Il valore strategico dei processi di innovazione aperta per le PMI italiane. La valutazione delle performance nel settore dell arredamento.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il valore strategico dei processi di innovazione aperta per le PMI italiane. La valutazione delle performance nel settore dell arredamento."

Transcript

1 Corso di Laurea magistrale in Economia e gestione delle aziende Tesi di Laurea Il valore strategico dei processi di innovazione aperta per le PMI italiane. La valutazione delle performance nel settore dell arredamento. Relatore Ch.mo Prof. Mario Volpe Laureando Valentino Gallo Matricola Anno Accademico 2011 / 2012

2

3 Indice Introduzione!... VI 1. Un approccio teorico all innovazione! Il concetto di innovazione! Le fasi del processo innovativo! Il grado di novità dell innovazione! Tipologie di innovazione! Gestione dell innovazione! Condivisione della conoscenza! La natura sistemica dell innovazione! Misure dell innovazione: le performance innovative in Europa! Riconoscere l innovazione! Chi misura l innovazione! L Innovation Union Scoreboard! Il contesto europeo dell innovazione! Un confronto internazionale attraverso lo IUS! R&S: fattore chiave per i leader dell innovazione! L innovazione nelle PMI italiane! Innovazione senza ricerca! La posizione competitiva delle PMI! Un approccio proattivo all innovazione! Innovare in tempi di crisi! Innovazione aperta nelle PMI! I

4 4. Processi aperti di innovazione! La dimensione strategica dell innovazione aperta! Fattori di cambiamento nella logica dei processi chiusi d innovazione! Il modello di business! Una cultura organizzativa collaborativa! Progettare un assetto organizzativo orientato all innovazione aperta! Il contesto italiano dell innovazione aperta! Una proposta per il rilancio dell innovazione in Italia! Ricerca e sviluppo nelle PMI italiane! Il modello della design-driven innovation! Una definizione di design utile all economia! Il design nelle strategie di innovazione delle imprese! Il valore dell innovazione design-driven per le imprese italiane! Le PMI nelle reti aperte di innovazione: a quali condizioni?! Acquisizione e protezione della conoscenza nei processi di innovazione aperta! Meccanismi di ricerca e acquisizione della conoscenza nei processi aperti! Le relazioni come fonte di conoscenza! Il rapporto tra industria e Università! Protezione della conoscenza nei processi di innovazione aperta! La tutela brevettuale! Il segreto industriale! Gestione della proprietà intellettuale nei processi di innovazione aperta! Analisi delle informazioni contenute nei brevetti registrati dalle imprese operanti nel settore dell arredamento (2010:2012)! La metodologia di analisi! II

5 7.2 Le variabili utilizzate! La collaborazione tra organizzazioni! Il numero di inventori! La nazionalità degli inventori! Studio aggregato delle prime tre variabili! La citazione di brevetti! Il numero di brevetti citati! Conclusioni dell analisi! Conclusioni e sviluppi futuri! Bibliografia! Sitografia! III

6 Elenco delle figure Figura 1.1: Elementi chiave nella gestione dell innovazione! Figura 2.1: Indicatori dell Innovation Union Scoreboard! Figura 2.2: Performance innovative degli Stati membri dell UE! Figura 2.3 : Convergenza nelle performance innovative! Figura 2.4: Indicatori utilizzati per il confronto internazionale! Figura 2.5: Performance di innovazione dell UE-27 comparata ai maggiori competitor (2006:2010)! Figura 2.6: Performance di crescita dell UE-27! Figura 2.7: Performance di innovazione italiane! Figura 2.8 : Crescita media annua del Paese e per indicatore! Figura 3.1: Relazione tra dimensione delle imprese italiane e attività innovativa! Figura 4.1 : La rottura del circolo virtuoso! Figura 4.2: Paradigma della Closed Innovation! Figura 4.3: Paradigma dell Open Innovation! Figura 4.4: Il modello di business dell Open Innovation! Figura 5.1: Il design discourse! Figura 5.2: Le dimensioni dell innovazione design-driven! Figura 5.3: Tre tipi fondamentali di innovazione! Figura 5.4: Il processo di ricerca design-driven! IV

7 Figura 5.5: Impresa, interpreti e persone nella design-driven innovation! Figura 6.1: Identificazione delle esigenze tecnologiche! Figura 6.2: Il ruolo dei brevetti nel processo innovativo! Figura 7.1: Presenza di collaborazione tra imprese negli anni! Figura 7.2: Presenza di collaborazione tra imprese (2010:2012)! Figura 7.3: Numero di inventori (2010:2012)! Figura 7.4: Numero di inventori negli anni! Figura 7.5: Nazionalità degli inventori (2010:2012)! Figura 7.6: Nazionalità degli inventori negli anni! Figura 7.7: Nazionalità del singolo inventore (2010:2012)! Figura 7.8: Livelli di collaborazione nei processi innovativi! Figura 7.9: Livelli di collaborazione in presenza di relazioni inter-organizzative! Figura 7.10: Citazione di brevetti (2010:2012)! Figura 7.11: Citazione di brevetti negli anni! Figura 7.12: Nazionalità dei brevetti citati (2010:2012)! Figura 7.13: Nazionalità dei brevetti citati negli anni! Figura 7.14: Numero dei brevetti citati negli anni! Figura 7.15: Numero dei brevetti citati (2010:2012)! Figura 7.16: Andamento negli anni delle variabili normalizzate (2010:2012)! Figura 7.17: Grafico a radar delle variabili normalizzate e percentualizzate sul valore complessivo assunto nel triennio (2010:2012)! V

8 Introduzione L obiettivo di questa tesi è quello di analizzare le prospettive future per le piccole e medie imprese presenti nel sistema produttivo italiano, focalizzandosi sulla comprensione di come esse creano vantaggio competitivo attraverso i processi di innovazione. La scelta di concentrare l attenzione sull attività innovativa delle PMI è legata all importanza cruciale che esse presentano per il sistema economico del nostro Paese. Si tratta, infatti, di un fenomeno che desta particolare interesse: le statistiche confermano che oltre il 90% delle imprese operanti nel territorio nazionale ha meno di dieci dipendenti e assorbe più del 50% della forza lavoro. La questione della competitività delle PMI sta, inoltre, emergendo come una delle principali incognite nel dibattito sullo sviluppo del sistema produttivo italiano. Tale dibattito si è acceso a seguito dei grandi cambiamenti dell economia mondiale avvenuti negli ultimi venti anni e a causa del preoccupante ristagno del nostro sistema produttivo, esposto più di altri alla concorrenza dei nuovi Paesi emergenti dell Asia e dell America Latina. A fronte dell indubbio interesse economico e sociale nei confronti delle PMI, si è deciso di approfondire l approccio di queste organizzazioni verso l innovazione, tematica la cui comprensione in questo ambito resta ancora parziale. Le PMI sono, infatti, organizzazioni piccole, che, però, risultano piuttosto complesse e differenziate, soprattutto se osservate nel loro funzionamento complessivo. Nel periodo di boom economico degli anni Cinquanta e Sessanta, la piccola dimensione dell impresa era considerata una caratteristica di arretratezza e scarsa efficienza. Negli anni successivi il ruolo delle PMI è stato riscoperto e contrapposto alle difficoltà incontrate dalle grandi imprese dinnanzi alla crescente complessità strategica e organizzativa del contesto competitivo. La maggiore flessibilità e capacità di adattamento delle piccole e medie imprese ha condotto vari autori a studiarne le caratteristiche in maniera approfondita. Tuttavia, sono rimasti molti pregiudizi di fondo sulla precarietà e sulla capacità di sopravvivenza di tale tipologia di organizzazioni. Nonostante questi limiti, la piccola impresa ha mostrato straordinarie capacità di tenuta e ciò ha lentamente favorito, nei tempi più recenti, una considerazione più equilibrata e realistica del peso e della funzione dello small business nell economia e nella società contemporanea. VI

9 Negli ultimi tempi, la letteratura e i dibattiti sulla crisi di crescita e di competitività del sistema produttivo italiano si sono molto estesi e arricchiti. L attenzione si è concentrata soprattutto sul problema della ripresa di competitività e sul riposizionamento del sistema nella competizione mondiale. Il quadro di analisi e di diagnosi è molto ampio e le ipotesi presentate sono diverse e in certi punti contrastanti. È, invece, interessante notare che quasi tutte le proposte per il rilancio suggeriscono interventi di cambiamento che si concentrano sulle piccole e medie imprese. Infatti, le grandi imprese italiane sono così poche da poter essere considerate ciascuna come un caso a sé, da discutere separatamente. Se dunque il problema è capire il motivo per cui la competitività italiana ristagna, la questione da affrontare è come far evolvere le PMI, in particolar modo quelle operanti nei settori più esposti alla concorrenza internazionale. Tuttavia, indicare una via di sviluppo per un universo così vasto come quello delle PMI non è un compito esente da difficoltà: da un lato la numerosità di imprese (diverse centinaia di migliaia), dall altro la grande varietà di tipologie organizzative e di strategie di business, rendono complessa l identificazione di un comune percorso di riqualificazione. Pur riferendosi ad un contesto così diversificato, è, però, opinione condivisa da molti autori che l innovazione fornisca una leva essenziale per la sopravvivenza e lo sviluppo delle organizzazioni. Alla luce di ciò, ci si chiede come l innovazione possa giovare alle imprese italiane, e, in particolare, quale tipologia di innovazione sia più adatta ad esprimere il potenziale delle PMI. Da un lato c è l evidenza oggettiva della scarsità di risorse investite in attività di ricerca e sviluppo in Italia. Le statistiche internazionali non lasciano dubbi: gli indicatori utilizzati collocano il sistema produttivo italiano tra gli ultimi posti delle graduatorie. Inoltre, per quanto si possa dire che la piccola dimensione e la specializzazione di carattere tradizionale tipica delle imprese italiane non stimolano gli investimenti nella ricerca di base, resta indiscutibile il fatto che le risorse messe in campo in Italia sono assai limitate rispetto agli altri Paesi, per qualsiasi tipo di ricerca e di innovazione. D altra parte, l innovazione è un processo complesso, non riconducibile soltanto agli investimenti in ricerca di base o applicata, ma che spesso si effettua a stretto contatto con il cliente e con il mercato. L innovazione si realizza anche attraverso modifiche, integrazioni o miglioramenti dei prodotti esistenti, e gli sforzi di cambiamento collegati a queste azioni di minor portata, spesso, sfuggono alle statistiche ufficiali. L entità degli investimenti dedicati alle attività di R&S non rappresenta una buona misura per questo VII

10 tipo di innovazioni e, se si adottano punti di vista alternativi, lo sforzo innovativo delle PMI italiane può risultare significativo, o per lo meno si possono estrapolare indicazioni utili sulle possibili strade da intraprendere per rilanciare la competitività. In questo senso, non solo ci sono modi diversi di osservare il fenomeno innovativo, ma esistono anche diverse teorie su come sviluppare e organizzare l innovazione in maniera efficace nelle imprese. Infatti, non è facile stabilire se anche le forme di innovazione più aperte e legate alle esigenze dei clienti e del mercato siano soddisfacenti e sufficienti a garantire prosperità e sopravvivenza per il sistema produttivo italiano. Soprattutto in periodi come quello attuale, il dibattito su come focalizzare meglio investimenti e sforzi innovativi non trova risposte univoche. Il proposito di questa tesi è, quindi, quello di approfondire l analisi sulle attività di ricerca e sviluppo condotte dalle PMI e di individuare un modello di innovazione che si presti a valorizzarne le capacità e a rilanciarne la competitività. Nella scelta della sequenza delle tematiche esposte, l obiettivo rimane indirizzato a delineare il ruolo cruciale rivestito dalle PMI nel futuro sviluppo del sistema produttivo, tenendo sempre conto dei principali aspetti riguardo la questione della dimensione e della specializzazione tradizionale, la questione degli investimenti in ricerca e la questione dell organizzazione e delle forme di crescita sostenibili. A questo scopo, i diversi argomenti sono presentati partendo da aspetti generali per terminare l analisi a un livello di dettaglio maggiore, con una struttura riassumibile come segue. Il capitolo 1 presenta uno scenario di tipo teorico, focalizzando l attenzione sull evoluzione della letteratura in tema di innovazione. In particolare si descrivono i principali concetti legati agli studi sull innovazione e si illustra il pensiero economico che ha portato ai contributi sull innovazione aperta, al fine di fornire una guida necessaria ad affrontare le tematiche trattate in seguito. Il capitolo 2 presenta lo scenario dell innovazione in ambito internazionale, attraverso l analisi della misurazione del fenomeno nel contesto europeo, con particolare riferimento al sistema produttivo italiano. Focalizzandosi sugli aspetti quantitativi dei processi innovativi, si propone un confronto dell ambiente innovativo italiano con i sistemi degli altri Paesi, al fine di individuarne il livello di competitività e il ritmo di crescita. Nel capitolo 3 si cerca di comprendere in maniera più approfondita il funzionamento del sistema innovativo nazionale, analizzando il ruolo delle PMI e cercando di riconoscere il tipo di innovazione realizzata e le sue modalità di sviluppo. L obiettivo è quello di VIII

11 individuare un modello di innovazione dal quale le PMI italiane possano trarre vantaggio, per introdurre nel capitolo 4 il paradigma dell Open Innovation e analizzare il valore strategico delle relazioni interorganizzative e dei network di innovazione. Nel capitolo 5 si presenta un particolare modello di innovazione aperta, che mira alla di creazione di nuovi significati: la design-driven innovation. Tale tipologia di innovazione risulta, infatti, di particolare interesse per le piccole e medie imprese italiane, soprattutto per quelle operanti nell industria manifatturiera. Il capitolo 6 è dedicato all analisi dei meccanismi operativi dell innovazione aperta e all introduzione delle forme di tutela della proprietà intellettuale e industriale utilizzabili nei processi aperti. A partire dalla descrizione del ruolo dei brevetti, utili non solo come meccanismo di protezione ma anche come fonte di informazione, si esplorano i processi innovativi attuati nell industria italiana. Il capitolo 7 è, infatti, interamente dedicato al caso empirico svolto mediante uno studio statistico delle informazioni contenute nei brevetti registrati dalle imprese operanti nel settore dell arredamento negli ultimi tre anni. Il passaggio dal piano teorico all indagine empirica completa il quadro d analisi per il caso di studio. L osservazione, condotta con particolare attenzione alle caratteristiche del settore, è avvenuta sulla base dei dati contenuti in 738 brevetti. Nonostante alcuni limiti associati al reperimento di informazioni per mezzo dei brevetti, come l'esistenza del segreto commerciale o il mancato ricorso alla tutela brevettuale, l indagine in questione ha permesso di delineare il culmine di uno sforzo, mettendo in evidenza non solo l'intensità dell attività inventiva, ma anche la capacità di adattare e condividere le competenze tecnologiche. Il monitoraggio ha permesso di individuare, nella situazione attuale, la presenza di opportunità e di punti debolezza per le PMI dell arredamento italiano. IX

12 1. Un approccio teorico all innovazione L innovazione non sorge in maniera spontanea, ma è generata grazie all impegno di singoli individui, imprese, organizzazioni e reti, dotate di capacità e risorse, che operano all interno di un contesto idoneo a favorirne lo sviluppo. Tradizionalmente, le imprese mettono in atto strategie di innovazione, al fine di conseguire un vantaggio sulla concorrenza, attraverso la differenziazione e una minor possibilità di essere imitati. Tuttavia, considerare l innovazione come una mera strategia di protezione di origine endogena appare riduttivo: ogni azienda si relaziona con l ambiente circostante e, pertanto, la sopravvivenza e lo sviluppo non dipendono esclusivamente dalla composizione dell insieme di risorse interne. La necessità di costanti aggiornamenti per il rinnovo delle competenze spinge le aziende a sperimentare cambiamenti nell assetto organizzativo e nella dotazione delle risorse utilizzate per la creazione di beni e servizi. Tale carattere dinamico favorisce l adattamento continuo all ambiente, ed emerge dalle capacità di apprendimento e dalle iniziative intraprese per rilevare e identificare le tecnologie del futuro, al fine di catturarle, dominarle e integrarle nell assetto aziendale con lo scopo di farne un uso specifico e vantaggioso. A causa dell avanzamento tecnologico e dell aumento dei flussi informativi, la conoscenza è considerata la leva principale per la crescita economica e l innovazione. Nell economia attuale, principalmente nei contesti più sviluppati, la ricchezza proviene da fattori creati, frutto degli sforzi e delle azioni deliberate di persone e organizzazioni, piuttosto che dall utilizzo di lavoro e capitale. La conoscenza assume un ruolo centrale, poiché permette di dare vita a nuove tecnologie e di accedere alle tecnologie generate da terzi all interno del sistema produttivo. Come si vedrà in dettaglio più avanti, l innovazione è per sua natura un fenomeno sistemico perché nasce dall interazione continua tra i differenti attori che operano all interno del contesto economico e sociale. L ambiente in cui si svolge l attività innovativa assume, dunque, un ruolo di fondamentale importanza poiché costituisce il mezzo per fare emergere e stimolare lo sviluppo di nuove idee. Essere in grado di comprendere e sfruttare le potenzialità dell ambiente, implica saper gestire una rete di relazioni e significa stringere accordi di collaborazione, al fine di migliorare la propria 1

13 attività e sfruttare le potenzialità degli altri membri della rete. Le fonti esterne corrispondono, infatti, risorse complementari a quelle interne all organizzazione. Il fatto che le imprese cooperino e diano valore alla dimensione esterna risulta quindi interessante; l attività imprenditoriale rappresenta, in questo modo, l impiego economico della conoscenza prodotta a livello organizzativo e sociale. La globalizzazione, l intensificarsi della concorrenza, il progresso tecnologico, le maggiori esigenze dei consumatori e le modifiche nei sistemi legislativi sono alcuni dei fattori che stanno facendo del cambiamento un imperativo per le organizzazioni che vogliono mantenere e incrementare il proprio livello di competitività 1. L esperienza mostra che le organizzazioni che non sono in grado di adattarsi ai cambiamenti ambientali, seguendone il ritmo e la portata, devono affrontare una riduzione della propria competitività. Analogamente, si osserva che nessuna organizzazione, indipendentemente dalla dimensione e dalla posizione nel mercato, è immune a questo processo di trasformazione. Le capacità di assimilare nuove tecnologie e di generare innovazione rappresentano, infatti, un requisito chiave per il mantenimento della forza competitiva. Pur operando in mercati stabili e maturi, la vitalità e il successo di un impresa, deriva dall abilità nel coniugare nella propria attività fattori molto vari, che vanno dal design, alla qualità di prodotti e servizi, o all adattamento del prodotto alle caratteristiche specifiche dei clienti. In conseguenza di ciò, negli ultimi tempi si stanno sviluppando dinamiche orientate a stimolare l innovazione, dal momento che le organizzazioni con un attitudine aperta al cambiamento, che includono l innovazione nelle proprie strategie di business, si posizionano in maniera migliore nel mercato globale. L attività innovativa rappresenta, dunque, un percorso continuativo, che non giunge mai ad un punto finale, ma risulta integrato ai processi dell organizzazione 2. La letteratura sull innovazione è ormai così ampia e diversificata da rendere difficile la circoscrizione di tutti gli aspetti esaminati dagli approfondimenti accademici in un unica materia 3. Da qui nasce il bisogno di mettere insieme le dimensioni catturate dalle discipline economiche e manageriali per avere una visione generale del fenomeno. Lo scopo di questo capitolo è, perciò, quello 1 Viale R. (a cura, 2008), La cultura dell innovazione. Comportamenti e ambienti innovativi, IlSole24Ore, Milano. 2 ibidem. 3 Fagerberg J. (a cura), Mowery D. C. (a cura), Nelson R. R. (a cura), (2005), The Oxford handbook of Innovation, Ofxord University Press, Oxford e New York. 2

14 di presentare i concetti più importanti legati agli studi sull innovazione, al fine di fornire una guida per affrontare le tematiche trattate in seguito. 1.1 Il concetto di innovazione Al fine di delineare il concetto di innovazione, è conveniente fare una distinzione tra invenzione e innovazione. Fagerberg afferma che l invenzione è la prima idea per lo sviluppo di un nuovo prodotto o processo, mentre l innovazione è il primo tentativo di mettere in pratica tale idea 4. Un innovazione è l introduzione di un prodotto (bene o servizio) o di un processo, nuovo o significativamente migliorato, o l introduzione di un metodo di commercializzazione o di organizzazione nuovo o significativamente migliorato, applicato alle pratiche commerciali, all organizzazione del lavoro o alle relazioni con l esterno 5. Lasciando da parte le definizioni, il termine innovazione è utilizzato nel presente lavoro per indicare un fenomeno al centro delle trasformazioni attuali dell economia, che, nelle sue varie sfaccettature, si manifesta attraverso la capacità del sistema produttivo di avviare nuovi processi produttivi e di assorbire e sfruttare le novità in campo scientifico, tecnologico, economico e sociale. In tali dinamiche intervengono competenze individuali, aspetti strutturali e variabili presenti nel contesto economico e istituzionale. L attività innovativa è caratterizzata, quindi, da molteplici aspetti, che propagano i loro effetti nell evoluzione dell economia e della società, mediante la creazione e la diffusione di conoscenza utile. Il duplice obiettivo degli innovatori è quello di risolvere i problemi esistenti con soluzioni inedite e offrire alla popolazione beni e servizi in quantità e varietà sempre crescenti, per rispondere alle esigenze dei singoli e della società. L innovazione costituisce, così, la leva fondamentale attraverso cui è possibile alimentare la crescita e accelerare la generazione di conoscenza: le imprese, applicando i risultati della ricerca, possono 4 Fagerberg J. (a cura), Mowery D. C. (a cura), Nelson R. R. (a cura), (2005), The Oxford handbook of Innovation, Ofxord University Press, Oxford e New York. 5 OECD (2005), Oslo Manual 3rd edition Guidelines for Collecting and Interpreting Innovation Data, OECD Publishing, Parigi. 3

15 accrescere la competitività propria e del sistema produttivo complessivo, avviando e sostenendo, in questo modo, lo sviluppo economico e l avanzamento tecnologico. In riferimento alle fasi del processo innovativo, come si vedrà in dettaglio nel prossimo paragrafo, il momento in cui si produce l innovazione è tale quando i frutti dell attività innovativa vengono immessi con successo nel mercato. In questo ambito risulta pertinente fare ulteriore chiarezza sulla differenza tra invenzione e innovazione. Dai contributi di Schumpeter 6 nascono i concetti su cui sono fondati gran parte dei modelli successivi; in questi si stabilisce la differenza tra invenzione, innovazione e diffusione. L autore definisce invenzione il prodotto o processo che viene creato e si sviluppa nell ambito scientifico-tecnologico, e relaziona, invece, l innovazione con un cambiamento di natura economica. Così considera la diffusione, ovvero la trasmissione di innovazione, come ciò che permette ad un invenzione di trasformarsi in un fenomeno economico-sociale. Schumpeter individua nella decisione dell imprenditore di commercializzare un invenzione il passo decisivo perché questa si converta in innovazione, e definisce l imprenditore come l innovatore, sottolineando il difficile compito che questo porta a termine 7. Egli utilizza, quindi, l espressione imprenditore per definire il ruolo dell innovatore. Secondo l autore, il classico equilibrio di mercato è ostacolato dalle azioni degli imprenditori, guidati dal desiderio di creare un monopolio, per mezzo dell introduzione di una qualche innovazione. Essi sono, infatti, motivati ad assumere un certo grado di rischio in cambio dei guadagni ottenibili riuscendo a collocare un bene nel mercato. I ricavi così conseguiti potrebbero essere successivamente investiti per continuare l attività imprenditoriale e produrre altre innovazioni, dato che le anteriori sarebbero già state diffuse. In questo modo si genera un processo di retroalimentazione che stimola la crescita e lo sviluppo economico. Secondo Schumpeter, senza la presenza di imprenditori che portino a termine l attività innovativa, il tasso di crescita sarebbe limitato all incremento dei fattori produttivi e sarebbe difficile la generazione del suddetto processo. Tutta questa evoluzione rappresenta, per l autore, la storia del capitalismo, prodotta da ciò che egli definisce 6 Schumpeter J. A. (1911), Theorie der wirtschaftlichen Entwicklung, Duncker&Humblodt, Berlin. Versione in inglese, The Theory of Economic Development, Harvard University Press, 1934 Cambridge, Mass e Schumpeter J. A. (1942), Capitalism, Socialism and Democracy, Harper, New York e Londra. Versione italiana, Capitalismo, socialismo e democrazia, ETAS, Milano, Freeman C. (1974), The Economics of Industrial Innovation, Penguin Books, Harmondsworth. 4

16 distruzione creatrice. Metodi di produzione, tecnologie e conoscenza diventano obsoleti e vengono superati, perché solo dal cambiamento scaturisce qualcosa di nuovo. L imprenditore schumpeteriano è la figura chiave di questo processo in continuo divenire, in cui la sopravvivenza è possibile solo se si è disposti a mutare, perché ciò che importa davvero non è la competizione sul prezzo, ma la concorrenza creata dalla novità. Durante gli anni Settanta e Ottanta si afferma il pensiero evolutivo (o neoschumpeteriano) 8. L idea di fondo di questo approccio è la concezione dello sviluppo tecnologico come processo evolutivo, dinamico, accumulativo e sistemico. Come nel pensiero di Schumpeter, si assegna all innovazione il principale ruolo dinamizzante dell economia capitalista. L innovazione viene analizzata come un processo diviso in due tappe: la prima fase consiste nello sviluppo e nella commercializzazione iniziale di un nuovo prodotto o processo, la seconda è costituita dall applicazione diffusa, ovvero dalla trasmissione di tale innovazione con l assimilazione da parte del grande pubblico dell informazione tecnica sviluppata. Inoltre, la visione neoschumpeteriana stabilisce che, durante il processo di diffusione, continui il progresso tecnologico inizialmente avviato dall innovazione di maggiore portata. Gli autori evolutivi considerano, quindi, che la tecnologia si sviluppi contemporaneamente alla sua diffusione, e che ciò avvenga in un contesto determinato, contraddistinto da caratteristiche politiche, economiche, storiche e istituzionali, con il quale si stabilisce un processo di retroalimentazione continua. Per questo, non tutte le innovazioni generate da un impresa avranno lo stesso impatto, ma dipenderà dalla loro ricezione nell ambiente. La capacità di innovare di un impresa sarà, quindi, influenzata dall ambiente che la circonda 9. 8 Alcuni autori distinguono i due filoni di pensiero, mentre altri affermano che il termine neoschumpeteriano racchiuda al suo interno l ottica evolutiva. Richard Nelson e Sidney Winter sostengono in An evolutionary theory of economic change (1982) che il pensiero evolutivo può essere indicato attraverso l espressione neo-schumpeteriano. Nonostante il dibattito sulla misura in cui i due approcci possano essere combinati rimanga aperto, essi presentano elementi comuni nella spiegazione del ruolo dell innovazione per lo sviluppo economico e nella teoria d impresa, che implicano una sfida per la tradizionale ortodossia neoclassica. Magnusson L. (1994), Evolutionary and Neo-Schumpeterian Approaches to Economics, Kluwer Academic Publishers, Boston, Dordrecht e Londra. 9 Rozga R. (1999), Entre globalización tecnológica y contexto nacional y regional de la innovación, un aporte a la discusión de la importancia de lo global y lo local para la innovación tecnológica, V Seminario Internacional, Toluca, México. 5

17 La teoria evolutiva riconosce l importanza del contesto operativo per le attività innovative, anche poiché queste dipendono dagli strumenti che l ambiente offre, come, ad esempio, il livello di avanzamenti scientifici disponibili, le soluzioni applicate in altre imprese, la presenza di reti di cooperazione. A dispetto del principio neoclassico per cui il meccanismo basico di selezione del capitalismo è fornito dal mercato, gli autori neo-schumpeteriani rilevano l esistenza di una gran varietà di ambienti di selezione, che dipendono dal sistema di istituzioni esistenti a livello nazionale, regionale o settoriale. Questa varietà fa sì che le imprese prendano differenti direzioni in funzione delle caratteristiche del contesto in cui si sviluppano. Un altro punto di vista è costituito dal pensiero di Dosi, per il quale il comportamento delle imprese in relazione all innovazione non è indipendente dalla struttura organizzativa, dall ambiente e dal settore tecnologico di appartenenza. Egli afferma che non esiste una divisione tra il comportamento di un impresa e la dinamica del sistema complessivo. Inoltre, descrive la tecnologia in forma ampia, dal momento che include al suo interno elementi immateriali come la conoscenza, l esperienza e i meccanismi di ricerca e apprendimento utilizzati per migliorare l efficienza produttiva e sviluppare nuovi prodotti e processi 10. É degno di nota che autori come Nelson e Winter 11 concordino con Dosi nel fatto che l ambiente determina le vie per mezzo delle quali cambia l uso delle tecnologia nel tempo, attraverso una selezione operata mediante elementi di mercato, politico istituzionali e finanziari. I due autori, nel loro approccio evolutivo alla teoria dell impresa, notano che l ambiente influisce non solo nella scelta e nella sostituzione di tecnologia, ma anche nel tipo di attività di ricerca e sviluppo che le imprese di un industria si accingono ad intraprendere 12. A sua volta l impresa si relaziona con diverse organizzazioni attraverso differenti canali, formali e informali, e dette relazioni plasmano le sua attività 13. Gli attori presenti 10 Dosi G. (1988), Sources, Procedures, and Microeconomic Effects of Innovation, Journal of Economic Literature, 26(3), pag Nelson R., Winter S. (1982), An Evolutionary Model of Economic Change, The Belknap Press, Cambridge e Londra. 12 Vence X.(1995), Economía de la innovación y del cambio tecnológico: una revisión Crítica, Siglo XXI, Madrid. 13 Dosi G., Malerba F. (1996), Organization and Strategy in the Evolution of Enterprise, Macmillan, Londra. 6

18 nell ambiente e le loro connessioni determinano la direzione di sviluppo e diffusione dell innovazione. Anche la distribuzione fisica delle imprese influisce sulle attività innovative, in relazione al grado di sviluppo del Paese in cui esse vengono intraprese. Le imprese, infatti, accumulano abilità a differente ritmo e in differenti direzioni, in dipendenza del luogo in cui sono ubicate, della loro capacità di apprendimento e degli incentivi e pressioni che provengono da concorrenti, fornitori e clienti presenti nel contesto operativo. Per terminare la rassegna dei contributi sul tema dell innovazione proposta dalla letteratura, è necessario menzionare che agli inizi degli anni Novanta si pone particolare enfasi nel ruolo dei processi di apprendimento localizzati, grazie a fattori particolari di una nazione o regione, in grado di promuovere il cambiamento tecnologico. In questa prospettiva, si evidenzia il ruolo dell apprendimento per interazione, in cui utenti, fornitori, concorrenti e l infrastruttura scientifico-tecnologica, interagiscono per la generazione di innovazione. Si riconosce la rilevanza dei processi di competizione e cooperazione nel migliorare la competitività delle imprese locali. La competizione tra imprese simili accelera, infatti, l adozione di innovazione, mentre la cooperazione orizzontale e verticale aumenta le sinergie produttive tra organizzazioni. In questo senso, sorge la nozione di Sistema Nazionale di Innovazione (SIN) come modello interattivo di creazione e utilizzo della conoscenza, nel quale partecipano ed operano i differenti agenti relazionati con la produzione e lo sviluppo tecnologico. Ciò è il risultato degli studi sui processi sistemici di innovazione e dell importanza attribuita al contesto istituzionale e ai fattori organizzativi nell apprendimento e nella diffusione delle tecnologie. Il complesso di contributi che definiscono il concetto di SIN spiega come la presenza di vincoli tra gli agenti operanti nei processi di innovazione rappresenti un fattore essenziale per migliorare il rendimento dell attività innovativa 14. In altre parole, dato 14 Lundvall B. Å. (1992), National System of Innovation: Towards a Theory of Innovation and Interactive Learing, Pinter Publishers, Londra; Nelson R. (1993), National Innovation Systems. A Comparative Analysis, Oxford University Press, New York; Freeman C. (1995), The National System of Innovation in Historical Perspective, Cambridge Journal of Economics, 19(1), pag. 5-24; Metcalfe S. (1995), The Economic Foundations of Technology Policy: Equilibrium and Evolutionary Perspectives, in Stoneman P., Handbook of the Economics of Innovation and Technological Change, Blackwell Publishers, Oxford, pp

19 che l innovazione e il progresso tecnologico sono frutto di un complesso intreccio di relazioni tra organizzazioni, che mettono in campo varie tipologie di conoscenza, la performance innovativa di un Paese dipenderà in gran misura da come questi agenti si relazionano tra loro, come parti o elementi integranti di un sistema collettivo di generazione di conoscenza. L evoluzione nel concetto di innovazione è rappresentata da numerose visioni che, nel corso degli anni, hanno cercato di spiegare i processi per mezzo dei quali l attività innovativa viene realizzata. I contributi in materia, circa il cambiamento tecnologico e la formazione di conoscenza, sono molteplici e i filoni di pensiero descritti finora costituiscono solo una parte della letteratura al riguardo. Ciò che lega, per alcuni aspetti, le teorie di diversi autori appartenenti a differenti momenti storici, è la presenza di una linea di fondo, che mantiene stabili i criteri con i quali viene rappresentata l innovazione, pur permettendo al concetto di evolversi e trovare definizioni sempre aggiornate con i tempi. Tale tematica di base è data dalla continuità descrittiva per cui si conferiscono al fenomeno innovativo attributi di novità, modernità e cambiamento. D altra parte, vi è la presenza di elementi di stacco, riconducibili al coinvolgimento di un numero e una varietà di attori e attività sempre maggiori, utilizzati per spiegare l avvio e lo sviluppo dell azione innovativa. A partire dall imprenditore di Schumpeter fino ad arrivare al Sistema Nazionale di Innovazione, si è potuto assistere ad un moltiplicarsi di soggetti, contingenze e relazioni che, grazie a fattori quali compartecipazione e interattività, hanno raccolto il ruolo di motore dell attività innovativa. Come si spiegherà meglio in seguito, al giorno d oggi è proprio sulla base del coinvolgimento di numerosi soggetti e della condivisione di conoscenze e risorse eterogenee che si definisce l innovazione. In questo lavoro l attenzione è diretta ad indagare l influenza dei distinti fattori che, per una più efficiente produzione di innovazione, spingono all apertura dei confini aziendali. Nei successivi capitoli si vedrà, pertanto, come la definizione di innovazione trovi un ulteriore evoluzione proprio grazie all apertura dei processi innovativi. 8

20 1.2 Le fasi del processo innovativo Le teorie in materia di innovazione sono relazionate con il funzionamento interno delle imprese e con i modelli di business utilizzati. Per spiegare l innovazione si tiene conto della tipologia di conoscenza, di come essa si accumula e fluisce tra gli attori del sistema produttivo, di come i processi di innovazione si sviluppano attraverso settori, regioni e Paesi 15. Sebbene gli studi accademici abbiano classificato varie tipologie di innovazione, gli aspetti maggiormente menzionati nella definizione del fenomeno sono due: la caratteristica di novità dell idea, e l applicazione che essa trova in campo economicosociale. Un invenzione o un idea creativa non si traduce, infatti, in innovazione fino a che non viene utilizzata per soddisfare una necessità concreta. L applicazione suppone un concreto processo di cambiamento, dal momento che l obiettivo principale è quello di tradurre il miglioramento prodotto dall inventore (individuo o impresa) in un miglioramento globale per la società. Perché ciò avvenga è essenziale che l innovazione si diffonda. É possibile distinguere tre momenti fondamentali all interno del processo innovativo: 1. l invenzione, ovvero il momento in cui si manifesta un idea potenzialmente generatrice di benefici, non necessariamente realizzata in forma concreta di prodotto, processo o servizio; 2. l innovazione, che consiste nell applicazione commerciale della suddetta idea. Innovare significa trasformare idee in prodotti, processi e servizi nuovi o migliorati, che abbiano un valore per il mercato. Si tratta di trarre dall idea un beneficio economico, che incrementi la capacità dell impresa di creare ricchezza e che abbia, inoltre, forti implicazioni sociali; 3. la diffusione, ovvero la fase in cui si mette a conoscenza della società l utilità di un innovazione. Questo è il momento in cui chi commercializza l idea, sotto forma di bene economico, riceve un beneficio. Lo sviluppo economico di un azienda, di un Paese o di una società dipende dalle capacità di realizzare queste tre fasi, pur essendo variabile l importanza relativa di ogni fase in funzione del tipo di organizzazione. Inoltre, le risorse e le abilità richieste per 15 OECD (2005), Oslo Manual 3rd edition Guidelines for Collecting and Interpreting Innovation Data, OECD Publishing, Parigi. 9

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione

[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione [SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione [Umbria Innovazione ] [Programma I-Start] SOMMARIO SOMMARIO... 1 GESTIONE DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2 I PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Parole Chiave Strategic Entrepreneurship Imprenditorialità Reticolare Structural Holes Divisione del Lavoro Network Innovation Management Apprendimento Territoriale 20 L

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale

Marchi, brevetti e proprietà intellettuale LA PICCOLA SI FA GRANDE 4 percorsi per la crescita formativa delle PMI RELAZIONE BANCA/IMPRESA Lean thinking Marchi, brevetti e proprietà intellettuale internazionalizzazione Con il patrocinio di Piccolindustria

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

L impresa e le strategie internazionali

L impresa e le strategie internazionali L impresa e le strategie internazionali Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) fabio.musso@uniurb.it Premessa Il confronto internazionale

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

acquisti L importanza del Risk Management nell area

acquisti L importanza del Risk Management nell area Risk management L importanza del Risk Management nell area acquisti Il rischio fa parte del business una significativa e permanente realtà che quasi ogni società deve affrontare. Senza rischio, l attività

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli

Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli Appunti di Gestione delle Risorse Umane - ad uso interno per i corsi di Gestori Impianti Fin, di Roberto Getuli 1. Il contesto ambientale dell impresa Parlando di ambiente siamo soliti considerare un luogo

Dettagli

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e ECONOMIA REGIONALE Teorie dello sviluppo locale: lo spazio diversificato relazionale VII. Competitività territoriale e sviluppo esogeno 1 Lo spazio diversificato: gli elementi della competitività territoriale

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Lezione 13. Cabral cap. 16. A cura Prof. Stefano Capri

Lezione 13. Cabral cap. 16. A cura Prof. Stefano Capri Lezione 13 Cabral cap. 16 A cura Prof. Stefano Capri Tecnologia ed economia Kuznets (Modern Economic Growth: Rate, Structure, and Spread, 1966): caratteristica distintiva della crescita economica moderna

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI

ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Impresa, sviluppo, territorio Il ruolo della statistica locale Modena, 4-5 giugno 2008 ESIGENZE INFORMATIVE E STATISTICHE PER IL GOVERNO DEI SISTEMI LOCALI Carlo Filippucci Dipartimento di Scienze Statistiche-Università

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Politica e del Governo TESI DI LAUREA in Management Pubblico FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEI

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Come diventare imprese con alte performance

Come diventare imprese con alte performance Come diventare imprese con alte performance Uno studio su posizionamento di mercato, capacità distintive, anatomia della performance a cura di Marino Fadda Come diventare imprese con alte performance a

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale di Alberto Bandinelli Le origini e gli sviluppi degli incubatori d impresa Gli incubatori d impresa risalgono alla fine degli anni Cinquanta,

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE

RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE KNOWLEDGE MANAGEMENT Seminario Tematico Università di Milano-Bicocca RAPPRESENTAZIONE E E GESTIONE DEL CORE KNOWLEDGE Stefania Bandini Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione Università

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Il problema dell investimento innovativo SCHEMA DELLA LEZIONE Cosa si intende per investimento

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

QCS OBIETTIVO 1 (2000-2006) PON ASSISTENZA TECNICA E AZIONI DI SISTEMA AZIONE C

QCS OBIETTIVO 1 (2000-2006) PON ASSISTENZA TECNICA E AZIONI DI SISTEMA AZIONE C PROGETTO INTERDIPARTIMENTALE INFORMAZIONE STATISTICA TERRITORIALE E SETTORIALE PER LE POLITICHE STRUTTURALI 2001-2008 QCS OBIETTIVO 1 (2000-2006) PON ASSISTENZA TECNICA E AZIONI DI SISTEMA MISURA I. 3

Dettagli

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca

PREFAZIONE. Janez Potoc nik Commissario europeo per la Scienza e la ricerca PREFAZIONE Nel marzo del 2005, i leader dell UE hanno rilanciato la strategia di Lisbona con un nuovo partenariato per la crescita e l occupazione. La costruzione della società della conoscenza e una crescita

Dettagli

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI

1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI 1.3. LE POSSIBILITA DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDUSTRIALI Il Cobianchi, Verbania 1993, pp. 20-27 (*) INTRODUZIONE La necessità assoluta di innovazione, e in particolare

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Definizione di Strategia Modelli di Analisi Strategica (e della concorrenza) Modelli di Formulazione della Strategia (Processo

Dettagli

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator

Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Sfide strategiche e organizzative per i system integrator Francesco Zirpoli Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia fzirpoli@unive.it Roma, 4 Aprile 2014 Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione

Cambiare mentalità. Il lavoro come vocazione Cambiare mentalità. di Jaime Ortega Professore ordinario di Organizzazione aziendale, Dipartimento di Economia aziendale, Università Carlos III di Madrid Negli ultimi vent anni (1991-2011) in Europa e

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO

LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO LEZIONE: LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO PROF.SSA PAOLA ZOCCOLI Indice 1 LA GESTIONE DEL RISCHIO: ATTUAZIONE DI UN PROCESSO --------------------------------------------- 3 2 OBIETTIVI

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991.

Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991. BIBLIOGRAFIA Clark, Fujimoto, Product Development performance, Harvard Business School Press, 1991. Joseph Blackburn (a cura di), Competere sul tempo, Etas, 1993 Bartezzaghi, Spina, Verganti, Nuovi modelli

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro

Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno. Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Il Settimo Programma Quadro e le opportunità per le PMI del Mezzogiorno Giocare d anticipo per vincere le sfide del futuro Contesto della proposta (1) La conoscenza costituisce il fulcro dell Agenda di

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità 1 2 Intangibilità Inseparabilità Contestualità Variabilità Deperibilità 3 I servizi, a differenza dei beni fisici, non sono visibili e valutabili qualitativamente prima del processo di erogazione; non

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View

Lezione 4 Formazione delle strategie e strategie basate sulla conoscenza: la Knowledge Based View Università degli Studi di Padova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea Triennale in Discipline della Mediazione Linguistica e Culturale a.a. 2007/08 Economia e Gestione delle Imprese Lezione 4

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

SOMMARIO SVILUPPO DEL MODELLO INTERPRETATIVO SUGLI AUTORI STUDIATI PARTE PRIMA PARTE SECONDA OBIETTIVI OBIETTIVI METODOLOGIA DI LAVORO

SOMMARIO SVILUPPO DEL MODELLO INTERPRETATIVO SUGLI AUTORI STUDIATI PARTE PRIMA PARTE SECONDA OBIETTIVI OBIETTIVI METODOLOGIA DI LAVORO 1 SOMMARIO 2 SVILUPPO DEL MODELLO INTERPRETATIVO SUGLI AUTORI STUDIATI OBIETTIVI PARTE PRIMA 3 OBIETTIVI 4 OBIETTIVI Analizzare la letteratura presente sulla Individuare dei filoni di pensiero in cui raggruppare

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Business Administration for Arts and Cultural Events

Business Administration for Arts and Cultural Events Master Courses 2012/2013 Business Administration for Arts and Cultural Events Istituto Europeo di Design Business Administration for Arts and Cultural Events OBIETTIVI Il mondo dell arte e i suoi mercati

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI

LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 40-2012 LA STRATEGIA GLOBALE DELL OECD PER INVESTIRE NELLE COMPETENZE SOPRATTUTTO DEI GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte

Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Le PMI oltre la crisi: le sfide e le risposte Fernando G. Alberti Professore Associato di Strategie Imprenditoriali, LIUC - Università Cattaneo Affiliate Faculty of Microeconomics of Competitiveness, Harvard

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

Nuove norme in materia di accordi verticali

Nuove norme in materia di accordi verticali ANTITRUST Nuove norme in materia di accordi verticali Contenuti 1. Premessa 2. Cosa sono gli accordi verticali 3. Il precedente contesto normativo (Reg. 2790/99) 4. Focus della nuova normativa 5. Conclusioni

Dettagli

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it

il contesto INNOVARE PER COMPETERE LE CHIAVI PER AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ www.cfmt.it il contesto www.cfmt.it Ormai abbiamo capito tutti che questa non è una crisi ma una transizione, sfidante ma al contempo fonte di opportunità. Bisogna però avere coraggio e determinazione. Occorre anticipare

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli