AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO"

Transcript

1 AVVISO URGENTE DI SICUREZZA SUL CAMPO Cateteri per arteria/vena ombelicale in poliuretano a lume singolo Argyle Codice prodotto Descrizione del prodotto CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 2,5 FR CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 3,5 FR CATETERE OMBELICALE IN URETANO DA 5,0 FR 19 settembre 2013 Gentile cliente, questo avviso di sicurezza viene emesso per informare i clienti Covidien di un aggiornamento alle istruzioni per l uso dei cateteri per arteria/vena ombelicale in poliuretano a lume singolo, che include ulteriori informazioni sulla manutenzione del dispositivo. Viene allegata una copia del foglietto di istruzioni aggiornato. Desideriamo rivolgere la Sua attenzione alle voci 9-12 della sezione delle avvertenze. 9 Non usare alcol, acetone o antisettici contenenti alcol direttamente sul catetere. Controllare attentamente che le soluzioni antisettiche non contengano alcol o acetone. Queste sostanze possono provocare danni irreversibili al poliuretano e causare perdite o rotture. 10 Assicurarsi che guanti o altre superfici a contatto con alcol siano completamente asciutti prima di toccare o manipolare il catetere. 11 Non schiacciare o piegare il retro del catetere per occluderlo temporaneamente. Questo causa un aumento della pressione del catetere che può provocare perdite o rotture. 12 Non usare strumenti con bordi taglienti o ruvidi direttamente sul catetere dato che anche un piccolo taglio potrebbe lacerarlo o romperlo. Gli aggiornamenti sono stati eseguiti con lo scopo di affrontare i problemi riguardanti il sempre più frequente uso di disinfettanti contenenti alcol e/o acetone per pulire i dispositivi di accesso vascolare.

2 Sebbene riconosciamo che questi materiali siano attualmente richiesti da diversi protocolli ospedalieri per la pulizia di routine dei dispositivi di accesso vascolare, l utilizzo di questi disinfettanti può causare danni al poliuretano contenuto nel catetere e renderlo più sensibile ai danni fisici, che infine potrebbero rendere necessaria la sostituzione del catetere. La preghiamo di inoltrare questa lettera a tutti i colleghi della Sua organizzazione che devono essere avvisati a riguardo o a tutte le organizzazioni/persone presso le quali i dispositivi potenzialmente interessati sono stati trasferiti. Continui a fare presente questo avviso per un periodo di tempo appropriato. Sappiamo che Lei condivide l interesse di Covidien nella sicurezza dei pazienti e, di conseguenza, Le chiediamo di rivedere i metodi di pulizia impiegati nella Sua struttura, oltre alle linee guida su come maneggiare correttamente il catetere evidenziate nel foglietto allegato. La ringraziamo per la Sua cortese attenzione. L azione correttiva è stata avviata mettendo al corrente Swissmedic. Se ha domande o dubbi, non esiti a contattare il Suo rappresentante Covidien Denis Pisac al numero +43 (0) Distinti saluti, Jim Welsh VP, Regulatory Affairs Medical Supplies Covidien

3 Covidien Argyle Catetere per arteria/vena ombelicale in poliuretano Lume singolo Descrizione: Il catetere per arteria/vena ombelicale a lume singolo Argyle è realizzato con una formulazione esclusiva contenente poliuretano. Dispone di tre linee radiopache incapsulate e marcatori numerici di profondità ogni centimetro da 5 cm a 25 cm. L estremità prossimale è dotata di attacco Luer Lock trasparente e resistente ai lipidi, mentre l estremità distale è liscia e arrotondata, con punta atraumatica. La precisione della gradazione è ± 2,8 mm. Indicazioni: Il catetere è indicato per l accesso vascolare di breve termine attraverso i vasi sanguigni ombelicali in pazienti neonatali. Controindicazioni: 1. Questi cateteri sono controindicati per pazienti che presentano disturbi renali, gastrointestinali, cardiaci o periombelicali (ivi compresi gli indicatori clinici di infezione ombelicale). 2. L uso del prodotto è controindicato in quei pazienti che presentano sensibilità o allergie note ai componenti dello stesso. Avvertenze: 1. Non usare se la confezione singola è aperta o danneggiata. 2. I cateteri ombelicali devono essere inseriti e rimossi esclusivamente da personale medico o da altro personale qualificato addetto all assistenza sanitaria, a sua volta autorizzato da un medico e sotto la direzione dello stesso. 3. L uso di un catetere di permanenza in un vaso sanguigno ombelicale può migliorare le condizioni di neonati malati, ma può tuttavia comportare serie complicazioni. L uso di questo dispositivo richiede attenta considerazione dei benefici e dei rischi che comporta. Una decisione in merito andrà presa valutando se il bisogno di impiego del catetere supera i rischi rappresentati dalla cateterizzazione e dalla conseguente presenza di un catetere di permanenza. 4. Con cateteri per vasi sanguigni ombelicali evitare di usare pinze. 5. Accertarsi che tutti i collegamenti con il catetere siano sicuri. 6. Il posizionamento del catetere andrà determinato con raggi X. 7. Verificare che durante la permanenza del catetere le estremità non risultino scolorite o biancastre. 8. Se si sospetta la presenza di un trombo nel catetere, non irrigare il catetere. Seguire le procedure ospedaliere e gli ordini del medico per l aspirazione e l eliminazione del coagulo. 9. Non usare alcol, acetone o antisettici contenenti alcol direttamente sul catetere. Controllare attentamente che le soluzioni antisettiche non contengano alcol o acetone. Queste sostanze possono provocare danni irreversibili al poliuretano e causare perdite o rotture. 10. Assicurarsi che guanti o altre superfici a contatto con alcol siano completamente asciutti prima di toccare o manipolare il catetere. 11. Non schiacciare o piegare il retro del catetere per occluderlo temporaneamente. Questo causa un aumento della pressione del catetere che può provocare perdite o rotture.

4 12. Non usare strumenti con bordi taglienti o ruvidi direttamente sul catetere dato che anche un piccolo taglio potrebbe lacerarlo o romperlo. Precauzioni: 1. Se usati in modo intermittente, i lumi del catetere devono essere irrigati regolarmente, prima e dopo la somministrazione di medicinali e prima e dopo il prelievo di sangue. La quantità, la concentrazione e la frequenza delle irrigazioni di eparina devono essere determinate in base alla prassi ospedaliera. La documentazione clinica suggerisce nella gran parte dei casi l uso di 10 U di eparina per 1 ml di soluzione salina e un volume che superi leggermente il volume del catetere. 2. Per prevenire possibili infezioni, il moncone ombelicale andrà sottoposto a cure. 3. Per rimuovere il catetere, quest ultimo andrà estratto lentamente. 4. Per lavare il lume in vivo, usare una siringa da 10 cc o di dimensioni maggiori. Siringhe di dimensioni più piccole possono produrre un eccessiva pressione con conseguente rottura del catetere. 5. Le presenti istruzioni non intendono sostituire tutti i protocolli medici accettabili e non si propongono di sostituire l esperienza e le capacità di giudizio del medico nel trattamento di determinati pazienti. 6. Esercitare la massima cautela quando si usano strumenti affilati o appuntiti nelle vicinanze del catetere. 7. Esercitare la massima cautela quando si assicura il catetere con sutura, evitando di tagliare, ammaccare o comunque compromettere il catetere. 8. Nel trattamento del catetere, durante il suo inserimento e durante la somministrazione di cure al moncone ombelicale cateterizzato, osservare sempre pratiche sterili. Reazioni sfavorevoli: La documentazione attualmente a disposizione cita compromissioni vascolari, emorragie, embolie, infezioni, trombosi, ipertensione portale, perforazione della vescica, perforazione vascolare e complicazioni cardiache dovute all uso di cateteri per vasi sanguigni ombelicali. Istruzioni: 1. Leggere tutte le avvertenze e le precauzioni prima di procedere. 2. È consigliabile far passare un tubo nasogastrico per decomprimere lo stomaco prima dell inserimento del catetere. 3. Prendere nota dei segni vitali e del peso del paziente. 4. Strofinare il cordone ombelicale con Betadine (o altra soluzione preferenziale) e medicare il paziente. 5. Osservando pratiche sterili, collocare cerotto ombelicale alla base del cordone ombelicale. 6. Tagliare il cordone ombelicale e identificare i vasi sanguigni: la sola vena, larga e dalle pareti sottili, si distingue facilmente dalle due arterie arrotondate dalle pareti spesse. Se necessario, a questo punto si può usare il cerotto ombelicale per contenere eventuali perdite di sangue dai vasi sanguigni ombelicali. 7. Usare le punte curve di un forcipe per dilatare delicatamente il vaso sanguigno prescelto. 8. I lumi o condotti del catetere vanno lavati con soluzione salina eparinizzata nelle proporzioni stabilite dai protocolli ospedalieri. Il catetere può essere afferrato con un forcipe liscio o con la punta delle dita e inserito nel lume del vaso sanguigno dilatato. Durante l introduzione, i lumi del catetere devono essere occlusi con soluzione salina per mezzo di tappi per infusione intermittente o di siringhe luer-lock, in modo da evitare embolie.

5 9. Per il posizionamento arterioso, far avanzare lentamente il catetere di circa un terzo della lunghezza totale del neonato. Per il posizionamento venoso, introdurre lentamente il catetere da 5 a 8 cm. 10. Assicurarsi che le estremità non abbiano una colorazione biancastra o che non risultino scolorite. 11. Assicurare il catetere con sutura al moncone ombelicale e/o fissare il catetere all addome con cerotto. 12. Sottoporre il paziente a raggi X per verificare la posizione del catetere: in un posizionamento arterioso, il catetere scenderà creando un loop nell addome, posandosi a sinistra della colonna vertebrale con la punta in L-3, corpo di L-4, oppure sopra il diaframma (da T-6 a T-10); nel posizionamento venoso, dalla radiografia AP risulterà posato a destra della colonna vertebrale, sopra il diaframma e sotto il cuore (vena cava inferiore). Confezione: Questo dispositivo è fornito in confezione sterile e monouso. Vengono forniti 10 cateteri per scatola disponibili in 0,8 mm (2,5 Fr/Ch), 25 cm (9,8 poll.) di lunghezza effettiva, 1,1 mm, (3,5 Fr/Ch), 25 cm (9,8 poll.) di lunghezza effettiva e 1,6 mm (5,0 Fr/ Ch), 25 cm (9,8 poll.) di lunghezza effettiva. Questo prodotto non può essere pulito e/o sterilizzato adeguatamente dall utente per garantire il riutilizzo sicuro ed è quindi previsto per un singolo uso. Cercare di pulire o di sterilizzare questi dispositivi potrebbe esporre il paziente a rischi di bioincompatibilità, infezioni o guasto del prodotto. Non contiene lattice di gomma natural Identificazione di una sostanza che non è contenuta né presente nel prodotto o nella confezione. Non utilizzare se l imballaggio dell unità è aperto o danneggiato.

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Palloncino per post-dilatazione carotidea Paladin con protezione embolica integrata CONTEGO

Palloncino per post-dilatazione carotidea Paladin con protezione embolica integrata CONTEGO CONTEGO DESCRIZIONE Il palloncino Contego per post-dilatazione carotidea Paladin con protezione embolica integrata è un catetere per angiplastica percutanea transluminale (PTA) basato sul principio del

Dettagli

CODICE ASO CODICE ASL AT QUANTITA' ANNUA PRESUNTA ASO ASLAT ASLAL

CODICE ASO CODICE ASL AT QUANTITA' ANNUA PRESUNTA ASO ASLAT ASLAL DISPOSITIVI ELASTOMERICI E CATETERI VENOSI LOTTO DESCRIZIONE GRUPPO A: DISPOSITIVI ELASTOMERICI DISPOSITIVO DI TIPO ELASTOMERICO MONOUSO PER TERAPIA INFUSIONALE CONTROLLATA E CONTINUA requisiti minimi:

Dettagli

Dispositivo endovascolare EkoSonic MACH4 Istruzioni per l uso nel sistema periferico vascolare

Dispositivo endovascolare EkoSonic MACH4 Istruzioni per l uso nel sistema periferico vascolare Dispositivo endovascolare EkoSonic MACH4 Istruzioni per l uso nel sistema periferico vascolare Uso previsto Il dispositivo endovascolare EkoSonic MACH4, composto dal catetere per erogazione del farmaco

Dettagli

CATETERE VENOSO CENTRALE BILUME CON TRATTAMENTO ANTIMICROBICO lunghezza cm 15-16

CATETERE VENOSO CENTRALE BILUME CON TRATTAMENTO ANTIMICROBICO lunghezza cm 15-16 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA MATERIALE PER LE UU.OO. DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE ED UCIC DELLE AZIENDE SANITARIE DELL AREA VASTA VENEZIA-ROVIGO Lotto n. 1 (CIG: 1059430D47) CATETERE VENOSO

Dettagli

6996T. Tunnellizzatore. Manuale tecnico

6996T. Tunnellizzatore. Manuale tecnico 6996T Tunnellizzatore Manuale tecnico L'elenco seguente comprende i marchi o i marchi registrati di Medtronic negli Stati Uniti e, possibilmente, in altri Paesi. Tutti gli altri marchi sono di proprietà

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 3 2. OGGETTO DELLA FORNITURA... 3 3. DURATA... 4 4. REQUISITI TECNICI DEI PRODOTTI... 4

INDICE 1. PREMESSA... 3 2. OGGETTO DELLA FORNITURA... 3 3. DURATA... 4 4. REQUISITI TECNICI DEI PRODOTTI... 4 GARA PER LA FORNITURA DI AGHI, SIRINGHE E DEFLUSSORIE LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI CONNESSI PER LE AZIENDE DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DI CUI ALL ART. 3 COMMA 1 lettera a) L.R. 19/2007 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

MS 12784 Supple Peri Guard CE IFU:12784.qxd 7/26/2012 3:52 PM Page 16

MS 12784 Supple Peri Guard CE IFU:12784.qxd 7/26/2012 3:52 PM Page 16 MS 12784 Supple Peri Guard CE IFU:12784.qxd 7/26/2012 3:52 PM Page 16 DEFINIZIONI DEI SIMBOLI: Non congelare Limite di temperatura inferiore 0ºC/32ºF Non riutilizzare Fare riferimento al paragrafo Istruzioni

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Il sondaggio Gastrico

Il sondaggio Gastrico SONDAGGIO GASTRICO/DUODENALE LE VARICI ESOFAGEE Il sondaggio Gastrico Definizione: Introduzione di un sondino (Levin-SNG) nello stomaco attraverso le prime vie dell apparato digerente; Scopi: Diagnostico:Valutare

Dettagli

Attenzione: le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo da parte o su ordine di un medico

Attenzione: le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo da parte o su ordine di un medico Set di tubi TS3 Codice prodotto: TS3 Attenzione: le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo da parte o su ordine di un medico Descrizione del prodotto Il Set di tubi

Dettagli

Cateterismo della vena ombelicale

Cateterismo della vena ombelicale Cateterismo della vena ombelicale La cateterizzazione dei vasi ombelicali (CVO) è una tecnica molto utile, spesso insostituibile in sala parto durante la rianimazione neonatale e nei reparti di terapia

Dettagli

PUNTEGGI QUALITA' (a seconda del lotto: prezzo più basso o prezzo/qualità 50/50)

PUNTEGGI QUALITA' (a seconda del lotto: prezzo più basso o prezzo/qualità 50/50) PROCEDURA APERTA N. 107/2014 PER LA FORNITURA DI AGHI, MEDICAZIONI, CATETERI E ALTRO MATERIALE PER DIALISI IN AVEC ALLEGATO 9 PUNTEGGI QUALITA' LOTTO 1 DESCRIZIONE Ago per fistola artero-venosa, sterile,

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE

PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE PROTOCOLLO di GESTIONE del CATETERE VESCICALE COMMISSIONE PROFESSIONALE PER LE CURE DOMICILIARI Fernando ANZIVINO, Mara CALDERONI, Giuseppina CAROSELLI, Alessandra GALLETTI, Stefano GIORDANI, Gaetano MARINELLI,

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC. Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI CVC Sonia Zamboni UOC Oncologia Medica Negrar, 14 settembre 2015 Infusione Prelievi ematici Manutenzione Medicazione Educazione sanitaria INFUSIONI Il CVC va utilizzato

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

MOD. 11 / 02-2006Excel

MOD. 11 / 02-2006Excel IM A N U A L E S E R I E d i I S T R U Z I O N E MOD. 11 / 02-2006Excel 2 Indice I N D I C E Avvertenze di sicurezza 3 Introduzione 4 Descrizione prodotto - Serie Excel 4 Contenuti dei kit 6 Installazione

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE

CATETERE VENOSO PERIFERICO POSIZIONAMENTO E GESTIONE 1 REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16 C.F. e P.I. 00349050286 Unità Operativa Anestesia e Rianimazione Direttore dr. Claudio Mongiat Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368 e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it

Dettagli

Scheda Tecnica CARILLON

Scheda Tecnica CARILLON Scheda Tecnica CARILLON Nome Commerciale: Destinazione d uso: Produttore: Distributore esclusivo Italia: CARILLON Mitral Contour System Riparazione percutanea nel rigurgito mitralico funzionale Cardiac

Dettagli

Training per l'incannulazione

Training per l'incannulazione Training per l'incannulazione Per tutte le controindicazioni, avvertenze, precauzioni, eventi avversi e per istruzioni complete, consultare le istruzioni per l'uso. 00274 IT Rev F 12Set2014 Introduzione

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

ALL. A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO NORME GENERALI

ALL. A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO NORME GENERALI ALL. A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DISPOSITIVI DI DRENAGGIO NORME GENERALI I prodotti offerti devono essere forniti con etichette in lingua italiana, perfettamente aderenti al contenitore; le

Dettagli

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE

Figura Professionale codice FP233 INFERMIERE / A PROFESSIONALE settore Comparto descrizione SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE Persona che garantisce l assistenza infermieristica preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, di natura tecnica,

Dettagli

Drenaggio pleurico: storia

Drenaggio pleurico: storia Il drenaggio pleurico Drenaggio pleurico: storia Drenaggio pleurico: storia Pneumologie Chirurgie toraciche Cardiochirurgie Rianimazioni Chirurgie generali Drenaggio pleurico: in quali reparti Controindicazioni

Dettagli

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00

DESCRIZIONE LOTTO 0,77000 308,00 ALLEGATO A6 - Procedura aperta per l affidamento della fornitura biennale in somministrazione, prorogabile di un ulteriore anno, di dispositivi medici non aggiudicati da SO.RE.SA. - Importo biennale a

Dettagli

AVVISO PER LA SICUREZZA

AVVISO PER LA SICUREZZA 31 dicembre 2008 Microelectrodes and Instrumentation for Neuroscience Research and Clinical microtargeting AVVISO PER LA SICUREZZA e Medtronic SISTEMA DI TRASMISSIONE MICROTARGETING TM : GUIDA E RELATIVI

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Tutto quello che avresti voluto sapere sul. Inf. Sara Cherti Dott.ssa Daniela Cherti

Tutto quello che avresti voluto sapere sul. Inf. Sara Cherti Dott.ssa Daniela Cherti Tutto quello che avresti voluto sapere sul Inf. Sara Cherti Dott.ssa Daniela Cherti DOCUMENTAZIONE CLINICA PREPARAZIONE DEL MATERIALE PREPARAZIONE SISTEMA DRENANTE FUNZIONAMENTO SISTEMA DRENANTE POSIZIONAMENTO

Dettagli

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI

RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI RACCOLTA DEL SANGUE E DEL TESSUTO CORDONALE ISTRUZIONI PER OPERATORI SANITARI Informazioni importanti per Medici ed Ostetriche per la raccolta del sangue cordonale Questa è una procedura molto semplice,

Dettagli

Il trattamento dei pazienti critici richiede uno o più accessi vascolari, sia a. L incannulazione vascolare può essere eseguita avanzando un catetere

Il trattamento dei pazienti critici richiede uno o più accessi vascolari, sia a. L incannulazione vascolare può essere eseguita avanzando un catetere Il catetere vascolare Il trattamento dei pazienti critici richiede uno o più accessi vascolari, sia a scopo di monitoraggio che a scopo operativo. L incannulazione vascolare può essere eseguita avanzando

Dettagli

CODICE CND DESCRIZIONE SPECIFICHE TECNICHE

CODICE CND DESCRIZIONE SPECIFICHE TECNICHE Dispositivi medici CODICE CND DESCRIZIONE SPECIFICHE TECNICHE Prezzo riferimento Mediana Note 1 Note 2 A010101 Aghi ipodermici sterili monouso G18 G 25 0,01 0,0109 [1] A010102 Aghi epicranici a farfalla

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente

Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica Informazioni per il Paziente Radiologia Interventistica: l alternativa alla chirurgia Negli ultimi venti anni la Radiologia Interventistica si è guadagnato il prezioso ruolo

Dettagli

IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI

IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA Direzione Sanitaria IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA Dei NEONATI ISTRUZIONI PER LA MANUTENZIONE COLLOCAZIONI: N CARRELLO N CARRELLO N CARRELLO

Dettagli

scarsa documentazione giudizio 0,00 3,2

scarsa documentazione giudizio 0,00 3,2 GRUPPO A: DISPOSITIVI ELASTOMERICI DISPOSITIVO DI TIPO ELASTOMERICO MONOUSO PER TERAPIA INFUSIONALE CONTROLLATA E CONTINUA requisiti minimi: serbatoio in elastomero trasparente (privo di lattice); contenitore

Dettagli

Puros Blocchi per Alloinnesti

Puros Blocchi per Alloinnesti Rivoluzionare il concetto Puros Blocchi per Alloinnesti di innesto a blocco. Rigenerazione ossea di successo documentata Puros, Blocchi per Alloinnesti, Tecnica Chirurgica 1 Selezione del paziente: Accertare

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante

CAPITOLATO TECNICO. PER ACCETTAZIONE Timbro della ditta e firma del Legale Rappresentante CAPITOLATO TECNICO GARA A PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA IN NOLEGGIO DI APPARECCHIATURE PER EMODIALISI E FORNITURA DEL RELATIVO MATERIALE DI CONSUMO 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DELLE APPARECCHIATURE

Dettagli

Cura e pulizia dei trasduttori e del sistema. 2013 Koninklijke Philips N.V. Tutti i diritti riservati. Pubblicato negli Stati Uniti.

Cura e pulizia dei trasduttori e del sistema. 2013 Koninklijke Philips N.V. Tutti i diritti riservati. Pubblicato negli Stati Uniti. l Cura e pulizia dei trasduttori e del sistema 4535 617 44391 Rev A Dicembre 2013 2013 Koninklijke Philips N.V. Tutti i diritti riservati. Pubblicato negli Stati Uniti. Philips Ultrasound 22100 Bothell-Everett

Dettagli

Istruzioni Per l uso IMPIANTO DENTARIO SIGNO VINCES

Istruzioni Per l uso IMPIANTO DENTARIO SIGNO VINCES Istruzioni Per l uso IMPIANTO DENTARIO SIGNO VINCES Questo dispositivo medico impiantabile richiede procedimenti specifici e altamente specializzati. Dovrà essere realizzato esclusivamente da dentisti

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO DISPOSITIVI DI SICUREZZA

DISCIPLINARE TECNICO DISPOSITIVI DI SICUREZZA ALLEGATO A DISCIPLINARE TECNICO DISPOSITIVI DI SICUREZZA LOTTO 1) Ago cannula monovia di sicurezza con alette Descrizione Quantità AGHI CANNULA G 14 1000 AGHI CANNULA G 16 2000 AGHI CANNULA G 18 4000 AGHI

Dettagli

Floseal Matrice emostatica 5 ml/10 ml

Floseal Matrice emostatica 5 ml/10 ml Floseal Matrice emostatica 5 ml/10 ml ITA Istruzioni per l uso NON INIETTARE PER VIA INTRAVASCOLARE. FLOSEAL Matrice emostatica (FLOSEAL) non deve essere iniettato nei vasi sanguigni. Istruzioni brevi

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

SONDINO NASO-GASTRICO POLIFUNZIONALE NUTRIVENT TM

SONDINO NASO-GASTRICO POLIFUNZIONALE NUTRIVENT TM SONDINO NASO-GASTRICO POLIFUNZIONALE NUTRIVENT TM CONTENUTO DELLA CONFEZIONE Sondino naso-gastrico polifunzionale NutriVent Guida metallica per l inserimento Siringhe Gel lubrificante Trasduttori di pressione

Dettagli

SCHEDA TECNICA 3M TEGADERM + PAD

SCHEDA TECNICA 3M TEGADERM + PAD CND M04010102 Dispositivo medico - Marcatura di conformità CE secondo D. Leg.vo 46/97 e successive modifiche attuativo della Dir. CEE 93/42 - Classe IIa - Organismo Notificato BSI British Standard Institution

Dettagli

POLYMED CATALOGO 2013 RUBINETTI IN POLICARBONATO RAMPE - RACCORDI

POLYMED CATALOGO 2013 RUBINETTI IN POLICARBONATO RAMPE - RACCORDI CATALOGO 2013 RUBINETTI IN POLICARBONATO RAMPE - RACCORDI Informazioni di carattere generale CONFORMITA PRODOTTO I raccordi conici Luer sono conformi agli standard ISO 594-1 per siringhe, aghi ed altra

Dettagli

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze

Continuous Renal Replacement Therapy. Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze Continuous Renal Replacement Therapy Paolo Montomoli Infermiere SOD Anestesia e T.I. Az. U.O.Careggi Firenze CRRT: principi fisici Ultrafiltrazione: movimento di acqua attraverso una membrana semipermeabile

Dettagli

XLMO015 Braccialetto identificazione colore bianco

XLMO015 Braccialetto identificazione colore bianco 2 XLMO013 Acqua bidistillata 10 lt XLMO074 Acqua deionizzata 10 lt Acqua distillata XLMO043 10 lt XLMO044 25 lt XLMO041 Acqua ossigenata 1000 ml conf. 15 pz XLMO015 Braccialetto identificazione colore

Dettagli

Guida per il paziente

Guida per il paziente Il presente foglio illustrativo è stato elaborato da Sirtex Medical Limited (Sirtex) ed è destinato a fornire al paziente e ai suoi familiari una panoramica della Radioterapia Interna Selettiva con microsfere

Dettagli

ELENCO DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA-RIANIMAZIONE - CHIRURGIA VOCE DESCRIZIONE PRODOTTO QUANTIT. ANNUALE

ELENCO DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA-RIANIMAZIONE - CHIRURGIA VOCE DESCRIZIONE PRODOTTO QUANTIT. ANNUALE ELENCO DISPOSITIVI MEDICI PER ANESTESIA-RIANIMAZIONE - CHIRURGIA VOCE DESCRIZIONE PRODOTTO QUANTIT. 1 Aghi per anestesia subaracnoidea (spinale) - sterile - monouso - mis. G22 - G23 -G25 2 Aghi per anestesia

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi

GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE. a cura di Andrea B. Galosi GESTIONE DEL CATETERE VESCICALE a cura di Andrea B. Galosi Il catetere vescicale è un dispositivo (tubicino flessibile) che permette il drenaggio continuo dell urina dalla vescica all esterno attraverso

Dettagli

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti

Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT. Paolo Sorrenti Preparazione della Sala e del Paziente per Procedura d Impianto di CRT Paolo Sorrenti FASE PRE IMPIANTO ü Preparazione del paziente all ingresso ü Preparazione del laboratorio di elettrofisiologia ü Preparazione

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA LT 0 Pag. : 1 di 6 Redatta da: Giancarlo Paganico Verificata da: Giancarlo Paganico Approvato da: DUO COPIA N... N. REV. PAGG. PRINCIPALI MODIFICHE DATA 1 2 3 4 5 Pag. : 2 di 6 INDICE 1. PREMESSA 3 2.

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Posizionamento catetere venoso centrale e periferico

Posizionamento catetere venoso centrale e periferico Posizionamento catetere venoso centrale e periferico Data Revisione redazione approvazione autorizzazione N archiviazione 05-06-2012 05-06-2013 D.ssa Biasetti Ornella D.ssa Carta Anna Rita Coord. Inf.

Dettagli

Gestione del catetere venoso centrale

Gestione del catetere venoso centrale Gestione del catetere venoso centrale Il catetere venoso centrale (CVC) è un tubicino di materiale biocompatibile (silicone o poliuretano) che permette l infusione intermittente o continua di farmaci,

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli SOMMARIO Introduzione Obiettivi generali Obiettivi specifici Indicazioni

Dettagli

No articolo: 950502010, 950502011, 950502012, 950502013, 950502014, 950502015, 950502016, 950502017, 950502018, 950502019, 950502020, 950502021

No articolo: 950502010, 950502011, 950502012, 950502013, 950502014, 950502015, 950502016, 950502017, 950502018, 950502019, 950502020, 950502021 «Firmenname_Übergeordnete_Firma» «Firmenzusatz_Übergeordnete_Firma» «Anrede» «Titel» «akademischer_zusatz» «Vorname» «Nachname» «Position» «Abteilung» «Adresse_1» «Adresse_2» Nicolas Stegmüller Tel. diretto

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG Obiettivo: mediante l uso del PEG/SNG all ospite verrà somministrato un apporto dietetico per soddisfare le richieste corporee e promuovere la salute.

Dettagli

Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6. Registrazione NSIS

Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6. Registrazione NSIS Sacche da letto SAUER 2009-04-30-1/6 1. Codice GMDN Codice: 14297 Denominazione: Unità di drenaggio urinario Definizione: Categoria 1: Kit di componenti, ad es. una sacca ed un tubo, progettati per raccogliere

Dettagli

ASSISTENZA AL MEDICO

ASSISTENZA AL MEDICO SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ASSISTENZA AL MEDICO pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso teorico e pratico,

Dettagli

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard)

DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO. (E. Vuillard) DALLE PRECAUZIONI STANDARD ALLE LINEE GUIDA APPLICATIVE: UN ESEMPIO (E. Vuillard) La strategia delle Precauzioni Standard Sangue Liquidi e materiali biologici Tutte le - secrezioni - escrezioni, Cute lesa

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE. -Listino prezzi-

FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE. -Listino prezzi- LOTTO 1: SIRINGHE SENZ'AGO LUER LOCK FORNITORE: BECTON DICKINSON S.P.A. FORNITURA AGHI, SIRINGHE, AGHI CANNULA E TAPPI PER CATETERE -Listino prezzi- 300910 Siringhe cono luer lock senza ago ml 2,5-3 0,05190

Dettagli

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O. L emogasanalisi Modalità corretta di esecuzione del prelievo Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.Terapia Intensiva L emogasanalisi E un prelievo di sangue arterioso attraverso il quale si analizzano

Dettagli

LOTTO N.1 DESCRIZIONE LOTTO: AGHI PER FISTOLA ARETERO-VENOSA IMPORTO ANNUO A BASE D'ASTA LOTTO: 16.848,00 + IVA. CODICE CIG: Z5200A6B68

LOTTO N.1 DESCRIZIONE LOTTO: AGHI PER FISTOLA ARETERO-VENOSA IMPORTO ANNUO A BASE D'ASTA LOTTO: 16.848,00 + IVA. CODICE CIG: Z5200A6B68 ALLEGATO V CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA Oggetto fornitura: DISPOSITIVI MEDICI PER EMODIALISI; Durata fornitura : ANNUALE; Numero Lotti: 9 ; T ABELLA LOTTI LOTTO N.1 DESCRIZIONE LOTTO: AGHI PER FISTOLA

Dettagli

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2 Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI STYLER PER CAPELLI IT pagina 1 00331.indd 1 30/06/10 13.2 [Z] 1 2 3 6 9 7 5 4 8 TYPE G3501 220-240V 50/60 Hz 105 W 00331.indd 1 30/06/10 13.2 ISTRUZIONI PER L USO

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Revisione delle indicazioni per l uso Sonde da utilizzare esclusivamente nel campo della Chirurgia Plastica e Ricostruttiva

Revisione delle indicazioni per l uso Sonde da utilizzare esclusivamente nel campo della Chirurgia Plastica e Ricostruttiva Rivolto a tutti gli utenti di Integra NeuroSciences Microsonde Licox Oxygen Catheter (Modelli CC1 e CC1.2) Mielkendorf, 28 Aprile 2009 Alla Cortese Attenzione del Direttore dell Ospedale e all Ufficio

Dettagli

PROSPETTO DI AGGIUDICAZIONE

PROSPETTO DI AGGIUDICAZIONE LOTTI ECONOMICAMENTE PIU' VANTAGGIOSI PROSPETTO DI AGGIUDICAZIONE LOTTO CIG FORNITORE DESCRIZIONE DA GARA NOME COMMERCIALE/DESCRIZIONE PRODOTTO OFFERTO CODICE PRODOTTO CODICE CND NUMERO DI REPERTORIO PREZZO

Dettagli

Procedure di disinfezione e sterilizzazione

Procedure di disinfezione e sterilizzazione Procedure di disinfezione e sterilizzazione Opuscolo informativo per il paziente Gentili pazienti, lo scopo di questo opuscolo è quello di informarvi sulle rigorose procedure di disinfezione e sterilizzazione

Dettagli

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE

ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Associazione Riabilitatori Insufficienza Respiratoria ASPIRAZIONE delle VIE AEREE Marta Lazzeri Azienda Ospedaliera Ospedale Niguarda Ca' Granda DEFINIZIONE PROCEDURA ATTUATA ALLO SCOPO DI RIMUOVERE SECREZIONI

Dettagli

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE

REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ALLEGATO B REQUISITI ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI, GENERALI E SPECIFICI, PER L APERTURA E L ESERCIZIO DEGLI STUDI SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE INDICE Requisiti organizzativi, strutturali e tecnologici

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC)

PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC) PROTOCOLLO PER LA GESTIONE DEL CATERERE VENOSO CENTRALE (CVC) Revisione effettuata nel 2005 a cura di Gattel Tamara e Noacco Massimo SCOPO Questo documento descrive le implicazioni operative nell assistenza

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI

GESTIONE DEI CATETERI Regione Piemonte AO S. Croce e Carle - Cuneo Gruppo di Lavoro Aziendale GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI Dr.ssa Elide AZZAN Presidente C.I.O. Data emissione: 10/01/2012 Rev. n. 1 Dr Riccardo Dutto

Dettagli

Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso

Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso Assenza di carie Completamento di tutti i lavori di restauro necessari Assenza di patologie all ATM Assenza di malattie parodontali in corso La presa di una buona impronta è fondamentale perché gli allineatori

Dettagli

Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento.

Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento. Cateterismo vescicale a permanenza e Presidi necessari al posizionamento. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz

IL MASSAGGIO. www.fisiokinesiterapia.biz IL MASSAGGIO www.fisiokinesiterapia.biz STORIA Cina e India 1800 a. C. nei testi riguardanti i Ching e la medicina Ayurvedica Trattati medici egizi e persiani In grecia e poi a Roma, utilizzato in ambito

Dettagli

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva

Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale. Shpetim Daca Coordinatore Infermieristico Terapia Intensiva Assistenza infermieristica alla persona in condizioni di criticità vitale 01/12/2014 1 Monitoraggio della pressione in arteria polmonare Determinazioni della gittata cardiaca Monitoraggio della saturazione

Dettagli

CORSO S T E T O E RICO-PR P ATI T CO A.S. S L. L P E P S E C S ARA 14/17/19 D 19 I D CE C M

CORSO S T E T O E RICO-PR P ATI T CO A.S. S L. L P E P S E C S ARA 14/17/19 D 19 I D CE C M Il cateterismo vescicale CORSO TEORICO-PRATICO A.S.L. PESCARA 14/17/19 DICEMBRE 2007 Dott. R. Renzetti CATETERISMO VESCICALE Il cateterismo vescicale è una metodica di drenaggio atta all'evacuazione dell

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA RICONDIZIONAMENTO FIBROSCOPI FLESSIBILI ED ACCESSORI

ISTRUZIONE OPERATIVA RICONDIZIONAMENTO FIBROSCOPI FLESSIBILI ED ACCESSORI E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA ISTRUZIONE OPERATIVA RICONDIZIONAMENTO FIBROSCOPI FLESSIBILI PREPARATO VERIFICATO APPROVATO M.Grazia Tagliafico M.Angela Picetti Giacomo Robello Francesca Taddeo Maria Ferretti

Dettagli

Precisione di temporizzazione automatica anche durante le aritmie

Precisione di temporizzazione automatica anche durante le aritmie ARROW ProActive CounterPulsation Precisione di temporizzazione automatica anche durante le aritmie proactive counterpulsation 3 UNA RIVOLUZIONE NELLA TERAPIA DI CONTROPULSAZIONE AORTICA Solo Arrow International,

Dettagli

La Cute, Ferite e Medicazioni

La Cute, Ferite e Medicazioni La Cute, Ferite e Medicazioni OBBIETTIVI Fornire cenni di Anatomia dell Apparato Tegumentario. e Fisiologia Definire i vari tipi di ferite. Apprendere le manovre per una corretta disinfezione e medicazione.

Dettagli

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA

PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA PARAMETRI DI VALUTAZIONE QUALITATIVA LOTTO n. 1 - KIT OSSIGENANTE PER PAZIENTI DI PESO DA A 40 Kg Dimensioni superficie della membrana. MAX10 - minore o uguale a 1,3 m 2 10 - da 1,3 m 2 a 1,5 m 2 5 Minimo

Dettagli

DAV Tech sas Via San Pio X 6/A 36077 Altavilla Vicentina (VI) Italia Tel. 0039 0444 574510 Fax 0039 0444 574324 www.davtech.it davtech@davtech.

DAV Tech sas Via San Pio X 6/A 36077 Altavilla Vicentina (VI) Italia Tel. 0039 0444 574510 Fax 0039 0444 574324 www.davtech.it davtech@davtech. CENTRALINE DI DOSAGGIO serie DAV Tech sas Via San Pio X 6/A 36077 Altavilla Vicentina (VI) Italia Tel. 0039 0444 574510 Fax 0039 0444 574324 www.davtech.it davtech@davtech.it AD 15/01/07 Ita DA1000 V1

Dettagli

CATETERE VENOSO PERIFERICO

CATETERE VENOSO PERIFERICO I.R.C.C.S. POLICLINICO S. MATTEO DI PAVIA REPARTO DI MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO CATETERE VENOSO PERIFERICO INSERIMENTO GESTIONE COMPLICANZE EPARINIZZAZIONE COMPOSITORE TESTO ABELA SEBASTIANO MATRICOLA

Dettagli

INTERVENTO CHIRURGICO IN CASO DI ASCESSI E FISTOLE NELLA REGIONE ANALE

INTERVENTO CHIRURGICO IN CASO DI ASCESSI E FISTOLE NELLA REGIONE ANALE CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani INTERVENTO CHIRURGICO IN CASO DI ASCESSI E FISTOLE NELLA REGIONE ANALE Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico! Gentile

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

INFORMAZIONI DA APPORRE SULL IMBALLAGGIO ESTERNO/FOGLIETTO ILLUSTRATIVO/ETICHETTA INTERNA FLACONE DA 100 ml

INFORMAZIONI DA APPORRE SULL IMBALLAGGIO ESTERNO/FOGLIETTO ILLUSTRATIVO/ETICHETTA INTERNA FLACONE DA 100 ml INFORMAZIONI DA APPORRE SULL IMBALLAGGIO ESTERNO/FOGLIETTO ILLUSTRATIVO/ETICHETTA INTERNA FLACONE DA 100 ml DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE VETERINARIO EFFIPRO 2,5 mg/ml soluzione spray per uso topico, per

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli