LIBRETTO DEL NEONATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LIBRETTO DEL NEONATO"

Transcript

1 LIBRETTO DEL NEONATO

2 .

3 PRESIDIO ALESSANDRO MANZONI - LECCO PRESIDIO SAN LEOPOLDO MANDIC - MERATE DIPARTIMENTO MATERNO-INFANTILE Direttore: Dott. Rinaldo Zanini S.C. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Direttore: Dott. Roberto Bellù Tel S.C. Neonatologia e Pediatria Direttore: Dott. Alberto Bettinelli Tel LIBRETTO DEL NEONATO A CURA DEL PERSONALE DELLA NEONATOLOGIA E DELL OSTETRICIA 3

4 .

5 Sommario ALLA NASCITA QUALCHE GIORNO IN OSPEDALE IL PIANTO GLI ESAMI AL NEONATO L ALLATTAMENTO AL SENO ALLATTAMENTO CON LATTE ADATTATO IGIENE LA DIMISSIONE ANDIAMO A CASA CON SICUREZZA! DOPO LA DIMISSIONE LA NASCITA DEL BAMBINO E LE PRIME FORMALITÀ BUROCRATICHE.. 21 I CONSULTORI FAMIGLIARI ACCREDITATI DELL ASL

6 .

7 Benvenuti al nido degli Ospedali Alessandro Manzoni di Lecco e Leopoldo Mandic di Merate Gentili genitori, congratulazioni e molti auguri per il lieto evento. Voi potrete tenere il vostro bambino nella camera di degenza della mamma, sia durante il giorno che durante la notte (rooming in). Nel caso la mamma fosse impossibilitata ad alzarsi dal letto per accudire il suo bambino, le infermiere del nido e le ostetriche sa ranno a sua disposizione per aiutarla. Le infermiere, le puericultrici e le ostetriche saranno vicino alla mamma durante tutta la degenza in ospedale per aiutarla per qualsiasi esigenza, la sosterranno nei primi momenti dell allattamento e le mostreranno come accudire il neonato nella stanza di degenza. Saremo lieti di rispondere a tutte le vostre domande e di risolvere insieme gli eventuali problemi sin dai primi giorni. Faremo di tutto per sostenervi, il ritorno a casa sarà così più tranquillo e sicuro perché avrete iniziato a conoscere e accudire il vostro bambino fi n dalla nascita, tenendolo, durante il soggiorno in Ospedale, il più possibile a accanto a voi. Rinaldo Zanini Direttore Dipartimento Materno Infantile 7

8 .

9 ALLA NASCITA Dopo la nascita del vostro bambino resterete in ospedale per alcuni giorni durante i quali i medici, le infermiere e le ostetriche vi accompagneranno in questo particolare momento della vita. Il legame che si crea tra il bambino ed i suoi genitori durante il periodo della gravidanza deve continuare dopo il parto; per questo motivo il neonato viene subito posto a contatto pelle a pelle con la mamma in modo che possa mantenere le sensazioni che ha conosciuto in utero. Dopo il bagnetto al neonato verranno eseguite due procedure a scopo preventivo: un iniezione intramuscolare di vita mina K per ridurre il rischio di emorragia nelle prime settimane di vita e un instillazione di collirio antibiotico negli occhi al fi ne di prevenire infezioni. QUALCHE GIORNO IN OSPEDALE La durata prevista del ricovero è di ore per i bambini nati con parto spontaneo e di ore per quelli nati con taglio cesareo. Tale periodo può variare per esigenze di cura al neonato o alla mamma. Dopo la nascita il bambino verrà visitato dal pediatra che avrà un primo colloquio con voi al fi ne di raccogliere informazioni utili sulla gravidanza e sull anamnesi familiare. Il Rooming in Avrete sempre accanto a voi in camera il vostro bambino, sia durante il giorno che durante la notte. La continua vicinanza tra la mamma e il suo neonato aiuterà entrambi a ritrovare comuni ritmi di sonno e veglia, a favorire l avvio dell allattamento al seno e ad interagire con soddisfazione e riposare entrambi. Quando andrete a casa questa conoscenza reciproca vi farà sentire più capaci di capire i bisogni del bimbo, fame, sonno, caldo, freddo, bisogno di coccole e di trovare strategie per consolarlo quando piange. Anche i papà e i fratellini avranno ampio accesso alla stanza di degenza durante le ore diurne. L esigenza di coloro che desiderano far visita a genitori e neonato deve coniugarsi con il bisogno 9

10 di tranquillità di mamma e bambino. A tale scopo le visite dei parenti sono consentite in determinate fasce orarie ed in numero limitato a due persone alla volta nella stanza. Per il trasporto del vostro bambino nei corridoi interni vi consigliamo di utilizzare sempre il lettino per evitare il rischio di cadute. Durante il cambio del pannolino non lasciate mai il neonato da solo nella culla aperta, sul fasciatoio e sul letto della mamma. La visita del pediatra Il neonato viene visitato dal pediatra dopo la nascita e prima della dimissione. Ogni mattino il pediatra valuterà con le infermiere del reparto la necessità di ulteriori visite. La presenza dei genitori durante la visita è importante e consente di scambiarsi informazioni utili alla cura del bambino. IL PIANTO Il pianto è una delle modalità con cui il vostro bambino comunica con voi. Il neonato non piange solo per la fame o perché infastidito dal pannolino sporco. Il nostro mondo È molto differente da quello da lui conosciuto prima di nascere. Lo spazio aperto, la forza di gravità, la luce ed i rumori più forti, i vestiti, le persone che lo toccano e guardano, la stanchezza e la noia, il caldo ed il freddo, la voglia di coccole rappresentano per lui situazioni nuove ai quali non era abituato. Ogni neonato gestisce il proprio adattamento alle sollecitazioni che lo circondano in modo differente da un altro e ci sono notevoli differenze per ciò che riguarda la necessità di pianto e di sonno. I neonati differiscono tra di loro nella modalità in cui possono essere calmati, nelle risposte alla fame e ai momenti di disagio, al modo in cui vengono maneggiati e alle interazioni con chi si prende cura di loro. È importante osservare il comportamento del proprio bimbo per comprenderne le esigenze e capire come comportarsi per rispondere ai suoi bisogni. 10

11 Il mio bambino piange, cosa faccio? Potete provare inizialmente a parlargli con un tono di voce basso, se non fosse suffi ciente appoggiate una mano sul suo pancino attendendo qualche minuto e se ancora non si calma raccogliete le sue braccia e le gambe verso l addome. Se non riuscite a consolarlo potete prenderlo in braccio tenendolo vicino al vostro corpo sempre con le braccia e le gambe raccolte in un lenzuolino o copertina, gli si può far succhiare la manina, il seno della mamma o il ciuccio e cullarlo. Occorre dare tempo al bimbo di abituarsi gradualmente ai cambi di posizione e a passare dal sonno al risveglio e dal pianto alla consolazione. È consigliabile spostare il neonato usando movimenti lenti, sicuri e avvolgenti che lo aiutano a ritrovare la tranquillità ed a calmarsi. GLI ESAMI AL NEONATO Screening delle malattie metaboliche Dopo 48 ore di vita a tutti i neonati viene effettuato il test di screening delle malattie metaboliche (fenilchetonuria, ipotiroidismo congenito, fi brosi cistica, sindrome corticosurrenogenitale) attraverso un prelievo di sangue dal tallone. Tale screening è fi nalizzato ad individuare la presenza di malattie congenite rare, ma che, se non diagnosticate e precocemente curate, potrebbero seriamente compromettere la salute del bambino. Il campione di sangue viene inviato presso il laboratorio centralizzato regionale e l esito dell esame è disponibile dopo circa venti giorni. Verrete contattati telefonicamente solo in caso di necessità di ulteriori controlli. Il Test dell udito Durante i giorni della degenza al Nido viene effettuato un test di funzionalità uditiva al vostro bambino, con la tecnica dei potenziali evocati uditivi automatizzati (AABR). 11

12 Si tratta di un indagine non dolorosa, che non nuoce in alcun modo al neonato e che non lo disturba durante l esecuzione. È necessario, tuttavia, che il bambino sia molto tranquillo o, ancora meglio, addormentato; è per questo che l indagine potrebbe essere eseguita in qualunque ora del giorno e della notte. Se il test risulta nella norma signifi ca che l udito del vostro bambino è attualmente normale; ciò non toglie che occorre valutare ancora con attenzione questa funzione nel corso dello sviluppo del bambino, poiché la sordità, nel % dei casi, può manifestarsi anche dopo la nascita. Se il test risulta alterato sarà nostra premura informarvi sui successivi controlli. L ecografia delle anche L ecografi a delle anche è un esame non invasivo che deve essere eseguito a tutti i bambini entro il terzo mese di vita per diagno sticare la displasia congenita delle anche che, se precocemente diagnosticata, è facilmente curabile. Se il bambino presenta dei fattori di rischio per questa patologia (posizione podalica in gravidanza, familiarità, manovra di Ortolani positiva) tale esame sarà anticipato. Screening delle cardiopatie critiche neonatali È possibile individuare precocemente la maggior parte delle cardiopatie critiche del neonato attraverso la rilevazione della saturazione dell ossigeno (saturimetria). La saturimetria è un test rapido ed indolore, viene effettuata dal personale infermieristico del Nido dopo le prime 24 ore di vita, durante la fase di veglia tranquilla del bambino. In caso di test alterato sarà eseguita la visita pediatrica e una ecocardiografi a. La saturimetria non è effi cace nell individuare tutte le cardiopatie congenite critiche per la possibilità di falsi negativi. Alcune cardiopatie possono svilupparsi progressivamente e pertanto sono necessari ulteriori controlli di salute dal pediatra curante dopo la dimissione. 12

13 L ALLATTAMENTO AL SENO Perché allattare? L allattamento al seno è il modo più fi siologico di alimentare il neonato. Il latte materno è il miglior alimento per il neonato, è facilmente digeribile, contiene tutti i nutrienti e l acqua necessari. È sempre disponibile alla temperatura adeguata, fornisce anticorpi per la difesa dalle infezioni e di molte altre malattie, diminuisce il rischio di allergie. Quando iniziare ad allattare al seno? Subito dopo il parto il neonato viene asciugato e posto sulla pancia della mamma per almeno un ora dandogli la possibilità di attaccarsi al seno quando dimostra di volerlo fare. Le prime poppate favoriscono la produzione del colostro, o primo latte, alimento ideale nei primi giorni di vita e l arrivo della montata lattea. Ogni quanto allattare? È importante allattare il neonato ogni volta che lo richiede, anche di notte al fi ne di ottenere una produzione di latte adeguata alle sue esigenze; per i primi giorni questo richiederà un impegno ed uno sforzo notevoli per la mamma ma che poi sarà gratifi cata da un buon avvio dell allattamento. I segnali di fame Quando il neonato si sveglia ed inizia ad aprire la bocca, tira fuori la lingua, si porta la mano alla bocca è il momento ideale per attaccarlo al seno senza aspettare che pianga. È infatti più facile che il neonato si attacchi bene spontaneamente se gli si offre il seno in questo momento piuttosto che quando piange irritato. Come allattare La mamma deve mettersi in una posizione comoda. Il neonato deve essere posizionato in modo tale che la sua pancia sia a contatto con quella della mamma, il naso ed il mento devono poggiare sul seno ed essere davanti al capezzolo; il neonato deve prendere anche parte dell areola e non solo il capezzolo, il seno deve essere sostenuto senza ostacolare la suzione del bambino. La durata della poppata varia per ogni singolo bambino e nel corso della giornata. Il neonato è capace di staccarsi da solo quando è soddisfatto e se lo richiede si può offrire anche l altro seno e può voler succhiare 8-12 volte in 24 ore. 13

14 Le posizioni corrette per allattare 14

15 È necessario pesarlo ad ogni poppata? No. Pesare il neonato prima e dopo ogni poppata (doppia pesata) per verifi - care quanto mangia, signifi ca crearsi inutili ansie e non porta comunque a nessuna decisione utile. Cura dei capezzoli I capezzoli non richiedono cure particolari se non quelle di una normale igiene, evitando disinfettanti, detergenti e saponi profumati. La posizione e il corretto attacco al seno aiutano la mamma ad evitare dolore ai capezzoli e l insorgenza di ragadi. La montata lattea e l eventuale spremitura L arrivo della montata lattea, avviene in modo variabile dopo il parto; in alcuni casi può causare una tensione dolorosa del seno per l aumento di volume dello stesso e che è possibile alleviare con spugnature e massaggi che ne favoriscano lo svuotamento. Se necessario è possibile praticare anche la spremitura manuale del seno. La spremitura manuale del seno Sostenere il seno mettere il pollice sulla porzione superiore dell areola e l indice su quella inferiore. Spingere il seno verso il torace. Lasciare la pressione e spremere verso il capezzolo. Premere e rilasciare diverse volte fi nché il latte non inizia ad uscire. Spostare le dita in senso orario ed antiorario in modo da massaggiare la zona dell areola in diversi punti per almeno 5 minuti poi passare all altro seno. Evitare di sfregare la cute ed il capezzolo 15

16 Il latte così raccolto e versato negli appositi contenitori va immediatamente messo in frigorifero dove può essere conservato alla temperatura di 4 gradi fi no 72 ore. In seguito se non consumato deve essere congelato a meno 18 gradi. L alimentazione della mamma durante l allattamento Durante l allattamento la mamma può mangiare tutto ciò che le aggrada senza limitazioni di alimenti. Da evitare alcool, droghe e fumo, anche passivo, perché la nicotina passa facilmente all interno del latte. Evitare, inoltre, di assumere eccessive quantità di bevande contenenti caffeina. ALLATTAMENTO CON LATTE ADATTATO In caso di allattamento con latte adattato sono disponibili in commercio diversi latti resi il più possibile simili al latte materno e validi dal punto di vista nutrizionale. Questi latti sono assai simili tra loro in quanto rispondono ad alcune rac comandazioni date da associazioni pediatriche internazionali; in caso sia necessario sostituire il latte adattato la pre scrizione dovrà avvenire da parte del vostro pediatra di fi ducia. Per la preparazione del latte fare riferimento alle istruzioni riportate sulla confezione e alla indicazioni fornite dal personale del reparto. La sterilizzazione del biberon Per quanto riguarda la sterilizzazione del biberon procedere nel seguente modo: lavare accuratamente le mani lavare accuratamente biberon e tettarella con un detergente e poi sciac quare abbondantemente immergerli in acqua fredda, portarli a ebollizione e lasciar bollire per circa 20 minuti. In alternativa si può utilizzare la sterilizzazione a vapore o la sterilizza zione a freddo con appositi prodotti. In quest ultimo caso seguite attentamente le istruzioni riportate sulla confezione. 16

17 Il foro della tettarella Per quanto riguarda la dimensione del foro della tettarella basta capovolgere il biberon: il latte deve fuoriuscire a gocce ravvicinate senza formare un rivolo. In questo modo avrete la garanzia che il foro non è né troppo grosso né troppo piccolo. L allattamento misto Nel caso sia necessaria un alimentazione mista (latte materno più latte adattato), è consigliabile offrire al neonato prima il seno e poi il latte adattato evitando di dare un pasto al seno e un pasto al biberon. In questo modo si continua a stimolare il seno e conseguente mente la produzione di latte. Il peso del neonato Il peso del neonato diminuisce normalmente durante i primi giorni di vita; dopo il calo fi siologico e con l arrivo della montata lattea ci sarà un progressivo recupero del peso. L aumento di peso sarà di circa grammi alla settimana, con possibili variazioni di setti mana in settimana. Ad allattamento ben avviato il neonato si mostrerà tranquillo e soddisfatto dopo la poppata. Sono da considerarsi validi segnali di un adeguata alimentazione almeno 5-6 pannolini bagnati nelle 24 ore. I neonati allattati al seno non necessitano di altri alimenti o liquidi fi no allo svezzamento. Quante volte si deve scaricare? La frequenza delle scariche è variabile a seconda delle modalità d alimentazione e di altri fattori. Il colore delle feci dipende dal tipo di ali mentazione; nei bambini allattati al seno le feci sono solitamente giallo- oro e semiliquide; in quelli allattati con latte adattato possono a volte essere verdastre. Ogni qualvolta il neonato mangia ha uno stimolo che aumenta i movi menti intestinali (rifl esso gastro-colico) e può quindi scaricarsi; è pertan to del tutto normale che un lattante si scarichi 6-7 volte al giorno, in cor rispondenza dei pasti. Però altrettanto normale che si scarichi una volta al giorno o ogni tre-quattro giorni. Ittero fisiologico del neonato Nei primi giorni di vita può verifi carsi che il colore della pelle del vostro bimbo assuma un colorito giallo. Questa manifestazione è detta ittero neonatale che nella maggior parte dei casi non è una condizione grave ed è dovuta all aumento della bilirubina nel sangue. Quando i livelli di bilirubina sono troppo elevati può essere necessario ridurli attraverso la fototerapia. 17

18 IGIENE Cambio del pannolino Il pannolino va cambiato in occasione delle poppate indifferentemente prima o dopo il pasto. Utilizzare creme all ossido di zinco solo se strettamente necessario. Per la detersione, prediligere l uso dell acqua ed eventualmente un detergente delicato; riservare l uso delle salviette per l igiene fuori casa. Moncone ombelicale La mummifi cazione del cordone ombelicale è un processo fi siologico che non necessita di interventi particolari. Il moncone deve essere mantenuto pulito ed asciutto tramite garza pulita che deve essere sostituita almeno 1 volta al giorno ed ogni volta che si bagna. Non è necessario usare nessun medicamento. Il moncone può cadere entro pochi giorni fi no anche a 15 giorni dalla nascita; dopo la caduta è possibile osservare secrezioni o la formazione di crosticine e in questo caso si può detergere la cicatrice ombelicale con acqua ossigenata. Mantenere la garza asciutta a piatto per qualche giorno. Il bagnetto può essere fatto anche se il cordone non si è ancora staccato limitando il tempo di immersione a pochi minuti. In caso di comparsa di segni di infezione (arrossamento o gonfi ore della cute circostante) o di mancata caduta dopo 4 settimane, contattare il pediatra di fi ducia. Pulizia del naso La pulizia del naso va effettuata solo se necessario, utilizzando la soluzione fi siologica. Pulizia delle orecchie Va pulito solo il padiglione auricolare esterno senza utilizzare cotton-fi oc. Pulizia degli occhi Si effettua solo in presenza di secrezioni; utilizzare garze sterili, soluzione fi siologica o acqua bollita lasciata raffreddare. Pulire l occhio dall interno verso l esterno cambiando garza ad ogni occhio. 18

19 Unghie È meglio evitare di tagliarle nelle prime settimane di vita, in seguito utilizzare piccole forbici dalle punte arrotondate. Bagnetto Il bagnetto al neonato può essere fatto anche giornalmente. Talvolta se effettuato alla sera può avere un effetto rilassante. Prima di iniziare il bagnetto occorre aver preparato tutto l occorrente. Non lasciate mai il neonato da solo sul fasciatoio! Collocare la vaschetta in posizione comoda e stabile, riempirla con acqua a circa gradi, aggiungere poco detergente che non va messo puro sulla cute. Immergere il neonato sorreggendolo con il braccio in modo che il pollice sia sulla sua spalla e le altre dita sotto l ascella. La testa viene appoggiata sull avambraccio. Lavare iniziando dalla testa per poi scendere verso il basso. Terminato il bagno asciugare con cura il bimbo ponendo attenzione alle pieghe cutanee e se ancora presente il moncone ombelicale ricordarsi di asciugarlo bene. Evitare l uso di talco, creme e oli profumati. LA DIMISSIONE Il giorno della dimissione il bimbo verrà visitato ed i genitori avranno un colloquio con il pediatra che fornirà loro informazioni relative allo stato di salute del neonato e sarà a disposizione per consigli e chiarimenti. 19

20 ANDIAMO A CASA CON SICUREZZA! Prendiamo subito delle buone abitudini! Se il viaggio di ritorno a casa si fa in automobile munitevi di un seggiolino conforme alle normative di sicurezza vigenti (vedi opuscolo Mamma lo sai ). DOPO LA DIMISSIONE Dopo la dimissione del neonato, nell attesa di scegliere il pedia tra di fi ducia, è ancora possibile fare riferimento al personale sanitario del Nido e del Consultorio Neonati in caso di necessità. Il Consultorio neonati è un ambulatorio affi dato ad un infermiera del Nido, a disposizio ne sia per consigli telefonici sia per i controlli diretti fi nalizzati a valutare l allattamento e le cure al neonato. Se necessario l infermiera richiederà una visita del pediatra. Quale deve essere la posizione del neonato durante il sonno? La posizione raccomandata durante il sonno è quella supina (a pancia in su), almeno nei primi sei mesi di vita. È importante: non vestirlo eccessivamente non coprirgli il capo non avvolgerlo in troppe coperte mantenere la temperatura della stanza non superiore ai 20 C. Inoltre è consigliabile che il neonato: dorma in un lettino con il materasso rigido, senza cuscino, in cui non vi siano spazi vuoti tra il materasso e le sponde e in cui non vi siano ingombri (giocattoli, peluche, ecc.); la distanza tra una barra e l altra del lettino non deve superare i 6 cm non dorma nel letto con i genitori dorma, nei primi mesi di vita, nella stessa stanza dei genitori. 20

21 LA NASCITA DEL BAMBINO E LE PRIME FORMALITÀ BUROCRATICHE Le Ostetriche del punto nascita vi consegneranno un modulo dove troverete tutte le indi cazioni necessarie per: fare la denuncia di nascita il rilascio del codice fi scale il rilascio della tessera sanitaria. La dichiarazione di nascita può essere effettuata presso il Punto Accoglienza del Dipartimento Materno Infantile. I CONSULTORI FAMIGLIARI ACCREDITATI DELL ASL Nella provincia di Lecco sono presenti 10 Consultori Famigliari dell ASL, con un équipe di operatori così composta: infermiera o assistente sanitaria, ostetrica, ginecologo, psicologo, assistente sociale. Al Consultorio Famigliare ci si può rivolgere per assistenza alla famiglia, alla maternità, ai minori. Ai neogenitori viene dedicato uno spazio in cui è possibile: avere consigli e sostegno per l allattamento al seno; controllare periodicamente l accrescimento del bambino; confrontarsi con gli operatori su dubbi/problemi che possono insorgere nelle diverse fasi di crescita del bambino; condividere l esperienza di essere genitori partecipando a gruppi dedicati; avere chiarimenti sui cambiamenti legati al periodo di puerperio. Le prestazioni sono esenti da ticket. 21

22 Per avere informazioni più dettagliate vi invitiamo a contattare telefonicamente gli operatori di uno dei Consultori qui di seguito elencati: Consultorio di Bellano, via Papa Giovanni XXIII Tel Consultorio di Introbio, località Sceregalli Tel Consultorio di Mandello Lario, via degli Alpini, 1 Tel Consultorio di Calolziocorte, via Bergamo, 8/10 Tel Consultorio di Lecco, via Tubi, 43 Tel Consultorio di Galbiate, via I Maggio, 3 Tel Consultorio di Oggiono, via Bachelet, 7 Tel Costa Masnaga - sede distaccata di Oggiono via Papa Giovanni XXIII Tel Consultorio di Olginate, via C. Cantù Tel Consultorio di Casatenovo, via Monteregio, 15 Tel Consultorio di Cernusco Lombardone, via Spluga, 49 Tel

23 NUMERI UTILI: Consultorio neonati dell Ospedale Alessandro Manzoni - Lecco Tel Consultorio neonati dell Ospedale Leopoldo Mandic - Merate Tel Tel PUNTO ACCOGLIENZA Dipartimento Materno Infantile Apertura al pubblico: lunedì, mercoledì, giovedì 8,00-16,30 martedì, venerdì 8,00-15,30 Prenotazioni telefoniche Numero Unico A.O lunedì, venerdì 9,00-12,00/13,00-15,00 Il vostro Pediatra Dott. Telefono Data Note 23

24 Stampa: Tipolitografia Galli & C. - Varese

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Quando nasce un bambino

Quando nasce un bambino Quando nasce un bambino DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E COMUNICAZIONE Direzione Generale della Comunicazione e Relazioni Istituzionali Prefazione Una corretta informazione riveste un importanza fondamentale

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea

Alimentazione dei lattanti e dei bambini fino a tre anni: raccomandazioni standard per l Unione Europea European Commission Directorate Public Health and Risk Assessment Karolinska Institutet Department of Biosciences at Novum Unit for Preventive Nutrition Huddinge, Sweden Istituto per l Infanzia IRCCS Burlo

Dettagli

Kangaroo Mother Care Una guida pratica

Kangaroo Mother Care Una guida pratica ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO Acta Neonantologica & Pediatrica, 1, 2006, 5-39 Kangaroo Mother Care Una guida pratica Edizione Italiana del testo WHO a cura del Gruppo di Studio della S.I.N. sulla Care in Neonatologia

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

PROGETTO SORRISI IN ATTESA

PROGETTO SORRISI IN ATTESA PROGETTO SORRISI IN ATTESA IL DOTTOR SORRISO e l OSPEDALE BUZZI IN COLLABORAZIONE CON OBM ONLUS - Ospedale dei bambini di Milano CHI È DOTTOR SORRISO 1. La Fondazione La Fondazione Aldo Garavaglia Dottor

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO. Introduzione Aspetti generali

Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO. Introduzione Aspetti generali Spunti tratti dal libro Da 0 a 3 anni di Piero Angela IL BAMBINO Introduzione Aspetti generali Lo sviluppo del cervello inizia prima della nascita e deve incrementarsi nelle fasi fondamentali fino ai primi

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA

LO PSICOLOGO NELLA RIANIMAZIONE APERTA Sig.ra Gelsomina Barozzino - CPSE SC Rianimazione e Anestesia Cirié Dott. Marcello Giove Psicologo Servizio di Psicologia Ospedaliera sede di Chivasso e di Ivrea Dott. Bruno Scapino - Responsabile S.S.

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Dai tuoi primi mesi ai suoi primi passi

Dai tuoi primi mesi ai suoi primi passi Weleda nel mondo Presente in più di 60 paesi, in 5 continenti Più di 1700 impiegati Possiede esclusivi centri SPA a New York, Giappone e Parigi Distribuisce in farmacia, parafarmacia, erboristeria e in

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.»

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» E di z i o ne //// 1/ 2 0 14 Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno. I sintomi

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris

Allattamento al Seno. come praticarlo con successo. Una guida pratica per gli operatori sanitari. di Tine Vinther Jerris Allattamento al Seno come praticarlo con successo Una guida pratica per gli operatori sanitari di Tine Vinther Jerris WORLD HEALTH ORGANIZATION REGIONAL OFFICE FOR EUROPE COPENHAGEN, 1993 1 Prepared for

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli