Le difficoltà economiche del 2013, rappresentate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le difficoltà economiche del 2013, rappresentate"

Transcript

1 2/13 new ANNO XVII gennaio 2013 Sistemi economici e sociali della Puglia e 1,00 - Settimanale di informazione economica - - Spedizione in abb. postale 45% Art 2 c. 20/B L. 662/96 - Filiale di Bari IN GITA A SARCONI, PATRIA DEL FAGIOLO DI QUALITÀ - STAGNANI A PAG. 18 LA CRISI E LE ELEZIONI La vita politica e i cattolici: privilegiare sempre la proposta nantonio TROISI Le difficoltà economiche del 2013, rappresentate dalla necessità di una manovra correttiva di non meno di 7 miliardi di euro, ha accentuato la distanza dalla vita reale dei partiti che si limitano ad una semplice elencazione di problemi senza presentare soluzioni concrete. Pertanto sono in molti a chiedersi se dagli schemi culturali che hanno dominato l orizzonte della società italiana possa venire qualche aiuto. A tal proposito Romano Prodi, in un suo articolo, (Corriere della Sera del 13 u.s.) affronta il tema della presenza dei cattolici nella vita politica, sostenendo che, superati gli anni del dopoguerra e del comunismo, cattolici e laici devono, nei diversi schieramenti, impegnarsi per fare operare insieme i principi che sono alla base del cattolicesimo e i fondamenti della nostra costituzione. Per valutare questa tesi necessario rispondere a tre interrogativi: 1) E possibile fare operare insieme i principi fondamentali del cattolicesimo e quelli della Costituzione? 2) Esistono esempi d indiscussa validità, di detta coniugazione armoniosa? 3) Il fare operare insieme è un ricordo storico o è un attaccapanni, (per dirla con Einaudi) atto ad affrontare i difficili problemi della prossima legislatura? Quanto al primo quesito mi limiterò a ricordare il capolavoro di De Gasperi : la collaborazione tra Giorgio La Pira e Palmiro Togliatti consenti la stesura definitiva dell art. 2 della Costituzione che garantisce i diritti inviolabili dell uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità. Del resto La Pira precisò che i costituenti avevano scelto per la nascente carta costituzionale una terza via alternativa a quelle individualista e statalista: quella cioè di tendere al pieno sviluppo della persona umana, non soltanto affermandone i diritti individuali, ma anche quelli sociali e, quindi, dei diritti delle comunità intermedie che vanno dalla famiglia sino alla comunità internazionale. Il risultato più importante del citato art.2 fu la scelta di Alcide De Gasperi, che, profondo conoscitore della realtà tedesca, non volle applicare in Italia l Economia Sociale di Mercato tedesca (ESM). Scelse, invece,l Economia Mista di Mercato (EMM) nella quale uno Stato abilitante incoraggia tutte quelle forme di azione collettiva che generano effetti pubblici, impegnando le istituzioni a facilitare la fioritura dei corpi intermedi della società (art. 2 della Costituzione ). Di qui lo Schema Vanoni che affidando alla finanza pubblica il compito di realizzare la mediazione capitale-lavoro trasformò in meno di dieci anni (contro i 90 della Germania ) una società agricola devastata dalla guerra nella V società industriale del mondo. Per quanto riguarda il terzo interrogativo una risposta realistica e praticabile viene da due esperienze che hanno tracciato un approccio metodologico idoneo a rispettare gli obblighi conseguenti al Fiscal Compact, coniugando il rigore con lo sviluppo. DALL'INDAGINE EURISPES UN QUADRO ALLARMANTE SUI NOSTRI RAGAZZI Il gratta e vinci "adesca" i bambini ser vizio alle pag. 6 e 7 IL 2012 È STATO L'ANNO NERO PER LE IMMATRICOLAZIONI NELL'EUROZONA Mercato dell'auto in un tunnel senza fine PIAZZA AFFARI Grano in borsa un vantaggio per (quasi) tutti Schirone alle pag. 2 e 3 UN'ANALISI DELL'AIC SUGLI INGAGGI Nel calcio chi spende ottiene i successi INDAGINE STAGEUP Sponsorizzazioni in calo (-6,4%) e andrà peggio segue a pag. 7 Levantaci alle pagg. 4 e 5 Poli alle pagg. 10 e 11 Traversa alle pagg. 12 e 13

2 2 26 gennaio 2013 M E R C AT I La Fiat cede il passo? Panda e 500 corrono Nel corso del mese di dicembre, il calo delle vendite nell'ambito dell'unione Europea è stato del 16,3%. Nella top ten dei costruttori, però, Fiat si colloca al settimo posto, a un soffio da Bmw, con una quota pari al 6,4%. Il risultato riflette a pieno le difficoltà del mercato italiano. Tra i modelli, invece, continuano ad andare bene Panda e 500 che detengono il 28,1% del segmento A, quello delle auto di piccola cilindrata dette anche citycar. (a.s.) IL 2012 NELL EUROZONA ANNO NERISSIMO PER LE VENDITE. BENE IL RESTO DEL MONDO Auto nel tunnel nalessandro SCHIRONE Con un risultato di dicembre decisamente negativo (- 16,3%) il mercato delle autovetture dell'unione Europea sprofonda ai livelli terribili del Nei 27 paesi dell'ue le immatricolazioni nell'intero 2012 sono state infatti con un calo dell'8,2% sul Considerando anche i tre paesi dell'efta (Islanda, Norvegia e Svizzera) il consuntivo 2012 sale a immatricolazioni con un calo sull'anno precedente del 7,8%. Questi risultati negativi appaiono ancora peggiori se si considera che, con ogni probabilità, quando verranno resi noti i dati sull'intero mercato mondiale emergerà che il 2012 è stato il nuovo anno record per le immatricolazioni di autovetture nel mondo con prospettive di ulteriore sviluppo per il All'interno dell'unione Europea, come emerge chiaramente da una elaborazione eseguita dal Centro Studi Promotor GL events di Bologna, l'andamento negativo riguarda per il momento soltanto l'eurozona (-11,3%), mentre per i mercati dell'ue che non hanno adottato la moneta unica il 2012 è stato un anno di crescita, sia pure modesta (+2,3%). All'interno dell'eurozona i risultati peggiori riguardano poi i paesi maggiormente colpiti dalle politiche di austerità senza crescita imposte dall'unione Europea. Il mercato greco accusa infatti un calo del 40,1%, quello portoghese del 37,9%, quello italiano del 19,9% e quello spagnolo accusa una contrazione del 13,4%. Nel corso del 2012 la frenata della domanda di autovetture si è estesa gradualmente con il passare dei mesi dai paesi appena citati all'intera eurozona e particolarmente pesati sono i risultati di dicembre che vedono in forte calo anche il mercato francese (- 14,6%) e addirittura quello tedesco (-16,4%). L'andamento del mercato dell'auto è speculare rispetto a quello della congiuntura economica. Nel mondo, infatti, la domanda cresce e le prospettive sono positive a causa del deciso miglioramento previsto per le maggiori economie (Stati Uniti, Cina e Giappone), che non si pongono certo problemi di pareggio del bilancio pubblico, ma che appaiono anzi fortemente determinate a spingere sulla crescita anche con la spesa pubblica e a migliorare il rapporto debito/prodotto interno lordo facendo crescere il prodotto (e con questo il gettito tributario) ed esportando la crescita. Nell'eurozona la recessione innescata dalle misure imposte dalla Ue tende invece ad aggravarsi e il contagio si allarga dai Paesi nel mirino delle politiche di austerità senza crescita anche ai Paesi più forti. L IDEA /ESENZIONI DAL BOLLO PER CINQUE ANNI Ecoaiuti dalla Regione Chiunque acquisterà o convertirà una vettura a metano o GPL a partire da gennaio, sarà esentato dal pagamento del bollo auto per i prossimi 5 anni. È il provvedimento della Regione Puglia che allinea il tacco d'italia al Piemonte, alla Liguria, alla Lombardia, alla Provincia di Trento e alla Provincia di Bolzano, tutti enti che già in passato avevano deciso di favorire la diffusione di veicoli a ridotte emissioni sgravando i loro proprietari dall'onere del bollo auto. In termini di CO2 e di particolato, infatti, GPL e metano abbattono notevolmente il livello di emissioni inquinanti. (a.s.)

3 26 gennaio 2013 Anche l usato segna il passo Quando il mercato del nuovo non tira quello dell'usato generalmente è in ripresa, ma nelle fasi veramente difficili anche le vendite di auto usate rallentano. È proprio questa la situazione italiana attuale da cui emerge chiaramente che, per vendere 100 auto usate, nel 2012 i concessionari ne hanno ritirate 33 ancora più usate contro le 24 del (a.s.) 3 M E R C AT I AS SICUR AZIONI naumenta IL DIVARIO CON IL NORD Il Sud non paga L ANALISI nchi E COSA COMPRA Ora le donne scelgono metano e Gpl - L'età media relativa all'acquisto dell'auto si alza spaventosamente, quattro volte su dieci a comprarla sono le donne che prediligono piccole cilindrate e alimentazioni alternative rispetto a diesel o benzina. Meglio dunque Gpl e metano. È questo l'identikit degli acquirenti di auto nel 2012, anno che si è chiuso con un mercato in calo del 20%. I dati che emergono dall'ultimo Book dell'unrae, l'associazione delle case automobilistiche estere in Italia, mostrano un aumento dell'età di chi compra automobili dovuto probabilmente alle difficoltà economiche, occupazionali e di accesso al credito. Il trend è in atto da sette anni. Dal 2005 al 2012 gli acquirenti tra i 18 e i 29 anni sono scesi da poco meno del 14% a 9,3% del totale, e quelli tra i 30 e i 45 anni da più del 40 al 33,6%. Ne risulta che ben oltre la metà delle auto vendute l'anno scorso sono state comprate dagli over 45. Nello stesso arco di tempo sono aumentate le acquirenti donne, passate dal 36,6% al 40,4% del totale. La componente femminile è cresciuta in tutte le aree geografiche, con maggiore rilievo nelle aree del Sud e delle Isole. La scelta dell'auto si orienta verso le motorizzazioni alternative. Tra il 2011 e il 2012 le vendite di auto alimentate a gasolio sono scese del 22,8% e quelle di veicoli a benzina sono diminuite del 31,7%, mentre registrano un incremento le vetture a Gpl (+131%), a metano (+40,1%) e ibride (+31,2%). (a.s.) Prezzi alti, i furbetti sono il 20% Nord e Sud sempre più lontani, almeno nei contrassegni delle assicurazioni auto. Per un 18enne una polizza può arrivare a costare fino a ottomila euro in più, a seconda che sia stipulata ad Aosta o a Salerno. Ad elaborare i dati è stata l'associazione dei consumatori Cittadinanzattiva, che non ha nascosto come per gli adulti in classe di massimo sconto, quelli cioè che non hanno causato incidenti, la forchetta è più bassa: si va dai 335 euro, sempre ad Aosta, ai di Napoli. Anche le medie delle macroaree confermano che scendendo lungo la penisola si alza l'assicurazione. Se al Nord un adulto paga in media 547 euro, al centro ne spende 712 e al Sud 776. Il divario si allarga se si considerano i neopatentati, euro al Nord che salgono a oltre al Centro e al Sud. Le regioni più critiche sono Calabria, Campania e Puglia, come dimostra la mappa delle città più care: in testa c'é Napoli, seguita da Caserta, compaiono poi anche Taranto, Brindisi e Foggia e, in Calabria, Crotone e Vibo Valentia. Per le associazioni di consumatori questo squilibrio comporta seri rischi: La costante crescita delle tariffe Rc auto, in particolare al Sud, sta portando a un incremento delle vetture senza assicurazione, che al Sud sono già il 20% del totale - è l'allarme del responsabile assicurazioni di Adiconsum, Fabrizio Premuti - stimiamo che ci siano 10 milioni di persone a rischio assicurativo, non in grado cioè di pagare il premio. (a.s.) Si torna a sognare con il mito Duetto Torna sulle strade il mito della Duetto. È stato ufficializzato nei giorni scorsi l'accordo definitivo tra Fiat e Madza per la produzione dell'annunciato spider Alfa Romeo. Sarà prodotto a partire dal 2015 in Giappone, a Hiroshima, e - in attesa che le due case automobilistiche sviluppino eventuali altre opportunità di collaborazione in Europa, come annunciato lo scorso maggio - avrà una gemella con il marchio giapponese. (a.s.) TENDENZE /IN CRESCITA L ACQUISTO DELLE CITY CAR Elettriche: cresce la... nicchia Gli acquisti di auto elettriche, ancora di nicchia, sono aumentati del 70,7%, passando da 307 a 524 unità. Tra i segmenti rimangono in testa le utilitarie ma si nota un effetto downsizing verso le city car, mentre cedono terreno le auto di fascia alta. Le nuove auto in circolazione, poco più di 1,4 milioni nel 2012, sono comunque una piccola percentuale degli oltre 35 milioni di veicoli presenti sulle strade italiane, buona parte dei quali decisamente attempati. Sono 4,6 milioni, ad esempio, le quattro ruote che hanno oltre vent'anni. La situazione ha inevitabili ripercussioni sull'ambiente: il 31,2% del parco circolante è composto da auto Euro 0, Euro 1 ed Euro 2; il 21,4% è Euro 3, il 35,7% Euro 4 e solo l'11,7% Euro 5 e 6. (a.s.) ANNUNCIO /NUOVI MODELLI E AGGIORNAMENTI Fiat in tre anni 16 novità Fiat ha annunciato che, entro il 2016, ci saranno sette aggiornamenti di prodotto e 16 nuovi modelli. Alcuni di questi sono già noti, come la 500X e il piccolo suv, che verranno realizzati proprio a Melfi, la piccola sette posti 500L in Serbia, le nuove Maserati a Grugliasco (Torino) e (come riferiamo nel box sopra), la prossima Alfa Spider. Una due posti secchi a trazione posteriore, sviluppata sulla base dell'architettura della MX-5 di prossima generazione (da cui si distinguerà per design e motorizzazione specifica) per rinnovare il mito di un modello che ha fatto la storia delle quattro ruote. (a.s.)

4 AGRICOLTUR A 4 Sul prezzo rispettate le attese dei produttori a inizio stagione Prezzo del grano stabile in Capitanata da oltre due mesi: attualmente occorrono 295 euro per acquistare una tollennata di grano duro fino, ovvero la qualità più alta del listino locale. E una quotazione in linea con le attese dei produttori che, a inizio raccolta (13 giugno) auspicavano un prezzo intorno ai 30 euro il quintale per remunerare i costi di gestione. 26 gennaio 2013 MADE IN ITALY ncambiamento EPOCALE PER L A G R O A L I M E N TA R E Il grano nella Borsa A Piazza Affari via al primo listino future nla quotazione fatta sulla media del prezzo di Foggia e Bologna nil listino pluriennale sarà una bussola per programmare le semine nmassimo LEVANTACI Cinque anni fa, quando il prezzo del grano schizzò fino a toccare la soglia record dei 500 euro la tonnellata (oggi è a 295), molti agricoltori si mangiarono le mani per aver venduto tutto il quantitativo disponibile nei silos senza attendere tempi più propizi. Ora certe previsioni saranno più a portata di mano: il 21 gennaio, cioè lunedì scorso, Borsa italiana ha inaugurato il primo listino f u- ture sul grano nazionale, svolta epocale per l agroalimentare che insieme alla moda e al design è il vero biglietto da visita del genio italico. Ma in questo caso bisognerà rincorrere: l Italia dovrà, infatti, mettersi in linea con gli altri paesi europei e nordamericani (su tutti Francia, Usa e Canada) dove il mercato del grano e suoi derivati ha una sua piazza di riferimento e le contrattazioni emettono un prezzo condiviso. Nel Belpaese invece le piazze di riferimento sono almeno tre (Foggia, Bologna e Catania) e il prezzo risente delle dinamiche del mercato locale. Il nuovo listino Agrex, mercato dei derivati di Borsa italiana, farà perno sulle piazze di Foggia e Bologna e la quotazione del future sarà la media ponderata dei due prezzi. In questo modo il future del grano duro, così come qualsiasi altro prodotto di Borsa, può essere acquistato e scambiato sia dagli operatori accreditati specializzati che dal singolo cittadino. Ma, almeno all inizio, sarà un affare per pochi. L apertura del listino apre in ogni caso condizioni di mercato più redditizie per investitori e agricoltori, per i quali la quotazione del future pluriennale potrebbe diventare la bussola per programmare la quantità delle semine. Il vantaggio reale è presto detto: ci si mette al riparo oggi dal rischio d impresa (avendo la certezza di ricavare alla scadenza del future un prezzo prestabilito in condizioni e tempi di mercato diversi), precludendosi però così la possibilità di fare incassi migliori sulla vendita se il prezzo risulta più alto. A G R O A L I M E N TA R E /LA SEN. MONGIELLO: BISOGNA CREDERCI Un eccellenza su cui investire L agroalimentare di qualità, al pari della manifattura di precisione e del turismo, è un eccel - lenza italiana su cui investire energie, anche legislative e risorse, anche politiche, per far ripartire l Italia e ridurre il gap che divide le aree più ricche da quelle più povere del Paese. Lo afferma la senatrice foggiana Colomba Mongiello, componente uscente della commissione Agricoltura, che sottolinea con soddisfazione il giusto riconoscimento - puntualizza - tributato dal presidente del Consiglio Monti ad uno dei settori più vitali dell economia italiana nonostante le mille difficoltà sistemiche e i mille problemi congiunturali. L importante riconoscimento di Monti è avvenuto in occasione dell apertura del nuovo stabilimento per la preparazione di sughi pronti Barilla a Rubbiano (Parma), lo scorso ottobre. Un segnale di attenzione - conclude Mongiello - sul quale il prossimo governo sarà chiamato a investire. LE REAZIONI /SULLA NOVITÀ NESSUNO SI SBILANCIA, TUTTI IN ATTESA Gli addetti ai lavori sono tiepidi Commercianti, agricoltori, mediatori ovvero tutto il variopinto mondo che anima il mercato del grano di Foggia non si sbilanciano sul grano quotato in Borsa novità - dicono - che interessa più gli industriali che acquistano grandi partite dall estero o esportano merce dall Italia. Anche gli operatori di Borsa restano prudenti e considerano le quotazioni su piazza un esperimento, anche se è innegabile che ci sia bisogno di ringiovanire un mercato rimasto sostanzialmente a carattere locale e perdipiù legato a vecchi schemi come il rapporto spesso ancestrale fra agricoltore e commerciante. A Foggia - principale bacino di produzione europeo e storica piazza di contrattazioni - i riflessi di questo mutamento non si sono ancora avvertiti. Ma se l imprendi - tore Francesco Casillo (ne parla nell intervista a fianco)auspica che gli enti locali organizzino corsi di formazione professionale per fare la conoscenza con i termini borsistici e i meccanismi delle quotazioni, è anche vero che i corsi per quanto validi non potranno mutare così rapidamente costumi e consuetudini su un epoca che a Foggia i più anziani ricordano ancora con affetto e partecipazione per i risvolti economico-sociali derivanti dagli incassi del grano venduto. Il capoluogo della Daunia è tra l altro da cent anni un mercato di contrattazione a cielo aperto: gli operatori sono tornati a riunirsi sotto i portici della Camera di commercio, in via Dante, dopo un breve trasferimento nel quartiere fieristico. (m. lev.) ngli operatori della Borsa merci

5 26 gennaio 2013 Ma rispetto agli ultimi anni il raccolto si è ridotto Produzione in calo nel Granaio d Italia: nell ultima annata agraria il raccolto si è ristretto a poco meno di 5 milioni di quintali, contro gli 8 milioni di quintali di media degli ultimi cinque anni. Una riduzione che ha influito sul valore delle quotazioni accresciute di circa il 30%. Sono complessivamente 250mila gli ettari coltivati a grano duro in provincia di Foggia. 5 AGRICOLTUR A L I N T E R V I S TA nparla FRANCESCO CASILLO Non ci sono dubbi: vantaggi per tutti di Corato Francesco Casillo, il re delle farine nel mondo, è considerato L industriale tra i principali sostenitori con Barilla di un listino nazionale per il grano duro. Anche se ora viene il bello: l ingresso della finanza pone seri problemi di comprensione dello strumento dei future che gli operatori non conoscono, se non per sentito dire. Dovrebbe essere una pratica diffusa il mercato nazionale del grano duro su una piazza borsistica, invece non lo è. Mi rendo conto - dice Casillo - che parliamo di qualcosa di cui gli operatori non conoscono ancora la funzione, i benefici, i meccanismi di funzionamento. Bisognerebbe partire dai termini più rudimentali per far capire a cosa serve questo nuovo tipo di mercato. Diciamo subito che conviene a tutti questo nuovo modello, anche agli agricoltori. E allora spieghiamo subito perché voi industriali avete incoraggiato la svolta. La Borsa consente agli operatori di gestire con maggiore agilità le volatilità del mercato. Innanzitutto perché il listino afferma una trasparenza dei prezzi che oggi è solo aleatoria: se la Borsa fissa, mettiamo, a 300 euro il costo di una tonnellata l agricoltore ha un punto di riferimento stabile, certificato e può orientarsi meglio sul mercato per decidere se vendere e come. Noi dobbiamo uniformarci a quello che da decenni accade all estero: a Chicago il listino viene quotato in diretta, non ci sono Camere di commercio a livello locale che possano tirare fuori altri prezzi. Ma l agricoltore potrebbe vendere a un costo più alto. Così invece il mercato si appiattisce. Se io agricoltore vedo che il prezzo del future a 2 anni è dato a 300 euro, mi faccio un po di conti e posso programmare le semine con una certa tranquillità. Poi sta all agricoltore decidere su quanti ettari vorrà investire, ma facendo in questo modo almeno il rischio d'impresa è garantito. Ed ho la possibiltà di vendere a breve a un prezzo determinato e certo. Fin qui i vantaggi per gli agricoltori e per gli industriali? La volatilità dei prezzi è un problema che colpisce soprattutto gli industriali. Ma ce ne sono altri due di vantaggi: anche i pastifici possono acquistare le loro scorte con largo anticipo, senza il timore di aver comprato a un prezzo più alto; inoltre, per chi fa trading è importante farlo nel recinto di Borsa Italiana e dunque con operatori accreditati che riducono al minimo il rischio di inadempienza. Cosa che invece si verifica sul mercato forward (tradizionale: ndr), in cui si possono sempre trovare 2-3 operatori che non saldano. L importante è capire il tecnicismo della Borsa: guardi che negli Stati Uniti si commercia grano al mercato azionario sin dal lontano Nell epoca del computer e delle nuove tecnologie non possiamo più permetterci di restare indietro. LA SCHEDA /IL GRUPPO DI CORATO FORNITORE DI BARILLA Tra i leader mondiali delle farine Il gruppo Casillo di Corato è attivo sia sul mercato dell'import che dell'export del frumento duro con una capacità di commercializzazione superiore ai 2 mln di tonnellate. Nel 2012, dichiara Francesco Casillo, il livello delle esportazioni di grano italiano all'estero ha superato la quota di grano importata grazie alle quotazioni più basse della produzione nazionale. Il gruppo di Corato è considerato tra i principali trasformatori al mondo di farine. Oggi il gruppo Casillo - leggiamo dal sito - è leader mondiale nell'acquisto, trasformazione e commercializzazione del grano anche grazie all'attività di trading svolta attraverso la controllata Cinque Cereali. Il suo rilievo a livello internazionale è tale da fare del gruppo un market maker. La controllata Molino Casillo si occupa della produzione della semola e della sua commercializzazione a livello industriale: tra i suoi clienti Barilla, Garofalo, Pasta Zara e altri. (m. lev.)

6 6 26 gennaio 2013 SOCIETÀ Adolescenti preoccupati dalla crisi temono di non trovare un lavoro Il 30,5% dei ragazzi si dice spesso (10,2%) e a volte (20,3%) preso dalla preoccupazione per i problemi di lavoro dei propri genitori; un sentimento che, anche se raramente, interessa anche un altro 26,9% degli adolescenti. La paura di non trovare lavoro da adulti è largamente diffusa, tanto che solo il 18,2% degli adolescenti dice di non averla. EURISPES nl'indagine SU INFANZIA E ADOLESCENZA È emergenza per i cittadini (fragili) di domani Sono attratti dal gioco d'azzardo fin da piccoli. Non riescono a staccarsi datv, internet e cellulare: sono in rete anche oltre 4 ore al giorno e sul web cercano siti che esaltano violenza, razzismo, anoressia e suicidio. Scambiano tra di loro sms, mms o video a sfondo sessuale (sexting), ma sulla rete sono anche vittime di cyberbullismo. In casa soffrono la crisi, tanto che uno su tre ha deciso di rinunciare alla paghetta. Hanno già imparato a conoscere la violenza, soprattutto verbale, nei rapporti di coppia e due su tre ammettono di bere alcolici. Nel 2012, infine, quasi il 30% è scappato di casa. Sono i "cittadini (fragili) di domani" e a delinearne il profilo è l'indagine conoscitiva sulla condizione dell'infanzia e dell'adolescenza presentata da Telefono azzurro ed Eurispes. Queste generazioni "contano poco nelle scelte politiche e negli investimenti", ha sottolineato il presidente di Telefono Azzurro, Ernesto Caffo: nella "battaglia" elettorale "non è stato mostrato nessun interesse per loro, perché non votano: il Paese assegna ai bambini il debito quando nascono, ma non la capacità di costruire il futuro". Nella nostra società, ha osservato il presidente di Eurispes, Gian Maria Fara, "domina il timore per il futuro e la sensazione che non ci siano prospettive. I ragazzi vivono l'oggi ma faticano a immaginare il domani". Allarme gioco d'azzardo. L'8% dei bambini tra i 7 e gli 11 anni gioca a soldi online. Il 15,3% scommette soldi offline: solo il 74,1% dichiara di non averlo mai fatto. Giocano a soldi online e offline anche, rispettivamente, il 12% e il 27% dei ragazzi tra i 12 e i 18 anni. I maschi sono i più a rischio dipendenza e, in generale, a un adolescente su quattro tra quelli che giocano capita a volte di perdere molti soldi. Sexting e cyberbulli. Il 23,6% dei ragazzi ha trovato sul web pettegolezzi o falsità sul proprio conto; uno su 5 sue foto imbarazzanti. Il tutto mentre in rete aumentano i casi di "sexting": oltre un adolescente su 4 (25,9%) ha ricevuto un sms, un mms o un video a sfondo sessuale, nel 2011 la percentuale si era fermata al 10,2%. Solo il 12,3% (6,7% nel 2011) degli adolescenti ammette di aver inviato materiale a sfondo sessuale non vedendoci nulla di male (41,9%). Fughe da casa triplicate. Nel 2011 se n'era andato il 9,6% degli adolescenti, nel 2012 quasi il 30%. Il motivo principale è il contrasto con i genitori; la fuga dura qualche ora (47,3%) e i giovani decidono da soli di tornare a casa (67,2%). Tagli alla paghetta. Un adolescente su due (50,1%) e il 28,7% dei bambini affermano che la propria famiglia è stata colpita dalla crisi: i ragazzi ammettono che in casa ci sono difficoltà ad arrivare a fine mese (26,1%) e si é più attenti sulle spese per cibo e vestiti (48,4%) o sugli extra (59,2%), tanto che il 33,7% ha rinunciato alla paghetta. Vista la situazione attuale temono per il loro futuro: la paura di non trovare lavoro da adulti è largamente diffusa, solo il 18,2% dice di non averla. Cresce l'uso di alcolici. Cominciano a bere già nel periodo della scuola media ALLARME SOCIALE /L'ANALISI DI FARA (EURISPES) E CAFFO (TELEFONO AZZURRO) "La politica ascolti la voce dei ragazzi" nil presidente dell'eurispes, Gian Maria Fara I dati dell'indagine dell'eurispes non possono che destare preoccupazione negli addetti ai lavori. "In questi mesi - afferma il presidente di Sos il Telefono Azzurro Onlus, Ernesto Caffo - abbiamo incontrato tanti bambini e adolescenti. Ci hanno parlato dei loro problemi, della crisi economica, che mette in ginocchio le loro famiglie, del cyber-bullismo, del sexting e del gioco d azzardo. Con le loro testimonianze abbiamo realizzato dei video ora disponibili in una app realizzata assieme ad Eurispes". Le interviste e l indagine raccontano ragazzi sempre più spesso soli, nonostante le centinaia di amicizie su Facebook, e alla ricerca di qualcuno di cui fidarsi veramente, anche in rete, a dispetto di una più apparente caccia al mi piace. "Non nascono fragili - continua Caffo - ma sono resi fragili da una società che presenta sfide e pericoli insidiosi, cui in molti casi gli stessi adulti non sono preparati. Chiediamo alle istituzioni e alle forze politiche di affrontare seriamente la questione infanzia nel nostro Paese con investimenti immediati, soprattutto in percorsi educativi e culturali, che porteranno a un ritorno di investimento perché capaci di donare benessere agli adulti di domani. Bambini e adolescenti devono essere componente attiva della nostra società". L'allarme è sottolineato anche dal presidente dell'eurispes, Gian Maria Fara. "In misura inversamente proporzionale alla loro massiccia presenza nello scenario mediatico e simbolico - spiega - i giovanissimi sono costantemente assenti sui fronti che più contano: quelli delle decisioni politiche, delle scelte, degli investimenti, delle tutele reali". "La nostra indagine - conclude Fara - è espressione del riconoscimento di due diritti fondamentali dei bambini e degli adolescenti: quello all ascolto e alla partecipazione. Solo ascoltandoli e comprendendone i vissuti è possibile capire il reale impatto che alcune condizioni di vita hanno sul loro benessere psicofisico, ipotizzando e proponendo soluzioni concrete".

7 26 gennaio 2013 Piccoli, ma già con il cellulare: il 62% ne ha uno tutto per sé Il 62% dei bambini ha a disposizione un telefonino proprio. Il 44,4% dei bambini acquisisce un cellulare tra i 9 e gli 11 anni. Il 17,6% ha un cellulare prima dei 7 anni. Le due funzioni maggiormente utilizzate sul cellulare sono i giochi (21,2%) e le telefonate (20,5%), seguite dall invio di messaggi di testo o mms (18,3%) e dall ascolto di musica (17,5%). 7 SOCIETÀ IL FENOMENO / MASSIMA ALLERTA ANCHE I VIDEOPOKER Un bambino su 3 ammette di giocare ai Gratta&Vinci (65,7%), ma il 21,1% degli intervistati aveva meno di 11 anni quando ha bevuto il primo drink. Maltrattati dal partner. Si chiama "dating violence" e registra la presenza di violenza fisica e verbale all'interno delle giovani coppie: al 29,1% dei ragazzi è successo che il proprio partner urlasse contro di lui, uno su cinque (20,9%) invece è stato insultato. Il 5,4% dichiara che il partner ha minacciato di picchiarlo. "Questo fenomeno, assieme al consumo di alcol e al gioco d'azzardo, sono sottovalutati", ha denunciato la vice capo del Dap, Simonetta Matone. Allarme suicidi. Un adolescente su 20 ha cercato online siti che esaltano il suicidio; i ragazzi accedono anche a siti che incitano a violenza (19,3%), reati (12,1%), razzismo (13,1%) e anoressia (9,9%). Cyberdipendenza. Il 68,7% non riesce a staccarsi da internet quando richiesto. Il 95,7% naviga tutti i giorni, il 16,2% anche per più di 4 ore. Idem per il cellulare, usato dal 40,5% per più di 4 ore. Senza internet il 38,4% dei ragazzi avrebbe paura di non riuscire a conoscere nuove persone, il 22% si sentirebbe tagliato fuori dal gruppo di amici. A scuola invece si naviga poco: pur avendo gli strumenti a disposizione, denunciano gli intervistati, il 46,2% degli adolescenti dice di non aver mai usato internet nell'ultimo mese con un insegnante. Se l 82,9% dei bambini cui è stato sottoposto il questionario dichiara di non aver mai giocato online a soldi, la percentuale scende al 74,1% per il gioco a soldi non online: un bambino su quattro risulta coinvolto all interno di un fenomeno, quello del gioco, la cui portata e rilevanza non devono essere assolutamente sottovalutate. Gioca spesso a soldi online l 1,4% dei bambini del campione, lo fa qualche volta il 3% e raramente il 3,6%. I giochi che prevedono denaro non online fanno registrare percentuali maggiori (5,1% spesso, 3,8% qualche volta e 6,4% raramente). Il gioco prediletto dai bambini è il Gratta&Vinci, cui dichiara di aver giocato il 33,7%, mentre l 11,4% e l 11,1% ha invece giocato rispettivamente alle Lotterie ed al Bingo. Per quanto riguarda il Videopoker e le Slot machines, che sono senza dubbio i giochi d azzardo che destano la maggior preoccupazione, le percentuali di bambini che dichiarano di aver giocato a questi due pericolosi giochi d azzardo non sono affatto trascurabili (rispettivamente il 7,8% ed il 6,9%), tanto più se si considera che, ammette di non avervi mai giocato, ma che tuttavia vorrebbe farlo, un numero quasi doppio di bambini (rispettivamente il 13,3% ed il 13,5%). segue dalla prima La vita politica e i cattolici... Intendo riferirmi alla scelta del Governo Prodi di ricorrere alla revisione della spesa per colmare il divario di efficienza tra la nostra Pubblica Amministrazione e quella degli altri Paesi europei impostando un processo di ammodernamento della pubblica amministrazione senza precedenti perchè fu rifiutato il comodo ricorso ai tagli lineari. Fu, infatti, scelto un attento esame degli strumenti, delle scelte allocative e della gestione delle risorse, in maniera da effettuare l analisi dell intera spesa di ciascun dicastero sotto il profilo dell efficienza dell uso delle risorse umane e materiali. Questo impegno è stato disatteso dai governi successivi e oggi non è rispettato nella sua effettiva dimensione, non essendo sufficienti i tagli lineari alla spesa pubblica se non se ne cura contemporaneamente anche il miglioramento del livello di produttività. Il secondo precedente riguarda l importante successo riportato dal presidente dell ANCI G. Delrio nella sua motivata opposizione alla politica dei tagli lineari a alla finanza locale. Dal 1 gennaio 2013 il gettito dell IMU finirà interamente nelle casse comunali con una contemporanea riduzione dei trasferimenti per 3 miliardi: una vittoria dovuta al fatto di aver saputo trasformare un problema di cassa in un problema di metodo. L ANCI ha sempre sostenuto che la voce più importante del bilancio di un ente locale non sono i trasferimenti di risorse dallo Stato ma il saldo di bilancio originario (entrate proprie - spese finali) perché è l unico parametro in base al quale la CEE valuta l adempimento assunto dall Italia di conseguire il pareggio del bilancio. Pertanto la devoluzione dell intero gettito IMU ai Comuni, aumentando le entrate proprie, rafforza l elemento chiave del concorso degli enti locali al processo di risanamento della finanza pubblica. Non mancano certo in questi precedenti delle insufficienze, peraltro superabili: rimane, tuttavia, il merito di aver equilibrato il rigore con la crescita, essendo riusciti ad articolare la finanza pubblica sulla base della compatibilità tra vincoli europei ed esigenze nazionali. In conclusione la risposta ai tre interrogativi consente di condividere la tesi del ruolo di lievito dei cattolici nella vita politica, tuttavia legato alla qualità della proposta, poiché i drammatici problemi da affrontare trasformeranno la prossima legislatura in una nuova Assemblea Costituente. Pertanto se i cattolici sapranno gestire l appartenenza al personalismo comunitario non come una comoda rendita di posizione, ma operando in modo positivo insieme ai laici, l art. 2 della Costituzione sarà, ancora una volta, l attaccapanni per un avanzamento civile di tutta la società italiana. Antonio Troisi

8 8 26 gennaio 2013 [ ] SE DITe stampa dite SEDIT ph: angelo.gi Se dite stampa dite Sedit. Punto di riferimento per la stampa anche di quotidiani nel Sud Italia, partner privilegiato di case editrici e aziende. Tecnologie, conoscenza e organizzazione: la risposta alle nuove sfide della comunicazione e della stampa Modugno (Bari)

9 26 gennaio 2013 La città teme per la propria economia Tante pale eoliche, troppe per Manduria. La comunità locale non condivide il progetto per la realizzazione di un parco eolico composto da 63 pale. Le paure non riguardano l'uso appropriato di energie alternativa, ma le ripercussioni che gli impianti potrebbero avere sull'economia del territorio: il possibile esproprio dei campi coltivabili, infatti, rischia di penalizzare la produzione del celebre vino primitivo. Si teme anche un minor afflusso di turisti. (g.p.) 9 ENERGIA SOS nagricoltori E CITTADINI TEMONO L'IMPATTO AMBIENTALE SUL TERRITORIO Manduria dice no all eolico Le pale sono un minaccia Progetti per un grande parco nelle campagne ngiorgio PUZZOVIO AManduria temono il lato oscuro della green economy. La comunità tarantina contesta la programmata realizzazione sul territorio di strutture dedicate all'energia eolica. Lo spettro del deturpamento paesaggistico ha allarmato i protagonisti della "Terra del vino Primitivo": i progetti depositati in Regione riguardano, appunto, la costruzione di un grande parco eolico nelle campagne di Manduria, composto da 63 pale alte oltre 100 metri. Le società interessate alla realizzazione del polo (Monte, Messapia Energia e Manduria Green) hanno già definito la locazione delle strutture: 16 pale saranno posizionate nei terreni contigui alla centrale di Erchie, altri 2 poli sorgeranno di fronte all'insediamento e saranno composti da 19 e 28 torri. Al vaglio degli enti regionali, inoltre, sono altri progetti che riguardano ulteriori 73 pale eoliche da costruire nei territori limitrofi a Manduria. L'evoluzione verso l'energia alternativa, però, non trova consensi presso la comunità locale che vede a rischio sia la vasta e rinomata produzione di uva e vino, ma anche le attività turistiche che proliferano nella zona. Gli agricoltori temono, innanzitutto, espropri pubblici dei terreni adibiti alla coltivazione: la costruzione del maxi parco eolico, infatti, prevede un'estensione ampia sulle campagne del luogo. Le critiche riguardano anche il business: secondo le associazioni di categoria, l'indotto costituito dalla filiera produttiva del vino primitivo DOC di Manduria genera un profitto annuo di 30 milioni di euro per la comunità locale. L'investimento energetico-eolico è un affare da AU T O R I Z Z A Z I O N I /E LA REGIONE FRENA SULLE ABNORMI RICHIESTE Nicastro: Valuteremo l impatto La Regione Puglia getta acqua sul fuoco. "In virtù delle abnormi richieste di autorizzazione all'istallazione di pale eoliche che interessano la nostra regione - precisa l'assessore alla Qualità dell'ambiente della Regione Puglia, Lorenzo Nicastro - le istituzioni hanno ritenuto di assoggettare a valutazione d'impatto ambientale le richieste di istallazione nel territorio di Manduria". La procedura prevede che tutti i soggetti coinvolti nella vicenda (aziende, enti pubblici e privati) presentino, entro i 60 giorni successivi la pubblicazione del provvedimento per la valutazione d'impatto ambientale, le proprie osservazioni. Il materiale permetterà ai tecnici del Comitato regionale di esprimere una decisione definitiva. (g.p.) 72 milioni di euro, confinati nelle poche mani dei gruppi investitori: secondo i critici, il beneficio economico dell'operazione non coinvolgerebbe i manduriani. Le perplessità giungono anche dalle associazioni ambientali che da lungo tempo sostengono i benefici delle energie alternative. "I progetti riferiti a Manduria - precisa il presidente di Legambiente Puglia, Francesco Tarantini - sono assolutamente sovradimensionati rispetto ai caratteri ambientali e paesaggistici del territorio su cui andrebbero a ricadere. Sebbene Legambiente sia da sempre favorevole alle energie rinnovabili, valida alternativa al carbon fossile, non è ammissibile che si cambino i connotati di un ecosistema attraverso l'installazione di centinaia di torri eoliche". L'impatto ambientale del parco eolico potrebbe danneggiare la natura circostante: il rischio di mortalità da impatto per gli uccelli migratori ed i rumori generati dalle turbine delle pale non offrono argomenti a favore della crescita turistica della zona. Il depauperamento del paesaggio, secondo le istituzioni locali, causerà perdite al settore ricettivo alberghiero ed agroalimentare. Altra benzina sul fuoco è versata dai connotati a volte nebulosi del business legato alle energie rinnovabili: negli ultimi anni, il settore è stato spesso accusato di esercitare con insistenza pressioni lobbistiche sulle istituzioni politiche per la realizzazione di imponenti progetti. I problemi legati all'impatto ambientale, però, hanno trasformato alcune strutture in "cattedrali nel deserto" prive di reale sviluppo. A Manduria temono il lato oscuro del sole, la parte buia che alimenta l'affare delle pale eoliche.

10 10 26 gennaio 2013 M E R C AT I Dal al , le squadre che hanno fatto il maggior numero di punti in classifica sono state il 50% delle volte anche quelle con il monte ingaggi più alto e la società vincente è stata sempre fra le 3 con il monte ingaggi più alto LA RICERCA nassociazione ITALIANA CALCIATORI Chi spende poi vince: il calcio non fa sconti nfabio POLI Pubblichiamo un intervento sul tema della "spesa" del calcio a cura di Fabio Poli, docente di Organizzazione aziendale e Diritto dello sport all Università San Raffaele di Roma e direttore organizzativo Associazione Italiana Calciatori Un'analisi condotta dall'area Ricerche dell'associazione Italiana Calciatori sulle ultime otto stagioni sportive della Serie A italiana propone una correlazione tra il monte ingaggi dei singoli club e i loro risultati sportivi a fine stagione. L'analisi evidenzia una correlazione tra quanto ogni singolo club spende per gli stipendi dei calciatori della prima squadra e il risultato conseguito in campionato. In particolare, tale correlazione appare strettamente evidente per i club che puntano alla vittoria del campionato, mentre, per la parte bassa della classifica, non sembra evidenziarsi alcuna regola che correli gli investimenti ai risultati. In breve: per vincere è necessario investire più degli altri. La retrocessione, invece, non è determinata soltanto dal fatto di aver speso meno di tutti. IL MONTE INGAGGI. Partiamo dall analisi dell andamento del monte ingaggi complessivo della Serie A. Come evidenzia il grafico il totale degli investimenti per gli stipendi dei calciatori è passato, nella massima serie, da 649 a 880 milioni circa. L incre - mento non è stato tuttavia costante, dal momento che ha fatto registrare una significativa flessione per due stagioni consecutive: dal 2005 al 2007, arrivando ad un totale minimo di 567 milioni. Dal 2007 al 2011 la crescita è stata costante, seppur con un trend di crescita sempre più lieve. Sino a far registrare una contrazione di -25 milioni, tra il e il È interessante notare che la spesa media per il monte ingaggi complessivo di ciascuna società è cambiata in maniera similare all andamento appena commentato. Ciascun club spendeva, in media, circa 32 milioni di euro per l intero monte ingaggi nel Nel 2012 ciascun club si è trovato a spendere, in media, 44 milioni circa. Prendendo in analisi i risultati dei campionati dal al , si nota che le squadre che hanno fatto il maggior numero di punti in classifica sono state il 50% delle volte anche quelle con il monte ingaggi più alto. Nelle stagioni prese in considerazione, la società vincente è stata sempre tra le 3 con il monte ingaggi più alto. Considerandolesquadre chesi sono classificate nelle prime tre posizioni delle ultime 8 stagioni, l 83,33% delle volte queste avevano anche i 3montiingaggipiù alti [NB: nella stagione sportiva 2005/06 e 2006/07 sono stati considerati i punti effettivamente realizzati, senza penalizzazioni]. Questo dimostra che investire più degli altri fornisce la certezza di arrivare tra i primi ma non può garantire la certezza della vittoria assoluta. Tuttavia, come noto, le primissime posizioni sono quelle che danno l'accesso alla Champions League, ovvero a una ulteriore forma di introiti [e investimenti per gli ingaggi di altri giocatori o di giocatori di maggiore livello e maggiore costo]. Questo acuisce ulteriormente il competitive imbalance, ovvero il disequilibrio competitivo tra le squadre che arrivano stabilmente nelle prime posizioni e quelle che restano, invece, costantemente nelle altre zone della classifica. SPENDERE... PAGA. Proviamo a ricapitolare: investire nel monte ingaggi dei giocatori significa arrivare nelle prime tre posizioni; arrivare nelle prime tre posizioni si può definire vincere ; vincere significa guadagnare (premi, diritti e ingresso in Champions); guadagnare permette di reinvestire; reinvestire significa rivincere. In breve: chi investe di più, vince e guadagna di più. Questo asserto è certamente vero nel medio-lungo periodo, ma l'analisi dell'area Ri- il tuo quotidiano gratuito su carta e i ad Quorum Italia scarica l applicazione gratuita da itunes

11 26 gennaio Nella lotta per salvarsi vige la regola contraria: nelle ultime 8 stagioni una volta soltanto (12,5%) la società che ha speso meno negli stipendi è retrocessa. La salvezza è una questione di programmazione e di scelte sportive e non soltanto di spese M E R C AT I nsopra Fabio Poli, docente di Organizzazione aziendale e Diritto dello sport all Università San Raffaele di Roma e direttore organizzativo Associazione Italiana Calciatori. A sinistra Ibrahimovic e Cassano ai tempi del Milan. Sotto il presidente della Lega di Serie A, Maurizio Beretta cerche AIC dimostra che è verificabile anche nel breve periodo.nelle ultime otto stagioni, quindi, le squadre che hanno vinto il campionato sono state 4 volte (50%) quelle che avevano investito più di tutte nel monte ingaggi dei giocatori. 2 volte (25%) ha vinto lo scudetto la seconda squadra nella classifica degli ingaggi. In tutti i campionati analizzati, come anticipato, il club leader per monte ingaggi non è mai sceso oltre la terza posizione della classifica sportiva. TRE RICCHI, TANTI POVERI. Per interpretare appieno l'andamento del fenomeno bisogna però sottolineare che il monte ingaggi delle tre società più "ricche" rappresenta quasi il 50% del totale ingaggi della Serie A. Questo vuol dire che le prime tre società investono da sole quello che investono tutte le altre messe insieme. Ciò determina, evidentemente, l'origine del disequilibrio competitivo. Nell'ultimastagione analizzata, ad esempio, le prime tre classificate hanno investito il 47,41%del totale monte ingaggi del campionato di Serie A. Nella stagione si è registrato il picco massimo,con il 53,02% dell'investimento totale appannaggio delle prime tre (curiosamente nella stagione senza la Juventus nella massima serie). Il picco più basso si è registrato, invece, nel , con solo il 47,15% del totale. Nelleultime 8stagioni, quindi, le squadre che si sono classificate ai primi tre posti hanno speso per il monte ingaggi dei propri giocatori una cifra di poco inferiore a quella spesa complessivamente da tutte le altre 15società. ZONE BASSE, REGOLA INVERSA. Prendiamo, infine, in considerazione quello che avviene nella parte bassa della classifica, nella cosiddetta "lotta per non retrocedere". È vero che chi investe meno per pagare i propri giocatori perde il campionato e si ritrova nella serie cadetta la stagione successiva? Diciamo subito che i dati dimostrano chiaramente il contrario. Considerando, infatti, le squadre che si sono classificate tra le ultime3posizioni (dal 2004/05 retrocedonoin Serie B n 3 squadre), solo 8 volte su 24 (33%) tali società avevano il monte ingaggi tra i tre più bassi. Ancora più nel dettaglio:nelle ultime8stagioni una volta soltanto (12,5%) la società più parsimoniosa negli stipendi è effettivamente retrocessa. Nellealtre7 stagioni si è sempre salvata.questo dimostrerebbe che la salvezza è una questione di programmazione e di scelte sportive e non soltanto di spese. Per completezza dell'analisi va, però,sottolineatoche la differenza in percentuale tra il monte ingaggidelle ultime societàènotevolmenteinferiore rispetto aquello che si registra tra le prime tre.nelleultime 8 stagioni, ad esempio,la differenza media tra il monte ingaggi della terza e quel della quarta è pari al 29,63%. Questo vuol dire che, in media, la squadra che arriva subito dietro le tre "top spender" ha investito quasi un terzo meno di loro per gli stipendi dei giocatori. Anche nelle posizioni di rincalzo, similmente a quanto avviene per le ultime tre, la posizione media ottenuta dalle società a fine stagione non corrisponde a quella determinato dalla spesa per il monte ingaggi. Non esiste, cioè, una correlazione automatica tra il monte ingaggi e alcuna posizione in classifica. MILANESI, TANTI SOLDI PER... POCO. Prendendo, infine in considerazione le squadre che hanno disputato almeno3campionati di Serie A nelle ultime 8 stagioni, è possibile tracciare un rapporto tra la classifica sportiva e quella del monte ingaggi. Questo ci consente di descrivere un indice di regressione, ovvero di rendere graficamente evidente la capacità di ogni club di andare meglio o peggio degli investimenti effettuati per i giocatori. Per spiegarsi: se ogni squadra avesse ottenuto in classifica esattamente lo stesso risultato ottenuto nella classifica del monte ingaggi [ad esempio: ottava in classifica sportiva, ottava in classifica della spesa] si troverebbe esattamente sulla linea centrale. Consideriamo, ad esempio, il Milan e l I n t e r, che si sono sempre posizionate ai primissimi posti nelle stagioni considerate. Il grafico mostra che, malgrado i successi e le posizioni conseguite, per mantenere stabile il loro livello di risultato, hanno investito in monte ingaggi più di quanto ottenuto in termini di classifica sportiva. LE BUONE INVESTITRICI. La Juventus, la Roma, la Fiorentina il Napoli, l Udinese, la Lazio ed altre che si trovano al di sopra della linea di regressione hanno, invece, ottenuto un risultato migliore rispetto all inve - stimento in monte ingaggi. Le altre società che si trovano al di sotto della linea, nella parte bassa della classifica sono quelle che hanno speso più di quanto hanno ottenuto in termini di classifica.

12 12 26 gennaio 2013 SPONSOR La Liga spagnola prima per ricavi Liga spagnola campione di ricavi: con 190 milioni di euro è al primo posto della classifica europea per nazioni. Al secondo posto la Premier League inglese, con 168 milioni di euro. Sul terzo e più basso gradino del podio la Bundesliga tedesca che sviluppa introiti da merchandising superiori a 130 milioni di euro. Quarto posto per la Serie A, che nel complesso sta crescendo con i suoi oltre 77 milioni di euro. ( f. t. ) D AT I nemergono DALL INDAGINE DI STAGEUP Gli sponsor sono in calo Nel 2013 previsto -6,4% nfabio TRAVERSA Il mercato sponsorizzativo italiano è in crisi. I dati che emergono dall indagine predittiva 2013 Il futuro della sponsorizzazione di StageUp Sport & Leisure Business e Ipsos, alla sua undicesima edizione, lo confermano. Il calo previsto quest'anno è del 6,4% mentre nel 2012 il comparto si è attestato a milioni di euro con una flessione dell 8,2% rispetto al Fra il 2011 e il 2012 il comparto che ha subito il maggior calo percentuale è stato quello culturale, passato da 166 milioni a 150 milioni di investimenti, per un decremento del 9,6%. Scendono anche gli impieghi nello sport, da 856 milioni a 782 milioni, con una discesa dell 8,6%, e quelli in attività socialmente utili, da 381 milioni a 356 milioni, con un saldo negativo del 6,5%. Lo sport resta, comunque, al primo posto nelle scelte degli investitori: su 100 euro investiti in sponsorizzazione 60 circa vanno allo sport. Di sicuro in Italia il rapporto tra investimenti in sponsorizzazione e in pubblicità si aggira intorno a 1:6. Negli ultimi 4 anni il mercato dell advertising ha visto una contrazione del volume degli investimenti di circa il 23% passando da 9,8 miliardi nel 2008 a 7,5 miliardi nel Più forte la riduzione della spesa per il mercato delle sponsorizzazioni che dal 2008 al 2012 è passata da 1,8 a 1,3 miliardi di euro (-28%). Nel 2011 e nel 2012 gli andamenti dei due comparti risultano pressoché speculari. Il fatto che la decisione in tema di sponsorizzazioni sia di natura prevalentemente strategica e che in ambito sportivo sia frequente l adozione di contratti pluriennali porterà, nel momento in cui la ripresa si consoliderà, a uno spunto marginalmente inferiore (o quantomeno differito) del mercato delle sponsorship rispetto ad altri segmenti della comunicazione. Tra i numerosi fattori esogeni che hanno impatto sulle decisioni di investimento quelli che maggiormente potranno influenzare le dinamiche d investimento nel 2013 sono la congiuntura economica internazionale, il livello di redditività delle aziende, il livello dei consumi e il quadro normativo e fiscale (relativo alle sponsorizzazioni e/o alla pubblicità). Le stretegie anticrisi? Puntare sulla progettualità e la rendicontazione, aggregare l offerta, investire sul marketing, far leva sulle potenzialità del territorio, valorizzare le community (soprattutto social ) anche verso gli sponsor. FOCUS /FINO AL 2016 PREVISTI RICAVI OLTRE IL TETTO RECORD DI UN MILIARDO Le Olimpiadi non conoscono crisi L'economia è in grave difficoltà in tutto il mondo ma lo sport olimpico non sembra conoscere la parola "crisi". Dopo gli ottimi risultati in termini di botteghini il Comitato olimpico internazionale ha annunciato che nel quadriennio i ricavi previsti dai top sponsor supereranno per la prima volta il tetto record di un miliardo di dollari grazie al clima favorevole delle ultime Olimpiadi (nel quadriennio erano quasi la metà, 663 milioni di dollari). E per il periodo il Cio ha già assicurato accordi con sette grandi aziende per 720 milioni. Attualmente ha intese con dieci top sponsor per le prossime Olimpiadi e ha fissato un limite massimo di 12 sponsor (il 2020 è anche il limite per i contratti). A conferma dell'appeal crescente dello sport arriva la notizia dell'accordo a "nove cifre" grazie al quale il marchio Longines sarà sponsor della Federazione Equestre Internazionale per altri 10 anni. L'azienda del gruppo Swatch metterà a disposizione della FEI, per tutte le 7 discipline di competenza, il suo know how nel campo delle tecnologie applicabili al multimediale, al cronometraggio e all'elaborazione dei dati dei servizi. ( f. t. )

13 26 gennaio 2013 Dalla Champions risultati positivi per il Chelsea La vittoria in Champions League nello stadio dell'allianz Arena del Bayern Monaco ha fruttato un risultato positivo sul terreno dei conti societari: è questa la fotografia del bilancio del Chelsea F.c., la società inglese che ha alzato appena 7 mesi fa in terra di Baviera la Coppa europea per club. Un utile pari a 1,7 milioni di euro. ( f. t. ) 13 SPONSOR IL FATTO nil CICLISTA ARMSTRONG GALLINA DALLE UOVA D ORO Quando il caso doping non rompe gli accordi Chi ottiene ritorni del 320%... Palazzi (StageUp) consiglia: Investire sul marketing nlance Armstrong, il ciclista americano al quale sono state revocate per doping le vittorie di sette Tour de Force Il mercato sponsorizzativo - commenta Giovanni Palazzi, presidente di StageUp - ha subito, nell ultimo quadriennio, una flessione più accentuata rispetto al mercato pubblicitario e anche nel 2013 prevediamo un'ulteriore discesa. Aggregare l offerta, puntare su progettualità e analisi dei ritorni, investire sul marketing sono strade percorribili per preparare un rilancio degli investimenti. (f.t.) Grazie alle sponsorizzazioni il ciclista Lance Armstrong ha accumulato un patrimonio di 125 milioni di dollari. Adesso che ha deciso di ammettere di essersi dopato per anni ci si potrebbe aspettare che i suoi sponsor pretendano la restituzione di quei soldi. Ma a loro non interessa che si associ il loro nome a fatti di doping. E un'inchiesta pubblicata su Il Sole 24 Ore e simultaneamente sul New York Times dimostra che la diffusione di quel fenomeno non è attribuibile solo ad atleti, allenatori, medici o direttori sportivi, ma anche a chi alimenta l'intero ingranaggio con i propri soldi, e cioè proprio gli sponsor. TV /SEGNALI DI CRESCITA. NEL 2015, PER STAGEUP, VARRÀ 50 MILIONI DI EURO In Italia il product placement stenta Da uno studio dell'us Postal Service risulta che tra il 2001 e il 2004 le Poste americane hanno speso 32,27 milioni di dollari per sponsorizzare il team di Armstrong, ricevendo benefici di immagine e marketing per 103,63 milioni. E, secondo l'avvocato di Lance, Tim Herman, chi ottiene un ritorno del 320% in quattro anni non ha motivo - o diritto - di lamentarsi. Gli sponsor non possono neppure dire che sono stati danneggiati dal sistema di doping con cui Armstrong è riuscito a vincere sette Tour de France. Nel rescindere i loro contratti con l'atleta hanno, infatti, rilasciato dichiarazioni di netta condanna dell'uso di sostanze dopanti che li hanno fatti apparire "paladini dell'onestà nello sport". La reazione del principale sponsor di Alex Schwazer (squalificato dal Coni per essere risultato positivo all'epo), Ferrero, non si fece attendere. La società dichiarò "il dispiacere dal punto di vista umano per quanto accaduto a Schwazer, un ragazzo semplice che, compiendo un atto molto grave e antisportivo, ha buttato via una carriera di impegno e fatica". Fino alla presa di distanza: "Il suo contratto con Ferrero era in scadenza dopo le Olimpiadi di Londra 2012 e, ovviamente, non verrà rinnovato". ( f. t.) Nel 2015 il mercato del product placement televisivo italiano varrà 50 milioni di euro secondo StageUp. Lo strumento di comunicazione stenta a decollare nel nostro Paese anche a causa della crisi del mercato pubblicitario. Tuttavia, nel prossimo triennio, il product placement televisivo potrà rappresentare una svolta nell advertising del piccolo schermo raccogliendo investimenti in linea con quanto stimato per Gran Bretagna (45 milioni di euro) e Germania (50 milioni di euro), ma un po meno di quanto previsto per la Francia (72 milioni di euro). Il product placement televisivo - commenta Giovanni Palazzi - per le sue peculiarità si avvicina molto alle caratteristiche della pubblicità sul web, un mercato che da diversi anni cresce a doppia cifra. Riteniamo dunque che il mezzo, già ampiamente sviluppato negli Stati Uniti con un valore di 2,7 miliardi di dollari l anno, abbia grandi potenzialità di crescita anche in Italia". ( f. t. )

14 14 26 gennaio 2013 Quorum Italia - Photo: James Steidl - NaDi Più forti della Paura Più forti della Paura SOLO NELLE MIGLIORI LIBRERIE Più forti della Paura Vito CoVelli Dionisio CiCCarese a colloquio con Più forti della Paura Vito CoVelli Dionisio CiCCareseCCarese a colloquio con Più forti della Paura crescita, hanno un influenza che porta ad accrescere la paura, anzi le paure. nostri comportamenti, l organizzazione delle aziende e della pubblica ammini strazione, la morfologia delle città, il web, l impatto dell agenda mediatica, il mondo della scuola e dell contribuire a renderci più forti della pau ra garantendoci quell obiettivo di serenità che l essere umano auspica di raggiunge re. il nostro è un percorso tra paure reali e fittizie e sul convincimento che l unico modo per liberarsi delle fobie è quella di affrontarle con l aiuto della comunicazio ne e di persone competenti. Più forti della Paura la paura ci sta accanto da sempre. mo vagito sancisce l impatto con il nuovo mondo, sconosciuto e misterioso negli odori, nei colori, nei suoni. Comincia così la nostra convivenza con la paura. molo subito: non c è nulla di patologico in questo. Semplicemente, è la vita. tavia lo sviluppo dell essere umano, il suo accumulo di esperienze, il contesto della crescita, hanno un influenza che porta ad accrescere la paura, anzi le paure. nostri comportamenti, l organizzazione delle aziende e della pubblica ammini strazione, la morfologia delle città, il web, l impatto dell agenda mediatica, il mondo della scuola e dell contribuire a renderci più forti della pau ra garantendoci quell obiettivo di serenità che l essere umano auspica di raggiunge re. il nostro è un percorso tra paure reali e fittizie e sul convincimento che l unico modo per liberarsi delle fobie è quella di affrontarle con l aiuto della comunicazio ne e di persone competenti. Vito CoVelli Dionisio CiCCarese a colloquio con Più forti della Paura Più forti della Paura Più forti della Paura Vito CoVelli Dionisio CiCCarese Più forti della Paura Vito CoVelli Dionisio CiCCarese a colloquio con a colloquio con Più forti della Paura accumulo di esperienze, il contesto della crescita, hanno un influenza che porta ad accrescere la paura, anzi le paure. nostri comportamenti, l organizzazione delle aziende e della pubblica ammini strazione, la morfologia delle città, il web, l impatto dell agenda mediatica, il mondo della scuola e dell contribuire a renderci più forti della pau ra garantendoci quell obiettivo di serenità che l essere umano auspica di raggiunge re. il nostro è un percorso tra paure reali e fittizie e sul convincimento che l unico modo per liberarsi delle fobie è quella di affrontarle con l aiuto della comunicazio ne e di persone competenti. la paura ci sta accanto da sempre. mo vagito sancisce l impatto con il nuovo mondo, sconosciuto e misterioso negli odori, nei colori, nei suoni. Comincia così la nostra convivenza con la paura. molo subito: non c è nulla di patologico in questo. Semplicemente, è la vita. tavia lo sviluppo dell essere umano, il suo accumulo di esperienze, il contesto della crescita, hanno un influenza che porta ad accrescere la paura, anzi le paure. nostri comportamenti, l organizzazione delle aziende e della pubblica ammini strazione, la morfologia delle città, il web, l impatto dell agenda mediatica, il mondo della scuola e dell contribuire a renderci più forti della pau ra garantendoci quell obiettivo di serenità che l essere umano auspica di raggiunge re. Più forti della Paura Vito CoVelli Dionisio CiCCarese a colloquio con PIÙ FORTI DELLA PAURA VITO COVELLI a colloquio con DIONISIO CICCARESE

15 26 gennaio 2013 Giuliano Guerriero, 24 anni di Bari, ha conseguito la Laurea Magistrale in Marketing con votazione finale di 110 e lode e ha maturato esperienze come Marketing officer in una struttura alberghiera, nella gestione e organizzazione di eventi artistici e come cooperatore in una società di ricambi auto. curriculum latesisulgiornale In questa pagina, dedicata alle Università di Puglia e Basilicata, pubblichiamo le migliori tesi sui temi economici allo scopo di far conoscere al mondo imprenditoriale le energie più vivaci dei giovani 15 UNIVERSITÀ MARKETING nil VALORE DEI BRAND, L'USO DEL WEB E IL CASO "FRATELLI LA BUFALA" Così l'effetto Prisma "plasma" la percezione del made in Italy ngiuliano GUERRIERO Parlare di made in Italy è riduttivo, poiché affonda le sue radici nei distretti industriali, grazie ai quali l etichettatura italiana ha raggiunto i massimi livelli nei seguenti settori: abbigliamento-moda, arredo-casa, automazione-meccanica, alimentari-bevande. Made in Italy è il terzo marchio più conosciuto al mondo dopo Visa e Coca Cola. Spesso viene spontaneo un collegamento psicologico per alcune classi merceologiche come: pasta, pizza, mozzarella, caffè, prosciutto di Parma, moto di piccola cilindrata (vespa, lambretta), arance rosse di Sicilia. Questi si identificano nella mente del consumatore come prodotti esclusivamente italiani. Difatti l immagine del "made in" è spesso influenzata da quella che è la percezione del brand. Nel marketing le percezioni sono più importanti della realtà, perché influenzano il comportamento d acquisto dei consumatori, abbracciando tutti i campi. Il giudizio di una situazione dipende dalla percezione che ne abbiamo. Le percezioni sono diverse da soggetto a soggetto anche nella stessa situazione, ciò che percepisce un soggetto può essere uguale, diverso o opposto rispetto a quanto percepito da un altro. Per essere percepiti in modo positivo l azienda deve far capire i propri valori in modo corretto ed essere coerente nel rapporto qualità/ prezzo. Il concetto di qualità risiede nella mente dei consumatori ed ognuno di essi ha una propria personale percezione della qualità. Il prezzo: è l elemento che viene percepito e valutato immediatamente dal consumatore che può influenzare la percezione qualitativa. Persone diverse possono avere percezioni diverse dello stesso oggetto a seguito di tre processi percettivi: l attenzione selettiva, distorsione selettiva e la ritenzione selettiva. Le percezioni del cliente determinano spesso il cosiddetto effetto prisma. L effetto prisma viene chiamato così perché come un diamante con varie sfaccettature riesce a plasmare la percezione delle cose; questo avviene nel marketing soprattutto quando parliamo del cosiddetto "made in" poiché molte volte il cliente non acquista il bene per sé ma per quello che il bene trasmette, ricorda o suscita. Parliamo di effetto prisma perché questo può essere di vari tipi: 1. Trasparente perché il prodotto ha la stessa percezione sia nel paese di origine che in altri; 2. Deformante perché il prodotto viene percepito diversamente ed utilizzato in maniera differente dal paese di origine; 3. Amplificante perché aumenta la propria visibilità e percezione del valore rispetto al paese di origine. Un caso molto interessante è il caso delle scarpe Timberland, utilizzate negli USA per sentieri tortuosi ed escursione, mentre, in Italia è diventata una scarpa di tendenza con un prezzo notevolmente più alto. 4. Riducente, situazione completamente opposta all amplificante, dato che il livello di percezione è più basso rispetto al paese di origine, questo dovuto agli standard troppo alti dei consumatori esteri ed alla mancata comunicazione illustrativa della società stessa. L effetto prisma plasma indirettamente la valutazione del brand, condizionando le strategie delle imprese che adattano i loro l Università Università degli studi di Bari Aldo Moro, Facoltà di Economia, corso di laurea magistrale in Marketing docente relatore: Mario Scicutella materia: Marketing Internazionale prodotti o servizi al mercato di riferimento. Un esempio dell effetto prisma è rappresentato dall impresa Fratelli La Bufala, nota catena ristorativa, la quale rappresenta il mio oggetto di studio, poiché identifica il made in Italy nel mondo. Quest ultima in dieci anni è cresciuta esponenzialmente in Italia e si sta espandendo in campo internazionale, con recenti aperture nelle città di maggiore rilievo come New York, Miami, Istanbul, Berlino, Bruxelles, Madrid, Londra, Barcellona. La sede di Londra è stata personalmente analizzata per comprendere l inserimento di questo tipo di format in un mercato così vario, dove ho riscontrato giudizi differenti da parte delle diverse etnie a riguardo della cucina tipica italiana; questo studio è stato effettuato con un ottica di marketing internazionale analizzando gli aspetti psico-percettivi in un contesto fortemente concorrenziale; per verificare se questi stessi fattori possano essere compatibili anche in altre capitali mondiali. Da tale analisi si sono riscontrati effetti amplificati non solo per la clientela estera, la quale percepisce il marchio nel 98% di alta qualità, ma anche per gli stessi italiani, che si sentono rassicurati dai prodotti/servizi d origine del proprio paese. Il valore percepito dal cliente è alto dato che il livello qualitativo dei prodotti supera le aspettative e il prezzo paragonato con la concorrenza risulta medio, questo fa sì che la società "Fratelli la Bufala" possa essere competitiva su tutti i fronti e registrare miglioramenti costanti. In tutto lo studio effettuato ho potuto comprendere una cosa: il made in Italy può aiutare nella prima fase d acquisto e scelta, all interno della quale l effetto prisma è al massimo della percezione; in un secondo momento bisogna mantenere un rapporto di contatto forte, la così detta customer relationship management, quasi coccolando il cliente, propensione tipica e allo stesso tempo pratica dell i m- prenditore italiano, ma rispetto al resto del mondo, sottovalutiamo la chiave web. In un era di forte standardizzazione dovuta alla globalizzazione, alla produzione di massa e low cost cinese, l unico modo per combattere la crisi è andare sempre più incontro alle esigenze del cliente/consumatore, perché oltre ad avere delle grandi aspettative nei confronti dalla produzione made in Italy, il cliente consumatore cerca l UNIQUE. Solo con un i n t e g r a- zione dei sistemi web sarà possibile combattere la crisi e avere un rapporto completo con il cliente, dalla fase di ideazione del prodotto fino ad arrivare al post acquisto. Queste tecniche come ho potuto analizzare all interno dei distretti industriali e nel mio caso di studio, sono poste in secondo piano, perché ci si sofferma, in particolar modo, sulla qualità del prodotto-servizio, sottovalutando le frontiere di contatto che si possono raggiungere con il web. Sotto un profilo culturale i Paesi nordici ed europei, non strettamente latini, seguono di più le evoluzioni del web, impiegando più tempo in navigazione on line; proprio per questo motivo le imprese non analizzando questo aspetto comunicativo e di contatto, perdono una grossa quota di mercato, perché solo migliorando l export possono migliorare la situazione attuale.

16 16 26 gennaio 2013 News da Territorio e Imprese I taxi "ibridi" di Londra prodotti nell'om di Bari PUGLIA "Temporary Expert for Export : sostegno alle imprese in Cdc B A S I L I C ATA Piano Città: Potenza e Matera progetti per 67 milioni di euro I taxi londinesi, fino ad ora prodotti in Gran Bretagna, saranno in futuro prodotti "Made in Puglia e più precisamente Made in Bari e saranno realizzati nell'ex stabilimento "OM" di Modugno, che ha ricevuto dalla municipalità di Londra una commessa per più di 10mila "cabs" a motorizzazione ibrida in 15 anni, con una produzione che salirà a auto nel 2015 e a 3 mila nel L azienda pugliese dal 2011 è protagonista di un contenzioso tra i sindacati e la multinazionale tedesca Kion, proprietaria dello stabilimento, che voleva trasferire la produzione nella Germania settentrionale. Con la nuova commessa saranno salvi i 270 lavoratori ora in cassa integrazione. Riconoscimento internazionale per il professor Marco Liserre Il professor Marco Liserre, docente di ingegneria al Politecnico di Bari, è stato nominato IEEE Fellow, ottenendo il più importante riconoscimento internazionale nel campo dell ingegneria elettrica ed elettronica dalla più grande associazione mondiale di settore, IEEE (The Institute of Electrical and Electronics Engineers). Marco Liserre ha svolto un ampia ricerca nel campo dei sistemi e apparecchiature di conversione statica dell energia elettrica, che utilizzano componenti semiconduttori di potenza, e internazionalmente noto col nome di elettronica di potenza. Tali sistemi consentono l alimentazione e il controllo delle più svariate apparecchiature elettriche ed elettroniche, nei settori dell automazione industriale, della trazione elettrica, degli impianti civili, dei PC e nel campo della generazione di energia tramite fonti rinnovabili. In quest ultima applicazione Marco Liserre ha contribuito all abbattimento di alcune delle barriere tecnologiche che rendevano difficile la connessione alla rete elettrica dei sistemi di produzione di energia basati sulle fonti rinnovabili, quali l eolico e il fotovoltaico. E in corso da martedì scorso, 22 gennaio, l iniziativa Temporary Expert for Export, a cura di Unioncamere Puglia e Camera di Commercio di Bari, per offrire alle PMI del territorio un supporto nella risoluzione di problemi che si possono incontrare nella fase di start up o nella gestione di rapporti con la clientela internazionale. Contrattualistica internazionale e proprietà intellettuale, legislazione alimentare, fiscalità internazionale e garanzia del credito sono le aree di consulenza fornite gratuitamente alle PMI del territorio da parte di selezionati esperti, nelle giornate seminariali su specifiche tematiche, in corso nella sede della Camera di Commercio, fino al 29 gennaio, dedicate alle PMI pugliesi che intendono sperimentare nuovi mercati ma spesso si arrendono perché non conoscono le procedure e le norme e temono di sbagliare. E possibile inoltre, per le imprese interessate, ricevere gratuitamente consulenza on line, attraverso il sito nella sezione Te m p o r a r y Expert for Export : a registrazione è possibile inviare un quesito e ricevere un parere da parte dell esperto. Granoro e Factory del Gusto: Ripartiamo dalla pasta E stato presentato a Trani, nel Penitenziario Femminile di Trani, Ripartiamo dalla Pasta, progetto di riqualificazione sociale per le detenute che ha per oggetto la pasta, curato dal Pastificio Granoro e dalla Factory del Gusto, scuola di cucina barese, con sede a Molfetta. Il progetto avrà la finalità di formare le detenute sul processo di lavorazione industriale della pasta secca di semola di grano duro nell ottica finale di far comprendere le caratteristiche intrinseche del prodotto per una migliore rielaborazione dello stesso nel momento della sua preparazione. La Basilicata riceverà dal Piano Nazionale Citta''', il progetto del ministero delle Infrastrutture per la riqualificazione delle aree urbane degradate, che unisce i finanziamenti pubblici a quelli privati, circa 67 milioni di euro, di cui 50,6 milioni per il quartiere Bucaletto di Potenza e 17,3 milioni per il borgo La Martella di Matera. Potenza e Matera sono tra i 28 Comuni che hanno superato la selezione del Ministero, su 457 proposte inviate da tutte le regioni: complessivamente l'intervento in tutto il Paese sara' di 4,4 miliardi di euro, di cui 318 milioni di cofinanziamento nazionale. Quest'ultimo, per i progetti lucani, sara' di 12,3 milioni di euro per Potenza, per la realizzazione di 360 alloggi di edilizia sociale accanto alla riqualificazione dell'area, e 8,4 milioni di euro per Matera. I fondi, invece, a Matera saranno utilizzati per interventi sul plesso scolastico di via Bramante, per progetti di edilizia sociale e per la realizzazione di un polo ambulatoriale, oltre al verde pubblico e a iniziative di ''bike e car sharing''. Provincia di Matera: on line il bando Ngg È stato pubblicato sul sito il bando di concorso relativo al progetto New Green Generation. Presentato dalla Provincia di Materae da un partenariato composto dalla Province di Foggia e Ascoli Piceno, dal Comune di Matera, dal Comune di Montescaglioso, dal Comune di Montalbano Jonico e dall Agenzia per l Ambiente APEA, il progetto, finanziato dal Programma Azione ProvincEgiovani, si prefigge di favorire la crescita della consapevolezza del rispetto dell ambiente nei giovani attraverso la partecipazione degli stessi ad attività progettuali. il tuo settimanale economico di fiducia su carta e i ad scarica l applicazione gratuita da itunes Quorum Italia

17 26 gennaio 2013 di Vito RAIMONDO diciamolatutta 17 FATTI & PAROLE nla CAMPAGNA ELETTORALE DIVAMPA Le comiche politiche e quei politici comici Lo Stato non è di parola e non paga nil premier Mario Monti Il credito alle imprese, nel 2012, è calato del 5%. In parte, perché le aziende investono meno, molto perché le banche si ritraggono (per paura). Ma c'è una modalità per migliorare la liquidità di gran parte delle imprese: ridurre i debiti della Pubblica Amministrazione nei confronti dei fornitori di beni e servizi. Il Governo Monti aveva promesso di saldarli entro 2 anni, a partire dal Un bluff: sono stati saldati 1 mld e 700 mln di debiti commerciali che continuano a crescere per colpa dei tagli alla spesa pubblica per cui gli enti pagano stipendi e servizi urgenti, non i fornitori di merci. Il caso più eclatante è quello della sanità in cui si concentrano i due terzi del debito commerciale. Monti e Passera nascondano la faccia, se ci riescono. Si vergognino. Sono dei liberali all'acqua di rosa, come i soliti noti Berlusconi, Tremonti e compagnia bella, loro antesignani. Il Pdl, nei sondaggi, ha raggiunto il M5S. Silvio Berlusconi, invece, ha addirittura superato l'altro leader, Beppe Grillo, anche sul piano professionale: la comicità! Gli show del Cavaliere si susseguono a più non posso e fanno davvero concorrenza alle sceneggiate di Beppe in quella TV che, pure (e non perde occasione per dirlo), il comico vero tanto odia... Dopo la grottesca pulitura della sedia su cui si era seduto il giornalista Marco Travaglio ( suo ex dipendente!) a Servizio Pubblico (sembrava un gag del miglior Totò) a La7, S. B. ha dato una cartella in testa Marco Damilano (giornalista del settimanale L'Espresso ), sganasciandosi dalle risate, coro compreso. L'imitazione di Alberto Sordi è stata perfetta. Il Municipio di Bari si trasferisca in periferia! Il Direzionale di Bari si può salvare afferma il Sindaco di Bari, Emiliano. L'ultramoderna struttura è venuta meno al suo obiettivo: essere il simbolo della rinascita delle periferie. Ma il progetto non ha funzionato. Soprattutto la galleria commerciale. Ora, Emiliano vuole rivedere la strategia, trasferendo al quartiere San Paolo gli assessorati all'urbanistica e ai Lavori Pubblici: i rispettivi titolari (Sannicandro e Lacarra) sarebbero disponibili a trasferirsi Berlusconi in TV supera Grillo imitando comici del passato... Infine, incontrando l'ex procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia, sempre in Tv, gli ha offerto i polsi (mimando l inequivocabile segno delle manette) e, anche lì, le risate degli astanti si sono sprecate. Un amarcord dei famosi fratelli De Rege ( impersonati, anni dopo, da Walter Chiari e Carlo Campanili). Se questi vi sembrano governanti (decenti) (Nella foro accanto l ex premier Silvio Belusconi) nil sindaco di Bari Michele Emiliano nel quartiere. Bene. Ma perché - tanto trenta, tanto trentuno!- non traslocare tutto il Municipio, abbandonando quel palazzo fatiscente (che si potrebbe vendere!) così anche consiglieri, assessori e dipendenti non avrebbero, tra l'altro, quei problemi di parcheggio su cui, proprio in questi giorni, sta divampando un'antipatica polemica? Il fervido Emiliano si dia da fare. Convochi subito una conferenza dei servizi. E si faccia presto. Per il bene del centro murattiano (intasato) e della periferia a Nord della città. Studenti Erasmus trattati come esodati nla campagna per sostenere il voto Dall'estero, possono votare per il Parlamento italiano gli emigrati, i militari, gli appartenenti alle Forze dell'ordine in missione, ma non gli studenti Erasmus (studenti europei!). Questo è uno degli esiti deteriori della legge che fu varata anni fa. A 25mila giovani viene precluso un diritto costituzionale basilare. Un'altra beffa per loro, già tartassati da altre vicende esistenziali. Ma cosa ci vuole - Governo dei tecnici! - a varare un provvedimento per cui tanti ragazzi che studiano all'estero possano votare presso le nostre Ambasciate con tanto di certificato elettorale (di cui sono in possesso) e passaporto alla mano? La cosa buffa è che se gli studenti si trovassero fuori con i genitori potrebbero esercitare il loro diritto. Essendo soli, no!. Sembra una burla, invece ciò accade nella settima potenza (de che?) mondiale! Intanto, gli studenti (anche loro esodati!) che protestano si accontentino di una pannicello caldo: la riduzione del costo del biglietto aereo da parte di Alitalia. Non vi offendo, perchè non vi ho insultato, ma vi ho descritto Indro Montanelli il tuo quotidiano gratuito su carta e i ad Quorum Italia scarica l applicazione gratuita da itunes

18 ITINER ARI 18 Diciassette varietà eccellenti ma non piacevano a Virgilio Tuvagliedda, Panzaredda, Ciuto, Verdolino, Cannellino rampicante, Tabaccino, Mussieddo, Nasteddo... non sono che alcune delle diciassette varietà di fagioli IGP (Indicazione geografica protetta) che si coltivano a Sarconi in Val d'agri (Pz). Un legume, eccellente, che invece Virgilio, guida e maestro di Dante, definì nelle Georgiche, vile. Proprio così: vile. E Sant'Isidoro di Siviglia, dotto padre della Chiesa, rincarò la dose scrivendo: "Faseolus vile genus leguminis, quid omne abundat vile est", vile genere di legume, ogni cosa che tocca è vile. 26 gennaio 2013 La patria del fagiolo nvittorio STAGNANI ASarconi, allora, per una coltura-cultura sempre più affermata in Val d'agri, un itinerario gastronomico e paesaggistico che permetterà ai curiosi viaggiatori di gustare fagioli in zuppa, oppure nella pizza, con funghi porcini, con le cozze, con le patate, con la lucanica, ovvero la salsiccia, con la pasta fatta in casa, con cicoria e cotica, alla nizzarda, con le lagane e in calzone. Il tutto condito con olio d'oliva, tanto peperoncino piccante come si usa in Lucania, e innaffiato con vino rosso locale. Di quello fatto con i piedi precisano a Sarconi e perciò ottimo. Per finire gelato al fagiolo. Pietanze da gustare in otto tra ristoranti, alberghi, agriturismo e bar del contado. Oppure da Paola de la Ville sur Illon di Per Boschi e Contrade dove con i fagioli fanno persino la marmellata. La produzione del fagiolo a Sarconi c'è sempre stata, ma organizzata su piccoli appezzamenti di terreno e con scarso rendimento, poi la coltura è stata specializzata, resa intensiva con sistemi irrigui più moderni e ha dato così grandi risultati da giustificare per il vil fagiolo, persino una meritata sagra, ad agosto. Sarconi, a 663 metri è abitata da 1400 anime, si trova a breve distanza dal lago Pertusillo e si crogiola incastonata nella catena dei maestosi Sirino, Papa e Raparo, aria saluberrima, boschi di farnie, cerri, querce e due fiumi lo Sciaura e il Maglia, ricorda Gerado Tampone, che di Sarconi sa vita, morte, miracoli e... fagioli. Il Centro Storico è caratterizzato da casette nella tipica architettura rurale e con i balconi di ferro battuto. Nel Pertusillo si pescano trote, carpe e lucci e, con una comoda, quanto ardita seggiovia, si può raggiungere la cima del Sirino: 2000 metri. Per questo, per tutto questo Sarconi deve il suo nome al latino Sarculum, luogo pieno di macchia e aperto a coltura... di fagioli. Da vedere a Sarconi: il Centro Storico, le chiese di S.M.Assunta, di Santa Lucia, di S. Antonio, l'acquedotto Cavour. A Sarconi si arriva da Nord dalla A3 Sa-Rc uscita consigliata Atena Lucana, di qui percorrendo la SS 598 in un raggio di 100 chilometri s'incontrano gli svincoli di tutti i paesi della Val d'agri. Da Sud est: SS jonica 106, imboccare la fondo Val d'agri SS 598 all'altezza di Policoro. LA LEGGENDA /SECONDO ALCUNE RICOSTRUZIONI FU IL NAVIGATORE GENOVESE A PORTARLKI IN EUROPA Tutto merito di Cristoforo Colombo? Il fagiolo che conoscevano gli Egiziani, i Romani e i Greci non era lo stesso che coltiviamo oggi : quello che conosciamo oggi è oriundo del Nuovo Mondo e più in particolare dal Messico e dal Pe r ù. Secondo la leggenda a portarli in Europa fu Cristoforo Colombo assieme a piantine di mais, di patate e di altre essenze che poi sono diventate fondamentali nella alimentazione mediterranea. In Italia le prime coltivazioni di fagioli a Lamon, nel Bellunese, risalgono al Nel 533 Alessandro de' Medici regalò fagioli alla sorella Caterina prossima a sposarsi con Enrico II di Francia. Una ricetta per un piatto corroborante e calorico anche in considerazione del freddo che ancora ci attanaglia: grano e fagioli in zuppa con ventresca e lardo. Servono per quattro commensali 150 grammi di grano, 150 di fagioli cannellini o borlotti a secondo i gusti, una carota piccola, una costa di sedano, uno o due spicchi d'aglio, tre quattro pomodorini qualche fettina di lardo e di pancetta non affumicata. Il massimo sarebbe avere un paparule crusk, ovvero peperone secco di Senise da sbriciolare nella zuppa. Lasciare in ammollo per una notte il grano e i fagioli con una foglia d'alloro in una pentola di terracotta. Cuocere a fuoco lento, dopo aver tolto l'alloro, con gli odori, i pomodori, l'aglio e un dado e mezzo di brodo vegetale. Quando tutto sarà ben cotto togliere gli odori e passarli assieme a un cucchiaio di fagioli e grano al passaverdura. Otterrete una salsina da soffriggere in un po' d'olio in un padellino assieme alla pancetta, al lardo e due dita di vino bianco. Versare questo condimento nella pentola, mescolare bene e servire la zuppa ben calda assieme a crostini di pane fritto. Una croce d'olio santo ed ecco un piatto squisito. Se si preferisce che la pietanza sia meno grassa non usare la pancetta e il lardo. Vino consigliato: un primitivo robusto. IL CONSIGLIO L'agriturismo ideale "Per boschi e contrade" Azienda Per boschi e contrade, Paola de la Ville Sur Illon tel e fax: 0975\ L'agriturismo si trova tra le anse dei fiumi Maglie e Val d'agri nelle cui acque sono state segnalate le ultime lontre europee. Visite alle rovine romane di Grumentum, al museo del lupo del WWF tra i boschi di Viggiano. Consigliate anche escursioni a Moliterno (famoso il suo pecorino) e al lago Pertusillo che ospita molti uccelli acquatici.

19 26 gennaio 2013 Al Giovanni XXIII di Bari Fisiocare per emofilici Il progetto Fisiocare (patrocinio PfizerItalia e Federazione Associazioni Emofilici) rende disponibile gratis, nel Centro Emofilia del Giovanni XXIII di Bari, il servizio - unico in Italia - che fa del movimento, insegnato da fisioterapisti specializzati ad hoc, terapia preventiva per emofilici la cui cura costa 500 mln di euro al SSN. Con fisioterapia e fattore di coagulazione carente, prevenibili (risparmio economico) i danni muscoloscheletrici degli emofilici. 19 SANITÀ MONOPOLI nefficienza ED EFFICACIA DAL MODELLO SPERIMENTATO DELL UNITÀ PUGLIESE Ricoverato a casa come in ospedale nnicola SIMONETTI Essere ricoverato in una struttura di degenza (hospice) e, invece, starsene a casa. Detto così, sembrerebbe una truffa ma invece è un servizio al malato con garanzie sanitarie, legali e risparmio di risorse pubbliche. Il sistema funziona così: su segnalazione del medico di famiglia, l'unità operativa dell'hospice visita a casa il malato e, se rileva idoneità di condizione, abitazione, familiari/badanti, dispone che egli risulti ricoverato n e l l ' U- nità Operativa di cure palliative pur rimanendo nella propria casa. Egli - dice il responsabile del servizio a Monopoli, dr Antonio Conversano - riceverà ogni opportuna assistenza, reperibilità, medica, infermieristica, notturna, festiva, sostegno psicologico quando necessario e fornitura gratuita dei farmaci. Il trasferimento nell'hospice avviene solo per un breve periodo, per motivi clinici o disagio familiare. Tra le prestazioni, spicca il servizio di bagno-doccia a domicilio, unico in Italia. Il paziente, pur restando nel proprio letto, grazie ad apposito macchinario, sono lavati completamente da operatori socio sanitari adeguatamente formati. Il modello organizzativo permette ai pazienti di essere seguiti direttamente a casa da un'équipe di 11 medici, 22 infermieri e 3 psicologi, Con questo modello di cure palliative vengono tagliati notevolmente anche i costi delle Asl: una giornata di degenza media in ospedale costa euro, una giornata di degenza nell'unità operativa di cure palliative, complessivamente tra hospice e domicilio, costa circa 100 euro. Risparmio, inoltre, per i farmaci i quali, con questa iniziativa, ritirati direttamente dalla farmacia distrettuale Asl, realizzano risparmio di almeno il 50%. Nel 2012 la struttura ha assistito 633 malati, residenti nei 12 Comuni coinvolti, con una popolazione di circa 250 mila abitanti. Ogni anno, pugliesi sono colpiti da tumore; di loro, vivono in stadio avanzato della malattia; solo 6/7 mila, però, riescono ad avere una qualche forma di assistenza. LA LEGGE DISATTESA /MANCANO GLI SPAZI ADEGUATI PER CONSENTIRE L AT TIVITÀ L intramoenia è rimasta sulla carta Attività intramoenia, esercizio della professione medica all'interno di strutture ospedaliere, consentito ai medici dipendenti e da svolgere in locali dedicati nelle strutture pubbliche, ma che, stabilita dalla Riforma Sanitaria 1999 e regolata da legge 120/2007, non è fatto compiuto per mancato reperimento di spazi idonei. Quindi, l'attività, opzionata dal 95% dei medici ospedalieri, è, nel 50% dei casi, eseguita negli studi-ambulatori dei singoli i quali sono obbligati a darne conto alla struttura da cui dipendono, versando la quota-parte dell'onorario stabilita. Le Regioni, dopo rinvii e proroghe, avrebbero dovuto rendere disponibili i locali entro il 31 dicembre 2012, cosa, nel complesso, non ancora attuata. Il ministro Balduzzi stabilisce, ora, giugno 2013 per regolarizzare ed osservare legge e regolamenti. Nel 2010, per fruire di questa scelta (visite, ricoveri, interventi), i pazienti hanno speso 1,130 mld euro di cui 1, 055 mld per onorario medico e 74,1 mln nelle casse di ospedali e Asl. Dai 931 mln euro del 2004 si è passati a 1,19 mld del 2007, e la quota-parte sborsata da ogni cittadino è cresciuta di 4 euro, quella fruita dal personale da 815,6 a 999,6 mln, e la quota spettante ad asl e ospedali da 115,6 a 196,7 mln euro. Ma, dal 2007 (legge 120) si registra un crescita modulata della spesa dei cittadini: mld di euro nel 2008; 1,131 nel 2009 e 1,129 nel Incassi del servizio pubblico: 196 mln nel 2007; 59,4 nel 2008, 66,3 mln nel 2009 e 74,1 nel Quote percepite dal personale sanitario: 1,061 mld nel 2008; 1,055 nel Dopo lo stop ministeriale: per il segretario di Anaao Assomed, Troise, da verificare prima disponibilità, in ospedali, di spazi, orari dignitosi per cittadini e medici, tecnologia necessaria, adeguata organizzazione di supporto''. Per Cozza (Cgil medici), darà più trasparenza, specie per le liste d'attesa. I medici potranno continuare ad operare negli stessi ospedali, migliorando la qualità del lavoro senza impegnare ulteriori risorse e le aziende sanitarie ricavare più utili economici. LECCE Artrite reumatoide terapia domiciliare Il programma SuSTAin (responsabile prof. Maurizio Muratore, primario reumatologo Ospedale S. Cesareo Lecce) consente ai pugliesi con artrite reumatoide (costo/anno 3 mild di euro per l'italia) di ricevere, fuori ospedale, la terapia infusionale con abatacept. Già offerta, a 15 pazienti (dichiaratisi soddisfatti), la terapia presso Centro specializzato facilmente raggiungibile dalle loro abitazioni e controlli sanitari riservati a strutture di provenienza.

20 20 26 gennaio 2013 SERENA - CUORE GRUPPO ASSISTENZA Assistenza all anziano e al disabile 24 ore su 24 compreso i festivi Assistenza domiciliare Via Amendola 174/A Bari tel fax Assistenza residenziale Villa Maria Martina R.S.S.A. Casa di riposo via Vecchia per Ceglie Valenzano (Ba) tel fax le nostre sedi: Foggia, Taranto, Andria, Torino, Vicenza, Napoli, Trani, Caserta, Pescara seguiteci su: VILLA MARIA MARTINA R.S.S.A

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010. agosto 2009

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010. agosto 2009 IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010 agosto 2009 Sommario 2 Introduzione Analisi dei bacini d utenza L interesse per la Serie A Le sponsorizzazioni Le scommesse Introduzione - LA STAGIONE

Dettagli

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010 IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011 agosto 2010 Sommario Introduzione.. pag. 3 Analisi del business pag. 5 Analisi dei bacini d utenza pag. 16 2 Introduzione (1/2) La stagione di Serie

Dettagli

Le main sponsorship del calcio in Europa

Le main sponsorship del calcio in Europa Report speciale Le main sponsorship del calcio in Europa contenuto nell Annuario della Sponsorizzazione 2010 Sommario Introduzione pag.3 Investimenti medi per club pag.4 Ricavi per settore pag.5 Bundesliga

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica 1 Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione. Dieci anni dopo,

Dettagli

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE Il volume, edito dalla FIGC con la collaborazione di AREL e PwC, rappresenta la fotografia più aggiornata sullo stato del

Dettagli

Andamento generale e specificità della Sicilia

Andamento generale e specificità della Sicilia ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE ANALISI DEL MERCATO AUTOMOTIVE Andamento generale e specificità della Sicilia Mercato europeo La crisi del settore dell'auto continua senza sosta e si sta aggravando ulteriormente,

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

IMMATRICOLAZIONI AUTO EUROPA DICEMBRE 2007. 16 Gennaio 2008

IMMATRICOLAZIONI AUTO EUROPA DICEMBRE 2007. 16 Gennaio 2008 IMMATRICOLAZIONI AUTO EUROPA DICEMBRE 2007 16 Gennaio 2008 Milano, 17 Gennaio 2008 AGENZIE DI STAMPA ADNKRONOS Titolo: AUTO: ANFIA,in Europa a 28 immatricloazioni +1,1% nel 2007 Data: 16 gennaio 2008 AUTO:

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League Comunicato Stampa Deloitte: Il Real Madrid rimane in testa alla Football Money League, compatto il gruppo delle squadre italiane. AS Roma e Juventus fanno un passo avanti verso le prime posizioni. Sette

Dettagli

Annual Review of Football Finance 2015

Annual Review of Football Finance 2015 Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Dario Esposito Barabino & Partners Tel: +39 02 72023535 Mob: +39 380 7360733 Email: d.esposito@barabino.it

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

Bet Analytics The Social Betting Strategy

Bet Analytics The Social Betting Strategy Bet Analytics The Social Betting Strategy Antonino Marco Giardina Marzo 2012 Premessa Pronosticare i risultati di specifici eventi e puntare sugli stessi è alla base di tutte le scommesse sportive L esigenza

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA

IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA REGIONE BASILICATA UNIONCAMERE BASILICATA - CENTRO STUDI - OSSERVATORIO ECONOMICO REGIONALE IL CONSUNTIVO DEL TURISMO NELLA STAGIONE ESTIVA 2006 IN BASILICATA OTTOBRE 2006 UNA STAGIONE ESTIVA ALL INSEGNA

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

Furti auto: ogni giorno sulle strade italiane vengono rubati oltre 330 autoveicoli

Furti auto: ogni giorno sulle strade italiane vengono rubati oltre 330 autoveicoli Furti auto: ogni giorno sulle strade italiane vengono rubati oltre 330 autoveicoli Ogni giorno sulle strade italiane vengono rubati oltre 330 autoveicoli (ben 120.495 nell intero anno), 13,7 ogni ora.

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

I diritti televisivi strumento per cristallizzare la Serie A, a danno dei meriti sportivi?

I diritti televisivi strumento per cristallizzare la Serie A, a danno dei meriti sportivi? I diritti televisivi strumento per cristallizzare la Serie A, a danno dei meriti sportivi? 31/10/2014 tratto dal tifosobilanciato.it - Diego Tarì La simulazione della possibile distribuzione dei diritti

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Sempre meno auto private

Sempre meno auto private Sempre meno auto private La struttura del vede ancora un rilevante calo del segmento dei privati: le immatricolazioni in maggio sono scese del 10,7% a 81.121 unità, con una quota che perde altri due punti

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it

Emilio di Camillo Marzo 2011 http://www.centrostudisubalpino.it Osservatorio congiunturale del Mercato Europeo dell Auto. Fine anno 21. Dopo un 29 condizionato dalla spinta agli acquisti motivata dagli incentivi, il 21 ci ha fatto riavvicinare, almeno nel caso Italiano,

Dettagli

SARA CRISI PER SPORT E SPETTACOLO?

SARA CRISI PER SPORT E SPETTACOLO? SARA CRISI PER SPORT E SPETTACOLO? Giovanni Palazzi Presidente e Ad di StageUp Giornata degli Studi e delle Ricerche Parma, 28 marzo 2009 Chi è StageUp Descrizione StageUp opera nel mercato del leisure

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008

Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo. Bologna, 15 Maggio 2008 Sirio Tardella Direttore Servizio Statistico e Amministrativo Bologna, 15 Maggio 2008 Il mercato dell auto in Italia 5.500.000 5.000.000 4.500.000 4.000.000 3.500.000 3.000.000 2.500.000 2.000.000 1.500.000

Dettagli

Gli italiani trascorrono in media 1 ora e 27 minuti al giorno alla guida, a una velocità media di 30,7 km/h.

Gli italiani trascorrono in media 1 ora e 27 minuti al giorno alla guida, a una velocità media di 30,7 km/h. Bologna, 19 ottobre 2015 PRESENTATI I RISULTATI DELL OSSERVATORIO UNIPOLSAI SULLE ABITUDINI DI GUIDA DEGLI ITALIANI IN SEGUITO ALL ANALISI DEI DATI DELLE SCATOLE NERE INSTALLATE NELLE AUTOMOBILI Gli italiani

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Referendum costituzionale 2006

Referendum costituzionale 2006 Referendum costituzionale 2006 L Istituto Cattaneo di Bologna ha effettuato alcune elaborazioni dei risultati del voto dato nel in occasione del referendum costituzionale. Fra i risultati più importanti

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

Auto ultraventennali La mappa delle esenzioni del bollo

Auto ultraventennali La mappa delle esenzioni del bollo http://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2015/02/04/auto_ultraventennali_la_mappa_delle_esenzioni.html. 04/02/2015 Auto ultraventennali La mappa delle esenzioni del bollo A un mese e mezzo dall approvazione

Dettagli

Inter Roma - Inter. Lazio Inter - Lazio Roma Inter - Roma

Inter Roma - Inter. Lazio Inter - Lazio Roma Inter - Roma 5 Campionati di calcio di serie A Che cosa si impara nel capitolo 5 Si può vedere come è cambiato il gioco del calcio - partite vinte/perse/pareggiate e goal fatti/subiti attraverso la tabella a doppia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

per la stampa Münchener Rückversicherungs-Gesellschaft Monaco di Baviera, 9 maggio 2005

per la stampa Münchener Rückversicherungs-Gesellschaft Monaco di Baviera, 9 maggio 2005 versicherungs-gesellschaft Aktiengesellschaft in München per la stampa Ihr Ansprechpartner: Dipl.-Kfm. Rainer Küppers Leiter des Zentralbereichs Presse Königinstr. 107, 80802 München Briefanschrift: 80791

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il tifo calcistico.

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il tifo calcistico. OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e il tifo calcistico Il Gazzettino, 24052011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino Il sondaggio è stato condotto nei giorni

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO

IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO UBH MARKET REPORT IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE ITALIANO Primo Trimestre 2010 Aprile 2010 Sembra rallentare la tendenza alla discesa dei comuni non capoluogo, si rianima il mercato dei capoluoghi.

Dettagli

Indagine Gennaio 2016

Indagine Gennaio 2016 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Gennaio 2016 Dati rilevati nel mese di Dicembre 2015 Milano, 8 gennaio Comunicato

Dettagli

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE Inserto settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli QUOTE IL PRONOSTICO L ex centrocampista azzurro si augura però che la squadra di Mazzarri

Dettagli

Auto Ultraventennali - Mappa per le Esenzioni del BOLLO!

Auto Ultraventennali - Mappa per le Esenzioni del BOLLO! Auto Ultraventennali - Mappa per le Esenzioni del BOLLO! A un mese e mezzo dall approvazione della Legge di stabilità 2015, avvenuta il 23 dicembre 2014, non è ancora definita la situazione sulla tassa

Dettagli

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento evento Scaricato da Bologna, 26 ottobre 2007 www.largoconsumo.info IL BACINO DEI TIFOSI DELLA SERIE A 2 I TIFOSI DELLE SQUADRE DI SERIE A Oltre

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20

STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 STIMA DEI COSTI AGGREGATI PER L ITALIA DELL IMPEGNO 20-20-20 L analisi dei costi in relazione agli impegni previsti dalla decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007 è stata effettuata sulla base

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE

ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE ANALISI DELLE PENSIONI EROGATE DALL E.N.P.A.L.S PER GENERE ANNO 2002 Premessa L Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo (E.N.P.A.L.S.) è stato istituito con D.L.P.C.S.

Dettagli

IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009. Dati aggiornati al 26 Agosto 2008

IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009. Dati aggiornati al 26 Agosto 2008 IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009 2009 Dati aggiornati al 26 Agosto 2008 INDICE ARGOMENTI Introduzione Il Campionato delle metropoli Il giro d affari della Serie A in benchmark con gli altri campionati

Dettagli

Sintesi per la Stampa

Sintesi per la Stampa Il settore del noleggio veicoli 2011 2012 Sintesi per la Stampa IL NOLEGGIO VEICOLI NEL 2011 L industria del noleggio veicoli ha registrato negli ultimi anni un forte sviluppo che, nonostante la difficile

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

LA PIAGA DEI FURTI AUTO IN LOMBARDIA

LA PIAGA DEI FURTI AUTO IN LOMBARDIA LA PIAGA DEI FURTI AUTO IN LOMBARDIA Dati, analisi e tendenze sul fenomeno LoJack Italia - APRILE 2015 Fonte dati MINISTERO DELL INTERNO 1 Lombardia regina dei furti di SUV (allarme Range Rover). Rubati

Dettagli

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups

Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups Il Sentiment del mercato immobiliare e l Indice Fiups I Quadrimestre 2014 Roma, luglio 2014 I risultati del questionario per la rilevazione del Sentiment del mercato immobiliare Primo Quadrimestre 2014

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Emergenza credito anche per le libere professioni

Emergenza credito anche per le libere professioni Lunedì 18 marzo 2013 Emergenza credito anche per le libere professioni È allarmante il quadro economico delle professioni che è emerso nel corso del consiglio di amministrazione di Fidiprof Nord e di Fidiprof

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Terra e Gusto Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Crea, pesano Imu, embargo russo e mancanza liquidità Redazione ANSA ROMA 30 ottobre 201516:30 ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE - ROMA

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi.

1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016. Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. 1.330.600 autovetture immatricolate a maggio 2016 Il mercato delle autovetture cresce del 15,5% a maggio e del 9,7% nei primi cinque mesi. I Paesi dell Unione europea allargata e dell EFTA a maggio 2016

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Comunicato stampa. Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica Comunicato stampa A GIUGNO IL MERCATO ACCELERA NUOVAMENTE IL PASSO: +14,3% Anche grazie ai positivi effetti di calendario, la domanda di vetture cresce, dando una prima benefica spinta al processo di rinnovo

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010. settembre 2010

CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010. settembre 2010 CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010 settembre 2010 INTRODUZIONE (1/3) Nella stagione 2009/10, l UEFA ha distribuito 746,4 milioni di Euro ai club partecipanti alla

Dettagli

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015

CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 CONFESERCENTI Venerdì, 16 ottobre 2015 16/10/2015 Il Resto del Carlino promuove le misure «Ma fate di più per i... 1 16/10/2015 Il Resto del Carlino Pagina 29 Weekend

Dettagli

abstract Il sistema economico della provincia di Grosseto dopo la crisi

abstract Il sistema economico della provincia di Grosseto dopo la crisi abstract Il sistema economico della provincia di Grosseto dopo la crisi 1 Lo scenario e le prospettive di crescita dell economia italiana Dalla metà del 2008 ad oggi, l economia mondiale attraversa un

Dettagli

Turismo italiano: un'industria senza governo

Turismo italiano: un'industria senza governo Turismo italiano: un'industria senza governo «In Italia dichiara il Prof. Gian Maria Fara, Presidente dell Eurispes è tutto maledettamente più complicato che altrove, non solo perché siamo il paese leader

Dettagli

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA

LA RISCOSSA DEL VITA SPECIALE CLASSIFICA SPECIALE CLASSIFICA LA RISCOSSA DEL VITA Positivi il risultato complessivo d esercizio e la raccolta premi, ma sussistono diversità di performance tra rami danni e vita con un necessario ribilanciamento

Dettagli

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012 Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI Report 3 Trimestre 2012 Novembre 2012 INDICE Struttura dell Osservatorio nazionale sul credito per le PMI... Fonti... Executive Summary... Parte I... Analisi

Dettagli

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione:

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: PROFILE La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: La Kick Off Group nasce con la prospettiva di offrire al mercato il proprio know how, basandosi sull esperienza

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO

IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO TAVOLA ROTONDA IL MERCATO DELL AUTO OLTRE LA METÀ DEL GUADO Palazzo Altieri - Sede di rappresentanza del Banco Popolare Traccia dell introduzione di Gian Primo Quagliano, Presidente Centro Studi Promotor

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

La quotazione del petrolio ha superato i 66 dollari al barile, il doppio rispetto al record negativo registrato poco meno di sei mesi fa. Qualche giustificazione si può anche trovare: il dollaro è debole

Dettagli

Il successo degli Sms nella comunicazione ai clienti

Il successo degli Sms nella comunicazione ai clienti gennaio 2012 COVER STORY Il successo degli Sms nella comunicazione ai clienti La messaggistica si afferma come lo strumento più semplice ed efficace per la promozione di prodotti e servizi. Intervista

Dettagli