FINANCIAL REPORT - FEBBRAIO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINANCIAL REPORT - FEBBRAIO 2015"

Transcript

1 FINANCIAL REPORT - FEBBRAIO 2015 SINTESI DEL QUADRO MACROECONOMICO Lo scenario macroeconomico Notevoli miglioramenti negli USA, Europa ancora debole Migliorano negli Stati Uniti i dati sul mercato del lavoro, consumi e investimenti, quest'ultimi spiriti dal calo dei prezzi dei carburanti. La crescita nell area euro rimane estremamente modesta a causa degli elevati livelli oli disoccupazione e dei crescenti rischi deflazionistici. Si riducono quindi l attese perla ripresa de ciclo economico in tempi brevi. Il mercato azionario Mercati estremamente volatili La volatilità torna protagonista sugli indici europei, soprattutto per i "periferici" come l Italia. Gli indici risentono dei timori recessivi per effetto del calo del prezzo del petrolio e cui si aggiunge un rischio politico in Grecia. I listini tuttavia potrebbero essere supportati da un probabile quantitative easing (QE) da parte della BCE. Il mercato obbligazionario L intervento della BCE La situazione congiunturale ha aumentato l avversione ai rischio degli investitori producendo una compressione dei tassi sui titoli core governativi alla fine dei I titoli periferici ne hanno risentito solo marginalmente viste l azione della BCE già da gennaio. Il miglioramento della crescita economica e il rialzo dei tassi americani previsto per metà 2015 dovrebbero muovere verso l alto i tassi di mercato in Germania.

2 Le valute Temi immutati per Finizio del 2015: Fed e ciclo USA pro dollaro, euro e yen ai ribasso su BCE e BoJ Il dollaro consolida il proprio trend al rialzo, grazie alle attese restrittive sulla politica monetaria USA, ribadito nella riunione dei 17 dicembre scorso e visti i buoni dati macro USA. L'euro resterà debole in apertura di 2015 dopo le parole di Draghi sul possibile varo del QE a gennaio. Le elezioni anticipate vinte da Abe, il downgrade dei rating e l azione ancora pro-ciclica della BoJ sosterranno il deprezzamento strutturale dello yen. Sterlina in consolidamento in attesa delle mosse della BoE nei Le materie prime Ciclo mondiale debole, dollaro forte e crollo del petrolio accentueranno la debolezza delle commodity L avversione ai rischio dettata dal forte storno del petrolio (WTE e Brent giù di oltre il 40% dall estate), dall incertezza in Europa e dal ciclo economico globale non florido, allontana gli operatori dalle risorse di base, in un mercato caratterizzato da forte volatilità ed alterna propensione al rischio.

3 MACROECONOMIA USA: miglioramenti significativi per il mercato del lavoro, consumi ed investimenti Negli Stati Uniti sono decisamente positivi i dati che giungono dalle rilevazioni del Ft sospinto da un'espansione dei consumi e degli investimenti. Fattore decisamente rilevante è la flessione strutturale del prezzo del greggio che ha contribuito a una crescita della domanda domestica nella parte iniziale del 40 trimestre. Più in particolare dai lato dei consumi, nonostante le vendite al dettaglio non abbiano mostrato segnati di significativo incremento nell'ultima rilevazione, le variazioni rimangono comunque positive e fanno presumibilmente prevedere ulteriori miglioramenti nel Prevediamo una crescita sostenuta e superiore al 3% nel Segnali più incoraggianti giungono dal mercato dei lavoro dove si registra un significativo aumento dei nuovi occupati, con il tasso di disoccupazione che rimane sui minimi dal Molto positivi anche i dati sui salari che nell'ultima rilevazione hanno mostrato il miglior incremento da inizio anno. È dunque evidente che la crescita occupazionale si sta riflettendo anche sulle dinamiche retributive. In tema di politica monetaria, se da un lato l'inflazione particolarmente bassa lascerebbe maggior margine alla FED per mantenere tassi ai livelli attuati, una crescita economica sensibilmente superiore alle attese potrebbe indurre ad anticipare il rialzo dei tassi. Un quadro, quello statunitense con note decisamente positive, che fanno presupporre una ripresa strutturale solida nei Area euro: bassa inflazione e ripresa debole Un quadro di ripresa decisamente modesto quello descritto dalle stime finali del PIL del 3 trimestre che hanno mostrato una contrazione del PIL in diversi paesi. L'Italia non riesce ancora ad uscire dalla fase recessiva, mentre la Francia sta attraversando una fase di sostanziale stagnazione e anche l'economia tedesca è tornata a rallentare. Trend che sembra destinato a proseguire almeno nella prima parte dell'anno stando ai segnali prodotti dalle indagini di fiducia.

4 Gli indici PMI per le imprese della zona euro hanno registrato un nuovo calo in dicembre attestandosi sui minimi da 16 mesi ed indebolendo le prospettive per una ripresa nei La creazione di nuovi posti di lavoro è risultata essere vicina alla stagnazione, ma anche gli indicatori relativi ai nuovi investimenti sono risultati particolarmente deboli. Il decremento strutturale dei greggio dovrebbe avere un effetto positivo sull'attività economica dei paesi dell'eurozona, dati minori costi sostenuti in merito alla bolletta energetica. L'indice dei prezzi al consumo europeo ha infatti rallentato da 0,4% a 0,3% in dicembre, portandosi sui minimi da 5 anni. Sarà cruciale per la BCE valutare attentamente le possibili pressioni deflazionistiche. Le aspettative di inflazione sono molto basse e non sorprenderebbe un valore addirittura negativo per la crescita dei prezzi nella prima parte dell'anno. La situazione congiunturale resta molto debole e le prospettive di un recupero restano condizionate alle politiche economiche che verranno intraprese dai vari Paesi e al supporto che la BCE dovrebbe fornire con gli strumenti di politica monetaria.

5 SINTESI SUGGERIMENTI OPERATIVI Il 2015 già dalle prime settimane sembra essere caratterizzato dal tema della divergenza. Divergenza in termini sia di tassi di crescita tra te diverse aree geografiche sia in termini di atteggiamento di politica monetaria da parte delle principali Banche Centrali (quest ultimo aspetto in particolare è destinato a influenzare te dinamiche dei mercati finanziari), Stati Uniti ed area euro sono l'emblema di questa divergenza: mentre l'economia degli USA presenta fondamentali macroeconomici solidi sostenuti ulteriormente dai progressivo miglioramento dei mercato del lavoro, l'economia di Eurolandia è al momento la più debole all'interno dei Paesi sviluppati in un contesto di bassa crescita, bassa inflazione e disoccupazione strutturalmente elevata In parallelo, in termini di politica monetaria la Federal Reserve dovrebbe iniziare il processo di normalizzazione dei tassi di interesse già a partire dalla prima metà dell'anno, mentre la Banca Centrale Europea potrebbe ulteriormente allargare il perimetro di strumenti utilizzati all'interno delle politiche monetarie espansive non convenzionali. Il mercato obbligazionario europeo, sia core che periferico, nel mese di dicembre è stato sostenuto dai deterioramento del quadro macroeconomico e dalle crescenti aspettative di nuove misure straordinarie da parte della BCE. Il tasso di inflazione in area euro e la discesa dei prezzo del petrolio stanno creando pressioni sulla politica monetaria della BCE. Draghi in occasione dell'incontro di dicembre, ha precisato che la decisione in merito all'introduzione di ulteriori misure di stimolo monetario non richiederà un voto unanime. Gli sviluppi politici in Grecia potrebbero aumentare la volatilità sui mercati e penalizzare titoli dei Paesi periferici in area euro. L'andamento dei mercati azionari continua ad essere condizionato da una crescente avversione al rischio da parte degli investitori a causa dei continui segnali di rallentamento della ripresa di diverse economie mondiali e delle incertezze legate sia alla situazione della Grecia, che alla continua discesa del prezzo del greggio che mina la stabilità finanziaria dei principali Paesi esportatori. Nei medio periodo i principali listini azionari dovrebbero beneficiare delle possibili ulteriori misure di politica monetaria varate dalle Banche

6 Centrali. Tuttavia il quadro congiunturale globale rimane ancora debole e a causa dell'incremento della volatilità legato ai disordini geopolitici che stanno interessando diverse aree del mondo, portiamo a neutrale la nostra visione rispetto a tale classe di attivo in ottica di breve periodo e consigliamo un approccio cauto nell'investimento azionario nella prima parte dell'anno utilizzando strumenti con strategie non direzionali.

7 MERCATO AZIONARIO Borse ancora altamente volatili Dopo aver registrato nuovi massimi di periodo, la volatilità torna protagonista sugli indici europei, soprattutto per i "periferici" come l Italia. Gli indici risentono della situazione critica in Russia, che ha visto un crollo del rublo, e dei conseguenti timori di recessione anche per effetto dei calo del prezzo del petrolio. Inoltre, il deciso calo delle materie prime ripropone nuovamente timori di deflazione e di una nuova congiuntura sfavorevole. Inoltre, l'instabilità della situazione Greca potrebbe riaprire timori di un effetto domino sugli spread dei periferici, anche se la situazione è decisamente più controllabile rispetto agli anni scorsi. Tali criticità creano instabilità sui listini che tuttavia potrebbero essere supportati da una probabile politica monetaria quantitativa da parte della BCE. I listini USA stanno per archiviare i1 terzo anno consecutivo di guadagni a doppia cifra e uno dei fattori importanti è rappresentato da un'intensa politica di acquisto di azioni proprie e di distribuzione di dividendi adottata dalle società statunitensi. Il mercato statunitense può contare ancora su una solida crescita economica e su attese di ulteriori miglioramenti dei bilanci societari. Un importante sostegno sembra arrivare ancora dal fronte della politica monetaria; nel corso dell'ultima riunione di dicembre, la Fed si è dichiarata "paziente" riguardo al rialzo dei tassi, escludendo che il primo intervento possa avvenire prima della prossima primavera. Questa situazione conferma quanto già atteso dal mercato, eliminando il rischio di un atteggiamento più aggressivo da parte della stessa Fed. Gli indici domestici si confermano i più volatili in assoluto dell'eurozona risentendo della debole congiuntura e delle forti oscillazioni dei bancari. Per Piazza Affari i fattori chiave dei 2015 restano prosieguo delle riforme per stimolare la crescita e un implementazione concreta della spending review. Recessione, deflazione e alto debito si confermano rischi più rilevanti. Un'eventuale politica monetaria quantitativa spinta avrebbe un impatto molto significativo.

8 SUGGERIMENTI OPERATIVI AZIONARIO Nei medio periodo le prospettive di graduale miglioramento della crescita a livello globale e a livello dei rendimenti sulle principati classi di attivo obbligazionarie continuano a supportare l'investimento azionario. In termini geografici l'europa, nonostante le criticità a livello macroeconomico, continua a presentare ancora buone valutazioni e dovrebbe trarre beneficio sia dalla debolezza dell'euro sia dalla politica monetaria espansiva della BCE. Le società europee attive a livello internazionale iniziano a mostrare primi segnali di stabilizzazione dei risultati aziendali, favorite anche da un incremento della spesa globale destinata ai consumi, indotta dalla contrazione del prezzo dei petrolio. Nella scelta dei temi d'investimento confermiamo la nostra preferenza per le aziende europee con esposizione geografica al mercato americano, che potranno beneficiare della ripresa del ciclo e dell indebolimento dell euro nei confronti dei dollaro, e le società con una maggiore remunerazione a favore degli azionisti, mediante distribuzione di dividendi o riacquisto di azioni proprie. Nel breve periodo tuttavia il livello di volatilità potrebbe aumentare anche in maniera considerevole alla luce sia di eventi di natura geopolitica sia della sensibilità dei mercati a notizie di natura micro e macroeconomica. Per questa ragione sul comparto azionario si rende necessario diversificare l'esposizione attraverso l'introduzione e il mantenimento di strategie long/short e market neutral.

9 MERCATO OBBLIGAZIONARIO Titoli di Stato: intervento quantitativo della BCE in gennaio. In occasione della riunione di inizio dicembre si attendevano azioni o perlomeno precise indicazioni da parte del presidente della BCE Draghi sul lancio del nuovo programma di acquisti teso ad ampliare il bilancio dell'ente ma così non è stato. Di conseguenza, dopo la serie di acquisti che in novembre ha portato il decennale italiano sui minimi storici, si è assistito ad un aumento della volatilità, in parte dovuta a nuovi fattori politici che hanno alimentato tensioni come il declassamento del debito italiano e le elezioni in Grecia. L'annuncio in gennaio del programma di stimolo ha ulteriormente compresso i tassi core (come quelli tedeschi), almeno nel breve periodo, oltre a contribuire a ridurre ulteriormente gli spread. Obbligazioni corporate: BCE e petrolio i fattori chiave d'inizio 2015 Nelle ultime settimane le scelte di portafoglio sono state principalmente guidate dall orientamento delle politiche monetarie e dalle dinamiche del prezzi del petrolio. Anche nel settore corporate l'accentuazione della retorica accomodante della BCE e le aperture sull'avvio del programma di stimolo hanno fornito un grosso impulso rialzista al mercato. Il comparto investment grade (le obbligazioni di minore rischiosità) chiude il 2014 con una performance elevata. Le prospettive nel 2015 dipenderanno dall'evoluzione dell'economia reale europea e dagli sviluppi sul fronte degli strumenti non convenzionali della BCE. I principali fattori di rischio sono un'evoluzione del ciclo europeo di tipo recessivo, una ripresa dei timori sulla solvibilità degli emittenti sovrani nonché un inatteso aumento dei tassi di insolvenza che potrebbe determinare una ripresa dell'avversione al rischio. Alla partenza del QE (la politica monetaria quantitativa), titoli di maggior qualità creditizia potrebbero registrare nel breve le migliori performance. I titoli ad alto rendimento, più sensibili alta dinamica dei listini azionari, sono esposti a maggiore volatilità, in termini settoriali, la debolezza della crescita nell'area euro e la dinamica dei prezzi del petrolio

10 sono due fattori chiave da tenere in considerazione nell'allocazione settoriale dei portafogli.

11 SUGGERIMENTI OPERATIVI OBBLIGAZIONARIO In area euro i prezzi dei titoli governativi continuano ad essere sostenuti sia dalla politica monetaria espansiva della BCE sia dalla debolezza dello scenario economico. Nel corso delle ultime settimane l'aumento della volatilità, dovuta all'incertezza della situazione politica in Grecia, ha causato un flight to quality verso il comparto core. La sensibile discesa del prezzo del petrolio fino ai minimi di oltre 5 anni e il conseguente calo delle aspettative di inflazione espresse dai tassi di break-even impliciti nel comparto dei titoli indicizzati hanno favorito la discesa dei rendimenti soprattutto sulle scadenze medie e lunghe delle curve fino a nuovi minimi storici. Negli Stati Uniti prosegue il dibattito in merito alla exit strategy della FED, accentuato dai dati statistici positivi diffusi nel Paese. Nel corso degli ultimi mesi la divergenza tra la ripresa economica statunitense e la debolezza della crescita degli altri Paesi core ha contribuito a rendere meno urgente l'inizio del ciclo di politica monetaria restrittiva della Banca Centrale. Comparto obbligazionario corporate: il mercato corporate europeo ha registrato nel corso del 2014 una performance positiva e continua a mostrare una volatilità minore rispetto al mercato azionario. Lo scenario di debolezza economica che si prospetta per il 2015 e la politica monetaria orientata in maniera accomodante sono fattori positivi per i titoli corporate. Dal punto di vista valutativo però il rendimento delle obbligazioni societarie è molto compresso e, pertanto, gli investitori dovrebbero essere consapevoli che il 2015 non potrà ragionevolmente replicare i ritorni che il comparto ha garantito lo scorso anno. Le elevate valutazioni raggiunte soprattutto dai titoli con rating migliore rendono opportuna una presa di profitto soprattutto sulle scadenze brevi e medie. Strategie flessibili: l'attesa divergenza in termini di politica monetaria da parte delle principali Banche Centrali e il probabile incremento della volatilità anche a causa di eventi geopolitici favoriscono l'utilizzo di strategie flessibili all'interno della sezione obbligazionaria dei portafogli. La flessibilità di questa tipologia di investimento è da

12 intendersi sia in termini di allocazione del capitale tra i diversi comparti del reddito fisso sia in termini di gestione del rischio tasso di interesse.

13 VALUTE USD: il dollaro mantiene la sua forza grazie anche alle scelte della Fed che, seppur cauta, conferma il proprio cambio di passo in senso restrittivo per la politica monetaria. Si riconferma pertanto nel 2015 uno scenario caratterizzato dal miglioramento dell'economia USA, a cui seguirà un aggiustamento al rialzo dei tassi, come anticipato dalla Fed e, di conseguenza, un rafforzamento ulteriore dei dollaro. EUR: finale di 2014 con la valuta unica debole, in un contesto in cui le oscillazioni delle valute emergenti hanno reso particolarmente volatile il mercato. Dopo il meeting BCE di gennaio, si riconferma uno scenario in cui la valuta unica si svaluta ulteriormente dopo l annuncio dell'acquisto dei titoli governativi dell'eurozona, da parte della BCE. GBP: non cambiano le considerazioni fatte sul finire del 2014, gli operatori sui cambi rafforzano la propria idea di una probabile modifica dell'attuale politica espansiva della BoE a cavallo fra i due semestri del 2015, consolidando così la prospettiva di una sterlina ancora in deciso consolidamento nella prima parte dell'anno. JPY: la Banca dei Giappone ha confermato una politica monetaria ultra-espansiva a dicembre e ha migliorato le previsioni di crescita per il Lo yen proseguirà nel suo percorso di svalutazione anche nella prima parte del 2015 mentre, dal punto di vista della politica economica, la riconferma di Abe dopo la vittoria nel turno elettorale anticipato di dicembre è garanzia della prosecuzione della cosiddetta "Abenornics".

14 MATERIE PRIME Energia: riteniamo che i livelli già raggiunti dal petrolio possano essere consolidati, favorendo una debolissima prima parte dei Le turbolenze geopolitiche ancora in atto non sembrano rappresentare un ostacolo alla discesa dei prezzi, confermando l'influenza negativa della decisione OPEC. Con questo scenario di assoluto ribasso dei prezzi, l outlook resta neutrale nel breve ma il pessimismo potrebbe essere ben più ampio. Metalli preziosi: resta critico il quadro di fondo sui preziosi, proprio per la mancanza di una reazione da parte di oro e argento alle tensioni sui mercati, generate dall'avversione al rischio e dal ribasso del petrolio. Continuiamo a registrare un forte disinteresse degli investitori per gli asset rifugio per eccellenza: outlook negativo. Metalli industriali: i metalli non recuperano sul finale dei 2014, col sentiment che resterà negativo anche per la prima parte del Il quadro Cinese ancora critico influenza negativamente il comparto. La forza del dollaro e la debolezza delle principali economie emergenti remano anch essi contro. Alla luce di questa scenario, il nostro outlook resta neutrale ma con forti rischi ribassisti. Prodotti agricoli: gli agricoli mettono a segno ancora un marginale recupero sul finale d anno. Restiamo dell idea che i prezzi delle granaglie, scesi molto nei mesi scorsi, possano proseguire nel loro trend di recupero; non cambia tuttavia il clima di attesa e prudenza sul comparto anche per la prima parte del Riconfermiamo il nostro outlook neutrale nel breve.

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

ANALISI TECNICA GIORNALIERA

ANALISI TECNICA GIORNALIERA RESEARCH TEAM ANALISI TECNICA GIORNALIERA TERMINI & CONDIZIONI Termini e Condizioni del servizio in fondo al report DIREZIONE TIMEFRAME STRATEGIA / POSIZIONE LIVELLI ENTRATA EUR / USD S-TERM GBP / USD

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

Adottare una prospettiva di più lungo periodo

Adottare una prospettiva di più lungo periodo Adottare una prospettiva di più lungo periodo Discorso di Jaime Caruana, Direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali in occasione dell Assemblea generale ordinaria della Banca tenuta

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco

Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco 12/03/2015 Class CNBC Intervista al Group CEO, Mario Greco Giornalista: Dott.Greco questo bilancio chiude la prima fase del suo impegno sulla società. Qual è il messaggio che arriva al mercato da questi

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.3.2015 SWD(2015) 31 final/2 CORRIGENDUM This document corrects document SWD(2015) 31 final of 26.02.2015 Corrections of clerical errors in the text The text shall read

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1

Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 Martin Scheicher +43 1 40420 7418 martin.scheicher@oenb.at Determinanti dell avversione al rischio degli investitori: riscontri giornalieri dal mercato azionario tedesco 1 I prezzi azionari oscillano al

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

Domande e risposte sull Europa

Domande e risposte sull Europa Domande e risposte sull Europa A cura del PD Bruxelles Cosa fa l Europa per noi? Come sta lavorando per uscire dalla crisi e per rafforzare i nostri diritti? Brevi domande/risposte su alcuni dei temi più

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia

Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO. sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 13.5.2015 COM(2015) 262 final Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO sul programma nazionale di riforma 2015 dell'italia e che formula un parere del Consiglio sul

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

UBS CIO Monthly Letter

UBS CIO Monthly Letter ab CIO WM Ottobre 2012 UBS CIO Monthly Letter I banchieri centrali vestono il mantello dei supereroi Alexander S. Friedman CIO UBS WM Quando ero piccolo, mi piaceva guardare film come Superman. Oggi quei

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza.

TIP e le principali società partecipate hanno comunque avuto un buon anno e i dati di fine settembre lo testimoniano con chiarezza. Carissimi azionisti, il 2014 ci ha riservato molte sorprese: petrolio e materie prime che crollano, dollaro che sale, tassi di interesse sempre più bassi, bond che vanno a ruba, spread dell Europa periferica

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010

2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova al 31 dicembre 2010 Relazione e Bilancio della Banca Popolare di Mantova (*) Banca Popolare di Mantova Società per Azioni Sede legale: Via Risorgimento,

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura

Irepa Informa. Anno 2 Numero 2 2 Trimestre 2009. Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Irepa Informa Anno 2 Numero 2 2 Trimestre Analisi trimestrale per il settore della pesca e acquacoltura Le dinamiche congiunturali del secondo trimestre Nel secondo trimestre, i principali indicatori congiunturali

Dettagli