IL REGIME DI ALIMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE PROTEICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL REGIME DI ALIMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE PROTEICA"

Transcript

1 FP trading srl Piazza dell Emporio 11/a Roma Partita IVA e Cod. Fiscale PEC: numero REA prot-3/2012 IL REGIME DI ALIMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE PROTEICA Avvertenza: il regime di alimentazione esclusivamente proteica può essere seguito unicamente da soggetti in un normale stato di salute, in sovrappeso e per un limitato periodo di tempo. Esso è controindicato ai soggetti affetti da malattie Cardiovascolari, Renali ed Epatiche, durante la Gravidanza e l allattamento. Si invitano gli utenti a consultare il proprio Medico per stabilire la possibilità individuale di utilizzare il prodotto secondo diverse modalità rispetto a quelle indicate in etichetta. In ogni caso, il trattamento non può essere protratto oltre 12 giorni, al termine dei quali dovrà essere ripristinata una normale alimentazione, seppur ipocalorica. Si precisa che il presente protocollo d uso è applicabile unicamente per il trattamento con Nutrithin1 ed Allevit, in quanto studiato e bilanciato sulla base delle specifiche caratteristiche dei prodotti. Pertanto il presente Protocollo d uso non è valido se seguito con prodotti apparentemente simili. Il Produttore declina ogni responsabilità per un uso improprio, in particolar modo per gli imprevedibili effetti che potrebbero derivare dall uso delle presenti istruzioni con prodotti diversi da Nutrithin1 ed Allevit.

2 DESCRIZIONE GENERALE Durante il periodo di trattamento descritto in queste pagine, il consumo di carboidrati viene ridotto a zero. Si tratta di un periodo della durata di dieci giorni, durante i quali la normale alimentazione viene sostituita dall Alimentazione Esclusivamente Proteica, che induce i processi metabolici necessari per costringere l organismo a consumare il grasso corporeo mediante l avvio del processo di Chetogenesi. La normale alimentazione giornaliera sarà sostituita con una quantità di Nutrithin1 (vedi tabella nelle pagine successive), che è un composto realizzato con proteine ricavate dal siero del latte, a bassissimo tenore di grassi e di lattosio, arricchito di minerali (Potassio, Magnesio, Fosforo, Sodio), da sciogliere in acqua. La soluzione ottenuta va consumata gradualmente e il più possibile in maniera continuativa dal mattino fino al momento di coricarsi. Considerato che consumeremo tre litri di preparato proteico durante la giornata e che durante la notte riposeremo per otto ore, nelle sedici ore di veglia dovremmo consumare circa 200 cc di preparato proteico ogni ora. Questo sistema, oltre a garantire un calcolato introito calorico, garantisce l assunzione di un consistente quantitativo di acqua, indispensabile ai fini dell idratazione corporea. Inoltre, la continua e graduale assunzione del composto assicura un certo senso di sazietà, che dovrebbe scongiurare indesiderati attacchi di fame che potrebbero compromettere il buon esito del trattamento. Durante questo periodo concessi sono concessi: caffè normale o decaffeinato (della macchinetta o delle cialde, NO caffè solubile), tè, ma assolutamente senza zucchero e, naturalmente, acqua a volontà. E possibile comunque utilizzare dolcificanti artificiali formulati senza l aggiunta di Carboidrati, come ad esempio il nostro dolcificante liquido NutriSweet, appositamente studiato. Anche le bevande riportate alla pagina 5 del presente protocollo sono concesse. Laddove necessario, sarà consigliabile assumere un lassativo, a giorni alterni. Assumere da due a sei compresse al giorno (suddivise durante la giornata) di prodotto multivitaminico Allevit e, solo se necessario, una compressa di Lansoprazolo o Omeprazolo come gastroprotettore. Questo periodo, che non deve eccedere in nessun caso la durata massima di 12 giorni, permette di ottenere una perdita di GRASSO CORPOREO quantificabile tra i 6 e i 10 kg, a seconda della risposta individuale ed alle caratteristiche fisiche di partenza di ogni singolo soggetto. Non è assolutamente opportuno protrarre questo tipo di alimentazione oltre il periodo indicato. Dopo un periodo di reintroduzione di una normale alimentazione, seppur ipocalorica, che deve durare almeno 15 giorni (alimentazione con i menu adatti alla fase II) sarà possibile, ma non indispensabile, ripetere il ciclo di Nutrithin1 e così via fino al conseguimento del Peso Ideale (vedi tabella di calcolo nelle pagine successive).

3 MODO DI PREPARAZIONE E D USO leggere attentamente Al mattino prepariamo in una bottiglia da 1,5 litri* una soluzione di Nutrithin1 ed acqua (togliamo un po d acqua prima di inserire la polvere di Nutrithin1). Consultare la tabella nella pagina successiva per stabilire la quantità di prodotto necessaria per la preparazione. Iniziamo a consumare gradualmente il preparato, assumendone ogni ora circa 200 ml. (c.c.) Verso le ore 17,00 la bottiglia dovrebbe essere vuota, pertanto ne prepariamo una seconda, identica a quella del mattino. Naturalmente, questa seconda preparazione potrà essere effettuata, per praticità, contemporaneamente alla prima. Proseguiamo la consumazione come sopra fino al momento di coricarci *Nota: E possibile effettuare la preparazione di Nutrithin1 anche in 1 solo litro di acqua anziché 1,5 litri; questo perché alcuni soggetti non riescono o non gradiscono assumere 3 litri ( 2 X 1,5 = 3 ) di preparato al giorno. In questo caso l assunzione oraria del preparato sarà pari a 125 ml. circa, invece di 200 ml. Si consiglia inoltre, ai fini della migliore solubilità del Nutrithin1, di utilizzare acqua non gassata a temperatura ambiente. Una volta preparata la soluzione, se fosse gradita la bevanda fresca, la bottiglia potrà anche essere messa nel frigorifero. Si tenga presente che il misurino che si trova all interno della confezione di Nutrithin1, riempito raso, contiene 10 grammi di prodotto. Per la dose di prodotto da utilizzare per ogni preparazione, si faccia riferimento alla tabella della pagina successiva. - Al mattino ed alla sera assumere le compresse di multivitaminico Allevit (fino a 6 compresse al giorno; vedi tabella pagina successiva ) - Per contrastare l eventuale iperacidità e bruciore allo stomaco, al mattino assumere se necessario e se prescritto dal proprio Medico, il gastroprotettore Lansoprazolo o Omeprazolo - La sera assumere, se necessario, il lassativo. Nota bene: durante il trattamento con Nutrithin1 l intestino deve funzionare. Pertanto, in assenza di una corretta e regolare attività giornaliera, l assunzione del lassativo è INDISPENSABILE Qualora durante questo periodo si sentisse l impellente necessità di assumere qualcosa di masticabile oppure ci si trovasse nella condizione di non poter rinunciare ad occasioni sociali, si tenga presente che l unico cibo ammesso è quello composto esclusivamente da PROTEINE. No verdure, no frutta e, naturalmente niente pane e pasta. Ad esempio, un petto di pollo alla griglia o del pesce cotto nello stesso modo, non inficeranno marcatamente gli esiti del trattamento con Nutrithin1. Invece, una sola fetta di pane, una caramella o un cucchiaino di zucchero comprometterebbero in maniera significativa tutto il lavoro svolto dal primo giorno, dato che questi alimenti hanno la proprietà di spegnere immediatamente la Chetogenesi. Suggerimento: qualora il sapore del composto proteico risultasse non pienamente gradito, questo potrà essere corretto utilizzando Coca Cola Light o Zero, Sprite Zero o caffè nella quantità desiderata, in sostituzione di una corrispondente parte di acqua. A partire dal secondo giorno sarà utile, ma non indispensabile, controllare l avvenuta formazione e la presenza dei Corpi Chetonici nelle urine (segno di corretta attività del trattamento) mediante l uso delle strisce reattive Ketur test (o simili) reperibili in Farmacia.

4 COME CALCOLARE LA QUANTITA DI NUTRITHIN1 NECESSARIA OGNUNA DELLE DUE PREPARAZIONI GIORNALIERE PER Tabella Uomo ALTEZZA GRAMMI di Nutrithin1 PER PREPARAZIONE GRAMMI TOTALI di Nutrithin1 PER GIORNO 1,65 1, ,76 1, OLTRE m. 1, Tabella Donna ALTEZZA GRAMMI di Nutrithin1 PER PREPARAZIONE GRAMMI TOTALI di Nutrithin1 PER GIORNO 1,50 1, ,61 1,70 40/45 80/90 3 OLTRE m. 1, Compresse al giorno di Multivitaminico Allevt Compresse al giorno di Multivitaminico Allevt Si tenga presente che il misurino che si trova all interno della confezione di Nutrithin1, riempito raso, contiene circa 10 grammi di prodotto. Per la dose di prodotto da utilizzare per ogni preparazione, si faccia riferimento alla tabella della pagina successiva. Nota bene: quantità valide per soggetti con attività lavorativa prevalentemente sedentaria/leggera ed in assenza di attività sportive o attività lavorative ad elevato dispendio energetico (addetti all agricoltura, manovali, lavoratori edili ecc..). Per soggetti con attività giornaliere che richiedano sforzo fisico intenso, aumentare le quantità di Nutrithin1 fino al 15% ed il numero di compresse di Multivitaminico Allevit fino a 6 compresse al giorno. Si precisa che la presente tabella d uso è applicabile unicamente per il trattamento con Nutrithin1 ed Allevit, in quanto studiata e bilanciata sulla base delle specifiche caratteristiche dei prodotti. Essa non è applicabile con l uso di prodotti simlari, diversi da Nutrithin1 ed Allevit.

5 NOTE AGGIUNTIVE REALTIVE AL PERIODO DI TRATTAMENTO CON IL PRODOTTO NUTRITHIN1 leggere attentamente Una volta attivata la Chetogenesi nell organismo, il senso di fame dovrebbe attenuarsi di molto, se non addirittura scomparire del tutto. Va però specificato che questo dipende dalla reazione individuale alla Chetogenesi stessa; non tutti gli organismi, infatti, reagiscono allo stesso modo con la scomparsa totale dell appetito. Alcuni Clienti hanno segnalato di aver sofferto un po sotto questo aspetto, in particolare durante le prime 48 ore, ma va comunque tenuto presente che il trattamento dura solo dieci giorni ed il piccolo sacrificio vale senz altro i risultati che si possono ottenere. Lo stesso vale per alcuni effetti secondari che potrebbero comparire durante il trattamento con Nutrithin1: pur non essendo affatto certo che questi appaiano, è bene sapere che in alcuni casi si potrebbe avere l insorgenza di nausea e/o mal di testa. Questi sintomi, normalmente, sono di lieve entità e transitori. Il mal di testa può essere combattuto con l uso dei comuni analgesici per automedicazione dei quali si conosca l efficacia individuale. Si raccomanda di utilizzare, laddove necessario, analgesici in compresse, in quanto le bustine orosolubili e le compresse effervescenti potrebbero contenere come eccipiente degli zuccheri atti a conferire un sapore gradevole al medicinale. Il senso di nausea, solitamente accompagnato da inappetenza, è, transitorio e scompare, di norma, in due o tre giorni.

6 Per quanto riguarda ciò che è possibile assumere durante il trattamento con Nutrithin1, comunichiamo ai nostri Clienti che i prodotti della The Coca Cola Company 1) Coca Cola Light 2) Sprite Zero 3) Coca Cola Zero sono certificati dal produttore come contenenti lo 0% di carboidrati, pertanto compatibili con il trattamento che sfrutta la Chetogenesi ai fini del calo ponderale. Possono dunque essere utilizzati durante la decade di trattamento con Nutrithin1. L attenzione va posta solamente al probabile fastidioso gonfiore addominale che queste bevande potrebbero arrecare, in quanto marcatamente gassate. Va detto che l uso di bevande dolcificate con Aspartame ed Acesulfame K è stato inizialmente controverso, poi tendenzialmente ritenuto sicuro. Dopo un primo periodo di diffidenza, legata a potenziali fattori di rischio, l Aspartame è stato ammesso, se assunto entro la dose giornaliera massima raccomandata di 40 mg per chilo di peso corporeo. Per un soggetto di 60 kg, ad esempio, la RDA di Aspartame è di 2400 mg al giorno, che corrispondono a 120 compresse di dolcificante contenenti ognuna circa 20 mg di Aspartame. Considerato che il potere dolcificante dell Aspartame è circa 200 volte quello dello zucchero, i 20 mg contenuti nella compressa dolcificano come 4 grammi di Glucosio, cioè come un cucchiaino di zucchero. Per quanto riguarda l Acesulfame K, le voci sulle conseguenze nocive del prodotto sono state smentite sia dalla Food and Drug Administration americana sia dalla Scientific Committee on Food dell'unione Europea. Naturalmente, potrebbero essere disponibili sul mercato ulteriori bevande, di marche diverse, apparentemente proibite, ma in realtà compatibili con il trattamento con Nutrithin1. Per accertarsi di ciò, in caso di dubbio, è sufficiente consultare la tabella dei valori nutrizionali del prodotto che si intende consumare; se nello spazio riservato alla voce APPORTO DI CARBOIDRATI il valore indicato è zero, il prodotto potrà essere utilizzato. Sarà nostra cura aggiornare la lista dei prodotti consentiti, mano a mano che ci perverranno le informazioni nutrizionali di ogni singolo prodotto.

7 Fase 2 Durata: da 15 a 20 giorni. Questa alimentazione è studiata per consentire il rientro nella norma dei valori plasmatici dei Corpi Chetonici, per il consolidamento del risultato conseguito con il trattamento e per il mantenimento dell Organismo nelle condizioni ideali, propedeutiche all istituzione di un successivo ciclo di Nutrithin1, se necessario. Il programma alimentare indicato prevede un apporto di Carboidrati pari al 6/8% del totale dei nutrienti. LUNEDI Colazione: tè o caffè decaffeinato, frittata con spinaci e pomodori. Spuntino: mozzarella light, sedano. Pranzo: bistecca di manzo ai ferri, insalata. Spuntino: crema di ceci, finocchi crudi. Cena: pollo a piacere, cavolfiori in insalata, fagioli lessi, insalata. Spuntino dopo-cena: ricotta con vaniglia. MARTEDI E SABATO Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di pomodoro, una fetta di torta di verdure. Spuntino: affettato di fesa di tacchino, maionese light. Pranzo: insalata greca, dessert light. Spuntino: listarelle di sedano e ricotta. Cena: pesce alla piastra, broccoli lessi con olive, insalata di cetrioli. Spuntino dopo-cena: ricotta e limone. MERCOLEDI Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di verdura, omelette con funghi e pancetta. Spuntino: formaggio cremoso light, sedano. Pranzo: verdura lessa, filetto di manzo ai ferri. Spuntino: mozzarella light. Cena: verdure lessate, pomodori grigliati. Spuntino dopo-cena: ricotta e mandorle. GIOVEDI E DOMENICA Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di pomodoro, omelette con erbette e ricotta. Spuntino: affettato di fesa di tacchino, maionese light. Pranzo: hamburger di manzo ai ferri, insalata verde e olive. Spuntino: mozzarella light. Cena: carne ai ferri con pomodori, funghi al prezzemolo, cavolfiore in insalata. Spuntino dopo-cena: ricotta e mandorle. VENERDI Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di verdura, omelette con mozzarella e pomodoro. Spuntino: formaggio cremoso light. Pranzo: insolatona mista di prosciutto e pollo, broccoli stufati. Spuntino: mozzarella light, pomodorini ciliegia. Cena: pesce al forno, insalata di pomodoro. Spuntino dopo-cena: ricotta con vaniglia. Come si può notare, nel piano alimentare della Fase 2 non sono specificate le quantità. Questo perché si tratta di indicazioni qualitative, adatte a tutti, mentre per il quanto, ognuno deve regolarsi secondo ragionevolezza, in funzione delle proprie caratteristiche fisiche e della propria attività, senza eccedere. Il conseguimento del peso ideale non deve essere un fatto

8 Fase III stressante; non occorre utilizzare il bilancino del Farmacista per dosare gli alimenti, ma la raccomandazione di utilizzare il buon senso è d obbligo. La terza fase è simile alla seconda ma si dimostra più tollerante nei confronti dei polisaccaridi. In questo particolare regime alimentare si prevede infatti la graduale reintroduzione di cibi ricchi di fibre e carboidrati complessi come pasta, riso e cereali integrali. Il consumo di tali alimenti deve comunque mantenersi ad un livello moderato, ben più basso di quello previsto dalla dieta mediterranea. Anche il latte scremato, buona parte della frutta, legumi e vino rosso possono essere inseriti nella dieta con relativa tranquillità. Banane, carote, cibi ricchi di carboidrati raffinati, patate, ananas e miele andranno invece consumati con estrema parsimonia. Questo regime alimentare prevede che la terza fase venga seguita fino al raggiungimento del peso ideale. Non è possibile quantificare questo lasso di tempo, poiché esso dipende dal peso di partenza, dal modo in cui una persona segue la dieta e da come il suo corpo risponde al nuovo piano alimentare. Fase IV La quarta fase si caratterizza per un approccio dietetico ancor più liberale che dovrebbe essere mantenuto per tutta la vita (ogni giorno si possono consumare liberamente tre porzioni di cereali e tre di frutta). I sacrifici compiuti nelle prime tre fasi e la comprensione dei principi basilari dell alimentazione corretta, dovrebbero garantire, almeno in linea teorica, il mantenimento del peso forma. Il passaggio dalle abitudini dietetiche tipiche dei Paesi occidentali a quelle consigliate migliorerebbe anche il profilo lipidico del sangue prevenendo sovrappeso, diabete, malattie cardiovascolari in genere ed alcuni tipi di cancro. Qualora durante periodi particolari della vita l ago della bilancia dovesse ritornare a salire, sarà sufficiente ripetere l intero piano dietetico ricominciando dalla fase I. Con questo regime alimentare si fa una netta distinzione tra carboidrati cattivi e buoni incoraggiando il consumo di questi ultimi. Rientrano nella prima categoria lo zucchero e tutti gli alimenti che lo contengono in quantità significative (dolci, torte, dessert, prodotti da forno e frutta zuccherina). I carboidrati buoni sono quelli complessi associati a fibre, come quelli contenuti nei cereali integrali, nelle verdure ed in buona parte della frutta.

9 Tale strategia si è confermata particolarmente efficace nel contrastare obesità e diabete. Il potere saziante degli alimenti proposti è generalmente alto ed, insieme ai numerosi spuntini, evita la comparsa di incontrollati e pericolosi attacchi di fame. Si suggerisce di consumare prevalentemente grassi mono e polinsaturi (in particolar modo gli omega-3) evitando quelli saturi ed i pericolosi trans, meglio conosciuti come grassi idrogenati. Grazie a questi particolari accorgimenti il rischio cardiovascolare diminuisce sensibilmente e si possono apprezzare benefici importanti anche nella riduzione del peso corporeo. E opportuno sottolineare l importanza di una buona colazione che, insieme a piccoli e salutari spuntini, riduce il rischio di arrivare affamati a pranzo e cena. Questa strategia può essere utile anche per contrastare il calo del metabolismo basale legato alla forte restrizione calorica che caratterizza la fase di induzione. Esercizio fisico: in ogni programma alimentare che si rispetti, deve essere inteso come parte integrante del regime dietetico. Fabbisogno energetico giornaliero Un apporto calorico superire al nostro fabbisogno comporta accumulo di grasso e quindi aumento di peso. Al contrario, se mangiamo meno di quanto consumiamo, il nostro organismo sarà costretto ad intaccare le sue riserve adipose per sopperire alla carenza energetica, e quindi dimagriremo. Il rapporto funzionale tra calorie e peso corporeo è di circa kcalorie per ogni kg di grasso; questo vuol dire, semplicemente, che se ogni giorno introduciamo nel nostro organismo circa kcal. in meno rispetto al nostro fabbisogno energetico, dovremmo perdere circa un kg di peso alla settimana. Questo vale, ovviamente, per casi semplici di persone leggermente in sovrappeso, in buona salute e senza particolari problemi. Il limite di kcal./giorno in meno rispetto al fabbisogno calcolato generalmente permette di raggiungere buoni risultati senza inconvenienti e quindi andrebbe rispettato calorie per donne sedentarie oppure 30 calorie/kg di peso ideale, al giorno 2200 calorie (in media) per uomini sedentari e per donne in gravidanza o in allattamento oppure 40 calorie/kg di peso ideale, al giorno 2800 calorie per uomini sportivi, donne molto sportive e per gli adolescenti.

10 Il peso ideale Il peso ideale, quello a cui più frequentemente si fa riferimento, è il peso che più si avvicina ai parametri estetici attualmente seguiti e per questo viene definito anche peso desiderabile. Può essere calcolato con una semplice formula: Uomo: Altezza in centimetri -100, meno 5%. Ad esempio un uomo alto 1,70 m avrà un peso ideale di circa 66 Kg ( = 70 5% (3,5) = 66,5) Donna: Altezza in centimetri -104, meno 5%. Ad esempio una donna alta 1,67 m avrà un peso ideale di circa 60 Kg ( = 63 5% (3,15) = 59,85) Il valore ottenuto è indicativo in quanto altri fattori, come la diversa costituzione fisica, la presenza di masse muscolari importanti, ecc., possono influenzare il peso corporeo. Orientativamente, se si pesa qualche kg in più o in meno rispetto al peso ideale calcolato non significa che si è in sovrappeso o in sottopeso. IMC (Indice di Massa Corporea) Il calcolo dell IMC, che indica invece se la persona si trova in stato di normopeso, sovrappeso o obesità, consente di stabilire se l eccesso di peso corporeo può rappresentare un fattore di rischio per alcune malattie e se può determinare un aumento di mortalità. Nell adulto l IMC viene calcolato in rapporto all altezza tramite una semplice formula matematica: peso : altezza al quadrato Ad esempio una persona di 60 Kg e alta 1,70 m ha un IMC di 20,76, valore ottenuto da 60: (1,7 1,7). < 16 Magrezza grave Magrezza moderata Sottopeso Normopeso Sovrappeso Obesità moderata > 40 Obesità grave

11 In Italia il 30% della popolazione è in sovrappeso, ha cioè un IMC compreso fra 25 e 30. Per queste persone, sebbene non si parli di effettivi rischi per la salute, perdere qualche chilo potrebbe avere un risvolto soprattutto a livello personale (un corpo snello e scattante ha un influenza positiva anche sull umore). Quando invece l IMC è superiore a 30, si è in presenza di obesità grave, con elevata predisposizione a sviluppare numerose malattie, come ad esempio ipertensione e diabete. Bisogna tenere presente che le persone che fanno molto sport presentano una percentuale di massa muscolare (che è più pesante rispetto al grasso) superiore, per questo generalmente presentano un IMC piuttosto elevato senza essere in sovrappeso. Anche il sesso (l uomo ha una percentuale di massa muscolare più elevata rispetto alla donna), l età, la struttura dello scheletro, sono variabili che influiscono sulla determinazione del peso corporeo ideale. Questo ci fa capire perché persone dello stesso sesso e della stessa altezza possono avere un peso forma diverso anche di molti chili. Per la quantificazione dell apporto calorico del singolo alimento, si consulti la tabella delle pagine successive; questa sarà utile per imparare a PESARE ENERGETICAMENTE ogni alimento. Infatti, tutti più o meno sappiamo pesare a occhio, ad esempio, un etto di pasta; ma quanto pesa ENERGETICAMENTE un etto di pasta? (cioè: quante calorie apporta?) E quanta ENERGIA (calorie) dobbiamo introdurre giornalmente per rimanere nel nostro peso? Imparare a pesare energeticamente ogni alimento permetterà di avere la consapevolezza di quanta energia stiamo introducendo nell organismo ed eviterà il dannoso tira e molla col nostro peso ideale. L introito calorico giornaliero ideale è composto da: 15% proteine, 30% grassi, 55% carboidrati.

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO REGIONE CALABRIA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE VIA VINICIO CORTESE, 25 8810 CATANZARO PRONTUARIO DIETETICO DIETISTA ADRIANA GRANDINETTI DIREZIONE SANITARIA PRESIDIO OSPEDALIERO LAMEZIA TERME 0 ELENCO CODIFICATO

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica

Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica Regime dietetico per uomo non che svolge attività fisica Di seguito, troverete i nuovi piani pasto per il ottenere successo. Ognuno di questi piani pasto è stato appositamente studiato numero preciso di

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari

la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari DELLE COMMISSIONI MENSA la scelta del menu: aspetti nutrizionali e scelte alimentari 10 gennaio 2008 Lucia Antonioli Margherita Schiavi 3 COME SI STRUTTURA UNA TABELLA DIETETICA 5 LARN Livelli di assunzione

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni

Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni DIABETE E CIBO Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura e rispettando le giuste proporzioni I nutrienti della dieta I nutrienti essenziali: PROTEINE

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE. Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO E STRATEGIE DI PREVENZIONE Silvia Scaglioni Ospedale S. Paolo Università di Milano COMPOSIZIONE CORPOREA Maschi Femmine Acqua 35% Grasso 15% Muscoli 50% 35% 22% 43% Riserve energetiche

Dettagli

Sedalfam. Descrizione

Sedalfam. Descrizione L attenzione al peso corporeo e all indice glicemico e ad un corretto metabolismo non è solo oggetto di interesse estetico, ma di importanza fondamentale per la prevenzione di molte malattie quali diabete,

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni Colazione Latte di vacca parzial. scremato Yogurt magro alla frutta Spremuta di arancia Fette biscottate Biscotti secchi Miele Una Tazza

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

Programma di mesi. Bentornato peso forma!

Programma di mesi. Bentornato peso forma! Programma di mesi Bentornato peso forma! 2 3 Mettiti in forma con il nuovo anno! Programma mesi Tra i 10 propositi dell anno nuovo c è il desiderio, o meglio la volontà di perdere peso, di alimentarsi

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MENU E TABELLA DIETETICA CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Regime dietetico per persona Vegetariana non attiva fisicamente

Regime dietetico per persona Vegetariana non attiva fisicamente Regime dietetico per persona Vegetariana non attiva fisicamente Di seguito, troverete i nuovi programmi alimentari, pasto per pasto, per riuscire a perdere peso. Ognuno di questi piani pasto è stato precisamente

Dettagli

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE

INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INDICE PREFAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE 13 PARTE 1 PRINCIPI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE 15 L aspettativa di vita.........................................17 La grande illusione.........................................17

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA

CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA CARATTERI NUTRIZIONALI DELLA DIETA E una dieta ipocalorica, caratterizzata da un modulo alimentare basato su tre pasti principali: colazione, pranzo, cena con due spuntini: mattina e pomeriggi. Mangiare

Dettagli

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014/2015 TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica

Dettagli

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente).

1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). Alimentazione e Competizione 1) Alimentazione allenamento: dieta da 2800-3400 calorie (atleta di 70 kg che si allena regolarmente). 2) Alimentazione pre-gara Nelle discipline di lunga durata (> 60-90 minuti),

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno.

Consapevoli e sani. 1. Mantenete il peso corporeo entro valori normali. 2. Fate almeno 30 minuti di movimento al giorno. Dieci suggerimenti della Lega svizzera contro il cancro Consapevoli e sani Un'alimentazione sana e movimento sufficiente possono ridurre il rischio di ammalarsi di cancro. Non è mai troppo tardi per iniziare

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI L anemia: cos è? Il termine anemia indica la diminuzione del numero dei globuli rossi o dell emoglobina, dovuta a perdita o insufficiente produzione di sangue. Questo termine viene usato impropriamente

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO

L ALIMENTAZIONE DELLO SPORTIVO CivitilloOsteopathicCenter ServiziodiOsteopatiadelloSport info@osteopatiacivitillo.com Tel0823/1688251Cell335/8437244 L ALIMENTAZIONEDELLOSPORTIVO Un corretto piano alimentare deve essere interamente integrato

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

Le castagne. I frutti dell autunno utili contro la fame nervosa. Le schede di. Alimenti. Enciclopedia Digitale del Dimagrimento.

Le castagne. I frutti dell autunno utili contro la fame nervosa. Le schede di. Alimenti. Enciclopedia Digitale del Dimagrimento. castagne Alimenti Le castagne I frutti dell autunno utili contro la fame nervosa CASTAGNE ARROSTO w Kcal 193/100 g w Grassi 2,4 g w Proteine 3,7 g w Glucidi 41,8 g w Fibre 8,3 g w Colesterolo 0 CASTAGNE

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9

Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 2010 ASL 9 Da OKkio alla SALUTE risultati dell indagine 10 ASL LO STATO PONDERALE DEI BAMBINI Il problema dell obesità e del sovrappeso nei bambini ha acquisito negli ultimi anni un importanza crescente, sia per

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

Comune di Empoli PRANZIAMO INSIEME! L alimentazione a scuola e non solo

Comune di Empoli PRANZIAMO INSIEME! L alimentazione a scuola e non solo Comune di Empoli PRANZIAMO INSIEME! L alimentazione a scuola e non solo introduzione Il servizio di refezione scolastica è sempre stato un punto importante dell attività dell Amministrazione Comunale;

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione)

Comune di Bologna Settore Istruzione. (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Comune di Bologna Settore Istruzione (alcune informazioni per una corretta alimentazione) Anno 2012 a cura di: Alves Carpigiani Nutrizionista Responsabile della U.O. Igiene Nutrizione Controllo pasti nidi

Dettagli

SCHEMA DIETA PER LA FASE DI ATTACCO E CROCIERA DI 6 GIORNI

SCHEMA DIETA PER LA FASE DI ATTACCO E CROCIERA DI 6 GIORNI SCHEMA DIETA PER LA FASE DI ATTACCO E CROCIERA DI 6 GIORNI ADATTO AD UNA DONNA IN MEDIO SOVRAPPESO CON UN METABOLISMO BASALE DI 1450 KCAL SCHEMA 1 FASE DI ATTACCO PER 6 GIORNI GIORNO #1 GIORNO #2 GIORNO

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli