PROGETTO GENITORI QUARTO INCONTRO LE DIPENDENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO GENITORI QUARTO INCONTRO LE DIPENDENZE"

Transcript

1 PROGETTO GENITORI QUARTO INCONTRO LE DIPENDENZE Si è tenuto dalle ore 17,30 alle ore 19,30 di martedì 20 gennaio il quarto incontro del Progetto genitori (il terzo legato al filone della legalità) sullo spinoso tema delle dipendenze in senso lato (alcool, fumo, droghe, ma anche slot machine, scommesse, cellulare, Internet etc.) e sulle dannose ricadute che esse comportano sul mondo giovanile e adolescenziale. Sono intervenuti il dott. Davide Rambaldi del SerT di S. Giovanni in Persiceto; la dott.ssa Bertolotti, psicologa presso lo Spazio giovani di Cento e Bondeno; la prof.ssa Zanetti, docente presso l I.P.S.I.A. F.lli Taddia di Cento. Non ha potuto presenziare per motivi di lavoro il Capitano dell Arma dei Carabinieri di Cento, dott. Virgillo. Ha introdotto l argomento il dott. Rambaldi, dando al suo intervento un taglio medico e sociologico. Il relatore ha anzitutto posto in essere alcuni doverosi chiarimenti inerenti le implicazioni semantiche del termine dipendenza, facendo notare come si possa parlare veramente di dipendenza (alcoolica, tossicologica, psicofarmacologica, materiale et similia) solo ed esclusivamente nella misura in cui il consumatore (di alcool, sigarette, cannabis, psicofarmaci, smartphone...) passi da un uso modico e consapevole delle conseguenze nocive del proprio comportamento ad un abuso smodato e incontrollato della sostanza in oggetto. Rambaldi ha ricordato come la soglia oltre la quale si diventa tossicodipendenti o dipendenti da alcool non è fissa e, nel corso dei decenni, è cambiata, anche in base alle nuove acquisizioni scientifiche e alle conoscenze raggiunte grazie alla ricerca scientifica. Negli anni 60, ad esempio, si pensava che il vino rosso facesse molto bene e, a livello sociale, il classico ubriacone era una figura tollerata se non addirittura, in taluni casi, esaltata. Nel corso degli anni, tuttavia, i dati provenienti dai ricercatori hanno dimostrato, in maniera sempre più netta ed inequivocabile, che l alcool è nocivo per l organismo umano (a maggior ragione nei minorenni, che non hanno ancora sviluppato un importante enzima per metabolizzarlo), soprattutto per i danni che può procurare al fegato e al cervello. Così, se l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in quegli anni indicava che si poteva bere un litro e mezzo di vino al giorno, di decade in decade la quantità massima consentita si è via via ridotta, fino ad arrivare al canonico bicchiere al giorno che viene consigliato oggi. Come abbiamo più volte avuto occasione di ricordare in questo ciclo di incontri, le regole non sono mai casuali e alla base c è sempre una ragione di fondo. La legalità alligna nella sensatezza e poggia sulle solide basi della logica e dell opportunità. Dunque, è chiaro che abusare del fumo, delle droghe, dell alcool non può che avere effetti indesiderati anche gravi e, comunque, deleteri. La parola alcool, d altronde, come ha giustamente sottolineato Rambaldi, deriva dall arabo ed etimologicamente significa veleno. Come sappiamo, alcuni veleni (assunti in modiche quantità) possono avere proprietà benefiche e terapeutiche, ma dosi eccessive possono risultare persino letali. Anche la cicuta, assunta con parsimonia, può avere degli effetti curativi, ma le cose cambiano se il dosaggio è simile a quello che portò Socrate ad una lenta e stoica morte contro l ingiusta accusa di corrompere i giovani e di introdurre ad Atene nuove divinità. Quando si parla di dipendenza, quindi, bisogna fare un chiaro distinguo tra uso e abuso di una sostanza (o di un oggetto, come il computer o il cellulare), tra dipendenza generica e dipendenza patologica. Sempre secondo l OMS, una dipendenza diventa patologia, quindi malattia vera e propria, nel momento in cui è grave, cronica e recidivante. Questo equivale a dire che non tutti quelli che bevono, non tutti quelli che fumano, non tutti quelli che giocano alle slot machine hanno una dipendenza. Il campo, in un certo senso, si restringe in questo senso, ma il cerchio non si chiude. Non si chiude, perché oggi (come ieri, ma forse più di ieri) viviamo in una società consumistica foriera di tante situazioni di rischio, che potenzialmente aprono le porte alle dipendenze. Se è vero che non solo gli astemi possono essere considerati scevri dall alone della dipendenza, è anche vero che le sostanze eccitanti o inebrianti possono costituire dei trampolini di lancio verso altre sostanze ben più dannose. Il dott. Rambaldi ha precisato che ci sono sostanze, come ad esempio la marijuana, che di per sé non portano alla dipendenza. Vero è, tuttavia, che la dipendenza ha una forte componente psicologica, radicata nelle grandi aspettative e nelle ansie da prestazione che questo mondo fa aleggiare su di noi e che, se non abbiamo sviluppato una corazza abbastanza coriacea, rischia di condizionarci pesantemente (in negativo). Chi non ha ancora sviluppato gli anticorpi contro le seduzioni e le false scorciatoie proposte (e spesso imposte) da questa società sono, ovviamente, gli adolescenti e i giovani. Sono proprio i nostri ragazzi, già dalle scuole medie in alcuni contesti, i soggetti più a rischio. Si tratta di una società del consumo, nella quale bisogna vivere per consumare (più che consumare per vivere), e consumare tutto

2 ciò che si produce. È una società, in definitiva, che si autoalimenta, e si autoalimenta di falsi bisogni, bisogni creati ad arte per renderci schiavi di essi. Per quanto riguarda i giovani, un fenomeno alquanto allarmante che sta prendendo piede è l uso della cannabis, sempre più fattore aggregante e strumento di socializzazione. È molto diffusa tra i giovani, già a partire dai quattordici anni. La marijuana, come si accennava poc anzi, non crea dipendenza fisica, ma produce una sorta di dipendenza psicologica. La mente e il corpo, in un certo senso, si abituano agli effetti prodotti dalle sostanze e, alla lunga, se dall abitudine si passa al bisogno inestinguibile di ricorrere alla cannabis (per cui, se sei in astinenza, ti senti male), allora si può parlare a buon diritto di dipendenza patologica. Il discrimine, il crinale che separa l uso (sociale) dall abuso (individuale) è molto sottile. Ma non altrettanto sottile è la differenza che intercorre tra l assunzione di una sostanza in compagnia e da soli, come si è cercato di spiegare, perché la cannabis in questo caso, e tutte le altre droghe, finiscono la loro funzione aggregante e non sono più dei semplici mezzi per ottenere un fine, ma si convertono esse stesse nel fine da perseguire per il tossicodipendente, senza dimenticare che dalla marijuana si può passare a droghe come le anfetamine, grandi alteranti con effetti molto pericolosi e perciò stesso collocati in tabella due (livello di rischio elevato) dall OMS o la cocaina (più diffusa di quanto non si pensi tra i giovani, crea grandi sbalzi d umore e assuefazione), che genera sensazioni molto intense ma di breve durata e fa venire voglia di riassumerla subito. La cannabis, in particolare, è una sostanza alterante e psicoattiva che può spalancare i cancelli a sostanze ben più pesanti. In realtà, la maggior parte degli adolescenti che fa uso di cannabis dopo i diciotto anni (età in cui si raggiunge il picco) abbandona questa pratica, poiché viene meno la funzione sociale e rituale di quella sostanza. Chi, invece, continua (una minoranza) lo fa perché è diventato dipendente dagli effetti psicofisici di quella sostanza. Il relatore parenteticamente ricordava che chi non fuma sigarette difficilmente farà uso di cannabis nel corso della propria vita. Coloro i quali mal sopportano l odore delle sigarette, in altre parole, saranno poco invogliati a provare questa sostanza. l dott. Rambaldi metteva, poi, anche in luce come le implicazioni e le conseguenze negative legate alle droghe non siano solamente di natura clinica o medica, ma vadano esaminate anche da una prospettiva squisitamente sociologica, poiché comprare il classico caccolo di marijuana o hashish che passa tra le mani dei nostri figli va a ingrassare le tasche della criminalità organizzata. È, quindi, una chiara violazione della legge e uno schiaffo morale (e fisico) alla legalità. L alcool è una sostanza dagli effetti nocivi (perlomeno immediati) senz altro maggiori rispetto alla cannabis, e nonostante il giusto divieto agli esercenti di vendere sostanze alcooliche ai minorenni molto diffusa nel mondo giovanile. Come si diceva, negli ultimi anni si sono scoperte una serie di controindicazioni legate all assunzione di alcool soprattutto nei ragazzi più giovani. Oggi sappiamo che l alcool fa male: fa male, soprattutto, al fegato e, se assunto in quantità smodate, può portare a conseguenze molto gravi, come il coma etilico (e di coma etilico si muore). L alcool, oltretutto, è una sostanza che il nostro organismo non digerisce e i ragazzini non hanno ancora gli enzimi necessari al suo smaltimento. Quando scatta la dipendenza? La dipendenza si configura nel momento in cui una sostanza non viene più utilizzata in modo sociale, ma per il proprio benessere psicofisico e, quindi, individualisticamente o egoisticamente. Insomma, quando se ne fa un uso personale per alleviare le fatiche e lo stress quotidiano, come si fa col caffè, con le sigarette o col bicchiere di vino a fine giornata. Tutte le sostanze (o le abitudini) fin qui citate procurano piacere (non dobbiamo nasconderlo e non dobbiamo condannarle in toto nella loro inseità con atteggiamento moralistico e poco costruttivo), e sono spesso usate come strumento di autocura. Si pensi all aperitivo serale: il cosiddetto happy-hour ha un valore rituale intrinseco, che sancisce la fine della giornata. È il momento in cui, finalmente, possiamo rilassarci e mettere da parte per un po ansie e preoccupazioni. Ma quando diventano mezzi di alienazione e sistematica fuga dalla realtà in noi dovrebbe risuonare un campanello d allarme. Il dott. Rambaldi, a fronte di questo quadro per certi versi apocalittico per i genitori, ha concluso cercando di dare una risposta alla domanda: Cosa possiamo fare?. Ciò che possiamo fare è interrogarci su che modello siamo per i nostri figli. Dobbiamo chiederci: Che rapporto ho con i consumi? Che modello sono, io, per i miei figli? Questo perché, come è stato detto più volte, tutto passa da chi noi siamo, da cosa rappresentiamo per i nostri ragazzi e che alternative siamo in grado di offrire in maniera credibile. Dobbiamo essere capaci, nella vita di tutti i giorni, di dare e di darci dei limiti; di dire dei no ed essere i primi a rispettarli; di imparare a sopportare le frustrazioni (che sono sane per crescere) e non evitarle ai nostri figli, facendoli vivere sotto una inautentica campana di vetro. Ha preso, poi, la parola la dott.ssa Bertolotti, che ha esordito ricordando che da anni con Spazio giovani porta avanti un discorso di prevenzione sul tema delle dipendenze girando per le scuole del circondario, affrontando e approfondendo l aspetto dei rischi e delle conseguenze negative coi ragazzi.

3 Dal contatto serrato e continuativo con adolescenti e preadolescenti, la relatrice ha potuto rilevare come vi sia un terrore diffuso tra i ragazzi di essere diversi dagli altri e di essere, per questa ragione, esclusi o emarginati. Come spesso avviene, il gruppo riveste un ruolo determinante nelle dinamiche relazionali, esercitando una pressione ed un condizionamento tali da portare i soggetti più fragili a sperimentare le sostanze più disparate (dall alcool alla cannabis, fino a droghe più pesanti) pur di farsi accettare dal branco e sentirsi accolti. I ragazzi a rischio, che cedono alla tentazione (o imposizione sociale?) di provare la sigaretta, la birra, la canna etc., sono solitamente gli elementi più deboli, con alle spalle famiglie poco attente, e con pochi punti riferimento solidi e mete sfumate davanti agli occhi. Questa incertezza di fondo miete le prime vittime ed è un riverbero corrusco dell omologazione inautentica e impersonale cui la società ci conduce (e ci abitua) sin da piccoli, incanalandoci. La psicologa, poi, portava avanti una riflessione sul tema dei paletti e dei freni con cui il mondo degli adulti, attraverso leggi e regolamenti interni, cerca di arginare il fenomeno dell uso e dell abuso di fumo, alcool e droghe tra i minorenni. La dott.ssa Bertolotti metteva in risalto come, da un lato, i ragazzi stessi si sappiano organizzare in vario modo (e facendo ricorso a diversi espedienti e sotterfugi) per aggirare l ostacolo della legalità. In questo senso, la relatrice portava l esempio dei capannelli di studenti nei cortili delle scuole durante l intervallo: i ragazzi al centro fumano, mentre quelli che sono assiepati tutt intorno impediscono con il proprio corpo a docenti e vigilanti di vedere chi effettivamente stia fumando. Gli adulti, quindi, vedono in lontananza la nuvoletta di fumo, ma non riescono ad individuare il colpevole. Dall altro lato, esiste il divieto per i locali e i bar di vendere alcool o sigarette ai minori di sedici anni, ma la dott.ssa Bertolotti si chiedeva: Quanti effettivamente rispettano tale divieto?. E questo è un punto focale, un nodo di Gordio di fondamentale importanza, perché se noi adulti temiamo le conseguenze negative che le dipendenze possono arrecare ai nostri figli (fisicamente e psicologicamente), allora dobbiamo essere i primi a impegnarci nel dare il buon esempio e nel fare seguire alle parole (per quanto giuste e sacrosante) i fatti. La relatrice ha, poi, passato in rassegna le varie sostanze e l uso che i ragazzi ne fanno, a cominciare dalla cannabis. All inizio della sua carriera, la psicologa non attribuiva alla marijuana un grado di pericolosità molto elevato, partendo dall assunto che in sé e per sé non crea dipendenza e che non sono accertati a livello medico e scientifico danni significativi sull organismo umano (e senz altro inferiori, ad esempio, a quelli provocati dall alcool). Tuttavia, nel corso della propria esperienza, confrontandosi con tante realtà e racconti di vita vissuta, si è dovuta ricredere. Innanzi tutto, consumare cannabis comporta una serie di criticità e rischi connessi legati allo spaccio e, conseguentemente, al mancato rispetto della legalità; in seconda battuta, la cannabis rende aggressivi e il principio attivo della marijuana oggi è più concentrato rispetto a quello di venti/trent anni fa. All uso della cannabis, inoltre, pare siano da associare difficoltà nell apprendimento, problemi per quanto riguarda la memoria a breve termine e le capacità attentive e di concentrazione. La cannabis può essere un fattore aggregante, un elemento (e uno strumento) di socializzazione, ma la dott.ssa Bertolotti raccontava come alcuni ragazzi, che si erano creati un giro di amicizie (o presunte tali) spacciando, nel momento stesso in cui decidevano di smettere con le canne e con lo spaccio, restavano soli. La verità sta nel mezzo come recita il famoso adagio- e non è vero che la marijuana faccia morire, come non è vero che non abbia controindicazione alcuna. La dott.ssa Bertolotti è, poi, passata a parlare di alcool ed effetti collaterali. L alcool, a differenza della cannabis (per lo meno in Italia), è socialmente accettato e tollerato, forse troppo considerando le gravi conseguenze (e non solo fisiche) cui può condurre. Avere un tasso alcolemico molto alto nel sangue può portare non solo al coma etilico (e, quindi, alla morte), ma anche a compiere atti che da sobri non faremmo mai, arrivando -nei casi estremi- anche a commettere dei reati, come violenze sessuali o infrazioni del codice della strada. Come psicologa, la dott.ssa Bertolotti è preoccupata del fatto che i giovani sempre più spesso cerchino delle scorciatoie, senza passare dal via (ma, come nel noto gioco da tavolo, questo può significare andare dritti in prigione), per evitare le difficoltà e le sofferenze della vita. Affrontare gli spauracchi e i draghi del vivere quotidiano, invece, è molto importante per costruirsi quegli anticorpi necessari a contrastare e superare le avversità di tutti i giorni, dalle più piccole alle più grandi. Di fronte ai dispiaceri, ai dolori, ai lutti non dobbiamo girare la testa o nasconderla sotto la sabbia come fanno gli struzzi. I lutti, pian piano, vanno elaborati e la cognizione del dolore (per dirla con Gadda) è un sentimento inderogabile. Ma viviamo in una società che sempre più tende a rimuovere e occultare il dolore, a rifuggire le fatiche. E ancora una volta noi adulti e genitori abbiamo le nostre responsabilità poiché, volendo evitare ai nostri figli paturnie e malesseri in senso lato, finiamo per sostituirci a loro. Così li facciamo vivere sotto una campana di vetro, in un mondo irreale. Ma quando un giorno, volenti o nolenti, si troveranno a dover affrontare la nuda e dura realtà, saranno in difficoltà e, poco avvezzi a mettersi in gioco in prima persona, sceglieranno molto probabilmente la via più semplice (e dannosa). La dott.ssa Bertolotti, in chiusura, registrava come nel corso della propria esperienza professionale abbia incontrato diverse madri molto dolci, amorevoli e affettuose, che, però, hanno

4 commesso l errore di essere troppo permissive. Questo è il rovescio della stessa medaglia: ci vuole equilibrio nell educare i figli, che vanno accompagnati e seguiti, magari da un po più lontano quando crescono e, non essendo più dei bambini (ma nemmeno degli adulti) si arriva al momento inevitabile (e improcrastinabile a oltranza) del taglio del cordone ombelicale. Che il cordone venga reciso, tuttavia, non significa che dobbiamo abbandonare i nostri figli a sé stessi e al loro destino. Significa che è arrivato il momento che camminino da soli, che operino le loro scelte e che coltivino le loro passioni, ma senza che smettano di sentire il nostro amore, la nostra preoccupazione per loro e un po di sano fiato sul collo. L ultimo intervento è stato quello della prof.ssa Fiammetta Zanetti dell I.P.S.I.A F.lli Taddia di Cento. La disamina della relatrice, che ha avuto come oggetto il ruolo e la responsabilità educativa di genitori e docenti su un tema delicato come quello delle dipendenze tout court, ha preso le mosse da un assioma incontrovertibile: l adolescenza oggi dura troppo. Oggi uomini di venti/trant anni vivono ancora a casa con i genitori. La famiglia nel corso degli ultimi decenni (e segnatamente negli ultimi anni) ha subito una drastica, seppur graduale, trasformazione: da famiglia etica (che propone un modello educativo improntato alla legalità e al rispetto delle regole) si è passati ad una famiglia affettiva, fondata sul dialogo e sulla comprensione. Il fatto che gli adolescenti si contrappongano alla figura dell adulto e a ciò che essa rappresenta o incarna è normalissimo e non deve stupire; d altra parte, non è possibile a priori determinare un modo univoco e unilaterale per veicolare gli stessi valori (e per costruire la stessa corazza dai pericoli del mondo) ai nostri figli, dacché ogni ragazzo è un universo a sé e quello che vale per uno non vale per l altro e viceversa. Il punto, però, è che non possiamo (né dobbiamo) mai rinunciare al nostro ruolo, e dobbiamo (e possiamo) restare dentro ai nostri panni di genitori, comprese le scarpe. Come si fa, però? Quello di genitore è il vero mestiere più antico del mondo, e soprattutto il più difficile. La prof.ssa Zanetti faceva notare come spesso i ragazzi ci spiazzino, ponendoci domande che ci mandano in crisi, poiché a tutta prima non abbiamo la risposta in tasca, e ci pongono tali domande quando meno uno se l aspetta. Così, di primo acchito, ci viene da dare la prima risposta che ci viene in mente, pur di non perdere ai loro (e ai nostri) occhi la nostra autorevolezza genitoriale. Ma questo è il miglior modo per perderla. È meglio non parlare di qualcosa che non conosciamo. Se, per esempio, come un acquazzone d estate dovesse piombare sulla nostra testa una domanda del tipo quali sono gli effetti della cannabis?, oppure è vero che l alcool fa bene?, ma non ne conosciamo la risposta, è sempre meglio aspettare e, prima di dire qualsiasi cosa, documentarsi. Il fatto è che oggi stiamo poco con i nostri figli e preferiamo riempire il loro tempo con attività di vario genere piuttosto che passare il nostro tempo con loro e accanto a loro, aiutandoli a crescere e crescendo insieme. Così succede che, quando stiamo con loro, tendiamo a concedere troppo e a darle tutte vinte, perché non lo vedo mai: vuoi che gli dica anche di no?. Ed è proprio questo il problema: non siamo capaci di dire di no quando è necessario e di dialogare fino in fondo con loro, mostrando gli aspetti negativi che possono annidarsi dentro ad abitudini e stereotipi diffusi. Lo faccio perché lo fa anche il mio amico ; i suoi genitori non gli dicono niente ; lui torna alle quattro. Frasi di questo tipo tintinnano come la goccia che scava la roccia. Ma la roccia non deve cedere, non deve sgretolarsi. È fondamentale che i genitori e la famiglia restino dei capisaldi adamantini, inscalfibili (il più possibile); dei punti di riferimento incrollabili. Non sempre, del resto, quelle frasi corrispondono a verità. Dobbiamo essere in grado di dire dei no, non monolitici ma motivati, ma comunque dei no fermi. E poi restare sul pezzo, dialogare con nostro figlio, capire cosa gli passa per la mente, che cosa sta attraversando. Rispetto al tema delle dipendenze, come genitori non possiamo abbassare la guardia, perché è un campo su cui si combatte una battaglia decisiva. Quella odierna è un adolescenza che è stata definita liquida, nel senso che è sfuggente e se non trova un solido appiglio, punto di riferimento saldo nei genitori (e nella scuola) con grande facilità trova il modo di svicolare e trovare (e provare) una nuova trasgressione, una nuova sostanza. Ancora una volta è stato ribadito un concetto cardine: in tutto questo la famiglia ha una grande responsabilità, poiché siamo il primo e più importante modello per i nostri figli. Oramai la società (soprattutto quella virtuale) non è più un utile appoggio in senso etico ed educativo per i genitori, poiché è un caleidoscopio di messaggi psichedelici e disorientanti, quando non addirittura espressamente devianti. E in questo magma indistinto la figura di un genitore forte, capace di controproposte positive è fondamentale. Viviamo in una società contradditoria, in cui noi adulti siamo i primi ad abusare dello smartphone (a scapito del tempo che potremmo passare con i nostri figli), a vendere e consumare alcoolici, a fumare etc. In questo senso, siamo figure poco credibili nel momento in cui imponiamo (o vogliamo imporre) dei diktat assoluti, non negoziabili, che in realtà sono contraddetti dal nostro comportamento. In tutto questo, un vantaggio il nuovo modello di famiglia affettiva ce l ha rispetto ad una famiglia etica ed autoritaria: il dialogo. Attraverso il dialogo, portando delle motivazioni convincenti, negoziando (come ha sottolineato il dott. Rambaldi) è possibile con-vincere (e, quindi, vincere

5 insieme ). È possibile, insomma, far sentire ai nostri figli la nostra vicinanza alle loro difficoltà e ai loro problemi e far loro sapere che noi ci siamo, che noi siamo lì ad indicare la via con dei no, con dei perché, ma anche con dei beh, avevi ragione tu!. Lo smartphone, notava la prof.ssa Zanetti, è uno strumento meraviglioso, che ti consente di trovare quel che cerchi seduta stante, in presa diretta, ma è anche uno strumento ipnotico, che ti rende schiavo e vittima di un incantesimo che ti distoglie dalla vita vera e che ti toglie il gusto dell attesa, della fatica della ricerca e della rielaborazione. Manca l aspetto emozionale. Un altra conseguenza dell uso eccessivo dello smartphone (fino a quella che a buon diritto può definirsi una vera e propria dipendenza ) è il mancato sviluppo del senso critico nei ragazzi e della curiosità: quando troviamo la pappa pronta viene meno la curiosità di sapere come è stata cucinata. Perciò la relatrice invitava i genitori ad abituare i ragazzi a fare delle sane fatiche, come aiutare in casa o studiare prima di uscire, per far capire loro che ciò che ricevono non piove dal cielo e per far gustare loro il sapore della gioia di ottenere qualcosa con le proprie forze. Abituiamo i nostri figli a vivere le fatiche, a sopportare i dolori e a non fruire passivamente del piacere che deriva dal consumo. I figli di oggi sono dei piccoli principi, attorniati da un entourage di zii, nonni, genitori ai loro piedi e al loro servizio, principi protetti (o iperprotetti) ma, poi, incapaci di conquistarsi un loro regno. Il mestiere di genitore è tosto, ma dà anche grandi soddisfazioni. È verissima la frase pronunciata dal signor Méndez nel cortometraggio Il circo della farfalla diretto da Joshua Weigel: "Più grande è la lotta, più glorioso è il trionfo". Lottare per educare i nostri figli come gladiatori nell arena è una prospettiva dura, forse estenuante, ma ne vale davvero la pena. A volte ci sentiremo dire che siamo pesi o che siamo dei matusa, dei dinosauri, ma è di assoluta e vitale importanza restare lì con i nostri figli, affrontare le grandi e piccole difficoltà quotidiane, come figure solide e ferme. Alla strategia della fermezza dialogante, il dott. Rambaldi (in un estemporaneo botta e risposta con la prof.ssa Zanetti) proponeva la strategia della reciprocità e della negoziazione. Alcuni genitori facevano notare come spesso non sia facile dire dei no in assoluto e, poi, farli rispettare. Come si diceva in apertura, non esistono panacee o ricette valide per tutti; in realtà, le due soluzioni proposte non sono in contraddizione tra loro e non si escludono vicendevolmente, ma sono perfettamente compatibili e complementari. La reciprocità di cui parlava Rambaldi di certo non nega la necessità di porre dei paletti fermi ai nostri figli, ma declina la negazione o il divieto in senso più elastico. Partendo dal dato di fatto che gli adolescenti pretendono di essere autonomi e indipendenti per le cose che fanno loro comodo (come, ad esempio, uscire fino a tardi), devono, però, assumersi anche le annesse responsabilità, sulle quali, invece, spesso glissano. Ed è qui che entra in gioco il procedimento della psicologia inversa. Alla base della reciprocità sta un altra idea, quella del contratto : il genitore e il figlio stipulano un patto nel quale le due parti contraenti fissano delle regole e si impegnano a rispettarle. Io, genitore, ti concedo in occasioni particolari di tornare alle 02:00 di notte, ma tu, figlio, devi tornare alle due, altrimenti il patto salta. In cambio, il figlio s impegnerà a prendere dei buoni voti a scuola, ad aiutare a pulire, a rispettare gli orari etc. Patti chiari, insomma, amicizia lunga. Le regole vengono stabilite dal genitore, ma con un margine di apertura alla negoziazione e al dialogo (con una soglia ben chiara, comunque, oltre la quale non si può andare). Il contratto non è fisso una volta per tutte, ma (come del resto la Costituzione italiana) modificabile in qualsiasi momento, sempre, però, rispettando le regole del gioco. In tutto questo, ad ogni modo, è fondamentale la coerenza: ci sono punti su cui il genitore non può mollare, altrimenti perde di credibilità e diventa egli stesso una figura liquida, e non più un solido punto di riferimento o modello fermo. La prof.ssa Zanetti ha concluso il suo intervento aprendo uno spiraglio alla speranza, dicendo che sarebbe stato bello uscire da questo incontro con l acquisita consapevolezza dell importanza di far sapere ai nostri figli e studenti che il mondo in cui viviamo è senz altro difficile e pieno di insidie, ma che insieme (dialogando, confrontandoci e, a volte, scontrandoci) lo possiamo affrontare. Non è giusto né onesto dipingere loro un mondo invivibile e orrendo, fatto di droghe e false suggestioni dietro ad ogni angolo, dimenticando e omettendo che dalle insidie di quel mondo si possono proteggere e che noi siamo lì vicini a loro non solo per aiutarli e guidarli, ma anche per renderli capaci di scegliere le cose buone e scartare quelle cattive, insomma: per renderli veramente autonomi. Generalizzare è sbagliato, perché il ragazzo, spaventato e basta, si arrenderà a non vivere o a essere protagonista di quel mondo negativo. L adolescente è in un momento della propria esistenza estremamente delicato e spesso si trova su un crinale molto pericoloso in cui è portato o costretto a scegliere. Vive sicuramente una crisi d identità legato al distacco dai genitori ed è desideroso di trovare una propria dimensione, un posto per il proprio io. Il nostro compito di genitori e insegnanti è quello di rendere i nostri ragazzi degli spiriti critici, e di aiutarli a cercare e trovare sé stessi. Essere bravi genitori, in ogni caso, non è facile e a volte è sbagliato persino essere dei genitori troppo bravi, dei genitori perfetti. Chi ha dei genitori imperfetti quando è piccolo, a volte si trova avvantaggiato nel periodo dell adolescenza, poiché nel corso dell infanzia ha avuto modo di crearsi gli

6 anticorpi e le difese immunitarie necessari ad affrontare il mondo; chi, invece, ha avuto dei genitori molto (o troppo) attenti nei primi anni di vita, rischia di trovarsi in difficoltà e di far fatica a staccarsi dal famoso cordone ombelicale. Ad ogni modo, l adolescenza è un momento di passaggio e i rapporti tra genitore e figlio che a volte si raffreddano in quegli anni, possono essere tranquillamente recuperati dopo. Essere bravi genitori può significare, talvolta, fare un passo indietro rispetto alla propria immagine di genitori modello, quando questa rischia di diventare uno stereotipo, un ombra di quel che siamo in realtà. Essere bravi genitori, come sempre, è tutta una questione di equilibrio. Prof. Filippo Tedeschi

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro.

Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Da una parte. D altra parte. Tutto quello che occorre sapere su alcol e droghe nei luoghi di lavoro. Alcol e droghe sul lavoro Perché dire NO Non vogliamo vietare nulla Mettiamo le cose in chiaro: non

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA Accompagnare i nostri figli nel cammino dell amore di Rosangela Carù QUALE EDUCAZIONE IN FAMIGLIA? Adolescenti Genitori- Educatori Educazione 1. CHI E L ADOLESCENTE?

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo?

IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? IL COMPITO DELL ADULTO NEL PROCESSO DI CRESCITA DEL BAMBINO Cosa significa chiedere autonomia al bambino? Come sostenerlo? Il senso dei due incontri che vengono proposti sta nel riflettere sulla nostra

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

Il telefono in Pediatria:

Il telefono in Pediatria: Il telefono in Pediatria: criteri di efficacia nella comunicazione e nella relazione Mario Maresca mario.maresca@nexolution.it www.nexolution.it Relazione e Comunicazione La comunicazione è un processo

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

COMUNITA LA CRISALIDE

COMUNITA LA CRISALIDE COMUNITA LA CRISALIDE Via Aquila 144 80143 Napoli Tel. Fax. 081 269834 cell: 335235916 e-mail: ass.margherita@fastwebnet.it sito: www.casafamiglialacrisalide.it LA FALSA DOMANDA Quante volte abbiamo detto,

Dettagli

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO

LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO LE CURE DI FINE VITA NEL PAZIENTE ANZIANO ASPETTI BIOETICI, LIVELLI ASSISTENZIALI E RETE DEI SERVIZI Rovereto, 16 ottobre 2009 Auditorium Melotti MaRT L assistenza al morente Massimo Petrini Centro di

Dettagli

DISAGIO E DIPENDENZA

DISAGIO E DIPENDENZA DISAGIO E DIPENDENZA Scuola media di Selvino anno scolastico 2008-2009 Dott. Gian Battista Marchesi Presentazione del corso Tre incontri di due ore per ogni singola classe Primo incontro: Linee di confine

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio*

La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* La relazione di coppia, frutto di un difficile equilibrio* Per arrivare a comprendere le cause e il contesto di una crisi coniugale, è indispensabile capire anzitutto che l equilibrio della relazione di

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO

COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO COME MOTIVARE IL PROPRIO FIGLIO NELLO STUDIO Studiare non è tra le attività preferite dai figli; per questo i genitori devono saper ricorrere a strategie di motivazione allo studio, senza arrivare all

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it

Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione. pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 pubblicazioni@unicef.it www.unicef.it Codice

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

I disturbi del comportamento alimentare. Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale I disturbi del comportamento alimentare Dott.ssa Bernardelli Sara Psicologa-Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Cosa sono i disturbi alimentari (DCA)? Sono problematiche che riguardano il rapporto

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano

Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale. Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria. Parole che curano Parole che curano nel percorso nascita Operatori e lutto perinatale Dr. Miriam Sabatini Neonatologia-T.I.N. ASO-Alessandria Quando muore un neonato: Eccessivo coinvolgimento e senso di responsabilità dei

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com

La dipendenza psicologica. Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com La dipendenza psicologica Dott.ssa Aurora Martina Meneo aurora.meneo@gmail.com 328 92 88 660 www.lifeofbrain.com E una condizione in cui il consumatore ha bisogno di assumere frequentemente una sostanza:

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI

FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI FAUSTA FAGNONI RESPONSABILE AREA DONNE E BAMBINI DISAGIO ED EDUCAZIONE Educazione come elemento fondamentale della risposta al disagio coniugando il concetto di cura con quello di promozione della persona.

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014

Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Percorso formativo all interno del Progetto di sperimentazione delle Linee di Indirizzo per l Affidamento Familiare. Genova 7 ottobre 2014 Genova e gli affidi familiari Come città aderente alla sperimentazione

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it

Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale. carlo.lepri@unige.it Persona disabile e adultità: le prospettive di integrazione sociale carlo.lepri@unige.it Un dato di partenza: Le persone con disabilità intellettiva sono state, e spesso continuano ad essere mantenute

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa

La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa La relazione di aiuto con il paziente e la famiglia nella sedazione palliativa Dott.ssa Amanda Panebianco Psicologa psicoterapeuta Servizio di psicologia ospedaliera ASL TO4 L inizio della relazione d

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood

Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Brani tratti da Lettere di donne che amano troppo Robin Norwood Giornata Mondiale per l Eliminazione delle Violenza sulle Donne Le vie della dipendenza relazionale sono spesso tracciate da un trauma infantile

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli