PROGETTO DISINFETTANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO DISINFETTANTI"

Transcript

1 PROGETTO DISINFETTANTI

2 SOMMARIO Disinfettanti e Antisettici 2 Definizioni 2 Classificazione di Antisettici e Disinfettanti 3-4 Sistemi di sterilizzazione e disinfezione 5 Resistenza dei microrganismi ai processi di eliminazione 6 Principali classi di Antisettici e Disinfettanti 7 Alcoli 7 Biguanidi 7-8 Derivati del Cloro 8-10 Iodio e Iodoformi Composti ammonici quaternari Fenoli 12 Derivati mercuriali 13 Agenti ossidanti Altri e associazioni 14 Consigli per l utilizzo di Antisettici e Disinfettanti 15 Raccomandazioni generali 15 Trattamento delle ferite e delle abrasioni 16 Indicazioni d uso degli antisettici 17 Trattamento delle lesioni da decubito 18 Disinfezione 18 Trattamento delle ustioni di modesta entità Criteri di scelta e parametri per la creazione del giudizio Intesa Bibliografia 23 1

3 DISINFETTANTI E ANTISETTICI INTRODUZIONE Lo scopo delle procedure di disinfezione è quello di evitare la trasmissione e proliferazione dei microrganismi. I diversi agenti chimici con attività antisettica o disinfettante possiedono uno specifico spettro di azione, perciò, in condizioni adeguate il livello di disinfezione ottenuto sarà diverso a seconda dei microrganismi sui quali è attivo il prodotto usato. Le seguenti definizioni, permetteranno di distinguere fra antisettico e disinfettante, termini che spesso vengono inadeguatamente scambiati, e di stabilire con maggior chiarezza i diversi livelli di attività per ognuno di questi agenti. DEFINIZIONI BATTERICIDA: Agente che distrugge i batteri patogeni e non necessariamente le spore BATERIOSTATICO: Agente che previene la crescita dei batteri. DISINFETTANTE: sostanza chimica che distrugge i microrganismi e che si applica su materiale inerte senza alterarlo in modo apprezzabile. ANTISETTICO: sostanza chimica che si applica per via topica sui tessuti vivi (pelle intatta, mucose e/o ferite ) e che distrugge o inibisce i microrganismi senza alterare sensibilmente i tessuti su cui viene applicata. DISINFEZIONE DI BASSO LIVELLO: uso di una procedura chimica con la quale si possono distruggere la maggioranza di forme vegetative batteriche, alcuni virus e funghi, ma che non può distruggere né Mycobacterium tuberculosis né le spore batteriche. DISINFEZIONE DI LIVELLO INTERMEDIO: uso di una procedura chimica attraverso la quale si possono inattivare tutte le forme batteriche vegetative, il complesso Mycobacterium tuberculosis e la maggioranza di virus e funghi ma che non necessariamente assicura la distruzione di spore batteriche. DISINFEZIONE DI ALTO LIVELLO: uso di una procedura chimica con la quale si distruggono tutti i microrganismi tranne alcune spore batteriche. STERILIZZAZIONE: procedura fisico-chimica destinata alla distruzione di tutta la flora microbica incluse le spore batteriche che sono altamente resistenti. 2

4 CLASSIFICAZIONE DI ANTISETTICI E DISINFETTANTI La classificazione di antisettici e disinfettanti può essere fatta in funzione di vari criteri come lo spettro di attività o la struttura chimica. Per struttura chimica si possono dividere in: ALCOOL Alcool Etilico Alcool Isopropilico ALDEIDI Formaldeide 37-40% Glutaraldeide Paraformaldeide Associazioni di Aldeidi Associazioni con Aldeidi BIGUANIDI DERIVATI del CLORO DERIVATI dello IODIO Clorexidina Cloramina T Dicloroisocianurato Ipoclorito di Sodio a. Iodofori Povidone Iodio b. Iodio: Tintura di Iodio Alcool Iodato Soluzione di Lugol COLORANTI FENOLI E DERIVATI DETERSIVI CATIONICI Violetto di Genziana Fenolo Derivati fenolici Composti di Azoto Quaternario: Cloruro di Benzalconio Cetrimide Cloruro di Cetilpiridinio 3

5 OSSIDANTI METALLI PESANTI Acido Peracetico Perossido d Idrogeno Permanganato di Potassio Derivati dell Argento Nitrato d Argento Sulfadiazina Argentica Derivati mercuriali Tiomersal Mercurocromo Per spettro di attività si dividono In condizioni d uso come DISINFETTANTI SPORICIDI Virus con capside Gram + Gram - Funghi Virus senza Micobatteri Spore capside Alcool Etilico buona buona buona variabile variabile variabile insufficiente Alcool Isopropilico buona buona buona variabile insufficiente variabile insufficiente Clorexidina soluzione alcolica Clorexidina soluzione acquosa buona buona buona variabile variabile variabile insufficiente buona buona insufficiente variabile insufficiente insufficiente insufficiente Derivati del Cloro buona buona buona buona buona variabile buona Dicloroisocianurato buona buona buona buona buona variabile insufficiente Iodopovidone buona buona buona buona buona variabile variabile Composti ammonici quaternari buona buona insufficiente insufficiente insufficiente insufficiente insufficiente Fenoli buona buona buona buona variabile variabile insufficiente Derivati mercuriali insufficiente buona variabile variabile insufficiente insufficiente insufficiente Ossidanti buona buona buona buona buona buona buona 4

6 SISTEMI DI STERILIZZAZIONE E DISINFEZIONE N.B. La disinfezione è una pratica rivolta alla distruzione o inattivazione dei microrganismi patogeni (con la sola eccezione delle spore) nell ambiente o su specifici substrati. Il tempo indicato è quello minimo. Disinfezione di basso livello (esposizioni uguale o inferiore a 10 minuti). Ipoclorito di Sodio 100 ppm (parte per milione oppure 0,01% di Cloro attivo in 100 ml) Ammonio Quaternario Disinfezione di livello intermedio (esposizioni uguale o inferiore a 10 minuti). Alcool 70 Fenolo Iodofori Associazione di Aldeidi Ipoclorito di Sodio da 500 a 1000 ppm (parte per milione oppure 0,05%-0,1% di Cloro attivo in 100 ml) Disinfezione di alto livello (esposizioni tra 20 e 30 minuti). Per immersione: Glutaraldeide 2% Glutaraldeide fenolato 1:8 Perossido d Idrogeno 6% Ipoclorito di Sodico ppm (parte per milione oppure 0,1%-0,5% di Cloro attivo in 100 ml) Per calore: Pasteurizzazione (75 C, 30 minuti) Sterilizzazione (in camere) A calore secco Autoclave: Vapore a pressione Ossido di Etilene Formolo Perossido di Idrogeno Acido Peracetico 5

7 RESISTENZA DEI MICROORGANISMI AI PROCESSI DI ELIMINAZIONE PRIONI Agente della malattia di Creutzfeld-Jacob (MCJ) Disinfezione e sterilizzazione in condizioni speciali* SPORE BATTERICHE Bacillus subtilis Clostridium sporogens Sterilizzazione o disinfezione di livello alto MICOBATTERI Mycobacterium spp Disinfezione di livello intermedio VIRUS SENZA CAPSIDE Poliovirus Rinovirus FUNGHI Candida spp Cryptococcus spp Disinfezione di livello basso FORME BATTERICHE VEGETATIVE Pseudomonas spp Salmonella spp Staphylococcus spp VIRUS CON IL CAPSIDE Virus dell'herpes simplex Citomegalovirus Virus dell'epatite B Virus dell'immunodeficienza umana L'agente della malattia di Creutzfeldt-Jacob e altri agenti responsabili di malattie neurodegenerative possono essere inattiviati attraverso: 1. Autoclavaggio per un'ora a una temperatura non inferiore a 132 C e a una pressione di 103 Kpa 2. Esposizione all'idrossido di Sodio 1 N per un'ora a temperatura ambiente. L'Ipoclorito è meno efficace. Questi agenti sono straordinariamente resistenti all'inattivazione tramite processi fisici e chimici, inclusi la Formaldeide, i ß-Propiolattoni, l'acido Etilendiamminotetracetico (EDTA), le proteasi, le nucleasi, il calore, la radiazione UV e le radiazioni γ. Si mantengono stabili per molti anni a -70 C o dopo la liofilizzazione. 6

8 PRINCIPALI CLASSI DI ANTISETTICI E DISINFETTANTI ALCOLI - Alcool Etilico - Alcool Isopropilico Meccanismo, potenza e spettro d azione Il meccanismo d azione si basa sulla denaturazione e coagulazione delle proteine. In questo modo gli alcoli esplicano una buona e rapida azione battericida, che è però di potenza intermedia, poiché non hanno alcuna attività sulle spore e, inoltre, l Alcool Isopropilico è inefficace verso i virus senza capside. Concentrazioni e tempi d impiego L Alcool Etilico svolge la sua attività alla concentrazione del 70% p/p mentre per l Alcool Isopropilico sono richieste concentrazioni variabili dal 50 al 70% p/p; il tempo minimo di contatto deve essere di 2 minuti. Interazioni L alcool viene inattivato dalla presenza di sostanze organiche. Indicazioni Possono essere impiegati come antisettici cutanei prima di un iniezione, di un prelievo di sangue o per la medicazione del cordone ombelicale. Rappresentano una alternativa accettabile per l antisepsi delle mani in mancanza di sapone. BIGUANIDI - Clorexidina Meccanismo, potenza e spettro d azione Il meccanismo d azione che sta alla base dell azione batteriostatica è l inattivazione dei sistemi enzimatici e un danno alla membrana plasmatica; per l azione battericida sono invece coinvolti fenomeni coagulativi del protoplasma. La Clorexidina in soluzione alcolica è un battericida di potenza intermedia, mentre la soluzione acquosa è da considerarsi un antimicrobico di basso livello. 7

9 Concentrazioni d impiego e indicazioni Le soluzioni di Clorexidina esplicano la loro massima attività a ph variabile da 5 a 7 e sono inattivate in presenza di anioni organici e inorganici e di oggetti in gomma. La soluzione acquosa di Clorexidina associata a un tensioattivo è idonea per la detersione e l antisepsi della cute e delle mucose (ostetricia, ginecologia, urologia). La soluzione schiumogena di Clorexidina al 4% è indicata nel lavaggio antisettico delle mani e nel lavaggio del paziente nel preoperatorio. Le soluzioni acquose allo 0,05% sono utili nell antisepsi di ferite, ustioni e per irrigazioni oculari mentre quelle allo 0,02% sono indicate per irrigazioni pleuriche, peritoneali e vescicali; le soluzioni acquose si contaminano facilmente quindi è fondamentale allestirle con acqua sterile e consumarle entro un tempo ragionevole (non più di una settimana). La soluzione alcolica allo 0,5% è indicata nell antisepsi della cute nel preoperatorio, prima di prelievi, di fleboclisi, di inserimento di cateteri o altre manovre invasive. In odontoiatria, il collutorio allo 0,2% di Clorexidina rappresenta il prodotto di prima scelta nella prevenzione della placca (in questo caso è necessario un tempo minimo di contatto di 2 minuti). Tossicità I preparati a base di Clorexidina non devono entrare in contatto con le meningi, con il tessuto cerebrale e con l orecchio medio (per il rischio di ototossicità). Casi di sensibilizzazione cutanea si sono verificati molto raramente. DERIVATI DEL CLORO - Cloramina T - Dicloroisocianurato - Sodio Ipoclorito Il Cloro elementare ha un potere battericida elevato, ma la sua tossicità ne impedisce l utilizzo come tale; viene invece veicolato, in forma di Acido Ipocloroso, in soluzioni la cui attività microbicida è in rapporto al titolo in Cloro Attivo, definito come la quantità di Cloro molecolare che si può ottenere da una data quantità di Acido Ipocloroso. 8

10 Meccanismo, potenza e spettro d azione Il meccanismo d azione è da riferire all azione ossidante del Cloro a livello dei gruppi sulfidrilici di enzimi coinvolti nel metabolismo cellulare e alla formazione di composti N-Cloro sostituiti responsabili della denaturazione di proteine cellulari. I derivati del Cloro hanno un attività battericida di livello elevato (il ph per avere la massima efficacia è compreso tra 6 e 8), ad eccezione del Dicloroisocianurato che non è indicato come sporicida. Interazioni La stabilità è certamente un aspetto critico di questi preparati: concentrazioni superiori o inferiori all 1%, temperature elevate, ambiente acido, radiazioni ultraviolette, presenza di sostanze organiche o inorganiche a carattere riducente sono tutti elementi che ne facilitano il deterioramento. Concentrazioni d impiego e indicazioni La Cloramina T è un derivato organico del Cloro con un contenuto in Cloro Attivo all incirca del 25% p/p; l Acido Ipocloroso viene liberato lentamente permettendo di avere un azione microbicida prolungata nel tempo. La soluzione acquosa di Cloramina T al 1% può essere impiegata per la potabilizzazione dell acqua, nella disinfezione delle mucose, per impacchi e irrigazioni; le soluzioni estemporanee di Cloramina T vanno impiegate entro 24 ore dal momento dell allestimento. Il Dicloroisocianurato è un derivato organico del Cloro presente in forma di compresse da sciogliere in acqua. Il vantaggio della forma solida è la garanzia di stabilità fino a 3 anni. La solubilizzazione in acqua va eseguita in modo diverso a seconda della concentrazione di Cloro che si vuole ottenere e, una volta costituita la soluzione, deve essere impiegata in giornata poiché la sua stabilità non supera le 24 ore. Le soluzioni di Dicloroisocianurato possono trovare impiego nella disinfezione di lenti a contatto, di biberon, di superfici domestiche e nel trattamento delle acque. Il Sodio Ipoclorito è una soluzione che presenta caratteristiche di potenza e attività battericida simili alla Cloramina T, ma si differenzia da questa per l elevata instabilità a seguito della quale la sua azione è di breve durata. 9

11 Le soluzioni in commercio di Sodio Ipoclorito hanno generalmente un contenuto in Cloro Attivo pari a 50 grammi per litro e da tale concentrazione si effettuano poi le diverse diluizioni a seconda dell impiego che se ne vuole fare: concentrazioni variabili tra 0,1% e 1% di Cloro Attivo sono adatte per la disinfezione di ambienti e superfici domestiche; per la potabilizzazione dell acqua è sufficiente l aggiunta di un quantitativo di Sodio Ipoclorito pari a 1 mg di Cloro Attivo per ogni litro d acqua da trattare. In commercio si trovano soluzioni ottenute sottoponendo a elettrolisi parziale il cloruro di sodio (clorossidante elettrolitico); tali preparazioni sono caratterizzate da elevata purezza, buona stabilità, ph non lontano da quello fisiologico e trovano impiego sia in antisepsi (cute integra, cute lesa, mucose) che in disinfezione. IODIO E IODOFORI - Iodio in soluzione - Iodofori in soluzione Meccanismo, potenza e spettro d azione Lo Iodio e le preparazioni nelle quali viene veicolato sono dotati di una potenza battericida intermedia. La loro attività nei confronti dei micobatteri e delle spore è variabile e può dipendere dalla concentrazione d impiego. Il meccanismo d azione si basa sulle proprietà ossidanti dello iodio rivolte soprattutto verso le proteine le quali vanno incontro a denaturazione. Esplicano la loro attività rapidamente: è sufficiente un tempo di contatto di soli due minuti. Lo Iodio, come tale, è solubile in alcool e poco solubile in acqua; tale solubilità aumenta notevolmente se lo si pone in una soluzione concentrata di Ioduro di Potassio, situazione nella quale si forma un complesso stabile dal quale viene gradualmente liberato lo Iodio in forma molecolare. Concentrazioni d impiego e indicazioni Lo Iodio in soluzione alcolica è presente in forma di Tintura di Iodio al 2% e al 7% e come Alcool Iodato alla concentrazione dell 1%: l alcool facilita la dispersione e la penetrazione dello Iodio al momento dell applicazione. È dotato di buone caratteristiche di efficacia come antisettico per la cute integra. Lo Iodio in soluzione acquosa (soluzione di Lugol) può trovare impiego nella 10

12 disinfezione di piccole ferite. Gli Iodofori sono dei composti ottenuti dalla coniugazione dello Iodio con detergenti sintetici non ionici; tra questi lo Iodopovidone è quello maggiormente utilizzato. Complessato in questa forma, la concentrazione di Iodio disponibile raccomandata varia da 0,75% a 1%. Le soluzioni di Iodopovidone rivestono un ruolo di elezione nell antisepsi della cute integra (nel preoperatorio), della cute lesa e della mucosa orale, vaginale e rettale. Tossicità Le soluzioni a base di Iodio possono provocare irritazione cutanea e reazioni di ipersensibilizzazione accompagnate da manifestazioni generalizzate; inoltre sono contraddistinte da cattivo odore e hanno la caratteristica di macchiare e di corrodere i metalli. Questi e altri svantaggi vengono ridotti con la veicolazione dello Iodio in forma di Iodofori. Applicazioni frequenti di soluzioni a base di Iodofori possono dare dermatiti da contatto e solo raramente sono stati riportati casi di ipersensibilizzazione; vanno usate con cautela nei neonati e sono sconsigliate in pazienti con alterazioni della funzione tiroidea, in ostetricia e nella preparazione al parto. Modalità di conservazione Tutte le preparazioni a base di Iodio devono essere conservate al riparo dalla luce e da fonti di calore. COMPOSTI AMMONICI QUATERNARI Sono rappresentati da un gruppo di composti aventi una struttura di base comune caratterizzata da un atomo di Azoto al quale sono legati quattro radicali alchilici. Meccanismo, potenza e spettro d azione Hanno bassa potenza antibatterica che esplicano a livello della membrana citoplasmatica determinando su questa alterazioni che portano alla morte cellulare. Concentrazioni d impiego e indicazioni Le concentrazioni d impiego sono comprese generalmente tra i 10 e i 250 mg di sale per 100 ml di soluzione. I sali di Ammonio Quaternario hanno una tossicità molto limitata e una notevole 11

13 stabilità. Nonostante questo, a seguito del limitato spettro d azione, il loro uso estensivo è sconsigliato, specialmente come soluzioni acquose (possono facilmente contaminarsi e diventare esse stesse veicoli di propagazione di batteri patogeni); queste trovano tuttavia impiego per irrigazioni della vescica e dell'uretra. Le soluzioni in alcool possono ancora trovare impiego come antisettici della cute integra, delle membrane; per l indicazione nelle ferite va tenuto presente che l'alcool, a contatto con la cute lesa, provoca bruciore. L indicazione relativa a disinfezione e conservazione asettica di ferri chirurgici non è appropriata a causa del ristretto spettro di attività disinfettante di tali composti. FENOLI Il Fenolo, primo disinfettante introdotto da Lister nella pratica chirurgica dell antisepsi, è stato soppiantato dai suoi derivati che si sono dimostrati più attivi e meno tossici del loro precursore. Meccanismo, potenza e spettro d azione La potenza antibatterica è, in generale, di livello medio-basso; va precisato che i prodotti in commercio sono solitamente costituiti da miscele polifenoliche, a volte addizionate con detergenti, nelle quali i singoli derivati possono avere spettro d azione differente e questo potrà di conseguenza variare a seconda della formulazione. I Fenoli agiscono come batteriostatici denaturando le lipoproteine della membrana cellulare e come battericidi, a concentrazioni elevate, mediante coagulazione delle proteine presenti all interno della cellula. Indicazioni L impiego dei derivati fenolici è riservato alla disinfezione di ambienti, di superfici, di materiale non critico Tossicità Non devono essere usati per la disinfezione di superfici sulle quali si appoggiano bambini o di incubatrici (l elevato assorbimento cutaneo può essere responsabile di neurotossicità nei neonati). Interazioni I prodotti in commercio sono generalmente stabili e presentano buone caratteristiche di maneggevolezza; possono subire un certo grado di inattivazione da parte di materiale organico e vengono adsorbiti da articoli in gomma e plastica. 12

14 DERIVATI MERCURIALI - Merbromina Potenza Sono agenti batteriostatici di basso livello. Tossicità Applicazioni cutanee ripetute possono dare luogo a fenomeni di sensibilizzazione; se impiegati per la disinfezione di aree decorticate vengono assorbiti e possono causare albuminuria, oliguria e compromissione irreversibile della funzione renale. I derivati mercuriali vengono inattivati in presenza di materiale organico; con i sali di metalli pesanti e con lo Iodio danno origine a precipitati dotati di tossicità elevata. AGENTI OSSIDANTI - Acqua ossigenata (perossido di idrogeno) Potenza e concentrazioni d impiego Le soluzioni di Acqua Ossigenata, alla concentrazione comunemente impiegata (3% p/v pari a 10 volumi), esplicano un azione batteriostatica e debolmente battericida. A concentrazioni superiori l attività diventa battericida e sporicida, ma purtroppo è accompagnata da pericolose caratteristiche caustiche. Indicazioni La soluzione al 3% trova impiego nella disinfezione di piccole ferite, di ulcere, nella detersione di piaghe. E importante ricordare che l Acqua Ossigenata non va mai usata per la disinfezione di cavità chiuse dell organismo poiché l ossigeno che si libera sarebbe ostacolato nell uscita. Le soluzioni di Acqua Ossigenata si inattivano facilmente in presenza di materia organica e infatti la loro durata d azione è breve poiché vanno incontro a decomposizione da parte di enzimi presenti nei tessuti. Modalità di conservazione L Acqua Ossigenata si decompone facilmente con la luce e il calore e per questo motivo va conservata in bottiglie scure e a temperatura inferiore ai 35 C e tappatte accuratamente una volta aperte. 13

15 - Urea perossido In commercio esistono prodotti contenenti urea perossido a concentrazioni diverse: soluzioni al 6,5%, utilizzate come preparazioni otologiche per la rimozione del cerume, oppure soluzioni al 10 % per l igiene orale; non esistono dati che supportino l efficacia come antisettico e disinfettante di urea perossido alla concentrazione del 3%. ALTRI E ASSOCIAZIONI CLIOCHINOLO E la Iodocloro-Ossichinolina, un agente con proprietà antibatteriche e antifungine nei confronti di Microsporun, Tricophyton, Candida albicans, Stafilococchi ed Enterococchi. Indicazioni Per via topica è indicato nel trattamento di micosi ed eczemi alla concentrazione del 3%; le applicazioni devono essere ripetute 2-3 volte al giorno. Tossicità L applicazione cutanea può causare prurito e irritazione. A causa della neurotossicità associata al Cliochinolo e il fatto che può verificarsi un certo assorbimento sistemico anche a seguito di una applicazione topica (specialmente se occlusiva), è discutibile l impiego di questo agente; sono infatti disponibili altri prodotti di provata efficacia caratterizzati da minore tossicità. Qualora la scelta si indirizzi comunque verso questa molecola, è necessario tenere presente che le applicazioni non devono essere protratte per più di una settimana e non deve essere impiegata in bambini di età inferiore ai due anni. 14

16 CONSIGLI PER L UTILIZZO DI ANTISETTICI E DISINFETTANTI Raccomandazioni generali I prodotti disinfettanti e antisettici possono essere utilizzati solamente per gli impieghi previsti dalla scheda tecnica; se usati in modo improprio rispetto all indicazione, alla concentrazione e alla modalità di impiego, possono determinare effetti indesiderati come tossicità acuta e/o cronica, danni più o meno rilevanti sui materiali e, anche, un aumento dei costi. L efficacia dei disinfettanti e degli antisettici è condizionata da diversi fattori, che bisogna tener presente per un loro corretto utilizzo. Esiste una concentrazione ottimale nella quale l efficacia del disinfettante/antisettico è massima: concentrazioni inferiori a quella indicata come ottimale non sono efficaci, concentrazioni superiori non migliorano di norma l efficacia ma possono causare effetti indesiderati anche gravi e possono favorire l insorgenza di forme di resistenza batterica. L eventuale diluizione, se necessaria, deve essere realizzata accuratamente (non sono ammesse diluizioni approssimative ad «occhio»). Si utilizza acqua sterile per la diluizione di antisettici impiegati per lavaggi endocavitari e per l antisepsi di cute lesa; acqua depurata per la diluizione di antisettici per l antisepsi di cute integra. Il disinfettante, una volta diluito, deve essere utilizzato entro l intervallo di tempo previsto dalla scheda tecnica e, comunque, di norma entro 7-10 giorni. Il tempo di contatto necessario varia a seconda del prodotto e, per uno stesso prodotto, a seconda del tipo di impiego. La natura del materiale da disinfettare deve essere sempre compatibile con il disinfettante. E necessario conservare le confezioni al riparo dalla luce, ben chiuse (per evitare evaporazione del solvente nell ambiente e rischio di contaminazione del prodotto) e lontano da fonti di calore. Non bisogna associare tra loro più prodotti, se non si è certi delle loro interazioni ed incompatibilità. 15

17 Evitare che la bocca del contenitore venga a diretto contatto con le mani o con altro materiale (garze, cotone, etc). Per una mirata scelta dell antisettico/disinfettante è opportuno conoscere lo spettro d azione. Trattamento delle ferite e delle abrasioni La ferita è un interruzione di continuità della cute o delle mucose, con eventuale interessamento dei tessuti sottostanti. Le abrasioni e le escoriazioni sono lesioni superficiali che si producono per sfregamento o raschiamento. Le abrasioni interessano solo il derma superficiale; le escoriazioni, invece, coinvolgono anche il derma profondo e spesso si presentano contaminate da schegge o terriccio. Nel trattamento delle ferite è sconsigliata l applicazione di antisettici sotto forma di pomate, unguenti, paste o polveri perché hanno un azione occlusiva che impedisce lo scambio gassoso ed ostacola la guarigione. E da evitare l uso di antibiotici, in quanto possono favorire fenomeni di sensibilizzazione, allergie e comparsa di microrganismi resistenti. E sempre indispensabile, anche nelle piccole ferite, controllare lo stato vaccinale relativo alla vaccinazione antitetanica. Sulla pelle non integra non bisogna utilizzare l alcool denaturato, dato che causa bruciore ed irrita i tessuti. Le disposizioni legislative vigenti prevedono che l Alcool Denaturato (Alcool Etilico trattato con Metanolo, basi piridiniche e coloranti) sia impiegato solo come solvente, detergente e per iniezioni intramuscolari. L Alcool Etilico può trovare impiego come disinfettante unicamente se associato a composti di Ammonio Quaternario, Clorexidina, Iodopovidone, ad una concentrazione compresa tra il 60-70%. 16

18 Indicazioni d uso degli antisettici PRINCIPIO ATTIVO Povidone Iodio acquoso alcoolico Perossido di Idrogeno (Acqua Ossigenata 3% o 10 volumi) FERITE SETTICHE (sporche di essudato) FERITE ASETTICHE (chirurgiche) INIEZIONI SI SI SI (endovenose, cateteri venosi, etc) Nota A Nota A NO COMMENTO CONFEZIONI Meglio usare confezioni piccole ( ml) o buste monodose. Si consigliano confezioni piccole (100 ml). Clorexidina Gluconato soluzione acquosa soluzione alcoolica Clorexidina + Cetrimide SI NO SI SI NO SI SI SI SI Per le soluzioni acquose sono consigliate confezioni piccole o buste monodose (25ml). Prodotto da diluire a seconda dell uso. Derivati del Cloro Composti di Ammonio Quaternario : soluzione acquosa soluzione alcolica SI SI SI Nota B Nota B Nota B Confezioni 250 e 500 ml. Salviette monouso. Confezioni piccole ( ml) meglio se associate ad Alcool 70 C. NOTA A NOTA B E usata come detergente, per lavaggi, in quanto ha un potere disinfettante debole. La liberazione di ossigeno aiuta la rimozione meccanica di agenti inquinanti. L ossigeno, a contatto con la ferita, provoca effervescenza determinando il distacco dei tessuti necrotici e di eventuali particelle estranee. Pertanto, dopo il suo utilizzo, è opportuno lavare la ferita con la soluzione fisiologica sterile (per evitare interazioni ed inattivazioni del disinfettante successivamente impiegato) quindi disinfettare con idoneo antisettico. Tali preparati rappresentano la categoria più diffusa in ambiente domestico, hanno un basso livello di attività antisettica e, soprattutto, le soluzioni acquose,una volta aperta la confezione, possono inquinarsi con colonie batteriche. In queste condizioni il potere disinfettante non è garantito, anche se la data di scadenza, riportata sulla confezione, non è ancora raggiunta. Quindi, se l impiego non è frequente, si raccomanda di preferire questi prodotti in forma di salviette monouso oppure confezioni piccole ( ml) meglio se associate ad alcool a 70 C. 17

19 Trattamento delle lesioni da decubito Per la guarigione delle lesioni da decubito occorre rispettare il più possibile l ambiente naturale che favorisce la riepitelizzazione; qualsiasi alterazione dell umidità, del ph, della temperatura può ritardarne il processo. Per tale motivo non è consigliabile utilizzare di routine i disinfettanti per la detersione delle lesioni. In presenza di una lesione da decubito il trattamento iniziale è rappresentato dalla detersione, mentre la disinfezione deve essere effettuata solo in presenza di lesioni infette (vedi monografia «Medicazione Speciale»). Disinfezione Gli antisettici vanno usati solamente in presenza di lesioni infette o di secrezioni necrotiche. Qualsiasi disinfettante, infatti, oltre all azione antibatterica possiede anche un effetto lesivo nei confronti delle cellule, anche quelle sane, e quindi può danneggiare le cellule deputate alla riproduzione tissutale. La disinfezione deve essere sempre seguita da un lavaggio con soluzione fisiologica. Sono da preferire i seguenti antisettici: - Perossido di Idrogeno (acqua ossigenata al 3%) può essere usato come detergente nei lavaggi di ferite superficiali in quanto l ossigeno, a contatto con la ferita, provoca effervescenza e trasporta fuori dalla piaga eventuali corpi estranei o batteri; - Iodio Povidone, caratterizzato da un azione rapida e ad ampio spettro. Può provocare reazioni d ipersensibilità e tossicità per assorbimento sistemico. - Cetrimide + Clorexidina, è un associazione con caratteristiche detergenti dovute alle proprietà surfattanti della Cetrimide e antisettiche della Clorexidina. Trattamento delle ustioni di modesta entità. Le ustioni vengono suddivise a seconda dell estensione, che ci permette di valutare l entità del danno sistemico, e della profondità, che ci fornisce un valore del danno locale. Si definisce ustione localizzata quella che non supera nell adulto il 18-20% e nel bambino il 10-12% e provoca unicamente fenomeni locali. Prenderemo in considerazione solo il trattamento topico delle ustioni estese al massimo al 2-3% della superficie corporea con fenomeni locali per lo più di carattere infiammatorio. 18

20 In relazione alla profondità le ustioni vengono classificate in: superficiali - epidermiche e dermiche superficiali, che, se trattate correttamente, hanno una guarigione spontanea in giorni senza un danno funzionale ed estetico residuo. Nelle ustioni dermiche superficiali si salvano, infatti, in parte le ghiandole sudoripare e gli annessi pilo-sebacei, le cui cellule epiteliali possono proliferare e riepitelizzare spontaneamente le zone lese; profonde dermiche profonde e a tutto spessore, che possono guarire spontaneamente in più di giorni con esiti cicatriziali, per cui è spesso è opportuno un intervento chirurgico con innesti cutanei dermo-epidermici. Nelle ustioni dermiche superficiali si forma una bolla ripiena di essudato plasmatico e sul fondo rimane un derma ancora vitale di colore roseo-rosso. La compressione con una pinza provoca un impallidimento che prontamente scompare, ciò a dimostrazione della presenza di una buona circolazione sanguigna dermica. La sensibilità è normale ed è presente dolore. Nelle ustioni dermiche profonde di solito la bolla è già stata scoperta e la superficie dermica appare roseo-biancastra. Alla compressione il ritorno sanguigno è lento od assente ed anche la sensibilità dolorosa alla puntura di uno spillo appare attenuata od assente. Nel trattamento delle ustioni è utile un lavaggio immediato per 3-5 minuti con acqua fredda. Le bolle non vanno rotte e devono possibilmente essere lasciate intatte per 1-2 giorni. Gli obiettivi del trattamento locale sono il controllo dello sviluppo della flora batterica, la protezione del tessuto epiteliale, promuovere la rimozione dell escara e la formazione del tessuto di granulazione, isolare la zona ustionata da contaminazioni esterne. Non è opportuno utilizzare prodotti che causano essicamento della superficie lesa; gli attuali orientamenti, infatti, considerano l ambiente umido il più idoneo a favorire la riepitelizzazione. Non è inoltre consigliato l uso di sostanze in polvere o spray di difficile rimozione. Nelle ustioni di I grado (ustioni epidermiche, come gli eritemi solari) si possono utilizzare in prima istanza pomate antibatteriche e cortisoniche; queste ultime sono utili perché attenuano in parte il dolore. 19

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI ISTRUZIONE OPERATIVA n 4/2007 Revisione 2 PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI (Aggiornato nei nomi commerciali e nelle concentrazioni d uso dal Gruppo di Lavoro a maggio 2008)

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE

LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE Qual è la carica batterica presente nel letto della ferita e quanto è importante questo fattore? o Detersione pag. 2 o I biofilm ed il loro impatto sul

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE

PROTOCOLLO EMOCOLTURE E.O. OSPEDALI GALLIEA - GENOVA POTOCOLLO EMOCOLTUE PEPAATO VEIFICATO APPOVATO ACHIVIATO Bavestrello L., Brenta M., Cangi., Costa M., Crinoldi F., D'Antonio S., Della Monica E., Drago D., Fiorellino D.,

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe

Sistema Silancolor Plus. Protezione e decorazione delle murature. Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Protezione e decorazione delle murature Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e muffe Sistema Silancolor Plus Ciclo di finitura resistente alla crescita di alghe e

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE NELLE STRUTTURE SANITARIE

LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE NELLE STRUTTURE SANITARIE Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento Igiene del Lavoro LINEE GUIDA SULL ATTIVITÁ DI STERILIZZAZIONE QUALE PROTEZIONE COLLETTIVA DA AGENTI BIOLOGICI PER L OPERATORE

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli