A volte anche il diritto va storto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A volte anche il diritto va storto"

Transcript

1 Quaderni MCC - n. 3/14 Novembre 2014 A volte anche il diritto va storto (Gaetano Arnò - Leonardo Blandino) TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti

2 Quaderni MCC - n. 3/14 Immagine tratta da: Honoré Daumier, Les gens de justice. Supplemento alla TLS Newsletter - Pubblicato e distribuito gratuitamente Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 760, in data 11 dicembre 2006 Copyright TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti Il presente fascicolo non costituisce parere professionale ed il relativo contenuto ha esclusivamente carattere informativo. Il testo del presente fascicolo non può essere riprodotto senza la preventiva espressa autorizzazione di TLS. La citazione o l estrapolazione di parti del testo è consentita a condizione che siano indicati gli autori e i riferimenti di pubblicazione. 2

3 A volte anche il diritto va storto Al giudice occorre più coraggio ad essere giusto apparendo ingiusto, che ad essere ingiusto apparendo giusto. (Piero Calamandrei) 3

4 Quaderni MCC - n. 3/14 Un repertorio di sentenze raccoglie, di regola, le più significative decisioni relative ad un determinato argomento, con la finalità di evidenziare i principali orientamenti giurisprudenziali e l auspicio che il più corretto tra di essi rimanga o diventi quello prevalente. Anche questa breve trattazione può considerarsi una sorta di raccolta di pronunce - tutte rese in giudizi di opposizione a decreto ingiuntivo ed aventi ad oggetto obbligazioni pecuniarie - ma con un obiettivo in parte più faceto e sostanzialmente opposto rispetto a quello delle tradizionali rassegne. Essa si propone di dare rilievo ad un piccolo gruppo di sentenze (o ordinanze) che, tra tante, si sono distinte per uno o più aspetti non condivisibili, nella speranza che rimangano inimitate e non finiscano per costituire precedenti seguiti da altri giudici. Le pronunce in questione, infatti, nonostante la sostanziale semplicità della materia, appaiono sintomatiche di alcuni dei principali difetti della giustizia italiana - tempi biblici e sovrabbondanza di incombenze superflue che non sempre trovano un valido contrappeso in decisioni pienamente ponderate e ragionevolmente preventivabili. * * * I primi casi che si vanno ad analizzare rappresentano precisi esempi di Diseconomia processuale nei quali il Giudice temporeggiatore ha inciso in modo, purtroppo, significativo sulle tempistiche (e sui costi) del procedimento, sovraccaricandolo di adempimenti non necessari. Nei tre casi presi in considerazione, il Magistrato, chiamato a quantificare la somma effettivamente dovuta al creditore, non ha avuto remore a svelare la sua irriducibile avversione per la matematica. (i) In una causa iscritta al Ruolo Generale in data 26 febbraio 2013, la cui sentenza deve ancora vedere la luce, il Giudice di Pace di Roma ha ritenuto di dover disporre una Consulenza Tecnica d Ufficio ed incaricare un dottore commercialista affinché quantificasse la somma effettivamente dovuta dalla debitrice, sottoponendogli il seguente quesito: Riferisca il CTU ogni utile elemento informativo inerente la vicenda affetta d accertamento; in particolare esegua il riscontro contabile di cui alle tesi esposte dalle parti costituite relativamente al dare e all avere, ai crediti imputabili alle parti medesime. A tal fine si avvalga della collaborazione dei procuratori costituiti nonché provveda al riscontro degli atti già versati nel fascicolo e di quelli eventualmente aggiunti nel rispetto del principio del contraddittorio e della complementarietà. In realtà, la complessa valutazione per la quale il Giudice ha ritenuto necessario farsi assistere ( ) da uno o più consulenti di particolare competenza tecnica (articolo 61, primo comma, Codice di Procedura Civile), altro non era che una semplice sottrazione tra l importo inizialmente ingiunto ( 1.545,29) e la somma già stornata dalla creditrice - opposta ( 1.277,17). Quest ultima, infatti, aveva provveduto fin dalla costituzione in giudizio a rideterminare il proprio credito ( 268,12) alla luce dell avvenuta emissione di una fattura di conguaglio. Non a caso, le operazioni peritali si sono concluse con l esito, prevedibile per non dire banale, che vale la pena di riportare testualmente: 4

5 A volte anche il diritto va storto Documentazione esaminata. Il sottoscritto consulente ha provveduto ad esaminare la seguente documentazione: I fascicoli di parte. La fattura n. ( ) con data ( ) La bolletta di conguaglio n. ( ) Elenco delle fatture pagate Metodologia adottata Lo scrivente CTU per rispondere compiutamente ai quesiti posti, ha esaminato i fascicoli delle parti e la relativa documentazione contabile allegata. Nell andare ad effettuare i conteggi, lo scrivente CTU esaminando la documentazione ha ricalcolato l esatto importo tenendo conto della fattura emessa da (XXX), della bolletta di conguaglio dell importo di euro 1.277,17 con la quale (XXX) aveva stornato la fattura precedente. Sulla base della documentazione prodotta sono stati effettuati i seguenti conteggi: Fattura n. ( ) 1.545,29 Credito riconosciuto da (XXX) come da bolletta di conguaglio (all. 3) 1.277,17 Rimanente da pagare 268,12 L importo di euro 268,12 scaturisce dallo storno che (XXX) ha effettuato per un errato conteggio da cui scaturisce il credito di euro 1.277,17 della Sig.ra (YYY) nei confronti di (XXX), rispetto alla errata emissione della Fattura n. ( ) di 1.545,29. Risposta al quesito. In conclusione il sottoscritto Dott. ( ) CTU della presente causa ha determinato l importo nella misura di euro 268,12 a credito di (XXX) nei confronti della sig.ra (YYY). Con la presente relazione lo scrivente ritiene di aver esaustivamente risposto ai quesiti proposti e rimane a disposizione per eventuali chiarimenti o integrazioni che si rendessero necessari. Sull indispensabilità (per non dire sull opportunità) della Consulenza Tecnica d Ufficio sembra lecito nutrire più di qualche dubbio, anche e soprattutto ove si consideri che il solo acconto disposto a favore del Perito ( 400,00) risulta superiore al valore della somma oggetto di accertamento. (ii) Neppure in un giudizio incardinato innanzi al Tribunale di Velletri, nel quale è stata pronunciata sentenza di condanna generica il 25 febbraio 2014, sembrano aver trionfato celerità e speditezza, in una sorta di gioco dell oca in cui, giunti ormai in dirittura d arrivo, è stato necessario ripartire dal via. In questo caso, infatti, il Giudice ha rimandato i conteggi, tentando di deferire all accordo delle parti la determinazione del quantum, con la decisione di cui si vanno a ripercorrere i passi fondamentali. Preliminarmente, il Magistrato ha ritenuto che la materia del contendere non rientrasse tra quelle per le quali è previsto l esperimento obbligatorio del tentativo di conciliazione, dichiarando infondata l eccezione sollevata dal debitore - opponente di improcedibilità per mancato preventivo espletamento del tentativo obbligatorio di mediazione come previsto dalla L. 28 del In secondo luogo, ha accertato la prescrizione parziale del credito. Fin qui nulla di strano. Risultano, invece, assai meno lineari la determinazione della somma effettivamente esigibile e la forma con cui è stata assunta la relativa decisione. La singolarità risiede nel fatto che la ripartizione del credito - tra dovuto e non dovuto non è stata individuata in termini monetari (K euro non dovuti per prescrizione del credito, Z euro da corrispondere), bensì con generico riferimento ad un determinato periodo di tempo. 5

6 Quaderni MCC - n. 3/14 Il Giudice, con la forma della sentenza non definitiva, si è, infatti, limitato a dichiarare non dovuti gli importi contenuti nella fattura ( ) del giorno ( ) relativi ai consumi accertati per gli anni 2000 e 2001 ( ) dovuti tutti gli altri importi richiesti come indicato in motivazione. Ha poi rimesso la causa sul ruolo istruttorio con separata ordinanza per la quantificazione dell importo dovuto dall opponente. Quantificazione per la quale, anche in questa circostanza, sarebbe stata sufficiente la sottrazione degli importi relativi al periodo prescritto dal totale indicato in fattura. Il Magistrato, invece, ha ritenuto opportuno mandare le parti dinanzi ad un organismo di mediazione al fine di una definitiva, ora possibile, composizione della vertenza. Traducendo in un linguaggio meno tecnico, dopo due udienze ed il deposito di due atti per parte, il Giudice ha stabilito che effettivamente il creditore ha diritto a vedersi corrisposta una somma non ancora determinata. L importo dovuto verrà eventualmente calcolato in un secondo momento - verosimilmente, anche in questo caso, con l ausilio di un Consulente Tecnico d Ufficio nominato per eseguire una semplice operazione algebrica - e solo se, nel frattempo, le parti non avranno definito bonariamente la controversia. Ritenendo di aver agevolato tale soluzione - chiarendo che un credito esiste - il decidente ha, infatti, suggerito ad attore e convenuto di rivolgersi ex post a quello stesso mediatore che avrebbero potuto (ma non dovuto) adire ex ante, in luogo dell Autorità Giurisdizionale, ove solo lo avessero voluto. Anche in questa circostanza, vale la pena di evidenziare il risvolto economico della vicenda. Per ottenere questa salomonica decisione, le parti, al netto dei compensi dei rispettivi legali, hanno sostenuto tutti gli esborsi necessari per adire il Tribunale: l una per l emissione e la notifica del decreto ingiuntivo; l altra, per notificare l atto di citazione in opposizione ed incardinare il giudizio. A queste spese dovrebbero ora aggiungersi, ove i litiganti volessero seguire l autorevole consiglio, quelle necessarie per investire della controversia un organismo di mediazione. Salvo poi far fronte, in caso di naufragio delle trattive, ai costi aggiuntivi della probabile C.T.U. (iii) L idea di riaprire lo svolgimento del processo per nominare un Consulente dopo la precisazione delle conclusioni cioè, in sostanza, dopo l esaurimento dell intero procedimento non è, peraltro, del tutto originale. In una procedura ancora pendente innanzi al Giudice di Pace di Lanciano, quest ultimo, dopo aver trattenuto la causa in decisione, ha riscontrato - letti gli atti e rilevata la peculiarità dell oggetto (come se questo non fosse stato chiaro fin dall inizio) - la necessità di ricorrere all ausilio di un perito, e ciò dopo tre udienze, il deposito di due atti per parte ed a distanza di quasi un anno e mezzo dall instaurazione del giudizio. * * * La seconda tematica riguarda l imprevedibilità dell esito del procedimento, non sempre dipendente dalla difficoltà di accertare i fatti di causa o dalla particolare complessità delle questioni trattate. A volte, la scarsa ponderabilità è figlia di mere disattenzioni; in altri casi, invece, specie in tema di liquidazione delle spese di lite, retaggio di un malinteso favor debitoris. 6

7 A volte anche il diritto va storto Si può cominciare dalle Dimenticanze Il giudice distratto, diversamente dal collega temporeggiatore, di solito non appesantisce l attività processuale né contribuisce a rallentare i tempi del giudizio. Anzi, verrebbe quasi da dire che in alcuni casi potrebbe anche prendersela con un po più di calma. Le sue pronunce sono in generale rispondenti a ciò che sarebbe lecito attendersi - in quanto rese a definizione di controversie tutto sommato pacifiche - se non fosse per l omissione di particolari tutt altro che insignificanti. Pur rendendo formalmente giustizia al creditore, esse forniscono comunque al malcapitato armi spuntate o caricate a salve. Con una sentenza del 25 febbraio 2013, il Giudice di Pace di Latina, a fronte di un opposizione palesemente tardiva (in quanto instaurata abbondantemente dopo la scadenza del termine di 40 giorni dalla notifica del provvedimento monitorio), ne ha correttamente dichiarato l improponibilità, omettendo, però, di confermare il decreto ingiuntivo dichiarandolo definitivamente esecutivo o di condannare il debitore al pagamento del dovuto, finendo così per lasciare il creditore sostanzialmente privo di un provvedimento che lo autorizzasse a procedere con l esecuzione forzata sui beni della controparte. Se in questa fattispecie, però, la conferma del decreto ingiuntivo potrebbe (forzatamente) considerarsi in qualche misura implicita, non altrettanto può però dirsi con riferimento ad una sentenza emessa dal Giudice di Pace di Pizzo (VV) in data 24 febbraio Il Magistrato, ritenendo parzialmente fondate le contestazioni dell opponente, ha riconosciuto provata solo una parte del credito e revocato espressamente il decreto ingiuntivo, omettendo anche in questo caso, di condannare il debitore al pagamento del residuo dovuto. Caducato il decreto ingiuntivo ed ottenuta una sentenza (che si potrebbe definire) di mero accertamento (limitandosi esclusivamente a dichiarare l esistenza del credito), il creditore vittorioso non ha più uno strumento adeguato ad ottenere coattivamente il pagamento. Ma non è tutto. * * * Entrambe le sentenze poc anzi citate entrano a pieno titolo (anche) nel novero di quelle classificabili sotto la voce Spese pazze distinguendosi per un assai discutibile applicazione del criterio della soccombenza, in forza del quale - ai sensi dell articolo 91, Codice di Procedura Civile la parte perdente viene condannata al rimborso delle spese di lite in favore dell avversario vincente. In questo ambito, la tutela del consumatore cioè la persona fisica che agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta (articolo 3, D. Lgs. 6 settembre 2005, n. 206) e pertanto considerata parte debole dal Codice del Consumo - appare sovente assoluta e non sempre giustificata. 7

8 Quaderni MCC - n. 3/14 (i) Con la già richiamata sentenza del 25 febbraio 2013, il Giudice di Pace di Latina, nonostante abbia ritenuto fondata l eccezione di improponibilità dell opposizione, perché tardivamente proposta, non ha condannato il debitore - opponente alla refusione delle spese sostenute dal creditore, ritenendo sussistenti giusti motivi, quali l oggetto del contendere, il comportamento delle parti e la natura meramente processuale della pronuncia per la compensazione delle spese di lite (art. 92 Cpc). La motivazione appare meramente di stile e soddisfa solo formalmente la previsione del codice di rito, secondo cui se vi è soccombenza reciproca o concorrono altre gravi ed eccezionali ragioni, esplicitamente indicate nella motivazione, il giudice può compensare, parzialmente o per intero, le spese tra le parti (articolo 92, secondo comma, Codice di Procedura Civile1). Da un lato, il Giudice non si è certo soffermato sull oggetto del contendere, avendo reso una pronuncia di mero rito ; dall altro canto, nella motivazione del provvedimento, appare oscuro quale comportamento abbiano tenuto le parti per indurre una decisione di questo tipo. Il creditore non solo si è visto costretto ad agire in sede monitoria per il recupero di un proprio credito ed a sostenere ulteriori esborsi per l esecuzione forzata sui beni del debitore, ma è stato anche tirato per i capelli in un giudizio di opposizione ritenuto improponibile dallo stesso Giudice. Il fatto che la causa di merito sia stata definita con una pronuncia di natura meramente processuale non toglie che il creditore abbia dovuto, comunque, sostenere spese per affrontarla. La decisione, peraltro, rappresenta solo uno dei molteplici episodi in cui le spese di lite vengono compensate tra le parti, nonostante la condanna del debitore. (ii) Con la sentenza del 24 febbraio 2014 del Giudice di Pace di Pizzo, a completamento della più classica vittoria di Pirro, il creditore, oltre al danno, subisce addirittura la beffa, rimpiangendo la compensazione. Nel caso in esame, il creditore ha ottenuto una sentenza di condanna del debitore al pagamento della somma di 2.253,00, di poco inferiore a quella originariamente ingiunta ( 2.769,80). La riduzione era giustificata da un precedente pagamento parziale (di 516,00), effettuato dal debitore con più di un anno di ritardo dalla scadenza delle fatture, di cui il creditore non aveva erroneamente tenuto conto nella domanda monitoria. Il Giudice ha correttamente ritenuto di dover revocare in toto il decreto opposto e statuire in merito al pagamento di eventuali importi residui del credito in quanto la relativa sentenza di condanna si sostituisce all originario decreto ingiuntivo. Assai meno comprensibilmente, però, nonostante abbia riconosciuto il residuo credito dell opposto, il Giudice ha condannato quest ultimo alla refusione delle spese legali nei confronti del debitore inadempiente, senza fornire la benché minima motivazione della singolare valutazione della soccombenza. Il caso analizzato non rappresenta, purtroppo, un episodio sporadico. (iii) Anche in una sentenza del 30 luglio 2013, il Giudice di Pace di Civitavecchia ha accolto parzialmente l opposizione riconoscendo, comunque, l esistenza di un residuo diritto del creditore. In questo caso v è da dire, in tutta onestà, che la riduzione dell importo è stata senz altro più rilevante (da 3.318,21 ad 563,26). 1. Comma sostituito dall articolo 13 D.L. 12 settembre 2014, n. 132, modificato, in sede di conversione, dalla Legge 10 novembre 2014, n. 162: Se vi è soccombenza reciproca ovvero nel caso di novità della questione trattata o mutamento della giurisprudenza rispetto alle questioni dirimenti, il giudice può compensare le spese tra le parti, parzialmente o per intero. A norma del comma 2, del medesimo articolo, la disposizione si applica ai procedimenti introdotti a decorrere dal trentesimo giorno successivo all entrata in vigore della legge di conversione. 8

9 A volte anche il diritto va storto Il creditore - opposto, tuttavia, ne aveva dato atto fin dalla costituzione in giudizio, chiarendo che la diminuzione dell importo era dovuta all emissione di una fattura di storno, successiva al deposito del ricorso per decreto ingiuntivo. Il Giudice, dal canto suo, avendo affermato nella motivazione che la somma (rettificata dalla creditrice) è stata riconosciuta come dovuta dallo stesso (debitore) opponente e che vi era tutto il tempo ( ) di provvedere a detto pagamento, sembrava aver perfettamente compreso che la necessità di giungere fino alla pronuncia della sentenza fosse unicamente ascrivibile al perdurante inadempimento del debitore. Nonostante ciò, ha condannato il creditore a pagare in favore dell opponente le spese del giudizio che liquida in complessivi 150,00 di cui 50,00 per spese ed 100,00 per onorari oltre accessori di legge, ritenendo per il residuo applicabile la compensazione tra le parti. L argomentazione addotta, che appare contraddittoria rispetto alle considerazioni svolte nella parte motiva, è la seguente: la compensazione parziale delle spese e la condanna del creditore - opposto (per la parte non compensata) sarebbero giustificate secondo il Giudice - ove la somma chiesta con il ricorso sia riconosciuta solo parzialmente dovuta, ( ) in quanto l iniziativa processuale dell opponente, pur rivelandosi necessaria alla sua difesa, non ha avuto un esito totalmente vittorioso, così come quella dell opposto, che ha dovuto ricorrere al giudice per ottenere il pagamento della parte che gli è riconosciuta. Questa impostazione, ad avviso del Giudice di Pace di Civitavecchia, troverebbe conforto in una precedente sentenza della Corte di Cassazione. Nella pronuncia del Supremo Collegio, tuttavia, la parte di spese non compensate era stata posta a carico del debitore e non certo del creditore - opposto (Cassazione Civile, Sezione Seconda, 30 aprile 2012, n. 6616, che ha confermato Tribunale di Roma, 6 agosto 2009, n ). (iv) Ancor più discutibile, infine, la decisione assunta dal Giudice di Pace di Francavilla al Mare, con sentenza del 22 novembre Nel caso di specie, la differenza tra la somma ingiunta e l importo riconosciuto come dovuto era di soli 187,39 ma, nonostante la condanna del debitore opponente al pagamento di 1.314,60 in favore del creditore - opposto, quest ultimo soggetto, vincitore nel merito, è stato comunque condannato al pagamento delle competenze e spese del giudizio in favore del procuratore della opponente Avv. ( ) dichiaratosi antistatario che liquida in euro 1.100,00 di cui 1.000,00 per compenso avvocato ed 100,00 per spese. È pacifico che se a tali importi si sommano le spese sostenute dal creditore per ottenere e notificare il decreto ingiuntivo e per difendersi nel giudizio di opposizione, si arriva al paradosso per cui lo stesso ha speso ben più di quanto riuscirà a recuperare (ove il debitore risulti capiente in sede di esecuzione forzata). Non è questo, peraltro, l unico aspetto per cui la sentenza in questione estremizza il favor debitoris, meritando il titolo di Gronchi rosa anche per altre discutibili decisioni assunte dal Giudice che, nel caso di specie, ha vestito i panni del paladino del consumatore, al punto tale da avallare tesi che neppure la più agguerrita delle associazioni di categoria era arrivata a prefigurare. 2. Entrambe le sentenze sono reperibili in Giuffrè, De Jure, Il Sistema di informazione giuridica al servizio dell avvocato. Cassazione Civile, Sezione Seconda, 30 aprile 2012, n. 6616, è reperibile anche sul sito 9

10 Quaderni MCC - n. 3/14 La debitrice opponente, infatti, a seguito della singolare valutazione operata dal Giudice in merito ai fatti di causa ed alla normativa richiamata, si è vista riconoscere un duplice indennizzo (per complessivi 150,00), detratto dalla somma che è stata condannata a corrispondere. Ciò perché il Magistrato onorario ha ritenuto che la creditrice - opposta non avesse fornito riscontro ad un precedente reclamo della debitrice ed avesse omesso di concederle la rateizzazione del debito, in spregio della Delibera n.206\10 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas. Peccato che nessuna delle circostanze addotte a motivo dell indennizzo poteva ritenersi suffragata dai fatti. Da un lato, la stessa debitrice opponente ha ammesso di aver ricevuto riscontro al suo reclamo, affermando che con lettera in data 19 novembre 2012 ( ) risponde comunicando all odierna attrice di non avere la possibilità di accordare la rateizzazione richiesta in quanto le fatture in oggetto non rientrano nei parametri previsti dalla delibera n. 229/01, art. 10 dell Autorità per l Energia Elettrica e il Gas. Dall altro lato, come ampiamente chiarito dalla società fornitrice nella già richiamata risposta, non sussistevano le condizioni per concedere la rateizzazione prevista dalla norma citata, così come modificata dal provvedimento richiamato dal Giudice. La dilazione, infatti, avrebbe dovuto trovare applicazione solo con riferimento a singole fatture di conguaglio, ove avessero presentato determinate caratteristiche, ed a fronte di espressa richiesta del cliente, che sarebbe dovuta pervenire entro il termine di scadenza della (singola) fattura. Nel caso di specie, invece, nessuna delle bollette presentava le caratteristiche prescritte dalla norma. Inoltre, la richiesta di rateizzazione era stata avanzata con generico riferimento all importo complessivo di dieci fatture, due anni dopo la scadenza della più risalente di esse. Chiarito ciò, è pacifico che se la debitrice avesse iniziato ad onorare il proprio debito dalla data di scadenza della prima bolletta fino a quella del deposito del ricorso per decreto ingiuntivo, lo avrebbe potuto saldare, per usare un gergo da televendita, in comode rate di importo estremamente modesto. Nonostante ciò, il Giudice ha comunque disposto addirittura la rateizzazione della ( ) somma dovuta dalla sig.ra ( ) in 14 rate mensili di [ ] cadauna in favore di ( ), senza neanche stabilire il termine di decorrenza delle stesse e lasciando l adempimento potenzialmente sine die. * * * I provvedimenti a dir poco discutibili sono, purtroppo, molto più numerosi di quelli qui ricordati a mero titolo di esempio. Resta la consolazione che a fronte di questi casi in cui il diritto va storto, deviando da quelli che dovrebbero essere i principi giuridici e logici applicabili al caso di specie, sono per fortuna la maggioranza le situazioni in cui il creditore trova soddisfazione alla propria giusta domanda, sebbene con i tempi (non certo celeri) della Giustizia italiana. 10

11 A volte anche il diritto va storto TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti (TLS) opera nel mercato italiano ed internazionale dei servizi legali e fiscali, coniugando la qualità delle proprie prestazioni ad una solida struttura organizzativa, al fine di fornire ai clienti soluzioni concrete ed innovative grazie a professionisti di elevata formazione e preparazione professionale. TLS è member firm del network internazionale PricewaterhouseCoopers (PwC), operante nel settore dei servizi professionali integrati e multidisciplinari alle imprese, presente con propri uffici in oltre 160 Paesi. Flessibilità, tempestività, motivazione, alto livello di specializzazione e lavoro in Team sono le caratteristiche che consentono a TLS di fornire ai propri clienti una assistenza qualificata di alto profilo in tutte le aree del diritto d impresa. *** Il Dipartimento Mass Credit Collection di TLS è composto da oltre 80 risorse a tempo pieno, suddivise tra professionisti legali specializzati nel contenzioso pre-giudiziale e giudiziale, legal phone collector, paralegal e personale operativo, coordinati da un Team di Avvocati Senior, esperti nella gestione massificata dei crediti. TLS-MCC svolge una gamma di servizi che copre il processo di recupero legale del credito a 360 su tutto il territorio nazionale, tanto in via pre-giudiziale (c.d. Letter Before Action e Last Call), quanto in fase giudiziale. Grazie ad un avanzato sistema di gestione e monitoraggio di tutto il processo di recupero dei crediti e ad una dettagliata reportistica dei risultati (tramite l applicativo custom denominato MC2), TLS-MCC è in grado di offrire alla propria clientela elevati livelli di efficienza nella gestione di ingenti numeri di pratiche, oltre ad un costante e puntuale aggiornamento della stato di lavorazione e dei costi sostenuti. Antonio Rabossi Senior Manager Gaetano Arnò Partner Michele Giuliani Senior Manager Antonio Schiavone Responsabile Fase Giudiziale Milano Luca Sposini Responsabile Fase Stragiudiziale Leonardo Blandino Responsabile Fase Giudiziale Roma Marco Ballarini Responsabile Team Operativo

12 TLS Associazione Professionale di Avvocati e Commercialisti Milano Via Monte Rosa, , Italia Roma Largo Angelo Fochetti, , Italia Bologna Brescia Firenze Napoli Padova Palermo Parma Torino Treviso Verona

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

LINEE GUIDA PER I CTU

LINEE GUIDA PER I CTU LINEE GUIDA PER I CTU per lo svolgimento delle operazioni peritali e per la redazione delle consulenze tecniche. PARTE PRIMA Le operazioni peritali Accettazione dell incarico. - Il c.t.u. ha l obbligo

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO E MEDIAZIONE

OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO E MEDIAZIONE OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO E MEDIAZIONE 1.. Alcuni ritengono che l onere spetti all opposto perché la mediazione è condizione di procedibilità della domanda e questa viene proposta con il ricorso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Sent. Cron. Rep. Oggetto: prelazione agraria Sentenza ex art. 281 sexies REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITA. Il Tribunale di Matera, in persona del Giudice Unico Raffaele VIGLIONE, ha emesso la

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti

Tizio, residente in, ed elettivamente domiciliato in, presso lo studio dell avv., che lo rappresenta e difende per mandato in atti 74 Quesito n. 9 n., rappresentati, assistiti e difesi dall avv., c.f., presso il cui studio in, elettivamente domiciliano per mandato in calce al presente atto, il quale, ai sensi e per gli effetti dell

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto

Premessa Se qualcosa non va con la tua banca e sussistano pertanto Guida al Reclamo Indice Premessa 1 La fase del reclamo 3 Il ricorso all Arbitro Bancario Finanziario (ABF) 3 L Associazione Conciliatore BancarioFinanziario 7 L Ombudsman - Giurì bancario 7 La Mediazione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale

Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale Regolamento di arbitrato della Camera di Commercio Internazionale In vigore dal gennaio 0 Camera di Commercio Internazionale (ICC) Corte Internazionale di Arbitrato 8, Cours Albert er, 7008 Paris/Parigi,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO DI COMO SEZIONE DISTACCATA DI MENAGGIO in composizione monocratica nella persona del giudice dott. Marco Mancini ha emesso la seguente

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO R.G.N, REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPÓLO ITALIANO Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Bari -dr. ssa Maria Giovanna Deceglie- nelle controversie individuali di lavoro riunite sub nn. R.G. 22661/07,

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279

S E N T E N Z A N. 318/A/2013. nei giudizi in materia di responsabilità amministrativa iscritti ai nn. 4279 R E P U B B L I C A I T A L I A N A In nome del Popolo Italiano LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE D APPELLO PER LA REGIONE SICILIANA composta dai magistrati: dott. Salvatore CILIA dott. Salvatore

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli