ALTRI STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALTRI STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI"

Transcript

1 OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI AVENTI AD OGGETTO AZIONI EMESSE DA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A. O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI istituita a norma degli Artt. 114, comma settimo, del Decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 e 152-sexies e ss. del Regolamento adottato da Consob con Delibera n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni 13 febbraio 2014

2 Premessa I. La presente procedura (la Procedura), definisce le regole per l assolvimento da parte dei Soggetti Rilevanti, come infra definiti, e di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. (UGF S.p.A. o la Società) degli obblighi di informazione alla Consob e al mercato sulle operazioni di acquisto, vendita, sottoscrizione o scambio aventi ad oggetto le azioni Unipol, o gli Strumenti Finanziari Collegati alle azioni Unipol come infra definiti, compiute da tali soggetti anche per interposta persona. La disciplina normativa e regolamentare dei sopra richiamati obblighi informativi (la Disciplina) è contenuta negli Artt. 114, comma settimo, del Decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (il TUF) (1) e 152-sexies e seguenti del Regolamento adottato da Consob con Delibera n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni (il Regolamento Emittenti). II. La finalità perseguita dalla Disciplina è essenzialmente quella di garantire adeguata trasparenza ed omogeneità informativa relativamente alle operazioni che essendo effettuate da persone che partecipano attivamente ai processi decisionali o comunque hanno una significativa conoscenza delle strategie aziendali, in ragione delle funzioni svolte all interno di UGF S.p.A. o di una Principale Controllata, come infra definita, o della loro qualità di azionisti titolari di una partecipazione significativa in UGF S.p.A. o della partecipazione di controllo di UGF S.p.A. stessa - possono assumere una specifica funzione segnaletica per il mercato della percezione che tali persone hanno sulle prospettive della Società e del gruppo di appartenenza. La Disciplina, che, pertanto, prescinde dal possesso da parte dei Soggetti Rilevanti di informazioni privilegiate e dal loro eventuale uso illecito (fattispecie che configura il reato di c.d. insider trading), rappresenta uno strumento per il perseguimento di un adeguata trasparenza informativa nei confronti degli investitori sulla possibile evoluzione e sulle prospettive future della Società e del suo gruppo. 1 Il comma settimo dell art. 114 del TUF dispone quanto segue: I soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, di controllo o di direzione in un emittente quotato e i dirigenti che abbiano regolare accesso a informazioni privilegiate indicate al comma 1 e detengano il potere di adottare decisioni di gestione che possono incidere sull evoluzione e sulle prospettive future dell emittente quotato, chiunque detenga azioni in misura almeno pari al 10 per cento del capitale sociale, nonchè ogni altro soggetto che controlla l emittente quotato, devono comunicare alla CONSOB e al pubblico le operazioni, aventi ad oggetto le azioni emesse dall emittente o altri strumenti finanziari ad esse collegati, da loro effettuati, anche per interposta persona. Tale comunicazione deve essere effettuata anche dal coniuge non separato legalmente, dai figli, anche del coniuge, a carico, nonchè dai genitori, i parenti e gli affini conviventi dei soggetti sopra indicati, nonchè negli altri casi indicati dalla CONSOB con regolamento, in attuazione della direttiva2004/72/ce della Commissione, del 29 aprile La CONSOB individua con lo stesso regolamento le operazioni, le modalità ed i termini delle comunicazioni, le modalità ed i termini di diffusione al pubblico delle informazioni, nonchè i casi in cui detti obblighi si applicano anche con riferimento alle società in rapporto di controllo con l emittente nonchè ad ogni altro ente nel quale i soggetti sopra indicati svolgono le funzioni previste dal primo periodo del presente comma. Pagina 2

3 III. IV. La Procedura, oltre ai menzionati obiettivi di garanzia di adeguati livelli di trasparenza informativa al mercato, persegue altresì finalità di prevenzione degli abusi di informazioni privilegiate prevedendo (Art. 5 Restrizioni) specifici divieti per i Soggetti Rilevanti di compiere determinate operazioni nei periodi antecedenti all approvazione e alla diffusione di documenti contabili periodici obbligatori e previsionali della Società e della Principale Controllata. Il sistema di regole contenute nella presente Procedura comprende, tra l altro: (i) (ii) (iii) in conformità a quanto previsto dall Art. 152-octies, ottavo comma, del Regolamento Emittenti (2), i criteri per l identificazione dei soggetti che svolgono funzioni di direzione e dei dirigenti di UGF S.p.A. che, avendo accesso regolare a informazioni privilegiate e detenendo il potere di adottare decisioni di gestione che possono incidere sull evoluzione e sulle prospettive future di UGF S.p.A. o di una Principale Controllata, sono qualificati Soggetti Rilevanti e sono, pertanto, soggetti agli obblighi di comunicazione previsti dal citato Art. 114, settimo comma, del TUF; una sezione (Sezione II) ove sono riportate le modalità per l adempimento, da parte dei Soggetti Rilevanti, degli obblighi di comunicazione a Consob, al mercato e a UGF S.p.A. delle operazioni rilevanti, in conformità a quanto prescritto dalla Disciplina (Art octies, commi primo, secondo e quarto, del Regolamento Emittenti (3) ); un ulteriore sezione (Sezione III) contenente la descrizione delle condizioni per il conferimento da parte dei Soggetti Rilevanti di apposito incarico a UGF S.p.A. affinchè quest ultima effettui, per loro conto, le comunicazioni a Consob e, sussistendone i presupposti, al mercato, delle operazioni rilevanti dagli stessi effettuate, ai sensi di quanto previsto dalla Disciplina (Art. 152-octies, commi quinto e sesto, del Regolamento Emittenti (4) ). In tale caso, infatti, i Soggetti Rilevanti, 2 Il comma ottavo lett. a) dell art. 152-octies del Regolamento Emittenti dispone quanto segue: Gli emittenti quotati... devono; a) istituire una procedura diretta a identificare tra i propri dirigenti i soggetti obbligati a effettuare le comunicazioni previste dall art. 114, comma settimo, del Testo Unico, come individuati nello stesso articolo e nel presente Titolo; b) dare informazione ai soggetti identificati ai sensi della lettera precedente dell avvenuta identificazione e degli obblighi connessi. 3 I commi primo e secondo dell art. 152-octies del Regolamento Emittenti dispongono quanto segue: I soggetti rilevanti indicati nell art. 152-sexies, comma 1, lett. c.1), c.2) e c.3) comunicano alla Consob le operazioni sulle azioni e sugli strumenti finanziari collegati, compiute da loro stessi e dalle persone strettamente legate entro cinque giorni di mercato aperto a partire dalla data della loro effettuazione. I soggetti rilevanti indicati nell art. 152-sexies, comma 1, lett. c.1), c.2) e c.3) comunicano all emittente quotato le operazioni indicate al comma 1 entro i termini ivi stabiliti. Il comma quarto dell art. 152-octies del Regolamento Emittenti dispone quanto segue: I soggetti rilevanti indicati nell articolo 152-sexies, comma 1, lettera c.4) comunicano alla Consob e pubblicano le informazioni indicate al comma 1, entro la fine del quindicesimo giorno del mese successivo a quello in cui è stata effettuata l operazione. 4 Il comma quinto dell art. 152-octies del Regolamento Emittenti stabilisce che: La comunicazione al pubblico prevista dal comma 4 può essere effettuata, per conto dei soggetti rilevanti ivi indicati, dall emittente quotato, a condizione che, previo accordo, tali soggetti rilevanti inviino le informazioni indicate al comma 1 all emittente quotato, nei termini indicati al comma 4. In tal caso l emittente quotato Pagina 3

4 esercitando la facoltà ivi prevista, conferiscono incarico ad UGF S.p.A. affinchè la stessa espleti, per loro conto, nei confronti di Consob e, ove applicabile, del mercato, l obbligo informativo previsto dalla Disciplina. Nell ipotesi, pertanto, di mancato esercizio della facoltà di conferimento dell incarico secondo le regole previste dalla Sezione III della Procedura, i Soggetti Rilevanti sono tenuti ad espletare autonomamente i suddetti obblighi informativi nei confronti di Consob e del mercato. pubblica le informazioni entro la fine del giorno di mercato aperto successivo a quello in cui ha ricevuto le informazioni dai predetti soggetti rilevanti Il comma sesto dell art. 152-octies del Regolamento Emittenti dispone quanto segue: La comunicazione alla Consob dei commi 1 e 4 può essere effettuata, per conto di tutti i soggetti rilevanti, dall emittente quotato entro i termini, rispettivamente, indicati nei predetti commi. Pagina 4

5 SEZIONE I 1. DEFINIZIONI Ai fini di quanto previsto dalla presente Procedura ed in aggiunta alle definizioni previste in Premessa e nelle disposizioni che seguono, le espressioni e/o le parole riportate con lettera iniziale maiuscola assumono il seguente significato Per Soggetti Rilevanti si intendono: a) gli Amministratori non esecutivi, l Amministratore Delegato e Direttore Generale, nonché i Sindaci Effettivi di UGF S.p.A.; b) con riferimento ad UnipolSai Assicurazioni S.p.A. ( UnipolSai ), come infra definita, quale Principale Controllata, i componenti degli organi di amministrazione e di controllo; c) gli Altri Dirigenti con responsabilità strategiche di UGF (diversi dai soggetti di cui al punto a) che precede) e di UnipolSai (diversi dai soggetti di cui al punto b) che precede) individuati, sulla base dei ruoli organizzativi e delle rispettive responsabilità, dalla Direzione Generale Area Risorse Umane e Organizzazione di UGF che ne sottopone l elenco al Presidente e all Amministratore Delegato per l approvazione; d) chiunque altro detenga una partecipazione, calcolata ai sensi dell Art. 118 del Regolamento Emittenti, pari ad almeno il 10 per cento del capitale sociale di UGF S.p.A., rappresentato da azioni con diritto di voto; nonché e) qualunque altro soggetto che controlla UGF S.p.A., Il Presidente del Consiglio di Amministrazione e l Amministratore Delegato di UGF S.p.A. possono, di volta in volta, individuare ulteriori dirigenti di UGF S.p.A. o di una Principale Controllata che, in ragione delle funzioni svolte o dell incarico loro assegnato, rientrano nel novero dei Soggetti Rilevanti; di tale individuazione dovrà essere data immediata comunicazione alla Funzione Preposta che provvederà prontamente ad aggiornare l elenco dei Soggetti Rilevanti, ai sensi dell Art. 6.1 della presente Procedura Per Principale Controllata si intende la società controllata, direttamente o indirettamente, da UGF S.p.A., se il valore contabile della partecipazione nella predetta società controllata rappresenta più del 50% dell attivo patrimoniale di UGF S.p.A., come risultante dall ultimo bilancio approvato, ossia alla data di entrata in vigore della presente Procedura, UnipolSai. Pagina 5

6 In considerazione del fatto che UnipolSai è a sua volta un emittente quotato, ogni comunicazione al mercato nonché ogni adempimento di cui alla presente Procedura, sarà oggetto di coordinamento tra UGF e UnipolSai medesima al fine di evitare duplicazioni ogni qualvolta gli adempimenti e le comunicazioni riguardino Soggetti qualificabili come Rilevanti sia in UGF che in UnipolSai Per Persone Strettamente Legate al Soggetto Rilevante si intendono: (a) il coniuge non separato legalmente, i figli, anche del coniuge, a carico e, se conviventi da almeno un anno, i genitori, i parenti e gli affini del Soggetto Rilevante; (b) (c) (d) (e) le persone giuridiche, le società di persone e i trust in cui il Soggetto Rilevante o una delle persone indicate alla lett. (a) che precede sia titolare, da solo o congiuntamente tra loro, della funzione di gestione; le persone giuridiche controllate direttamente o indirettamente dal Soggetto Rilevante o da una delle persone di cui alla lett. (a) che precede; le società di persone i cui interessi economici siano sostanzialmente equivalenti a quelli del Soggetto Rilevante o di una delle persone indicate alla lett. (a) che precede; i trust costituiti a beneficio del Soggetto Rilevante o di una delle persone di cui al punto (a) che precede Per Azioni Unipol si intendono le azioni rappresentative del capitale ordinario e del capitale privilegiato di UGF S.p.A. nonchè ogni altra eventuale categoria di azioni che UGF S.p.A. potrà emettere in conformità alle disposizioni statutarie Per Strumenti Finanziari Collegati alle Azioni Unipol si intendono: (a) (b) gli strumenti finanziari che permettono di sottoscrivere, acquisire o cedere le Azioni Unipol; gli strumenti finanziari di debito convertibili nelle Azioni Unipol o scambiabili con esse; (c) gli strumenti finanziari derivati sulle Azioni Unipol indicati dall Art. 1, comma terzo, del TUF; (d) (e) (f) gli altri strumenti finanziari equivalenti alle Azioni Unipol, rappresentanti tali azioni; le azioni quotate emesse da società controllate da Unipol e gli strumenti finanziari di cui alle lettere da (a) a (d) ad esse collegati; le azioni non quotate emesse dalle Principali Controllate e gli strumenti finanziari di cui alle lettere da (a) a (d) che precedono ad esse collegati. Pagina 6

7 1.6. Per Operazioni Rilevanti si intendono le operazioni di acquisto, vendita, sottoscrizione o scambio di Azioni Unipol o di Strumenti Finanziari Collegati alle Azioni Unipol, con esclusione delle seguenti operazioni: (i) le operazioni il cui importo complessivo non raggiunga i (cinquemila) Euro entro la fine dell anno (l Importo Rilevante); successivamente ad ogni comunicazione non sono comunicate le operazioni il cui importo complessivo non raggiunga un controvalore di ulteriori (cinquemila) Euro entro la fine dell anno. Per gli Strumenti Finanziari Collegati alle Azioni Unipol derivati, l importo è calcolato con riferimento alle Azioni Unipol sottostanti. L Importo Rilevante è calcolato sommando le Operazioni Rilevanti effettuate per conto di ciascun Soggetto Rilevante e quelle effettuate per conto delle Persone Strettamente Legate al medesimo; (ii) (iii) (iv) le operazioni effettuate tra il Soggetto Rilevante e le Persone Strettamente Legate al medesimo; le operazioni effettuate dalla UGF S.p.A. e da società dalla stessa controllate; le operazioni effettuate da un ente creditizio o da un impresa di investimento che concorrano alla costituzione del portafoglio di negoziazione di tale ente o impresa, quale definito dall art. 11 della direttiva 2006/49/CE (5), purché il medesimo soggetto: - tenga organizzativamente separati dalla tesoreria e dalle strutture che gestiscono le partecipazioni strategiche le strutture di negoziazione e di market making; - sia in grado di identificare le azioni detenute ai fini della attività di negoziazione e/o market making, mediante modalità che possano essere oggetto di verifica da parte della Consob, ovvero mediante la detenzione delle stesse in un apposito conto separato; e, qualora operi in qualità di market maker, - sia autorizzato dallo Stato membro d origine ai sensi della direttiva 2004/39/CE (6 ) allo svolgimento dell attività di market making; 5 Direttiva 2006/49/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 14 giugno 2006 relativa all'adeguatezza patrimoniale delle imprese di investimento e degli enti creditizi (rifusione). 6 Direttiva 2004/39/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 aprile 2004 relativa ai mercati degli strumenti finanziari, che modifica le direttive 85/611/CEE e 93/6/CEE del Consiglio e la direttiva 2000/12/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e che abroga la direttiva 93/22/CEE del Consiglio. Pagina 7

8 - fornisca alla Consob l accordo di market making con la società di gestione del mercato e/o con UGF eventualmente richiesto dalla legge e dalle relative disposizioni di attuazione, vigenti nello Stato membro UE dove il market maker svolge la propria attività; - notifichi alla Consob che intende svolgere o svolge attività di market making sulle azioni di UGF, utilizzando il modello TR-2 contenuto nell Allegato 4E al Regolamento Emittenti; il market maker deve altresì notificare senza indugio alla Consob la cessazione dell attività di market making sulle medesime azioni Per Funzione Preposta si intende la funzione Segreteria Generale e Ufficio Soci della Direzione Generale Area Legale, Societario e Partecipazioni di UGF S.p.A Per Recapiti della Funzione Preposta si intende: (a) (b) (c) con riferimento al recapito per gli inoltri a mezzo di telefax: Direzione Generale Area Legale, Societario e Partecipazioni Segreteria Generale e Ufficio Soci di UGF S.p.A., al nr ; con riferimento al recapito per gli inoltri a mezzo di posta elettronica: ad almeno due dei seguenti indirizzi: con riferimento al recapito telefonico, i seguenti numeri: (Massimo Muzzi) (Annalisa Bizzarro) (Licia Gelosi). - SEZIONE II 2. OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE A CONSOB E A UNIPOL 2.1. Ai sensi di quanto disposto dall Art. 152-octies, commi primo e secondo, del Regolamento Emittenti, ogni Soggetto Rilevante di cui alle lett. (a), (b) e (c) del precedente Art è tenuto a comunicare a Consob e alla Funzione Preposta tutte le Operazioni Rilevanti compiute da lui stesso e/o dalle Persone Strettamente Legate al medesimo, entro 5 (cinque) giorni di mercato aperto a partire dalla data della loro effettuazione. Pagina 8

9 Le sopra indicate comunicazioni a Consob saranno effettuate da UGF S.p.A., per conto del Soggetto Rilevante qualora il medesimo abbia conferito ad UGF S.p.A. apposito incarico, ai sensi di quanto previsto al successivo Art. 4, Sezione III UGF S.p.A. pubblica, mediante comunicato, le informazioni ricevute ai sensi dell Art che precede, entro la fine del giorno di mercato aperto successivo a quello del loro ricevimento e le trasmette contestualmente al meccanismo di stoccaggio autorizzato (7) Ai sensi di quanto disposto dall Art. 152-octies, comma quarto, del Regolamento Emittenti, i Soggetti Rilevanti di cui alle lett. (d) e (e) del precedente Art comunicano alla Consob e al mercato le Operazioni Rilevanti dai medesimi compiute entro la fine del quindicesimo giorno del mese successivo a quello in cui è stata effettuata l operazione. Le sopra indicate comunicazioni alla Consob e al mercato saranno effettuate da UGF S.p.A., per conto dei Soggetti Rilevanti qualora i medesimi abbiano conferito a UGF S.p.A. apposito incarico, ai sensi di quanto previsto al successivo Art. 4, Sezione III I Soggetti Rilevanti avranno cura di acquisire dalle Persone Strettamente Legate ai medesimi le informazioni necessarie per l assolvimento degli obblighi di comunicazione previsti agli Artt e 2.3. che precedono. 3. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE A CONSOB E A UGF S.P.A Fatto salvo quanto previsto al successivo Art. 4, Sezione III, i Soggetti Rilevanti di cui alle lett. (a), (b) e (c) dell Art effettuano le comunicazioni di cui all Art. 2.1., nei termini ivi previsti, con le seguenti modalità: - quanto alla comunicazione a Consob, secondo le modalità indicate nell Allegato 6 del Regolamento Emittenti; - quanto alla comunicazione a UGF S.p.A., inviando ai Recapiti della Funzione Preposta lo schema allegato sub Lett. A alla presente Procedura (Allegato A), correttamente compilato, a mezzo di telefax o posta elettronica e previo avviso telefonico. La Funzione Preposta fornirà un riscontro immediato, a mezzo di fax o posta elettronica al recapito che il Soggetto Rilevante provvederà ad indicare, dell avvenuto ricevimento della comunicazione Fatto salvo quanto previsto dal successivo Art. 4, Sezione III, i Soggetti Rilevanti di cui alle lett. (d) ed (e) dell Art effettuano le comunicazioni alla 7 Le modalità di adempimento degli obblighi di diffusione, stoccaggio e deposito durante il periodo transitorio sono regolamentate dalla tabella sintetica approvata con delibera Consob n del 1 aprile Pagina 9

10 Consob e al mercato di cui all Art. 2.3., nei termini ivi previsti, secondo le modalità indicate dall Allegato 6 del Regolamento Emittenti. - SEZIONE III 4. INCARICO AD UNIPOL PER L INOLTRO DELLE COMUNICAZIONI DELLE OPERAZIONI RILEVANTI A CONSOB 4.1. I Soggetti Rilevanti possono conferire mandato ad UGF S.p.A. affinchè la stessa effettui, per loro conto, le comunicazioni a Consob e, ove applicabile, al mercato, delle Operazioni Rilevanti di cui agli Art e 2.3., nei termini ivi previsti (l Incarico) L Incarico viene conferito ad UGF S.p.A. mediante sottoscrizione della Sezione II del Modulo allegato alla presente Procedura sub Lett. B (Allegato B) I Soggetti Rilevanti che abbiano conferito l Incarico ad UGF S.p.A. comunicano alla Funzione Preposta ogni operazione rilevante, di qualunque importo, anche inferiore all Importo Rilevante, compiuta da lui stesso e/o dalle Persone Strettamente Legate al medesimo entro i seguenti termini: (i) i Soggetti Rilevanti di cui alle lett. (a), (b) e (c) del precedente Art. 1.1., entro 3 (tre) giorni di mercato aperto a partire dalla data della loro effettuazione. (ii) i Soggetti Rilevanti di cui alle lett. (d) ed (e) del precedente Art. 1.1., entro la fine del (decimo) giorno del mese successivo a quello in cui è stata effettuata l operazione La comunicazione a UGF S.p.A. di cui all Art che precede è effettuata dal Soggetto Rilevante mediante invio ai Recapiti della Funzione Preposta dello schema di cui all Allegato A alla presente Procedura, correttamente compilato, a mezzo di telefax o posta elettronica e previo avviso telefonico. La Funzione Preposta fornirà un riscontro immediato, a mezzo di fax o posta elettronica al recapito che il Soggetto Rilevante provvederà ad indicare, dell avvenuto ricevimento della comunicazione La Funzione Preposta provvederà ad effettuare per conto del Soggetto Rilevante le comunicazioni a Consob e al mercato, ai sensi dell Art. 152-octies, commi quinto e sesto, del Regolamento Emittenti, delle operazioni comunicate dal predetto soggetto, qualora tali operazioni raggiungano l Importo Rilevante. Pagina 10

11 4.6. Ferme restando le disposizioni di legge applicabili e quanto previsto nel successivo Art. 7, UGF S.p.A. non assume alcuna responsabilità per la scorretta e/o incompleta e/o non tempestiva comunicazione delle Operazioni Rilevanti da parte del Soggetto Rilevante In ogni ipotesi di responsabilità diretta del Soggetto Rilevante, UGF S.p.A. si riserva il diritto di procedere nei confronti del medesimo per il risarcimento di qualsivoglia danno subito o subendo. 5. RESTRIZIONI 5.1. Ai Soggetti Rilevanti è vietato compiere Operazioni Rilevanti nei 7 (sette) giorni di calendario precedenti le riunioni del Consiglio di Amministrazione convocate per l esame e/o l approvazione: (a) (b) (c) (d) del progetto di bilancio e il bilancio consolidato; della relazione semestrale; di ciascuna relazione trimestrale; e dei dati preconsuntivi e del budget. Il divieto cessa nel momento in cui vengono comunicate al mercato le deliberazioni assunte dal Consiglio di Amministrazione in merito Eventuali deroghe al divieto di cui al presente articolo potranno essere concesse, per fondati motivi, dal Consiglio di Amministrazione ovvero dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e dall Amministratore Delegato Il Consiglio di Amministrazione ovvero il Presidente del Consiglio di Amministrazione e l Amministratore Delegato potranno stabilire ulteriori periodi in cui è vietato o limitato ai Soggetti Rilevanti, o ad alcune di essi, il compimento di tutte o alcune Operazioni Rilevanti. 6. INFORMATIVA - ADESIONE 6.1. La Funzione Preposta provvede: (a) (b) a comunicare ai Soggetti Rilevanti il loro assoggettamento agli obblighi informativi oggetto della presente Procedura; ad informare ogni Soggetto Rilevante dei contenuti della presente Procedura affinchè lo stesso provveda a (i) confermare espressamente di avere preso visione ed acquisito piena conoscenza della medesima, mediante sottoscrizione della Sezione I del Modulo di cui all Allegato B; (ii) formalizzare l eventuale conferimento dell Incarico mediante sottoscrizione della Sezione II del predetto Modulo; (iii) comunicare alle Persone Strettamente Legate al medesimo la sussistenza delle Pagina 11

12 condizioni in base alle quali queste persone sono tenute agli obblighi di comunicazione previsti dall articolo 114, comma 7, del TUF; (iv) consentire il trattamento dei dati personali ai sensi della vigente normativa sulla privacy, ove applicabile; (c) a redigere e aggiornare l elenco nominativo dei Soggetti Rilevanti che hanno ricevuto e accettato la presente Procedura e a conservare le relative dichiarazioni di conoscenza e accettazione, nonché traccia di tutte le comunicazioni ricevute e effettuate al mercato e alla Consob. 7. INOSSERVANZA DELLA PRESENTE PROCEDURA 7.1 La presente Procedura ha efficacia cogente. 7.2 L inosservanza degli obblighi prescritti dalla presente Procedura da parte di Soggetti Rilevanti che rivestono la carica di amministratore o sindaco o che svolgono funzioni di direzione in UGF S.p.A., o nelle sue Principali Controllate potrà essere valutata dagli organi competenti quale eventuale violazione del vincolo fiduciario. Gli organi competenti potranno adottare eventuali provvedimenti tenendo conto delle specifiche circostanze. Qualora gli amministratori o i direttori rivestano contestualmente la qualità di dipendenti di UGF S.p.A. o di altre società controllate, trovano applicazione anche le disposizioni di cui al successivo comma L inosservanza degli obblighi prescritti dalla presente Procedura da parte di Soggetti Rilevanti che siano dipendenti di UGF S.p.A. o di sue Principali Controllate potrà essere valutata dagli organi competenti quale eventuale responsabilità di natura disciplinare. I provvedimenti disciplinari sono applicati secondo il criterio di proporzionalità, in base alla gravità ed alla intenzionalità dell infrazione commessa, tenendosi anche conto dell eventuale reiterazione degli inadempimenti e/o delle violazioni ivi previste. 7.4 UGF S.p.A. si riserva in ogni caso la facoltà di rivalersi per ogni danno e/o responsabilità che possa ad essa derivare da comportamenti tenuti dai Soggetti Rilevanti in violazione della presente Procedura. 8. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI La presente Procedura viene approvata dal Consiglio di Amministrazione e potrà essere successivamente modificata ed integrata sulla base dell esperienza applicativa, in coerenza con la prassi di mercato e l evoluzione normativa in materia. La Procedura potrà essere modificata o integrata dal Presidente del Consiglio di Amministrazione e dall Amministratore Delegato, anche disgiuntamente tra loro, qualora tale modifica o integrazione si renda necessaria in virtù di modifiche normative o di orientamenti dalle autorità competenti. Pagina 12

13 La Funzione Preposta provvederà senza indugio a comunicare per iscritto ai Soggetti Rilevanti le modifiche e/o integrazioni della presente Procedura e ad ottenere l accettazione dei nuovi contenuti della Procedura con le modalità di cui al precedente Art ENTRATA IN VIGORE ABROGAZIONE DEL CODICE DI COMPORTAMENTO Le regole previste dalla presente Procedura entrano in vigore a far data dal 13 febbraio A decorrere da tale data sono da intendersi abrogate le disposizioni in materia di internal dealing previste dalla Procedura adottata da UGF S.p.A. il 15 marzo ****** Allegati: Allegato A Schema da utilizzare per la comunicazione dell Operazione Rilevante e relative istruzioni per la compilazione Allegato B - Modulo per la dichiarazione di presa visione e piena conoscenza della Procedura e l eventuale conferimento dell Incarico ai sensi dell Art. 4 della Procedura Pagina 13

14 Allegato A ALLEGATO 6 /ANNEX 6 SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR DISCLOSURE OF TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA COGNOME / FAMILY NAME CODICE FISCALE / TAX CODE* DOMICILIO PER LA CARICA / PLACE OF RESIDENCE* RAGIONE SOCIALE / CORPORATE NAME CODICE FISCALE / TAX CODE* DATA DI NASCITA (gg/mm/aaaa)/ DATE OF BIRTH (dd/mm/yyyy)* SE PERSONA FISICA / IF NATURAL PERSON NOME / FIRST NAME SESSO / GENDER* COMUNE DI NASCITA / PLACE OF BIRTH* PROVINCIA DI NASCITA / PROVINCE OF BIRTH* STATO DI NASCITA / COUNTRY OF BIRTH* SE PERSONA GIURIDICA, SOCIETA DI PERSONE O TRUST / IF LEGAL PERSON, UNLIMITED PARTNERSHIP OR TRUST FORMA GIURIDICA / LEGAL FORM* DATA DI COSTITUZIONE (gg/mm/aaaa) / DATE ESTABLISHED (dd/mm/yyyy)* SEDE LEGALE / REGISTERED OFFICE* 1.2. NATURA DEL RAPPORTO CON L EMITTENTE QUOTATO / NATURE OF RELATIONSHIP WITH THE LISTED COMPANY C.1) SOGGETTO CHE SVOLGE FUNZIONI DI AMMINISTRAZIONE, DI CONTROLLO O DI DIREZIONE IN UN EMITTENTE QUOTATO/ MEMBER OF THE ADMINISTRATIVE, MANAGEMENT OR SUPERVISORY BODIES OF THE ISSUER C.2) DIRIGENTE CHE HA REGOLARE ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E DETIENE IL POTERE DI ADOTTARE DECISIONI DI GESTIONE CHE POSSONO INCIDERE SULL'EVOLUZIONE E SULLE PROSPETTIVE FUTURE DELL EMITTENTE QUOTATO/ SENIOR EXECUTIVE HAVING REGULAR ACCESS TO INSIDE INFORMATION RELATING, DIRECTLY OR INDIRECTLY, TO THE ISSUER, AND THE POWER TO MAKE MANAGERIAL DECISIONS ON THE FUTURE DEVELOPMENTS AND BUSINESS PROSPECTS OF THE ISSUER C.3) SOGGETTO CHE SVOLGE LE FUNZIONI DI CUI AL PUNTO C1) O C.2) IN UNA SOCIETÀ CONTROLLATA, DALL EMITTENTE QUOTATO/PERSON WHO PERFORM S THE FUNCTIONS REFERRED TO IN POINT C1 AND C2 IN A SUBSIDIARY OF THE LISTED COMPANIES C.4) SOGGETTO CHE DETIENE AZIONI IN MISURA ALMENO PARI AL 10 PER CENTO DEL CAPITALE SOCIALE DELL EMITTENTE QUOTATO O SOGGETTO CHE CONTROLLA L'EMITTENTE QUOTATO/ PERSON WHO HOLD SHARES AMOUNTING TO AT LEAST 10 PER CENT OF THE SHARE CAPITAL AND ANY OTHER PERSON WHO CONTROL THE ISSUER S/N S/N S/N S/N

15 RAGIONE SOCIALE / CORPORATE NAME 2. EMITTENTE QUOTATO CODICE FISCALE / TAX CODE* * informazioni da inserire solo nel caso in cui l invio sia effettuato tramite sistemi telematici attuati dalla società di gestione dei mercati (che non sono oggetto di diffusione al pubblico da parte di quest ultima) / information must be provided only if the form is disseminated through the telematics system provided by the market management company (these information will not be subject to public disclosure). ANNOTAZIONI / ANNOTATION

16 3. SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO LE OPERAZIONI / PARTY WHICH EXECUTED THE TRANSACTION 3.1. NATURA DEL SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO LE OPERAZIONI / REASON FOR RESPONSABILITY TO NOTIFY PERSONA RILEVANTE / RELEVANT PERSON PERSONA FISICA STRETTAMENTE LEGATE AD UN SOGGETTO RILEVANTE (CONIUGE NON SEPARATO LEGALMENTE, FIGLIO, ANCHE DEL CONIUGE, A CARICO, GENITORE, PARENTE O AFFINE CONVIVENTE) / NATURAL PERSON CLOSELY ASSOCIATED WITH A RELEVANT PERSON (SPOUSE, UNLESS LEGALLY SEPARATED, DEPENDENT CHILDREN OF THE RELEVANT PERSON OR OF THE SPOUSE, PARENTS, RELATIVES AND RELATIVES-IN-LAW) PERSONA GIURIDICA, SOCIETÀ DI PERSONE O TRUST STRETTAMENTE LEGATA AD UN SOGGETTO RILEVANTE O AD UNA PERSONA FISICA DI CUI AL PUNTO PRECEDENTE / LEGAL PERSON, UNLIMITED PARTNERSHIP OR TRUST CLOSELY ASSOCIATED WITH A RELEVANT PERSON 3.2 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA 1 S/N S/N S/N COGNOME / FAMILY NAME CODICE FISCALE / TAX CODE * RESIDENZA ANAGRAFICA / PLACE OF RESIDENCE RAGIONE SOCIALE / CORPORATE NAME CODICE FISCALE / TAX CODE* SEDE LEGALE / REGISTERED OFFICE* DATA DI NASCITA (gg/mm/aaaa)/ DATE OF BIRTH (dd/mm/yyyy)* SE PERSONA FISICA / IF NATURAL PERSON NOME / FIRST NAME SESSO / GENDER* COMUNE DI NASCITA / PLACE OF BIRTH* PROVINCIA DI NASCITA / PROVINCE OF BIRTH* STATO DI NASCITA / COUNTRY OF BIRTH* SE PERSONA GIURIDICA, SOCIETA DI PERSONE O TRUST / IF LEGAL PERSON, UNLIMITED PARTNERSHIP OR TRUST FORMA GIURIDICA / LEGAL FORM* DATA DI COSTITUZIONE (gg/mm/aaaa) / DATE ESTABLISHED (dd/mm/yyyy)* * informazioni da inserire solo nel caso in cui l invio sia effettuato tramite sistemi telematici attuati dalla società di gestione dei mercati (che non sono oggetto di diffusione al pubblico da parte di quest ultima) / information must be provided only if the form is disseminated through the telematics system provided by the market management company (these information will not be subject to public disclosure).

17 4.OPERAZIONI / TRANSACTIONS SEZIONE A): RELATIVA ALLE AZIONI E STRUMENTI FINANZIARI EQUIVALENTI E ALLE OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI COLLEGATE / SECTION A): RELATED TO SHARES AND EQUIVALENT FINANCIAL INSTRUMENT AND ASSOCIATED CONVERTIBLE BOND DATA / DATE TIPO OPERAZIONE/ TYPE OF TRANSACTION 2 CODICE ISIN / ISIN CODE 3 DENOMINAZIONE TITOLO / NAME OF SECURITY TIPO STRUMENTO FINANZIARIO/ TYPE OF FINANCIAL INSTRUMENT 4 QUANTITÀ/ QUANTITY PREZZO (in ) / PRICE (in ) 5 CONTROVALORE (in ) / VALUE (in ) MODALITÀ DELL OPERAZIONE / DESCRIPTION OF TRANSACTION 6 NOTE / NOTES TOTALE CONTROVALORE SEZIONE A (in ) / TOTAL AMOUNT SECTION A (in ) SEZIONE B): RELATIVA AGLI ALTRI STRUMENTI FINANZIARI COLLEGATI ALLE AZIONI DI CUI ALL ART. 152-sexies, comma 1, lett. b1, b3 SECTION B): RELATED TO FINANCIAL INSTRUMENTS ASSOCIATED TO SHARE REFERRED TO IN ART. 152-sexies, paragraph 1, letters b1, b3 DATA / DATE TIPO OPERAZIO NE / TYPE OF TRANSAC TION 6 TIPO STRUM. FINANZIA RIO COLLEGA TO / TYPE OF ASSOCIAT ED FINANCIA L INSTRUM ENT 8 TIPO FACOLTÀ / TYPE OF RIGHT 9 STRUMENTO FINANZIARIO COLLEGATO / ASSOCIATED FINANCIAL INSTRUMENT COD. ISIN / ISIN CODE 10 DENOMI NAZION E / NAME 11 AZIONE SOTTOSTANTE / UNDERLYING SECURITY COD. ISIN / ISIN CODE DENOMI NAZION E / NAME 12 INVESTIMENTO / DISINVESTIMENTO EFFETTIVO / ACTUAL INVESTMENT / DISINVESTMENT QUANTIT À / QUANTIT Y PREZZO (in ) / PRICE (in ) 5 CONTROV ALORE (in ) / VALUE (in ) INVESTIMENTO/ DISINVESTIMENTO POTENZIALE (NOZIONALE) / POTENTIAL (NOTIONAL) INVESTMENT / DISINVESTMENT QUANTIT À DEL SOTTOST. / QUANTIT Y OF UNDERLY ING PREZZO D ES. O REGOLAM ENTO (in ) / STRIKE OR SETTLEME NT PRICE (in ) CONTROV (in ) / VALUE (in ) DATA SCAD ENZA / MATU RITY NOTE / NOTES TOTALE CONTROVALORE POTENZIALE SEZIONE B (in ) / TOTAL POTENTIAL AMOUNT SECTION B (in ) TOTALE CONTROVALORE SEZIONE A + SEZIONE B (in ) / TOTAL AMOUNT SECTION A + SECTION B (in )

18 1 Questa sezione relativa ai dati anagrafici del soggetto non va compilata nel caso in cui il soggetto coincida con il dichiarante della sezione 1.1 / Not to fill if the person which executed the transaction is the same as section Indicare la tipologia di operazione, effettuata anche mediante l esercizio di strumenti finanziari collegati / Indicate the type of transaction, even if executed through the exercise of associated financial instruments A= acquisto / purchase V= vendita / sale S= sottoscrizione / subscription X= scambio / exchange 3 Il codice ISIN deve essere sempre indicato qualora lo strumento finanziario ne abbia ricevuto l assegnazione da un agenzia di codifica internazionale (es. UIC per l Italia) / ISIN code must be indicated whenever the financial istrument received that code from an appointed international agency (e.g. UIC for Italy) 4 Indicare lo strumento finanziario oggetto dell operazione / Indicate the financial instrument involved in the transaction: AZO = azioni ordinarie / ordinary shares AZP = azioni privilegiate / preference shares AZR = azioni di risparmio / saving shares QFC = quote di fondi chiusi / units of closed-end funds EQV = altri strumenti finanziari, equivalenti alle azioni, rappresentanti tali azioni / other financial instruments, equivalent, or representative of shares OBCV = Obbligazioni convertibili o altri strumenti finanziari scambiabili con azioni / convertible bonds or other debt financial instruments convertible into shares or exchangeable for shares 5 Nel caso in cui nel corso della giornata per un dato titolo sia stata effettuata più di una operazione dello stesso tipo (vedi nota 2) e con la stessa modalità (vedi nota 6) indicare il prezzo medio ponderato delle suddette operazioni. Nel caso di obbligazioni convertibili deve essere indicato in centesimi (es. per un obbligazione quotata sotto la pari ad un prezzo di 99 indicare 0,99, mentre se quotata sopra la pari ad un prezzo di 101 indicare 1,01 / In case of multiple transactions on securities of the same type (see note 2) and with the same modality (see note 6), indicate the weighted average price of the aforementioned transactions. In case of convertible bonds use prices in hundredths (e.g. for a bond negotiated below par value at a price of 99 indicate 0,99, whereas for a bond negotiated above the par value at a price of 101 indicate 1,01). 6 Indicare l origine dell operazione / Indicate the origin of the transaction: MERC-IT = transazione sul mercato regolamentato italiano / transaction over italian regulated market MERC-ES = transazione sul mercato regolamentato estero / transaction over foreign regulated markets FMERC = transazione fuori mercato o ai blocchi / off-market transaction and blocks CONV = conversione di obbligazioni convertibili o scambio di strumenti finanziari di debito con azioni / conversion of convertible bonds or exchange of debt financial instruments for shares MERC-SO = transazione sul mercato a seguito dell esercizio di stock option stock grant / transaction over regulated market concurrent to exercise of stock option stock grant ESE-DE = esercizio di strumento derivato o regolamento di altri contratti derivati (future,swap) / exercise of derivatives or settlement of other derivatives (future,swap) ESE-DI = esercizio di diritti (warrant/covered warrant/securitised derivatives/diritti) / exercise of rights (warrant/covered warrant/securitised derivatives/rights) 7 Indicare la tipologia di operazione / Indicate the type of transaction:

19 A= acquisto / purchase V= vendita / sale S= sottoscrizione / subscription AL= altro (dettagliare in nota) / other (to be specified in the notes) 8 Indicare la tipologia di strumento finanziario / Indicate the type of financial instrument: W= warrant / warrant OBW = obbligazione cum warrant / bond cum warrant SD= securitised derivative / securitised derivative OPZ= opzione / option FUT = future / future contracts FW = forward (contratti a termine) / forward contracts OS = Obbligazione strutturata / structured bond SW = swap / swap DIR = diritti / rights 9 Indicare la categoria di strumento finanziario derivato (solo per le opzioni) / Indicate the category of derivative (only for options): CE= call European style PE= put European style CA= call American style PA= put American style AL= altro (dettagliare in nota) / other (to be specified in the notes) 10 Da non indicare solo per contratti derivati (su strumenti finanziari) non standard oppure qualora lo strumento non abbia ricevuto l assegnazione da un agenzia di codifica internazionale (es. UIC per l Italia) / Not to be indicated for non-standard derivatives or whenever the financial instrument did not receive that code from an appointed international agency (e.g. UIC for Italy). 11 Indicare lo strumento finanziario collegato alle azioni / Indicate the associated financial instrument 12 Indicare lo strumento finanziario sottostante (azione) / Indicate the underlying financial instrument (share)

20 Allegato B Modulo per la dichiarazione di presa visione e piena conoscenza della Procedura e l eventuale conferimento dell Incarico ai sensi dell Art. 4 della Procedura Spett.le Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Direzione Generale Area Legale, Societario e Partecipazioni Segreteria Generale e Ufficio Soci Via Stalingrado, BOLOGNA Trasmessa via mail/fax al n Oggetto: Obblighi informativi in materia di internal dealing. Io sottoscritto, nato a..... il..., residente in...., Via/Piazza..... nr...., nella propria qualità di (Amministratore/Sindaco/altro Soggetto Rilevante) di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A.; oppure: con riferimento ad UnipolSai S.p.A., quale Principale Controllata: Amministratore/Sindaco/altro Soggetto Rilevante; oppure: legale rappresentante della società..., azionista rilevante) di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., dichiaro quanto segue: SEZIONE I - di avere ricevuto copia della Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse collegati (la Procedura) istituita dal Consiglio di Amministrazione di Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., ai sensi degli Artt. 114, comma settimo, del Decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (il TUF) e 152-sexies e ss. del Regolamento adottato da Consob con Delibera n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni (il Regolamento Emittenti) e di averne acquisito compiuta conoscenza; - di avere preso atto di essere stato incluso nel novero dei Soggetti Rilevanti ai sensi dell Art. 1.1 della Procedura e, pertanto, di essere assoggettato agli obblighi informativi previsti dalle sopra menzionate disposizioni normative e regolamentari; - di impegnarmi a rispettare tutti gli obblighi previsti a mio carico dalla Procedura, ivi incluso quello di rendere nota alle Persone Strettamente Legate a me riconducibili, come definite dall articolo 1.3 dalla Procedura, la sussistenza delle condizioni in base alle quali tali persone sono tenute agli obblighi di comunicazione previsti dall articolo 114, comma 7, del TUF. Data Nome e cognome dell interessato (leggibile) (firma)

21 Dichiaro inoltre di avere ricevuto da Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., e di impegnarmi se del caso a fornirne copia alle Persone Strettamente Legate al sottoscritto, come definite all art. 1.3 della Procedura, la seguente informativa: INFORMATIVA RESA ALL INTERESSATO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali (in seguito denominato Codice), e in relazione ai dati personali da Lei forniti in applicazione della Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse collegati (di seguito denominata Procedura), che formeranno oggetto di trattamento, La informiamo di quanto segue: 1. Il trattamento a cui saranno sottoposti i dati personali da Lei forniti avverrà secondo quanto previsto dalla Procedura in adempimento degli obblighi di legge ed ai soli fini indicati dalla legge e dai regolamenti. 2. Il trattamento sarà effettuato anche con l ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati. 3. Il conferimento dei dati personali previsti dalla Procedura è obbligatorio; l eventuale rifiuto non consentirebbe ad Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. di adempiere agli obblighi di legge, con la conseguente applicazione delle pertinenti sanzioni. 4. I dati personali da Lei forniti saranno comunicati, come previsto dal D. Lgs. 24/2/1998 e dal Regolamento adottato da Consob con Delibera n del 14 maggio 1999 e successive modificazioni, alla Consob e al pubblico. 5. Lei ha il diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati presso il Titolare del trattamento e come vengono utilizzati; ha inoltre il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, di chiederne il blocco e di opporsi al loro trattamento (artt. 7-10). Per l esercizio dei Suoi diritti, nonché per informazioni più dettagliate circa i soggetti o le categorie di soggetti che vengono a conoscenza dei Suoi dati in qualità di responsabili o di incaricati, Lei può rivolgersi al Responsabile per il riscontro agli interessati presso il Titolare. 6. Titolare del trattamento è Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. Via Stalingrado Bologna. Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. con riferimento alla quale presto il seguente consenso: CONSENSO AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI Preso atto dell informativa di cui sopra ed ai sensi dell art. 23 del D. Lgs. 196/03, acconsento al trattamento dei dati personali che mi riguardano, per le finalità indicate nella presente informativa. Rimane fermo che il mio consenso è condizionato al rispetto delle disposizioni della vigente normativa. Data Nome e cognome dell interessato (leggibile) (firma)

22 SEZIONE II (APPLICABILE AI SOGGETTI RILEVANTI DI CUI ALL ART. 1.1, LETT. (A), (B) E (C) DELLA PROCEDURA) dichiaro inoltre quanto segue: - di conferire a Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. (UGF) l Incarico di cui all Art. 4 e seguenti della Procedura affinché la stessa effettui, per mio conto, alle condizioni e nei termini previsti dalla Procedura medesima, la comunicazione a Consob delle Operazioni Rilevanti effettuate da me personalmente o dalle Persone a me Strettamente Legate; - di impegnarmi pertanto a comunicare ad UGF, ai sensi dell Art della Procedura ogni Operazione Rilevante, di qualunque importo, anche inferiore all Importo Rilevante, compiuta da me stesso e/o dalle Persone a me Strettamente Legate, entro 3 (tre) giorni di mercato aperto a partire dalla data della loro effettuazione, mediante corretta compilazione ed invio alla Funzione Preposta dello schema di cui all Allegato A alla Procedura. - L Incarico è valido a decorrere dalla data di ricevimento da parte di UGF del presente Modulo sino a recesso da parte mia o di UGF, da comunicarsi per iscritto almeno 5 (cinque) giorni di mercato aperto prima della data di efficacia del recesso medesimo. - UGF potrà inoltre ritenere risolto il presente Incarico con effetto immediato, senza necessità di comunicazione alcuna, in caso di mancato rispetto da parte mia delle sopra richiamate condizioni e modalità di invio delle comunicazioni previste dalla Procedura. - Per tutto quanto non previsto dal presente Modulo troveranno applicazione le disposizioni della Procedura. Data Nome e cognome dell interessato (leggibile) (firma)

23 SEZIONE III (APPLICABILE AI SOGGETTI RILEVANTI DI CUI ALL ART. 1.1, LETT. (D) ED (E) DELLA PROCEDURA) dichiaro inoltre quanto segue: - di conferire a Unipol Gruppo Finanziario S.p.A. (UGF) l Incarico di cui all Art. 4 e seguenti della Procedura affinché la stessa effettui, per mio conto, alle condizioni e nei termini previsti dalla Procedura medesima, la comunicazione alla Consob e al mercato delle Operazioni Rilevanti effettuate da me personalmente o dalle Persone a me Strettamente Legate. - di impegnarmi pertanto a comunicare ad UGF, ai sensi dell Art della Procedura ogni Operazione Rilevante, di qualunque importo, anche inferiore all Importo Rilevante, compiuta da me stesso e/o dalle Persone a me Strettamente Legate, entro la fine del (decimo) giorno del mese successivo a quello in cui è stata effettuata l operazione, mediante corretta compilazione ed invio alla Funzione Preposta dello schema di cui all Allegato A alla Procedura. - Il presente Incarico è valido a decorrere dalla data di ricevimento da parte di UGF del presente Modulo sino a recesso da parte mia o di UGF, da comunicarsi per iscritto almeno 5 (cinque) giorni di mercato aperto prima della data di efficacia del recesso medesimo. - UGF potrà inoltre ritenere risolto il presente Incarico con effetto immediato, senza necessità di comunicazione alcuna, in caso di mancato rispetto da parte mia delle sopra richiamate condizioni e modalità di invio delle comunicazioni previste dalla Procedura. - Per tutto quanto non previsto dal presente Modulo troveranno applicazione le disposizioni della Procedura. Data Nome e cognome dell interessato (leggibile) (firma)

! "# $ % #&' $ ( )! * + $,+ ) + -. -. *

! # $ % #&' $ ( )! * + $,+ ) + -. -. * ! "# % #&' ( )! * +,+ ) + *' -. -. * "/('0/! 0 0,""*!" " # * #% &!' & (! )! *+,,* -.! 123! /0 ), *! " )! *( &! " 12 1 3 45#46,)+,,, / * ) 0 ' &!! 3 7 4 8 6 # 40 #5 9! :! 45#46;7

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Procedura per la comunicazione delle operazioni aventi ad oggetto azioni emesse da Bialetti Industrie S.p.A. o altri strumenti finanziari ad esse

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA ALLEGATO 6 /ANNEX 6 SCHEMA COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR SCLOSURE OF TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 1. PERSONA RILEVANTE CHIARANTE

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0146-33-2015

Informazione Regolamentata n. 0146-33-2015 Informazione Regolamentata n. 0146-33-2015 Data/Ora Ricezione 07 Luglio 2015 18:20:30 MTA Societa' : I GRANDI VIAGGI Identificativo Informazione Regolamentata : 60643 Nome utilizzatore : GRANDIVIN01 -

Dettagli

Art. 3 Obblighi informativi e di comportamento

Art. 3 Obblighi informativi e di comportamento UNIONE DI BANCHE ITALIANE S.C.p.A. ( Internal Dealing ) Art. 114, 7 comma D.Lgs 58/98 e artt. 152 sexies, septies e octies del Regolamento adottato dalla Consob con Delibera n. 11971/99 e successive modifiche

Dettagli

Inoltre, si considerano persone rilevanti gli Amministratori, Sindaci Effettivi,

Inoltre, si considerano persone rilevanti gli Amministratori, Sindaci Effettivi, C E M E N T E R I E D E L T I R R E N O SOCIETÀ PER AZIONI CAPITALE 159.120.000 INTERAMENTE VERSATO C O D I C E D I C O M P O R T A M E N T O (Art. 152- sexies e seguenti del Regolamento concernente la

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0265-18-2015

Informazione Regolamentata n. 0265-18-2015 Informazione Regolamentata n. 0265-18-2015 Data/Ora Ricezione 31 Marzo 2015 16:20:20 MTA Societa' : UNIPOL Identificativo Informazione Regolamentata : 55597 Nome utilizzatore : UNIPOLN01 - Roberto Giay

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0149-10-2015

Informazione Regolamentata n. 0149-10-2015 Informazione Regolamentata n. 0149-10-2015 Data/Ora Ricezione 11 Marzo 2015 10:26:20 MTA Societa' : EXOR Identificativo Informazione Regolamentata : 54160 Nome utilizzatore : EXORN01 - Mariani Tipologia

Dettagli

Italcementi S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO - 1 -

Italcementi S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO - 1 - CODICE DI COMPORTAMENTO - 1 - INDICE Premessa pag. 3 1) Soggetti rilevanti 3 2) Operazioni soggette all obbligo di comunicazione 4 3) Soggetto preposto all attuazione del Codice di Comportamento 6 4) Obblighi

Dettagli

Codice di Internal Dealing

Codice di Internal Dealing Codice di Internal Dealing Codice di Internal Dealing 2 Premessa Value Partners S.p.A. (di seguito la Società ) ha adottato il presente Codice di Internal Dealing ( Codice ) in conformità a quanto disposto

Dettagli

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing

Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing Codice di comportamento Internal dealing Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Via Filadelfia 220 10137 Torino Tel. 0113240200 fax 0113240300 E-mail: posta@centralelatte.torino.it www.centralelatte.torino.it

Dettagli

Codice Etico. Procedura in materia di market abuse. Allegato 8

Codice Etico. Procedura in materia di market abuse. Allegato 8 Codice Etico Procedura in materia di market abuse Allegato 8 Allegato 8 Schema di comunicazione ai sensi dell articolo 152-octies, comma 7 del Regolamento Emittenti contenuto nell Allegato 6 del Regolamento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 26 agosto 2011

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 26 agosto 2011 CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 26 agosto 2011 PREMESSA L adozione del presente Codice di Comportamento (di seguito

Dettagli

DEA CAPITAL S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING

DEA CAPITAL S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING DEA CAPITAL S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING 1 INDICE Premessa Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Allegato: Ambito di applicazione soggettivo Ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING REGOLAMENTO INTERNAL DEALING Edizione febbraio 2012 1. Premessa 1.1 Il Banco Popolare Società Cooperativa (di seguito anche Banco ) istituisce il presente Regolamento Internal Dealing diretto a disciplinare

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Articolo 1. Premessa ed ambito di applicazione

CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Articolo 1. Premessa ed ambito di applicazione Procedura ai sensi dell'articolo 152 - sexies e seguenti del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e sue successive modifiche ed integrazioni CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI

Dettagli

PROCEDURA RELATIVA ALL IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI E ALLA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI DA ESSI EFFETTUATE,

PROCEDURA RELATIVA ALL IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI E ALLA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI DA ESSI EFFETTUATE, PROCEDURA RELATIVA ALL IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI E ALLA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI DA ESSI EFFETTUATE, ANCHE PER INTERPOSTA PERSONA, AVENTI AD OGGETTO AZIONI EMESSE DA VALORE ITALIA HOLDING

Dettagli

LUXOTTICA GROUP S.P.A. * * * 2.2 controllo e/o controllante e/o controllata : ha il significato di cui all art. 93 TUF.

LUXOTTICA GROUP S.P.A. * * * 2.2 controllo e/o controllante e/o controllata : ha il significato di cui all art. 93 TUF. LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. PREMESSA La presente procedura è diretta a: (i) delineare gli obblighi previsti dall art. 114, comma 7, del decreto legislativo 24 febbraio

Dettagli

OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI INTERNAL DEALING OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI AVENTI AD OGGETTO AZIONI EMESSE DA UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO S.p.A. O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE

Dettagli

INTESA SANPAOLO S.p.A. REGOLAMENTO

INTESA SANPAOLO S.p.A. REGOLAMENTO INTESA SANPAOLO S.p.A. REGOLAMENTO CONCERNENTE LE OPERAZIONI COMPIUTE DA SOGGETTI RILEVANTI AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 7, T.U.F. INTERNAL DEALING PREMESSA Il presente Regolamento è finalizzato a dare

Dettagli

Codice di comportamento in materia di internal dealing

Codice di comportamento in materia di internal dealing Codice di comportamento in materia di internal dealing 2 CODICE DI COMPORTAMENTO Indice Premessa 3 Art. 1 Definizioni 4 Art. 2 Obblighi di comunicazione dei soggetti rilevanti 6 Art. 3 Comunicazioni alla

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Adottato ai sensi degli artt. 114, comma 7, del TUF e degli artt. 152 sexies e seguenti del Regolamento Emittenti Edizione 3 Rev. 0 Emittente: POLIGRAFICA

Dettagli

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE

1. PREMESSE 2. OGGETTO DEL CODICE CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI OPERAZIONI EFFETTUATE SU AZIONI DADA E STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI 1 1. PREMESSE Il presente Codice di Comportamento di DADA S.p.A. è adottato anche ai

Dettagli

Fabrica Immobiliare SGR S.p.A. Dealing Code

Fabrica Immobiliare SGR S.p.A. Dealing Code Dealing Code Fabrica Immobiliare SGR S.p.A. Dealing Code Premessa... 2 Art. 1 Normativa di riferimento... 2 Articolo 2 Soggetti Rilevanti... 2 Articolo 3 Persone Strettamente Legate ai Soggetti Rilevanti...

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE PA32. Internal Dealing

PROCEDURA AZIENDALE PA32. Internal Dealing PROCEDURA AZIENDALE PA32 Internal Dealing STATO DATA FIRMA REDATTO 14/03/2013 GIULIA DAL CORTIVO VERIFICATO 14/03/2013 FRANCESCO ROSSI APPROVATO 14/03/2013 GIAMPIETRO MAGNANI EVENTUALI PARERI PA32 14/03/2013

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

ANSALDO STS S.p.A. Codice di Internal Dealing

ANSALDO STS S.p.A. Codice di Internal Dealing ANSALDO STS S.p.A. Codice di Internal Dealing Premessa. ANSALDO STS S.p.A. (di seguito la Società ) ha adottato il presente Codice di Internal Dealing ( Codice ) in conformità a quanto disposto dall art.

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1719-31-2016

Informazione Regolamentata n. 1719-31-2016 Informazione Regolamentata n. 1719-31-2016 Data/Ora Ricezione 24 Giugno 2016 10:31:20 MTA - Star Societa' : MASSIMO ZANETTI BEVERAGE GROUP Identificativo Informazione Regolamentata : 76058 Nome utilizzatore

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L.

BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L. S.C.A R.L. CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING (MODIFICATO DA ULTIMO DAL CONSIGLIERE DELEGATO CON ATTO DEL 30 MARZO 2012) PREMESSA Il presente Codice di Comportamento (di seguito brevemente il Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING NoemaLife S.p.A. via Gobetti, 52 40129 Bologna Tel. +39 051 4193911 Fax +39 051 4193900 info@noemalife.com www.noemalife.com Capitale sociale 3.974.500,40 P. IVA

Dettagli

PROCEDURA INTERNAL DEALING

PROCEDURA INTERNAL DEALING PROCEDURA INTERNAL DEALING Buzzi Unicem SpA Sede: Casale Monferrato (AL) - via Luigi Buzzi n. 6 Codice fiscale e Registro delle Imprese di Alessandria: 00930290044 PROCEDURA INTERNAL DEALING 1. DISPOSIZIONI

Dettagli

Il presente documento è stato adottato dal Consiglio di Amministrazione di Bolzoni S.p.A. in data 19 maggio 2006.

Il presente documento è stato adottato dal Consiglio di Amministrazione di Bolzoni S.p.A. in data 19 maggio 2006. Procedura di internal dealing PROCEDURA DI IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI E COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI DA ESSI EFFETTUATE AVENTI AD OGGETTO AZIONI EMESSE DA BOLZONI S.P.A. O ALTRI STRUMENTI

Dettagli

PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Edizione: 25 giugno 2015 PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING in vigore dal 24 marzo 2006, modificata dal Consiglio di Amministrazione di Be Think, Solve, Execute

Dettagli

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA ALLEGATO 6 /ANNEX 6 SCHEMA COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR SCLOSURE OF TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 1. PERSONA RILEVANTE CHIARANTE

Dettagli

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA COMUNE / PLACE OF BIRTH*

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA COMUNE / PLACE OF BIRTH* ALLEGATO 6 /ANNEX 6 SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR DISCLOSURE TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

Mid Industry Capital S.p.A.

Mid Industry Capital S.p.A. Mid Industry Capital S.p.A. *********** Codice di comportamento per la gestione, il trattamento e la comunicazione delle informazioni relative a operazioni sulle azioni o altri strumenti finanziari ad

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0784-11-2015 Data/Ora Ricezione 13 Marzo 2015 16:16:42 MTA Societa' : CALEFFI Identificativo Informazione Regolamentata : 54421 Nome utilizzatore : CALEFFIN01 - Gazza Tipologia

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0232-29-2016 Data/Ora Ricezione 26 Febbraio 2016 17:36:32 MTA Societa' : SAIPEM Identificativo Informazione Regolamentata : 69977 Nome utilizzatore : SAIPEMN01 - Chiarini

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0232-21-2016 Data/Ora Ricezione 12 Febbraio 2016 17:56:39 MTA Societa' : SAIPEM Identificativo Informazione Regolamentata : 69472 Nome utilizzatore : SAIPEMN01 - Chiarini

Dettagli

PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DI MONCLER S.P.A.

PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DI MONCLER S.P.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DI MONCLER S.P.A. Premessa La presente procedura (la Procedura ) è relativa alla materia dell internal dealing, ossia della trasparenza sulle operazioni aventi

Dettagli

INTEK Group S.p.A. PROCEDURA

INTEK Group S.p.A. PROCEDURA INTEK Group S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Aggiornamento: 28 aprile 2014 1 Sommario Premessa... 3 Art. 1 Ambito di applicazione... 4 Art. 2 Definizione dei Soggetti Rilevanti... 4 Art.

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0620-45-2015

Informazione Regolamentata n. 0620-45-2015 Informazione Regolamentata n. 0620-45-2015 Data/Ora Ricezione 11 Dicembre 2015 20:13:51 MTA - Star Societa' : FIERA MILANO Identificativo Informazione Regolamentata : 66847 Nome utilizzatore : FIERAMILANON01

Dettagli

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA 11/06/1971 COMUNE DI NASCITA / PLACE OF BIRTH*

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA 11/06/1971 COMUNE DI NASCITA / PLACE OF BIRTH* ALLEGATO 6 ANNEX 6 SCHEMA COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR SCLOSURE TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 1. PERSONA RILEVANTE CHIARANTE DECLARER

Dettagli

RAI WAY S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

RAI WAY S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING RAI WAY S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione del 4 settembre 2014 1. PREMESSA Il presente codice di comportamento in materia di

Dettagli

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Space S.p.A. (oggi F.I.L.A. Fabbrica Italiana

Dettagli

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA SE PERSONA FISICA / IF NATURAL PERSON NOME / FIRST NAME COMUNE

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA SE PERSONA FISICA / IF NATURAL PERSON NOME / FIRST NAME COMUNE ALLEGATO 6 /ANNEX 6 SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR DISCLOSURE TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 COGNOME / FAMILY NAME CODICE

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO

BANCA POPOLARE DI SPOLETO BANCA POPOLARE DI SPOLETO REGOLAMENTO INTERNAL DEALING 1 - Definizioni Nel presente Regolamento sono utilizzati, tra gli altri, i seguenti termini: "Soggetto Rilevante", in base all art.152-sexies del

Dettagli

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.p.A.

GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.p.A. GRUPPO EDITORIALE L ESPRESSO S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING E TENUTA DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE aggiornamento febbraio 2010

Dettagli

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA PERSONA FISICA / NATURAL PERSON

1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE / DECLARER 1.1 DATI ANAGRAFICI / PERSONAL DATA PERSONA FISICA / NATURAL PERSON ALLEGATO 6 /ANNEX 6 SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR DISCLOSURE TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE

Dettagli

Codice di Internal Dealing Premessa. Società Codice TUF Regolamento Emittenti 1. Definizioni. Soggetti Rilevanti : Società Controllata Significativa

Codice di Internal Dealing Premessa. Società Codice TUF Regolamento Emittenti 1. Definizioni. Soggetti Rilevanti : Società Controllata Significativa Codice di Internal Dealing Premessa. Conafi Prestitò S.p.A. (di seguito la Società ) ha adottato il presente Codice di Internal Dealing ( Codice ) in conformità a quanto disposto dall art. 114, comma 7,

Dettagli

Codice di comportamento in materia di Internal Dealing. Codice di comportamento di Internal Dealing

Codice di comportamento in materia di Internal Dealing. Codice di comportamento di Internal Dealing Codice di comportamento di Internal Dealing 1 Reply S.p.A. Codice di comportamento in materia di Internal Dealing relativo alle operazioni su strumenti finanziari emessi da Reply S.p.A. compiute da Soggetti

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 10 settembre 2007

Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 10 settembre 2007 Ai sensi dell art. 114, comma 7, del D.Lgs. n. 58/1998 (TUF) nonché degli articoli da 152-sexies a 152-octies della delibera Consob n. 11971/1999 (Regolamento Emittenti) Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MITTEL S.p.A. PROCEDURA RELATIVA ALLE OPERAZIONI EFFETTUATE DAI SOGGETTI RILEVANTI AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 7 DEL D. LGS. N.

MITTEL S.p.A. PROCEDURA RELATIVA ALLE OPERAZIONI EFFETTUATE DAI SOGGETTI RILEVANTI AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 7 DEL D. LGS. N. MITTEL S.p.A. PROCEDURA RELATIVA ALLE OPERAZIONI EFFETTUATE DAI SOGGETTI RILEVANTI AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 7 DEL D. LGS. N. 58/1998 (PROCEDURA INTERNAL DEALING ) Premessa Tenuto conto: - che dal

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. In materia di INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO. In materia di INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO In materia di INTERNAL DEALING Approvato con delibera del consiglio di Amministrazione del 8 febbraio 2011 Sommario 1. PREMESSA 3 2. SINTESI E SCOPO 4 3. CAMPO DI APPLICAZIONE /

Dettagli

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO

VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO VIANINI LAVORI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO 2 1. Finalita Il presente Codice di Comportamento viene emanato, ai sensi dell art. 114 comma 7 - del Testo Unico Finanziario e degli articoli 152-sexies,

Dettagli

PROCEDURA. ( Procedura internal dealing )

PROCEDURA. ( Procedura internal dealing ) PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI E COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI DA ESSI EFFETTUATE AVENTI AD OGGETTO AZIONI EMESSE DA INTERPUMP GROUP S.P.A. O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE COLLEGATI

Dettagli

CODICE DI INTERNAL DEALING. Reti Telematiche Italiane S.p.A. in forma abbreviata Retelit S.p.A.

CODICE DI INTERNAL DEALING. Reti Telematiche Italiane S.p.A. in forma abbreviata Retelit S.p.A. CODICE DI INTERNAL DEALING Reti Telematiche Italiane S.p.A. in forma abbreviata Retelit S.p.A. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 1 CODICE DI COMPORTAMENTO IN

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing 1. Premessa In coerenza con quanto stabilito dal Regolamento dei Mercati organizzati gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ALLEGATO 6 / ANNEX 6. SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7

ALLEGATO 6 / ANNEX 6. SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 ALLEGATO 6 / ANNEX 6 SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 FILING MODEL FOR DISCLOSURE OF TRANSACTIONS REFERRED TO ARTICLE 152-octies, paragraph 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Verbale Assemblea 2008 CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. PREMESSA Il presente codice di comportamento in materia di internal dealing (il Codice di Comportamento o il Codice ), avente

Dettagli

CODICE di COMPORTAMENTO in MATERIA di INTERNAL DEALING

CODICE di COMPORTAMENTO in MATERIA di INTERNAL DEALING CODICE di COMPORTAMENTO in MATERIA di INTERNAL DEALING Pagina 1 di 20 INDICE 1. Scopo 2. Ambito di applicazione 3. Definizioni e Abbreviazioni 3.1 Soggetti Rilevanti e Persone strettamente legate ai Soggetti

Dettagli

Codice di comportamento in materia di Internal Dealing

Codice di comportamento in materia di Internal Dealing Codice di comportamento in materia di Internal Dealing Approvato dal Consiglio di Amministrazione di ERG S.p.A. in data 14 maggio 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 1 luglio 2014 2 Indice 1. Premessa,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING MARCOLIN S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING INDICE Premesse Art. 1 Ambito di applicazione soggettivo Art. 2 Ambito di applicazione oggettivo Art.

Dettagli

MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 -

MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - Premessa In applicazione dell art. 11 combinato con l art. 17 e l art. 31 del Regolamento Emittenti AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale (il Regolamento

Dettagli

PROCEDURA CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING. Risorse, Legale e Acquisti INTERNAL DEALING N.ro Rev. Data Revisione tot. pagine 2 29/10/2010 14

PROCEDURA CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING. Risorse, Legale e Acquisti INTERNAL DEALING N.ro Rev. Data Revisione tot. pagine 2 29/10/2010 14 PROCEDURA CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 29 ottobre 2010 1 INDICE 1. PREMESSA pag.3 2. INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI pag.3 3. RESPONSABILITÀ

Dettagli

- Dmail Group S.p.A. -

- Dmail Group S.p.A. - - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI Internal Dealing - Dmail Group S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Dettagli

CODICE DI INTERNAL DEALING

CODICE DI INTERNAL DEALING FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A.

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A. FIDIA S.p.A. Codice di Comportamento diretto a disciplinare le c.d. "operazioni rilevanti" ai sensi degli Articoli 2.6.3 e 2.6.4 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing Consiglio di Amministrazione del 19 dicembre 2002 ARTICOLO 1 Finalità del Codice

Dettagli

PERMASTEELISA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

PERMASTEELISA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING PERMASTEELISA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING Premessa art. 1 Definizione di Soggetti Rilevanti e di Persone strettamente legate ai soggetti rilevanti art. 2 Definizione di operazioni soggette

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come successivamente modificato (il Regolamento Emittenti AIM

Dettagli

PROCEDURA INTERNAL DEALING

PROCEDURA INTERNAL DEALING PROCEDURA INTERNAL DEALING Data Approvazione: Marzo 2006 Ultimo aggiornamento: 12 Maggio 2014 1 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Premessa La presente procedura, adottata ai sensi dell'art. 114, comma 7, del

Dettagli

Codice di comportamento dei Soggetti rilevanti della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. "Internal Dealing"

Codice di comportamento dei Soggetti rilevanti della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. Internal Dealing Codice di comportamento dei Soggetti rilevanti della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. "Internal Dealing" Premessa A seguito del recepimento della direttiva Market Abuse con

Dettagli

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PERSONE RILEVANTI * * * * 1.1 Ai sensi dell art.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING REGOLAMENTO INTERNAL DEALING Edizione giugno 2014 1. Premessa 1.1 Il Banco Popolare Società Cooperativa (di seguito anche Banco ) istituisce il presente Regolamento Internal Dealing diretto a disciplinare

Dettagli

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Lu-Ve S.p.A. (la

Dettagli

Codice di comportamento Internal Dealing CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

Codice di comportamento Internal Dealing CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING pag. 1 febbraio 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI... 3 3. RESPONSABILITÀ DEI SOGGETTI RILEVANTI... 4 4. OPERAZIONI OGGETTO DELL'OBBLIGO

Dettagli

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO Aggiornato con le integrazioni suggerite da Borsa Italiana. Approvato dal CdA del 7 marzo 2003 Art. 2.6.3. (Obblighi in capo agli Emittenti) 1. In ottemperanza

Dettagli

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING Edizione aprile 2013 1 Premessa L art. 114, comma 7, del D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUIF ) introdotto nell

Dettagli

axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da axélero

Dettagli

Regolamento interno- Internal dealing REGOLAMENTO INTERNO

Regolamento interno- Internal dealing REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Comunicazione alla Consob e diffusione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone ad essi strettamente legate su azioni I

Dettagli

ALLEGATO 6. SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE 1.1 DATI ANAGRAFICI NOME

ALLEGATO 6. SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 1. PERSONA RILEVANTE DICHIARANTE 1.1 DATI ANAGRAFICI NOME ALLEGATO 6 SCHEMA DI COMUICAZIOE AI SESI DELL ARTICOLO 152octies, comma 7 1. PERSOA RILEVATE DICHIARATE 1.1 DATI AAGRAFICI SE PERSOA FISICA COGOME EDERLI OME DAVIDE DOMEICO SESSO * M CODICE FISCALE * DATA

Dettagli

KI GROUP S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

KI GROUP S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING KI GROUP S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da

Dettagli

ASTM S.p.A. OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE

ASTM S.p.A. OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE ASTM S.p.A. OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE INDICE Pagina PREMESSA ART. 1 SOGGETTI RILEVANTI ART. 2 OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE DEI SOGGETTI RILEVANTI ART. 3

Dettagli

da soggetti rilevanti da persone strettamente legate ad essi - I N T E R N A L D E A L I N G -

da soggetti rilevanti da persone strettamente legate ad essi - I N T E R N A L D E A L I N G - Regolamento delle operazioni di compravendita effettuate da soggetti rilevanti e da persone strettamente legate ad essi - I N T E R N A L D E A L I N G - Versione approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Procedura Internal Dealing

Procedura Internal Dealing Procedura ai sensi dell'articolo 152-sexies e seguenti del Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999 Procedura Internal Dealing Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Giorgio Fedon

Dettagli

SUNSHINE CAPITAL INVESTMENT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 -

SUNSHINE CAPITAL INVESTMENT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - SUNSHINE CAPITAL INVESTMENT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - Premessa In applicazione dell art. 11 combinato con l art. 17 e l art. 31 del Regolamento Emittenti AIM Italia Mercato Alternativo

Dettagli

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate

* * * 1.1. Gestione e diffusione delle informazioni privilegiate POLIGRAFICI PRINTING S.P.A. REGOLAMENTO IN TEMA DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI * * * Il presente regolamento in materia di informazioni privilegiate e operazioni

Dettagli

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING RELATIVA ALLE OPERAZIONI SU AZIONI DI VISIBILIA EDITORE S.P.A. POSTE IN ESSERE DAGLI AMMINISTRATORI

PROCEDURA DI INTERNAL DEALING RELATIVA ALLE OPERAZIONI SU AZIONI DI VISIBILIA EDITORE S.P.A. POSTE IN ESSERE DAGLI AMMINISTRATORI PROCEDURA DI INTERNAL DEALING RELATIVA ALLE OPERAZIONI SU AZIONI DI VISIBILIA EDITORE S.P.A. POSTE IN ESSERE DAGLI AMMINISTRATORI In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. Premessa La presente procedura (la Procedura ) riguarda le operazioni sul capitale di WM Capital S.p.A. (la Società o l Emittente ) e/o del

Dettagli

Procedura Internal Dealing. Cerved Information Solutions S.p.A.

Procedura Internal Dealing. Cerved Information Solutions S.p.A. Procedura Internal Dealing Cerved Information Solutions S.p.A. Rev. 01 Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 23/06/2014 Indice 1 Finalità... 3 2 Soggetti rilevanti e persone strettamente legate...

Dettagli

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING )

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) 1. Premessa L art. 2.6.3, comma 1, del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti dalla

Dettagli

PROCEDURA INTERNAL DEALING

PROCEDURA INTERNAL DEALING PROCEDURA INTERNAL DEALING In applicazione del combinato disposto degli articoli 11, 17 e 31 del Regolamento Emittenti AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale (il Regolamento Emittenti AIM ), il Consiglio

Dettagli

Codice di Comportamento sull Internal Dealing

Codice di Comportamento sull Internal Dealing Codice di Comportamento sull Internal Dealing Adottato dal Consiglio di Amministrazione di Amplifon S.p.A. con delibera in data 10 maggio 2006 e successivamente modificato in data 23 ottobre 2014. Milan,

Dettagli

SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7

SCHEMA DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 SCHEMA COMUICAZIOE AI SESI DELL ARTICOLO 152-octies, comma 7 1. PERSOA RILEVATE CHIARATE 1.1 DATI AAGRAFICI SE PERSOA FISICA COGOME BARAGGIA OME LUIGI SESSO* M BRGLGU2 9L12L007B (gg/mm/aaaa) 12/07 /1929

Dettagli

BLUE NOTE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

BLUE NOTE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING BLUE NOTE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Premessa La presente procedura (Ia Procedura) regola gli obblighi informativi inerenti le Operazioni (come infra definite) compiute dagli Amministratori di

Dettagli

Procedura Internal Dealing Pag. 1

Procedura Internal Dealing Pag. 1 Internal Dealing 1 Numero della procedura: Data prima emissione: Numero pagine: Ultima revisione: 14_ Internal Dealing Gennaio 2007 15 Funzione emittente: Investor Relator Funzioni coinvolte: Tutte le

Dettagli

OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI INTERNAL DEALING OBBLIGHI INFORMATIVI IN MATERIA DI INTERNAL DEALING PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI AVENTI AD OGGETTO AZIONI EMESSE DA UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. O ALTRI STRUMENTI FINANZIARI AD ESSE

Dettagli