STAMINALI in OFTALMOLOGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STAMINALI in OFTALMOLOGIA"

Transcript

1 STAMINALI in OFTALMOLOGIA ROMA 5 DICEMBRE 2013 RADISSON HOTEL VIA TURATI - ROMA ORE STUDIO OCULISTICO DR. ERMANNO SCERRATI 1

2 Sommario 1. Premessa Quali cellule si possono utilizzare in Oftalmologia (bibliografia) Campo di applicazione in Oftalmologia (bibliografia) Cornea - Limbus Quali applicazioni Quali risultati ottenuti ed in prospettiva Retina Quali applicazioni Quali risultati ottenuti ed in prospettiva Nervo Ottico Quali applicazioni Quali risultati ottenuti ed in prospettiva Bibliografia

3 1. Premessa Le cellule staminali sono cellule non specializzate in grado di dividersi dando origine contemporaneamente ad una cellula staminale (uguale alla cellula madre) ed una cellula precursore di una progenie cellulare che alla fine darà a sua volta origine a cellule terminalmente differenziate (mature). [ R. Dulbecco]. Le prime cellule staminali scoperte furono quelle emopoietiche, le quali, esprimono sulla loro superficie un particolare marker (CD34), sono in grado di ricostruire completamente e permanentemente tutte le cellule del sangue e del sistema immunitario ( es. dopo terapie antitumorali). Le cellule staminali vengono suddivise in: Totipotenti: quando possono dare origine a qualsiasi tipo di cellula. Sono cellule embrionali, cioè vengono prelevate da embrioni al 5 giorno di vita. Pluripotenti: quando possono dare origine solo ad alcuni tipi di cellule. Possono essere Germinali embrionarie, quando vengono prelevate da embrioni di 6 settimane, cordonali o placentari, quando vengono prelevate dalla placenta e dal cordone ombelicale, adulte, quando vengono prelevate dal midollo osseo oppure dal sangue ( leucoaferesi). Entrambi i due tipi di cellule, perché si sviluppino, necessitano dell azione di fattori di crescita diversi a seconda del tessuto. ( es T.N.F. della Levi Montalcini). Multipotenti: si specializzano solo in certi tipi di cellule; Unipotenti: generano solo un certo tipo di cellula (ad esempio della cornea, del fegato, ecc.). 2. Quali cellule si possono utilizzare in Oftalmologia (bibliografia) Per quanto riguarda gli occhi l utilizzo di staminali riguarda principalmente la cornea (già possibile) e la retina (non ancora avvenuto sull'essere umano). A livello retinico il primo esperimento sugli esseri umani durerà almeno tre anni e inizierà in Giappone intorno alla metà del 2014 su sei ipovedenti affetti da AMD (forma umida di degenerazione maculare legata all'età, che ha ridotto la loro acuità visiva a meno di 1/10). I ricercatori sperano di recuperare, in questo modo, circa un decimo. Il protocollo sperimentale che fa ricorso a cellule adulte geneticamente riprogrammate sino allo stadio di staminali (ips) è stato approvato dal Ministero della Salute giapponese a luglio L'esperimento prevede che cellule della pelle (fibroblasti) vengano 'ringiovanite' intervenendo sul loro DNA e poi vengano fatte sviluppare sino allo stadio di cellule retiniche (epitelio pigmentato retinico). 3. Campo di applicazione in Oftalmologia (bibliografia) 3.1. Cornea - Limbus Il limbus corneale (zona di passaggio dalla cornea alla congiuntiva bulbare) rappresenta la sede delle cellule staminali corneali naturali, che servono come riserva per la rigenerazione e proliferazione dell epitelio corneale stesso. Come tutte le staminali epiteliali hanno un potenziale virtualmente illimitato di divisione cellulare. Infatti, in seguito allo stimolo da parte dei fattori di crescita, queste si differenziano in cellule amplificanti transitorie, 3

4 le quali poi si replicano e differenziano ulteriormente fino a raggiungere uno stato di maturazione definitiva. Sono contenute in nicchie, ricche di vasi sanguigni e linfatici, all interno delle quali si pone l epitelio e le palizzate di Vogt. Tali cellule sono poco differenziate, manifestando una spiccata capacità proliferativa (clonogenicità). Se ne distinguono tre popolazioni diverse: olocloni (capaci di divisioni, sono le cellule staminali per eccellenza), paracloni (capaci di 15 divisioni), merocloni (rappresentano una forma di riserva di paracloni). Nel soggetto sano è, quindi, evidente come la presenza di cellule staminali efficienti a livello del limbus corneale permetta di riparare i danni corneali causati da fenomeni traumatici, infettivi ed infiammatori di media e lieve entità. Purtroppo, quando una malattia o un trauma corneale causano un alterazione delle staminali limbari determinando una loro diminuzione di numero, si ha il cosiddetto deficit o insufficienza limbare: la cornea non riesce più a riparare il proprio epitelio di superficie e va incontro a gravi complicazioni che possono mettere a repentaglio la vista. In questi casi le ricerche scientifiche degli ultimi anni hanno permesso di compiere grandi passi avanti; infatti, eseguendo trapianti di staminali limbari si è potuto restituire all epitelio corneale la capacità di rigenerarsi, anche se ancora con risultati non sempre soddisfacenti. Tuttavia, il solo trapianto di cellule staminali non permette di ottenere un acuità visiva paragonabile a quella precedente al trauma, ma spesso è la combinazione del trapianto di cellule staminali e di altre procedure chirurgiche (trapianto di cornea) che dà la possibilità di migliorare la condizione visiva, restituendo la trasparenza alla cornea danneggiata Quali applicazioni Autotrapianto di congiuntiva e di limbus (Conjunctival Limbal Autograft CLAU) Il CLAU è quella procedura chirurgica in cui il tessuto limbare e il suo carrier congiuntivale vengono prelevati dall occhio sano del paziente ed innestato nell occhio con deficienza limbare. E la tecnica chirurgica di scelta nei casi di deficit limbare unilaterale. Il vantaggio principale è il fatto che non è richiesta terapia immunosoppressiva, a differenza delle procedure di allo trapianto. Il prerequisito fondamentale è che l occhio donatore sia sano e privo di qualsiasi condizione da cui si possa sviluppare una deficienza limbare in futuro. L occhio ricevente è preparato effettuando la peritomia congiuntivale e rimuovendo l epitelio corneale anomalo o il pannus mediante la cheratectomia superficiale o l epitelectomia. La congiuntiva viene sottominata e recessa posteriormente. Il prelievo di congiuntiva e di limbus viene effettuato nell occhio donatore alle ore 12 e alle ore 6, innestato nell occhio ricevente ad ore 6 e ore 12 e suturato sulla superficie bulbare. In caso di alterazione della membrana basale, può essere necessario preparare il letto ricevente con l innesto di una membrana amniotica. Al termine dell intervento è eseguita una tarsorrafia al fine di proteggere il lembo trapiantato e favorire la crescita dell epitelio. Allo trapianto di congiuntiva e di limbus da donatore vivente (Living related conjunctival limbal allograft lr- CLAL) 4

5 Il lr- CLAL è quella procedura chirurgica in cui il tessuto limbare con il suo carrier di congiuntiva è ottenuto da un occhio sano di un donatore vivente (genitore o germano) e trapiantato sull occhio malato di un ricevente. Le indicazioni e la tecnica chirurgica sono molto simili al CLAU. I candidati a questo tipo di procedura chirurgica sono i pazienti affetti da patologia bilaterale. A differenza del CLAU, i pazienti che vengono sottoposti a questo intervento hanno il rischio di rigetto, significativamente aumentato in occhi già infiammati e nel caso in cui sia presente una reazione infiammatoria, vengono sottoposti a periodi anche prolungati di immunosoppressione preoperatoria per controllare l infiammazione. In aggiunta, tale terapia viene effettuata anche post operatoriamente per evitare il rigetto del lembo trapiantato. Allotrapianto limbare da donatore cadavere (Cadaveric Keratolimbal allograft KLAL) Il KLAL è quella procedura chirurgica in cui il tessuto limbare, attaccato ad un carrier corneo-sclerale, è ottenuto da un donatore cadavere ed innestato su un occhio ricevente. Esso è indicato nelle condizione patologiche di bilateralità e può rappresentare un alternativa in quelle patologie unilaterali in cui l occhio che deve donare non è idoneo o nei casi in cui il paziente rifiuta il prelievo dall unico occhio sano. Rappresenta l unica scelta in quelle condizioni patologiche bilaterali in cui non è possibile utilizzare un donatore vivente, ed è la procedura ideale in quelle condizioni in cui il coinvolgimento congiuntivale è assente o minimo. Può venire eseguita una cheratoplastica perforante contemporanea all allotrapianto. Allo trapianto combinato di congiuntiva e di limbus (Combined Conjunctival and keratolimbal allograft C- KLAL) Il C-KLAL è quella tecnica chirurgica, recentemente consigliata, in cui viene trapiantato tessuto limbare da donatore cadavere (KLAL) e congiuntiva e limbus da donatore vivente (lr- CLAL). E particolarmente indicata in quelle condizioni patologiche bilaterali in cui il coinvolgimento della superficie oculare è esteso. In questi pazienti, la perdita di congiuntiva contribuisce significativamente alla patologia di superficie. C-KLAL significa, quindi, apportare una maggiore quantità di congiuntiva e di cellule staminali. Espansione ex-vivo di cellule staminali E possibile ottenere cellule staminali da un piccolo prelievo, anche in condizioni di patologia bilaterale, coltivare queste cellule e trapiantarle. Sono state descritte tecniche di espansione cellulare autologa, così come tecniche di allo trapianto Quali risultati ottenuti ed in prospettiva La comunità scientifica internazionale riconosce il successo di una terapia avanzata tutta italiana, basata sul trapianto autologo di epitelio corneale ricostruito in laboratorio grazie alle cellule staminali, in grado di restituire l'integrità della cornea e la capacità visiva a pazienti con gravi danni alla superficie corneale e deficit di cellule staminali limbari dovuti ad ustioni chimiche. Lo studio, pubblicato sulla rivista americana New England Journal of Medicine, una delle più autorevoli al mondo in campo medico, testimonia la sicurezza e l'efficacia di una terapia ormai consolidata, effettuata con colture di cellule staminali adulte. Lo studio, in particolare, analizza i risultati a lungo termine - fino a 10 anni - ottenuti su un campione di 112 pazienti, omogeneo per patologia, 5

6 metodi diagnostici e chirurgici, frequenza dei controlli e le accurate analisi del follow-up. La percentuale di pieno successo di questo studio supera il 75%. Il messaggio di questo studio riguarda la stabilità nel tempo dei risultati ottenuti, che si mantengono grazie ad una ben definita quantità di cellule staminali della cornea impiantata, che le consentono di autorinnovarsi e di rigenerare costantemente la superficie corneale con le stesse identiche caratteristiche di una cornea sana. Un grande vantaggio offerto da questa tecnologia è la perfetta compatibilità, che consente di evitare gli effetti collaterali tipici delle cellule da donatore, come un possibile rigetto o l'immunosopressione. La tecnica, messa a punto dall'equipe della Prof. Pellegrini e del Prof. De Luca e inizialmente pubblicata su Lancet nel 1997, prevede infatti un piccolissimo prelievo bioptico al confine tra cornea e congiuntiva del paziente, che viene eseguito dal chirurgo in anestesia locale e inviato al laboratorio di terapia cellulare per l'estrazione delle cellule staminali, che vengono messe in coltura per generare un epitelio corneale perfettamente identico a quello sano che viene poi trapiantato sul paziente stesso. I risultati ottenuti, unici al mondo per stabilità dell'epitelio rigenerato e durata del periodo di osservazione clinica, sono assolutamente confortanti e consentono di proporre serenamente ai pazienti questa opportunità terapeutica e rispondono alle necessità degli enti regolatori nazionali e internazionali di acquisire dati importanti per la valutazione di eventuali rischi connessi alle terapie avanzate su un numero consistente di pazienti e sul lungo termine Retina La retina è un tessuto localizzato nel segmento posteriore dell occhio aventi tutte le caratteristiche di un tessuto nervoso vero e proprio e come tale può essere investito da processi degenerativi che conducono ad un peggioramento della visione. La perdita della vista ha un impatto devastante sulla qualità della vita e limita le normali attività quotidiane. La corrente terapia farmacologica porta ad una limitazione della progressione della patologia degenerativa, senza rigenerare il tessuto danneggiato. Il trapianto cellulare rappresenta una nuova finestra terapeutica nella degenerazione retinica in quanto permetterebbe una rigenerazione del tessuto danneggiato. Il trapianto di cellule staminali costituisce un importante target terapeutico in molte patologie degenerative della retina, come la degenerazione maculare senile, la retinite pigmentosa e la retinopatia diabetica. Molte di queste patologie hanno in comune la morte irreversibile dei fotorecettori e/o perdita della loro funzione. La retinopatia diabetica è la causa principale di cecità nei soggetti adulti di media età (Klein, 2007). La Degenerazione Maculare Senile (AMD) è la causa principale di una perdita irreversibile della visione; essa influenza più di 20 milioni di persone nel mondo che hanno un età superiore a 50 anni (Cruess et al., 2007). La Retinite Pigmentosa colpisce, in modo predominante, la popolazione pediatrica e i giovani adulti ed è la causa principale di cecità, associata ad una degenerazione retinica genetica e ereditaria (Shintani et al., 2009), nella cui eziopatogenesi sono coinvolti un sorprendente numero di mutazioni geniche. La terapia corrente per le patologie degenerative della retina focalizza sul trattamento farmacologico che rallenta la progressione della patologia. Infatti, un ampia letteratura evidenzia come il trapianto cellulare possa essere una strategia alternativa all attuale terapia farmacologica (Ballios and van der Kooy, 2010). 6

7 E stato osservato che nell AMD e nella retinite pigmentosa la micro-architettura della retina interna risulta relativamente intatta, se non si considera la perdita dei fotorecettori, e quindi un approccio terapeutico potrebbe essere rappresentato dalla possibilità di ripopolare i fotorecettori degenerati. Le cellule staminali sono la più allettante fonte cellulare per la terapia sostitutiva e sono utili per il trattamento dei tessuti injured, ammalati o anziani e devono essere considerate un promettente potenziale terapeutico per la ricostruzione delle cellule danneggiate nella retina e per un intervento personalizzato in pazienti selezionati Quali applicazioni Sono due i trattamenti sperimentali che potrebbero essere d aiuto ai pazienti affetti da Retinite Pigmentosa (RP), rara malattia genetica progressiva che comporta la riduzione della vista fino alla cecità. Si tratta di modalità terapeutiche a base di cellule staminali pluripotenti indotte (ips) e terapia genica, che hanno dimostrato di produrre un miglioramento della funzione visiva a lungo termine su modelli murini della malattia. I trattamenti sono stati entrambi testati sul modello animale dal Dott. Stephen H. Tsang della Columbia Unversity. Lo studio sulle cellule staminali è stato pubblicato sulla rivista Molecular Medicine mentre lo studio sulla terapia genica è stato pubblicato su Human Molecular Genetics. Nel primo studio i ricercatori hanno testato l efficacia e la sicurezza dell innesto di cellule ips per ripristinare la funzione visiva in un modello murino di RP. Come le cellule staminali embrionali, anche le cellule ips sono "pluripotenti" - cioè, essi sono in grado di svilupparsi in qualsiasi tipo di cellula. Tuttavia, le cellule ips non sono derivate da embrioni ma da cellule adulte, in questo caso da cellule epiteliali umane. Le cellule sono state somministrate, mediante iniezione direttamente sotto la retina, quando i topi malati avevano appena cinque giorni di vita. Le cellule ips sono state assimilate nella retina ospite, senza causare tumori e sviluppando marcatori specifici di epitelio pigmentato retinico (lo strato di cellule adiacente allo strato dei fotorecettori), dimostrando di avere il potenziale per svilupparsi in cellule retiniche funzionali. Utilizzando l elettroretinografia, un metodo standard per misurare la funzione della retina, i ricercatori hanno scoperto che la funzione visiva dei è topi migliorata dopo il trattamento e l'effetto è durato a lungo. Si tratta della prima prova di recupero neuronale in un modello animale grazie al trapianto di cellule staminali con miglioramento della vista per tutta la durata della vita dell animale stesso. Già nel 2011 la statunitense Food and Drugs Administration (FDA) aveva approvato la possibilità del trapianto di cellule staminali embrionali per il trattamento delle degenerazioni maculari. Si tratta però di una terapia che richiede una forte immunosoppressione, che non è sempre tollerata da tutti i pazienti. Il metodo di Tsang si configura come una valida alternativa, visto che le cellule ips possono fornire un rifornimento potenzialmente illimitato di cellule per il salvataggio funzionale e l ottimizzazione delle funzioni retiniche, senza la necessità dell immunosoppressione. Si tratta di un metodo che teoricamente potrebbe essere usato anche per il trattamento della Degenerazione Maculare Senile, principale causa di perdita della vista tra adulti e anziani. 7

8 Per quanto riguarda invece la terapia genica il team di Tsang ha sperimentato una metodica potenzialmente in grado di migliorare la sopravvivenza dei fotorecettori e la funzione neuronale dei topo affetti dalla particolare forma di Retinite Pigmentosa causata da una mutazione del gene fosfodiesterasi-alfa. I ricercatori hanno utilizzato virus adeno-associati come vettore per trasportare copie corrette del gene nella retina. La somministrazione è stata effettuata tramite una singola iniezione su un solo occhio. Dopo circa sei mesi nell occhio trattato degli animali coinvolti nella sperimentazione erano presenti cellule fotorecettrici e risposte visive funzionali, assenti negli occhi non trattati, che nel frattempo avevano perso completamente la visione Quali risultati ottenuti ed in prospettiva Questi risultati supportano la teoria che la mutazione di fosfodiesterasi-alfa può essere curata con la terapia genica. Si tratta di terapie che devono ancora essere perfezionate ma i risultati per ora sono molto incoraggianti. (Dott. Stephen H. Tsang) I nostri risultati forniscono la prima prova per il recupero neuronale di tutta una vita in un modello preclinico affetto dalla degenerazione della retina, utilizzando il trapianto di cellule staminali, con un miglioramento della capacità visiva per tutta la vita, ha affermato Tsang, E soprattutto non abbiamo visto alcun tumore in nessuno dei topi, il che dovrebbe incidere su una delle più grandi paure delle persone sui trapianti di cellule staminali: che generino tumori. Finora nessuna ips è stata trapiantata nell essere umano, ma secondo gli oftalmologi, l occhio è il banco di prova ideale per le terapie attraverso gli ips Nervo Ottico La rigenerazione del nervo ottico appare un obiettivo distante, da un punto di vista clinico, anche se i primi studi effettuati sono risultati incoraggianti nei modelli sperimentali. Sia le cellule staminali embrionali che quelle derivate dall adulto e i loro precursori sono state applicate ai modelli sperimentali di glaucoma. Molti studi hanno portato alla conclusione che trattamenti con le cellule staminali possono prolungare la sopravvivenza delle cellule ganglionari retiniche, grazie alla possibile integrazione di fattori neurotrofici. Test sull attività visiva, in animali da laboratorio, possono verificare l effetto delle cellule impiantate o dei farmaci utilizzati a raggiungere questo scopo. Questi test che includono il monitoraggio del senso di orientamento, del senso di stabilità e la capacità di prendere gli oggetti in movimento sono frequentemente usati nei roditori e si basano sul principio che gli animali con buona acuità visiva muoveranno la testa per afferrare un oggetto in movimento. Nei vertebrati inferiori, la rigenerazione del nervo ottico è un evento che si manifesta anche negli animali adulti e sono le cellule di Muller quelle deputate a formare le nuove cellule ganglionari retiniche. Altri tipi cellulari mostrano integrazione nella retina, ma non si differenziano spontaneamente in fenotipi simili alle cellule ganglionari retiniche. Questi includono precursori neuronali impiantati negli occhi selettivamente depletati di cellule ganglionari attraverso assotomia e cellule progenitrici dei neuroni corticali umani. Questi progenitori, impiantati nello spazio sotto-retinale di scimmie e ratti sani, formano una singola cellula nello spazio nucleare della retina e sopravvivono per più di cinque settimane senza turbare la funzione retinale, anche se non ci sono dati significativi circa la loro differenziazione in neuroni o in cellule ganglionari. 8

9 Sarebbe interessante valutare l utilizzo del cordone ombelicale umano come fonte di cellule staminali nella patologia del glaucoma Quali applicazioni Quali risultati ottenuti ed in prospettiva La speranza è che, almeno in futuro, le staminali possano essere utilizzate per curare una serie di malattie degenerative che, allo stato attuale, costituiscono una delle principali cause della cecità (retinite pigmentosa, degenerazione maculare legata all'età, ecc.). Grandi speranze sono date, nel caso di malattie genetiche di tipo degenerativo, dall'uso combinato della terapia genica (iniezione del gene corretto sotto alla retina) e dall'impiego delle staminali (ad esempio quelle adulte riprogrammate). Al momento in cui scriviamo, tuttavia, le staminali non sono state ancora utilizzate per rigenerare la retina umana, ma gli esperimenti sono stati effettuati esclusivamente su cavie di laboratorio anche impiegando staminali umane. John Gurdon, premio Nobel per la Medicina 2012, ha affermato il 12 aprile 2013 che, per il trattamento delle degenerazioni retiniche con staminali adulte "ci sono prospettive molte solide". Bisognerà però aspettare ulteriori studi prima di avere un'eventuale applicazione clinica, ammesso che gli esperimenti sugli esseri umani abbiano successo. 4. Bibliografia 1) "Stem Cells Improve Visual Function in Blind Mice", Columbia University, 13 settembre Studio originale: Li Y, Tsai YT, Hsu CW, Erol D, Yang J, Wu WH, Davis RJ, Egli D, Tsang SH, "Long-term safety and efficacy of humaninduced pluripotent stem cell (ips) grafts in a preclinical model of retinitis pigmentosa", Molecular Medicine 2012 Dec 6;18: doi: /molmed ) Jason S. Meyer, Rebecca L. Shearer, Elizabeth E. Capowski, Lynda S. Wright, Kyle A. Wallace, Erin L. McMillan, Su- Chun Zhang, David M. Gamm, "Modeling early retinal development with human embryonic and induced pluripotent stem cells", PNAS (39) ; published ahead of print August 25, 2009, doi: /pnas ) Coles BL, Angénieux B, Inoue T, Del Rio-Tsonis K, Spence JR, McInnes RR, Arsenijevic Y, van der Kooy D., "Facile isolation and the characterization of human retinal stem cells", Proc Natl Acad Sci U S A., Nov 2;101(44): Epub 2004 Oct 25 4) Singh MS, Charbel Issa P, Butler R, Martin C, Lipinski DM, Sekaran S, Barnard AR, MacLaren RE., "Reversal of endstage retinal degeneration and restoration of visual function by photoreceptor transplantation", Proc Natl Acad Sci U S A Jan 15;110(3): doi: /pnas Epub 2013 Jan 3 5) Li T, Lewallen M, Chen S, Yu W, Zhang N, Xie T., "Multipotent stem cells isolated from the adult mouse retina are capable of producing functional photoreceptor cells", Cell Res Apr 9. doi: /cr [Epub ahead of print] 6) "Smoke and Mirrors" (Editorial), Nature, Volume: 496, pp , 18 April 2013, DOI: doi: /496269b 7) "Pilot clinical study into ips cell therapy for eye disease starts in Japan", July 30, 2013, Riken Il Dott. Peter Gouras (oftalmologia) ha aperto la strada al trapianto retinico delle cellule dove le cellule staminali sono collocate al di sotto della retina. Co-author su questo documento, DRS. Nan-Kai Wang (un ex collega retinico ora all'ospedale Commemorativo di Chang Gung, all'università di Chang Gung di Medicina ed alla National Taiwan 9

10 University in Taiwan) e Joaquin Tosi (oftalmologia) hanno usato questa tecnica per collocare le cellule staminali trapiantate al di sotto della retina. Il Dott. Gouras egualmente ha messo a punto molti dei metodi non invadenti impiegati per valutare la funzione di un neurone nel sistema visivo del mouse, quale l'elettroretinografia, che misura la risposta della retina ad indicatore luminoso. Le strategie per uso embrionale della cellula staminale sono state sviluppate a Colombia dal Dott. Elizabeth J. Robertson (ora a Oxford). In collaborazione con il Dott. Pamela L. Schwartzberg (ora agli Istituti della Sanità Nazionali) ed il Dott. Stephen P. Goff (biochimica, biofisica molecolare e microbiologia), il Dott. Robertson ha combinato le cellule staminali embrionali con la ricombinazione omologa per raggiungere l'individuazione dei geni, producendo i primi mouse gene-mirati a. Le tecniche impiegate per costruire le cellule staminali sono state sviluppate a Colombia da DRS. Goff e la Virginia E. Papaioannou (la genetica). Il Dott. Victor Chyuan-Sheng Lin (patologia) del Co-author ha spillato il lavoro d'estrazione del Premio Nobel del Dott. Martin Chalfie (scienze biologiche) su proteina fluorescente verde, per girare le cellule staminali utilizzate in questo giallo della ricerca, permettendo al gruppo di usare la rappresentazione per vederle non invadente nei mouse. Il Dott. Takayuki Nagasaki (oftalmologia) ha sviluppato una tecnica di rappresentazione avanzata, conosciuta come la rappresentazione di autofluorescence del fondo, che ha permesso ai ricercatori di esaminare l'occhio del mouse facendo uso dei metodi non invadenti. Van Hoffelen SJ, Young MJ, Shatos MA, Sakaguchi DS. Incorporation of murine brain progenitor cells into the developing mammalian retina. Invest Ophthalmol Vis Sci. 2003;44: Kubota R, Hokoc JN, Moshiri A, McGuire C, Reh TA. A comparative study of neurogenesis in the retinal ciliary marginal zone of homeothermic vertebrates. Brain Res Dev Brain Res. 2002;134: Kelly DL, Rizzino A. DNA microarray analyses of genes regulated during the differentiation of embryonic stem cells. Mol Reprod Dev. 2000;56: Satoh J, Kuroda Y. Differential gene expression between human neurons and neuronal progenitor cells in culture: an analysis of arrayed Cdna clones in NTera2 human embryonal carcinoma cell line as amodel system. J Neurosci Methods. 2000;94: Park IK, He Y, Lin F, et al. Differential gene expression profiling of adult murine hematopoietic stem cells. Blood. 2002;99: Young MJ, Ray J, Whiteley SJ, Klassen H, GageFH. Neuronal differentiation and morphological integration of hippocampal progenitor cells transplanted to the retina of immature and mature dystrophic rats. Mol Cell Neurosci. 2000;16:

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale»

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale» «Vita, morte e miracoli della cellula staminale» Prof.ssa Gabriella Vannelli Sezione di Anatomia Umana e Istologia Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Firenze, 13 marzo 2015 Il lungo e affascinante

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo MEDICINA RIGENERATIVA

Dettagli

Michaela Luconi, PhD

Michaela Luconi, PhD Michaela Luconi, PhD Unità di Endocrinologia Laboratorio di Biologia Cellulare dell Organo Adiposo Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali & Cliniche «Mario Serio» michaela.luconi@unifi.it COSA

Dettagli

1. Capacità di autorinnovamento illimitato

1. Capacità di autorinnovamento illimitato 1. Capacità di autorinnovamento illimitato 2. Capacità di dare origine in risposta a stimoli adeguati e specifici a cellule progenitrici di transito dalle quali discendono popolazioni di cellule altamente

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62 CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014 Giov 12 e Merc 18.12.2013 Lezioni 59,60,61,62 Prof.A.Turco CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (da stamen, filo della vita..) CELLULE

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

Direttore Dott. Germano Genitti

Direttore Dott. Germano Genitti Direttore Dott. Germano Genitti Certificazione ISO 9001:2008 VI Corso Genova, 21 Aprile 2012 CORNEE TIPIZZATE: UN PROGETTO PER IL FUTURO Germano Genitti, M.T. Vicentini, M. Baccante Franco Papola (Direttore

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

La retina è un tessuto localizzato nel segmento posteriore dell occhio aventi tutte le caratteristiche

La retina è un tessuto localizzato nel segmento posteriore dell occhio aventi tutte le caratteristiche SCIENTIFICO Le cellule staminali nella degenerazione oculare: mito o realtà? Mariacristina Angelelli 1, Tania Saponaro 1, Francesca Angelini 2, Maria Faggiano 3, Maria Rosaria Romano 4, Marcello Diego

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Staminali: concetti, risultati ti e problemi Lo zigote La prima divisione cellulare Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Blastula 5 giorni dopo la fertilizzazione Source:

Dettagli

Cellule staminali. Emanuele Nasole

Cellule staminali. Emanuele Nasole Cellule staminali Emanuele Nasole Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica Docente Master di II Livello in Medicina Subacquea e Iperbarica - Univ-Palermo - Sede di Trapani Servizio di VUNOLOGIA

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Stamina e Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Potenziale differenziativo delle cellule staminali Totipotenza: capacità di una cellula staminale embrionale di dare origine a tutti i tipi cellulari dell embrione

Dettagli

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA

DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA DONAZIONE DELLA CORNEA E MEMBRANA AMNIOTICA Donare le cornee è una grande opportunità, possibile per tutti, ed è un gesto di grande rilevanza sociale. La donazione di cornee ed il successivo trapianto

Dettagli

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del metabolismo o richieste per altre funzioni basali Nei mammiferi

Dettagli

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali Che cos è una cellula staminale? Le cellule, così come gli esseri viventi, invecchiano e muoiono, devono quindi essere rimpiazzate le cellule staminali sono

Dettagli

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Cellule staminali Le cellule staminali sono cellule primitive,dotate della

Dettagli

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Definizione e caratteristiche delle cellule staminali. A tutt oggi non esiste ancora una definizione

Dettagli

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna,

Dettagli

Che cos è una cellula staminale?

Che cos è una cellula staminale? Che cos è una cellula staminale? Una cellula che ha la capacita di rigenerarsi - self renewal (dare origine ad altre cellule staminali) dare origine a cellule specializzate Una cellula staminale è una

Dettagli

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c CELLULE STAMINALI Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c è la necessità di riparare un tessuto

Dettagli

Le cellule adulte possono ringiovanire

Le cellule adulte possono ringiovanire Staminali riprogrammate contro la cecità Colloquio con Vania Broccoli, che dirige l Unità Cellule staminali e Neurogenesi dell Istituto Scientifico San Raffaele L INTERVISTA G. Galante Le cellule adulte

Dettagli

PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS 12/01/13

PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS 12/01/13 PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS Fare clic Stresa 14-16 per modificare maggio 2009 lo stile del sottotitolo dello schema Self-renewal vs differentiation Controllo del self renewal

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione precoce

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti

Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti Cellule impiegate nell Ingegneria dei tessuti La cellula La cellula è l unità strutturale e funzionale più piccola degli esseri viventi capace di esistenza indipendente. La cellula in genere interagisce

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente

Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Le Distrofie muscolari colpiscono i muscoli scheletrici del paziente Distrofia dei cingoli Le diverse distrofie dipendono da mutazioni

Dettagli

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA Intervento del professor Carlo Umberto Casciani, commissario straordinario dell Agenzia Regionale del Lazio per i Trapianti

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon

Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Identificazione e studio delle Cellule Staminali Tumorali del carcinoma della mammella e dell adenocarcinoma del colon Carmelo Lupo Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica e Patologia Molecolare

Dettagli

SERVIZIO DI OCULISTICA

SERVIZIO DI OCULISTICA SERVIZIO DI OCULISTICA Cellula gangliare Bastoncello Nervo ottico Retina Cono Vasi sanguigni della retina Coroide Cornea Iride Pupilla Cristallino Corpo ciliare Corpo vitreo Sclera ASSOCIAZIONE ITALIANA

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

Nel febbraio 2010, in Francia, nel

Nel febbraio 2010, in Francia, nel tools di Paolo Fontana Biologo, docente di Bioetica presso il Seminario teologico del PIME (Pontificio istituto missioni estere) di Monza Nel febbraio 2010, in Francia, nel corso di una conferenza stampa

Dettagli

IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG. LE CELLULE ips

IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG. LE CELLULE ips IGM CNR ICH HUMANITAS SUPERPIG LE CELLULE ips Sottoprogetto 3: Medicina Rigenerativa Questo sottoprogetto si propone di sviluppare approcci innovativi che, partendo da cellule dell organismo adulto, consentano

Dettagli

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company

La cellula. Copyright (c) by W. H. Freeman and Company La cellula Gli organismi contengono organi, gli organi sono costituiti da tessuti, i tessuti sono composti da cellule e le cellule sono formate da molecole Evoluzione molecolare L evoluzione è un processo

Dettagli

Differenziamento Cellule Staminali

Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Tutte le cellule hanno funzioni di base Respirazione, crescita, divisione, sintesi La maggior parte ha inoltre delle capacità particolari 200 differenti

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire la possibilità di donare tale sangue per uso allogenico

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Ogni individuo è diverso dai propri simili..

Ogni individuo è diverso dai propri simili.. GENETICA Ogni individuo è diverso dai propri simili.. Per identificare un individuo qualche tempo fa si usavano le impronte digitali Oggi si esamina il DNA Ma cos è il DNA? Il DNA o Acido DesossiriboNucleico

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione LA PRIMA SETTIMANA La segmentazione Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo. LA PRIMA globulo polare SETTIMANA A, uovo fecondato; B, C e D, stadi a 2, 4 e 8 blastomeri. LA PRIMA SETTIMANA 24-30 ore

Dettagli

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica

La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica La donazione ed i prelievi d organo: questioni di Deontologia Medica Varese, 21 aprile 2008 Dott. C. Garberi Codice di Deontologia Medica (16 dicembre 2006) CAPO VI Trapianti di organi, tessuti e cellule

Dettagli

Cellule Staminali. Arti Ahluwalia

Cellule Staminali. Arti Ahluwalia Cellule Staminali Arti Ahluwalia Le Proprietà di cellule staminali Capacita di auto rinnovarsi (self-renewal) Capacità di differenziarsi lungo almeno una linea (potency) The cell which results from the

Dettagli

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica.

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica. La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica Valter Tassi La cellula staminale La cellula staminale è una cellula IMMATURA

Dettagli

Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce

Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce Quando una cellula staminale (emopoietica) impazzisce Alessandro M. Vannucchi Laboratorio Congiunto MMPC Università degli Studi e Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi Firenze In una goccia di sangue..

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

Cellule Staminali embrionali e adulte

Cellule Staminali embrionali e adulte Cellule Staminali embrionali e adulte Dr. Luciano Conti Università degli Studi di Milano UNISTEM - Centro di ricerca sulle cellule staminali 1 Introduzione Le cellule staminali esistono e funzionano fisiologicamente

Dettagli

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus L a vista va tenuta d occhio a tutte le età, anche se non si accusano disturbi

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA. Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa

CORSO INTEGRATO DI GENETICA. Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa CORSO INTEGRATO DI GENETICA AA 2010/11 Prof Alberto Turco Martedi 14 dicembre 2010 Lezioni 55 e 56 Cellule Staminali e Medicina Rigenerativa Early human preimplantation development in vitro Pronuclear-stage

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte)

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOL.MOLECOLARE AA 2012/13 Prof Alberto Turco Lezioni 57-60 12 e 13.12.2012 CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) Early human preimplantation development

Dettagli

solo per il tuo migliore amico

solo per il tuo migliore amico solo per il tuo migliore amico L Osteoartrite canina Cos è l Osteoartrite Canina? Come negli esseri umani, l'artrite nei cani è una malattia degenerativa che causa rigidità delle articolazioni e dei muscoli.

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo Per animali transgenici

Dettagli

Applicazioni precliniche delle cellule staminali: uso delle cellule da liquido amniotico in un modello murino di stroke

Applicazioni precliniche delle cellule staminali: uso delle cellule da liquido amniotico in un modello murino di stroke Applicazioni precliniche delle cellule staminali: uso delle cellule da liquido amniotico in un modello murino di stroke Cerebral Stroke Terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie,

Dettagli

Micaela Morelli. L individualità biologica

Micaela Morelli. L individualità biologica Micaela Morelli L individualità biologica Una breve premessa per sgombrare il terreno dall ambiguità che intercorre tra l individualità e la diversità. Esiste una chiara distinzione tra le due categorie,

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva La cellula staminale Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi Viene mantenuta la riserva Cellule staminali Malattie fino ad oggi incurabili, per le quali si può prospettare un terapia

Dettagli

www.isscr.org Appendice 1 delle linee guida per la traslazione clinica delle cellule staminali. Dicembre 2008

www.isscr.org Appendice 1 delle linee guida per la traslazione clinica delle cellule staminali. Dicembre 2008 Società Internazionale Per La Ricerca Sulle Cellule Staminali (ISSCR) Manuale per il paziente relativo alle terapie con cellule staminali Appendice 1 delle linee guida per la traslazione clinica delle

Dettagli

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA AUDIZIONE del 26 aprile 2001 Carlos Alonso BEDATE Curriculum accademico Laurea in filosofia Università

Dettagli

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI Prof. Claudio Peruccio Specialista in Clinica delle Malattie dei Piccoli Animali (SCMPA) Diplomato European College of Veterinary

Dettagli

DGR n. 27-8060 del 21.1.2008

DGR n. 27-8060 del 21.1.2008 DGR n. 27-8060 del 21.1.2008 ISTITUZIONE DEL CENTRO DI MEDICINA RIGENERATIVA DELLA REGIONE PIEMONTE E DEL GRUPPO DI LAVORO REGIONALE DELLA MEDICINA RIGENERATIVA Con proprie deliberazioni n. 22-29192, n.

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

Che significa animale transgenico o animale Knockout???

Che significa animale transgenico o animale Knockout??? Che significa animale transgenico o animale Knockout??? ORGANISMI TRANSGENICI Gli animali che sono stati ingegnerizzati per inserzione di un gene, delezione di un gene o sostituzione di un gene si chiamano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

Per la prima volta in Italia, le cellule staminali dei primi denti!

Per la prima volta in Italia, le cellule staminali dei primi denti! Per la prima volta in Italia, le cellule staminali dei primi denti! 1 Settore centrale Settore centrale Settore laterale Settore laterale Dente canino Dente canino Mascella superiore Mascella inferiore

Dettagli

Affidabilità nella diagnostica

Affidabilità nella diagnostica Affidabilità nella diagnostica Passione per la ricerca Research & Innovation è un laboratorio di medicina molecolare che esegue test genetici avanzati al servizio dei medici e delle strutture di diagnosi

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli