La cooperazione domani. Analisi degli scenari nel mondo cooperativo delle Marche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La cooperazione domani. Analisi degli scenari nel mondo cooperativo delle Marche"

Transcript

1

2 Cooperstudi La cooperazione domani. Analisi degli scenari nel mondo cooperativo delle Marche Copyright 2007 by affinità elettive vicolo Stelluto 3, Ancona Tutti i diritti riservati ISBN

3 Centro Studi della Cooperazione Marchigiana Via Tiraboschi 36/G Ancona - Tel Fax Codice Fiscale: La Cooperazione domani. Analisi degli scenari del mondo cooperativo delle Marche a cura di Massimo Lanzavecchia Interventi di Mario P. Salani, Enzo Pesciarelli, Ilvo Diamanti, Pietro Marcolini Ricerca realizzata da Fabio Turato (Università di Urbino - LaPolis) PUBBLICAZIONE REALIZZATA CON IL CONTRIBUTO DELLA REGIONE MARCHE - ASSESSO- RATO ALLA PROMOZIONE DELLA COOPERAZIONE E LA COLLABORAZIONE DELLA POSIZIO- NE DI FUNZIONE COOPERAZIONE NEI SETTORI PRODUTTIVI (L.R. N.5/2003 ART. 8 LETT. B).

4 INDICE PARTE PRIMA, PRESENTAZIONE DELLA RICERCA: - MASSIMO LANZAVECCHIA, Cooperstudi - FABIO TURATO, Università di Urbino - LaPolis - MARIO PRIMO SALANI, Università La Sapienza di Roma - ENZO PESCIARELLI, Università di Ancona - ILVO DIAMANTI, Università di Urbino - PIETRO MARCOLINI, Assessore regionale alla Promozione della Cooperazione pagina 1 pagina 5 pagina 11 pagina 17 pagina 21 pagina 27 PARTE SECONDA, LA RICERCA: LA COOPERAZIONE DOMANI. ANALISI DEGLI SCENARI DEL MONDO COOPERATIVO DELLE MARCHE FABIO TURATO, Università di Urbino - LaPolis - REPORT FINALE - LE INTERVISTE: Responsabile Srl costituita fra PMI (n. 1) Assessore alla Cooperazione (n. 2) Assessore alla Cooperazione (n. 3) Dirigente mondo della Cooperazione (n. 4) Direttore di Cooperativa (n. 5) Dirigente settore Artigianato (n. 6) Responsabile mondo della Cooperazione (n. 7) Dirigente settore Industria (n. 8) Dirigente mondo della Cooperazione (n. 9) Presidente CCIAA (n. 10) Sindacalista (n. 11) Assessore alla Cooperazione (n. 12) Dirigente settore Industria (n. 13) - LE FREQUENZE: VALORI ASSOLUTI E VALORI PERCENTUALI pagina 33 pagina 89 pagina 92 pagina 98 pagina 104 pagina 110 pagina 125 pagina 136 pagina 153 pagina 174 pagina 196 pagina 202 pagina 207 pagina 213 pagina 219

5 PARTE PRIMA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA Ancona, 26 ottobre 2006

6 Massimo Lanzavecchia Cooperstudi La ricerca che presentiamo è stata commissionata da Cooperstudi al Laboratorio LaPolis dell Università di Urbino, nell ambito dei progetti finanziati dalla Regione Marche con la legge regionale per la cooperazione. Cooperstudi è un centro studi, un associazione costituita unitariamente dalle quattro centrali cooperative delle Marche. Si tratta di un tentativo generoso e molto volenteroso di tentare di avere una sede di approfondimento, di ricerca, di studio, di discussione nel mondo della cooperazione, che possa aiutare le associazioni d imprese cooperative e le imprese cooperative stesse ad affrontare meglio le loro attività quotidiane con uno sguardo alla crescita e al proprio futuro. In questi primi anni di attività abbiamo realizzato sette pubblicazioni, tra studi e indagini, che crediamo possano essere una base di riflessione e un punto di riferimento per tutti; stiamo anche gestendo un progetto sulla formazione manageriale, perché riteniamo che questo sia uno degli aspetti di grande interesse per le imprese cooperative. Due di questi progetti sono collegati tra loro: uno che presenteremo tra qualche settimana, un indagine sul vissuto cooperativo, tesa ad affrontare l esperienza del fare cooperazione nelle Marche, con uno sguardo a ieri e all oggi; l altro è quello che presentiamo qui, che tende a proiettarsi più sul futuro, la cooperazione domani appunto, e che vuole essere il tentativo, anche qui molto ambizioso per la verità, di sperimentare un metodo di indagine nuovo, almeno nuovo per noi. Aver affidato ad un laboratorio consolidato e di grande esperienza, come La- Polis dell Università di Urbino, un indagine sulla cooperazione nelle Marche è già di per sé il tentativo di affrontare tematiche di prospettiva con una metodologia scientifica, sperimentata già in altre situazioni di eccellenza: penso a L Atlante sociale delle Marche o alle indagini periodiche Demos-Coop di cui appunto La Polis è autrice; ma penso anche al modo stesso con cui abbiamo costruito questa indagine, intervistando centinaia di cooperatori in maniera diretta, ma anche affiancando alle interviste a cooperatori, interviste approfondite di opinion leader, cioè ad interlocutori della cooperazione che hanno un loro ruolo, diretto o indiretto, anche nei confronti delle nostre prospettive di 1

7 sviluppo. Mi riferisco ad assessori alla cooperazione e allo sviluppo economico, Abbiamo più volte sottolineato, per esempio, che le imprese cooperative più di a presidenti di camere di commercio, a presidenti o direttori di associazioni di altre sono caratterizzate dalla capacità di fare rete, costruendo un sistema di imprese non cooperative, artigiane o industriali, al sindacato dei lavoratori, a relazioni sociali che garantisce equità, sostenibilità, coesione e giustizia sociale, nella risposta ai vecchi e nuovi bisogni. Oppure che il dibattito e la pratica dirigenti di grandi imprese cooperative che magari nelle Marche sono poco presenti. Tutto per avere conoscenza di uno spaccato della realtà che ci possa intorno alla responsabilità sociale d impresa tendono a rimettere in discussione consentire di focalizzare anche qual è la percezione che questi nostri interlocutori hanno del nostro modo di fare impresa, del nostro modello di impresa. profitto), avviando un processo per cui essa stessa tende a farsi impresa sociale, la forma pura dell impresa capitalistica (che privilegia la massimizzazione del L obiettivo è quello d individuare uno scenario, una visione anche di medio periodo, dentro la quale collocare ipotesi nuove di sviluppo della cooperazione. Abbiamo avuto modo di sottolineare come il dibattito sul declino del no- e con ciò a valorizzare le ragioni originarie dell impresa cooperativa. È un obiettivo molto ambizioso e qui ne vedremo i primi risultati, comunque utili, stro sistema produttivo chiamasse in ogni caso il sistema economico locale 2 3 molto utili per cercare di capire come procedere per il futuro avendo di fronte uno scenario credibile. Il tema è: a quali condizioni, con quali direttrici di sviluppo possibili, in quale ambiente, in quale contesto il più favorevole possibile si possano sviluppare le imprese cooperative che esistono, possano nascere nuove imprese cooperative, possano svilupparsi le imprese cooperative in nuovi settori di espansione e di sviluppo. Noi partiamo da un dato consolidato: la cooperazione nella Marche costituisce una presenza significativa: soci di cooperative, quasi l 11% della popolazione; circa imprese presenti nelle Marche, l 1% del totale, una presenza limitata dal punto di vista del numero di unità, che però rappresenta già in termini di occupazione oltre il 3% a dimostrazione, tra l altro, che sono imprese di dimensione più elevata della media generale e che, per citare un dato recente molto interessante, rappresentano tra l 11 e il 12% delle prime cinquanta imprese della regione, per fatturato e per utile. È quindi una presenza tendenzialmente molto qualificata, per occupazione, per la capacità di produrre utili e fatturato, per l essere una risorsa fondamentale legata strettamente al territorio. È anche, quindi, una presenza molto particolare, che va perciò studiata nella sua specificità e della quale ovviamente ci facciamo portatori. Una presenza solida, storica, una presenza importante anche per il futuro, ma probabilmente anche sottodimensionata nel sistema imprenditoriale d oggi, e il perché di questo sottodimensionamento di presenza è un altro elemento che dovremo indagare per cercare di rafforzarne il radicamento e il ruolo positivo, in termini di quantità e di qualità. Abbiamo avuto modo di sottolineare in più occasioni i punti di forza del modello di impresa cooperativa, e anche iniziato ad individuare alcune ipotesi di direttrici di un suo possibile sviluppo, coniugate alle scelte per lo sviluppo dell intera economia del territorio. a ripensarsi nel suo complesso, puntando a valorizzare le sue potenzialità competitive in un gioco di squadra di cooperazione territoriale. Abbiamo provato a lanciare un sasso nello stagno del dibattito sui processi di liberalizzazione e di esternalizzazione di servizi pubblici, più in generale sulla cosiddetta sussidiarietà orizzontale, nel senso che proprio qui possono esserci opportunità concrete che stimolerebbero la crescita e diffonderebbero ancora di più lo spirito di imprenditorialità cooperativa, garantendo al tempo stesso e massimamente i cittadini consumatori. Abbiamo sottolineato che sarebbe possibile, e virtuoso, identificare quell esigenza da più parti richiamata di cooperazione di sistema, con un esigenza più specifica di cooperazione e di impresa cooperativa. E poi che in tutto questo è possibile sostenere una qualificazione generale e una espansione della cooperazione in vari settori: da quelli dove già esiste una presenza consolidata (come in agricoltura e pesca, nel manifatturiero e nei trasporti-logistica, nei servizi professionali e nei servizi sociali, ecc.), a quelli dove tale presenza è proficua ma tuttora inadeguata (di opportunità per lavoratori provenienti da crisi aziendali, per piccoli imprenditori che vogliano accettare la sfida delle dimensioni di scala, per imprese che vogliano aggregarsi in forme consortili a supporto di varie funzioni aziendali), fino a quelli della cooperazione tra utenti, storicamente propri ma oggi spesso tralasciati (come l istruzione o le mutue) oppure tuttora vitalissimi (come il consumo, l abitazione o le banche locali) o ancora tendenzialmente nuovi (energia, trasporti o altro ancora). Cè consapevolezza di tutto ciò? Siamo in grado di poter contare su un ambiente favorevole? Anche a questo la ricerca che presentiamo oggi potrà cominciare a dare alcune risposte.

8 Per parte nostra dovremo continuare ad affinare un alta capacità di affrontare positivamente questioni interne al modello di impresa (sia che si tratti di governance che di dimensione, di capitalizzazione come di finanziamento della crescita, di livelli di efficienza/efficacia come di rapporti di solidarietà. Così come ci aspettiamo dalle istituzioni un alta capacità di governo, nel delineare una politica di sostegno a misura di cooperazione, riconoscendone la funzione sociale in termini moderni e dinamici, di coesione sociale, democrazia economica, occupazione, ecc. Sinteticamente riassumerò il quadro dell iniziativa della ricerca, la metodologia La sfida per tutti, anche per noi, è quella di comprendere e analizzare fino in seguita, i tempi. Abbiamo seguito una linea di ricerca mista che univa metodologie di tipo qualitativo ad una linea di ricerca di tipo quantitativo. Abbiamo con- fondo caratteri e finalità, vantaggi e svantaggi del modello di impresa coope- 4 dotto in una prima fase delle interviste dirette qualitative a testimoni privilegiati 5 rativa, sapendo che c è un deficit culturale diffuso da colmare. Mai potrà esservi progresso duraturo per questo tipo d impresa - scrivono Zamagni, Salani e altri 1 - senza un forte pensiero ispiratore [...] senza la produzione di un pensiero orientato all azione. Il problema è come sia possibile trasformare in fattori di vantaggio competitivo i principi fondativi dell identità cooperativa: la governance democratica, la reciprocità come mutualità, il patto intergenerazionale e l intercooperativismo. Io credo che sia un problema essenzialmente nostro, di dover riflettere al nostro interno ma soprattutto anche di dover comunicare, nel vero senso della parola, non soltanto di informare, ma di riuscire in definitiva, con un vecchio termine gramsciano, a creare egemonia, per riuscire ad affermare un modello che possa essere realmente compreso e poi preso ad esempio per poterlo replicare. È un problema che riguarda i giovani, la formazione e il nostro rapporto con la società. Da questa ricerca ci aspettiamo l avvio di una riflessione che ci aiuti a comprendere meglio tutto questo. 1] VERSO UNA NUOVA TEORIA ECONOMICA DELLA COOPERAZIONE, A CURA DI ENEA MAZZOLI E STEFA- NO ZAMAGNI, IL MULINO Fabio Turato Università di Urbino La Polis del mondo della cooperazione, delle istituzioni, del sindacato. In un secondo tempo, dopo aver costruito un primo quadro di riferimento, siamo passati ad una fase successiva della ricerca di tipo quantitativo; dove, attraverso un sondaggio telefonico, abbiamo raccolto le opinioni di un campione di responsabili delle cooperative marchigiane stratificato per dimensione ed area geografica. Due i principali risultati che emergono e che vedremo nel dettaglio delle slide che seguiranno. Il primo è il particolare rapporto delle imprese cooperative con il mercato, la società e con le istituzioni: la necessità di comunicarlo in maniera efficace. Il secondo, descrive il rapporto con le istituzioni e di come il ruolo delle coop necessiti di essere in parte ridisegnato in particolare attraverso la formazione della classe dirigente. Già oggi sono in atto forti cambiamenti che aprono spazi operativi e d intervento molto consistenti per quello che riguarda l attività delle imprese cooperative. Cambiamenti che anno buoni margini di consolidamento nel breve e medio periodo. Più nel dettaglio emerge come l attenzione verso la creazione di profitto sia un elemento centrale per molte imprese cooperative. Il ruolo e l attenzione della società verso questi cooperatori liberisti restano centrali perché il profitto rappresenta ormai un fattore ineludibile del ruolo delle imprese cooperative delle Marche. Il ruolo dei cooperatori puri, classici è ridotto. Esiste, invece, una forte attenzione primaria dei cooperatori liberisti verso il profitto. Sempre nell ambito di lavoro delle coop presenti nella società e nel mercato, emerge come gran parte dei responsabili delle imprese cooperative intenda l impresa cooperativa come un modo sostanzialmente diverso di fare impresa e questo fattore rafforza, proprio da un punto di vista identitario, il ruolo delle imprese cooperative all interno sia della società come del mercato. Il

9 ruolo delle coop come fattore perequativo delle disuguaglianze sociali, risulta ormai come sostanzialmente superato e residuale. Ormai le imprese Istituto di credito non viene vissuto come un fattore centrale per l attività delle cooperative risulti pragmaticamente rivolta ai servizi offerti. La proprietà di un cooperative sono calate all interno del mercato in modo consapevole e di imprese cooperative. Altro elemento: il rapporto definito come inevitabile con questa consapevolezza ormai si nutrono, vivono, consapevoli però del fatto la politica, con i partiti. Da questa prospettiva è interessante analizzare come di essere sostanzialmente diverse nel loro modo di fare impresa. sia inevitabile soprattutto perché il bacino di riferimento della politica e delle Questo fattore presenta alcuni problemi perché il contesto sociale dove sono imprese cooperative molto spesso è il medesimo, ovvero la società. In questo inserite le colloca in una posizione di difficoltà nel senso che da un punto di senso diventa inevitabile che esistano forme di contatto anche se è chiarito vista strettamente valoriale la ricchezza, la competizione, addirittura la bellezza, come questo contatto definito come inevitabile, dovrebbe evitarsi quanto più il successo non sono socialmente costruite attorno ad un immagine cooperativa, possibile. Nel rapporto con le istituzioni - a parte l attenzione verso il Presidente della Repubblica, l interesse verso il mondo cooperativo è centrale. ma sono prodotto collegato a caratteristiche, a fattori strettamente individuali, 6 7 prodotto di una società di tipo capitalistico: basti pensare al farsi da se dell imprenditore, del libero professionista. Dunque: l esposizione collettiva e perdurata nel tempo all individualismo. Attenzione però che l individualismo non è fenomeno da condannare a priori. L individualismo ha permesso anche di costruire percorsi di emancipazione molto forti all interno della società, pensiamo, ad esempio, all emancipazione femminile. Tuttavia, l esposizione collettiva ai fattori che abbiamo elencato in precedenza, scollegano, dal punto di vista del modello comportamentale, la società alla cooperazione. La cooperazione non sembra il modo ideale, preferito, per raggiungere questo tipo di traguardi. Dal punto di vista della formazione emergono i primi problemi, sia nelle Scuole superiori, che nelle Università, fattori che abbiamo riscontrato soprattutto nella prima fase della ricerca attraverso le interviste ai testimoni privilegiati. Dove veniva lamentata, osservata una sostanziale distanza della Scuola, dell Università nei confronti del mondo cooperativo. All Università, per esempio sono avviati da molti anni corsi di Sociologia economica e Sociologia industriale, però di Sociologia della cooperazione non si sente parlare. Da questo punto di vista è, per le cooperative, da pensare un intervento di tipo maggiormente strutturato. Da un punto di vista sociale, la costruzione, la creazione di reti civiche e tessuto sociale passa anche attraverso queste agenzie di formazione. Non dimentichiamo, come accennava prima Massimo Lanzavecchia, che la Costituzione italiana all articolo 45 nomina la cooperazione come un fattore centrale nella costruzione del nostro paese. Il secondo principale risultato della ricerca riguarda il rapporto con le istituzioni e le organizzazioni. È interessante vedere come verso il mondo del credito - la rilevazione è stata condotta nel marzo 2006 quindi in piena bufera di scalate bancarie - si possa notare come nelle Marche l attenzione che le imprese Questo fattore ha caratteristiche bivalenti che analizzeremo in dettaglio. Delle valutazioni inferiori al 50% dei consensi positivi, il rapporto con il Sindacato è quello che vive una delle fasi più complesse: un fattore che emerge dal sondaggio come dalle interviste condotte precedentemente alla rilevazione telefonica. Il rapporto con il Sindacato vive quindi una fase che forse meriterebbe un approfondimento maggiore. Grande sfiducia verso il governo Berlusconi e nel mondo bancario, come vedremo nelle slide successive. Questo è il profilo del contesto dove le imprese cooperative sono inserite. Un profilo che, le colloca in un rapporto strettissimo con la società, con il mercato, con la politica e le istituzioni: imprese cooperative molto calate nella quotidianità ed al passo con i tempi. Nell ambito della cooperazione il settore socio sanitario rimane il preferito. Tradizionalmente è sempre stato così. Poi ci sono nuovi ambiti dove emergono spazi operativi interessanti: il turismo, la cultura, i trasporti e anche parte del comparto commerciale e dei servizi: in particolare i servizi rivolti all artigianato e all industria. Attività che si collocano nell ambito delle attività pre-competitive. Un approfondimento riguarda il rapporto con l ente pubblico: i forti cambiamenti, dal punto di vista sociale ed economico, che caratterizzano anche la regione Marche sono riassunti qui in modo efficace. Diciamo che gli effetti dell internazionalizzazione, anche della società, dell economia marchigiana si vedono anche da questa tabella. Ad esempio, il cambiamento demografico della società marchigiana aprirà nuovi spazi di intervento. Bassa natalità, invecchiamento della popolazione, presenza d immigrati: tutti elementi che possono rappresentare ambiti importanti per le coop. Un altro dato interessante riguarda il rapporto con il credito. Nel rapporto con le istituzioni di credito, la buona disposizione offerta dagli intervistati verso le

10 banche è, in generale, molto bassa. Soprattutto nelle interviste che abbiamo condotto, è emerso in diversi casi, come le banche molto spesso costruiscano i loro stica standard è avvertito come, spazio all interno del quale muoversi in ma- Dunque recuperare un gap, soprattutto culturale, verso l impresa capitali- prodotti e servizi sulla base di esigenze strettamente di tipo capitalistico, delle niera decisa. Nel rapporto con l ente pubblico emergono ovvi scetticismi. La imprese capitalistiche. Le imprese cooperative hanno domande diverse che molto spesso gli istituti di credito standard faticano ad elaborare. Da questo punto stra per gestire il rapporto Ente pubblico - società cooperativa. Affidare alle logica del general contractor, ad esempio, non è percepita come la via mae- di vista si nota come la fiducia verso il Credito cooperativo sia molto marcata. cooperative, in maniera non regolata, parte dei compiti degli enti pubblici è Insieme anche ad altre forme di cooperazione, come le cooperative di consumo, vista come una procedura verso la quale prestare molta attenzione. quelle per l acquisto di una casa, o le cooperative edili. Per quello che riguarda il rapporto con il credito, è interessante notare come Nei prossimi cinque anni, il rapporto che le imprese cooperative intendono la fiducia verso il Credito cooperativo sia avvertita come una fase che permetta alle imprese cooperative di essere riconosciute nei loro bisogni, uni- costruire, intessere, il network, è soprattutto con altre cooperative. Il rappor- 8 9 to con le istituzioni rimane forte però viene confermato come il riferimento privilegiato sia ancora il mondo cooperativo. Dunque aumenteranno i rapporti. Le strategie privilegiate da seguire in questa direzione portano a migliorare l attenzione verso la classe dirigente soprattutto, e la comunicazione. Comunicare bene all esterno per evitare autoreferenzialità, nei rapporti nelle relazioni. Il rischio è che non si riesca a coinvolgere quella parte di mondo che non appartiene a quello cooperativo. Un dato che merita un approfondimento dal punto di vista dimensionale. Nel senso che l attenzione rivolta verso la comunicazione, verso la formazione di una classe dirigente cambia considerevolmente rispetto alla dimensione delle cooperative che abbiamo preso in considerazione. Le imprese un po più grandi sono attente a nuove esigenze dal punto di vista operativo, dal punto di vista della formazione, anche manageriale, della propria classe dirigente, presentano una domanda più marcata. Mentre invece le piccole e medie imprese presentano una domanda più forte verso un riconoscimento della propria attività ed identità a livello soprattutto locale. Alcune conclusioni. Abbiamo visto come il settore socio-sanitario rappresenti ancora l ambito preferito di cooperazione vera e propria. Il turismo, la cultura, i trasporti rappresentano ambiti interessanti soprattutto per il mondo giovanile però - ad oggi - manca, la tensione verso la formazione imprenditoriale e tecnica rivolta alla creazione d impresa cooperativa. La Cooperazione non è avvertita come un fattore di omologazione a valori generalmente rivolti alla creazione di successo e benessere. Dal punto di vista del lavoro per i giovani, soprattutto nelle interviste, emergeva come l attenzione, sia dei responsabili coop che di quelli istituzionali, fosse sentita in maniera particolare, ma veniva avvertita la distanza con il mondo della formazione. tamente alla consapevolezza di uscire da una sorta di autoreferenzialità, da una sorta di mondo a parte che rappresenta il mondo cooperativo. È necessario sviluppare linguaggi nuovi. Uscire da questa autoreferenzialità significa passare attraverso un rapporto con il profitto, che non è necessariamente legato a quello dell impresa capitalistica, ma il profitto è un indice, un fattore di efficienza della coop che permette alla cooperativa di stare sul mercato come le altre imprese. Per concludere due fattori decisivi: più comunicazione e più formazione della classe dirigente. Da questo punto di vista bisogna prestare attenzione alla naturalezza, con cui molto spesso è vissuta l attività all interno delle imprese cooperative. Che rappresenta - invece - proprio quel valore aggiunto che deve essere pubblicizzato in maniera più consapevole, più marcato verso l esterno. Dare come acquisiti i valori che caratterizzano l impresa cooperativa rappresenta un errore. Al contrario è fattore da gestire con molta attenzione, costruendo un linguaggio adatto e comunicandolo. Che permetta effettivamente alle cooperative di crescere sia nel mercato, sia nelle società all interno delle quali le imprese sono inserite. Grazie.

11 Mario Primo Salani Università La Sapienza di Roma La prima considerazione che suscita la ricerca è di ordine generale: averla affidata ad un team che, da quello che si legge, ha una conoscenza, come dire, dall esterno della cooperazione o, comunque si è messo in questa ottica, appare una scelta quantomeno interessante. Intanto è utilissima perché già dal linguaggio usato suggerisce e afferma un punto di vista meno curiale, indubbiamente più vicino a quello di un osservatore della quotidianità che non a quello specialistico Chi, come alcuni di noi, si occupa di cooperazione da un numero infinito di anni è portato ad usare un linguaggio che presuppone sia anche quello più generale e generalizzato. Questo consente dare per scontato che ci sia, per forza, una condivisione anche di contenuti, ma anche, spesso, una rinuncia (o un alibi?) a spiegare cose che si danno per note. Sentire gli stessi problemi proposti con un linguaggio leggermente diverso è, forse, un po straniante ma di grande fascino. Faccio un esempio, rinviando ad una delle tavole del rapporto. In una si propone la cooperazione all interno della contrapposizione: profitto e società. Nel mondo cooperativo questa dicotomia non ha molto senso: più che cercare di capire se è troppo stretta o troppo larga, mi verrebbe di dire che c entra? : vuole alludere ad un confronto tra azienda e socio? Oppure rinvia al conflitto fra efficienzaprofitto ed efficacia - valore sociale - obiettivi sociali? Comunque se un osservatore attento e di qualità sente il bisogno di leggere la cooperazione all interno di questo tipo di confronto, questo significa che la cooperazione, dà troppe cose per scontate oppure usa concetti non ben raccontati. Ha, comunque, un modo di raccontarsi che suscita nell ascoltatore queste due categorie e conseguentemente viene misurata nell implicito trade off tra questi estremi. Ma può esserci anche un altro pericolo rappresentato dal fatto che se vengono proposti ai cooperatori siano assunti come metafora originando decodifiche non omogenee che, a loro volta, possono indurre risposte non necessariamente coerenti (cioè, in altri termini, sommabili o confrontabili). Nel caso specifico, leggendo il rapporto nel suo insieme, si capisce (o almeno io ho così capito) che dentro quelle categorie è ricompreso quello che, nel mondo cooperativo, si è soliti dire ritorno al socio. In questo senso la ricerca mette in evidenza, correttamente, 11

12 sentire, i due termini sono sinonimi, ma per la cooperazione così non è. Se sì cita il profitto in alternativa a società, ne consegue che si costringe la cooperazione in una dicotomia per cui, se sì è nella prima categoria non si è diversi dall impresa for profit (profit, appunto), se sì è nella seconda si è qualche cosa (qualunque cosa) di diverso proprio da una impresa. La cooperativa invece è, in qualche modo, altra rispetto a questo continuum: persegue il profitto non come fine ma come mezzo, per operare sul mercato, e la sua socialità è nel perseguire e soddisfare i bisogni dei soci tra i quali non c è, appunto, il profitto. Questo per dire che l uso di un linguaggio e di categorie diverse diventa interessante non tanto per i risultati del suo impiego (la qualità delle risposte), ma perché, implicitamente, avverte di un deficit comunicazionale e segnala su quali aspetti occorre intervenire per meglio precisare, articolare, motivare. Sempre che, quello segnalato, sia solo un difetto comunicazione e non un appannamento identitario perché in questo caso non di inadeguatezza della comunicazione si tratterebbe, ma di deficit comportamentali (in altri termini di deficit etico). È così che è altrettanto ardito - ma coerente con la dicotomia profitto - società- segmentare il ceto dei cooperatori in: liberisti, liberisti cooperatori, cooperatori liberisti e cooperatori (in senso proprio?). Ma è una tassonomia che, proprio perché coerente con quella dicotomia, ha tutti i limiti di cui si è detto, resi ancor più evidenti dalla contrapposizione tra due termini, sotto certi punti di vista non contrapponibili, nella misura in cui la cooperazione ha scelto il mercato, in modo pieno anche se non nel modello autoregolato. Senza dimenticare che alle origini della cooperazione a promuoverla spesso capita di incontrare la borghesia liberale. Spero di aver chiarito perché questa ricerca suscita curiosità. Dirò più avanti, perché è, anche, per alcuni versi sorprendente. Intanto, senza ripercorrere i ri- l attualità di questo grande dibattito che è al centro dell attenzione nel mondo sultati che sono stati messi in luce e che suscitano in me considerazioni simili a cooperativo, proprio in questo inizio di millennio. Un attenzione che deriva dalla quelle che i redattori hanno già illustrato, preferisco dare un modesto contributo consapevolezza della necessità di un ritorno ai bisogni del socio e alla dimensione sociale, dopo una stagione, durata più di due decenni, che si era concentrata tab. 5. In questo caso non mi sento di condividere i risultati, e quindi anche l in- su quelli che mi appaiono più problematici, come i temi di cui si dà conto nella tutta sulla dimensione economica e competitiva. Socialità dunque come società terpretazione, di questa domanda che è relativa ai miglioramenti che dovrebbero ed economicità come profitto. Ma se così è, proprio l uso di questo linguaggio affrontare le cooperative. Ritengo infatti che la strutturazione della domanda della quotidianità è un segnale forte della necessità di meglio spiegare e argomentare alla gente, all opinione pubblica, la specificità cooperativa. chiave dicotomica le due risposte previste, che dicotomiche non sono (il ricam- possa aver fuorviato anche in modo significativo la risposta. Aver strutturato in Questa ricerca ci dice, dunque, che c è un deficit di argomentazione probabilmente proprio nel binomio economicità e profitto. Evidentemente, nel comune aver limitato a queste sole alternative le possibili ipotesi di intervento migliorabio della classe dirigente e il miglioramento della comunicazione), e, soprattutto, tivo, non consentono, a mio avviso, di dare significativo risalto a questo tema e soprattutto di ricavarne particolari suggestioni previsive. Sono, alla luce dalla mia esperienza, utili e necessari entrambi questi interventi; anzi ad essi si dovrebbero accompagnare anche altre azioni anch esse di significativo rilievo per le cooperative a cominciare dall innovazione e dalla finanza. Le preferenze tra gli indirizzi proposti possono essere assunti, al massimo, come indicatori di priorità all interno della coppia di interventi, avendo chiaro che non sono esaustivi e non sono, necessariamente, prioritari in una visione più generale. C è anche un altro problema che ricorre nella ricerca che merita una qualche indugio. Si tratta del tema che nel linguaggio cooperativo viene indicato come sistema. Nell indagine trova espressione nelle tabelle là dove si dice: preferenze verso le cooperative. Credo che valga la pena di sottolineare, subito, che questo orientamento, per la cooperazione, non è autorefenzialità, anzi, sotto certi punti di vista, è una qualità significativamente positiva, perché implica e presuppone che la comune condivisione dei valori di fondo costruisca un corredo di fiducia di particolare rilievo, non dissimile da quello più circoscritto e cauto che si registra in comunità di imprese di cui i distretti sono la più nota manifestazione. Questa fiducia, nel momento cooperativo, non è, dunque, solo un fatto di tipo organizzativo. È una delle condizioni che rendono possibile uno dei principi fondanti la cooperazione: quello di voler/dover essere sistema. Era chiaro ai padri fondatori, ed è chiaro oggi, che anche la grande impresa cooperativa (che comunque rappresenta meno del 20% di tutta l offerta cooperativa) non è, spesso, in grado di competere singolarmente con la grande impresa profit, e che, senza fare sistema, questo è ancora più difficile per la cooperazione più piccola o comunque minore. L indagine mette in luce che questo convincimento è largamente condiviso. Questo risultato è molto interessante perché da un po di tempo si registrava una

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli