Cateterismo della vena ombelicale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cateterismo della vena ombelicale"

Transcript

1 Cateterismo della vena ombelicale La cateterizzazione dei vasi ombelicali (CVO) è una tecnica molto utile, spesso insostituibile in sala parto durante la rianimazione neonatale e nei reparti di terapia intensiva/sub-intensiva/patologia neonatale. Malgrado la semplicità di realizzazione può provocare, anche se molto raramente, complicanze letali. Perché ciò non avvenga bisogna quindi sempre tenere a mente alcune regole fondamentali, che andranno poi scrupolosamente applicate nella pratica. Indicazioni Le indicazioni primarie al posizionamento di un catetere nella vena ombelicale sono la rianimazione farmacologica in sala parto e la necessità di effettuare la exanguino-trasfusione (EXT). Indicazioni secondarie sono l infusione di soluzioni, farmaci e l effettuazione di prelievi ematici. Controindicazioni al posizionamento di un catetere venoso ombelicale (CVO) sono: l onfalite, l onfalocele la enterocolite necrotizzante (NEC) e la peritonite. Anatomia della vena ombelicale Nel neonato a termine la vena ombelicale (VO) (Fig.1-2). è lunga 2-3 cm e ha un diametro di 4-5 mm. Dall ombelico decorre in alto e leggermente verso destra, dove sbocca nel ramo sinistro della vena porta dopo aver generato molti grandi rami intraepatici che si distribuiscono direttamente nel parenchima epatico. Il condotto venoso dell Aranzio è una prosecuzione della vena ombelicale, origina dal ramo sinistro della vena porta proprio di fronte allo sbocco della vena ombelicale. Alla nascita il dotto venoso è lungo 2-3 cm con un diametro di 4-5 mm, è localizzato fra il lobo destro e sinistro del fegato nel piano sagittale mediano del corpo. Sbocca, con le vene epatiche, nella vena cava inferiore (VCI). Dopo la nascita per la legatura della vena ombelicale si determina l esclusione del condotto venoso di Aranzio e la sua successiva obliterazione che, inizialmente funzionale diviene poi anatomica fra il 30 e il 90 giorno di vita, per la trasformazione in legamento venoso. La porzione intraaddominale della vena ombelicale, per un processo di obliterazione che si completa entro il 3 mese di vita, si trasforma nel legamento rotondo del fegato. Precauzioni La punta del catetere deve essere posizionata lontano dall origine delle vene epatiche, dalla vena porta e dal forame ovale. Il CVO deve essere nel dotto venoso o nella VCI. Se il catetere non progredisce evitare forzature. In situazioni di emergenza per somministrare farmaci indispensabili (non iperosmolari) posizionare la punta a 2-3 cm dal piano cutaneo e prima di infondere verificare se c è reflusso di sangue. Prima di una EXT verificare mediante radiografia (Rx) o ultrasonografia (US) la posizione del CVO, la EXT non va effettuata se il CVO è nelle vene epatiche o nel sistema della vena porta. Il CVO, una volta fissato, può solo essere sfilato. Evitare l infusione di soluzioni ipertoniche attraverso un CVO in posizione periferica. Non lasciare il catetere aperto esposto alla pressione atmosferica per il rischio di embolia gassosa. Equipaggiamento Garze sterili 10x10 Sol. Fisiologica Soluzione antisettica Fascette Cuffia Raccoglitore urine Mascherina Seta con ago 00 Camice sterile Cerotto Guanti sterili Rubinetti Telino sterile Prolunghe Ferri sterili Pompa da infusione/elastometro Siringhe Lampada per illuminazione Catetere Cateteri Il catetere ideale dovrebbe essere: biocompatibile, non trombogeno, non degradabile, chimicamente inerte, apirogeno, morbido, solido, non endotelio lesivo, avere alto rapporto diametro interno/esteno, radiopaco, resistente alle infezioni, con connessioni esterne trasparenti, con connessioni Luer-Look. I CVO sono realizzati generalmente in polivinil cloruro, poliuretano e silicone (non devono essere impiegati i sondini per alimentazione per l elevato rischio di trombosi).

2 Solitamente si utilizzano cateteri di calibro 5 French (Fr) per neonati di peso <3.500 g, e 8 Fr se il peso è g (esistono in commercio anche altri calibri: 2, Fr). Per l EXT si usano cateteri 5 o 7 Fr dotati di fori laterali per ridurre il rischio di lesione della sottile parete della vena cava contro la punta del catetere. Al termine della procedura il catetere va rimosso e sostituito con un normale catetere ombelicale. I cateteri possono essere a un solo lume (vantaggi: minore superficie e quindi minore rischio potenziale di trombosi) o a più lumi (vantaggi: riduzione dei punti di accesso vascolare, possibilità di infondere contemporaneamente soluzioni incompatibili; svantaggi: maggiore superficie e quindi maggiore rischio potenziale di trombosi). Il calibro minimo di un catetere a più lumi è 4Fr. Il catetere non perfuso in continuo o la seconda via del catetere devono essere riempiti con soluzione fisiologica (SF) ed eparina (0,5-1 UI di eparina sodica per ml di SF). Il volume da introdurre deve essere di poco superiore alla capacità del catetere (indicata sulla confezione). Prima di utilizzare il catetere rimuovere la soluzione eparinizzata e fare un lavaggio con SF. Procedura Il cateterismo della vena ombelicale deve essere effettuato da personale esperto con competenze accertate ed è necessario rispettare rigorosamente tutte le norme di asepsi. Preparare il materiale necessario (vedere equipaggiamento) e immobilizzare il neonato. La procedura non è dolorosa ma anche la semplice immobilizzazione può provocare fastidio e pertanto è doveroso mettere in atto tutte le misure possibili per assicurare il maggior confort del neonato quali somministrazione di soluzione glucosata al 33% per os, contenimento, ciuccio e riscaldamento per evitare il raffreddamento. Monitorizzate la frequenza cardiaca e la saturazione (alzare il volume dell allarme del cardiomonitor o del saturimetro) e il colorito delle estremità. Calcolare la lunghezza di inserimento del catetere utilizzando dei nomogrammi (Fig.3). basati sulla lunghezza del neonato o sulla distanza spalla-ombelico. La posizione della punta del catetere può essere centrale, al di sopra del diaframma, alla giunzione fra VCI e atrio destro (T9 e T10) (Fig.4), oppure periferica (Fig.5), a 2-3 cm dal piano cutaneo, prima del fegato. La punta del catetere deve essere lontana dall origine dei vasi epatici dalla vena porta e dall atrio destro. Effettuare una preliminare antisepsi del moncone e della cute circostante con clorexideina o con iodopovidone. Indossare maschera e cuffia, lavarsi le mani e indossare camice e guanti sterili. Disinfettare il moncone e la cute circostante (5 cm) con garze sterili imbevute di soluzione antisettica e coprire il moncone con altre garze sterili imbevute di soluzione antisettica. Posizionare il telo sterile sull addome del neonato lasciando visibili gli arti inferiori e aprire il pacco dei ferri (Fig.6). Riempire sterilmente due siringhe da 10 ml con S.F., verificare l integrità del catetere e riempirlo con SF e lasciare la siringa collegata (se presenti, riempire anche le altre vie del catetere e chiuderle con tappi sterili). Afferrare il moncone con le pinze e sollevarlo dal campo sterile. Stringere delicatamente le pinze emostatiche o il laccio ombelicale alla base del moncone (gelatina di Warton). Tagliare il moncone orizzontalmente con un bisturi (o con la forbice) a circa 1-1,5 cm dalla cute, evitare sezioni rasenti la cute. Allontanare la parte tagliata del moncone dal campo sterile. La vena può sanguinare più delle arterie perché non ha pareti contrattili. Una pressione locale è sufficiente per arrestare il sanguinamento Controllare il sanguinamento stringendo il laccio o le pinze emostatiche. Tamponare il moncone con garza senza strofinare per non alterare l anatomia del moncone. Visualizzare la vena ombelicale (beante con pareti sottili solitamente alla periferia del moncone ombelicale). Afferrare il moncone con una o due pinze dentate e inserire delicatamente le punte della pinza senza denti nel lume della vena e rimuovere ogni coagulo. Introdurre il catetere per 2-3 cm dal piano cutaneo indirizzandolo verso l alto. Aspirare delicatamente dalla siringa e se c è reflusso di sangue continuare a inserire il catetere fino alla distanza predeterminata. Se si aspira sangue con difficoltà può esserci un coagulo sulla punta del catetere: sfilare il catetere mantenendo l aspirazione, rimuovere il coagulo e reinserire il catetere. Se si incontra resistenza prima di aver introdotto il catetere alla distanza desiderata é probabile che il catetere sia penetrato nel sistema portale o si sia incuneato in un ramo intraepatico della vena ombelicale. Sfilare il catetere a 2-3 cm dal piano cutaneo, ruotarlo delicatamente e reinserirlo per tentare di far passare la punta nel dotto venoso. Se tutti i tentativi di posizionare centralmente il catetere falliscono lasciare il catetere a 2-3 cm dal piano cutaneo. Se il catetere è nel sistema portale si può provare a lasciarlo in questa posizione e inserire un nuova catetere nello stesso vaso; poi rimuovere il primo catetere (successo del 50%). Fissare il catetere con punti di sutura applicati sulla gelatina di Warton e mai sulla cute (Fig.7-8-9). Il catetere non si deve spostare in dentro o in fuori rispetto alla posizione desiderata. In alternativa i punti di sutura sul moncone possono essere applicati prima dell introduzione del catetere e stretti dopo l introduzione del catetere. In attesa della verifica radiografica della posizione della punta effettuare una medicazione provvisoria con garze sterili e cerotto e infondere esclusivamente SF. Se, dopo la radiografia, il catetere non è nella posizione desiderata si può solamente sfilarlo di alcuni cm per posizionarlo perifericamente. Talvolta se la posizione non è chiara può essere necessario effettuare una radiografia in proiezione laterale. Effettuare la medicazione definitiva (Fig.10) con cerotto semipermeabile trasparente o con garza sterile e cerotto. Se la punta del CVO è in VCI, come nel caso dei cateteri venosi centrali, il catetere può essere utilizzato per infondere soluzioni e farmaci con elevata osmolarità, ph non fisiologico o irritanti; il calibro della vena e l elevato flusso ematico consentono, infatti, un adeguata emodiluizione. È possibile quindi somministrare attraverso un CVO centrale soluzioni più concentrate (Soluzioni glucosate >10%, Nutrizione parenterale) e farmaci acidi

3 (gentamicina, vancocina) o basici (ampicillina) o irritanti (vancocina, amfotericina) che se infusi in un vaso periferico danneggerebbero le pareti della vena e potrebbero provocare danni da infiltrazione/stravaso. Se la punta del CVO è in posizione periferica la possibilità di infondere queste soluzioni e questi farmaci è limitata perchè il calibro e il flusso ematico nella VO sono inferiori rispetto alla VCI e, soprattutto, per il rischio di una localizzazione impropria del catetere all interno dei vasi epatici (vena porta, diramazioni intraepatiche della VO, vene epatiche). Gestione del catetere Il catetere deve essere mantenuto pulito (lavaggi prima e dopo le infusioni o i prelievi), i set di infusione (anche raccordi, rubinetti e tappi) devono essere sostituiti ogni 72 ore (ogni 24 ore se si somministrano lipidi). Le porte di accesso al sistema devono essere sempre pulite con alcool 70% o con clorexidina. La medicazione con cerotto semipermeabile trasparente deve essere cambiata (con tecnica sterile) solo se sporca o non aderente. La medicazione effettuata con garza sterile e cerotto deve essere sostituita ogni 48 ore. Non vanno usate pomate o creme antibiotiche topiche sul moncone perché aumentano il rischio di infezioni fungine o resistenze antimicrobiche. Durata del cateterismo Il CVO va rimosso appena possibile se è periferico, può essere mantenuto fino a 14 giorni se in posizione centrale e gestito in modo asettico, la rimozione deve essere immediata se si sospetta una complicanza. Rimozione del catetere Eliminare la medicazione, detergere e disinfettare il moncone. Tagliare il filo di sutura facendo attenzione a non ledere il catetere. Estrarre delicatamente il catetere e controllarne l integrità. Se si desidera effettuare la coltura della punta tagliare la punta con forbici o bisturi sterili e raccoglierla in una provetta sterile da inviare per l esame colturale. Se si verifica sanguinamento esercitare una pressione locale per alcuni minuti. Medicare con garza sterile fissata con cerotto. Tenere il neonato supino per alcune ore e controllarlo frequentemente per evidenziare un eventuale sanguinamento dal moncone.

4 Complicanze INFETTIVE TROMBOEMBOLICHE POSIZIONE ANOMALA NEL CUORE O GRANDI VASI o Aritmie o Versamento pericardico/tamponamento cardiaco (Perforazione cardiaca) o Endocardite trombotica o Infarcimento emorragico dei polmoni o Idrotorace CATETERE NEL SISTEMA PORTALE o Aritmie o Perforazione del colon o Necrosi epatica o Cisti epatiche ALTRE (rare) o Perforazione del peritoneo o Ipertensione portale o Fibrillazione ventricolare o Masse fungine in atrio destro o Ischemia delle dita o Pneumopericardio Infezioni Si definisce infezione catetere correlata una batteriemia o fungemia (da prelievo periferico) in un paziente portatore di un catetere venoso centrale (CVC) con segni clinici di sepsi e assenza di altre possibili fonti di infezione con, in aggiunta, o una coltura positiva del catetere per lo stesso germe dell emocoltura (semiquantitativa 15 cfu o quantitativa 10 2 cfu), o un tempo positivizzazione coltura CVC vs emocoltura periferica >2h (stesso germe) o una coltura positiva con metodo quantitativo con 5:1 ratio CVC vs emocoltura periferica (stesso germe). L infezione è causata dalla migrazione della flora cutanea dal sito di inserimento lungo il catetere con colonizzazione di quest ultimo. Altre cause di colonizzazione sono la contaminazione del raccordo, del catetere al momento dell inserimento, l infusione di soluzioni inquinate, la colonizzazione del catetere per via ematogena da siti distanti di infezione. L incidenza varia fra 3,7 e 10 per 1000 giorni catetere. Il confronto fra le diverse incidenze è ostacolato dalla difficoltà nel definire l infezione, dalla diversità delle tecniche di inserimento e di manutenzione del catetere e dalla non omogeneità della popolazione in esame. Il rischio di infezione catetere correlata nei pazienti con CVO è sovrapponibile a quello dei pazienti con altri tipi di cateteri centrali con però una maggiore prevalenza di infezioni localizzate nel fegato e nel cuore. Complicanze trombo-emboliche Le complicanze trombo-emboliche sono in relazione a lesioni dell endotelio vasale (catetere o proprietà delle soluzioni infuse), riduzione del flusso ematico (catetere, policitemia), ipercoagulabilità (superficie del catetere, trombofilia, infezioni, coagulazione intravasale disseminata). Le complicanze sono a carico del fegato se il fenomeno è limitato al sistema portale oppure nel circolo polmonare e poi in tutti gli organi se si verifica nel dotto venoso. La prognosi è in genere buona se la diagnosi è tempestiva e se il catetere viene rimosso subito. La mortalità è più elevata se la trombosi si verifica in atrio destro o nella vena cava superiore (VCS). Posizione anomala nel cuore o nei grossi vasi Il catetere ombelicale dalla VCI può raggiungere l atrio dx, la VCS (Fig.11,12), il ventricolo dx, oppure, attraverso il forame ovale, passare nell atrio sn e da qui nel ventricolo sn e nelle vene polmonari. Un CVO nelle camere cardiache provoca per lo più un aritmia che si risolve con la retrazione del CVO nella corretta posizione. Molto più rara ma potenzialmente letale è la perforazione cardiaca dovuta alle sostanze iperosmolari infuse che danneggiano l endocardio provocano necrosi transmurale e trombosi con diffusione dei fluidi nel pericardio e tamponamento cardiaco. Un CVO nelle vene o nelle arterie polmonari può provocare atelectasia, emorragia, infarto polmonare e idrotorace. Catetere nel sistema portale La localizzazione nel sistema portale è la più frequente posizione anomala di un catetere venoso ombelicale (Fig.13,14) e può essere responsabile di gravi danni epatici. I meccanismi ipotizzati per l instaurarsi del danno sono vari. La trombosi delle vene epatiche e/o l infusione di soluzioni ipertoniche o irritanti inducono lesioni epatiche, necrosi,

5 calcificazioni, cavernoma della vena porta, ipertensione portale. Le soluzioni ipertoniche e/o la lesione diretta del catetere possono provocare perforazione dei vasi epatici, stravaso nel cavo peritoneale e ascite o emoperitoneo. L occlusione dei vasi mesenterici può causare NEC o perforazione del colon.

6 Fig. 1 Organizzazione generale della circolazione fetale (Anatomia Umana III Ed edi-ermes milano 1991)

7 Fig. 2 Rappresentazione schematica dell anatomia della vena ombelicale

8 Lunghezza neonato Fig. 3 Nomogramma per il calcolo della lunghezza del catetere venoso da introdurre per localizzare la punta a livello della cupola diaframmatica. Modificato da Dunn PM.

9 Fig. 4 CVO in VCI (freccia rossa), sopra la giunzione atrio dx-vci: deve essere sfilato di circa 1 cm. CAO (frecce bianche) a livello di T7 in buona posizione

10 Fig. 5 CVO in posizione pre-epatica (L2)

11 a1 b1 a2 d b2 b3 c1 c2 Fig. 6 Ferri per il cateterismo della vena ombelicale. a1= forbice; a2= bisturi; b1 pinza con denti; b2= pinza atraumatica; b3= pinza senza denti; c1= pinza Kelly; c2= pinza Kocher; d= porta aghi.

12 E U U E Fig. 7 Come apporre i punti di sutura (E= entrata; U= uscita)

13 I due capi del filo devono essere di uguale lunghezza sui due lati del moncone. Fare un doppio nodo Avvolgere i due capi del filo intorno al catetere e fare un doppio nodo. Fare un secondo nodo più in alto Avvolgere i due capi del filo intorno al catetere e fare un doppio nodo. Controllare che il catetere sia ben fissato. Tagliare i due capi del filo Fig.8 Come ancorare il catetere al moncone ombelicale Fig. 9 Fissaggio ad acca

14 Fig. 10 Medicazione

15 Fig. 11 CVO nella vena cava superiore

16 Fig. 12 CVO localizzazione nel cuore o nei grandi vasi

17 Fig. 13 CVO in un ramo sinistro della vena porta

18 Fig. 14 CVO nel sistema della vena porta

19

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO

AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO Cateteri per arteria/vena ombelicale in poliuretano a lume singolo Argyle Codice prodotto Descrizione del prodotto 8888160325 CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 2,5

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

Posizionamento catetere venoso centrale e periferico

Posizionamento catetere venoso centrale e periferico Posizionamento catetere venoso centrale e periferico Data Revisione redazione approvazione autorizzazione N archiviazione 05-06-2012 05-06-2013 D.ssa Biasetti Ornella D.ssa Carta Anna Rita Coord. Inf.

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI

GESTIONE DEI CATETERI Regione Piemonte AO S. Croce e Carle - Cuneo Gruppo di Lavoro Aziendale GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI Dr.ssa Elide AZZAN Presidente C.I.O. Data emissione: 10/01/2012 Rev. n. 1 Dr Riccardo Dutto

Dettagli

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere IL PICC Catetere venoso centrale ad inserimento periferico Guida per il paziente e l infermiere Indice Introduzione Pag. 2 Dati paziente e Picc Pag. 3 Paziente Cos è il Picc? Pag. 4 Quando è utile tale

Dettagli

Indicazioni al posizionamento di un PICC: Controindicazioni:

Indicazioni al posizionamento di un PICC: Controindicazioni: Cateterismo venoso centrale per via percutanea nel neonato Introduzione L aumento della sopravvivenza di un sempre maggior numero di neonati estremamente prematuri e in condizioni critiche rende indispensabile

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica Negrar, 14 settembre 2015 Infusione Prelievi ematici Manutenzione Medicazione Educazione sanitaria INFUSIONI Il CVC va utilizzato

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Riconoscere i segni ed i sintomi specifici della sepsi Rilevazione e monitoraggio

Dettagli

Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf

Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf Traduzione Angela Corbella 1 LINEEGUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE AL CATETERE INTRAVASCOLARE Abbreviazioni

Dettagli

Gestione dei fattori di rischio

Gestione dei fattori di rischio Quale rischio? Gestione dei fattori di rischio Infezioni correlate ai dispositivi di accesso venoso centrale Settore Igiene Ospedaliera Gruppo Sorveglianza Epidemiologica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC)

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC) PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC) Revisione effettuata nel 2005 a cura di Gattel Tamara e Noacco Massimo SCOPO Questo documento descrive le implicazioni operative nell assistenza

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO

CATETERE VENOSO PERIFERICO I.R.C.C.S. POLICLINICO S. MATTEO DI PAVIA REPARTO DI MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO CATETERE VENOSO PERIFERICO INSERIMENTO GESTIONE COMPLICANZE EPARINIZZAZIONE COMPOSITORE TESTO ABELA SEBASTIANO MATRICOLA

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE 1 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

Azienda O. - U. Ospedali Riuniti Umberto I - Lancisi - Salesi - Ancona Corso di Laurea in Infermieristica S.O.D.: Clinica Medica

Azienda O. - U. Ospedali Riuniti Umberto I - Lancisi - Salesi - Ancona Corso di Laurea in Infermieristica S.O.D.: Clinica Medica Emissione Data Realizzato da Autorizzato da Firme Cucchi Augusta CdL Infermieristica Direttore Dipartimento Fiorentini Rita CdL Infermieristica Direttore Sod Contadini Simonetta SOD Cl. Medica Coordinatore

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI CATETERI PER TERAPIA ENDOVENOSA PICC E MIDLINE E ACCESSORI DI POSIZIONAMENTO Gara (cottimo annuale) per la fornitura di cateteri a media permanenza per la terapia

Dettagli

LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma

LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma TURN OF THE CENTURY (1999-2001) All inizio di questo secolo, sono comparse tre grandi novità LA EVIDENCE-BASED PRACTICE

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE PROCEDURA AZIENDALE 0...

GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE PROCEDURA AZIENDALE 0... Pag. 1 di 9 PROCEDURA AZIENDALE Revisione Data Approvato da Firma 0... Pag. 2 di 9 PREMESSA Il cateterismo venoso centrale (CVC ) consiste nell introduzione di un catetere lungo, mono o multilume nel sistema

Dettagli

Il trattamento dei pazienti critici richiede uno o più accessi vascolari, sia a. L incannulazione vascolare può essere eseguita avanzando un catetere

Il trattamento dei pazienti critici richiede uno o più accessi vascolari, sia a. L incannulazione vascolare può essere eseguita avanzando un catetere Il catetere vascolare Il trattamento dei pazienti critici richiede uno o più accessi vascolari, sia a scopo di monitoraggio che a scopo operativo. L incannulazione vascolare può essere eseguita avanzando

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA LA CHIUSURA DELL AURICOLA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona Sala Cardiologia Interventista, Presidio ospedaliero Santa Corona Pietra Ligure (SV), ASL2 STROKE

Dettagli

IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI

IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA Direzione Sanitaria IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE COLLOCAZIONI: N CARRELLO N CARRELLO N CARRELLO

Dettagli

CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA

CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: DELLA SALA DI EMODINAMICA E DELLA DEGENZA Antonella Corona S.S. Emodinamica Ospedale Santa Corona Caterina Varaldo S.C. Cardiologia Ospedale San Paolo CHIUSURA PERCUTANEA DELL AURICOLA SINISTRA: ASPETTI ORGANIZZATIVI DELLA SALA DI EMODINAMICA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE ALLA PRESENZA DI CATETERI VENOSI CENTRALI

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

722 Isom Road San Antonio, Texas 78216 U.S.A. EC REP. Emerge Europe Molenstraat 15 2513 BH, The Hague The Netherlands

722 Isom Road San Antonio, Texas 78216 U.S.A. EC REP. Emerge Europe Molenstraat 15 2513 BH, The Hague The Netherlands DI Vidacare SIstemA PER InfusionE IntraosseA ISTRUZIONI PER L USO 722 Isom Road San Antonio, Texas 78216 U.S.A. EC REP Emerge Europe Molenstraat 15 2513 BH, The Hague The Netherlands SISTEMA PER INFUSIONE

Dettagli

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00 ALLEGATO A6 - Procedura aperta per l affidamento della fornitura biennale in somministrazione, prorogabile di un ulteriore anno, di dispositivi medici non aggiudicati da SO.RE.SA. - Importo biennale a

Dettagli

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE RESPONSBILITA DELL INFERMIERE E RIFERIMENTI LEGISLATIVI SULLA PRATICA DELL INSERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE TALE TECNICA E DI COMPETENZA INFERMIERISTICA

Dettagli

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi

PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA. Artificiale: Dialisi PERDITA IRREVERSIBILE DELLE FUNZIONI DEI RENI TERAPIA SOSTITUTIVA Artificiale: Dialisi Naturale: Trapianto EMODIALISI Metodica di depurazione extra- corporea realizzata mediante scambi di soluti e di acqua

Dettagli

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI

GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Procedura/Istruzione Operativa GESTIONE ASETTICA DA PARTE DI UN SOLO OPERATORE DI UN CATETERE VENOSO CENTRALE PER DIALISI Codice Documento_Edxx AAA_COD_xxx_Edxx Pag. 1/12 Data emissione: gg/mm/aa Unità

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti?

Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti? Cardio-Nursing TORINO 25 27 OTTOBRE 2012 Chiusura dell auricola: Perché? A quali pazienti? Francesco Fisichella Chiusura dell auricola sinistra sinistra con device Perché? Premessa LA F.A. CRONICA N.V.

Dettagli

TROMBOSI CVC CORRELATA. di Santina Graziano cpsi Pediatria degenza mista 4 piano oirm città della salute e della scienza Torino

TROMBOSI CVC CORRELATA. di Santina Graziano cpsi Pediatria degenza mista 4 piano oirm città della salute e della scienza Torino TROMBOSI CVC CORRELATA di Santina Graziano cpsi Pediatria degenza mista 4 piano oirm città della salute e della scienza Torino CASO CLINICO Marco è un bambino nato a 17giugno2010 da parto spontaneo. A

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE

SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE SISTEMI MECCANICI DI INFUSIONE Infusione di liquidi Infusione rapidacontrollata Infusione controllata nelle 24h I sistemi di Infusione meccanica in uso sono: Pompa volumetrica Pompa elastomerica Pompa

Dettagli

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda

Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi. Alessio Piredda Un esperienza sulla prevenzione e gestione degli stravasi Alessio Piredda Lo stravaso La consapevolezza.. Le conoscenze specifiche, l azione tempestiva, la prevenzione sono in ambito oncologico corredo

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI" - ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Preparazione della Terapia Endovenosa OBIETTIVI Garantire un

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE AL CATETERISMO CARDIACO Il giorno che precede la prova RILEVAZIONE PARAMETRI VITALI : P.A., POLSO PERIFIERICO E CENTRALE ESECUZIONE ECG FORMATO 3X4 + II DERIVAZIONE RILEVAZIONE

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

PROTOCOLLO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE

PROTOCOLLO AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE PROTOCOLLO Azienda ULSS 9 Treviso GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE Protocollo Aziendale n DSS32 Verifica del Responsabile di Progetto: Giugno 2005 Approvato: Agosto 2005 PROTOCOLLO AZIENDALE PER LA

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

POSIZIONAMENTO ECO-GUIDATO DI PICC E MIDLINE

POSIZIONAMENTO ECO-GUIDATO DI PICC E MIDLINE 2. Vene Brachiali Seconda scelta Vicine all arteria brachiale Vicine al nervo brachiale Aspetto a mickey mouse Vena brachiale Arteria brachiale Vena brachiale Vena basilica 2. Vene Brachiali Seconda scelta

Dettagli

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO

IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO Corso di Laurea in Infermieristica Didattica 2013/2014 INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA Medicina Urgenza e Rianimazione IL PAZIENTE CON TRAUMA ADDOMINALE Sommario IL TRAUMA ADDOMINALE-PELVICO...

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

CATETERE VENOSO CENTRALE BILUME CON TRATTAMENTO ANTIMICROBICO lunghezza cm 15-16

CATETERE VENOSO CENTRALE BILUME CON TRATTAMENTO ANTIMICROBICO lunghezza cm 15-16 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA MATERIALE PER LE UU.OO. DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE ED UCIC DELLE AZIENDE SANITARIE DELL AREA VASTA VENEZIA-ROVIGO Lotto n. 1 (CIG: 1059430D47) CATETERE VENOSO

Dettagli

Gestione del catetere venoso centrale

Gestione del catetere venoso centrale Gestione del catetere venoso centrale Il catetere venoso centrale (CVC) è un tubicino di materiale biocompatibile (silicone o poliuretano) che permette l infusione intermittente o continua di farmaci,

Dettagli

Cateterismo cardiaco e coronarografia

Cateterismo cardiaco e coronarografia Cateterismo cardiaco e coronarografia Nel suo significato più ampio indica l inserzione di un catetere all interno delle cavità cardiache (destra e sinistra). Viene eseguito per: analizzare campioni di

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA AZIENDA OSPED ALIERA UN IVERSITA DI PADOVA PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità

Dettagli

Pubblicazioni Un percorso metodologico

Pubblicazioni Un percorso metodologico Pubblicazioni Un percorso metodologico per la definizione di procedure, protocolli, linee guida Il lavoro di stesura di protocolli procedurali e/o organizzativi del lavoro infermieristico, ha impegnato

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACCESSI

GESTIONE DEGLI ACCESSI Collegio IPASVI - Bologna GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI ICM Isabella a Cavazza azza L infermiere svolge un ruolo fondamentale nella gestione diretta dell accesso venoso, nell informazione i e

Dettagli

"PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL " - www.casaleinforma.it/pcivile. V Contingente CRI presso l Ospedale Italiano di Baghdad Settembre Ottobre 2003

PROTEZIONE CIVILE EDUCATIONAL  - www.casaleinforma.it/pcivile. V Contingente CRI presso l Ospedale Italiano di Baghdad Settembre Ottobre 2003 V Contingente CRI presso l Ospedale Italiano di Baghdad Settembre Ottobre 2003 PROTOCOLLO PER IL TRATTAMENTO DEGLI USTIONATI PRESSO L OSPEDALE DELLA CROCE ROSSA ITALIANA DI BAGHDAD Testo curato dal Dr.

Dettagli

GESTIONE ACCESSI VENOSI AD INSERZIONE PERIFERICA (PICC - MIDLINE)

GESTIONE ACCESSI VENOSI AD INSERZIONE PERIFERICA (PICC - MIDLINE) E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA GESTIONE ACCESSI VENOSI AD INSERZIONE PERIFERICA PREPARATO VERIFICATO APPROVATO C. Alessandrini, A. Francese, L..Gabelli, C. Garreffa, M. Giuliano, M.L. Poggi, S. Tipa Data

Dettagli

Puoi ordinare una copia qui. ****

Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O. L emogasanalisi Modalità corretta di esecuzione del prelievo Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.Terapia Intensiva L emogasanalisi E un prelievo di sangue arterioso attraverso il quale si analizzano

Dettagli

Training per l'incannulazione

Training per l'incannulazione Training per l'incannulazione Per tutte le controindicazioni, avvertenze, precauzioni, eventi avversi e per istruzioni complete, consultare le istruzioni per l'uso. 00274 IT Rev F 12Set2014 Introduzione

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE 1 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE L informazione e la formazione all uso corretto dei mezzi di protezione individuale (DPI) assumono un ruolo fondamentale nella prevenzione delle patologie e degli

Dettagli

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI

DIPARTIMENTO MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA PROCEDURA OPERATIVA RACHICENTESI DIPARTIMENTO MALATTIE DEL UNITA OPERATIVA COMPLESSA NEUROLOGIA Gruppo di lavoro - Coordinatore Dipartimento CPSE Dott.ssa Danila Massenti - CPS infermiere Susanna Bellavia - CPS infermiere Annalisa Massei

Dettagli

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA

CURA DELL EMERGENZA CUTANEA Numero pagine: 1 di 9 Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 9 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte indicazioni di

Dettagli

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano

ECOGRAFIA OMBELICALE. Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano ECOGRAFIA OMBELICALE Massimo Magri dvm Clinica Veterinaria Spirano PATOLOGIE OMBELICALI Le patologie della regione ombelicale sono relativamente diffuse nelle prime quattro settimane di vita. Non sempre

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

CODICE ASO CODICE ASL AT QUANTITA' ANNUA PRESUNTA ASO ASLAT ASLAL

CODICE ASO CODICE ASL AT QUANTITA' ANNUA PRESUNTA ASO ASLAT ASLAL DISPOSITIVI ELASTOMERICI E CATETERI VENOSI LOTTO DESCRIZIONE GRUPPO A: DISPOSITIVI ELASTOMERICI DISPOSITIVO DI TIPO ELASTOMERICO MONOUSO PER TERAPIA INFUSIONALE CONTROLLATA E CONTINUA requisiti minimi:

Dettagli

Centro di Riferimento oncologico ISTITUTO NAZIONALE TUMORI -AVIANO ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DI DIRITTO PUBLICO (D.

Centro di Riferimento oncologico ISTITUTO NAZIONALE TUMORI -AVIANO ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DI DIRITTO PUBLICO (D. Centro di Riferimento oncologico ISTITUTO NAZIONALE TUMORI -AVIANO ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO DI DIRITTO PUBLICO (D.I 31/07/90) Via Pedemontana Occidentale, 12 33081 AVIANO (PN)

Dettagli

Protocollo per il posizionamento e la gestione del Catetere Venoso Centrale (CVC)

Protocollo per il posizionamento e la gestione del Catetere Venoso Centrale (CVC) REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e- mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA Corso per soccorritori volontari L APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA DEFINIZIONE: INSIEME DI ORGANI CHE CONCORRONO ALLA MEDESIMA

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA LOTTO n. 1 - KIT OSSIGENANTE PER PAZIENTI DI PESO DA A 40 Kg Dimensioni superficie della membrana. MAX10 - minore o uguale a 1,3 m 2 10 - da 1,3 m 2 a 1,5 m 2 5 Minimo

Dettagli

AO VALTELLINA VALCHIAVENNA AO LEGNANO AO MACCHI VARESE Q.TA' BIENNALE BIENNALE BIENNALE BIENNALE

AO VALTELLINA VALCHIAVENNA AO LEGNANO AO MACCHI VARESE Q.TA' BIENNALE BIENNALE BIENNALE BIENNALE LOTTO GR DESCRIZIONE SET PER CVC 1 Set catetere venoso centrale monolume in poliuretano sterile e radiopaco, non tunnellizzabile metodo Seldinger per adulti (CND: C01020201) 300 500 2 Set catetere venoso

Dettagli

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE La cute (pelle) è il tessuto che è posto a delimitare i confini del nostro corpo e a mediare gli scambi con l'ambiente esterno; è un tessuto estremamente vitale e in

Dettagli

3M Medical. Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti. Semplice Sicuro. affidabile. Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti

3M Medical. Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti. Semplice Sicuro. affidabile. Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti 3M Medical Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti Semplice Sicuro affidabile Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti Le infezioni ospedaliere (IO) costituiscono una grande sfida ai sistemi di

Dettagli

PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO

PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO PRIMO SOCCORSO PER SOCCORRITORI DEL LAVORO OGNUNO DI NOI E INSERITO IN UNA CATENA DI SOCCORSO OGNI QUAL VOLTA DIVIENE TESTIMONE DI UN EVENTO: DIVENIAMO RESPONSABILI DELLA SUA ROTTURA OPPURE DELLA SUA CONTINUITA.

Dettagli

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Le infezioni nelle organizzazioni sanitarie Ospedali. Ambulatori medici. R.S.A. / Lunghe Degenze / Case

Dettagli

Enterocolite Necrotizzante

Enterocolite Necrotizzante Giuseppe Stranieri Enterocolite Necrotizzante Patologia acquisita che interessa specialmente il neonato prematuro o il neonato patologico, caratterizzata da una necrosi della mucosa o anche degli strati

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC 1 I cateteri: COSA ABBIAMO A DISPOSIZIONE? Catetere venoso CENTRALE Sonda di materiale biocompatibile che, introdotta attraverso una vena tributaria, (diretta

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2)

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2) CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET (Decreto n. 388/03) per luoghi di lavoro VALIGIETTE QUICKFARMA (Allegato 1) 1.1 FARMASTAR (Allegato 1) 1.2 LEADERFARMA (Allegato 2) 1.3 FLEXIFARMA

Dettagli

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono

GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE. CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL Dialisi Oggiono GESTIONE DELL ACCESSO VASCOLARE a cura di Coodinatori e infermiere CAL Dialisi Bellano CAL Dialisi Merate CAL

Dettagli

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE COMMISSIONE PROFESSIONALE PER LE CURE DOMICILIARI Fernando ANZIVINO, Mara CALDERONI, Giuseppina CAROSELLI, Alessandra GALLETTI, Stefano GIORDANI, Gaetano MARINELLI,

Dettagli

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE

ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE COSA è L AORTA ADDOMINALE ANEURISMA ALL AORTA: COSA DOBBIAMO SAPERE L aorta è l arteria principale del corpo e porta il sangue dal cuore a tutto l organismo. L aorta addominale è situata sotto il diaframma:

Dettagli

Tortona, 6 Ottobre 2012. Assistere il neonato: Organizzazione e Qualità. Désirée Enrietti Tin Neonatologia Università di Torino Ospedale S.

Tortona, 6 Ottobre 2012. Assistere il neonato: Organizzazione e Qualità. Désirée Enrietti Tin Neonatologia Università di Torino Ospedale S. Assistere il neonato: Organizzazione e Qualità Tortona, 6 Ottobre 2012 L'Organizzazione della Sala Parto Désirée Enrietti Tin Neonatologia Università di Torino Ospedale S.Anna Valeria Salandrini Centro

Dettagli

IL CONTROPULSATORE AORTICO

IL CONTROPULSATORE AORTICO Alessandro Chiuppani Michela Bambagioni Tuberi IL CONTROPULSATORE AORTICO UO di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna Generalità del contropulsatore La contropulsazione aortica e una tecnica di assistenza

Dettagli

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale

Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Somministrazione dei farmaci VIE ENTERALI Via orale Via topica Altri tipi di somministrazione VIE PARENTERALI Via iniettiva Via buccale Via sublinguale Instillazione attraverso SNG (e PEG) Via respiratoria

Dettagli

INDICAZIONI della somministrazione ENDOVENOSA

INDICAZIONI della somministrazione ENDOVENOSA Terapia Endovenosa Nella terapia endovenosa le soluzioni e i farmaci vengono iniettati in una vena e introdotti, così, direttamente nel circolo ematico. INDICAZIONI della somministrazione ENDOVENOSA Rapido

Dettagli

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3.

Fare click sulla voce che identifica la tipologia del rifiuto per proseguire con la FASE 3. FASE 2. identificare il processo che ha prodotto il rifiuto. L identificazione della tipologia del rifiuto permette di identificare le successive due cifre del codice: 01 02 rifiuti legati alle attività

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

Protocollo CATETERE VENOSO CENTRALE. A cura di Enrico Pagliaccio, infermiere nell U.O di Rianimazione Ospedale Civile S Andrea AUSL 5 di La Spezia

Protocollo CATETERE VENOSO CENTRALE. A cura di Enrico Pagliaccio, infermiere nell U.O di Rianimazione Ospedale Civile S Andrea AUSL 5 di La Spezia Protocollo CATETERE VENOSO CENTRALE A cura di Enrico Pagliaccio, infermiere nell U.O di Rianimazione Ospedale Civile S Andrea AUSL 5 di La Spezia Elaborazione: 2004 PRESENTAZIONE ALLA PUBBLICAZIONE DI

Dettagli

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170 1 Introduzione La puntura e il taglio accidentale rappresentano per diffusione, frequenza e rischio di infezione, le modalità di esposizione al rischio biologico più preoccupante e devono essere, conseguentemente,

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli