SECONDO-TERZO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SECONDO-TERZO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA"

Transcript

1 SECONDO-TERZO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Cpoo 5 P ondo m nnd podo d à gzon ompo 14 mn ompu (p 14 mn 0 gon) 26 mn ompu (p 26 mn 0 gon) Fnà dm ogo n ondo m(1). Dmnzon d numo d. Dzon d gvdnz. Quo non o guo m ogo n pmo m: pvd mu d BPD, vnumn ng on pm bom (unghzz d un mo, onnz n, dmo vo d vo). V u un dzon og oo vo bom v non ono omp n m d nomà d uv d mno uzz, dpnz à gzon nmn d à gzon og è ugu o upo du mn. L uv d mno uzz poono d ogn opo/no; è ongo nd n o vo d mno p ogn mn. Vuzon dnom. L moogn è un vno vouvo, h non può oo n mn omnompnv on un uno m ogo; quo m nzzo o udo dnom onomno/uon d poog momv mggo, n ong uzon mn d à gzon. A qu po gzon nbà md dog è m, v n zon ppo n m. Un ho nmno o u hd ppoondmn p m. Vnno /o mu gun uu: Emo o mu d dmo bp (BPD) d onnz n (CC); mu dmpzz d gonovno; mu d dmo vo d vo; vuzzzon d ob. Coonn vb non ongudn d oonn. To vuzzzon d pomon. Cuo u do; 1

2 non quo m dh ; onnon vnoo-o n (uo no); onnon vnoo-o d (uo do). - Dv vdnz ono pubb, ng um 3 nn, vmn nmno d don p dop ongn. S ngono vd, om podu d nng mmn pomo nno, o non 4 m h 4 m + u. N o n u podu gu non nud vuzon dg u, pzn dv pvnvmn nom d dn ponzà dgno. L o non 4 m non à pù nu un p o nng d dop ongn d n d uddo nno -. Addom mu d onnz ddomn (CA); vuzzzon do omo poo d p ddomn no; vuzzzon d n (poono u doà vuzzzon d nmb n n ondo m) v. A vuzzzon d o ungh d quo ; vuzzzon (uvmn n mn d pnz/nz) d mà (mn pd), nz dnzon d d; mu d unghzz d un mo. Pn: ozzzon. Lqudo mnoo: vuzon d qunà, nh oggv. Rzon. Dv mp do un o o n u ono gn gun d: vnu m n dm (obà mn, pozon vovo d o.) h mpdono/mno o udo mooogo d o; v op o poog, h dvono ou un movo d ppoondmno dgnoo; vnu ong p ono uv; vnu doumnzon onog, ov opo ng oppouno g. In pnz d un po ogo opo p momzon è ongo un ppoondmno dgnoo. Snbà d'og. I u d guppo Euon. In quo udo ono mn bn 709 m gvdnz (oè qu 200 m n pù d qu g n 1 nno n I) po mn n un 2

3 podo d 2 nn mzzo n,, d Dnm, d Spgn, d Gmn, d Fn. I num n vno d Nod, d Ton d S. Sono g momzon d u 3.348, oè 45% ono op pm d po on 'og. In 1501 ( 44,8% d qu op) mg hnno do d bo. L pà d op pobm pp omn ondzon d po d momzon. Momzon v d dgno pn (% u o d dopo n d gvdnz): 83,5%, ppo uno 83,4%, m nvoo n 37,4%, nom omoomh 33,3%, ppo dgn 17%, ppo do 15,4%, bbo pono Commno 1: d d Euon ono moo mpon, obuono onmno quno gà noo pobà dgnoh dog (v. nh Ln Gud d Soà In d Eog Oo Gnoog SIEOG, 2006, d u è b po qu oo): Sm Nvoo n Gono Uno Sho Cdo- Vo Snbà md Bnhk 68, ,0 Andon ,3 Chmb 92, , ,4 50,9 So 76,7 47,3 64,1 18,2 16,5 37,8 Gndjn 88,3 53,7 88,5 36,6 38,8** 61,4 Qu-Lu 68,6 42,3 24,1 -- 5,9 30,3 Tb 2 L nbà momzon v n ondo zo m n ud muno. **Snbà p dop mggo. Com m Tu Todo, u pdn d oà dg og o-gnoog: "Oo h donn no onpvo d d'og, h non up omunqu 50%". 3

4 Commno 2: pobà d v unnom dpnd d dv o (d dmnon dnom, d pozon d o nuo, d qunà d qudo mnoo, do po d p ddomn mn) m opuo dpo d gvdnz n u vn uo m. In mn, m ogo pobb non vdnz nom, mpmn phé mnno n poh uv po momno n u è o guo m. Quumo po è mpon opuo p n, dmmo o d Cgg(vd pg. 76). Qu pnz dv : dgno d dogo è mp d, qundo pob, o è ono dopo 25-26m mn. Ino, om po gn, è d od h m og dg dg ogn vngono gu oo n pnz d unndzon p. Ad mpo, un m odogo può ho opuo donn h pdn nmn pov. E omunqu, vo h uo vog popo voo n un o on pomon o - u d o h o non h no po - oo qundo bmbno n d pomon dndono, poono mn momzon mn non vuzzb. Nuno, no mno og,può vd uuo! Và do, d guo, 'm mooogo n podo ompo vnm vndum mn d gzon on mp opo d onund d mm dnom. P nd pù ud 'ndgn, h omunqu pvd nh o udo dg nn, popon, nnnzuo, d gu poo d ngu p d pn. 4

5 Em mooogo : Pm p Fg Eog dzon. L pm mmgn gud 'nzon pn on u uu vo (oo Dopp) pn. D pn, ngu pogu n vn d odon omb. In u ngu ogno, o d onz nuv p o. Fg. 42 Eog dzon. Codon omb nomoouo on du (o) d un vn (bu). 5

6 Fg Eog dzon. L vn omb pn n'ombo d o p onn on m po po. Conomn go vdnz o omo. Qund, ngu pod vo uo. Fg Eog dzon. I uo vn mno n u quo m: 1) o DX, 2) vnoo DX, 3) o SIN, 4) vnoo SIN. Lmn uo vdnzno pomon (o qund po. Snno d ono n dopo pmo po). 6

7 Fg Bo do n ondo-zo m d gvdnz (140 b/mn.). D uo, ngu pogu n'o o h n quo o vn ppn n 3D (g. 46). Rpondo, ngu povnn d pn pogu n vn omb h pn nombo, onn on go pogu vo uo. D uo ngu pod vo o o. 7

8 Fg Eog dzon.do o, ngu pogu n'o ddomn d u dmno n h pmono ozzzon d n h h dmno v (g. 48). 8

9 D h, ngu pod n omb h unono on vn omb 'ombo, pondo ngu pn. L omb pono ngu o d ndd bon u d mbomo. D uo, ngu pod nh vo vo. D vo mnno uu ondmn om ob p, m, vo, ob on. L b n pn uu vo mpo om v d pogono d W (oo Dopp) (gg Eog dzon). 9

10 Em mooogo : Sond p Fg Rouzon dmnon d vo. Fg A upo. 10

11 Fg Coonn o ombo-. Fg A no. 11

12 Cpoo 6 Rppnzon 3D d vo. Emp. Fg Vnnqum mn. Fg Vnm mn. 12

13 Fg Vnm mn. Fg Vnom mn. 13

14 Fg Vnnovm-nm mn. Fg Tnm mn. 14

15 Fg Tnunm mn. Fg Tndum mn. 15

16 Fg Tnm mn. Fg Tnnqum mn. 16

17 Cpoo 7 ANNESSI FETALI Lqudo mnoo - pn - odon omb Fg Eog dzon. Lqudo mnoo, pn, odon omb. Lqudo mnoo: I qudo mnoo un mbn n u o può muov bmn, on pozon ono g u, go mpu opo. A dodm mn è 50 m, mà gvdnz 400 m d n d gvdnz è 1 o. Pn: og è u zz p d n d d g do d nvhmno pn. L d d mpno pn vn b nndo ono d p un, d d nzon. Pn dn bo mpno n poh po d gvdnz, n uv m non pnno pù h p v d mbmn nom (om om d gmno uno no) on d pn. N gu gun vngono ndvdu pob d d nzon d pn. 17

18 A B C D E Fg Inzon d pn. A) B) C) D) E) Pn no Pn und Pn DX Pn SIN Pn poo Eog dzon. I oo Dopp mo vozzzon opn. 18

19 Modà dn d ppnzon d odon omb Fg Evdnzzon d odon omb mdn og dzon, v ppono on um no p vmn n. Fg Codon omb mdn oo-dopp. L ono ppn n oo phé n quo o oo uo è n vvnmno ond og mn vn n bu ndo uo n onnmno po ond. I oo può pn nvo phé ppn o dzon d uo. 19

20 Fg Codon omb vdnzo mdn pow-dopp. L uu vo ono omognmn ppn nz pobà d ndvdu dzon d uo. Fg Rppnzon dmnon d odon omb. 20

21 Codon omb: odon omb è nommn ouo d du h uono ono d un vn. L vn moo pù g d du.ed vv o ngo o hn v nomb u ngu ogno, o d onz nuv p o, mn pono ngu o d ndd bon u d mbomo (gg. 71 A-B). Fg. 71 A Fuo n vn omb. Fg. 71 B Fuo n un omb. 21

22 Cpoo 7 TERZO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA Sono po g mn pù qunmn uzz p zon d un'og o d zo m n gvdnz non ho. Un ho nmno o u hd, ovvmn, ppoondmn p m. L zon ompnd d oo (1): A) numo d ; B) vuzon d uzon pnzon ; C) vdnzzon d 4-m dh pnz d và d ; D) ozzzon d pn; E) vuzon d qunà d qudo mnoo; è un un vuzon oggv (qunà nom, m no d nom, ogomno.). F) Anom. Muzon d: dmo bp (BPD) pobmn onnz n (CC) on vuzzzon d vno b; onnz ddomn von do omo; unghzz d un mo; n, v. I onomno d momzon non è un obvo po d og d z o m n gvdnz bo ho. L bom d zo m non dv m uzz p d gvdnz. L àg z on d v mp d n p md n z un m n zo m. E può b o n b d d un u mm u z on o nb dun og gu n o 2 2 mn d à gzon. I vo bom onu dvono on on vo d mno d mn dn d nzo m. N n u àg z on gno,un mdov àvv d u d n d nmn dponb, d mu og d vb bomh op n, d vuzon d qunà d qudo mnoo d vuzon d voà d d vb bomh mu dnz d 2-3 mn. L m d po, b u mu d vb bomh, è n d un o h è ugu o upo + 10%: non è omnd, non n zon. In ondzon nom, o dpon on p pù pn,, n bo on p pù voumno, pod, n o, dov và un è 22

23 pù mp. Gnmn doo è n po p, b gmb d. Cmn p d: Suzon: ppo o h ong ud n d o um on ongudn d và un. Pnzon: è go p h mpgn pogd p pm n n d po (g. 72). Fg Com mp oè u zz un mmg n3 Dd ondo m bo. A) Suzon ongudn; pnzon ; doo DX. B) Suzon ongudn; pnzon ; doo SIN. C) Suzon ongudn, pnzon pod, poo o n o SIN, doo DX. D) Suzon v d o. Pnzon d p n o SIN. 23

24 Em umo mno- L m u m o m no- vn guo, d nom, zo m d gvdnz opuo nm nqum mn. Sono po pnp mmgn ogh d un m umo. Pm: ozon uo-pno- h nzo on un, m d h nn. D un dmno uu v o p o p n.l v n omb d n n m d oo p pn, pogu n odon omb pn n omb od o.i ngu, nqu omodo, onn on m po g p gn p, vo n d Anzo, n vn v no qu ndn odx d o.sup o o mov, ngu gung uo no d ì, vo 'o oo, p upo d opo. L um b è ondmnmn pp n d o ud o d b md. I ngu, qund, o n odx on v n v up o p o gun v n o od o. D v n o od o on nun po mon qu nd : np o p ngu pogu n oo pomon d n gn p, vo doo dbo o,g ung o d nd n qu ndn o ddom n.un p o p d ngud o ddom n o v ddom n g no mn gn p gung n omb, m d h.l omb un ono omb o on vn omb, poguono n odon gungono pn. Fg u, non oì! (Nd) 24

25 Cozon mno-; d uu d muzon um (gg. 74 A-B-C-D) A) A un. Po oo on un ndn v d un dndn mno u. Fuo n do vo. L u nv n m n v od u o po héqu o v o mod nm d v n m no d un à m nopno-.l n d o p od u nè odun vo h o un ogno b nz om monno v voà du n do. Nommn vngono mn nmb un. I Dopp uno è un mk d poog gvdh d ogn vo. B) Ao ddomn. Po oo on un ndn v d un dndn mno u. Fuo n do vo. 25

26 L u m d o ddom n nz p n m nh nz ph. È mpon h do mp pov. C) A omb. L n d o p od omb è odunv o h o un ogno b nz; uo doo è qund mpon. L vom omb è bn o ponz d. D) A b md. L n d o p od b m d è odunv o h o un ogno d nz du u pno umo n un omponn do moo dbo h umn modmn n g v d nz.l nd dpu à b è,p n o,dno m, up o qu od omb. Và do, d guo, 'm umo mno- n podo ompo mn d gzon on mp opo d on un d dm md n om.sp opondgu poo d 26

27 ngu p d pn. Sono omp pnp d d muzon p dmnzon d. L ozon uo-pno- h nzo on un, m d h nn. Fg A un. L un, n d pmo m, pdono oo muo pmndo un umno d vozzzon un (oo b nz). I o d mup v g od u nè v od u o: quo vo Dopp uno nz d o pn d o poo. I o d qu pvd m u z ond nd d nz dèun m b nz om monno v voà du n do. Nommn vn gu o m u m o d n mb u n.i Dopp uno è un mk d poog gvdh d ogn vo. D un dmno u qund d p o uo-pn. Ogn p p vo do pzo odon opondn. L p, pnndo n o pn, pdono pogvmn oo gun muoo- dvnno mp pù bn. N uno mb om mno-pn d un bbmno d nz ph mn. 27

28 Fg Eog dzon. Pn poo. I oo mo vozzzon opn. L vozzzon opn è uo d mzon d un. L'nm d oo p pn è dno d vn omb h pogu n odon omb. Fg Eog dzon. Codon omb nomoouo on un vn du.lv nomb p n n omb od o.n qud op o o u o d vn omb. 28

29 Fg Eog dzon. Immgn uo omo. Snon ddomn v. Fg Eog dzon. I ngu, n quo modo, onn on m po g n gn p, vo doo vnoo d Anzo, n vn v no qund uo. Snon ddomn ongudn. 29

30 Fg Cuo on quo m. 1) Ao DX; 2) Vnoo DX; 3)Ao SIN; 4) Vnoo SIN. Rqudo poo: bo do. Fg D uo ngu pogu n'o oo n'o o. 30

31 Fg Eog dzon. Ao ddomn. I uo pn un do pov (qudo poo). B ogn on d h v o m d o ddom n non unmn nz pn phé Dopp oo è nb nh nz pnnh ph. Un po p d ngud o ddom n o v ddom n g n o mn gn p gung omb, m d h nn. 31

32 Fg F u on omb. L ozon omb è un m b nz om monno v voà du n do. Endo pobbmn vzon d pon o, um d omb nz d modzon oo pn. L omb v ngono n zz on nd dpu à h,dno m, p n v o n o qu od b m d.no m m n v n gu o m u m odun un omb.l omb un ono ombo on vn omb, poguono n odon gungono pn. Qu dvdono n d bo mp pù doo n un o p n no voà o. L vom omb è bn o ponz d. D uo, ngu pod nh vo. Fg L u m b è m n on nd dpu àd b md. I vo è un oo vo d v nz ò du u pno umo n un omponn do moo dbo h umn modmn n gvdnz. 32

33 Fgu 84 - Eog dzon. D uo, ngu pod nh vo vo p u, o, po poo o. D vo vnno mn uu ondmn om ob on, ob p, m, vo d v d pogono d W (pow Dopp). Fgu 85 - Eog dzon. I pno d non uzzo p bom dv goomn ppndo pno g mdno d no ompnd: m o pduno b, vo d o pudo, p d b, 'nu on ' b md. I dmo bp opond ghzz mm d no d è mu vo d bozz p. I mk dvono po n opondnz d up n d p pom d up nn d p d. L onnz n vn mu p mzzo d un uvmo n dozon u g og, u'mmgn onu p muzon d dmo bp. 33

34 Fg Tnm mn d gzon. Coonn o ombo-. Fg Eog dzon. Muzon d'omo d mo. 34

35 Cpoo 8 PRINCIPALI QUESITI POSTI AL MEDICO ECOGRAFISTA L og è nno u? Qun m og è bn gu n oo d gvdnz? Eog ndom d Down I ono d pn (o n) I n hmodo E og o po d o? L E og puòmo o don n o no o o? Dgno d gvdnz xun L o og o og d uppo o 1 )L og è nno u? Un boo dovuo d uuono è un mnmo o un poo b o og o p odo o, nn o o z z o d po z on d un uuono. Ip n p b o p ovo d u uono ono: p oduz ond o : n g u on v n o b d u o qu o d ond d n g o b d du d po z on. Unp d o v nd p n u o ngu gno; v z on : o o z ond un o pon ngv, ompono bo go. Lo mbo onnuo go qu qud un o pon mn n uo. I gdo d vzon dpnd d onnuo goo nonhé d non d up d udo op. In n d mm può mo h no d ogg nuno udo h dmoo h g m og gu d dnn u mon d gn bbno uo dnn podoo d onpmno o dmno un um n n d nz d bovà ponn. Comunqu, om nd op o du zz u du uon n ovnz d pnpo ALARA ( ow onby hvb) oè mnnndo vo d ponz d mpo d pozon pù b pob p quno gonvomn ub. L og d m n on è zz d mpd po z onp ù b v p o og onv nz on p hé mm g n dmnon vn po ou d bo n un ondo momno dundo mpo d pozon. I mo d oopo pzn mggo mp u è d uo nondo, vndo, p mod, ondzon vd p n bdmnon (3). 35

36 2) Qun m og è bn gu n oo d gvdnz? I Svzo Sno Nzon o og n k n gvdnz h vngono ong: no 13ª mn 19ª 23ª mn 28ª 32ª mn 3) Eog ndom d Down I on o h vuo p n è mp : og nonè ng dod dgno ndom d Down. L m è omp. I gnoogo d mdo un no puno d mno p ogn o po. Sono popo numo mo og, bom mooog, m oo uzzo n pogmm d nng è ooo d un pobmh: - mggonz d non è mn vb ng m ndd, hdndo non d ho; - mo d non ompono on v qunz n, m oo n pnu m; - mo d ono pn n pnu gnv nh n pv d nom omoomh. I mk og (4) nu pù uggv d nom omoomh ono: n I m nu h n u n y; n I I m ' d md nu, d p o o d, p n, 'pognà nn, 'pognà d muo pp, ' omb un, zon bomh d o ungh pom dg (mo d omo) d no (bh). Nuh nuny (n) Copond o po d gon poo d oo, omp u oonn vb. L u muzon gu mn d gzon. Rpoo quno o n: Bono U d Soà d Dgno pn Mdn Mno, pn Fdzon d Soà Mdo-nh: NTd o non è bbnz nb p uzz om d nng.... I duo-, po- nunz nu (p 36

37 ngomn) non vngono omnd pohé, uzzndo o o uo d ho, pnno un nbà mno po d. Ino, pà d nbà o don (oè d pnu d donn on o o h uno pov ), pnno un pù o o d pov. In p, un numo mggo d donn vbb oopo d un nvvo nz umn popozon d on ndom d Down dn, umnndo nv numo d n p p podu nv v n p. Edm d nu Con mn nd un umno d po d u mo poo d oo (>5 mm), muo gnmn n non v, mn, ubo d oo d pno d non d vo. A un u o n udp o p,u z zndo d md nu (>5 mm) om d n ngp nd omddown,hnno d n o 8% d om onun od po vd 1, 2 % ò nd bbqu o mk d o gno. C d p ood (CPC) P CPC nnd p nz d n on h n nod p o o o d o.s on n 1 % d 1624 mndg z on n pù d 90% d omp no mn, non vndo un gno poogo m ppnndo un vn nom no vuppo d vozzzon d p ood. Numo ud hnno o un ozon CPC d nom omoomh, n po om 18: CPC obbo d nom omoomh ompvm n n 8 % d, np o n 1 % o n 46 % o d nom. L o z on nom omo om hcpcnonv on um n d oo dmnon, né n zon d mono o b, né n b oo numo. S CPC ono ogmn o, ho d om 1 8, o o u b d àm n,bb oo vmn umno. P n (PR) P p nnd dzon, mono o b, d bno n (dmo no-poo >5 mm n II m), non o dzon d o d v un, né duzon d qudo mnoo. L PR onno moo qunmn n po pn (2%), p quno ppnno, n mggonz d un vn oog on pogno non om, ono o pnz d nom omoomh, nh n pnu moo vb ond d h. 37

38 L p nz u ugg h p nz d PR o ompo un ho d nom omoom oo vmn umno po h o o o àm n( ppo o h oo v o/ h o o= 1,6). Ipognà nn P pognà nn nnd un umno d dnà og d n no n I I m.so v n p n u v b o 0, 5 1, 95 % n d n h d è m n zon pnz n o d bo (FC), d povuppo d nom omoomh, opuo om 21, In n ud d u è ov u o g do d p og n àd n no po dnà og d. Uzzndo quo gdng è ugg un o z on n n àd og n à nn pobbà h o u o d FC o d om 21. Gobmn nom omoomh ono on n 7% d on pognà nn o n 42% d h vvno nom o; n po om 21 è on n 1, 4 % d on pognà o. Ipognà d muo pp P pognà d muo pp nnd pnz d pmn pogn u vo d muo pp d vno d, on dmnon vb d 1 6 mm. L oo ndnz n og oun d II m v do 0,5 4,8%. Quo mk è o ono n 16% d on om 21 n 39% d qu on om 13. A omb un (AOU) Qu nom on n pnz d du o v (un d un vn) vo d odon omb. Sono d quo p d AOU, n b oo pob zoog; pù qun (98% d ) è po I, h u oo d nom d m nvoo n, d o uogn bo, ndom d odon omb oo d d.n popo z ong n n d nz daou èd o0, 21, 1% n ngo ;n g v dnzg m n d nz u 3-7 vo pù v (4-5 %)L AOU u o dod n u no (18%), d nom uu (7-55%) d nom omoomh (12%), n po om 18. Anom bomh d no dg I pm nv vo d ndvdu on n og on nom omoomh, h non pnvno nom uu mggo, hnno uzzo vuzon bomh, h ono pò v 38

39 ndo phé po poono um o n n II m d gvdnz, nh vdn n. In po on om 21 pnno un vo omn o d mo d om o,m nbà pà d u g nd bom pù uzz (Bp/Fmo, Fmo ovo/fmo o, Connz Cn/Fmo) non hnno ono u unvo, d oddn p un oo uo ouno no nng ogo d nom omoomh. I d om pnno n bh (duzon d dmo ono-op p ppmno d qum op vommn p duzon d obo on). Tuv n vo d do um n un z on d nd o( ppo o Bp/Fono-Op), non è uo u nh n quo o p b pà nbà on n dn h. 4) I ono d pn (o n) Condndo 100 d un dn po gzon, o nqunmo n è qu o u po è mn n md. Quno (5 ) n vuo d h d 100 d un po gzon, n 95% è ouo d pù gnd. 95 n vuo d h d 100, oo 5% è ouo d pù gnd. S dn do d po è no 10 pn p 'po gzon. Numn n qu dnzon ono omp nh ouzonmn po, p mpo n d gno d b u. Con mn do d nuno nnd pù pmn un n po ono pdn. Pmo obvo d dgno pn è quo d dngu nommn po d d nmno d. Impon è mono o vuppo mmo d o. Cò vn uo opuo on ppoo onnz n/onnz ddomn. Dun ondo m, ppoo è upo d 1 p o vuppo mggo d zon ( onnz d è pù gnd d on nz d ddom ). So n o n m mn vv n nv ond ppo o h mnn no d 1 no mn d gvdnz. 5 )I n hmodo E og o p od o? 39

40 I o o d p o è o nu o m u o d u v d ndd. L uv d pù omunmn uzz ono qu d dmo bp, d onnz n, d onnz ddom n,d ungh z z d mo d om o.ovv m n, oo d po è un do o on pob o o. Eo à mno vdn quno pù o è poo, à omn mggo n pù vnz d gvdnz phé nono vb om uo dpoo d o (h non è mn ob) pn n n no.spuòd h, u m n,non un o uz on oddn p ompo pobm d m og d po, à h n moudn d omu popo pubb. Ovvmn, non mpo mu non ondono on qu d mh; ò h on è h ppop go p pop uu opo. P mono o vuppo mmo d o vn nnnzuo uzzo ppoo onnz /onnz ddomn. 6 )L E og puòmo o don n o no o o? L og può mo u u z on d o don o un o o (nommn ouo d du h uono nono d un vn), u dpozon nom nono oo, pnz d nod. Dun gvdnz, odon dpon ono oo numo vo. Cò nommn non pobm p pobà d o d d opuo qundo u dmnon ono vmn po. È pob, ovvmn, h odon non ono oo du n m hv d pong nmom n u v. 7) Dgno d gvdnz xun o op (u n d dv d nom) (1). L dgno og d gvdnz op non è mp b. S b u gn d (vuzzzon d m ovu /o mbon n d x-un) u gn nd (uo vuoo, vmno n d pv, m nn). Epo b d gno og dg v dnz op n 79-85% d no 0,5-1 % d hund gno m n po v. S ongono mgo u (n mn d nbà/pà), uzzno n modo ngo d og qu bohm (doggo u ngum nod o monhcg /od ubun àb ).S on d 40

41 h, on un v o dβhcg ugu o up o UI /m, d bb vuzz m ovu n d ndoun on un m guo p v nvgn; ò non vvn v poo opo d gvdnz op. Nonon g vnzmn noog, gvdnz xun, puoppo, d d dgno. 8 ) O og o og d uppo o (1) L o og o og d uppo o è un m og o uo p v nddomn o nvgn om uppoo v d è nzzo d d dgno h poono uzz ompmno d v. Non v è vdnz n h u u un m ogo dun ogn v oo-gnoog. En o p g pz n gn od o og d nz p o g m og o m hvnno omunqu gu o ong ov ndo. I nd z on o og In o: v u z z z on d p nz n u o d m ovu, d mb ond v à d mbo- v u z ond p n z on ( v dnd ) v u z ond qun àd qu domn o o. In gnoog: v u z on d og n à d un um z on d gno on p o z onb m nu ( / o d) onoo d ozzzon d un dpovo ndouno (p). E on g o u z zod Dopp pu op vz ond v à d no 10 mn ompu Rzon Non è no h o un o po, m pm v d o og v ngono no m m n n n d pzn. 41

42 Cpoo 9 RIFLESSIONI NEL NOSTRO BLOG A. L podu puh poono mpgn d doog, n bn o n m. B. Cgg: p non dmn A) L podu puh poono mpgn d doog, n bn o n m. Cò pp vdn vo 'npmno do ono o dopo m d un doumno d p d d d oà d Mdn d Unvà d Rom on qu on h, n o n u un o n vvo dopo un'nuzon d gvdnz, nonoogo dv nvn p nmo nh nz hd 'uozzzon md ( LR pubb ) App vdn h doumno è o uo d un p gg 194. Amo ono h 'mo p v po p vo d pon non ppngono qu o qu p d oà. M hdo: phé non 'è o o mo p v ndo n u mod d zz un v pvnzon d dmm d'boo punndo u'duzon u d gndo 'uo d pvv? Anh podu dgnoh poono mpgn d doog m ò non è no d h. P quo pomo un oo pubbo u Ppu.. L podu dgnoh ono qu p ndom d Down (opuo b). I d po ono qu d du nn m non mb onz d o. Eo 'oo: - gà n pm m d gvdnz è pob ono pobbà h popo bmbno o d ndom d Down. L podu, d n un oo pubbo u Nw Engnd Joun o Mdn (Mon FD. N Eng J Md 2005; 353: Smpon JL. N Eng J Md 2005; 353: 206), on n un dmn qunz d m non poo p mmm bmbno h, quo ndh un o ho, dv gu d m pù mpgnv ponzmn dnno m d uo pù o. 42

43 I vnggo d quo modo d pod, ommnno g uo do udo, è mop: dàp ù n o mz onp d d p o d u o m ; p m donn hpo bb o g d bo d n omp gvdnz qundo è ondo pù uo mno umo; p m donn nd dv p ù mpo p d d dgno mpo m p u bo o; p m hnonh n nz ondbo dp p n d un go on quo po d muzon gn. Sondo gon d qu nomzon non è oì. Spo dopo vnu ononz d uo d un pn gno hdono mdo: «E do o dobbmo?». I mdo, è oo u pno donoogo, non pond: don ond u vo mo non b.o o p n d ub o h u o hv n d m d nèun u n p z onp obb d u z on,m non dà po domnd «Co o o?». I "d ", dpnd d omp ompnon d gno d nomzon d ongunz d pop don. T o d p Rho d nom gnh g 'à à mn ho po d ndom d Down / / /952 1/378 1/106 1/30 1/11 I h od v unbmb nodown on àd m d,è pu o. M non è m ugu zo. E un pm b d m h mno quo ho, nndo ono d un gnd qunà d d. Sono m nmn, h non dnnggno mmm bmbno. I uo d qu m pò non è dnvo: non ndvduno on zz u nu Down mn poono d o vvo nh bmbno non h un po d zon d omoom. L qunz h onug dbà poà è qu nd do 43

44 udo n quon: à, m d ngu, og d o. M d oo quo o hbb omunqu d po mn un gvdnz Down non onou o d nompn un nom mn ndvdu. Qund vvno md h o vogono uo m: pvo d v o o mn o n.qu p ò n oduono un ho p o h n un o ogn 300 bo. A donn on pù d 35 nn Svzo no o pobà gu d pvo d v o o mnon. L pù govn poono d pop p o nng po, n o g m pmn onno oo un ho p quo d un donn 35nn, hnno o guo g m pù nvv. G uo do udo nzzno mpo nz d p o p op op donnp ùg ovn : ono oo n mggo numo d bmbn d ongunz nh mggo numo d bmbn Down. M phé p d pgon pnd ho d un donn d 35 nn, o vvn dopo? Qu dopo 35 nn Unbmb nou 378 è Down Unbo o pon n oogn300mn o n op vod v o S omun mn o n u30 0 u un bo ounbmb no u37 8 n Down è nuo h poo ho bno d qu m oppob. Qu nd un govn d 20 nn (on b pobbà d boo ponno) pov d v un pobbà u 300 d v un go Down, unp ob b à u 30 0d bo n gu o m.an hp p o o h ob n od m, ondo h gud dgnoh, dvn oppob. M ho d v un boo ponno è pgonb quo d v un bmbno Down pnd d vo d poà d gno? Com poà un donn govn o un d 35 d on, ppu po, po b à h mpo mo unbmb no hnono n md nng pov n à no? Fno h puno è ddb non po mn un gvdnz Down? A ono d quno mno g uo do udo pubbo u Nw Eng nd, puòd h nzdqu mnon d on d gno. Non è un n nu vzo d h n vuo uo. 44

45 L nz d m p p nd v du bmbno Down po on é 'mpo mggo h qu ndom non ddb Po d p on à d bo o vo, h un on d no gud ug n Spuòd m n o p vo zz z ond m g h hnno o un go Down qundo «povno quo p mpdo» S oonno qu pun, non phé h v dd pm pop onvnzon n un no o n'o, m phé nnd m n ho om podu dgnoh p Down, oì om mo noog mdh, oo un'ppn nuà, no n à mpgn d doog, n bn o n m. In dv ono pozon un n oà: h o nnv o o n ng h nv h o u o o z on h vo no p z on o d p on po d hndp d p d oà d pog ompu no udo d ndom d Down h hnno dmno un mgomno gn d quà d v d h n è o È no non oovu g poog ngv u opp ndo d un d nng povo m nh non oovu un gn "ond" d qu. Pm: d nng non poono dgno m onono d pobb gudo ho d m. L dgno d zon omoomh om Sndom d Down è pob ono on modh nvv om von 'mnon) N dgno pn d om 21 mn "pnu d donn on povo" è uzzo o o modo d "pnu d donn h dono podu nvv" phé mggo p d pzn on d nng povo oopon d ongunz d un podu nvv, d è nh nonmo d " pov" n quno mggo p d ppnn quo guppo uno nom (n po, on g mn o n - g o pob omp m n d bo o bo v à n n qu n - n un gvdnz h n un gn p d è nom, u b d nomzon h on dho o o). L nzdqu non mb d ond g n o.non d nh nu vzo d h n vuo uo. 45

46 L nz d m p p nd v du bmb nodownpo on é 'mpo mggo h qu ndom non ddb Po d p on à d bo o vo, h un on d no gud ug n Spuòd m n o p vo zz z ond m g hhnno o un go Down qundo «povno quo p mpdo» S oonno qu pun, non phé h v dd pm pop onvnzon n un no o n'o, m phé nnd m n ho om podu dgnoh p Down, oì om mo noog mdh, oo un'ppn nuà, no n à mpgn d doog, n bn o n m poono n n dpov d gg. L gg (Lgg 194/1978- Nom p u o d mnà u IVG) m: E' ompo d mdo dpo u g mn n modo d po on opp un omp nomzon p uu don, v omp qu d un'nuzon d gvdnz. Appnmn n ono on: G u m n o p o on : g u o d n mn m v à pnp d odà umn, ono qu, n po d v d p on,nonu z z òm m ono nz I n u mo, o p n h nz dun zon po n on on d um n o d h o dd nun ( v z o ) n mb o no ompoà mp pù un o d buozzzon d poon md ovvo un umno d h dgnoh p mdn dnv non p bno d ovà. P.S. bd h nuno vuo du, qu, gg 194 o u mpzon; mn m é omp non p mpzon v o pggo bnzzzon. 46

47 B) Cgg: p non dmn (5) Pm: ' d'ogo L' d'ogo è un momzon h op 1 bmbno u ug v àpuòv d p z nzd o go( oè d uu ubu h og bo o omo), uo ogmno vo un o on h. S op opuo qundo n'og non vd o omo. ''P dgno un d'ogo - h do Gondno pdn d Soà n d dgno pn mdn mno- ono gn d nd: qu nd ono 'nz do omo o modo umno d qudo mnoo vb gà p d 20-22m mn d gzon. Sono mn h dvono pò ond mp op. I gn do, nv, h onn d un dgno u 100%, è oddo 'Pouh', h pp non pm d 25-26m mn. I nuo, n p, nz dgu on oz on un do movmno nodo h d ongunz, p ompon h vn, umn pdmn qudo mnoo om un ''. Pm è mpob omu un dgno '' L momzon può ov hugmn n nono. N o n u ompo oo 'nz d o d ogmno 'ogo h pobm vn oo hugmn n 97% d. Pù ompo ou un p d'ogo, opzon h ompo 'uzzo d un o d nno. Quo h un moà pù, nono 20-25%. I o A Cgg du og, vnm d vnunm mn, hnno vo ho d d'ogo md hnno popoo mg d mn, n po un onnz mgn. I nv d'opd d onvn d ppoond uzon ono nu: donn h do d bo. Ch n opo p 'nuzon d gvdnz h vo h o vvo d h hmo un pd d p nnv non h h nmo bmbno. I poo pv 500 gmm d è moo quh gono dopo. L gg L gg 194 pvd h 'nuzon voon d gvdnz dopo 90 gon po p 'è un gv poo p v d donn oppu ono po poog " u qu v vn nom o momzon d nuo, h dmnno un gv p o op u op h d donn" dn o... Qundo 47

48 u pobà d v uonom d o, 'nuzon d gvdnz può p oo n o d u ) d'oo 6 (oè 'è gv poo p donn, nd) mdo h gu 'nvno dv do ogn mu don vgud v d o". Cudo Gondno (5) h pgo h dgno d og ''è d d u omunqu pob mp oo dopo 2526m mn d gzon''. A qu puno pò d mn no qu gg 194 onn 'nuzon d gvdnz. A nu bb v onnz mgn p vnu mn, phé ''qu n, pm d 26 mn, onn d vd no mno po 'og''. Qu nd,' non ' è o un o nén z on og,nén omunzon opp: oo po d gg 194 d b voonàdundonn.lo munno ong un d omm on m d znd opd unv Cgg My d Fnz, un guo d'duo L o d R g on To n Ro h d nz o, n o d ponbà, po d vzz: "I pmo pno mmm, uo ono no" d no: N od ngu ompo m n o d g opo, h hnno go n pno po d gg quon d odn o, uu, po o. 48

49 Goo Tmn omunmn uzz dun un m ogo n gvdnz AORTA:è p ùg ndd o po.n d uo om o o p o gun ddom omo ddom n. ARTERIA CEREBRALE MEDIA: d vo, d d vo Dopp p m u m om no-. ARTERI EI LI ACHE: on nuz on d d o ddom n ; ono g ogn pv dg no. ARTERI ERENALI :o g nnod o ddom n v o zzno n. ARTERI EUTERI NE: onod mz ond h ;v o zzno u o qund nh pn. CORDONE OMBELICALE (O, MEGLIO, FUNICOLO OMBELICALE): odon h og pn o. H unzon d muov podo d uo d nuo po ngu ogno onz nun d md bmbno. CORPO LUTEO: ooo ovo om o n gu o ovu z on. C.R.L. (own-ump ngh, unghzz no- ud ) : ungh zzd mb on d mo om g n nod b no on u ond g.i nd b om op gu m n o d 6 13 mn. ECOCOLOR DOPPLER:è un o z on d n h : og h ndvdu un uu vo o uo, Dopp h pm d udn uo d oo h n mo onn po uu mo. ECOGRAFO: umno h uzz uuon om d p on mmgn u n mdn. EMBRIONE: ognmo n pm d vuppo. ENDOMETRI O:mu o h op n nod p u n. EPOCA DI AMENORREA DICHIARATA: dzon d gvdnz d pmo g o nod u mm uz on. EPOCA GESTAZIONALE EFFETTIVA: dzon d gvdnz uzzndo unghzz no- ud ( C. R. L. )d mb onm d n og. 49

50 FETO: podoo d onpmno d dm mn d gzon n. FINESTRA ACUSTICA: pzo h p g uuon n p ng on uu nomh oon. Empo po d n u è v d. FOLLI COLO: o mz on qu dd ov o h hud u uovo. I NDI CIBI OMETRI CI : onog nd d m n op gu m n o. I pnp nd bom ono: CIRCONFERENZA ADDOMINALE (CA): nd bomo u p on o od m n o mon o. CIRCONFERENZA CRANICA (CC): nd bomo p onoo d nom mno d no. DI AMETRO BI PARI ETALE: nd b om o p gu m n o p d 12 mn. DIAMETRO TRASVERSO DEL CERVELLETTO: nd bomo p onoo d nom mno d vo. LUNGHEZZA DEL FEMORE: nd bomo uzzb d 14 mn. L UNGHEZZA DELL OMERO: nd b om o u zzb d 14 mn. RAPPORTO CC/CA: è uzzo p mono o vuppo mmo d o. IPERECOGENA: uu h un novo qunà d uuon p n opp b n.l mp o oè pp n od o o. LI QUI DO AMNI OTI CO: qu do n uè mm o o n no d o mnoo. LOBI PARIETALI: ob d vo d n mdn. OVULAZIONE: ou d ooo bzon d u uovo. PLACENTA:o gno po o n no d u o o g o o m d n odon omb. POLIGONO DI WILLIS: v d b n h ono vo. SCANSIONE: modà d udo d un pozon d nom. S dnguono non ovpub o nddomn on dpozon d ond og u ddom n on nvgn on noduzon d ond og n vgn. 50

51 SONDA ( O TRASDUTTORE) :è pp o d m on z on d g uuon. SURFACTANT: oopd pn n pomon on unzon d onoo d non up. N pmu po mn un un qunà d u np n oèn nz p o. ULTRASUONI: ond on qunz upo 20 KHz, non ppb d o h o umno, u zz n d gno og ( n qu nz omp 2 10 MHz). VENA CAVA I NFERI ORE:è v np ùg ndd o po bo n odx d uo. Bbog: 1. Ln gud SIEOG (Soà In d Eog O Gnoog) Govnn Nzzo. E.L.I. Md; pg T od og no g n o og ;Dom n oa du n ond dzon pg Bono U d Soà d Dgno pn Mdn Mno. 5. L R pubb " U o S mp - Gun Rgon Ton Comuno mp 08/3/

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR

REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. Paciucci E. Ragno Servizio sicurezza e protezione - CNR REQUISITI DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI R. P E. R Svz szz pz - CNR L f sh s s mp pph ; p è pps pm pssbà p sss è ss vs, s s mp mq sz, ; s (, svh.) pss ss s z. I sh ss s spsv è sfvm fz m pph s p:

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght 2001-2008 Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns 2 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Serie RTC. Prospetto del catalogo

Serie RTC. Prospetto del catalogo Serie RTC Prospetto del catalogo Bosch Rexroth AG Pneumatics Serie RTC Cilindro senza stelo, Serie RTC-BV Ø 16-80 mm; a doppio effetto; con pistone magnetico; guida integrata; Basic Version; Ammortizzamento:

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 8 LEGGE 3 luglio 2014, n. 99 Ratifica ed esecuzione dell'accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'america sul rafforzamento della cooperazione nella

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI

\ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI \ l o n g a r e \ RE5 INDICE - TITOLO PRIMO - NORME GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOL AMENTO EDI L I ZI O E RI CHI AMO AL L E DI SPOSI ZI ONI DI L EGGE E REGOL AMENTI - TITOLO SECONDO - DISCIPLINA DEGLI

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI

TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI TUTTO QUELLO CHE NON AVRESTE VOLUTO SAPERE DEL CORSO DI INTRODUZIONE ALLA TEORIA DEI GRUPPI, DEGLI ANELLI E DEI CAMPI MA CHE QUALCUNO VI HA VOLUTO INSEGNARE LO STESSO CONTIENE 1. tutte le risposte alle

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

MC2. La centrale MC2 è un gruppo elettroidraulico compatto e modulare. La qualità dei singoli particolari unita alla

MC2. La centrale MC2 è un gruppo elettroidraulico compatto e modulare. La qualità dei singoli particolari unita alla IUI HYUIQU echnical atalogue ecember a centrale è un gruppo elettroidraulico compatto e modulare. a qualità dei singoli particolari unita alla semplicità del loro montaggio consente applicazioni con ingombri

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto

CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI. Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto CONCENTRAZIONE DELLE SOLUZIONI Solvente: normalmente liquido in eccesso Soluto: gas, liquido o solido, normalmente in difetto Percentuale in peso = g soluto / g soluzione x 100 H 2 O 2 al 3% Percentuale

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Letture progressive per la prima

Letture progressive per la prima Letture progressive per la prima Alunno/a ------------ Classe --- ORDINE DI PRESENTAZIONE DELLE LETTERE O I A U - E M R S L F P T - N B V - Z D CA CO CU Q CE CI GA GO GU GE GI H CHE CHI GHE GHI SCHE SCHI

Dettagli

PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE

PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE PROBLEMI DI PRIMO E SECONDO GRADO CON ATTENZIONE AI CASI LIMITE Scuola secondaria di 2 o grado Classe terza Grazia Landini Barbara Magnani Milena Rabbi Maria Ragagni Roberto Ricci 125 126 Indice Problemi

Dettagli

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme

Proof. Dimostrazione per assurdo. Consideriamo l insieme complementare di P nell insieme G Pareschi Principio di induzione Il Principio di Induzione (che dovreste anche avere incontrato nel Corso di Analisi I) consente di dimostrare Proposizioni il cui enunciato è in funzione di un numero

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME

TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME TUBI PER UTILIZZI IN PRESSIONE - CORRELAZIONE TRA LE NORME 10216 Parte 1 - TR2 Non 3059-1:87 Acciaio al Carbonio 3601:87 Acciaio al Carbonio 1629:84 1630 49-111:78 (p Usi Generali Temperatura Ambiente

Dettagli

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*)

ACCETTAZIONE O RINUNCIA FIRMA(*) Prot. AOOUSPNO 5969/U Novara, 22/08/2013 IL DIRIGENTE la CM n. 8004 del 02/08/2013 e il relativo contingente assegnato a questa provincia per l attribuzione di contratto a tempo indeterminato per il PERSONALE

Dettagli

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito Voto attribuito O S VOT Voto non attribuito OO PU O RTURO TOS PPPO USPP VR PURO OO ROSS OR PTRO S PO TOO VV SPROO RO O Si può mettere un segno sul candidato alla presidenza e un altro sul simbolo del candidato

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04

V _ TAS. C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2 0 04 V _ TAS G e s t i o n e e co n t ro l l o d e l l a p ro g e tta z i o n e C o n f o rm e a l i a N o rm a U N I E N I S O 9 0 0 t ; 2 0 0 8 C o n fo rm e a l i a N o rm a U N I E N I SO 1 4 0 0 1 : 2

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI

REALIZZAZIONE DI NUOVA FOGNATURA NERA AL SERVIZIO DELLE VIE ASIAGO, ORTIGARA, ROVIGO, COL DI TENDA E ALPE DI SIUSI BS OHSAS 18001 - ISO 50001 viale E. Fermi 105 20900 Monza (MB) tel 039 262.30.1 fax 039 2140074 p.iva 03988240960 capitale sociale 29.171.450,00 brianzacque@legalmail.it www.brianzacque.it progetto: REALIZZAZIONE

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede

CIRCOLARE n.148. Al Personale Docente. Sede 1 I.C. Slvo Pllco Portoplo Cpo Pssro 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE S. PELLICO V Crnnà 4 c..p. 96018 - PACHINO (SR) Tl. 0931/801226-0931597094 ml :src853002q@struzon.t www.pllcopchno.t Coc Fscl 83001430897.

Dettagli

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012

Monitoraggio quantitativo della risorsa idrica superficiale Anno 2012 Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale Politiche mbientali, nergia e Cambiamenti Climatici Settore Servizio Idrologico Regionale Centro Funzionale della Regione Toscana M Monitoraggio quantitativo

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI.

IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA: FATTORIZZAZIONE IN NUMERI PRIMI. PH. ELLIA Indice Introduzione 1 1. Divisori di un numero. 2 2. Numeri primi: definizioni. 4 2.1. Fare la lista dei numeri primi.

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

SCUOLA PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES. Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014. Spiderman

SCUOLA PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES. Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014. Spiderman SCUO PARITARIA BEATA VERGINE DI LUORDES Holy Christmas Night FESTA DI NATALE 2013/2014 Spiderman 22/12/2013 CANONE MARCIA DEI - DA LONTAN ARRIVANO T - MI 7 SU T CAMMELLI FIERI E DRAPPEGGIATI - DA LONTAN

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI

MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI MATEMATICA C3 - GEOMETRIA 1 2. CONGRUENZA NEI TRIANGOLI Indice Triangle Shapes Photo by: maxtodorov Taken from: http://www.flickr.com/photos/maxtodorov/3066505212/ License: Creative commons Attribution

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

altri sistemi di posizionamento PSE 21_ / 23_-8 PSE 34_-14 PSE 31_-VG-14 PSE 100 / 200 PSE 172 / 272 LPE 72 LPE 4310 C

altri sistemi di posizionamento PSE 21_ / 23_-8 PSE 34_-14 PSE 31_-VG-14 PSE 100 / 200 PSE 172 / 272 LPE 72 LPE 4310 C altri sistemi di posizionamento PSE 21_ / 23_-8 PSE 34_-14 PSE 31_-VG-14 PSE 100 / 0 PSE 172 / 272 LPE 72 LPE 4310 PSE 21_ / 23_-8 Durata d inserzione 50 % (tempo base 300 s) limentazione 24 V D ± 10 %

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015

DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 DE e DTE: PROVA SCRITTA DEL 26 Gennaio 2015 ESERCIZIO 1 (DE,DTE) Un transistore bipolare n + pn con N Abase = N Dcollettore = 10 16 cm 3, µ n = 0.09 m 2 /Vs, µ p = 0.035 m 2 /Vs, τ n = τ p = 10 6 s, S=1

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

Ventilatori centrifughi Elettroventilatori con coclee. Edizione 1.3 Novembre 2012

Ventilatori centrifughi Elettroventilatori con coclee. Edizione 1.3 Novembre 2012 Ventilatori centrifughi Elettroventilatori con coclee Edizione 1.3 Novembre 212 2 l bilancio totale è decisivo Sistemi completi di Nicotra Gebhardt n base alla Direttiva Er, a seconda del tipo di ventilatore,

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci

JOHANN SEBASTIAN BACH Invenzioni a due voci JOH EBTI BCH Invnzon a u voc BWV 772 7 cura Lug Catal trascrzon ttuata con UP htt//ckngmuscarchvorg/ c 200 Lug Catal (lucatal@ntrrt) Ths ag s ntntonally lt ut urchtg nltung Wormt nn Lbhabrn s Clavrs, bsonrs

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

U500. Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni

U500. Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni U500 Il nuovo standard dei sensori ad ultrasuoni Flessibilità come ragione di successo Un design due tecnologie Si allarga la famiglia dei prodotti NextGen: Baumer lancia infatti l U500, la versione ad

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm

Scaldasalviette costruito con elementi orizzontali in acciaio del diametro di 20 mm saldati per fusione con collettori diametro 34 mm BAT 20 W ESEMPIO D ORDE Per eseguire correttamente l ordine di questo modello seguire l esempio sotto riportato: PRODOTTO BA20#080050 0B1 ST 9010 BA20#080050 articolo riportato nella tabella prezzi a fianco

Dettagli

Sensori ad ultrasuoni

Sensori ad ultrasuoni Sensori ad ultrasuoni SENSORE AD ULTRASUONI SUM-P20 U H (cod. U12000002) CUSTODIA CILINDRICA METALLICA M12x1 USCITA ANALOGICA 0...10 SISTEMA DI RILEAMENTO Distanza di rilevamento Uscita analogica ( RL

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

ESTRATTORI CENTRIFUGHI DA TETTO Serie MAX-TEMP CTHB/CTHT - Scarico orizzontale

ESTRATTORI CENTRIFUGHI DA TETTO Serie MAX-TEMP CTHB/CTHT - Scarico orizzontale Serie MAX-TMP CTHB/CTHT - Scarico orizzontale Torrini estrattori omologati per estrazione aria a 4 C/2h in emergenza (1), con scarico oriz-zontale. Costruzione con basamento in acciaio zincato, cappello

Dettagli

ESERCIZI ph SOLUZIONI

ESERCIZI ph SOLUZIONI ESERCIZI ph SOLUZIONI 1. Una soluzione contiene 3,6 g di LiOH (PM = 23,9 g/mole). Calcolare il ph di questa soluzione [13,3] 2. Calcolare il ph di una soluzione preparata con 10,85 ml di HCl (PM = 36,46

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

AZIENDA SANITARIA DI NUORO

AZIENDA SANITARIA DI NUORO AZIENDA SANITARIA DI NUORO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA UNIONE EUROPEA Fondi POR FESR Sardegna 2007 2013. Programmazione economie più risorse aggiuntive a valere sull asse II: Inclusione, servizi Sociali,

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo,

n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo, n de st oasi de relacchese, cibborio e de sollazzo, Ecco ancora n occasione in cui veng a rompe r cazzo, Perché propo l artroieri sta signora ch è qui sotto Ha sgarato n artro anno, per cui mò sò ggià

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto 2014 - Soluzioni a Domande e Risposte 9ik8ujm Quesito 1 Risposta B Associazione per l Insegnamento della Fisica La formazione di una stella è dovuta alla contrazione gravitazionale di una nube di gas e polveri Da una stessa nube generalmente

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 valido per le richieste di connessione presentate a partire dall 1 gennaio 2011 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 79/08, ARG/elt

Dettagli

Valvola di strozzamento e non ritorno

Valvola di strozzamento e non ritorno Valvola di strozzamento e non ritorno RI 79/0.09 Sostituisce: 0.06 /6 Tipi MG e MK Grandezze nominali da 6 a 0 Serie X Pressione d'esercizio massima 5 bar Portata max. 400 l/min. K564- Sommario Indice

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo

Unità Didattica N 28 Punti notevoli di un triangolo 68 Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo Unità Didattica N 8 Punti notevoli di un triangolo 0) ircocentro 0) Incentro 03) Baricentro 04) Ortocentro Pagina 68 di 73 Unità Didattica N 8 Punti

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito

GUIDA TECNICA. La distribuzione in bassa tensione. Dispositivi di apertura. Correnti di sovraccarico. Protezione fusibile. Correnti di corto circuito GUIDA TECNICA La distribuzione in bassa tensione Scemi di collegamento a terra 480 Tensioni, sovratensioni 482 Qualità dell energia 483 Miglioramento della qualità della rete 488 489 Dispositivi di apertura

Dettagli