Generali, margini in crescita e premi 2011 a 74 miliardi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Generali, margini in crescita e premi 2011 a 74 miliardi"

Transcript

1 Generali, margini in crescita e premi 2011 a 74 miliardi Il business vita dovrebbe mantenere sostanzialmente invariato il proprio contributo a tre miliardi, grazie alla conferma della buona redditività di questa area d affari, mentre migliora l apporto dei danni, che dovrebbero consuntivare un risultato operativo nell ordine di 1,5 miliardi merito l ottimo andamento del combined ratio, che dovrebbe migliorare di circa due punti fissandosi al di sotto della soglia del 97% lungo un itinerario che dovrebbe portarlo al 96 per cento a regime. Il gruppo dovrebbe chiudere il 2011 con premi in crescita a 74 miliardi, di cui 51 nel vita, che resterà sostanzialmente stabile, e quasi 23 nei rami danni, che dovrebbero presentare una crescita di circa il 2% riproponendo i dati dei primi sei mesi. Attesi a breve novità sulla joint venture in Russia, mentre prosegue l espansine in Asia sia nell attività assicurativa tradizionale sia nell asset management. foto di Marino Sterle

2 foto di Marino Sterle Sede di Trieste di Gabriele Crozzoli Il primo semestre di Generali e le idee per il futuro spiegate da Giovanni Perissinotto Generali archivia il primo semestre con risultati superiori alle attese e si prepara a chiudere il 2011 con circa 74 miliardi di premi, di cui 51 nel vita, che resterà sostanzialmente stabile, e quasi 23 nei danni, che dovrebbe presentare una crescita di circa il 2% riproponendo i dati dei primi sei mesi. E se non ci sarà un ulteriore deterioramento dello scenario finanziario, il risultato operativo dovrebbe fissarsi in prossimità dei 4,5 miliardi e l utile netto avvicinarsi a quota 1,8 miliardi. Risultati conseguiti merito una strategia finalizzata a confermare la crescita nel business danni, salvaguardare il posizionamento e la redditività nel vita accanto ad un ulteriore sviluppo dell asset management, che presenta dimensioni più contenute dei principali competitor, anche se mette in luce una redditività decisamente superiore.

3 Risultati conseguiti merito anche la diversificazione geografica conseguita grazie ad una strategia di sviluppo lungimirante e accorta, ma perseguita con determinazione dallo staff che affianca Perissinotto alla guida di un gruppo che è riuscito a salvaguardare la propria identità storica respingendo l assalto a cui è stata sottoposta anche nel recente passato da forze estranee alla cultura e alla storia di un gruppo che affonda le sue radici nella cultura assicurativa nata e sviluppatasi nel cuore della mitteleuropa dell Ottocento. Ma ritorniamo al presente ricordando che, come puntualizza Giovanni Perissinotto, Group Ceo di Generali, abbiamo conseguito posizioni di leadership nei principali mercati di riferimento e raggiunto una diversificazione geografica importante, con presenze significative in alcune fra le principali aree caratterizzate da potenziali di sviluppo molto elevate ed ora vogliamo continuare a crescere nei danni, dove siamo migliorati nel combined ratio di circa due punti, mentre vogliamo salvaguardare il posizionamento nel vita, la cui redditività è stata confermata a livelli di eccellenza anche in questo difficile Una crescita che interesserà quasi tutti i mercati a partire da quelli dell Est Europa dove Generali vuole rafforzare il proprio ruolo su mercati ove il combined si colloca al di sotto del 90 per cento; uno dei migliori del gruppo e di tutti gli operatori presenti nell area. Ma nel contempo, prosegue il Ceo, vogliamo sviluppare l asset management in linea organica in Italia, dove Banca Generali ha ottenuto ottimi risultati ed è diventata un benchmark per tutto il settore, mentre Bsi proseguirà nella sua crescita esogena con focus sull Asia dove il gruppo ha già ottenuto risultati importanti, attraverso la sede di BSI a Singapore. Per l area sono confermati gli ambiziosi target di 30 miliardi di dollari di masse gestite entro il 2015; 15 volte superiori ai 2 miliardi del Il Gruppo Generali è inoltre presente nell area con una joint venture con l asset manager cinese Guotai, uno dei principali operatori del mercato. La joint venture consente a Generali di entrare nel settore degli investimenti istituzionali in Cina e allo stesso tempo di offrire la possibilità agli investitori asiatici di investire in Europa. Iniziative importanti sono previste anche nel vita perché, precisa il capo azienda, vogliamo salvaguardare i soddisfacenti margini di profittabilità lavorando sull efficienza operativa e la vendita di prodotti con minor assorbimento di capitale. In sostanza, conclude, vogliamo rafforzare il peso delle coperture di rischio anche in ottica Solvency. Ed è proprio grazie anche a tutto ciò che il colosso triestino delle polizze è giunto al giro di boa del 30 giugno 2011 con risultati superiori alle attese, anche se sconta gli effetti delle turbolenze che imperversano sui mercati finanziari. Il risultato operativo migliora di circa il 13% a 2,4 miliardi merito il buon andamento dei danni, che beneficiano del progresso di ben 2,3 punti al 96,5% del combined ratio, e la tenuta delle performance vita, i cui risultati operativi migliorano del 6,1% a 1,663 miliardi pur in presenza di una riduzione

4 del 23,4% a 10,3 miliardi dei premi unici, che sono meno redditizi, accanto a una crescita del 3,8% a 12,9 miliardi dei profittevoli premi annui. Buona anche la tenuta del patrimonio netto, che flette dell 1,5% a 17,231 miliardi a causa della riduzione della riserva available for sale per 360 milioni derivanti per 120 milioni dagli investimenti in equity e per 249 dalla componente bond. Una dinamica che però non preoccupa eccessivamente il colosso triestino poiché, come precisa Perissinotto, la nostra struttura patrimoniale è solida ed equilibrata e la generazione di cassa riveniente dalla gestione corrente ci permette di sostenere tutti i piani di crescita organica previsti dai nostri progetti di medio termine oltreché sostenere l assegnazione di un dividendo interessante per gli azionisti e far fronte al servizio del debito. Chiaro però che, prosegue il capo azienda, se dovessimo attuare operazioni straordinarie dovremo trovare le forme per finanziarle. Ma, aggiunge, oggi non vediamo nessun target. E fra le operazioni straordinarie, conclude Perissinotto, è esclusa quella russa, ove abbiamo individuato il Gruppo Vtb come possibile partner per costituire una joint venture dove entrambi apporteremo gli asset presenti nell area sviluppando poi il business con investimenti su: prodotti, piattaforme informatiche/tecnologiche, rete quant altro sia funzionale alla crescita. Un operazione che, faremo ogni sforzo per portare a termine entro l anno anche perché noi vogliamo crescere e completare la presenza nell Est Europa estendendola alla confederazione Cis con Bielorussia e Ucraina; l area ove sarà attiva la joint che stiamo costruendo con i russi di Vtb. Area popolata da oltre 200 milioni di abitanti e con un alto potenziale di crescita e dove il business va bene sia nei danni sia nel vita. Ed è proprio per cogliere queste grandi opportunità di sviluppo che, continua il Ceo, abbiamo predisposto le condizioni per realizzare un accordo profittevole, che vada oltre la bancassurance e si estenda ai canali diretti per il retail e ai brokers per il corporate. Una trattativa che però è stata complicata dalle turbolenze che si sono abbattute sui mercati finanziari, anche se a Trieste sono ottimisti sulla possibilità di concludere in modo profittevole entro fine anno. Un esercizio, quello in corso, indirizzato su quel percorso virtuoso che ha contrassegnato il primo semestre. Generali si prepara infatti a chiudere il 2011 con buoni risultati se non subentreranno altri fattori esogeni sui mercati finanziari. L esercizio in corso dovrebbe in sostanza riflettere i progressi evidenziati nei primi sei mesi ed i premi emessi dovrebbero fissarsi nell intorno di 74 miliardi, di cui 51 nel vita, che resterà sostanzialmente stabile, e quasi 23 nei danni, che dovrebbe presentare una crescita di circa il 2% riproponendo i dati dei primi sei mesi.

5 E se non ci sarà un ulteriore deterioramento dello scenario finanziario, il risultato operativo dovrebbe fissarsi in prossimità dei 4,5 miliardi, raggiungendo la parte alta del range fissato nei target comunicati al mercato: fra i 4 e i 4,7 miliardi. Un risultato a cui contribuirà in modo significativo il vita poiché l utile operativo dovrebbe restare sostanzialmente stabile a circa 3 miliardi. Di rilievo assoluto i progressi nei danni poiché il contributo dei rami elementari dovrebbe crescere a circa 1,5 miliardi merito i citati progressi nel combined ratio. Tale indicatore dovrebbe migliorare di quasi due punti, scendendo al di sotto del 97 per cento, con l Italia che registra un progresso di due-tre punti intorno al 97%. Risultati grazie ai quali il target del 96% dovrebbe essere raggiunto in anticipo sui tempi previsti. Positivo, come ricordato, l andamento dell Est Europa, che dovrebbe presentare un risultato operativo in ulteriore progresso poiché dovrebbe superare di slancio i 400 milioni per tendere a 450 milioni. Buona l evoluzione attesa in Germania, che dovrebbe mantenere la sua ottima combined tra il 95 e il 96 per cento. Dinamiche che lasciano ben sperare poiché l attuale velocità di crociera del gruppo permette di ipotizzare un utile netto che potrebbe collocarsi in prossimità di 1,8 miliardi, con un apporto del secondo semestre di un miliardo e quindi sostanzialmente simile ai dati del primo semestre depurati dalle svalutazioni salvo il sopraggiungere di ulteriori scossoni. Un risultato a cui darà un contributo la redditività media degli asset under management di terzi, che, come ricordano con orgoglio, è la più elevata fra i competitor. Generali, con masse di terzi in gestione per 100 mld di euro, presenta infatti un risultato operativo stimabile a circa 400 milioni a fine anno sulla base di una redditività che dovrebbe confermare i dati del primo semestre, quando è stata di 40 punti base. Risultati sui quali si rifletteranno pure gli effetti delle strategie implementate dal gruppo, a partire dal business mix. Generali, ricordano a Trieste, vuole mantenere nell ambito dei danni il focus sullo sviluppo del business retail, specialmente nei rami non auto, con l intento di preservare le quote di mercato nei paesi maturi e di incrementarle nelle aree a maggiore potenziale. Nel contempo, aggiungono, proseguiremo nello sviluppo e nel potenziamento dei nostri canali distributivi, soprattutto con riferimento alle reti proprietarie e al canale diretto. Dall altro lato, precisano, stiamo studiando le misure più adeguate per ristrutturare la nostra presenza nei rami corporate per aumentare la quota in questo settore, rendendo più competitiva la nostra offerta pur mantenendo sempre rigorose le politiche di sottoscrizione. Le iniziative previste nel vita sono invece indirizzate a mantenere, consolidandoli nel tempo, quei margini di profittabilità che fino ad ora sono stati soddisfacenti. Obiettivo da perseguire anche a scapito dei volumi, se necessario, e lavorando sull incremento dell efficienza operativa oltreché sulla vendita di prodotti con minor assorbimento di capitale. In generale, precisano, ci orienteremo verso il rafforzamento del peso delle

6 coperture di rischio, che per loro natura non risentono dell andamento dei mercati finanziari e che evidenziano una profittabilità sopra la media, anche in ottica Solvency II. Novità importanti sono attese pure nel segmento finanziario, dove ci aspettiamo un trend di sviluppo negli anni a venire, anche sfruttando le buone prospettive di crescita nei mercati emergenti dall Asia transitando per l Est Europa. È opportuno ricordare al riguardo che il Gruppo, ricordano a Trieste, sta raccogliendo risultati molto significativi in Asia, innanzitutto grazie al processo di acquisizione di Private Bankers sul mercato di Singapore e Hong Kong avviato alla fine del 2009 attraverso la controllata Banca della Svizzera Italiana (Bsi), che ha rafforzato la propria rete con 280 nuovi private bankers". Lo scorso anno è diventata inoltre operativa la Joint Venture con Guotai, compagnia leader nel mercato dell asset management con base a Hong Kong e uno dei pochi asset manager cinesi autorizzati a gestire ogni classe di attivi. La joint, proseguono, ci consente di entrare nel settore degli investimenti istituzionali in Cina e allo stesso tempo di offrire la possibilità agli investitori asiatici di investire in Europa. Il tutto con un preciso obiettivo: sviluppare maggiormente il segmento finanziario, anche al fine di beneficiare di una maggior diversificazione del business e di un più equilibrato contributo in termini di risultato. Va anche sottolineato come tale politica è coerente con l obiettivo di ridurre l assorbimento di capitale in ottica Solvency II, essendo in particolare il segmento finanziario caratterizzato da un livello di assorbimento inferiore rispetto al Vita. Generali si pone inoltre l obiettivo di consolidare e rafforzare la diversificazione geografica conquistata in questi anni con una lungimirante e accorta politica di acquisizioni come sostiene il capo azienda contestando le critiche che alcuni operatori avanzano su alcune acquisizioni. Noi, precisano a Trieste, siamo leader di mercato in Italia e abbiamo consolidato la propria posizione tra i maggiori gruppi assicurativi mondiali, acquisendo una crescente importanza sul mercato europeo occidentale, principale area di operatività e dove ci confermiamo uno dei primi operatori in Germania, Francia, Austria, e Svizzera, mentre occupiamo posizioni di rilievo anche in Israele e Argentina. Generali, proseguono, hanno poi una forte presenza nei mercati con alti potenziali di sviluppo come l Europa centro-orientale, dove siamo uno dei principali operatori in e dove vogliamo crescere come testimonia il citato progetto di espansione in Russia, che si basa su un accordo con un partner locale, la banca VTB, che ha più di mille sportelli, una clientela retail accanto a quella di grandi e medie imprese. Ma c è pure altro poiché siamo presenti in India e Cina, dove siamo leader tra le compagnie assicurative a partecipazione straniera a pochi anni dall ingresso su un mercato difficile.

7 L altro fronte su cui è impegnato lo staff che affianca Perissinotto al vertice del gruppo e che interessa una componente importante dei dipendenti è quello della continua ricerca di nuova efficienza operativa. Un programma avviato nel 2006 attraverso una serie d iniziative transnazionali definiti Skill & Scale based Programs e finalizzati ad aumentare l efficienza operativa, conseguire economie di scala e realizzare significative sinergie su costi e ricavi. Il gruppo si attendeva benefici per un miliardo di euro nel medio termine e tale target, ricordano con orgoglio, è stato raggiunto già a fine 2010, anche se i lavori proseguono poiché, concludono, il miglioramento dell efficienza operativa unitamente al contenimento dei costi di gestione restano tra i nostri principali pilastri strategici anche negli anni a venire ed è a questo fine che stiamo proseguendo nelle attività di razionalizzazione dell IT di Gruppo, nell ottimizzazione dei processi di liquidazione sinistri e nella ricerca di continue sinergie. C è poi il capitolo degli investimenti poiché, ricordano, Il focus delle strategie è rivolto a sostenere la redditività dei nostri portafogli e a ottimizzare il nostro profilo di ritorno sul capitale di rischio. La componente obbligazionaria continuerà ad essere orientata a sostenere la redditività corrente dei nostri portafogli, mantenendo l attuale mix tra titoli governativi e corporate, in linea con i nostri target e con il nostro profilo di rischio. Tuttavia, aggiungono, l investimento verso i titoli di credito corporate vedrà privilegiare emissioni con scadenze più brevi e con elevato standing creditizio, sia nel segmento Vita sia nel Danni, per ragioni legate al nuovo quadro normativo di Solvency II. Nella componente azionaria vogliamo invece mantenere un approccio prudente procedendo nel segmento Danni a una progressiva riduzione dell esposizione verso questa asset class per ridurre il capitale di rischio in relazione alle richieste di capitale previste da Solvency II. Nel vita, invece, sarà possibile mantenere un esposizione più elevata alle azioni e in generale avere un approccio più aggressivo nell asset allocation grazie alla presenza nel nostro portafoglio di prodotti a elevato valore intrinseco e quindi in virtù del maggiore excess capital a disposizione. Ed è proprio in quest ottica che nel vita, concludono, vogliamo continuare ad aumentare progressivamente il peso del comparto immobiliare per le potenzialità di apprezzamento di valore di questa asset class nel medio/lungo periodo, mentre nel segmento Danni si procederà a una riduzione dell esposizione avendo l obiettivo di una riduzione complessiva del capitale di rischio. Complessivamente, precisano, confermiamo il target di 30 miliardi di Euro di esposizione nell immobiliare nel medio termine.

8 Vertici della Società Struttura del gruppo Conto Economico Stato Patrimoniale Perissinotto, Galateri, Balbinot... Le opinioni degli analisti su Generali, cauti per il rischio paese Gli analisti sono divisi su Generali, ma le indicazioni di acquisto si rafforzano anche se i target sono spesso rivisti al ribasso per adeguarli all evolversi della congiuntura e dei rischi annessi. Generali è seguita da 33 analisti, e solo 4 suggeriscono di alleggerire le posizioni, mentre 11 consigliano di comprare e 17 di mantenere le posizioni in attesa della fine degli attacchi all'italia. Ecco di seguito la sintesi delle loro opinioni. Intermonte rilancia l outperform con target a 16 euro perché tratta a multipli decisamente depressi e questo non è giustificato anche perché ci aspettiamo una crescita significativa degli utili grazie anche al forte recupero dei risultati tecnici nei danni evidenziati dai risultati semestrali, ma previsti in progresso pure nei

9 prossimi anni. L analista della sim milanese resta positivo su Generali anche perché, conclude, apprezziamo la diversificazione del business per tipologia di attività e aree geografiche. Sociétè Générale alza la raccomandazione da hold a buy poiché reputano eccessiva la reazione di mercato alle recenti tensioni finanziarie, legate all accentuarsi del rischio sovrano di alcuni Paesi, e alle svalutazioni che hanno interessato il gruppo Telco e i bond greci. La Sim sottolinea inoltre i buoni risultati conseguiti nel primo semestre e più in particolare il miglioramento registrato nel business vita, l ottima performance nel Combined Ratio dell area danni, i progressi nell Embedded Value e le buone notizie sulla Solvency II. Mediobanca abbandona la cautela che ha caratterizzato le sue raccomandazioni per ben tre anni e passa da neutral ad outperform con target price alzato da 17 a 19 euro a maggio. Prezzo obiettivo oggi ridimensionato a 16 euro per incorporare l aumento dei rischi impliciti nello scenario congiunturale attuale senza però modificare quell indicazione di acquisto sostenuta da quattro motivi: risultati operativi migliori delle attese sia nei danni che nel vita, valutazioni particolarmente a sconto sull embedded value, l attesa di un netto progresso nella redditività grazie al forte recupero registrato in Italia e Germania nei danni, il forte posizionamento conquistato nell Est Europa, ove la redditività è elevata grazie anche a risultati tecnici fra i migliori al mondo. Ubs mantiene una posizione di cautela con rating neutral e riduce il prezzo obiettivo da 15 a 12,5 euro perché gli indici di solvibilità (solvency 1 ratio e il solvency ratio) risultano inferiori ai livelli riportati da altri grandi assicuratori europei. E questo, ricorda l analista della sim svizzera, aumenterebbe il rischio di deprezzamento con conseguente difficoltà sul percorso avviato per la costituzione della joint venture in Russia. Buone notizie, invece, dai risultati semestrali poiché l utile ha risentito dei 283 miliardi di minori utili per le svalutazioni di Telco e dei bond greci, ma i risultati gestionali sono migliorati merito il forte recupero del combined ratio nei danni e il buon andamento del vita, oltreché per le ulteriori risorse a disposizione di un gruppo in grado di assorbire eventuali ulteriori difficoltà che si dovessero presentare sui mercati finanziari. Equita conferma il buy con target price limato da 17 a a 16,5 euro all inizio di agosto per incorporare l ulteriore riduzione dei prezzi dei titoli pubblici. L analista della Sim milanese resta comunque positivo sul titolo perché Generali ha conseguito un deciso progresso nella redditività dei danni, merito un mercato che è stato molto più disciplinato sui prezzi, una buona evoluzione del numero dei sinistri e e una combined ratio che ne ha beneficiato ed è significativamente migliorata grazie anche alle iniziative messe in atto dal management. Notizie positive anche dal ramo vita, che, come rileva l analista, potrà fare leva su un brand la cui forza continuerà a sostenere la crescita nel vita, ove i margini si mantengono interessanti. Il consiglio di

10 acquisto è infine sostenuto pure dalle potenzialità di performance in quanto a questi prezzi risulta decisamente elevata, anche se potrà manifestarsi solo quando verrà meno il rischio Italia. Banca Leonardo mantiene una posizione di cautela con il rating underweight perché nell attuale scenario congiunturale Generali incorpora più elementi di rischio che opportunità. E questo proprio perché la compagnia triestina, continua l analista della Sim milanese, ha una forte esposizione a quei titoli di Stato, fra i quali oltre 50 miliardi sull Italia. Merrill Lynch esprime giudizi lusinghieri sulla gestione, ma conferma la propria cautela e la raccomandazione neutral dopo aver limato il target price da 17,5 euro a 16 euro a seguito della maggiori rischi impliciti in uno scenario congiunturale che si conferma difficile con forti pressioni sui titoli di Stato, italiani inclusi. Il target è stato rivisto dalla Sim americana l 8 agosto per incorporare le preoccupazioni sull evoluzione dello scenario nell Europa Meridionale, anche se Generali presenta un potenziale di rivalutazione del 35% alle attuali quotazioni. L analista esprime poi giudizi lusinghieri sulla gestione poiché il gruppo ha superato le stime del 6% grazie ai forti progressi conseguiti nel combined ratio dei danni e alla tenuta della redditività del vita, mentre l'utile netto non ha raggiunto le aspettative a causa delle svalutazionidi Telco e dei titoli di Stato greci. Banca Akros conferma l indicazione di acquistare con rating accumulate perché il titolo presenta buone potenzialità di performance e pur avendo ridotto il target price da 18 a 14,5 euro per incorporare il peggioramento della congiuntura e l aumento dei rischi finanziari. L analista resta comunque positivo perché il titolo rappresenta una buona opportunità di investimento in quanto è stato eccessivamente penalizzato a causa degli scenari macro italiani, ma questo è ingiustificato poiché Generali è molto diversificata e il nostro paese rappresenta meno del 30% del business del gruppo. Deutsche Bank mantiene una posizione di cautela e a fine agosto ha confermato l hold limando il target price da 14 a 13,2 euro per adeguarlo al maggior livello di rischio implicito nell attuale dinamica dei mercati finanziari. L analista della Sim tedesca resta cauto anche perché non ravvisa particolari differenza a livello di rischio e solvibilità rispetto ai competitor europei, ma è più cara in un confronto con i multipli sugli utili attesi e offre un minor rendimento. Banca Imi ripropone l indicazione di acquisto con rating add e target a 15,5 euro perché i risultati del primo semestre sono incoraggianti e mettono in luce un deciso recupero dei risultati tecnici dei rami danni e la capacità di continuare a crescere nel vita, ove la redditività si mantiene buona. I giudizi positivi sono sostenuti anche dai significativi miglioramenti conseguiti e attesi nel combined ratio, mentre il new business

11 value del vita è aumentato del 7,3% dimostrando la capacità di sviluppo del reddito pur in presenza di una flessione della raccolta premi; flessine che dovrebeb comunque essere riassorbita in ragione d anno. Kepler passa da hold a buy con target price a 18 euro perché i risultati semestrali sono stati in linea con le attese anche se hanno scontato la svalutazione dei titoli di Stato della Grecia e la partecipazione in Telco; due operazioni che hanno avuto un impatto sull'utile di 283 milioni. L'analista esprime giudizi positivi anche perchè, ricorda nello studio dell'8 agosto, "il gruppo sarà in grado di affrontare anche i prossimi rischi, inclusa l'eventuale ristrutturazione del debito pubblico italiano, mentre migliorano sensibilmente risultati nei danni, in particolare nell'auto in Italia, ed emergono buone notizie sulla normativa del Solvency I. Lo studio ricorda inoltre i vantaggi di un modello di business ben diversificato e quelli di non avere alcuna esposizione significativa agli Stati Uniti e al Regno Unito. Natixis conferma la raccomandazione neutral e riduce il target price da 16,3 euro a 14 euro anche perché l'utile è risultato in linea con le attese della sim pur essendo stato penalizzato dal miliardo di svalutazioni sui titoli di Stato greci e della partecipazioni in Telco; due operazioni che hanno pesato per 283 miliardi sull'utile semestrale. L'analista nella nota dell'8 agosto suggerisce cautela anche per i maggiori rischi, sia diretti che indiretti, revenienti dalle attuali scenari dei mercati finanziari, mentre ricorda che il titolo della compagnia triestina continuerà ad essere influenzato dagli sviluppi economici e finanziari del nostro Paese. Exane mantiene una raccomandazione neutrale anche se aumenta il target price a 15 euro perché il gruppo è stato in grado di raggiungere un risultato operativo superiore alle attese grazie alla buona performance operativa nel segmento vita, che ha messo in luce nel primo semestre un risultato superiore del 30% rispetto al consensus. L analista della Sim francese, nel suo report dell 8 agosto, evidenzia inoltre i buoni risultati conseguiti sul fronte del combined ratio dei danni, anche se ricorda che tali dati hanno trovato un sostegno anche dalla recente regolamentazione italiana per le lesioni personali. L analista ricorda inoltre che i buoni risultati presentati nel primo semestre sono stati conseguiti pur scontando le svalutazioni registrate in Telco e nei titoli governativi greci. JP Morgan conferma il neutral con prezzo obiettivo fissato a 16 euro perché apprezza i buoni risultati registrati nel risultato operativo, grazie alle performance conseguite del ramo vita e ai progressi registrati nel combined ratio dei rami danni; progressi definiti superiore alle attese e ottenuti merito gli interventi realizzati negli ultimi anni sul fronte della ricerca di nuova efficienza e riduzione costi. L analista sottolinea comunque che la cautela è d obbligo negli attuali scenari dei mercati finanziari e nella sua nota del 5 agosto ricorda che le svalutazioni nette sono state superiori al previsto a causa dell andamento della crisi greca e dell adeguamento dei valori della partecipazione in Telco.

12 Cheuvreux conferma l underperform perché il business mix è sotto pressione, con l attività tradizionale del vita, quello con i minimi garantiti, che rappresenta una componente decisamente importante ma oggi è più rischioso e offre un ritorno contenuto anche in una visione di medio termine. La cautela è d obbligo anche perché, conclude l analista della sim francese, tratta a premio sul settore rispetto ai principali multipli mentre la struttura patrimoniale si è ulteriormente indebolita e si profila la possibilità di un aumento di capitale. Generali in Borsa si riavvicina ai minimi sotto i colpi del rischio Paese Le tempeste che hanno percosso i mercati finanziari nelle ultime settimane continuano a scaricare sulle borse tuoni e fulmini con effetti terrificanti sulle quotazioni delle aziende, la cui volatilità ha raggiunti livelli di vera eccezione. Dinamica riproposta da Generali, che anzi registra valori ancora più marcati proprio perché viene assimilata a un titolo finanziario esposto al mercato domestico e quindi anche al destino di quel debito pubblico del nostro Paese oggi oggetto di aspri e virulenti attacchi da parte della speculazione. Un errore tecnicamente macroscopico perché, come sostengono gli analisti particolarmente attenti a questi fattori, Generali è profondamente diversificato anche geograficamente, tanto che in Italia, sulla base dei dati semestrali, raccoglie il 27,7% dei premi lordi consolidati, mentre l esposizione ai bond domestici è importante, essendo pari a 51 miliardi sulla base dei dati semestrali, ma marginale se comparata con i quasi 500 miliardi di attivo investito a livello di gruppo. Nonostante ciò, comunque, Generali ha subito un profondo ridimensionamento e mercoledì 14 settembre ha segnato l ennesimo minimo a quota 10,7 euro; valore pericolosamente vicino al minimo storico dell ultimo lustro registrato il 9 marzo del 2009 a 9,845 euro. Quotazione, questa ultima, inferiore di oltre il 70% rispetto al massimo degli ultimi cinque anni fatto segnare il 29 ottobre 2007 a quota 33,11 euro. Un picco a cui ha fatto seguito quell inesorabile riduzione di valore che ha portato i prezzi delle azioni del colosso triestino delle polizze ai minimi citati. Tracollo che nella sostanza ripropone l andamento dell indice di settore e del mercato nel suo complesso. Sulla base delle quotazioni di mercoledì 14 settembre Generali presenta infatti una performance negativa del 24,20% su tre mesi e un crollo del 29,77% su sei mesi. Un periodo nel corso del quale il DJ Stoxx insurance ha perso il 32,2% e il Fitse MIB il 37%; valori prossimi ai principali competitor in quanto Allianz e Axa nel periodo considerato hanno perso entrambi più del 40 per cento. Una dinamica che nella sostanza si ripresenta anche nel grafico che confronta le performance a un anno.

13 Dati da cui emerge la forza di una speculazione che penalizza in modo feroce e sovente senza selezione mercati e titoli, facendo leva troppo spesso sull emergere di notizie per la gran parte prive di fondamento e troppo spesso veicolate ad arte. Penalizzazione considerata eccessiva e ingiustificata dagli analisti, tanto che, dei 33 che seguono Generali, solo 4 suggeriscono di alleggerire le posizioni, mentre 11 consigliano di comprare e 17 di mantenere le posizioni in attesa della fine degli attacchi all Italia. L indicazione di acquisto giunge infatti da Banca Akros, Banca Imi, Equita, Ing, Intermonte, Kepler, Mediobanca, MF Global, Socgen, Standard & Poor s e West LB, mentre il consiglio di vendere arriva da Automomous research, Cheuvreux, Credit Swisse e Morgan Stanley. La raccomandazione di mantenere in portafoglio i titoli giunge invece da Banca Leonardo, Merrill Lynch, Barclays, Berenberg, Deutsche Bank, Exane, Goldman Sachs, Hsbc, Cazenove, Kbw, Macquarie, Main First, Natixis, Redburn, Royal Bank of Canada, Santander, Ubs e Unicredit. Titolo Generali Consigli degli analisti Stime di consenso degli analisti Consensus Analisti Criticità - Generali soffre l esposizione ai debiti sovrani e il titolo scende sui minimi I risultati semestrali sono stati superiori alle attese, ma tutto ciò svanisce sotto i colpi inferti dalla speculazione che continua ad imperversare indisturbata. I mercati finanziari continuano così a soffrire e la

14 volatilità resta decisamente elevata, mentre i tentativi di imboccare la strada del riscatto vengono annichiliti da una speculazione che si abbatte come un ciclone ogni qual volta emergono notizie in grado di scatenare le vendite. Uno scenario che penalizza in misura marcata Generali, il cui target price è limato progressivamente dagli analisti anche perché continua a salire il rischio implicito in un gruppo che ha rilevanti investimenti in titoli pubblici. Da rilevare al riguardo che fino a poco tempo fa il debito sovrano rappresentava un investimento conservativo, mentre oggi è considerato una zavorra capace di far naufragare anche la nave più solida. Scenario sul quale ha una responsabilità grandissima l incapacità dei governanti di governare trasmettendo massaggio chiari accompagnati da azioni concrete per riconquistare la fiducia dei mercati. Uno scenario complesso, che si trasmette anche sulla percezione di solidità di un gruppo che presenta risultati gestionali in deciso miglioramento e una struttura patrimoniale più che solida. Ed ecco che gli analisti iniziano a riflettere su una solvency buona ma non eccellente e sullo spettro di un aumento di capitale che non ha ragione di essere, ma che potrebbe presentarsi se continuerà a peggiorare la congiuntura del nostro Paese. Un altro tema che resta in sottofondo è quello della governance in quanto il mercato si attendeva una sterzata dopo le contrapposizioni che hanno caratterizzato la presidenza di Cesare Geronzi. Ma questa sterzata non c è stata e ancora oggi, come sottolineano i critici, alcuni elementi dello staff che affianca i Ceo forse non sono pienamente all altezza del compito loro assegnato. I mercati core dell Europa continentale: Generali consolida la leadership in Italia Generali vuole consolidare, rafforzandole, le posizioni conquistate nei principali mercati di riferimento del vecchio continente, dove è in corso anche un deciso miglioramento nella redditività del ramo danni accanto alla salvaguardia della buona profittabilità del vita, e quindi riteniamo utile presentare alcune schede sintetiche per illustrare ruolo e modalità operative del gruppo Generali sui principali mercati di riferimento dell area. Generali ha chiuso il primo semestre del 2011 con una raccolta vita a 6,3 miliardi, registrando una flessione del 6,6% per il calo della raccolta a premio unico a seguito di una precisa strategia commerciale focalizzata sul potenziamento della raccolta a premio ricorrente e, più in generale, sul collocamento di prodotti caratterizzati da una più alta profittabilità e da un minor assorbimento di capitale.

15 Una scelta che si è riflessa positivamente sui principali indicatori reddituali poiché il risultato operativo migliora dello 0,6% grazie alla buona tenuta dei margini tecnici e finanziari, che consente di mantenere la redditività di questa linea di business fra i livelli più alti del Gruppo e del mercato come ricordano con orgoglio a Trieste. Nel contempo il valore della nuova produzione (Nbv) ammonta a 180 milioni, in crescita del 29,4% e con margini che passano dal 16,2% al 20,9% attuale (18,4% a fine 2010) grazie all aumentata incidenza delle più profittevoli polizze Individuali a premio ricorrente. Sostanzialmente stabile, invece, la raccolta premi nell area danni, le cui performance sono in linea con l andamento del mercato assicurativo italiano. I premi del ramo Auto crescono così del 3,1% rispetto a fine giugno 2010, mentre il comparto non Auto registra una contrazione del 2,2% per effetto della politica di pulizia sui contratti meno redditizi. Nel contempo il net combined ratio, principale indicatore della profittabilità tecnica del settore danni, risulta in miglioramento di 2,3 punti percentuali grazie soprattutto ad un significativo calo della sinistralità, sia sul ramo Auto che sul settore non Auto, riconducibile agli effetti delle azioni di riforma del portafoglio e all attenta selezione dei rischi come si rileva dalla documentazione della compagnia. E tutto ciò si riflette sul risultato operativo del segmento Danni, che migliora di 62 milioni rispetto grazie essenzialmente al miglioramento del risultato tecnico, che beneficia della sopra citata evoluzione favorevole della loss ratio. Buone notizie anche dal vita poiché Generali si conferma leader di mercato in Italia, con una market share del 15% e una strategia distributiva è basata su un approccio multicanale, cosa che consente una più ampia copertura del mercato e delle diverse fasce di clientela. Il principale canale di vendita è rappresentato comunque dalle reti agenziali, ma vengono sfruttati anche i canali rappresentati da: broker, promotori finanziari, venditori salariati, canale diretto (telefono/web), bancassicurazione. Novità anche sul fronte delle strategie di prodotto poiché, come ricordano a Trieste, Generali vuole crescere nel segmento Vita rischio, nelle polizze a premio ricorrente e, più in generale, in tutti i prodotti a basso assorbimento di capitale e alta redditività in ottica Solvency 2. Nei danni, invece, la strategia è volta al mantenimento della prima posizione nel ranking di mercato preservando comunque i margini di redditività. A fine 2010 la quota di mercato del Gruppo Generali in Italia si attesta al 21,5% (fonte: ANIA). Più in dettaglio la strategia nei rami Danni è quella di focalizzarsi sullo sviluppo del profittevole segmento retail e sul potenziamento dei canali distributivi, in particolare del canale diretto. Contestualmente, al fine di mantenere adeguati livelli di redditività di portafoglio, il Gruppo intende, come già detto, mantenere la propria politica di rigore sottoscrittivo e proseguire nell attività di revisione delle polizze meno profittevoli.

16 Sede centrale di Trieste foto di... Direzione centrale Generali foto di... I mercati core dell Europa continentale: Generali e il ruolo della Germania Il primo semestre si è chiuso con una lieve flessione nei premi emessi rami vita a causa della contrazione nella raccolta dei premi unici in seguito alla strategia di orientarsi verso prodotti a maggiore profittabilità. Il risultato operativo risulta in calo, ma ciò è dovuto in particolare all impatto delle svalutazioni sui titoli governativi greci. Il new business value è in leggero progresso e beneficia dell aumento dei tassi di interesse. I premi emessi nei rami danni registrano invece un buona crescita, sia nel ramo auto dopo anni di stagnazione dell intero mercato sia nei rami non auto. I progressi nel combined ratio sono dovuti principalmente alle misure intraprese al fine di ridurre la sinistralità e beneficia dell assenza di impatti catastrofali, mentre il risultato operativo puntualizzano a Trieste - risulta sostanzialmente stabile: il minor contributo degli investimenti viene compensato dai progressi della parte tecnica grazie al minor combined. Da rilevare che, sottolineano alle Generali, il mercato tedesco è molto competitivo e a fine 2010 Generali occupava la 2 posizione nel segmento vita, la 6 nel malattia e la 6 nel ramo danni. Il gruppo è invece leader nel vita nelle polizze previdenziali a contributo statale Riester, nelle polizze Unit Linked e nelle polizze di puro rischio. Nell area danni, aggiungono, il ramo auto (circa il 36% dei premi) persegue una politica focalizzata sulla profittabilità, eventualmente anche a scapito dei volumi, mentre il segmento non Auto è caratterizzato da una forte prevalenza della clientela retail, con bassa esposizione verso i rischi corporate.

17 Generali è attiva in Germania con una forte e capillare rete proprietaria di agenti e si avvale della cooperazione con la maggiore rete di advisor finanziari della Germania (DVAG). In aggiunta, detiene la leadership di mercato per quanto concerne il canale diretto e beneficia di diverse collaborazioni con banche locali. I mercati core dell Europa continentale: Generali cresce in Francia Il primo semestre ha messo in luce un calo del 18,6% nei premi vita a seguito della precisa scelta di focalizzarsi maggiormente su prodotti a minor assorbimento di capitale, privilegiando la redditività anche a scapito dei volumi. Positiva invece l evoluzione della raccolta tramite il canale Internet, ove i premi sono aumentati del 10% e dove Generali è leader di mercato. E la scelta di selezionare il portafoglio, proseguono a Trieste, è stata vincente sotto il profilo reddituale poiché il risultato operativo del vita ha registrato un balzo del 36,8% grazie anche alla decisione tattica di realizzare maggiori capital gains nei primi mesi dell anno sfruttando l andamento positivo dei mercati in questo periodo ed al calo complessivo delle spese di gestione. Da rilevare infine che il new business value si attesta a 75 milioni, in crescita rispetto ai 70 milioni del primo semestre 2010 grazie al più profittevole mix di prodotti: polizze di risparmio a più alta marginalità e maggior peso delle unit linked. In crescita invece il ramo danni, i cui premi aumentano del 2,6% mostrando un evoluzione positiva in tutte le principali linee di business grazie al positivo impatto degli incrementi tariffari applicati al fine di riequilibrare la redditività tecnica in un difficile contesto di mercato. Una scelta che precisano alle Generali - si è riflessa sugli indicatori reddituali poiché il net combined ratio è migliorato di 1,3 punti al 98,5% in presenza di una sinistralità sostanzialmente stabile e una lieve crescita dei costi (+1,3%) per effetto delle iniziative di efficientamento intraprese per contenere le spese. Il risultato operativo danni è pari a 137 milioni, in crescita del 24,2% grazie principalmente al citato miglioramento del combined ratio. Risultati di grande valenza anche perché conseguiti in un mercato molto competitivo, dominato dalle banche nel segmento vita e dalle mutue nel danni. Scenario al cui interno Generali si posiziona fra il 4 e il 5 posto in entrambi i segmenti pur conservando la seconda posizione come assicuratore puro.

18 Più in particolare, ricordano, Generali è leader nei danni nel segmento delle Pme e numerose iniziative di efficientamento sono state intraprese negli ultimi anni. Tra queste ricordiamo la costituzione della Claims Factory, che permette una gestione unificata e condivisa delle pratiche liquidative. In questo ambito ricordiamo inoltre la costituzione del consorzio Kareo tra GF e Aviva al fine di condividere la rete di autofficine, aumentare la copertura territoriale e ridurre i costi unitari delle riparazioni Auto. Nel 2010 sono stati canalizzati verso le autofficine autorizzate il 46% dei sinistri (30% nel 2008), conseguendo un risparmio del 19% sul costo medio (materiale) per sinistro. Ora, concludono sull argomento, la partita si gioca sulla dematerializzazione delle pratiche di sinistro precedentemente cartacee, con grandi benefici in termini di produttività ma anche trasparenza e tracciabilità. Dal roll out (con Aviva) di un network di esperti per danni a cose (elettricisti, idraulici, pittori, manovali, muratori,..), al Kareo bis, estensione della partnership ad alcune banche, con l obiettivo di estendere ulteriormente il ricorso a reti convenzionate di esperti Auto (officine, periti), raddoppiando sostanzialmente la taglia del consorzio. Novità anche nel segmento Vita, dove Generali è leader di mercato sulle polizze individuali, grazie all elevata efficienza e qualità del servizio offerto ai clienti, accompagnata da un forte tasso di innovazione dei prodotti che ci consente di offrire prodotti sempre più appetibili. In ottica Solvency 2, il focus è sulla commercializzazione di prodotti a basso assorbimento di capitale, puntando maggiormente su prodotti unit linked e polizze tradizionali con maggior contenuto di rischio. Ricordiamo infine che Generali in Francia persegue un modello distributivo basato sul concetto di architettura aperta, con una preponderanza di reti non captive. Un modello di business che ci consente di soddisfare le esigenze di un ampia clientela, customizzando i prodotti secondo le necessità dei clienti. I mercati core dell Europa continentale: Generali in Est Europa e Russia Generali ha chiuso il primo semestre con un a crescita dell 1,2% nel vita in presenza di uno sviluppo del 5,9% dei più profittevoli premi ricorrenti. Il miglioramento del risultato operativo è sostenuto dall aumento registrato sia nel margine tecnico che in quello finanziario. L andamento del valore della nuova produzione è

19 invece sceso del 10,3% per il diverso mix di prodotti venduti anche se la marginalità si mantiene su livelli superiori al 30% e quindi ai vertici sia all interno del Gruppo Generali sia rispetto agli altri operatori dell area. I premi emessi nei danni segnano un incremento dell 1,4% legato al miglioramento delle linee di business non motor che più che controbilanciano la flessione dell auto. Il combined ratio di 4,6 punti anche grazie al minor impatto degli eventi catastrofali e si colloca all 88,2 per cento; il migliore del gruppo e dei competitor dell area. Obiettivi conseguiti merito anche al posizionamento raggiunto nei principali Paesi di operatività dell area. Generali, ricordano, si colloca nelle prime tre posizioni nei paesi dove la presenza è storicamente consolidata (Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia) mentre in Russia e Polonia, i due maggiori mercati in termini dimensionali, si registrano forti tassi di crescita dei premi (rispettivamente +37,8% e +5,2% nel primo semestre 2011). Da segnalare che il segmento vita è fortemente caratterizzato dai premi ricorrenti (oltre l 80% del portafoglio) che garantiscono una migliore redditività e stabilità dei flussi di cassa, mentre nel segmento danni la linea di business auto ha un peso pari a quasi il 50% del totale che si sta progressivamente riducendo a favore delle altre più remunerative linee (corporate). Il gruppo si avvale si un sistema multicanale e nell ultimo triennio, forti della pluriennale esperienza maturata in Italia e Germania, è stato sviluppato il canale diretto (internet e telefono) in Ungheria (2008) e in Slovacchia (2011). Approfondimenti - Immobiliare - patrimonio Generali sale a 27miliardi con target a 30 Il settore Real Estate del Gruppo è stato in grado di realizzare con continuità risultati positivi anche in un periodo di grandi turbolenze sui mercati come quello che stiamo vivendo. Risultati, precisa Giancarlo Scotti, Ceo di Generali Immobiliare, ottenuti grazie alla grande qualità degli asset detenuti in portafoglio e al modello gestionale integrato, che è stato in grado di massimizzare i valori degli immobili e i loro rendimenti, oltreché aumentarne la dimensione. Il patrimonio immobiliare del gruppo è infatti cresciuto sino ai 27 miliardi circa attuali, con un incidenza di quasi il 7% sul totale degli investimenti propri del Gruppo. Un asset che presenta un rendimento ricorrente nell intorno del 4,7% e che, ricordano con orgoglio a Trieste, ha mantenuto nel tempo la propria riserva di

20 valore con una plusvalenza latente pari a circa il 30 per cento. Ma c è pure altro poiché i programmi impostati dal management dovrebbero consentire all azienda di poter raggiungere per il 2011 un target di total return degli investimenti del 5,2 per cento. Il tutto salvaguardandone il valore. E questo, puntualizzano a Trieste, è stato agevolato dall attuazione di precise scelte strategiche, come quelle dell ubicazione e destinazione degli immobili. Il nostro patrimonio, aggiungono, è infatti concentrato nelle principali città europee e destinato prevalentemente ad uffici. Immobili storici ad altissimo valore architettonico, come le Procuratie di Venezia, e immobili più recenti, realizzati o in fase di realizzazione con le più avanzate tecnologie come CityLife e Maciachini Center a Milano, Eos Generali e Bois Colombe a Parigi, Adidas Hause a Berlino. È doveroso inoltre ricordare che, precisa il Ceo, l attività immobiliare è fondamentale e funzionale al business assicurativo, sia per il ramo vita che per quello danni, proprio per gli impegni di lungo periodo che caratterizzano queste attività. Gli investimenti immobiliari quindi continua Scotti - non solo sono coerenti con il business, ma sono adattati ai requisiti del business stesso. E rispetto ad altre asset class, gli immobili garantiscono pure i benefici della diversificazione, grazie alla bassa correlazione con gli asset finanziari, e la copertura del rischio inflattivo. Realtà oggi raccolta in Generali Immobiliare e cioè nel frutto della riorganizzazione attuata negli ultimi anni con la finalità di integrare le aree che operavano nel settore: dall attività di asset management, per la valorizzazione e rotazione del patrimonio, all attività di servizi immobiliari e facility management, dedicata all ottimizzazione e all efficientamento dello stesso. E la filosofia di gestione della nuova società, precisa il Ceo, si basa sulla rotazione del portafoglio attraverso la cessione degli asset ritenuti maturi, quelli cioè per cui il processo di valorizzazione è completato, e investimenti mirati in immobili core e di prestigio, ovvero immobili ubicati nelle principali città europee, in centri cittadini o in business area, o in progetti di nuovo sviluppo di particolare interesse. Una strategia che nel 2010 si è tradotta in investimenti per oltre un miliardo di euro, a cui si affiancano i 500 milioni realizzati nel primo semestre del Un impegno importante, al cui interno vi è Citylife, il progetto di riqualificazione dell area della ex Fiera di Milano predisposto da un pool di architetti di fama mondiale: Arata Isozaki, Daniel Libeskind e Zaha Hadid. Un progetto di rilievo assoluto poiché Citylife rappresenta il più importante intervento di trasformazione urbanistica di Milano e uno dei più rilevanti a livello europeo. Un progetto nel quale Generali è diventato il primo azionista con il 68,5% poiché lo scorso agosto ha rilevato per 100 milioni il 27,2% dal Gruppo Fonsai.

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei

COMUNICATO STAMPA. Focalizzazione su efficienza operativa del Gruppo» Costi amministrativi in calo dell 1,1% a termini omogenei COMUNICATO STAMPA PRESS OFFICE Tel. +39.040.671180 - Tel. +39.040.671085 press@generali.com INVESTOR RELATIONS Tel. +39.040.671202 - Tel. +39.040.671347 - generali_ir@generali.com www.generali.com RISULTATI

Dettagli

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%)

Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) 10/05/2013 COMUNICATO STAMPA Risultati consolidati al 31 marzo 2013 1 Risultato operativo oltre 1,3 mld (+8%) con forte crescita del segmento danni (+26,6%) Utile netto sale a 603 mln (+6,3%) Vita: solida

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI

Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI Presentato oggi alla comunità finanziaria il Piano Industriale 2003-2005 GRUPPO GENERALI OBIETTIVO: LEADERSHIP EUROPEA PER PROFITTABILITÀ E SVILUPPO IN SELEZIONATI PAESI AD ALTO POTENZIALE FOCUS SU CREAZIONE

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%)

Primo semestre 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEL PRIMO SEMESTRE RACCOLTA PREMI OLTRE I 3 MILIARDI E UTILE A 67 MILIONI (+19,6%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione.

Convocata l Assemblea dei Soci per venerdì 25 e sabato 26 aprile, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Veneto Banca rafforza il patrimonio promuovendo un operazione di aumento di capitale in opzione ai soci fino ad un massimo di 500 milioni di euro e la conversione del prestito obbligazionario convertibile

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%)

Primi nove mesi 2015 in crescita per il Gruppo Cattolica NEI PRIMI NOVE MESI RACCOLTA PREMI OLTRE I 4 MILIARDI E UTILE A 100 MILIONI (+20,5%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015

COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA 10 Aprile 2015 Il Consiglio di Amministrazione ha esaminato e approvato il Piano Strategico 2015-2019 del Gruppo A2A *** Importante rilancio degli investimenti 2,1 miliardi di euro di

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

CATTOLICA ASSICURAZIONI

CATTOLICA ASSICURAZIONI CATTOLICA ASSICURAZIONI Gruppo Cattolica Risultati 2009 CATTOLICA ASSICURAZIONI Una sana e significativa crescita DANNI e VITA 4,343 Mld VITA 2,812 Mld DANNI 1,531 Mld +20,3% +33,7% +1,7% (*) Premi lavoro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011.

COMUNICATO STAMPA. MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011. COMUNICATO STAMPA MILANO ASSICURAZIONI S.p.A.: APPROVATI IL PROGETTO DI BILANCIO D ESERCIZIO ED IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ESERCIZIO 2011. ESERCIZIO FORTEMENTE INFLUENZATO DA POSTE STRAORDINARIE NON

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2010 Combined Ratio a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 ed al 105% del primo trimestre 2010 Raccolta Danni

Dettagli

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA:

APPROVATI I RISULTATI 2011 DEL GRUPPO CATTOLICA: Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca

Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Consiglio di Amministrazione di Mediobanca Milano, 27 ottobre 2015 Approvata la relazione trimestrale al 30/09/2015 Utile netto a 244m, miglior risultato trimestrale degli ultimi 5 anni Margine di interesse

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI

Primi nove mesi 2014 positivi per il Gruppo Cattolica L UTILE CONSOLIDATO CRESCE DEL 27,7% A 83 MILIONI Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008

Il Consiglio di Amministrazione di GEWISS SPA approva la relazione finanziaria semestrale 2008 COMUNICATO STAMPA del 27 agosto 2008 - Cenate Sotto (BG) OBBLIGHI INFORMATIVI VERSO IL PUBBLICO PREVISTI DALLA DELIBERA CONSOB N. 11971 DEL 14.05.1999 E SUCCESSIVE MODIFICHE www.gewiss.com Il Consiglio

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 2015

Assemblea degli Azionisti 2015 1 Assemblea degli Azionisti 2015 Mario Greco Amministratore Delegato di Gruppo A Gennaio 2013 Generali ha lanciato un ambizioso piano triennale 2 Una strategia al 2015 impostata su e caratterizzata da

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012

Allianz, Axa, Le Generali a confronto. Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Allianz, Axa, Le Generali a confronto Analisi di alcune cifre chiave Anno 2012 Elaborazioni dai bilanci consolidati dei 3 big assicurativi europei A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino 2012

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AZIMUT SGR SpA PARTE I DEL PROSPETTO INFORMATIVO CARATTERISTICHE DEI FONDI E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AZIMUT SGR SpA AZIMUT GARANZIA AZIMUT REDDITO EURO AZIMUT REDDITO USA AZIMUT TREND TASSI AZIMUT SOLIDITY AZIMUT SCUDO AZIMUT BILANCIATO AZIMUT STRATEGIC TREND AZIMUT TREND AMERICA AZIMUT TREND EUROPA AZIMUT

Dettagli

Risultati 30 settembre 2010

Risultati 30 settembre 2010 Risultati 30 settembre 2010 Il modello di business Strategia e linee di sviluppo Dati economico-finanziari consolidati Allegati Banca IFIS: innovazione per le PMI In un contesto di mercato ancora difficile,

Dettagli

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.

GP Private. Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461. GP Private Servizio d'investimento commercializzato da: Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario. Non costituisce offerta

Dettagli

Presentazione finanziaria

Presentazione finanziaria 0 Presentazione finanziaria Milano, 17 Marzo 2010 1 OBIETTIVI STRATEGICI STRUTTURA SOCIETARIA RAMI DANNI RAMI VITA DIPENDENTI E STRUTTURA TERRITORIALE INVESTIMENTI INFORMAZIONI FINANZIARIE OBIETTIVI STRATEGICI

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

«L importanza di essere indipendenti» PROMOTORI & PROMOTORI&CONSULENTI. Peter Mayr, vicepresidente di Südtirol Bank

«L importanza di essere indipendenti» PROMOTORI & PROMOTORI&CONSULENTI. Peter Mayr, vicepresidente di Südtirol Bank PROMOTORI & PROMOTORI&CONSULENTI FONDI&SICAV Novembre 2014 Indagine sul risparmiatore Innanzitutto monitorare il rischio Indagine sul risparmiatore/2 Stabilire chiari obiettivi I 10 anni dell Aipb Protagonisti

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%)

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA: ULTERIORE RIALZO DELL UTILE NETTO CONSOLIDATO A 66 MILIONI (+11,9%) E DEI PREMI A 2.768 MILIONI (+14,7%) Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

Alpha Immobiliare Fondo Comune di Investimento Immobiliare di Tipo Chiuso RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31/03/2009

Alpha Immobiliare Fondo Comune di Investimento Immobiliare di Tipo Chiuso RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31/03/2009 Alpha Immobiliare Fondo Comune di Investimento Immobiliare di Tipo Chiuso RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31/03/2009 Resoconto intermedio di gestione 31 marzo 2009 1. PREMESSA 2 2. ANDAMENTO DEL MERCATO

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

Le cifre caratteristiche più importanti del primo semestre 2012 in sintesi:

Le cifre caratteristiche più importanti del primo semestre 2012 in sintesi: San Gallo, 3 settembre 212 Comunicato stampa Solido risultato di Helvetia Nel corso del primo semestre 212 il Gruppo Helvetia ha ottenuto un profitto di CHF 162.7 milioni. Con un volume d affari di CHF

Dettagli

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006

UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale. Verona, 18 dicembre 2006 1 UNA NUOVA VIA INTERNAZIONALE Partnership industriale con Mapfre nel business auto agenziale Verona, 18 dicembre 2006 2 Agenda Il contesto strategico La joint-venture specializzata nel business auto Il

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius

ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius ANCE Sicilia Smobilizzo crediti con le PP.AA. Ristrutturazione del debito Sistema di Gestione Resp. Amministrativa Il Gruppo Atradius Giulio Longobardi Direttore commerciale Atradius Italia Palermo 14

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A.

COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008. NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2008 NASCE UGF ASSICURAZIONI S.p.A. RACCOLTA DANNI AGGREGATA IN CRESCITA A 2.182 MILIONI DI EURO (+3,4%) COMBINED RATIO DANNI STABILE A

Dettagli

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali

Base di Preparazione. Analisi dei Ricavi Semestrali COMUNICATO STAMPA CERVED INFORMATION SOLUTIONS: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO FIRMATO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO FORWARD START DI EURO 660 MILIONI PER RIFINANZIARE A

Dettagli

Immobiliare, asset class vincente

Immobiliare, asset class vincente I MERCATI INTERNAZIONALI DEL REAL ESTATE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche che valutano le alternative di impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione

Dettagli

Comunicato stampa del 12 agosto 2015

Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Comunicato stampa del 12 agosto 2015 Cassa di Risparmio di Bolzano torna all utile nel primo semestre 2015, approva il Piano Strategico 2015/2019 e si prepara a lanciare l aumento di capitale. Il Consiglio

Dettagli

Settore Assicurativo

Settore Assicurativo 28 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Relazione sulla gestione Settore Assicurativo Premi e prodotti di investimento La raccolta complessiva (premi diretti e indiretti e prodotti di investimento)

Dettagli

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti

Azionisti. AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato. Azionisti 118 Bilancio Sociale 2009 La Relazione Sociale Azionisti Azionisti AZIONISTI Investitori Istituzionali Piccoli Investitori Fondazioni Mercato Azionisti Azionisti La Relazione Sociale Bilancio Sociale 2009

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Società per Azioni avente unico socio Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto 8 Iscritta all'albo delle Banche al n. 5561-ABI n. 5428.8 Appartenente al Gruppo bancario Unione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

Fondo Securfondo. Assemblea dei Partecipanti 10 dicembre 2014

Fondo Securfondo. Assemblea dei Partecipanti 10 dicembre 2014 Fondo Securfondo Assemblea dei Partecipanti 10 dicembre 2014 Considerazioni generali del mercato Il mercato immobiliare italiano nel corso degli ultimi mesi ha assistito ad una attenuazione della fase

Dettagli

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA

GESTIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA 31 Elisioni intersettoriali Le elisioni intersettoriali sono relative allo storno di ricavi e costi tra società del Gruppo appartenenti a settori diversi. In particolare il saldo negativo di 15 milioni

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE

4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE 48 4. I RICAVI DA SERVIZI DELLE BANCHE ITALIANE Il basso livello dei tassi d interesse che caratterizza ormai da parecchi anni i mercati finanziari in Italia e nel mondo sembra avere determinato una riduzione

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017. Roma, 23.09.2015 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 30.06.2015 Il Piano Industriale 2015-2017 Roma, 23.09.2015 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 30.06.2015

Dettagli

per la stampa Münchener Rückversicherungs-Gesellschaft Monaco di Baviera, 9 maggio 2005

per la stampa Münchener Rückversicherungs-Gesellschaft Monaco di Baviera, 9 maggio 2005 versicherungs-gesellschaft Aktiengesellschaft in München per la stampa Ihr Ansprechpartner: Dipl.-Kfm. Rainer Küppers Leiter des Zentralbereichs Presse Königinstr. 107, 80802 München Briefanschrift: 80791

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ***

COMUNICATO STAMPA *** COMUNICATO STAMPA CEDUTO A BUWOG GRUPPO IMMOFINANZ PER 917 MLN/ IL PORTAFOGLIO RESIDENZIALE TEDESCO DGAG. CEDUTA INOLTRE LA STRUTTURA DEDICATA DI SERVIZI TECNICI ED AMMINISTRATIVI L OPERAZIONE PERMETTE

Dettagli

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014

Fondo Invest Real Security. Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Fondo Invest Real Security Assemblea dei Partecipanti 11 dicembre 2014 Considerazioni generali del mercato Il mercato immobiliare italiano nel corso degli ultimi mesi ha assistito ad una attenuazione della

Dettagli

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa

La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa La semestrale 2012 dei gruppi assicurativi italiani quotati in borsa Roma, 24 ottobre 2012 A cura di F. Ierardo Coordinamento di N. Maiolino L andamento di borsa 30/06/2011-30/06/2012 Problematico l andamento

Dettagli

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE

Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE SPECIALE Compagnie dirette UN MERCATO IN OTTIMO STATO DI SALUTE FORTE CRESCITA DELLA RACCOLTA PREMI E UN RISULTATO NETTO DI SETTORE CHE PASSA DA UNA PERDITA COMPLESSIVA DI OLTRE 18 MILIONI DI EURO DEL

Dettagli

Consiglio di Gestione di Mediobanca

Consiglio di Gestione di Mediobanca Consiglio di Gestione di Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvata la relazione semestrale al 31 dicembre 2007 * * * Redditività in aumento malgrado il deterioramento dei mercati Aperte le filiali di Francoforte

Dettagli

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203

+39 02 414931 +39 02 65594203. Community consulenza nella comunicazione Brunswick +39 02 89404231 + 39 02 92 88 62 04/203 Capgemini Contacts: Merrill Lynch Contacts: Raffaella Poggio Martina Corak raffaella.poggio@capgemini.com martina_corak@ml.com +39 02 414931 +39 02 65594203 Community consulenza nella comunicazione Brunswick

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO

BANCA POPOLARE DI MILANO Evaluation.it reports on demand Indicazione d'acquisto HOLD Target Price Azioni ordinarie ERM: 3,18 Azioni ordinarie DDM: 3,05 Informazioni sul titolo Ultimo Prezzo: 2,87 Euro Titoli in circolazione: 415,07

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

Nuovo Piano strategico 2012-2015

Nuovo Piano strategico 2012-2015 Nuovo Piano strategico 2012-2015 31 DEL Luglio 2012 PRESENTAZIONE PIANO STRATEGICO 2009-2011 27 MAGGIO 2008 27 Maggio 2008 BOZZA Agenda Piano Strategico 2012-2015 Il Gruppo Gabetti Linee strategiche 2010-2013

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE

UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE UN TEAM AFFIDABILE UN APPROCCIO EFFICACE CONVINZIONE E RESPONSABILITA NELLA GESTIONE DI ATTIVI Con 80 miliardi di attivi in gestione, Candriam è un multi-specialista europeo della gestione patrimoniale

Dettagli

Comunicato stampa. La Mobiliare è in rotta di crescita

Comunicato stampa. La Mobiliare è in rotta di crescita Mobiliare Svizzera Holding SA Bundesgasse 35 Casella postale 3001 Berna Telefono 031 389 61 11 Telefax 031 389 68 52 lamobiliare@mobi.ch www.mobi.ch Comunicato stampa La Mobiliare è in rotta di crescita

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007

REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 REGOLAMENTO DEL FONDO INTERNO MULTISTRATEGY 2007 Art.1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, l Impresa ha costituito

Dettagli

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita

Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Poste Italiane: fatturato e risultato operativo in crescita Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati semestrali 2015 Deliberata la domanda di ammissione in quotazione e l adozione del nuovo

Dettagli

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO

COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO SPECIALE CLASSIFICA COME CAMBIA IL MERCATO ASSICURATIVO Quanto ha inciso la crisi finanziaria sui conti delle compagnie e sull andamento del settore assicurativo nel nostro Paese? Le classifiche delle

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA

POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA POSTE ITALIANE: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2015 RICAVI E RISULTATO OPERATIVO IN CRESCITA Ricavi totali: 23,9 miliardi, +6,0% ( 22,6 miliardi al 30.09.2014) Risultato

Dettagli

Schroder ISF European Absolute Return

Schroder ISF European Absolute Return Pagina 1 Indice Europa: Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Il fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del fondo al 29 giugno 2007 Il

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO AGGIORNAMENTO 2012 Si tratta di un Rapporto riservato. Nessuna parte di esso

Dettagli

LE SFIDE PER IL 2015

LE SFIDE PER IL 2015 MERCATO & COMPAGNIE LE SFIDE PER IL 2015 di LAURA SERVIDIO L ATTESA CRESCITA, PER IL PROSSIMO ANNO, SARÀ LENTA. MA PER IL SETTORE ASSICURATIVO NON MANCANO LE OPPORTUNITÀ. TRA QUESTE, L EVOLUZIONE DEL MODELLO

Dettagli

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013

Fact - pack mercato Vita. marzo 2013 Fact - pack mercato Vita marzo 2013 OBIETTIVI Fornire una visione sintetica dei numeri chiave del mercato vita in Italia attraverso analisi e rappresentazioni grafiche Dare un quadro riassuntivo e indicazioni,

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013

Profilo del Gruppo Mediobanca 30 giugno 2013 Mediobanca 30 giugno 2013 Storia e missione 1946 Fondazione Anni 1950-70 Sviluppo Anni 1970-80 Ristrutturazione dell industria italiana Fondata nel 1946 da Comit, Credit e Banco di Roma, le tre banche

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013

APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 COMUNICATO STAMPA APPROVATI I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2013 UTILE NETTO CONSOLIDATO PARI A 171,5 MILIONI DI EURO (24,9 MILIONI AL 30 GIUGNO 2012) RACCOLTA DIRETTA COMPLESSIVA A 5.333 MILIONI DI EURO

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli