CAPITOLO 3. Promozione della lettura. Il progetto di promuovere la lettura, come ogni altro progetto, ha bisogno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO 3. Promozione della lettura. Il progetto di promuovere la lettura, come ogni altro progetto, ha bisogno"

Transcript

1 CAPITOLO 3 Promozione della lettura Il progetto di promuovere la lettura, come ogni altro progetto, ha bisogno di esser chiaramente definito. Molti sono i soggetti impegnati che interagiscono tra loro e che hanno bisogno di aver delineato il loro ruolo. Prima di tutto ci si domanda qual è l istituzione più adatta a diffondere l amore per la lettura, qual è il soggetto a cui ci si deve rivolgere nella promozione e infine quali sono i modi e le strategie più adatte per raggiungere lo scopo. SOGGETTI PROMOTORI La famiglia, la scuola e le biblioteche sono le istituzioni che hanno maggiori responsabilità nella diffusione dell abitudine a leggere. La famiglia è il primo soggetto con cui il bambino interagisce e la sua importanza nella formazione di un fanciullo non ha certo bisogno di esser dimostrata. Anche per il futuro rapporto che il bambino avrà con i libri, l influenza dell ambiente sociale e familiare è innegabile ed Elisa Zoppei la considera il nido naturale della lettura, forse l amore per la lettura non passa attraverso il cordone ombelicale, tuttavia se è presente nella vita dei genitori, 33

2 viene naturalmente respirato e tranquillamente assorbito anche dai figlioletti. 1 Avendo, però, già individuato la situazione dello stato italiano, dove la diffusione della lettura non ha raggiunto livelli soddisfacenti e comparabili con quelli della maggior parte degli altri paesi europei, ci si rende conto di come, con questa premessa, bisogna stare molto attenti nel considerare il ruolo della famiglia come punto di riferimento per la vita del bambino nella diffusione dell amore per la lettura: molti dei bambini italiani si troveranno, infatti, inseriti in un ambiente familiare dove i libri e la lettura non sono al centro della vita quotidiana. Secondo dati tratti dal testo di Giovanni Peresson 2 il 36% dei genitori di figli tra i sei e i quattordici anni non legge ai propri bambini, e solo l 8,7% di chi legge ai figli, lo fa tutti i giorni. La scuola e l istituzione bibliotecaria sembrano, perciò, più adatte ad esser individuate come soggetti promotori, tenendo presente che il loro legame con la famiglia dovrà essere molto stretto e la famiglia stessa, anzi, dovrà esser messa al centro di ogni attività promozionale. Per molti ragazzi, ancora oggi, il primo incontro con il libro avviene in classe; di qui, l importanza della scuola nella promozione della lettura. Il rischio è che questo primo incontro porti a crearsi nell immaginario giovanile un idea di lettura legata ai compiti e agli esercizi scolastici, e, quindi, per nulla o poco divertente e, certo, non fonte di piacere gratuito. 1 ELISA ZOPPEI, Laboratori di lettura: metodi e tecniche di animazione del libro, Milano, Mondadori, 2003, p GIOVANNI PERESSON, Le cifre dell editoria 2000, Milano, Guerrini & Associati,

3 È vero che le schede di lettura inibiscono le reazioni spontanee al testo e che l ansia di valutare la comprensione della lettura può pregiudicare il rapporto tra testo e bambino. Non si può negare che quando il testo, persa la sua centralità, diventa strumentale a commenti (storici, educativi o critici), la noia dei ragazzi sale o che, quando i romanzi sono utilizzati soprattutto per essere riassunti o ridotti a schemi, perdono attrattiva per i ragazzi. 3 La scuola ha spesso considerato esaurito il proprio compito nell insegnare le tecniche di lettura, tralasciando l educazione al piacere di leggere e al piacere di godere delle emozioni che il libro può dare; in questo caso l accusa che le viene rivolta è di esser responsabile della disaffezione alla lettura, di scoraggiarla anziché promuoverla, di alimentare la visione della lettura come esercizio didattico. La scolarizzazione della lettura è un rischio in cui bisogna cercare di non incorrere, se si vuole che il leggere diventi una pratica quotidiana nella vita di ognuno. Iniziazione fa rima con descolarizzazione. Il che non significa che essa non possa avvenire a scuola, ma che essa dovrà veder galleggiare il cadavere della didattica, delle unità, dei tempi e dei metodi. 4 Sotto accusa sono l eccessivo carico degli esercizi di analisi testuali e i titoli spesso poco interessanti suggeriti dagli insegnanti. 3 RAIMONDA M. MORANI, In calo lettori e qualità, «Il Pepeverde», (2003), n.15, p LUCA FERRIERI, Il piacere di leggere si può promuovere?, in Il futuro della lettura, a cura di Maurizio Vivarelli, Manziana, Vecchiarelli, 1997, p ; la citazione è da p

4 Molto spesso la crisi della lettura nasconde una mancata scoperta: forse i giovani e gli adulti non leggono anche perché non hanno mai assaporato un intenso piacere di leggere, quella sensazione così gradita che coinvolge la sfera emotivo-affettiva e cognitiva. 5 Anche negli ambienti scolastici, ci si è ormai resi conto che, per catturare i giovani lettori, c è bisogno di far leva sul piacere e sulla dimensione affettiva del leggere; nello stesso articolo della Picherle, da cui è stata tratta la precedente citazione, sono riportati alcuni degli ultimi documenti e testi programmatici della scuola che si riferiscono in modo esplicito sia al piacere, sia alla motivazione al leggere, dimostrando questa nuova attenzione: L insegnante avrà cura di accendere interessi idonei a far emergere il bisogno ed il piacere della lettura (Programmi didattici per la scuola elementare. Italiano, La lettura, 1985); La lettura va intesa e sollecitata come emozione immediata e come bisogno-piacere inesauribile, come scoperta di un libro e continua ricerca di altri libri, come esperienza che può sembrare irripetibile e che può invece durare all infinito, e perciò anche come uso imprevedibile e imponderabile dei testi. La didattica, anche con la sua strumentazione storica, critica, filologica, dovrebbe tendere a questo risultato (Sintesi dei lavori della Commissione Tecnico-Scientifica incaricata dal Ministero della Pubblica Istruzione di individuare Le conoscenze fondamentali su cui si baserà l apprendimento dei giovani nella scuola italiana nei prossimi decenni, 13 maggio 1997). 5 SILVIA BLEZZA PICHERLE, La voglia di leggere, «Il Pepeverde», (1999), n.1, p

5 Documento fondamentale per la lettura e il suo rapporto con la scuola è, poi, la già citata Circolare Ministeriale 105 del Questa sottolinea come, affinché il progetto di educazione alla lettura dia risultati soddisfacenti, sia necessario attuare in modo corretto il principio della continuità educativa, sia verticale, tra i diversi ordini di scuole e insegnamenti scolastici (promuovere la lettura non è compito attribuito solo all insegnante di lettere), sia orizzontale, tra scuola, famiglia e istituzioni culturali del territorio, come biblioteche, teatri, centri culturali, ecc. Questo principio della continuità orizzontale, ci porta ad analizzare il ruolo del terzo soggetto promotore preso in considerazione: la biblioteca, riguardo la quale si tenterà, anche un breve resoconto del movimento di sviluppo nei sistemi gestionali. Negli ultimi decenni i compiti e gli obiettivi dell istituzione bibliotecaria sono stati ripensati: da una biblioteca tutta incentrata sulla conservazione e attenta alle tecniche di catalogazione e classificazione, si è passati ad una istituzione dove l utente è al centro di ogni iniziativa, uno spostamento di ottica che considera il cliente-utente come il punto di riferimento privilegiato. Consolidare il radicamento delle biblioteche nella società, è stato l'obiettivo dei dibattiti sui metodi di gestione, che si sono susseguiti in questi ultimi anni. I fattori principali, che hanno caratterizzato la crisi dell organizzazione tradizionale della biblioteca, sono stati lo sviluppo delle nuove tecnologie 37

6 dell informazione e l evoluzione dei bisogni della società (i mutamenti economici, l aumento del tasso di scolarizzazione con la conseguente moltiplicazione della richiesta culturale). In questa nuova prospettiva, la biblioteca intesa come accumulatore e custode di raccolte, isolata e concentrata su se stessa, attenta più alla conservazione che alla comunicazione del suo patrimonio culturale, non ha trovato più spazio. Tra la fine degli anni Ottanta e l inizio del decennio successivo, si è cominciato a parlare di biblioteca efficace. 6 Consapevolezza diffusa era che per essere veramente efficace, la biblioteca doveva avere ben chiari i suoi scopi: solamente attraverso la chiarezza d intenti si poteva raggiungere la piena soddisfazione dell utenza. La biblioteca efficace possiede: 1) uno scopo chiaramente identificato; 2) servizi strutturati in modo da raggiungere lo scopo; 3) strumenti per valutare l uso di questi servizi; 4) servizi di qualità elevata ai più bassi costi possibili. Inizia in questi anni l era della cooperazione: la biblioteca tradizionale si considera autosufficiente, perciò concentra la sua attività sull accumulo di documenti. La biblioteca centrata sull utente, invece, consapevole di non 6 La biblioteca efficace, a cura di Massimo Cecconi - Giuseppe Manzoni - Dario Salvetti, Milano, Ed. Bibliografica,

7 poter soddisfare la domanda esclusivamente con le proprie risorse, lavora in cooperazione con le altre biblioteche. 7 Il modello gestionale della biblioteca, ha, ormai, cominciato a rivolgere la sua attenzione verso i modelli aziendali. 8 La biblioteconomia (disciplina applicata che si occupa di progettazione, organizzazione e gestione dei servizi bibliotecari) si è ispirata ai principi del management rielaborando le sue tecniche, nate in ambito aziendale per migliorare il prodotto a scopo di lucro, e adattandole ai fini che le sono propri per esaltare la sua vocazione pubblica. Il cambiamento più evidente è stato, appunto, quello di porre l utente al centro del modello gestionale e di concentrarsi sui servizi informativi e di reference (servizio di assistenza personale al lettore in cerca di informazioni in biblioteca). Nella biblioteca si è iniziata ad ideare una politica di marketing (intesa non come tecniche pubblicitarie, ma come impegno nella cura dell immagine della biblioteca e dei modi per comunicarla) al fine di impostare in maniera completa e dignitosa il rapporto con l utente: strumento di comunicazione e promozione molto importante, anche se non sempre preso nella giusta considerazione, è l attività di formazione degli utenti e guida all uso della biblioteca. 7 TOMMASO GIORDANO, Verso una biblioteca centrata sull utente, in La biblioteca efficace, a cura di Massimo Cecconi - Giuseppe Manzoni - Dario Salvetti, Milano, Ed. Bibliografica, 1992, p ; citazione da p Per questa parte della trattazione vedi: GIOVANNI DI DOMENICO - MICHELE ROSCO, Comunicazione e marketing della biblioteca, Milano, Ed.Bibliografica, GIOVANNI SOLIMINE, Introduzione allo studio della biblioteconomia, Manziana, Vecchiarelli,

8 Il nuovo modello di biblioteca incentrata sull utente elabora e adotta il concetto di biblioteca a tre livelli 9 ideato negli anni Settanta da Heinz Emunds, nella Repubblica Federale tedesca. A fianco del settore di magazzino e a quello a scaffale aperto, si creò un terzo livello: il settore d ingresso, un settore a diretto contatto con i più immediati interessi dell utente, che si presenta in modo più naturale rispetto alle consuete forme di ordinamento e di presentazione dei documenti e dal quale si accede alle molteplici offerte della biblioteca. Il tema della promozione della lettura si inquadra nel ripensamento del ruolo della biblioteca pubblica; alla considerazione del rapporto con l utenza come nodo centrale, si aggiunge la consapevolezza che, nel più generale rapporto tra lettori, o non lettori 10, e libri, la biblioteca debba operare come fattore stimolante. Negli anni Novanta, la biblioteca esce fuori e cerca il suo pubblico, spinta dalla volontà di ampliare la base sociale della sua utenza. Durante il convegno di Castelfiorentino del 1995 è sancita la nascita di un nuovo soggetto bibliotecario: le Biblioteche fuori di sé (BFS), che in varie parti d Italia cominciano a realizzare forme di esportazione della lettura fuori dalle 9 UTE KLAASSEN, La biblioteca a tre livelli: un nuovo approccio per l utenza, in La biblioteca efficace, a cura di Massimo Cecconi - Giuseppe Manzoni - Dario Salvetti, Milano, Ed. Bibliografica, 1992, p Marino Livolsi considera quella tra lettori e non lettori una distinzione fondamentale da cui dovrebbe partire qualunque discorso sulla lettura. Tra lettori e non lettori continua ad esistere un muro [ ]. Gli aumenti di lettura continuano a riguardare chi già legge. Questi leggono e acquistano un po di più. Gli occasionali lettori avranno qualche stimolo in più per farlo, ma i non lettori sembrano essere abbandonati al loro destino di esclusione. Almeno un libro, gli italiano che (non) leggono, a cura di Marino Livolsi, Firenze, La Nuova Italia, 1986, p

9 proprie mura. La considerazione di questo tipo di attività nella comunità professionale è andata crescendo nel corso degli anni: ha cambiato sostanzialmente atteggiamento nei confronti di quelle che fino a poco tempo prima erano considerate brutte trovate pubblicitarie per promuovere l immagine della biblioteca. 11 La nuova frontiera della biblioteca (dopo essere stata, anche, multimediale, digitale, virtuale ) è la biblioteca ibrida. Da alcuni, è vista come un momento di passaggio tra il vecchio e il nuovo, da altri, come un punto di arrivo di una trasformazione già compiuta. Il suo essere ibrida consiste, semplicisticamente, nel contenere documenti di ogni genere; ma non si tratta di una semplice compresenza, ciò che la caratterizza è l opportunità di collegamento, di diversa natura, tra i diversi documenti che essa offre. Nell ottica, che qui interessa, delle conseguenze sull utenza e sulla lettura, il discorso è abbastanza articolato e non ancora ben definito. La constatazione comune è che la biblioteca ibrida abbia permesso una moltiplicazione sostanziale dell utenza. Il problema ora è qual è il posto della lettura nella biblioteca ibrida? 12 Spesso il nuovo pubblico, che entra in biblioteca attratto dalle tecnologie e dai documenti multimediali, rimane del tutto indifferente alla lettura e attraversa la parte libraria come se nemmeno esistesse Esportare la lettura, a cura di Maria Stella Rasetti, «Biblioteche oggi», 15(1997), novembre, p LUCA FERRIERI, Lettori ibridi: strategie di contaminazione dei pubblici e dei linguaggi in biblioteca, in La biblioteca ibrida, a cura di Ornella Foglieni, Milano, Ed. Bibliografica, 2003, p ; la citazione è da p Ivi, p

10 Luca Ferrieri riportando la sua esperienza nella biblioteca di Cologno Monzese dove lavora, ci descrive così la situazione: Lo sviluppo dei servizi multimediali ha portato un nuovo pubblico in biblioteca e ha determinato un aumento esponenziale dei prestiti di documenti multimediali a fronte di un rallentamento e di una stasi nel prestito librario. 14 L obiettivo, ora, perciò, dovrà essere progettare delle attività di promozione culturale che aiutino a sviluppare l abitudine alla integrazione documentaria, e permettano l ibridazione tra i pubblici. L attenzione della biblioteca all utente bambino arriva solo intorno alla metà degli anni Ottanta. Nel convegno svoltosi a Roma nel marzo di questo anno su lettura e gioco, Luisa Marquadt ha parlato della sezione ragazzi in biblioteca, dichiarando che, in Italia, solo in quel periodo nasce la consapevolezza dell importanza di un servizio del genere all interno di una biblioteca pubblica, smettendo, finalmente, di essere considerato un servizio accessorio. Mentre, fino a qualche anno fa, i bibliotecari erano piuttosto restii ad occuparsi di bambini, oggi le cose sono un po diverse e la biblioteca viene ad essere considerata come il luogo più idoneo alla diffusione della lettura nelle nuove generazioni. In biblioteca il libro è inserito in un contesto che sfugge agli schemi preordinati della scuola: ci si trova immersi in un processo educativo informale, il bambino è lasciato libero di scegliere e di muoversi tra i libri senza sentire il peso di nessun obbligo, inoltre, è anche la 14 Ivi, p

11 possibilità di maggiori contatti con la famiglia (i bambini sono accompagnati; scelgono i libri insieme ) che la rende più adatta alla promozione rispetto alla scuola elementare; Daniel Pennac afferma: Leggere si impara a scuola, quanto ad amare leggere Anche Luca Ferrieri considera la biblioteca come il luogo più adatto per una corretta promozione della lettura: L editoria ha spesso confuso la promozione della lettura con l aumento di fatturato; la scuola ha fatto proprio un modello autoritario e strumentale del leggere che non è affatto promozionale; questo terreno è più delle biblioteche, che sembrano essersene accorte solo da poco. La lettura che interessa promuovere è quella basata sulla gratuità, sul piacere dell atto. 15 La biblioteca pubblica, dunque, come il soggetto promotore più adatto a diffondere l amore per la lettura. Questa considerazione, però, non è condivisa da tutta la comunità professionale e il dibattito è ancora aperto. Molte speranze sembrano essere riposte nel mondo delle biblioteche scolastiche. Dal si sono sviluppate importanti iniziative nelle scuole ormai autonome per potenziare le biblioteche scolastiche, qualificare gli addetti, migliorare l accesso dei ragazzi e degli insegnanti, anche attraverso il collegamento in rete. Il Ministero dell istruzione ha sollecitato e coordinato tali iniziative. Una speranza e una volontà dovrebbero accomunare tutti: che tali 15 LUCA FERRIERI, Fare/leggere: i paradossi della promozione della lettura, in La lettura come progetto, a cura di Massimo Belotti, Milano, Ed. Bibliografica, 1997, p ; la citazione è da p

12 iniziative non si interrompano, non ristagnino, anzi che si estendano e intensifichino. 16 Tullio De Mauro, che esordisce così nella prefazione della guida alla scelta dei libri per bambini promossa dalla Fondazione Bellonci, continua indicando le scuole come un luogo strategico per estendere e consolidare, sì che duri per tutta la vita, questa giovanile propensione 17 (il riferimento, naturalmente, è alla lettura); non si rivolge mai alla biblioteca come potenziale fruitore del manuale, ma direttamente a genitori, insegnanti e bambini 18 indicando, così, ancor più chiaramente, la sua opinione al riguardo. Non sembra essere sulla stessa linea, l intervento del professor Giovanni Solimine, che segue questo di De Mauro. Anche qui ci si augura che i notevoli investimenti effettuati nelle scuole in questi ultimi anni, consentano lo sviluppo di buone dotazioni librarie e di centri di risorse multimediali all interno delle stesse scuole, permettendo, così, che la biblioteca scolastica acquisti una funzione centrale in un nuovo modo di fare scuola, favorendo nei ragazzi l acquisizione di autonome capacità di studio e ricerca. 19 Ma queste speranze sono legate alla considerazione dell importanza della biblioteca pubblica nella diffusione di un abitudine a leggere, che non sia legata allo studio, ma al piacere gratuito: La scarsa funzionalità delle biblioteche scolastiche ha costretto per decenni le biblioteche pubbliche di 16 Da tre libri in su la biblioteca è mia! Guida alla scelta dei libri per bambini, a cura di Francesco De Renzo - Stefania Fabbri - Giovanni Solimine, Milano, Feltrinelli, 2002, p Ivi, p Ivi, p Ivi, p

13 base, nelle quali bambini e ragazzi costituivano una percentuale spesso maggioritaria dei frequentatoti, ad appiattirsi su una funzione parascolastica. Ciò ha sacrificato altre attività come quelle di educazione alla lettura e ha prodotto una dannosa distorsione nella percezione che i ragazzi, ma anche gli adulti, hanno della biblioteca. 20 Ma c è, ancora, un altro aspetto che va preso in considerazione. L esperienza di promozione maturata in tanti anni di lavoro da Gabriella Evangelistella, che dirige la biblioteca di Soriano nel Cimino, ha portato a farle maturare la convinzione che la biblioteca pubblica vada considerata come primo soggetto promotore della lettura. La possibilità di un dialogo costante con il mondo della scuola, è, però, uno degli elementi essenziali per raggiungere risultati soddisfacenti e duraturi. Il rischio che lei intravede nella diffusione di biblioteche scolastiche, è che le scuole si chiudano in se stesse, credendo di poter far fronte, da sole, a tutte le necessità culturali degli alunni. In questo modo si verrebbe ad interrompere, là dove si era creato, il meccanismo di interazione tra famiglia, scuola e biblioteca e si impedirebbe la costituzione, tra queste tre istituzioni, di una rete di rapporti tali da integrarsi in un vero ecosistema formativo. A questo punto, queste considerazioni vanno calate nella realtà del territorio italiano, dove il contributo delle biblioteche pubbliche alla 20 Ivi, p

14 promozione della lettura, sembra di difficile realizzazione, data la condizione, non sempre esemplare, nella quale molte di loro si trovano: le sedi sono poche, distribuite in maniera disomogenea sul territorio nazionale e praticamente sconosciute per la maggior parte degli italiani. La situazione delle biblioteche pubbliche e del loro ruolo nella promozione è presa in considerazione in un saggio di Raffaele De Magistris: Tutte le - non molte inchieste a campionatura su scala nazionale sull uso delle biblioteche ci dicono che a frequentarle è una porzione minima di Italiani (per l esattezza meno di 1/10), e neppure assiduamente (solo lo 0,5 0,7% vi entrerebbe almeno una volta al mese). Di fatto esse risultano pressocché estranee anche ai lettori forti, in teoria più motivati a recarvisi. 21 Nello stesso saggio, l autore mette in evidenza il fatto indicativo che, spesso, l assenza del servizio bibliotecario non è sentita come tale; non ci si accorge neanche del male funzionamento del servizio perché non si è abituati a sperimentarne la possibile utilità. Le biblioteche, non numerose, dove le cose funzionano a dovere, sono quelle dove le risorse investite sono decisamente superiori che nelle altre ed è più alta la qualità dei servizi erogati. I risultati della promozione della lettura in queste biblioteche, bastano, da soli, a dimostrare l importanza e il ruolo che l istituzione dovrebbe avere e a giustificare la richiesta di maggiori investimenti, come è evidenziato dallo stesso De Magistris: stando alla sola utenza delle biblioteche (che evidentemente non copre l intero parco dei lettori di una comunità), nei centri 21 RAFFAELE DE MAGISTRIS, Lettura e consumi culturali, in Il futuro della lettura, a cura di Maurizio Vivarelli, Manziana, Vecchiarelli, 1997, p ; la citazione è da p

15 ove esiste una biblioteca funzionante la quota dei lettori abituali (lo zoccolo duro dell utenza del libro) supera non di rado in modo schiacciante quella delle medie nazionali. Prima ci siamo chiesti se ha senso investire nelle biblioteche. Delle due l una: o queste biblioteche, per sfacciata fortuna, sono state istituite in seno a comunità da sempre ammaliate dalla lettura, o ed è la risposta per cui propendere hanno esse stesse contribuito in misura rilevante a mettere in moto un circuito virtuoso all interno del quale la pratica della lettura è decollata e si è cementata. 22 SOGGETTO DESTINATARIO DELL ATTIVITA DI PROMOZIONE DELLA LETTURA Convinzione, ormai, da tutti condivisa, è che l iniziazione alla lettura debba avvenire fin dalla più tenera età. Il rapporto che si instaura in età infantile con i libri, può segnare la propensione verso la lettura che si avrà da adulti. Il piacere di leggere non è una scoperta che si fa da adulti. Da adulti si sceglie, si seleziona, ci si orienta, ma solo se il libro ha già un posto, più o meno grande, nella gamma dei consumi individuali. [ ] il lettore di libri è tale perché ha maturato un buon rapporto con l oggetto libro, perché ne ha compreso la forza comunicativa, ha elaborato la capacità di decodificare e di 22 Ivi, p

16 trasferire sul piano emozionale la parola scritta. E questa scoperta, che sembra essere l elemento determinante dell azione volontaristica del leggere, è sempre avvenuta tra l infanzia e la tarda adolescenza. Dopo quel periodo i giochi sembrano fatti. 23 Questa consapevolezza, porta a direzionare tutte le attività di promozione della lettura verso una fascia d utenza compresa tra i sei e i quattordici anni, verso quei ragazzi, perciò, che frequentano le scuole elementari e medie. Negli ultimi anni l attenzione si è spostata, comprendendo anche i bambini della scuola materna. Si ritiene che il libro debba entrare a far parte della quotidianità del bambino fin dalla più tenera età, debba essere parte dei suoi giochi, dei suoi oggetti più consueti. Alcune ricerche condotte negli U.S.A. e in paesi anglosassoni indicano come l abitudine alla lettura e all analisi di libri illustrati da parte di genitori a bambini in età prescolare sia uno degli elementi predittivi della riuscita scolastica successiva e soprattutto della motivazione e della competenza nel leggere e nello scrivere. Questo anche se durante la lettura al bambino piccolo non vengono condotti interventi tecnici per insegnare a leggere: la semplice esposizione sistematica alle letture di storie e libri illustrati e l interesse e l abitudine che ne scaturirebbe, sembrano essere gli elementi più importanti per un futuro atteggiamento positivo e attivo nei confronti della lettura. 24 Si assiste così alla proliferazione di oggetti editoriali per la prima infanzia: libri gioco, oggetti che sono interattivi con i bambini, manipolativi; le interazioni riguardano prima di tutto gli organi di 23 Almeno un libro, gli italiani che (non) leggono, a cura di Marino Livolsi, Roma, La Nuova Italia, 1986, p Incoraggiare a leggere, a cura di Lucia Lumbelli, Roma, La Nuova Italia,

17 senso, libri gonfiabili, libri sonaglino, libri bavaglino, libri morbidi che suonano, che possono essere morsicati e annusati. Viene consigliato ai genitori di riporli tra i giocattoli dei figli e non nelle librerie dove è inserito i libro tradizionale; entrano a far parte delle dotazioni di scuole materne e ludoteche, nella convinzione che la trasmissibilità del piacere di leggere sottintende un iniziazione felice. 25 Questo, però, non deve portare ad escludere completamente gli adulti e soprattutto gli adolescenti (utenza particolarmente difficile: in questa età spesso si abbandonano i libri e si è oggi convinti che non coinvolgendoli nelle attività di promozione si rischia di vanificare tutti gli sforzi fatti verso questi ragazzi quando erano nell età infantile) dalle attività promozionali. Delle volte è la stessa promozione verso i più piccolini, che porta a coinvolgere gli adulti, creando un circolo virtuoso tra piccoli e grandi utenti. Emanuela Bussolati, della casa editrice La Coccinella, nel convegno romano già citato, sottolinea come il bambino in biblioteca coinvolga anche il genitore accompagnatore: questo è indotto ad entrare in biblioteca e magari a domandarsi perché il suo bimbo si diverta così tanto a sfogliare e a leggere, potrebbe essere incuriosito e convincersi a provarci! Indirettamente la promozione della lettura si estende alle diverse fasce d età. 25 LUCA FERRIERI, Il piacere di leggere si può promuovere?, in Il futuro della lettura, a cura di Maurizio Vivarelli, Manziana, Vecchiarelli, 1997, p ; la citazione è da p

18 STRATEGIE DI PROMOZIONE Dopo aver tentato di individuare le istituzioni più adatte a promuovere la lettura e i soggetti ai quali si debbano rivolgere, viene fatto ora un quadro generale delle più diffuse strategie di promozione. Strumenti tipici della promozione della lettura sono scaffali novità, scaffali tematici e bibliografie. L obiettivo che si vuole raggiungere con queste strumentazioni è far conoscere all utenza, reale e potenziale, della biblioteca ciò che essa possiede, documenti di cui, senza l ausilio di questi strumenti informativi, non tutti gli utenti conoscerebbero l esistenza; attraverso questa strategia si mira a scatenare la curiosità verso un argomento o un autore, a far scoprire una passione che non si sospettava di avere. Stesso scopo ha l allestimento di mostre di libri. Altra strategia per far conoscere i libri è stata portata avanti da alcune biblioteche aderendo al progetto delle biblioteche fuori di sé, nate istituzionalmente durante il Convegno di Castelfiorentino del 1995; 26 lo scopo di queste iniziative è esportare la lettura fuori dalle mura delle biblioteche in luoghi della città di cui si è sperimentata una inedita vocazione bibliotecaria (strade, negozi, bar), con l intenzione di ampliare la base sociale della biblioteca e di assicurare un attenzione maggiore a chi si trova in condizioni svantaggiate nell accesso alle occasioni individuali. I bibliobus, che portano i 26 Esportare la lettura, a cura di Maria Stella Rasetti, «Biblioteche oggi», 15(1997), novembre, p

19 libri in zone periferiche del territorio, dove la distribuzione del servizio bibliotecario lascia spesso a desiderare, sono un esempio molto significativo delle biblioteche fuori di sé. La promozione della lettura si concretizza, poi, attraverso l attuazione di iniziative culturali. Tra le più comuni sono da ricordare l incontro con l autore, la presentazione di libri, le letture pubbliche, i laboratori lettura in biblioteca e nelle scuole. Gli incontri con l autore e le presentazioni di libri non hanno solamente lo scopo di pubblicizzare una nuova uscita editoriale, anche con queste attività culturali si cerca di destare l attenzione del pubblico verso tematiche o generi letterari che non conosceva o che non sapeva potessero interessarlo. Riguardo queste iniziative culturali, Bianca Pitzorno, scrittrice a tempo pieno di testi per bambini e ragazzi, dichiara di essere in controtendenza e di non condividerne completamente l attuazione: L autore deve parlare attraverso i libri che scrive, non promovendo se stesso, salendo e scendendo da un treno all altro. [ ] Vedo un ulteriore pericolo, che si cerchi l autore simpatico, comunicativo, magari istrionico, mettendo in secondo piano la qualità di ciò che scrive. Un autore può essere anche un misantropo o un timido, ma non è quello che conta. L importante è ciò che scrive ELENA MUTTI, Promozione e animazione della lettura, intervista a Bianca Pitzorno, «Il Pepeverde», (1999), n.1, p

Bibliografia. Antonella Agnoli, Biblioteca per ragazzi, Roma, AIB, 1999.

Bibliografia. Antonella Agnoli, Biblioteca per ragazzi, Roma, AIB, 1999. Bibliografia Antonella Agnoli, Biblioteca per ragazzi, Roma, AIB, 1999. Nerio Agostini, La gestione della biblioteca di ente locale, Milano, Ed. Bibliografica, 2002. Almeno un libro, gli italiani che (non)

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

LEGGERE È DI CASA. PROGETTO BIBLIOTECA Istituto C.Arici

LEGGERE È DI CASA. PROGETTO BIBLIOTECA Istituto C.Arici LEGGERE È DI CASA PROGETTO BIBLIOTECA Istituto C.Arici P a g i n a 2 DENOMINAZIONE PROGETTO: LEGGERE È DI CASA RESPONSABILI PROGETTO: Francesco Frugoni e Michela Mazzi OBIETTIVI: Presentare la biblioteca

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Le strategie di promozione della lettura messe in atto dalla. biblioteca comunale di Soriano nel Cimino risultano abbastanza

Le strategie di promozione della lettura messe in atto dalla. biblioteca comunale di Soriano nel Cimino risultano abbastanza CAPITOLO QUARTO ANALISI DEI SERVIZI DI PROMOZIONE PER UNA VALUTAZIONE DEI BENEFICI 1. Premessa Le strategie di promozione della lettura messe in atto dalla biblioteca comunale di Soriano nel Cimino risultano

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO

MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO MUNICIPIO DELLA CITTA' DI NARO (Provincia di Agrigento) DETERMINAZIONE SINDACALE N 16... del 24/01/2011 OGGETTO: Richiesta contributo per la Biblioteca Feliciana del Comune di Naro a carico del capitolo

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Attività destinata a raccogliere e a catalogare documenti con l'obiettivo di farli conoscere e diffonderli.

Attività destinata a raccogliere e a catalogare documenti con l'obiettivo di farli conoscere e diffonderli. DOCUMENTAZIONE Attività destinata a raccogliere e a catalogare documenti con l'obiettivo di farli conoscere e diffonderli. Attività di elaborazione, raccolta, organizzazione e diffusione di documenti.

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

C O S A B O L L E I N P E N T O L A?

C O S A B O L L E I N P E N T O L A? C O S A B O L L E I N P E N T O L A? I m p a r a r e m a n g i a n d o Progetto di educazione alimentare ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS Scuola dell Infanzia di Attimis Anno scolastico 2007/08 NARRAZIONE

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA :

MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA. La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : MEDIATECA PROVINCIALE DI MATERA La mediateca incontra le scuole Matera, 21 febbraio 2006 LINGUAGGI E CREATIVITA : Il giornalino on line Il vero viaggio di ricerca non consiste nel cercare nuove terre,

Dettagli

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015 Segui sempre le 3 R : Rispetto per te stesso. Rispetto per gli altri. Responsabilità per le tue azioni. (Dalai Lama) Impara le regole,

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A..

Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono mai B. Tognolini LIBRI A.. ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA DI CORTE DE FRATI Romanzi, avventure,parole,figure. Le ore azzurre delle letture tu senza orologio le misurerai. I libri non finiscono

Dettagli

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI

BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI BIBLIOTECA CIVICA DEI RAGAZZI PROGRAMMA DI ATTIVITÀ PER LE SCUOLE 2010/2011 Bì, il centro per i bambini e i giovani che ospita al suo interno la Biblioteca Civica per i ragazzi, un importante spazio museale

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Proposta per corso lettori volontari Nati per Leggere. Seconda edizione - settembre 2013

Proposta per corso lettori volontari Nati per Leggere. Seconda edizione - settembre 2013 Proposta per corso lettori volontari Nati per Leggere Seconda edizione - settembre 2013 a cura di Francesca Arduini e del Circolo dei Lettori di Verona.. Se riesci a far innamorare i bambini di un libro

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO

Rimini Fiera 7-10 novembre 07 ECOMONDO Rimini Fiera 7-10 novembre 07 Presentazione La presenza dell U.O.S. Tutela dell Ambiente Naturale fra le iniziative previste nella manifestazione fieristica 2007 nasce dal desiderio di approfittare di

Dettagli

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHEFORTE! Nasce nel 2011 TARGET: Mamme con bambini dai 3 ai 13 anni. Content Labs Presenza sul mercato di siti e blog quasi esclusivamente

Dettagli

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI

PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI CATALOGO SERVIZI A.S. 2015/2016 PRESENTAZIONE CENTRO PRIMI PASSI Il Centro Primi Passi (d ora in poi PP) nasce nel 1996 nel quadro di un progetto della Uisp nazionale dedicato allo sviluppo delle abilità

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

regolamento scuola primaria e secondaria

regolamento scuola primaria e secondaria regolamento scuola primaria e secondaria La mia biblioteca FINALITÀ ED OBIETTIVI GENERALI Sostenere e valorizzare gli obiettivi delineati nel progetto educativo e nel curriculo; Sviluppare e sostenere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO «V.MUZIO» SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell infanzia si rivolge a tutte le bambine e i bambini dai tre ai sei anni di età E la risposta al loro diritto all

Dettagli

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011 Società Cooperativa Sociale CRISALIDE - ONLUS Sede Legale: Via Europa n. 228-24069 Luzzana (BG) cell. 3316643586-3298954439 - 3298885363 fax: 035 19962686 www.cooperativacrisalide.it - info@cooperativacrisalide.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE

TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE TITOLO DEL PROGETTO: LA SCUOLA DELLA PREVENZIONE ANALISI dei BISOGNI Compito istituzionale della Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori (LILT) è la PREVENZIONE, considerata nelle sue tre valenze: PRIMARIA,

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL MAGGIORE SCUOLA DELL INFANZIA VILLA SALINA PROGETTO LETTURA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL MAGGIORE SCUOLA DELL INFANZIA VILLA SALINA PROGETTO LETTURA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL MAGGIORE SCUOLA DELL INFANZIA VILLA SALINA PROGETTO LETTURA Anno scolastico 2014/2015 Parlare di lettura e di lingua scritta nella Scuola dell infanzia non significa anticipare

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti della lettura Favorire l avvicinamento affettivo ed emozionale al libro

Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti della lettura Favorire l avvicinamento affettivo ed emozionale al libro MOTIVAZIONI Il progetto di lettura Amico Libro nella scuola dell infanzia di Via Guglielmi nasce dalla convinzione dei docenti che la lettura ha un ruolo decisivo nella formazione culturale di ogni individuo.

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Educando nelle Province di Cremona e Mantova

Educando nelle Province di Cremona e Mantova Scheda progetto Educando nelle Province di Cremona e Mantova Il progetto si sviluppa in cinque comuni delle province di Cremona e Mantova. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Scuola dell infanzia : WALT DISNEY

Scuola dell infanzia : WALT DISNEY Direzione Didattica 2 Circolo Scuola dell infanzia : WALT DISNEY Sassuolo Dal progetto integrativo di circolo: IO RACCONTO TU RACCONTI Progetto di plesso : Anno scolastico: 2010 / 2011 Io sono convinto

Dettagli

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI LA CITTA AMICA DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Azioni positive per lo sviluppo dei diritti di cittadinanza delle bambine e dei bambini e loro partecipazione attiva alla vita della comunità. OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO SCUOLE DELL INFANZIA DI LENO, CASTELLETTO E PORZANO PROGETTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 RAGIONI DELLA SCELTA L acqua è un elemento fondamentale per la nostra vita. E importante

Dettagli

I cambiamenti nel decennio 1980-1990

I cambiamenti nel decennio 1980-1990 LA STORIA DI LUCCA 2 CIRCOLO I cambiamenti nel decennio 1980-1990 Per opera del dimensionamento dei plessi scolastici avviato dal M.P.I. ed a causa del calo demografico della popolazione scolastica degli

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione

Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Allegato 1: Modalità operativa un percorso didattico in 4 incontri con relativa scheda di rilevazione Premessa Il video didattico Noi due del sud offre una istantanea sul bullismo nella scuola media inferiore,

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 L Inventafiabe Scuola dell Infanzia Scuola Primaria ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE area 3 Vantaggiato Marilena CONTINUITA PERCHE?

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. S. Casciano V.P. Scuola Primaria G. Rodari - Cerbaia Classe II A

ISTITUTO COMPRENSIVO. S. Casciano V.P. Scuola Primaria G. Rodari - Cerbaia Classe II A ISTITUTO COMPRENSIVO S. Casciano V.P. Scuola Primaria G. Rodari - Cerbaia Classe II A INS. REDDITI CATIA CURRICOLO DI ITALIANO NELL ANNO SCOLASTICO 2011-2012 IL NOSTRO ISTITUTO COMPRENSIVO HA ATTIVATO

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO ALBANO I Albano Laziale (RM) PROGETTO TRIENNALE DIRITTI E ROVESCI

CIRCOLO DIDATTICO ALBANO I Albano Laziale (RM) PROGETTO TRIENNALE DIRITTI E ROVESCI CIRCOLO DIDATTICO ALBANO I Albano Laziale (RM) PROGETTO TRIENNALE DIRITTI E ROVESCI Tutti nasciamo liberi ed uguali in diritti e dignità. Questo è il principio su cui fonda la convenzione sui diritti del

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

Giornata Europea sulla Depressione

Giornata Europea sulla Depressione Giornata Europea sulla Depressione Giornate europee sulla Depressione: ottobre 2011 Programma Titolo Progetto Mandato di Ricerca internazionale Depressione: identikit & arresto! Convegno sulla solitudine

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano)

PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) Cervignano del Friuli PER CRESCERE UN BAMBINO CI VUOLE UN INTERO VILLAGGIO (proverbio africano) 1 PRESENTAZIONE CHI SIAMO Il Nido è un Servizio Comunale, gestito da personale della Cooperativa ITACA, in

Dettagli

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE MOTIVAZIONI In questi ultimi anni stiamo vivendo nei bambini,un accentuata forma di irrequietezza, mancanza di attenzione e difficoltà nell accettazione di regole e dei

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli