Ricerca sui comportamenti a rischio negli adolescenti di Milano: uso di droghe, alcool e comportamenti sessuali a rischio di contagio HIV

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca sui comportamenti a rischio negli adolescenti di Milano: uso di droghe, alcool e comportamenti sessuali a rischio di contagio HIV"

Transcript

1 Ricerca sui comportamenti a rischio negli adolescenti di Milano: uso di droghe, alcool e comportamenti sessuali a rischio di contagio HIV R. Visintini, C. Maffei, E. Cattaneo, E. Nahum Sembira, V. Pezzani. Università Vita-Salute San Raffaele, 2002 La ricerca si propone di fornire un quadro complessivo delle due maggiori aree di comportamenti a rischio negli adolescenti. La prima è in relazione allo uso e all abuso di droghe e alcool, in ragione dell espansione continua di tale fenomeno. La seconda si riferisce ai comportamenti sessuali a rischio di contagio HIV. Lo scopo del lavoro è capire in modo dettagliato, l assunzione di rischi che gli adolescenti, con età compresa tra i quattordici ed i diciannove anni, mettono in atto, prospettando in fine un eventuale interconnessione tra l uso e l abuso di droghe illegali, alcool ed il comportamento sessuale a rischio dato che l uso e l abuso di tali sostanze disinibenti potrebbe abbassare il livello di autocontrollo, concorrendo ad aumentare il rischio di contagio. Un campione di 2362 soggetti è stato raccolto andando in 15 Istituti di Scuola Media Superiore del Comune di Milano al fine di indagare i comportamenti che entrano in gioco nel determinare il rischio di contagio HIV/AIDS, a cui la fascia d età tra i 14 e i 19 anni si espone. La ricerca si è articolata in più fasi: 1. Costruzione dello strumento d indagine 2. Costruzione del campione 3. Somministrazione e ritiro del questionario 4. Inserimento ed elaborazione statistica dei dati 5. Cut-off Lo strumento che si è ricavato è composto da quattro fascicoli di domande suddivise per argomento con l aggiunta di una griglia iniziale per la raccolta dei dati anagrafici, e di una domanda specifica sull impiego del tempo libero: - Griglia e domanda tempo libero - Fascicolo sull informazione (7 domande) - Fascicolo sull utilizzo di droghe (6 domande) - Fascicolo sul consumo di alcolici (5 domande) - Fascicolo sui comportamenti sessuali (14 domande)

2 Per evitare possibili forme di influenzamento dovute all ordine dei fascicoli, sono state stampate quattro versioni del questionario contenenti gli stessi fascicoli disposti però in ordine diverso, eccetto che per la griglia iniziale e per la domanda sull impiego del tempo libero, che sono rimaste le prime in tutte le versioni. Descrizione del campione distribuzione del campione per fasce d'età 20,50% 8,60% 11,60% 17% 14 anni 15 anni 16 anni 17 anni 18 anni 21% 21,30% 19 anni fasce d'età per sesso 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 14 anni 15 anni 16 anni 17 anni 18 anni 19 anni maschi 33,30 47,10 48,60 43,90 47,90 54% femmine 66,70 52,90 51,40 53,10 52,10 46% maschi femmine Il 54% del campione (1275 soggetti) ha dichiarato di essere sessualmente attivo.

3 Assunzione di droghe Le droghe sembrano far parte di una realtà alquanto ampia, infatti il 42 % degli studenti intervistati ha usato droghe almeno una volta nella vita. Hai mai usato droghe? sì 42,20% no 57,80% sì 42% no 58% sì no L assunzione di droghe risulta essere un comportamento più diffuso tra la popolazione maschile che in quella femminile; la percentuale di femmine che ha fatto uso di droghe è più bassa rispetto a quella dei maschi. Con il progredire dell età aumenta la percentuale di persone che ha assunto droghe, sia nei maschi che nelle femmine; il numero delle femmine che ha assunto droghe resta in ogni fascia di età inferiore a quello maschile, tranne ai 15 anni dove le percentuali in entrambi i sessi si equivalgono. 1 4 a n n i P2e 5 c, e5 n0 t% u a le d1i 8 p,2 o p0 o% la z io n e c h e h a a s s u n t o d r o g a 1 5 a n n i 3 3, 2 0 % 3 2,9 0 % 1 6 a n n7i 0,0 0 % 4 1, 4 0 % 3 4 % 1 7 a n n6i 0,0 0 % 5 0, 2 0 % 4 3,4 0 % 1 8 a n n5i 0,0 0 % 6 0, 5 0 % 4 3,5 0 % 1 9 a n n i 6 6, 7 0 % 5 5,2 0 % 4 0,0 0 % 3 0,0 0 % 2 0,0 0 % 1 0,0 0 % 0,0 0 % 14anni 15anni 16anni 17anni 18anni 19anni m a s c h i f e m m in e

4 Il primo contatto con le droghe illegali è abbastanza precoce: l età media è individuabile a circa 14 anni e mezzo, anche se una percentuale non indifferente di ragazzi incomincia già a 13 anni. 12anni 1,80% 13anni 5,30% 14anni 14,00% 12,40% 15anni 12,00% 11,10% 16anni 7,20% 10,00% 17anni 2,80% 8,00% 18anni 2,30% 6,00% 19anni 0% 4,00% 2,00% 0,00% " A che età hai fatto uso di droghe per la prima volta?" 11anni 12anni 13anni 14anni 15anni 16anni 17anni 18anni 19anni La Sostanza più diffusa risulta essere la Marijuana seguita dalla cocaina, l uso di eroina sembra invece stare scomparendo. 100,00% 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% 0,00% marjiuana 94,50% droghe assunte nell'ultimo mese ecstasy 4,80% acidi 2,50% cocaina 14,20% eroina 1,30% popper 10,80% funghi 4,80% altro 5,80% marjiuana ecstasy acidi cocaina eroina popper funghi altro

5 Mentre l uso di Marijuana rimane costantemente elevato in tute le fasce di età l assunzione di cocaina e ecstasy e popper aumenta con il crescere dell età. 100,00% 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% marjiuana ecstasy cocaina popper 14anni 91,10% 2,20% 17,80% 7% di droghe l'ultimo mese 15anni 92,20% 2,70% 9,10% 10% 16anni 94,80% 5% 10% 13% 17anni 97% 6,40% 11,50% 10,80% 18anni 97% 3% 19% 11% 19anni 94,80% 10,40% 18,90% 10% Droghe assunte in ogni fascia di età della popolazione che ha fatto uso 14anni 15anni 16anni 17anni 18anni 19anni marjiuana ecstasy cocaina popper Essendo la marijuana la droga più diffusa si è voluto osservare quanti di quelli che hanno usato marijuana hanno assunto anche altre sostanze. Dai dati è emerso che il 22% ( circa 164 persone ) del campione che ha assunto marijuana ha usato nell ultimo mese anche altre sostanze. La percentuale dei policonsumatori aumenta con il crescere dell età e presenta un picco preoccupante ai 14 anni. Percentuale di "policonsumatori" sul campione che ha 14anni 26% assunto marijuana nell'ultimo mese 15anni 15% 16anni 18% 30% 17anni 21% 25% 18anni 25% 19anni 26% 20% 15% 10% 5% 0% 14anni 15anni 16anni 17anni 18anni 19anni

6 Il 22% del campione che ha assunto marijuana nell ultimo mese ha assunto almeno un altra sostanza questo gruppo definito di policonsumatori presenta una frequenza temporale di assunzione marijuana maggiore di quella di chi consuma solo marijuana. La ricerca ha permesso di rilevare quali siano le circostanze in cui i ragazzi assumono droghe. L 89,9% della popolazione che a usato droghe dichiara di averlo fatto con amici con una media di 9,380 al mese Il 17,2% dichiara di averlo fatto da solo con una media di 7, 45 volte Il 43,5% quando gli altri le usano con una media di 8,3 Il 55,8% quando me le offrono con una media di 6,7 volte Il 25,5% quando ho i soldi per comprarla con una media di 11,5 Il 12,2% Prima / durante i rapporti sessuali con una media di 7 volte Il 39% Solo il fine settimana con una media di 5,1 Il 17,5% A casa con una media di 8,7 volte Il 27,2% In discoteca con una media di 4,7 volte Il 34% A scuola media di 6,9 volte Occasioni in cui si sono assunte droghe nell'ultimo mese con amici 89,90% da solo 17,20% con amici 90,00% q. gli altri le usano 45,30% 80,00% q.me le offrono55,80% da solo 70,00% q. ho i soldi 25,50% q. gli altri le usano 60,00% durante rapporti 12,20% 50,00% solo fine settimana 9,90% q.me le offrono 40,00% a casa 17,50% q. ho i soldi 30,00% in discoteca 27,20% 20,00% durante rapporti a scuola 34% 10,00% solo fine 0,00% settimana a casa 1

7 Consumo di bevande alcoliche La distinzione tra uso ed abuso di alcool è cosa alquanto complessa; l alcool, infatti, specie nei paesi mediterranei ( ed in particolar modo in Italia) fa parte della cultura e della gastronomia; in Italia le bevande a bassa gradazione alcolica non vengono considerate pericolose, e quindi si beve sin da piccoli. I ragazzi bevono spesso a casa propria,ai pasti in famiglia e alle feste di amici dove i grandi offrono con naturalezza lo spumante ai più piccoli.(ceccati rapporto della Mildt). Il 15% dei ragazzi crede che la birra non contenga alcool e l 8% è convinto che la birra non sia una bevanda alcolica. Dai nostri dati emerge che la popolazione che non ha bevuto alcolici nell ultimo mese costituisce una percentuale esigua del nostro campione e tende a diminuire col crescere dell età. Hai assunto bevande alcoliche nell'ultimo mese? no 18% 18% sì 82% no sì 82%

8 La media con cui il campione ha bevuto alcolici con amici nell ultimo mese è di 7,7 volte. Si osserva un trend in aumento della frequenza temporale con cui i ragazzi bevono, sia della quantità di alcool assunta con il crescere dell età sia nei maschi che nelle femmine La media del numero di bicchieri bevuti con amici è attorno ai 3 bicchieri di alcolici il che comporta come già spiegato uno stato di disinibizione; nelle femmine la media è più bassa. Il confronto tra i due sessi è di particolare interesse: a 14 le ragazze bevono quanto i ragazzi poi il consumo femminile rimane inferiore sino ai 18 anni quando di nuovo uguaglia il consumo maschile. 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 maschi femmine Media 14anni di bicchieri di alcolici 2,8 bevuti 2,7 con amici 15anni 3,6 3,1 16anni 3,8 2,1 17anni 3,8 2,3 18anni 3,4 2,4 19anni 3,3 2,8 14anni 15anni 16anni 17anni 18anni 19anni maschi femmine Il 16% del campione generale ( 377 soggetti) con amici in genere beve almeno 5 bicchieri. L uso eccessivo di alcool è spesso correlato all uso di droghe. Del sottocampione in questione il 63% ha fatto uso di droghe il 17% è anche un poliabusatore ed il 61,9% dichiara di essersi ubriacato nell ultimo mese. Il 17% del sottocampione è costituito da policonsumatori di droghe, ovvero persone che nell ultimo mese hanno assunto oltre la marijuana almeno un'altra sostanza. La popolazione di di chi beve almeni cinque bicchieri almeno 4 volte al mese è stata divisa tra chi è anche policonsumatore di droghe e chi non lo è. Il sottocampione costituito anche da policonsumatori di droghe hanno bevuto in media con amici nell ultimo mese 17,9 volte e generalmente in tali circostanze assumono 7,3 bicchieri di alcolici o 7,5 bicchieri di superalcolici.il 45% di loro beve anche da solo.

9 Il sottocampione che non è costituito anche da policonsumatori di droghe presenta delle medie più basse; ha bevuto con amici nell ultimo mese con una media di 13,8 volte e la media del numero di bicchieri assunti di alcolici è di 6,7 e di superalcolici 6,4. Media volte in cui sono stati bevuti alcolici con amici nella popolazione che beve almeno 5 bicchieri, da 4 volte al mese in su marijuana ed altre 13,8 sostanze solo marijuna 17,9 13,8 17,9 solo marijuna marijuana ed altre sostanze Media del numero di bicchieri assunti con amici nella popolazione che beve almeno 5 bicchieri,da 4 volte il mese in su alcolici superalcolici solo marijuna 6,7 6,4 marijuna ed altre sostanze 7,5 7,7 superalcolici 6,4 7,7 marijuna ed altre sostanze solo marijuna alcolici 6,7 7,

10 Comportamenti sessuali a rischio di contagio HIV Anche negli adolescenti, indipendentemente dall orientamento sessuale, vi è una tendenza che si conforma a quella di tutte le altre fasce d età: il 50% circa della popolazione ricorre sempre all utilizzo del preservativo e il restante 50% non lo fa. Inoltre è importante sottolineare come anche da questa ricerca, in linea con quanto si ritrova in letteratura, sia emerso che il livello di informazione in materia di HIV/AIDS non influisce sulla scelta di attuare o meno comportamenti sessuali a rischio. livello di informazione in materia di HIV/AIDS nel campione 22% info suff. info insuff. 78% Nonostante il livello di informazione in materia di HIV/AIDS sia sufficiente nel 78% del campione, il 6,5% risponde di non usare il preservativo perché pensa che la pillola protegga anche da malattie a trasmissione sessuale: "penso che la pillola protegga anche da malattie a trasmissione sessuale" 6% 5% 4% 3% 2% 1% 0% età maschi femmine

11 L età media del primo rapporto sessuale completo e/o oro-genitale è di 15 anni sia per i maschi che per le femmine. Per quanto riguarda quella parte del campione che ha praticato solo rapporti orogenitali l età media del primo rapporto è di 15 anni per le femmine e 14 anni per i maschi. I risultati ottenuti ci portano a riflettere principalmente su una serie di aspetti legati alla negoziazione dell uso del preservativo. Ad esempio le ragazze tendono ad essere più capaci di tutelarsi rispetto ai ragazzi i quali, invece, appaiono più timorosi nel proporre il preservativo prima di un rapporto sessuale. "l'ho proposto e ho convinto il/la partner ad usarlo" 100,00% 80,00% 60,00% 40,00% 20,00% maschi femmine 0,00% età Tale dato sembra essere in apparente contraddizione col fatto che le ragazze dichiarano di usare meno il preservativo. "non uso mai il preservativo" 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% età femmine maschi

12 In realtà esse motivano questa scelta sulla base di una relazione stabile con il loro partner. "non uso il preservativo perchè ho una relazione stabile con il/la mio/a partner" 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% età maschi femmine Sembra quindi che il significato del preservativo sia ancora prevalentemente legato all idea di contraccettivo piuttosto che ad un mezzo efficace per evitare le malattie a trasmissione sessuale come l HIV/AIDS. motivi dell'uso del preservativo 90% 83% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 54% 37,00% evitare gravidanza paura MTS paura HIV igiene richiesta del/la partner 20% 14% 10,50% 10% 0% MTS: malattie a trasmissione sessuale

13 Il preservativo attualmente non viene più associato al fenomeno della prostituzione come accadeva in passato, ma si può tranquillamente dire che, in questo senso, si è verificata una sorta di evoluzione che oggi vede le ragazze preoccuparsi attivamente, se non altro per quel che riguarda il rischio di una gravidanza, dei possibili risvolti dei rapporti sessuali non protetti. D altra parte è opportuno osservare come siano perlopiù maschi coloro che dichiarano di avvalersi del preservativo per paura dell HIV/AIDS: "uso il preservativo per paura dell'hiv/aids" 60% 50% 40% 30% 20% 10% maschi femmine 0% età E probabile che il timore che questi mostrano nel proporre l uso del preservativo sia dovuto alla paura di offendere la partner, credendo di etichettarla come passibile di contagio. Sempre in termini di negoziazione è da sottolineare come siano venuti a cadere gli stereotipi di ruolo secondo i quali erano i maschi ad avere maggiore iniziativa e a doversi assumere la responsabilità dell uso del preservativo.

14 E anche interessante rilevare come i soggetti meno capaci di negoziare l uso del preservativo, siano i soggetti più a rischio nella popolazione. I ragazzi in questione, indipendentemente dalle risposte date sull uso del preservativo, dichiarano di accettare il rapporto sessuale non protetto poiché non sono in grado di imporsi o temono di offendere e/o di perdere il/la partner. "non l'ho proposto perchè ho avuto paura di offenderlo/a" 10% 8% 6% 4% 2% maschi femmine 0% età "non l'ho proposto perchè ho avuto paura di perdere il/la partner" 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% maschi femmine 0,00% età E auspicabile dunque che, per tale ragione, questi individui siano uno dei principali target delle future campagne preventive e di sensibilizzazione, le quali, dovranno probabilmente focalizzarsi su quegli aspetti che favoriscono la negoziazione prima di un rapporto sessuale, permettendo l effettivo uso del preservativo senza remore né titubanze

15 Sessualità e consumo si sostanze Di particolare interesse è il fatto che la popolazione che assume droghe è sessualmente più attiva e più promiscua di quella che non le assume; Più aumentano le condotte di consumo più sono presenti comportamenti sessuali a rischio.. L aumento delle tipologie di sostanze assunte corrisponde: alla diminuzione dell uso del preservativo minori capacità di rifiutare il rapporto se il partner non vuole usare il preservativo maggiori probabilità di esposizioni ad effetti disinibenti maggiori probabilità di esposizioni ad effetti disinibenti 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% mai "Durante sempre i tuoi q.volta rapporti sessuali usi il preservativo?" mai assunto droghe 7,60% 40,90% 15,20% marijuana 9% 43% 19,30% policonsumatori 13,90% 36,70% 19,70% policonsumatori,alcool 17,50% b.>5 34,50% 29,90% mai assunto droghe marijuana policonsumatori policonsumatori,alcool b.>5 mai sempre q.volta

16 mai "Se droghe haiproposto l'uso del 24,40% preservativo 10% ed il partner 28% non è stato d'accordo, tu marijuana 22% cosa 10,30% hai fatto?" 39% policonsumatori 13,30% 18,90% 30% policons.,alcool 45% b.>5 10,30% 25,50% 36% 40% 35% 30% 25% 20% 15% 10% non accettato accettato convinto 5% 0% Conclusioni mai droghe marijuana policonsumatori policons.,alcool b.>5 Le condotte di consumo di sostanze psicoattive costituiscono una realtà alquanto diffusa tra i giovani; questo non significa, però, che l abuso di sostanze debba essere considerato come un fenomeno unico che comporti sempre gli stessi pericoli. Deve essere superata l immagine semplificata e riduttiva che riconduce la grande variabilità dei comportamenti di droga sotto l etichetta della tossicodipendenza. Le condotte di consumo di droga e di alcool il più delle volte vengono messe in atto con amici. I rischi, quindi, sono spesso assunti insieme ad altre persone che potrebbero spingere in questa direzione. L assunzione di sostanze è maggiormente presente tra i maschi che tra le femmine; tali differenze si accentuano quanto più aumenta il coinvolgimento del consumo. I comportamenti a rischio sono maggiormente presenti tra i maschi che tra le femmine; tali differenze si accentuano quanto più aumenta il coinvolgimento del consumo Le società propongono modelli culturali differenti per gli uomini e per le donne, il fatto che l uso eccessivo da parte delle donne sia socialmente condannato, ha probabilmente contribuito a proteggerle dall intraprendere l uso di droghe illegali e dall adottarne gli stili più distruttivi; si potrebbe quindi identificare nel giudizio sociale una sorta di fattore protettivo verso l uso di sostanze nei confronti del sesso femminile. Nonostante ciò, negli ultimi anni si è osservato un progressivo aumento della percentuale di femmine che fa uso di droghe e di alcool, forse proprio perché i contesti culturali stanno modificandosi e i ruoli femminili sono sempre meno diversificati da quelli maschile. Le condotte di

17 consumo aumentano con il crescere di età sia in termini di frequenza che di quantità. Mentre l assunzione di rischi è frequente, è evidente che ci sono delle persone che assumono più rischi di altre.sembra che ci sia una relazione stretta tra uso di alcool e di droghe. Infatti dai dati emerge che solitamente, l abuso di sostanze illegali è correlato ad assunzioni elevate di alcool, così come l abuso di alcool è spesso associato con l assunzione di sostanze illegali. Per quanto riguarda i comportamenti sessuali a rischio per contagio da HIV dalla ricerca è emerso che negli adolescenti, il livello di informazione non è un fattore protettivo sia nel caso di comportamenti sessuali a rischio sia nella capacità di negoziare l uso del preservativo di conseguenza l interesse delle prossime ricerche dovrà necessariamente indugiare anche su quegli aspetti legati alla comunicazione di coppia che in passato, come si è visto, sono stati in parte trascurati. In base a quanto emerso sembra dunque consolidarsi l abbassamento della soglia di percezione della gravità del rischio di contagio HIV/AIDS, che si palesa attraverso una sorta di incapacità dell informazione di essere interiorizzata da parte degli adolescenti, oggetto della nostra ricerca. Si vuole qui intendere che i ragazzi sembrano eludere il problema, pur avendo in potenza gli strumenti per difendersi. D altra parte, se negli anni 80 la principale via di contagio HIV/AIDS era la tossicodipendenza, si assiste ora a un mutamento del tasso di incidenza per via eterossessuale che potrebbe concretizzarsi, nel caso degli adolescenti, con una malintesa dimenticanza del preservativo. Da ultimo, constatata l importanza ricoperta dalla comunicazione si potrebbe ipotizzare un eventuale intervento proprio in quegli Istituti scolastici che hanno partecipato al progetto di ricerca, dove la somministrazione del questionario ha già permesso una prima forma di sensibilizzazione nei confronti delle tematiche finora tratte. Il focus dell intervento in questione sarebbe dunque il favorire la comunicazione sul problema dell HIV/AIDS e, più in generale, sulla sessualità al fine di permettere ai ragazzi di familiarizzare con questi argomenti e di diminuire l imbarazzo legato alla loro trattazione. Di particolare interesse infine risulta essere la relazione tra i comportamenti sessuali a rischio e l assunzione di sostanze psicoattive. La popolazione che assume droghe è sessualmente più attiva e più promiscua di quella che non le assume; l alcool, le droghe e i rapporti sessuali sono tutti motivo di attrazione per una varietà di ragioni. (Più aumentano le condotte di consumo più sono presenti comportamenti sessuali a rischio. Si potrebbe pensare che vi sia una disinibizione causata dalle sostanze ma, bisogna anche tener presente che la propensione al rischio di ogni individuo giochi un fattore determinante e possa quindi dare atto ad entrambi i comportamenti.

18 Inoltre più aumenta il grado di consumo più diminuiscono le capacità di negoziare all interno della coppia l uso del preservativo; tale fenomeno potrebbe essere compreso sulla base della fragilità dei soggetti. Si può ipotizzare che gli individui che tendono ad assumere dosi elevate di sostanze siano caratterizzati da un identità ancora poco strutturata e proprio per tale motivo non sono in grado di imporsi all interno della coppia, ma questa rimane solo un ipotesi che necessita di ulteriori studi.

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

GENITORI, FIGLI E ALCOOL

GENITORI, FIGLI E ALCOOL GENITORI, FIGLI E ALCOOL Un sondaggio Osservatorio - Doxa SINTESI E GRAFICI Roma, 4 dicembre 2008 I GIOVANI E LA COMUNICAZIONE SULL ALCOOL I GENITORI SONO INFORMATI DI COSA FANNO I FIGLI NEL TEMPO LIBERO?

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org

Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute mentale Osservatorio Epidemiologico dipendenze. www.ossdipbo.org Percezione del danno, comportamenti protettivi, significati: fenomenologia del consumo di sostanze psicoattive tra i soggetti con età inferiore a anni Raimondo Maria Pavarin ASL Bologna Dipartimento Salute

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici

Report Che Piazza! Campione. Consumo Alcolici Report Che Piazza! Associazione Fuori Target La presente relazione riguarda i dati raccolti durante quattro uscite (06.04, 13.04, 04.05 e 18.05) realizzate dall associazione Fuori Target all interno dell

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

L Alcol tra i giovani

L Alcol tra i giovani L Alcol tra i giovani Nella nostra cultura si va affermando un certo consenso sociale per il consumo di bevande alcoliche. La iniziazione avviene spesso in famiglia, con un consumo di alcol in genere alimentare

Dettagli

I comportamenti a rischio e la selezione del donatore

I comportamenti a rischio e la selezione del donatore AVIS REGIONALE LOMBARDIA - Convegno: Il contributo essenziale del donatore di sangue e emocomponenti al proseguimento degli obiettivi strategici della medicina trasfusionale: qualità, sicurezza, autosufficienza

Dettagli

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero

La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero La guida in stato di ebbrezza in Italia: verso la tolleranza zero Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale I dati sulla guida in stato di ebbrezza secondo una recente

Dettagli

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario

Consumo di bevande alcoliche. Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle. svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Consumo di bevande alcoliche Indagine statistica tra gli studenti dell Istituto Scalcerle svolta nell a.s. 2014/15 dalle classi 4 e sanitario Presentazione del lavoro Nel corso dell anno scolastico 2014/15,

Dettagli

I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13.

I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13. Comune di Modena Infanzia e Adolescenza 11 ottobre 2005 I parte: alcuni risultati di un indagine (con collaborazione IARD) condotta su di un campione di 800 giovani modenesi 15-24 anni (universo 13.000)

Dettagli

Una ricerca sulla Menopausa Precoce

Una ricerca sulla Menopausa Precoce Una ricerca sulla Menopausa Precoce PREMESSA Le D.sse Ann Bises (psicoterapeuta) e Giovanna Testa (ginecologa specialista in endocrinologia ginecologica) del sito www.menopausaprecoce.it e l Associazione

Dettagli

Progetto sui comportamenti a rischio di IST:

Progetto sui comportamenti a rischio di IST: Progetto sui comportamenti a rischio di IST: studio nel Centro fiorentino Cipriani F., Silvestri C., Alice B. Osservatorio di Epidemiologia - ARS Toscana www.ars.toscana.it francesco.cipriani@ars.toscana.it

Dettagli

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini

Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Progetto di prevenzione primaria 2011 Tra rischio, dipendenza e liberta Scuola Media A. Bertola Comune di Rimini Dal 26 Ottobre al 13 Dicembre è stato realizzato in alcune classi terze dell Istituto il

Dettagli

L uso di sostanze psicoattive nella popolazione studentesca: uno studio sul consumo di droghe e alcol tra gli studenti delle scuole milanesi

L uso di sostanze psicoattive nella popolazione studentesca: uno studio sul consumo di droghe e alcol tra gli studenti delle scuole milanesi L uso di sostanze psicoattive nella popolazione studentesca: uno studio sul consumo di droghe e alcol tra gli studenti delle scuole milanesi di Raffaele Visintini *, Marta Binda *, Nicolò Gaj * Introduzione

Dettagli

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti

MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti MINERVA Studio sulla popolazione giovanile in tema di sostanze stupefacenti Il presente questionario mira a comprendere le conoscenze, le rappresentazioni e i comportamenti degli adolescenti in relazione

Dettagli

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri

L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Informazioni per i media del 1 luglio 8 L uso di sostanze tra i giovani svizzeri Introduzione Il progetto "The European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs" (ESPAD) è un inchiesta che viene

Dettagli

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE GAETANO FILANGIERI - FORMIA In collaborazione con Coop. Spazio Incontro Onlus Progetto A scuola..tutti presenti!

Dettagli

Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna

Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di HIV/AIDS svolta in collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell Università di Bologna Dal 17 febbraio all 8 agosto 2014, la LILA ha messo in

Dettagli

Comportamenti sessuali a rischio in età giovanile - indagine EDIT

Comportamenti sessuali a rischio in età giovanile - indagine EDIT Comportamenti sessuali a rischio in età giovanile - indagine EDIT Caterina Silvestri e Stefano Bravi Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Convegno - HIV ed AIDS in Toscana: un'epidemia

Dettagli

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI

ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI ANNO 2010 EUROPA ITALIA ALCOL CANNABIS COCAINA AMFETAMINE,ECSTASY E SOSTANZE ALLUCINOGENI Bere a rischio pari al 15% della polazione ovvero a 55 milioni di persone compresi i Binge drinkers, 23 milioni

Dettagli

HIVoices - la ricerca

HIVoices - la ricerca HIVoices - la ricerca Articolo pubblicato sul blog Cassero Salute l 11 febbraio 2012 www.casserosalute.it/blog/?p=959 Anche in Italia, i gay HIV+ costituiscono una parte importante sia della popolazione

Dettagli

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS CONEGLIANO, 19 OTTOBRE 2012 E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS Bolzonello Igor & Massimo Santinello -Il progetto P.A.A.S.S. è la conseguenza

Dettagli

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA

LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA LE CONOSCENZE SUL TEMA HIV E LA RAPPRESENTAZIONE DEL MALATO INDAGINE SULLA POPOLAZIONE ITALIANA GfK Eurisko Milano, 29 Settembre 2014 Premessa e obiettivi dell indagine Verificare presso la popolazione

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

Sostanze energetiche 44. Non so 32. Sostanze che servono a integrare le carenze 23. Bevande che contengono vitamine e sali minerali 20

Sostanze energetiche 44. Non so 32. Sostanze che servono a integrare le carenze 23. Bevande che contengono vitamine e sali minerali 20 INDAGINE SU INTEGRATORI E DOPING Presentiamo i risultati del questionario realizzato presso la Medicina dello sport dell ASL 7 della Regione Piemonte allo scopo di raccogliere informazioni sulla conoscenza

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa)

Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa) Progetto Shorti- NO Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Arezzo Classe V sezione A anno scolastico 2009/10 e 2010/11 Dora Casuccio (Professoressa) Associazione Valdarnese di Solidarietà

Dettagli

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche

Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche Città di San Benedetto del Tronto Settore attività sociali Servizio Risposte Alcologiche V.le A. De Gasperi, 51 800-239220 sralcologiche@libero.it LE ABITUDINI ALCOLICHE DEGLI ADOLESCENTI A.S. 2006-07

Dettagli

Riduzione dei rischi e del danno nei contesti del divertimento

Riduzione dei rischi e del danno nei contesti del divertimento Riduzione dei rischi e del danno nei contesti del divertimento Alcotest, narcotest, kit riduzione dei rischi: strumenti di auto controllo, generatori di dissonanze. Emanuela Desanti Unità mobili giovani

Dettagli

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi PARTE 11 APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi 11.1 Opinione pubblica sull uso di sostanze psicoattive legali e sul gioco d azzardo 11.1.1 Disapprovazione dell uso di altre sostanze psicoattive

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie

Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano. Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie Università Commerciale Luigi Bocconi, Milano Progetto Orientamento scolastico e percorsi di studio al termine delle scuole medie SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO ANGELO CANOSSI, GARDONE VAL TROMPIA La scelta

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

Gli altri stili di vita a rischio: comportamenti sessuali

Gli altri stili di vita a rischio: comportamenti sessuali Anfiteatro Andrzej Tomaszewski Auditorium al Duomo Firenze, 5 dicembre 2011 Gli altri stili di vita a rischio: comportamenti sessuali Caterina Silvestri Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014

Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Ser.T. A.S.L. TO 4 Settimo Torinese Istituti Superiori 8 Marzo Galileo Ferraris Progetto Alcol: andiamoci piano 2014 Questionario Maschio Femmina Età. 1) Nel tuo gruppo di amici quali sono i criteri per

Dettagli

Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i

Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i 13. Droga, fumo e alcol Negli anni il mondo della droga è cambiato in misura significativa e con esso sono cambiati anche i consumatori e i modi stessi del consumo. Così ecco che l utilizzo di ecstasy

Dettagli

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE

2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2. USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE 2.1 Uso di droga nella popolazione generale 2.2 Uso di droga nei giovani scolarizzati 2.3 Uso di droga in gruppi specifici 2.3.1 Segnalazioni alle Prefetture per detenzione

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

obiettivo b) Fornire informazioni chiare e corrette su HIV/AIDS, vie di trasmissione, comportamenti sicuri e a rischio.

obiettivo b) Fornire informazioni chiare e corrette su HIV/AIDS, vie di trasmissione, comportamenti sicuri e a rischio. Progetto HIV/AIDS rivolto agli studenti del primo anno del università di Dschang Premessa L informazione corretta e puntuale sulla diffusione, sulle modalità di contagio e sulle misure per evitare l infezione

Dettagli

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI

SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI SOSTANZE STUPEFACENTI E PERCEZIONE SOCIALE: UN INDAGINE TRA I LAVO- RATORI VICENTINI Luca Sinigallia Il Borgo Onlus Presentazione Con questo breve e sintetico rapporto di ricerca si intendono proiettare

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 Nome ROSAMARIA CONTI Funzione strumentale/referente progetto LIBERI DA LIBERI PER Ore stanziate dal Fondo d Istituto

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986

Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Lausanne, März 2015 Substanzkonsum bei Schülerinnen und Schülern in der Schweiz im Jahr 2014 und Trend seit 1986 Riassunto dettagliato del rapport di ricerca no 75 Simon Marmet Aurélie Archimi Béat Windlin

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREFAZIONE Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XIV LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI PREFAZIONE La riduzione dei danni sanitari e sociali causati dall alcol è, attualmente, uno dei più

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER

Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Dipartimento ASSI DIPARTIMENTO DIPENDENZE Accordo di programma fra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Regione Lombardia, per la realizzazione di attività coordinate e finalizzate alla progettazione,

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia

I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia I dati sui consumi della popolazione italiana provenienti dalle rilevazioni ESPAD Italia ed IPSAD Italia Sabrina Molinaro, PhD Dir. Sez. Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari Istituto di Fisiologia

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

Venezia 27 Maggio 2010. Dott. Amedeo Lattanzi

Venezia 27 Maggio 2010. Dott. Amedeo Lattanzi Venezia 27 Maggio 2010 Dott. Amedeo Lattanzi Partendo dal presupposto che la maggior parte dei cancri cervicali, nei paesi industrializzati, interessa donne non in screening o a ridotta partecipazione,

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Un sistema per guadagnare salute

Un sistema per guadagnare salute Un sistema per guadagnare salute PASSI è il sistema di sorveglianza sugli stili di vita degli adulti tra i 18 e i 69 anni PASSI (Progressi nelle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) é il sistema

Dettagli

CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE TRA I GIOVANI DAGLI 11 AI 15 ANNI

CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE TRA I GIOVANI DAGLI 11 AI 15 ANNI Repubblica e Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del Medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 3.7 CONSUMO DI ALCOL DEFINIZIONE Consumo di bevande alcoliche tra

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DI STANISLAO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3168 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DI STANISLAO Istituzione dei consultori scolastici antidroga e altri interventi per il contrasto

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder

Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder Indagine conoscitiva sugli stili di vita dei giovani di terza media a cura di Simone Feder 1. Dati anagrafici Gli studenti che hanno compilato il questionario sono in totale 121 I maschi sono il 43% e

Dettagli

Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS. Coordinamento scientifico nazionale: Bruna Zani

Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS. Coordinamento scientifico nazionale: Bruna Zani Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS Responsabile scientifico per il progetto Bruna Zani Responsabile scientifico per il progetto Pina Lalli Coordinamento scientifico nazionale:

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E.

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. 1 DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. TITOLO DEL PROGETTO PREMESSA Grandi e piccoli per crescere insieme ( programma di educazione affettivarelazionale e sessuale

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le

L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le L obiettivo di questa breve analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze nel corso dell anno 2009. Si è dunque

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011

SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 SI PUO' FARE! Sondrio, 21 novembre 2011 LA RICERCA È la prima indagine finalizzata alla raccolta di esperienze e percezioni sul rapporto complesso fra società, lavoro e malattia mentale, condotta in provincia

Dettagli

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA

NORD VENETO CENTRO LAZIO SUD CALABRIA Università degli studi di Roma Sapienza Corso di Laurea Triennale Servizio Sociale ClaSS Le ineguaglianze sociali ed economiche all interno di paesi e regioni Martina Caioli Lorenza Castagnacci Désirée

Dettagli

L uso e l abuso di alcol in Italia

L uso e l abuso di alcol in Italia 23 aprile 2009 L uso e l abuso di alcol in Italia Anno 2008 L abuso di alcol, i comportamenti ad esso associati e le conseguenze in termini di costi sociali e sanitari sono oggetto di specifiche strategie

Dettagli

PROGETTO ALCOL/LAVORO

PROGETTO ALCOL/LAVORO PROGETTO ALCOL/LAVORO RISULTATO INDAGINE STILI DI VITA PIANO PER LA SALUTE DEL CIRCONDARIO IMOLESE PROGETTO ALCOL/LAVORO RISULTATI INDAGINE DELLA ELABORAZIONE DEI QUESTIONARI A cura di: Staff Dirigenziale

Dettagli

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs)

I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia. (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) I consumi di alcol nella popolazione studentesca italiana. Studio ESPAD Italia (European School Survey Project on Alcohol and Other Drugs) Sezione di Epidemiologia e Ricerca sui Servizi Sanitari, Istituto

Dettagli

Lo SPAZIO GIOVANI nasce nel 2000 come progetto del Ser.T (Dipartimento Salute Mentale e

Lo SPAZIO GIOVANI nasce nel 2000 come progetto del Ser.T (Dipartimento Salute Mentale e Sert Città di Piacenza Direttore Dott. Antonio Mosti Lo nasce nel 2000 come progetto del Ser.T (Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche) dell AUSL di Piacenza, finanziato dalla Regione Emilia

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

Le politiche giovanili del territorio

Le politiche giovanili del territorio Zogno aprile 2006 Territorio della Valle Brembana Le politiche giovanili del territorio ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico Statale Istituto Tecnico Statale Commerciale e per Geometri Istituto

Dettagli

PROGETTO OPERATORI DI STRADA REPORT ATTIVITA. Mercoledì sera in piazza

PROGETTO OPERATORI DI STRADA REPORT ATTIVITA. Mercoledì sera in piazza PROGETTO OPERATORI DI STRADA REPORT ATTIVITA Mercoledì sera in piazza Aprile Settembre 2009 PROGETTO OPERATORI DI STRADA Il progetto operatori di strada che nasce a Ferrara nel 1995 nell ottica della riduzione

Dettagli

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS

ADOLESCENZA DROG HE E AIDS P rogramma Regionale sulle Dipendenze n 05 Anno 2009 ADOLESCENZA DROG HE E AIDS Programma Regionale sulle Dipendenze - Regione Veneto TEEN s PAPER n 05 - Anno 2009 A cura di: Dipartimento delle Dipendenze

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI Ambito Est 6.2 Centro di Ascolto e Orientamento

SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI Ambito Est 6.2 Centro di Ascolto e Orientamento SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI Ambito Est 6.2 Centro di Ascolto e Orientamento ANALISI E PREVENZIONE DEL DISAGIO RELAZIONALE E DEI COMPORTAMENTI A RISCHIO IN ADOLESCENZA QUALE MODELLO DI PREVENZIONE? In materia

Dettagli

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA

I RISULTATI DI UN QUESTIONARIO SUL TEMA COMUNICATO STAMPA PER L 8 MARZO TANTI GIOVANI SI SONO CONFRONTATI SUL TEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE CON L INIZIATIVA DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PARI OPPORTUNITA, DI AMNESTY INTERNATIONAL E DELL L

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE. Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia

Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE. Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia Il ruolo dei servizi di Alcologia nel giudizio di idoneità alla guida SECONDA PARTE Giovanni Greco - Ravenna- Società Italiana di Alcologia Il Certificato Consumo continuativo ed incongruo di bevande

Dettagli

Sintesi. Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio

Sintesi. Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio Embargo: 12 novembre 2008 ore 11.30 Sintesi Indagine Ipsos per San Patrignano Genitori e figli allo specchio Padri e madri incerti, insicuri, in difficoltà, incapaci di lottare contro una società che sembra

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli