è l ernia ombelicale nel suinetto (ha eziologia genetica). Diaframmatica Ad eziologia traumatica, talvolta congenita subclinica (apro l addome e collassano i polmoni: importante avere tubo di Meyer e pallone ambu). Sintomatologia: respiro discordante e dispnea. I visceri vengono risucchiati nel torace per pressione negativa, l ernia può essere mono o bi laterale (1 o 2 sacchi pleurici). Generalmente ernia prima il fegato, poi lo stomaco. Diagnosi: posso fare camminare il cane sugli arti anteriori e compare cianosi. All auscultazione del torace non si sente il rumore, ma borborigmi. Alla percussione sentiamo ottusità oltre al chiaro polmonare. Per averne certezza si può fare un Rx con somministrazione di pasto opaco per os e con proiezione dopo 30 min e 1 ora e il bolo è in torace. È utile per distinguerla da altre patologie: versamento pleurico (soprattutto nel gatto: FIP, FIV, FELV).

3 Trattamento chirurgico: la prognosi è tanto più riservata quanto più l ernia è vecchia perché aumenta il rischio di shock e si possono essere instaurare trombosi. Si tirano gli organi con delicatezza, si chiude l ernia e si ventila il polmone in ispirazione forzata prima di dare l ultimo punto, di modo da chiudere l addome che il torace è in massima espansione. Il riassorbimento di aria può dare rischio di emboli. Il cavallo sopporta fino a 0,5 litri di aria ev. La percentuale di mortalità intraoperatoria è alta (20-30 %), soprattutto nelle ernie inveterate. Nel gatto c è rischio di schock neurovegetativo, quindi usare atropina (stabilizza il vago) e adrenalina (per il collasso). Oggi c è chi lo fa in laparoscopia. A volte l Rx, l eco e altri esami collaterali non ci permettono di capire qual è il quadro e quindi quale approccio usare, in questo caso la laparoscopia risulta molto utile. Ernie inguino-scrotali Nell embriogenesi i visceri sono esterni al peritoneo, poi scendono in cavità addominale e quindi si peritonizzano. Il testicolo si peritonizza e quindi si forma la tonaca vaginale propria (interna) e intorno peritoneo parietale (vaginale comune). Esterno a tutto c è la fascia addominale, sottocute e cute (scroto). Il testicolo fuoriesce dall anello inguinale ed assume un diverso posizionamento a seconda delle specie (indietro come nel gatto, in basso come nel cane). L anello inguinale è una struttura formata da: 1. anello vaginale; 2. anello inguinale interno: è delimitato dal tendine prepubico (muscolo retto dell addome), margine posteriore del muscolo obliquo interno e legamento sacro-ischiatico; 3. anello inguinale esterno: è un apertura dell aponeurosi del muscolo obliquo esterno. Il funicolo scendendo in questo percorso assume un andamento ad S. Quando l anello inguinale esterno è più basso si sposta verso l esterno e il funicolo non è più sigmoide ma rettilineo e questo facilita il passaggio di altre strutture e quindi dà ernie. Quindi entra in gioco il fattore ereditarietà che porta a lassità. L ernia inguinale può essere: 1. vera quando il viscere entra all interno della vaginale comune (tra peritoneo viscerale e parietale), cioè passa attraverso tutti e 3 gli anelli; è frequente in cavallo e gatto; 2. falsa quando si trova fuori dalla vaginale comune nel sottocute, cioè il viscere finisce dentro il sacco scrotale, ma non attraversa l anello vaginale; è frequente nell uomo. Il sacco erniario varia a seconda della porte erniaria. Si distinguono alla palpazione: la vera è riducibile mentre la falsa scorre meno perché c è la componente vascolare. Nel cavallo si strozza più facilmente. Più frequente nel suino che nelle altre specie. Generalmente è molto tollerata, tranne nel cavallo dove si strozza facilmente. È rara nel cane, rarissima nel gatto. Diagnosi differenziale: edema, orchite, torsione del testicolo. È importante capire se è una forma acuta. Sintomatologia: la porta erniaria è piccola ed i visceri che vi si impegnano sono molti, quindi si avrà una sintomatologia colica. Generalmente non c è febbre, a meno che non subentri una peritonite. Trattamento: è sempre chirurgico. È un ernia che va ridotta subito perché il viscere (spesso è un ansa del piccolo intestino) entro breve va in necrosi. Di solito si fa l orchiectomia, cioè la castrazione previa riduzione dell ernia; a volte se il soggetto è un buon riproduttore, vanno ridotti gli anelli inguinali, facendo attenzione anon stringerli troppo per non ischemizzare le strutture del deferente. Ernia inguinale nella femmina È riducibile nel 90% dei casi; diventa irriducibile se il contenuto è particolare (non è sempre un ansa intestinale). Attraverso l anello inguinale esce la pudenda esterna che va alla mammella (nel maschio avevamo arterie che vanno al prepuzio). In tutte le femmine nell anello inguinale troviamo il legamento rotondo dell utero (equivalente al gubernaculum testis nel maschio). Se il legamento aumenta di volume (per il grasso che vi è attorno) può portare all ernia e trascinare il corno uterino; se la cagna è gravida l ernia può strozzarsi. Il sacco erniario è il peritoneo, su di esso si attacca il legamento rotondo dell utero. Diagnosi: nella regione inguinale si trova una massa molle irriducibile laterale alla mammella; può essere sia monolaterale che bilaterale (soprattutto).

4 5? Diagnosi differenziale: tumore mammario, ma questo è sulla mammella e non laterale, non è irriducibile e di altra consistenza. Trattamento: si riducono i visceri e si chiude l anello erniario, ovvero l anello inguinale. Di solito si verifica in età avanzata (8 anni) anche se sono congenite appaiono tardi perché la lassità legamentosa si verifica tardi. Ernia perianale È posta attorno all ano e di solito si trova nel maschio anziano (8-10 anni). È dovuta a sfondamento del diaframma pelvico, dovuto ad un fattore ereditario, più frequente nei piccoli animali. È diversa dalla perineale, la quale si trova nel perineo (nel maschio si trova tra ano e base del pene, nella femmina tra ano e base della vulva). Il diaframma pelvico è dato da: 1. Mm sacro ischiatici: coccigei che vanno da sacro a ischio; 2. M retrattore dell ano; 3. M sfintere anale interno. L ernia passa tra gli spazi che si formano tra questi fasci. Si crea una tumefazione posteriore che sposta il retto di lato, può essere bilaterale. Eziopatogenesi: è concomitante con una patologia prostatica. L iperplasia prostatica senile comprime l ampolla rettale con conseguente tenesmo, il cane a forza di spingere crea un diverticolo mono o bilaterale, fino alla cubitatura del retto, dilatazione abnorme e ulteriore difficoltà a defecare poiché più spinge più aumenta la cubitatura e quindi l uscita delle feci è impedita. Spingendo si aprono i muscoli coccigei che pian piano si lacerano, creando quindi l ernia. Deve sussistere anche la lassità del diaframma pelvico. Sintomi: difficoltà a defecare. Diagnosi: sollevando la coda si vede un ectasia para-anale. Trattamento chirurgico: prima dell intervento vero e proprio si procede a chiudere l ano con una sutura a borsa di tabacco per non imbrattare il campo operatorio. È un ernia senza sacca perché il peritoneo si lacera e quindi i visceri si trovano a diretto contatto con cute e sottocute. Per ridurre l ernia occorre chiudere la porta erniaria e castrare l animale per prevenire recidive (la prostata si riduce). Si effettua un taglio parallelamente e di fianco all ano ponendo attenzione ai visceri erniati che si trovano subito nel sottocute. Inoltre c è anche molto liquido perché c è stasi e trasudazione. I punti vengono messi uno alla volta e si stringono insieme alla fine tra due strutture robuste: muscoli coccigei e sfintere anale interno. Eventualmente si può usare il legamento sacro ischiatico, che è un cordone fibroso molto teso. Bisogna però fare attenzione alle strutture sul pavimento dell ischio: nervo ischiatico, arteria e vena emorroidale (se si lede il cordone vascolo nervoso si avrà incontinenza e ano beante). Il contenuto nel 90% dei casi è grasso periprostatico e siero da stasi. A volte si può complicare perché oltre a erniare il grasso periprostatico può erniare la vescica (ernia inveterata) con difficoltà nella minzione e se si strozza l intervento è urgente per evitare la necrosi ischemica. La vescica erniata si trova in ernie vecchie perché deve rompersi il legamento vescicale perché si possa ribaltare indietro. Per vedere se è erniata anche la vescica si effettua una paracentesi (si pianta un ago e si vede se esce urina). Ombelicale Avviene all interno dell anello ombelicale. L ernia è composta da peritoneo, fascia trasversa e cute. Il contenuto erniario può essere grasso dell epiploon (onfaloepiplooncele), più frequenti, o visceri. Il sacco erniario interno è dato da peritoneo e fascia, quello esterno dalle cute. Quest ernia non ha significato patologico in cane e gatto, mentre nel puledro spesso entra un ansa intestinale che può dare dolore colico. Nel vitello se l anello è largo può contenere l abomaso (ernia strozzata). È frequente in suini, vitelli e puledri, generalmente nei primi mesi di vita. Sintomi: solitamente non dà problemi, ma nel caso in cui vi si impegni un organo si verificano problemi di ritorno venoso e edema, quindi l organo non può più rientrare in cavità addominale (perde diritto a domicilio ernia irriducibile) e si strozza. Si ha perciò un processo attivo che aumenta ulteriormente l edema, la costrizione e la stasi vascolare che porta ad ischemia e necrosi. I sintomi sono quindi dolore estremamente severo (sintomo colico), la zona è calda alla palpazione, ma non c è febbre.

5 Diagnosi e terapia: è facile da identificare in quanto rotondeggiante, morbida, facilmente riducibile. Spesso non causa problemi ma si opera comunque anche in cane e gatto, per evitare traumi sulla zona aggettante e conseguenti infezioni ascendenti. Trattamento chirurgico: riduzione dell ernia e chiusura dell anello ombelicale mediante sutura. Se ci sono alterazioni irreversibili dell organo impegnato nell ernia si effettua un amputazione ed anastomosi. Se l intervento viene fatto in campo si conserva il sacco erniario interno in modo da non aprire una comunicazione tra cavità addominale ed esterno. Onfaliti Il cordone ombelicale è composto da arterie, vene ombelicali e uraco. La guaina amniotica che riveste il cordone ombelicale lo sopravanza in seguito allo strappo che avviene alla nascita anche grazie alla regressione dei vasi che ne segue. Questo fa sì che 24 ore dopo la nascita la guaina collabisca e mantenga i vasi separati dall ambiente esterno, questi andranno incontro ad emostasi spontanea per collabimento dell intima dell arteria. Dopo la lacerazione del cordone si ha un emorragia che fa sì che si crei un coagulo attorno ai vasi, ma anche nella tasca che accoglie la parte esterna del cordone ombelicale. Dopo ciò si avrà una retrazione cicatriziale che coinvolgerà la tasca stessa. Interessano il tratto extraombelicale; le infezioni del tratto intraombelicale infatti prendono diversi nomi: 1. onfalo-flebiti; 2. onfalo-arteriti; 3. onfalo-vascoliti; 4. flogosi uracale. Si trovano soprattutto nel bovino, ma si possono verificare anche in cane, gatto e puledro. Eziopatogenesi: le infezioni derivano generalmente da patogeni ambientali e sono perciò legate alle condizioni di allevamento. I maggiori responsabili sono solitamente i piogeni. Inizialmente si ha la penetrazione attraverso la guaina amniotica, successivamente si localizza l infezione nel tratto extra addominale per poi portarsi fino alla porzione intraombelicale. I coaguli ematici che si raccolgono nella tasca intraombelicale favoriscono la crescita batterica creando un ambiente idoneo allo sviluppo degli stessi. Si può formare una cavità ascessuale che può rimanere confinata al tratto extra addominale o interessare i vasi trasportando l infezione ad organi quali il fegato per via venosa. Sintomatologia: tumefazione calda e dolente nella regione ombelicale nella forma essudativa, grosso cordone dolente e fibroso nella forma produttiva. L onfaloarterite e nell onfaloflebite, così come nella flogosi uracale, la sintomatologia si rende rapidamente evidente con sintomatologia generalizzata, anoressia, febbre e ottundimento del sensorio. Diagnosi: più semplice per quella a carattere essudativo. Trattamento: chirurgico con evacuazione del pus e applicazione di drenaggio nella forma essudativa; nella produttiva si incide e si scolla il manicotto patologico dal contesto fino a poterlo asportare. Ciò che viene scontinuato deve poi essere risuturato; dopo l intervento è bene sottoporre il soggetto a terapia antibiotica. Empiema delle vene ombelicali Eziopatogenesi: dopo lo strappo del cordone ombelicale i coaguli o i trombi intravasali possono dare origine ad infezioni alla componente vascolare e formare empiemi. Sintomatologia: il vitello è più piccolo del normale, non mangia, pelo ruvido, febbre, aspetto sofferente, risentimento epato-renale, vomito e addome acuto. Diagnosi: gocciolamento di pus dall ombelico. Trattamento: chirurgico. Se l empiema ha interessato oltre i 2/3 della vena ombelicale l infezioni è arrivata al fegato, causando un epatite icorosa. La prognosi è infausta. Uraco pervio L uraco pervio e l infezione dei residui ombelicali si possono verificare simultaneamente o indipendentemente. Quando il soggetto nasce l ombelico si strappa e i vasi si chiudono. Anche l uraco si chiude e rimane solo il legamento della vescica che va dall ombelico alla vescica ed è il residuo dell uraco. Dalla nascita, il moncone ombelicale appena lacerato può fungere da porta di ingresso di un infezione ascendente proveniente dall ambiente e si possono avere due forme: 1. congenita l uraco non riesce a chiudersi alla nascita; 2. acquisita la pervietà insorge secondariamente ad un infezione ombelicale (onfalo-flebite). Sintomatologia: I segni clinici variano da un eccessiva umidità del moncone ombelicale, ad uno stillicidio o ad un flusso di materiale. Eziopatogenesi: ho sgocciolamento di un liquido bianco-giallastro (urina) che esce dall ombelico. Si parla allora di uraco patens o uraco aperto, pervio.

6 5? Diagnosi: Esame clinico ed emogramma. Per assicurarsi che le dimensioni della porzione addominale dell ombelico restino statiche e non vadano incontro ad un ingrossamento è necessario l esame ecografico dei residui ombelicali; di conseguenza, è importante effettuare la ripresa di una serie di indagini ecografiche. Trattamento: Si fa una piccola laparotomia per eliminare l uraco. C è il rischio infatti di un infezione retrograda alla vescica. Si verifica spesso nel puledro. Antibiotici secondo necessità. Estrofie ed inversioni Le suture negli organi cavi (intestino, stomaco, ecc) si effettuano su due piani: 1. primo piano su mucosa e sottomucosa. È una sutura inquinata; 2. secondo piano unione della siero-muscolare. Sono suture introflettenti per non esporre la mucosa (sporca) in cavità peritoneale con conseguente peritonite e morte. Possono essere continue o a punti staccati. Invaginamento intestinale L intestino è vascolarizzato dai vasi mesenterici, l innervazione è a carico dei plessi di Meissner e Auerbach. Eziopatogenesi: può essere dovuto a varie cause (tossici, parassiti, endomicosi) che causano alterazioni nervose con concomitanza di tratti ipocinetici e ipercinetici. Si può arrivare ad avere occlusione con vomito e stipsi, alla palpazione si percepisce un cordone ispessito. Nel punto di invaginamento si strozzano i vasi: questo porta ischemia e necrosi. Trattamento: se si diagnostica subito si deve intervenire con laparotomia, svolgimento e si risolve solo con un enterite. Se invece persiste per più tempo si creano fenomeni adesivi tra le due sierose con necrosi della mucosa, ciò richiede risoluzione con enterectomia (prevede l asportazione del tratto interessato e la chiusura dei vasi mesenterici). Questa può essere svolta con anastomosi termino-terminale, latero-terminale (iso o anti peristaltica), termino-laterale. L anastomosi più sicura per prevenire l invaginamento è l antiperistaltica. Nei carnivori l esito è benigno, negli erbivori la prognosi è riservata, infatti nel piccolo intestino dei carnivori passa alimento liquido, mentre negli erbivori passa alimento solido che può fermarsi e dare occlusione al passaggio nei punti in cui è stata fatta l anastomosi. La localizzazione più frequente è in prossimità della valvola ileo-ciecale, se c è necrosi e putrefazione c è peritonite e quindi la prognosi è infausta. Prolasso del retto Malattia acquisita frequente, si trova nel maiale, cane, gatto e grossi animali. Cause: enteriti protratte (funzionali protratte, soprattutto nel cucciolo per tenesmo continuo). È importante ridurlo il prima possibile, come tutti i prolassi, perché va incontro a edemi e necrosi ischemica e inoltre aumenta di volume così che alla lunga non è più possibile ridurlo. Prolasso di utero e vagina Nella cagna e nella bovina, generalmente post-partum per produzione di estrogeni che rendono i tessuti ipotonici. Si tratta di estroversione, se è recente si riduce nella cagna è più facile, nella bovina è più complesso perché l utero nel post-partum è più pesante. Si fa un epidurale per ridurre il tono addominale e vaginale (anestesia a piccolo territorio). Persistenza del dotto di botallo Il dotto di Botallo è un vaso che connette Aorta e Polmonare durante la vita fetale e che dovrebbe chiudersi in seguito alla nascita; i polmoni, non funzionanti fino a questo momento cominciano a respirare e le resistenze del piccolo circolo aumentano vertiginosamente e il dotto si chiude. Nel caso in cui questo non avvenga rimane totalmente o parzialmente pervio con formazione di vortici del flusso arterioso. In sistole il sangue pompato in aorta tende ad andare verso la polmonare creando enormi vortici con alterazioni pressorie del circolo polmonare ed insufficienza respiratoria. Gradualmente il dotto tende ad aumentare il suo diametro soprattutto a livello della base aortica, la cui parete tende ad assottigliarsi con rischio di lacerarsi. Diagnosi: si sente un soffio rilevante in fase sistolica prendendo in braccio il cucciolo. Trattamento: è esclusivamente chirurgico ed ha lo scopo di restituire un identità vascolare ad Aorta e Tronco Polmonare eliminando la connessione. Il soggetto deve essere intubato ed assistito nella respirazione (basta un pallone Ambu).Si effettua una toracotomia Sx (IV-V spazio intercostale) e sotto le coste trovo il polmone; tramite garze e teli bagnati con soluzione fisiologica a 37 C (per non disidratarlo) sposto il polmone caudalmente; si sospende l aereazione e quindi il polmone collassa lasciandoci lo spazio per operare. La pleura mediastinica è percorsa da due cordoni bianchastri che sono il nervo vago ed il frenico (attenzione a non tagliarli). A questo punto ci troviamo davanti il mediastino: identifico Aorta Tronco Polmonare e lego il Dotto con due fili. A questo punto viene ripompato il polmone e prima di mettere l ultimo punto si espande al massimo con un inspirazione forzata per evitare che rimanga aria nel torace.

7 Megaesofago L esofago ha una parete muscolare ed una mucosa cospicua, spessa e elastica. Attraverso la peristalsi il cibo viene spinto nello stomaco. Eziopatogenesi: il megaesofago può essere idiopatico o secondario. Può essere dovuto alla mancanza della tonaca muscolare. Il soggetto fa molta fatica a deglutire(l esofago è orizzontale), quindi il cibo ristagna e fermenta in loco dilatando la parete. La patologia progressivamente si aggrava. Sintomi: se è congenito si manifesta con rigurgito del cucciolo non appena comincia la fase di svezzamento; scialorrea. Trattamento: miotomia del cardias con paralisi definitiva del cardias in modo che l alimento scenda nello stomaco. A causa dei reflussi non è semplice questa operazione. Persistenza dell arco aortico destro Nel caso in cui il megaesofago sia congenito può derivare dalla persistenza dell arco aortico destro (PRAA), il vaso passa attorno all esofago e ne riduce notevolmente il lume mimando una sub-occlusione. L esofago in questo caso assume aspetto a bisaccia, con dilatazione anteriore al cuore. È frequente nel pastore tedesco per eredofamigliarità. Sintomi: il cucciolo in genere è il più denutrito della cucciolata ma mostra notevole appetito e voracità. Diagnosi: procedendo con un sondino si percepisce una restrizione notevole del lume esofageo in prossimità del cuore. All auscultazione della doccia giugulare si sente rumore di sciacquio. Trattamento chirurgico: in questo caso prevede legatura dell arco aortico alle sue estremità e sua asportazione. Nei casi più inveterati il megaesofago può non regredire. Importante la somministrazione di cibo che deve essere fatta con alimento fluido a piccole dosi e testa estesa sul collo. Patologie dei grossi vasi Trombosi delle arterie iliache del cavallo Eziopatogenesi: generalmente associata ad infestazione da Strongilus vulgaris. Le larve giungono allo strato sottoendoteliale arterioso causando una reazione vascolare con arterite verminosa e degenerazione dell endotelio che porta alla formazione di trombi fino alle vera e propria occlusione del lume vasale. La trombosi può interessare l ultimo tratto dell aorta o alcune o tutte le iliache. Sintomatologia: normale a riposo, al trotto si hanno alterazioni funzionali: 1. se sono colpiti solo i vasi di un lato: in corsa l arto si flette ed estende sempre meno, viene trascinato e lo zoccolo rade il terreno, cala la propulsione, calano la temperatura cutanea e il polso periferico; 2. se è bilaterale dopo poco dall inizio del trotto l animale barcolla fino a cadere (similmente ad una paraplegia). Il polso e il respiro sono accelerati, le mucose sono cianotiche, la parte è fredda e il polso periferico è diminuito. Dopo poco tutto torna alla normalità. All esplorazione rettale si ha deformazione del tratto terminale dell aorta e delle iliache, il polso è meno percepibile. Trattamento: nessuno. Palliativi sono riposo e uso di anticoagulanti. Blocco ripetuto del simpatico lombare. Aneurisma dell aorta È una forma eccezionale, è stato riscontrato in un vitello localizzato alla biforcazione dell aorta con il tronco brachicefalico comune, responsabile di stenosi esofagea, con conseguente meteorismo ricorrente. La diagnosi clinica in un grosso animale è impossibile. Nei piccoli animali può essere d aiuto la diagnostica per immagini. Litiasi È legata non tanto all alimentazione quanto a problemi genetici. Si possono riscontrare da sedimenti sabbiosi a vere e proprie pietre ( mal della pietra ). Il calcolo prende la forma a seconda del contenuto e del tipo di sali presenti. A volte il calcolo si forma e permane nelle vie urinarie per tutta la vita dell animale senza dare segni clinici, i problemi insorgono quando creano occlusioni o sub-occlusioni. Nel cavallo il calcolo a carico dell uretere causa dolore colico. Nel cane e nel gatto la diagnosi la si può fare con un urografia discendente iniettando per via endovenosa il contrasto iodato. L uretra è diversamente conformata nelle varie specie: nel cane e nel cavallo la direzione è simile mentre nel bovino compie una S come nel verro e nel gatto invece è più o meno rettilinea

8 portandosi caudalmente. Bisogna inoltre ricordare che nel cane è presente l osso penieno che può creare ostacoli al deflusso eventuale di piccole concrezioni. Nel cavallo i calcoli sono soprattutto nel primo tratto dell uretra che passa sopra al pube. La diagnosi di calcolosi si fa tramite cateterismo valutando la presenza di ostacoli al passaggio del catetere stesso. Nel bovino i calcoli si fermano nel primo tratto o nella prima ansa della curva sigmoide, generalmente sono calcoli voluminosi che non riescono ad andare oltre ed essere eliminati con la minzione. Nel gatto sono facilmente presenti calcoli di struvite, ovvero sabbia che si forma in vescica e scende in uretra. L uretra pelvica ha un diametro di 3 mm, ma quella peniena ha diametro minore, di 1 mm, quindi a questo punto la renella si concentra e dà ostruzione. Si può intervenire ponendo con pazienza un catetere in vescica respingendo indietro la renella e lasciando il catetere per qualche giorno. Se recidiva si può intervenire con uretrotomia perineale. Si amputa il pene fino alla ghiandola bulbo-uretrale e si attacca il perineo con l uretra pelvica che ha diametro maggiore. Generalmente a questo punto si castra anche l animale e si fa stomia craniale allo scroto. La stomia deve essere molto ampia perché in genere tende a stenosare. Nel cane le occlusioni si hanno per calcoli di diametro >2 mm che dalla vescica cadono in uretra. A seconda del diametro del calcolo questo potrà incastrarsi prima dell osso penieno o all interno della doccia dello stesso. Con il catetere si sente un rumore lapideo. Se vi sono problemi prostatici i calcoli si possono formare anche nella prostata. Nel cane l uretra è più lunga e i calcoli uretrali sono più frequenti in cani di piccola taglia. II trattamento prevede un approccio conservativo tramite cateterismo (come nel gatto) respingendo il calcolo tramite una siringa con fisiologica. Il metodo chirurgico prevede uretrotomia bassa (pene) o alta (perineo). Di solito si preferisce quella bassa per la stratigrafia che consente di arrivare più facilmente in uretra (cute e mm retrattori del pene), mentre in quella alta si trovano i corpi cavernosi del pene che creano maggior sanguinamento. Nel 90% dei casi evitiamo l uretrotomia ma facciamo cistotomia; infatti si preferisce mantenere integra l uretra, perché si stenosa facilmente. Si respinge il calcolo in vescica e lo si toglie da lì. Se si fa uretrotomia non si sutura ma si lascia che guarisca per terza intenzione, così si riduce la stenosi. Sintomi: l animale assume spesso la posizione di preparazione alla minzione, si ha tenesmo, pollacchiuria, anuria. Si può mettere in diagnosi differenziale con la cistite. Trattamento: alimentazione che acidifica le urine. Cateterizzazione che conferma la diagnosi, alla palpazione dell addome si apprezza la vescica distesa, dura e ripiena. La mancata minzione porta a reflusso di urina fino ai reni che causa insufficienza renale e sindrome uremica quindi se c è occlusione uretrale si deve intervenire subito. Spesso poi è associata a cistite quindi si accompagna ad ematuria. I calcoli a uretere e bacinetto sono più difficili da trattare: con endoscopia, US si riesce a rompere il calcolo da tre direzioni ortogonali (animale immerso in acqua), ma è doloroso. La chirurgia dà rischio di stenosi successiva a retrazione cicatriziale. I calcoli nel bacinetto spesso sono subclinici perché permettono comunque il passaggio di urina. Diagnosi: urografia discendente e US. Trattamento: se si apre il bacinetto risulta difficile poi fare la sintesi così si rischia uro peritoneo: è meglio incidere il parenchima renale a panino, suturando poi a punti staccati. Nel post-operatorio si deve far bere molta acqua quindi si somministrano cibi molto salati. Enteroliti Calcoli formatisi nel tratto gastro-intestinale, frequenti nei grossi animali. Calcoli biliari Frequenti nei piccoli animali. Possono dare occlusione del coledoco con ittero e dolori colici, la diagnosi si fa tramite ecografia. Calcoli salivari Nel cavallo nel Dotto di Stenone. Diagnosi manuale, si rileva ectasia del dotto e della parotide. Su animali sedati il calcolo può essere fatto fuoriuscire tramite cateterismo del dotto. Fimosi Stenosi acquisita o congenita del foro prepuziale che impedisce lo sfoderamento del pene. Può colpire tutte le specie. Sintomi: anormale e limitata fuoriuscita di urina dal foro prepuziale, accompagnata nell equino da mancato sfoderamento durante la minzione. Il ristagno di urina può causare balano postiti e ulcere. Trattamento: ampliamento dell apertura, in anestesia locale si incide la parete prepuziale inferiore per alcuni cm. Parafimosi Restringimento dall ostio prepuziale quando il glande è fuoriuscito, impedisce il reinfoderamento. Eziopatogenesi: nei grossi animali legato a balanite e postite, nel cane traumatismi durante il coito. Il glande subisce disfunzioni vascolari da edema a necrosi e gangrena. Sintomi: mancato rientro del glande che appare edematoso e congesto, talvolta con soluzioni di continuo. 5?

9 Prognosi: dipende dall entità del danno al glande. Terapia: ridurre le dimensioni del glande ed impedire l ulteriore fuoriuscita. Nella forma iniziale: riduzione manuale previa lubrificazione con olio di vaselina. In alternativa continuazione dell ostio prepuziale finché non si riesce a ridurre. Si immettono pomate di antibiotico sull apertura onde evitare recidive. Se la necrosi o la gangrena sono gravi si procede con l amputazione del pene. Atresia anale È una malformazione congenita frequente in suino, cane e bovino. Non sempre viene identificata alla nascita perché l ano sembra normalmente conformato, ma in realtà è imperforato. La diagnosi viene fatta all esplorazione, rettale. Trattamento chirurgico: è semplice, si tratta di tagliare l ano, estrarre il fondo cieco del retto ed esteriorizzarlo. Se associata ad atresia del retto l intervento viene fatto in laparotomia. Cisti prostatiche Si rinvengono nel cane maschio anziano. Sono molto voluminose e con contenuto liquido. Trattamento chirurgico: si apre la cisti in due punti, si drena e si infila dentro l epiploon che riempie la cavità e fa una coalescenza. Altrimenti si può attaccare la cisti alla cute: marsupializzazione della prostata. Patologie delle ghiandole anali Intorno all ano sono presenti delle ghiandole che in base alla funzione vengono divise in: circumanali e paranali. Ghiandole circumanali Sono ghiandole epatoidi che mantengono lubrificato il canale anale ed hanno funzione ormonale; sono circa 300. Nell animale anziano, in particolare nel maschio, possono dare adenomi e adenocarcinomi con necrosi centrale e scarsamente metastatizzanti. Trattamento: questi tumori vengono semplicemente asportati chirurgicamente, ma si possono avere recidive. Ghiandole paranali Si trovano a ore 5 e 7 rispetto allo sfintere anale (nel furetto si trovano a ore 3 e 9). Servono per identificare i simili, per marcare il territorio, e sono maleodoranti. In alcune specie, come nella puzzola, sono un arma di offesa. Riversono il loro secreto nelle sacche anali. Molto spesso vanno incontro a patologie infiammatorie e aumentano la produzione del loro secreto, quindi occorre svuotarle e iniettare dell antibiotico. Inoltre possono ascessualizzare e secernere pus con secreto ghiandolare. Se ci sono adenomi occorre asportare sia la sacca che la ghiandola. Le ghiandole circumanali sono una disgrazia per il Pastore Tedesco a causa della formazione di ulcere circumanali che non guariscono (fistole non curabili). È una patologia fortemente invalidante in quanto queste ghiandole sono immerse nelle fibre dello sfintere esterno e vanno a ledere le fibre provocando stenosi anale (rendono la regione una specie di termitaio ). Trattamento: chirurgico. Quando si opera si possono ledere i nervi emorroidali e viene via parte dello sfintere anale interno e tutto l esterno. Il post-operatorio è molto complesso da gestire a causa dell incontinenza dell animale.

Fratture dell osso penieno

Fratture dell osso penieno Fratture dell osso penieno (Cane) ü Ematuria ü Diminuizione dell urinazione ü Interruzione dell urinazione ü Prepuzio integro o con ferite ü Cateterizzazione difficile o impossibile Palpazione ü Tumefazione

Dettagli

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE

www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE www.clinvetspirano.it CVSedu LE COLICHE RICONOSCERE LA COLICA COLICA non è una patologia specifica ma è un termine che indica in modo generale un dolore addominale. Il dolore addominale può originare da

Dettagli

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano ECOGRAFIA OMBELICALE Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano PATOLOGIE OMBELICALI Le patologie della regione ombelicale sono relativamente diffuse nelle prime quattro settimane di vita. Non sempre

Dettagli

La regione pelvica La chirurgia nella clinica dei piccoli animali

La regione pelvica La chirurgia nella clinica dei piccoli animali La regione pelvica La chirurgia nella clinica dei piccoli animali Per veterinari, studenti, professori e professionisti del settore. CARATTERISTICHE TECNICHE Autori: José Rodríguez Gómez, Jaime Graus Morales

Dettagli

Taglio di unghie incarnite o malformate con il LASER nel cane e gatto

Taglio di unghie incarnite o malformate con il LASER nel cane e gatto Interventi chirurgici con il LASER in medicina veterinaria Articolo informativo per i proprietari di cani e gatti Dr. Klaus G. Friedrich Medico Veterinario Le opzioni e possibilità che offre il LASER nel

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO MALATTIE DELL APPARATO URINARIO Diuresi = quantità di urina emessa nelle 24ore (1500 ml) Sintomi e segni legati all apparato urinario: - Ematuria = sangue nelle urine - piuria = pus nelle urine - oliguria

Dettagli

PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE

PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE Gli organi pelvici sono quelli contenuti all interno del bacino e comprendono la vescica e l uretra, la vagina,l utero con annessi e ovaie, e il retto. Essi interagiscono tra

Dettagli

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE COSA è L AORTA ADDOMINALE ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE L aorta è l arteria principale del corpo e porta il sangue dal cuore a tutto l organismo. L aorta addominale è situata sotto il diaframma:

Dettagli

LE ERNIE. nomenclatura. Tipi di ernia. Fisiopatologia dell ernia. Il canale inguinale ERNIE INGUINALI

LE ERNIE. nomenclatura. Tipi di ernia. Fisiopatologia dell ernia. Il canale inguinale ERNIE INGUINALI LE ERNIE Il termine ernia deriva dal greco Hernios (gemma, germoglio). ERNIA = fuoriuscita di viscere o di una parte di esso dalla cavità naturale che normalmente lo contiene. Porta erniaria Sacco erniario

Dettagli

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale Indice generale Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati 1 Sistemi e apparati e sviluppo delle cavità corporee 1.1 Definizione, quadro riassuntivo ed evoluzione delle

Dettagli

Struttura e funzionamento dell apparato digerente

Struttura e funzionamento dell apparato digerente Struttura e funzionamento dell apparato digerente la dentizione inizia (cioè i denti iniziano a spuntare) attorno al 6-8 mese di vita e porta alla comparsa dei 20 denti decidui (denti da latte). Questi

Dettagli

ANEURISMA dell AORTA. Aneurisma dell aorta toracica addominale. Aneurisma dell aorta addominale addominale

ANEURISMA dell AORTA. Aneurisma dell aorta toracica addominale. Aneurisma dell aorta addominale addominale ANEURISMA dell AORTA Cosa è un aneurisma? Un aneurisma è la dilatazione di una arteria che avviene a causa dell indebolimento della parete arteriosa e per la perdita delle sue usuali proprietà elastiche.

Dettagli

I DIVERTICOLI DEL COLON

I DIVERTICOLI DEL COLON Struttura Complessa di Gastroenterologia e di Endoscopia digestiva Direttore: Dott. Felice Cosentino www.endoscopiadigestiva.it www.medicitalia.it/felice.cosentino cosent@tin.it -Tel. 02/8599.4811 Ospedale

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia

La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia PALPAZIONE della regione lombare La palpazione del rene è possibile solo in individui magri o quando il rene è deformato in modo grave dalla patologia La palpazione della regione lombare renale deve ricercare

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Minzione (Svuotamento della vescica)

Minzione (Svuotamento della vescica) Minzione (Svuotamento della vescica) Il processo avviene in due fasi: 1. Riempimento graduale della vescica, accompagnato da un aumento della tensione di parete, fino ad un valore critico per l attivazione

Dettagli

CONFRONTO TRA CONFRONT

CONFRONTO TRA CONFRONT Versamento pleurico in un uomo Da tempo usata in medicina umana Solo recentemente in medicina equina Possibile utilizzo come metodo di screening Ben tollerata (scarsa contenzione) Prelievo liquido eco

Dettagli

COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO

COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO COMPLICANZE A 30 GIORNI DA COLECISTECTOMIA LAPAROSCOPICA IN DAY SURGERY PROTOCOLLO OPERATIVO - Definizione Per struttura di ricovero o area di residenza: proporzione di ricoveri per colecistectomia laparoscopica

Dettagli

CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani. Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico!

CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani. Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico! CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani INTERVENTO CHIRURGICO PER INCONTINENZA FECALE: Plastica Anale, Ricostruzione dello sfintere anale, Sfintere Artificiale, Stimolazione dei nervi spinali

Dettagli

03/05/14 ERASMO DI MACCO SCUOLA DI ECOGRAFIA GENERALISTA SIEMG - FIMMG

03/05/14 ERASMO DI MACCO SCUOLA DI ECOGRAFIA GENERALISTA SIEMG - FIMMG 03/05/14 La patologia dei grossi vasi addominali Vibo Valenzia 01-03 maggio 2014 La patologia dei grossi vasi addominali Lo studio dei vasi addominali costituisce parte integrante dello studio ecografico

Dettagli

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione

Parete Addominale Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Muscoli Fasce - Vascolarizzazione Cute Fascia superficiale (di Camper) Tessuto sottocutaneo Aponeurosi o fascia dei m. retti Fascia trasversale dell addome Tessuto adiposo preperitoneale Foglietto parietale

Dettagli

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano Le ossa e i muscoli Le ossa Le ossa sono formate da tessuto osseo compatto e spugnoso. All interno delle ossa c è il midollo irrorato dai vasi sanguigni. I muscoli I muscoli dello scheletro sono collegati

Dettagli

NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE. Massimo Tonietto D.O.

NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE. Massimo Tonietto D.O. NEUROANATOMIA DEL RENE E DELLE VIE URINARIE Massimo Tonietto D.O. L'INNERVAZIONE DEL RENE I NERVI DEL RENE Le fibre nervose dirette al rene provengono dai nervi splancnici piccolo e inferiore, derivanti

Dettagli

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010

LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA. Siena - 26 Maggio 2010 LA MEDICINA DEL DOLORE INQUADRAMENTO CLINICO DEL DOLORE LA CLINICA DEL DOLORE IN AREA CHIRURGICA Prof. Alessandro Piccolomini AOUS - CHIRURGIA 2 Siena - 26 Maggio 2010 Il dolore come espressione di patologia

Dettagli

CHIUSURA DI FISTOLA VESCICO-GENITALE Fistolectomia cervico-vescicale Fistolectomia vescico-vaginale Fistolectomia utero-vaginale

CHIUSURA DI FISTOLA VESCICO-GENITALE Fistolectomia cervico-vescicale Fistolectomia vescico-vaginale Fistolectomia utero-vaginale AUROlink il collegamento tra medico e paziente Informazioni validate per ottenere un consenso consapevole alle procedure urologiche CHIUSURA DI FISTOLA VESCICO-GENITALE Fistolectomia cervico-vescicale

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari

Patologie muscolo - scheletriche ed articolari Patologie muscolo - scheletriche ed articolari La struttura ossea Ossa lunghe Ossa corte Ossa piatte Struttura dell 0sso Tessuto spugnoso Tessuto compatto Struttura dell 0sso La struttura tridimensionale

Dettagli

segni e sintomi la base del ragionamento clinico il dolore sintomo cardine della semeiotica addominale e digestiva

segni e sintomi la base del ragionamento clinico il dolore sintomo cardine della semeiotica addominale e digestiva segni e sintomi la base del ragionamento clinico 1 il dolore sintomo cardine della semeiotica addominale e digestiva 2 Dolore Addominale Dolore misto a carattere prevalentemente nocicettivo 3 Dolore Addominale

Dettagli

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente.

Endoscopia Digestiva Branca dell endoscopia inerente la diagnosi e la terapia endoscopica delle affezioni dell apparato digerente. Endoscopia Esplorazione di organi cavi attraverso gli orifizi naturali, o di cavità corporee virtuali accedendo da piccole incisioni chirurgiche, per mezzo di appositi apparecchi ottici detti endoscopi.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it

neoplasia dello stomaco www.slidetube.it neoplasia dello stomaco www.slidetube.it TUMORE DELLO STOMACO CARDIAS: disfagia CORPO: no sintomi ANTRO: gonfiore postprandiale, vomito Sede più frequente: ANGULUS ANTRO fumo alimentazione ULCERA GASTRICA:

Dettagli

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti?

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Gli ascaridi sono i parassiti intestinali più frequenti nel cane e nel gatto, in questo articolo ci si propone come scopo quello di approfondire l argomento

Dettagli

1fase: riempimento graduale della vescica, con aumento della tensione di parete, fino all'attivazione del riflesso della minzione

1fase: riempimento graduale della vescica, con aumento della tensione di parete, fino all'attivazione del riflesso della minzione La Minzione 1fase: riempimento graduale della vescica, con aumento della tensione di parete, fino all'attivazione del riflesso della minzione 2 fase: attivazione del riflesso della minzione che permette

Dettagli

Classificazioni delle MAR

Classificazioni delle MAR Classificazioni delle MAR Le malformazioni anorettali hanno un incidenza di 1 bambino nato ogni 4000 neonati, con una maggiore preponderanza maschile di quella femminile. La malformazione più comune nelle

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE

LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE PROSTATICHE E DELL APPARATO UROGENITALE MASCHILE ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA LA PROSTATA: ANATOMIA E FUNZIONE La prostata (o ghiandola

Dettagli

GERIATRIC EMERGENCY MEDICINE Verona, 17 maggio 2014

GERIATRIC EMERGENCY MEDICINE Verona, 17 maggio 2014 GERIATRIC EMERGENCY MEDICINE Verona, 17 maggio 2014 DOLORE ADDOMINALE ACUTO NELL ANZIANO: UTILIZZO RAGIONATO DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Libero Barozzi Direttore Ospedale Maggiore e Area Nord-Ovest

Dettagli

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola

Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Microvilli (circa 600 per cellula) Orletto a spazzola Questa enorme superficie permette che, a livello del digiuno e dell ileo, abbia luogo l assorbimento dei monosaccaridi, degli amminoacidi, degli acidi

Dettagli

ANATOMIA DEL MASCHIO

ANATOMIA DEL MASCHIO Testicolo Involgi del testicolo Involgi del testicolo Serie di membrane derivanti dalla parete addominale Proteggono e sostengono Solo lo scroto è comune Invogli profondi sono propri di ciascuna gonade

Dettagli

Il carcinoma della prostata

Il carcinoma della prostata Il carcinoma della prostata LA STATA: che organo è? a cosa serve? dove è situata? fig.1 La prostata è una ghiandola che fa parte dell apparato genitale maschile, insieme alle vescicole seminali, le ampolle

Dettagli

Tecnica di scansione in ecografia e punti di repere ecografici

Tecnica di scansione in ecografia e punti di repere ecografici 4 e punti di repere ecografici Federica Rossi PREPARAZIONE DEL PAZIENTE Per facilitare l esame ecografico dell addome vanno presi i seguenti accorgimenti. Digiuno Antimeteorici Acqua Contenuto fecale nel

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

PILATES IN GRAVIDANZA

PILATES IN GRAVIDANZA PILATES IN GRAVIDANZA PRINCIPI FONDAMENTALI: continuo CONTROLLO della posizione corretta del proprio corpo durante L ESECUZIONE ARMONICA di un gesto STABILIZZAZIONE del centro ( trasverso addominale, multifido,

Dettagli

RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE. Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini

RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE. Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini RX TORACE: CUORE E CIRCOLO POLMONARE Istituto di Radiologia, Fondazione Policlinico San Matteo, Pavia dr.ssa Adele Valentini ESAME RADIOGRAFICO TRADIZIONALE DEL TORACE Posizione eretta Apnea inspiratoria

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli

Tariffario prestazioni ambulatoriali animali da compagnia / animali da reddito

Tariffario prestazioni ambulatoriali animali da compagnia / animali da reddito Tariffario prestazioni ambulatoriali animali da compagnia / animali da reddito Agli importi indicati va aggiunta IVA 20% ed ENPAV 2%, oltre al costo dei farmaci eventualmente utilizzati TARIFFARIO RELATIVO

Dettagli

Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA

Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA Università degli Studi di Catania ULCERA PERFORATA U.O. Clinicizzata di Chirurgia Generale Ospedale R. Guzzardi di Vittoria Direttore: Prof. V. Minutolo La perforazione avviene in genere per l erosione

Dettagli

I TRAUMI DEL TORACE. www.fisiokinesiterapia.biz

I TRAUMI DEL TORACE. www.fisiokinesiterapia.biz I TRAUMI DEL TORACE www.fisiokinesiterapia.biz La principale causa di una emergenza toracica è rappresentata dai traumi toracici. Nel mondo occidentale il 20-25% delle morti traumatiche sono dovute ad

Dettagli

Ernioplastica. sec. Lichtenstein. www.slidetube.it

Ernioplastica. sec. Lichtenstein. www.slidetube.it Ernioplastica sec. Lichtenstein Rete presagomata in polipropilene Punto di ancoraggio della rete al tubercolo pubico Punti in polipropile tra la rete e il legamento inguinale Punti in polipropile tra la

Dettagli

MALATTIA DIVERTICOLARE DEL COLON COSTELLAZIONI DI SINTOMI CHE VANNO DALLA SEMPLICE IRREGOLARITA DELL ALVO SEVERO SANGUINAMENTO SEVERA INFIAMMAZIONE ADDOMINALE LOCALIZZAZIONE Sulla parete del colon dove

Dettagli

Digerente 2. Faringe. Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe

Digerente 2. Faringe. Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe Digerente 2 Tratto ingestorio Faringe Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità faringea Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe Orofaringe, rinofaringe e

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

COLON E APPENDICITE ACUTA

COLON E APPENDICITE ACUTA COLON E APPENDICITE ACUTA Al di là dello stomaco, fondamentalmente come organi viscerali che possono essere di importanza dal punto di vista di frequenza delle malattie, è sicuramente il COLON. Anatomia

Dettagli

ECOGRAFIA TESTICOLARE

ECOGRAFIA TESTICOLARE ECOGRAFIA TESTICOLARE Quando e come si fa Quadri normali e patologici Dr. Stefano Palladino CENNI DI ANATOMIA NORMALE DIMENSIONI NASCITA 15X10X7 +/-2 3 MESI 20X12X2+/-2 11 ANNI 40X25X25 +/-10 mm TECNICA

Dettagli

Vincenzo Ferarra MD. Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA. www.dottorvincenzoferrara.it

Vincenzo Ferarra MD. Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA. www.dottorvincenzoferrara.it Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA www.dottorvincenzoferrara.it INCONTINENZA URINARIA Qualsiasi perdita involontaria di urina è un problema sociale ed igienico, che rende necessario contattare

Dettagli

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA CHE COS E LA VALVOLA AORTICA La valvola aortica e' posta tra il ventricolo sinistro e l'arteria aorta. Il ventricolo sinistro e' la parte del cuore che ha il compito di pompare

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1

25/11/2009. scaricato da www.sunhope.it 1 CHIRURGIA MININVASIVA Si propone di raggiungere gli stessi obiettivi delle tecniche chirurgiche classiche attraverso una via d accesso ad organi addominali o toracici che riduca al minimo il trauma chirurugico

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO L APPARATO DIGERENTE E URINARIO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO CONOSCENZA ANATOMICA E FISIOLOGICA DEGLI APPARATI E DELLE PROBLEMATICHE AD ESSI LEGATE. 3

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

ENUCLEAZIONE PROSTATICA TRANSURETRALE MEDIANTE LASER AL TULLIO (TULEP)

ENUCLEAZIONE PROSTATICA TRANSURETRALE MEDIANTE LASER AL TULLIO (TULEP) ENUCLEAZIONE PROSTATICA TRANSURETRALE MEDIANTE LASER AL TULLIO (TULEP) Definizione: la prostatectomia transuretrale mediante laser al Tullio (TULEP) è un intervento endoscopico, ovvero non implica l'incisione

Dettagli

INTERVENTO CHIRURGICO IN CASO DI ASCESSI E FISTOLE NELLA REGIONE ANALE

INTERVENTO CHIRURGICO IN CASO DI ASCESSI E FISTOLE NELLA REGIONE ANALE CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani INTERVENTO CHIRURGICO IN CASO DI ASCESSI E FISTOLE NELLA REGIONE ANALE Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico! Gentile

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LE TUMEFAZIONI INGUINOSCROTALI NEL BAMBINO

LE TUMEFAZIONI INGUINOSCROTALI NEL BAMBINO LE TUMEFAZIONI INGUINOSCROTALI NEL BAMBINO Approccio e gestione Gian Battista Parigi Cattedra di Chirurgia Pediatrica - Dipartimento di Scienze Pediatriche Università degli Studi e I.R.C.C.S. Policlinico

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLE EMORROIDI

TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLE EMORROIDI CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore R.D. Villani TRATTAMENTO N CHIRURGICO DELLE EMORROIDI (Iniezioni sclerosanti, legatura elastica) Si prega di leggere il foglio informativo e di compilare il questionario

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE

IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE IDROCOLONTERAPIA NELLA PREPARAZIONE ALLE COLONSCOPIE Dott. E. De Masi Specialista in Chirurgia Generale Specialista in Malattie dell Apparato Digerente Primario Gastroenterologo Ospedale San Carlo IDI

Dettagli

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente

PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO. Modulo informativo per il paziente PROCEDURA ENDOSCOPICA DI POSIZIONAMENTO DI PALLONCINO INTRAGASTRICO Modulo informativo per il paziente Il posizionamento di palloncino intragastrico è indicato per l uso temporaneo nella terapia mirata

Dettagli

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Le emorroidi sono delle strutture anatomiche che si hanno fin dalla nascita: sono dei cuscinetti artero-venosi

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DI PICCOLE LESIONI CUTANEE DELLA REGIONE ANALE

TRATTAMENTO CHIRURGICO DI PICCOLE LESIONI CUTANEE DELLA REGIONE ANALE CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore R.D. Villani TRATTAMENTO CHIRURGICO DI PICCOLE LESIONI CUTANEE DELLA REGIONE ANALE Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico! Gentile

Dettagli

Ernie addominali. NON rientrano quindi in questa definizione: Laparocele Eviscerazione. Congenite. Si distinguono in. Acquisite. Ombelicali Inguinali

Ernie addominali. NON rientrano quindi in questa definizione: Laparocele Eviscerazione. Congenite. Si distinguono in. Acquisite. Ombelicali Inguinali ERNIE ADDOMINALI Ernie addominali Per ERNIA si intende la fuoriuscita di un viscere o parte di esso dalla cavità addominale, attraverso un orificio anatomicamente preformato. Laparocele Eviscerazione NON

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI

TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI OSPEDALE SANDRO PERTINI UOC CHIRURGIA VASCOLARE Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio TRATTAMENTO CHIRURGICO-ENDOVASCOLARE DELLE ARTERIOPATIE AORTO-ILIACO-FEMORALI Lei è affetto da arteriopatia a carico

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT

Anatomia WWW.SLIDETUBE.IT Anatomia Arterie coronarie Le arterie coronarie principali sono due: la coronaria sinistra e la coronaria destra Coronaria sinistra: il primo tratto della coronaria sinistra, viene denominato tronco comune;

Dettagli

Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni :

Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni : Betriebsdirektion Direzione Aziendale Allegato 2: Indicatore PNE Colecistectomia laparoscopica: proporzione di ricoveri ordinari con degenza post-operatoria inferiore a 3 giorni : PROTOCOLLO OPERATIVO

Dettagli

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori

Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini. Brochure per i Pazienti/Genitori Reflusso Vesico-ureterale (RVU) nei Bambini Brochure per i Pazienti/Genitori TM Cos é l RVU? Il vostro bambino è affetto da una patologia nota con il nome di reflusso vescico-ureterale (RVU). Esistono

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO

TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO TRAUMA TORACICO, ADDOMINALE E DI BACINO IL TRAUMA TORACICO Il 25% dei decessi successivi a trauma derivano da un trauma toracico. Questo, infatti, interessando la parete toracica, può coinvolgere tutti

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

LA PRESSIONE ARTERIOSA

LA PRESSIONE ARTERIOSA LA PRESSIONE ARTERIOSA La pressione arteriosa è quella forza con cui il sangue viene spinto attraverso i vasi. Dipende dalla quantità di sangue che il cuore spinge quando pompa e dalle resistenze che il

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono troppo complessi per essere direttamente assorbiti senza

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

Introduzione. ecografico viene considerato elettivo solo per lo studio del cuore, per il quale è oramai considerato il gold

Introduzione. ecografico viene considerato elettivo solo per lo studio del cuore, per il quale è oramai considerato il gold Il Torace Standard Introduzione Il torace contiene i polmoni e le vie aeree caudali. Quindi, aria che fornisce un elevato contrasto sia con i tessuti molli sia con quelli duri di questo distretto anatomico.

Dettagli

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1 Difficoltà: livello 1 LA PERLA FIG. 1 Descrizione Scopo e benefici La perla è uno degli esercizi invisibili più facili, perché non richiede una percezione delle diverse parti della muscolatura pelvica.

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

Utilizzo degli stent nei piccoli animali da compagnia Relazione a cura del dr. Francesco Collivignarelli

Utilizzo degli stent nei piccoli animali da compagnia Relazione a cura del dr. Francesco Collivignarelli Utilizzo degli stent nei piccoli animali da compagnia Relazione a cura del dr. Francesco Collivignarelli Lo stent è un dispositivo tubolare in metallo, plastica o materiale riassorbibile che viene introdotto

Dettagli

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30

OBESITA. condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 OBESITA condizione caratterizzata da BMI maggiore di 30 Obesità lieve (BMI tra 30 e 34,9) Obesità moderata (BMI tra 35 e 39,9) Obesità grave (BMI 40 e oltre) l obesità centrale, in cui il grasso si accumula

Dettagli

Apparato digerente dei mammiferi domestici

Apparato digerente dei mammiferi domestici Apparato digerente dei mammiferi domestici Prof. Daniele Galli L apparato digerente è formato da diversi organi che concorrono all espletamento della funzione digestiva che assicura all organismo le sostanze

Dettagli

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale

SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale SVT Supporto Vitale al Traumatizzato traumatologia speciale A cura di Andrea Franci FRATTURE VERTEBRALI Il paziente traumatizzato deve essere sempre considerato come portatore di una lesione vertebrale

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli