Piano Emergenza di Primo Soccorso

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Emergenza di Primo Soccorso"

Transcript

1 Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, Busto Garolfo (MI) Tel Fax Cod. Mec.: MIIC8DL00N - Cod. Fisc.: sito: Piano Emergenza di Primo Soccorso Anno scolastico

2 Il Piano di Emergenza di Primo Soccorso dell Istituto Comprensivo è stato redatto dalla Commissione Sicurezza con lo scopo di : integrare e completare il Piano di Evacuazione garantire il Primo Soccorso e attivare gli interventi di Primo Soccorso. COS È IL PIANO DI EMERGENZA DI 1 SOCCORSO DI PRIMO SOCCORSO INTERNO E un organizzazione interna alla scuola, voluta dal Decreto legislativo 626 del 1994, che detta le regole in materia di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro. Essa ha come scopo: effettuare piccole medicazioni o interventi per i quali non è necessario andare al pronto soccorso ospedaliero o dal medico (o quanto meno non andarci urgentemente) valutare eventi di possibile gravità, decidere se chiamare o meno il 112 e quale messaggio dare per far comprendere esattamente l effettiva situazione. nei casi in cui viene chiamato il soccorso esterno specializzato, assistere il paziente con interventi pratici e psicologici che lo mantengano nelle migliori condizioni possibili fino all arrivo del soccorso informare tutto il personale docente e non docente, nonché gli studenti, sul comportamento da tenere nel caso di un allontanamento rapido dall aula prevenire situazioni di confusione e di panico. PERCHE IL PIANO DI EMERGENZA DI PRIMO SOCCORSO La presenza di minori già definisce a priori un contesto dove la responsabilità è sempre e comunque presente. Dirigente Scolastico, Docenti e Personale non docente - ognuno per la propria parte - sono sempre chiamati a svolgere compiti di sorveglianza sugli studenti; Quando gli studenti entrano in una Scuola scatta immediatamente l obbligo di sorveglianza da parte di questa. La Scuola deve quindi operare in modo da impedire che, difetti di sorveglianza o vigilanza, provochino incidenti. Ma, pur con tutta l attenzione possibile, appare ovvio che proprio la presenza di minori crea le premesse per infortuni o malori all interno della Scuola. Questa deve quindi organizzarsi con un piano di emergenza, semplice, chiaro e soprattutto attuabile, in grado di garantire ai lavoratori ed agli alunni, nei modi e nei tempi di volta in volta più adeguati, l idonea assistenza.

3 ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO In base al Decreto Legislativo 626 e successive modifiche ed integrazioni D.M. 382/98 ogni datore di lavoro deve istituire squadre di emergenza e di primo soccorso. In conformità a quanto disposto dagli art.12 e 15 del D.L.626/94, sono stati designati per plesso, quali addetti al PRIMO SOCCORSO, nell anno scolastico 10 / 11 i seguenti lavoratori: PLESSO SQUADRA PRIMO SOCCORSO DON MENTASTI DON MENTASTI DON MENTASTI TARRA DON MENTASTI CACCIA MADRE TERESA DON MENTASTI FERRAZZI-COVA DOCENTI A.S. 2010/2011 CISLAGHI MARIA GRAZIA VIGNATI ISABELLA RAIMONDI ANTONELLA DELL'ACQUA MARIA GRAZIA MARINO ANGELA ASSISTENTI AMM. CISLAGHI MARIA ROSA COLLABORATORI SCOL. MORELLI RAFFAELLA SCUTERI PAOLO MORELLI RAFFAELLA S.LUIGI GONZAGA MORELLI RAFFAELLA CRITERI DI INDIVIDUAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO Non è possibile predisporre un piano di presenza in turni definiti, per l articolazione complessa degli orari di lavoro. Viene però garantita la presenza di almeno un addetto per ogni turno di servizio, a copertura di tutto l orario scolastico giornaliero. Tutto il personale della scuola dovrà essere informato sul comportamento da adottare qualora, in via eccezionale, presso la scuola non sia presente alcun addetto al Primo Soccorso attraverso questi momenti previsti per l anno scolastico : informazione tra docenti dei vari plessi per una prima autoformazione con la lettura di una copia del Testo di Primo Soccorso e Prevenzioni Infortuni della C.R.I ( sottocomitato di Legnano ) formazione più specifica attraverso la partecipazione di tutti i docenti a un corso con l intervento di un medico. e/o infermiere specializzato

4 DESIGNAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO Il Dirigente Scolastico ha provveduto a designare tramite lettera gli addetti al primo Soccorso. Copia della comunicazione di designazione è custodita presso gli uffici amministrativi. L elenco degli addetti è stato inoltre comunicato al rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza ( RLS )ed è esposto alla bacheca SICUREZZA presente in ogni plesso dell Istituto Comprensivo. FORMAZIONE Tali addetti sono stati formati nel rispetto delle previsioni del D.M. n e, in conformità allo stesso, saranno soggetti a formazione ricorrente, almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico, con frequenza non superiore a tre anni. PROCEDURE IMPARTITE AGLI ADDETTI INCARICATI DEL PRIMO SOCCORSO: A tutti gli addetti al pronto soccorso sono state impartite e distribuite le seguenti procedure da attuare in caso di emergenza sanitaria. APPROCCIO ALL INFORTUNIO 1. Recarsi con la massima rapidità possibile, non appena ricevuta la notizia, sul luogo dell evento, rispettando le misure di sicurezza ed indossando i dispositivi di protezione individuali ( guanti in lattice ); 2. Sul luogo dell infortunio qualificarsi subito come addetto al soccorso; 3. Identificare eventuali pericoli presenti nell area, che potrebbero mettere a rischio anche gli stessi soccorritori (quali, ad esempio, fughe di gas o di sostanze pericolose, pericolo di elettrocuzione, incendio, etc.) e segnalarli immediatamente ai responsabili per la messa in sicurezza ai fini di un pronto intervento; 4. Allertare o far allertare, se necessario, gli incaricati della gestione delle emergenze ( squadra antincendio ); Il coordinamento degli interventi di soccorso sarà effettuato dall addetto giunto per primo sul luogo dell infortunio.

5 INTERVENTO SUL/SUGLI INFORTUNATO/I 1. Prestare i primi soccorsi al/agli infortunato/i effettuando solo gli interventi strettamente necessari 2. Valutare, nei limiti delle proprie competenze, le condizioni dell infortunato: controllare lo stato di coscienza, il respiro, il polso, la presenza di emorragie o di fratture; valutare la possibilità di frattura vertebrale; 3. Se l infortunato è cosciente, parlargli per tranquillizzarlo in ordine alla gravità dell infortunio e all eventuale chiamata dell Emergenza Sanitaria (112 ), spiegando quello che si sta facendo. Se possibile, senza affaticarlo, chiedergli notizie utili ai fini del soccorso: cosa è successo, dove gli fa male, se ha battuto la schiena o la testa, se gli fa male la testa, se gli viene da vomitare, etc.); 4. Intervenire per ridurre o eliminare i rischi dell infortunato (emorragie, etc.), possibilmente senza spostarlo se l infortunato è incosciente o ha ricevuto un colpo alla testa o se si sospetta una lesione della colonna vertebrale; 5. Spostare l infortunato solo in caso di pericoli gravi e immediati, quali possibili crolli, allagamenti, incendi, etc. 6. Far allontanare le persone e la classe dal bambino infortunato. Devono rimanergli accanto al massimo 2/3 persone adulte. Impedire l avvicinamento di curiosi o di volenterosi che non si qualifichino come medici, infermieri professionali o addetti al pronto soccorso; 7. Non somministrare bevande o farmaci.

6 PROCEDURE IMPARTITE ALL INSEGNANTE DELLA CLASSE Ogni docente dovrà informare gli studenti della propria classe sul comportamento da tenere nel caso di un allontanamento rapido dall aula con diverse prove pratiche di simulazione nel corso dell anno per impedire situazioni di confusione e di panico. 1. all interno di ogni classe devono essere individuati 2 alunni che, come in caso di evacuazioni dal plesso, collaborino con il docente a gestire l emergenza sanitaria: 2. i nominativi di questi alunni dovranno essere visibili su un foglio all interno dell aula 3. in caso di malore improvviso o infortunio di un compagno tutti gli alunni devono uscire con ordine dall aula e mettersi nell atrio o nel corridoio con un comportamento autonomo; 4. il primo alunno dovrà avvertire tempestivamente un collaboratore scolastico che provvederà a chiamare l addetto del Primo Soccorso e prestare le prime cure 5. contemporaneamente il secondo alunno prenderà in custodia il resto della classe,dando così la possibilità al docente di prestare i primi soccorsi all infortunato ; poi si recherà da un altro collaboratore che provvederà a telefonare immediatamente al 112 e contemporaneamente avvertirà la famiglia.

7 ATTIVAZIONE DEL SOCCORSO ESTERNO L addetto che ha attivato il contatto dovrà comunicare quanto segue all Emergenza Sanitaria (112) e ai soccorritori ( meglio se il contatto avviene con un cellulare o con un cordless, se disponibile ), assicurandosi che, in ogni caso, accanto all infortunato rimanga almeno una persona, se possibile un altro addetto 1. Indirizzo della scuola, nome e cognome di chi sta chiamando e numero di telefono per eventuali contatti successivi da parte del Cosa è successo: ( Tipologia dell infortunio (ad esempio, caduta da....metri,.urto contro..., elettrocuzione, etc.). 3. Eventuali sostanze o prodotti inalati, ingeriti o con cui si è venuti a contatto, etc.; è utile, in quest ultima evenienza, reperire le schede di sicurezza; ove questo richiedesse troppo tempo, è importante avere a disposizione il contenitore della sostanza o prodotto per consultare l etichetta. 4. La tipologia dell infortunio potrà essere ricostruita: - chiedendo all infortunato, se in stato di coscienza vigile; - chiedendo informazioni a coloro che hanno assistito all infortunio; - valutando rapidamente le caratteristiche del luogo dell infortunio e la situazione ivi presente; 5.Quante persone risultano coinvolte; 6. Qual è il loro stato di gravità; 7. L esistenza di condizioni particolari di accesso o logistiche della scuola che rendono difficile il soccorso. Ricordarsi di: a. Trascrivere il numero dell operatore del 112 che risponde e l ora esatta della chiamata; b. Non riattaccare prima che l operatore del soccorso sanitario abbia dato conferma del messaggio ricevuto; c. Avvertire i collaboratori scolastici di aprire il cancello posto sulla pubblica via per facilitare l ingresso dell autoambulanza e del personale sanitario; L addetto al pronto soccorso dovrà riferire ai soccorritori dell Emergenza Sanitaria (112), giunti sul luogo dell infortunio, le eventuali manovre effettuate, gli interventi sugli infortunati e, se conosciuti, i parametri vitali di questi ultimi (stato di coscienza, frequenza respiratoria, frequenza cardiaca,etc.).

8 ASSISTENZA MINORE IN AMBULANZA Si eviterà l uso del mezzo proprio per un immediato trasporto al Pronto Soccorso del minore In caso un addetto o un insegnante debba accompagnare un bambino in ambulanza, il suo posto di lavoro deve essere coperto dai colleghi presenti. Se ad accompagnare il bambino è un docente: un insegnante in compresenza nel plesso lo sostituisce; Se ad accompagnare il bambino è un collaboratore scolastico: i collaboratori scolastici in compresenza si fanno carico del lavoro del collega assente; EMERGENZA PRIMO SOCCORSO NUMERI UTILI Vigili del Fuoco 115 Ospedale- Ambulanza 112 Carabinieri-Polizia 112 Polizia Locale Volontari Protezione Civile Numero Verde P.S Per Busto Garolfo il numero di Pronto Intervento è 112. PROCEDURE DA COMPLETARE DOPO L EMERGENZA Il docente dopo l emergenza : 1. informerà dell accaduto la segreteria e il Dirigente Scolastico o uno dei collaboratori del D.S 2. eviterà in ogni caso l uso del mezzo proprio per un immediato trasporto al Pronto Soccorso 3. invierà in segreteria la relazione sull accaduto entro 12/24 ore dall infortunio.

9 PRESTAZIONE DI PRIMO SOCCORSO IN OCCASIONE DI USCITE In caso di uscite/visite guidate è necessario: - poter disporre in qualunque momento di un telefono mobile per allertare il 112 in caso di grave infortunio - avere ben chiaro l itinerario del viaggio in modo da dare informazioni puntuali al 112 sul luogo in cui è accaduto un sinistro - avere con sé il pacchetto di medicazione ASSICURAZIONE INAIL PER CASI DI INFORTUNIO Esiste, per gli alunni, oltre all assicurazione regionale, una copertura assicurativa pagata dalle famiglie e scelta annualmente dal Consiglio di Istituto SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI In attesa di un protocollo operativo tra Scuola, Enti Locali e ULSS, si riportano alcune regole in tema di somministrazione di farmaci in orario scolastico: - La somministrazione di farmaci deve avvenire sulla base delle autorizzazioni specifiche rilasciate dal competente servizio dell ULSS o del medico. Tale somministrazione non deve richiedere il possesso di cognizioni specialistiche di tipo sanitario, né l esercizio di discrezionalità tecnica da parte dell adulto. - La somministrazione di farmaci in orario scolastico deve essere formalmente richiesta dai genitori degli alunni o dagli esercitanti la potestà genitoriale, a fronte della presentazione di una certificazione medica attestante lo stato di malattia dell alunno con la prescrizione specifica dei farmaci da assumere (conservazione, modalità e tempi di somministrazione, posologia). - Il dirigente scolastico, a seguito della richiesta scritta di somministrazione di farmaci: > effettua una verifica della struttura scolastica mediante l individuazione del luogo fisico idoneo per la conservazione e la somministrazione dei farmaci; > verifica la disponibilità degli operatori scolastici a garantire la somministrazione dei farmaci, ove questa non sia possibile da parte dei genitori o loro delegati. - Resta prescritto il ricorso al Sistema Sanitario Nazionale di Pronto Soccorso nei casi in cui si ravvisi la sussistenza di una situazione di emergenza.

10 OBBLIGHI DI VIGILANZA Al fine di prevenire fatti che possono comportare gravi responsabilità si chiede quindi ai docenti e ai collaboratori scolastici di attenersi costantemente e con la massima diligenza alle norme che regolano gli obblighi di servizio connessi alla sorveglianza degli alunni ben esplicitati nel Regolamento di Istituto e nella circolare di inizio anno scolastico che il D.S ha inviato in ogni plesso. In caso di evento dannoso il personale scolastico non è responsabile solo quando, nonostante la più assidua e abituale vigilanza in atto, l'evento stesso non poteva essere assolutamente evitato (repentinità e/o imprevedibilità dell evento). SORVEGLIANZA DURANTE L ATTIVITA SCOLASTICA Gli obblighi di vigilanza sugli alunni e gli impegni per la sicurezza a cura degli operatori scolastici decorrono dal momento dell ingresso degli alunni nei locali scolastici sino all uscita. La vigilanza è estesa anche alle attività scolastiche che si svolgono in aree, spazi o locali esterni alla scuola o in orario aggiuntivo. Il personale collaboratore scolastico vigila, in conformità con le istruzioni impartite, in occasione dei movimenti interni degli alunni, singoli o in gruppi. In caso di attività parascolastiche, attività di integrazione formativa, visite guidate ecc, gli obblighi di vigilanza sono estesi all intero arco temporale di durata delle dette attività, inclusi i tempi destinati ai trasferimenti individuali o collettivi. 1. SORVEGLIANZA DEGLI AMBIENTI COMUNI I collaboratori scolastici, qualora non impegnati in altre attività di servizio, svolgono un attenta e assidua sorveglianza degli ambienti comuni (corridoi, atri, antibagni, ecc.) nei quali potrebbero trovarsi alunni non soggetti alla diretta vigilanza dei docenti.

11 CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO La cassetta di pronto soccorso è ubicata in un luogo di facile accessibilità e visibilità. In essa sono compresi i seguenti dispositivi di protezione individuale (DPI): a) guanti in lattice; b) visiera paraschizzi. La posizione della cassetta è segnalata mediante la segnaletica specifica (croce bianca in campo verde), in conformità al D.Lgs. 493/1996. I contenuti della cassetta sono controllati con frequenza mensile da parte dell addetto al pronto soccorso e, ove necessario, reintegrati/sostituiti a cura dello stesso. Il controllo dei prodotti medicali e dei DPI è finalizzato in particolare a verificarne la presenza, l integrità e la scadenza. ATTIVAZIONE DEL PIANO DI PRONTO SOCCORSO Consegna del presente documento in forma integrale : 1. agli addetti di Primo Soccorso ; 2.a tutti i dipendenti che operano nella scuola in forma schematica ; 3.affissione nella bacheca della SICUREZZA

12 CONTENUTO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO Il contenuto della cassetta di pronto soccorso dovrà sempre essere conforme a quanto stabilito dal D.M. n 388/2003, per i luoghi di lavoro del Gruppo B. PRESIDIO QUANTITA Guanti sterili monouso 5 paia Visiera paraschizzi 1 Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro 1 Flaconi di soluzione fisiologica ( sodio cloruro 0, 9%) da 500 ml 3 Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole 10 Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole 2 Teli sterili monouso 2 Pinzette da medicazione sterili monouso 2 Confezione di rete elastica di misura media 1 Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso 2 Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 2 Forbici 1 paio Lacci emostatici 3 Ghiaccio pronto uso 2 confezioni Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari 2 Termometro 1 Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa 1 Busto Garolfo :

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO PIANO DI PRONTO SOCCORSO INDICE 1 - GENERALITÀ 2 - ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 3 - PROCEDURE IMPARTITE AGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 4 - PROCEDURE IMPARTITE AI LAVORATORI 5 - CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO DIREZIONE DIDATTICA DI STATALE II CIRCOLO DI BOLLATE PIANO DI PRONTO SOCCORSO II CIRCOLO DIDATTICO DI BOLLATE - Scuola dell infanzia V. BACHELET - Scuola dell infanzia B. MUNARI - Scuola primaria M. MONTESSORI

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI)

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. ITCG G. Maggiolini. via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) PIANO DI PRONTO SOCCORSO ITCG G. Maggiolini via Spagliardi 19 - Parabiago (MI) xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO

Dettagli

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO

PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO PROCEDURA PRIMO SOCCORSO E PRONTO INTERVENTO INDICE Premessa pag. 2 Addetti al Primo Soccorso pag. 3 Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso pag. 3 Attivazione del soccorso: procedura pag. 4

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. PARINI VIA ROMA 56 21055 GORLA MINORE (VA) P.IVA/C.F. 81009990128 Tel.n.0331/601650 Fax n. 0331/601650 PEC: icsgparini.va.protocollo@pa.postacertificata.gov.it e-mail comprensivogorla@libero.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. RODARI

SCUOLA PRIMARIA G. RODARI ISTITUTO COMPRENSIVO TOMMASO GROSSI Via T. Grossi, 35-20017 RHO (MI) C.F.93546620159 Cod. Mecc. MIIC8FF002 Tel. 02. 93900447 FAX 02. 93 469700 E-mail miic8ff002@istruzione.it - PEC miic8ff002@pec.istruzione.it

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. Istituto comprensivo Toscanini Chiari -

PIANO DI PRONTO SOCCORSO. Istituto comprensivo Toscanini Chiari - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "A. TOSCANINI" - CHIARI (BS) VIA ROCCAFRANCA n 7/b tel 030/711217

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI -ANGERA C.M. VAIC880006 - C.F. 92027620126 Via Dante, 2 21021 ANGERA (VA) 0331 930169-0331 960127

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente.

E importante rimarcare la distinzione tra paziente grave e paziente urgente. IL PRIMO SOCCORSO Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 mette in capo al Datore di Lavoro l obbligo di prendere i provvedimenti necessari in tema di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Squadra di sicurezza In Istituto sono presenti n.18 persone addestrate e formate al Primo Soccorso L addetto di primo soccorso (PS) è una persona formata ed opportunamente addestrata

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE IL PRIMO SOCCORSO A SCUOLA QUALI REGOLE RISPETTARE Da sempre la Scuola è un luogo di lavoro atipico, dove la presenza dei minori amplifica le problematiche legate al soccorso (che negli altri luoghi di

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI PORTO S. STEFANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ( D.M. 15 luglio 2003, n.388 ) 1 INDICE PAG. 1. GENERALITA 3 2. PRESIDI SANITARI 4 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 5 4. IL MEDICO

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZZARO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015. Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA)

ISTITUTO COMPRENSIVO J. SANNAZZARO SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015. Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA) SCUOLA DELL INFANZIA CAPOLUOGO PROT. N. 3086 A/35 OLIVETO CITRA, 27/11/2015 Via Sandro Pertini Oliveto Citra (SA) Dirigente Scolastico: Dott.ssa Giacomina Capuano DOCUMENTO DEI PROVVEDIMENTI NECESSARI

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO SCUOLA DELL'INFANZIA L'AQUILONE 9 Istituto Comprensivo - PADOVA PIANO DI PRIMO SOCCORSO IL PRIMO SOCCORSO È RIVOLTO A QUALSIASI PERSONA PRESENTE NELLA SCUOLA CHE INCORRA IN INFORTUNIO O MALORE. Insegnanti

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

Documento Valutazione Rischi

Documento Valutazione Rischi ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI In Memoria dei Morti per la Patria CHIAVARI Succursale: via Castagnola 15A Documento Valutazione Rischi (art.28 Decreto Legislativo n 81/2008) ISTITUTO

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Buscate

Scuola Secondaria di I grado di Buscate ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ARCONATE E BUSCATE Scuola Secondaria di I grado di Buscate ALLEGATO 1 A.S. 2014/15 PIANO DI EMERGENZA SANITARIA E DI PRIMO SOCCORSO INDICE 1. GENERALITÀ 2. ADDETTI AL PRIMO

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI Anno Scolastico 2013 / 2014 ALLEGATO O Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO INDICE PREMESSA Addetti al Primo Soccorso Procedure impartite agli addetti al Primo Soccorso Attivazione del soccorso: procedura Procedure impartite al personale Cassetta di Pronto

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.Comprensivo " Villa Verrocchio " Montesilvano PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 DATA: IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.Leo Di Fabio DSGA Giuseppe Barrara IL MEDICO COMPETENTE dott. IL

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SCIALOIA 21 PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) DELLA SCUOLA PRIMARIA CALVINO via Scialoia 19 Milano DELLA SCUOLA SECONDARIA I BUONARROTI via Scialoia

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

IL PRIMO SOCCORSO QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE LE NORME DEL D.M. 388/03 LE RESPONSABILITA DEL PERSONALE SCOLASTICO PRESENZA

Dettagli

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA

Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA 120 C.D. M. GANDHI via Corinaldo n. 41 00156 Roma Corso di FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DEI LAVORATORI SULLA SICUREZZA ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 a.s. 2010/2011 -Figure sensibili del primo

Dettagli

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D. Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.Lgs 81/08 e smi) OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 15/11/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE

PIANO DI EMERGENZA SCUOLE PIANO DI EMERGENZA SCUOLE ai sensi del D.Lgs. 81/08-242/96 e D.M. 10/3/98 Nome scuola/istitut o indirizzo Istituto Comprensivo di CastelGoffredo Anno scolastico 2014/2015 Gestione delle emergenze Il D.Lgs

Dettagli

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE

CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE CRITERI DI ORGANIZZAZIONE DEL PRIMO SOCCORSO E DI INDIVIDUAZIONE DELLE RISORSE NECESSARIE EMERGENZA EVENTO IMPROVVISO E PERICOLOSO CHE RICHIEDE INTERVENTI IMMEDIATI. EVENTI LEGATI A RISCHI PROPRI DELL

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO 1 PIANO DI PRIMO SOCCORSO a.s. 2015-16 aggiornamento marzo 2016 (Allegato al DVR revisionato giugno 2015) Indice generale 2 1. SOGGETTI RESPONSABILI DELLA DEFINIZIONE DEL PIANO pag. 3 2. CRITERI PER LA

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003 Dott. Giulio Angelo Boario Medico Chirurgo, Specialista in Medicina del Lavoro Str. Ronchi Cunioli Alti 63/12-10024 Moncalieri (TO) tel. 0116612547 - cell.3397233693 e-mail giulioangelo.boario@fastwebnet.it

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO.

CIRCOLARE A.S. 2014/2015 N.168. Oggetto: Indicazioni operative in materia di pronto soccorso a scuola PIANO DI PRIMO SOCCORSO. ISTITUTO COMPRENSIVO - CENTRO E.D.A. Gian Giacomo Ciaccio Montalto Via Tunisi, 37-91100 TRAPANI Tel 0923 20398 Telefax 0923 20106 CF: 80004160810 - C.M.: TPIC836004 e-mail tpic836004@istruzione.it PEC

Dettagli

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO

EMERGENZA E PRIMO SOCCORSO ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi In collaborazione con CEFAS IL PRIMO SOCCORSO A cura

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G.Mariti - Fauglia SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pagina 1 di 6 Revisione:1.4 a.s. 2015-16 GENERALITÀ L Istituto, articolato su tredici plessi, corrispondenti

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Via Famiglia Riccardi 2 24027 Nembro (Bg) Tel: 035 520709-035 4127675 / Fax: 035 520709 C.F. 95118440163 C.M.

Dettagli

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA

PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Angelo Sacco Matteo Ciavarella Collana A B C INFORMAZIONE ESSENZIALE PRIMO SOCCORSO IN AZIENDA Manuale ad uso dei lavoratori Ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e del Decreto n. 388 del

Dettagli

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008

Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 Decreto legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 pubblicato sulla G.U. n. 101 - Supplemento Ordinario - del 30 aprile 2008 INFERMIERE AREA CRITICA 16/12/2011 - Dott. G. Guastella - www.formatori.veneto.it 2

Dettagli

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza

Verifica da effettuarsi a cura dell Addetto ai Servizi di emergenza antincendio ed evacuazione di emergenza ESTINTORI A POLVERE La scheda serve per annotare la verifica mensile della funzionalità degli estintori portatili a polvere (integrità complessiva e posizionamento della lancetta del manometro sul campo

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA PROCEDURE ORGANIZZATIVE PER IL PRIMO SOCCORSO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del

Dettagli

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO

Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Pag. 1 di 8 Procedura 1-001 PIANO DI PRIMO SOCCORSO Sommario GENERALITÀ... 2 STRUMENTI DI PRIMO SOCCORSO... 2 REQUISITI E FORMAZIONE DEGLI ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO... 3 GESTIONE PROCESSO DI PRIMO SOCCORSO...

Dettagli

Primo soccorso in azienda

Primo soccorso in azienda Primo soccorso in azienda Articolo 15 D. Lgs. 626/94 1) Il datore di lavoro (omissis).. prende provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza.(omissis) 2) Il

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.P.S.S.A.R. P. ARTUSI Cod.Fis. 85001510248 Cod. min. VIRH010001 Via Pralonghi, 5 36076 RECOARO TERME (VI) Tel. 0445 75111 75215 fax. 0445 76387 www.artusi.vi.it info@artusi.vi.it E-mail certificata: virh010001@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it INDICE: 1. SCOPO;

Dettagli

PIANO EMERGENZA PRIMO SOCCORSO La presente procedura si applica all Istituto Comprensivo Statale di Domegge e Calalzo di Cadore (BL)

PIANO EMERGENZA PRIMO SOCCORSO La presente procedura si applica all Istituto Comprensivo Statale di Domegge e Calalzo di Cadore (BL) Domegge di Cadore, 13 febbraio 2015 prot. 468 /A35 PIANO EMERGENZA PRIMO SOCCORSO La presente procedura si applica all Istituto Comprensivo Statale di Domegge e Calalzo di Cadore (BL) Via Garibaldi, n

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. Marconi Via Badolato, s.n.c. - 84078 - Vallo della Lucania (SA) PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) prot. n. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa FLORISA SINISCALCO

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Anno scolastico 2008/2009 A) CRITERI GENERALI PER LA REDAZIONE DEL PRESENTE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Introduzione Il DLgs. 81/2008 prevede che il datore di lavoro adotti i provvedimenti

Dettagli

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

TU art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole PRIMO SOCCORSO: Aspetti organizzativi 7.13 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 Primo soccorso

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE ed TU Titolo IV Cantieri temporanei o mobili 1 PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 dove parla del primo soccorso 2 Dlgs 81/2008+106/2009 allegato

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA REGOLAMENTO D ISTITUTO PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA La problematica della somministrazione dei farmaci in orario scolastico che interessa gli alunni affetti da patologie per le

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 DATA: 27/01/2005 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Personale / Resp. Servizio Prevenzione e Protezione / Resp. Formazione / Addetti Primo Soccorso DA/FROM: TECNOLARIO

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2)

Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08. Corso di. FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro D.L. 81/08 1 Corso di FORMAZIONE SPECIFICA (Modulo 2) Contenuti Formazione Specifica 2 2 Segnaletica Emergenze Procedure esodo ed incendi Procedure organizzative

Dettagli

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale

Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Le nuove norme sulla organizzazione del pronto soccorso aziendale Graziano Frigeri 1 graziano@euronorma.it Con sei mesi di ritardo rispetto alla scadenza originaria, il 3 Febbraio 2005bentra definitivamente

Dettagli

PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA

PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA Premessa L'esistenza di problematiche connesse alla presenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico esige

Dettagli

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS

P4 FORMAZIONE DEI. Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS Formazione specifica dei lavoratori: GESTIONE INFORTUNI E PIANO DI PS P4 FORMAZIONE DEI LAVORATORI EX D.Lgs. 81/08 (art. 37) E ACCORDO STATO-REGIONI 21/12/2011 GESTIONE DEGLI INFORTUNI e INCIDENTI Occorre

Dettagli

Oggetto: pianificazione generale dell Organizzazione della vigilanza verso gli studenti.

Oggetto: pianificazione generale dell Organizzazione della vigilanza verso gli studenti. INISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DON MILANI Via Cilea, 4, 04100 Latina - Tel. 0773/606160-628184 fax 0773/621917

Dettagli

"!2 2)10$03%404$ +#-+5 " 5" +"5! 7//!". *"/# ""#+!#2

!2 2)10$03%404$ +#-+5  5 +5! 7//!. */# #+!#2 "!2 2)10$03%404$!"#$%&&'($%) *#+!#,+!"-. +-#. +*"/..)0($0(1 "5!#+!# +#-+5 " 5"!!+6"!" "5! 7//!". *"/# ""#+!#2 +5! 6" 66"!- # #. "/ +! 6"!2%'$%0605"+6"!/!6"+!"-. #,!"/!!+!! ##/.!!#"!! # 5-!/! # +!" + +-!

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ANNO SCOLASTICO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ANNO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SIZIANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ANNO SCOLASTICO 2010 2011 INDICE 1. GENERALITÀ 2. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 3. PROCEDURE IMPARTITE AGLI ADDETTI INCARICATI DEL PRONTO SOCCORSO

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI

IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI IS DIR 09 ISTRUZIONE SICUREZZA DOCENTI I docenti non possono mettere a repentaglio la sicurezza degli alunni e devono pertanto: sorvegliare gli alunni conoscere e informare gli alunni loro affidati sulle

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE. QUALI REGOLE RISPETTARE

IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE. QUALI REGOLE RISPETTARE di Giuseppe Esposito* IL PRIMO SOCCORSO NELLE SCUOLE. QUALI REGOLE RISPETTARE DALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE AI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. LE NORME DEL D.M. 388/03 L articolo si propone di

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni

Istruzioni operative per la gestione degli infortuni Istruzioni operative per la gestione degli infortuni SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura si applica a tutti gli eventi definiti infortuni che si verificano a carico dei lavoratori dipendenti,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI. IN ORARIO SCOLASTICO (0-14 anni)

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA SOMMINISTRAZIONE DEI FARMACI. IN ORARIO SCOLASTICO (0-14 anni) AZIENDA USL di Reggio Emilia Distretto di Correggio SCUOLE E NIDI D INFANZIA Comuni del Distretto di Correggio ISTITUTI SCOLASTICI STATALI Per scuole primarie e secondarie di 1 grado F.I.S.M. E COOPERATIVE

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Piano di Primo Soccorso CORSO DI FORMAZIONE PER 5.1d DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI D.Lgs. 81/08

Dettagli

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale edizione Art. 34, 36, 37 D.Lgs. 81/2008 (ex Art. 22 D.Lgs. 626/97 Modificato con D.Lgs. 388/03) Gruppo A (16 ore)

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016. D.S. Prof. ing. Antonino Morfea. D.l.g. 81/2008-106/2009 e D.M. 20/12/2012 e s. i D.L.107/2015

Anno Scolastico 2015/2016. D.S. Prof. ing. Antonino Morfea. D.l.g. 81/2008-106/2009 e D.M. 20/12/2012 e s. i D.L.107/2015 Anno Scolastico 2015/2016 D.S. Prof. ing. Antonino Morfea D.l.g. 81/2008-106/2009 e D.M. 20/12/2012 e s. i D.L.107/2015 6 Corso di aggiornamento e formazione sulle mansioni e sicurezza nella Scuola responsabilità

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA ISIS CIPRIANO FACCHINETTI COMUNE DI CASTELLANZA VIA AZIMONTI N 5 TEL.0331-635718 FAX 0331679586 ESTRATTO DAL PIANO DI EMERGENZA (Copia per il personale docente) Pagina 1 di

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria.

SEDE di Via Massaua. Scuola Primaria. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.C.S. CARDARELLI - MASSAUA Via Scrosati, 4-20146 Milano Centralino 02.884.41534 - Fax 02.884.44514 - Didattica 02.884.44511 Amministrazione 02.884.41541-

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza PRIMO SOCCORSO Aspetti organizzativi CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI PS Primo soccorso Aspetti organizzativi DLgs 81/08 art. 45 IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO VICENZA 9 K.T. LAMPERTICO - VICENZA PIANO DI PRIMO SOCCORSO Vicenza, 30/10/2015 Prot. 4669/A35 1 INDICE Riferimenti Normativi pag. 3 Classificazione della scuola pag. 3 Organizzazione

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO LAGONEGRO di SCUOLA dell INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI I GRADO C.T.P. E.D.A Piazza della Repubblica s.n.c. Tel. 0973/21037

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO IX ISTITUTO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO Via TASSONI 17 35127 PADOVA P A D O V A DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/15 SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO Dirigente Dott.ssa Luisa Imbriani R.S.P.P.

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 Lice o classico Stellini Udine OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 01/09/2013 PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. n. 388/2003 e D.Lgs 81/08 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Giuseppe Santoro IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08

FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 FIGURE PREVISTE DAL D.Lgs 81/08 DATORE DI LAVORO (RETTORE) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE S.P.P. MEDICO COMPETENTE M.C. -DIRIGENTI -RESPONSABILI DELL ATTIVITA DIDATTICA E DI RICERCA -PREPOSTI LAVORATORI

Dettagli

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M.

CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. CORSO PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 1 (ex D. Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 integrato dal D. Lgs. n. 106 del 3 agosto 2009 ed ex D.M. 388/03) ORGANIZZAZIONE: Responsabile del progetto formativo Ing. Giacinto

Dettagli

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI

P.A.S. = PROTEGGI-AVVERTI-SOCCORRI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PREGANZIOL Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Via A. Manzoni 1, 31022 Preganziol (Treviso) Tel 0422 330645-0422 938584 - CF 80011500263 www.icpreganziol.gov.it

Dettagli

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 AI SENSI DEL D. LGS 9 APRILE 2008 n 81 Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro RSPP Prof.

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA)

Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) Istituto Comprensivo Parziale B. C. Ferrini Via L. Greppi, 19-21057 Olgiate Olona (VA) CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE NORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO ART. 1 Campo di

Dettagli

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388

Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Decreto del Ministero della Salute 15 luglio 2003, n. 388 Normativa - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2)

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2) CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET (Decreto n. 388/03) per luoghi di lavoro VALIGIETTE QUICKFARMA (Allegato 1) 1.1 FARMASTAR (Allegato 1) 1.2 LEADERFARMA (Allegato 2) 1.3 FLEXIFARMA

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE "LEONARDO da VINCI" Liceo Scientifico Istituto Tecnico settore Economico - Indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing - Indirizzo Relazioni Internazionali per

Dettagli