PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI. Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI. Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci"

Transcript

1 POR SARDEGNA PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci Elementi per la Predisposizione dei Progetti Integrati di Sviluppo Regionale APRILE 2006 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

2 INDICE 1. PARTE GENERALE Quadro di Riferimento Obiettivo Generale e Obiettivi Specifici Territorio di Riferimento Strategia Risultati Attesi AMBITI PRIORITARI Sistema Logistico Intermdale Regionale Azioni Pubbliche Investimenti Aziendali Servizi alle Imprese Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Formazione Inixiale e Continua Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci Movimentazione delle Merci della Provincia di Oristano Quadro di Riferimento Territorio di Riferimento Risultati attesi Azioni prioritarie Azioni pubbliche Investimenti aziendali Servizi alle Imprese Formazione Iniziale e Continua /15

3 1. PARTE GENERALE 1.1. Quadro di Riferimento L analisi dei flussi da e per la Sardegna mostra come il movimento delle merci sia scomponibile su tre componenti, che vanno opportunamente considerate ai fini della realizzazione del sistema logistico e intermodale per il trasporto delle merci: La componente di transhipment: si tratta del flusso di traffico intercontinentale intercettato dal porto di Cagliari che, insieme a Gioia Tauro e Taranto, è tra i più importanti porti di transhipment del Mediterraneo, sui quali si concentra il 50% della capacità di transhipment. Questi flussi solo per minima parte riguardano la Sardegna; emerge, però l opportunità di attivare da un lato le seconde lavorazioni, e dall altra, nuovi corridoi di export per le produzioni isolane. La componente Sardegna-Continente, legata alla presenza di rapporti di fornitura/subfornitura con sistemi produttivi localizzati in altre regioni italiane, interessata a catene logistiche lunghe e all efficienza della loro gestione (riduzione dei costi di trasporto e di logistica). I traffici verso l esterno si concentrano negli scali del nord Sardegna (con il 71% delle merci in entrata e il 62% di quelle in uscita). La destinazione prevalente è rappresentata dalle regioni del nord Italia, mentre è decisamente limitata la quota verso l estero ( 1 ). Il traffico avviene prevalentemente su gomma. 2 La componente interna è legata alla presenza di sistemi locali di PMI del settore agroindustriale ed industriale, interessati ad una migliore organizzazione complessiva della fase di distribuzione/commercializzazione dei propri prodotti. I Rapporti d area sottolineano, quale punto di debolezza, la frammentazione del tessuto produttivo, caratterizzato dalla prevalenza di microimprese, spesso sottocapitalizzate e con problemi infrastrutturali, organizzativi e di commercializzazione che impediscono, da un lato di rispondere alla domanda di mercato (orientata su soglie dimensionali nettamente superiori a quelle che l impresa locale può soddisfare) e dall altro di individuare strategicamente nuovi sbocchi commerciali. 1 Con l esclusione delle filiere produttive legate alle rinfuse industriali ed alle produzioni chimiche, petrolifere, minerometallurgiche, che viaggiano prevalentemente su nave, ancorandosi alle portualità industriali di Pototorres, Oristano, Portovesme, Cagliari, Arbatax. 2/15

4 L analisi dei flussi di traffico merci a livello regionale evidenzia, inoltre, la rilevanza del traffico interno su gomma, evidenziando un ritardo rispetto agli indirizzi della politica comunitaria e nazionale, fortemente orientata al riequilibrio modale (vedi il Libro Bianco European transport policy for 2010: time to decide 3 ). Le cause sono da ricercare nelle difficoltà di attivare servizi intermodali in un contesto in cui l offerta di trasporto non sembra in grado di rispondere alle necessità della domanda (trasporti rapidi e certi su tutto il territorio nazionale). In particolare per quanto attiene il traffico ferroviario è emersa, nel trascorso decennio, una forte riduzione del traffico complessivo, sia in termini di tonnellate trasportate che di carri movimentati. Tale riduzione testimonia le difficoltà dell offerta di trasporto ferroviario (in particolare della capacità di traghettamento, dimezzata nel decennio trascorso), di rispondere pienamente alle richieste di alcuni comparti produttivi che potrebbero essere ricondotti verso questa modalità, quali l industria del legno e prodotti in legno, l industria della carta, chimica e materie plastiche, alcune produzioni minero-metallurgiche, merci pericolose e infiammabili. La difficoltà per la ferrovia di garantire tempi di consegna rapidi e certi costituisce un ostacolo ulteriore all espansione della modalità su ferro verso altri comparti, quali l agroalimentare, mentre la base tariffaria attuale (impostata a peso, e non a volume) penalizza pesantemente il trasporto su ferrovia del lapideo. La prevalenza del trasporto su gomma è quindi legata, oltre che alla storica debolezza del trasporto ferroviario, alle caratteristiche del sistema produttivo isolano, in cui prevalgono le produzioni fortemente diffuse sul territorio, facenti capo a piccole e medie imprese. La grande industria, soggetta a forti pressioni competitive e alle oscillazioni nei mercati dei prodotti finiti e delle materie prime, ha finito per entrare in una lunga stagione di crisi e riduzione di capacità produttiva, in particolare nei settori cosiddetti pesanti, a suo tempo particolarmente vantaggiosi e agevoli per il trasporto su ferro. Tra le criticità del settore bisogna, inoltre, rilevare il dato di scarsa accessibilità del territorio regionale. A tal fine appare significativo l indicatore di accessibilità costruito dall ISFORT, secondo appositi indici mirati a misurare la facilità di fruire dei servizi generati dalle rete dei trasporti, associando alla componente di dotazione fisica di infrastrutture di trasporto e di logistica (dimensione e capacità) anche quella dinamica legata al tessuto produttivo dei territori, alla localizzazione dei bacini di produzione e di deposito delle imprese, alle distanze, ai tempi e ai volumi di traffico generati. Da tale indice, che misura la percentuale dei Sistemi locali del lavoro scarsamente accessibili (ossia risultano meno accessibili della media della macro-regione) emerge, infatti, una condizione di effettiva difficoltà del sistema Sardegna, anche rispetto alle regioni del Sud. 3 Il Libro Bianco European transport policy for 2010: time to decide 3 afferma l assoluta necessità di rivitalizzare il trasporto ferroviario delle merci, soprattutto intermodale, come via privilegiata per interrompere l accelerazione degli ultimi due decenni nella crescita dei flussi di traffico terrestre via camion, che rischiano di penalizzare fortemente le possibilità di sviluppo sostenibile. 3/15

5 Figura 5A Indicatore di scarsa accessibilità (ISFORT) nelle regioni del Mezzogiorno Mezzogiorno = 50,7 97, ,0 72, ,3 54, ,5 35, , ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA Indicatore di scarsa accessibilità In particolare, occorre rilevare : - la difficoltà ad assicurare ai servizi di trasporto ferroviari merci standard di qualità, soprattutto in termini di tempi e di certezza degli orari, che li rendano pienamente competitivi con l autotrasporto e integrabili con il trasporto marittimo e le terminalizzazioni a monte e a valle delle catene logistiche; - le difficoltà tecniche ad estendere l offerta di trasporto intermodale mare-ferro-gomma, anche per la modesta capacità organizzativa della modalità ferroviaria; - i ritardi nel completamento della rete ferroviaria (sono tuttora da impegnare parte delle risorse ricompresse nell Accordo di Programma Ferrovie del 1999) e nella realizzazione del sistema della viabilità regionale; - la frammentazione del sistema produttivo e del comparto dei trasporti; - la crisi di liquidità dei settori produttivi ha sempre più fatto venir meno l organizzazione per grossi depositi, mentre l affermarsi del just in time ha ulteriormente favorito il del trasporto su gomma, come conseguenza di ordinativi limitati alle necessità del momento; 4/15

6 - la persistente insufficienza dell infrastrutturazione immateriale. A partire dalle indicazioni fornite dai Rapporti d Area dei Laboratori Territoriali si evidenzia come lo sviluppo della logistica costituisca, ai fini dello sviluppo, una importante opportunità, per rispondere alle esigenze del sistema produttivo isolano. In particolare, da parte delle imprese è emersa la consapevolezza di come i costi di trasporto e l organizzazione logistica possono essere un fattore decisamente strategico nel favorire una maggiore competitività sul mercato globale. Il settore dell agroalimentare, in particolare, ha evidenziato una forte domanda di logistica. Le criticità emerse sono le seguenti: - il costo dei trasporti particolarmente elevato sotto i 50 Km; - la bassa percentuale di carichi completi, che unita alle note difficoltà di gestione dei carichi e dei viaggi di ritorno, spesso a vuoto, determina costi di trasporto elevati; - lo scarso ricorso all intermodalità, sia marittima che ferroviaria; - l assenza di imprese specializzate nella gestione integrata dell intera supply chain, fino all offerta di servizi cosiddetti porta a porta. - la scarsa dotazione informatica delle imprese; - l elevata la domanda di nuove e più specifiche professionalità sui temi della logistica. Tra le opportunità emergono: - la presenza di due piattaforme intermodali nelle aree di Cagliari e Sassari, (impianti CEMAT), e di una linea ferroviaria Cagliari Olbia Porto Torres perfettamente idonea al trasporto dei carichi di maggiore dimensione, totalmente disponibile nelle ore notturne; - la presenza di ampie aree ad uso industriale nell intero territorio regionale, ed in particolare in prossimità del porto Canale di Cagliari da utilizzare quale supporto per effettuare lavorazioni sui flussi di merci in transito, o quale effettivo vantaggio logistico, per le aziende che puntino sull export verso il mercato globale; - il rilevante numero di mezzi gommati che rientra scarica sul territorio nazionale; - la produzione contrassegnata da livelli di qualità elevata, per la quale la attivazione di processi collaborativi potrebbe consentire di superare il vincolo prodotto dalla limitata dimensione dell impresa locale, determinando la possibilità di rispondere, in modo adeguato, alla domanda di qualità esistente sui mercati nazionali ed esteri. 5/15

7 1.2. Obiettivo Generale e Obiettivi Specifici L obiettivo generale è il sostegno alla competitività dei comparti produttivi attraverso l inserimento della regione sul mercato nazionale e globale, ottimizzandone la posizione all interno dei corridoi di trasporto attraverso lo sviluppo del Sistema Logistico Intermodale Regionale. Gli obiettivi specifici individuati sono i seguenti: - Ottimizzare la connessione ferroviaria degli scali portuali della Sardegna al fine di creare la piattaforma logistica euromediterranea. - Ricondurre a competitività il trasporto ferroviario delle merci, recuperando la clientela persa nel trascorso decennio, in particolare favorendo l attivazione di un sistema Camion su Treno sulle relazioni Cagliari- Porto Torres e Cagliari-Olbia. - Favorire il potenziamento degli operatori di trasporto e la loro formazione professionale, per sostenere la loro capacità di competere sul mercato europeo, in particolare favorendo la diffusione delle nuove tecnologie e dei sistemi informatici. - Favorire lo sviluppo di sistemi di e-commerce per le produzioni locali. - Diffondere la cultura della organizzazione logistica, con riferimento allo sviluppo di innovazioni organizzative e tecniche di logistica intermodale relative alle infrastrutture (piattaforme e magazzini), alla rispondenza alle esigenze di prodotti deperibili o pericolosi, alle unità di trasporto. - Potenziare le attività logistiche e di trasformazione in prossimità delle aree portuali, ed in particolare a partire dai flussi di transhipment nel Porto Canale di Cagliari. - Favorire sinergie logistiche volte ad ottimizzare i flussi di andata e ritorno - Realizzare e potenziare piattaforme logistiche, per la raccolta, lavorazione, condizionamento, confezionamento e stoccaggio di specifiche filiere produttive, ed in particolare dei prodotti agroalimentari, realizzando le catene del freddo e del fresco, con interventi mirati a livello di stoccaggio, lavorazione, trasporto delle merci e sostenendo la creazione di società di servizi integrati per la logistica partecipate dalla parte agricola di comparti differenti in grado di trattare volumi significativi di prodotto. - Realizzare, in prossimità dei porti, piattaforme logistiche finalizzate alle seconde lavorazioni di prodotti di importazione, contribuendo alla creazione valore aggiunto. - Incentivare forme innovative di gestione dell intermodalità, finalizzata alla razionalizzazione della catena di trasporto, con una particolare attenzione ai prodotti deperibili. 6/15

8 1.3. Territorio di Riferimento - Intero territorio regionale. - Nodi intermodali dei porti (Olbia/Golfo Aranci, Porto Torres, Oristano, Cagliari) e piattaforme logistiche d area. - Provincia di Oristano per l ambito prioritario Movimentazione delle Merci Strategia A partire dai tre grandi sistemi di traffico individuati: - la componente di transhipment; attinente ai flussi di merci prodotti dal mercato internazionale, in transito sull hub portuale di Cagliari, - la componente Sardegna Continente, che attraversa l intera isola per concentrarsi sugli scali del nord Sardegna, - la componente interna, legata alla presenza di piccole e medie imprese locali, la strategia di intervento mira a: - sostenere lo sviluppo del Sistema Logistico e Intermodale Regionale; - ottimizzare la competitività della produzione regionale, favorendo non soltanto la concentrazione dei flussi di merci, ma soprattutto l ottimizzazione, per le differenti filiere, della catena logistica, rafforzandone quindi la capacità di penetrazione sul mercato nazionale e globale. A tal fine, la prospettata individuazione di piattaforme intermodali, da distribuire in particolare lungo la dorsale ferroviaria, è soltanto in parte riferibile all obiettivo del riequilibrio modale, dovendosi dare invece luogo a vere e proprie piattaforme di servizio intimamente connesse ai sistemi produttivi locali rivolte a: - sostenere la commercializzazione e l evoluzione delle differenti filiere; - supportare la gestione e la razionalizzazione delle attività di logistica da parte dei sistemi locali (distretti, associazioni di PMI e Parchi di Impresa) anche attraverso attività di animazione, marketing territoriale e formazione di personale specializzato; - favorire il potenziamento degli operatori di trasporto e la loro evoluzione verso la costruzione di catene logistiche organizzate su carichi completi, favorendo l adozione di processi distributivi just in time, anche a supporto di sistemi di e-commerce per le produzioni locali. 7/15

9 Per queste ragioni, la realizzazione del sistema logistico dovrà strutturarsi su tre livelli, utili anche per la definizione delle caratteristiche dei Partenariati di Progetto cui si rivolge il Progetto Integrato di Sviluppo Regionale Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci. Il primo livello è definito dai fabbisogni tecnici di trasporto e di logistica delle differenti filiere produttive, dalle caratteristiche delle imprese, dalla loro dislocazione sul territorio, dalla necessità di una maggiore razionalizzazione dei flussi di trasporto, dalla centralità delle piattaforme marittime nella costruzione della intermodalità mare-ferro-gomma, al fine di identificare linee di intervento per la riorganizzazione dei diversi vettori di trasporto, la concentrazione dei flussi, il miglioramento del potenziale competitivo sul mercato nazionale delle produzioni locali. Il secondo livello, riguarda la logistica distributiva nelle aree urbane, è fortemente connesso al primo, soprattutto in considerazione del fatto che le aree urbane rappresentano il maggiore mercato di sbocco delle produzioni locali. Il terzo livello riguarda, da un lato, il processo di adeguamento degli assetti infrastrutturali, dall altro le innovazioni tecniche (treni blocco, treno-camion, sistemi di carico e scarico, gestione della unitizzazione e containerizzazione, catena del freddo e del fresco, etc.), organizzative (tempi, spazi) e di sistema (rafforzando la cooperazione e i partenariati tra soggetti istituzionali e imprenditoriali), necessarie a favorire una maggiore integrazione modale e la migliore penetrazione nei mercati. Le forme di Partenariato di Progetto individuate dai presenti elementi per la predisposizione dei progetti integrati sono: - Partenariati di progetto per la realizzazione di Sistemi Logistici Territoriali o di Settore, che coinvolgono imprese di produzione e trasformazione in forma associata per settori produttivi o sistemi territoriali, imprese di trasporti e logistica, le aziende di trasporto ferroviario e le istituzioni locali. - Partenariato di progetto per la realizzazione della Piattaforma logistica euromediterranea, che dovrà coinvolgere le autorità portuali, le aziende di trasporto ferroviario, le imprese di logistica Risultati Attesi - Piattaforma logistica euromediterranea operativa. - Sistemi logistici territoriali e settoriali operativi. - Presenza di piattaforme logistiche mirate alla lavorazione delle produzioni agroalimentari, catene del freddo e del fresco, stoccaggio, trasporto. - Operatori del trasporto competitivi. - Diffusione dell informatica e delle nuove tecnologie, dell occupazione di qualità nel settore. - Accordi e processi collaborativi tra operatori di trasporto (gestori di infrastrutture e piattaforme di servizio, operatori del servizio di trasporto e di logistica e sviluppatori di sistemi per la logistica e l intermodalità) e 8/15

10 realtà produttive. - Riduzione dei ritorni a vuoto. Diffusione di catene logistiche fondate su carichi completi, migliore gestione dei processi distributivi just in time. - Incremento del fatturato realizzato attraverso canali di e-commerce. - Incremento del trasporto intermodale. - Avvio di soluzioni innovative per prodotti deperibili e pericolosi. - Incremento del traffico ferroviario merci e delle attività di cabotaggio. - Incremento del numero di imprese logistiche e di trasformazione in prossimità delle aree industriali, dei compendi portuali, ed in particolare del Porto Canale di Cagliari. - Creazione di società di servizi integrati per la logistica, partecipate dalle imprese. 9/15

11 2. AMBITI PRIORITARI 2.1. Sistema Logistico Intermdale Regionale Azioni Pubbliche Informazione, Sensibilizzazione e Animazione - Accordo tra Enti locali, aziende di trasporto e di produzione per la costituzione di Tavoli regionali e locali mirati al coordinamento del sistema integrato della logistica Normative, Piani e Programmi - Realizzazione di analisi dei processi di impresa attivati nei compendi portuali del Mediterraneo interessati dal transhipment; attivazione di nuove opportunità di export legate al potenziale inserimento delle produzioni locali sui grandi flussi internazionali Interventi Infrastrutturali - Trasporti e mobilità - Realizzazione di un programma di interventi di breve e medio periodo, finalizzato alla creazione del sistema integrato della logistica e della portualità regionale. - Realizzazione di piattaforme intermodali lungo rete, utili all attivazione di un servizio di autostrada viaggiante lungo le relazioni ferroviarie Cagliari-Olbia Golfo Aranci e Cagliari - Porto Torres: piazzali di manovra, mezzi per la movimentazione e magazzini di appoggio funzionali alle necessità delle filiere servite. Nel medio periodo si prevede il completamento delle connessioni tra sistema portuale, rete ferroviaria, aree industriali. - Realizzazione di nodi di interscambio per il trasporto merci dai porti al sistema ferro-gomma a quello stradale e aeroportuale. - Realizzazione di interventi finalizzati all ottimizzazione dei collegamenti tra i porti di transhipment e le banchine destinate al traffico di cabotaggio. - Realizzazione di interventi finalizzati alla creazione di un distretto della rinfusa nel Porto Industriale di Oristano. - Realizzazione dei Centri di controllo sanitario-veterinario nelle aree portuali interessate. 10/15

12 Investimenti Aziendali Singole Imprese - Incentivi per investimenti aziendali per lo start up di imprese operanti nella movimentazione e trattamento delle merci in un ottica intermodale, logistica, cantieristica, e seconde lavorazioni. - Incentivi per investimenti aziendali per impianti e macchinari finalizzati alla movimentazione delle merci (realizzazione di terminal produttivi, servizi di banchinaggio, servizi di carico e scarico, aree di stoccaggio e parcheggio, manutenzione e riparazione container). Reti e Sistemi d Impresa - Incentivi per investimenti aziendali per la realizzazione di piattaforme logistiche a scala locale, con particolare riferimento a specifiche filiere produttive ed in particolare alla filiera agroalimentari: raccolta, lavorazione, condizionamento, confezionamento e stoccaggio dei prodotti agroalimentari, realizzando le catene del freddo e del fresco, con interventi mirati a livello di stoccaggio e trasporto delle merci. - Incentivi per investimenti aziendali per impianti dedicati allo stoccaggio, trasporto e gestione dell intermodalità, finalizzata alla razionalizzazione delle catene logistiche. - Incentivi per investimenti aziendali per la realizzazione di sistemi di contenimento delle polveri per le fasi di stoccaggio e movimentazione delle merci sfuse. - Incentivi per la costituzione, avviamento potenziamento, di organismi di aggregazione e cooperazione tra le aziende, sia a fini produttivi che per la promozione e commercializzazione dei prodotti. - Incentivi per investimenti aziendali finalizzati alla creazione di società di servizi integrati per la logistica partecipate dalla parte agricola di comparti differenti in grado di trattare volumi significativi di prodotto. - Incentivi per investimenti aziendali congiunti per la creazione di consorzi export. - Incentivi per investimenti aziendali congiunti, per la creazione, all interno dei Parchi di Impresa, di centri servizi finalizzati all erogazione di servizi logistici e/o di commercializzazione. - Incentivi per l acquisizione di servizi reali finalizzati alla creazione di reti commerciali per i prodotti di eccellenza nell ambito dell attuazione dei distretti agroalimentari di qualità. - Incentivi per investimenti aziendali congiunti per la realizzazione ed il potenziamento di consorzi di promozione di sinergie tra le fasi della produzione, della trasformazione e della commercializzazione Servizi alle Imprese Singole Imprese - Incentivi per l acquisizione di servizi reali di assistenza tecnica per lo sviluppo delle aree di attività legate 11/15

13 alla logistica. Reti e Sistemi d Impresa - Incentivi per l acquisizione di servizi reali finalizzati allo sviluppo di servizi comuni per la commercializzazione e la nascita di consorzi export Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Reti e Sistemi d Impresa - Incentivi per la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo di sistemi esperti su base informatica per il governo della logistica intermodale Formazione Inixiale e Continua - Incentivi per la realizzazione di piani di formazione di esperti nel settore della logistica e commercializzazione. - Incentivi per la realizzazione di piani di formazione aziendale per la preparazione di operatori portuali esperti in sistemi di movimentazione. 12/15

14 2.2. Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci Movimentazione delle Merci della Provincia di Oristano Quadro di Riferimento Il territorio della provincia di Oristano, e in particolare il suo capoluogo, beneficia di una posizione geografica baricentrica nell isola rappresentando un crocevia importante per diversi settori produttivi e socio-culturali e offre lo spunto per candidarsi come snodo intermodale centrale nelle comunicazioni regionali dei trasporti. Il miglioramento dei trasporti nella provincia è da considerarsi come prioritario per lo sviluppo integrato del territorio Oristanese in quanto, in una realtà come quella sarda, il solo intervento infrastrutturale sul sistema dei trasporti, non sarebbe in grado di agire come fattore di sviluppo. Si prospetta la realizzazione di un sistema di servizi integrati a sostegno delle imprese operanti sul territorio nei diversi settori, in particolare attraverso azioni dirette alla creazione di servizi, incentivi e infrastrutture che permettano di eliminare i gap strutturali e di contesto che di fatto impediscono lo sviluppo. In una realtà come quella della provincia di Oristano, si rende necessario realizzare delle azioni volte a riorganizzare gli spazi riservati alle attività industriali ed artigianali, in particolare, in prossimità degli snodi portuali e aeroportuali che hanno un ruolo importante, in primo luogo per le attuali caratteristiche riferite alla diffusione degli scambi di merci ed in prospettiva futura anche per il traffico passeggeri. Il Porto Industriale, oltre a garantire una posizione strategica per l intera regione, possiede una vasta disponibilità di aree attrezzate e dotate dei principali servizi che permetterebbero lo sviluppo di piattaforme logistiche per la movimentazione delle merci legate al comparto della rinfusa e non. Le principali criticità sono: - la bassa concentrazione di prodotti vendibili; - la mancanza di servizi alla commercializzazione; - l assenza dello sviluppo dell intermodalità. I principali vantaggi sono: - la centralità geografica grazie alla quale potrebbe inserirsi efficacemente nelle crescenti correnti di traffico commerciale; - i fondali marini adeguati all attracco di grandi navi; - la prossimità e interrelazione tra i sistemi portuale, aeroportuale, ferroviario e terrestre; - la posizione baricentrica rispetto ai flussi merci nel mediterraneo. 13/15

15 Territorio di Riferimento Tutto il territorio della provincia di Oristano comprese le aree portuali e aeroportuali, le ZI, le aree PIP, estensibile ad aree produttive e nodi regionali Risultati attesi - Presenza di un moderno sistema integrato di movimentazione delle merci alla rinfusa Azioni prioritarie Azioni pubbliche Interventi Infrastrutturali Aree industriali e produttive - Realizzazione di interventi di adeguamento del porto di Oristano (messa a norma degli impianti di depurazione, sistemazione di raccolta delle acque sulle banchine, piano di recupero dei rifiuti portuali). - Realizzazione di interventi di completamento della banchina esistente Investimenti aziendali Singole Imprese - Incentivi per investimenti aziendali finalizzati alla realizzazione di sistemi di contenimento delle polveri per le fasi di stoccaggio e movimentazione delle merci sfuse. - Incentivi per investimenti aziendali per nuove imprese operanti nei settori cantieristica, logistica ed energia ; Reti e Sistemi d Impresa - Incentivi per investimenti aziendali per la realizzazione e installazione di impianti e macchinari finalizzati alla movimentazione delle merci (realizzazione di terminal produttivi, servizi di banchinaggio, servizi di carico e scarico, aree di stoccaggio e parcheggio). - Incentivi per investimenti aziendali per la realizzazione del Centro Servizi finalizzata alla gestione/organizzazione dei servizi specializzati, che abbia lo scopo di pianificare il sistema offerto e gestire le attività organizzative e di relazione. 14/15

16 Servizi alle Imprese Reti e Sistemi d Impresa - Incentivi per l acquisizione di servizi reali finalizzati alla promozione dello scalo portuale di Oristano come hub delle merci alla rinfusa. - Incentivi per l attivazione di servizi organizzativi per l accoglienza delle merci nell area portuale Formazione Iniziale e Continua - Incentivi per la realizzazione di piani di formazione aziendale specialistica degli operatori dell area portuale sulla movimentazione delle merci e servizi ad essa collegati. 15/15

Sorrento, 21 novembre 2015

Sorrento, 21 novembre 2015 Sorrento, 21 novembre 2015 «Mezzogiorni d Europa d e Mediterraneo» e mobilità delle merci Linee guida per lo sviluppo dei trasporti e della logistica nel Mezzogiorno Sergio Curi, Fabrizio Dallari, Marco

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna

Principi per la revisione del sistema degli incentivi in Sardegna Cagliari, maggio 2007 Il processo di revisione dell attuale sistema di incentivazione alle imprese in Sardegna si sviluppa a partire da alcuni obiettivi fondamentali dell azione regionale: 1. Razionalizzare

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Milano, 24 giugno 2014 Trenitalia Trenitalia, società del Gruppo Ferrovie

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020

Unioncamere Calabria - Lamezia Terme - 2 aprile 2015. L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione 2014-2020 Programmazione 2014-2020 In un mondo oramai globalizzato le PMI devono essere in grado di affrontare la sempre più crescente concorrenza

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato

L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato SIET 2015 L integrazione logistica fra porti e sistema ferroviario nel Mediterraneo Nord Occidentale: le politiche e il mercato Oliviero Baccelli Direttore CERTET- Centro di Economia Regionale, Trasporti

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a

1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia detiene la rappresentanza, a Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia SOMMARIO 1. Italmopa Associazione Industriali Mugnai d Italia : Chi siamo 2. Evoluzione della struttura dell Industria molitoria italiana 3. L approvvigionamento

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative

Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Gli incentivi di Invitalia per le imprese innovative Febbraio 2015 Invitalia: chi siamo Invitalia è l Agenzia nazionale che agisce su mandato del Governo per sostenere i settori strategici per lo sviluppo

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Osservatorio infrastrutture, trasporti e ambiente della Regione Lazio Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Dossier conclusivo Maggio 2008 Il presente

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio

ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI. A cura di Confcommercio ROADSHOW PMI INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E PMI A cura di Confcommercio Premessa L efficienza dei sistemi di trasporto e logistica costituisce una condizione essenziale per la capacità competitiva di tutto

Dettagli

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network;

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Porto di Ancona Posizionamento Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Corridoio scandinavo-mediterraneo (38% traffico tir del porto proviene da Paesi lungo questo asse, Italia esclusa);

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012 Artigiancassa Progetto Key Woman Roma, 5 Dicembre 2012 Malgrado l attuale congiuntura economica le imprese a guida femminile fanno registrare una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica Le imprese

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA. 20 luglio 2010. Punto 5 all Ordine del Giorno:

POR CALABRIA FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA. 20 luglio 2010. Punto 5 all Ordine del Giorno: UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA 20 luglio 2010 Punto 5 all Ordine del Giorno: VERIFICA DEL RISPETTO DEGLI IMPEGNI ASSUNTI PER LA

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia.

Smart&Start Italia. Dal 16 febbraio 2015 è aperta la piattaforma online attraverso la quale si possono inviare i business plan smartstart.invitalia. Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione dei risultati del sistema

Dettagli

ORIZZONTE AGROALIMENTARE NUOVA PROPOSIZIONE DI VALORE DEDICATA ALL AGROALIMENTARE PREMIO ABI PER L INNOVAZIONE NEI SERVIZI BANCARI 2014

ORIZZONTE AGROALIMENTARE NUOVA PROPOSIZIONE DI VALORE DEDICATA ALL AGROALIMENTARE PREMIO ABI PER L INNOVAZIONE NEI SERVIZI BANCARI 2014 ORIZZONTE AGROALIMENTARE NUOVA PROPOSIZIONE DI VALORE DEDICATA ALL AGROALIMENTARE PREMIO ABI PER L INNOVAZIONE NEI SERVIZI BANCARI 2014 Orizzonte Agroalimentare: l approccio innovativo Obiettivi Soddisfare

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Seminario informativo METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Via Luca Giordano, 13 50132 Firenze Gli strumenti di accesso

Dettagli

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature

3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna. Evoluzione del ruolo professionale nel settore Tessile-Abbigliamento-Calzature 3.3.3.2.0 Responsabili di magazzino e della distribuzione interna Le professioni comprese in questa unità raccolgono, controllano e archiviano la documentazione sulle merci esistenti, in entrata e in uscita

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

Roma, 21 settembre 2015

Roma, 21 settembre 2015 Roma, 21 settembre 2015 CREDITO, SVIMEZ: CONFIDI AL SUD TROPPO PICCOLI E POVERI, EROGANO IL 25% RISPETTO A QUELLI DEL CENTRO-NORD La SVIMEZ: Servono interventi organici nell ambito del credito e dei Confidi

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie

Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Nota per incontro con On.le Andrea Ronchi, Ministro per le Politiche Comunitarie Introduzione L Europa dovrà affrontare delle sfide importanti nell immediato futuro: ripresa economica, politica monetaria,

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

IV Commissione consiliare (Trasporti)

IV Commissione consiliare (Trasporti) IV Commissione consiliare (Trasporti) Lavori settima dal 7 all 11 gennaio 2008 In commissione Trasporti l audizione dei rappresentanti dell autotrasporto. I problemi dell autotrasporto sardo sono stati

Dettagli

Una nuova Agorà per il Mediterraneo

Una nuova Agorà per il Mediterraneo REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO DI TRASPORTI E COMUNICAZIONI STUDIO DI FATTIBILITÀ E PROCEDURE ATTUATIVE PER IL RIASSETTO COMPLESSIVO DELLE MODALITÀ DI TRASPORTO NELLA REGIONE SICILIANA Fase A maggio 2004

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo?

Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo? Sardegna Piattaforma Logistica del Mediterraneo? Quando durante il convegno C è posto nel Med? La Sardegna fra Europa e Mediterraneo organizzato nel febbraio scorso da Sardegna 2050 e OpenMed mi è stata

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO"

TURISMO, BRAMBILLA: 400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO TURISMO, BRAMBILLA: "400 ML PER I CONTRATTI DI SVILUPPO, PER LA PRIMA VOLTA SOSTEGNO CONCRETO DEL GOVERNO A INVESTIMENTI NEL TURISMO" "Per la prima volta in Italia, il governo dispone un concreto e significativo

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

Il Progetto Oltrebampe

Il Progetto Oltrebampe Il Progetto in sintesi Il Progetto Oltrebampe Oltre bambini e prodotti agricoli di eccellenza Descrizione del progetto OltreBampè affronta il tema dello sviluppo sostenibile dei sistemi urbani, facendo

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso

La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso La posizione di Federchimica sul Trasporto Ferroviario a carri singoli e il contributo di Trenitalia per rilanciare il nuovo diffuso Michele Paruzzi Furio Bombardi Solvay Chimica Italia S.p.A. Trenitalia

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia La necessità che anche la Sicilia si dovesse dotare di uno strumento di pianificazione del settore dei

Dettagli

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL

TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL TECNICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE Corso IRECOOP/IAL Il trasporto: normativa e caratteristiche mezzi Logistica esterna - intermodalità PREMESSA SISTEMA DEI TRASPORTI Costituisce un organizzazione tecnico

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia

Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia Internazionalizzazione delle PMI calabresi La Borsa dell Innovazione e dell Alta Tecnologia http://poloinnovazione.cc-ict-sud.it Luciano Mallamaci, ICT-SUD Direttore Tecnico ICT Sud Program Manager Polo

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011

IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO. I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio. Olbia, 25 novembre 2011 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO DELLA GALLURA NEL COMPARTO NAUTICO I progetti prioritari per lo sviluppo del territorio Olbia, 25 novembre 2011 INDICE DELLA PRESENTAZIONE 1. Il disegno strategico 2. Alcune

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale

Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Le opportunità della Politica Regionale Unitaria 2007 2013 Cooperazione territoriale Cagliari, T Hotel 10 giugno 2009 La cooperazione transfrontaliera All interno dell Obiettivo CTE, l intervento FESR

Dettagli

NAVIGAZIONE. Piano di Produzione 2008 2009. Linee di tendenza 2010-2011

NAVIGAZIONE. Piano di Produzione 2008 2009. Linee di tendenza 2010-2011 NAVIGAZIONE Piano di Produzione 2008 2009 Linee di tendenza 2010-2011 Roma, 16/17 settembre 2008 Indice Navi in esercizio Produzione Mezzi Veloci Produzione navi bidirezionali per gommato Obiettivi di

Dettagli

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio

L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio 1 L apporto di una banca commerciale nella crescita dell impresa tramite capitale di rischio L esperienza del Gruppo Cariparma FriulAdria Roma, 5 Maggio 2010 Carlo PIANA Responsabile Direzione Centrale

Dettagli

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE

OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE LIBRERIE INDIPENDENTI E PICCOLA EDITORIA IN PIEMONTE SINTESI DEI DATI 15 Maggio 2010 La piccola editoria in Piemonte Il Piemonte si presenta oggi come il secondo polo produttivo d Italia sia per numero

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli