Energia e cambiamenti climatici La sfida del XXI secolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Energia e cambiamenti climatici La sfida del XXI secolo"

Transcript

1 036-41_TER_ott_asdrubali :35 Pagina 36 di G. Moncada Lo Giudice, F. Asdrubali, F. Rossi Energia e cambiamenti climatici La sfida del XXI secolo Parte prima Negli ultimi tempi si fa gran parlare di effetto serra, di cambiamenti climatici che lasciano prevedere catastrofi a breve, di difficoltà di approvvigionamenti energetici, di crescita incontrollabile della domanda di energia (in gran parte attribuita alla crescita demografica di due grandi colossi come la Cina e l India), del più o meno imminente esaurirsi dei combustibili fossili, dell incoscienza dell uomo che quasi fosse ignaro di tutto questo, continua a degradare definitivamente il proprio pianeta, dimenticando del tutto i tanto conclamati principi di uno sviluppo sostenibile. La responsabilità dell uomo nell inquinamento atmosferico, con la combustione di combustibili fossili, l emissione di anidride carbonica e il conseguente riscaldamento del pianeta sembra anzi essersi aggravata di anno in anno, cosicché gli ultimi dati - come si dirà meglio in seguito - parlano di una responsabilità antropogenica del 90%. La prova di tutto quanto sopraddetto viene certificata da una serie di pubblicazioni di assoluta affidabilità (tutte edite nei primi mesi di quest anno) come il World Energy Outlook dell Agenzia Internazionale per l Energia (IEA), l Energy Technology Perspectives della stessa IEA, il Global Status Report di REN21 riguardante le fonti rinnovabili, lo State of the World del Worldwatch Institute, o lo stesso ultimo interessante Rapporto dell ENEA. Ora, consultando questi Rapporti appare evidente (a parte l eventuale discutibilità dei programmi di calcolo impiegati) la difficoltà di raccogliere da fonti diversissime (che sovente possono avere interessi lobbystici) dati certi ed univoci, cosicché non risulta facile elaborare proiezioni statistiche senza che non si rilevino differenze talora non trascurabili tra gli Enti informatori. Si è ritenuto pertanto opportuno - dopo aver dato un breve cenno sui cambiamenti climatici - raccogliere in tabelle dati e notizie sparsi in pubblicazioni diverse e non sempre facilmente recuperabili. Il lavoro effettuato non ha alcuna pretesa se non quella di mettere a disposizione del lettore una serie di informazioni che potrebbero risultare utili in una lettura ragionata dei Rapporti sopraccitati. Clima e cambiamenti climatici È a tutti noto come il pianeta che oggi appare ai nostri occhi con i suoi continenti, i suoi mari e la sua atmosfera, abbia subito nel corso di milioni di anni profonde trasformazioni e che alcune di queste trasformazioni, anche se in misura ridotta, sono tuttora in corso, come ad esempio la deriva dei continenti. In particolare negli ultimi milioni di anni le grandi oscillazioni nella temperatura sono state provocate in prevalenza dalla variazione dell energia solare che raggiunge la Terra e ciò a causa delle periodiche variazioni di posizione del nostro pianeta rispetto al Sole (variazione orbitale). Prof. Gino Moncada Lo Giudice, Università di Roma La Sapienza, Dipartimento di Fisica Tecnica; prof. Francesco Asdrubali, prof. Federico Rossi, Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Ingegneria Industriale. I meteorologi ci dicono che i cinque periodi caldi precedenti a quello attuale sono stati provocati dalla massima vicinanza al Sole dell orbita ellittica terrestre, dalla minima inclinazione dell asse terrestre rispetto ai raggi solari, al dondolio dell asse stesso (moto di nutazione). Analogamente le quattro grandi glaciazioni dell ultimo milione di anni si sono verificate quando i movimenti terrestri citati hanno fatto assumere alla Terra la posizione inclinata più sfavorevole rispetto al Sole. Tali oscillazioni di temperatura, stimate tra i 3-4 C, hanno richiesto in ogni caso tempi dell ordine di anni. Negli ultimi 200 anni circa si è avuto invece un riscaldamento di quasi 1 C; tale riscaldamento sembra poter aumentare per raggiungere 2,5 o più gradi alla fine del 2100, in concomitanza con lo sviluppo dell era industriale e del conseguente uso di combustibili fossili. Appare logico collegare i due fenomeni e indicare nell attività antropogenica la causa dell odierno aumento di temperatura (effetto serra), che a molti scienziati sembra gravemente anomalo rispetto ai cicli naturali, anche se si levano voci molto critiche su questa impostazione. L effetto serra è un fenomeno naturale e di per sé stesso utile, che consente al nostro pianeta il mantenimento di una temperatura capace di garantire la vita sulla superficie terrestre. L energia che la terra riceve dal sole durante il giorno, opportunamente assorbita e filtrata dall atmosfera che la circonda, giunge sulla superficie terrestre e la riscalda. Nelle ore notturne la terra tende a reirraggiare (il termine vuol comprendere in modo improprio anche i fenomeni convettivi) verso l universo più freddo parte dell energia ricevuta. Se questo reirraggiamento non fosse contrastato da una serie di gas come il vapore acqueo, l anidride carbonica, il metano, l ozono che circondano il nostro pianeta come una coltre, un vetro protettivo, che rinvia verso la terra parte dell energia, ci sarebbe il grave pericolo di raffreddamento, che potrebbe raggiungere valori di temperatura di parecchi gradi inferiori a quelli attuali. Ora però l effetto serra starebbe diventando troppo pesante per la produzione antropogenica di gas climalteranti (GHG), tra i quali appunto la CO 2, da attribuire alla combustione di prodotti fossili e il metano dovuto a motivi geologici, ai trattamenti agricoli e in buona parte alla zootec- 36 La Termotecnica Ottobre 2007

2 036-41_TER_ott_asdrubali :35 Pagina 37 nia. Per quanto riguarda il metano (CH 4 ), alcuni scienziati lamentano anzi che il suo contributo risulti sottovalutato nel rapporto preliminare dell IPCC. L incremento di emissione dei cosiddetti gas serra spiegherebbe l aumento anomalo di temperatura, aumento che se continuato in maniera decisa e non controllata, potrebbe portare al declino della criosfera, cioè allo scioglimento dei ghiacciai polari ed alpini, all aumento della temperatura dei mari (con effetti anche sulla fauna ittica), all aumento del loro livello e alla modifica temporale di tutti quegli eventi atmosferici che dipendono sempre dai cicli termici come uragani, alluvioni, temporali. Tutto ciò con conseguenti problemi di abitabilità delle coste, di desertificazione di vaste aree, di dissesti idrogeologici e di danni all agricoltura. La domanda che l opinione pubblica si pone oggi è quindi: è possibile che l intervento dell uomo possa provocare danni tanto gravi? Gli ultimi studi ed in particolare il draft della Prima parte del Rapporto di Valutazione dei Cambiamenti Climatici, comunicato a Parigi dal IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) nel febbraio del 2007, anche se non ancora in stesura definitiva, danno in pratica una risposta positiva a tale domanda. Nella recente Conferenza di Bruxelles tenutasi nel mese di aprile del 2007, con la partecipazione di 124 delegazioni provenienti da tutto il mondo, sia pure con grandi discussioni, è stato approvato il draft originario. Tra i firmatari figurano anche USA e Cina, a riprova che l opinione pubblica mondiale è in ogni caso trasversalmente preoccupata per il futuro del pianeta, anche se recentemente le posizioni dei due grandi Paesi non sembrano avallare completamente i provvedimenti e le tempistiche previsti da altri Paesi per affrontare il problema. Nel XX secolo - dice l IPCC - la temperatura è cresciuta di 0,6 C, ma se l uomo non diminuirà in modo drastico l emissione di CO 2 (dovremmo dire CO 2 equivalente, per tener conto di altri componenti come metano, fluorocarburi ecc.) il pianeta andrà incontro già nel secolo attuale ad uno scenario catastrofico a causa di un aumento considerevole della temperatura (1,5-2,8 C o più), con aumento del livello dei mari tra i cm e la riduzione dei ghiacci polari. Infatti, il rapporto preliminare IPCC presentato a Parigi nel draft del I Gruppo di lavoro conclude che: La maggior parte dell aumento globale di temperatura, osservato sin dalla metà del XX secolo è molto probabilmente dovuto all incremento della concentrazione di gas serra provocato dall attività umana. In altro posto si legge ancora: Despite remaining uncertainties. Il molto probabilmente sta a significare al 90%. Nicholas Stern, consulente economico del Primo Ministro inglese Tony Blair, in un suo ormai divenuto famoso rapporto pubblicato nel 2006 (the Stern Review on the Economics of Climate Change), arriva a dire: le nostre azioni, ora e nei prossimi decenni potrebbero creare rischi di disturbo alle attività economiche e sociali, comparabili a quelle associate alla grande guerra e alla crisi economica che si verificò nella prima metà del XX secolo. Le parole sono pesanti e tra l altro il Climate Change Group (CGC), costituito nel 2002 dal Presidente Bush per un programma di ricerca sul clima, e del quale fanno parte ben 13 Amministrazioni Statunitensi (tra le quali la Smithsonian Institution, il Meterological Institute ecc.) in un recente comunicato ha rivendicato il loro ruolo primario nel compilare il rapporto del I gruppo di lavoro dell IPCC, che è proprio il rapporto più deciso nell attribuire i cambiamenti climatici all apporto antropogenico. Questo intervento, fino a poco tempo fa impensabile, al di là delle valutazioni sui contenuti, rende finalmente credibile che per il dopo Kyoto (2012) sia veramente realizzabile una politica energetica globale, foriera di interventi decisivi e producenti. Politica che dovrebbe finalmente segnare la definitiva collaborazione tra i paesi che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto sulla diminuzione di CO 2, e tutti i Paesi che pur facendo parte dell UNFCCC (United Nation Framework Convention on Climate Change) non hanno ritenuto di ratificare i limiti di emissione di tale gas fissati nel 1997, appunto a Kyoto. Interessante, a questo proposito, la svolta morbida di Bush che, nelle riunioni del G-8 svoltesi nei primi di giugno di quest anno in Germania, dopo avere finalmente aderito all idea di un contributo antropogenico non trascurabilie al riscaldamento del pianeta, ha accettato un compromesso che, pur non fissando limiti precisi alle emissioni, fa riferimento al rapporto ONU sul clima,nel quale come è noto è previsto un obiettivo di riduzione delle emissioni di CO 2 del 50% entro il Si ricorda però che tra i Paesi che non hanno firmato Kyoto, a parte Stati Uniti ed Australia, sono compresi Cina ed India, i quali, secondo proiezioni attendibili, tra vent anni emetteranno gas serra in quantità pari a quelle di Stati Uniti ed Europa messi insieme. È un problema che non può essere trascurato se si vogliono raggiungere veri accordi operativi per il dopo Kyoto. Per completezza di informazione va ripetuto che non tutti gli scienziati concordano con il draft del rapporto IPCC, e vengono classificati come gli scettici, in confronto ai cosiddetti catastrofisti. Tra gli scettici, qualcuno, come Richard Lindzen ordinario di Meteorologia presso il MIT, critica assai severamente il rapporto Stern, dicendo, in un articolo pubblicato nel Daily Mail l 8 marzo 2007: In ogni capitolo del suo rapporto è evidente la mancanza di scientificità. Egli (Stern) altera i dati o distorce l evidenza per privilegiare tesi politiche, promuovendo allarmismo, al posto di una discussione razionale, e reinventando la storia del clima. A quest ultimo proposito Lindzen critica Stern per aver affermato che le temperature globali recentemente registrate non hanno precedenti negli ultimi mille anni di storia. Lindzen obietta che nella migliore delle ipotesi abbiamo misure dettagliate di temperatura, solo per gli ultimi 50 anni. Lindzen insiste poi che non si possono trascurare altre mille cause di incidenza (forcing), e tra queste sottolinea il peso del vapor acqueo (anch esso da considerarsi gas serra), l effetto compensante dei cirri d alta quota, l andamento delle radiazioni solari, l incremento in atmosfera di aerosol dovuti ad effetti vulcanici. Conclude Lindzen: Ormai ci stiamo allontanando dalla scienza per entrare nel fanatismo religioso e ancora Stern si serve di una scienza fasulla per perseguire i propri scopi. E per svelenire la virulenza delle osservazioni, un attacco divertente; dice Lindzen e poi guardate ci sono oggi orsi bianchi rispetto ai del Sono parole molto forti e ciò che sconcerta è che il parere di uno scienziato tanto illustre sia in netto contrasto con le conclusioni del IV rapporto IPCC, che coincidono invece in molti punti con la tesi di Stern. Tra i catastrofisti il Nobel per la chimica Paul Crutzen, che ha scritto per una grande casa editrice italiana un libro sull uomo che ha cambiato il clima, titolato polemicamente: Benvenuti nell Antropocene. Tra gli scettici, 120 scienziati (provenienti da 11 Paesi) riunitisi in un Convegno al Royal Institute of Technology di Stoccolma, che hanno sollevato seri dubbi sui modelli impiegati nella teoria IPCC del riscaldamento globale. E ancora Lomborg, Svensmark, che senza giungere alla critica eccessiva di Lindzen, danno un particolare valore alle variazioni di temperatura dovute alle variazioni di flusso dei raggi cosmici (che influenzano il formarsi delle nubi), che sottolineano l interdipendenza tra vento solare e campo elettromagnetico terrestre, o che ritengono, per esempio, che l attività ciclonica risponda a suoi cicli decennali, e infine, che non è chiaro nemmeno il meccanismo tra le nubi a varie quote e tra queste e la terra, né il vero valore dell assorbimento di anidride carbonica da parte dei cosiddetti pozzi di carbonio, che poi sarebbero gli oceani e le foreste ecc. (anche se non è male ricordare che ogni anno si perdono circa 13 milioni di ettari di foreste). Molti scienziati italiani, va detto, sono su queste posizioni. La Termotecnica Ottobre

3 036-41_TER_ott_asdrubali :35 Pagina 38 Politiche di riduzione delle emissioni Lasciando ai meteorologi il dibattito sui cambiamenti climatici, resta il fatto che il progresso e l aumento di popolazione chiederanno sempre più energia, e che non sarà possibile soddisfare all infinito questa domanda bruciando combustibili fossili che sono comunque destinati ad esaurirsi. Ci sono alternative che vanno dal nucleare alle fonti naturali (sole, vento, acqua, biomasse, geotermia ecc.), ma che richiedono investimenti e tempi non brevi perché la loro incidenza divenga significativa. Insieme a tali provvedimenti occorre iniziare da subito una seria, globale politica di risparmio energetico, che poi in definitiva coincide fortemente con una politica di diminuzione di gas serra. Perché questa politica sia resa possibile per tutti, anche per i Paesi poveri, forse occorrerà rivedere il nostro modello di sviluppo. Non si può considerare il PIL come unico indice di benessere, anche l ambiente presenta i suoi conti, e non si può non trasferire risorse in modo deciso a favore dei Paesi più bisognosi. Così, per le considerazioni sopra esposte, va accolta con favore, almeno a livello politico, la proposta della Commissione europea di ridurre entro il 2020 del 20% l emissione di gas climalteranti rispetto al 1990, con un obiettivo del 50% (!) entro il La proposta è interessante, ma è anche una grande sfida per le industrie dei Paesi ricchi (che dovranno investire grosse somme per ridurre le emissioni) e anche per i Paesi poveri che, se non aiutati, saranno nell impossibilità di seguire tale ambizioso programma. Curioso, anche se utile per l umanità, che coloro che non hanno ratificato il Protocollo di Kyoto, chiedano ora compatti la stabilizzazione della concentrazione di gas serra ad un livello di 450/550 parti per milione di CO 2 equivalente (questa concentrazione garantirebbe in ogni caso che l aumento di temperatura a fine secolo non superi i 2 C) Per questo viene auspicata una serie di partenariati bilaterali e multilaterali, coinvolgendo Governi, Banca Mondiale, Agenzia Internazionale per l Energia, Partenariato Asia-Pacifico (APP che comprende USA, Canada, India, Cina e Giappone). Questi Paesi plaudono ai progressi conseguiti dal programma di scambio di emissioni della UE (Emission Trading System) e individuano nel risparmio energetico il modo economicamente più valido per ridurre le emissioni di gas serra. Infine essi si augurano, soprattutto dopo le aperture mostrate dagli USA nell ultimo G-8, che nella riunione dell UNFCCC che si terrà nel novembre 2007 a Bali, si possa già prendere atto dei programmi operativi dei vari Governi per il dopo Kyoto. Queste dichiarazioni lasciano veramente ben sperare in una collaborazione seria e collettiva tra tutti i Paesi e quindi sono di buon auspicio per il futuro del nostro pianeta. Altri segnali positivi possono cogliersi nelle Comunicazioni della Commissione europea già citate (COM/ 2007/a def.), dove, oltre che aumentare per il 2020 del 20% l impiego di fonti rinnovabili, si auspica un aumento dell efficienza energetica del 20% sia per le attività civili che industriali, nonché l impiego del 10% di biocarburanti nei trasporti; inoltre è delineato anche un piano di azione energetico in 10 punti, con un programma di misure volto a garantire il raggiungimento degli obiettivi proposti. Si parla di competitività, di sostenibilità, di sicurezza delle forniture, di mix energetico, di microcogenerazione diffusa, e di solidarietà tra i vari membri in caso di crisi energetica. Nell ottica del risparmio energetico, si sottolinea ancora l importanza della crescita delle tecnologie pulite a bassa emissione di carbone, le già citate BCAT (Best Clean Available Technology), e l obiettivo che le fonti energetiche rinnovabili rappresentino il 20% del mix entro il Anche l IEA (International Energy Agency) nel suo TABELLA 1 - Emissioni di gas serra nei paesi dell Unione Europea (2004) Gas serra CO 2 SO (1) 2 NO (2) x CO COVNM (3) CH 4 N 2 O (4) Unità di misura Mt (5) kt (6) kt kt kt kt kt Austria da processi energetici Belgio da processi energetici Danimarca da processi energetici Finlandia da processi energetici Francia da processi energetici Germania da processi energetici Grecia da processi energetici Irlanda da processi energetici Italia da processi energetici industrie energetiche indus.manifat.e costruz trasporti altri settori emiss. evap. da carburanti Lussemburgo da processi energetici Olanda da processi energetici Portogallo da processi energetici Spagna da processi energetici Svezia da processi energetici Regno Unito da processi energetici biossido di zolfo - 2 ossidi d azoto - 3 composti organici volatili diversi dal metano 4 protossido d azoto - 5 milioni di tonnellate annue - 6 migliaia di tonnellate annue 38 La Termotecnica Ottobre 2007

4 036-41_TER_ott_asdrubali :35 Pagina 39 World Outlook 2006, ribadisce l importanza delle tecnologie avanzate per migliorare l efficienza energetica, ma afferma anche che esse non potranno determinare più del 75% di riduzione dell emissione di gas alteranti e quindi ribadisce la necessità di rivedere la politica nucleare. In definitiva l IEA ritiene che per ridurre le emissioni di CO 2 eq. del 40% occorrerebbe un mix così composto: - 75% miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali; - 12% incremento fonti rinnovabili; - 10% incremento fonti nucleari (questo incremento può sembrare inadeguato ma forse sconta i tempi necessari per la costruzione o il revamping degli impianti, anche se va registrato un nuovo, deciso interesse per il settore, con la costituzione di grossi gruppi internazionali di ricerca per la messa a punto di reattori a sicurezza intrinseca). D altro canto ricordiamo, per fare qualche esempio, che una centrale a combustibile fossile da MW riduce in cenere ogni anno da 1 a 2 milioni di tonnellate di combustibile (carbone, olio combustibile o gas), scaricando in atmosfera (a seconda delle tecnologie adottate): - da 4 a 7 milioni di tonnellate di CO 2 ; - da 600 a t di CO; - da a t di SO X ; - da a t di NO X ; - da 1500 a t di particolati; - da 0,02 a 0,06 msv di radiazioni. Una centrale nucleare della stessa potenza produce in un anno circa 2 tonnellate di materiali ad alta attività derivanti dal ritrattamento del combustibile utilizzato. Non è da sottovalutare come anche la Commissione europea, dopo anni di silenzio, accenni al nucleare che costituisce una delle opzioni disponibili per ridurre le emissioni di CO 2. A questo proposito una notazione: James Lovelock, l inventore di Gaia, la terra autorigenerantesi, per anni uno dei massimi idoli di alcuni ambientalisti, ha recentemente dichiarato che l energia nucleare è l unica energia verde. Infine la Commissione propone la istituzione di un Ufficio dell osservatorio di energia che, si spera, avrà maggiori poteri di controllo e coordinamento, al fine di una politica energetica comune, di quanto non l abbia l attuale Consiglio dei Regolatori Europei (ERGEC), che è un organo di consultazione, senza alcun potere decisionale. Va precisato che per il programma sopra descritto la Commissione ha previsto un costo aggiuntivo medio annuo tra il 2005 ed il 2020 di 10/18 miliardi di euro, che però sarebbero (il condizionale sembra d obbligo) compensati da un minor acquisto di petrolio e dal mercato dei diritti di emissione di CO 2. La cifra, oltre a coprire gli incentivi per le energie alternative, è necessaria a coprire le differenze tra le cosiddette tecnologie pulite ad alto risparmio energetico (BCAT) e le tecnologie industriali comuni e gli aiuti ai Paesi emergenti. Emissioni di gas serra nell Unione Europea Nella Tabella 1, relativa alle emissioni di gas serra, sono riportate, per ciascun Paese dell Unione Europea, le emissioni dei principali gas serra (anidride carbonica CO 2, biossido di zolfo SO 2, ossidi di azoto NO x, monossido di carbonio CO, composti organici volatici diversi dal metano COVNM, metano CH 4, protossido di azoto N 2 O) con il dettaglio della quota relativa ai soli processi energetici. L analisi dei dati mostra che il Paese dell Unione con il quantitativo più elevato di emissioni è la Germania (con 876 milioni di tonnellate annue di gas emessi in atmosfera) seguita da Regno Unito (564 milioni di tonnellate annue) e Italia (496 milioni di tonnellate annue). Diverso è invece lo scenario se si analizzano le emissioni degli altri gas ad effetto serra. Nel caso del monossido di carbonio la Francia è il Paese con la quota di emissioni maggiore (5.968 migliaia di tonnellate annue) seguita dall Italia (4.430 migliaia di tonnellate annue) e dalla Germania (4.153 migliaia di tonnellate annue). Nel caso degli ossidi di azoto il Paese con le emissioni maggiori risulta invece il Regno Unito (1.569 migliaia di tonnellate annue) seguito dalla Spagna (1.507 migliaia di tonnellate annue) e dalla Germania (1.428 TABELLA 2 - Sistemi di produzione dell'energia: rendimenti ed emissioni Tipologia Taglia Funzionam. Rendim. Consumo Consumo PCI Emissioni Emissioni impianto tipica medio % combustib. combustib. MJ/kg gco 2 / gco 2 eq/ MWe ore/anno t/anno Nm 3 /anno kwh kwh Gas naturale TG (1) ,29E CCGT (2) ,52E CCGT ,93E8 360 CCGT ,86E8 360 Olio combustibile (3) Carbone pulito , Nucleare PWR (4) - 16 Eolico (5) > 40 (6) Fotovoltaico > 50 kw (7) 6 (8) - 12 (9) (8) 121 (10) 193 (11) Idroelettrico > 10 MW Celle a Combustibile PEM 0,2 (12) (13) (14) 119,9 530 (15) - MCFC 0,25 (12) (13) (14) 431 (15) - SOFC 0,1 (12) (13) (14) 413 (15) - PAFC 0,2 (12) (13) (14) 514 (15) - 1 centrale a turbogas - 2 centrale a ciclo combinato (Combined Cycle Gas Turbine) - 3 il volume di combustibile consumato è stato calcolato prendendo a riferimento la densità media a 15 C dell olio combustibile STZ (senza tenore di zolfo) - 4 burnup dell uranio corrispondente alla quantità di energia totale prodotta per unità di massa del combustibile utilizzato in funzione del tipo di reattore - 5 ore di funzionamento minime che giustificano la realizzazione dell impianto 6 rendimento di un aerogeneratore a pala. In base alla teoria di Betz un aerogeneratore reale non può estrarre più del 59.3% della potenza posseduta da un tubo d aria di area A e diametro d che fluisce con velocità v. La potenza teorica è dunque pari all energia cinetica Ek associata al tubo d aria dove Ek = (16/27) d A v3. 7 ore annuali di soleggiamento equivalenti alla massima potenza nell Italia centrale - 8 pannello fotovoltaico in silicio amorfo - 9 pannello fotovoltaico in silicio monocristallino e policristallino - 10 pannello fotovoltaico in silicio monocristallino - 11 pannello fotovoltaico in silicio policristallino 12 potenza elettrica massima di impianto - 13 tonnellate di idrogeno - 14 Nm 3 /anno di idrogeno - 15 emissioni del processo di reforming del combustibile. La Termotecnica Ottobre

5 036-41_TER_ott_asdrubali :35 Pagina 40 migliaia di tonnellate annue). Bisognerà vedere ciò che avverrà in Gran Bretagna dopo la riapertura delle miniere di carbone del Galles, fatte chiudere dalla Thatcher venti anni fa e riaperte recentemente da Tony Blair. Per quanto riguarda infine il metano la Germania è il Paese con la quota di emissioni più alta (3.582 migliaia di tonnellate annue) seguita dalla Francia (2.885 migliaia di tonnellate annue) e dal Regno Unito (1.933 migliaia di tonnellate annue). Produzione di energia ed emissioni di gas climalteranti Nelle Tabelle 2 e 3 relative ai sistemi di produzione dell energia sono riportati per ciascuna tipologia di impianto i rendimenti di conversione, le emissioni di CO 2 e CO 2eq per kwh di energia elettrica prodotta, i costi degli impianti espressi in /kw installato ed il costo di produzione dell energia elettrica espressi in /kwh prodotto. Per quanto riguarda il costo di produzione in tabella sono evidenziati anche i contributi del costo dell impianto, del costo del combustibile e degli altri costi (gestione dell impianto, manutenzione ecc.) sul costo complessivo. L analisi dei dati mostra che tra gli impianti alimentati da fonti di energia tradizionali, la tipologia più conveniente in termini di costi di produzione dell energia elettrica risulta la centrale nucleare PWR con reattore ad acqua in pressione. Il costo di produzione dell energia elettrica da fonte nucleare risulta infatti più basso rispetto a quello delle centrali CCGT di almeno il 37% (0,030 /kwh contro 0,047 /kwh) e più basso rispetto a quello delle centrali ad olio combustibile di circa il 53% (0,030 /kwh contro 0,064 /kwh). TABELLA 4 - Centrale nucleare - costi di produzione dell energia elettrica Tipologia Costo Costo Costo Costo Costo Costi Costo impianto impianto combustib. dismissione smaltim. scorie esterno vari totale /kwh /kwh /kwh /kwh /kwh /kwh /kwh Centrale nucleare 0,016 0,004 0,002 0,003 0,004 0,001 0,030 TABELLA 3 - Sistemi di produzione dell'energia: aspetti economici Tipologia Costo Costo Costo Costi ) Costo Prezzo Tempo impianto impianto impianto combustibile vari totale energ.elett. di vita /kwe /kwh (1) /kwh (2) /kwh (3) /kwh /kwh anni Gas naturale TG (4) 265 0,004 0,046 0,003 0,053 0,078 (6) CCGT (5) 447 0,005 0,042 0,006 0, CCGT 0,004 0,004 0,050 CCGT 0,003 0,002 0,047 Olio combustibile ,006 0,052 0,006 0, Carbone pulito ,019 0,028 0,008 0, Nucleare PWR ,016 0,010 0,004 0, Eolico ,068-0,012 0,080 0,203 (7) 20 Fotovoltaico > 50 kw ,132-0,008 0,140 0,518 (8) 30 Idroelettrico > 10 MW ,021-0,004 0,025 0,203 (7) > 30 Celle a combustibile PEM ,078 (6) 8 (9) MCFC ,4 (10) SOFC PAFC > 10 1 incidenza del costo dell impianto sul costo di produzione finale dell energia elettrica - 2 incidenza del costo del combustibile sul costo di produzione finale dell energia elettrica - 3 incidenza dei costi di esercizio, di manutenzione e del personale sul costo di produzione finale dell energia elettrica - 4 centrale a turbogas - 5 centrale a ciclo combinato (Combined Cycle Gas Turbine) - 6 prezzo medio di acquisto dell energia nella borsa elettronica (gennaio 2007) - 7 somma del prezzo medio di acquisto dell energia nella borsa elettronica e dei Certificati Verdi (0,125 /kwh). I Certificati Verdi costituiscono una forma di incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili disciplinata dal DLGS 79/99 (Decreto Bersani) - 8 per gli impianti fotovoltaici il prezzo di acquisto è stato calcolato come somma del prezzo medio di acquisto dell energia nella borsa elettronica e dell incentivo per gli impianti integrati architettonicamente (0,44 /kwh) previsto dal Decreto Conto Energia intervallo di manutenzione routinaria h, intervallo di manutenzione componenti principali h - 10 Ore massime di funzionamento continuo prototipo MTU ( h) I maggiori costi di realizzazione delle centrali PWR rispetto alle altre tipologie fanno sì che il tempo di ritorno dell investimento, ovvero il numero di anni necessario per il recupero dei costi di realizzazione e gestione dell impianto, risulti maggiore sia delle centrali turbogas tradizionali che delle centrali turbogas a ciclo combinato. Un altro vantaggio offerto dalle centrali nucleari è rappresentato dalla quasi totale assenza di emissioni di gas inquinanti in atmosfera: 16 gco 2eq /kwh contro i 500 gco 2eq /kwh delle centrali turbogas a ciclo combinato ed i gco 2eq /kwh delle centrali a carbone pulito. Per il nucleare rimane tuttavia il problema dello smaltimento delle scorie radioattive. Si stima che un tipico reattore a fissione di MW produca ogni giorno circa 3,2 kg di scorie e, in trent anni, circa trenta tonnellate; a parità di energia erogata, i rifiuti generati da un impianto a carbone ammonterebbero a circo 8 milioni di tonnellate (una quantità in peso volte superiore). Tale dato sconta il fatto che le scorie nucleari presentano una pericolosità ambientale molto più elevata delle scorie prodotte da impianti alimentati con combustibili di origine fossile con la conseguente necessità per il loro lo stipamento di siti geologicamente stabili e dotati di strutture capaci di schermare radiazioni. A tale proposito, in Tabella 4 sono riportati i costi medi di dismissione (decommissioning) di un impianto nucleare, i costi di inertizzazione e smaltimento del combustibile esaurito (scorie radioattive) ed i costi esterni, cioè i costi correlati alla emissione di gas serra e di sostanze pericolose durante il ciclo di vita dell impianto e quelli correlati al rischio derivante dalle radiazioni ionizzanti dovute ad eventuali incidenti e dovute alla fase di estrazione in miniera del combustibile. L analisi dei dati mostra che il costo di dismissione incide sul costo di produzione finale dell energia elettrica per circa il 6%, contro il 10% del costo di smaltimento delle scorie radioattive ed il 13% dei costi esterni. Recentemente l Associazione di scienziati italiani che ha nome Galileo ha caldeggiato l uso del nucleare, a suo tempo abbandonato più per motivi emozionali che per serie opinioni scientifiche, giungendo a scrivere in tal senso al Presidente della Repubblica. Con un tempo di costruzione inferiore ai 10 anni potrebbero realizzarsi 40 La Termotecnica Ottobre 2007

6 036-41_TER_ott_asdrubali :35 Pagina centrali nucleari, portandoci così al livello degli altri Paesi, sempre che sia possibile riaprire un dialogo chiaro e sincero con la popolazione, sino ad oggi ingannata e spaventata da false informazioni. Per quanto riguarda gli impianti operanti con fonti di energia rinnovabile, la tipologia più conveniente in termini di costi di produzione dell energia elettrica risultano le centrali idroelettriche: 0,025 /kwh contro 0,080 /kwh dell energia eolica e 0,140 /kwh dell energia fotovoltaica. Si precisa che anche nel caso delle fonti di energia rinnovabili è prevista comunque una quantità di emissioni di CO 2eq relative alla fase di realizzazione delle infrastrutture e dei componenti costituenti l impianto, alla fase di trasporto dei componenti suddetti ed alle fasi di realizzazione, gestione, manutenzione e dismissione dell impianto vero e proprio; in tal senso gli impianti migliori sono anche in questo caso le centrali idroelettriche con 4 gco 2 /kwh contro i 36 gco 2 /kwh dell eolico ed i 193 gco 2 /kwh del fotovoltaico con pannelli in silicio policristallino. È interessante osservare che gli impianti eolici e quelli funzionanti con pannelli fotovoltaici, sebbene classificati come impianti alimentati da fonti di energia rinnovabile, producono emissioni di CO 2eq maggiori di quelle delle centrali nucleari. In termini di tempo di ritorno dell investimento, calcolato in base alla taglia tipica di ciascuna tipologia di impianto, le centrali idroelettriche con circa 2 anni sono la tipologia più conveniente, seguita dagli impianti eolici (3 anni circa) e dagli impianti fotovoltaici (8 anni circa). Una considerazione importante ai fini dell impatto ambientale può essere fatta prendendo in esame la porzione di CO 2eq /kwh imputabile alle sole fasi di realizzazione delle infrastrutture e dei singoli componenti costituenti l impianto. Per una centrale termoelettrica alimentata a gas naturale, a fronte di un valore di emissione di circa 500 gco 2eq /kwh, la quota relativa alle fasi di realizzazione dell infrastruttura (produzione del cemento e dell acciaio, estrazione di materiale lapideo ecc.) e delle apparecchiature ausiliarie, alle fasi di gestione e manutenzione dell impianto e alle fasi di smantellamento dello stesso costituisce appena lo 0,004% (2 gco 2eq /kwh) della quota complessiva. Per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili le fasi suddette rappresentano invece l unico contributo. Ipotizzando quindi lo stesso tempo di vita (15 anni) e la medesima potenza (400 MW) per una centrale a ciclo combinato CCGT, per una centrale eolica e per un impianto fotovoltaico, prendendo a riferimento le ore di funzionamento medie annue specifiche di ciascuna tipologia di impianto, si ottiene che per un impianto eolico le emissioni di CO 2eq risultano maggiori di quelle di una centrale CCGT per i primi 2 mesi di esercizio. Per un impianto fotovoltaico tale periodo sale a 3, 5 e 9 mesi di esercizio a secondo rispettivamente della tecnologia utilizzata: silicio amorfo, silicio monocristallino e silicio policristallino. Anche se presenti nella Tabella, nel confronto non sono state prese in considerazione le celle a combustibile. Tale tecnologia è ancora lontana dalla maturità pertanto i costi di produzione dell energia elettrica non sono ancora comparabili con le altre tipologie di impianto (così come anche riportato nel Rapporto Energy Technologies Perspectives, pubblicato dall IEA nel 2006, insieme ad analoghe considerazioni sull idrogeno). [Segue seconda parte] La seconda parte dell articolo verrà pubblicata nel numero di novembre e riguarderà la situazione energetica italiana, il contributo delle biomasse, le conclusioni nonché la bibliografia. La Termotecnica Ottobre

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo

Università degli Studi di Bergamo Università degli Studi di Bergamo PROSPETTIVE ENERGETICHE E GREEN ECONOMY NEL CONTESTO ITALIANO Antonio Perdichizzi 1 Motivi della grande attualità del problema dell ENERGIA Impatto ECONOMICO - prezzo

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive

Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive Il Protocollo di Kyoto e fonti di energia alternativa Storia, significati e prospettive In collaborazione con Laura Palomba I CAMBIAMENTI CLIMATICI ED IL PROTOCOLLO DI KYOTO L effetto serra è un fenomeno

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara Dipartimento di Fisica Università di Ferrara INFM/CNR UdR di Ferrara L energia solare per la produzione di idrogeno Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università

Dettagli

L applicazione della direttiva sull emission trading

L applicazione della direttiva sull emission trading L applicazione della direttiva sull emission trading FIRE Il mercato dell efficienza energetica: opportunità legate all incontro fra gli attori 19-20 ottobre 2006 Isola di S. Servolo Venezia Mario Contaldi

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20

Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì. Il pacchetto clima energia 20-20-20 Hera ti insegna un mestiere a scuola Gruppo Hera e Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi di Forlì Il pacchetto clima energia 20-20-20 Sessione 1 La strategia 20-20-20: cos è e a quali problemi

Dettagli

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI

I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI I CAMBIAMENTI CLIMATICI E LO SVILUPPO DELLE ENERGIE RINNOVABILI Ing. Manlio Palmarocchi STES SONO ANNI CHE STES, SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI E DEI RISULTATI CHE ARRIVANO DALL ONU ATTRAVERSO L IPCC, UNO

Dettagli

Obiettivo di Kyoto 2012

Obiettivo di Kyoto 2012 Un miliardo e seicentonovantadue milioni di euro in fumo: l autogol dell Italia su Kyoto L Italia continua a non definire una strategia per il rispetto del protocollo di Kyoto e paga dazio. L anno che

Dettagli

Le centrali elettriche

Le centrali elettriche Le centrali elettriche Prof. Giuseppe Capuano Presentazione realizzata nell a.s. 2000/2001 dagli alunni della S.M. di Navacchio e aggiornata negli anni seguenti Vantaggi uso energia elettrica 1. L energia

Dettagli

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO

LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO LE FONTI RINNOVABILI ED IL LORO UTILIZZO. APPLICAZIONI NEL CAMPUS DI FISCIANO Prof. Ing. Ciro Aprea Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Salerno DEFINIZIONE SI POSSONO DEFINIRE

Dettagli

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO

CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2013-14 CONFERENZA DI RIO E PROTOCOLLO DI KYOTO Conferenze Mondiali sul clima

Dettagli

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili Nella fisica classica l'energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Le

Dettagli

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005 Comitato per la valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

REDRAWING MAP. World Energy Outlook Special Report. SINTESI Italian translation RIDEFINIRE IL QUADRO ENERGIA-CLIMA

REDRAWING MAP. World Energy Outlook Special Report. SINTESI Italian translation RIDEFINIRE IL QUADRO ENERGIA-CLIMA REDRAWING THE ENERGY-CLIMATE MAP World Energy Outlook Special Report SINTESI Italian translation RIDEFINIRE IL QUADRO ENERGIA-CLIMA Rapporto Speciale del World Energy Outlook AGENZIA INTERNAZIONALE PER

Dettagli

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti

Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti Clima e il Protocollo di Kyoto Approfondimenti BIOSOST BIOSOST di Roberta Di Monte 12/10/2013 C'è un piacere nei boschi senza sentieri, c'è un'estasi sulla spiaggia desolata, c'è vita, laddove nessuno

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

TOTEDA FRANCESCO 2 OPA

TOTEDA FRANCESCO 2 OPA TOTEDA FRANCESCO 2 OPA Che cos è l energia Che cosa sono le fonti rinnovabili Energia solare Pannello solare termico Pannello fotovoltaico Energia eolica Centrali idroelettriche Forme di energia non rinnovabili

Dettagli

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni

ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni ENERGIA PULITA GLOBALE: Un opportunità da $2.3 trilioni SOMMARIO ESECUTIVO Negli ultimi cinque anni, l economia dell energia pulita è emersa in tutto il mondo come una nuova, grande opportunità per gli

Dettagli

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS

Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Un passo avanti e due indietro: il settore termoelettrico nel sistema EU ETS Milano, 28-02-06 www.kyototarget.org Per approfondimenti: Davide Zanoni, zanoni@avanzi.org Tel. 02-36518110 Cell 333 4963144

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Petrolio, gas e lo sviluppo delle energie alternative

Petrolio, gas e lo sviluppo delle energie alternative Lodi, 19.12.2008 Renzo Capra Petrolio, gas e lo sviluppo delle energie alternative I prezzi delle materie prime energetiche Il prezzo del petrolio rimane il prezzo direttore dell energia (anche se circa

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI

G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI G.B. ZORZOLI INTRODUZIONE ALLE FONTI RINNOVABILI Pisa, 03.02.09 ENERGIA SOLARE COME FONTE DELLE ENERGIE RINNOVABILI RADIAZIONE SOLARE VERSO TERRA: 173.000 TW RIFLESSIONE VERSO LO SPAZIO (SOPRATTUTTO NUBI):

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013

Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Liceo Scientifico Palli Classe II B Analisi ambiente e gestione del territorio. Monitoraggio della qualità dell aria dell ARPA 22 ottobre 2013 Torgnon si trova nel nord-est della Valle d Aosta a 2070 metri

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I

La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I Corso di formazione per tecnici comunali La componente energetica nel contesto europeo e nazionale Parte I f. loiodice 2 Il contesto internazionale Il grafico rappresenta gli usi di fonti primarie (in

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione

TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI. Introduzione TECNOLOGIE DELLE ENERGIE RINNOVABILI Introduzione Giuseppe Franchini Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate Università degli Studi di Bergamo 1 Principi di conversione dell energia Energia PRIMARIA

Dettagli

WoodRoll. La più grande opportunità economica del nostro tempo. GREENOVA AB - Nedre Humlebacken 24-791 44 Falun, Falun (Sweden)

WoodRoll. La più grande opportunità economica del nostro tempo. GREENOVA AB - Nedre Humlebacken 24-791 44 Falun, Falun (Sweden) WoodRoll Green Power Il processo messo a punto da Cortus AB è basato su una nuova tecnologia di gassificazione della biomassa il suo nome è WoodRoll. WoodRoll è una tecnologia di gassificazione per la

Dettagli

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE

Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Ottimizzare la gestione dell energia: soluzioni tecnologiche per le aziende Ivano Olivetti - Ricercatore ENEA Seminario tecnico GESTIONE DELL ENERGIA: SOLUZIONI AZIENDALI E TECNOLOGICHE Vicenza 01 febbraio

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015

CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO. a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO DI GEOGRAFIA CLASSI PRIME TECNICO GRAFICO a.s. 2014/ 2015 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO GEOGRAFIA CLASSI PRIME Tecnico Grafico a.s. 2014 / 2015 COGNOME : NOME: CLASSE:. Il

Dettagli

LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS # $ % & ' ( )* # +,

LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS # $ % & ' ( )* # +, LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS!" # $ % & ' ( )* # +, Apparecchiature Per quanto riguarda le apparecchiature, le indicazioni principali per i golf club e porticcioli riguardano: la sostituzione di lampadine

Dettagli

TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA PRODUZIONE INNOVATIVA DI ENERGIA

TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA PRODUZIONE INNOVATIVA DI ENERGIA TECNOLOGIA DEI MATERIALI PER LA PRODUZIONE INNOVATIVA DI ENERGIA A.A. 2007/2008 Dott. Ing. Vincenzo Esposito Dipartimento Scienze e tecnologie Chimiche Università di Roma Tor Vergata La grande crescita

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

paragrafo UNITÀ D L Europa delle energie Copyright 2009 Zanichelli editore

paragrafo UNITÀ D L Europa delle energie Copyright 2009 Zanichelli editore D L Europa delle energie paragrafo 1 Il quadro energetico 1 Il quadro energetico 2 I combustibili fossili 2 I combustibili fossili 2 I combustibili fossili 2 I combustibili fossili 1 Il quadro energetico

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

Scenario sulle rinnovabili

Scenario sulle rinnovabili Scenario sulle rinnovabili Gabriele NICOLIS Direzione Commerciale e Marketing Verona, 10 febbraio 2012 Energia: il target dell Europa Libro Verde sul Risparmio energetico dell'unione Europea... la necessità

Dettagli

Aderente a. Sirmione 19 Novembre 2009

Aderente a. Sirmione 19 Novembre 2009 Sirmione 19 Novembre 2009 1 IL RUOLO DELLE E.S.CO. LE TESI CONTRAPPOSTE SUL CLIMA NICHOLAS STERN: CLIMA E VERA EMERGENZA IL NON AGIRE PER RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS SERRA COSTEREBBE FRA IL 5 % ED IL 20%

Dettagli

SOLARE TERMODINAMICO: I MITI DA SFATARE

SOLARE TERMODINAMICO: I MITI DA SFATARE SOLARE TERMODINAMICO: I MITI DA SFATARE Mito n. 1 La tecnologia per produrre energia elettrica dall energia solare è quella fotovoltaica Esistono altre tecnologie che utilizzano la potenza abbondante e

Dettagli

Liceo Classico L. Ariosto Classe 5ªF

Liceo Classico L. Ariosto Classe 5ªF Liceo Classico L. Ariosto Classe 5ªF Anno scolastico 2005/2006 Energie alternative Quali vie sono percorribili? Fare opera di sensibilizzazione e divulgazione scientifica all interno della scuola e sul

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile

nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile Fonti rinnovabili e nucleare: nuove tecnologie per lo sviluppo sostenibile del sistema elettrico italiano Ing. Paolo Ricci Consigliere Delegato di TerniEnergia Milano 9 ottobre 2009 - Palazzo Mezzanotte

Dettagli

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3.1 LA CONGIUNTURA ELETTRICA NAZIONALE I dati relativi alla congiuntura elettrica nazionale possono essere ricavati dai seguenti rapporti: > Dati statistici

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia Progettazione Installazione e Vendita Impianti Fotovoltaici chiavi in mano Solare Termico Mini Eolico soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO HORUS ENERGY,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006

Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 1990-2006 Le emissioni atmosferiche delle attività produttive e delle famiglie Anni 99-26 28 gennaio 29 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 6 4673.2243-2244 Centro di

Dettagli

UNO SGUARDO SULL ENERGIA

UNO SGUARDO SULL ENERGIA UNO SGUARDO SULL ENERGIA Staff Scienza Attiva Centro Interuniversitario Agorà Scienza Facciamounpo d ordine Checos èl energia? Comesimanifestaconcretamente? Qualiformepuòassumere? E possibilepassaredaunaformadienergiaall

Dettagli

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas?

Agenda. Energia nel Mondo. La storia del Petrolio. Il Petrolio sta per finire? E il Gas? ENERGIA.. Agenda Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 2 Energia nel Mondo La storia del Petrolio Il Petrolio sta per finire? E il Gas? 3 Quanta energia consumiamo

Dettagli

RISERVE FOSSILI LIMITATE E CRISI ENERGETICA

RISERVE FOSSILI LIMITATE E CRISI ENERGETICA RISERVE FOSSILI LIMITATE E CRISI ENERGETICA Circa l'80% dell'energia primaria utilizzata nel mondo proviene dai combustibili fossili 35% dal petrolio 21,2% dal gas 23,3% dal carbone Negli ultimi 150 anni

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014

Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 Forse leggermente? CONVEGNO ASSOCARBONI Sistema elettrico italiano e scenari energetici futuri 28 Marzo 2014 In Italia crediamo che Rinnovabili prevenzione Con le rinnovabili che hanno prodotto il 100%

Dettagli

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà?

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Prof. Paolo Spinelli POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica 13 Ottobre 2008, Cuorgnè

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

PRESENTAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI

PRESENTAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI PRESENTAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI LA NOSTRA AZIENDA ENERALTERNATIVE E UN IMPRESA SPECIALIZZATA NELLA COMMERCIALIZZAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER L ECOLOGIA E PER L AMBIENTE PRESENTE SUL TERRITORIO

Dettagli

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI

GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI GREEN JOB: LE NUOVE PROFESSIONI Ing. Daniele TESTI Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi (DESE) Università di Pisa Definizione di Green Job secondo l ILO (International Labour Organization)

Dettagli

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it

FOR A NEW LIFESTYLE. www.cleanpowerenergia.it FOR A NEW LIFESTYLE www.cleanpowerenergia.it LA CITTÀ STA CAMBIANDO: CAMBIA IL TUO STILE DI VITA. www.cleanpowerenergia.com LA FILOSOFIA DI CLEANPOWER PENSA ALTERNATIVO CONDIVIDI IL CAMBIAMENTO COSTRUISCI

Dettagli

Il treno, amico del clima

Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima Il treno, amico del clima IL TRENO PROTEGGE IL CLIMA Il treno è il mezzo di trasporto che più di tutti rispetta l ambiente e il clima. Produce basse quantità di gas serra, consente

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Fotovoltaico Parte II: chi beneficia del Conto Energia?

Fotovoltaico Parte II: chi beneficia del Conto Energia? Fotovoltaico Parte II: chi beneficia del Conto Energia? In merito all articolo Il fotovoltaico per la diminuzione delle emissioni di anidride carbonica in atmosfera: davvero conviene? 1, è stato fatto

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI

Università degli Studi di Firenze. Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Università degli Studi di Firenze Facoltà di Architettura Dipartimento di Tecnologia e Design Pierluigi Spadolini Energetica: obiettivi, norme e gas climalteranti. Prof. Ing. GIORGIO RAFFELLINI Programma

Dettagli

g{x XÇxÜzç V{tÄÄxÇzx Nella società moderna l energia è uno dei parametri essenziali per garantire un buon livello di vita della popolazione

g{x XÇxÜzç V{tÄÄxÇzx Nella società moderna l energia è uno dei parametri essenziali per garantire un buon livello di vita della popolazione Physics Today, Aprile 2002 g{x XÇxÜzç V{tÄÄxÇzx Nella società moderna l energia è uno dei parametri essenziali per garantire un buon livello di vita della popolazione L energia è un settore in cui è importante

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO

In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO In.I.M.I. INIZIATIVA ITALIANA MOBILITÀ A IDROGENO Verso un Piano Nazionale di Sviluppo delle Infrastrutture per il Rifornimento di Idrogeno nei Trasporti Marzo 2015 2 SELEZIONE DI DATI PRELIMINARI Valore

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali

Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Area Previsione e Monitoraggio Ambientale Torino 21-9-2006 2006 Il protocollo di Kyoto: azioni di mitigazione e scenari futuri globali Corso-Laboratorio Educazione Ambientale Modulo Il Cambiamento Climatico

Dettagli

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE

Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE Musica e CO2 STUDIO PRELIMINARE a. Finalità e ambito dell intervento Questo primo studio è volto alla ricerca e all analisi di dati sulle emissioni di CO2 relative agli eventi musicali nel loro complesso

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici

APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici Aspetti di sicurezza ed ambientali delle reti di trasporto e distribuzione del gas naturale Premessa La ratifica del Protocollo di Kyoto,

Dettagli

Introduzione al convegno

Introduzione al convegno Workshop Il mercato elettrico: struttura, meccanismi e formazione del prezzo dell'energia elettrica. Ferrara, 29 giugno 2011 Introduzione al convegno Prof. Michele Pinelli Dipartimento di Ingegneria Introduzione

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli