A volte anche il diritto va storto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A volte anche il diritto va storto"

Transcript

1 Quaderni MCC - n. 3/14 Novembre 2014 A volte anche il diritto va storto (Gaetano Arnò - Leonardo Blandino) TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti

2 Quaderni MCC - n. 3/14 Immagine tratta da: Honoré Daumier, Les gens de justice. Supplemento alla TLS Newsletter - Pubblicato e distribuito gratuitamente Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 760, in data 11 dicembre 2006 Copyright TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti Il presente fascicolo non costituisce parere professionale ed il relativo contenuto ha esclusivamente carattere informativo. Il testo del presente fascicolo non può essere riprodotto senza la preventiva espressa autorizzazione di TLS. La citazione o l estrapolazione di parti del testo è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione. 2

3 A volte anche il diritto va storto Al giudice occorre più coraggio ad essere giusto apparendo ingiusto, che ad essere ingiusto apparendo giusto. (Piero Calamandrei) 3

4 Quaderni MCC - n. 3/14 Un repertorio di sentenze raccoglie, di regola, le più significative decisioni relative ad un determinato argomento, con la finalità di evidenziare i principali orientamenti giurisprudenziali e l auspicio che il più corretto tra di essi rimanga o diventi quello prevalente. Anche questa breve trattazione può considerarsi una sorta di raccolta di pronunce - tutte rese in giudizi di opposizione a decreto ingiuntivo ed aventi ad oggetto obbligazioni pecuniarie - ma con un obiettivo in parte più faceto e sostanzialmente opposto rispetto a quello delle tradizionali rassegne. Essa si propone di dare rilievo ad un piccolo gruppo di sentenze (o ordinanze) che, tra tante, si sono distinte per uno o più aspetti non condivisibili, nella speranza che rimangano inimitate e non finiscano per costituire precedenti seguiti da altri giudici. Le pronunce in questione, infatti, nonostante la sostanziale semplicità della materia, appaiono sintomatiche di alcuni dei principali difetti della giustizia italiana - tempi biblici e sovrabbondanza di incombenze superflue che non sempre trovano un valido contrappeso in decisioni pienamente ponderate e ragionevolmente preventivabili. * * * I primi casi che si vanno ad analizzare rappresentano precisi esempi di Diseconomia processuale nei quali il Giudice temporeggiatore ha inciso in modo, purtroppo, significativo sulle tempistiche (e sui costi) del procedimento, sovraccaricandolo di adempimenti non necessari. Nei tre casi presi in considerazione, il Magistrato, chiamato a quantificare la somma effettivamente dovuta al creditore, non ha avuto remore a svelare la sua irriducibile avversione per la matematica. (i) In una causa iscritta al Ruolo Generale in data 26 febbraio 2013, la cui sentenza deve ancora vedere la luce, il Giudice di Pace di Roma ha ritenuto di dover disporre una Consulenza Tecnica d Ufficio ed incaricare un dottore commercialista affinché quantificasse la somma effettivamente dovuta dalla debitrice, sottoponendogli il seguente quesito: Riferisca il CTU ogni utile elemento informativo inerente la vicenda affetta d accertamento; in particolare esegua il riscontro contabile di cui alle tesi esposte dalle parti costituite relativamente al dare e all avere, ai crediti imputabili alle parti medesime. A tal fine si avvalga della collaborazione dei procuratori costituiti nonché provveda al riscontro degli atti già versati nel fascicolo e di quelli eventualmente aggiunti nel rispetto del principio del contraddittorio e della complementarietà. In realtà, la complessa valutazione per la quale il Giudice ha ritenuto necessario farsi assistere ( ) da uno o più consulenti di particolare competenza tecnica (articolo 61, primo comma, Codice di Procedura Civile), altro non era che una semplice sottrazione tra l importo inizialmente ingiunto ( 1.545,29) e la somma già stornata dalla creditrice - opposta ( 1.277,17). Quest ultima, infatti, aveva provveduto fin dalla costituzione in giudizio a rideterminare il proprio credito ( 268,12) alla luce dell avvenuta emissione di una fattura di conguaglio. Non a caso, le operazioni peritali si sono concluse con l esito, prevedibile per non dire banale, che vale la pena di riportare testualmente: 4

5 A volte anche il diritto va storto Documentazione esaminata. Il sottoscritto consulente ha provveduto ad esaminare la seguente documentazione: I fascicoli di parte. La fattura n. ( ) con data ( ) La bolletta di conguaglio n. ( ) Elenco delle fatture pagate Metodologia adottata Lo scrivente CTU per rispondere compiutamente ai quesiti posti, ha esaminato i fascicoli delle parti e la relativa documentazione contabile allegata. Nell andare ad effettuare i conteggi, lo scrivente CTU esaminando la documentazione ha ricalcolato l esatto importo tenendo conto della fattura emessa da (XXX), della bolletta di conguaglio dell importo di euro 1.277,17 con la quale (XXX) aveva stornato la fattura precedente. Sulla base della documentazione prodotta sono stati effettuati i seguenti conteggi: Fattura n. ( ) 1.545,29 Credito riconosciuto da (XXX) come da bolletta di conguaglio (all. 3) 1.277,17 Rimanente da pagare 268,12 L importo di euro 268,12 scaturisce dallo storno che (XXX) ha effettuato per un errato conteggio da cui scaturisce il credito di euro 1.277,17 della Sig.ra (YYY) nei confronti di (XXX), rispetto alla errata emissione della Fattura n. ( ) di 1.545,29. Risposta al quesito. In conclusione il sottoscritto Dott. ( ) CTU della presente causa ha determinato l importo nella misura di euro 268,12 a credito di (XXX) nei confronti della sig.ra (YYY). Con la presente relazione lo scrivente ritiene di aver esaustivamente risposto ai quesiti proposti e rimane a disposizione per eventuali chiarimenti o integrazioni che si rendessero necessari. Sull indispensabilità (per non dire sull opportunità) della Consulenza Tecnica d Ufficio sembra lecito nutrire più di qualche dubbio, anche e soprattutto ove si consideri che il solo acconto disposto a favore del Perito ( 400,00) risulta superiore al valore della somma oggetto di accertamento. (ii) Neppure in un giudizio incardinato innanzi al Tribunale di Velletri, nel quale è stata pronunciata sentenza di condanna generica il 25 febbraio 2014, sembrano aver trionfato celerità e speditezza, in una sorta di gioco dell oca in cui, giunti ormai in dirittura d arrivo, è stato necessario ripartire dal via. In questo caso, infatti, il Giudice ha rimandato i conteggi, tentando di deferire all accordo delle parti la determinazione del quantum, con la decisione di cui si vanno a ripercorrere i passi fondamentali. Preliminarmente, il Magistrato ha ritenuto che la materia del contendere non rientrasse tra quelle per le quali è previsto l esperimento obbligatorio del tentativo di conciliazione, dichiarando infondata l eccezione sollevata dal debitore - opponente di improcedibilità per mancato preventivo espletamento del tentativo obbligatorio di mediazione come previsto dalla L. 28 del In secondo luogo, ha accertato la prescrizione parziale del credito. Fin qui nulla di strano. Risultano, invece, assai meno lineari la determinazione della somma effettivamente esigibile e la forma con cui è stata assunta la relativa decisione. La singolarità risiede nel fatto che la ripartizione del credito - tra dovuto e non dovuto non è stata individuata in termini monetari (K euro non dovuti per prescrizione del credito, Z euro da corrispondere), bensì con generico riferimento ad un determinato periodo di tempo. 5

6 Quaderni MCC - n. 3/14 Il Giudice, con la forma della sentenza non definitiva, si è, infatti, limitato a dichiarare non dovuti gli importi contenuti nella fattura ( ) del giorno ( ) relativi ai consumi accertati per gli anni 2000 e 2001 ( ) dovuti tutti gli altri importi richiesti come indicato in motivazione. Ha poi rimesso la causa sul ruolo istruttorio con separata ordinanza per la quantificazione dell importo dovuto dall opponente. Quantificazione per la quale, anche in questa circostanza, sarebbe stata sufficiente la sottrazione degli importi relativi al periodo prescritto dal totale indicato in fattura. Il Magistrato, invece, ha ritenuto opportuno mandare le parti dinanzi ad un organismo di mediazione al fine di una definitiva, ora possibile, composizione della vertenza. Traducendo in un linguaggio meno tecnico, dopo due udienze ed il deposito di due atti per parte, il Giudice ha stabilito che effettivamente il creditore ha diritto a vedersi corrisposta una somma non ancora determinata. L importo dovuto verrà eventualmente calcolato in un secondo momento - verosimilmente, anche in questo caso, con l ausilio di un Consulente Tecnico d Ufficio nominato per eseguire una semplice operazione algebrica - e solo se, nel frattempo, le parti non avranno definito bonariamente la controversia. Ritenendo di aver agevolato tale soluzione - chiarendo che un credito esiste - il decidente ha, infatti, suggerito ad attore e convenuto di rivolgersi ex post a quello stesso mediatore che avrebbero potuto (ma non dovuto) adire ex ante, in luogo dell Autorità Giurisdizionale, ove solo lo avessero voluto. Anche in questa circostanza, vale la pena di evidenziare il risvolto economico della vicenda. Per ottenere questa salomonica decisione, le parti, al netto dei compensi dei rispettivi legali, hanno sostenuto tutti gli esborsi necessari per adire il Tribunale: l una per l emissione e la notifica del decreto ingiuntivo; l altra, per notificare l atto di citazione in opposizione ed incardinare il giudizio. A queste spese dovrebbero ora aggiungersi, ove i litiganti volessero seguire l autorevole consiglio, quelle necessarie per investire della controversia un organismo di mediazione. Salvo poi far fronte, in caso di naufragio delle trattive, ai costi aggiuntivi della probabile C.T.U. (iii) L idea di riaprire lo svolgimento del processo per nominare un Consulente dopo la precisazione delle conclusioni cioè, in sostanza, dopo l esaurimento dell intero procedimento non è, peraltro, del tutto originale. In una procedura ancora pendente innanzi al Giudice di Pace di Lanciano, quest ultimo, dopo aver trattenuto la causa in decisione, ha riscontrato - letti gli atti e rilevata la peculiarità dell oggetto (come se questo non fosse stato chiaro fin dall inizio) - la necessità di ricorrere all ausilio di un perito, e ciò dopo tre udienze, il deposito di due atti per parte ed a distanza di quasi un anno e mezzo dall instaurazione del giudizio. * * * La seconda tematica riguarda l imprevedibilità dell esito del procedimento, non sempre dipendente dalla difficoltà di accertare i fatti di causa o dalla particolare complessità delle questioni trattate. A volte, la scarsa ponderabilità è figlia di mere disattenzioni; in altri casi, invece, specie in tema di liquidazione delle spese di lite, retaggio di un malinteso favor debitoris. 6

7 A volte anche il diritto va storto Si può cominciare dalle Dimenticanze Il giudice distratto, diversamente dal collega temporeggiatore, di solito non appesantisce l attività processuale né contribuisce a rallentare i tempi del giudizio. Anzi, verrebbe quasi da dire che in alcuni casi potrebbe anche prendersela con un po più di calma. Le sue pronunce sono in generale rispondenti a ciò che sarebbe lecito attendersi - in quanto rese a definizione di controversie tutto sommato pacifiche - se non fosse per l omissione di particolari tutt altro che insignificanti. Pur rendendo formalmente giustizia al creditore, esse forniscono comunque al malcapitato armi spuntate o caricate a salve. Con una sentenza del 25 febbraio 2013, il Giudice di Pace di Latina, a fronte di un opposizione palesemente tardiva (in quanto instaurata abbondantemente dopo la scadenza del termine di 40 giorni dalla notifica del provvedimento monitorio), ne ha correttamente dichiarato l improponibilità, omettendo, però, di confermare il decreto ingiuntivo dichiarandolo definitivamente esecutivo o di condannare il debitore al pagamento del dovuto, finendo così per lasciare il creditore sostanzialmente privo di un provvedimento che lo autorizzasse a procedere con l esecuzione forzata sui beni della controparte. Se in questa fattispecie, però, la conferma del decreto ingiuntivo potrebbe (forzatamente) considerarsi in qualche misura implicita, non altrettanto può però dirsi con riferimento ad una sentenza emessa dal Giudice di Pace di Pizzo (VV) in data 24 febbraio Il Magistrato, ritenendo parzialmente fondate le contestazioni dell opponente, ha riconosciuto provata solo una parte del credito e revocato espressamente il decreto ingiuntivo, omettendo anche in questo caso, di condannare il debitore al pagamento del residuo dovuto. Caducato il decreto ingiuntivo ed ottenuta una sentenza (che si potrebbe definire) di mero accertamento (limitandosi esclusivamente a dichiarare l esistenza del credito), il creditore vittorioso non ha più uno strumento adeguato ad ottenere coattivamente il pagamento. Ma non è tutto. * * * Entrambe le sentenze poc anzi citate entrano a pieno titolo (anche) nel novero di quelle classificabili sotto la voce Spese pazze distinguendosi per un assai discutibile applicazione del criterio della soccombenza, in forza del quale - ai sensi dell articolo 91, Codice di Procedura Civile la parte perdente viene condannata al rimborso delle spese di lite in favore dell avversario vincente. In questo ambito, la tutela del consumatore cioè la persona fisica che agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (articolo 3, D. Lgs. 6 settembre 2005, n. 206) e pertanto considerata parte debole dal Codice del Consumo - appare sovente assoluta e non sempre giustificata. 7

8 Quaderni MCC - n. 3/14 (i) Con la già richiamata sentenza del 25 febbraio 2013, il Giudice di Pace di Latina, nonostante abbia ritenuto fondata l eccezione di improponibilità dell opposizione, perché tardivamente proposta, non ha condannato il debitore - opponente alla refusione delle spese sostenute dal creditore, ritenendo sussistenti giusti motivi, quali l oggetto del contendere, il comportamento delle parti e la natura meramente processuale della pronuncia per la compensazione delle spese di lite (art. 92 Cpc). La motivazione appare meramente di stile e soddisfa solo formalmente la previsione del codice di rito, secondo cui se vi è soccombenza reciproca o concorrono altre gravi ed eccezionali ragioni, esplicitamente indicate nella motivazione, il giudice può compensare, parzialmente o per intero, le spese tra le parti (articolo 92, secondo comma, Codice di Procedura Civile1). Da un lato, il Giudice non si è certo soffermato sull oggetto del contendere, avendo reso una pronuncia di mero rito ; dall altro canto, nella motivazione del provvedimento, appare oscuro quale comportamento abbiano tenuto le parti per indurre una decisione di questo tipo. Il creditore non solo si è visto costretto ad agire in sede monitoria per il recupero di un proprio credito ed a sostenere ulteriori esborsi per l esecuzione forzata sui beni del debitore, ma è stato anche tirato per i capelli in un giudizio di opposizione ritenuto improponibile dallo stesso Giudice. Il fatto che la causa di merito sia stata definita con una pronuncia di natura meramente processuale non toglie che il creditore abbia dovuto, comunque, sostenere spese per affrontarla. La decisione, peraltro, rappresenta solo uno dei molteplici episodi in cui le spese di lite vengono compensate tra le parti, nonostante la condanna del debitore. (ii) Con la sentenza del 24 febbraio 2014 del Giudice di Pace di Pizzo, a completamento della più classica vittoria di Pirro, il creditore, oltre al danno, subisce addirittura la beffa, rimpiangendo la compensazione. Nel caso in esame, il creditore ha ottenuto una sentenza di condanna del debitore al pagamento della somma di 2.253,00, di poco inferiore a quella originariamente ingiunta ( 2.769,80). La riduzione era giustificata da un precedente pagamento parziale (di 516,00), effettuato dal debitore con più di un anno di ritardo dalla scadenza delle fatture, di cui il creditore non aveva erroneamente tenuto conto nella domanda monitoria. Il Giudice ha correttamente ritenuto di dover revocare in toto il decreto opposto e statuire in merito al pagamento di eventuali importi residui del credito in quanto la relativa sentenza di condanna si sostituisce all originario decreto ingiuntivo. Assai meno comprensibilmente, però, nonostante abbia riconosciuto il residuo credito dell opposto, il Giudice ha condannato quest ultimo alla refusione delle spese legali nei confronti del debitore inadempiente, senza fornire la benché minima motivazione della singolare valutazione della soccombenza. Il caso analizzato non rappresenta, purtroppo, un episodio sporadico. (iii) Anche in una sentenza del 30 luglio 2013, il Giudice di Pace di Civitavecchia ha accolto parzialmente l opposizione riconoscendo, comunque, l esistenza di un residuo diritto del creditore. In questo caso v è da dire, in tutta onestà, che la riduzione dell importo è stata senz altro più rilevante (da 3.318,21 ad 563,26). 1. Comma sostituito dall articolo 13 D.L. 12 settembre 2014, n. 132, modificato, in sede di conversione, dalla Legge 10 novembre 2014, n. 162: Se vi è soccombenza reciproca ovvero nel caso di novità della questione trattata o mutamento della giurisprudenza rispetto alle questioni dirimenti, il giudice può compensare le spese tra le parti, parzialmente o per intero. A norma del comma 2, del medesimo articolo, la disposizione si applica ai procedimenti introdotti a decorrere dal trentesimo giorno successivo all entrata in vigore della legge di conversione. 8

9 A volte anche il diritto va storto Il creditore - opposto, tuttavia, ne aveva dato atto fin dalla costituzione in giudizio, chiarendo che la diminuzione dell importo era dovuta all emissione di una fattura di storno, successiva al deposito del ricorso per decreto ingiuntivo. Il Giudice, dal canto suo, avendo affermato nella motivazione che la somma (rettificata dalla creditrice) è stata riconosciuta come dovuta dallo stesso (debitore) opponente e che vi era tutto il tempo ( ) di provvedere a detto pagamento, sembrava aver perfettamente compreso che la necessità di giungere fino alla pronuncia della sentenza fosse unicamente ascrivibile al perdurante inadempimento del debitore. Nonostante ciò, ha condannato il creditore a pagare in favore dell opponente le spese del giudizio che liquida in complessivi 150,00 di cui 50,00 per spese ed 100,00 per onorari oltre accessori di legge, ritenendo per il residuo applicabile la compensazione tra le parti. L argomentazione addotta, che appare contraddittoria rispetto alle considerazioni svolte nella parte motiva, è la seguente: la compensazione parziale delle spese e la condanna del creditore - opposto (per la parte non compensata) sarebbero giustificate secondo il Giudice - ove la somma chiesta con il ricorso sia riconosciuta solo parzialmente dovuta, ( ) in quanto l iniziativa processuale dell opponente, pur rivelandosi necessaria alla sua difesa, non ha avuto un esito totalmente vittorioso, così come quella dell opposto, che ha dovuto ricorrere al giudice per ottenere il pagamento della parte che gli è riconosciuta. Questa impostazione, ad avviso del Giudice di Pace di Civitavecchia, troverebbe conforto in una precedente sentenza della Corte di Cassazione. Nella pronuncia del Supremo Collegio, tuttavia, la parte di spese non compensate era stata posta a carico del debitore e non certo del creditore - opposto (Cassazione Civile, Sezione Seconda, 30 aprile 2012, n. 6616, che ha confermato Tribunale di Roma, 6 agosto 2009, n ). (iv) Ancor più discutibile, infine, la decisione assunta dal Giudice di Pace di Francavilla al Mare, con sentenza del 22 novembre Nel caso di specie, la differenza tra la somma ingiunta e l importo riconosciuto come dovuto era di soli 187,39 ma, nonostante la condanna del debitore opponente al pagamento di 1.314,60 in favore del creditore - opposto, quest ultimo soggetto, vincitore nel merito, è stato comunque condannato al pagamento delle competenze e spese del giudizio in favore del procuratore della opponente Avv. ( ) dichiaratosi antistatario che liquida in euro 1.100,00 di cui 1.000,00 per compenso avvocato ed 100,00 per spese. È pacifico che se a tali importi si sommano le spese sostenute dal creditore per ottenere e notificare il decreto ingiuntivo e per difendersi nel giudizio di opposizione, si arriva al paradosso per cui lo stesso ha speso ben più di quanto riuscirà a recuperare (ove il debitore risulti capiente in sede di esecuzione forzata). Non è questo, peraltro, l unico aspetto per cui la sentenza in questione estremizza il favor debitoris, meritando il titolo di Gronchi rosa anche per altre discutibili decisioni assunte dal Giudice che, nel caso di specie, ha vestito i panni del paladino del consumatore, al punto tale da avallare tesi che neppure la più agguerrita delle associazioni di categoria era arrivata a prefigurare. 2. Entrambe le sentenze sono reperibili in Giuffrè, De Jure, Il Sistema di informazione giuridica al servizio dell avvocato. Cassazione Civile, Sezione Seconda, 30 aprile 2012, n. 6616, è reperibile anche sul sito 9

10 Quaderni MCC - n. 3/14 La debitrice opponente, infatti, a seguito della singolare valutazione operata dal Giudice in merito ai fatti di causa ed alla normativa richiamata, si è vista riconoscere un duplice indennizzo (per complessivi 150,00), detratto dalla somma che è stata condannata a corrispondere. Ciò perché il Magistrato onorario ha ritenuto che la creditrice - opposta non avesse fornito riscontro ad un precedente reclamo della debitrice ed avesse omesso di concederle la rateizzazione del debito, in spregio della Delibera n.206\10 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas. Peccato che nessuna delle circostanze addotte a motivo dell indennizzo poteva ritenersi suffragata dai fatti. Da un lato, la stessa debitrice opponente ha ammesso di aver ricevuto riscontro al suo reclamo, affermando che con lettera in data 19 novembre 2012 ( ) risponde comunicando all odierna attrice di non avere la possibilità di accordare la rateizzazione richiesta in quanto le fatture in oggetto non rientrano nei parametri previsti dalla delibera n. 229/01, art. 10 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Dall altro lato, come ampiamente chiarito dalla società fornitrice nella già richiamata risposta, non sussistevano le condizioni per concedere la rateizzazione prevista dalla norma citata, così come modificata dal provvedimento richiamato dal Giudice. La dilazione, infatti, avrebbe dovuto trovare applicazione solo con riferimento a singole fatture di conguaglio, ove avessero presentato determinate caratteristiche, ed a fronte di espressa richiesta del cliente, che sarebbe dovuta pervenire entro il termine di scadenza della (singola) fattura. Nel caso di specie, invece, nessuna delle bollette presentava le caratteristiche prescritte dalla norma. Inoltre, la richiesta di rateizzazione era stata avanzata con generico riferimento all importo complessivo di dieci fatture, due anni dopo la scadenza della più risalente di esse. Chiarito ciò, è pacifico che se la debitrice avesse iniziato ad onorare il proprio debito dalla data di scadenza della prima bolletta fino a quella del deposito del ricorso per decreto ingiuntivo, lo avrebbe potuto saldare, per usare un gergo da televendita, in comode rate di importo estremamente modesto. Nonostante ciò, il Giudice ha comunque disposto addirittura la rateizzazione della ( ) somma dovuta dalla sig.ra ( ) in 14 rate mensili di [ ] cadauna in favore di ( ), senza neanche stabilire il termine di decorrenza delle stesse e lasciando l adempimento potenzialmente sine die. * * * I provvedimenti a dir poco discutibili sono, purtroppo, molto più numerosi di quelli qui ricordati a mero titolo di esempio. Resta la consolazione che a fronte di questi casi in cui il diritto va storto, deviando da quelli che dovrebbero essere i principi giuridici e logici applicabili al caso di specie, sono per fortuna la maggioranza le situazioni in cui il creditore trova soddisfazione alla propria giusta domanda, sebbene con i tempi (non certo celeri) della Giustizia italiana. 10

11 A volte anche il diritto va storto TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti (TLS) opera nel mercato italiano ed internazionale dei servizi legali e fiscali, coniugando la qualità delle proprie prestazioni ad una solida struttura organizzativa, al fine di fornire ai clienti soluzioni concrete ed innovative grazie a professionisti di elevata formazione e preparazione professionale. TLS è member firm del network internazionale PricewaterhouseCoopers (PwC), operante nel settore dei servizi professionali integrati e multidisciplinari alle imprese, presente con propri uffici in oltre 160 Paesi. Flessibilità, tempestività, motivazione, alto livello di specializzazione e lavoro in Team sono le caratteristiche che consentono a TLS di fornire ai propri clienti una assistenza qualificata di alto profilo in tutte le aree del diritto d impresa. *** Il Dipartimento Mass Credit Collection di TLS è composto da oltre 80 risorse a tempo pieno, suddivise tra professionisti legali specializzati nel contenzioso pre-giudiziale e giudiziale, legal phone collector, paralegal e personale operativo, coordinati da un Team di Avvocati Senior, esperti nella gestione massificata dei crediti. TLS-MCC svolge una gamma di servizi che copre il processo di recupero legale del credito a 360 su tutto il territorio nazionale, tanto in via pre-giudiziale (c.d. Letter Before Action e Last Call), quanto in fase giudiziale. Grazie ad un avanzato sistema di gestione e monitoraggio di tutto il processo di recupero dei crediti e ad una dettagliata reportistica dei risultati (tramite l applicativo custom denominato MC2), TLS-MCC è in grado di offrire alla propria clientela elevati livelli di efficienza nella gestione di ingenti numeri di pratiche, oltre ad un costante e puntuale aggiornamento della stato di lavorazione e dei costi sostenuti. Antonio Rabossi Senior Manager Gaetano Arnò Partner Michele Giuliani Senior Manager Antonio Schiavone Responsabile Fase Giudiziale Milano Luca Sposini Responsabile Fase Stragiudiziale Leonardo Blandino Responsabile Fase Giudiziale Roma Marco Ballarini Responsabile Team Operativo

12 TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti Milano Via Monte Rosa, , Italia Roma Largo Angelo Fochetti, , Italia Bologna Brescia Firenze Napoli Padova Palermo Parma Torino Treviso Verona

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-SEZ 1^ Il Dr. Giacovelli Martino, ha pronunciato la seguente SENTENZA N. 3166 nella causa iscritta al n 4206/2015,

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

CONVENZIONE Servizio di assistenza legale di recupero crediti per Asec Trade Srl

CONVENZIONE Servizio di assistenza legale di recupero crediti per Asec Trade Srl CONVENZIONE Servizio di assistenza legale di recupero crediti per Asec Trade Srl Oggi, in Catania TRA Asec Trade Srl con sede legale in Catania, Via Cristoforo Colombo 150/b, in persona del legale rappresentante

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa.

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Verona, Gentile Cliente Via.. C.F... PREVENTIVO DI MASSIMA OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Come da Sua cortese richiesta, con la presente,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI VARESE PRIMA SEZIONE CIVILE IN FATTO Con ricorso per decreto ingiuntivo del 2 agosto 2011, la Banca (Omissis) deduceva di avere sottoscritto

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI

SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI SCHEMA CONVENZIONE ALLEGATO 1 SCRITTURA PRIVATA AVENTE AD OGGETTO IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI PER IL RECUPERO DEI CREDITI INSOLUTI L anno 2014, il giorno. del mese di, in Paternò (CT), nei

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario

[Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla Banca

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia

Collegio di Milano. - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia Collegio di Milano composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Membro designato dalla Banca d Italia Guastalla (Estensore) - Avv. Maria Elisabetta

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed

CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA. Dott. Steven Mohamed CONTENZIOSO TRIBUTARIO: IL RICORSO CON ISTANZA DI RECLAMO E MEDIAZIONE E TRATTAZIONE IN PUBBLICA UDIENZA Dott. Steven Mohamed TRACCIA Un contribuente, lavoratore autonomo, per il periodo d imposta 2013

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRIBUNALE DI MASSA IN COMPOSIZIONE MONOCRATICA IN FUNZIONE DI GIUDICE DEL LAVORO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice dott.ssa Erminia Agostini all esito di discussione orale svoltasi

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna N. 00030/2011 REG.PROV.COLL. N. 00004/2004 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

MEDIAZIONE TRIBUTARIA

MEDIAZIONE TRIBUTARIA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Novità Fiscali 2012: dal federalismo fiscale all abuso del diritto (IV Convegno Lerici) 1 MEDIAZIONE TRIBUTARIA L istanza di mediazione (di seguito, istanza) è obbligatoria a pena

Dettagli

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Consiglio di Amministrazione, nominato con Decreto del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

Collegio di Roma, 12 febbraio 2010, n.44

Collegio di Roma, 12 febbraio 2010, n.44 Collegio di Roma, 12 febbraio 2010, n.44 Categoria Massima: Mutuo fondiario Parole chiave: Ammortamento, Condizioni contrattuali, Mutuo fondiario In materia di mutuo fondiario è censurabile il comportamento

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

DELIBERA n. 16/14/CIR

DELIBERA n. 16/14/CIR DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA VITA / VODAFONE OMNITEL N.V. (ora VODAFONE OMNITEL B.V.) E TELECOM ITALIA S.P.A. (GU14 n. 991/13) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 64 DEL 17/3/2014 OGGETTO: Vertenza Comune di Bari Sardo / Società Ecologica di F. Podda srl Villasor. Tribunale Civile

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI

ART. 1 OGGETTO ART. 2 COMPITI E FUNZIONI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO LEGALE DI ATENEO (D.R. N. 293 DEL 8 MAGGIO 2013 COME MODIFICATO DAL D.R. N. 43 DEL 26 GENNAIO 2015) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento disciplina il

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof. ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

Promotori finanziari ed IRAP

Promotori finanziari ed IRAP Promotori finanziari ed IRAP Nuove sentenze e le opzioni di cui dispone il pf PREMESSA Resta sempre vivo l interesse per il tema della debenza, o meno, dell IRAP i capo ai promotori finanziari. Va ribadito

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

Corso di aggiornamento La nuova riforma del processo civile (legge n. 162/2014)

Corso di aggiornamento La nuova riforma del processo civile (legge n. 162/2014) Corso di aggiornamento La nuova riforma del processo civile (legge n. 162/2014) Milano, 13 aprile 2015 Obiettivi Il corso si pone come obiettivo lo studio delle principali novità introdotte dal decreto

Dettagli

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014

Decisione N. 567 del 30 gennaio 2014 COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) GRECO Membro designato

Dettagli

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI AVVOCATI DOMICILIATARI. Indice

DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI AVVOCATI DOMICILIATARI. Indice Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DISCIPLINARE PER L UTILIZZO DI AVVOCATI DOMICILIATARI Indice 1. Quantificazione del fabbisogno 2. Formazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto)

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Giuseppe Sileci Una delle disposizioni di maggior interesse del nuovo ordinamento forense è quella

Dettagli

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI Medaglia d Argento al Merito Civile Cod. Fisc. 00827390725 ----------- Copia Deliberazione Giunta Comunale N. 109 Del 21-11-2011 OGGETTO: ATTO DI CITAZIONE

Dettagli

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport

Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo Sport IL C O L L E G I O A R B I T R A L E Avv. Enrico Ingrillì in qualità di Presidente del Collegio Arbitrale, nominato ai sensi del Regolamento di arbitrato

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Sent/Ord. 865/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Rappresentata ai sensi dell art.5 della legge 21 luglio2000 n. 205 dal

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 24.1.2014, ore 12.30, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n 1155/10 R.A.C.C., promossa da - (A) S.r.l.,

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 06/07/2015

ISSN 1127-8579. Pubblicato dal 06/07/2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 06/07/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/37200-la-negoziazione-assistita-il-termine-entro-ilquale-intraprendere-l-azione-giudiziaria-l-obbligatoriet-per-tutti-i-crediti-anche-per-quellidegli-avvocati

Dettagli

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX

Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX Determinazione dirigenziale n. 7 del 3 ottobre 2014 Oggetto: definizione della controversia XXX / OKCOM XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013

DETERMINAZIONE. Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162. Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 DETERMINAZIONE Determinazione n. 3/2013 Prot. n. 7162 Tit. 1.10.21/490 del 18/02/2013 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXXXX E TELECOM ITALIA LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l.

Dettagli

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COPIA DELIBERAZIONE N. 4-2015 pubblicato all Albo Pretorio on line lì 20.1.2015 n. ro Registro COMUNE DI LONGANO PROVINCIA DI ISERNIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Cartella di pagamento Equitalia

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Ag g i o r na m e n t o n. 4 31 luglio 2012 L editore mette a disposizione sul sito nella sezione download i materiali e le schede di aggiornamento

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015 CHESSA S.R.L tra GAIAS GIUSEPPE AUTOTRASPORTI e ATTORE CONVENUTO Oggi 18 febbraio 2016 innanzi al dott. Cinzia Caleffi,

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) RONDINONE Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI (MI) CERINI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) RONDINONE Membro designato

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA DETERMINAZIONE DEL COMPENSO PROFESSIONALE SPETTANTE AGLI AVVOCATI ESTERNI Art. 1 Disposizioni generali Il presente regolamento disciplina in via generale i rapporti, anche

Dettagli

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 20/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CARDARELLI / FASTWEB XXX IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

Fonte: www.palazzochigi.it

Fonte: www.palazzochigi.it Fonte: www.palazzochigi.it Misure urgenti per la crescita: il CdM approva il decreto Fare Giustizia civile Lo stato della giustizia civile costituisce, senza dubbio, uno dei fattori esogeni di svantaggio

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE CONTENZIOSO,CULTURA,PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT REG. GEN.LE N. 73600DEL 18/10/2013 REG. SERVIZIO N. 1280DEL 14/10/2013

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Alessandro Leproux.. Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile)

(facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) (facsimile di accordo col cliente: compenso analitico per attività civile) CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE Con la presente il sig.... nato a... il..., cod. fisc...., residente in..., via..., n....

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 10/2014 DEFC.2014.10 Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X / SKY ITALIA X La Responsabile del

Dettagli

L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO L OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO L opposizione a decreto ingiuntivo dà luogo ad un ordinario giudizio di cognizione, in cui il giudice non deve limitarsi a stabilire se l ingiunzione è stata emessa legittimamente

Dettagli

Il giorno 27 febbraio 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 27 febbraio 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 7/2015 TITOLO 2015.1.10.4.1 2013.1.10.21.597 LEGISLATURA X Il giorno 27 febbraio 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA

PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE, L ATTIVITA E LA CORRESPONSIONE DEI COMPENSI PROFESSIONALI AGLI AVVOCATI DEL SERVIZIO AVVOCATURA Adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli