La cooperazione domani. Analisi degli scenari nel mondo cooperativo delle Marche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cooperazione domani. Analisi degli scenari nel mondo cooperativo delle Marche"

Transcript

1

2 Cooperstudi La cooperazione domani. Analisi degli scenari nel mondo cooperativo delle Marche Copyright 2007 by affinità elettive vicolo Stelluto 3, Ancona Tutti i diritti riservati ISBN

3 Centro Studi della Cooperazione Marchigiana Via Tiraboschi 36/G Ancona - Tel Fax Codice Fiscale: La Cooperazione domani. Analisi degli scenari del mondo cooperativo delle Marche a cura di Massimo Lanzavecchia Interventi di Mario P. Salani, Enzo Pesciarelli, Ilvo Diamanti, Pietro Marcolini Ricerca realizzata da Fabio Turato (Università di Urbino - LaPolis) PUBBLICAZIONE REALIZZATA CON IL CONTRIBUTO DELLA REGIONE MARCHE - ASSESSO- RATO ALLA PROMOZIONE DELLA COOPERAZIONE E LA COLLABORAZIONE DELLA POSIZIO- NE DI FUNZIONE COOPERAZIONE NEI SETTORI PRODUTTIVI (L.R. N.5/2003 ART. 8 LETT. B).

4 INDICE PARTE PRIMA, PRESENTAZIONE DELLA RICERCA: - MASSIMO LANZAVECCHIA, Cooperstudi - FABIO TURATO, Università di Urbino - LaPolis - MARIO PRIMO SALANI, Università La Sapienza di Roma - ENZO PESCIARELLI, Università di Ancona - ILVO DIAMANTI, Università di Urbino - PIETRO MARCOLINI, Assessore regionale alla Promozione della Cooperazione pagina 1 pagina 5 pagina 11 pagina 17 pagina 21 pagina 27 PARTE SECONDA, LA RICERCA: LA COOPERAZIONE DOMANI. ANALISI DEGLI SCENARI DEL MONDO COOPERATIVO DELLE MARCHE FABIO TURATO, Università di Urbino - LaPolis - REPORT FINALE - LE INTERVISTE: Responsabile Srl costituita fra PMI (n. 1) Assessore alla Cooperazione (n. 2) Assessore alla Cooperazione (n. 3) Dirigente mondo della Cooperazione (n. 4) Direttore di Cooperativa (n. 5) Dirigente settore Artigianato (n. 6) Responsabile mondo della Cooperazione (n. 7) Dirigente settore Industria (n. 8) Dirigente mondo della Cooperazione (n. 9) Presidente CCIAA (n. 10) Sindacalista (n. 11) Assessore alla Cooperazione (n. 12) Dirigente settore Industria (n. 13) - LE FREQUENZE: VALORI ASSOLUTI E VALORI PERCENTUALI pagina 33 pagina 89 pagina 92 pagina 98 pagina 104 pagina 110 pagina 125 pagina 136 pagina 153 pagina 174 pagina 196 pagina 202 pagina 207 pagina 213 pagina 219

5 PARTE PRIMA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA Ancona, 26 ottobre 2006

6 Massimo Lanzavecchia Cooperstudi La ricerca che presentiamo è stata commissionata da Cooperstudi al Laboratorio LaPolis dell Università di Urbino, nell ambito dei progetti finanziati dalla Regione Marche con la legge regionale per la cooperazione. Cooperstudi è un centro studi, un associazione costituita unitariamente dalle quattro centrali cooperative delle Marche. Si tratta di un tentativo generoso e molto volenteroso di tentare di avere una sede di approfondimento, di ricerca, di studio, di discussione nel mondo della cooperazione, che possa aiutare le associazioni d imprese cooperative e le imprese cooperative stesse ad affrontare meglio le loro attività quotidiane con uno sguardo alla crescita e al proprio futuro. In questi primi anni di attività abbiamo realizzato sette pubblicazioni, tra studi e indagini, che crediamo possano essere una base di riflessione e un punto di riferimento per tutti; stiamo anche gestendo un progetto sulla formazione manageriale, perché riteniamo che questo sia uno degli aspetti di grande interesse per le imprese cooperative. Due di questi progetti sono collegati tra loro: uno che presenteremo tra qualche settimana, un indagine sul vissuto cooperativo, tesa ad affrontare l esperienza del fare cooperazione nelle Marche, con uno sguardo a ieri e all oggi; l altro è quello che presentiamo qui, che tende a proiettarsi più sul futuro, la cooperazione domani appunto, e che vuole essere il tentativo, anche qui molto ambizioso per la verità, di sperimentare un metodo di indagine nuovo, almeno nuovo per noi. Aver affidato ad un laboratorio consolidato e di grande esperienza, come La- Polis dell Università di Urbino, un indagine sulla cooperazione nelle Marche è già di per sé il tentativo di affrontare tematiche di prospettiva con una metodologia scientifica, sperimentata già in altre situazioni di eccellenza: penso a L Atlante sociale delle Marche o alle indagini periodiche Demos-Coop di cui appunto La Polis è autrice; ma penso anche al modo stesso con cui abbiamo costruito questa indagine, intervistando centinaia di cooperatori in maniera diretta, ma anche affiancando alle interviste a cooperatori, interviste approfondite di opinion leader, cioè ad interlocutori della cooperazione che hanno un loro ruolo, diretto o indiretto, anche nei confronti delle nostre prospettive di 1

7 sviluppo. Mi riferisco ad assessori alla cooperazione e allo sviluppo economico, Abbiamo più volte sottolineato, per esempio, che le imprese cooperative più di a presidenti di camere di commercio, a presidenti o direttori di associazioni di altre sono caratterizzate dalla capacità di fare rete, costruendo un sistema di imprese non cooperative, artigiane o industriali, al sindacato dei lavoratori, a relazioni sociali che garantisce equità, sostenibilità, coesione e giustizia sociale, nella risposta ai vecchi e nuovi bisogni. Oppure che il dibattito e la pratica dirigenti di grandi imprese cooperative che magari nelle Marche sono poco presenti. Tutto per avere conoscenza di uno spaccato della realtà che ci possa intorno alla responsabilità sociale d impresa tendono a rimettere in discussione consentire di focalizzare anche qual è la percezione che questi nostri interlocutori hanno del nostro modo di fare impresa, del nostro modello di impresa. profitto), avviando un processo per cui essa stessa tende a farsi impresa sociale, la forma pura dell impresa capitalistica (che privilegia la massimizzazione del L obiettivo è quello d individuare uno scenario, una visione anche di medio periodo, dentro la quale collocare ipotesi nuove di sviluppo della cooperazione. Abbiamo avuto modo di sottolineare come il dibattito sul declino del no- e con ciò a valorizzare le ragioni originarie dell impresa cooperativa. È un obiettivo molto ambizioso e qui ne vedremo i primi risultati, comunque utili, stro sistema produttivo chiamasse in ogni caso il sistema economico locale 2 3 molto utili per cercare di capire come procedere per il futuro avendo di fronte uno scenario credibile. Il tema è: a quali condizioni, con quali direttrici di sviluppo possibili, in quale ambiente, in quale contesto il più favorevole possibile si possano sviluppare le imprese cooperative che esistono, possano nascere nuove imprese cooperative, possano svilupparsi le imprese cooperative in nuovi settori di espansione e di sviluppo. Noi partiamo da un dato consolidato: la cooperazione nella Marche costituisce una presenza significativa: soci di cooperative, quasi l 11% della popolazione; circa imprese presenti nelle Marche, l 1% del totale, una presenza limitata dal punto di vista del numero di unità, che però rappresenta già in termini di occupazione oltre il 3% a dimostrazione, tra l altro, che sono imprese di dimensione più elevata della media generale e che, per citare un dato recente molto interessante, rappresentano tra l 11 e il 12% delle prime cinquanta imprese della regione, per fatturato e per utile. È quindi una presenza tendenzialmente molto qualificata, per occupazione, per la capacità di produrre utili e fatturato, per l essere una risorsa fondamentale legata strettamente al territorio. È anche, quindi, una presenza molto particolare, che va perciò studiata nella sua specificità e della quale ovviamente ci facciamo portatori. Una presenza solida, storica, una presenza importante anche per il futuro, ma probabilmente anche sottodimensionata nel sistema imprenditoriale d oggi, e il perché di questo sottodimensionamento di presenza è un altro elemento che dovremo indagare per cercare di rafforzarne il radicamento e il ruolo positivo, in termini di quantità e di qualità. Abbiamo avuto modo di sottolineare in più occasioni i punti di forza del modello di impresa cooperativa, e anche iniziato ad individuare alcune ipotesi di direttrici di un suo possibile sviluppo, coniugate alle scelte per lo sviluppo dell intera economia del territorio. a ripensarsi nel suo complesso, puntando a valorizzare le sue potenzialità competitive in un gioco di squadra di cooperazione territoriale. Abbiamo provato a lanciare un sasso nello stagno del dibattito sui processi di liberalizzazione e di esternalizzazione di servizi pubblici, più in generale sulla cosiddetta sussidiarietà orizzontale, nel senso che proprio qui possono esserci opportunità concrete che stimolerebbero la crescita e diffonderebbero ancora di più lo spirito di imprenditorialità cooperativa, garantendo al tempo stesso e massimamente i cittadini consumatori. Abbiamo sottolineato che sarebbe possibile, e virtuoso, identificare quell esigenza da più parti richiamata di cooperazione di sistema, con un esigenza più specifica di cooperazione e di impresa cooperativa. E poi che in tutto questo è possibile sostenere una qualificazione generale e una espansione della cooperazione in vari settori: da quelli dove già esiste una presenza consolidata (come in agricoltura e pesca, nel manifatturiero e nei trasporti-logistica, nei servizi professionali e nei servizi sociali, ecc.), a quelli dove tale presenza è proficua ma tuttora inadeguata (di opportunità per lavoratori provenienti da crisi aziendali, per piccoli imprenditori che vogliano accettare la sfida delle dimensioni di scala, per imprese che vogliano aggregarsi in forme consortili a supporto di varie funzioni aziendali), fino a quelli della cooperazione tra utenti, storicamente propri ma oggi spesso tralasciati (come l istruzione o le mutue) oppure tuttora vitalissimi (come il consumo, l abitazione o le banche locali) o ancora tendenzialmente nuovi (energia, trasporti o altro ancora). Cè consapevolezza di tutto ciò? Siamo in grado di poter contare su un ambiente favorevole? Anche a questo la ricerca che presentiamo oggi potrà cominciare a dare alcune risposte.

8 Per parte nostra dovremo continuare ad affinare un alta capacità di affrontare positivamente questioni interne al modello di impresa (sia che si tratti di governance che di dimensione, di capitalizzazione come di finanziamento della crescita, di livelli di efficienza/efficacia come di rapporti di solidarietà. Così come ci aspettiamo dalle istituzioni un alta capacità di governo, nel delineare una politica di sostegno a misura di cooperazione, riconoscendone la funzione sociale in termini moderni e dinamici, di coesione sociale, democrazia economica, occupazione, ecc. Sinteticamente riassumerò il quadro dell iniziativa della ricerca, la metodologia La sfida per tutti, anche per noi, è quella di comprendere e analizzare fino in seguita, i tempi. Abbiamo seguito una linea di ricerca mista che univa metodologie di tipo qualitativo ad una linea di ricerca di tipo quantitativo. Abbiamo con- fondo caratteri e finalità, vantaggi e svantaggi del modello di impresa coope- 4 dotto in una prima fase delle interviste dirette qualitative a testimoni privilegiati 5 rativa, sapendo che c è un deficit culturale diffuso da colmare. Mai potrà esservi progresso duraturo per questo tipo d impresa - scrivono Zamagni, Salani e altri 1 - senza un forte pensiero ispiratore [...] senza la produzione di un pensiero orientato all azione. Il problema è come sia possibile trasformare in fattori di vantaggio competitivo i principi fondativi dell identità cooperativa: la governance democratica, la reciprocità come mutualità, il patto intergenerazionale e l intercooperativismo. Io credo che sia un problema essenzialmente nostro, di dover riflettere al nostro interno ma soprattutto anche di dover comunicare, nel vero senso della parola, non soltanto di informare, ma di riuscire in definitiva, con un vecchio termine gramsciano, a creare egemonia, per riuscire ad affermare un modello che possa essere realmente compreso e poi preso ad esempio per poterlo replicare. È un problema che riguarda i giovani, la formazione e il nostro rapporto con la società. Da questa ricerca ci aspettiamo l avvio di una riflessione che ci aiuti a comprendere meglio tutto questo. 1] VERSO UNA NUOVA TEORIA ECONOMICA DELLA COOPERAZIONE, A CURA DI ENEA MAZZOLI E STEFA- NO ZAMAGNI, IL MULINO Fabio Turato Università di Urbino La Polis del mondo della cooperazione, delle istituzioni, del sindacato. In un secondo tempo, dopo aver costruito un primo quadro di riferimento, siamo passati ad una fase successiva della ricerca di tipo quantitativo; dove, attraverso un sondaggio telefonico, abbiamo raccolto le opinioni di un campione di responsabili delle cooperative marchigiane stratificato per dimensione ed area geografica. Due i principali risultati che emergono e che vedremo nel dettaglio delle slide che seguiranno. Il primo è il particolare rapporto delle imprese cooperative con il mercato, la società e con le istituzioni: la necessità di comunicarlo in maniera efficace. Il secondo, descrive il rapporto con le istituzioni e di come il ruolo delle coop necessiti di essere in parte ridisegnato in particolare attraverso la formazione della classe dirigente. Già oggi sono in atto forti cambiamenti che aprono spazi operativi e d intervento molto consistenti per quello che riguarda l attività delle imprese cooperative. Cambiamenti che anno buoni margini di consolidamento nel breve e medio periodo. Più nel dettaglio emerge come l attenzione verso la creazione di profitto sia un elemento centrale per molte imprese cooperative. Il ruolo e l attenzione della società verso questi cooperatori liberisti restano centrali perché il profitto rappresenta ormai un fattore ineludibile del ruolo delle imprese cooperative delle Marche. Il ruolo dei cooperatori puri, classici è ridotto. Esiste, invece, una forte attenzione primaria dei cooperatori liberisti verso il profitto. Sempre nell ambito di lavoro delle coop presenti nella società e nel mercato, emerge come gran parte dei responsabili delle imprese cooperative intenda l impresa cooperativa come un modo sostanzialmente diverso di fare impresa e questo fattore rafforza, proprio da un punto di vista identitario, il ruolo delle imprese cooperative all interno sia della società come del mercato. Il

9 ruolo delle coop come fattore perequativo delle disuguaglianze sociali, risulta ormai come sostanzialmente superato e residuale. Ormai le imprese Istituto di credito non viene vissuto come un fattore centrale per l attività delle cooperative risulti pragmaticamente rivolta ai servizi offerti. La proprietà di un cooperative sono calate all interno del mercato in modo consapevole e di imprese cooperative. Altro elemento: il rapporto definito come inevitabile con questa consapevolezza ormai si nutrono, vivono, consapevoli però del fatto la politica, con i partiti. Da questa prospettiva è interessante analizzare come di essere sostanzialmente diverse nel loro modo di fare impresa. sia inevitabile soprattutto perché il bacino di riferimento della politica e delle Questo fattore presenta alcuni problemi perché il contesto sociale dove sono imprese cooperative molto spesso è il medesimo, ovvero la società. In questo inserite le colloca in una posizione di difficoltà nel senso che da un punto di senso diventa inevitabile che esistano forme di contatto anche se è chiarito vista strettamente valoriale la ricchezza, la competizione, addirittura la bellezza, come questo contatto definito come inevitabile, dovrebbe evitarsi quanto più il successo non sono socialmente costruite attorno ad un immagine cooperativa, possibile. Nel rapporto con le istituzioni - a parte l attenzione verso il Presidente della Repubblica, l interesse verso il mondo cooperativo è centrale. ma sono prodotto collegato a caratteristiche, a fattori strettamente individuali, 6 7 prodotto di una società di tipo capitalistico: basti pensare al farsi da se dell imprenditore, del libero professionista. Dunque: l esposizione collettiva e perdurata nel tempo all individualismo. Attenzione però che l individualismo non è fenomeno da condannare a priori. L individualismo ha permesso anche di costruire percorsi di emancipazione molto forti all interno della società, pensiamo, ad esempio, all emancipazione femminile. Tuttavia, l esposizione collettiva ai fattori che abbiamo elencato in precedenza, scollegano, dal punto di vista del modello comportamentale, la società alla cooperazione. La cooperazione non sembra il modo ideale, preferito, per raggiungere questo tipo di traguardi. Dal punto di vista della formazione emergono i primi problemi, sia nelle Scuole superiori, che nelle Università, fattori che abbiamo riscontrato soprattutto nella prima fase della ricerca attraverso le interviste ai testimoni privilegiati. Dove veniva lamentata, osservata una sostanziale distanza della Scuola, dell Università nei confronti del mondo cooperativo. All Università, per esempio sono avviati da molti anni corsi di Sociologia economica e Sociologia industriale, però di Sociologia della cooperazione non si sente parlare. Da questo punto di vista è, per le cooperative, da pensare un intervento di tipo maggiormente strutturato. Da un punto di vista sociale, la costruzione, la creazione di reti civiche e tessuto sociale passa anche attraverso queste agenzie di formazione. Non dimentichiamo, come accennava prima Massimo Lanzavecchia, che la Costituzione italiana all articolo 45 nomina la cooperazione come un fattore centrale nella costruzione del nostro paese. Il secondo principale risultato della ricerca riguarda il rapporto con le istituzioni e le organizzazioni. È interessante vedere come verso il mondo del credito - la rilevazione è stata condotta nel marzo 2006 quindi in piena bufera di scalate bancarie - si possa notare come nelle Marche l attenzione che le imprese Questo fattore ha caratteristiche bivalenti che analizzeremo in dettaglio. Delle valutazioni inferiori al 50% dei consensi positivi, il rapporto con il Sindacato è quello che vive una delle fasi più complesse: un fattore che emerge dal sondaggio come dalle interviste condotte precedentemente alla rilevazione telefonica. Il rapporto con il Sindacato vive quindi una fase che forse meriterebbe un approfondimento maggiore. Grande sfiducia verso il governo Berlusconi e nel mondo bancario, come vedremo nelle slide successive. Questo è il profilo del contesto dove le imprese cooperative sono inserite. Un profilo che, le colloca in un rapporto strettissimo con la società, con il mercato, con la politica e le istituzioni: imprese cooperative molto calate nella quotidianità ed al passo con i tempi. Nell ambito della cooperazione il settore socio sanitario rimane il preferito. Tradizionalmente è sempre stato così. Poi ci sono nuovi ambiti dove emergono spazi operativi interessanti: il turismo, la cultura, i trasporti e anche parte del comparto commerciale e dei servizi: in particolare i servizi rivolti all artigianato e all industria. Attività che si collocano nell ambito delle attività pre-competitive. Un approfondimento riguarda il rapporto con l ente pubblico: i forti cambiamenti, dal punto di vista sociale ed economico, che caratterizzano anche la regione Marche sono riassunti qui in modo efficace. Diciamo che gli effetti dell internazionalizzazione, anche della società, dell economia marchigiana si vedono anche da questa tabella. Ad esempio, il cambiamento demografico della società marchigiana aprirà nuovi spazi di intervento. Bassa natalità, invecchiamento della popolazione, presenza d immigrati: tutti elementi che possono rappresentare ambiti importanti per le coop. Un altro dato interessante riguarda il rapporto con il credito. Nel rapporto con le istituzioni di credito, la buona disposizione offerta dagli intervistati verso le

10 banche è, in generale, molto bassa. Soprattutto nelle interviste che abbiamo condotto, è emerso in diversi casi, come le banche molto spesso costruiscano i loro stica standard è avvertito come, spazio all interno del quale muoversi in ma- Dunque recuperare un gap, soprattutto culturale, verso l impresa capitali- prodotti e servizi sulla base di esigenze strettamente di tipo capitalistico, delle niera decisa. Nel rapporto con l ente pubblico emergono ovvi scetticismi. La imprese capitalistiche. Le imprese cooperative hanno domande diverse che molto spesso gli istituti di credito standard faticano ad elaborare. Da questo punto stra per gestire il rapporto Ente pubblico - società cooperativa. Affidare alle logica del general contractor, ad esempio, non è percepita come la via mae- di vista si nota come la fiducia verso il Credito cooperativo sia molto marcata. cooperative, in maniera non regolata, parte dei compiti degli enti pubblici è Insieme anche ad altre forme di cooperazione, come le cooperative di consumo, vista come una procedura verso la quale prestare molta attenzione. quelle per l acquisto di una casa, o le cooperative edili. Per quello che riguarda il rapporto con il credito, è interessante notare come Nei prossimi cinque anni, il rapporto che le imprese cooperative intendono la fiducia verso il Credito cooperativo sia avvertita come una fase che permetta alle imprese cooperative di essere riconosciute nei loro bisogni, uni- costruire, intessere, il network, è soprattutto con altre cooperative. Il rappor- 8 9 to con le istituzioni rimane forte però viene confermato come il riferimento privilegiato sia ancora il mondo cooperativo. Dunque aumenteranno i rapporti. Le strategie privilegiate da seguire in questa direzione portano a migliorare l attenzione verso la classe dirigente soprattutto, e la comunicazione. Comunicare bene all esterno per evitare autoreferenzialità, nei rapporti nelle relazioni. Il rischio è che non si riesca a coinvolgere quella parte di mondo che non appartiene a quello cooperativo. Un dato che merita un approfondimento dal punto di vista dimensionale. Nel senso che l attenzione rivolta verso la comunicazione, verso la formazione di una classe dirigente cambia considerevolmente rispetto alla dimensione delle cooperative che abbiamo preso in considerazione. Le imprese un po più grandi sono attente a nuove esigenze dal punto di vista operativo, dal punto di vista della formazione, anche manageriale, della propria classe dirigente, presentano una domanda più marcata. Mentre invece le piccole e medie imprese presentano una domanda più forte verso un riconoscimento della propria attività ed identità a livello soprattutto locale. Alcune conclusioni. Abbiamo visto come il settore socio-sanitario rappresenti ancora l ambito preferito di cooperazione vera e propria. Il turismo, la cultura, i trasporti rappresentano ambiti interessanti soprattutto per il mondo giovanile però - ad oggi - manca, la tensione verso la formazione imprenditoriale e tecnica rivolta alla creazione d impresa cooperativa. La Cooperazione non è avvertita come un fattore di omologazione a valori generalmente rivolti alla creazione di successo e benessere. Dal punto di vista del lavoro per i giovani, soprattutto nelle interviste, emergeva come l attenzione, sia dei responsabili coop che di quelli istituzionali, fosse sentita in maniera particolare, ma veniva avvertita la distanza con il mondo della formazione. tamente alla consapevolezza di uscire da una sorta di autoreferenzialità, da una sorta di mondo a parte che rappresenta il mondo cooperativo. È necessario sviluppare linguaggi nuovi. Uscire da questa autoreferenzialità significa passare attraverso un rapporto con il profitto, che non è necessariamente legato a quello dell impresa capitalistica, ma il profitto è un indice, un fattore di efficienza della coop che permette alla cooperativa di stare sul mercato come le altre imprese. Per concludere due fattori decisivi: più comunicazione e più formazione della classe dirigente. Da questo punto di vista bisogna prestare attenzione alla naturalezza, con cui molto spesso è vissuta l attività all interno delle imprese cooperative. Che rappresenta - invece - proprio quel valore aggiunto che deve essere pubblicizzato in maniera più consapevole, più marcato verso l esterno. Dare come acquisiti i valori che caratterizzano l impresa cooperativa rappresenta un errore. Al contrario è fattore da gestire con molta attenzione, costruendo un linguaggio adatto e comunicandolo. Che permetta effettivamente alle cooperative di crescere sia nel mercato, sia nelle società all interno delle quali le imprese sono inserite. Grazie.

11 Mario Primo Salani Università La Sapienza di Roma La prima considerazione che suscita la ricerca è di ordine generale: averla affidata ad un team che, da quello che si legge, ha una conoscenza, come dire, dall esterno della cooperazione o, comunque si è messo in questa ottica, appare una scelta quantomeno interessante. Intanto è utilissima perché già dal linguaggio usato suggerisce e afferma un punto di vista meno curiale, indubbiamente più vicino a quello di un osservatore della quotidianità che non a quello specialistico Chi, come alcuni di noi, si occupa di cooperazione da un numero infinito di anni è portato ad usare un linguaggio che presuppone sia anche quello più generale e generalizzato. Questo consente dare per scontato che ci sia, per forza, una condivisione anche di contenuti, ma anche, spesso, una rinuncia (o un alibi?) a spiegare cose che si danno per note. Sentire gli stessi problemi proposti con un linguaggio leggermente diverso è, forse, un po straniante ma di grande fascino. Faccio un esempio, rinviando ad una delle tavole del rapporto. In una si propone la cooperazione all interno della contrapposizione: profitto e società. Nel mondo cooperativo questa dicotomia non ha molto senso: più che cercare di capire se è troppo stretta o troppo larga, mi verrebbe di dire che c entra? : vuole alludere ad un confronto tra azienda e socio? Oppure rinvia al conflitto fra efficienzaprofitto ed efficacia - valore sociale - obiettivi sociali? Comunque se un osservatore attento e di qualità sente il bisogno di leggere la cooperazione all interno di questo tipo di confronto, questo significa che la cooperazione, dà troppe cose per scontate oppure usa concetti non ben raccontati. Ha, comunque, un modo di raccontarsi che suscita nell ascoltatore queste due categorie e conseguentemente viene misurata nell implicito trade off tra questi estremi. Ma può esserci anche un altro pericolo rappresentato dal fatto che se vengono proposti ai cooperatori siano assunti come metafora originando decodifiche non omogenee che, a loro volta, possono indurre risposte non necessariamente coerenti (cioè, in altri termini, sommabili o confrontabili). Nel caso specifico, leggendo il rapporto nel suo insieme, si capisce (o almeno io ho così capito) che dentro quelle categorie è ricompreso quello che, nel mondo cooperativo, si è soliti dire ritorno al socio. In questo senso la ricerca mette in evidenza, correttamente, 11

12 sentire, i due termini sono sinonimi, ma per la cooperazione così non è. Se sì cita il profitto in alternativa a società, ne consegue che si costringe la cooperazione in una dicotomia per cui, se sì è nella prima categoria non si è diversi dall impresa for profit (profit, appunto), se sì è nella seconda si è qualche cosa (qualunque cosa) di diverso proprio da una impresa. La cooperativa invece è, in qualche modo, altra rispetto a questo continuum: persegue il profitto non come fine ma come mezzo, per operare sul mercato, e la sua socialità è nel perseguire e soddisfare i bisogni dei soci tra i quali non c è, appunto, il profitto. Questo per dire che l uso di un linguaggio e di categorie diverse diventa interessante non tanto per i risultati del suo impiego (la qualità delle risposte), ma perché, implicitamente, avverte di un deficit comunicazionale e segnala su quali aspetti occorre intervenire per meglio precisare, articolare, motivare. Sempre che, quello segnalato, sia solo un difetto comunicazione e non un appannamento identitario perché in questo caso non di inadeguatezza della comunicazione si tratterebbe, ma di deficit comportamentali (in altri termini di deficit etico). È così che è altrettanto ardito - ma coerente con la dicotomia profitto - società- segmentare il ceto dei cooperatori in: liberisti, liberisti cooperatori, cooperatori liberisti e cooperatori (in senso proprio?). Ma è una tassonomia che, proprio perché coerente con quella dicotomia, ha tutti i limiti di cui si è detto, resi ancor più evidenti dalla contrapposizione tra due termini, sotto certi punti di vista non contrapponibili, nella misura in cui la cooperazione ha scelto il mercato, in modo pieno anche se non nel modello autoregolato. Senza dimenticare che alle origini della cooperazione a promuoverla spesso capita di incontrare la borghesia liberale. Spero di aver chiarito perché questa ricerca suscita curiosità. Dirò più avanti, perché è, anche, per alcuni versi sorprendente. Intanto, senza ripercorrere i ri- l attualità di questo grande dibattito che è al centro dell attenzione nel mondo sultati che sono stati messi in luce e che suscitano in me considerazioni simili a cooperativo, proprio in questo inizio di millennio. Un attenzione che deriva dalla quelle che i redattori hanno già illustrato, preferisco dare un modesto contributo consapevolezza della necessità di un ritorno ai bisogni del socio e alla dimensione sociale, dopo una stagione, durata più di due decenni, che si era concentrata tab. 5. In questo caso non mi sento di condividere i risultati, e quindi anche l in- su quelli che mi appaiono più problematici, come i temi di cui si dà conto nella tutta sulla dimensione economica e competitiva. Socialità dunque come società terpretazione, di questa domanda che è relativa ai miglioramenti che dovrebbero ed economicità come profitto. Ma se così è, proprio l uso di questo linguaggio affrontare le cooperative. Ritengo infatti che la strutturazione della domanda della quotidianità è un segnale forte della necessità di meglio spiegare e argomentare alla gente, all opinione pubblica, la specificità cooperativa. chiave dicotomica le due risposte previste, che dicotomiche non sono (il ricam- possa aver fuorviato anche in modo significativo la risposta. Aver strutturato in Questa ricerca ci dice, dunque, che c è un deficit di argomentazione probabilmente proprio nel binomio economicità e profitto. Evidentemente, nel comune aver limitato a queste sole alternative le possibili ipotesi di intervento migliorabio della classe dirigente e il miglioramento della comunicazione), e, soprattutto, tivo, non consentono, a mio avviso, di dare significativo risalto a questo tema e soprattutto di ricavarne particolari suggestioni previsive. Sono, alla luce dalla mia esperienza, utili e necessari entrambi questi interventi; anzi ad essi si dovrebbero accompagnare anche altre azioni anch esse di significativo rilievo per le cooperative a cominciare dall innovazione e dalla finanza. Le preferenze tra gli indirizzi proposti possono essere assunti, al massimo, come indicatori di priorità all interno della coppia di interventi, avendo chiaro che non sono esaustivi e non sono, necessariamente, prioritari in una visione più generale. C è anche un altro problema che ricorre nella ricerca che merita una qualche indugio. Si tratta del tema che nel linguaggio cooperativo viene indicato come sistema. Nell indagine trova espressione nelle tabelle là dove si dice: preferenze verso le cooperative. Credo che valga la pena di sottolineare, subito, che questo orientamento, per la cooperazione, non è autorefenzialità, anzi, sotto certi punti di vista, è una qualità significativamente positiva, perché implica e presuppone che la comune condivisione dei valori di fondo costruisca un corredo di fiducia di particolare rilievo, non dissimile da quello più circoscritto e cauto che si registra in comunità di imprese di cui i distretti sono la più nota manifestazione. Questa fiducia, nel momento cooperativo, non è, dunque, solo un fatto di tipo organizzativo. È una delle condizioni che rendono possibile uno dei principi fondanti la cooperazione: quello di voler/dover essere sistema. Era chiaro ai padri fondatori, ed è chiaro oggi, che anche la grande impresa cooperativa (che comunque rappresenta meno del 20% di tutta l offerta cooperativa) non è, spesso, in grado di competere singolarmente con la grande impresa profit, e che, senza fare sistema, questo è ancora più difficile per la cooperazione più piccola o comunque minore. L indagine mette in luce che questo convincimento è largamente condiviso. Questo risultato è molto interessante perché da un po di tempo si registrava una

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA. Facoltà di Sociologia. Corso di Laurea in Sociologia. Flessibilità e Precarietà. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Sociologia Flessibilità e Precarietà. Le conseguenze sulla vita dei giovani lavoratori temporanei. Relatrice: Prof.ssa

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Nota metodologica 283

Nota metodologica 283 Nota metodologica Questo volume, indirizzato sia ai giovani che stanno per iscriversi a un corso di laurea, sia a quelli che stanno per completare gli studi, concentra la propria attenzione sulle prospettive

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Lo sviluppo delle reti d'impresa nel settore turistico Gualtiero Milana Region Centro EVOLUZIONE DEI MERCATI La crisi dalla quale stiamo faticosamente uscendo

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE RIMOTIVAZIONE MODELLI E PERCORSI DI CONSULENZA ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE INDICE 1 PREMESSA 5 IL PROGETTO RIMOTIVAZIONE 6 PRIMA PARTE IL CONTESTO TEORICO DI RIFERIMENTO 8 CAPITOLO PRIMO I DIVERSI MODELLI

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Che cos è Agenquadri

Che cos è Agenquadri 1 Che cos è Agenquadri Agenquadri intende rappresentare con autonomia politica, giuridica, amministrativa e di iniziativa, in forma organizzata, quadri, dirigenti e lavoratori di alta professionalità,

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata.

La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. Cooperativa è... COOPERATIVA è... Art. 45 della Costituzione Italiana La repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario

Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario Un indagine sulla qualità dei piani aziendali ricevuti dal sistema bancario di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) Nel presente contributo si riportano i principali risultati di un indagine, condotta

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

azioni di rigenerazione sociale

azioni di rigenerazione sociale azioni di rigenerazione sociale I contenuti di questo libro possono essere condivisi rispettando la licenza Chi siamo Indice 3 Chi siamo 5 Cos è concretamente Change Community Model? 6 Quali sono gli ingredienti

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

R S U E S S E L U N G A CORBETTA

R S U E S S E L U N G A CORBETTA Analisi questionario Questa relazione nasce dalla necessità di sintetizzare ed analizzare il risultato del questionario proposto ai lavoratori Esselunga di Corbetta. Il sondaggio (anonimo) ideato e realizzato

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli