ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESERCIZI PER COSCE E ANCHE"

Transcript

1 ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con movimento più ampio possibile, avanza mantenendo sempre la posizione della coscia che si porta avanti parallela al suolo, il bacino sempre alla stessa altezza e il busto eretto. Andatura frontale Andatura laterale ANDATURA IN PIEGATA FRONTALE (a carico naturale, con manubri, cintura zavorrata o bilanciere) - Con il busto eretto e la testa leggermente sollevata, avanza in piegata, con l'arto retroposto in leggera flessione della gamba

2 (Figura), estendendoti al massimo verso l alto. - L'uso del bilanciere è riservato ad atleti esperti e con buona tecnica esecutiva. Infatti l avanzamento del corpo in piegata, a causa dell appoggio asimmetrico su un solo arto, comporta continui movimenti di compenso della colonna vertebrale. - Con il bilanciere sulle spalle i muscoli del busto svolgono un importante azione fissatrice. Andatura in piegata frontale Mantenendo sempre una leggera flessione della gamba dell'arto proteso dietro si attenua la tensione dovuta allo stiramento dei muscoli anteriori flessori della coscia, specialmente dello Psoas iliaco, in quanto vengono avvicinati i capi estremi di inserzione. In questo modo è possibile mantenere il busto verticale ed eseguire l'esercizio in maniera ottimale. SALTI E BALZI Varianti: angolo del ginocchio da 90 fino al piegamento completo (1, 2, 3). Direzione verso avanti (a) o verso l alto (b). Appoggio dei piedi pari, alternati, su un solo piede (c). Con ostacoli (d) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Partendo sempre dalla posizione di piegamento scelta, vai in massima estensione verso l alto, per poi ammortizzare la caduta in maniera controllata. - Mantieni il busto eretto e la testa leggermente sollevata.

3 - Puoi regolare l impegno muscolare partendo da un piegamento più o meno accentuato e andando verso l alto o allungando la distanza tra i balzi. - Puoi eseguire fermandoti e partendo sempre da un angolo fisso (forza esplosiva) oppure sfruttando la reazione elastica muscolare (forza esplosivo-elastica). - Il carico può essere aumentato notevolmente se esegui su un solo arto. - Se utilizzi degli ostacoli fai in modo che l altezza sia regolata in modo da permetterti l esecuzione ottimale dell esercizio. SALTI IN BASSO (drop jump) (a carico naturale) - Esercizio di pliometria di salto da una panca e arrivare a terra mantenendo costantemente un angolo delle ginocchia intorno ai ( C. Bosco). Toccato il suolo, effettua un caricamento con rapidissima inversione del movimento fino alla massima estensione degli arti inferiori e balzo verso l alto (vedi "Metodi Forza rapida"). - Mantieni il busto eretto e la testa leggermente sollevata. - L altezza di caduta ottimale va regolata in base alla migliore altezza di rimbalzo (massima reattività muscolare). - Se sei molto giovane o principiante usa cautela e altezze di caduta modeste. PIEGAMENTI SULLE GAMBE (squat) Varianti: su un solo arto con piegamento fino a 90 circa dell'angolo delle ginocchia, fino a cosce parallele al suolo o completi (a), inoltre con un balzo finale (c). (a carico naturale, manubri, cintura zavorrata, bilanciere o hack squat machine) a) PIEGAMENTO GAMBE A CARICO NATURALE O PICCOLI PESI LIBERI

4 - Per graduare l'impegno muscolare puoi utilizzare diversi gradi di piegamento. - La variante con balzo finale qualifica l impegno per lo sviluppo della forza rapida. Piegamento con balzo Piegamento semplice b) PIEGAMENTO GAMBE CON BILANCIERE O HACK SQUAT MACHINE

5 - Il bilanciere può essere posto avanti sul petto (front squat) o dietro sulle spalle (back squat) (Figura). Il piegamento con il bilanciere avanti sulle spalle costringe il busto ad una posizione più verticale e, quindi, a utilizzare maggiormente i muscoli estensori delle gambe e delle cosce. Inoltre, la maggiore verticalità del busto diminuisce il carico sulle vertebre lombari. Aumenta anche la sicurezza esecutiva in quanto, in caso di sbilanciamento dell atleta in avanti o indietro, basta semplicemente aprire le mani perché il bilanciere cada a terra. Per sostenere correttamente l'asta e mantenere il busto eretto, tieni i gomiti sollevati in avanti. Nella esecuzione con il bilanciere posto dietro sulle spalle (back squat), può essere utile l'assistenza di un partner che si pone dietro, intervenendo solo se il corpo si sbilancia eccessivamente in avanti. In caso di sbilanciamento del corpo indietro è sufficiente aprire le mani per far cadere il bilanciere cade a terra. Inclinazione del busto nel piegamento gambe dovuta alla posizione del bilanciere - Puoi eseguire questo esercizio su diversi angoli di escursione articolare che vanno da all angolo del ginocchio fino al piegamento completo. L angolo di viene utilizzato essenzialmente per migliorare la Forza rapida (esplosiva ed esplosiva-elastica) dove la metodologia richiede una esecuzione concentrica al massimo della velocità possibile. Gli angoli più chiusi, da coscia parallela al suolo fino al piegamento completo sono tipici per il rafforzamento muscolare della Forza massima e della Forza resistente. Per quest ultima, anche a causa delle numerose ripetizioni eseguite in ciascuna serie e della applicazione di ritmi esecutivi prestabiliti, si preferisce il piegamento fino a cosce parallele al suolo. - Lo stacco iniziale del bilanciere dai supporti (cavalletti), come anche il suo riposizionamento dopo aver eseguito l esercizio, è una fase importante e troppo spesso eseguita frettolosamente,

6 creando i presupposti di possibili traumi alla colonna vertebrale. Poniti davanti all asta impugnandola con il passo ritenuto il più idoneo a mantenerla ben poggiata sulle spalle (solitamente leggermente più largo delle stesse). Poni i piedi distanti circa la larghezza del bacino con tutta la pianta sempre poggiata a terra, in modo che la perpendicolare al suolo dell asta cada sull arco plantare. - Dopo avere posto il bilanciere sulle spalle allontanati dai supporti verso dietro a piccoli passi (la distanza di sicurezza è di almeno cm.). Disponi i piedi distanti circa la larghezza delle spalle (comunque nella posizione che risulta più stabile nella massima accosciata), con le punte ruotate leggermente in fuori e tutta la pianta sempre poggiata a terra. - Mantieni sempre il busto eretto e quanto più possibile verticale, con la testa leggermente sollevata per tutta la durata dell esercizio (il sollevamento della testa favorisce l automatica estensione dorsale del busto). Durante tutto il piegamento mantieni le cosce ben divaricate. La direzione di piegamento delle cosce deve risultare sulla stessa linea della pianta dei piedi. Tieni sempre presente che la flessione del capo e l avvicinamento delle ginocchia favoriscono l inclinazione del busto in avanti e lo sbilanciamento di tutto il corpo. - Usa un ritmo esecutivo uniforme e ben controllato. - Per mantenere la massima stabilità e per concentrare il lavoro sui muscoli delle cosce, esegui la fase di risalita portando il bacino per avanti-alto. - Nell inversione del movimento dalla massima accosciata, non sfruttare il rimbalzo dovuto alla reazione elastica del tendine rotuleo. Lo stiramento violento e sistematico del tendine è una delle cause di traumi dovute a questo esercizio. - Se non disponi di sufficiente articolabilità delle caviglie, puoi porre sotto i talloni uno spessore di 1-3 cm. Lo spessore non ha alcuna utilità nei tipi di piegamento con angolo del ginocchio più aperto della massima accosciata. Lo spessore deve anche garantire la massima stabilità, pertanto deve essere di larghezza e peso adeguati. Se troppo stretto e leggero, o posto troppo vicino al bordo posteriore dei talloni, potrebbe ribaltarsi durante l esecuzione (Figura). Esecuzione corretta del piegamento sulle gambe con bilanciere

7 - Salvo nelle esecuzioni che prevedono angoli del ginocchio più aperti (da coscia parallela a 90 circa), non utilizzare bilancieri guidati (tipo ergo power ) in quanto, la traiettoria verticale obbligata, potrebbe determinare carichi eccessivi sulle articolazioni delle ginocchia e sulla colonna vertebrale. L'esecuzione con i piedi posti fuori della perpendicolare dell'asta comporta una linea di spinta che spinge in avanti i femori esercitando una forte pressione sulle strutture articolari delle ginocchia. Piegamento gambe al castello (multipower) nel piegamento gambe DISTENSIONI DELLE GAMBE (leg press) (con leg press machine) - Aderisci alla panca con il dorso e la regione lombare. - Nell esecuzione da posizione seduta il Grande gluteo, Semitendinoso, Semimembranoso, Bicipite femorale (capo lungo) agiscono in maniera parziale. Ancora meno il Retto anteriore del Quadricipite femorale (Figura).

8 Distensioni delle gambe da seduto con leg press machine La posizione seduta, quindi di partenza delle cosce già in flessione, avvicina i capi estremi di inserzione del muscolo Retto anteriore (Re) del Quadricipite femorale. Lo stesso avviene, a causa della posizione di partenza a gambe flesse, per il Bicipite femorale, Semitendinoso e Semimembranoso (Es). Pertanto questi muscoli esercitano una modesta tensione. A questo si aggiunge anche una ridotta escursione (estensione) delle cosce (a) rispetto alle possibilità di escursione articolare (b). Pertanto, alla fine della distensione anche il Grande gluteo (Gl), pur essendo sempre in tensione, effettua un lavoro parziale. I muscoli totalmente impegnati risultano solo il Vasto laterale, Vasto intermedio e Vasto mediale (Va) del Quadricipite femorale. SOLLEVAMENTI DA TERRA (dead lift) (con manubri o bilanciere)

9 - Posiziona i piedi distanti quanto la larghezza del bacino e leggermente divaricati, in modo tale che la perpendicolare dell asta del bilanciere cada sui metatarsi. Tieni le braccia sempre distese, le spalle perpendicolari all asta, il busto eretto e la testa in linea. La posizione di chiusura degli angoli articolari (caviglia, ginocchia e anche) è conseguente a quella dei piedi e delle spalle, con le gambe che aderiscono all asta. - Solleva il bilanciere aprendo contemporaneamente gli angoli articolari degli arti inferiori, mantenendo le piante dei piedi a terra. Durante l esecuzione fai aderire il bilanciere al corpo per tutta la traiettoria. - Evita la variante dello stacco, effettuato a gambe estese (Figura). Questo esercizio mette in forte stiramento (allontanamento dei capi di inserzione) i muscoli posteriori delle cosce, ovvero il Semitendinoso, Semimembranoso e Bicipite femorale (capo lungo). Come conseguenza il bacino rimane bloccato e non ruota adeguatamente sull articolazione dell anca, provocando una compensazione attraverso una cifosi lombare e relativo carico abnorme sulle vertebre di questa regione. - I muscoli estensori del tronco sono impegnati in una notevole azione fissatrice (statica). Questo esercizio, pur non impegnandoli dinamicamente, rafforza vistosamente i muscoli del dorso e della regione lombare. Sollevamenti da terra L'esecuzione a gambe estese (A) mette in forte stiramento (allontanamento dei capi di inserzione) i muscoli posteriori delle cosce (Semitendinoso e Semimembranoso e capo lungo del Bicipite femorale). Come conseguenza il bacino rimane bloccato e non ruota adeguatamente sull articolazione dell anca. Questo provoca una compensazione attraverso una cifosi lombare e relativo carico abnorme sulle vertebre di questa regione. Al contrario, l'esecuzione che prevede il semipiegamento delle gambe in fase di "stacco" (B) attenua la tensione dovuta allo stiramento dei muscoli muscoli posteriori delle cosce, in quanto ne avvicina i capi estremi di inserzione. In questo modo è possibile mantenere il bacino e la colonna vertebrale allineati. PIEGATE AVANTI (front lunge) Varianti: rimanendo sempre sul posto (a) o tornando sempre alla stazione (b). (a carico naturale, con manubri, cintura zavorrata o bilanciere)

10 - Effettua una piegata più accentuata possibile, mantenendo il busto eretto con la testa leggermente sollevata. - Poni il piede dell arto posizionato in avanti con la gamba flessa in modo tale che risulti un poco più indietro rispetto alla perpendicolare del ginocchio, mentre l arto proteso dietro in leggera flessione delle gamba (Figura). In questo modo si attenua la tensione dovuta allo stiramento dei muscoli anteriori flessori della coscia. Per una maggiore stabilità fai convergere leggermente le punte dei piedi verso l'interno. - Usa il bilanciere solo se hai una notevole esperienza. - Puoi rendere l esercizio più dinamico sia tornando velocemente alla stazione eretta, sia inserendo, ad ogni estensione della gamba, un balzo finale. In quest ultimo esercizio non usare sovraccarichi posti direttamente sulle spalle. - Con il bilanciere sulle spalle i muscoli estensori del busto svolgono una notevole azione fissatrice. Piegata con ritorno alla stazione eretta Piegata sul posto Piegate avanti

11 Mantenendo sempre una leggera flessione della gamba dell'arto proteso dietro si attenua la tensione dovuta allo stiramento dei muscoli anteriori flessori della coscia, specialmente dello Psoas iliaco, in quanto vengono avvicinati i capi estremi di inserzione. In questo modo è possibile mantenere il busto verticale ed eseguire l'esercizio in maniera ottimale. SALITE SU PANCA (step) Varianti: con semplice salita e discesa (a e b) o con balzo finale (c e d). (a carico naturale, con manubri, cintura zavorrata o bilanciere) - Mantieni il busto eretto e la testa leggermente sollevata. - Puoi eseguire l esercizio in maniera alternata o continuativa con lo stesso arto. - Utilizza un altezza della panca che ti permetta un esecuzione ottimale dell esercizio sia nella tecnica che nel ritmo esecutivo. - Il bilanciere è riservato ad atleti esperti e solo nell esercizio senza balzo finale. - Per la forza rapida puoi inserire il balzo finale verso l'alto. - Con il bilanciere sulle spalle i muscoli estensori del busto svolgono una notevole azione fissatrice. PIEGATE LATERALI (side lunge) Varianti: rimanendo sempre sul posto (a) o tornando sempre alla stazione eretta (b). (a carico naturale, con manubri, cintura zavorrata o bilanciere)

12 - Effettua una piegata più accentuata possibile, mantenendo il busto eretto con la testa leggermente sollevata. - Poni il piede dell arto flesso un poco più indietro della perpendicolare al ginocchio e l arto proteso in leggera flessione della gamba (si attenua la tensione sui legamenti dell articolazione del ginocchio. - Usa il bilanciere solo se hai una notevole esperienza. - Per la forza rapida esegui tornando velocemente alla stazione eretta. - Con il bilanciere sulle spalle i muscoli estensori del busto svolgono una notevole azione fissatrice. Piegata con ritorno alla stazione eretta Piegata sul posto ESTENSIONI DELLE GAMBE DA SEDUTO SU PANCA (leg extension) (con cinturini zavorrati o leg extension machine) - Non eseguire con carichi elevati in quanto l articolazione del ginocchio, a

13 gamba estesa, è sottoposta a un carico di taglio. - Il muscolo Retto anteriore del Quadricipite femorale,a causa della posizione seduta, viene scarsamente coinvolto (Figura). - Nell'esecuzione con pesi liberi il carico muscolare maggiore si ha nella fase finale del movimento (a gambe estese). Estensioni delle gambe, da seduto su panca La posizione seduta, quindi di flessione delle cosce sul bacino, non permette al Retto anteriore (Re) del Quadricipite femorale di effettuare un azione efficace, in quanto i capi di inserzione risultano ravvicinati. L impegno muscolare si sposta sul Vasto laterale, Vasto intermedio e Vasto mediale (Va). FLESSIONI DELLE GAMBE DA PRONO SU PANCA ORIZZONTALE (leg curl) (con cinturini zavorrati o leg curl machine) - Controlla la discesa, rallentandola soprattutto nella fase in cui le gambe e le cosce vanno allineandosi. - Nell'esecuzione con cinture zavorrate o scarpe di ferro il carico muscolare maggiore si ha nella fase di partenza del movimento, con gli arti inferiori allineati. - La posizione di leggera flessione del busto, dovuta all utilizzo della apposita panca, grazie alla flessione del bacino sulla coscia, mette in maggior tensione i muscoli Bicipite femorale (capo lungo), Semitendinoso e Semimembranoso. FLESSIONI DI UNA GAMBA DA STAZIONE ERETTA E BUSTO INCLINATO (con cinturino zavorrato)

14 - Mantieni sempre la coscia perpendicolare al terreno. - Il carico muscolare maggiore si ha nella fase intermedia del movimento, quando l'angolo del ginocchio forma circa 90. Flessioni di una gamba Nella flessione della gamba sulla coscia, la posizione di busto inclinato comporta anche la flessione del bacino sulla coscia, posizione che allontana i capi estremi di inserzione dei muscoli muscoli Bicipite femorale (capo lungo), Semitendinoso e Semimembranoso. Pertanto la loro capacità iniziale di tensione è maggiore. SLANCI DI UNA GAMBA IN FUORI DA DECUBITO LATERALE (lying hip abduction) (a carico naturale, con cinturino zavorrato o pulley machine) - Mantieni la gamba estesa senza sollevare il bacino dal suolo. - Con i pesi liberi il carico muscolare maggiore

15 si ha nella fase di partenza del movimento. SLANCI DI UNA GAMBA IN FUORI DA STAZIONE ERETTA (standing hip abduction) (a carico naturale, con cinturino zavorrato o pulley machine) - Mantieni il busto eretto e fermo. - Poggiando le mani su un attrezzo idoneo puoi ottenere una maggiore stabilità. - Se utilizzi la pulley machine puoi partire con l arto molto addotto (indentro), quindi ottenere una maggiore escursione articolare rispetto all esecuzione con la cintura zavorrata o con la scarpa di ferro. - Con i pesi liberi, il carico muscolare maggiore si ha nella fase finale del movimento. SLANCI DELLE GAMBE IN FUORI (hip abduction) (con hip abduction machine) - Aderisci alla panca con il dorso e con la regione lombare. - Se lo esegui con le gambe flesse i capi estremi di inserzione del muscolo Tensore della fascia lata risultano ravvicinati, pertanto non riescono ad esercitare una tensione

16 ottimale. FLESSIONI DEL BUSTO SULLE COSCE DA DECUBITO LATERALE SU PANCA (a carico naturale, con cinturini zavorrati, con disco di ferro o manubrio) - Blocca le estremità degli arti inferiori con una cintura o con l aiuto di un partner. - Per localizzare l impegno sui muscoli delle cosce, poggia gli arti inferiori sulla panca in modo che il movimento ruoti sull articolazione coxo-femorale. Il busto deve muoversi sempre in linea. - Puoi graduare il carico ponendo le mani lungo i fianchi, al petto, dietro la nuca o in alto. Se utilizzi un peso, la posizione più idonea è sul petto. - Vengono impegnati anche i muscoli flessori laterali del busto e i muscoli adduttori della coscia posta in basso. ESTENSIONI DEL BUSTO E DELLE GAMBE DA PRONO SU PANCA (hyperextension back) Varianti: mobilizzando il busto sugli arti inferiori (a) o mobilizzando gli arti inferiori sul busto (b). (a carico naturale, con cinturini zavorrati o disco di ferro) - Nella mobilizzazione del busto, per utilizzare una maggiore escursione articolare, scegli una panca ove i piedi risultino fissati molto più in basso del bacino. - Aderisci alla panca in posizione tale che il movimento si sviluppi sull articolazione dell anca (Figura). - Per non creare stress vertebrale non superare l allineamento del busto con gli arti inferiori (iperestensione). - Puoi graduare il carico ponendo le mani lungo i fianchi, al petto, dietro la nuca o in alto. Se utilizzi un peso aggiuntivo, la posizione più idonea è sul petto. - Nella mobilizzazione del busto sulle cosce agiscono dinamicamente anche i muscoli

17 estensori dello stesso. Estensioni del busto e delle gambe da prono su panca Sia che si fissino gli arti inferiori o il busto, il movimento corretto di localizzazione sui muscoli estensori delle cosce (Gl ed Es) prevede la rotazione intorno all articolazione coxo-femorale. Il punto massimo di estensione non deve superare l allineamento del busto con gli arti inferiori. Infatti, l accentuazione dell arco lombare, oltre a creare le condizioni di possibili traumi alle vertebre, non migliora la capacità di intervento dei muscoli estensori delle cosce. Nella mobilizzazione del busto sugli arti inferiori, la posizione dei piedi più bassa rispetto al bacino consente una maggiore escursione articolare e un maggiore allungamento dei muscoli coinvolti. INCLINAZIONI DEL BUSTO IN AVANTI DA STAZIONE ERETTA (good morning) (con bilanciere) - Mantieni il busto eretto e semifletti le gambe nella fase di inclinazione. - Puoi eseguire col busto a vari gradi di inclinazione. Quella col tronco quasi parallelo al suolo è riservata solo ad atleti altamente qualificati. - Evita l esecuzione a ginocchia distese (Figura) in quanto mette in forte tensione i muscoli Semitendinoso, Semimembranoso e Bicipite femorale (capo lungo). Di conseguenza il bacino non riesce a mantenere l allineamento con la colonna vertebrale che compensa con una cifosi lombare. - I muscoli estensori del busto svolgono una notevole azione fissatrice. Principali muscoli agonisti Inclinazioni del busto in avanti

18 L'esecuzione a gambe estese (A) mette in forte stiramento (allontanamento dei capi di inserzione) i muscoli posteriori delle cosce (Semitendinoso e Semimembranoso e capo lungo del Bicipite femorale). Come conseguenza il bacino rimane bloccato e non ruota adeguatamente sull articolazione dell anca. Questo provoca una compensazione attraverso una cifosi lombare e relativo carico abnorme sulle vertebre di questa regione. Al contrario, l'esecuzione che prevede il semipiegamento delle gambe in fase di "stacco" (B) attenua la tensione dovuta allo stiramento dei muscoli muscoli posteriori delle cosce, in quanto ne avvicina i capi estremi di inserzione. In questo modo è possibile mantenere il bacino e la colonna vertebrale allineati. SOLLEVAMENTI DEL BACINO A GAMBE TESE DA SEDUTO A TERRA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Solleva il bacino fino a quando raggiungi l allineamento tra il busto e gli arti inferiori. - Se esegui su un solo arto l impegno muscolare aumenta in maniera notevole. - I muscoli estensori del tronco agiscono come fissatori. ESTENSIONI DELLE GAMBE DA SUPINO CON I PIEDI SU UN RIALZO (a carico naturale, con cintura zavorrata o disco di ferro)

19 - Da supino, dorso e glutei a terra, solleva il bacino verso l alto fino all allineamento di tutto il corpo. - Se esegui su un solo arto l impegno muscolare aumenta in maniera notevole. - I muscoli estensori del tronco agiscono come fissatori. SLANCI DI UNA GAMBA INDIETRO DA STAZIONE ERETTA E BUSTO INCLINATO (hip extension) (a carico naturale, con cinturino zavorrato o pulley machine) - Mantieni il busto eretto e fermo. - Poggia le mani su un attrezzo idoneo in modo da ottenere una maggiore stabilità. - Se utilizzi la pulley machine puoi partire con l arto posizionato molto in avanti e, quindi, sfruttando una maggiore escursione articolare rispetto ai pesi liberi. - Con i pesi liberi il carico muscolare maggiore si ha nella fase finale intermedia del movimento. Slanci di un arto inferiore indietro Nell estensione di un arto inferiore, la posizione di busto inclinato comporta anche la flessione del bacino sulla coscia. Questa posizione mette in maggior tensione i muscoli Grande gluteo (Gl), Bicipite femorale (capo lungo), Semitendinoso e Semimembranoso (Es). Inoltre agiscono su una maggiore escursione articolare.

20 SOLLEVAMENTI DEL BACINO A GAMBE FLESSE DA SEDUTO A TERRA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Solleva il bacino fino a quando raggiungi l allineamento tra il busto e gli arti inferiori. - Se esegui su un solo arto l impegno muscolare aumenta in maniera notevole. - I muscoli Semitendinoso, Semimembranoso e Bicipite femorale, nella fase finale a gambe flesse, subiscono l'avvicinamento dei capi estremi di inserzione, posizione che non ne permette un azione efficace. - I muscoli estensori del tronco agiscono come fissatori. ESTENSIONI DEL BUSTO A GAMBE FLESSE DA PRONO SU PANCA (a carico naturale, con cinturini zavorrati, disco di ferro o manubrio) - Aderisci alla panca in modo che il movimento si sviluppi sull articolazione dell anca (Figura). - Puoi graduare il carico ponendo le mani lungo i fianchi, al petto, dietro la nuca o in alto. Se utilizzi un peso, la posizione più idonea è sul petto. - La posizione di gambe flesse attenua l intervento dei muscoli biarticolari estensori della coscia (Figura). - Agiscono dinamicamente anche i muscoli estensori del busto. Estensioni del busto a gambe flesse, da prono su panca orizzontale

21 La posizione di flessione delle gambe avvicina i capi di inserzione dei muscoli Semitendinoso, Semimembranoso e Bicipite femorale (Es). Pertanto l impegno si sposta sul Grande gluteo (Gl) e sugli altri estensori della coscia. ESTENSIONI DELLE GAMBE (con gluteus machine) - Mantieni il busto esteso senza inarcarlo. - La posizione di gamba flessa attenua l intervento dei muscoli biarticolari estensori della coscia (vedi Figura dell'esercizio precedente). ESTENSIONI DELLE GAMBE DA IN GINOCCHIO (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Mantieni il busto esteso senza inarcare la colonna lombare. - La posizione di gamba flessa attenua l intervento dei muscoli biarticolari estensori della coscia (vedi Figura dell'esercizio "Estensioni del busto a gambe flesse, da prono su panca orizzontale"). SLANCI DI UNA GAMBA AVANTI DA STAZIONE ERETTA (standing hip flexion) (a carico naturale, con cinturino zavorrato o pulley machine)

22 - Mantieni il busto eretto e fermo. Quando la coscia si sposta per avanti-alto fletti la gamba (Figura). In questo modo puoi aumentare ulteriormente l escursione articolare ed evitare stiramenti ai muscoli posteriori delle cosce. - Poggiando le mani su un attrezzo idoneo puoi ottenere una maggiore stabilità. - Se utilizzi la pulley machine (Figura) puoi partire con l arto posto indietro utilizzando una maggiore escursione articolare rispetto all esecuzione con una cintura zavorrata o scarpa di ferro. - Con i pesi liberi il carico muscolare maggiore si ha nella fase finale del movimento. Slanci di una gamba avanti da stazione eretta Per aumentare l'escursione articolare è possibile: - flettere la gamba nella fase finale di flessione della coscia (A2). In questo modo si attenua la tensione dei muscoli posteriori estensori delle cosce (Semitendinoso, Semimembranoso e capo lungo del Bicipite femorale - Es) i cui capi estremi di inserzione vengono avvicinati. Inoltre il Retto anteriore del quadricipite femorale (Rf), sempre grazie alla flessione della gamba, riesce ad esercitare una tensione finale maggiore in quanto si allontana il capo di inserzione distale (tendine rotuleo) - utilizzare una macchina del tipo low pulley in modo da poter iniziare il movimento in posizione della gamba più arretrata possibile (P1) rispetto alla verticale del corpo (P2). Quindi

23 un'escursione articolare maggiore. SLANCI DI UNA GAMBA IN DENTRO DA STAZIONE ERETTA (standing hip adduction) (con cinturino zavorrato o pulley machine) - Mantieni il busto eretto e fermo. - Per ottenere una maggiore stabilità poggia le mani su un idoneo attrezzo. - Utilizzando la pulley machine puoi partire con l arto in posizione molto più abdotta (infuori) rispetto alla cintura zavorrata o alla scarpa di ferro. - Con i pesi liberi il carico muscolare maggiore si ha nella fase finale del movimento. SLANCI DELLE GAMBE IN DENTRO (hip adduction) (con hip adduction machine) - Aderisci alla panca con il dorso e la regione lombare. - Se si esegue con le gambe flesse i capi estremi di inserzione del muscolo Gracile risultano ravvicinati, pertanto non riescono ad esercitare una tensione ottimale.

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO Testo e disegni di Stelvio Beraldo ESERCIZI PER IL DORSO TRAZIONI DELLE BRACCIA ALLA SBARRA BASSA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Esegui col corpo sempre

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE

ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE ANATOMIA FUNZIONALE DEI PRINCIPALI MUSCOLI MUSCOLI CHE MOBILIZZANO IL PIEDE Estensore lungo dell alluce Flette (flessione dorsale) l'alluce e il piede (a). In sinergia con il Tibiale anteriore solleva

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE

ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE ALLENAMENTO DEI MUSCOLI POSTERIORI DELLE COSCE Testo e disegni di Stelvio Beraldo La regione posteriore delle cosce ("faccia" posteriore) è formata dai muscoli (Farina A.: Atlante di anatomia umana descrittiva

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo PALLAVOLO E ALLENAMENTO CON I PESI Testo e disegni di Stelvio Beraldo - I muscoli per saltare e per muoversi con rapidità - Forza Rapida e Forza Massima nella pallavolo - Gli esercizi per gli arti inferiori

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI

PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI Servizio di Medicina del lavoro Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale PROGRAMMA DI STABILIZZAZIONE VERTEBRALE FINALIZZATA ALLA PREVENZIONE E CURA DEI DISTURBI VERTEBRALI A cura di: dr Luciano

Dettagli

Valutazione dello stile di corsa

Valutazione dello stile di corsa Valutazione dello stile di corsa Lo scopo principale della scheda di valutazione per lo stile di corsa è quello di fornire ai tecnici e all'osservatore arbitrale uno strumento utile per una presa di conoscenza

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

FORZA RAPIDA (o veloce)

FORZA RAPIDA (o veloce) FORZA RAPIDA (o veloce) Per FORZA RAPIDA (o VELOCE) si intende la capacità del sistema neuromuscolare di superare resistenze con un elevata velocità di contrazione. Viene definita: - Forza esplosiva quando

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 La durata del lavoro sarà di circa tre settimane per poi passare

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Mobilizzazione Spalle

Mobilizzazione Spalle Mobilizzazione Spalle www.osteopathicenter.com Appoggiare i gomiti con tutto l avambraccio sull arco di una porta. I gomiti debbono essere allineati un po al di sopra della linea delle spalle. I piedi

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche

Valutazione delle condizioni mediche. Valutazione delle condizioni mediche Pagina 1 / 2 andare alla pagina: 1 6 Posizione del M/L Posizione del A/P Peso corporeo Determinare il peso corporeo. Prendere già in considerazione eventuali variazioni prevedibili (ad es. oscillazioni

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi

GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi GUIDA agli ALLENAMENTI DI POTENZA IN ACQUA con REVFIN Per runners e tutti gli sportivi Revfin e' l attrezzo per l'allenamento in piscina ideale per chi vuole sfruttare la resistenza idrodinamica, la pressione

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

L'allenamento in diretta

L'allenamento in diretta Novembre 2001 Dopo che nelle ultime settimane di ottobre avete (spero) fatto un poco di scarico iniziamo la preparazione per la nuova stagione podistica iniziamo dal 5 Novembre con la prima fase della

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Caratteristiche della panca multifunzione come mezzo di allenamento - Schede esercizi

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA

GLI ESERCIZI UTILI PER IL MAL DI SCHIENA Il benessere della colonna vertebrale dipende strettamente dalla tonicità dei muscoli della schiena. Se i muscoli sono forti ed elastici grazie allo svolgimento regolare dell attività fisica, la colonna

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici 1 Riscaldamento : saltelli funicella Note : esercizio ottimale per le gambe e polpacci per la spinta verso l'alto (contrazione concentrina)

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15)

Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Silvio Brovarone - Preparazione Atletica Giovanile 1 Preparazione atletica per squadre giovanili (Under 13 Under 15) Introduzione L obiettivo specifico di un programma di preparazione atletica nel settore

Dettagli

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone Introduzione Spessissimo si parla o si leggono articoli su metodologie di allenamento e, in generale, si tratta di argomenti relativi al miglioramento delle prestazioni

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE

LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE 2 CORSO NAZIONALE PREPARATORI FISICI PALLAVOLO LA VALUTAZIONE DELLA FUNZIONALITA MUSCOLARE GIACOMO TOLLINI NORCIA 20/21 GIUGNO 2005 FUNZIONALITA FLESSIBILITA ORGANIZZAZIONE CATENE CINETICHE POSTURA Metodi

Dettagli

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING

LO STRETCHING COME SI ESEGUE LO STRETCHING LO STRETCHING Le tecniche di allungamento passivo sono molto diffuse perché efficaci e prive di effetti nocivi sull'apparato muscolo-tendineo. In particolare lo stretching consiste nel portare un gruppo

Dettagli

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45 Posizione Eretta Naturalmente ; La distanza tra i piedi Corrisponde alla Larghezza delle anche Posizione di Attenti ; I talloni sono uniti e le Punte dei piedi divaricate A formare un angolo di Circa 45

Dettagli

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini.

Dott. Massimo Franceschini. Piazza Cardinal Ferrari, 1 Via Amedeo d Aosta, 5 20122 Milano 20129 Milano tel. 02.58296680 massimo.franceschini@gpini. Dott. Massimo Franceschini MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CLINICA ORTOPEDICA E TRAUMATOLOGICA - VI DIVISIONE ISTITUTO ORTOPEDICO G. PINI - MILANO

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI

ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI ESERCIZI PER GLI ADDOMINALI BREVE ANATOMIA DEGLI ADDOMINALI La parete addominale è interamente rivestita da muscolatura la cui tonicità occupa importanza estetica e funzionale, garantendo la tenuta dei

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 La tecnica del lancio del disco prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 prof.ri Domenico Di Molfetta, 2 prof.ri Domenico Di Molfetta, 3 prof.ri Domenico Di Molfetta, 4 prof.ri Domenico Di Molfetta, 5 prof.ri Domenico

Dettagli

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA Fig. 1 Fig. 2 Fig.3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 SEQUENZA FOTOGRAFICA DELLO STRAPPO RECORD DI 180 KG. EFFETTUATO DA ASEN ZLATEV,

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI SCHEDE SETTIMANALI ESERCIZI CON GLI ELASTICI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI SCHEDE SETTIMANALI ESERCIZI CON GLI ELASTICI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI SCHEDE SETTIMANALI ESERCIZI CON GLI ELASTICI Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Caratteristiche degli elastici come mezzo di allenamento - Schede esercizi per tutti i

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

Movimento e benessere per la nostra schiena

Movimento e benessere per la nostra schiena Movimento e benessere per la nostra schiena Siamo fatti così... Corso di ginnastica posturale correttiva Sciolze 2011 La colonna vertebrale rappresenta la struttura portante del nostro corpo ed è capace

Dettagli

ESERCIZI POSTURALI LOMBARI

ESERCIZI POSTURALI LOMBARI ESERCIZI POSTURALI LOMBARI Gli esercizi, suddivisi in quattro serie di difficoltà via via crescente, vengono eseguiti sotto la guida di un fisioterapista per un periodo medio di 4 settimane. Dopo tale

Dettagli

GLOSSARIO MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (TERMINOLOGIA RIFERITA ALLE POSIZIONI E AI MOVIMENTI DEL CORPO) DALLA LETTERA M ALLA LETTERA O

GLOSSARIO MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (TERMINOLOGIA RIFERITA ALLE POSIZIONI E AI MOVIMENTI DEL CORPO) DALLA LETTERA M ALLA LETTERA O GLOSSARIO MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (TERMINOLOGIA RIFERITA ALLE POSIZIONI E AI MOVIMENTI DEL CORPO) DALLA LETTERA M ALLA LETTERA O Testo e disegni di Stelvio Beraldo Malleoli. Le due prominenze ossee

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

LA GUARDIA GUARDIA SINISTRA

LA GUARDIA GUARDIA SINISTRA LA GUARDIA La posizione di guardia è un atteggiamento che assume il corpo tale da permetterci dei movimenti di attacco e di difesa rapidi ed esplosivi. GUARDIA STANDARD: L appoggio dei piedi a terra e

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi

L analisi posturale. Dott. Andrea Pelosi L analisi posturale Dott. Andrea Pelosi da Kendall L'analisi posturale permette al terapeuta di valutare visivamente il paziente al fine di stabilire la sua posizione rispetto ad una posizione ideale.

Dettagli

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini

Train hard or go home. Tecniche di Allenamento. by Federico Focherini Train hard or go home Tecniche di Allenamento by Federico Focherini introduzione AVVERTENZA: Questa sezione ha finalità puramente informativa e descrive le tecniche di allenamento utilizzate da un atleta

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara

GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara GINNASTICA ARTISTICA- PERCORSI DI PREACROBATICA PER LA SCUOLA Vianello Sara (3 SETTEMBRE 2015, ore 15:00-17.30) PALESTRE ITG PALLADIO TREVISO ROTOLAMENTI CAPOVOLTA AVANTI: Tecnica: Partenza: stazione eretta,

Dettagli

Arti superiori. Arti inferiori Materiali Obiettivo Varianti/note PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PISCINA. N esercizio

Arti superiori. Arti inferiori Materiali Obiettivo Varianti/note PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PISCINA. N esercizio PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PISCINA Arti superiori N esercizio Descrizione esercizio Ripetizioni/ 1 Piano frontale abd/add degli arti superiori alternati / insieme durata Materiali Obiettivo

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Mobilità articolare La capacità di eseguire

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca

Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca DIPARTIMENTO della RIABILITAZIONE e della DISABILITA Direttore: Dott.ssa Valeria LEONI S.C. MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA Esercizi a domicilio dopo intervento di protesi totale di anca Si consiglia di

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S.

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Beraldo 1983) MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA TABELLA - Per stabilire il

Dettagli

PREVENIRE LA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA Testo e disegni di Stelvio Beraldo

PREVENIRE LA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA Testo e disegni di Stelvio Beraldo PREVENIRE LA PATOLOGIA DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA Testo e disegni di Stelvio Beraldo L'articolazione scapolo-omerale si caratterizza per la capacità di permettere in maniera molto ampia i movimenti

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Regole fondamentali e posture

Regole fondamentali e posture Regole fondamentali e posture Propongo adesso sotto forma schematica una serie di input basilari, da tenere sempre presenti ogni volta che mi accingo a proporre uno stiramento: - I nostri muscoli sono

Dettagli

Test capacità motorie funzionali

Test capacità motorie funzionali Test capacità motorie funzionali Con il termine capacità motorie funzionali si intendono quelle fisiologiche qualità motorie che permettono, nella vita di relazione quotidiana, un opportuno funzionamento

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA

PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Azienda USL 6 Livorno UO Riabilitazione Funzionale PROTOCOLLO DI ESERCIZI PER LA COLONNA Anni 2008 2009 A cura delle UUOO RIABILITAZIONE FUNZIONALE AZIENDALI in collaborazione con le palestre 1 PROGRAMMA

Dettagli