IL BAZAR DEL PRIMO TRAMONTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL BAZAR DEL PRIMO TRAMONTO"

Transcript

1 Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il corso d apprendistato, mi ha motivato a coltivare l amore per la scrittura e a lottare per le cose in cui credo. Angelica Balbo Definizione chiara e coerente degli obiettivi generali del progetto ( identificano il risultato che si vuole raggiungere con l intervento, la ricerca che si sta progettando) Ia favola che ho scritto contiene una forte morale: che nonostante il buoi che si cela nel modo che ci circonda, l importante è saper preservare la luce che è dentro ognuno di noi. Fasi / Procedura del progetto. Individuazione del tema. Definizione dei nostri obiettivi. Elaborazione del materiale specifico. Progettazione della veste editoriale. Metodologia ( tempi, contenuti/argomenti, obiettivo specifico, metodi strumenti, risorse strutturali) Tempi: la durata del secondo modulo professionalizzante del corso di apprendistato. Contenuti/argomenti: IL BAZAR DEL PRIMO TRAMONTO Il mio lavoro comprende una storia di fantasia, con elementi magici e significativi. Metodi: l elaborazione scritta delle idee. Strumenti :sistemi multimediali per l editazione del lavoro. Risorse strutturali : la biblioteca d aula, le nostre ricerche personali e l aula trasformata in laboratorio. Durata e termine : febbraio/marzo 2010 Pagina 2 12

2 La leggenda narra che in un tempo ormai lontano, ai piedi del Grande Bianco, in direzione delle montagne; sorgeva un singolare luogo chiamato Il Bazar del primo tramonto. Questo luogo prese questo nome poiché i vecchi abitanti delle montagne narrarono che al tramontare del primo sole di tutti i tempi, dalla luce generata dall incontro tra dì e notte fosse magicamente nato questo luogo. L accesso per questo Bazar prendeva forma in uno stretto cunicolo abbracciato dalle montagne, non appena l ultimo raggio di sole baciava con delicatezza il sottile strato di ghiaccio che faceva da manto a quella maestosa cornice innevata. Elementi del Project Work Le motivazioni cui il progetto è chiamato a rispondere. Dimostrare che le fiabe, interpretate nel giusto modo, rappresentano a pieno la nostra vita. L obiettivo generale che concretizza l idea e la soddisfa. E il nostro lavoro descrittivo progettato in forma di opuscolo. Procedendo attraverso quell angusto cunicolo ci si trovava di fronte ad un imponente entrata cesellata d oro zecchino dove sorgeva una grossa porta. Non a tutti era permesso varcarla, molti curiosi ci provarono ma furono respinti da una forza misteriosa, che proibiva di rivelare ad esseri dotati di un anima la propria identità e nome. Argomento. IL BAZAR DEL PRIMO TRAMONTO All interno di questo misterioso luogo prendeva vita un vero e proprio mercato, dove si commercializzavano le cose più rare: le doti più ambite, i talenti più virtuosi, capacità e strani sortilegi. Questo luogo era abitato da esseri avidi e privi di anima, poiché forse anche quella si erano giocati in quel posto stregato. Questi uomini, la cui umanità era celata in qualche parte ormai remota del loro cuore, venivano chiamati gli Dei della notte ; per loro ogni giorno era lo stesso, ogni settimana, ogni mese e tristemente ogni anno. Questo Bazar aveva il potere di impoverirli a tal punto che nemmeno il sollievo della vecchiaia e della morte era concesso. Definizione dell argomento del progetto. È la proiezione di una favola nella vita reale. Motivazioni. Ragioni del progetto. Il motivo che ci ha guidati in questo lavoro è stato di proiettare il mondo magico delle favole nella vita e nei problemi che ogni giorno ci circondano. 11

3 . Ma se solo avessero posseduto ancora la loro debole anima umana, forse, sarebbero riusciti a scappare allo sguardo vigile dell innominabile, e una volta fuori da quegl inferi il tempo sarebbe ritornato a scorrere proprio dal punto in cui li aveva lasciati. In quel luogo l accesso era vietato anche al tempo, quindi una volta scampati alla truce immortalità sarebbero stati ricompensati con il dolce ultimo respiro della morte. Nel Bazar del primo tramonto tutto poteva succedere, anche di trovare persone ancora legate alla propria anima, poveri sciagurati intrappolati in questo inferno, a volta addirittura merce in vendita, oggetti di inestimabile valore. Questo mercato era composto da veri e propri chioschi, con tanto di vetrine per esporre la merce in vendita. Nonostante le temperature artiche presenti dove sorgeva, al suo interno regnava uno strano tepore, quasi innaturale. Era un luogo celato nella penombra, senza alcun spiraglio di luce. Ogni chiosco era proprietà di un Dio della notte. La leggenda narra che all interno di uno di questi chioschi veniva tenuta prigioniera una magnifica fanciulla dotata di un anima purissima, il cui solo nome trasmetteva quiete e bellezza: Persefone. Persefone era una fanciulla bellissima, aveva lunghi capelli color del rame e grandi occhi verdi, speranzosi di una luce che forse non avrebbe mai più rivisto. Aveva un fisico snello e un portamento fiero, ogni passo sembrava il volteggiare leggero di una candida farfalla. La sua grazia totalmente ultraterrena sembrava donatagli dagli Dei o Dagl angeli. Ma che ci faceva un angelo in un tale inferno? Pagina 4 Persefone era nata molti decenni prima, forse troppi per ricordarne il numero esatto, in un villaggio situato ad est del Grande Oceano.

4 Era finita in quel posto maledetto quando ebbe compiuto i suoi primi vent anni. Non si sapeva bene come ma le voci dicevano che Elazar, questo era il nome del suo Dio della notte, che impressionato dalla sua bellezza ultraterrena, l aveva raccolta dal gelo di quelle montagne che poco dopo avrebbero custodito avidamente la sua giovinezza. Elazar l aveva allevata con rispetto e venerazione, nella speranza di averla come compagna per il resto dell eternità. Ma la fanciulla se pur molto grata al suo salvatore, provava disgusto e ribrezzo per quel luogo ormai diventato la sua indesiderata dimora eterna. La povera sciagurata viveva in modo malinconico quel suo soggiorno maledetto. Ogni giorno si trovava addosso milioni di sguardi indiscreti di mostri irriverenti. Persefone ad ogni sguardo si sentiva profanata, violentata nell essere donna dotata di una bellezza ultraterrena di dea. Le mancava la luce abbagliante del sole, il verde dei prati, il cinguettare degli uccelli, la carezza di una mano materna. Tutti ricordi ormai troppo affievoliti nei suoi ricordi per poterne godere a pieno il gusto. Ma l amore per la vita era il ricordo che più le mancava, poiché in quel luogo si annullava del tutto, e veniva sostituito dalla voglia irrefrenabile di pace eterna. Molto spesso quando i deboli ricordi prendevano il sopravvento, per scacciarli nuovamente nel profondo del suo cuore pulsante, Persefone decideva di camminare lungo tutto l interminabile Bazar. Improvvisamente sentì dei passi, sempre più vicini e più forti. Ed ecco un giovane, dall aspetto magnifico e fiero; che le sorrideva dolcemente. D un tratto lo sconosciuto le si avvicinò, la osservò intensamente, avvicinò la sua grossa mano al viso della giovane e le accarezzò lo zigomo, con una tale dolcezza e grazia, tanto che la ragazza ne rimase perplessa. Quel gesto, quello sguardo.. quella voce, calda e persuasiva! Era lui, l uomo che gia un tempo ebbe clemenza e le aprì quel maestoso varco, scomparendo poco dopo: era l innominabile. Persefone sorpresa e felice di ritrovare il suo salvatore; timidamente lo guardò e le sorrise dolcemente. Lui ricambiò il suo sorriso innocente e puro, con la certezza che le sarebbe appartenuto per l eternità.. o quasi. fine Quel dì la malinconia e il disprezzo per quei mostri era così forte e insistente che non le bastò marciare lungo il solito tratto di strada. D un tratto si trovò a sorpassare milioni di vetrine, milioni di sguardi; più era osservata più si sentiva privata della sua dignità, e il suo disprezzo aumentava incontrollabile. Pagina 6 9

5 La luce iniziò a sostituire la penombra, la dolce brezza si fece strada tra quello strano torpore innaturale, la sabbia dorata che fino ad ora aveva ricoperto quel luogo si tramutò in un manto di erba fresca e i chioschi erano scomparsi lasciando spazio a maestosi alberi. la giovane aprì gli occhi ignara di ciò che era successo; si ritrovò davanti un paesaggio meraviglioso, e a poco a poco capì la causa di quel cambiamento: LEI. Grazie all evasione di quel giorno, Persefone, era riuscita a godere così intensamente di quell attimo, tanto che la sua anima si era cibata della luce che l aveva abbracciata con amore. Anche solo il minimo e dettagliato ricordo di quel dì era riuscito a suscitare in lei una voglia così intensa di luce, tanto che il suo corpo era diventato fonte della stessa. Liberando il Bazar da quella spada di Damocle che pendeva sulla testa dei suoi ignari abitanti. Stupita e sopresa dell accaduto iniziò a correre felice cercando di godersi a pieno la tanto attesa libertà. Ma che fine avevano fatto gli Dei della notte? D un tratto di accorse che il manto verde sotto i suoi piedi era ricoperto di fiori, meravigliosi e variopinti. Persefone capì che i mostri un tempo avidi e insaziabili, erano stati liberati dalla maledizione, insieme al Bazar anche la loro avidità era svanita nel nulla. E grazie alla clemenza di madre natura erano stati tramutati in magnifici fiori. Uno in particolare attirò l attenzione di Persefone; un timido bocciolo color dell oro, era Elazar, il suo Dio della notte, finalmente ricompensato con una compagna Pagina 8 per la vita, la terra stessa. I passi si facevano veloci, il respiro affannoso; le sue gambe non obbedivano al richiamo della coscienza, << FERMATI!!!>> urlava, ma le sue gambe, ormai come giunchi piegati dal vento, erano decisi a non fermarsi, procedevano quasi d inerzia. La sua coscienza ormai disperata e afona non poteva più niente sui suoi instancabili arti. Ma quale forza così inarrestabile impediva alla coscienza di aver la meglio? La sua anima. La sua anima era ormai stanca di quel buio, di quegli sguardi, di quel mondo che non le apparteneva. Persefone apparteneva alla luce, ai fiori, ai prati e alla vita. Quel luogo di dannazione non era bastato a tagliare quell invisibile cordone ombelicale che la univa alla sua vera madre. Era ormai molto, forse troppo, che le sue gambe non si fermavano; se solo fosse stato concesso tempo all ingresso in quel tugurio, facilmente sarebbero passate parecchie ore, da quando si era allontanata dal suo Dio della notte. D un tratto le sue gambe si fermarono, forse per la sorpresa di ciò che si trovarono davanti. Non molti metri più in là, sorgeva un imponente portone; sembrava cesellato d oro zecchino, era magnifico e del tutto inadeguato a quell inferno. La giovane, per la prima volta dopo troppi secoli, si sentì pervasa da un inatteso entusiasmo, che presto scemò. Ma che ci faceva una porta in un luogo dove era impossibile la fuga? Forse era una semplice storiella che Elazar si era inventato per dissuadere dall idea di fuga la giovane Persefone. O forse quella porta non portava a nulla, forse era solo una piacevole illusione di poter evadere da lì. Persefone si avvicinò a quel inaspettato tesoro, iniziò ad esaminarla con curiosità con la speranza di trovare un qualche accesso per la libertà. Ad un tratto la giovane sentì uno strano rumore, per timore si allontanò dalla porta.

6 Dal nulla comparve una sagoma, era un uomo con un lungo mantello color della pece, subito Persefone provò a scorgerne il viso ma era impossibile poiché un grosso cappuccio le copriva completamente il volto. La ragazza, sorpresa di se stessa, non ebbe alcun timore di quella sagoma scura; quindi rimase immobile in attesa della sua sorte. L essere misterioso le si avvicinò, la osservò con curiosità. In quel momento Persefone capì che quell essere era il custode del varco. Quindi non era solo un leggenda quella dell innominabile; custode indiscusso di quell incubo; colui che giudicava chi poteva entrare rinunciando alla sua vita e chi invece era troppo puro per sprecarla in quel luogo. L uomo aveva una voce calda e persuasiva, non sembrava affatto un mostro, ma semplicemente uno sciagurato costretto a passare l eternità a giudicare quei mostri, un tempo uomini, disposti a vendere la propria anima in cambio di una vita longeva e ricca di sfarzo. L uomo le si avvicinò con una strana umanità, la osservò intensamente con i suoi occhi color del fuoco; d un tratto il custode del Bazar folgorato dalla bellezza di quella Dea ultraterrena le accarezzò lo zigomo, con una tale dolcezza e grazia, tanto che la ragazza ne rimase perplessa, dopodichè fece un passo indietro e scomparve. Come per magia la grossa porta d oro Zecchino, che poco prima sembrava invalicabile, si aprì dinnanzi al lei. Persefone sorpresa e intimorita, vide nascere un timido raggio di luce davanti a lei, fece un passo in avanti e subito la luce la cinse con il suo caldo abbraccio. Era fantastico sentiva il suo cuore battere a mille, l adrenalina le saliva lungo tutto il corpo; si sentì pervasa da un calore che sembrava ormai dimenticato. La luce ambrata le illuminava il volto e la rendeva ancora più divina di quello che già fosse. Ma il suo entusiasmo non durò molto. Ben presto si sentì cingere con forza i suoi fianchi: qualcosa la stava risucchiando in quel baratro oscuro. La porta si chiuse violentemente davanti ai suoi occhi increduli e umidi. Vide Elazar, aveva uno sguardo furioso e deluso, <<INGRATA!!!!>> le urlò. Persefone era troppo sconvolta dalle lacrime per poter rispondere. Una volta giunti nella sua casa, la giovane era distrutta, il ricordo di quel sole caldo e inebriante la distruggeva più di quanto la uccidesse il ricordo di non vederlo mai più. Il tempo passava lento e doloroso, e la giovane continuava a vivere nel sogno di quel flebile attimo dove i suoi occhi avevano rivisto la luce. Un dì Persefone mentre cercava di scacciare quel sogno piacevole, le sembrò di vedere una leggiadra farfalla volare intorno a lei. Subito pensò che fosse un miraggio o una qualche assurda fantasia legata alla sua incontrollabile voglia di libertà. Ma ben presto si rese conto che la variopinta farfalla era reale, d un tratto fu avvolta da milioni di ricordi, particolari e sensazioni legati a quei pochi istanti di vita mortale. D un tratto dal suo corpo prese vita una splendida luce ambrata, inizialmente debole e man mano sempre più intensa e accecante. Ben presto tutto il Bazar venne pervaso da quel raggio di luce divina Persefone si sentì come dentro un vortice di luce sempre più intenso; era una sensazione così umana e nuova. Tutto intorno a lei iniziò a mutare.

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

I bambini e le bambine di classe 1^ B

I bambini e le bambine di classe 1^ B I bambini e le bambine di classe 1^ B Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate a.s. 2013-2014 1 I bambini e le bambine di classe 1^ B IL FILO DELLE STORIE Editrice Scuola Primaria Anna Frank Garlate

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Gustavo Rol Il mistero

Gustavo Rol Il mistero Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) E stato uno studio personale che ho affrontato sia nel corso di apprendistato che a casa. Mi piacerebbe che altri

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

La storia di Gocciolina

La storia di Gocciolina La storia di Gocciolina Gocciolina viveva in un lago alpino, in una splendida valle verdeggiante. Guardava sempre il cielo e sognava di volare. Ah! Se avessi ali per volare, viaggerei per mari e per valli

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Le gru In volo per la felicità

Le gru In volo per la felicità Le gru In volo per la felicità Lenuta Virlan LE GRU In volo per la felicità Racconto www.booksprint Edizioni.it Copyright 2015 Lenuta Virlan Tutti i diritti riservati Ai mei tre figli Alexandru, Andreea

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Calogero Parlapiano. respirami l anima

Calogero Parlapiano. respirami l anima Poesia Aracne 38 Calogero Parlapiano respirami l anima Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 isbn 978

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

I COLORI DELLA FELICITA : una storia di riscatto sociale C era, in un tempo lontano, un piccolo territorio perso tra i confini degli stati.

I COLORI DELLA FELICITA : una storia di riscatto sociale C era, in un tempo lontano, un piccolo territorio perso tra i confini degli stati. I COLORI DELLA FELICITA : una storia di riscatto sociale C era, in un tempo lontano, un piccolo territorio perso tra i confini degli stati. Questo territorio era cosi piccolo, ma così piccolo, che non

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Poesie di Rolando Toro Araneda

Poesie di Rolando Toro Araneda Poesie di Rolando Toro Araneda Tratte da Lo imposible puede suceder Edicion Oasis Oaxaca, Mexico, 1995 TUTTI SIAMO UNO La forza che ci conduce È la stessa che accende il sole Che anima i mari E fa fiorire

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba.

L innamoramento. L innamoramento che duri un minuto, una notte, una intera vita, trasforma la vita quotidiana in una fiaba. L innamoramento L innamoramento si dice che è un sogno quando lo si vive, una magica sintonia che fa palpitare il cuore, fa sentire un attrazione fortissima che dà crampi allo stomaco e scombussola il

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Il coraggio di cambiare ciò che non era

Il coraggio di cambiare ciò che non era Il coraggio di cambiare ciò che non era Riccobono Stefania IL CORAGGIO DI CAMBIARE CIÒ CHE NON ERA racconto Alle persone che amo... con immenso amore. Prologo arrivo a New York, Luglio Una calda mattina

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA

.IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA .IL MAGO MATTIA E IL MISTERO DELLA SCATOLA SCOMPARSA C era una volta un mago di nome Mattia che era considerato il mago più bravo di tutti i tempi e per questo veniva invitato in tutte le città del mondo

Dettagli

A proposito di sogni

A proposito di sogni A proposito di sogni Nel V libro delle Metamorfosi Apuleio descrive con ricchezza di particolari il meraviglioso palazzo divino, costruito in oro e pietre preziose, nel quale Psiche è magicamente trasportata

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita

Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita Da Marocco e Sudan, due storie diverse e lo stesso (difficile) sogno: rifarsi un vita 17 ottobre 2009 Aicha e Achol sono due donne molto diverse, come diversa è la loro storia, che si intreccia solo pochi

Dettagli

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini

NOTA BIOGRAFICA. Matteo Severini NOTA BIOGRAFICA Come in ogni buona pubblicazione di un libro di poesie si dovrebbe cominciare con una sintesi biografica dell autore, per raccontarne cronologicamente la storia e le opere; ma un po per

Dettagli

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A.

La montagna è come una scala: prima sale e poi scende. La montagna è una roccia grigia come un muro. La montagna assomiglia alla lettera A. LA MONTAGNA La montagna è normale non va al centro commerciale, se la vedi è speciale non sta mai male. Non smette di stupire lo posso ben dire, ha piedi accoglienti e bordi non taglienti; è buona, ma

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Frasi di matrimonio con felicitazioni

Frasi di matrimonio con felicitazioni Frasi di matrimonio con felicitazioni Questo giorno di grande felicità sia l inizio di una serie di splendidi momenti Vi auguro tanta felicità e serenità per la vostra nuova vita insieme Vi auguro di conservare

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

IURY E LA Tigre bianca

IURY E LA Tigre bianca IURY E LA Tigre bianca di Infanti Susy Dedicato a tutti coloro, che desiderano cambiare il mondo accanto a se, con l'augurio di non perdere mai la speranza. C era una volta, in un tempo non molto lontano,

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

NOTE DI PRODUZIONE. Anna Godano e Franco Bocca Gelsi produttori

NOTE DI PRODUZIONE. Anna Godano e Franco Bocca Gelsi produttori Il viaggio con cui Renato conquista la metropoli insieme al suo gregge un migliaio di pecore in piazza Duomo, è il sogno realizzato dall ultimo pastore nomade di Lombardia mi porta a pensare che l utopia

Dettagli

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

IL PICCOLO PRINCIPE PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA CASA DEL BAMBINO ABBADIA LARIANA PROGETTUALITA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 IL PICCOLO PRINCIPE Non si vede bene che col cuore. L essenziale è invisibile agli occhi Antoine de Saint-

Dettagli

E UN SEME O NON E UN SEME?

E UN SEME O NON E UN SEME? E UN SEME O NON E UN SEME? SCIENTIAM INQUIRENDO DISCERE Progetto di sperimentazione didattica dell IBSE- Inquiry Based Science Education Classi 3^ A - 3^ B Istituto Comprensivo A. Manzoni - Uboldo Scuola

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero.

1 Alunno Preferisco non imparare nulla ma essere libero. Prigionieri di ombre Quando il ragionare dei bambini diventa scrittura teatrale. Si tratta di rifare un cammino già fatto. Riprendere quanto già detto, e non soltanto nella forma scritta, bensì nelle espressioni,

Dettagli

Cordelia. Di Maria Luisa Chiarenza. Opera distribuita sotto Licenza Creative Commons

Cordelia. Di Maria Luisa Chiarenza. Opera distribuita sotto Licenza Creative Commons Cordelia Di Maria Luisa Chiarenza Anno 1864, in un paesino sperduto tra le montagne, in una villa di una ricca famiglia, sul balcone centrale, lei stava lì, fasciata dal suo vestito di raso rosso, dal

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Norvegia: Le isole Lofoten Tra montagne e fiordi - terra di gabbiani e merluzzi

Norvegia: Le isole Lofoten Tra montagne e fiordi - terra di gabbiani e merluzzi Scure, montagnose, sparpagliate quasi ad anfiteatro lungo la costa settentrionale della Norvegia... ...le isole Lofoten rappresentano, un paradiso naturale non solo per la grande quantità di uccelli che

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan

Impiccata per il collo l han trovata, solo sedici anni aveva. Tutti accorsero a vegliar la bambina, tutti pronti a donar cordoglio, tutti indossavan Le FIABE di LYN Le FIABE di LYN C era una volta una scrofa, molto allegra, intelligente, le avevano dato anche un nome: Rosa. Tutte le volte che la chiamavano lei accorreva, trotterellando, con la sua

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

La donna del ribelle

La donna del ribelle La donna del ribelle Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Maria Amabile LA DONNA DEL RIBELLE Romanzo www.booksprintedizioni.it

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Un mondo che neanche immagini

Un mondo che neanche immagini Un mondo che neanche immagini Federica Bracale UN MONDO CHE NEANCHE IMMAGINI romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Federica Bracale Tutti i diritti riservati Come sarebbe bello dire per caso.

Dettagli

capitolo dodicesimo Un ritorno alla vita 131 Atti. Premessa del progetto ARTE E CULTURA 135

capitolo dodicesimo Un ritorno alla vita 131 Atti. Premessa del progetto ARTE E CULTURA 135 indice capitolo primo Un incontro che fa battere il cuore 7 capitolo secondo Una parola buona illumina la notte 15 capitolo terzo Pensieri, parole e incontri 25 capitolo quarto Una comunicazione, una risposta.

Dettagli

Il mago nascosto dietro a un muretto si spanciava dalle risate.

Il mago nascosto dietro a un muretto si spanciava dalle risate. Il Mago Burlone Alla corte di un re di un paese lontano c era un mago burlone. Lo chiamavano così perché si divertiva a fare le magie a tutti quelli che incontrava. Il mago burlone viveva nella parte più

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio

POESIE 1B. Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio POESIE 1B Insegnante Responsabile: Prof. Alba D Onofrio Il sole può essere un amico Quando guardo il sole mentre gioco a pallone appare una luce bianca che sembra un illuminazione. Il sole mi sorride e

Dettagli

L entità dovrebbe tenere un registro dei suoi sogni...questo permetterebbe all entità di mettere in guardia gli altri come anche se stessa.

L entità dovrebbe tenere un registro dei suoi sogni...questo permetterebbe all entità di mettere in guardia gli altri come anche se stessa. SOGNI E VISIONI Nei sogni quelle forze del subconscio, quando messe in correlazione con le forme che si riferiscono alle varie fasi dell individuo, danno a quell individuo la comprensione migliore di sé,

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012

spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 spettacoli ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Teatro D'Oltre Confine P.zza Giovanni XXIII, 1 20090 Corsico tel e fax 024400454 dolreconfine@libero.it www.teatrodoltreconfine.it "CUORE D'ALBERO" 3-10 anni ESIGENZE

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

Epicuro LETTERA A MENECEO

Epicuro LETTERA A MENECEO Epicuro LETTERA A MENECEO Meneceo, Non si è mai troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell'anima. Chi sostiene che non è ancora

Dettagli

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno

DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno DI MARIO LODI Analisi e rielaborazione del libro BANDIERA Realizzato dall insegnante Micheletti Angela e dagli alunni di 2 A e B LA FONTE anno scolastico 2013/14 LA STORIA Questa storia comincia il primo

Dettagli

Elizabeth Gilbert. Big Magic. Vinci la paura e scopri il miracolo di una vita creativa. Traduzione di Martina Rinaldi. Rizzoli

Elizabeth Gilbert. Big Magic. Vinci la paura e scopri il miracolo di una vita creativa. Traduzione di Martina Rinaldi. Rizzoli Elizabeth Gilbert Big Magic Vinci la paura e scopri il miracolo di una vita creativa Traduzione di Martina Rinaldi Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 Elizabeth Gilbert 2015 RCS Libri S.p.A., Milano

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli