CGIL CISL UIL SNALS 3DJLQDGL

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CGIL CISL UIL SNALS 3DJLQDGL"

Transcript

1 CGIL CISL UIL SNALS /LJXULD²&RPSDUWR6FXROD 2JJHWWR 7HVWRLQWHJUDOHGHILQLWLYRFRUUHWWR del 35272&2//2',17(6$ 5(*,21$/( s u i ',5,77,6,1'$&$/, s ottos critto il PDU]Rfra Direzion e Scola s tica Region a le per la Ligu ria ed Orga n izza zion i Sin da ca li CGIL, CISL, UIL e SNALS. 3DUWHSULPD 'LVSRVL]LRQLJHQHUDOL Articolo 1 Ca m po di a pp lica zion e, decorren za e du ra ta 1. Il pres en te Protocollo d 'In tes a è s ottos critto fra la Direzion e Scola s tica Region a le della Ligu ria e le Orga n izza zion i Sin d a ca li CGIL, CISL, UIL e SNALS del Com pa rto Scu ola della m edes im a Region e, s u lla ba s e di qu a n to p revis to da gli a rtt. 4, 5 e 9 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ 9 9, da ll a rt.3 del Protocollo di Con certa zion e s tipu la to in da ta 18/ 0 4/ e da ll a rt.1 com m a 4 del Protocollo d In tes a Region a le s u i d iritti s in da ca li s ottos critto il 0 5/ 0 6/ Gli effetti decorron o da lla d a ta d i s ottoscrizion e, ferm o res ta n do ch e qu a n to s ta b ilito n el pres en te Protocollo d'in tes a s in ten derà ta cita m en te a broga to da even tu a li s u ccess ivi a tti n orm a tivi e/ o con tra ttu a li n a zion a li gera rch ica m en te s u periori, qu a lora es plicita m en te o im p licita m en te in com pa tib ili. 3. Il presen te Protocollo d In tes a s i a pp lica in tu tto il territorio della Region e Ligu ria, s os titu is ce in tegra lm en te il p receden te Protocollo d In tes a Region a le in m a teria d i diritti s in da ca li s tipu la to il 5 giu gn o , e con serva va lid ità fin o a lla s ottos crizion e d i u n s u cces s ivo Accordo Decen tra to Region a le in m a teria. 4. Resta com u n qu e s a lva la pos s ibilità d i m od ifich e e/ o in tegra zion i a s egu ito d i in n ova zion i legis la tive e/ o con tra ttu a li. 5. Il pres en te Protocollo d'in tes a vien e pred is pos to s u lla ba s e ed en tro i lim iti d i qu a n to previs to in m a teria da lla n orm a tiva vigen te e, in pa rticola re m odo, en tro qu a n to s ta b ilito da l C.C.N.L. Scu ola 26/ 05/ 9 9, d a l C.C.N.L. Scu ola 04/ 08/ 9 5, d a l C.C.N.I. Scu ola 3 1/ 08/ 9 9, d a l D.Lgs.29/ 93, da l D.Lgs.39 6/ 97, d a l D.Lgs.80/ 98, d a lla L.3 00/ 7 0, d a ll Accordo Qu a d ro del 07/ 0 8/ 9 8 s u lla cos titu zion e delle R.S.U. e da l Protocollo d i Con certa zion e Region a le s ottos critto in d a ta 1 8/ 0 4/ Ris petto a qu a n to n on es pres s a m en te in d ica to n el p res en te Protocollo d'in tes a, la n orm a tiva d i riferim en to prim a ria in m a teria è costitu ita d a lle n orm e legis la tive e con tra ttu a li d i cu i a l com m a preceden te. 7. En tro qu in d ici giorn i da lla s ottos crizion e d i cu i a l preceden te com m a 1, la Direzion e Scola s tica Region a le tra s m ette cop ia in tegra le del p res en te Protocollo d In tes a a tu tte le is titu zion i s cola s tich e del territorio ligu re. 8. En tro cin qu e giorn i d a lla ricezion e, i Dirigen ti Scola s tici provvedera n n o a fa re a ffiggere cop ia in tegra le del pres en te Protocollo n elle Ba ch ech e s in da ca li d i s cu ola, di cu i a l s u cces s ivo a rticolo 13 com m a 7.

2 Articolo 2 Procedu re di ra ffredda m en to, con cilia zion e ed in terpreta zion e a u ten tica 1. In ca s o di con trovers ia s u ll in terpreta zion e e/ o s u ll a pp lica zion e del pres en te Protocollo d In tes a, le pa rti d i cu i a l preceden te a rticolo 1 com m a 1s 'in con tra n o en tro qu in d ici giorn i da lla rich ies ta di cu i a l s u cces s ivo com m a 2 pres s o la s ede della Direzion e Scola s tica Region a le. 2. Allo s copo di cu i a l p receden te com m a 1, la rich ies ta deve es s ere form u la ta in form a s critta e deve con ten ere u n a s in tetica des crizion e dei fa tti. 3. Le pa rti n on in tra pren don o in izia tive u n ila tera li en tro tren ta giorn i da lla tra s m is s ion e form a le della rich ies ta s critta d i cu i a l p receden te com m a 2. 3DUWHVHFRQGD 5HOD]LRQLVLQGDFDOLDOLYHOORUHJLRQDOHHSURYLQFLDOH Articolo 3 As s em blee territoria li 1. Ai s en s i delle d is pos izion i n orm a tive e con tra ttu a li in vigore, le Segreterie Region a li e/ o Provin cia li delle Orga n izza zion i Sin da ca li ra p pres en ta tive, di cu i a gli a rtt. 47 com m a 2 e 4 7 b is del D.Lgs.29/ 9 3 e s u ccess ive m odifica zion i, pos s on o con voca re a s sem b lee s ia in ora rio s ia fu ori ora rio d i s ervizio, s ia a livello territoria le region a le e/ o provin cia le s ia a livello d i s in gola is titu zion e s cola s tica. 2. Nei lim iti d i qu a n to previs to da ll a rt.13 del C.C.N.L. Scu ola 04/ 0 8/ 9 5 ed a i s en s i d i qu a n to d is pos to al com m a 6 dello s tess o articolo, s i con vien e ch e le a s s em blee territoria li region a li in ora rio d i s ervizio pos s a n o a vere u n a du ra ta m a s s im a d i qu a ttro ore, com pren s ive dei tem p i n eces s a ri per il ra ggiu n gim en to della s ede di a s s em blea e per l'even tu a le ritorn o a lla s ede di s ervizio, e ch e poss a n o ess ere con voca te n el lim ite m a s s im o di u n a per ogn i a n n o s cola s tico per le d ivers e tipologie d i Pers on a le. 3. Nel ca s o di a s s em blee territoria li p rovin cia li o ch e com u n qu e coin volga n o i d ipen den ti d i a lm en o du e is titu zion i s cola s tich e, la du ra ta m a s s im a d i cu i a l p receden te com m a 2 è ridotta a tre ore, s em pre com pren s ive dei tem p i n ecess a ri per il ra ggiu n gim en to della s ede d i a s sem blea e per l'even tu a le ritorn o a lla s ede di s ervizio. 4. Qu a n to s ta bilito a i p receden ti com m i 2 e 3 s i a p p lica a tu tte le tipologie d i Pers on a le d ipen den te da l Min is tero della Pu b b lica Is tru zion e in s ervizio n elle s cu ole s ta ta li del territorio ligu re, s ia a tem po in determ in a to s ia a tem po determ in a to, con ra p porto di la voro a tem po p ien o e con ra pporto di la voro a tem po pa rzia le. 5. Le a ss em blee pos s on o rigu a rd a re la gen era lità d ei Dipen den ti opp u re gru p p i d i es s i, cos icch é il Pers on a le Direttivo, Docen te, Edu ca tivo ed A.T.A. p u ò es s ere in vita to a pa rtecipa re a d a s sem blee a n ch e s epa ra ta m en te in ora ri e giorn i n on coin ciden ti. 6. I Dirigen ti Scola s tici p red is pon gon o qu a n to n eces s a rio a ffin ch é le com u n ica zion i rela tive a ll in d izion e delle a s s em b lee, s ia in ora rio s ia fu ori ora rio d i s ervizio, ven ga n o a ffis s e n elle Ba ch ech e s in da ca li delle s cu ole n ella s tess a giorn a ta in cu i perven gon o, n on ch é en tro il giorn o s u cces s ivo n elle Ba ch ech e s in da ca li delle even tu a li s u ccu rs a li, s edi s ta cca te e/ o coord in a te. 7. Altres ì, i Dirigen ti Scola s tici tra s m etton o tem pes tiva m en te le com u n ica zion i d i cu i a l com m a preceden te a tu tto il Pers on a le in teres s a to a n ch e com e Circola ri in tern e della s cu ola. 8. Secon do qu a n to previs to da ll a rt.13 com m a 9 lettera B del C.C.N.L. Scu ola 0 4/ 0 8/ 95, per le a s sem blee in cu i è coin volto a n ch e il Pers on a le A.T.A., s e la p a rtecip a zion e è tota le il Dirigen te Scola s tico s ta b ilirà, p revia in tes a con le Ra p p res en ta n ze Sin da ca li Un ita rie (R.S.U.), la qu ota ed i n om in a tivi del Pers on a le ten u to a d a s s icu ra re i servizi es sen zia li. 9. In m a n ca n za d i u n In tes a a i s en s i del com m a p receden te, a i fin i della ga ra n zia dell es p leta m en to dei s ervizi es s en zia li il Dirigen te Scola s tico pu ò ch iedere la perm a n en za in s ervizio a l m a s s im o d i n 1 As s is ten te Am m in is tra tivo per is titu zion e scola s tica e di n 1 Colla bora tore Scola s tico per p les s o. 10. Qu a lora s i ren da n eces s a ria l a pp lica zion e d i qu a n to des critto a l com m a preceden te, il Dirigen te Scola s tico s ceglierà i n om in a tivi tra m ite s orteggio, s egu en do com u n qu e il criterio della rota zion e n el cors o dell a n n o s cola s tico. 11. La d ich ia ra zion e preven tiva in d ividu a le di pa rtecipa zion e, es press a in form a s critta pres s o la s ede di la voro, da pa rte del Pers on a le in s ervizio n ell ora rio dell a s s em b lea s in da ca le, fa fede a i

3 fin i del com pu to del m on te ore in dividu a le a n n u a le ed è irrevoca bile, cos icch é i pa rtecipa n ti a ll a s s em blea s tess a n on s on o ten u ti a d a s s olvere a d u lteriori a dem p im en ti. 12. In a ttes a di p recis e dis p os izion i n orm a tive e/ o con tra ttu a li n a zion a li, in via tra n s itoria fin o a l 31/ 0 8/ s i con vien e di ripa rtire il m on te ore a n n u a le in dividu a le di pa rtecipa zion e a d a s sem blee s in d a ca li in ora rio d i s ervizio d i cu i a ll a rt.13 com m a 1 del C.C.N.L. Scu ola 04/ 0 8/ 9 5, a l 6 0 % per le a ss em blee even tu a lm en te con voca te da lle Segreterie Region a li e/ o Provin cia li dei Sin da ca ti ra p pres en ta tivi ed a l 4 0 % per qu elle even tu a lm en te con voca te da lle s in gole R.S.U.. La corretta a pplica zion e del pres en te com m a è a ffida ta a i s in goli Dirigen ti Scola s tici. 13. Le a ss em blee di com peten za delle Segreterie Region a li e/ o Provin cia li delle Orga n izza zion i Sin da ca li ra pp res en ta tive son o elen ca te n el p receden te com m a 1, m en tre le a s s em blee di com peten za delle s in gole R.S.U. son o s pecifica te n el s u cces s ivo a rt.10 com m a 1. Articolo 4 Perm es s i s in da ca li 1. Gli is critti e/ o i com pon en ti d i orga n is m i d irigen ti delle Orga n izza zion i Sin da ca li d i cu i a gli a rtt. 47 com m a 2 e 47 bis del D.Lgs.29/ 93 e s u cces s ive m odifica zion i pos s on o fru ire d i perm es s i s in da ca li per le riu n ion i degli orga n is m i s ta tu ta ri s in da ca li, n on ch é per lo s volgim en to delle a ttività s in da ca li es pres s a m en te previs te da l C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 0 5/ 99, da l C.C.N.L. Scu ola 04/ 0 8/ 95, da l C.C.N.I. Scu ola 31/ 0 8/ 99 da l D.Lgs.29/ 9 3, da l D.Lgs.396/ 9 7, da l D.Lgs.80/ 98 e d a lla L.3 00/ 70. Gli elen ch i dei s u d detti poten zia li fru itori d i perm es s i s in da ca li ven gon o pres en ta ti e con s erva ti es clu s iva m en te p res s o gli Uffici Scola s tici Territoria li, e poss on o es s ere in tegra ti e/ o m odifica ti in qu a lu n qu e m om en to s u rich ies ta delle s in gole Orga n izza zion i Sin da ca li ra p pres en ta tive. 2. I perm ess i s in da ca li d i cu i a l com m a p receden te pos s on o es s ere fru iti en tro i lim iti com p les s ivi ed in d ividu a li, s econ do le m oda lità p revis te da lla n orm a tiva vigen te e da i con tra tti n a zion a li in vigore. 3. La fru izion e dei perm es s i s in da ca li d i cu i a l p receden te com m a 1 è com u n ica ta form a lm en te a l Dirigen te Scola s tico in via es clu s iva da lle Segreterie Provin cia li e/ o Region a li delle Orga n izza zion i Sin da ca li di cu i a gli a rtt. 47 com m a 2 e 47 b is del D.Lgs.29/ 93 e s u cces s ive m od ifica zion i tra m ite a tto s critto, cos icch é i Dipen den ti in in d irizzo n on s on o ten u ti a d a s s olvere a n es s u n a ltro a dem p im en to per a s s en ta rs i. Ta le a tto s a rà in via to, per con os cen za, a n ch e a gli Uffici Scola s tici Territoria li, a i fin i della verifica del com p u to delle ore s petta n ti a cia s cu n a Orga n izza zion e Sin d a ca le ra p pres en ta tiva. 4. Fa tto s a lvo qu a n to d is pos to da l preceden te com m a 2, la con ces s ion e dei perm es s i di cu i a l preceden te com m a 1 s i con figu ra com e u n a tto dovu to, a pres cin dere da lla com pa tib ilità delle es igen ze d i s ervizio con l a s sen za dei Dipen den ti in teres s a ti. 5. Per qu a n to rigu a rd a il cu m u lo dei perm es s i s in d a ca li p revis to per Dirigen ti Scola s tici, Direttori dei Servizi Gen era li e Pers on a le A.T.A., s i p recis a ch e il periodo d i s ervizio in tercorren te fra u n perm es s o e l a ltro deve es sere pa ri a ll a s s en za. 6. La com u n ica zion e per i perm es s i s in da ca li dei Dirigen ti Scola s tici s a rà in via ta a l Direttore Scola s tico Region a le da lle Orga n izza zion i Sin da ca li d i riferim en to. Articolo 5 Agib ilità s in da ca le 1. Nel ris petto di qu a n to p revis to da ll a rt.2 7 della L.30 0/ 70, n ella s ede della Direzion e Scola s tica Region a le e n elle s edi degli Uffici Scola s tici Provin cia li a lle Orga n izza zion i Sin da ca li di cu i a gli a rtt. 47 com m a 2 e 47 b is del D.Lgs.29/ 9 3 e s u ccess ive m odifica zion i, è con cess o il d iritto d i u tilizza re in m odo perm a n en te u n loca le com u n e a degu a ta m en te a rred a to per u s o u fficio. 2. Nei loca li com u n i d i cu i a l com m a p receden te, le Orga n izza zion i Sin da ca li pos s on o es ercita re tu tti i d iritti s in d a ca li previs ti e ga ra n titi da lla n orm a tiva vigen te in m a teria e, in m odo pa rticola re, da lle n orm e e da i con tra tti es pres s a m en te elen ca ti n el preceden te a rticolo 1 com m a Nella s ede della Direzion e Scola s tica Region a le e n elle s edi degli Uffici Scola s tici Provin cia li a lle Orga n izza zion i Sin da ca li di cu i a gli a rtt. 47 com m a 2 e 47 b is del D.Lgs.29/ 93 e s u cces s ive m od ifica zion i, è ga ra n tito l u tilizzo d i u n a p pos ita Ba ch eca s in da ca le a i fin i dell es ercizio del d iritto d i a ffis s ion e d i cu i a ll a rt.2 5 della L.3 00/ Le Bach ech e s in da ca li d i cu i a l com m a p receden te devon o ess ere u bica te in m odo perm a n en te

4 in u n lu ogo fa cilm en te a cces s ibile e di n orm a le tra n s ito da pa rte del p u b b lico. 5. Le com u n ica zion i u fficia li fra le pa rti firm a ta rie del p res en te Protocollo a vven gon o tra m ite lettera scritta, fon ogra m m a, telegra m m a, fa x e pos ta elettron ica. 6. Tu tte le com u n ica zion i s critte a ven ti ca ra ttere gen era le in via te a lle s cu ole da lle Segreterie Provin cia li e/ o Region a li delle Orga n izza zion i Sin da ca li d i cu i a gli a rtt. 47 com m a 2 e 4 7 b is del D.Lgs.29/ 93 e s u cces s ive m odifica zion i, d evon o es s ere obbliga toria m en te a ffis s e a lle Ba ch ech e s in d a ca li d i cu i a l s u cces s ivo a rticolo 13 com m a 7, s econ do i tem pi in d ividu a ti n el s u cces s ivo com m a 8 del pres en te a rticolo. 7. Le com u n ica zion i form a li d i cu i a l preceden te com m a 6 pos s on o a vven ire in d ifferen tem en te tra m ite lettera scritta, fon ogra m m a, telegra m m a, fa x, e posta elettron ica. 8. L Am m in is tra zion e Scola s tica Region a le in vita form a lm en te i Dirigen ti Scola s ticia pred is porre qu a n to n ecess a rio a ffin ch é tu tte le com u n ica zion i a ven ti ca ra ttere gen era le proven ien ti da lle Segreterie Provin cia li e/ o Region a li delle Orga n izza zion i Sin da ca li di cu i a gli a rtt. 47 com m a 2 e 47 bis del D.Lgs.29/ 93 e s u ccess ive m odifica zion i, ven ga n o a ffis s e n elle Ba ch ech e s in da ca li delle s cu ole n ella s tess a giorn a ta in cu i perven gon o, n on ch é en tro il giorn o s u cces s ivo n elle Ba ch ech e s in da ca li delle even tu a li s u ccu rs a li, s ed i s ta cca te e/ o coordin a te. 9. Altres ì, l Am m in is tra zion e Scola s tica Region a le in vita i Dirigen ti Scola s tici a tra s m ettere tem pes tiva m en te le com u n ica zion i d i cu i a l com m a preceden te a tu tto il Pers on a le in teress a to, com e Circola ri in tern e d ella s cu ola. 10. La Direzion e Scola s tica Region a le s i a s s u m e l im pegn o d i ga ra n tire in tu tte le scu ole del territorio la corretta e p u n tu a le applica zion e di qu a n to in d ica to a i preceden ti com m i 6, 7, 8 e Al fin e di cu i a l com m a preceden te, en tro il 10 s ettem bre di cia s cu n a n n o s cola s tico la Direzion e Scola s tica Region a le in vita per is critto tu tti i Dirigen ti Scola s tici in s ervizio a d a p p lica re qu a n to des critto a i p receden ti com m i 6, 7, 8 e En tro il 30 s ettem bre di ogn i a n n o s cola s tico, per il tra m ite degli Uffici Scola s tici Provin cia li, la Direzion e Scola s tica com u n ica per is critto a lle Orga n izza zion i Sin da ca li firm a ta rie del p res en te Protocollo l elen co com pleto di tu tte le s cu ole del territorio region a le. 13. L elen co di cu i a l com m a p receden te deve es sere com pren s ivo dei n om in a tivi dei ris pettivi Dirigen ti Scola s tici e Direttori dei Servizi Gen era li ed Am m in is tra tivi, dell in d irizzo della s ede cen tra le dell is titu zion e s cola s tica, del rela tivo n u m ero d i telefon o, del n u m ero d i fa x e dell in d irizzo d i pos ta elettron ica. Articolo 6 Pa trocin io e pa tron a to 1. Le Orga n izza zion i Sin d a ca li, per il tra m ite dei ra p pres en ta n ti n om in a ti da lle ris pettive Segreterie Provin cia li e/ o Region a li, s u es pres s a delega s critta degli in teres s a ti da a cqu is ire a gli a tti, h a n n o d iritto di a cces s o a tu tta la docu m en ta zion e del procedim en to ch e li rigu a rd a. 2. Il rila s cio d i copia degli a tti pers on a li a vvien e, s en za on eri d i s egreteria, di n orm a en tro 2 giorn i da lla rich ies ta e com u n qu e n on oltre i 10 giorn i. 3. La rich ies ta d i a cces s o a gli a tti d i cu i a i com m i p receden ti pu ò a vven ire a n ch e verba lm en te, doven do a s s u m ere form a s critta s olo in s egu ito a d es pres s a rich ies ta dell Am m in is tra zion e Scola s tica. 4. Le la vora trici ed i la vora tori in a ttività od in qu ies cen za pos s on o fa rs i ra pp res en ta re, previa delega s critta, da u n Sin da ca to o da u n Istitu to d i pa tron a to s in da ca le per l es p leta m en to delle procedu re rigu a rda n ti p res ta zion i a s s is ten zia li e previden zia li, d a va n ti a i com peten ti orga n i dell Am m in is tra zion e Scola s tica. Articolo 7 Ca len da rizza zion e degli in con tri 1. Fra le pa rti firm a ta rie del p res en te Accordo, vien e con corda to il s egu en te ca len da rio d i m a s s im a a l fin e d i a vvia re la Con tra tta zion e Decen tra ta Territoria le s u lle m a terie previs te da gli a rtt. 4 e 5 del C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 05/ 9 9, s econ d o qu a n to p revis to a ll a rt.9 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ 9 9 n on ch é con cord a to con il Protocollo d i Con certa zion e del 18/ 0 4 / 20 00: a ) en tro il 30 s ettem bre di cia s cu n a n n o s cola s tico i criteri per la fru izion e di perm es s i per il d iritto a llo s tu d io; b ) en tro il 30 ottobre le opportu n ità form a tive per tu tto il Pers on a le della Scu ola ;

5 c) en tro il 15 m a ggio i criteri per la defin izion e e la dis trib u zion e degli orga n ici d i tu tte le tipologie d i Pers on a le; d ) en tro il 3 0 giu gn o le m oda lità d i u tilizza zion e del Pers on a le in a ltre a ttività d i in s egn a m en to, del Pers on a le s opra n n u m era rio e di qu ello colloca to fu ori ru olo, n on ch é le m oda lità orga n izza tive p er l a vvio dell a n n o s cola s tico; e) en tro il 15 lu glio le m oda lità orga n izza tive per l a s s u n zion e del Pers on a le, s ia a tem po in determ in a to s ia a tem p o determ in a to. 2. Du ra n te cia s cu n a n n o s cola s tico la Direzion e Scola s tica, a n ch e tra m ite gli Uffici Scola s tici Provin cia li, s im pegn a a forn ire tem pes tiva m en te a lle Segreterie Provin cia li e Region a li delle Orga n izza zion i Sin d a ca li firm a ta rie del pres en te Protocollo, tu tte le in form a zion i u tili e tu tto il m a teria le n eces s a rio per ga ra n tire a l m eglio le rela zion i s in da ca li previs te da l C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ 9 9, d a l C.C.N.L. Scu ola 0 4/ 08/ 9 5, da l C.C.N.I. Scu ola 3 1/ 08/ 99, d a l Protocollo d i Con certa zion e del 18/ 0 4 / 20 00, n on ch é da l p res en te Protocollo d In tes a. 3. Altres ì, la Direzion e Scola s tica, s em pre tra m ite gli Uffici Scola s tici Provin cia li, con con gru o a n ticipo com u n ica form a lm en te per is critto a lle Segreterie Provin cia li e Region a li delle Orga n izza zion i Sin d a ca li firm a ta rie del p res en te Protocollo, le da te e gli ora ri d i con voca zion e del Pers on a le per l a s s u n zion e degli in ca rich i a tem po in determ in a to ed a tem po determ in a to. Articolo 8 Com pos izion e delle delega zion i 1. Secon do qu a n to già previs to da ll a rt.4 del Protocollo d i Con certa zion e Region a le s ottoscritto il 18/ 0 4/ , a i fin i d ella Con tra tta zion e Decen tra ta Territoria le la Direzion e Scola s tica s im pegn a a com u n ica re form a lm en te per is critto a lle Orga n izza zion i Sin da ca li firm a ta rie del pres en te Protocollo d In tes a, en tro l in izio di cia s cu n a n n o s cola s tico, l elen co n om in a tivo dei Ra p pres en ta n ti dell Am m in is tra zion e con in d ica zion e della rela tiva delega a tra tta re ris petto a lle s in gole m a terie. 2. En tro il 3 0 s ettem bre d i cia s cu n a n n o s cola s tico, a i s en s i della L.2 41/ 9 0, la Direzion e Scola s tica Region a le e gli Uffici Scola s tici Provin cia li com u n ica n o form a lm en te a lle Segreterie Provin cia li e Region a li d elle Orga n izza zion i Sin d a ca li firm a ta rie del pres en te Protocollo a n ch e i n om in a tivi dei Dirigen ti Res pon s a bili d i tu tti i s in goli u ffici e/ o procedim en ti. 3. Qu a lora n el cors o dell a n n o s cola s tico avven is s ero ca m b ia m en ti ris petto a qu a n to com u n ica to da ll Am m in is tra zion e Scola s tica a i s en s i dei d u e com m i p receden ti, l Am m in is tra zion e s tes s a s egn a lerà tem pes tiva m en te a lle Orga n izza zion i Sin da ca li a n ch e ta li m od ifich e. 4. Le Segreterie Region a li delle Orga n izza zion i Sin da ca li com u n ica n o a lla Direzion e Scola s tica, en tro il 3 0 s ettem bre d i cia s cu n a n n o s cola s tico, la com pos izion e della prop ria delega zion e tra tta n te. 5. Resta in tes o ch e n ella Con tra tta zion e Decen tra ta Region a le l Am m in is tra zion e pu ò ess ere a s s is tita da ll A.R.A.N., m en tre le Orga n izza zion i Sin da ca li da es perti delle ris pettive Segreterie Na zion a li, n on ch é da com pon en ti d i Con s u lte e Coordin a m en ti form a lm en te a ccredita ti da lle Orga n izza zion i Sin da ca li. 3DUWHWHU]D 5HOD]LRQLVLQGDFDOLDOLYHOORGLVLQJRODLVWLWX]LRQHVFRODVWLFD Articolo 9 Fin a lità 1. A p a rtire da l 0 1/ 0 9/ 2000, m oda lità e criteri d i a p p lica zion e dei d iritti s in da ca li a ll in tern o delle s in gole is titu zion i s cola s tich e s on o oggetto d i appos ita con tra tta zion e in tegra tiva a livello d i s cu ola, s econ do qu a n to previs to da ll a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ Gli a rticoli ch e s egu on o defin is con o i requ is iti m in im i da ga ra n tirs i reciproca m en te, n elle rela zion i s in da ca li a livello d i s in gola is titu zion e scola s tica, fra la p a rte pu bb lica e la p a rte s in da ca le. 3. Ai fin i d i cu i a l com m a preceden te, gli a s petti delle rela zion i s in da ca li a livello d i s in gola is titu zion e s cola s tica even tu a lm en te n on con tem p la ti da gli a p pos iti con tra tti decen tra ti d i s cu ola s ottoscritti a i s en s i dell a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 05/ 9 9, s on o com u n qu e regola ti da l p res en te Protocollo d In tes a qu a lora ivi con ten u ti.

6 Articolo 1 0 As s em blee di s cu ola 1. Nell a m b ito della p rop ria is titu zion e s cola s tica di riferim en to, per tu tte le tipologie d i Pers on a le ivi opera n ti, ogn i s in gola R.S.U. p u ò con voca re a s sem blee s ia in ora rio s ia fu ori ora rio d i s ervizio, n ei lim iti p revis ti d a ll a rt.3 com m a 1 2 del pres en te Accordo. 2. L Ord in e del Giorn o delle a s sem blee con voca te da lle R.S.U. deve es s ere con form e a lle m a terie previs te da ll a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 05/ 9 9 e s u cces s ive m odifica zion i. 3. La con voca zion e delle a s s em blee di cu i a l preceden te com m a 1 deve a vven ire s econ do qu a n to previs to da lle dis pos izion i n orm a tive e con tra ttu a li vigen ti e, in pa rticola r m odo, a i s en s i d i qu a n to con ten u to n ell a rt.13 del C.C.N.L. Scu ola 04/ 0 8/ 95 n on ch é n el pres en te Protocollo d In tes a. Altres ì, la decis ion e d i con voca re le a s s em b lee in oggetto deve ess ere a s s u n ta a lm en o a m a ggiora n za dei m em b ri della s in gola R.S.U.. 4. Secon do qu a n to previs to da ll a rticolo 1 3 com m a 6 del C.C.N.L. Scu ola 0 4/ 0 8/ 95, n el ca s o di a s sem blee in ora rio d i s ervizio ch e coin volga n o i Dipen den ti di u n u n ica is titu zion e s cola s tica la du ra ta m a s s im a è fis sata in du e ore. 5. Qu a n to d is pos to da l preceden te a rticolo 3 a i com m i 5, 6, 7, 8, 9, 10, 1 1, 1 2 e 13 s i a p p lica a n ch e n el ca s o di a s s em b lee ch e rigu a rd in o u n a s ola is titu zion e s cola s tica. Articolo 1 1 Moda lità d i fru izion e dei perm es s i s in da ca li 1. Le Ra ppres en ta n ze Sin da ca li Un ita rie (R.S.U.) pos s on o fru ire di perm ess i s in da ca li per lo s volgim en to d i a s s em blee, per gli a p pos iti in con tri rela tivi a lle rela zion i s in da ca li d i s cu ola d i cu i a ll a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ 9 9, n on ch é per tu tto qu a n to previs to da lla n orm a tiva vigen te in m a teria. 2. I perm ess i s in da ca li d i cu i a l com m a p receden te pos s on o es s ere fru iti en tro i lim iti com p les s ivi ed in d ivid u a li, s econ do le m oda lità p revis te da lla n orm a tiva d i riferim en to in vigore. 3. Il m on te ore a n n u a le d i perm es s i s in da ca li retribu iti s petta n te a d ogn i s in gola R.S.U., s a lvo decis on e divers a a s s u n ta a ll u n a n im ità da tu tti i com pon en ti, va s u dd ivis o in m a n iera equ a fra tu tti i m em bri dell orga n is m o s in da ca le in in d irizzo. 4. La fru izion e dei perm es s i s in da ca li d i cu i a l p receden te com m a 1 è com u n ica ta form a lm en te a l Dirigen te Scola s tico in via es clu s iva da lle R.S.U., s econ do tem pi e m od a lità con corda ti a livello d is titu to. Le R.S.U. n on s on o ten u te a d a s s olvere a n es s u n a ltro a dem p im en to per a s s en ta rs i. 5. Fa tto s a lvo qu a n to d is pos to da l preceden te com m a 2, la con ces s ion e dei perm es s i di cu i a l preceden te com m a 1 s i con figu ra com e u n a tto dovu to, a pres cin dere da lla com pa tib ilità delle es igen ze d i s ervizio con l a s sen za dei m em bri com pon en ti la R.S.U.. 6. Le m oda lità d i fru izion e degli u lteriori perm es s i ora ri in dividu a li s petta n ti s pecifica m en te a i Ra p pres en ta n ti dei La vora tori per la Sicu rezza (R.L.S.) s a ra n n o con tra tta te in ogn i s in gola is titu zion e s cola s tica a i s en s i dell a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ Sa lvo qu a n to dis pos to da l preceden te com m a 2, a n ch e la con ces s ion e dei perm es s i di cu i a l preceden te com m a 6 s i con figu ra in ogn i ca s o com e u n a tto dovu to, a p res cin dere d a lla com pa tib ilità delle es igen ze d i s ervizio con l a s s en za del R.L.S.. Articolo 1 2 Pa trocin io ed a ccess o a gli a tti 1. Le R.S.U. e le Segreterie Provin cia li e/ o Region a li delle Orga n izza zion i Sin da ca li h a n n o d iritto d i a cces s o a gli a tti della s cu ola s u tu tte le m a terie oggetto di in form a zion e p reven tiva e s u cces s iva di cu i a ll a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 26 / 05/ 9 9.

7 Articolo 1 3 Agibilità s in da ca le a ll in tern o delle s cu ole 1. Le s tru ttu re s in da ca li territoria li pos s on o in via re com u n ica zion i e/ o m a teria li a lle R.S.U. tra m ite lettera scritta, fon ogra m m a, telegra m m a, fa x, e posta elettron ica. 2. Il Dirigen te Scola s tico a s s icu ra la tem pes tiva tra s m is s ion e a lle R.S.U. d i tu tte le com u n ica zion i e di tu tto il m a teria le ch e a qu es te vien e in via to d a lle ris pettive s tru ttu re sin da ca li territoria li. 3. Al d i fu ori dell ora rio ob b liga torio d i lezion e in cla s s e, per m otivi d i ca ra ttere s in da ca le, a lle R.S.U. è con s en tito d i com u n ica re con il Pers on a le du ra n te l ora rio d i s ervizio. 4. Al d i fu ori dell ora rio ob b liga torio di s ervizio, per m otivi di ord in e s in da ca le, in via eccezion a le e previa com u n ica zion e a l Dirigen te Scola s tico, a lle R.S.U. è con s en tito l u s o gra tu ito del telefon o (esclu s iva m en te per telefon a te u rba n e e/ o in tercom u n a li n ell a m b ito della Provin cia ), del fa x (es clu s iva m en te per tra s m is s ion i n ell a m b ito del territorio della Region e), del ciclos tile e della fotocopia trice (in en tra m b i i ca s i per la qu a n tità m in im a in d is pen s a b ile d i copie). 5. Fu ori dell ora rio obb liga torio di s ervizio, a lle R.S.U. è qu otid ia n a m en te ga ra n tito l u s o gra tu ito d i u n Pers on a l Com p u ter e d i u n a s ta m p a n te, com p res o il libero u tilizzo della pos ta elettron ica per ges tire, ricevere, sped ire e s ta m pa re m a teria le s in d a ca le p roven ien te da lle s tru ttu re s in da ca li territoria li o a qu es te u ltim e da in via re/ in via to. 6. In ca s i pa les em en te u rgen ti, oggettiva m en te in d ifferib ili e n on p rocra s tin a b ili, qu a n to previs to da i preceden ti com m i 4 e 5 è con s en tito a n ch e du ra n te l ora rio ob b liga torio d i s ervizio, s eppu re s em pre a l d i fu ori dell ora rio obb liga torio di lezion e in cla s s e. 7. Nella s ede cen tra le delle s in gole is titu zion i s cola s tich e del territorio region a le e n elle even tu a li rela tive s u ccu rs a li, s cu ole s ta cca te e/ o coordin a te, a lle Orga n izza zion i Sin da ca li d i cu i a gli a rtt. 4 7 com m a 2 e 4 7 b is del D.Lgs.29/ 9 3 e s u ccess ive m odifica zion i, è ga ra n tito l u tilizzo d i u n a ppos ita Ba ch eca s in da ca le a i fin i dell es ercizio del d iritto di a ffis s ion e d i cu i a ll a rt.2 5 della L.300/ Le Ba ch ech e s in da ca li d i cu i a l com m a p receden te s on o a lles tite in via perm a n en te in lu ogh i a cces s ib ili, vis ibili, n on m a rgin a li, ben s ì di n orm a le tra n s ito da pa rte del Pers on a le in s ervizio a s cu ola. 9. Le R.S.U. h a n n o d iritto d i a ffiggere n elle Ba ch ech e d i cu i a i p receden ti com m i 8 e 9 m a teria le d i in teres se s in da ca le e del la voro, in con form ità a lla n orm a tiva vigen te s u lla s ta m pa, e s en za preven tiva a u torizza zion e del Dirigen te Scola s tico. 10. Ai fin i dell a ffis s ion e n elle Bach ech e s in d a ca li d i s cu ola, s ta m pa ti e docu m en ti pos s on o ess ere d iretta m en te in via ti a lle is titu zion i s cola s tich e da lle s tru ttu re s in da ca li territoria li, oppu re pos s on o ess ere es pos te e s igla te a u ton om a m en te da lle R.S.U. con decis ion e a m a ggiora n za. 11. Ferm o res ta n do l ob bligo del p u n tu a le a dem p im en to dei prop ri doveri con tra ttu a li, s en za com prom ettere il n orm a le s volgim en to del la voro, a ll in tern o delle s in gole is titu zion i s cola s tich e a la vora trici e la vora tori è con s en tito ra ccogliere con tribu ti e s volgere opera d i pros elitis m o per la p ropria Orga n izza zion e Sin da ca le, secon do qu a n to dis pos to da ll a rt.2 6 della L.3 0 0/ 7 0. Articolo 1 4 Cos titu zion e form a le d i n u ovi term in a li a s s ocia tivi s in da ca li 1. Secon do qu a n to in d ica to n ella n ota dell A.R.A.N. del 3 0/ 0 1/ (Prot.n ), le Segreterie Region a li e/ o Provin cia li delle Orga n izza zion i Sin da ca li ch e h a n n o p a rtecipa to a lle elezion i delle R.S.U. del d icem bre pos s on o cos titu ire, a ll in tern o delle s in gole is titu zion i s cola s tich e, u n Term in a le As s ocia tivo della propria Orga n izza zion e Sin d a ca le. Articolo 1 5 Com pon en ti delle delega zion i tra tta n ti 1. Ai s en s i dell a rt.9 del C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 0 5/ 9 9 e della n ota dell A.R.A.N. del 30/ 0 1/ (Prot.n ), in occa s ion e della con tra tta zion e in tegra tiva d i s cu ola, le delega zion i tra tta n ti s on o costitu ite com e s egu e: a ) per la pa rte pu bb lica : da l Dirigen te Scola s tico; b ) per la p a rte s in da ca le: d a lle R.S.U. d i s cu ola e d a i ra p pres en ta n ti delle Segreterie Provin cia li delle Orga n izza zion i Sin da ca li firm a ta rie del C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 0 5/ Le da te e gli ora ri d i s volgim en to degli in con tri d i con tra tta zion e in tegra tiva decen tra ta d i cu i a ll a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ 9 9, devon o ess ere porta ti a con os cen za delle R.S.U. e delle

8 Segreterie Provin cia li delle Orga n izza zion i Sin da ca li firm a ta rie del C.C.N.L. Scu ola 26/ 05/ 9 9 con con gru o a n ticipo. 3. Per la pa rtecipa zion e a gli in con t ri di con tra tta zion e in tegra tiva decen tra ta d i cu i a ll a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ 99, le Segreterie Provin cia li delle Orga n izza zion i Sin da ca li firm a ta rie del C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 0 5/ 99 pos s on o delega re m em bri d i Con s u lte e Coordin a m en ti form a lm en te a ccredita ti da lle Orga n izza zion i Sin da ca li. 4. La delega d i cu i a l com m a p receden te deve es sere fa tta obbliga toria m en te per is critto ed in via ta tem pes tiva m en te s ia a l Dirigen te Scola s tico s ia a lla R.S.U.. 5. Le con tra tta zion i in tegra tive d is titu to d i cu i a ll a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 0 5/ 99 s on o va lide s e s ottos critte da l Dirigen te Scola s tico e da lla R.S.U.. Articolo 1 6 Con tin gen ti m in im i d i Pers on a le Edu ca tivo ed A.T.A. in ca s o di s ciopero 1. Ai s en s i dell a rt.6 del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ 9 9 i con tin gen ti m in im i d i Pers on a le Ed u ca tivo ed A.T.A. in ca s o di s ciopero s on o oggetto di con tra tta zion e decen tra ta a livello d i s in gola is titu zion e s cola s tica. 2. Nelle s cu ole in cu i per qu a ls ivoglia m otivo n on è s ta ta effettu a ta la con tra tta zion e decen tra ta d i cu i a l com m a p receden te, per qu a n to con cern e la m a teria oggetto del p res en te a rticolo s i a p p lica qu a n to d is pos to da l com m a s egu en te. 3. Secon do qu a n to defin ito da lla L.1 46/ 90, da lla L.83/ , d a ll a ppos ito Allega to a l C.C.N.L. Scu ola 2 6/ 0 5/ 9 9 e da ll Accordo In tegra tivo Na zion a le del 08/ 1 0/ 99, s i con vien e ch e in ca s o d i s ciopero del Pers on a le Edu ca tivo ed A.T.A. il s ervizio deve es sere ga ra n tito esclu s iva m en te in pres en za delle pa rticola ri e s pecifich e s itu a zion i s otto elen ca te: Svolgim en to d i qu a ls ia s i tipo d i es a m e fin a le e/ o s cru tin i fin a li: a l m a s s im o n 1 As s is ten te Am m in is tra tivo, n 1 As s is ten te Tecn ico, e n 1 Colla bora tore Scola s tico; La vigila n za s tra ord in a ria du ra n te il s ervizio d i m en s a in occa s ion e di con tem pora n eo s ciopero del Pers on a le Docen te, n el ca s o in cu i per m otivi a s s olu ta m en te eccezion a li il Dirigen te Scola s tico s ia oggettiva m en te cos tretto a m a n ten ere il s ervizio s tess o: a l m a s s im o n 1/ 2 Colla bora tori Scola s tici; La cu ra del bes tia m e n egli Is titu ti Agra ri: a l m a s s im o n 1 As s is ten te Tecn ico, n 1 Colla bora tore Scola s tico Tecn ico, e n 1 Colla bora tore Scola s tico; Il fu n zion a m en to degli im p ia n ti d i ris ca lda m en to s e con dotti d iretta m en te da lla s cu ola : a l m a s s im o n 1 u n ità d i Pers on a le in pos s es s o del pa ten tin o per la con d u zion e di ca lda ie; La ra ccolta e lo s m a ltim en to dei rifiu ti tos s ici e n ocivi: a l m a s s im o n 1 As s is ten te Tecn ico, e n 1 Colla bora tore Scola s tico; Il pa ga m en to degli s tip en d i a i s u p p len ti tem p ora n ei: a l m a s s im o il Direttore dei Servizi Gen era li ed Am m in is tra tivi, n 1 As s is ten te Am m in is tra tivo, e n 1 Colla bora tore Scola s tico; La vigila n za n ottu rn a ed il s ervizio d i m en s a n ei con vitti e/ o edu ca n da ti: a l m a s s im o n 1 Is titu tore, n 1 Cu oco, n 1 In ferm iere, e n 1 Colla bora tore Scola s tico. 4. Al di fu ori delle s pecifich e s itu a zion i elen ca te a l com m a preceden te, n on p otrà es s ere im pedita l a des ion e tota le a llo s ciopero d i la vora trici e la vora tori, in qu a n to n es su n a tto a u torita tivo potrà es sere a ss u n to da i Dirigen ti Scola s tici n ei con fron ti dei Dipen den ti s en za u n a p pos ito a ccordo con le R.S.U. o con le Orga n izza zion i Sin da ca li Provin cia li e/ o Region a li firm a ta rie del C.C.N.L. Scu ola 26/ 0 5/ Nel ca s o di even tu a li s cioperi, en tro 48 ore il Dirigen te Scola s tico con s egn a a lle R.S.U. ed in via a lla Direzion e Scola s tica Region a le, per il tra m ite degli Uffici Scola s tici Provin cia li, u n a com u n ica zion e s critta riep iloga tiva del n u m ero es a tto degli s ciopera n ti, con la rela tiva percen tu a le d i a des ion e. 6. I Dipen den ti p recetta ti u fficia lm en te per l es pleta m en to dei s ervizi m in im i di cu i a l p receden te com m a 3, va n n o com p u ta ti fra coloro ch e h a n n o a derito a llo s ciopero, m a devon o ess ere esclu s i d a lle tra tten u te s tipen d ia li. 7. En tro 5 giorn i da llo s ciopero, la Direzion e Scola s tica Region a le in via a l Min is tero della Pu b blica Is tru zion e ed a lle Segreterie Region a li e Provin cia li delle Orga n izza zion i Sin d a ca li firm a ta rie del p res en te Protocollo, u n a com u n ica zion e s critta riep iloga tiva del n u m ero es a tto degli s ciopera n ti, con la rela tiva percen tu a le d i a des ion e. 8. La com u n ica zion e d i cu i a l com m a preceden te deve con ten ere s ia il da to gen era le region a le, s ia i s in goli d a ti provin cia li.

9 Articolo 1 7 L.241/ 90 e tu tela della priva cy 1. L a ffis s ion e a ll Albo u fficia le della Scu ola dei pros petti riep iloga tivi d ell u tilizzo del Fon do dell Is titu zion e Scola s tica com pren s ivi d i n om in a tivi, a ttività, im pegn i ora ri e rela tivi com pen s i, n on cos titu is ce viola zion e della n orm a tiva vigen te s u lla p riva cy in qu a n to deb ita m en te a p p lica tiva d i p recis e dis pos izion i n orm a tive e con tra ttu a li. 2. Copia dei p ros petti d i cu i a l com m a preceden te vien e con s egn a ta tem pes tiva m en te a n ch e a lle R.S.U.. 3DUWHTXDUWD 'LVSRVL]LRQLILQDOL Articolo 1 8 Verifica dello s ta to di a ttu a zion e 1. Le pa rti firm a ta rie del pres en te Accordo s im p egn a n o a d in con tra rs i en tro il 31 a gos to di cia s cu n a n n o s cola s tico, per verifica re lo s ta to di a ttu a zion e del pres en te Protocollo in tu tte le s u e pa rti. Articolo 1 9 Cla u s ola d i s a lva gu a rd ia 1. Resta s a lvo il d iritto, per le Orga n izza zion i Sin d a ca li firm a ta rie del pres en te Protocollo, di a dire le vie lega li n elle s edi giu d izia rie riten u te opportu n e per ga ra n tire l a p p lica zion e dell a rt.28 della L.3 0 0/ 7 0, a ven te per oggetto la rep res s ion e della con dotta a n tis in da ca le.

NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO 5HJRODPHQWRGL*HVWLRQH

NEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO 5HJRODPHQWRGL*HVWLRQH &2081(', &,&(5$/(,62/$(&2/2*,&$ 5HJRODPHQWRGL*HVWLRQH $57²2**(772 Il pres en te regola m en to dis ciplin a l orga n izza zion e e la ges tion e dell Is ola Ecologica Com u n a le. In pa rticola re il

Dettagli

RICHIESTA CONVERSIONE DI ABILITAZIONE DI ISTRUTTORE DI GUIDA DA MILITARE A CIVILE

RICHIESTA CONVERSIONE DI ABILITAZIONE DI ISTRUTTORE DI GUIDA DA MILITARE A CIVILE IN BOLLO Alla PROVINCIA DI IMPERIA E. 14.62 Settore V. T. - LL.PP e Grandi Infrastrutture Ufficio Trasporti Via G. Matteotti, 147 18100 IMPERIA RICHIESTA CONVERSIONE DI ABILITAZIONE DI ISTRUTTORE DI GUIDA

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le...

P re m e s s a L a g e s tio n e d e lle ris o rs e u m a n e Il S is te m a In fo rm a tiv o D o g a n a le... 211 BILANCIO DI ESERCIZIO IN D IC E 2 IN D IC E G E N E R A L E I. R e la z io n e s u lla G e s tio n e II. S ta to p a tr im o n ia le e C o n to e c o n o m ic o III. N o ta in te g r a tiv a IV. R

Dettagli

3URI3LHWUR6HPHUDUR $VVRFLDWRGL'LULWWRSHQDOHQHOO 8QLYHUVLWjGL%HUJDPR 2VVHUYD]LRQLVXOODULIRUPDGHOODOHJLWWLPDGLIHVD

3URI3LHWUR6HPHUDUR $VVRFLDWRGL'LULWWRSHQDOHQHOO 8QLYHUVLWjGL%HUJDPR 2VVHUYD]LRQLVXOODULIRUPDGHOODOHJLWWLPDGLIHVD 3URI3LHWUR6HPHUDUR $VVRFLDWRGL'LULWWRSHQDOHQHOO 8QLYHUVLWjGL%HUJDPR 2VVHUYD]LRQLVXOODULIRUPDGHOODOHJLWWLPDGLIHVD Con la l. 13 feb bra io 2 006 n. 5 9, il cu i a rt.1 dis ciplin a il Diritto a ll a u totu

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

&2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR

&2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR &2081,&$7267$03$ %DFLQR FRPSOHWDWL L ODYRUL GL DPPRGHUQDPHQWR GHO SL JUDQGH EDFLQR GL ULSDUD]LRQLQDYDOLGHOSRUWR Con il com pleta m en to dei la vori a l Ba cin o di ca ren a ggio n. 3, s i con clu de la

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE PER TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO AI SENSI DELLA LEGGE 24/ 06/ 1997, N 196 (art. 18) E DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 25/ 03/ 1998, N 142 La pres en te con ven zion e regola i ra pporti

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA 5(/$=,21(,//8675$7,9$7(&1,&2),1$1=,$5,$ '(/&2175$772&2//(77,92'(&(175$72,17(*5$7,92'(/3(5621$/(121 ',5,*(17('(//$&&,$$',9(521$3(5,/48$'5,(11,21250$7,92 In data 26.9.2008, il Pres iden te della delega zion

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

Regolamento n. 63 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE PROVINCIALI

Regolamento n. 63 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE PROVINCIALI Regolamento n. 63 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE PROVINCIALI TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto e scopo del Regolamento 1. Il pres en te Regola m en to con tien e la dis ciplin a gen era

Dettagli

(MAX 10 CARTELLE) Nom e d el Pr oget t o: (QWLORFDOLSHULOYRORQWDULDWR JLRYDQLOHQHLSDHVLLQYLDGLVYLOXSSRµ. Com u n e Ca pofila : Com u n e di Segra te

(MAX 10 CARTELLE) Nom e d el Pr oget t o: (QWLORFDOLSHULOYRORQWDULDWR JLRYDQLOHQHLSDHVLLQYLDGLVYLOXSSRµ. Com u n e Ca pofila : Com u n e di Segra te $//(*$72 %µ 352*(772(6(&87,92 (MAX 10 CARTELLE) Nom e d el Pr oget t o: (QWLORFDOLSHULOYRORQWDULDWR JLRYDQLOHQHLSDHVLLQYLDGLVYLOXSSRµ Com u n e Ca pofila : Com u n e di Segra te '$7,352*(772 ƒ 1RPH GHO

Dettagli

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c -

te re, s u l p ro p rio te rrito rio, l e s e rc iz io d e ll a ttiv ità d i te c - 1 7 D IC EM B RE 2 0 0 4 B OLLETTINO UF F IC IALE D ELLA REGIONE M ARC H E ANNO X X X V N. 1 3 3 Deliberazione n. 1408 del 23/11/2004. Lege 26/10/1995 n. 447, art. 2, commi 6, 7, 8 - D.P.C.M. 3 1/03 /1998.

Dettagli

LICENZA CONTO PROPRIO

LICENZA CONTO PROPRIO LICENZA CONTO PROPRIO V. Giugno 2011 N. 1 marca da bollo da euro 14,62 ALLA PROVINCIA DI IMPERIA Ufficio Trasporti Viale Matteotti n. 147 18100 IMPERIA (IM) OGGETTO: L. 298/74 Art. 32 Richiesta di rilascio/aggiornamento

Dettagli

RAPPORTO S ULLA GES TIONE DEI RIFIUTI in

RAPPORTO S ULLA GES TIONE DEI RIFIUTI in PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE AMBIENTE E SUOLO OSSERVATORIO PROVINCIALE SUI RIFIUTI RAPPORTO S ULLA GES TIONE DEI RIFIUTI in PROVINCIA DI RAVENNA ANNI 2 0 0 7-2 0 0 8 Analis i d ei d ati d i raccolta, raccolta

Dettagli

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO.

ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. Pro-m e m oria provvis orio s u : ASSEGNO STRAORDINARIO DI SOSTEGNO AL RED DITO. ( al pu n to 10. de l pre s e n te pro-m e m oria, le m o dificazion i apportate d all Acco rd o ABI 8 lu glio 20 11 ).

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO

CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO CITTA DI MANDURIA PROVINCIA DI TARANTO VERBALE N. 2 DELLA GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI CONNETTIVITÀ DELLA CN RUPAR-SPC, PER LA DURATA DI 48 MESI MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA DI RILANCIO DEL CONFRONTO

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n

T E R A P IA IN S U L IN IC A IN. D r.s s a F ra n c a G ia c o n T E R A P IA IN U L IN IC A IN O P E D A L E T A R G E T G L IC E M IC I N E L P A Z IE N T E D IA B E T IC O D I T IP O 2 R IC O V E R A T O G li a n a lo g h i d e ll'in s u lin a C o n e g lia n o,

Dettagli

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00

0,00 0, Tipologia 104: Compartecipazioni di trib u ti 0,00 0,00 Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana- Serie Generale n.139 del 16.06.6 Regioni, Province autonom e, enti regionali e enti locali Prospetto di cui all'articolo 8, comma 1, del Decreto Legge 24 aprile

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI

Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI Cu rricu lu m p ro fe ssio n ale d i CARLO BALDASSI Carlo Bald assi (Ud in e, 1 9 5 1 ) d o p o la la u r ea in Scien ze Po lit ich e a ll Un iver sit à d i Mila n o (1 1 0 / 1 1 0 ), h a svilu p p a t

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA

SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA SA IN BIANCO, SPOSA ROSSO. RITO DEL MATRIMONIO:, BIAMENTO E CONTINUITA S p o s e i n b i a n c o, s p o s e i n r o s s o. S o n o d u e i m m a g i n i d i m a t r i m o n i a s s a i u s u a l i c h

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena acerbi_c@comune.cesena.fc.it Robert Ridolfi

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

e CARTA DEI SERVIZI An n o d i r i f e r i m e n t o 2 0 0 7 P A R T E P R I M A P R I N C I P I F O N D A M E N T A L I 1. 1 P R E M E S S A P a n s e r v i c e s. a. s. d i F. C u s e o & C. ( d i s

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i

ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e m o zio n i CON VEGN O D P S : 1 5-1 2-2 0 1 6 IN S IEM E P ER IN VECCH IAR E CON S U CCES S O Con t r ib u t o Is t it u t o F r is ia M e r a t e ATTIM I Le i m m a g i n i c o m e c o n t e n it o ri d e lle e

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo

Dal Curare al Prendersi Cura. Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo Dal Curare al Prendersi Cura Dr. Pietro La Ciura S.O.C. Cure Palliative e Hospice ASL CN1 - Cuneo La cura& & nella mitologia Mentre C ura stava attraversando un certo fiume, vide del fango argilloso. Lo

Dettagli

d.ssa Maria Grazia Virga

d.ssa Maria Grazia Virga A S S E S S O R A TO P A R I O P P O R TU N ITA FE D E R A Z ION E ITA LIA N A D O N N E A R TI P R O FE S S IO N I A FFA R I S E Z IO N E D I C A C C A M O (P A ) Caccamo, 9 gennaio 2010 Infoday AGEVOLAZIONI

Dettagli

EDWARD LEAR ESCURSIONI ILLUSTRATE NEGLI ABRUZZI

EDWARD LEAR ESCURSIONI ILLUSTRATE NEGLI ABRUZZI EDWARD LEAR ESCURSIONI ILLUSTRATE NEGLI ABRUZZI 1 PREFAZIONE DELL'AUTORE Nel pres en ta re qu es to volu m e a l pu bblico, dich ia ro ch e è u n a des crizion e di u n a pa rte dell'ita lia ch e, per

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

S U L L A V I A D E L L A S E L C E

S U L L A V I A D E L L A S E L C E S U L L A V I A D E L L A S E L C E Dopo aver fatto la c o n osc e n z a d e l l esp era n to, il ca l amaio per l a pa c e s i avvicina a l l a c os id d etta l i n - gua fra n c a ( l a l i n gua utilizzata

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina. SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico DETERMINAZIONE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina. SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico DETERMINAZIONE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SettoreAttività Produttive e Farmacia-Gare e Contratti-Patrimonio-Demografico-Statistico Servizio: Patrimonio N.22 formia lì, 16.11. 2015 DETERMINAZIONE OGGETTO: affidamento

Dettagli

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di

s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità am bie n tale de l te rrito rio C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di + P rogetto C onvegno I l fu tu ro e n e rg e tic o de lla P ro vin c ia di B e llu n o A zio n i c o n g iu n te e s tru m e n ti pe r la s o s te n ibilità e n e rg e tic a e am bie n tale de l te rrito

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SEZIONE N 47 R E G.G E N E R A LE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ROMA SEZIONE 47 N 19561/2014 UDIENZA D E L 05/02/2016 ore 09:00 riunita con l'intervento

Dettagli

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w.

MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U) J 'i u d e n t e > t Y ; ~ / J < m v w ; w e l a f?? a / J c t è o ~ W J w. MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0000674.03-02-2016 ~ ~.( ) d e l! ocba Y :J tn tj a O? l~ -, d e!lrv J ln iv (ff.j d d e d e l l a~ c a q )~ ~ d ~ ~ ~ '~ e ~ '~ g z ; ~ M m,e ~ jw J < kjihgfedcbazyxwvutsrqponmlkjihgfedcba

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

DIZIONARIETTO RAGIONATO ED ESEMPLIFICATO DELLE FALLACIE

DIZIONARIETTO RAGIONATO ED ESEMPLIFICATO DELLE FALLACIE L ENCICLOFALLACIA DIZIONARIETTO RAGIONATO ED ESEMPLIFICATO DELLE FALLACIE a uso non solo didattico Gli errori dell a rgom en ta zion e (o del ra gion a m en to) s on o tra dizion a lm en te ch ia m a ti

Dettagli

ART. 1 DEFIN IZION E DI SALA GIOCH I. E sala gioco, il locale con più d i sei apparecchi d i pu ro trattenim ento e svago.

ART. 1 DEFIN IZION E DI SALA GIOCH I. E sala gioco, il locale con più d i sei apparecchi d i pu ro trattenim ento e svago. 5(*2/$0(1723(5,/5,/$6&,2', /,&(1=(3(56$/$*,2&+, ART. 1 DEFIN IZION E DI SALA GIOCH I E sala gioco, il locale con più d i sei apparecchi d i pu ro trattenim ento e svago. ART. 2 N UMERO MASSIMO DI SALE

Dettagli

Anna Maria Sapienza-lngegnere-

Anna Maria Sapienza-lngegnere- Anna Maria Sapienza-lngegnere- Laureata con 104, Novembre 1982, a, relatore Prof. Colombini. Abilitazione all esercizio professiona, 1983 Iscritto all'o rdine degli Ingegneri di 1983 1) A ttività di formazione,

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

L E G G E F INANZIARIA 2007

L E G G E F INANZIARIA 2007 FORUM PERMANENTE L E G G E F INANZIARIA 2007 art. 1 comma 263 PREVEDE IL PASSAGGIO DI 2 01 IMMOB IL I DE L L A DIF E S A (CASERME, TERRENI, ARSENALI, POLIGONI) NON PIÙNECESSARI PER USI MILITARI NEL PATRIMONIO

Dettagli

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia

La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia La Programmazione regionale delle politiche per la prima infanzia Lug lio 2010 A rea politic he per la prom ozione della s a lute, delle pers one e delle pa ri opportunità S ervizio P olitic he di B enes

Dettagli

ESULTI IL CORO DEGLI ANGELI (Praeconium Paschale - Exultet)

ESULTI IL CORO DEGLI ANGELI (Praeconium Paschale - Exultet) Voce Organo Anno: 2002 Album: Veglia pasquale Solenne qd = 60 E sul ti il co ro de ESULTI IL CORO DEGLI ANGELI (Praeconium Paschale - Exultet) gliian ge li, e sul ti l'as-sem ble a ce Musica di: Marco

Dettagli

LIVELLI DI QUALITA' DEL SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI in vigore dal 1 Luglio 2008

LIVELLI DI QUALITA' DEL SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI in vigore dal 1 Luglio 2008 LIVELLI DI QUALITA' DEL SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI in vigore dal 1 Luglio 2008 SINTETICA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO In qu es ta s ezion e ven gon o illu s tra ti s in tetica m en te i s ervizi eroga ti, a

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

Venerdì 17 Aprile 2009 Sala Marvelli Provincia di Rimini Via Dario Campana, 64

Venerdì 17 Aprile 2009 Sala Marvelli Provincia di Rimini Via Dario Campana, 64 CONVEGNO Requisiti di rendimento energetico e procedure di certificazione energetica degli edifici, la progettazione edilizia verso la riduzione dell utilizzo di energia fossile Venerdì 17 Aprile 2009

Dettagli

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA ' DIRITTO SOCIETARIO varie SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI PERDITA DELLA MUTUALITA PREVA LENTE BILANCIO STRAORDINARIO RIACQUI SIZIONE DELLE CONDIZIO NI DI PREVALE NZA PERDITA DELLA QUALIFICA DI COOPERATIVA "'

Dettagli

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007

IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot dd 07/09/2007 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Protezione Civile della Regione IL PIANO REGIONALE DEL SERVIZIO DI PIENA Provv. Ass.Reg.le alla Protezione civile n. di prot. 12775 dd 07/09/2007 PALMANOVA, 5 febbraio

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T PARTENZA 01 APRILE 435,00

PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T PARTENZA 01 APRILE 435,00 PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T P E N S IO N E C O M P LE TA C O N LE B E V A N D E PARTENZA 01 APRILE 435,00 CAPO VERDE - BOAVISTA A TLA N TIS C LU B M A R IN E 9G G /7N

Dettagli

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO I n f o r m a z io n i pe r s o n a l i Nome Indirizzo Cozzo D a c ia Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita E s p e r ie n z a l a v o r a t iv a

Dettagli

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE

GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE Diritto ed Economia dell Ambiente Collana a cura L Fondazione Lombardia per l Ambiente 8 GREEN ECONOMY E LEVE NORMATIVE a cura AG G i u f f r è E d it o r e INDICE Introduzione. Green econom y e leve norm

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche

Università degli Studi di Napoli Federico II. Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche Università degli Studi di Napoli Federico II Biblioteca di Area Scienze Politiche c uriosando in Bibl i oteca Spunti tematici

Dettagli

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1

assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69 del 2 0. 03. 2 01 1 C O M U N E D I C H I O G G IA REGOLAMENTO PER L "APPLICAZIONE DELLA TAR FA DI IGL NE AMB1-ENTALE Approvato con deli'bera delcommissario STR IORDINARIO assunta con i po ten' delconslgi 'o Comunale n. 69

Dettagli

Da inserire nella BUSTA A) - Bando Vigilanza armata Consiglio Regionale - Documentazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

Da inserire nella BUSTA A) - Bando Vigilanza armata Consiglio Regionale - Documentazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA AUTORITA REGIONALE Stazione Unica Appaltante Cittadella Regionale Loc. Germaneto - 88100 CATANZARO Spett e AUT RITA REGI A E Sta i e U ica Appa ta te

Dettagli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli

COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli COMUNE D I SANT ANTONIO AB A TE Provincia di Napoli Piazza V. Emanuele II tei. 081/3911231 - Fax - 081/8797793 Prot. n. 12 8 6 2 Spedita il 1 0 MR8, 2016 COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali a cura di Carmen Ragno 1 Programma Il Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Il Social Statement

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE: TECNOLOGIE TESSILI classe Terza Le lezioni di Tecnologie Tessili hanno come scopo la conoscenza delle fibre tessili, dei filati e dei L o bbiettivo è que llo di co lle ga re

Dettagli

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le?

C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? C u re P rim a rie e Dis tu rb i P s ic h ia t ric i C o m u n i: U n a R is o rs a pe r la S a lu te Me n t a le? Pro f. Do m e n ic o Be ra rd i Is titu to d i Ps ic h ia tria, Un iv e rs ità d i Bo

Dettagli

risultato indicatore composito 93,20% 79,60%

risultato indicatore composito 93,20% 79,60% PDR 2010 INDICATORI QUOTA NAZIONALE MARGINE OPERATIVO LORDO (a criteri IAS) RICAVI PRO CAPITE (a criteri IAS) risultato indicatore composito erogazione 93,20% 79,60% PDR 2010 QUOTA REGIONALE Accordi regionali

Dettagli

Quattro canti natalizi per coro misto a cappella

Quattro canti natalizi per coro misto a cappella A R O Z C C A N T E Quattro canti natalizi er coro misto a caella 2013 Il messaggio di Gabriele La mezzanotte alin scoccò Gli uccelli eran uggiti agando sotto il cielo da un canto oolare basco sorano contralto

Dettagli

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI . - TI TII, ISII TTI IULII 8 fig. u a d ro co m a n d i cce s s o ca m e ra fu m o p e r p u iz ia S p ia co n tro o fia a a n d a ta ris ca d a m e n to ito rn o ris ca d a m e n to T tta cco v a s o

Dettagli

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico

Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento Scolastico CENTRO INTEGRATO SERVIZI SCUOLA/TERRITORIO L ORIENTAMENTO SCOLASTICO NELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 GRADO del Circondario Imolese Risultati dell indagine svolta nell ambito delle iniziative per l Orientamento

Dettagli

PRO SPETTO INFORMA TI VO PER L E EMISSIONI DI OBBL IGA ZIONI BA NCA RIE c. d. PL A IN VA NIL LA

PRO SPETTO INFORMA TI VO PER L E EMISSIONI DI OBBL IGA ZIONI BA NCA RIE c. d. PL A IN VA NIL LA @ B A N CA D I C R E D I TO CO O P E R AT I VO D I A L B E R O B E L LO E S AMM I C H E L E D I B A R I S e d e l e g a l e e a m m i n i s t ra t i v a i n A l b e ro b e l l o V i a l e B a r i n. 1

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL

COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL L ESPERIENZA DELLA RILEVAZIONE PILOTA DEL CENSIMENTO DELLA POPOLAZIONE NEL COMUNE DI PERUGIA L ORGANIZZAZIONE 1 PERUGIA partecipa a tale progetto con l obiettivo della Strategia n. 1 : la gestione degli

Dettagli

Luci ed eclissi sul mare Fari d'italia

Luci ed eclissi sul mare Fari d'italia Enrica Simonetti Luci ed eclissi sul mare Fari d'italia fotografie di Nicola Amato e Sergio Leonardi Editori Laterza Malamocco Faro Rocchetta Ma re e la gu n a circon da n o la s tra da : s ia m o in m

Dettagli

,7,1(5$5,&52&,$7,,17(55$' 275$172 'RFXPHQWLPRQXPHQWLWUDGL]LRQL

,7,1(5$5,&52&,$7,,17(55$' 275$172 'RFXPHQWLPRQXPHQWLWUDGL]LRQL )8/9,2%5$0$72,7,1(5$5,&52&,$7,,17(55$' 275$172 'RFXPHQWLPRQXPHQWLWUDGL]LRQL /$9,$75$,$1$ I vers i di Eliott, decla m a ti a ll a p ertu ra del con vegn o, h a n n o evoca to sen tim en ti ed es perien

Dettagli

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184

callneet CATALOGO FORMATIVO www.callneet.it - info@callneet.it via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 assicuriamo ascolto,garantiamo opportunità. via Isca del Pioppo, Potenza - 0971.21184 www.callneet.it - info@callneet.it CATALOGO FORMATIVO ti N. B. Il catalogo formativo potrà subire delle modifiche a

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

Francesco Longano VIAGGIO PER LO CONTADO DI MOLISE NELL OTTOBRE 1786 OVVERO DESCRIZIONE FISICA, ECONOMICA E POLITICA DEL MEDESIMO

Francesco Longano VIAGGIO PER LO CONTADO DI MOLISE NELL OTTOBRE 1786 OVVERO DESCRIZIONE FISICA, ECONOMICA E POLITICA DEL MEDESIMO Francesco Longano VIAGGIO PER LO CONTADO DI MOLISE NELL OTTOBRE 1786 OVVERO DESCRIZIONE FISICA, ECONOMICA E POLITICA DEL MEDESIMO 1 DESCRIZIONE DEL CONTADO DI MOLISE INTRODUZIONE Il cen tro dell a n tico

Dettagli

Fo glio d in stal la zio ne

Fo glio d in stal la zio ne Fo glio d in stal la zio ne Ma nua le n 18682 Rev. - Questo apparecchio è studiato per funzionare con impianti elettrici da 12Vcc con Negativo a massa. Prima di installarlo controllare la tensione della

Dettagli

Cantiere Navale di La Spezia

Cantiere Navale di La Spezia GESTIONE AMBIENTALE VERIFICATA Reg. n. IT-001460 Cantiere Navale di La Spezia DICHIARAZIONE AMBIENTALE Anno 2015 Redatta secondo i requisiti del Regolamento (CE) n. 1221/2009 EMAS (Eco Management and Audit

Dettagli

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse L EQUILIBRATURA DEI PNEUMATICI PER TUTTE LE AUTO L occhio attento Con Fasep V651 la ruota con o senza cerchi in lega non creerà p iù p ro b le m i agli addetti ai lavori. Quest innovativa equilibratrice

Dettagli

IL BULLISMO. Defin izion e, loca lizza zion e, a n a lis i, m etodi e tecn ich e per a rgin a re il fen om en o.

IL BULLISMO. Defin izion e, loca lizza zion e, a n a lis i, m etodi e tecn ich e per a rgin a re il fen om en o. IL BULLISMO Defin izion e, loca lizza zion e, a n a lis i, m etodi e tecn ich e per a rgin a re il fen om en o. Cos è il Bu llis m o Il Bu llis m o vien e defin ito com e : u n oppres s ion e psicologica

Dettagli

IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI

IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI IS TITU TO S U P ERIORE E. FERRARI SE ASSOCIATE: IPSIA BARCELLONA IPSAA BARCELLONA IPSAA MILAZZO PIAZZA CON VEN TO, 3 BARCELLON A P.G. (ME) tel. 0909702516 0909791453 fax 0909702515 E-m ail: ipiaferrari@tin.it

Dettagli

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione

I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri. S ec c o Freddo. C a ldo P a s s ività. A ttività C ons erva zione C ONDIV IS ION E I l m o ndo s i pres enta s o tto form a di c o ntra ri Fem m inile M a s c hile U m ido S ec c o Freddo C a ldo P a s s ività A ttività C ons erva zione M uta m ento C ontra zio ne E

Dettagli