Regolamento per gli investimenti della cassa pensione pro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento per gli investimenti della cassa pensione pro"

Transcript

1 Regolamento per gli investimenti della cassa pensione pro validi dal cassa pensione pro Bahnhofstrasse 4 Casella postale 434 CH-6431 Svitto t f pkpro.ch

2 Indice Capitolo 1: Dati di base 3 Art. 1 Scopo e campo di applicazione 3 Art. 2 Principi della gestione patrimoniale 3 Art. 3 Strumenti 3 Art. 4 Disposizioni riguardanti integrità e lealtà 3 Capitolo 4: Controllo della gestione 9 Art. 27 Controllo 9 Art. 28 Reporting 9 Art. 29 Regole di valutazione nell ambito del reporting 9 Art. 30 Indennità per i gestori esterni del portafoglio 9 Capitolo 2: Organizzazione 3 Art. 5 Consiglio di fondazione 3 Art. 6 Direzione aziendale 4 Art. 7 Gestori patrimoniali 4 Art. 8 Banche depositarie 4 Art. 9 Ufficio di revisione 4 Art. 10 Perito in casse pensioni 4 Art. 11 Amministrazione e gestione 4 Art. 12 Esercizio del diritto di voto degli azionisti 4 Capitolo 5: Disposizioni finali 10 Art. 31 Entrata in vigore e adeguamento 10 Allegato 1 11 Allegato 2 12 Allegato 3 13 Allegato 4 14 Allegato 5 15 Capitolo 3: Investimenti 5 Art. 13 Allegati 5 Art. 14 Princìpi degli investimenti in titoli 5 Art. 15 Obbligazioni CHF estere e nazionali 5 Art. 16 Obbligazioni Internationali 5 Art. 17 Prestiti convertibili 6 Art. 18 Azioni Svizzera 6 Art. 19 Azioni Internationali 6 Art. 20 Investimenti alternativi 6 Art. 21 Prestiti 7 Art. 22 Investimenti sul mercato monetario e conti a termine 7 Art. 23 Investimenti in strumenti derivati 7 Art. 24 Prestiti di valori mobiliari 7 Art. 25 Principi per gli investimenti immobiliari 8 Art. 26 Ipoteche 8 PK_07_220_05_i 2

3 In conformità dell Atto di fondazione, il Consiglio di fondazione emette il seguente Regolamento per gli investimenti. Capitolo 1: Dati di base Art. 1 Scopo e campo di applicazione 1.1 Il presente Regolamento definisce i princìpi della gestione patrimoniale della cassa pensione pro (in seguito denominata cassa pensione). 1.2 Il regolamento è sottoposto a verifica ed eventualmente adattato almeno una volta all anno. Art. 2 Principi della gestione patrimoniale 2.1 La gestione patrimoniale viene effettuata secondo le disposizioni legali che concernono la previdenza professionale. 2.2 La cassa pensione amministra il suo patrimonio in modo da garantire un sufficiente reddito degli investimenti, un adeguata ripartizione dei rischi e la copertura del fabbisogno presumibile di liquidità finanziaria. 2.3 La cassa pensione stabilisce gli obiettivi e fissa i principi fondamentali, oltre alle norme di base per la gestione e il controllo degli investimenti, in modo tale che l organo paritetico possa esercitare la sua funzione direttiva senza alcuna limitazione. La cassa pensione determina le regole applicabili per l esercizio dei suoi diritti di azionista. La cassa pensione adotta le adeguate misure organizzative che consentano l applicazione dei requisiti minimi previsti dall art. 51 b LPP e dagli art. 48 f - 48 l OPP 2 e stabilisce i requisiti che devono essere adempiuti dalle persone e dalle istituzioni che investono e amministrano il patrimonio della cassa pensione. 2.4 La cassa pensione deve scegliere amministrare e controllare con la massima cura, i suoi investimenti. Per gli investimenti patrimoniali si deve garantire soprattutto la sicurezza dell adempimento degli obiettivi previdenziali. La valutazione della sicurezza viene effettuata tenendo conto degli attivi e passivi e della reale situazione finanziaria della cassa, come pure della struttura e del probabile sviluppo dell effettivo degli assicurati. Nella scelta degli investimenti si devono rispettare i principi di un adeguata ripartizione dei rischi, sia per quanto concerne le diverse categorie d investimento, le regioni e i settori economici. 2.5 La cassa pensione deve cercare di ottenere un rendimento corrispondente alla situazione del mercato finanziario e immobiliare e del mercato dei capitali, avendo come obiettivo un rendimento pari a quello dell Indice Pictet LPP Le persone incaricate dell amministrazione, della gestione e del controllo della cassa pensione sono responsabili dei danni da loro causati intenzionalmente o per negligenza. Art. 3 Strumenti Per l attuazione della propria strategia d investimento, la cassa pensione utilizza i seguenti strumenti: a) limitazione delle possibilità d investimento in rapporto alle possibilità di controllo, ai limiti massimi delle posizioni e ai requisiti di qualità; b) strumenti di pianificazione e controllo, come pure monitoraggio e analisi costanti dei risultati degli investimenti e dei rischi in rapporto alla strategia d investimento scelta e ai rispettivi obiettivi. Art. 4 Disposizioni riguardanti integrità e lealtà 4.1 Le disposizioni riguardanti integrità e lealtà sono disciplinate nell allegato 5. Capitolo 2: Organizzazione Art. 5 Consiglio di fondazione Il Consiglio di fondazione è competente, in particolare, per quanto segue: a) monitoraggio del rendimento annuale; b) definizione della strategia d investimento e dei margini di oscillazione; c) approvazione del Regolamento per gli investimenti; d) selezione degli amministratori del patrimonio; e) stipulazione dei contratti con i gestori del patrimonio e con l istituto di deposito; f) vigilanza costante sui gestori del patrimonio; g) monitoraggio dello sviluppo del patrimonio, in particolare per quanto concerne l attuazione della strategia d investimento; h) approvazione degli strumenti e delle procedure di controllo dei rischi; i) proibizione o limitazione dell impiego degli strumenti derivati e strategie consentite ai sensi di questo regolamento; j) coordinamento nell ambito del processo di attuazione degli investimenti; k) controllo del rispetto dell obbligo di notifica come da art. 48 l OPP 2. 3

4 Art. 6 Direzione aziendale Art. 10 Perito in casse pensioni La Direzione aziendale è competente, in particolare, per quanto segue: a) controllo del rispetto delle disposizioni regolamentari e di legge; b) garanzia di un reporting adeguato al Consiglio di fondazione; c) reperimento di una dichiarazione scritta annuale circa vantaggi patrimoniali personali ed eventuali legami d interesse (art. 48 l OPP 2) per tutte le persone e le istituzioni che sono coinvolte nell amministrazione del patrimonio. Il perito in casse pensioni presta attenzione alle relazioni degli investimenti di capitale e dei relativi impegni. Tiene conto della struttura degli investimenti di capitale e delle scadenze legate agli impegni previdenziali. In particolar modo include nel suo controllo l esistenza e l ammontare della riserva di fluttuazione quale garanzia della strategia d investimento adottata dalla cassa pensione, come previsto dall art. 52 e LPP. Contribuisce all elaborazione di studi sull ALM. Art. 7 Gestori patrimoniali Art. 11 Amministrazione e gestione La cassa pensione può affidare l investimento e l amministrazione del suo patrimonio di previdenza solamente a persone e istituzioni che soddisfano rispettivamente i requisiti previsti dall art. 48 f e art. 48 g - 48 l OPP 2. Il Consiglio di fondazione conferisce mandati di amministrazione del patrimonio solamente a banche e / o commercianti di valori mobiliari. I compiti dei gestori patrimoniali sono i seguenti: a) applicazione delle direttive concernenti gli investimenti e l allocazione patrimoniale del Consiglio di fondazione; b) monitoraggio delle condizioni legali e delle rispettive disposizioni regolamentari; c) redazione del reporting mensile destinato al Consiglio di fondazione; d) controllo delle banche depositarie; e) elaborazione della documentazione per le decisioni del Consiglio di fondazione; f) applicazione delle decisioni del Consiglio di fondazione; g) preparazione del rapporto di gestione degli investimenti patrimoniali. Art. 8 Banche depositarie I compiti delle banche depositarie sono i seguenti: a) gestione del deposito; b) gestione di transazioni in titoli; c) restituzione dell imposta preventiva svizzera e delle imposte alla fonte estere; d) consegna delle tasse di bollo; e) emissione di quietanze di titoli ed estratti di deposito. Art. 9 Ufficio di revisione L Ufficio di revisione verifica gli investimenti patrimoniali. I suoi compiti sono disciplinati dall art. 52 c LPP. L amministrazione e gestione, e segnatamente il reparto Contabilità degli immobilizzi, si occupa di quanto segue: a) gestire le registrazioni contabili dei conti, dei titoli, degli immobili, dei prestiti e dei prodotti derivati; b) garantire la contabilità concernente i valori patrimoniali e i redditi (interessi, dividendi, ecc.); c) valutare il patrimonio conformemente alle disposizioni della LPP; d) integrare le contabilità parziali (conti, titoli, prestiti, immobili e strumenti derivati) nella contabilità generale; e) gestire i pagamenti; f) riassumere mensilmente le transazioni effettuate e inoltrare i relativi giustificativi alla contabilità finanziaria; g) conservare regolarmente i giustificativi per tutto il periodo stabilito dalla legge. Art. 12 Esercizio del diritto di voto degli azionisti a) Se possibile, i diritti di voto devono essere sempre esercitati. b) Il diritto di voto viene esercitato dai gestori del portafoglio azionario, se il Consiglio di fondazione non dispone diversamente. L esercizio del voto può anche essere delegato ai servizi azionari degli investitori istituzionali. c) In mancanza di motivi particolari, il diritto di voto può essere esercitato conformemente alla proposta del Consiglio di amministrazione, a meno che il Consiglio di fondazione non disponga diversamente. d) In circostanze eccezionali (in particolare in caso di acquisizioni, fusioni, cambiamenti importanti nel Consiglio di amministrazione o nella direzione aziendale o di opposizione alle proposte del Consiglio di amministrazione) il Consiglio di fondazione delibera in merito alle modalità di esercizio del diritto di voto, impartendo le direttive necessarie). e) Se la cassa pensione detiene una partecipazione importante in un impresa, può delegare un suo rappresentante nel Consiglio di amministrazione allo scopo di tutelare i propri interessi. 4

5 Capitolo 3: Investimenti Art. 13 Allegati Gli allegati 1-4 sono parte integrante di questo regolamento. Art. 14 Princìpi degli investimenti in titoli 14.1 L elenco delle categorie d investimento ammesse da questo regolamento è da considerarsi esaustivo. Come principio generale non è consentita l assunzione di crediti, a meno che non si tratti di un operazione a breve termine resasi necessaria per motivi tecnici. Se le circostanze lo richiedono in maniera urgente, nell interesse degli investitori è consentito derogare temporaneamente alle direttive d investimento, previa consultazione con il presidente del Consiglio di fondazione. Le deroghe vanno elencate e motivate tecnicamente nell allegato al conto di esercizio annuale Gli investimenti tramite strumenti derivati devono essere limitati Gli investimenti vengono effettuati in titoli liquidi e facilmente negoziabili. Inoltre si deve garantire una sufficiente diversificazione. Fanno eccezione gli investimenti alternativi per i quali sono in vigore disposizioni particolari Ogni categoria d investimento segue uno o più indici di riferimento. Gli indici (benchmark) servono a determinare il rendimento e il rischio di mercato (per categoria) e sono definiti nell ambito della strategia d investimento (allegato 1) Allo scopo di migliorare l efficienza e di aumentare il rendimento, per quanto concerne la strategia e la gestione del portafoglio, ci si può discostare dall indice entro determinati margini di oscillazione. I risultati vengono monitorati costantemente. Nel caso dei gruppi d investimento caratterizzati da una strategia orientata a un indice comune è consentito il superamento dei limiti d investimento per debitore e società previsti dagli articoli 54 e 54 a OPP 2. Le direttive devono citare l indice in questione e la percentuale massima di superamento dei limiti. Il superamento o la riduzione sotto i margini di oscillazione dovuti alla performance vengono corretti almeno una volta al mese Il rating minimo per gli investimenti in valori nominali, come anche il rating delle controparti per le operazioni OTC, sono regolati nell allegato In caso di nuova valutazione inferiore al rating minimo ammesso, i titoli devono essere venduti entro 3 mesi tenendo debitamente conto dell andamento dei mercati, a meno che a seguito di valutazione interna l Asset Management non suggerisca di procedere diversamente Per gli investimenti collettivi devono essere rispettate in qualsiasi momento le disposizioni dell art. 56 OPP Gli strumenti derivati che sono ammessi per garantire gli investimenti in valute, sono elencati in modo esaustivo nell allegato 2. Art. 15 Obbligazioni CHF estere e nazionali 15.1 L importo massimo in franchi per ogni debitore è del 5% degli investimenti patrimoniali. Fanno eccezione le obbligazioni della Confederazione Sono ammesse le obbligazioni, i buoni di cassa, i prestiti convertibili e con warrant, come pure i titoli di credito convertibili di debitori svizzeri o esteri con scadenza residua al momento dell acquisto di almeno 12 mesi, come pure i rispettivi investimenti indiretti Gli investimenti devono basarsi su titoli quotati in borsa (ad eccezione delle obbligazioni di cassa, dei buoni di cassa e dei prestiti obbligazionari) Invece degli investimenti diretti, si possono acquisire anche diritti di fondazioni d investimento, fondi d investimento o altri investimenti collettivi che investono in obbligazioni svizzere Gli strumenti derivati e sintetici ammessi per la diversificazione delle scadenze o per la copertura del rischio d interesse sono elencati in modo esaustivo nell allegato 2. Art. 16 Obbligazioni Internationali 16.1 L importo massimo in franchi investito è del 5 % degli investimenti patrimoniali per ogni debitore Sono ammesse le obbligazioni in franchi svizzeri, compresi i titoli di credito, i prestiti convertibili e con warrant, come pure i titoli di credito convertibili di debitori svizzeri o esteri con scadenza residua al momento dell acquisto di almeno 12 mesi Per quanto concerne i mercati emergenti e le obbligazioni «high yield» si deve mirare a una diversificazione ripartita su diversi mercati e diversi settori. La quota massima ammonta al valore superiore tra il 25 % delle obbligazioni internazionali e il 150 % della quota dell indice di riferimento di cui all allegato 1. 5

6 16.4 Invece degli investimenti diretti, si possono acquisire anche diritti di fondazioni d investimento, fondi d investimento o altri investimenti collettivi che investono in obbligazioni internazionali Gli strumenti derivati e sintetici ammessi per la diversificazione delle scadenze o la copertura del rischio d interesse sono elencati in modo esaustivo nell allegato 2. Art. 17 Prestiti convertibili 17.1 L importo massimo in franchi investito per ogni debitore è del 5 % della categoria dei prestiti convertibili. Le eccezioni sono elencate all art Gli investimenti devono basarsi su titoli facilmente negoziabili Le azioni acquisite tramite diritti di conversione possono essere detenute al massimo per un periodo di un anno dopo l esercizio del diritto. Il loro importo totale non può essere superiore al 10 % della somma investita nella categoria dei prestiti convertibili È permesso l investimento in prestiti convertibili sintetici. Tuttavia il loro importo massimo è limitato al 20 % della categoria dei prestiti convertibili Invece degli investimenti diretti, sono ammessi anche diritti di fondazioni d investimento, fondi d investimento o altri investimenti collettivi che investono in obbligazioni convertibili Gli strumenti derivati e sintetici ammessi per la diversificazione delle scadenze o la copertura del rischio d interesse sono elencati in modo esaustivo nell allegato 2. a) qualità del management; b) redditività stabile (nel caso di nuove costituzioni: pianificazione realistica del conto profitti e perdite e del potenziale adeguato di rischio / utile); c) grado d indebitamento verso terzi; d) bassa correlazione con gli investimenti esistenti Invece degli investimenti diretti, si possono acquisire anche diritti di fondazioni d investimento, fondi d investimento o altri investimenti collettivi che investono in azioni svizzere. Art. 19 Azioni Internationali 19.1 L importo massimo in franchi investito in un unica società è del 5 % degli investimenti patrimoniali In questa categoria sono ammessi tutti i valori quotati in borsa conformemente agli indici Non sono ammesse le azioni negoziate fuori borsa. Fanno eccezione gli investimenti indiretti di cui all art Invece degli investimenti diretti, sono ammessi anche diritti di fondazioni d investimento, fondi d investimento o altri investimenti collettivi che investono in azioni internazionali Si possono effettuare investimenti in azioni quotate sui mercati emergenti solo con un esplicito mandato o tramite investimenti indiretti. Inoltre si deve mirare a una diversificazione su singoli mercati e settori. La quota massima ammonta al valore superiore tra il 10 % delle azioni internazionali e non più del 150 % della quota dell indice di riferimento di cui all allegato 1. Art. 20 Investimenti alternativi Art. 18 Azioni Svizzera 18.1 Le posizioni singole sono ammesse fino al massimo stabilito dall art. 54 OPP In questa categoria sono ammessi tutti i titoli di società quotate nelle borse svizzere con sede in Svizzera/nel Liechtenstein (eccezione art. 18.3) Gli investimenti in imprese non quotate in borsa non possono superare complessivamente l 1 % degli investimenti patrimoniali. Al momento della scelta di questi investimenti si deve tenere conto anche dei seguenti criteri: 20.1 È permesso investire in quote di fondi, limited partnership, trust, società di partecipazione ecc. in tutto il mondo, a condizione che questi enti seguano strategie d investimento alternative. Diversamente dagli investimenti tradizionali, gli hedge fund si contraddistinguono tra l altro per la loro limitata negoziabilità. Si deve mirare a una diversificazione nei seguenti segmenti d investimento: hedge fund, private equity, commodities, prodotti diversi (p. es. infrastrutture, insurance linked securities ecc.) Per gli investimenti in hedge fund si devono scegliere quelli che sono gestiti da un buon management e che pubblicano i conti annuali su base consolidata. 6

7 20.3 Per conseguire un rendimento stabile, gli hedge fund devono essere ripartiti tra i vari mercati, settori e metodi d investimento L investimento per ogni singolo hedge fund non può superare all acquisto l 1.5 % degli investimenti patrimoniali. Qualora, grazie a uno sviluppo positivo, il singolo hedge fund superi il 2 % del totale degli investimenti patrimoniali, la sua quota dovrà essere ridotta in misura proporzionale. La singola partecipazione a un investimento collettivo (fondo di fondi) di adeguata diversificazione non può superare all acquisto il 4 % degli investimenti patrimoniali. Qualora, grazie a uno sviluppo positivo, il singolo hedge fund superi il 5 % del totale degli investimenti patrimoniali, la sua quota dovrà essere ridotta in misura proporzionale. Art. 21 Prestiti 21.1 Sono ammessi investimenti in collettività di diritto pubblico che dispongano di un rating minimo pari ad A e in società domiciliate in Svizzera che soddisfano i requisiti elencati qui di seguito. La massima quota di prestiti ammessa non può superare l 1 % del totale degli investimenti patrimoniali della cassa pensione. Nella concessione di prestiti occorre tenere in considerazione, in particolare, i criteri seguenti: qualità del management; andamento stabile dei rendimenti (per i casi di nuove società o imprese in fase di sviluppo, conto economico pianificato realistico con un adeguato potenziale di rischio / rendimento); scarsa correlazione con gli investimenti in essere; disponibilità di un business plan relativo ai 3-5 anni successivi; perizia indipendente di un perito riconosciuto in merito al business plan e al modello aziendale; Due Diligence indipendente per l istituzione che presenta domanda, per quanto afferente alla reputazione, alla solvibilità finanziaria, alle controversie legali (in atto e concluse), ai conflitti d interesse, alla verifica personale, ecc. I prestiti devono essere selezionati, amministrati e monitorati con attenzione nell ottica dell ottenimento a medio termine di un adeguato livello di diversificazione. La costituzione di garanzie a fronte di tali prestiti avviene depositando azioni, cartelle ipotecarie o garanzie, costituendo in pegno diritti e tramite operazioni analoghe. Alla data del pagamento del prestito deve risultare coperto da garanzia almeno il 100 % del prestito stesso. Le garanzie sono oggetto di verifica ed eventualmente adattamento a cadenza almeno semestrale. I prestiti devono avere un rating conforme all allegato Gli investimenti presso datori di lavoro affiliati sono ammessi in conformità all art. 57 OPP 2. Inoltre si devono rispettare le disposizioni dell art. 58 OPP 2. Art. 22 Investimenti sul mercato monetario e conti a termine 22.1 Come investimenti sul mercato monetario sono ammessi crediti nei confronti di debitori con una durata massima di 12 mesi nonché floating rate note (FRN) con una durata residua massima di 3 anni all acquisto La scelta degli investimenti viene effettuata tenendo conto della buona qualità dei debitori (allegato 3) La percentuale degli investimenti a breve termine per un singolo debitore non può superare il 5 % degli investimenti patrimoniali Gli strumenti derivati sono ammessi solo per ottenere una diversificazione delle scadenze. Art. 23 Investimenti in strumenti derivati 23.1 Di norma, gli investimenti tramite strumenti derivati sono permessi. Tuttavia devono essere rispettate le disposizioni dell OPP Il ricorso a strumenti derivati è ammesso solo in base alle strategie predefinite. Gli strumenti derivati servono per la copertura delle posizioni, per le modifiche della tattica d investimento, per il miglioramento del rendimento e per la ristrutturazione a basso costo degli investimenti. Tra valore base e derivato deve sussistere una relazione semplice da ricostruire. Le strategie e gli strumenti ammessi sono elencati in modo esaustivo nell allegato Gli impegni possibili per le operazioni derivate devono essere costantemente coperti da liquidità o da titoli. L uso di strumenti finanziari derivati non deve esercitare un effetto leva sul patrimonio complessivo Per gli investimenti in strumenti derivati si devono osservare le norme dell art. 56 OPP 2. L obbligo di copertura delle posizioni è regolato dalle disposizioni delle «Informazioni sulla previdenza professionale n. 50». Art. 24 Prestiti di valori mobiliari Per migliorare il rendimento, i titoli possono essere prestati a banche con un rating a breve termine conforme all allegato 3. I titoli prestati devono essere coperti da un garante e i dettagli della cessione vengono regolati in un contratto di securities lending. 7

8 Trovano applicazione, per analogia, le disposizioni sulla legislazione sui fondi (art. 55 cpv. 1 lett. a della Legge sugli investimenti collettivi [RS ], art. 76 dell Ordinanza sugli investimenti collettivi [RS ], art. 1 e segg. dell Ordinanza della FINMA sugli investimenti collettivi [RS ]). Art. 25 Principi per gli investimenti immobiliari 25.1 L obiettivo a lungo termine degli investimenti è l aumento duraturo del loro valore e un rendimento conforme al mercato Gli investimenti immobiliari possono essere effettuati sotto forma di investimenti collettivi, di investimenti diretti (con un proprietario unico o un gruppo di proprietari) o di progetti. Gli investimenti collettivi includono in particolare: quote di fondi mobiliari quotati in borsa; quote di società di partecipazione che investono a loro volta in investimenti immobiliari; diritti di fondazioni di investimento; partecipazioni ad immobili in comproprietà con altri istituti; portafogli collettivi interni di cui all art. 4 LICol. I progetti includono in particolare: terreni di costruzione; progetti di nuove costruzioni; stabili su cui gravano diritti di superficie; edifici da demolire; progetti di nuove costruzioni che successivamente verranno messe in vendita ad es. proprietà per piani (eccezione) Nella scelta degli investimenti diretti si deve tenere conto dei seguenti criteri: a) rendimento; b) potenziale di aumento del valore; c) buona posizione, possibilmente nei centri ad alta concentrazione abitativa; d) stato e livello infrastrutturale adeguati (sostanza edificata, frequenza dellai manutenzione); e) mix di locatari equilibrato; f) canoni d affitto adeguati Nella scelta degli investimenti collettivi si deve tenere conto anche dei seguenti criteri: a) qualità della gestione; b) qualità e livello di manutenzione degli immobili; c) grado d indebitamento; d) princìpi di valutazione; e) spese amministrative; f) diversificazione geografica (distribuzione regionale); g) diversificazione delle destinazioni d uso; h) correlazione con gli investimenti esistenti; i) liquidità delle quote Nella selezione dei progetti e in fase di decisione si deve tenere conto dei seguenti criteri: a) rendimento probabile; b) buona posizione, prevalentemente nei centri di alta concentrazione abitativa; c) probabilità di locazione a breve termine per tutte le unità abitative; d) previsioni sull ammontare delle pigioni; e) nessuna iscrizione nel catasto delle zone inquinate; f) realizzabilità dei nuovi edifici; g) commerciabilità Le pigioni incassate devono permettere un rendimento conforme al mercato Negli investimenti diretti, la Fondazione deve mirare, tramite misure adeguate, al mantenimento della qualità dell investimento, adottando ad esempio: a) misure di tipo strutturale; b) misure istituzionali e organizzative; c) politiche di ristrutturazione edilizia sistematica L amministrazione e la gestione degli immobili della fondazione sarà affidata dal Consiglio di fondazione a uno o più amministratori con i quali verranno stipulati contratti quadro Le ipoteche passive sottoscritte per finalità di ricorso temporaneo a fondi di terzi possono ammontare, al massimo, al 30 % del valore venale degli investimenti diretti effettuati con il portafoglio immobiliare. Art. 26 Ipoteche 26.1 La quota massima degli investimenti ipotecari è stabilita nell allegato Non si possono concedere ipoteche a società affiliate se l uso del valore dell immobile da parte della stessa società supera il 50 % Per gli immobili utilizzati a scopi commerciali, il finanziamento non può superare il 50 % del prezzo d acquisto (o del valore venale, se quest ultimo è inferiore, o se si tratta di un estinzione di un ipoteca o della concessione di una nuova ipoteca). Per gli immobili privati il finanziamento non può essere superiore al 65 % del prezzo d acquisto (o del valore venale, se quest ultimo è inferiore, o se si tratta di un estinzione di un ipoteca o della concessione di una nuova ipoteca). 8

9 26.4 A titolo di garanzia, l immobile viene ceduto in pegno sotto forma di cartella ipotecaria o di pegno immobiliare a favore della fondazione Vengono finanziati solo immobili in Svizzera. Capitolo 4: Controllo della gestione Art. 27 Controllo 27.1 L organo di controllo esercita le sue funzioni di accertamento sulle posizioni derivate e sulle singole posizioni d investimento Vengono effettuati controlli mensili sulla contabilità degli investimenti, i calcoli del rendimento e gli elenchi delle transazioni effettuate dai gestori del portafoglio I controlli mensili concernono anche la contabilità degli investimenti e gli estratti conto degli istituti di deposito con gli elenchi delle transazioni effettuate dai gestori del portafoglio Il Consiglio di fondazione vigila, con controlli mensili, sui singoli mandati. Esso può delegare i controlli a un controller esterno Il Consiglio di fondazione valuta, una volta all anno, la performance annuale globale confrontandola con gli obiettivi strategici. Inoltre decide in merito a nuove strategie d investimento e delibera modifiche dei margini di oscillazione nell ambito delle strategie approvate. Art. 29 Regole di valutazione nell ambito del reporting 29.1 Gli attivi vengono valutati in base alle disposizioni stabilite dalla Swiss GAAP FER n Le azioni e le obbligazioni sono valutate in base al valore di mercato alla data determinante. I corsi di riferimento, inclusi i corsi di conversione delle valute, vengono stabiliti e forniti dall istituto di deposito Le posizioni in valute estere sono convertite al corso di riferimento in vigore alla data determinante. Il corso di riferimento corrisponde a quello dell istituto di deposito I prestiti sono valutati al valore nominale che successivamente viene adeguato in funzione dell ammortamento Gli hedge fund sono valutati in base all ultimo prezzo di mercato disponibile o in base al valore d inventario netto. Art. 30 Indennità per i gestori esterni del portafoglio Le indennità versate ai gestori di portafoglio sono fissate in base ad accordi stipulati o calcolate in funzione del patrimonio amministrato o secondo una formula di calcolo che dipende dai risultati conseguiti. I gestori sono obbligati contrattualmente ad accreditare alla cassa pensione, anche senza una specifica richiesta, tutti i vantaggi patrimoniali (ad es. le retrocessioni, le finders fees, le commissioni di assistenza alla clientela, ecc.) che vengono versate da terzi agli stessi gestori o ai loro collaboratori, nell ambito della gestione patrimoniale. Art. 28 Reporting 28.1 Ogni mese, i gestori del portafoglio informano il Consiglio di fondazione sui rendimenti ottenuti e sull allocazione patrimoniale. Il reporting deve informare sugli investimenti effettuati, sullo sviluppo degli investimenti (performance globale e per categoria d investimento) come pure sul mantenimento della strategia d investimento, dei margini di oscillazione e sulle prescrizioni d investimento, oltre a giustificare l impiego di strumenti derivati e le eventuali deviazioni dagli obiettivi di performance dell indice di riferimento e degli obiettivi prestabiliti. 9

10 Capitolo 5: Disposizioni finali Art. 31 Entrata in vigore e adeguamento Il presente regolamento sostituisce quello del ed entra in vigore in data Se necessario, il Consiglio di fondazione lo controlla almeno una volta all anno e, all occorrenza, lo adegua. Svitto, 18 aprile 2013 cassa pensione pro Il Consiglio di fondazione Peter Hofmann Presidente Thomas Kopp Vicepresidente In caso di divergenze nell interpretazione fa fede il testo tedesco. 10

11 Allegato 1 Allegato 1 Strategia d investimento In base alla delibera del Consiglio di fondazione del 14 dicembre 2012 viene emanata la seguente strategia d investimento con le fasce di oscillazione e i benchmark corrispondenti: la strategia e le fasce di oscillazione entrano in vigore in data Categoria Benchmark Strategia Margini di oscillazione tattici Mercato monetario 5.00 % 0.00 % % LIBOR CHF 3 mesi Obbligazioni CHF estere e nazionali % 0.00 % % Swiss Bond Index TR AAA - BBB Obbligazioni Internationali 5.00 % 0.00 % % Customized Barclays Global Aggregate Index in CHF Prestiti convertibili 5.00 % 0.00 % 8.00 % UBS Convertible Global Inv. Grade Hedged (CHF) Prestiti e ipoteche 0.00 % 0.00 % 5.00 % Azioni Svizzera % 0.00 % % Swiss Performance Index Azioni Internationali % 0.00 % % MSCI World AC free in CHF Immobili % % % * KGAST Immo Index Investimenti alternativi % 0.00 % % Saggio minimo d interesse LPP + 2 % L obiettivo di rendimento della strategia ammonta al 3.60 % (prima dei costi d amministrazione del patrimonio) con un rischio del 4.60 %. Svitto, 14 dicembre 2012 * conformemente all Art. 50, cifra 4, OPP 2 11

12 Allegato 2 Allegato 2 Strategia e strumenti derivati ammessi Sono ammessi le strategie e gli strumenti derivati seguenti: Mercato monetario Valuta long Valuta short (a titolo di garanzia) anche a termine fino a un massimo di 12 mesi Aktien Long call Long put Short call Short put o una loro combinazione Short Index-Future (a titolo di garanzia) Long Index-Future (con copertura) Valuta short (a titolo di garanzia) Obbligazioni Short bond future su prestiti dello Stato (a titolo di garanzia e controllo della duration) Long Bond future su prestiti dello Stato (con copertura) Valuta short (a titolo di garanzia) Svitto, 14 dicembre

13 Allegato 3 Allegato 3 Rating minimo secondo S & P In base alla delibera del Consiglio di fondazione del 14 dicembre 2012 sono ammessi i seguenti rating minimi secondo S & P: Mercato monetario A Obbligazioni CHF estere e nazionali Investment Grade Obbligazioni Internationali Investment Grade Prestiti a enti di diritto pubblico A Operazioni OTC A Averi sul conto A (eccezione: conti di gestione presso il depositario) Per le controparti / debitori senza rating è determinante la classifica del rischio Moody s o Fitch. In mancanza di rating è determinante la classifica del rischio dell istituto di deposito. Svitto, 14 dicembre

14 Allegato 4 Allegato 4 Principi di valutazione 1. Gli averi in conto, gli investimenti sul mercato monetario e le ipoteche passive sono valutati al valore nominale. 2. Le obbligazioni, le azioni e le quote di partecipazione a investimenti sono valutati con la quotazione di borsa alla data determinante. Tuttavia le obbligazioni di cassa sono valutate, al massimo, con i valori nominali. Sono determinanti le quotazioni rilevate dagli istituti di deposito. 3. Le divise sono valutate con il cambio in vigore alla data deterinante. Sono determinanti i tassi di cambio rilevati dagli istituti di deposito. 4. I prestiti sono valutati al valore nominale, al netto delle eventuali rettifiche di valore necessarie. 5. Gli immobili sono valutati in base al metodo DCF. Le spese di gestione e gli investimenti relativi ai progetti immobiliari vengono iscritti all attivo. 6. Gli hedge fund sono valutati con l ultimo prezzo di mercato disponibile o con il valore d inventario netto. La valutazione può dunque essere effettuata con un ritardo di tre mesi circa. Svitto, 23 aprile 2009 In caso di divergenze nell interpretazione fa fede il testo tedesco. 14

15 Allegato 5 Allegato 5 Disposizioni riguardanti integrità e lealtà 1. Ambito di applicazione Le seguenti disposizioni valgono sia per il Consiglio di fondazione sia per tutte le persone e le istituzioni incaricate dalla cassa pensione. 2. Regole applicabili Le disposizioni di legge concernenti la lealtà e l integrità nell amministrazione del patrimonio (art. 51 b LPP e art. 48 f - 48 l OPP 2) fungono da base per le disposizioni che seguono. 3. Informazioni generali Il Consiglio di fondazione si impegna a informare i responsabili in merito alle direttive riguardanti l integrità e la lealtà. Esso controlla il rispetto delle disposizioni. Le persone esterne / istituzioni cui è affidata l amministrazione del patrimonio devono soddisfare i requisiti previsti dall art. 48 OPP Vantaggi patrimoniali Le modalità di retribuzione delle persone / istituzioni incaricate devono essere chiaramente determinabili e definite in un contratto scritto. In linea di principio tutti i vantaggi patrimoniali eccedenti la retribuzione concordata vanno consegnati alla cassa pensione. Non possono essere accettati inviti, regali e altri vantaggi patrimoniali personali che non sarebbero concessi senza la carica ricoperta presso la cassa pensione. Da questi principi si esclude quanto segue: a) regali occasionali: sono considerati regali occasionali quelli elargiti in singole occasioni e che non superano il valore di CHF 200 per volta e CHF per anno. b) inviti: inviti a un evento che procura in primo luogo un profitto per la cassa pensione, come ad es. un seminario specifico, se non ha luogo più di una volta al mese. Le manifestazioni permesse sono, di regola, limitate a un giorno, non sono valide per un accompagnatore e devono essere raggiungibili con l auto o i mezzi pubblici. A pranzo o la sera possono essere seguite da un evento di carattere sociale. Non è ammessa l accettazione di vantaggi patrimoniali personali sotto forma di prestazioni in denaro (contanti, buoni, sconti, ecc.) oltre i CHF Limitazione dell attività commerciale delle persone coinvolte nell amministrazione del patrimonio Sono considerate coinvolte nell amministrazione del patrimonio tutte le persone autorizzate a prendere decisioni riguardanti l acquisto o la vendita di investimenti o che sono informate riguardo a tali decisioni. A queste persone è vietato concludere affari identici per proprio conto precedentemente (Front Running), parallelamente (Parallel Running) o immediatamente in seguito all esecuzione (After Running) di incarichi commerciali svolti per la cassa pensione. Se tali transazioni vengono svolte tramite terzi, al fine di aggirare le disposizioni in vigore, queste vengono considerate come svolte per proprio conto. 6. Churning È vietata la riorganizzazione del deposito della cassa pensione senza un motivo economico che sia nell interesse della cassa stessa. 7. Notifica dei legami d interesse Tutte le persone interessate da queste disposizioni sono tenute a notificare i legami d interesse che potrebbero limitarne l indipendenza nello svolgimento della loro attività. La notifica va eseguita il più presto possibile, al più tardi prima della conclusione di una transazione, dell esecuzione di una scelta o di un assunzione. Le persone con un legame d interesse che potrebbe limitarne l indipendenza si astengono dal partecipare o predisporre o fornire consulenza o controllo in caso di tali decisioni. 8. Dichiarazioni annuali Da tutte le persone interessate il Consiglio di fondazione richiede annualmente una dichiarazione personale scritta in cui si attesta che le disposizioni in materia di lealtà sono note, che non sono stati accettati vantaggi patrimoniali non giustificati, che non sono stati eseguiti affari per proprio conto non ammessi e che non esistono conflitti d interesse espliciti. 9. Sanzioni Le violazioni saranno sanzionate. In caso di violazione delle disposizioni riguardanti l integrità e la lealtà, il Consiglio di fondazione prenderà le misure del caso. Queste possono variare da un ammonimento o avvertimento fino allo scioglimento del rapporto contrattuale. Resta salva la facoltà di ricorrere a misure penali. Svitto, 18 aprile

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG Indice absichern anlegen ausleihen bewegen Edizione: ottobre 2013 I. Informazioni generali sulla Banca ed i suoi servizi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia

Swiss Life Flex Save Uno/Duo. Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Swiss Life Flex Save Uno/Duo Risparmio puntando sulle opportunità e la garanzia Approfittate di una moderna assicurazione di risparmio con prestazioni garantite e opportunità di rendimento Swiss Life Flex

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli