Generali, margini in crescita e premi 2011 a 74 miliardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Generali, margini in crescita e premi 2011 a 74 miliardi"

Transcript

1 Generali, margini in crescita e premi 2011 a 74 miliardi Il business vita dovrebbe mantenere sostanzialmente invariato il proprio contributo a tre miliardi, grazie alla conferma della buona redditività di questa area d affari, mentre migliora l apporto dei danni, che dovrebbero consuntivare un risultato operativo nell ordine di 1,5 miliardi merito l ottimo andamento del combined ratio, che dovrebbe migliorare di circa due punti fissandosi al di sotto della soglia del 97% lungo un itinerario che dovrebbe portarlo al 96 per cento a regime. Il gruppo dovrebbe chiudere il 2011 con premi in crescita a 74 miliardi, di cui 51 nel vita, che resterà sostanzialmente stabile, e quasi 23 nei rami danni, che dovrebbero presentare una crescita di circa il 2% riproponendo i dati dei primi sei mesi. Attesi a breve novità sulla joint venture in Russia, mentre prosegue l espansine in Asia sia nell attività assicurativa tradizionale sia nell asset management. foto di Marino Sterle

2 foto di Marino Sterle Sede di Trieste di Gabriele Crozzoli Il primo semestre di Generali e le idee per il futuro spiegate da Giovanni Perissinotto Generali archivia il primo semestre con risultati superiori alle attese e si prepara a chiudere il 2011 con circa 74 miliardi di premi, di cui 51 nel vita, che resterà sostanzialmente stabile, e quasi 23 nei danni, che dovrebbe presentare una crescita di circa il 2% riproponendo i dati dei primi sei mesi. E se non ci sarà un ulteriore deterioramento dello scenario finanziario, il risultato operativo dovrebbe fissarsi in prossimità dei 4,5 miliardi e l utile netto avvicinarsi a quota 1,8 miliardi. Risultati conseguiti merito una strategia finalizzata a confermare la crescita nel business danni, salvaguardare il posizionamento e la redditività nel vita accanto ad un ulteriore sviluppo dell asset management, che presenta dimensioni più contenute dei principali competitor, anche se mette in luce una redditività decisamente superiore.

3 Risultati conseguiti merito anche la diversificazione geografica conseguita grazie ad una strategia di sviluppo lungimirante e accorta, ma perseguita con determinazione dallo staff che affianca Perissinotto alla guida di un gruppo che è riuscito a salvaguardare la propria identità storica respingendo l assalto a cui è stata sottoposta anche nel recente passato da forze estranee alla cultura e alla storia di un gruppo che affonda le sue radici nella cultura assicurativa nata e sviluppatasi nel cuore della mitteleuropa dell Ottocento. Ma ritorniamo al presente ricordando che, come puntualizza Giovanni Perissinotto, Group Ceo di Generali, abbiamo conseguito posizioni di leadership nei principali mercati di riferimento e raggiunto una diversificazione geografica importante, con presenze significative in alcune fra le principali aree caratterizzate da potenziali di sviluppo molto elevate ed ora vogliamo continuare a crescere nei danni, dove siamo migliorati nel combined ratio di circa due punti, mentre vogliamo salvaguardare il posizionamento nel vita, la cui redditività è stata confermata a livelli di eccellenza anche in questo difficile Una crescita che interesserà quasi tutti i mercati a partire da quelli dell Est Europa dove Generali vuole rafforzare il proprio ruolo su mercati ove il combined si colloca al di sotto del 90 per cento; uno dei migliori del gruppo e di tutti gli operatori presenti nell area. Ma nel contempo, prosegue il Ceo, vogliamo sviluppare l asset management in linea organica in Italia, dove Banca Generali ha ottenuto ottimi risultati ed è diventata un benchmark per tutto il settore, mentre Bsi proseguirà nella sua crescita esogena con focus sull Asia dove il gruppo ha già ottenuto risultati importanti, attraverso la sede di BSI a Singapore. Per l area sono confermati gli ambiziosi target di 30 miliardi di dollari di masse gestite entro il 2015; 15 volte superiori ai 2 miliardi del Il Gruppo Generali è inoltre presente nell area con una joint venture con l asset manager cinese Guotai, uno dei principali operatori del mercato. La joint venture consente a Generali di entrare nel settore degli investimenti istituzionali in Cina e allo stesso tempo di offrire la possibilità agli investitori asiatici di investire in Europa. Iniziative importanti sono previste anche nel vita perché, precisa il capo azienda, vogliamo salvaguardare i soddisfacenti margini di profittabilità lavorando sull efficienza operativa e la vendita di prodotti con minor assorbimento di capitale. In sostanza, conclude, vogliamo rafforzare il peso delle coperture di rischio anche in ottica Solvency. Ed è proprio grazie anche a tutto ciò che il colosso triestino delle polizze è giunto al giro di boa del 30 giugno 2011 con risultati superiori alle attese, anche se sconta gli effetti delle turbolenze che imperversano sui mercati finanziari. Il risultato operativo migliora di circa il 13% a 2,4 miliardi merito il buon andamento dei danni, che beneficiano del progresso di ben 2,3 punti al 96,5% del combined ratio, e la tenuta delle performance vita, i cui risultati operativi migliorano del 6,1% a 1,663 miliardi pur in presenza di una riduzione

4 del 23,4% a 10,3 miliardi dei premi unici, che sono meno redditizi, accanto a una crescita del 3,8% a 12,9 miliardi dei profittevoli premi annui. Buona anche la tenuta del patrimonio netto, che flette dell 1,5% a 17,231 miliardi a causa della riduzione della riserva available for sale per 360 milioni derivanti per 120 milioni dagli investimenti in equity e per 249 dalla componente bond. Una dinamica che però non preoccupa eccessivamente il colosso triestino poiché, come precisa Perissinotto, la nostra struttura patrimoniale è solida ed equilibrata e la generazione di cassa riveniente dalla gestione corrente ci permette di sostenere tutti i piani di crescita organica previsti dai nostri progetti di medio termine oltreché sostenere l assegnazione di un dividendo interessante per gli azionisti e far fronte al servizio del debito. Chiaro però che, prosegue il capo azienda, se dovessimo attuare operazioni straordinarie dovremo trovare le forme per finanziarle. Ma, aggiunge, oggi non vediamo nessun target. E fra le operazioni straordinarie, conclude Perissinotto, è esclusa quella russa, ove abbiamo individuato il Gruppo Vtb come possibile partner per costituire una joint venture dove entrambi apporteremo gli asset presenti nell area sviluppando poi il business con investimenti su: prodotti, piattaforme informatiche/tecnologiche, rete quant altro sia funzionale alla crescita. Un operazione che, faremo ogni sforzo per portare a termine entro l anno anche perché noi vogliamo crescere e completare la presenza nell Est Europa estendendola alla confederazione Cis con Bielorussia e Ucraina; l area ove sarà attiva la joint che stiamo costruendo con i russi di Vtb. Area popolata da oltre 200 milioni di abitanti e con un alto potenziale di crescita e dove il business va bene sia nei danni sia nel vita. Ed è proprio per cogliere queste grandi opportunità di sviluppo che, continua il Ceo, abbiamo predisposto le condizioni per realizzare un accordo profittevole, che vada oltre la bancassurance e si estenda ai canali diretti per il retail e ai brokers per il corporate. Una trattativa che però è stata complicata dalle turbolenze che si sono abbattute sui mercati finanziari, anche se a Trieste sono ottimisti sulla possibilità di concludere in modo profittevole entro fine anno. Un esercizio, quello in corso, indirizzato su quel percorso virtuoso che ha contrassegnato il primo semestre. Generali si prepara infatti a chiudere il 2011 con buoni risultati se non subentreranno altri fattori esogeni sui mercati finanziari. L esercizio in corso dovrebbe in sostanza riflettere i progressi evidenziati nei primi sei mesi ed i premi emessi dovrebbero fissarsi nell intorno di 74 miliardi, di cui 51 nel vita, che resterà sostanzialmente stabile, e quasi 23 nei danni, che dovrebbe presentare una crescita di circa il 2% riproponendo i dati dei primi sei mesi.

5 E se non ci sarà un ulteriore deterioramento dello scenario finanziario, il risultato operativo dovrebbe fissarsi in prossimità dei 4,5 miliardi, raggiungendo la parte alta del range fissato nei target comunicati al mercato: fra i 4 e i 4,7 miliardi. Un risultato a cui contribuirà in modo significativo il vita poiché l utile operativo dovrebbe restare sostanzialmente stabile a circa 3 miliardi. Di rilievo assoluto i progressi nei danni poiché il contributo dei rami elementari dovrebbe crescere a circa 1,5 miliardi merito i citati progressi nel combined ratio. Tale indicatore dovrebbe migliorare di quasi due punti, scendendo al di sotto del 97 per cento, con l Italia che registra un progresso di due-tre punti intorno al 97%. Risultati grazie ai quali il target del 96% dovrebbe essere raggiunto in anticipo sui tempi previsti. Positivo, come ricordato, l andamento dell Est Europa, che dovrebbe presentare un risultato operativo in ulteriore progresso poiché dovrebbe superare di slancio i 400 milioni per tendere a 450 milioni. Buona l evoluzione attesa in Germania, che dovrebbe mantenere la sua ottima combined tra il 95 e il 96 per cento. Dinamiche che lasciano ben sperare poiché l attuale velocità di crociera del gruppo permette di ipotizzare un utile netto che potrebbe collocarsi in prossimità di 1,8 miliardi, con un apporto del secondo semestre di un miliardo e quindi sostanzialmente simile ai dati del primo semestre depurati dalle svalutazioni salvo il sopraggiungere di ulteriori scossoni. Un risultato a cui darà un contributo la redditività media degli asset under management di terzi, che, come ricordano con orgoglio, è la più elevata fra i competitor. Generali, con masse di terzi in gestione per 100 mld di euro, presenta infatti un risultato operativo stimabile a circa 400 milioni a fine anno sulla base di una redditività che dovrebbe confermare i dati del primo semestre, quando è stata di 40 punti base. Risultati sui quali si rifletteranno pure gli effetti delle strategie implementate dal gruppo, a partire dal business mix. Generali, ricordano a Trieste, vuole mantenere nell ambito dei danni il focus sullo sviluppo del business retail, specialmente nei rami non auto, con l intento di preservare le quote di mercato nei paesi maturi e di incrementarle nelle aree a maggiore potenziale. Nel contempo, aggiungono, proseguiremo nello sviluppo e nel potenziamento dei nostri canali distributivi, soprattutto con riferimento alle reti proprietarie e al canale diretto. Dall altro lato, precisano, stiamo studiando le misure più adeguate per ristrutturare la nostra presenza nei rami corporate per aumentare la quota in questo settore, rendendo più competitiva la nostra offerta pur mantenendo sempre rigorose le politiche di sottoscrizione. Le iniziative previste nel vita sono invece indirizzate a mantenere, consolidandoli nel tempo, quei margini di profittabilità che fino ad ora sono stati soddisfacenti. Obiettivo da perseguire anche a scapito dei volumi, se necessario, e lavorando sull incremento dell efficienza operativa oltreché sulla vendita di prodotti con minor assorbimento di capitale. In generale, precisano, ci orienteremo verso il rafforzamento del peso delle

6 coperture di rischio, che per loro natura non risentono dell andamento dei mercati finanziari e che evidenziano una profittabilità sopra la media, anche in ottica Solvency II. Novità importanti sono attese pure nel segmento finanziario, dove ci aspettiamo un trend di sviluppo negli anni a venire, anche sfruttando le buone prospettive di crescita nei mercati emergenti dall Asia transitando per l Est Europa. È opportuno ricordare al riguardo che il Gruppo, ricordano a Trieste, sta raccogliendo risultati molto significativi in Asia, innanzitutto grazie al processo di acquisizione di Private Bankers sul mercato di Singapore e Hong Kong avviato alla fine del 2009 attraverso la controllata Banca della Svizzera Italiana (Bsi), che ha rafforzato la propria rete con 280 nuovi private bankers". Lo scorso anno è diventata inoltre operativa la Joint Venture con Guotai, compagnia leader nel mercato dell asset management con base a Hong Kong e uno dei pochi asset manager cinesi autorizzati a gestire ogni classe di attivi. La joint, proseguono, ci consente di entrare nel settore degli investimenti istituzionali in Cina e allo stesso tempo di offrire la possibilità agli investitori asiatici di investire in Europa. Il tutto con un preciso obiettivo: sviluppare maggiormente il segmento finanziario, anche al fine di beneficiare di una maggior diversificazione del business e di un più equilibrato contributo in termini di risultato. Va anche sottolineato come tale politica è coerente con l obiettivo di ridurre l assorbimento di capitale in ottica Solvency II, essendo in particolare il segmento finanziario caratterizzato da un livello di assorbimento inferiore rispetto al Vita. Generali si pone inoltre l obiettivo di consolidare e rafforzare la diversificazione geografica conquistata in questi anni con una lungimirante e accorta politica di acquisizioni come sostiene il capo azienda contestando le critiche che alcuni operatori avanzano su alcune acquisizioni. Noi, precisano a Trieste, siamo leader di mercato in Italia e abbiamo consolidato la propria posizione tra i maggiori gruppi assicurativi mondiali, acquisendo una crescente importanza sul mercato europeo occidentale, principale area di operatività e dove ci confermiamo uno dei primi operatori in Germania, Francia, Austria, e Svizzera, mentre occupiamo posizioni di rilievo anche in Israele e Argentina. Generali, proseguono, hanno poi una forte presenza nei mercati con alti potenziali di sviluppo come l Europa centro-orientale, dove siamo uno dei principali operatori in e dove vogliamo crescere come testimonia il citato progetto di espansione in Russia, che si basa su un accordo con un partner locale, la banca VTB, che ha più di mille sportelli, una clientela retail accanto a quella di grandi e medie imprese. Ma c è pure altro poiché siamo presenti in India e Cina, dove siamo leader tra le compagnie assicurative a partecipazione straniera a pochi anni dall ingresso su un mercato difficile.

7 L altro fronte su cui è impegnato lo staff che affianca Perissinotto al vertice del gruppo e che interessa una componente importante dei dipendenti è quello della continua ricerca di nuova efficienza operativa. Un programma avviato nel 2006 attraverso una serie d iniziative transnazionali definiti Skill & Scale based Programs e finalizzati ad aumentare l efficienza operativa, conseguire economie di scala e realizzare significative sinergie su costi e ricavi. Il gruppo si attendeva benefici per un miliardo di euro nel medio termine e tale target, ricordano con orgoglio, è stato raggiunto già a fine 2010, anche se i lavori proseguono poiché, concludono, il miglioramento dell efficienza operativa unitamente al contenimento dei costi di gestione restano tra i nostri principali pilastri strategici anche negli anni a venire ed è a questo fine che stiamo proseguendo nelle attività di razionalizzazione dell IT di Gruppo, nell ottimizzazione dei processi di liquidazione sinistri e nella ricerca di continue sinergie. C è poi il capitolo degli investimenti poiché, ricordano, Il focus delle strategie è rivolto a sostenere la redditività dei nostri portafogli e a ottimizzare il nostro profilo di ritorno sul capitale di rischio. La componente obbligazionaria continuerà ad essere orientata a sostenere la redditività corrente dei nostri portafogli, mantenendo l attuale mix tra titoli governativi e corporate, in linea con i nostri target e con il nostro profilo di rischio. Tuttavia, aggiungono, l investimento verso i titoli di credito corporate vedrà privilegiare emissioni con scadenze più brevi e con elevato standing creditizio, sia nel segmento Vita sia nel Danni, per ragioni legate al nuovo quadro normativo di Solvency II. Nella componente azionaria vogliamo invece mantenere un approccio prudente procedendo nel segmento Danni a una progressiva riduzione dell esposizione verso questa asset class per ridurre il capitale di rischio in relazione alle richieste di capitale previste da Solvency II. Nel vita, invece, sarà possibile mantenere un esposizione più elevata alle azioni e in generale avere un approccio più aggressivo nell asset allocation grazie alla presenza nel nostro portafoglio di prodotti a elevato valore intrinseco e quindi in virtù del maggiore excess capital a disposizione. Ed è proprio in quest ottica che nel vita, concludono, vogliamo continuare ad aumentare progressivamente il peso del comparto immobiliare per le potenzialità di apprezzamento di valore di questa asset class nel medio/lungo periodo, mentre nel segmento Danni si procederà a una riduzione dell esposizione avendo l obiettivo di una riduzione complessiva del capitale di rischio. Complessivamente, precisano, confermiamo il target di 30 miliardi di Euro di esposizione nell immobiliare nel medio termine.

8 Vertici della Società Struttura del gruppo Conto Economico Stato Patrimoniale Perissinotto, Galateri, Balbinot... Le opinioni degli analisti su Generali, cauti per il rischio paese Gli analisti sono divisi su Generali, ma le indicazioni di acquisto si rafforzano anche se i target sono spesso rivisti al ribasso per adeguarli all evolversi della congiuntura e dei rischi annessi. Generali è seguita da 33 analisti, e solo 4 suggeriscono di alleggerire le posizioni, mentre 11 consigliano di comprare e 17 di mantenere le posizioni in attesa della fine degli attacchi all'italia. Ecco di seguito la sintesi delle loro opinioni. Intermonte rilancia l outperform con target a 16 euro perché tratta a multipli decisamente depressi e questo non è giustificato anche perché ci aspettiamo una crescita significativa degli utili grazie anche al forte recupero dei risultati tecnici nei danni evidenziati dai risultati semestrali, ma previsti in progresso pure nei

9 prossimi anni. L analista della sim milanese resta positivo su Generali anche perché, conclude, apprezziamo la diversificazione del business per tipologia di attività e aree geografiche. Sociétè Générale alza la raccomandazione da hold a buy poiché reputano eccessiva la reazione di mercato alle recenti tensioni finanziarie, legate all accentuarsi del rischio sovrano di alcuni Paesi, e alle svalutazioni che hanno interessato il gruppo Telco e i bond greci. La Sim sottolinea inoltre i buoni risultati conseguiti nel primo semestre e più in particolare il miglioramento registrato nel business vita, l ottima performance nel Combined Ratio dell area danni, i progressi nell Embedded Value e le buone notizie sulla Solvency II. Mediobanca abbandona la cautela che ha caratterizzato le sue raccomandazioni per ben tre anni e passa da neutral ad outperform con target price alzato da 17 a 19 euro a maggio. Prezzo obiettivo oggi ridimensionato a 16 euro per incorporare l aumento dei rischi impliciti nello scenario congiunturale attuale senza però modificare quell indicazione di acquisto sostenuta da quattro motivi: risultati operativi migliori delle attese sia nei danni che nel vita, valutazioni particolarmente a sconto sull embedded value, l attesa di un netto progresso nella redditività grazie al forte recupero registrato in Italia e Germania nei danni, il forte posizionamento conquistato nell Est Europa, ove la redditività è elevata grazie anche a risultati tecnici fra i migliori al mondo. Ubs mantiene una posizione di cautela con rating neutral e riduce il prezzo obiettivo da 15 a 12,5 euro perché gli indici di solvibilità (solvency 1 ratio e il solvency ratio) risultano inferiori ai livelli riportati da altri grandi assicuratori europei. E questo, ricorda l analista della sim svizzera, aumenterebbe il rischio di deprezzamento con conseguente difficoltà sul percorso avviato per la costituzione della joint venture in Russia. Buone notizie, invece, dai risultati semestrali poiché l utile ha risentito dei 283 miliardi di minori utili per le svalutazioni di Telco e dei bond greci, ma i risultati gestionali sono migliorati merito il forte recupero del combined ratio nei danni e il buon andamento del vita, oltreché per le ulteriori risorse a disposizione di un gruppo in grado di assorbire eventuali ulteriori difficoltà che si dovessero presentare sui mercati finanziari. Equita conferma il buy con target price limato da 17 a a 16,5 euro all inizio di agosto per incorporare l ulteriore riduzione dei prezzi dei titoli pubblici. L analista della Sim milanese resta comunque positivo sul titolo perché Generali ha conseguito un deciso progresso nella redditività dei danni, merito un mercato che è stato molto più disciplinato sui prezzi, una buona evoluzione del numero dei sinistri e e una combined ratio che ne ha beneficiato ed è significativamente migliorata grazie anche alle iniziative messe in atto dal management. Notizie positive anche dal ramo vita, che, come rileva l analista, potrà fare leva su un brand la cui forza continuerà a sostenere la crescita nel vita, ove i margini si mantengono interessanti. Il consiglio di

10 acquisto è infine sostenuto pure dalle potenzialità di performance in quanto a questi prezzi risulta decisamente elevata, anche se potrà manifestarsi solo quando verrà meno il rischio Italia. Banca Leonardo mantiene una posizione di cautela con il rating underweight perché nell attuale scenario congiunturale Generali incorpora più elementi di rischio che opportunità. E questo proprio perché la compagnia triestina, continua l analista della Sim milanese, ha una forte esposizione a quei titoli di Stato, fra i quali oltre 50 miliardi sull Italia. Merrill Lynch esprime giudizi lusinghieri sulla gestione, ma conferma la propria cautela e la raccomandazione neutral dopo aver limato il target price da 17,5 euro a 16 euro a seguito della maggiori rischi impliciti in uno scenario congiunturale che si conferma difficile con forti pressioni sui titoli di Stato, italiani inclusi. Il target è stato rivisto dalla Sim americana l 8 agosto per incorporare le preoccupazioni sull evoluzione dello scenario nell Europa Meridionale, anche se Generali presenta un potenziale di rivalutazione del 35% alle attuali quotazioni. L analista esprime poi giudizi lusinghieri sulla gestione poiché il gruppo ha superato le stime del 6% grazie ai forti progressi conseguiti nel combined ratio dei danni e alla tenuta della redditività del vita, mentre l'utile netto non ha raggiunto le aspettative a causa delle svalutazionidi Telco e dei titoli di Stato greci. Banca Akros conferma l indicazione di acquistare con rating accumulate perché il titolo presenta buone potenzialità di performance e pur avendo ridotto il target price da 18 a 14,5 euro per incorporare il peggioramento della congiuntura e l aumento dei rischi finanziari. L analista resta comunque positivo perché il titolo rappresenta una buona opportunità di investimento in quanto è stato eccessivamente penalizzato a causa degli scenari macro italiani, ma questo è ingiustificato poiché Generali è molto diversificata e il nostro paese rappresenta meno del 30% del business del gruppo. Deutsche Bank mantiene una posizione di cautela e a fine agosto ha confermato l hold limando il target price da 14 a 13,2 euro per adeguarlo al maggior livello di rischio implicito nell attuale dinamica dei mercati finanziari. L analista della Sim tedesca resta cauto anche perché non ravvisa particolari differenza a livello di rischio e solvibilità rispetto ai competitor europei, ma è più cara in un confronto con i multipli sugli utili attesi e offre un minor rendimento. Banca Imi ripropone l indicazione di acquisto con rating add e target a 15,5 euro perché i risultati del primo semestre sono incoraggianti e mettono in luce un deciso recupero dei risultati tecnici dei rami danni e la capacità di continuare a crescere nel vita, ove la redditività si mantiene buona. I giudizi positivi sono sostenuti anche dai significativi miglioramenti conseguiti e attesi nel combined ratio, mentre il new business

11 value del vita è aumentato del 7,3% dimostrando la capacità di sviluppo del reddito pur in presenza di una flessione della raccolta premi; flessine che dovrebeb comunque essere riassorbita in ragione d anno. Kepler passa da hold a buy con target price a 18 euro perché i risultati semestrali sono stati in linea con le attese anche se hanno scontato la svalutazione dei titoli di Stato della Grecia e la partecipazione in Telco; due operazioni che hanno avuto un impatto sull'utile di 283 milioni. L'analista esprime giudizi positivi anche perchè, ricorda nello studio dell'8 agosto, "il gruppo sarà in grado di affrontare anche i prossimi rischi, inclusa l'eventuale ristrutturazione del debito pubblico italiano, mentre migliorano sensibilmente risultati nei danni, in particolare nell'auto in Italia, ed emergono buone notizie sulla normativa del Solvency I. Lo studio ricorda inoltre i vantaggi di un modello di business ben diversificato e quelli di non avere alcuna esposizione significativa agli Stati Uniti e al Regno Unito. Natixis conferma la raccomandazione neutral e riduce il target price da 16,3 euro a 14 euro anche perché l'utile è risultato in linea con le attese della sim pur essendo stato penalizzato dal miliardo di svalutazioni sui titoli di Stato greci e della partecipazioni in Telco; due operazioni che hanno pesato per 283 miliardi sull'utile semestrale. L'analista nella nota dell'8 agosto suggerisce cautela anche per i maggiori rischi, sia diretti che indiretti, revenienti dalle attuali scenari dei mercati finanziari, mentre ricorda che il titolo della compagnia triestina continuerà ad essere influenzato dagli sviluppi economici e finanziari del nostro Paese. Exane mantiene una raccomandazione neutrale anche se aumenta il target price a 15 euro perché il gruppo è stato in grado di raggiungere un risultato operativo superiore alle attese grazie alla buona performance operativa nel segmento vita, che ha messo in luce nel primo semestre un risultato superiore del 30% rispetto al consensus. L analista della Sim francese, nel suo report dell 8 agosto, evidenzia inoltre i buoni risultati conseguiti sul fronte del combined ratio dei danni, anche se ricorda che tali dati hanno trovato un sostegno anche dalla recente regolamentazione italiana per le lesioni personali. L analista ricorda inoltre che i buoni risultati presentati nel primo semestre sono stati conseguiti pur scontando le svalutazioni registrate in Telco e nei titoli governativi greci. JP Morgan conferma il neutral con prezzo obiettivo fissato a 16 euro perché apprezza i buoni risultati registrati nel risultato operativo, grazie alle performance conseguite del ramo vita e ai progressi registrati nel combined ratio dei rami danni; progressi definiti superiore alle attese e ottenuti merito gli interventi realizzati negli ultimi anni sul fronte della ricerca di nuova efficienza e riduzione costi. L analista sottolinea comunque che la cautela è d obbligo negli attuali scenari dei mercati finanziari e nella sua nota del 5 agosto ricorda che le svalutazioni nette sono state superiori al previsto a causa dell andamento della crisi greca e dell adeguamento dei valori della partecipazione in Telco.

12 Cheuvreux conferma l underperform perché il business mix è sotto pressione, con l attività tradizionale del vita, quello con i minimi garantiti, che rappresenta una componente decisamente importante ma oggi è più rischioso e offre un ritorno contenuto anche in una visione di medio termine. La cautela è d obbligo anche perché, conclude l analista della sim francese, tratta a premio sul settore rispetto ai principali multipli mentre la struttura patrimoniale si è ulteriormente indebolita e si profila la possibilità di un aumento di capitale. Generali in Borsa si riavvicina ai minimi sotto i colpi del rischio Paese Le tempeste che hanno percosso i mercati finanziari nelle ultime settimane continuano a scaricare sulle borse tuoni e fulmini con effetti terrificanti sulle quotazioni delle aziende, la cui volatilità ha raggiunti livelli di vera eccezione. Dinamica riproposta da Generali, che anzi registra valori ancora più marcati proprio perché viene assimilata a un titolo finanziario esposto al mercato domestico e quindi anche al destino di quel debito pubblico del nostro Paese oggi oggetto di aspri e virulenti attacchi da parte della speculazione. Un errore tecnicamente macroscopico perché, come sostengono gli analisti particolarmente attenti a questi fattori, Generali è profondamente diversificato anche geograficamente, tanto che in Italia, sulla base dei dati semestrali, raccoglie il 27,7% dei premi lordi consolidati, mentre l esposizione ai bond domestici è importante, essendo pari a 51 miliardi sulla base dei dati semestrali, ma marginale se comparata con i quasi 500 miliardi di attivo investito a livello di gruppo. Nonostante ciò, comunque, Generali ha subito un profondo ridimensionamento e mercoledì 14 settembre ha segnato l ennesimo minimo a quota 10,7 euro; valore pericolosamente vicino al minimo storico dell ultimo lustro registrato il 9 marzo del 2009 a 9,845 euro. Quotazione, questa ultima, inferiore di oltre il 70% rispetto al massimo degli ultimi cinque anni fatto segnare il 29 ottobre 2007 a quota 33,11 euro. Un picco a cui ha fatto seguito quell inesorabile riduzione di valore che ha portato i prezzi delle azioni del colosso triestino delle polizze ai minimi citati. Tracollo che nella sostanza ripropone l andamento dell indice di settore e del mercato nel suo complesso. Sulla base delle quotazioni di mercoledì 14 settembre Generali presenta infatti una performance negativa del 24,20% su tre mesi e un crollo del 29,77% su sei mesi. Un periodo nel corso del quale il DJ Stoxx insurance ha perso il 32,2% e il Fitse MIB il 37%; valori prossimi ai principali competitor in quanto Allianz e Axa nel periodo considerato hanno perso entrambi più del 40 per cento. Una dinamica che nella sostanza si ripresenta anche nel grafico che confronta le performance a un anno.

13 Dati da cui emerge la forza di una speculazione che penalizza in modo feroce e sovente senza selezione mercati e titoli, facendo leva troppo spesso sull emergere di notizie per la gran parte prive di fondamento e troppo spesso veicolate ad arte. Penalizzazione considerata eccessiva e ingiustificata dagli analisti, tanto che, dei 33 che seguono Generali, solo 4 suggeriscono di alleggerire le posizioni, mentre 11 consigliano di comprare e 17 di mantenere le posizioni in attesa della fine degli attacchi all Italia. L indicazione di acquisto giunge infatti da Banca Akros, Banca Imi, Equita, Ing, Intermonte, Kepler, Mediobanca, MF Global, Socgen, Standard & Poor s e West LB, mentre il consiglio di vendere arriva da Automomous research, Cheuvreux, Credit Swisse e Morgan Stanley. La raccomandazione di mantenere in portafoglio i titoli giunge invece da Banca Leonardo, Merrill Lynch, Barclays, Berenberg, Deutsche Bank, Exane, Goldman Sachs, Hsbc, Cazenove, Kbw, Macquarie, Main First, Natixis, Redburn, Royal Bank of Canada, Santander, Ubs e Unicredit. Titolo Generali Consigli degli analisti Stime di consenso degli analisti Consensus Analisti Criticità - Generali soffre l esposizione ai debiti sovrani e il titolo scende sui minimi I risultati semestrali sono stati superiori alle attese, ma tutto ciò svanisce sotto i colpi inferti dalla speculazione che continua ad imperversare indisturbata. I mercati finanziari continuano così a soffrire e la

14 volatilità resta decisamente elevata, mentre i tentativi di imboccare la strada del riscatto vengono annichiliti da una speculazione che si abbatte come un ciclone ogni qual volta emergono notizie in grado di scatenare le vendite. Uno scenario che penalizza in misura marcata Generali, il cui target price è limato progressivamente dagli analisti anche perché continua a salire il rischio implicito in un gruppo che ha rilevanti investimenti in titoli pubblici. Da rilevare al riguardo che fino a poco tempo fa il debito sovrano rappresentava un investimento conservativo, mentre oggi è considerato una zavorra capace di far naufragare anche la nave più solida. Scenario sul quale ha una responsabilità grandissima l incapacità dei governanti di governare trasmettendo massaggio chiari accompagnati da azioni concrete per riconquistare la fiducia dei mercati. Uno scenario complesso, che si trasmette anche sulla percezione di solidità di un gruppo che presenta risultati gestionali in deciso miglioramento e una struttura patrimoniale più che solida. Ed ecco che gli analisti iniziano a riflettere su una solvency buona ma non eccellente e sullo spettro di un aumento di capitale che non ha ragione di essere, ma che potrebbe presentarsi se continuerà a peggiorare la congiuntura del nostro Paese. Un altro tema che resta in sottofondo è quello della governance in quanto il mercato si attendeva una sterzata dopo le contrapposizioni che hanno caratterizzato la presidenza di Cesare Geronzi. Ma questa sterzata non c è stata e ancora oggi, come sottolineano i critici, alcuni elementi dello staff che affianca i Ceo forse non sono pienamente all altezza del compito loro assegnato. I mercati core dell Europa continentale: Generali consolida la leadership in Italia Generali vuole consolidare, rafforzandole, le posizioni conquistate nei principali mercati di riferimento del vecchio continente, dove è in corso anche un deciso miglioramento nella redditività del ramo danni accanto alla salvaguardia della buona profittabilità del vita, e quindi riteniamo utile presentare alcune schede sintetiche per illustrare ruolo e modalità operative del gruppo Generali sui principali mercati di riferimento dell area. Generali ha chiuso il primo semestre del 2011 con una raccolta vita a 6,3 miliardi, registrando una flessione del 6,6% per il calo della raccolta a premio unico a seguito di una precisa strategia commerciale focalizzata sul potenziamento della raccolta a premio ricorrente e, più in generale, sul collocamento di prodotti caratterizzati da una più alta profittabilità e da un minor assorbimento di capitale.

15 Una scelta che si è riflessa positivamente sui principali indicatori reddituali poiché il risultato operativo migliora dello 0,6% grazie alla buona tenuta dei margini tecnici e finanziari, che consente di mantenere la redditività di questa linea di business fra i livelli più alti del Gruppo e del mercato come ricordano con orgoglio a Trieste. Nel contempo il valore della nuova produzione (Nbv) ammonta a 180 milioni, in crescita del 29,4% e con margini che passano dal 16,2% al 20,9% attuale (18,4% a fine 2010) grazie all aumentata incidenza delle più profittevoli polizze Individuali a premio ricorrente. Sostanzialmente stabile, invece, la raccolta premi nell area danni, le cui performance sono in linea con l andamento del mercato assicurativo italiano. I premi del ramo Auto crescono così del 3,1% rispetto a fine giugno 2010, mentre il comparto non Auto registra una contrazione del 2,2% per effetto della politica di pulizia sui contratti meno redditizi. Nel contempo il net combined ratio, principale indicatore della profittabilità tecnica del settore danni, risulta in miglioramento di 2,3 punti percentuali grazie soprattutto ad un significativo calo della sinistralità, sia sul ramo Auto che sul settore non Auto, riconducibile agli effetti delle azioni di riforma del portafoglio e all attenta selezione dei rischi come si rileva dalla documentazione della compagnia. E tutto ciò si riflette sul risultato operativo del segmento Danni, che migliora di 62 milioni rispetto grazie essenzialmente al miglioramento del risultato tecnico, che beneficia della sopra citata evoluzione favorevole della loss ratio. Buone notizie anche dal vita poiché Generali si conferma leader di mercato in Italia, con una market share del 15% e una strategia distributiva è basata su un approccio multicanale, cosa che consente una più ampia copertura del mercato e delle diverse fasce di clientela. Il principale canale di vendita è rappresentato comunque dalle reti agenziali, ma vengono sfruttati anche i canali rappresentati da: broker, promotori finanziari, venditori salariati, canale diretto (telefono/web), bancassicurazione. Novità anche sul fronte delle strategie di prodotto poiché, come ricordano a Trieste, Generali vuole crescere nel segmento Vita rischio, nelle polizze a premio ricorrente e, più in generale, in tutti i prodotti a basso assorbimento di capitale e alta redditività in ottica Solvency 2. Nei danni, invece, la strategia è volta al mantenimento della prima posizione nel ranking di mercato preservando comunque i margini di redditività. A fine 2010 la quota di mercato del Gruppo Generali in Italia si attesta al 21,5% (fonte: ANIA). Più in dettaglio la strategia nei rami Danni è quella di focalizzarsi sullo sviluppo del profittevole segmento retail e sul potenziamento dei canali distributivi, in particolare del canale diretto. Contestualmente, al fine di mantenere adeguati livelli di redditività di portafoglio, il Gruppo intende, come già detto, mantenere la propria politica di rigore sottoscrittivo e proseguire nell attività di revisione delle polizze meno profittevoli.

16 Sede centrale di Trieste foto di... Direzione centrale Generali foto di... I mercati core dell Europa continentale: Generali e il ruolo della Germania Il primo semestre si è chiuso con una lieve flessione nei premi emessi rami vita a causa della contrazione nella raccolta dei premi unici in seguito alla strategia di orientarsi verso prodotti a maggiore profittabilità. Il risultato operativo risulta in calo, ma ciò è dovuto in particolare all impatto delle svalutazioni sui titoli governativi greci. Il new business value è in leggero progresso e beneficia dell aumento dei tassi di interesse. I premi emessi nei rami danni registrano invece un buona crescita, sia nel ramo auto dopo anni di stagnazione dell intero mercato sia nei rami non auto. I progressi nel combined ratio sono dovuti principalmente alle misure intraprese al fine di ridurre la sinistralità e beneficia dell assenza di impatti catastrofali, mentre il risultato operativo puntualizzano a Trieste - risulta sostanzialmente stabile: il minor contributo degli investimenti viene compensato dai progressi della parte tecnica grazie al minor combined. Da rilevare che, sottolineano alle Generali, il mercato tedesco è molto competitivo e a fine 2010 Generali occupava la 2 posizione nel segmento vita, la 6 nel malattia e la 6 nel ramo danni. Il gruppo è invece leader nel vita nelle polizze previdenziali a contributo statale Riester, nelle polizze Unit Linked e nelle polizze di puro rischio. Nell area danni, aggiungono, il ramo auto (circa il 36% dei premi) persegue una politica focalizzata sulla profittabilità, eventualmente anche a scapito dei volumi, mentre il segmento non Auto è caratterizzato da una forte prevalenza della clientela retail, con bassa esposizione verso i rischi corporate.

17 Generali è attiva in Germania con una forte e capillare rete proprietaria di agenti e si avvale della cooperazione con la maggiore rete di advisor finanziari della Germania (DVAG). In aggiunta, detiene la leadership di mercato per quanto concerne il canale diretto e beneficia di diverse collaborazioni con banche locali. I mercati core dell Europa continentale: Generali cresce in Francia Il primo semestre ha messo in luce un calo del 18,6% nei premi vita a seguito della precisa scelta di focalizzarsi maggiormente su prodotti a minor assorbimento di capitale, privilegiando la redditività anche a scapito dei volumi. Positiva invece l evoluzione della raccolta tramite il canale Internet, ove i premi sono aumentati del 10% e dove Generali è leader di mercato. E la scelta di selezionare il portafoglio, proseguono a Trieste, è stata vincente sotto il profilo reddituale poiché il risultato operativo del vita ha registrato un balzo del 36,8% grazie anche alla decisione tattica di realizzare maggiori capital gains nei primi mesi dell anno sfruttando l andamento positivo dei mercati in questo periodo ed al calo complessivo delle spese di gestione. Da rilevare infine che il new business value si attesta a 75 milioni, in crescita rispetto ai 70 milioni del primo semestre 2010 grazie al più profittevole mix di prodotti: polizze di risparmio a più alta marginalità e maggior peso delle unit linked. In crescita invece il ramo danni, i cui premi aumentano del 2,6% mostrando un evoluzione positiva in tutte le principali linee di business grazie al positivo impatto degli incrementi tariffari applicati al fine di riequilibrare la redditività tecnica in un difficile contesto di mercato. Una scelta che precisano alle Generali - si è riflessa sugli indicatori reddituali poiché il net combined ratio è migliorato di 1,3 punti al 98,5% in presenza di una sinistralità sostanzialmente stabile e una lieve crescita dei costi (+1,3%) per effetto delle iniziative di efficientamento intraprese per contenere le spese. Il risultato operativo danni è pari a 137 milioni, in crescita del 24,2% grazie principalmente al citato miglioramento del combined ratio. Risultati di grande valenza anche perché conseguiti in un mercato molto competitivo, dominato dalle banche nel segmento vita e dalle mutue nel danni. Scenario al cui interno Generali si posiziona fra il 4 e il 5 posto in entrambi i segmenti pur conservando la seconda posizione come assicuratore puro.

18 Più in particolare, ricordano, Generali è leader nei danni nel segmento delle Pme e numerose iniziative di efficientamento sono state intraprese negli ultimi anni. Tra queste ricordiamo la costituzione della Claims Factory, che permette una gestione unificata e condivisa delle pratiche liquidative. In questo ambito ricordiamo inoltre la costituzione del consorzio Kareo tra GF e Aviva al fine di condividere la rete di autofficine, aumentare la copertura territoriale e ridurre i costi unitari delle riparazioni Auto. Nel 2010 sono stati canalizzati verso le autofficine autorizzate il 46% dei sinistri (30% nel 2008), conseguendo un risparmio del 19% sul costo medio (materiale) per sinistro. Ora, concludono sull argomento, la partita si gioca sulla dematerializzazione delle pratiche di sinistro precedentemente cartacee, con grandi benefici in termini di produttività ma anche trasparenza e tracciabilità. Dal roll out (con Aviva) di un network di esperti per danni a cose (elettricisti, idraulici, pittori, manovali, muratori,..), al Kareo bis, estensione della partnership ad alcune banche, con l obiettivo di estendere ulteriormente il ricorso a reti convenzionate di esperti Auto (officine, periti), raddoppiando sostanzialmente la taglia del consorzio. Novità anche nel segmento Vita, dove Generali è leader di mercato sulle polizze individuali, grazie all elevata efficienza e qualità del servizio offerto ai clienti, accompagnata da un forte tasso di innovazione dei prodotti che ci consente di offrire prodotti sempre più appetibili. In ottica Solvency 2, il focus è sulla commercializzazione di prodotti a basso assorbimento di capitale, puntando maggiormente su prodotti unit linked e polizze tradizionali con maggior contenuto di rischio. Ricordiamo infine che Generali in Francia persegue un modello distributivo basato sul concetto di architettura aperta, con una preponderanza di reti non captive. Un modello di business che ci consente di soddisfare le esigenze di un ampia clientela, customizzando i prodotti secondo le necessità dei clienti. I mercati core dell Europa continentale: Generali in Est Europa e Russia Generali ha chiuso il primo semestre con un a crescita dell 1,2% nel vita in presenza di uno sviluppo del 5,9% dei più profittevoli premi ricorrenti. Il miglioramento del risultato operativo è sostenuto dall aumento registrato sia nel margine tecnico che in quello finanziario. L andamento del valore della nuova produzione è

19 invece sceso del 10,3% per il diverso mix di prodotti venduti anche se la marginalità si mantiene su livelli superiori al 30% e quindi ai vertici sia all interno del Gruppo Generali sia rispetto agli altri operatori dell area. I premi emessi nei danni segnano un incremento dell 1,4% legato al miglioramento delle linee di business non motor che più che controbilanciano la flessione dell auto. Il combined ratio di 4,6 punti anche grazie al minor impatto degli eventi catastrofali e si colloca all 88,2 per cento; il migliore del gruppo e dei competitor dell area. Obiettivi conseguiti merito anche al posizionamento raggiunto nei principali Paesi di operatività dell area. Generali, ricordano, si colloca nelle prime tre posizioni nei paesi dove la presenza è storicamente consolidata (Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia) mentre in Russia e Polonia, i due maggiori mercati in termini dimensionali, si registrano forti tassi di crescita dei premi (rispettivamente +37,8% e +5,2% nel primo semestre 2011). Da segnalare che il segmento vita è fortemente caratterizzato dai premi ricorrenti (oltre l 80% del portafoglio) che garantiscono una migliore redditività e stabilità dei flussi di cassa, mentre nel segmento danni la linea di business auto ha un peso pari a quasi il 50% del totale che si sta progressivamente riducendo a favore delle altre più remunerative linee (corporate). Il gruppo si avvale si un sistema multicanale e nell ultimo triennio, forti della pluriennale esperienza maturata in Italia e Germania, è stato sviluppato il canale diretto (internet e telefono) in Ungheria (2008) e in Slovacchia (2011). Approfondimenti - Immobiliare - patrimonio Generali sale a 27miliardi con target a 30 Il settore Real Estate del Gruppo è stato in grado di realizzare con continuità risultati positivi anche in un periodo di grandi turbolenze sui mercati come quello che stiamo vivendo. Risultati, precisa Giancarlo Scotti, Ceo di Generali Immobiliare, ottenuti grazie alla grande qualità degli asset detenuti in portafoglio e al modello gestionale integrato, che è stato in grado di massimizzare i valori degli immobili e i loro rendimenti, oltreché aumentarne la dimensione. Il patrimonio immobiliare del gruppo è infatti cresciuto sino ai 27 miliardi circa attuali, con un incidenza di quasi il 7% sul totale degli investimenti propri del Gruppo. Un asset che presenta un rendimento ricorrente nell intorno del 4,7% e che, ricordano con orgoglio a Trieste, ha mantenuto nel tempo la propria riserva di

20 valore con una plusvalenza latente pari a circa il 30 per cento. Ma c è pure altro poiché i programmi impostati dal management dovrebbero consentire all azienda di poter raggiungere per il 2011 un target di total return degli investimenti del 5,2 per cento. Il tutto salvaguardandone il valore. E questo, puntualizzano a Trieste, è stato agevolato dall attuazione di precise scelte strategiche, come quelle dell ubicazione e destinazione degli immobili. Il nostro patrimonio, aggiungono, è infatti concentrato nelle principali città europee e destinato prevalentemente ad uffici. Immobili storici ad altissimo valore architettonico, come le Procuratie di Venezia, e immobili più recenti, realizzati o in fase di realizzazione con le più avanzate tecnologie come CityLife e Maciachini Center a Milano, Eos Generali e Bois Colombe a Parigi, Adidas Hause a Berlino. È doveroso inoltre ricordare che, precisa il Ceo, l attività immobiliare è fondamentale e funzionale al business assicurativo, sia per il ramo vita che per quello danni, proprio per gli impegni di lungo periodo che caratterizzano queste attività. Gli investimenti immobiliari quindi continua Scotti - non solo sono coerenti con il business, ma sono adattati ai requisiti del business stesso. E rispetto ad altre asset class, gli immobili garantiscono pure i benefici della diversificazione, grazie alla bassa correlazione con gli asset finanziari, e la copertura del rischio inflattivo. Realtà oggi raccolta in Generali Immobiliare e cioè nel frutto della riorganizzazione attuata negli ultimi anni con la finalità di integrare le aree che operavano nel settore: dall attività di asset management, per la valorizzazione e rotazione del patrimonio, all attività di servizi immobiliari e facility management, dedicata all ottimizzazione e all efficientamento dello stesso. E la filosofia di gestione della nuova società, precisa il Ceo, si basa sulla rotazione del portafoglio attraverso la cessione degli asset ritenuti maturi, quelli cioè per cui il processo di valorizzazione è completato, e investimenti mirati in immobili core e di prestigio, ovvero immobili ubicati nelle principali città europee, in centri cittadini o in business area, o in progetti di nuovo sviluppo di particolare interesse. Una strategia che nel 2010 si è tradotta in investimenti per oltre un miliardo di euro, a cui si affiancano i 500 milioni realizzati nel primo semestre del Un impegno importante, al cui interno vi è Citylife, il progetto di riqualificazione dell area della ex Fiera di Milano predisposto da un pool di architetti di fama mondiale: Arata Isozaki, Daniel Libeskind e Zaha Hadid. Un progetto di rilievo assoluto poiché Citylife rappresenta il più importante intervento di trasformazione urbanistica di Milano e uno dei più rilevanti a livello europeo. Un progetto nel quale Generali è diventato il primo azionista con il 68,5% poiché lo scorso agosto ha rilevato per 100 milioni il 27,2% dal Gruppo Fonsai.

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%)

Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) 14/03/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 dicembre 2012 1 Risultato operativo oltre i 4,2 mld (+10,5%) e premi complessivi a 70 mld (+3,2%) Si rafforza il capitale con crescita patrimonio

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli