2005 RELAZIONI E BILANCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2005 RELAZIONI E BILANCI"

Transcript

1 2005 RELAZIONI E BILANCI

2 2005 utos RELAZIONI E BILANCI Assemblea ordinaria del 7 aprile 2006 Autostrade S.p.A. Capitale sociale: ,00 euro (interamente versato) Codice fiscale, Partita IVA e iscrizione registro delle imprese di Roma n Iscrizione al REA n Sede legale in Roma, Via A. Bergamini, 50

3 ind INDICE

4 ice 23 Organi Sociali DATI DI SINTESI E INFORMAZIONI GENERALI 24 Lettere agli Azionisti 26 Principali dati economico-finanziari e operativi di Gruppo 27 Autostrade in borsa e informazioni per gli investitori 28 Rete del Gruppo 29 Interventi programmati di potenziamento e ammodernamento della rete 30 Struttura del Gruppo 31 Macro struttura organizzativa RELAZIONE SULLA GESTIONE 34 Transizione ai principi contabili internazionali 35 Andamento economico-finanziario consolidato 44 Le attività del Gruppo 44 Traffico 46 Tariffe 49 Potenziamento e ammodernamento della rete 63 Gestione operativa della rete 68 Aree di servizio e pubblicità 69 Servizi evoluti per la mobilità e la comunicazione 70 Sviluppo internazionale 71 Altre partecipazioni 72 Autostrade S.p.A.: andamento economico-finanziario e altre informazioni 80 Andamento economico-finanziario delle altre società del Gruppo 80 Andamento economico-finanziario di Autostrade per l Italia 81 Andamento economico-finanziario delle altre società partecipate 90 Eventi successivi al Evoluzione prevedibile della gestione 90 Informazioni diverse 92 Sezione di sostenibilità 95 Corporate governance 99 Clienti 103 Risorse umane 108 Stato e istituzioni 109 Ambiente 118 Comunità 121 Azionisti e investitori 122 Fornitori 123 Innovazione, ricerca e sviluppo 124 Investimenti e spese sociali e ambientali delle concessionarie autostradali del Gruppo Autostrade 125 Il Valore Aggiunto Integrato Distribuibile (VAID) 128 Proposte all Assemblea di Autostrade S.p.A. PROSPETTI CONTABILI CONSOLIDATI E NOTA INTEGRATIVA CONSOLIDATA 132 Prospetti contabili consolidati 139 Nota integrativa consolidata PROSPETTI CONTABILI E NOTA INTEGRATIVA DI AUTOSTRADE S.P.A. 192 Prospetti contabili di Autostrade S.p.A. 200 Nota integrativa di Autostrade S.p.A. RELAZIONI DEL COLLEGIO SINDACALE, DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE, DEL COMITATO AMBIENTALE SOCIALE E DI ASSEVERAZIONE 252 Relazione del Collegio sindacale 256 Relazioni della Società di revisione 260 Valutazione del Comitato Ambientale e Sociale 261 Lettera di asseverazione DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA 3

5 4 ae

6 IL GRUPPO AUTOSTRADE GESTISCE OLTRE KM DI RETE AUTOSTRADALE A PEDAGGIO IN ITALIA, PARI AL 61% DELLA RETE AUTOSTRADALE NAZIONALE E AL 17% DI QUELLA EUROPEA A PAGAMENTO. OGNI GIORNO OLTRE 4 MILIONI DI VIAGGIATORI UTILIZZANO LA RETE DI AUTOSTRADE. 5

7 6

8 AUTOSTRADE È INGEGNERIA, COSTRUZIONI, TECNOLOGIA E SERVIZI. IL GRUPPO HA IN CORSO UN PROGRAMMA DI INVESTIMENTI DI OLTRE 11 MILIARDI DI EURO PER COMPLETARE E POTENZIARE LA RETE IN GESTIONE. SI TRATTA DEL PIÙ GRANDE PROGRAMMA DI INVESTIMENTI IN CORSO IN EUROPA, CHE CONSENTIRÀ L AMMODERNAMENTO DELLA PIÙ IMPORTANTE, PER VOLUMI DI TRAFFICO, INFRASTRUTTURA DEL NOSTRO PAESE, CONTRIBUENDO AL RILANCIO DELL ECONOMIA E AL MIGLIORAMENTO DELLA COMPETITIVITÀ. 7

9 8

10 NEL CORSO DEL 2005 AUTOSTRADE HA SPESO OLTRE 500 MILIONI DI EURO PER MANTENERE IN CONDIZIONI DI EFFICIENZA OTTIMALE LA PROPRIA RETE E PER MIGLIORARE GLI STANDARD DI SICUREZZA A BENEFICIO DEI PROPRI VIAGGIATORI. NEL 2005 SONO STATI RIPAVIMENTATI CIRCA 15 MILIONI DI M 2 DI SUPERFICIE AUTOSTRADALE DI CUI OLTRE 9 MILIONI CON ASFALTO DRENANTE. 9

11 10

12 LA SICUREZZA È UN IMPEGNO COSTANTE DEL GRUPPO AUTOSTRADE. NEL 2005 SONO STATI REALIZZATI OLTRE 200 INTERVENTI MIRATI SUI PUNTI A INCIDENTALITÀ SUPERIORE ALLA MEDIA E AVVIATI VARI PROGETTI PER RENDERE PIÙ EFFICIENTE LA COMUNICAZIONE DELLE CRITICITÀ DI TRAFFICO. IL NUMERO DI INCIDENTI COMPLESSIVI SI È RIDOTTO NELL ANNO DEL 3%; GLI INCIDENTI MORTALI SI SONO RIDOTTI DEL 5%. 11

13 12

14 AUTOSTRADE È INNOVAZIONE E TECNOLOGIA A SERVIZIO DELLA VIABILITÀ. NEL CORSO DEL 2005 IL 67% DEI PAGAMENTI È AVVENUTO IN MODO AUTOMATIZZATO (IL 48% CON TELEPASS). IL TELEPASS È UNO STRUMENTO EFFICACE PER MIGLIORARE L ACCESSIBILITÀ ALLA RETE AUTOSTRADALE E LA FLUIDITÀ DEL TRAFFICO, RIDUCENDO I TEMPI DI ATTESA E DI ACCODAMENTO, NONCHÉ L INQUINAMENTO ATMOSFERICO PRESSO LE STAZIONI DI INGRESSO E DI ESAZIONE. IL TELEPASS È UTILIZZATO ANCHE PER IL CONTROLLO DEGLI ACCESSI ALLE AREE URBANE E PER IL PAGAMENTO AUTOMATIZZATO DEI PARCHEGGI. pa13

15 14 r

16 AUTOSTRADE HA SVILUPPATO UNA SERIE DI ATTIVITÀ A VALORE AGGIUNTO CHE CONSENTONO DI MIGLIORARE L UTILIZZO DELLE PROPRIE STRUTTURE DA PARTE DEI CLIENTI. È IN CORSO DI REALIZZAZIONE UN PIANO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE 245 AREE DI SERVIZIO DISLOCATE LUNGO LA RETE. SONO STATI ATTIVATI INVESTIMENTI PER CIRCA 800 MILIONI DI EURO CHE CONSENTIRANNO, ENTRO IL 2009, DI MIGLIORARE LA RICETTIVITÀ DEGLI SPAZI E L OFFERTA DEI SERVIZI DEDICATI ALLA CLIENTELA. z15

17 16

18 LE RISORSE UMANE DEL GRUPPO AUTOSTRADE RAPPRESENTANO UNO DEI PRINCIPALI ASSET STRATEGICI E SONO OGGETTO DI UN ATTENTA POLITICA DEL PERSONALE CHE SI REALIZZA ATTRAVERSO CINQUE AREE DI INTERVENTO: IL DIMENSIONAMENTO STRATEGICO, LA GESTIONE DEL CONTRIBUTO INDIVIDUALE, IL SISTEMA RETRIBUTIVO, LO SVILUPPO PROFESSIONALE E LA COMUNICAZIONE. 17

19 18 e

20 LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO AMBIENTALE SONO TRA I VALORI FONDANTI DEL GRUPPO AUTOSTRADE, CHE PIANIFICA, REALIZZA E GESTISCE LE PROPRIE OPERE E ATTIVITÀ CON L OBIETTIVO DI ARMONIZZARLE CON IL TERRITORIO. IL GRUPPO HA DEFINITO LA CARTA DEGLI IMPEGNI PER L AMBIENTE E COSTITUITO OSSERVATORI AMBIENTALI SULLE OPERE A MAGGIORE IMPATTO. 19

21 sin DATI DI SINTESI E INFORMAZIONI GENERALI 20

22 tes 21

23

24 ORGANI SOCIALI > CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE IN CARICA PER IL TRIENNIO PRESIDENTE Gian Maria Gros-Pietro AMMINISTRATORE DELEGATO Vito Gamberale CONSIGLIERI Salvador Alemany Mas Gilberto Benetton Amerigo Borrini Sabino Cassese (1) Roberto Cera Alberto Clô (indipendente) Sergio De Simoi Piero Di Salvo (indipendente) Antonio Fassone Guido Ferrarini (indipendente) Guidalberto Guidi (indipendente) Gianni Mion Giuseppe Piaggio SEGRETARIO Andrea Grillo > COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO E PER LA CORPORATE GOVERNANCE PRESIDENTE Giuseppe Piaggio COMPONENTI Piero Di Salvo (indipendente) Guido Ferrarini (indipendente) > COMITATO PER LA REMUNERAZIONE PRESIDENTE Gianni Mion COMPONENTI Amerigo Borrini Guidalberto Guidi (indipendente) > COMITATO CONSULTIVO PER LE FUNZIONI DI SERVIZIO PUBBLICO PRESIDENTE Angelo Piazza COMPONENTI Ernesto Stajano Manin Carabba > ORGANISMO DI VIGILANZA PRESIDENTE COMPONENTI Renato Granata Pietro Fratta Enzo Spoletini > COLLEGIO SINDACALE IN CARICA PER IL TRIENNIO PRESIDENTE Alessandro Trotter SINDACI EFFETTIVI Raffaello Lupi Angelo Miglietta Giovanni Quaglia Marco Spadacini SINDACI SUPPLENTI Giuseppe Maria Cipolla Giandomenico Genta SOCIETÀ DI REVISIONE PER IL TRIENNIO KPMG S.p.A. (1) Dimissioni presentate con lettera del

25 LETTERE AGLI AZIONISTI LETTERA DEL PRESIDENTE Per il Gruppo Autostrade il 2005 è stato un anno importante, caratterizzato da un forte impegno per il potenziamento del sistema autostradale del Paese. La rete gestita dal Gruppo è un elemento essenziale del sistema di comunicazione e di scambi in Italia e nelle relazioni con l Europa e fornisce un supporto indispensabile alla crescita economica e sociale del nostro Paese. Negli ultimi anni il nostro maggiore impegno di risorse finanziarie, tecnologiche e manageriali ha prodotto risultati di grande soddisfazione: stiamo offrendo un servizio sempre più efficiente e sicuro e, al tempo stesso, le tariffe applicate sono le più competitive a livello europeo. Grazie all applicazione di nuove tecnologie, abbiamo fortemente ridotto l incidentalità lungo la nostra rete e pressoché dimezzato l indice di mortalità negli ultimi cinque anni. Parallelamente abbiamo aumentato fortemente gli investimenti sulla rete. Abbiamo fatto del nostro meglio per offrire ai nostri clienti servizi sempre migliori, vedendo riconosciuti i nostri sforzi attraverso il miglioramento dei relativi indicatori rilevati. Tutto questo mentre abbiamo ancora una volta incontrato problemi nella realizzazione delle importanti opere di adeguamento della rete, necessarie per far fronte alle nuove esigenze di traffico. È questa forse la criticità più grande che abbiamo dovuto affrontare nel corso dell anno e a cui non è stata finora trovata una risposta soddisfacente. I pesanti ritardi nell avvio e nella realizzazione di investimenti, dipendenti dai complessi e articolati iter autorizzativi, riducono la competitività del sistema Paese e penalizzano il Gruppo Autostrade, con significativi aumenti dei costi di realizzazione delle opere. Il know-how gestionale e tecnologico ha consentito di sviluppare una sempre più spiccata vocazione internazionale, portando il Gruppo Autostrade a ricercare investimenti in mercati esteri nel rispetto di rigorosi criteri di soddisfacenti ritorni sul capitale investito. Al nostro interno l Azienda si è organizzata per essere sempre più moderna ed efficiente. Il Gruppo Autostrade si è dotato di un sistema di Governance e di regole che ci consentono di operare secondo i valori di base della Sostenibilità: etica, trasparenza, rigore, sicurezza, sviluppo sociale, tutela ambientale, dialogo aperto con gli stakeholder, impegno a favore del territorio e delle economie locali. Sappiamo di essere un punto di riferimento della Sostenibilità, non solo in Italia, e continueremo a investire per migliorare i nostri modelli di comportamento anche in coerenza con gli impegni che ci derivano dalla nostra adesione al progetto Global Compact delle Nazioni Unite, finalizzato a diffondere criteri e comportamenti per uno sviluppo economico equo e sostenibile. Gli importanti risultati conseguiti nel 2005, la solidità e le prospettive di sviluppo delle attività del Gruppo Autostrade trovano riscontro nella forte fiducia riscossa sui mercati finanziari internazionali. È motivo di particolare orgoglio constatare che un elevata percentuale (circa 70%) del flottante di Autostrade sia detenuto da investitori istituzionali esteri e, in particolare, da operatori del Regno Unito e degli Stati Uniti (circa 50%), Paesi da sempre e sempre più attenti alla solidità del business e alla trasparenza dei modelli di Governance posti in essere dalle imprese. Il Gruppo Autostrade, con impegno e professionalità che hanno radici nel passato, è un Gruppo di successo, leader internazionale, proiettato verso un futuro da protagonista in Italia e all estero. Con queste premesse il 2006 non potrà che registrare nuove soddisfazioni per la comunità allargata degli stakeholder del Gruppo Autostrade. Prof. Gian Maria Gros-Pietro 24

26 LETTERA DELL AMMINISTRATORE DELEGATO Il 2005 ha fatto registrare risultati operativi ed economico-finanziari in crescita, pur in presenza di una sostanziale stabilità del traffico. Rispetto al precedente esercizio, i ricavi hanno raggiunto milioni di euro (+3,4% rispetto al 2004) con il margine operativo lordo in crescita del 5,2%, su base omogenea, raggiungendo milioni di euro. L indebitamento finanziario netto è pari a milioni di euro, in diminuzione di 125 milioni di euro dall inizio dell anno portandosi a un multiplo di 4,7 in rapporto al margine operativo lordo, ai minimi del settore in Europa. Il risultato netto è pari a 791 milioni di euro, in crescita del 7,6% rispetto al Il traffico sulla rete si è mantenuto sostanzialmente invariato rispetto al 2004 (+0,1%), interrompendo il trend di crescita degli ultimi anni (+2,9% medio annuo dal 2000 al 2004). La mobilità ha risentito dell andamento dell economia italiana, dell aumento del prezzo dei carburanti, di condizioni meteorologiche particolarmente avverse e della presenza di nuovi cantieri per il potenziamento della rete. Le tariffe sulla rete in gestione del Gruppo sono aumentate in media del 2,5%. Gli adeguamenti tariffari, derivati dall applicazione delle norme che regolano le concessioni, tengono conto, oltre che dell inflazione e del recupero di produttività, degli investimenti e della qualità del servizio, entrambi in aumento. Gli investimenti sulla rete hanno subito una forte accelerazione e sono ammontati a 852 milioni di euro (+37% rispetto al 2004), pur in presenza di difficoltà negli iter autorizzativi e di esecuzione dei lavori. L impegno del Gruppo Autostrade è di portare a compimento nei prossimi anni un piano complessivo di investimenti di circa 11 miliardi di euro, in grado di potenziare la rete gestita e renderla più adeguata rispetto alle nuove esigenze di mobilità. Il programma di investimenti del Gruppo Autostrade è particolarmente strategico per il sistema Paese. Negli ultimi 30 anni l estensione della rete autostradale italiana a pedaggio è aumentata del 23% a fronte di un traffico che nello stesso periodo è più che triplicato. L Italia aveva le infrastrutture di trasporto autostradali più sviluppate in Europa. Oggi la situazione è invertita e determina uno svantaggio competitivo che grava sull economia italiana. Il miglioramento della qualità del servizio registra nel 2005 un altro importante passo in avanti. Gli interventi per la sicurezza hanno portato, a livello di Gruppo, a un ulteriore riduzione degli incidenti (-2,6%), in particolare di quelli mortali (-4,6%). I pagamenti con il Telepass, che oltre a migliorare l efficienza operativa incidono positivamente sulle condizioni di servizio riducendo le code alle barriere, sono cresciuti (+6,1%) raggiungendo il 48,3% del totale. L asfalto drenante copre il 55% della rete di Autostrade per l Italia (43,6% nel 2004). Il Gruppo Autostrade ha anche potenziato, in un ottica di prevenzione, i servizi di informazione e sensibilizzazione rivolti ai clienti. Nel 2005 si è conclusa l ultima fase del processo di assegnazione delle concessioni nelle aree di servizio del Gruppo Autostrade, iniziato nel 2002, con l avvio di un ingente programma di investimenti (800 milioni di euro, 35% attivati) per riqualificare i servizi a disposizione della clientela. Le royalty del Gruppo Autostrade percepite nell anno ammontano a 172 milioni di euro. Nel 2005 Autostrade ha valorizzato gli importanti investimenti effettuati all estero negli ultimi due anni, cedendo le partecipazioni in Midland Express Limited (la concessionaria della M6 Toll, la prima autostrada a pedaggio del Regno Unito, inaugurata nel 2003) ed Europpass (la società che ha realizzato e gestisce dal 2004 il sistema di esazione dinamica per mezzi pesanti in Austria). Congiuntamente le operazioni hanno generato nel 2005 proventi netti per oltre 152 milioni di euro. Il Gruppo si appresta a valutare nuove iniziative all estero che continuino a valorizzare il know-how aziendale. L interesse è diretto prevalentemente verso Paesi la cui crescita economica è superiore a quella europea, pur salvaguardando rigorosi criteri di allocazione del capitale. In questa direzione va letto il prossimo investimento in Cile. Un importante aspetto che ha caratterizzato la gestione del Gruppo Autostrade nel 2005, e che lo sarà sempre di più in futuro, è l attenzione rivolta a tutti i principali stakeholder secondo un modello di business improntato alla Sostenibilità. L attenzione alla creazione di valore si coniuga infatti con il rispetto delle principali tematiche sociali e ambientali. Questa nuova edizione del bilancio di esercizio, che integra la Sezione di Sostenibilità, ne è una importante testimonianza. Il Gruppo Autostrade da anni è sensibile agli aspetti della Sostenibilità e ha completato un sistema di Governance conforme ai principi definiti per le società quotate di Borsa Italiana. Particolare attenzione è stata attribuita alla gestione delle risorse umane del Gruppo, colleghi che svolgono un ruolo prezioso in una società di servizi, a cui va il mio ringraziamento per i risultati conseguiti nel Con queste premesse, nel 2006 il Gruppo si appresta a proseguire il proprio percorso strategico di crescita, con l impegno di offrire al mercato le migliori garanzie di una gestione aziendale efficiente e di mantenere un costruttivo dialogo con la comunità allargata degli stakeholder. Ing. Vito Gamberale 25

27 PRINCIPALI DATI ECONOMICO- FINANZIARI E OPERATIVI DI GRUPPO Ricavi ( mln) ,4% RISULTATI ECONOMICO-FINANZIARI (MILIONI DI EURO) Ebitda ( mln) Investimenti ( mln) Risorse umane (organico medio) (n. unità) ,5% +36,5% -0,3% (a) Ricavi Ricavi netti da pedaggio Altri ricavi delle vendite e prestazioni Margine Operativo Lordo (Ebitda) MOL% (b) 62,7% 63,2% Risultato Operativo (Ebit) RO% 51,7% 50,8% Risultato Ante Imposte RAI% 37,0% 34,4% Utile dell esercizio (inclusa la quota di terzi) Utile dell esercizio (quota del Gruppo) Cash Flow Operativo (c) Investimenti in attività materiali Patrimonio netto Indebitamento finanziario netto DATI OPERATIVI Sicurezza (n. incidenti / 100 mln km percorsi) 51,3 0,51 49, Incidentalità: Traffico (mln di km) Globale Veicoli leggeri Veicoli pesanti 0,48 Modalità di esazione (% sul totale di transiti) 1% 1% 46% 48% 13% 12% 5% 7% 36% 32% Mortale Contanti (manuale) Viacard e carte Contanti (automatica) Telepass Altro (a) RISORSE UMANE (n. persone) Organico medio Organico al VOLUMI DI TRAFFICO (milioni di km) Veicoli leggeri Veicoli pesanti Veicoli totali Veicoli Teorici Medi Giornalieri (VTMG) SICUREZZA Incidentalità globale (n. incidenti / 100 milioni di km percorsi) 49,9 51,3 Incidentalità mortale (n. incidenti / 100 milioni di km percorsi) 0,48 0,51 Pavimentazione drenante (% km su totale rete) (d) 55% 44% MODALITÀ DI ESAZIONE (% sul totale di transiti) Contanti in porta manuale 32% 36% Contanti in porta automatica 7% 5% Viacard e altre carte 12% 13% Telepass 48% 46% Altro 1% 1% Totale 100% 100% (a) I dati 2004 sono riclassificati per tener conto della cessione di Europpass nel corso del (b) Depurando i risultati 2004 della sopravvenienza derivante dalla devoluzione gratuita dei cespiti delle aree di servizio interessate dal rinnovo delle relative concessioni, il MOL percentuale 2004 è pari a 62,6%. (c) Cash Flow Operativo calcolato come utile + ammortamenti + accantonamenti +/- oneri/proventi netti di attività cessate/destinate a essere cedute +/- quota di perdita/utile di imprese collegate +/- svalutazioni/rivalutazioni di attività finanziarie + quota di imposte anticipate su operazioni di conferimento. (d) Dato relativo alla rete di Autostrade per l Italia. 26

28 AUTOSTRADE IN BORSA E INFORMAZIONI PER GLI INVESTITORI PRINCIPALI DATI DI MERCATO Capitale sociale (euro) Numero azioni (valore nominale unitario 1 euro) Capitalizzazione di Borsa (euro mln) Utile per azione (euro) 1,38 1,29 Cash flow operativo per azione (euro) 1,96 1,87 Dividendo per azione (euro) 0,56 0,51 Pay out ratio (%) 40% 40% Dividend Yield ( * ) 2,8% 2,6% Prezzo a fine esercizio (euro) 20,26 19,70 Prezzo massimo (euro) 22,99 19,85 Prezzo minimo (euro) 18,37 13,46 Prezzo per azione/utile per azione (P/E) ( * ) 14,7 15,3 Prezzo per azione/cash flow per azione ( * ) 10,3 10,5 Market to Book Value ( * ) 3,4 3,5 Peso di Autostrade su capitalizzazione di Borsa ( * ) 1,98% 1,61% Peso di Autostrade su indice S&P/MIB ( * ) 1,60% 1,89% RATING DEL GRUPPO Standard&Poor s A - outlook stabile Moody s A3 - outlook stabile ( * ) Dati calcolati in base al prezzo di fine esercizio. L AZIONARIATO DI AUTOSTRADE S.P.A. Nucleo di Azionisti stabile Ripartizione geografica degli investitori istituzionali Edizione Holding 60,0% UniCredito 6,7% Abertis 13,3% Fondazione CRT 13,3% Assicurazioni Generali 6,7% Germania 4,1% Francia 4,0% Resto d Europa 9,3% Resto del mondo 2,5% Regno Unito 24,6% Italia 29,1% Stati Uniti 26,5% Schemaventotto 50,1% Mercato 49,9% AUTOSTRADE S.p.A. ANDAMENTO DEL TITOLO AUTOSTRADE ANDAMENTO DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI AUTOSTRADE S.P.A. Volumi ( 000) Prezzo ( ) Corso del titolo Volumi Autostrade S&P / Mib (ribasato) Eur 1 Mld / 5,875% / Gbp 500 Mln / 6,25% / Eur Mln / 5,0% / Eur 2 Mld / FRN /

29 RETE DEL GRUPPO Monte Bianco Belluno A23 Tarvisio 12 A26 A8 A9 1 6 A4 8 7 Brescia Milano Padova A27 Venezia Torino A6 A26 A10 9 Genova A7 A12 Pisa A1 A Bologna A11 4 A1 3 Firenze Ravenna A14 10 Ancona A12 A1 Civitavecchia A A24 13 A25 Pescara Autostrade per l Italia S.p.A. Autostrada Torino-Savona S.p.A. Roma A1 14 Napoli A14 A3 A16 A30 A14 Taranto Bari Società italiana per il Traforo del Monte Bianco Raccordo Autostrade Valle d Aosta S.p.A. Società Autostrada Tirrenica S.p.A. Tangenziale di Napoli S.p.A. Autostrade Meridionali S.p.A. Strada dei Parchi S.p.A. ANAS e altre concessionarie Interventi di potenziamento 28

30 INTERVENTI PROGRAMMATI DI POTENZIAMENTO E AMMODERNAMENTO DELLA RETE GRANDI OPERE INTERVENTO ESTENSIONE RETE (KM) VALORE INTERVENTO (a) (MLN. ) AVANZAMENTO LAVORI AL (b) AUTOSTRADE PER L ITALIA: CONVENZIONE MI-VA (A8) Fiorenza-Gallarate 28, % 2 MI-NA (A1) e BO-TA (A14) Nodo di Bologna 45, % 3 MI-NA (A1) Variante di Valico 66, % 4 MI-NA (A1) Nodo di Firenze 58, % 5 MI-NA (A1) Orte-Fiano 37, % Investimenti residui % Totale interventi Convenzione , % AUTOSTRADE PER L ITALIA: IV ATTO AGGIUNTIVO MI-CO (A9) Lainate-Como Grandate 23, % 7 MI-Laghi (A8-A9) Accesso al Polo Fieristico di Milano 3, % 8 MI-BS (A4) Milano-Bergamo 35, % 9 A7-A10-A12 Nodo di Genova 34, % 10 BO-TA (A14) Rimini Nord-Pedaso 171, % 11 MI-NA (A1) Fiano Romano-Grande Raccordo Anulare Roma 18, % Totale interventi IV Atto Aggiuntivo , % Autostrade per l Italia totale investimenti in Grandi Opere 523, % ALTRE CONCESSIONARIE 12 RAV: AO-Traforo Monte Bianco (A5) Morgex-Entrèves 12, % 13 STRADA DEI PARCHI: RM-AQ-TE e Torano-Pescara (A24 e A 25) 19, % 14 AUTOSTRADE MERIDIONALI: NA-Pompei-SA (A3) Napoli-Pompei 15, % Totale interventi altre concessionarie 47, % GRUPPO AUTOSTRADE TOTALE INVESTIMENTI IN GRANDI OPERE 571, % N.B. Per informazioni di dettaglio sulla tabella si rimanda al capitolo Potenziamento e ammodernamento della rete. (a) Costi complessivi per la realizzazione dell opera accertati al , comprendendo lavori a base d asta (al netto dei ribassi effettivi o previsti), somme a disposizione, riserve riconosciute, premi di accelerazione, perizie di variante approvate. (b) Esclude costi capitalizzati (oneri finanziari e personale). Percentuale di avanzamento calcolata in rapporto al valore dell intervento. 29

31 STRUTTURA DEL GRUPPO AUTOSTRADE S.p.A. Autostrade per l Italia S.p.A. (100%) Infoblu S.p.A. (100%) TowerCo S.p.A. (100%) Autostrade Participations S.A. (99,99%) Autostrade International S.p.A. (100%) Servizi di supporto EsseDiEsse Società di Servizi S.p.A. (100%) Pavimental S.p.A. (71,67%) SPEA - Ingegneria Europea S.p.A. (100%) AD Moving S.p.A. (75%) Società concessionarie Autostrada Torino-Savona S.p.A. (99,98%) Società Autostrada Tirrenica S.p.A. (93,71%) Società Italiana p.a. per il Traforo del Monte Bianco (51%) Tangenziale di Napoli S.p.A. (100%) Autostrade Meridionali S.p.A. (58,98%) Autostrade International US Holdings, Inc. (100%) Autostrade International of Virginia O&M (100%) Raccordo Autostradale Valle d Aosta S.p.A. (58%) Port Mobility S.p.A. (70%) Strada dei Parchi S.p.A. (60%) Attività autostradali italiane Servizi a valore aggiunto Sviluppo internazionale CONTRIBUTO DELLE SOCIETÀ CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI ALLE PRINCIPALI VARIABILI ECONOMICHE E GESTIONALI DEL GRUPPO CONCESSIONARIE AUTOSTRADALI DEL GRUPPO LUNGH. TRAFFICO SCADENZA RICAVI 2005 EBITDA 2005 INVESTIMENTI PERSONALE (KM) (MLN. KM) CONCESSIONE (MLN. ) (MLN. ) (MLN. ) (UNITÀ) Autostrade per l Italia 2.854, Società Italiana per il Traforo del Monte Bianco (TMB) 5, Raccordo Autostradale Valle d Aosta (RAV) 27, (*) Autostrada Torino-Savona 130, Società Autostrada Tirrenica (SAT) 36, Strada dei Parchi 281, Tangenziale di Napoli 20, Autostrade Meridionali (SAM) 51, Totale 3.408, (*) La concessione scade dopo 30 anni, a partire dall entrata in esercizio dell intera opera, originariamente prevista per la fine del CONTRIBUTO DELLE SOCIETÀ CONCESSIONARIE AI RICAVI E ALL EBITDA RICAVI EBITDA 86,7% Autostrade per l Italia 3,8% Strada dei Parchi 2,4% SAM 1,8% Tangenziale di Napoli 0,8% SAT 0,3% RAV 2,1% TMB 2,0% Autostrada Torino-Savona 89,8% Autostrade per l Italia 3,4% Strada dei Parchi 1,8% SAM 1,0% Tangenziale di Napoli 0,7% SAT 0,1% RAV 1,5% TMB 1,6% Autostrada Torino-Savona 30

32 MACRO STRUTTURA ORGANIZZATIVA PRESIDENTE G.M. Gros Pietro Autostrade S.p.A. Autostrade per l Italia S.p.A AMMINISTRATORE DELEGATO V. Gamberale AUDITING INTERNO E. Spoletini PRESIDENTE Autostrade per l Italia V. Gamberale DIRETTORE GENERALE DI GRUPPO G. Castellucci DIREZIONE LEGALE P. Fratta DIREZIONE AMMINISTRAZIONE, PIANIFICAZIONE FINANZA E INVESTOR RELATIONS L. Bettonte AMMINISTRATORE DELEGATO Autostrade per l Italia G. Castellucci DIREZIONE RISORSE, SVILUPPO ORG.VO E QUALITÀ DI GRUPPO G. Giacardi DIREZIONE RAPPORTI ISTITUZIONALI E COMUNICAZIONE V. Gamberale (int.) DIREZIONE SVILUPPO ESTERO V. Gamberale (int.) INVESTOR RELATIONS & SUSTAINABILITY M. Sonego DIREZIONE LEGALE P. Fratta DIREZIONE AMMIN. E FINANZA L. Bettonte DIREZIONE NUOVE OPERE G. Tozzi DIREZIONE SERVIZI EVOLUTI P. Bergamini DIREZIONE ESERCIZIO G. Di Marco DIREZIONE AREE DI SERVIZIO L. Lo Presti DIR. CENTR. RISORSE, SVIL. ORG.VO E QUALITÀ G. Giacardi DIREZIONE RAPPORTI ISTITUZ. E COMUNICAZ. G. Castellucci (int.) DIREZIONE SVILUPPO ITALIA F. Rapino (Int. = ad interim) 31

33 ge RELAZIONE SULLA GESTIONE 32

34 tio 33

35 ndam TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Fino all esercizio chiuso al Autostrade ha elaborato il bilancio consolidato di Gruppo e le altre informazioni periodiche trimestrali e semestrali sulla base dei principi contabili emanati dai Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri e dei documenti emessi dall OIC - Organismo Italiano di Contabilità (nel seguito precedenti principi contabili ), applicando ove mancanti i principi contabili internazionali (di seguito anche IFRS) in vigore, emessi dall International Accounting Standard Board. A seguito dell entrata in vigore del Regolamento europeo n del luglio 2002 e come richiesto dal Regolamento Emittenti n /1999, così come modificato dalla CONSOB con Delibera n del , il Gruppo Autostrade, in quanto quotato presso la Borsa Valori italiana, ha adottato, a partire dal , i principi contabili internazionali e, pertanto, quello al rappresenta il primo bilancio consolidato completo redatto in conformità agli IFRS. Si evidenzia che, in virtù delle opzioni offerte dal D. Lgs. 38/2005, Autostrade S.p.A. ha optato di non utilizzare i principi contabili internazionali IFRS per la redazione del bilancio d esercizio al Nell ambito del processo di transizione agli IFRS e ai fini del bilancio consolidato del Gruppo al secondo tali principi, si è reso necessario provvedere alla rielaborazione del bilancio consolidato dell esercizio 2004 in base agli IFRS, e in particolare in conformità ai principi e ai criteri scelti dalla Capogruppo. Nel documento Transizione ai principi contabili internazionali (IFRS) (disponibile sul sito assoggettato a revisione contabile dalla società di revisione KPMG come da raccomandazione della CONSOB e pubblicato contestualmente alla relazione semestrale consolidata al , nonché allegato alla nota integrativa del bilancio consolidato, sono presentati i prospetti di riconciliazione e le relative note di commento tra le situazioni contabili elaborate dal Gruppo Autostrade sulla base dei principi contabili internazionali IFRS, e in particolare in conformità ai principi e criteri scelti dalla Capogruppo, e le corrispondenti situazioni consolidate predisposte in base ai precedenti principi contabili (situazione patrimoniale consolidata al , al e al , conto economico consolidato e rendiconto finanziario consolidato dell esercizio 2004), nonché i relativi effetti sul patrimonio netto e sull indebitamento finanziario. Il bilancio consolidato per l esercizio chiuso al è stato redatto ai sensi dell art. 2 e 3 del D. Lgs. 38/2005, sulla base degli International Financial Reporting Standards (IFRS), emanati dall International Accounting Standard Board, in vigore alla data del e omologati dalla Commissione Europea. In particolare, si evidenzia che l attuale corpo degli IFRS in vigore non prevede uno specifico principio relativo al trattamento contabile dei servizi in concessione. Tuttavia, nel marzo 2005 l IFRIC (International Financial Reporting Interpretation Committee) ha prodotto tre bozze di interpretazioni (D12, D13 e D14) circa il trattamento di attività (beni gratuitamente devolvibili), passività (fondi di ripristino), ricavi e costi connessi ai servizi forniti in regime di concessione, e che, a una prima verifica e qualora tali interpretazioni fossero definitivamente approvate con i contenuti attuali, richiederebbero al Gruppo di applicare l intangible asset model prevedibilmente a partire dal 2006, con impatti rilevanti sulla rappresentazione patrimoniale ed economica delle attività sviluppate dal Gruppo. Relativamente a tali bozze elaborate dall IFRIC sono state formulate da numerosi organismi tecnici e contabili nazionali e internazionali (tra cui EFRAG e OIC) e da associazioni di categoria (tra cui l AISCAT) una serie di rilievi critici. Tenuto conto dell effettiva sostanza dell attività svolta dal concessionario, dell incertezza circa la formulazione definitiva delle tre citate interpretazioni e della loro tempistica di applicazione, per l elaborazione del presente bilancio consolidato, nonché per la rielaborazione delle situazioni consolidate presentate nel citato documento Transizione ai principi contabili internazionali (IFRS), si è mantenuta l impostazione adottata nell ambito dei precedenti principi contabili, ritenuta non in conflitto con gli IFRS in vigore, che prevede l iscrizione in bilancio dei beni reversibili tra le attività materiali. In questa sede, si segnala che la differenza in valore assoluto del risultato economico del 2004, determinato applicando gli IFRS, rispetto al corrispondente valore, determinato con i precedenti principi contabili, deriva essenzialmente dallo storno dell ammortamento dell avviamento (rilevato nei bilanci precedenti quale differenza di consolidamento ). Tale ammontare rappresenta la quota di ammortamento del valore rilevato nel bilancio consolidato a fronte dell operazione di acquisizione di Autostrade Concessione e Costruzioni Autostrade avvenuta nel 2003, calcolato su di un periodo di 15 anni. Detto periodo è coerente con lo stesso arco temporale lungo il quale è ammortizzato l avviamento iscritto dalla controllata Autostrade per l Italia e che si è generato a seguito del conferimento infragruppo effettuato nel Autostrade per l Italia continua l ammortamento anche nel 2005 del citato avviamento, in ossequio all applicazione dei principi contabili italiani. La differenza di consolidamento, così come l avviamento di Autostrade per l Italia nel momento in cui quest ultima transiterà agli IFRS, è oggetto di impairment test secondo lo IAS 36. L effetto contabile di detta applicazione si traduce in uno storno delle quote annuali di ammortamento della differenza di consolidamento pari a 312,8 milioni di euro che, data la natura e la durata dell attività concessoria del Gruppo, saranno verosimilmente imputate al conto economico negli anni terminali di durata della concessione. Tale differente modalità contabile di imputazione nel conto economico consolidato della differenza di consolidamento comporta quindi uno spostamento nel tempo, negli ultimi anni della concessione, della rilevazione contabile dell ammortamento/deprezzamento che si sarebbe rilevato in base ai precedenti principi contabili. Il mancato ammortamento in applicazione degli IFRS dell avviamento non produce pertanto alcun effetto sulla generazione di liquidità, né sulla performance economica e gestionale del Gruppo e in definitiva sul valore dello stesso. 34

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Relazione finanziaria annuale 2013

Relazione finanziaria annuale 2013 Relazione finanziaria annuale 2013 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) 1 2 (Pagina lasciata bianca intenzionalmente) Indice 1. Introduzione... 5 Principali dati economico-finanziari consolidati...

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO ACEA INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE MODELLO ORGANIZZATIVO DI ACEA 8 ORGANI SOCIALI

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Società Italiana per Azioni per il Traforo del Monte Bianco RELAZIONI E BILANCIO 2014

Società Italiana per Azioni per il Traforo del Monte Bianco RELAZIONI E BILANCIO 2014 Società Italiana per Azioni per il Traforo del Monte Bianco RELAZIONI E BILANCIO 2014 Assemblea del 20 marzo 2015 SOCIETÀ ITALIANA PER AZIONI PER IL TRAFORO DEL MONTE BIANCO Società soggetta all attività

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A.

DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE ITALIAONLINE S.P.A. DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Il è stato redatto ai sensi della Deliberazione Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato e integrato, e dell art. 4 del Regolamento (CE) n. 809/2004

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente e Amministratore Delegato ING. ALDO FUMAGALLI ROMARIO Vice Presidente e Amministratore

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli