Rassegna Stampa Confindustria - 12/03/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna Stampa Confindustria - 12/03/2015"

Transcript

1 Rassegna Stampa Confindustria - 12/03/2015

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna Stampa Confindustria - 12/03/ /03/2015 Confindustria Toscana Sole 24 Ore p. 16 Gli imprenditori: scelta sconcertante 1 Confindustria territoriali Corriere Fiorentino p. 1-6 Dopo Bettini: una mossa sulla scacchiera Marzio Fatucchi 2 Tirreno Massa Carrara Tirreno Piombino Elba Tirreno Prato Pistoia Montecatini Tirreno Prato Pistoia Montecatini p. VI «Intento buono ma fumoso» Giovanna Mezzana p. I Indotto, firmata la mobilità per i 35 lavoratori della Asco 6 p. X Museo del Tessuto: troppi "tagli" bloccate le mostre Cristina Orsini 7 p. X Il Comune toglie l'affitto al Museo 9 Corriere Maremma p. 23 Il laboratorio lagunare torna a vivere 10 Confindustria nazionale 4 Mf p. 5 Così ho vinto la mia sfida a Siena Claudio Gallone 11 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 _Gli industriali denunciano il rischio di dover sopportare costi altissimi nei prossimi anni Gli imprenditori: scelta sconcertante CARRARA Èovviochechiritienediavere un diritto di proprietà lo difende. E dunque, inevitabilmente, faremo i dovuti ricorsi contro questa norma». Maurizio Lorenzoni,contitolare della cava di marmo "La Facciata" a Torano di Carrara, è uno degliimprenditorilapideichehain tasca un atto notarile, datato 1962, che attesta l'acquisto da un privato di gran parte (il 98 ) della cava da cui oggi estrae 20-25mila tonnellate di marmo bianco all'anno. Primaancoradi esserefuriosoper la legge regionale che d'un colpo cancella la proprietà privata, Lorenzoni è sconcertato: «E come se domani mattina ci chiedessero di rendere pubbliche le nostre case, è chiaro che ciopporrenimo. Edunquefaremo lo stesso con le nostre cave. La Regione ha intrapreso un percorso irto di insidie, di cui peraltro non si capisce la ratio. Che non può essere quella di far cassa, perché la pressione, fiscalesull ecave pubbli che a C arraranon è cosìlontan adaquellasulle cave private, entrambe pagano il contributo regionale e l'unica differenza è il canone di concessione. La volontà di far cassa si potrà concretizzarenelmomentoincuilecavesaranno messe all'asta, ma questo non èprevisto a breve termine». Lascadenzaall'orizzonte-trasette anni, alhmgabilifino a25per chi lavora sul posto almeno il 5o% del marmo estratto - preoccupa Giancarlo Topini, titolare di cave nel bacino marmifero difantiscritti da cui estrae 15mila tonnellate di marmo all'anno, in gran parte acquisite con atti notarili. «Veniamo da secoli di compravendite delle cave - sottolinea Topini, che aspetta di vedere la legge approvataprimadisbilanciarsi- e ora dicono che non s ono valide? Ciascunofaràlapropriastrada,maci vorrebbe la sfera di cristallo per sapere cosa accadrà». Secondo Tonini, anziché imporre a tavolino quote di lavorazione deiblocchi di marmo inloco,laregione avrebbefattomeglio a promuovere un patto per lo sviluppo coinvolgendo Comuni, Cdc, associazioni di categoria e sindacati,perfarcrescere H distrettolapideo e le sue lavorazioni e creare posti di lavoro. «Così ottiene il contrario», chiosa Topini, presidente del Comitato paritetico nazionale lapideo che ha avviato un nmonitoraggionelleregioniitalianepermappare le discipline delle cave. Apocadistanza, eall'intemodello stesso distretto apuo-versiliese, ci sono situazioni diverse. Sea Carrara le cave sono state (finora) in parte pubbliche (del Comune) e in parte private, nella vicina Versilia le cave sono tutte private. «Non è possibile affrontare in fretta tematiche così complesse che sitrascinano da anni, come ha fatto il Consiglio regionale colpianopaesaggistico e conlalegge cave - chiosa Paolo Carli, responsabile cave di Confindustria Toscana -. Le conseguenze di queste decisioni le pagheremo nei prossimi anni, ma valeva la pena tutto questo, se porterà a decine di cause che dureranno anni,concostisiaperlacomunitàregionale che perleimprese?». Si.Pi. 0 RIPROGl1ZIONE RISERVATA Confindustria Toscana Pagina 1

4 Dopo Bettini: una mossa sulla scacchiera Le grandi imprese giocano d'anticipo per la guida di via Valfonda: idea Messeri (Ge) Confindustria, sono partiti gli incontri dei saggi per individuare il dopo-bettini. Ma a sorpresa, si muovono le grandi industrie. Gli «sherpa» delle big fiorentine, non solo multinazionali, stanno cercando una figura di spessore per «unire» l'associazione: si parla di Massimo Messeri di Ge-Nuovo Pignone. Restano in corsa gli altri candidati, da Italo Romano a Luigi salvadori, in attesa di Leonardo Bassilichi, per cui si parla di un ruolo in Unioncamere nazionale. a pagina 6 Fatucchi Confindustria territoriali Pagina 2

5 dustria, i big giocano d'anticipo Le grandi imprese si muovono per il dopo Bettini: per la presidenza spunta l'ipotesi Messeri (Ge) %1//' Italo Romano, direttore generale di Kme Massimo Messeri, presidente di Ge-Nuova Pignone Leonardo Bassilichi, amministratore delegato di Bassilichi spa Confindustria, da ieri i saggi ascoltano i soci-imprenditori. Ma a muoversi sono anche gli «sherpa», soprattutto delle grandi industrie fiorentine. E dopo i nomi di Italo Romano di Kme, di Giuseppe Ponzi, responsabile per la piccola e media industria, di Franco Baccani del settore della pelletteria e dell'imprenditore del settore medico Luigi Salvadori, l'ingresso delle «big» nella competizione per sostituire il presidente uscente Simone Bettini potrebbe portare un candidato da General Electric. Ma il risultato finale passerà anche dalle decisioni, tra Roma e Firenze, di Leonardo Bassilichi. Il clima, in via Valfonda, è di attesa: non ci sono già le «squadre contrapposte» che si videro 4 anni fa e che portarono allo scontro tra Alessandro Sordi e Bettini, scontro vinto da quest'ultimo. Ma, questa volta, i big - soprattutto dell'industria - hanno cominciato a muovere qualche pedina fin da subito, senza aspettare la conclusione delle danze. Ci sono stati contatti tra alcune di queste aziende, alla ricerca di un uomo, o di una donna, che possa rispondere al profilo di larga condivisione e di autorevolezza che potrebbe portare i saggi ad un candidato unico da votare nella giunta di Confindustria. E l'idea è stata quella di puntare verso il presidente Massimo Messeri. Cioè l'uomo che ha guidato l'ex Nuovo Pignone nella privatizzazione presa ad esempio tra quelle italiane, uno che non ha da dimostrare niente - e che, anche se ancora operativo, può dare tempo e energie all'associazione. Il nome non sarebbe però emerso nei primi incontro dei saggi. Un'altra ipotesi è stata quella di Elisabetta Fabri, di Starhotels e ora nel Cda di Poste, scelta dal governo Renzo. Ma il suo nome è girato una settimana, per poi non essere rilanciato. Tutti gli altri restano comunque in gioco. Soprattutto Romano, attuale vicepresidente, che però potrebbe candidarsi solo se attorno a lui dovesse coagularsi un notevole consenso. Più «libere» le candidature di Ponzi - sostenuto dalla piccola industria - come di Baccani - che ha dalla sua sicuramente la filiera della pelletteria - mentre quella di Salvadori è una candidatura «di ritorno», con consensi soprattutto di alcuni past president ma che, avvenuta già in passato, non è poi arrivata in fondo. Una situazione fluida, nella quale contano sicuramente i «numeri» del presidente uscente. Anche se il finale di partita di Bettini è stato segnato da polemiche pesanti perle sue dichiarazioni sui finanziamenti di Fidi Toscana (di cui è presidente) alla società del padre di Renzi, la Chil srl (una operazione finita sotto inchiesta a Genova) e la cancellazione dei debiti da parte delle banche al Maggio musicale, l'imprenditore della R.osss ha ancora molti consensi nel suo territorio, il Mugello, e anche tra gli industriali empolesi. In questa situazione però tutti, in via Valfonda, paiono consapevoli che occorre evitare uno scontro all'ultimo voto come successe 4 anni fa. L'ultimo elemento, e non il meno importante, è che c'è anche un ex vicepresidente che «pesa»: sia per il ruolo che ha adesso, sia perle scelte che potrà prendere. Leonardo Bassilichi, ex vice di Bettini e ora presidente della Camera di commercio di Firenze, è stato a lungo indicato come possibile «pacificatore» dell'associazione, tanto che quando Bettini salì al vertice di Fidi Toscana si parlò di una staffetta. Ora è impegnato nella partita della trasformazione delle Camere di commercio, voluta dal governo Renzi. E proprio l'associazione che le rappresenta, Unioncamere nazionale, è chiamata a cambiare il vertice. Il suo ruolo di player nella vicenda della riforma ha portato alcuni colleghi a ipotizzare una sua candidatura al vertice di Unioncamere, che però si scontra con le dinamiche «tradizionali» (e poco favorevoli alla riforma Renzi) dell'associazione camerale. Se ci fosse un coinvolgimento nazionale di Bassilichi in Unioncamere, il suo nome sarebbe da escludere su Confindustria Firenze. Altrimenti, la partita potrebbe cambiare direzione, in via Valfonda. Marzio Fatucchi res.it RIPRODUZIONE RISERVATA Fírenze- Roma Leonardo Bassilichi può tornare in gioco se tramonta l'idea Unioncamere I tempi I saggi hanno 2 mesi di tempo perle consultazioni tra i soci di Confindustria per individuare il (o più di un) candidato alla presidenza. Poi la scelta andrà in giunta per l'eventuale voto, e in assemblea per la ratifica Confindustria territoriali Pagina 3

6 «Intento buono ma Fontanili: dinamiche complesse per lavorare in loco il 50% dei prodotto i dubb i deg li imprenditori Roberto Graziani: di Giovanna Mezzana 1 CARRARA In teoria è chiaro e persino ben accolto da tutti: anche da chi sul marmo ha costruito impresa, lavoro, ricchezza. Parliamo del principio-clou fissato dalla nuova legge regionale sulle cave: e cioè, se tu imprenditore del marmo vuoi che ti venga prorogata la concessione ad escavare (da qui a 25 anni) devi lavorare in loco almeno il 50% del materiale estratto. Tutti d'accordo. I dubbi però sorgono pensando a quando dalla teoria si passerà alla pratica. «Il principio, che punta a far lavorare di più il marmo in loco, è lodevole - osserva Maurizio Fontanili, imprenditore - altrimenti le segherie chiudono e si perde occupazione; quando però si passa alla prati - ca, diventa aleatorio. Io firmo una convenzione in cui mi impegno a lavorare almeno il 50 per cento del materiale in loco, e poi? Chi controlla? Immaginiamoci - dice - il Comune che mi viene a controllare sul personal computer della ditta ogni singolo blocco? Si faranno allora controlli a campione?». Ma se i controlli saranno a campione, le maglie della rete non saranno poi tanto strette: e i furbetti? Non solo. «Io posso acquistare i blocchi a stock oggi per lavorarli tra due anni - continua Fontanili - e allora, mi chiedo, ci deve essere una corrispondenza temporale o no? Mi sembra tutto un po' demagogico: l'intento politico è chiarissimo, ma poi nella pratica mi sembra abbastanza fumoso». Fontanili continua a fare esempi che chiariscono il busillis. «Molte ditte di trasformazione sono a Pietrasanta. - così descrive la situazione - Lavorare il materiale a Pietrasanta significa lavorarlo in loco, o "in loco" si intende entro i confini del Comune o anche della Provincia? Non dimentichiamoci che la tassa marmi valeva solo per Carrara». Un bel grattacapo. C'è anche un aspetto che, aggiunge Fontanili, potrebbe persino produrre effetti che vanno nella direzione opposta all'intento della legge, che è quello di incrementare la lavorazione, l'occupazione, la ricaduta: «Molti Paesi esteri - spiega Fontanili - acquistano materiale grezzo che, se fosse lavorato, forse non acquisterebbero: Tunisia, Algeria, Cina, ad esempio, pagano una tassazione più alta sui materiali lavorati». «Io spero che questa legge incrementi la trasformazione del materiale in loco - commenta Roberto Graziani, imprenditore - Non so però fino a che punto potrà incentivarla. Alla fine, anche in tema di beni estimati, a noi imprenditori importa solo che ci diano la possibilità di lavorare con un orizzonte temporale ampio e il più possibile libero da difficoltà, che nel nostro settore già ci sono, e sono tante, anche se i più lo ignorano». Uno degli aspetti più importanti della legge regionale riguarda la regolamentazione del periodo transitorio più lungo - 25 anni dal terminato il quale i siti di escavazione e le concessioni verranno affidati solo con gara d'appalto. Come ci si orienta da qui al 2040 per il rinnovo delle concessioni che scadono? Per farsi prorogare la concessione l'imprenditore dovrà sottoscrivere, nel giro di due anni, una convenzione con cui si impegna a lavorare in loco almeno il 50% del marmo estratto. Di che genere di convenzione si tratti, di quali tutele siano previste per l'imprenditore, nessuno ancora lo sa: certo è «che la motivazione della convenzione è molto forte - conferma il vicesindaco Andrea Vannucci - Ora il Comune dovrà recepire la legge scrivendo un regolamento, abbiamo 180 giorni di tempo per approfondire il dettame regionale e dare ad esso operatività». Anche il mondo datoriale si prepara agli approfondimenti sulla nuova legge regionale sulle cave. «Fino a quando non avremo letto il testo della legge - osserva il direttore della Confindustria apuana Andrea Balestri - non possiamo avere un'idea precisa. Dovremo studiare la norma e confrontarci con gli imprenditori». Della stessa idea è Fabio Felici, presidente della Imm-CarraraFiere. «In questo momento non sono in grado di dire se è una legge perfetta o meno - dice - La Regione ha sancito un principio, adesso bisognerà vedere come il regolamento comunale lo recepirà». Feli ci colpisce il bersaglio, il nocciolo è proprio questo. RIPRODUZIONE RISERVATA Confindustria territoriali Pagina 4

7 . _. :., > _.... a(- :- i"--a^ as 5 _.. 3"k x t r.. _ ':;er..`.. = * ri h r. *`.: ì.,.`' t ( ' Loscenawaaeu-tcarrara Confindustria territoriali Pagina 5

8 IN CONFINDUSTRIA... Indotto 7firmata la.. per 135 lavoratori della Asco 1 PIOMBINO Firmata in Confindustria la procedura di mobilità per i 35 lavoratori della Asco, dove il 31 maggio cesserà la cassa integrazione. L'azienda, su richiesta dei sindacati, si è impegnata a riassumere tutti i lavoratori (alcuni dipendenti intanto hanno già lasciato Piombino per raggiungere altri cantieri dello stesso gruppo), nel caso che l'operazione di rimessa in marcia dell'altoforno, in corso di valutazione in questi giorni da parte della Cevital, andasse in porto. Asco del resto ha interesse a tener viva la possibilità di continuare a lavorare a Piombino, in una fabbrica dove ha fatto investimenti importanti per ambientalizzare le operazioni di svuotamento delle paiole con un impianto moderno e più lontano dalla città. Se non interverranno fatti nuovi, la mobilità avrà la durata di un anno per i lavoratori sotto i 40 anni, di 18 mesi per quelli con età compresa tra i 40 e i 50, e di due anni per gli over 50. RIPRODUZIONE RISERVATA Confindustria territoriali Pagina 6

9 Museo del Tessuto: troppi "tagli" bloccate le mostre Meno euro da Provincia e Camera di Commercio Cavicchi e Guarini: «Nel 2016 situazione molto critica» s di Cristina Orsini 1 PRATO «Con pochi soldi, riusciremmo a fare tanto». Andrea Cavicchi, presidente della Fondazione Museo del Tessuto da ormai otto anni, in prorogatio da maggio (attesa la nuova nomina in capo al sindaco Matteo Biffoni), sintetizza così i problemi economici di un museo unico nel suo genere, che racconta la storia del tessile ma punta a fare cultura nella moda, nato in una struttura - la ex Campolmi - bellissima, nuovissima ma costosissima. Il fatto è che mostre come "I vestiti degli Zar", il vintage e l'ultima "Le camicie bianche di Ferrè", potrebbero diventare solo un ricordo. Il bilancio del Museo del Tessuto, traballa. Tutto sommato - tra entrate e uscite - la garanzia di "reggere" quest'anno, c'è, ma in prospettiva - già nel la situazione potrebbe diventare di difficile sostenibilità: «Il motivo è semplice - spiega Cavicchi - i contributi dei soci sono in diminuzione mentre le spese che sosteniamo restano uguali. Se non si riusciranno a trovare nuove entrare, diventerà un problema». Al Museo del Tessuto che oltre alle mostre (19 dal 2007 al 2014) cura progetti europei (4 relativi al tessile che hanno occupato più anni) e fa attività con le scuole che arrivano dalla Toscana e da tutta Italia, basterebbero euro in più, invece l'anno prossimo né avrà in meno su un bilancio totale di circa euro. Numeri piccoli di per sé, per un museo che è unico nel panorama italiano, ma che proprio non si possono contrarre. E siccome le spese sono e resteranno fisse, il Museo del tessuto, per forze di cose, dovrà "tagliare" sulla programmazione di mostre «che però - è il giudizio del direttore Filippo Guarini - è il brand che dà forza e visibilità al museo». Insomma, niente esposizioni organizzate e finanziate in maniera autonoma dal museo che però non resterà ferino e nei prossimi mesi ha in calendario una serie di eventi anche importanti - ancora top secret - finanziati però da sponsor esterni. Ma perché il Museo del Tessuto subirà un taglio ai contri - buti dei soci che sfiora il 30% del totale delle entrate? Presto detto: perché la Provincia, o quel che ne resta, a partire da quest'anno non darà più al Museo i euro arrivati nel 2014 (prima erano ), lo stesso vale per la Camera di Commercio - trai maggiori sostenitori del Museo - che ha tagliato di netto euro (ne garantiva ) dopo che a sua volta si è vista togliere una buona fette dei contri - buti camerali. Un escursus veloce ma necessario sulle spese: la voce più importante riguarda il costo dei sette dipendenti (tre a tempo parziale, 3 a tempo pieno, oltre il direttore) che costano complessivamente euro lordi l'anno con una spesa media di 37mila euro per ciascun lavoratore; poi c'è l'affitto che il Museo paga al Comune: euro l'anno a fronte di un finanziamento di : «In pratica - spiega Cavicchi - si tratta di una partita di giro: il Museo rende al Comune la metà del contri - buto annuo. Proprio assieme all'amministrazione - prosegue il presidente del Museo - stiamo studiando forme di risparmio per consentire alla strutture un maggior margine di manovra». E la novità c'è: il Comune ha già deciso di dare in concessione gratuita quella parte della struttura dell'ex Campolmi occupata dal Museo del Tessuto, eliminando in questo modo il costo dell'affitto. Ultima voce di spesa «ed è tra le più gravose», fa presente Guarini, è rappresentata dai costi dell'energia. Ed è un storia minima ma tutta da raccontare: il Museo del Tessuto spende all'anno euro di elettricità, uno sproposito, per il riscaldamento d'inverno e la refrigerazione d'estate. «L' energia - spiegano Cavicchi e Guardini - proviene da un sistema di pompe molto coniplesso, collegato alla vasca esterna (quella che sta al centro del cortile ndr): l'acqua della fontana che è sempre i funzione, viene riciclata e usata per dare energia». Evidenteniente però o il sistema di pompe consuma troppo o c'è qualcosa che non torna a livello progettuale. Ogni goccia d'acqua versata dalla fontana, come dice scherzando il presidente, costala museo un euro. E poi c'è la manutenzione di una struttura nuova ma che dà problemi: tra i 30 e i euro l'anno. Insomma, troppe spese a fronte di sovvenzioni già scarse e destinate a diminuire ulteriormente e con il rischio del blocco delle attività espositive. Cavicchi una via d'uscita la intravede: «E' una situazione difficile - afferma - ma non impossibile. Con i soci stiamo dialogando per trovare soluzioni, risparmi, economie possibili. L'obiettivo è farcela, perché le cifre sono contenute e solo dopo consegnerò il museo in altre mani».?tuvro JclIoW rs Ircm ri"luk1i" Confindustria territoriali Pagina 7

10 II museo dei Tessuto, sopra Cavicchi, sotto Guarivi Confindustria territoriali Pagina 8

11 LA NOVITÀ il comune toglìe l'affitto al Museo Allo studio una convenzione, il personale però avorera in sinergia Museo del Tessuto, pezzi antichi e bacheche, al centro l'assessore Mangani PRATO L'assessore alla Cultura Simone Mangani una via per garantire un po' di respiro al Museo del tessuto l'ha trovata: «Stiamo pensando - spiega - a una convenzione attraverso la quale l'edificio del Museo del Tessuto verrà ceduto gratuitamente alla Fondazione così da consentire un risparmio di euro Fanno». Non molto, ma qualcosa di sicuro. A fronte di u n taglio nelle spese di qualcosa il Museo dovrà dare. «Utilizzeremo meglio - prosegue Mangani - le capacità progettuali del personale del Museo che è già esperto, per esempio, nell'individuazione delle linee di finanziamento europee. L'idea è quella di applicare le professionalità che ci sono nell'aiuto di altre istituzioni culturali che hanno necessità simili a quelle del Museo». Una potrebbe essere l'istituto Datini, con Archivio di Stato, Pia Fondazione dei Ceppi e l'istituto di studi storici postali «anche loro in grave difficoltà - affennamangani - anche sul fronte del personale». La convenzione che verrà studiata tra i soci della Fondazione (Comune, Provincia, Uip e Camera di Commercio) potrebbe essere messa a punto entro maggio «e potrebbe rappresentare - aggiunge l'assessore - la fase terminale del mandato del presidente Cavicchi e l'eredità che lascerà al suo successore». Successore in già individuato una rosa di nomi - l'ambito è quello degli imprenditori - senza che però ci sia ancora stata la decisione definitiva. La politica del risparmio, di lavoro in sinergia, di strategie in grado di creare benefici economici alle strutture culturali, non riguarderà solo il Museo del tessuto. «Perché una cosa è certa - afferma Mangani - bisogna evitare di trovarsi tra pochi anni ancora con le istituzioni culturali di Prato in così forte sofferenza». E dunque, siccome è il Comune, dove è socio, finanzia il 50% la cultura cittadina (il 20 è della Regione), servono economia di scala. Mangani ha messo attorno a un tavolo tutti, Pecci, Metastasio, Camerata, Verdi, Pretorio in cerca di collaborazioni su progetti ma anche su funzioni strumentali. «Ovvero - conclude - quelle attività che svolte da un ente possono tornare utili anche ad al tri». PRODJZIONE RISERVATA tr,mï Confindustria territoriali Pagina 9

12 Al lavoro per dare spa o ai giovani Comune, Polo universitario e Associazione industriali Il laboratorio lagunare torna a vivere ORBETELLO Una startup per giovati esperti di biologia marina all'interno del laboratorio lagunare: il percorso per arrivare a realizzare questa idea è partito ieri, dopo un incontro tra Comune, Polo universitario e Associazione industriali. L'intento è ridare vita a una struttura importante che ha subito le vicissitudini della crisi degli ultimi anni. Nato nel 2002, quan- do Comune, Provincia e Polo universitario ottennero circa un milione di euro dal fondo europeo per la pesca, era un laboratorio dedicato alla pesca, all'acquacoltura e alla laguna: in comodato gratuito al Polo universitario, è diventato un luogo di ricerca fino al 2012 quando, con la fine dei finanziamenti da parte del Monte dei Paschi di Siena, ha chiuso i battenti, mettendo in cassa integrazione, prima, e licenziando, poi, i cinque dipendenti. L'idea sarà realizzata partecipando a un bando della Regione Toscana rivolto esclusivamente agli enti locali, alle università pubbliche e agli enti di ricerca pubblici per sostenere interventi di adattamento degli spazi e immobili pubblici da mettere poi a disposizione delle start up giovanili. Confindustria territoriali Pagina 10

13 L'EX PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE MPS, MANSI, RACCONTA COME HA SALVATO LENTE Cosi. ho vinto a - sfida a Siena gestito i momenti più caldi della crisi e ha tagliato il cordone ombelicale con la banca: la situazione era quasi compromessa ma era doveroso tirare fuori dalle secche uno dei pochi motori del territorio DI CLAUDIO GALLONE f all'esperienza al Monte Paschi ho imparato molto, ma credo anche di aver dato un contributo da imprenditore vero. Quello di cui l'ente aveva bisogno in quel momento era proprio un approccio imprenditoriale». Così Antonell a Mansi, vicepresidente di Confindustria con delega all'organizzazione, racconta in un'intervista a Capital-La Sfida su Class Cnbc la sua avventura come presidente della Fondazione Mps nei momenti più caldi della crisi della banca e di conseguenza anche dell'ente, sepolto sotto una montagna di debiti e chiamato a tagliare il cordone ombelicale che lo legava all 'istituto per sopravvivere. Una testimonianza particolarmente interessante nel giorno della grande svolta per le Fondazioni di origine bancaria (vedere altro articolo a pagina 4). «Ho affrontato questa sfida perché volevo salvare uno dei pochi motori di sviluppo veri che il territorio in quel momento poteva vantare, purtroppo era un ente con una situazione debitoria veramente molto complessa. L'ho fatto con spirito di servizio per il mio territorio, ma consapevole che la situazione era quasi compromessa. Devo dire che non ho pensato molto al tema reputazionale e, col senno di poi, credo di avere rischiato molto. Domanda. Si immaginava un quadro così drammatico? Risposta. No, nessuno di noi lo immaginava. Anche perché la Fondazione aveva alcuni vincoli di riservatezza che non consentivano di leggere da fuori la realtà con cui avremmo dovuto fare in conti. Ma questo scenario fosco non ci ha fatto desistere. D. Da ex azionista di una banca, che cosa auspica per un settore che ancora si sta leccando le ferite ed è restio a concedere credito? R. La banche devono ritrovare la consapevolezza del valore delle loro azioni sull'economia reale. Di quanto siano uno dei motori chiave dell'econoi tia specie oggi, dopo otto anni di eri si che ha spazzato le imprese più deboli ma mantenuto un tessuto manifatturiero sano capace di creare ricchezza. Le banche hanno colto questo cambiamento, tentano di cambiare rotta, ma le fondamenta sono ancora apparentemente fragili e quindi sono molto prudenti. D. Quali sono le sfide che dovete affrontare in Confindustria? E con quali risorse? R. La sfida più importante da cogliere è quella del cambiamento. Noi oggi governiamo un'associazione che ha cento anni di vita e che non deve dimostrarli. Ha la possibilità di cambiare pelle alla stessa velocità con cui la cambiano le nostre imprese. Mi rendo conto che è una sfida importante e complicata perché siamo tanti con tantissime differenze in termini di volontà e di interessi. Dobbiamo essere bravi a trovare, attraverso il dialogo, una sintesi di azioni capaci di mettere d'accordo le diverse anime. La globalizzazione ha cambiato tanto la nostra base associativa ma ci sono tanti campioni che dobbiamo avere la capacità di valorizzare e accompagnare nello sviluppo internazionale. D. L'ingresso di Etihad in Alitalia segna un cambio di passo e può portare a notevoli sinergie industriale. Lei siede nel cda di Alitalia. Qual è la grande sfida nel processo di internazionalizzazione che la compagnia deve cogliere? R. Alitalia è ancora un brand straordinario, ha un'identità molto forte ed è un biglietto da visita che porta in giro per il mondo il nostro made in. La nostra sfida è dare lustro ancora una volta a questo brand a fronte di un programma industriale estremamente sfidante che in tre anni deve riportare la compagnia a creare profitti e ad essere un'eccellenza in questo settore. D. Qual è la sfida della vostra generazione per rompere con il passato? R. Abbiamo responsabilità molto importanti perché c'è un Paese da ricostruire. La mia generazione oggi forma la classe dirigente e deve essere responsabile in un'ottica di visione unitaria, mettendoci la faccia. (riproduzione riservata) Confindustria nazionale Pagina 11

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

toscan i pri m i 'in Europa"

toscan i pri m i 'in Europa GG toscan i pri m i 'in Europa" IL sistema degli aeroporti toscani «è il nostro fiore all'occhiello», dice Martin Eurnekian ieri sulla pista di Peretola insieme al presidente di Corporacion America Italia,

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 02/07/2015 Indice Il Sannio Quotidiano 1 Unisannio Atenei campani, il rettore Filippo de Rossi al vertice Il Mattino 2 Unisannio Coordinamento atenei campani: de Rossi al vertice

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli