UNITÀ SINDACALE. Falcri Silcea Viale Liegi 48/B ROMA Tel Fax

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ SINDACALE. Falcri Silcea Viale Liegi 48/B 00198 ROMA Tel. 068416336 - Fax 068416343 www.unisin.it"

Transcript

1 UNITÀ SINDACALE Falcri Silcea Viale Liegi 48/B ROMA Tel Fax RASSEGNA STAMPA UNISIN 11 MARZO 2014 A cura di Manlio Lo Presti RAS Banca Monte dei Paschi di Siena Esergo Il valore dell'uomo non sta nella verità che qualcuno possiede o presume di possedere, ma nella sincera fatica compiuta per ragiungerla. [...] Il possesso rende quieti, indolenti, superbi (Lessing) in: N. ORDINE, L'utilità dell'inutile, Bompiani, 2013, pag. 196 M.C. Escher, Relatività (1953)

2 ***************************************** 10 MOTIVI PER ABBANDONARE L AUSTERITY di Dario De Angelis Scritto da redazione il 12 maggio Pubblicato in Base, Dario De Angelis, Per capire MMT Premessa: le politiche di austerità consistono in un innalzamento delle tasse e in una diminuzione dei servizi offerti dallo Stato. Questa è la cura individuata dalla Troika (Commissione Europea, Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europea) per risolvere l attuale crisi economica. Le politiche di austerità devono essere abbandonate perché: 1. garantiscono l aumento della disoccupazione. La Troika perpetua un crimine contro l umanità poiché parliamo di esseri umani che perdono l autostima e vivono nell ansia; se hanno un lavoro sono costretti ad accettare paghe più basse, mobbing e condizioni disagevoli. In Italia la disoccupazione giovanile è al 38,4% e in Grecia al 64,2%. È inaccettabile! 2. trilioni di euro in termini di produzione e redditi persi per sempre. Beni e servizi che potrebbero essere realizzati per migliorare le nostre condizioni di vita non vengono offerti sul mercato 3. le politiche di austerità fanno chiudere negozi e aziende. Le vendite si basano sulla domanda, se vengono aumentate le tasse la domanda deve per forza diminuire. Questo ti costringe a cessare l attività. Sappi che i sacrifici che ci chiedono sono imposti esclusivamente per sadismo, non esiste possibilità alcuna che dalla crisi economica si esca aumentando le tasse 4. peggiorano le condizione delle infrastrutture di un Paese. Far quadrare i conti oggi, significa, diminuire la spesa per la manutenzione. Strade con asfalto rovinato, no internet veloce, meno binari, acquedotti colabrodo, ecc.ecc. La mancata comprensione dell attuale sistema monetario ci costringe a vivere al di sotto delle nostre possibilità 5. mantengono i servizi pubblici in una situazione di carenza istituzionalizzata; ciò instilla nella mente del consumatore poco informato che privato è meglio. Si favorisce la strategia del captive demand (domanda prigioniera) da parte di soggetti privati che hanno ampia disponibilità di denaro (vedi l assalto all acqua, alle ferrovie, alla telefonia, al trasporto pubblico, alle utilities, ecc.ecc.) 6. provocano la svendita delle aziende italiane che finiscono in mano straniera, non perché i prodotti che realizzano siano scadenti, ma per difficoltà finanziarie, legate all eccessiva tassazione unita alla mancata concessione del credito bancario. È una situazione indotta. Un governo con una strategia industriale nazionale seria non lo permetterebbe mai 7. rendono la tassazione ammazza aziende-ammazza occupazione quando invece lo scopo più alto dell imposizione fiscale sarebbe quello di incentivare o

3 disincentivare determinati settori/comportamenti (esempio: risolvere i fallimenti del mercato a favore dell ambiente) 8. le politiche di austerità si basano sullo studio di due accademici di Harvard, Carmen Reinhart e Ken Rogoff, studio rivelatosi contenente omissioni, dati falsi e errori grossolani. La Commissione Europea, ciò nonostante, continua a sostenere che alti livelli di debito pubblico danneggiano la crescita. È falso. La perdita di sovranità monetaria danneggia la crescita! 9. essa esiste affinché tu abbia paura, sia col fiatone, sempre, cosicché non ti puoi interessare in alcun modo alla vita democratica di un Paese. Devi sentirti alla frutta. Fu deciso che dovevamo soffrire, l austerità è il come 10. perché l austerità uccide, ci rende cattivi, arrabbiati, aggressivi. L austerità e l euro distruggono la pace sociale Dobbiamo fare una sola cosa: studiare per fermarli. Organizza una conferenza MeMMT nel tuo territorio. La rivoluzione culturale parte da te. Articolo liberamente tratto da qui. Rafforzare il modello sociale europeo per uscire dalla crisi Il modello sociale europeo continua ad essere sotto attacco nonostante abbia ampiamente dimostrato di rappresentare un ottimo antidoto contro la crisi economica. Un attacco che è stato particolarmente severo in quei paesi che presentano un alto debito pubblico. In Italia, nello specifico, si continuano a registrare tentativi di ridurre i sistemi di protezione sociale mentre non si scorgono ancora segnali netti di una ripresa sostenibile. E' proprio per discutere sullo stato di salute del modello sociale europeo e della sua efficacia nel contrastare gli effetti più negativi della crisi economica che l'ilo e la Commissione Europea hanno organizzato una conferenza dal titolo The European Social Model in times of Economic Crisis and Austerity Policies, conclusasi oggi, che ha contato sulla partecipazione delle parti sociali europee e di esponenti governativi dei paesi membri dell'unione. Secondo lo studio presentato a Bruxelles dal responsabile del programma INWORK dell'ilo, Daniel Vaughan-Whitehead, gli elementi caratterizzanti del modello sociale europeo, come la protezione sociale, i sistemi pensionistici, i servizi pubblici, i diritti dei lavoratori, la dignità dell'occupazione e il dialogo sociale, sono stati messi sistematicamente sotto attacco. Un vero paradosso, come sottolinea lo stesso autore, considerando che, fin dal Trattato di Roma del 1956, i paesi europei si erano trovati d'accordo nel formare un'unione basata proprio su questi principi comuni. Il rinnegamento dei principi fondanti dell'ue e la loro sostituzione con le formule di carattere neoliberista propugnate dalla Troika (Banca Centrale, Commissione Europea, FMI), potrebbe condurre dunque ad un incremento dell'iniquità, all'esclusione sociale, all'aumento della povertà e del conflitto sociale mentre sul versante economico una crescita squilibrata non potrebbe essere considerata come garanzia di un modello sostenibile. La formula dell'aumento della competitività attraverso la riduzione dei salari e delle tutele ai

4 lavoratori, si è rivelata, d'altra parte, sostanzialmente errata e controproducente mentre risulta evidente come la costante erosione dei pilastri che sostengono il modello sociale europeo sia destinata ad aggravare ulteriormente la situazione. Non è allora un caso che nei paesi di area scandinava, dove le politiche sociali sono state preservate e valorizzate, la crisi abbia avuto avuto un effetto meno devastante rispetto ai paesi dove si è preferito far uso dei dettami della Troika. In termini generali, sottolinea l'ilo, la protezione sociale è rimasta elevata nei primi anni della crisi preservando il potere d'acquisto dei cittadini e limitando l'incremento della povertà. I meccanismi del dialogo sociale avevano, nel frattempo, trovato soluzioni per preservare il tessuto produttivo e l'occupazione. E' a partire dal 2010 che, di fronte all'incremento del debito, molti governi hanno deciso di cambiare strategia passando dal sistema degli stimoli a quello dell'austerità che ha comportato un deterioramento complessivo dell'intero sistema di protezione sociale europeo. L'obiettivo pre-crisi della coesione sociale e regionale, sottolinea l'ilo, è passato oramai in secondo piano mettendo così a rischio la tenuta politica dell'unione. Particolarmente preoccupante la situazione in Italia, come sottolineato nell'ambito della conferenza da Annamaria Simonazzi, professore presso la facoltà di economia dell'università di Roma La Sapienza, che vede enormi rischi nel caso in cui il nostro paese non cambi direzione: L'economia italiana ha detto la Simonazzi - rischia il collasso se non ci sarà un'inversione di tendenza verso politiche job-friendly. Nello studio presentato alla conferenza, l'italia viene descritta come un paese caratterizzato da un debito altissimo che non ha fatto altro che aumentare durante gli anni della crisi. La risposta dei governi che si sono succeduti in questo periodo è stata inadeguata con tagli alla spesa pubblica e aumento delle tasse. Misure che hanno di fatto paralizzato il paese come dimostrano i bassissimi tassi di natalità risultato dell'insicurezza lavorativa delle giovani generazioni. L'Italia, sottolinea dunque Simonazzi, ha bisogno di crescere ma attraverso un modello che punti alla creazione di nuova occupazione e di equità distributiva: gli investimenti nelle infrastrutture potrebbero rappresentare una soluzione al problema anche se gli investimenti nel welfare non dovrebbero essere messi in secondo piano. Lavoro: il gorilla nel salotto di Davos Di Guy Ryder, Direttore Generale Organizzazione Internazionale del Lavoro Nei giorni scorsi, ho avuto l opportunità di parlare con alcuni dei leader presenti a Davos per l annuale Forum Economico Mondiale. Alcuni hanno espresso ottimismo sulla ripresa economica globale, benché in maniera cauta, ma molti altri erano estremamente preoccupati per le crescenti disuguaglianze, per la disoccupazione in aumento e per le sconfortanti prospettive per i giovani. A ben vedere ce ne sono di motivi per preoccuparsi. Quando parliamo di uscita dalla crisi, non dimentichiamoci quelli ancora esclusi dalla ripresa, teniamo a mente che per oltre 200 milioni di persone la crisi sarà veramente finita quando avranno un impiego. E vero, abbiamo iniziato a vedere profitti in molti settori, e questa è ovviamente una buona notizia per il settore privato e dovrebbe esserlo anche per l economia. Ma in molti casi, questi profitti vanno a finire nei mercati finanziari anziché essere investiti nell economia reale e nella creazione di posti di lavoro dignitoso.

5 In poche parole, la prospettiva rimane veramente cupa per le persone in cerca di un lavoro: la disoccupazione è in aumento, in particolare tra i giovani, non vengono creati posti di lavoro sufficienti per rispondere alla domanda di una popolazione mondiale in crescita, mentre i miglioramenti sul fronte povertà da lavoro rallentano. Quando lasceranno la Svizzera, i leader che hanno partecipato al Forum devono concentrarsi su quelli che a Davos non c erano, le persone in cerca di un lavoro, i lavoratori che rivendicano salari dignitosi e i datori di lavoro che chiedono un contesto che risponda ai loro bisogni, come l accesso al credito. Benché per molti AD con cui ho parlato a Davos la crisi sia ormai alle nostre spalle, molti di loro pensano che resti ancora una importante battaglia da combattere: la disoccupazione giovanile. Hanno proposto le loro aziende per contribuire al contrasto alla disoccupazione giovanile, e questo è molto incoraggiante. Il prezzo da pagare per l inerzia sarebbe molto più alto. Milioni di persone si aggiungeranno alle fila dei disoccupati, e questo potrà solo far crescere la frustrazione e la rabbia. Se a questo aggiungiamo il fatto che i salari stagnano e le disuguaglianze crescono, ci troviamo di fronte ad una situazione potenzialmente esplosiva. A dire il vero questa non è una novità. Sono anni che l ILO denuncia che l aumento della disoccupazione e delle disparità di reddito minacciano di ribaltare i vantaggi ottenuti dalla globalizzazione. E per il terzo anno di fila, l indagine presentata al Forum Economico Mondiale colloca la disparità di reddito come primo fattore di rischio per l economia globale. I governi devono fare di più per accelerare la creazione di posti di lavoro, per sostenere le imprese che creano occupazione e per porre fine a questa incertezza che frena gli imprenditori dall investire in nuovi posti di lavoro. Allo stesso tempo, dobbiamo rivedere la questione salariale, e questo può avvenire attraverso l introduzione di un minimo salariale e la contrattazione collettiva. Ciò implica anche che le aziende dirigano parte dei loro profitti verso investimenti produttivi anziché verso il riacquisto dei propri debiti. Quando ero qui lo scorso anno, si è parlato molto della necessità di consolidare la ripresa economica. Sembra che su questo fronte ci siano stati progressi. Ma sulla battaglia contro la disoccupazione e la disuguaglianza, siamo ancora parecchio in ritardo. La questione del lavoro è come un gorilla nel salotto di Davos. Non si può ignorare, e per quanto siamo tentati di aggirarlo in punta di piedi, l unica possibilità è attaccarlo frontalmente. In caso contrario, non potrà semplicemente scomparire. Link Guarda l'intervista di Guy Ryder sulla CNBC

6 TAVOLA ROTONDA DI ALTO LIVELLO SUL LAVORO DIGNITOSO NEGLI STATI FRAGILI «Se vuoi la pace, coltiva la giustizia». È questo il tema di discussione della tavola rotonda di alto livello che si terrà all ILO di Ginevra il 20 marzo, il giorno stesso in cui il Consiglio di Amministrazione discuterà i programmi di cooperazione tecnica negli Stati fragili. Nel mondo, si stimano in 1,5 miliardi le persone che vivono oggi in paesi colpiti dalla fragilità. La fragilità degli Stati è un fenomeno complesso, dove sono diverse le cause che impediscono la realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. Negli Stati fragili, molti dei quali sono paesi meno sviluppati, le istituzioni sociali non riescono ad assorbire gli shock interni o esterni, o ad adattarsi a shock quali tassi di disoccupazione giovanile elevati, migrazione e rapida urbanizzazione, mutamenti climatici devastanti, e aumento della povertà e delle disuguaglianze. La fragilità è al centro delle agende internazionali umanitarie, di sviluppo e della sicurezza, e diventa sempre più una priorità nelle discussioni sul post Insieme al gruppo degli Stati che si sono autodefiniti fragili il «G7+», gli autorevoli rappresentanti che parteciperanno alla tavola rotonda di alto livello sull Agenda di Sviluppo post-2015 chiedono una riforma del modo in cui la comunità internazionale si impegna in questi paesi. Per loro, la chiave sta nello stabilire i presupposti economici atti a generare occupazione e a migliorare i mezzi di sussistenza, come parte di un più ampio modello di costruzione della pace e di consolidamento dello Stato. Sin dalla fondazione nel 1919, l ILO è in prima fila nel facilitare la costruzione della pace e la ripresa attraverso programmi e politiche socio-economiche mirate. La mancanza di opportunità di lavoro e di mezzi di sussistenza, la disoccupazione, specie quella giovanile, le disuguaglianze e la mancanza di partecipazione possono agire da catalizzatori per i conflitti. I conflitti, i disastri naturali e la fragilità aggravano la povertà, la disoccupazione e l informalità, e danno inizio ad un circolo vizioso che porta ad un ulteriore aumento della fragilità. L Agenda del Lavoro Dignitoso la creazione di posti di lavoro e di mezzi di sussistenza, la garanzia di livelli di base di sicurezza sociale, la promozione del dialogo sociale e l applicazione dei diritti fondamentali può essere fondamentale per rompere questo circolo. Dal 2004 al 2013, l ILO ha realizzato 159 progetti di cooperazione tecnica in 18 Stati fragili, insieme ai governi, alle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori, e perlopiù con la collaborazione di altre agenzie delle Nazioni Unite. Oggi, Haiti, la Somalia e Timor-Est sono fra i

7 dieci paesi nei quali l ILO ha realizzato i maggiori investimenti in progetti di cooperazione tecnica, finanziati grazie ai contributi volontari di altri Stati membri dell ILO. L evento del 20 marzo 2014, organizzato insieme al G7+ e ai rappresentanti permanenti della Nuova Zelanda e di Timor-Est presso le Nazioni Unite a Ginevra, verrà inaugurato dal Direttore Generale dell ILO, Guy Ryder. Fra i partecipanti: S.E. la Sig.ra Emilia Pires, Ministro delle Finanze di Timor-Est e Presidente del G7+, insieme a rappresentanti dei gruppi dei lavoratori e dei datori di lavoro del Consiglio di Amministrazione dell ILO. È stato invitato anche un rappresentante di alto livello del Governo della Somalia. TENDENZE GLOBALI DELL OCCUPAZIONE 2014 La debole ripresa economica non si estende all occupazione Comunicato stampa 21 gennaio 2014 GINEVRA (ILO News) La debole ripresa economica non ha portato ad un miglioramento sui mercati del lavoro mondiali: nel 2013 il numero globale dei disoccupati ha raggiunto quasi i 202 milioni, afferma l ILO nel suo nuovo rapporto. Secondo il Rapporto sulle Tendenze globali dell occupazione 2014 (Global Employment Trends 2014), la crescita dell occupazione rimane debole, la disoccupazione continua a crescere, in particolare quella giovanile, e sono molti i lavoratori scoraggiati che restano ancora al di fuori del mercato del lavoro. Molti i settori in cui si iniziano a vedere profitti, che però si riversano principalmente nei mercati finanziari e non nell economia reale, pregiudicando in questo modo le prospettive occupazionali di lungo termine. Ai ritmi attuali, da qui al 2018 saranno creati 200 milioni di posti di lavoro supplementari. Questo dato è inferiore al livello necessario per assorbire il numero crescente di nuovi ingressi nel mercato del lavoro. «Quello di cui abbiamo bisogno è un ripensamento delle politiche. Sono necessari maggiori sforzi per accelerare la creazione di posti di lavoro e sostenere le imprese che creano occupazione», ha affermato il Direttore Generale dell ILO, Guy Ryder. Italia: il buco con il decreto Imu Bankitalia intorno

8 Non ci voleva poi molto ma prima o poi loro arrivano sempre puntuali all obiettivo non te ne fanno passare una, mentre le banche francesi e tedesche fanno quello che vogliono Non che ci dispiaccia ci mancherebbe abbiamo passato un intera settimana a cercare di condividere l ennesimo tentativo di cancellare la realtà ai danni degli italiani, dei contribuenti con il DECRETO IMU BANKITALIA: LEGGENDE METROPOLITANE e ancora con DECRETO IMU BANKITALIA E L ORO D ITALIA. Decreto Bankitalia, dopo la Commissione Ue anche l Esma chiede chiarimenti Dopo la Commissione europea, anche l Esma (European securities and markets authority), ovvero l organismo che riunisce i regolatori di mercato dei 27 Paesi Ue, accende un faro sulla rivalutazione miliardaria delle quote della Banca d Italia detenute dalle principali banche italiane, approvata con un decreto dalla Camera alla fine di gennaio. A quanto apprende l agenzia di stampa Adnkronos, l interpretazione dell Autorità avrebbe già spinto la Consob a sollevare il problema con Bankitalia e Tesoro.L indicazione, non ancora ufficiale, che potrebbe arrivare alle banche, a pochi giorni dalla pubblicazione dei risultati, sarebbe quella di non far transitare la plusvalenza che deriva dalla rivalutazione della quota nel conto economico. Le conseguenze sarebbero consistenti sia per la chiusura dei bilanci 2013, a partire da quelli di Intesa Sanpaolo e Unicredit che hanno le partecipazioni maggiori, sia per il gettito fiscale che deriva dalla rivalutazione delle quote detenute anche da tutte le altre banche in Bankitalia. Il Banco Popolare, peraltro, ha già approvato i conti 2013 e iscritto in bilancio la plusvalenza post rivalutazione. Il decreto Imu-Bankitalia era già diventato un caso europeo alla fine di febbraio, quando il Commissario Ue per la concorrenza aveva inviato al ministero dell Economia una lettera con una richiesta di chiarimento, per capire se dietro la rivalutazione miliardaria del capitale sociale della Banca centrale il relativo decreto aveva scatenato la bagarre in Parlamento per la quale sono stati puniti in sede disciplinare 24 deputati, tra i quali 22 del M5S si nascondesse un aiuto di Stato mascherato perché fortemente limitato dalle norme dell Unione europea. Bene occupiamoci ora dei dati del mercato americano usciti venerdi, senza tante parole lasciando parlare i grafici. Quale poteva essere il settore dal quale far uscire l ennesima sorpresa da un sistema di rilevazione obsoleto come quello del BLS se non quello del terziario, dei servizi, si quello privato che nelle continue anticipazioni, dalll ADP all ISM dei servizi, passando per altri sistemi di rilevazione privati e non pubblici annunciava una mese di febbraio disastroso Ecco la magia del BLS Ovviamente in mezzo ad un mare di neve e gelo settore edile continua a creare occupazione mese dopo mese, per il resto fermiaco qui visto che nessuno ha la decenza di chiedersi come mai abbiamo assistito al più alto crollo percentuale dell indice ISM no manifacturing dai tempi del fallimento della Lehman Brothers e all improvviso escono meraviglie. Ovviamente analisti pagati migliaia di dollari al giorno hanno previsto tutto, il loro consenso era Bank of America Deutsche Bank Goldman Sachs e Citigroup Risultato finale complimenti vivissimi. Mai fare domande inutili nella finanza, l interpretazione dei dati deve avvenire a seconda della convenienza. Le ore medie settimanali sono scese a 33,3 ore nel mese di febbraio, continuando un declino invernale costante dalle 33,7 del mese di novembre. La settimana lavorativa tra il personale delle vendite retail è sceso a 29,6 ore il il livello minimo dal Si ma sai c era la neve e il ghiaccio Balle questa qui sopra è la tendenza media, una tendenza media da fine ciclo economico!come quest altra evidente sin fino al midollo dei consumi, tra una revisione e l altra!per tutti che hanno liberamente sostenuto il nostro viaggio o vorranno semplicemente farlo è in arrivo l ultima analisi dal titolo Machiavelli un uomo tutto d oro.

9 Crisi, la spesa alimentare crolla ai livelli degli anni '80 10 marzo 2014 La crisi cambia la spesa alimentare pro capite degli italiani che torna indietro di 30 anni, attestandosi ai livelli minimi del 1981, e gli effetti riguardano anche la composizione della spesa. Da un'analisi della Coldiretti su dati Ismea (Istituto dei servizi per il mercato agricoo e alimentare) relativi al primi undici mesi del 2013 emerge un taglio netto da parte delle famiglie italiane: dal pesce fresco (-20%) alla pasta (-9%), dal latte (-8%) all'olio di oliva extravergine (-6%), dall'ortofrutta (-3 per cento) alla carne (-2%), dalle merendine (-3%) ai gelati (-7%), mentre aumentano solo le uova (+2%). Si privilegia l'acquisto di materie prime di base come miele (+12%), farina (+7%), uova (+5%) ma anche dei preparati per dolci (+6%), nella direzione di un ritorno al fai-da-te in cucina. Il valore della spesa alimentare per abitante era stato tendenzialmente in crescita fin dal dopoguerra e il picco massimo è stato raggiunto nel 2006, per poi crollare progressivamente ogni anno fino ad oggi. Istat: 8,5 milioni di lavoratori aspettano il rinnovo del contratto 26 febbraio 2014 Circa 8,5 milioni di dipendenti a gennaio erano in attesa di rinnovo del proprio contratto. Si tratta del 66,2% del totale dei lavoratori in Italia e significa che due dipendenti su tre stanno aspettando. E' la quota più alta dal gennaio del 2008, secondo l'istat, con 51 tipologie di contratto che ancora devono essere rinnovati. Solo il pubblico impiego pesa per 2,9 milioni di lavoratori e 15 contratti. A fine gennaio, a fronte del recepimento di un accordo (gomma e materie plastiche), ne sono scaduti ben cinque (agricoltura operai, servizio smaltimento rifiuti privati, servizio smaltimento rifiuti municipalizzati, commercio e Rai). Ma, come riporta l'istat, ciò che ha fatto balzare il numero dei dipendenti in attesa si rinnovo è il contratto del commercio, che include ad esempio i commessi e tocca circa due milioni di dipendenti. A febbraio, intanto, sono stati ratificati accordi che toccano 4 dei 51 contratti scaduti, per un totale di circa 500mila dipendenti (tessili, pelli e cuoio, gas e acqua e turismo-strutture ricettive). Intervento Cdp: prima dite il vero buco della pubblica amministrazione

10 07 marzo 2014 Lorenzo Dilena Contabilità Il consiglio dei ministri dovrebbe discutere oggi del provvedimento con cui la Cassa depositi e prestiti interverrà a sbloccare i debiti commerciali della pubblica amministrazione. Ma c'è un problema, nessuno sa quantificare con esattezza quanto sia il debito da pagare. E lunedì scade il termine dato dalla Ue per pagare i debiti Manca una settimana allo scadere dei 15 giorni indicati da Matteo Renzi per sbloccare i debiti commerciali della Pubblica amministrazione verso le imprese, che il neo premier ha stimato in 60 miliardi di euro. Il tema, comunque, non sembra rientrare fra i «provvedimenti molto importanti» (jobs act, piano casa e scuola) che da Siracusa il presidente del Consiglio ha detto di voler annunciare in una «corposa conferenza stampa» mercoledì prossimo. Secondo fonti vicine al Tesoro, comunque, le soluzioni elaborate dai tecnici di via XX Settembre sarebbero quasi pronte: spetterà a Palazzo Chigi calendarizzare i lavori al Consiglio dei ministri. Tuttavia, dagli ambienti governativi non emerge con chiarezza se, già alla riunione del governo di oggi, si parlerà di questo argomento. Ma il tempo scorre e il 10 marzo scade il termine che la Commissione europea ha dato al governo italiano per spiegare il ritardo dei pagamenti verso i fornitori. Pena l apertura di una procedura di infrazione. Secondo le norme comunitarie, recepite in Italia dal 2013, le forniture commerciali vanno saldate entro 30 giorni (60 giorni in alcuni casi). Oltre questi termini scattano gli interessi di mora. Nell indagine 2012 di European Payment Index, in Italia il ritardo medio rispetto agli accordi contrattuali è di 90 giorni, mentre secondo stime Istat il tempo medio di pagamento è di 190 giorni. La soluzione a cui stanno lavorando i tecnici del ministero dell Economia è una correzione di alcuni punti del decreto legge 76/2013, che ha recepito in buona parte la proposta del presidente della Cassa depositi e prestiti, Franco Bassanini, e dell economista Marcello Messori. L articolo 11 del decreto stabilisce che i debiti di parte corrente della Pa, diversi da quelli dello Stato e certificati (tramite la piattaforma telematica di certificazione dei crediti) «sono assistiti da una garanzia dello Stato». In questo modo, le imprese potrebbero smobilizzare il credito presso le banche, che rimarrebbero creditori degli enti. Ma a rendere sostanzialmente inefficace la procedura sono stati due elementi. In primo luogo, il decreto stabilisce un tetto del 2% al tasso applicabile dalle banche alle anticipazioni delle fatture, il che avrebbe scoraggiato molti istituti. Poi, il fatto che la garanzia statale era legata all istituzione di un fondo per la copertura degli oneri, da disciplinare un decreto attuativo del Tesoro mai emanato. L idea originaria di Messori e Bassanini, che potrebbe ora essere recuperata da Renzi, era tuttavia quella di consentire agli istituti di credito di cedere il credito degli enti eventualmente inadempienti alla Cdp, che a sua volta potrebbe, da un alto, proporre agli enti stessi una ristrutturazione del debito su un arco temporale più lungo e, dall altro, cartolarizzare i crediti così ristrutturati presso la Bce, ottenendo nuova liquidità.

11 Lo scoglio principale al funzionamento di tutto il meccanismo rimane comunque l'individuazione dell'esatto ammontare di debito scaduto, che tuttora nessuno è in grado di quantificare con precisione. Sulla base di indagini campionarie condotte dalla Banca d Italia sulle imprese con almeno 20 addetti, a fine 2012 l indebitamento commerciale complessivo delle Amministrazioni pubbliche è stato stimato di poco superiore a 90 miliardi, sostanzialmente stabile rispetto all anno precedente. Tuttavia, il fenomeno potrebbe essere di dimensioni più ridotte di quanto si sia pensato finora. Innanzitutto perché, grazie alle risorse stanziate dal governo Monti (40 miliardi) e poi incrementate dall esecutivo Letta (altri 7,2 miliardi), al 26 febbraio scorso erano stati già saldati 22,8 miliardi di debiti, pari a circa il 90% dello stanziamento per il Un divario dovuto al fatto che gli enti pubbilci non hanno completato ancora l iter per ottenere quanto richiesto. Nelle scorse settimane, inoltre, la Ragioneria generale dello Stato ha completato le procedure per l utilizzo dello stanziamento 2014: altri 20 miliardi. E mentre si va ultimando la ricognizione delle risorse necessario per chiudere lo stock di debiti a fine dicembre 2012, al Tesoro sono convinti che «i 47 miliardi stanziati consentano di chiudere gran parte delle posizioni debitorie delle pubbliche amministrazioni centrali e locali a tale data». Il debito commerciale della Pa (che non è contabilizzato nel debito pubblico ai fini del Patto di stabilità europeo) dovrebbe viaggiare intorno a 50 miliardi, salvo una coda che potrebbe essere aggiunta nel corso del Come si spiega allora il forte divario rispetto alle stime della Banca d Italia che indicano uno stock, sempre a fine 2012, di 90 miliardi? Innanzitutto il dato di Via Nazionale è una soluzione di ripiego in termini di precisione e universalità dei dati rispetto alla raccolta diretta delle informazioni sulle passività commerciali di ciascun ente pubblico. È possibile che, nel rispondere all indagine campionaria, le imprese abbiano indicato tutti i crediti verso ciò che viene comunemente percepito come statale, includendo per esempio società partecipate che non rientrano tecnicamente nel perimetro della Pubblica amministrazione, anche se il problema resta comunque. O ancora potrebbero avere indicato l ammontare complessivo di una gara, anche se ancora, in base allo stato di avanzamento dei lavori, non hanno ancora fatturato né maturato il credito. Inoltre, c è un tema di debiti fuori bilancio, che gli enti locali non hanno ancora comunicato al Tesoro. Un problema a cui si darà una risposta definitiva quando andrà a regime la riforma della contabilità che impone la chiara identificazione di crediti e debiti e la fatturazione elettronica (dal 2015) e si completerà il passaggio alla contabilità in forma economicopatrimoniale (2016). Al netto di tutte questa considerazioni, comunque, alla Ragioneria generale dello Stato restano propensi a ritenere che lo stock di debiti commerciali non saldati a fine 2012 sia più vicino alle risorse già stanziate che alle stime più cupe. A questo punto, perciò, non resta che aspettare. La data del 10 marzo incombe. E Renzi non potrà tardare troppo se non vuole perdere la faccia verso gli imprenditori a cui ha promesso che

12 avrebbe risolto tutto in 15 giorni e verso la Commissione europea che sul termine del 10 marzo non ha voluto concedere deroghe. Burocrazia impazzita Passaggi parlamentari lunghissimi, decreti attuativi che non arrivano, giravolte dei ministeri e gli stipendi più alti tra i paesi avanzati. Viaggio nella selva burocratica italiana. Mercoledì è stata cancellata la tassa sui bonifici dall estero, che dal 1 febbraio prevedeva un prelievo automatico del 20 per cento su qualsiasi bonifico proveniente da un paese straniero, a meno che il beneficiario non autocertificasse la natura di reddito della somma in questione. Gli acconti eventualmente già trattenuti dalle banche sulla base della norma ha specificato il Ministero dell economia in una nota saranno rimessi a disposizione degli interessati dagli stessi intermediari. Sono insomma bastati 18 giorni di applicazione per convincere il ministro Saccomanni a fare un passo indietro, tanti quanto erano bastati alla Commissione Europea per aprire una procedura d'indagine volta a valutare che il provvedimento non cozzasse con i principi di base della non discriminazione e del libero movimento delle merci e dei capitali all interno dell Unione Europea. Una situazione che aveva causato forte imbarazzo in Corso XX Settembre. Anche perché i capitali rientrati in Italia con il famigerato scudo fiscale avevano goduto di un regime di tassazione molto più basso, pari al 5 per cento. Stranamente, nessuno si è accorto di questa piccola asimmetria di trattamento prima che la norma entrasse in vigore. Essa è infatti contenuta nell articolo 9 della legge europea 2013, presentata per la prima volta al parlamento dal ministro per gli affari europei, Enzo Moavero, il 2 maggio La proposta di legge è stata poi assegnata alla XIV commissione permanente (Politiche dell'unione europea) in sede referente il 22 maggio 2013 con pareri delle commissioni I (Affari costituzionali), II (Giustizia), III (Affari esteri), IV (Difesa), V (Bilancio), VI (Finanze), VII (Pubblica istruzione), VIII (Lavori pubblici), IX (Agricoltura), X Industria), XI (Lavoro), XII (Sanità), XIII (Ambiente). E stata poi esaminata dalla 14ª commissione permanente (Politiche dell'unione europea) in sede referente, il 28 maggio 2013, 5, 6, 12, 19, 20, 26, 27 giugno Alla Camera dei deputati, invece, il disegno di legge è stato assegnato alla XIV commissione permanente (Politiche dell'unione europea), in sede referente, il 10 luglio 2013 con pareri delle commissioni I (Affari costituzionali), II (Giustizia), III (Affari esteri), IV (Difesa), V (Bilancio), VI (Finanze), VII (Cultura), VIII (Ambiente), IX (Trasporti), X (Attività produttive), XI (Lavoro), XII (Affari sociali), XIII (Agricoltura) ed esaminato dalla XIV commissione permanente (Politiche dell'unione europea), in sede referente, l'11, 16, 17, 24, 30 luglio Esaminato in aula del Senato il 27 giugno, il 3 e il 4 luglio 2013 e alla camera il 30 luglio 2013, il disegno di legge è stato sottoposto a una lunga discussione in aula proprio

13 nei giorni in cui esplodeva il caso Shalabayeva - quello in cui le forze dell'ordine e alcuni funzionari del ministero degli Interni (all'insaputa del ministro Alfano) arrestavano e rimpatriavano la moglie di un dissidente kazako, rifugiatasi in Italia. Per primo, al Senato, è intervenuto Giovanardi (Pdl): Ho appena finito di derattizzare il terrazzo di casa mia, come succede a tanti (perché sapete che i topi, purtroppo, portano malattie, provocano incendi e presentano tutta una serie di patologie), e noi scriviamo, all'articolo 12, che è proibita la ricerca sulle sostanze d'abuso condotta sui ratti. In Italia, quindi, non si potrebbe più fare ricerca riguardo la cocaina, l'eroina e le modalità attraverso le quali si progredisce per tentare di salvaguardare la vita dei tossicodipendenti. Non si potrebbero più effettuare test sui ratti, ma soltanto sugli esseri umani.. A seguire Fattori (M5S): I precedenti Governi hanno solo approvato autodecapitazioni, come il MES e il fiscal compact, e hanno sostenuto con forza una moneta unica che non è solo una moneta, ma un metodo di governo che a noi non fa tutto questo bene e a causa della loro latitanza (perché siete stati tutti latitanti nelle normative europee) non hanno prodotto altro che un accumulo di procedure di infrazione (ad oggi più di cento), multe e direttive da dover passivamente recepire. Ogni singolo articolo dei disegni di legge nn. 587 e 588 corrisponde ad una direttiva e tutte dovevano essere recepite, modificate o proposte entro lo scorso mese di gennaio. Tutte in due atti parlamentari: così, se si boccia il recepimento si bloccano tutte, con cifre astronomiche da pagare, cifre che il nostro Paese non può permettersi: questo è il solito ricatto sociale per far passare le cose in fretta. E poi Ginetti (Pd): Quell'Europa nata dai Trattati di Roma, con la scelta d'integrazione funzionalista, anche se progredita a tappe incerte, ci ha consegnato un patrimonio acquisito irreversibile, dall'elezione diretta del Parlamento europeo all'unione doganale, dal mercato unico alla libera circolazione di beni e servizi, all'accordo di Schengen per il controllo delle frontiere esterne, alla cittadinanza europea e all'unità monetaria; e, sul versante istituzionale, dalla struttura a pilastri del Trattato di Maastricht al Trattato di Lisbona, che oggi, modificando il funzionamento delle istituzioni di un'unione allargata a 28 Paesi membri, rende i meccanismi decisionali più efficaci con l'estensione della codecisione, più democratici e trasparenti, perché più vicini ai Parlamenti nazionali. Nel mezzo della (del tutto pertinente) discussione, un saluto al Senato di una delegazione proveniente dalla Malesia. E nel frattempo il provvedimento diventava legge, e la ritenuta del 20 per cento su tutti coloro che, dall estero, si sarebbero trovati a inviare denaro in Italia, diventava realtà. Il provvedimento è stato infatti approvato in via definitiva dal Senato l 8 luglio 2013 e dalla Camera il 31 luglio 2013, per diventare ufficialmente legge il 6 agosto ed entrare in vigore il 4 settembre Trattandosi di una materia di legge, la ritenuta del 20 per cento non è stata di fatto cancellata ma solamente sospesa fino al 1 luglio Con l atto di sospensione, il ministero ha predisposto per le valutazioni del prossimo Governo una norma di abrogazione della ritenuta di cui sopra, ai fini di semplificazione". La decisione è stata giustificata dal ministero con un richiamo alla evoluzione del contesto internazionale in materia di contrasto all'evasione fiscale internazionale, che dovrebbe vedere un nuovo regime di scambio di informazioni approvato dal meeting G20, che inizia domani a Sidney. In realtà, ben più che al nuovo accordo internazionale (che non sarà immediatamente

14 operative), è probabile che la giravolta sia stata dovuta alle numerose critiche ricevute. D altro canto, il Ministero dell Economia è ormai esperto in salvataggi in calcio d'angolo. Solo venerdì scorso un ritardo nella presentazione di documentazione in sede europea ha fatto perdere all'italia tra i 5 e gli 8 miliardi di euro. I documenti, riguardanti la spending review e il piano di privatizzazioni messi in moto dal governo Letta, avrebbero infatti potuto permettere alla Commissione europea di rivedere al ribasso le stime sul deficit italiano e quindi attivare la clausola per gli investimenti - che avrebbe permesso all'italia di avere più flessibilità di bilancio senza incorrere in sanzioni europee. Sul punto l'italia stava già godendo di una proroga, a seguito di un duro scambio di battute tra l'ex premier Enrico Letta e Olli Rehn, commissario economici agli affari economici, sull'efficacia della legge di stabilità. "La clausola per gli investimenti non ci serviva", ha dichiarato il ministero del Tesoro per giustificare il mancato invio dei documenti, dopo una lunga giornata di no comment. Una giustificazione altamente discutibile nella fase recessiva in cui l'italia tuttora si trova. Secondo il ministero, "Il Governo sta preparando il materiale analitico necessario ad assumere decisioni eventualmente da comunicare alla Commissione. La Legge di stabilità per il 2014 ha peraltro già programmato investimenti ritenuti indispensabili per la crescita dell'economia nazionale senza dover ricorrere alla ricordata clausola''. Peccato che la Corte dei Conti abbia calcolato che la legge di stabilità creerà un buco di bilancio da 13,7 miliardi tra il 2017 e il I magistrati contabili, infatti, sulla base delle stime di tre agenzie indipendenti, hanno criticato duramente l'impostazione della recente manovra finanziaria definendola "fragile" e "inefficace", nonché viziata da previsioni eccessivamente ottimistiche dell'andamento dell'economia italiana nei prossimi anni. Anche in questo caso, il Tesoro si è difeso su tutta la linea: "L impianto complessivo della legge garantisce la tenuta dei conti pubblici anche negli anni a venire". Ci sarebbe da sorridere se il balletto di affermazioni e smentite, atti e misfatti non si portasse addosso una metafora del paese e del suo futuro. Come nel caso dell'imu che viene cancellata,ma diventa Tares, o del governo che ha come priorità abbassare le tasse ma finisce per aumentare la pressione fiscale. Come il numero impressionante di decreti legge che, una volta emessi, decadono perché non convertiti in legge entro i termini fissati, o come le leggi che rimangono lettera morta in attesa dei decreti attuativi. Dei 435 provvedimenti del governo Letta, al 31 dicembre 2013 solo 48 erano stati attuati. I restanti 387 erano ancora in attesa di attuazione, una parte di essi (per la precisione 67) scaduti prima di aver avuto effetti concreti. Un numero che sale a 478 provvedimenti ancora in sospeso in Parlamento, eredità dei governi Letta e Monti. Si tratta di una percentuale di realizzazione molto bassa, che dimostra come il potere decisionale in Italia sia tutt'altro che nelle mani dei politici. Il ceto burocratico italiano, d'altro canto, è quello meglio retribuito tra i paesi avanzati: un dirigente pubblico di alto livello guadagna ogni anno circa 650mila dollari calcolati a parità di potere d'acquisto. Si tratta di 3 volte la media Ocse per i dirigenti con analoghe posizioni. Una sproporzione difficilmente giustificabile, viste le inefficienze appena documentate. Questo in attesa della piena introduzione del tetto agli stipendi, recentemente stabilito a circa 300mila euro annuali - comunque una cifra ben più alta del resto dei paesi avanzati.

15 Senza contare che il tetto di 300mila euro non vale per le società che "emettono strumenti finanziari quotati nei mercati regolamentati." Poste italiane, Cassa depositi e prestiti, Ferrovie dello stato, e altre delle società partecipate dallo stato che nel corso del 2014 dovranno rinnovare i propri incarichi dirigenziali. Queste nomine vengono spesso fatte secondo logiche opache. Pagina99 ha di recente lanciato un appello affinché il governo Renzi imponga criteri trasparenti per la scelta dei futuri manager di queste società, affidandosi alla logica del cabinet office inglese, dove tutti gli interessati, uomini e donne (rispettando la novità delle quote di genere), possano inviare il loro curriculum per partecipare alla selezione. Questo per le partecipate, mentre nella pubblica amministrazione un impegno da prendere potrebbe essere quello di portare al livello dei paesi Ocse la quota di performance budgeting practices, cioè l'introduzione di procedure per valutare il rapporto tra spese e risultati. Oggi in Italia è al 27 per cento, contro il 38 per cento dei paesi Ocse o il 46 per cento ella Svezia. Sono cose che si possono fare a costi limitati e con risultati potenzialmente rilevanti. Un modo per dimostrarsi rottamatori di sistema e non solamente di persone. Sempre che la palude non si riveli, alla fine, una vocazione. Guido Caldiron 10 marzo 2014 LA GERMANIA SI SCOPRE PAESE D EVASORI FISCALI Il presidente del Bayern di Monaco ammette di aver sottratto 18 milioni d'euro al fisco. La punta di un iceberg da 30 miliardi, e il governo prova a correre ai ripari L ultima notizia riguarda diciotto milioni di euro di evasione fiscale. Sarà pur vero che in base ai risultati che riescono ad ottenere, l economia e la politica tedesche possono continuare a guardarci con sufficienza, se non con aperto sospetto. Eppure, di tanto in tanto, qualche magagna emerge anche a Berlino. E talvolta si tratta anche di cose grosse, come nel caso dei 18 milioni che Uli Hoeness, presidente del Bayern di Monaco, ha ammesso oggi in tribunale di aver sottratto al fisco tedesco, trasferendo fondi su dei conti in Svizzera. È quella che la stampa locale ha ribattezzato come «la grande coalizione degli evasori fiscali», un po per definire la geografia politica eterogenea delle figure coinvolte, un po per richiamare l attenzione sul fatto che proprio nella rigorosa e morigerata Germania il non pagare le tasse rischia di diventare materia di scontro in vista delle elezioni europee. Tutto parte dalle rivelazioni emerse nelle scorse settimane quanto all inaffidabilità delle denuncie dei redditi presentate da alcuni personaggi molto noti. Ce n è un po per tutti i gusti. Si va da Hoeness che oltre a guidare il club campione d Europa è anche il re dell industria delle salsicce ad Alice Schwarzer, icona del femminismo nazionale, già amica e confidente di Simone de

16 Beauvoir, per finire con Theo Sommer, decano del giornalismo, per molti anni direttore del popolare settimanale Die Zeit. Nel nuovo anno tutti e tre hanno fatto parlare di sé per non aver pagato per anni le tasse o per aver scelto la via delle banche svizzere. Con maggior stupore, e decisamente più inquietudine, i cittadini tedeschi hanno anche appreso delle malefatte fiscali di alcuni politici di primo piano. Da un lato, il socialdemocratico André Schmitz, assessore alla cultura di Berlino, e considerato molto vicino allo stesso sindaco della capitale Klaus Wowereit, è stato costretto alle dimissioni perché si è scoperto che non aveva dichiarato una parte dei suoi introiti. Dall altro, è emerso che il tesoriere nazionale della Cdu, Helmut Linssen, aveva celato fin dal 2004 una parte dei propri guadagni una cifra stimata intorno a 420mila euro nei paradisi fiscali delle Bermude e di Panama. In realtà, l evasione contributiva è tutt altro che una rarità nel paese. Secondo il fisco tedesco, ogni anno sfuggirebbero ai controlli qualcosa come 30 miliardi di euro, questo mentre l intero circuito dell economia sommersa, basata su pagamenti in nero, raggiungerebbe i 351 miliardi, all incirca il 13 per cento del Pil nazionale. Numeri importanti, al punto che è dovuta intervenire perfino la Corte di giustizia federale che ha stabilito che oltre una certa cifra, un milione di euro, gli evasori finiscano in galera. In ogni caso, a pochi mesi dal voto europeo e visto che nella rete del fisco sono finite anche alcune figure di primo piano dei due maggiori partiti del paese, la questione non poteva che assumere anche un evidente profilo politico. Mentre Angela Merkel continua a fare pressioni sulla Svizzera perché aiuti Berlino nella caccia agli evasori, nel suo partito in molti sembrano accontentarsi dell ipotesi di fare cassa, recuperare quanto dovuto ma evitando di agitare troppo il tema delle manette in periodo elettorale. Molto più netta la posizione dell Spd che, attraverso il vicecancelliere della Grosse Koalition e leader del partito Sigmar Gabriel, ha ribadito di essere «favorevole ad una più vigorosa azione giudiziaria contro l evasione fiscale», ricordando come già alcuni anni or sono nei lander governati dal centrosinistra, come la Renania del Nord-Westfalia, fossero stati acquistati dei database contenenti le liste dei contribuenti tedeschi che avevano scelto le banche della Confederazione elvetica. Ambigua invece quella dell Alternative für Deutschland, il partito euroscettico che sfida il governo in carica a Berlino, i cui esponenti, commentando in questi giorni con favore l esito del referendum anti-immigrati svizzero, hanno spiegato che in Europa si dovrebbe essere liberi e competere tutti allo stesso modo, tasse comprese. Parole che in molti hanno voluto leggere come un assist implicito agli evasori. Sul fondo, resta comunque l amara considerazione, verrebbe da dire all italiana, che sembrano fare oggi molti tedeschi quanto alla volontà della politica di perseguire davvero chi non paga le tasse. Un clima di sfiducia che Die Zeit ha riassunto in questi termini: «Continuiamo da tempo ad inseguire le Ferrari con le biciclette».

17 PADOAN, IL PRIMO CHE NON FA MARKETING? di: WSI Pubblicato il 10 marzo 2014 Ministro Economia ammette: previsioni crescita da ridimensionare. Finita era falso ottimismo che ha devastato l'italia? BRUXELLES (WSI) - Il ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan, ha ammesso stasera a Bruxelles che le previsioni economiche di fine febbraio della Commissione europea per quanto riguarda la crescita del Pil italiano nel 2014 (0,6%) sono probabimente più precise di quelle che aveva formulato il precedente governo a settembre (1%), e dell'1,1% stimato successivamente dal precedente ministro, Fabrizio Saccomanni. "I numeri che oggi abbiamo sott'occhio - ha detto Padoan parlando alla stampa al termine dell'eurogruppo di oggi, a cui ha partecipato - sono probabilmente più vicini a quelli della Commissione di quanto non lo fosseero in passato. Le stime hanno un valore statistico, e il mio atteggiamento innanzitutto intellettuale e poi politico, è di essere prudente sulle previsioni, su cui si costruiscono poi le valutazioni di politica di bilancio. Preferisco tenermi basso", ha concluso il ministro. (TMNews) *** "Ho approfittato dell'usanza con i nuovi membri per esporre all'eurogruppo a grandi linee il programma di governo basato su aggiustamenti strutturali" improntati "su orizzonti temporali di medio termine cioè l'orizzonte che si è posto il governo". Lo ha detto il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan, oggi al suo debutto a Bruxelles. "Il programma - ha aggiunto - passa per riforme strutturali, riduzione del cuneo coperto in modo permanente da tagli di spesa, condizione importante per garantire la sostenibilità di bilancio". Su previsioni Pil più vicini a Commissione Ue - "I numeri che abbiamo sott'occhio - ha detto ancora Padoan - sono più vicini a quelli della Commissione di quanto non fossero in passato. Il mio atteggiamento e' di esser prudente, preferisco tenermi basso". E parlando delle riforme per crescita e lavoro ha sottolineato che "bisogna cominciare subito. I risultati saranno crescenti nel tempo e probabilmente veramente significativi nel giro di 2-3 anni". Italia in Ue per fare cose non per chiedere favori - "L'Italia - ha ribadito il ministro - viene in Europa per fare delle cose non per chiedere dei favori". Fondi Ue: Bruxelles, liberati 12 mld fondi nazionali - Intanto proprio oggi Bruxelles attraverso il portavoce del commissario alle Politiche regionali Johannes Hahn fa sapere che con la rinegoziazione della programmazione tra l'ue e l'italia sono stati liberati 12 miliardi di euro di fondi nazionali. L'Italia, che in un primo tempo aveva programmato di cofinanziare al 50%, ha abbassato le sue aliquote al 25%. Gli impegni all'eurogruppo sono preceduti per Padoan da un primo incontro bilaterale con Herman Van Rompuy, presidente stabile del Consiglio Ue. All'Ecofin l'unione bancaria - Poi l'avvio ufficiale dei lavori concentrati su Grecia e Cipro e, domani all'ecofin, sull'unione bancaria. La messa a punto del sistema di vigilanza unica europea dovrebbe essere alle battute finali e c'è già chi prevede possibili sessioni notturne per arrivare ad una

18 soluzione finale che possa passare a breve all'esame di Strasburgo. Non è escluso però che i tempi possano allungarsi ancora, arrivando fino all'ecofin di aprile. Una strategia che alcuni Paesi sarebbero pronti a perseguire per restringere il più possibile il campo di azione del Parlamento, costretto, se i tempi tecnici prima dello scioglimento e delle nuove elezioni dovessero essere troppo corti, ad approvare il pacchetto in arrivo così com'è, senza la possibilità di apportare modifiche. Qualsiasi sia l'esito della riunione, Padoan dovrà comunque tornare a Roma entro mercoledì mattina. Il 12 è infatti in programma l'atteso consiglio dei ministri in cui il governo svelerà ufficialmente le carte sui primi grandi provvedimenti: jobs act, piano casa, edilizia scolastica e, forse - se i nodi saranno sciolti - anche sul taglio del cuneo fiscale. (ANSA) POTETE DIRE ADDIO AI CONTANTI di: WSI Pubblicato il 10 marzo 2014 Sempre meno i pagamenti in cash a favore di quelli non tradizionali, aumentati del 14% rispetto al NEW YORK (WSI) - Una società dove i contanti non esistono più, sembra un po' strano come pensiero ma tutto sommato è quello a cui stiamo andando incontro. Come per l'auto elettrica o l'energia pulita, anche in questo campo stiamo velocemente arrivando ad un punto di svolta. The Next Web riporta come sono molteplici le argomentazioni a favore un addio alla banconota. Ad esempio, uno studio condotto negli Stati Uniti dalla Tufts University, ha concluso che il costo dell'utilizzo del denaro contante è di circa 200 miliardi di dollari l'anno, ovvero solamente 637 dollari a persona. Inoltre ha riscontrato come gli americani spendono in media fino a cinque ore e mezza all'anno per prelevare contante dagli sportelli automatici. Come ulteriore segnale infine dei ricercatori dell'ohio hanno dimostrato come, dopo delle analisi in un supermercato, l'87% delle banconote conteneva batteri nocivi. Costosi, scomodi, dispendiosi e malsani, tutti fattori non proprio positivi. Qualcosa in effetti sta cambiando, anche perché le operazioni di cassa in tutto il mondo sono aumentate solo dell'1,75% tra il 2008 e il 2012, mentre i metodi di pagamento non tradizionali sono invece aumentati di quasi il 14%, per un totale di miliardi di dollari. Tra questi vi sono i pagamenti online e mobili, oltre a tutte le moderne alternative senza contanti. Secondo i dati della Banca Centrale Europea infine vi sono 15,6 milioni in meno di banconote da 500 euro in circolazione rispetto al È un dato di fatto quindi che la moneta é in calo e, forse, siamo pronti ad una nuova era e il Bitcoin, la più famosa moneta virtuale, ne è un forte segnale.

19 ROUBINI: "BITCOIN È UNO SCHEMA PONZI PER CRIMINALI" di: MERCATI & BORSE Pubblicato il 10 marzo 2014 Non è una valuta e non è un'unità per conti correnti, né un metodo di pagamento e nemmeno un mezzo per creare valore. NEW YORK (WSI) - Sono bastati 140 caratteri all'economista Nuriel Roubini per infliggere una sfilettata agli appassionati e scommettitori della criptomoneta. "A parte per le attività criminali, il Bitcoin non è una valuta e non è un'unità per conti correnti, né un metodo di pagamento e nemmeno un mezzo per depositare e creare valore", ha scritto sul suo account il professore della NYU. "Nessun prezzo di beni e servizi è misurato in Bitcoin e non succederà mai. Perciò ne consegue che non è una moneta" vera e proprio, ha incalzato Roubini. "Non è un mezzo di pagamento perché solo una moderata quantità di transazioni avvengono in Bitcoin", tenuto anche conto della volatilità insita per chi accetta di riconvertirlo in dolari, euro o yen. La moneta non è nemmeno una fonte di depositio e creazione di valore, dal momento che "solo una percentuale minima dei patrimoni è in Bitcoin e non ci sono asset. Tenuto conto della volatilità dei prezzi, poi, è un "metodo scadente" di depositare una moneta per creare valore. DECRETO IMU-BANKITALIA RISCHIA DI SALTARE di: WSI Pubblicato il 10 marzo 2014 Nell'ordine del giorno non si parla di aumento di capitale. Adusbef impugna procedimento di fronte alla Corte Costituzionale. ROMA (WSI) - Per la gioia delle Opposizioni, Adusbef si appresta a impugnare di fronte alla Corte Costituzionale il procedimento del governo sulla rivalutazione delle quote di Bankitalia (il famigerato decreto Imu-Bankitalia). I legali dell'associazione capitanata da Elio Lannutti, si legge su Dagospia, si sono lanciati anche contro quell'assemblea straordinaria "convocata in tutta fretta il 23 dicembre scorso, a due giorni dal Natale". L'ordine del giorno firmato da Ignazio Visco si limitava a un laconico "Approvazione di modifiche allo statuto di Banca d'italia", senza neppure la previsione delle classiche "varie ed eventuali". Ma il punto debole è un altro ed è stato presto scovato.

20 Il legale dell'associazione a tutela dei consumatori, Antonio Tanza - che ha già vinto quattro ricorsi alla Consulta sui decreti salva banche dei governi D'Alema, Amato, Ciampi-Dini e Berlusconi- Tremonti - ha scoperto che "quell'ordine del giorno non fa parola alcuna dell'aumento di capitale". L APP PER RISPARMIARE SULLE TELEFONATE di: Francesco Semprini Pubblicato il 10 marzo 2014 Giacomo Putignano, laureato in General Management alla Luiss, ha creato WalletSaver, che confronta i piani tariffari telefonici ROMA (WSI) - Giacomo Putignano, laureato in General Management alla Luiss, ha creato l app WalletSaver, che confronta i piani tariffari telefonici attraverso un analisi dei dati di consumo, la durata delle chiamate, l operatore dei numeri, i messaggi e il consumo di Internet. Il tutto estrapolato dallo smartphone. Inoltre sta per essere messa a punto una nuova funzione che permette di analizzare la qualità della copertura del segnale ad ogni chiamata in modo da suggerire la migliore tariffa, ma anche l operatore che offre la migliore copertura. La start-up ha già convinto il suo primo investitore appena due mesi dopo la nascita. «Abbiamo un target di 20 mila download e puntiamo anche al settore dell energia elettrica. La nostra filosofia, che si riflette nel nome WalletSaver, è diventare uno strumento di comparazione delle spese quotidiane». Prossimo obiettivo? Russia e Cina. 10 MAR :29 DUE IMPORTANTI BANCHE FRANCESI NEL MIRINO DELLE AUTORITÀ AMERICANE PER IL SOSPETTO DI RICICLAGGIO E DI VIOLAZIONI DELL'EMBARGO NEI CONFRONTI DI IRAN, CUBA E SUDAN - PER COLPA DELLE BANCHE, I FONDI DI DE AGOSTINI NON HANNO (ANCORA?) I SOLDI PER COMPRARE L'AREA SANTA GIULIA DA RISANAMENTO Le banche si dovranno accollare 653 mln per mandare in porto il progetto Santa Giulia. La più coinvolta è Intesa, che non ha ancora sciolto la riserva - Altri due istituti di credito europei nel mirino delle autorità americane per il sospetto di

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 17 GIUGNO 2014 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA Il nostro è un paese arrugginito, un paese

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5318 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MARIO PEPE (PD) Disposizioni concernenti l erogazione di prestiti d onore e agevolazioni

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO

MISURE DELL'UE PER IL SOSTEGNO FINANZIARIO ALLA GRECIA E LA STABILIZZAZIONE DELL AREA EURO Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Ufficio Rapporti con l'unione Europea Misure dell'ue per il sostegno finanziario alla Grecia e la

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari?

Il modello sociale europeo e il programma di riforma economica europea una contraddizione o politiche complementari? UNION EUROPEENNE DE L ARTISANAT ET DES PETITES ET MOYENNES ENTREPRISES EUROPÄISCHE UNION DES HANDWERKS UND DER KLEIN- UND MITTELBETRIEBE EUROPEAN ASSOCIATION OF CRAFT, SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE

OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE 3 CONGRESSO MONDIALE DELLA CSI - Berlino 18-23 Maggio 2014 OCCUPAZIONE SOSTENIBILE, REDDITI SICURI E PROTEZIONE SOCIALE BOZZA Quadro d Azione CONFEDERAZIONE INTERNAZIONALE DEI SINDACATI OCCUPAZIONE SOSTENIBILE,

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL.

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Una proposta per il futuro. La natura solidaristica e democratica del sindacato si accompagna per la UIL alla sua indipendenza e alla

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014

Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 REGIONE TOSCANA Consiglio regionale Commissione Istituzionale per le Politiche dell Unione europea e gli Affari Internazionali Notizie europee dal 13 al 25 gennaio 2014 In questa edizione: Aiuti di Stato:

Dettagli

DIMEZZAMENTO IRES. Nota esplicativa. Il dettaglio della nostra proposta

DIMEZZAMENTO IRES. Nota esplicativa. Il dettaglio della nostra proposta Un Italia che intenda uscire dal tunnel della crisi e porre fine all emergenza occupazionale ha bisogno di una cura shock che riduca drasticamente il peso del fisco, divenuto ormai insostenibile per imprese

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3178 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Modifiche

Dettagli

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione.

Strasburgo, 12 gennaio 2015. Sono grato per l occasione di partecipare nuovamente ai lavori di questa Commissione. Intervento del Ministro Padoan alla Commissione Affari Economici e Monetari (ECON) del Parlamento Europeo al termine del semestre di presidenza italiana della Ue Presidente, Onorevoli Membri, Strasburgo,

Dettagli

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione

Capitolo undici. Il sistema monetario internazionale. Introduzione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo undici Il sistema monetario internazionale Introduzione 11-3 Col termine sistema monetario internazionale ci si riferisce agli accordi istituzionali che governano

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta 357 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com USA, GIAPPONE E EUROPA: POLITICHE ECONOMICHE A CONFRONTO 6 marzo 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Usa: il «sequestro» Cosa è successo negli

Dettagli

La crisi greca: i dati e la sua evoluzione

La crisi greca: i dati e la sua evoluzione 1 luglio 2015 n. 24 La crisi greca: i dati e la sua evoluzione IL QUADRO MACROECONOMICO E DI FINANZA PUBBLICA DELLA GRECIA 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Secondo Eurostat, nel 2013 il PIL della Grecia

Dettagli

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche

La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche La disoccupazione giovanile in Europa Studio e opzioni politiche Sintesi Francesco Berlingieri, Holger Bonin, Maresa Sprietsma Centre for European Economic Research Sintesi 2 3 Oggetto dello studio La

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica

La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica 1 di 6 04/03/2012 21:47 Quotidiano di Informazione Giuridica Diretto da Avv. Carmelo Giurdanella 2 marzo 2012, 16:30 La rivolta di regioni ed enti locali contro il ritorno alla tesoreria unica Le iniziative

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore

IL POPOLO GRECO SI TROVA AD AFFRONTARE un ulteriore AGGIUNGI UN GRECIA, IN AZIENDA TORNA LA RACMA? D Sull orlo del collasso finanziario, il più debole dei paesi europei è di fronte a scelte difficili, anche di politica monetaria. Il modello argentino attuato

Dettagli

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016

Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Tabella di marcia per eliminare le peggiori forme di lavoro minorile entro il 2016 Documento finale Conferenza mondiale de L Aia sul lavoro minorile 2010 Verso un mondo senza lavoro minorile Tabella di

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA

MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA CGIL CGIL ISRF FISAC Lab Presentazione alla stampa del: MANIFESTO PER LA BUONA FINANZA Le banche al servizio del paese Conferenza Stampa 03 / 07 / 2013 - ore 12:30 Cgil Nazionale - Sala Santi, Corso d

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI

Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Italia: Articolo IV 2012 dichiarazione finale della missione FMI Una missione del FMI si è recata in Italia dal 3 al 16 maggio 2012 per la valutazione annuale dello stato dell economia come parte delle

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità

Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Presentazione della Comunicazione sulle linee guida relative alla flessibilità Il presente documento ha l obiettivo di fornire alcune indicazioni generali riguardo al nuovo approccio della Commissione

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA

In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Consiglio italiano per le Scienze Sociali Italiadecide Intergruppo parlamentare per l Agenda urbana presentano In memoria di Guido Martinotti II FORUM DELL AGENDA URBANA ITALIANA Seminario 23 gennaio 2013

Dettagli

European Payment Index 2014. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2014. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2014 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE

CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE CAMPAGNA ZEROZEROCINQUE PER UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE Una piccola Tassa contro la speculazione, una grande risorsa per tutti! PERCHÉ UNA TASSA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (TTF)? La finanza

Dettagli

UN PRIMO ESAME delle tabelle della manovra preoccupa:

UN PRIMO ESAME delle tabelle della manovra preoccupa: Fisco LA STABILITÀ È LEGGE Aumento delle tasse, indicizzazione delle pensioni, riduzione del cuneo fiscale, introduzione della Iuc. Queste e altre ancora le novità della manovra da 14,7 miliardi a cura

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità

Strategia europea dell'occupazione. Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità Strategia europea dell'occupazione Investire nelle persone, investire in un maggior numero di posti di lavoro di miglior qualità La sfida dell'occupazione per l'europa L'Unione europea costituisce attualmente

Dettagli

2010 = piano di salvataggio di 110 miliardi di euro. Memorandum of Economic and Financial Policies e Memorandum of Undestranding of Specific Economic

2010 = piano di salvataggio di 110 miliardi di euro. Memorandum of Economic and Financial Policies e Memorandum of Undestranding of Specific Economic GRECIA Primo programma di assistenza finanziaria 2010 = 110 miliardi di euro. Secondo programma 2012 = 130 miliardi di euro. Terzo programma 2015 = 86 miliardi di euro del fondo salva Stati. Prestito ottenuto

Dettagli

e arrivano le prime perdite

e arrivano le prime perdite e arrivano le prime perdite Con i prezzi delle case in ribasso, le banche che avevano concesso molti mutui subprime ora iniziano a registrare delle perdite sempre più grandi. Concessione del mutuo Pignoramento

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni

Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni Rapporto esplicativo sulla revisione parziale dell ordinanza concernente l Assicurazione svizzera contro i rischi delle esportazioni 11 settembre 2013 - 2 - Inhalt 1 Contesto 2 Valutare le esigenze in

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

I falsi miti su Bruxelles

I falsi miti su Bruxelles Lorenzo Bini Smaghi I falsi miti su Bruxelles In tempi di crisi, è forte la tentazione di scaricare sull Europa le responsabilità e gli errori delle classi dirigenti nazionali, accusandola di aver fatto

Dettagli

mail: info@atconsultings.eu 1

mail: info@atconsultings.eu 1 Informativa per la clientela di studio N. 1 del 29.02.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il decreto semplificazioni Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 Legge di stabilità 2015 Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 1 Indice L Europa e la legge di stabilità Il DEF La direzione complessiva della manovra Cosa non c è I principali provvedimenti Primo

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 06 La crisi dello SME-Sistema Monetario Europeo (capitolo 2) La crisi messicana (capitolo 2) La crisi dello SME - 1 La caduta degli accordi di Bretton

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA

L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA L ALTRA MANOVRA POSSIBILE PATRIMONIALE PER LA GIUSTA CRESCITA I contenuti della manovra Monti ci fanno esprimere un giudizio del tutto negativo. Sembrano passati secoli dal discorso d insediamento in cui

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati

RASSEGNA STAMPA. Martedì, 24.02.2015. Il Sole 24 Ore. Il Secolo XIX - Ed. Levante. 1 Split payment, rimborsi semplificati RASSEGNA STAMPA Martedì, 24.02.2015 Il Sole 24 Ore 1 Split payment, rimborsi semplificati 2 Precompilata, deleghe dettagliate 3 Statali, pronte le tabelle per la mobilità Il Secolo XIX - Ed. Levante 1

Dettagli

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 ECONOMIA SICILIANA Si pubblica l intervento del Ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, in occasione

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

Il mercato del lavoro più flessibile in Europa

Il mercato del lavoro più flessibile in Europa Il mercato del lavoro Ministro del Lavoro della Gran Bretagna di Chris Grayling Il governo britannico ha agito con decisione per ridurre il deficit e ripristinare la stabilità economica: le condizioni

Dettagli

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3 VENDERE ALL ESTERO 8 Vendere all estero... 125 8.1 Le differenze tra i mercati: un opportunità da cogliere... 128 8.2 Da esportatore per caso a international e-commerce manager!... 131 8.3 E per chi preferisce

Dettagli

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda 1. Il quadro macroeconomico alla base della Finanziaria 2002: da rivedere le stime sulla crescita 2. Mancanza di

Dettagli

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani 11 novembre 2011 Gruppo 183: onorevole Mariani, come giudica la fase che attraversa l organizzazione dei

Dettagli

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops

16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops 16 aprile 2014 Ecco come funziona il cervellone che protegge l'euro (e perché al Sud viene imposta austerity anche in fasi recessive) di Vito Lops A fine maggio si terranno le elezioni per il rinnovo del

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Una nuova via per l Europa: il piano della CES per promuovere gli investimenti, la crescita sostenibile e l occupazione di qualità Premessa

Una nuova via per l Europa: il piano della CES per promuovere gli investimenti, la crescita sostenibile e l occupazione di qualità Premessa Una nuova via per l Europa: il piano della CES per promuovere gli investimenti, la crescita sostenibile e l occupazione di qualità approvato nel corso della riunione dell Esecutivo della CES del 7 novembre

Dettagli

DECRETO LEGGE 21 maggio 2013, n. 54: interventi

DECRETO LEGGE 21 maggio 2013, n. 54: interventi LE ULTIME DAL GOVERNO Tra le principali misure approvate dal Consiglio dei ministri, importanti disposizioni per il rilancio dell economia, del mercato del lavoro, per aumentare l occupazione e sostenere

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NARDUCCI Modifica agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, concernente la

Dettagli

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA

LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 237 LA DIFFICILE BATTAGLIA CONTRO LA DISOCCUPAZIONE E LE STRATEGIE DI POLITICA MONETARIA 11 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

THE AUTOMOBILE SECTOR

THE AUTOMOBILE SECTOR Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-montezemolo.pdf THE AUTOMOBILE SECTOR LUCA

Dettagli

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 La nostra Confederazione, quale Organizzazione maggiormente rappresentativa della Dirigenza dello Stato, dei Ministeri, degli

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale Proposta di legge C. 1899 in materia di riconoscimento della detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici mediante attribuzione

Dettagli

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde)

COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 861 COSA BOLLE SUL FRONTE SVIZZERO (Chi ci guadagna e chi ci perde) 19 gennaio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Il bollettino di guerra dopo la legge di stabilità 2014 Le nuove indicizzazioni

Dettagli

L urgente riforma del sistema monetario

L urgente riforma del sistema monetario L urgente riforma del sistema monetario di Mark Joób Oggi un numero crescente di persone si rende conto che il denaro è più di uno strumento neutrale per gli scambi economici, il denaro in effetti governa

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli