FINANCIAL REPORT - FEBBRAIO 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINANCIAL REPORT - FEBBRAIO 2015"

Transcript

1 FINANCIAL REPORT - FEBBRAIO 2015 SINTESI DEL QUADRO MACROECONOMICO Lo scenario macroeconomico Notevoli miglioramenti negli USA, Europa ancora debole Migliorano negli Stati Uniti i dati sul mercato del lavoro, consumi e investimenti, quest'ultimi spiriti dal calo dei prezzi dei carburanti. La crescita nell area euro rimane estremamente modesta a causa degli elevati livelli oli disoccupazione e dei crescenti rischi deflazionistici. Si riducono quindi l attese perla ripresa de ciclo economico in tempi brevi. Il mercato azionario Mercati estremamente volatili La volatilità torna protagonista sugli indici europei, soprattutto per i "periferici" come l Italia. Gli indici risentono dei timori recessivi per effetto del calo del prezzo del petrolio e cui si aggiunge un rischio politico in Grecia. I listini tuttavia potrebbero essere supportati da un probabile quantitative easing (QE) da parte della BCE. Il mercato obbligazionario L intervento della BCE La situazione congiunturale ha aumentato l avversione ai rischio degli investitori producendo una compressione dei tassi sui titoli core governativi alla fine dei I titoli periferici ne hanno risentito solo marginalmente viste l azione della BCE già da gennaio. Il miglioramento della crescita economica e il rialzo dei tassi americani previsto per metà 2015 dovrebbero muovere verso l alto i tassi di mercato in Germania.

2 Le valute Temi immutati per Finizio del 2015: Fed e ciclo USA pro dollaro, euro e yen ai ribasso su BCE e BoJ Il dollaro consolida il proprio trend al rialzo, grazie alle attese restrittive sulla politica monetaria USA, ribadito nella riunione dei 17 dicembre scorso e visti i buoni dati macro USA. L'euro resterà debole in apertura di 2015 dopo le parole di Draghi sul possibile varo del QE a gennaio. Le elezioni anticipate vinte da Abe, il downgrade dei rating e l azione ancora pro-ciclica della BoJ sosterranno il deprezzamento strutturale dello yen. Sterlina in consolidamento in attesa delle mosse della BoE nei Le materie prime Ciclo mondiale debole, dollaro forte e crollo del petrolio accentueranno la debolezza delle commodity L avversione ai rischio dettata dal forte storno del petrolio (WTE e Brent giù di oltre il 40% dall estate), dall incertezza in Europa e dal ciclo economico globale non florido, allontana gli operatori dalle risorse di base, in un mercato caratterizzato da forte volatilità ed alterna propensione al rischio.

3 MACROECONOMIA USA: miglioramenti significativi per il mercato del lavoro, consumi ed investimenti Negli Stati Uniti sono decisamente positivi i dati che giungono dalle rilevazioni del Ft sospinto da un'espansione dei consumi e degli investimenti. Fattore decisamente rilevante è la flessione strutturale del prezzo del greggio che ha contribuito a una crescita della domanda domestica nella parte iniziale del 40 trimestre. Più in particolare dai lato dei consumi, nonostante le vendite al dettaglio non abbiano mostrato segnati di significativo incremento nell'ultima rilevazione, le variazioni rimangono comunque positive e fanno presumibilmente prevedere ulteriori miglioramenti nel Prevediamo una crescita sostenuta e superiore al 3% nel Segnali più incoraggianti giungono dal mercato dei lavoro dove si registra un significativo aumento dei nuovi occupati, con il tasso di disoccupazione che rimane sui minimi dal Molto positivi anche i dati sui salari che nell'ultima rilevazione hanno mostrato il miglior incremento da inizio anno. È dunque evidente che la crescita occupazionale si sta riflettendo anche sulle dinamiche retributive. In tema di politica monetaria, se da un lato l'inflazione particolarmente bassa lascerebbe maggior margine alla FED per mantenere tassi ai livelli attuati, una crescita economica sensibilmente superiore alle attese potrebbe indurre ad anticipare il rialzo dei tassi. Un quadro, quello statunitense con note decisamente positive, che fanno presupporre una ripresa strutturale solida nei Area euro: bassa inflazione e ripresa debole Un quadro di ripresa decisamente modesto quello descritto dalle stime finali del PIL del 3 trimestre che hanno mostrato una contrazione del PIL in diversi paesi. L'Italia non riesce ancora ad uscire dalla fase recessiva, mentre la Francia sta attraversando una fase di sostanziale stagnazione e anche l'economia tedesca è tornata a rallentare. Trend che sembra destinato a proseguire almeno nella prima parte dell'anno stando ai segnali prodotti dalle indagini di fiducia.

4 Gli indici PMI per le imprese della zona euro hanno registrato un nuovo calo in dicembre attestandosi sui minimi da 16 mesi ed indebolendo le prospettive per una ripresa nei La creazione di nuovi posti di lavoro è risultata essere vicina alla stagnazione, ma anche gli indicatori relativi ai nuovi investimenti sono risultati particolarmente deboli. Il decremento strutturale dei greggio dovrebbe avere un effetto positivo sull'attività economica dei paesi dell'eurozona, dati minori costi sostenuti in merito alla bolletta energetica. L'indice dei prezzi al consumo europeo ha infatti rallentato da 0,4% a 0,3% in dicembre, portandosi sui minimi da 5 anni. Sarà cruciale per la BCE valutare attentamente le possibili pressioni deflazionistiche. Le aspettative di inflazione sono molto basse e non sorprenderebbe un valore addirittura negativo per la crescita dei prezzi nella prima parte dell'anno. La situazione congiunturale resta molto debole e le prospettive di un recupero restano condizionate alle politiche economiche che verranno intraprese dai vari Paesi e al supporto che la BCE dovrebbe fornire con gli strumenti di politica monetaria.

5 SINTESI SUGGERIMENTI OPERATIVI Il 2015 già dalle prime settimane sembra essere caratterizzato dal tema della divergenza. Divergenza in termini sia di tassi di crescita tra te diverse aree geografiche sia in termini di atteggiamento di politica monetaria da parte delle principali Banche Centrali (quest ultimo aspetto in particolare è destinato a influenzare te dinamiche dei mercati finanziari), Stati Uniti ed area euro sono l'emblema di questa divergenza: mentre l'economia degli USA presenta fondamentali macroeconomici solidi sostenuti ulteriormente dai progressivo miglioramento dei mercato del lavoro, l'economia di Eurolandia è al momento la più debole all'interno dei Paesi sviluppati in un contesto di bassa crescita, bassa inflazione e disoccupazione strutturalmente elevata In parallelo, in termini di politica monetaria la Federal Reserve dovrebbe iniziare il processo di normalizzazione dei tassi di interesse già a partire dalla prima metà dell'anno, mentre la Banca Centrale Europea potrebbe ulteriormente allargare il perimetro di strumenti utilizzati all'interno delle politiche monetarie espansive non convenzionali. Il mercato obbligazionario europeo, sia core che periferico, nel mese di dicembre è stato sostenuto dai deterioramento del quadro macroeconomico e dalle crescenti aspettative di nuove misure straordinarie da parte della BCE. Il tasso di inflazione in area euro e la discesa dei prezzo del petrolio stanno creando pressioni sulla politica monetaria della BCE. Draghi in occasione dell'incontro di dicembre, ha precisato che la decisione in merito all'introduzione di ulteriori misure di stimolo monetario non richiederà un voto unanime. Gli sviluppi politici in Grecia potrebbero aumentare la volatilità sui mercati e penalizzare titoli dei Paesi periferici in area euro. L'andamento dei mercati azionari continua ad essere condizionato da una crescente avversione al rischio da parte degli investitori a causa dei continui segnali di rallentamento della ripresa di diverse economie mondiali e delle incertezze legate sia alla situazione della Grecia, che alla continua discesa del prezzo del greggio che mina la stabilità finanziaria dei principali Paesi esportatori. Nei medio periodo i principali listini azionari dovrebbero beneficiare delle possibili ulteriori misure di politica monetaria varate dalle Banche

6 Centrali. Tuttavia il quadro congiunturale globale rimane ancora debole e a causa dell'incremento della volatilità legato ai disordini geopolitici che stanno interessando diverse aree del mondo, portiamo a neutrale la nostra visione rispetto a tale classe di attivo in ottica di breve periodo e consigliamo un approccio cauto nell'investimento azionario nella prima parte dell'anno utilizzando strumenti con strategie non direzionali.

7 MERCATO AZIONARIO Borse ancora altamente volatili Dopo aver registrato nuovi massimi di periodo, la volatilità torna protagonista sugli indici europei, soprattutto per i "periferici" come l Italia. Gli indici risentono della situazione critica in Russia, che ha visto un crollo del rublo, e dei conseguenti timori di recessione anche per effetto dei calo del prezzo del petrolio. Inoltre, il deciso calo delle materie prime ripropone nuovamente timori di deflazione e di una nuova congiuntura sfavorevole. Inoltre, l'instabilità della situazione Greca potrebbe riaprire timori di un effetto domino sugli spread dei periferici, anche se la situazione è decisamente più controllabile rispetto agli anni scorsi. Tali criticità creano instabilità sui listini che tuttavia potrebbero essere supportati da una probabile politica monetaria quantitativa da parte della BCE. I listini USA stanno per archiviare i1 terzo anno consecutivo di guadagni a doppia cifra e uno dei fattori importanti è rappresentato da un'intensa politica di acquisto di azioni proprie e di distribuzione di dividendi adottata dalle società statunitensi. Il mercato statunitense può contare ancora su una solida crescita economica e su attese di ulteriori miglioramenti dei bilanci societari. Un importante sostegno sembra arrivare ancora dal fronte della politica monetaria; nel corso dell'ultima riunione di dicembre, la Fed si è dichiarata "paziente" riguardo al rialzo dei tassi, escludendo che il primo intervento possa avvenire prima della prossima primavera. Questa situazione conferma quanto già atteso dal mercato, eliminando il rischio di un atteggiamento più aggressivo da parte della stessa Fed. Gli indici domestici si confermano i più volatili in assoluto dell'eurozona risentendo della debole congiuntura e delle forti oscillazioni dei bancari. Per Piazza Affari i fattori chiave dei 2015 restano prosieguo delle riforme per stimolare la crescita e un implementazione concreta della spending review. Recessione, deflazione e alto debito si confermano rischi più rilevanti. Un'eventuale politica monetaria quantitativa spinta avrebbe un impatto molto significativo.

8 SUGGERIMENTI OPERATIVI AZIONARIO Nei medio periodo le prospettive di graduale miglioramento della crescita a livello globale e a livello dei rendimenti sulle principati classi di attivo obbligazionarie continuano a supportare l'investimento azionario. In termini geografici l'europa, nonostante le criticità a livello macroeconomico, continua a presentare ancora buone valutazioni e dovrebbe trarre beneficio sia dalla debolezza dell'euro sia dalla politica monetaria espansiva della BCE. Le società europee attive a livello internazionale iniziano a mostrare primi segnali di stabilizzazione dei risultati aziendali, favorite anche da un incremento della spesa globale destinata ai consumi, indotta dalla contrazione del prezzo dei petrolio. Nella scelta dei temi d'investimento confermiamo la nostra preferenza per le aziende europee con esposizione geografica al mercato americano, che potranno beneficiare della ripresa del ciclo e dell indebolimento dell euro nei confronti dei dollaro, e le società con una maggiore remunerazione a favore degli azionisti, mediante distribuzione di dividendi o riacquisto di azioni proprie. Nel breve periodo tuttavia il livello di volatilità potrebbe aumentare anche in maniera considerevole alla luce sia di eventi di natura geopolitica sia della sensibilità dei mercati a notizie di natura micro e macroeconomica. Per questa ragione sul comparto azionario si rende necessario diversificare l'esposizione attraverso l'introduzione e il mantenimento di strategie long/short e market neutral.

9 MERCATO OBBLIGAZIONARIO Titoli di Stato: intervento quantitativo della BCE in gennaio. In occasione della riunione di inizio dicembre si attendevano azioni o perlomeno precise indicazioni da parte del presidente della BCE Draghi sul lancio del nuovo programma di acquisti teso ad ampliare il bilancio dell'ente ma così non è stato. Di conseguenza, dopo la serie di acquisti che in novembre ha portato il decennale italiano sui minimi storici, si è assistito ad un aumento della volatilità, in parte dovuta a nuovi fattori politici che hanno alimentato tensioni come il declassamento del debito italiano e le elezioni in Grecia. L'annuncio in gennaio del programma di stimolo ha ulteriormente compresso i tassi core (come quelli tedeschi), almeno nel breve periodo, oltre a contribuire a ridurre ulteriormente gli spread. Obbligazioni corporate: BCE e petrolio i fattori chiave d'inizio 2015 Nelle ultime settimane le scelte di portafoglio sono state principalmente guidate dall orientamento delle politiche monetarie e dalle dinamiche del prezzi del petrolio. Anche nel settore corporate l'accentuazione della retorica accomodante della BCE e le aperture sull'avvio del programma di stimolo hanno fornito un grosso impulso rialzista al mercato. Il comparto investment grade (le obbligazioni di minore rischiosità) chiude il 2014 con una performance elevata. Le prospettive nel 2015 dipenderanno dall'evoluzione dell'economia reale europea e dagli sviluppi sul fronte degli strumenti non convenzionali della BCE. I principali fattori di rischio sono un'evoluzione del ciclo europeo di tipo recessivo, una ripresa dei timori sulla solvibilità degli emittenti sovrani nonché un inatteso aumento dei tassi di insolvenza che potrebbe determinare una ripresa dell'avversione al rischio. Alla partenza del QE (la politica monetaria quantitativa), titoli di maggior qualità creditizia potrebbero registrare nel breve le migliori performance. I titoli ad alto rendimento, più sensibili alta dinamica dei listini azionari, sono esposti a maggiore volatilità, in termini settoriali, la debolezza della crescita nell'area euro e la dinamica dei prezzi del petrolio

10 sono due fattori chiave da tenere in considerazione nell'allocazione settoriale dei portafogli.

11 SUGGERIMENTI OPERATIVI OBBLIGAZIONARIO In area euro i prezzi dei titoli governativi continuano ad essere sostenuti sia dalla politica monetaria espansiva della BCE sia dalla debolezza dello scenario economico. Nel corso delle ultime settimane l'aumento della volatilità, dovuta all'incertezza della situazione politica in Grecia, ha causato un flight to quality verso il comparto core. La sensibile discesa del prezzo del petrolio fino ai minimi di oltre 5 anni e il conseguente calo delle aspettative di inflazione espresse dai tassi di break-even impliciti nel comparto dei titoli indicizzati hanno favorito la discesa dei rendimenti soprattutto sulle scadenze medie e lunghe delle curve fino a nuovi minimi storici. Negli Stati Uniti prosegue il dibattito in merito alla exit strategy della FED, accentuato dai dati statistici positivi diffusi nel Paese. Nel corso degli ultimi mesi la divergenza tra la ripresa economica statunitense e la debolezza della crescita degli altri Paesi core ha contribuito a rendere meno urgente l'inizio del ciclo di politica monetaria restrittiva della Banca Centrale. Comparto obbligazionario corporate: il mercato corporate europeo ha registrato nel corso del 2014 una performance positiva e continua a mostrare una volatilità minore rispetto al mercato azionario. Lo scenario di debolezza economica che si prospetta per il 2015 e la politica monetaria orientata in maniera accomodante sono fattori positivi per i titoli corporate. Dal punto di vista valutativo però il rendimento delle obbligazioni societarie è molto compresso e, pertanto, gli investitori dovrebbero essere consapevoli che il 2015 non potrà ragionevolmente replicare i ritorni che il comparto ha garantito lo scorso anno. Le elevate valutazioni raggiunte soprattutto dai titoli con rating migliore rendono opportuna una presa di profitto soprattutto sulle scadenze brevi e medie. Strategie flessibili: l'attesa divergenza in termini di politica monetaria da parte delle principali Banche Centrali e il probabile incremento della volatilità anche a causa di eventi geopolitici favoriscono l'utilizzo di strategie flessibili all'interno della sezione obbligazionaria dei portafogli. La flessibilità di questa tipologia di investimento è da

12 intendersi sia in termini di allocazione del capitale tra i diversi comparti del reddito fisso sia in termini di gestione del rischio tasso di interesse.

13 VALUTE USD: il dollaro mantiene la sua forza grazie anche alle scelte della Fed che, seppur cauta, conferma il proprio cambio di passo in senso restrittivo per la politica monetaria. Si riconferma pertanto nel 2015 uno scenario caratterizzato dal miglioramento dell'economia USA, a cui seguirà un aggiustamento al rialzo dei tassi, come anticipato dalla Fed e, di conseguenza, un rafforzamento ulteriore dei dollaro. EUR: finale di 2014 con la valuta unica debole, in un contesto in cui le oscillazioni delle valute emergenti hanno reso particolarmente volatile il mercato. Dopo il meeting BCE di gennaio, si riconferma uno scenario in cui la valuta unica si svaluta ulteriormente dopo l annuncio dell'acquisto dei titoli governativi dell'eurozona, da parte della BCE. GBP: non cambiano le considerazioni fatte sul finire del 2014, gli operatori sui cambi rafforzano la propria idea di una probabile modifica dell'attuale politica espansiva della BoE a cavallo fra i due semestri del 2015, consolidando così la prospettiva di una sterlina ancora in deciso consolidamento nella prima parte dell'anno. JPY: la Banca dei Giappone ha confermato una politica monetaria ultra-espansiva a dicembre e ha migliorato le previsioni di crescita per il Lo yen proseguirà nel suo percorso di svalutazione anche nella prima parte del 2015 mentre, dal punto di vista della politica economica, la riconferma di Abe dopo la vittoria nel turno elettorale anticipato di dicembre è garanzia della prosecuzione della cosiddetta "Abenornics".

14 MATERIE PRIME Energia: riteniamo che i livelli già raggiunti dal petrolio possano essere consolidati, favorendo una debolissima prima parte dei Le turbolenze geopolitiche ancora in atto non sembrano rappresentare un ostacolo alla discesa dei prezzi, confermando l'influenza negativa della decisione OPEC. Con questo scenario di assoluto ribasso dei prezzi, l outlook resta neutrale nel breve ma il pessimismo potrebbe essere ben più ampio. Metalli preziosi: resta critico il quadro di fondo sui preziosi, proprio per la mancanza di una reazione da parte di oro e argento alle tensioni sui mercati, generate dall'avversione al rischio e dal ribasso del petrolio. Continuiamo a registrare un forte disinteresse degli investitori per gli asset rifugio per eccellenza: outlook negativo. Metalli industriali: i metalli non recuperano sul finale dei 2014, col sentiment che resterà negativo anche per la prima parte del Il quadro Cinese ancora critico influenza negativamente il comparto. La forza del dollaro e la debolezza delle principali economie emergenti remano anch essi contro. Alla luce di questa scenario, il nostro outlook resta neutrale ma con forti rischi ribassisti. Prodotti agricoli: gli agricoli mettono a segno ancora un marginale recupero sul finale d anno. Restiamo dell idea che i prezzi delle granaglie, scesi molto nei mesi scorsi, possano proseguire nel loro trend di recupero; non cambia tuttavia il clima di attesa e prudenza sul comparto anche per la prima parte del Riconfermiamo il nostro outlook neutrale nel breve.

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

FINANCIAL REPORT - AGOSTO 2015 SINTESI DEL QUADRO MACROECONOMICO

FINANCIAL REPORT - AGOSTO 2015 SINTESI DEL QUADRO MACROECONOMICO FINANCIAL REPORT - AGOSTO 2015 SINTESI DEL QUADRO MACROECONOMICO Lo scenario macroeconomico Continua la crescita per i Paesi avanzati ma i rischi sono verso il basso. Le prospettive per il ciclo mondiale

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 12 maggio 2016 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Dopo la revisione al ribasso apportata alle stime

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015

View. Fideuram Investimenti. 12 ottobre 2015 12 ottobre 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 Scenario macroeconomico Confermiamo di non aver apportato revisioni significative

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 2 Aprile 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La politica monetaria nelle economie avanzate sta

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

FINANCIAL REPORT - APRILE 2015

FINANCIAL REPORT - APRILE 2015 FINANCIAL REPORT - APRILE 2015 SINTESI DEL QUADRO MACROECONOMICO Lo scenario macroeconomico Solida crescita USA, zona euro in beve ripresa. Negli Stati Uniti la dinamica occupazionale estremamente robusta

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 gennaio 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

FINANCIAL REPORT - AGOSTO 2014

FINANCIAL REPORT - AGOSTO 2014 FINANCIAL REPORT - AGOSTO 2014 SINTE TESI I DEL QUADRO MACROECONOMICO Mercato obbligazionario La BCE potenzia le misure di stimolo monetario e supporta i periferici La BCE ha significativamente potenziato

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 10 marzo 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Nel corso delle ultime settimane abbiamo rivisto al

Dettagli

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013

Schroders. Economia e Mercati. Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Schroders Economia e Mercati Outlook macroeconomico e scelte di asset allocation Primo trimestre 2013 Introduzione Il rally dei mercati azionari che è iniziato nel terzo trimestre ha proseguito la sua

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 10 novembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 9 giugno 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 9 giugno 2015 View Fideuram Investimenti Scenario macroeconomico Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 5 I dati diffusi nelle ultime settimane mostrano che

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

FINANCIAL REPORT - GIUGNO 2015

FINANCIAL REPORT - GIUGNO 2015 FINANCIAL REPORT - GIUGNO 2015 SINTESI DEL QUADRO MACROECONOMICO Lo scenario macroeconomico Si confermano il rallentamento USA e la ripresa europea. Il 2015 è partito lentamente per l'economia USA. Sulle

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Maggio 2014. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Maggio 2014. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Maggio 2014 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari FED. Il temuto rialzo dei tassi di interesse negli Stati Uniti potrebbe essere più lontano di quanto

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE Nel corso dell ultimo mese non sono emersi segnali tali da modificare i percorsi evolutivi ipotizzati per le maggiori economie, che restano pertanto incamminate su sentieri di

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 2012 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016

GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI. 06 Maggio 2016 GRUPPO NOTZ STUCKI NOTA SETTIMANALE - MERCATI 06 Maggio 2016 PANORAMICA MACRO Principali Lunedì +/- Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì indici / currency 02/05/2016 03/05/2016-04/05/2016-05/05/2016-06/05/2016

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 14 novembre 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi resta molto influenzato dalle diverse politiche

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Ambrosetti Am riduce l'azionario in portafoglio

Ambrosetti Am riduce l'azionario in portafoglio 07/12/2015 Ambrosetti Am riduce l'azionario in portafoglio L'analisi dei mercati a cura dell'ad Allegri. A dicembre meno esposizione al rischio, mentre aumenta la selezione settoriale www.finanzareport.it

Dettagli

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE

FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO MOBILIARE ZENIT MC BREVE TERMINE ZENIT MC OBBLIGAZIONARIO ZENIT MC PIANETA ITALIA ZENIT MC EVOLUZIONE ZENIT MC PARSEC ZENIT MC MEGATREND RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2014

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine. BancoPosta Obbligazionario Euro Medio-Lungo Termine. BancoPosta Mix 1.

BancoPosta Obbligazionario Euro Breve Termine. BancoPosta Obbligazionario Euro Medio-Lungo Termine. BancoPosta Mix 1. Rendiconto della Gestione al 30 dicembre 2014 dei Fondi Comuni di Investimento Mobiliare Aperti Armonizzati istituiti e promossi da BancoPosta Fondi S.p.A. SGR e gestiti da Pioneer Investment Management

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa

Market Focus. Outlook. Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Market Focus Outlook 2015 Un 2015 trainato dagli USA, aspettando l Europa Indice Outlook 2015 05 Scenario 10 Asset Allocation 13 Azioni 19 Obbligazioni 25 Materie Prime 27 Real Estate e Alternativi 28

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Aprile 2015 Quo vadis, FED? Ancora una volta un trimestre è stato fortemente influenzato dalle banche centrali.

Dettagli

Analisi Settimanale. 1-7 Febbraio 2016 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 1-7 Febbraio 2016 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 Economia Economia Economia Economia Themes Trading Termini Legali Il franco si indebolisce e la SNB respira - Yann Quelenn Dopo il Brasile,

Dettagli

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II

SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II SULLE ALI DELLA DISCONNESSIONE: ATTO II Dopo il grande rush che ha visto i principali mercati raggiungere e superare i precedenti massimi storici, è iniziata l attesa fase di correzione degli indici. Ad

Dettagli

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO

MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 98 MEDIOLANUM CRISTOFORO COLOMBO NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

Evoluzione delle politiche monetarie globali: idee di investimento per i gestori alternativi

Evoluzione delle politiche monetarie globali: idee di investimento per i gestori alternativi Evoluzione delle politiche monetarie globali: idee di investimento per i gestori alternativi No. 9 - settembre 2014 N. 96 settembre Dicembre 2013 2014 2 Le differenti politiche monetarie intraprese dalle

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2014 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 2.200.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2011 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA

MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 80 MEDIOLANUM RISPARMIO ITALIA CRESCITA NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti,

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 11 novembre A cura

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 4 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Indice FtseMib: andamento I temi del giorno Macro: Pmi dei servizi (Area euro) in miglioramento, Ism non manifatturiero (Usa) in calo sotto i 60 punti Bce:

Dettagli

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi.

scenario 2009 piccole e medie imprese macroeconomia e mercati Vicini a voi. scenario 2009 macroeconomia e mercati AGGIORNAMENTO 1 semestre piccole e medie imprese Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI

ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI ANALISI MACROECONOMICA E DEI MERCATI FINANZIARI Luglio 2015 ECONOMIC RESEARCH AND MARKETS STRATEGY Salvo diversa specificazione, Thomson Reuters è la fonte per i dati ed i grafici riportati. CONGIUNTURA

Dettagli

Dopo aver ritardato per diverso

Dopo aver ritardato per diverso Fondi obbligazionari absolute return per generare performance positive anche con tassi al rialzo L'analisi dei fondi Fixed income alternativi ha messo in evidenza l'elevata allocazione nei bond americani,

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Marzo 2015 Rischio? Quale rischio? Le prime settimane dell anno nuovo sono state caratterizzate dai temi

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Quadro Macroeconomico attuale e previsioni future La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Eurogruppo/Ecofin e dal G7 non sono emerse novità di rilievo.

Dettagli