Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario"

Transcript

1 AREA FINANZA

2 DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA

3 Strumenti di valutazione di un prodotto finanziario Il prodotto finanziario è uno strumento d investimento del proprio capitale generalmente utilizzato per realizzare un profitto. Di seguito, verranno illustrate alcune delle caratteristiche generali di un prodotto finanziario e forniti gli strumenti necessari per valutarne pregi e difetti. Il Rendimento Il rendimento di un prodotto finanziario è dato dal rapporto fra il valore finale dell investimento e il valore iniziale dell investimento: Il valore finale dell investimento può essere espresso come somma del valore iniziale dell investimento e il guadagno (o perdita) maturato nell intervallo di tempo preso a riferimento: Si definisce tasso di rendimento il rapporto fra il guadagno (o perdita) maturato nell intervallo di tempo preso a riferimento e il valore iniziale dell investimento: Il guadagno di un investimento può esprimersi sotto tre forme generali: 1. Interesse maturato sul valore nominale del prodotto finanziario 2. Dividendi su quote di partecipazione al capitale sociale 3. Capital gain sulla compravendita di prodotti finanziari Mentre il capital gain è subito determinato come il guadagno derivante dalla differenza fra il prezzo di vendita o di rimborso e il prezzo di acquisto o sottoscrizione del prodotto finanziario, per gli interessi non c è una forma comune di calcolo e tanto meno per i dividendi una forma di assegnazione. I prodotti finanziari che generano interessi sono definiti titoli di debito; chi acquista un titolo di debito diviene finanziatore della società o dell ente che l ha emesso ed ha il diritto a percepire periodicamente gli interessi previsti dal regolamento dell emissione e, alla scadenza, al rimborso del capitale prestato. I prodotti finanziari che generano dividendi sono definiti titoli di capitale; chi acquista un titolo di capitale diviene socio della società emittente ed ha diritto a percepire annualmente il dividendo sugli utili conseguiti nel periodo di riferimento che l assemblea dei soci deciderà di distribuire. Supponiamo di disporre al 1 Gennaio 2006 di un capitale iniziale di 5 mila euro e di volerlo investire nelle due seguenti attività: 1) un titolo a reddito fisso del valore nominale di 2.500,00 euro al tasso d interesse del 10% annuo; 2) una quota di partecipazione al capitale sociale (titoli azionari) di un impresa pari a 2.500,00 euro. Al 1 Gennaio 2007 vengono corrisposti interessi per 250,00 euro e rimborsato il valore nominale di 2.500,00 euro. Nella stessa data l impresa ha disposto la ripartizione degli utili conseguiti durante l anno fissando un dividendo di 500,00 euro; la stessa quota di partecipazione viene successivamente venduta al prezzo di 2.650,00. 2

4 Il guadagno totale dell investimento è così composto: Interessi 250,00 Dividendi 500,00 Capital gain 150,00 Guadagno Il rendimento conseguito dall investimento è quindi uguale a: 900,00/1.800,00 = 18% Il rendimento è il principale strumento insieme al rischio per la valutazione della qualità di un investimento. Mentre il guadagno è una misura assoluta della qualità di un investimento finanziario, il rendimento è una misura relativa che non dipende direttamente dal volume dell investimento: quando diciamo che il rendimento dei BOT è del 5% annuo vuol dire che per ogni euro di investimento ogni anno viene realizzato un guadagno di 0,05 centesimi di euro. Il rendimento è quindi uno strumento che ci permette di confrontare investimenti alternativi dal punto di vista qualitativo e di aiutarci a scegliere quello più conveniente. Rappresentazione del rendimento di un investimento Se il rendimento di un investimento rimane costante nel tempo, l unica informazione utile è il suo valore percentuale; se il rendimento è invece variabile nel tempo allora è più utile vedere come esso fluttua nel tempo. Le modalità più comuni di rappresentazione del rendimento variabile sono le tabelle e i relativi grafici. Mentre la tabella riporta dettagliatamente il valore percentuale del rendimento per ogni istante (o periodo) di tempo, il grafico legge i singoli valori della tabella proiettandoli visivamente con delle curve che danno immediatamente l idea dell andamento del rendimento nel tempo; esso rappresenta lo strumento principale per le valutazioni e il confronto delle alternative di investimento finanziario. Nel grafico seguente sono indicate le generiche fasi evolutive del rendimento di un investimento. L asse orizzontale rappresenta il tempo misurato in giorni, mentre l asse verticale rappresenta il rendimento dell investimento. 3

5 In questo grafico si evidenzia l andamento del rendimento che si otterrebbe se dall investimento effettuato al tempo 0 si riscuotesse il guadagno dal disinvestimento in un tempo successivo compreso fra il tempo 1 e il tempo 90. Il rendimento più alto (26%) si otterrebbe se il guadagno dell investimento fosse riscosso il 24-esimo giorno successivo all investimento, purtroppo nessuno è in grado di sapere a priori che il 24-esimo giorno sia il momento ottimale per riscuotere il guadagno, tuttavia dal grafico si evidenziano alcuni elementi importanti che possono aiutarci alla scelta dell investimento e al momento più favorevole per la riscossione dei guadagni, i principali sono: Fascia dei rendimenti: ad occhio il rendimento oscilla tra il 0.2% e il 26% Media lineare: dal 16% al 11% Media polinomiale di 6 giorni: ciclica La fascia dei rendimenti mette in evidenza il campo di variabilità del rendimento nel tempo dell investimento: tanto più ampio è il campo di variabilità tanto più rischioso è l investimento. La media lineare mostra che il rendimento dell investimento tende ad equilibrarsi intorno al 13%, possiamo allora considerare pari al 13% il rendimento atteso dell investimento per il periodo di valutazione preso a riferimento. La media polinomiale evidenzia che l oscillazione del rendimento ha carattere ciclico rispetto alla media lineare. Il Rischio Nel grafico seguente sono indicate le generiche fasi evolutive del rendimento di un investimento. L asse orizzontale rappresenta il tempo misurato in giorni, mentre l asse verticale rappresenta il rendimento dell investimento. In questo grafico si evidenzia l andamento del rendimento che si otterrebbe se dall investimento effettuato al tempo 0 si riscuotesse il guadagno dal disinvestimento in un tempo successivo compreso fra il tempo 1 e il tempo 90. L incertezza del rendimento percepita dal grafico è data dal suo minimo (0.2%) e dal suo massimo (26%), se ipotizziamo che il grafico sia rappresentativo del comportamento del rendimento anche per periodi successivi al 90-esimo allora si potrebbe dire che al massimo il rischio per l investitore è quello di disinvestire in uno di quei giorni in cui il rendimento è minimo (0.2%), in genere un grafico 4

6 come quello presentato non è molto rappresentativo, tuttavia se da uno studio statistico risulta che per il 95% dei casi il comportamento del rendimento è quello rappresentato, allora si può far finta di immaginare al più basso un rendimento del 0.2%. Il Rischio per l investitore è calcolato come il massimo scostamento verso il basso del rendimento di un prodotto finanziario al momento del disinvestimento, rispetto al rendimento atteso, fissato un livello di confidenza. Se consideriamo come esempio il grafico precedente per valutare il rischio, le considerazioni sono le seguenti: si ipotizza che da uno studio statistico il livello di confidenza sia del 95%, questo vuol dire che nel 95% dei casi il rendimento non scende oltre lo 0.2%; il rendimento atteso desumibile dalla linea rossa è circa il 13%; Il rischio per l investitore è quindi: 13% - 0.2% = 12.8%. Resta da sottolineare il ruolo importante del livello di confidenza nella valutazione del rischio, in particolare il livello di confidenza misura la probabilità che il rendimento si allontani verso il basso dal rendimento atteso di una quantità massima che è pari alla quantità di rischio calcolato, pertanto possiamo calcolare diversi valori di rischio per diversi livelli di confidenza e rappresentarli in un grafico chiamato distribuzione di probabilità del rischio: In molti casi il rischio può essere tale che il rendimento più basso sia anche negativo, in questo caso il disinvestimento genera delle perdite. Alcuni prodotti finanziari (ad esempio i derivati) possono raggiungere rendimenti negativi tali da distruggere per intero il valore del prodotto, altri ancora possono andare anche oltre e trasformare l investitore in debitore. La scelta di un prodotto finanziario per l investitore è indirizzata a soddisfare due esigenze: massimizzare il valore atteso del rendimento dell investimento e nello stesso tempo minimizzare il rischio di disinvestire ad un rendimento molto basso rispetto al rendimento atteso. Il rischio è quindi il principale strumento insieme al rendimento per la valutazione della qualità di un investimento. I principali strumenti utilizzati nell analisi del rischio di un prodotto finanziario sono tre, ciascuna delle quali mette in luce aspetti diversi del rischio di un investimento: Volatilità, Rendiment at Risk, Value at Risk. La volatilità (s) si rifà al concetto di scarto quadratico medio o deviazione standard del calcolo statistico e quindi misura lo scostamento medio di una variabile dal suo valore atteso, nel caso del rendimento la volatilità da l idea di quanto si allontana mediamente (cioè con probabilità del 50%) il rendimento dal suo valore atteso. Il Rendiment at Risk (RaR) misura lo scostamento massimo del rendimento dal suo valore atteso fissato il livello di confidenza. Il livello di confidenza è scelto dall analista, in genere si sceglie il 95% e rappresenta la probabilità che il rendimento non scenda verso il basso rispetto al rendimento atteso di una quantità superiore al RaR, ossia la probabilità che lo scostamento non superi il RaR. Consegue che se scegliamo un livello di confidenza più grande di 95% il valore RaR diventa più grande e viceversa. 5

7 Si può osservare che la volatilità in realtà è il RaR con un livello di confidenza del 50%: Livello di confidenza Scostamento dal rendimento atteso Il Value at Risk (VaR) misura invece lo scostamento massimo del valore dell investimento dal suo valore atteso fissato il livello di confidenza. Livello di confidenza Scostamento dal valore atteso dell investimento Mentre il RaR da l idea di quanto possa scendere nei casi più sfortunati il rendimento dell investimento rispetto al rendimento atteso, il VaR da l idea di quanto possa scendere nei casi più sfortunati il valore dell investimento rispetto al valore finale atteso. Il VaR rispetto al RaR riesce a dare una più concreta quantificazione del rischio di un investimento così come il guadagno è più concreto ed intuitivo del rendimento (o meglio del tasso di rendimento). Il VaR è oggi uno degli indicatori di rischio più utilizzati grazie alle nuove metodologie di calcolo e allo sviluppo informatico; l attenzione per questo indice nasce soprattutto per la facilità nel confrontare il rischio di prodotti finanziari diversi, fra un prodotto e un portafoglio finanziario e gli indici di mercato. 6

8 Valutazione di un prodotto finanziario Metodo di aggregazione I modelli e i metodi di analisi che la letteratura finanziaria ha elaborato fino ad oggi sono molti, alcuni risultano particolarmente complessi altri meno, tutti però hanno un unico obiettivo: utilizzare al meglio le informazioni disponibili per elaborare comportamenti futuri attendibili dei rendimenti di un prodotto finanziario o di un portafoglio finanziario. In questa sede non vogliamo proporre il miglior metodo per valutare un prodotto finanziario anche perché di fatto non esiste, esistono però metodi che meglio si adattano a valutare certi prodotti in determinate circostanze e condizioni. Il metodo che vogliamo qui proporre non è un metodo di analisi ma un metodo di aggregazione di informazioni elaborate dai metodi di analisi proposti dalla letteratura finanziaria, dai circuiti di informazione tradizionali e non, dall intuizione dell investitore. Gli elementi che caratterizzano l informazione L informazione costituisce l oggetto del metodo di aggregazione, è importante quindi evidenziare alcuni elementi importanti per la sua valutazione. Fonte: la fonte dell informazione, piccola o grande che sia, assume grande importanza perché spesso l informazione più rilevante o quella che serve la si trova tra quelle miriadi di fonti poco in vista nel mercato dell informazione. Le fonti vengono classificate a seconda della natura delle informazioni che esse generano: da un lato vi sono le fonti di news finanziarie, dall altra le fonti di risultati di analisi tecniche, statistiche, gestionali, di sviluppo ecc.. Grado di attendibilità: l informazione attendibile è in genere l informazione firmata dai circuiti d informazione finanziaria più importanti. Spesso però esistono realtà molto piccole, che confermano l attendibilità delle informazioni ma che per qualche altro motivo non riescono ad avere la giusta immagine, è il caso di alcuni esperti di finanza solitari che si muovono nell ombra lanciando puntualmente informazioni proficue. Grado di utilizzo: l informazione di per se può risultare proficua per qualcuno e inutilizzabile per altri, è importante quindi che l informazione giunga a destinazione dell utilizzatore. In genere i circuiti d informazione organizzano le informazioni per canali tematici, l informazione viene quindi riconosciuta in certi canali e non in altri, i primi la trasporteranno ai destinatari che avranno modo di utilizzarla al meglio. Per poter sfruttare al meglio le informazioni di un determinato canale tematico è necessario che l utilizzatore disponga degli strumenti necessari per valutarle ed integrarle nelle sue decisioni. Tanto più l utilizzatore è esperto ed abile ad utilizzare tali strumenti, tanto più alto sarà il grado di utilizzo delle informazioni reperite. Periodo di validità: qualsiasi informazione è destinata a perdere di valore nel tempo; alcune sono destinate ad avere una durata limitata nel tempo fino a qualche minuto, altre riescono a consolidarsi per tempi anche lunghi. Lo sviluppo dell informazione attraverso internet e i nuovi sistemi di telecomunicazione cellulare, ha permesso agli utilizzatori di accedere e di essere aggiornati tempestivamente alle nuove informazioni. La facilità di gestione e la rapidità di consultazione degli archivi informativi elettronici collegati ad internet ha permesso inoltre l individuazione dell informazione consolidata che serve per l analisi individuale e al minor costo. Il periodo di validità dell informazione spesso dipende dalla frequenza di aggiornamento della stessa, in particolare una informazione può essere negata o rafforzata dalla successiva, quindi il periodo di validità può essere bruciato anticipatamente o prolungato nel tempo. 7

9 Periodo di valutazione e di osservazione Il periodo di valutazione è un intervallo di tempo preso a riferimento per il calcolo di un valore. Il periodo di osservazione è un intervallo di tempo preso a riferimento per rappresentare l andamento e il comportamento di un valore nel tempo. Supponiamo di avere la serie storica dei prezzi ufficiali giornalieri di un titolo azionario dal 1/1/2006 al 1/1/2007. Se utilizziamo il mese come periodo di valutazione allora il calcolo del prezzo medio mensile dovrà considerare solo i prezzi dello stesso mese, di conseguenza se il periodo di osservazione è un anno si avranno 12 prezzi medi mensili; se utilizziamo il trimestre come periodo di valutazione allora il calcolo del prezzo medio trimestrale dovrà considerare solo i prezzi dello stesso trimestre, di conseguenza se il periodo di osservazione è un anno si avranno 4 prezzi medi trimestrali. Il periodo di osservazione è quindi un multiplo del periodo di valutazione; il grafico che segue mostra visivamente la differenza fra periodo di valutazione e periodo di osservazione di una serie storica di rendimenti. Valori medi e attesi Molto spesso si sente parlare di rendimento medio e di rendimento atteso, prezzi medi e prezzi attesi o semplicemente di rischio senza specificare se si tratti di un valore medio o di un valore atteso. Il valore medio nel caso più generale è la media pesata di una serie di valori certi. Supponiamo di avere i prezzi ufficiali di 5 giorni di un titolo quotato in borsa e 5 pesi che danno più importanza ai prezzi ufficiali più recenti: Giorno Prezzo ufficiale Pesi Il calcolo del valore medio (pesato) è il seguente: 8

10 è il prezzo medio del titolo su un periodo di valutazione pari a 5 giorni. Il valore atteso è la media pesata di una serie di valori presunti. In questo caso i pesi rappresentano una distribuzione di probabilità dei valori presunti. Supponiamo che da una analisi di previsione dei possibili prezzi di un titolo quotato in borsa vengano fuori i seguenti valori: Casi possibili Prezzo possibile Probabilità Il calcolo del valore atteso è il seguente: è il prezzo atteso del titolo su 5 casi possibili di prezzi. Si osserva dunque che il metodo di calcolo del valore medio e del valore atteso è lo stesso, cambia invece il significato dei pesi e il significato di prezzo. Nel primo caso il prezzo è il valore che si è verificato in un tempo passato, i pesi invece esaltano l importanza di certi prezzi rispetto agli altri; nel secondo caso il prezzo è un valore presunto o possibile di realizzazione, i pesi rappresentano la probabilità che il valore presunto si realizzi, quindi anche la probabilità esalta l importanza di certi prezzi presunti rispetto ad altri. Il fatto di considerare sinonimi il valore medio e il valore atteso, o meglio di considerare un valore atteso pari al valore medio, dipende solo dalla scelta operata da chi fa la previsione di osservare i comportamenti passati (o storici) del valore e trasformarli in comportamenti futuri. In molti casi assumere che un valore si comporti nel futuro allo stesso modo di come si è comportato nel passato può andar bene, si tratta comunque di valori che non sono influenzati da eventi particolari e che vengono ritenuti stabili nel tempo. In altri casi (e le turbolenze dei mercati di questo periodo lo dimostrano) i comportamenti dei valori (specie quelli finanziari) sono in forte trasformazione e questo rende poco attendibili le previsioni basate solo su valori medi storici. Calcolo dei valori medi Il rendimento medio senza altra specificazione è il rendimento medio calcolato su un campione di osservazioni utilizzando gli stessi pesi. In genere il campione di osservazioni è una serie storica di rendimenti relativi ad un periodo di valutazione. La formula di calcolo del rendimento medio è la seguente: che rappresenta la somma degli n rendimenti del periodo di valutazione diviso n. In questo caso i pesi sono tutti uguali a. La volatilità media (s) si rifà al concetto di scarto quadratico medio o deviazione standard del calcolo statistico e quindi misura lo scostamento medio del rendimento dal suo valore medio. Il calcolo della volatilità media su un campione di osservazioni dei rendimenti relativi ad un periodo di valutazione, è dato dalla seguente formula: 9

11 Il Rendiment at Risk storico (RaR) misura lo scostamento massimo del rendimento dal suo valore medio fissato il livello di confidenza. Per il calcolo, il livello di confidenza rappresenta la scelta casuale del 95% delle osservazioni del campione a disposizione. Se r min rappresenta il rendimento minimo del gruppo di rendimenti scelti allora: Il Value at Risk storico (VaR) misura lo scostamento massimo del valore dell investimento dal suo valore medio fissato il livello di confidenza. Per il calcolo, il livello di confidenza rappresenta la scelta casuale del 95% delle osservazioni del campione a disposizione. Se I min rappresenta il valore dell investimento minimo del gruppo di valori d investimento scelti allora: Calcolo dei valori attesi La determinazione dei valori attesi se fatta bene richiede una certa complessità e una attenta analisi delle informazioni a disposizione. Come è stato detto, in questa sede vogliamo solo proporvi un metodo di aggregazione delle informazioni opportunamente formalizzate; i passi del metodo sono sequenziali, ciascuno di essi rappresenta il risultato di uno studio che diventa sempre più complesso quanto più accurato vuole essere il risultato. 1. Definizione dell Orizzonte temporale. Esso rappresenta il periodo di valutazione su cui concentrare lo studio. La scelta dell orizzonte temporale è importante per il calcolo dei valori attesi in quanto, i fattori che li determinano pesano in modo diverso a secondo dell ampiezza del periodo di valutazione. Molte volte i fattori ritenuti validi nella specificazione dei valori attesi nel breve periodo, non lo sono più nel lungo periodo, ad esempio il guadagno di un investimento azionario orientato ad un orizzonte temporale pari ad un giorno o una settimana (speculazione), è sensibilmente condizionato dagli umori degli investitori, mentre il guadagno di un investimento azionario orientato ad un orizzonte temporale di lungo termine (5 o più anni) è sensibilmente condizionato dalle aspettative di crescita delle aziende che hanno emesso tali titoli. La scelta dell orizzonte temporale condiziona quindi tutto lo studio che segue per la valutazione dei valori attesi, è importante quindi valutare il periodo di validità dell informazione a disposizione e la sua efficacia, in modo tale da massimizzare l accuratezza delle stime di previsione. 2. Individuazione dei fattori di valutazione. I fattori di valutazione sono delle variabili economico-finanziarie che influenzano il comportamento del valore finanziario che si vuole stimare. Possono costituire fattori di valutazione gli indici di borsa, il tasso ufficiale di sconto, l inflazione, la congiuntura economica di un paese, le aspettative di reddito di un azienda o di un settore mercato, il tasso di cambio, ecc.. Le problematiche legate all individuazione dipendono spesso dalle difficoltà di stima dei fattori, o perché l informazione è scarsa e difficilmente reperibile o perché costosa in termini di denaro e di complessità di calcolo. Anche il numero dei fattori può generare dei problemi: un numero basso di fattori può risultare insufficiente alla specificazione del valore, così come un numero elevato di fattori può rendere estremamente complesso la stima dei pesi e il calcolo del valore. 3. Coefficienti di sensibilità ai fattori (pesi). I fattori di valutazione agiscono in modo combinato sull andamento di un valore finanziario e la loro rilevanza è misurata dai coefficienti di sensibilità, comunemente i pesi dei fattori sulla specificazione del valore finanziario. La stima dei pesi non è semplice perché è difficile trovare 10

12 fattori fra loro indipendenti, il problema della correlazione fra i fattori impedisce infatti la determinazione di stime accurate sulle serie storiche a disposizione. 4. Funzione di aggregazione. È l espressione o il sistema matematico che mette insieme i vari fattori con i relativi pesi per generare il valore finanziario, in molti casi è semplicemente una funzione lineare, ma può diventare una funzione particolarmente complessa se molte ipotesi semplificative vengono a cadere. 5. Determinazione degli scenari. Uno scenario è la rappresentazione potenzialmente realizzabile dell insieme dei fattori di valutazione. Ciascun scenario è quindi una realtà che può verificarsi, esso trova un identità con i valori espressi dai fattori, la funzione di aggregazione fa il resto, cioè calcolare il valore finanziario che si vuole studiare. La scelta del numero di scenari dipende dall accuratezza che si vuole raggiungere con la stima del valore finanziario; trattandosi in genere di una combinazione di valori dei fattori, il numero degli scenari può moltiplicarsi enormemente con l aggiunta di un nuovo fattore. 6. Assegnazione delle probabilità agli scenari. Ogni scenario è uno fra i tanti identificati che può realizzarsi, quindi ad esso deve essere assegnata la probabilità che si realizzi. La costruzione di una distribuzione di probabilità fra gli scenari identificati non è semplice, molto spesso l intero studio di valutazione è concentrato qui, sia per le difficoltà che lo studio richiede, sia per la rilevanza che tale distribuzione ha sulla determinazione dei valori attesi. 7. Calcolo dei Valori Attesi. A questo punto si dispone di quanto necessario per effettuare il calcolo: gli scenari, il valore finanziario per ogni scenario, la distribuzione di probabilità dei valori finanziari. Per il calcolo del valore atteso rimandiamo a quanto è stato detto in precedenza e all esempio proposto. 11

13 Esempio di calcolo dei valori attesi L esempio che segue ripercorre i 7 passi trattati precedentemente, prendendo in esame il calcolo del rendimento atteso di un titolo azionario. Immaginiamo di voler stimare il guadagno atteso, il rendimento atteso e il rischio relativo alla vendita di un titolo azionario acquistato al prezzo di 1.000, che ha corrisposto un dividendo di 200 e dovrà essere rivenduto dopo un anno. 1. Definizione dell'orizzonte temporale. Dato che il titolo azionario dovrà essere rivenduto dopo un anno, il periodo di valutazione e quindi l orizzonte temporale è l anno successivo alla data i cui ci si è posto il problema. 2. Individuazione dei fattori di valutazione. Immaginiamo di individuare solo due fattori di valutazione del guadagno del titolo azionario: Variazione Tassi di interesse: un loro aumento tende a favorire gli investimenti in titoli del debito pubblico a svantaggio del valore dei titoli azionari; Fattore di crescita degli utili dell azienda che ha emesso il titolo: un aumento del fattore di crescita degli utili tende ad accrescere il valore del titolo azionario e dei dividendi 3. Coefficienti si densibilità ai fattori (pesi). Da una stima fatta su una appropriata serie storica supponiamo che l incremento unitario dei tassi d interesse generi un capital gain di 15; quindi se il fattore è la variazione dei tassi d interesse, 15 rappresenta il coefficiente di sensibilità dei guadagni al fattore. Da un altra stima fatta su una appropriata serie storica supponiamo che l incremento unitario del fattore di crescita degli utili generi un capital gain di 20 ed un incremento dei dividendi pari a 5; quindi se il fattore è la crescita degli utili, 20+5=25 rappresenta il coefficiente di sensibilità dei guadagni al fattore. 4. Funzione di aggregazione. La funzione di aggregazione in questo caso è un espressione lineare ed ha la seguente forma: 5. Determinazione degli scenari. Nel presente esempio sono stati ipotizzati quattro scenari possibili, riassunti nella tabella che seguirà. 6. Assegnazione della probabilità agli scenari. La tabella che segue riassume gli scenari e la distribuzione di probabilità degli stessi: Nuovo scenario Descrizione scenario Guadagno Probabilità scenario Calcolo dei valori attesi. Variaz. tassi d interesse = -1 Fattore di crescita = 0 Variaz. tassi d interesse = -1 Fattore di crescita = 1 Variaz. tassi d interesse = 0 Fattore di crescita = 0 Variaz. tassi d interesse = 1 Fattore di crescita = = = =

14 A questo punto si dispone di quanto necessario per effettuare il calcolo: gli scenari, il guadagno per ogni scenario, la distribuzione di probabilità dei guadagni. Il rendimento atteso è subito calcolato: Per la valutazione del rischio possiamo calcolare la volatilità attesa; ci servono i rendimenti per ogni scenario che possiamo facilmente calcolare. La tabella che segue riepiloga i calcoli: Nuovo scenario Rendimento Scarto al quadrato Probabilità scenario % ( ) 2 = % ( ) 2 = % ( ) 2 = % ( ) 2 = La volatilità attesa è la seguente: 13

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Capitolo 12 La regressione lineare semplice

Capitolo 12 La regressione lineare semplice Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 12 La regressione lineare semplice Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli