RELAZIONE SULLA PERFORMANCE - esercizio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE SULLA PERFORMANCE - esercizio 2013"

Transcript

1 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE - esercizio 2013 Cremona, lì 20 giugno 2014 Pagina 1 di 51

2 Indice Premessa 1. Il funzionamento dei Controlli Interni nella Provincia di Cremona pag I dati complessivi di Ente 8 3. I risultati dell'ente Referto del Controllo di gestione 13 Attività del controllo di gestione; Valutazione delle prestazioni dirigenziali effettuata dal Nucleo Indipendente di Valutazione; Il monitoraggio dell acquisto di beni e servizi a sensi della Legge n. 191/2004; La sintesi dell andamento economico finanziario per centro di costo; Relazione sul controllo successivo di regolarità amministrativa Relazione sulla qualità dei servizi Relazione sull'attività di controllo sugli organismi partecipati 36 Aziende speciali Ufficio d'ambito e Cr.forma; Alot; Fondazione Teatro A. Ponchielli; Parchi; Associazione Strada del Gusto Cremonese; Altri enti partecipati. Allegati - allegato n. 1 Obiettivi strategici risultati esercizio allegato n. 2 Obiettivi individuali risultati esercizio allegato n. 3 Indicatori del PDS risultati esercizio allegato n. 4 Indicatori dello Stato di Salute della Amministrazione risultati esercizio allegato n. 5 Piano dei Centri di Costo allegato n. 6 Raffronto Centri di Costo esercizi 2011, 2012 e per settore e per centro di costo Pagina 2 di 51

3 Premessa Il Regolamento sull'ordinamento degli Uffici e dei Servizi della Provincia di Cremona ai commi 4 e 5 dell'art. 37 Ciclo di gestione della performance stabilisce che la Relazione sulla Performance è adottata dalla Giunta Provinciale su proposta del Direttore Generale, se presente, ovvero del Segretario Generale, previa validazione del Nucleo Indipendente di Valutazione (NIV). Contiene la sintesi dei risultati dell Ente, valutati secondo i criteri di cui alla linee guida in materia di misurazione e valutazione della performance, e secondo il sistema di audit e controllo interno, disciplinato dallo specifico regolamento; ai fini della trasparenza la Relazione sulla Performance è pubblicata sul sito internet istituzionale. Le informazioni contenute nella presente Relazione sono trattate nei seguenti paragrafi: - i dati complessivi di Ente: in questo paragrafo si descrivono le principali caratteristiche strutturali ed organizzative dell Ente; - il funzionamento dei Controlli Interni nella Provincia di Cremona : in questo paragrafo si descrive l attuale situazione dei controlli interni nella Provincia di Cremona; - i risultati dell'ente: contiene i risultati conseguiti dall'ente così come illustrato nelle relazioni di fine esercizio elaborate dal sistema dei controlli interni. Pagina 3 di 51

4 1. Il funzionamento dei Controlli Interni nella Provincia di Cremona In seguito al Decreto Legge n. 174 del 10 ottobre 2012 convertito con Legge n. 213 del 7 dicembre 2012, la Provincia di Cremona ha predisposto a fine 2012 un nuovo Regolamento dei Controlli Interni (approvato dalla Giunta Provinciale con DCP n. 4 del 29/01/2013). Il nuovo sistema dei controlli interni si pone le seguenti finalità: correttezza, legittimità e regolarità dell azione amministrativa; efficacia, efficienza e economicità dell'azione amministrativa; adeguatezza delle scelte compiute in sede di attuazione dei piani, dei programmi e delle linee di indirizzo politico, in termini di congruenza tra risultati conseguiti e obiettivi predefiniti; monitoraggio degli equilibri finanziari della gestione di competenza, della gestione dei residui e della gestione di cassa, anche ai fini della realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica determinati dal patto di stabilità interno; efficacia, efficienza e economicità degli organismi esterni partecipati; controllo sulla qualità dei servizi erogati, sia direttamente sia attraverso organismi esterni al fine principale di misurare il grado di soddisfazione degli utenti. Il sistema si articola nelle seguenti forme di controllo: controllo di regolarità amministrativa; controllo di regolarità contabile; controllo di gestione; controllo strategico; controllo sugli organismi partecipati; controllo sulla qualità dei servizi. Pagina 4 di 51

5 Si riporta qui di seguito una descrizione sintetica dell'attività svolta per ciascuna delle suddette forme di controllo: Tipo di controllo controllo di regolarità amministrativa controllo di regolarità contabile controllo di gestione controllo strategico Responsabile/Struttura organizzativa preposta al controllo Segretario Generale Ragioniere Capo Responsabile Servizio Programmazione Responsabile Servizio Programmazione Attività del controllo Il controllo di regolarità amministrativa è esercitato sia in forma preventiva che successiva. Il primo si esplica nell ambito del processo di formazione dell atto, mentre il secondo si svolge successivamente al perfezionamento del medesimo. Oggetto del controllo successivo sono le determinazioni di impegno di spesa e i contratti non stipulati in forma pubblico-amministrativa individuati a seguito di apposita campionatura. Il controllo successivo si svolge in apposite sedute con cadenza almeno bimestrale. Su ogni proposta di delibera sottoposta alla Giunta e al Consiglio, che non sia di mero indirizzo e che determini riflessi diretti o indiretti sulla situazione economicofinanziaria o sul patrimonio dell'ente, il responsabile del servizio finanziario esercita il controllo di regolarità contabile mediante espressione del parere previsto dall articolo 49 del TUEL. Assistenza all'elaborazione dei documenti di programmazione gestionale. Misurazioni e analisi periodiche: del grado di raggiungimento degli obiettivi gestionali, del rapporto tra costi sostenuti e quantità e qualità dei servizi offerti attraverso l'impiego della contabilità analitica alimentata dalla contabilità economico-patrimoniale e nella continua analisi, delle modalità operative di lavoro, al fine di una costante reingegnerizzazione processuale che tenga in considerazione i tempi e la qualità finale degli output; tali misurazioni e analisi sono contenute nei report del controllo di gestione e oggetto di costante informazione ai dirigenti, oltre che alla Direzione Generale, alla Giunta e al Nucleo Indipendente di Valutazione al fine della valutazione della performance. Assistenza agli organi politici nella traduzione del programma di mandato in politiche pubbliche ed in progetti di intervento. Misurazioni e analisi periodiche: del grado di attuazione degli obiettivi di mandato e delle eventuali ragioni dello scostamento; del grado di incidenza delle politiche pubbliche sul contesto di riferimento Pagina 5 di 51

6 Tipo di controllo controllo sugli organismi partecipati controllo sulla qualità dei servizi Responsabile/Struttura organizzativa preposta al controllo Attività del controllo (outcome); del grado di soddisfazione della domanda espressa dagli stakeholders rispetto all azione amministrativa svolta; tali misurazioni e analisi sono contenute nei report del controllo strategico e oggetto di costante informazione ai dirigenti, oltre che alla Direzione Generale, alla Giunta, al Consiglio e al Nucleo Indipendente di Valutazione al fine della valutazione della performance. Ragioniere Capo Individuazione nella Relazione Previsionale e Programmatica, degli obiettivi cui gli organismi devono tendere. Definizione di indirizzi ai quali adeguare piani programma, attività e priorità annuali e schemi di bilancio. Impostazione e attivazione di un idoneo sistema informativo avente ad oggetto i rapporti finanziari tra Provincia e organismi partecipati, la situazione contabile, gestionale, organizzativa, i contratti di servizio e il rispetto delle norme sulle finanza pubblica. Acquisizione costante di informazioni utili per verificare l'attinenza dell'attività degli organismi partecipati oltre che alla normativa, ai regolamenti, anche agli indirizzi dell'amministrazione, al fine di porre in essere opportune azioni correttive in caso di scostamento rispetto agli obiettivi assegnati;definizione di standard di controllo coordinato, anche in collaborazione con il Collegio dei Revisori dell'amministrazione Provinciale. I risultati complessivi della gestione dell'ente locale e degli organismi partecipati sono rilevati mediante la redazione del bilancio consolidato. Dirigenti di settore In sede di redazione annuale del PEG e del PDS, sono indicati gli obiettivi di miglioramento in termini di qualità per i singoli settori/servizi. Gli esiti delle rilevazioni effettuate sono illustrati, entro i termini di approvazione della relazione al rendiconto sulla gestione, in un rapporto annuale. Gli strumenti e le modalità attraverso i quali perseguire il miglioramento delle performance sono principalmente individuati come segue: approvazione carta dei servizi; definizione dei livelli di qualità che la Provincia si impegna ad assicurare, degli indicatori e degli standard dei servizi; indagini di soddisfazione sui servizi della Provincia rivolte ai cittadini e agli uffici interni; indagini sul clima interno; gestione delle segnalazioni e dei reclami Pagina 6 di 51

7 Tipo di controllo Responsabile/Struttura organizzativa preposta al controllo Attività del controllo attraverso un sistema informatizzato e centralizzato al fine di rilevare e far tempestivamente fronte alle criticità riscontrate. Il coordinamento dei controlli interni nonché l'utilizzo tempestivo, in chiave organizzativa e gestionale, delle informazioni e delle risultanze delle diverse forme di controllo si basa sullo scambio dei report consuntivi prodotti dai responsabili dei controlli interni in occasione di incontri con periodicità almeno bimestrale convocati dal Direttore Generale o in sua assenza dal Segretario Generale. Pagina 7 di 51

8 2. I dati complessivi di Ente Al fine di una descrizione complessiva di Ente, si evidenziano attraverso l uso di tabelle i dati di sintesi 1 relativi ai seguenti ambiti: - popolazione; - territorio; - l organo esecutivo dell Ente; - la struttura organizzativa dell Ente; - sintesi dell andamento economico finanziario generale dell Ente; POPOLAZIONE - Popolazione residente al Condizione socio-economica delle famiglie - Reddito pro-capite (Prodotto Interno Lordo per abitante) al ,00 TERRITORIO - Superficie in Km 2 - Strade - Provinciali comprensive delle ex statali - Comunali - Autostrade - Numero di edifici scolastici di competenza provinciale - in proprietà - in locazione o altro tipo di rapporto a carattere oneroso - in uso gratuito (convenzioni o Km ,951 Km 887 Km Km di cui Fonte: Relazione Previsionale e Programmatica, Rendiconto e altri documenti contenenti dati messi a disposizione dall Ufficio Statistica e dai Settori Risorse umane, Salute e Sicurezza e Patrimonio e Provveditorato della Provincia di Cremona. Pagina 8 di 51

9 comodati ex L. n. 23/96 e vari) - Numero di Comuni 115 L ORGANO ESECUTIVO DELL ENTE Assessorati: bilancio, personale, grandi opere, servizi generali federalismo e semplificazione, rapporti istituzionali, sicurezza del territorio, protezione civile, gestioni associate dei Comuni cultura e sport pianificazione e coordinamento territoriale, trasporti, patrimonio ed opere pubbliche istruzione, formazione e lavoro agricoltura e ambiente politiche sociali ed associative, pari opportunità, politiche giovanili sviluppo economico, turismo, innovazione ed Expo LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE - La struttura organizzativa della Provincia di Cremona a valere dal 01/07/2011 al 30/04/2013 è articolata nei seguenti settori: - Direzione Generale cod. DG; - Segreteria Generale cod. SG; - Agricoltura e Ambiente cod. 37; - Appalti e Legale cod. 30; - Programmazione Opere e Servizi Amministrativi cod. 39; - Lavoro, Formazione e Politiche sociali cod. 35; - Manutenzione e Sviluppo Rete Stradale cod. 43; - Patrimonio e Provveditorato cod. 40; - Pianificazione Territoriale e Trasporti cod. 42; - Risorse economiche e finanziarie cod. 31; - Risorse Umane, Salute e Sicurezza cod. 32; - Cultura e Turismo cod. 36; - Strategie per lo Sviluppo del Territorio cod. 44; - Unità di Progetto Paullese cod. 45; - URP e Servizi Interni cod. 34. I sopra citati Settori sono accorpati nelle seguenti aree: - SERVIZI GENERALI di cui fanno parte il Settore Risorse Economiche e Finanziarie, il Settore Appalti e Legale, il settore Risorse Umane, Salute e Sicurezza e il Settore URP e Servizi Interni; - PERSONA E IMPRESA di cui fanno parte il Settore Lavoro, Formazione e Politiche Pagina 9 di 51

10 Sociali e il Settore Cultura e Turismo; - GESTIONE DEL TERRITORIO di cui fanno parte il Settore Agricoltura e Ambiente e il Settore Pianificazione Territoriale e Trasporti; - INFRASTRUTTURE E PATRIMONIO di cui fanno parte il settore Programmazione Opere e Servizi Amministrativi, il Settore Manutenzione e Sviluppo Rete Stradale e il Settore Patrimonio e Provveditorato. Dal 01/05/2013 la struttura organizzativa della Provincia di Cremona si è così modificata: - Direzione Generale cod. DG; - Segreteria Generale cod. SG; - Agricoltura e Ambiente cod. 37; - Appalti e Legale cod. 30; - Programmazione Opere e Servizi Amministrativi cod. 39; - Lavoro, Formazione e Politiche sociali cod. 35; - Manutenzione e Sviluppo Rete Stradale cod. 43; - Patrimonio e Provveditorato cod. 40; - Pianificazione Territoriale e Trasporti cod. 42; - Risorse economiche e finanziarie cod. 31; - Risorse Umane, Salute e Sicurezza cod. 32; - Strategie di Sviluppo e Turismo cod. 47; - Unità di Progetto Paullese cod. 45; - URP e Servizi Interni cod. 34. I sopra citati Settori sono accorpati nelle seguenti aree: - SERVIZI GENERALI di cui fanno parte il Settore Risorse Economiche e Finanziarie, il Settore Appalti e Legale, il settore Risorse Umane, Salute e Sicurezza e il Settore URP e Servizi Interni; - LAVORO E SVILUPPO di cui fanno parte il Settore Lavoro, Formazione e Politiche Sociali e il Settore Strategie di Sviluppo e Turismo; - GESTIONE DEL TERRITORIO di cui fanno parte il Settore Agricoltura e Ambiente e il Settore Pianificazione Territoriale e Trasporti; - INFRASTRUTTURE STRADALI E PATRIMONIO di cui fanno parte il settore Programmazione Opere e Servizi Amministrativi, il Settore Manutenzione e Sviluppo Rete Stradale e il Settore Patrimonio e Provveditorato. - Totale personale impiegato presso l Ente al di cui - di ruolo - Direzione Generale - Segretario Generale - personale temporaneo - contratti formazione lavoro - Strutture - Mezzi operativi - Veicoli - Centro elaborazione dati - Personal computers n. 468 n. 458 n. 1 n. 1 n. 8 n. 0 n. 23 n. 86 si n. 541 Pagina 10 di 51

11 - Organismi gestionali - Consorzi - Aziende - Istituzioni - Società di capitali - Concessioni n. 5 n. 2 / n. 10 / INDICI GENERALI SULLA SITUAZIONE FINANZIARIA DELL'ENTE INDICI Autonomia finanziaria (accertamenti tit. I + III / accertamenti tit. I+II+III) 55,95% 81,95% 91,13% Autonomia impositiva (accertamenti tit. I / accertamenti tit. I+II+III) Dipendenza da trasferimenti (accertamenti tit. II / accertamenti tit. I+II+III) Capacità di spesa (pagamenti totali / previsioni definitive spese + residui passivi iniziali) Rigidità spesa corrente (metodo I: costo del personale + costo interessi passivi / impegni spese correnti) Rigidità spesa corrente (metodo II: costo del personale + costo interessi passivi + quote mutui rimborsate / accertamenti entrate tit. I+II+III) Andamento della spesa per godimento beni di terzi (da Conto Economico) Incidenza del costo del personale sulle spese correnti (costo del personale / spese correnti) Incidenza dei residui attivi (totale residui attivi / totale accertamenti di competenza) Incidenza dei residui attivi di parte corrente (totale residui attivi tit. I+II+III / totale accertamenti di competenza tit. I+II+III) Incidenza dei residui passivi (totale residui passivi / totale impegni di competenza) Incidenza dei residui passivi di parte corrente (residui passivi tit.i / impegni di competenza tit. I) Indice di economia delle spese di parte corrente (previsioni definitive spese correnti - impegni di competenza spese correnti / previsioni definitive spese correnti) 45,74% 71,30% 74,20% 44,05% 18,05% 8,87% 48,26% 26,12% 47,05% 31,68% 31,47% 38,84% 30,48% 16,85% 37,05% , , ,62 25,22% 27,62% 31,87% 36,44% 59,78% 74,28% 24,18% 31,98% 23,45% 77,33% 97,74% 140,35% 47,02% 52,20% 43,69% 3,39% 4,25% 3,86% Pagina 11 di 51

12 INDICI Pressione finanziaria (entrate tit. I + III / popolazione*) 112,64 151,07 147,48% Pressione tributaria (entrate tit. I / popolazione*) Trasferimenti erariali pro capite (entrate tit.ii / popolazione*) Spesa corrente pro capite (impegni spese tit. I / popolazione*) Spesa di investimento pro capite (impegni spese tit. II / popolazione*) Onerosità media dell'indebitamento (interessi passivi su mutui e altri prestiti a lungo termine / debiti di finanziamento a lungo termine (voce CI)) 92,09 131,45 120,09 88,68 33,28 14,36 193,68 174,54 152,71 225,08 272,80 25,76 4,47% 2,63% 4,38% *si considera il n. degli abitanti al 31/12/2013 pari a Pagina 12 di 51

13 3. I risultati dell'ente I risultati conseguiti dall'ente sono illustrati nelle relazioni di fine esercizio elaborate dal sistema dei controlli interni. Di seguito si riportano le seguenti relazioni: 1 Referto del controllo di gestione; 2 Relazione sul controllo successivo di regolarità amministrativa; 3 Relazione sulla qualità dei servizi; 4 Relazione sull'attività di controllo sugli organismi partecipati Referto del Controllo di gestione Ai sensi degli artt. 198 e 198-bis del T. U. EE. LL, la struttura operativa alla quale è assegnata la funzione del controllo di gestione fornisce le conclusioni del controllo di gestione, che costituiscono il Referto del Controllo di Gestione, agli amministratori ai fini della verifica dello stato di attuazione degli obiettivi gestionali programmati, ai responsabili dei servizi affinché questi ultimi abbiano gli elementi necessari per valutare l andamento della gestione dei servizi di cui sono responsabili e alla Corte dei conti ai sensi di quanto previsto dall'articolo 198. Inoltre, l'art. 12 Oggetto del controllo del Regolamento dei Controlli Interni della Provincia di Cremona, approvato con DCP n. 4 del 29/01/2013, stabilisce che il report redatto dalla struttura preposta al controllo di gestione, con riferimento all'intero esercizio, costituisce il Referto del Controllo di Gestione. Attività del controllo di gestione Il controllo è stato eseguito sugli obiettivi del Piano Esecutivo di Gestione (PEG) e del Piano degli Standard (PDS) esercizio 2013 approvati rispettivamente con DGP n. 97 del 18/04/2013 e con Pagina 13 di 51

14 Decreto del Direttore Generale n. 49 del 09/05/2013 (successivamente modificati con DGP nn. 208 del 30/07/2013 e 306 del 12/11/2013 e con Decreto del Direttore Generale n. 85 del 02/08/2013 e 120 del 11/11/2013) e sugli obiettivi dello Stato di Salute dell'amministrazione (SSA) esercizio 2013 approvati con Decreto del Direttore Generale n. 120 del 11/11/2013. Gli obiettivi del PEG sono costituiti dagli obiettivi strategici e dagli obiettivi individuali. I primi rappresentano gli obiettivi direttamente derivati dalla programmazione strategica contenuta nella Relazione Previsionale e Programmatica e si caratterizzano per la trasversalità e per una valenza di medio lungo periodo; gli obiettivi individuali invece costituiscono la declinazione degli obiettivi strategici e hanno una valenza di breve periodo. Gli obiettivi del PDS e dello SSA sono costituiti dai target/valore attesi assegnati agli indicatori di performance. Per quanto riguarda il PDS, questi ultimi misurano l'efficacia, l'efficienza e l'economicità che si persegue nello svolgimento delle attività ripetitive e routinaria per l'erogazione dei servizi all'utenza. Gli indicatori di performance dello SSA rappresentano invece la condizione di solidità dell'ente in grado di consentire l'attuazione delle strategie. La costruzione del PEG e del PDS esercizio 2013, si è caratterizza per i seguenti aspetti: il PEG e il PDS esercizio 2013 sono stati costruiti in modo partecipato e condiviso da parte di tutti gli attori coinvolti nel processo di programmazione gestionale. Tra la fine del 2013 e l inizio del 2014 si sono susseguiti degli incontri tra Direttore Generale, Dirigenti e Assessori, attraverso i quali, partendo dall'individuazione di obiettivi strategici derivati dai Programmi e i Progetti della Relazione Provvisionale e Programmatica e del Programma Triennale delle Opere Pubbliche , si è giunti, tenuto conto delle risorse a disposizione, alla declinazione degli obiettivi strategici in obiettivi individuali per l'esercizio Questo processo si è realizzato attraverso le seguenti fasi: fase ATTIVITA ATTORI 1 Definizione degli indirizzi strategici Presidente, Giunta Provinciale, Pagina 14 di 51

15 fase ATTIVITA ATTORI Quantificazione presuntiva, per grandi aggregati, le risorse acquisibili e gli impieghi consolidati e incomprimibili da attuare del bilancio di previsione 2 Elaborazione della Relazione Previsionale e Programmatica, del Piano Esecutivo di Gestione e del Piano degli Indicatori di Performance Verifica della compatibilità finanziaria del PEG 3 Redazione ed approvazione dello schema di bilancio di previsione e degli allegati da parte della Giunta Provinciale Presentazione della bozza definitiva di PEG alla Giunta Provinciale Richiesta parere e relazione sul Bilancio da parte dell organo di revisione Trasmissione della proposta di bilancio al Presidente del Consiglio e alla Commissione Affari Istituzionali e Bilancio per l esame Direttore Generale, Ragioniere Capo e Dirigenti Direttore Generale, Assessori, Dirigenti e Ragioniere Capo Direttore Generale, Ragioniere Capo, Giunta Provinciale, Revisori dei Conti, Presidente del Consiglio Provinciale e Commissione Affari Istituzionali e Bilancio 4 Presentazione e discussione in Consiglio Provinciale Ragioniere Capo, Assessori e Consiglio Provinciale 5 Approvazione in Consiglio Provinciale Consiglio Provinciale 6 Approvazione della bozza definitiva di PEG e del Piano degli Standard Giunta Provinciale, Direttore Generale e Dirigenti la costruzione del PEG 2013 è stata tesa all individuazione di obiettivi gestionali significativi e coerenti con le linee programmatiche relative ai progetti ed alle azioni da realizzare nel corso del mandato per tutti gli ambiti ivi indicati. A ciò è conseguito l'elaborazione di un documento nella sua completezza omogeneo, senza frantumazioni, e senza duplicazioni, declinato in una struttura leggibile; dal 2013, anche agli obiettivi strategici del PEG sono assegnati indicatori di risultato; in precedenza gli obiettivi strategici erano privi di indicatori di risultato ed erano valutati esclusivamente in funzione del grado di raggiungimento degli obiettivi individuali ad essi Pagina 15 di 51

16 collegati. Ne è conseguita una migliore programmazione in termini di definizione di obiettivi strategici significativi e misurabili e una valutazione della performance estesa al raggiungimento di obiettivi di natura strategica (ovvero al grado di attuazione della strategia). I risultati della verifica del controllo di gestione sono rappresentati tramite l utilizzo di quattro tabelle di seguito riportate in cui si evidenziano gli obiettivi gestionali e i risultati conseguiti nell'esercizio La tabella n. 1 riporta gli obiettivi strategici del PEG 2013 con i relativi indicatori di risultato e il relativo valore atteso e valore a consuntivo. La tabella n. 2 riporta gli obiettivi individuali del PEG 2013 per settore con le relative fasi, indicatori, il relativo valore atteso e valore a consuntivo e le eventuali osservazioni del Dirigente per ciascun obiettivo. La tabella n. 3 contiene gli indicatori di contesto e di performance del PDS esercizio 2013 per settore. La tabella n. 4 contiene il grado di conseguimento degli indicatori dello Stato di Salute della Amministrazione esercizio tabella n. 1 Obiettivi strategici risultati esercizio vedi allegato n. 1 tabella n. 2 Obiettivi individuali risultati esercizio vedi allegato n. 2 tabella n. 3 Indicatori del PDS risultati esercizio vedi allegato n. 3 Pagina 16 di 51

17 tabella n. 4 Indicatori dello Stato di Salute della Amministrazione risultati esercizio vedi allegato n. 4 La redazione delle tabelle nn. 1,2 e 3 si è conclusa entro gennaio '14, mentre la compilazione della tabella n. 4 è terminata in aprile '14. Queste tabelle sono state utilizzate dal NIV al fine della valutazione delle prestazioni dirigenziali che si è conclusa in data 04/06/2014. Valutazione delle prestazioni dirigenziali effettuata dal Nucleo Indipendente di Valutazione La valutazione delle prestazioni dirigenziali è avvenuta nel rispetto del Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Personale della Provincia di Cremona approvato con DGP n. 237 del 17/09/2013. Con tale atto, il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Personale è stato modificato sulla base delle proposte del NIV approvate nella seduta del 17/05/2013 e di seguito riportate: Proposta di modifica 1 Disgiungere la valutazione degli obiettivi strategici dalla valutazione degli obiettivi individuali 2 Precisare che gli indicatori del PDS possono essere di tue tipi: on/off o proporzione ; nel primo caso, quando il target non è raggiunto al 100%, la % di raggiungimento dell'indicatore è pari a 0 mentre nel secondo caso, quando il target non è raggiunto al 100%, la % di raggiungimento dell'indicatore è calcolata in proporzione al grado di raggiungimento del target; la suddetta tipologia di indicatore è dichiarata dal dirigente per ciascun indicatore di performance 3 Graduare il punteggio dei comportamenti organizzativi (competenze organizzative e gestionali) 4 Le percentuali di raggiungimento devono contemplare la presenza dei decimali Note E' necessario ridefinire il Grado di raggiungimento del singolo obiettivo strategico ; dal 2013 il grado di raggiungimento dell'obiettivo strategico sarà calcolato in relazione al raggiungimento di indicatori assegnati all'obiettivo strategico E' necessario prevedere una graduazione basata su un sistema proporzionale con fascia minima di accesso Le scale di valutazione devono essere espresse utilizzando i simboli matematici,, < e > (questo al fine di considerare anche gli eventuali valori con decimali) Pagina 17 di 51

18 Proposta di modifica 5 Le competenze organizzative e gestionali dei comportamenti organizzativi (prestazioni dirigenziali) devono essere integrati dal comportamento Capacità di proporre obiettivi e indicatori di misurazione significativi e di qualità 6 Modificare il dizionario delle competenze: correggere RELAZIONE E NETWORKING visione integrata e comunicazione (ad oggi gli indicatori di questi due comportamenti coincidono) 7 Prevedere tra gli indicatori sullo Stato di Salute dell'amministrazione un indicatore indebitamento/spesa corrente 8 Sostituire l'indicatore dello Stato di Salute dell Amministrazione Indice di gradimento della formazione con indice di apprendimento dello formazione 9 Spostare l'indicatore sulla spesa del personale dalla salute organizzativa (Stato di Salute dell'amministrazione) alla salute finanziaria inserendo la precisazione su come è calcolato questo indicatore 10 Ridefinire gli indicatori sull'empowerment informatico (presenti nello Stato di Salute dell'amministrazione) 11 Modificare le fasce del punteggio raggiunto prestazioni dirigenziali 12 Ridefinire i comportamenti del dizionario delle competenze ove ridondanti 13 Modificare il regolamento nella parte della capacità di valutare i collaboratori: si deve precisare che la valutazione dei collaboratori fa esclusivo riferimento alla variabile comportamenti (non si considera quindi la valutazione della variabile risultati individuali) 14 Cancellare l'indicatore nello Stato di Salute dell'amministrazione indice di varianza della valutazione complessivo (tutte le valutazioni comprese quella dei dirigenti) 15 Esplicitare il peso degli ambiti della performance organizzativa delle PO e AP 16 Correggere scala punteggio assegnato risultati individuali standard di settore di PO/AP (pag 9): manca fascia da 65% a 74% 17 Inserimento del campo media ponderata del grado di raggiungimento degli obiettivi nella scheda obiettivi e definizione di tutti i campi della tabella della scheda competenze delle schede di valutazione 18 Precisare che l'indice di varianza, ai fini della valutazione dei collaboratori, è rapportato al n. dei dipendenti del settore valutati Note Modifica a valere nel 2014 Inserire gli indicatori grado di diffusione e utilizzo di open office, grado di diffusione delle stampanti di rete, presenza del Piano di continuità (ad oggi non sono ancora stati definiti i target di questi nuovi indicatori) e cancellare l'indicatore n. postazioni di lavoro/n. postazioni di lavoro da informatizzare Aggiornare le fasce sulla base della seguente scala: 95 %e.r.r. 100%; 85 e < 95 %e.r.r. 90%; 75 e < 85 %e.r.r. 80%; 65 e < 75 %e.r.r. 70%; 50 e < 65 %e.r.r. 50%; < 50 %e.r.r. 0% Pagina 18 di 51

19 Proposta di modifica 19 Correggere nelle schede di valutazione stato di salute dell'ente in stato di salute dell'amministrazione (così come definito nel sistema di misurazione e valutazione) Note Il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Personale della Provincia di Cremona prevede che la valutazione delle prestazioni dirigenziali si basi sui seguenti ambiti di misurazione: Risultati Individuali: a sua volta costituito da: obiettivi individuali: rappresenta l'insieme degli obiettivi individuali contenuti nei PEG dei singoli settori; piano degli standard di settore: rappresenta l'insieme degli indicatori contenuti nei PDS dei singoli settori; Performance d'area: a sua volta costituito da: obiettivi di area : rappresenta l'insieme degli obiettivi individuali contenuti nei PEG dei singoli settori facenti parte della struttura organizzativa di massima dimensione, l'area; piano degli standard di area : rappresenta l'insieme degli indicatori contenuti nei PDS dei singoli settori facenti parte dell'area; Performance Organizzativa: a sua volta costituito da: grado di attuazione della strategia : rappresenta la capacità di attuazione degli indirizzi strategici definiti dagli organi di governo; fa riferimento agli obiettivi strategici contenuti nel PEG; piano degli standard di ente: rappresenta l'attività ordinaria ed istituzionale dell'ente; è costituito dagli indicatori del PDS (di tutti i settori); stato di salute dell'amministrazione : rappresenta la condizione di solidità dell'ente in grado di consentire l'attuazione delle strategie, il perseguimento degli obiettivi e l'ordinaria gestione; outcome: rappresenta l'impatto dell'azione politica sull'ambiente esterno e misura la capacità di risposta ai bisogni del territorio; Comportamenti Organizzativi: a sua volta costituito da: competenze organizzative e gestionali : rappresenta l'insieme dei comportamenti organizzativi intesi come 'elementi osservabili della competenza utilizzata entro una riconosciuta dimensione, vale a dire l'insieme delle azioni osservabili, messe in atto da un individuo, sollecitate dalla combinazione di contesto e di caratteristiche proprie'; capacità di valutare i collaboratori : rappresenta la capacità volta a cogliere ed evidenziare nei propri collaboratori differenti comportamenti e contributi da cui scaturisce una differenziazione nei giudizi e nelle valutazioni. Tali ambiti assumono diversa rilevanza a seconda del soggetto valutato (coordinatore d'area, dirigente, incaricato di alta professionalità, incaricato di posizione organizzativa e dipendente del comparto). I risultati della proposta di valutazione delle prestazioni dirigenziali esercizio 2013 sono contenuti nel verbale della seduta NIV del 04/06/2014 (disponibile agli atti dell'ente); nella tabella n. 5 se ne riporta una sintesi. Pagina 19 di 51

20 tabella n. 5 Sintesi valutazione delle prestazioni dirigenziali esercizio RISULTATI INDIVIDUALI PERFORMANCE D'AREA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI Dirigenti di settore e Dirigente in staff Area obiettivi individuali piano degli standard totale obiettivi di area piano degli standard totale piano degli standard (σ 2) coordinatore d'area - peso: dirigente di settore - peso: dirigente in staff - peso: Dirigente SETTORE RISORSE UMANE, SALUTE E SICUREZZA Dirigente SETTORE APPALTI E LEGALE Dirigente SETTORE RISORSE ECONOMICHE E FINANZIARIE Dirigente SETTORE U.R.P. E SERVIZI INTERNI Dirigente SETTORE LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI Dirigente SETTORE STRATEGIE DI SVILUPPO DEL TERRITORIO Dirigente SETTORE AGRICOLTURA E AMBIENTE Dirigente SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E TRASPORTI Dirigente SETTORE PROGRAMMAZIONE OPERE E SERVIZI AMMINISTRATIVI Dirigente SETTORE MANUTENZIONE E SVILUPPO RETE STRADALE Dirigente SETTORE PATRIMONIO E PROVVEDITORATO Dirigente SETTORE UNITA' DI PROGETTO PAULLESE Dirigente in staff alla Direzione Generale SEGRETERIO GENERALE DIRETTORE GENERALE SERVIZI GENERALI LAVORO E SVILUPPO INFRASTRUTTURE STRADALI E PATRIMONIO GESTIONE DEL TERRITORIO Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso grado di attuazione della strategia Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso stato di salute dell'amministrazione outcome totale Competenze organizzative e gestionali Capacità di valutare 100, , ,00 97, ,27 4 9,00 88, , , ,00 34,16 19,43 18, ,43 89,43 100, , ,00 88, , , ,00 34,16 19,43 8, ,43 90,43 95, , ,00 88, , , ,00 28, , ,00 80,00 93, , ,00 88, , , ,00 22,5 13,14 54, ,14 87,14 83, , ,00 90, , ,00 88, , , ,00 24,65 14,29 12, ,29 80,29 97, , ,00 88, , , ,00 24,55 14,29 39, ,29 86,29 91, , ,00 92, ,44 4 9,00 88, , , ,00 31,47 17,71 62, ,71 89,71 93, , ,00 88, , , ,00 27, , ,00 80,00 100, , ,00 99, , ,00 88, , , ,00 23,6 13,71 41,2 1 14,71 85,71 97, , ,00 88, , , ,00 23,6 13, ,71 85,71 100, , ,00 88, , , ,00 27,48 15,43 77, ,43 87,43 99, , ,00 88, , , ,00 28, , ,00 87,00 89, , ,00 88, , , ,00 23,01 16,43 16,43 81,43 95,30 100,00 0,00 0,00 0,00 90,43 97,06 0,00 0,00 0,00 valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso Valutazione non rapportata al peso valutazione rapportata al peso totale VALUTAZIONE COMPLESSIVA 77,64

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni PROVINCIA DI LECCE La valutazione delle prestazioni SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE ORGANIZZATIVA E INDIVIDUALE 1 SOMMARIO 1. PREMESSA...3 2. STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE...3

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24;

** * ** Acquisito il parere delle competenti commissioni parlamentari previsto dal citato articolo 24; D.Lgs. 6-9-1989 n. 322 1 Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'istituto nazionale di statistica, ai sensi dell'art. 24 della L. 23 agosto 1988, n. 400. Pubblicato nella Gazz.

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI CAVEZZO 1 1 Approvato con deliberazione G.C. n 70 del 12.07.2005 modificato con deliberazione G.C. n 98 del 18.11.2006 a seguito della deliberazione G.C. n 113 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione

IL Ministro dell'interno di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione Min mi - DAI T - " C F Pro! Ingiesso del 27? renerò 0048973 I'!-'.) SSifrCd G 01 IL Ministro dell'interno Visto l'art. 7, comma 31-ter del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni,

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria

Decreto Legge 6/7/2011 n. 98 (G.U. 6/7/2011 n. 155) Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria Legge n. 111 del 15 luglio 2011 - Conversione in legge, con modificazioni, del DL 98/11 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (GU n. 164 del 16-07-2011) Decreto Legge 6/7/2011

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Parte I Regolamento di organizzazione L assetto organizzativo della Provincia di Imperia - L attribuzione di responsabilità gestionali per l attuazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori...

INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7. CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori... INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 7 CAPO I - NORME GENERALI D ORGANIZZAZIONE... 7 Art. 1 Oggetto.... 7 Art. 2 - Principi e criteri informatori.... 7 TITOLO II - STRUTTURA ORGANIZZATIVA E FUNZIONI DI

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli