IL REGIME DI ALIMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE PROTEICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL REGIME DI ALIMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE PROTEICA"

Transcript

1 FP trading srl Piazza dell Emporio 11/a Roma Partita IVA e Cod. Fiscale PEC: numero REA prot-3/2012 IL REGIME DI ALIMENTAZIONE ESCLUSIVAMENTE PROTEICA Avvertenza: il regime di alimentazione esclusivamente proteica può essere seguito unicamente da soggetti in un normale stato di salute, in sovrappeso e per un limitato periodo di tempo. Esso è controindicato ai soggetti affetti da malattie Cardiovascolari, Renali ed Epatiche, durante la Gravidanza e l allattamento. Si invitano gli utenti a consultare il proprio Medico per stabilire la possibilità individuale di utilizzare il prodotto secondo diverse modalità rispetto a quelle indicate in etichetta. In ogni caso, il trattamento non può essere protratto oltre 12 giorni, al termine dei quali dovrà essere ripristinata una normale alimentazione, seppur ipocalorica. Si precisa che il presente protocollo d uso è applicabile unicamente per il trattamento con Nutrithin1 ed Allevit, in quanto studiato e bilanciato sulla base delle specifiche caratteristiche dei prodotti. Pertanto il presente Protocollo d uso non è valido se seguito con prodotti apparentemente simili. Il Produttore declina ogni responsabilità per un uso improprio, in particolar modo per gli imprevedibili effetti che potrebbero derivare dall uso delle presenti istruzioni con prodotti diversi da Nutrithin1 ed Allevit.

2 DESCRIZIONE GENERALE Durante il periodo di trattamento descritto in queste pagine, il consumo di carboidrati viene ridotto a zero. Si tratta di un periodo della durata di dieci giorni, durante i quali la normale alimentazione viene sostituita dall Alimentazione Esclusivamente Proteica, che induce i processi metabolici necessari per costringere l organismo a consumare il grasso corporeo mediante l avvio del processo di Chetogenesi. La normale alimentazione giornaliera sarà sostituita con una quantità di Nutrithin1 (vedi tabella nelle pagine successive), che è un composto realizzato con proteine ricavate dal siero del latte, a bassissimo tenore di grassi e di lattosio, arricchito di minerali (Potassio, Magnesio, Fosforo, Sodio), da sciogliere in acqua. La soluzione ottenuta va consumata gradualmente e il più possibile in maniera continuativa dal mattino fino al momento di coricarsi. Considerato che consumeremo tre litri di preparato proteico durante la giornata e che durante la notte riposeremo per otto ore, nelle sedici ore di veglia dovremmo consumare circa 200 cc di preparato proteico ogni ora. Questo sistema, oltre a garantire un calcolato introito calorico, garantisce l assunzione di un consistente quantitativo di acqua, indispensabile ai fini dell idratazione corporea. Inoltre, la continua e graduale assunzione del composto assicura un certo senso di sazietà, che dovrebbe scongiurare indesiderati attacchi di fame che potrebbero compromettere il buon esito del trattamento. Durante questo periodo concessi sono concessi: caffè normale o decaffeinato (della macchinetta o delle cialde, NO caffè solubile), tè, ma assolutamente senza zucchero e, naturalmente, acqua a volontà. E possibile comunque utilizzare dolcificanti artificiali formulati senza l aggiunta di Carboidrati, come ad esempio il nostro dolcificante liquido NutriSweet, appositamente studiato. Anche le bevande riportate alla pagina 5 del presente protocollo sono concesse. Laddove necessario, sarà consigliabile assumere un lassativo, a giorni alterni. Assumere da due a sei compresse al giorno (suddivise durante la giornata) di prodotto multivitaminico Allevit e, solo se necessario, una compressa di Lansoprazolo o Omeprazolo come gastroprotettore. Questo periodo, che non deve eccedere in nessun caso la durata massima di 12 giorni, permette di ottenere una perdita di GRASSO CORPOREO quantificabile tra i 6 e i 10 kg, a seconda della risposta individuale ed alle caratteristiche fisiche di partenza di ogni singolo soggetto. Non è assolutamente opportuno protrarre questo tipo di alimentazione oltre il periodo indicato. Dopo un periodo di reintroduzione di una normale alimentazione, seppur ipocalorica, che deve durare almeno 15 giorni (alimentazione con i menu adatti alla fase II) sarà possibile, ma non indispensabile, ripetere il ciclo di Nutrithin1 e così via fino al conseguimento del Peso Ideale (vedi tabella di calcolo nelle pagine successive).

3 MODO DI PREPARAZIONE E D USO leggere attentamente Al mattino prepariamo in una bottiglia da 1,5 litri* una soluzione di Nutrithin1 ed acqua (togliamo un po d acqua prima di inserire la polvere di Nutrithin1). Consultare la tabella nella pagina successiva per stabilire la quantità di prodotto necessaria per la preparazione. Iniziamo a consumare gradualmente il preparato, assumendone ogni ora circa 200 ml. (c.c.) Verso le ore 17,00 la bottiglia dovrebbe essere vuota, pertanto ne prepariamo una seconda, identica a quella del mattino. Naturalmente, questa seconda preparazione potrà essere effettuata, per praticità, contemporaneamente alla prima. Proseguiamo la consumazione come sopra fino al momento di coricarci *Nota: E possibile effettuare la preparazione di Nutrithin1 anche in 1 solo litro di acqua anziché 1,5 litri; questo perché alcuni soggetti non riescono o non gradiscono assumere 3 litri ( 2 X 1,5 = 3 ) di preparato al giorno. In questo caso l assunzione oraria del preparato sarà pari a 125 ml. circa, invece di 200 ml. Si consiglia inoltre, ai fini della migliore solubilità del Nutrithin1, di utilizzare acqua non gassata a temperatura ambiente. Una volta preparata la soluzione, se fosse gradita la bevanda fresca, la bottiglia potrà anche essere messa nel frigorifero. Si tenga presente che il misurino che si trova all interno della confezione di Nutrithin1, riempito raso, contiene 10 grammi di prodotto. Per la dose di prodotto da utilizzare per ogni preparazione, si faccia riferimento alla tabella della pagina successiva. - Al mattino ed alla sera assumere le compresse di multivitaminico Allevit (fino a 6 compresse al giorno; vedi tabella pagina successiva ) - Per contrastare l eventuale iperacidità e bruciore allo stomaco, al mattino assumere se necessario e se prescritto dal proprio Medico, il gastroprotettore Lansoprazolo o Omeprazolo - La sera assumere, se necessario, il lassativo. Nota bene: durante il trattamento con Nutrithin1 l intestino deve funzionare. Pertanto, in assenza di una corretta e regolare attività giornaliera, l assunzione del lassativo è INDISPENSABILE Qualora durante questo periodo si sentisse l impellente necessità di assumere qualcosa di masticabile oppure ci si trovasse nella condizione di non poter rinunciare ad occasioni sociali, si tenga presente che l unico cibo ammesso è quello composto esclusivamente da PROTEINE. No verdure, no frutta e, naturalmente niente pane e pasta. Ad esempio, un petto di pollo alla griglia o del pesce cotto nello stesso modo, non inficeranno marcatamente gli esiti del trattamento con Nutrithin1. Invece, una sola fetta di pane, una caramella o un cucchiaino di zucchero comprometterebbero in maniera significativa tutto il lavoro svolto dal primo giorno, dato che questi alimenti hanno la proprietà di spegnere immediatamente la Chetogenesi. Suggerimento: qualora il sapore del composto proteico risultasse non pienamente gradito, questo potrà essere corretto utilizzando Coca Cola Light o Zero, Sprite Zero o caffè nella quantità desiderata, in sostituzione di una corrispondente parte di acqua. A partire dal secondo giorno sarà utile, ma non indispensabile, controllare l avvenuta formazione e la presenza dei Corpi Chetonici nelle urine (segno di corretta attività del trattamento) mediante l uso delle strisce reattive Ketur test (o simili) reperibili in Farmacia.

4 COME CALCOLARE LA QUANTITA DI NUTRITHIN1 NECESSARIA OGNUNA DELLE DUE PREPARAZIONI GIORNALIERE PER Tabella Uomo ALTEZZA GRAMMI di Nutrithin1 PER PREPARAZIONE GRAMMI TOTALI di Nutrithin1 PER GIORNO 1,65 1, ,76 1, OLTRE m. 1, Tabella Donna ALTEZZA GRAMMI di Nutrithin1 PER PREPARAZIONE GRAMMI TOTALI di Nutrithin1 PER GIORNO 1,50 1, ,61 1,70 40/45 80/90 3 OLTRE m. 1, Compresse al giorno di Multivitaminico Allevt Compresse al giorno di Multivitaminico Allevt Si tenga presente che il misurino che si trova all interno della confezione di Nutrithin1, riempito raso, contiene circa 10 grammi di prodotto. Per la dose di prodotto da utilizzare per ogni preparazione, si faccia riferimento alla tabella della pagina successiva. Nota bene: quantità valide per soggetti con attività lavorativa prevalentemente sedentaria/leggera ed in assenza di attività sportive o attività lavorative ad elevato dispendio energetico (addetti all agricoltura, manovali, lavoratori edili ecc..). Per soggetti con attività giornaliere che richiedano sforzo fisico intenso, aumentare le quantità di Nutrithin1 fino al 15% ed il numero di compresse di Multivitaminico Allevit fino a 6 compresse al giorno. Si precisa che la presente tabella d uso è applicabile unicamente per il trattamento con Nutrithin1 ed Allevit, in quanto studiata e bilanciata sulla base delle specifiche caratteristiche dei prodotti. Essa non è applicabile con l uso di prodotti simlari, diversi da Nutrithin1 ed Allevit.

5 NOTE AGGIUNTIVE REALTIVE AL PERIODO DI TRATTAMENTO CON IL PRODOTTO NUTRITHIN1 leggere attentamente Una volta attivata la Chetogenesi nell organismo, il senso di fame dovrebbe attenuarsi di molto, se non addirittura scomparire del tutto. Va però specificato che questo dipende dalla reazione individuale alla Chetogenesi stessa; non tutti gli organismi, infatti, reagiscono allo stesso modo con la scomparsa totale dell appetito. Alcuni Clienti hanno segnalato di aver sofferto un po sotto questo aspetto, in particolare durante le prime 48 ore, ma va comunque tenuto presente che il trattamento dura solo dieci giorni ed il piccolo sacrificio vale senz altro i risultati che si possono ottenere. Lo stesso vale per alcuni effetti secondari che potrebbero comparire durante il trattamento con Nutrithin1: pur non essendo affatto certo che questi appaiano, è bene sapere che in alcuni casi si potrebbe avere l insorgenza di nausea e/o mal di testa. Questi sintomi, normalmente, sono di lieve entità e transitori. Il mal di testa può essere combattuto con l uso dei comuni analgesici per automedicazione dei quali si conosca l efficacia individuale. Si raccomanda di utilizzare, laddove necessario, analgesici in compresse, in quanto le bustine orosolubili e le compresse effervescenti potrebbero contenere come eccipiente degli zuccheri atti a conferire un sapore gradevole al medicinale. Il senso di nausea, solitamente accompagnato da inappetenza, è, transitorio e scompare, di norma, in due o tre giorni.

6 Per quanto riguarda ciò che è possibile assumere durante il trattamento con Nutrithin1, comunichiamo ai nostri Clienti che i prodotti della The Coca Cola Company 1) Coca Cola Light 2) Sprite Zero 3) Coca Cola Zero sono certificati dal produttore come contenenti lo 0% di carboidrati, pertanto compatibili con il trattamento che sfrutta la Chetogenesi ai fini del calo ponderale. Possono dunque essere utilizzati durante la decade di trattamento con Nutrithin1. L attenzione va posta solamente al probabile fastidioso gonfiore addominale che queste bevande potrebbero arrecare, in quanto marcatamente gassate. Va detto che l uso di bevande dolcificate con Aspartame ed Acesulfame K è stato inizialmente controverso, poi tendenzialmente ritenuto sicuro. Dopo un primo periodo di diffidenza, legata a potenziali fattori di rischio, l Aspartame è stato ammesso, se assunto entro la dose giornaliera massima raccomandata di 40 mg per chilo di peso corporeo. Per un soggetto di 60 kg, ad esempio, la RDA di Aspartame è di 2400 mg al giorno, che corrispondono a 120 compresse di dolcificante contenenti ognuna circa 20 mg di Aspartame. Considerato che il potere dolcificante dell Aspartame è circa 200 volte quello dello zucchero, i 20 mg contenuti nella compressa dolcificano come 4 grammi di Glucosio, cioè come un cucchiaino di zucchero. Per quanto riguarda l Acesulfame K, le voci sulle conseguenze nocive del prodotto sono state smentite sia dalla Food and Drug Administration americana sia dalla Scientific Committee on Food dell'unione Europea. Naturalmente, potrebbero essere disponibili sul mercato ulteriori bevande, di marche diverse, apparentemente proibite, ma in realtà compatibili con il trattamento con Nutrithin1. Per accertarsi di ciò, in caso di dubbio, è sufficiente consultare la tabella dei valori nutrizionali del prodotto che si intende consumare; se nello spazio riservato alla voce APPORTO DI CARBOIDRATI il valore indicato è zero, il prodotto potrà essere utilizzato. Sarà nostra cura aggiornare la lista dei prodotti consentiti, mano a mano che ci perverranno le informazioni nutrizionali di ogni singolo prodotto.

7 Fase 2 Durata: da 15 a 20 giorni. Questa alimentazione è studiata per consentire il rientro nella norma dei valori plasmatici dei Corpi Chetonici, per il consolidamento del risultato conseguito con il trattamento e per il mantenimento dell Organismo nelle condizioni ideali, propedeutiche all istituzione di un successivo ciclo di Nutrithin1, se necessario. Il programma alimentare indicato prevede un apporto di Carboidrati pari al 6/8% del totale dei nutrienti. LUNEDI Colazione: tè o caffè decaffeinato, frittata con spinaci e pomodori. Spuntino: mozzarella light, sedano. Pranzo: bistecca di manzo ai ferri, insalata. Spuntino: crema di ceci, finocchi crudi. Cena: pollo a piacere, cavolfiori in insalata, fagioli lessi, insalata. Spuntino dopo-cena: ricotta con vaniglia. MARTEDI E SABATO Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di pomodoro, una fetta di torta di verdure. Spuntino: affettato di fesa di tacchino, maionese light. Pranzo: insalata greca, dessert light. Spuntino: listarelle di sedano e ricotta. Cena: pesce alla piastra, broccoli lessi con olive, insalata di cetrioli. Spuntino dopo-cena: ricotta e limone. MERCOLEDI Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di verdura, omelette con funghi e pancetta. Spuntino: formaggio cremoso light, sedano. Pranzo: verdura lessa, filetto di manzo ai ferri. Spuntino: mozzarella light. Cena: verdure lessate, pomodori grigliati. Spuntino dopo-cena: ricotta e mandorle. GIOVEDI E DOMENICA Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di pomodoro, omelette con erbette e ricotta. Spuntino: affettato di fesa di tacchino, maionese light. Pranzo: hamburger di manzo ai ferri, insalata verde e olive. Spuntino: mozzarella light. Cena: carne ai ferri con pomodori, funghi al prezzemolo, cavolfiore in insalata. Spuntino dopo-cena: ricotta e mandorle. VENERDI Colazione: tè o caffè decaffeinato, succo di verdura, omelette con mozzarella e pomodoro. Spuntino: formaggio cremoso light. Pranzo: insolatona mista di prosciutto e pollo, broccoli stufati. Spuntino: mozzarella light, pomodorini ciliegia. Cena: pesce al forno, insalata di pomodoro. Spuntino dopo-cena: ricotta con vaniglia. Come si può notare, nel piano alimentare della Fase 2 non sono specificate le quantità. Questo perché si tratta di indicazioni qualitative, adatte a tutti, mentre per il quanto, ognuno deve regolarsi secondo ragionevolezza, in funzione delle proprie caratteristiche fisiche e della propria attività, senza eccedere. Il conseguimento del peso ideale non deve essere un fatto

8 Fase III stressante; non occorre utilizzare il bilancino del Farmacista per dosare gli alimenti, ma la raccomandazione di utilizzare il buon senso è d obbligo. La terza fase è simile alla seconda ma si dimostra più tollerante nei confronti dei polisaccaridi. In questo particolare regime alimentare si prevede infatti la graduale reintroduzione di cibi ricchi di fibre e carboidrati complessi come pasta, riso e cereali integrali. Il consumo di tali alimenti deve comunque mantenersi ad un livello moderato, ben più basso di quello previsto dalla dieta mediterranea. Anche il latte scremato, buona parte della frutta, legumi e vino rosso possono essere inseriti nella dieta con relativa tranquillità. Banane, carote, cibi ricchi di carboidrati raffinati, patate, ananas e miele andranno invece consumati con estrema parsimonia. Questo regime alimentare prevede che la terza fase venga seguita fino al raggiungimento del peso ideale. Non è possibile quantificare questo lasso di tempo, poiché esso dipende dal peso di partenza, dal modo in cui una persona segue la dieta e da come il suo corpo risponde al nuovo piano alimentare. Fase IV La quarta fase si caratterizza per un approccio dietetico ancor più liberale che dovrebbe essere mantenuto per tutta la vita (ogni giorno si possono consumare liberamente tre porzioni di cereali e tre di frutta). I sacrifici compiuti nelle prime tre fasi e la comprensione dei principi basilari dell alimentazione corretta, dovrebbero garantire, almeno in linea teorica, il mantenimento del peso forma. Il passaggio dalle abitudini dietetiche tipiche dei Paesi occidentali a quelle consigliate migliorerebbe anche il profilo lipidico del sangue prevenendo sovrappeso, diabete, malattie cardiovascolari in genere ed alcuni tipi di cancro. Qualora durante periodi particolari della vita l ago della bilancia dovesse ritornare a salire, sarà sufficiente ripetere l intero piano dietetico ricominciando dalla fase I. Con questo regime alimentare si fa una netta distinzione tra carboidrati cattivi e buoni incoraggiando il consumo di questi ultimi. Rientrano nella prima categoria lo zucchero e tutti gli alimenti che lo contengono in quantità significative (dolci, torte, dessert, prodotti da forno e frutta zuccherina). I carboidrati buoni sono quelli complessi associati a fibre, come quelli contenuti nei cereali integrali, nelle verdure ed in buona parte della frutta.

9 Tale strategia si è confermata particolarmente efficace nel contrastare obesità e diabete. Il potere saziante degli alimenti proposti è generalmente alto ed, insieme ai numerosi spuntini, evita la comparsa di incontrollati e pericolosi attacchi di fame. Si suggerisce di consumare prevalentemente grassi mono e polinsaturi (in particolar modo gli omega-3) evitando quelli saturi ed i pericolosi trans, meglio conosciuti come grassi idrogenati. Grazie a questi particolari accorgimenti il rischio cardiovascolare diminuisce sensibilmente e si possono apprezzare benefici importanti anche nella riduzione del peso corporeo. E opportuno sottolineare l importanza di una buona colazione che, insieme a piccoli e salutari spuntini, riduce il rischio di arrivare affamati a pranzo e cena. Questa strategia può essere utile anche per contrastare il calo del metabolismo basale legato alla forte restrizione calorica che caratterizza la fase di induzione. Esercizio fisico: in ogni programma alimentare che si rispetti, deve essere inteso come parte integrante del regime dietetico. Fabbisogno energetico giornaliero Un apporto calorico superire al nostro fabbisogno comporta accumulo di grasso e quindi aumento di peso. Al contrario, se mangiamo meno di quanto consumiamo, il nostro organismo sarà costretto ad intaccare le sue riserve adipose per sopperire alla carenza energetica, e quindi dimagriremo. Il rapporto funzionale tra calorie e peso corporeo è di circa kcalorie per ogni kg di grasso; questo vuol dire, semplicemente, che se ogni giorno introduciamo nel nostro organismo circa kcal. in meno rispetto al nostro fabbisogno energetico, dovremmo perdere circa un kg di peso alla settimana. Questo vale, ovviamente, per casi semplici di persone leggermente in sovrappeso, in buona salute e senza particolari problemi. Il limite di kcal./giorno in meno rispetto al fabbisogno calcolato generalmente permette di raggiungere buoni risultati senza inconvenienti e quindi andrebbe rispettato calorie per donne sedentarie oppure 30 calorie/kg di peso ideale, al giorno 2200 calorie (in media) per uomini sedentari e per donne in gravidanza o in allattamento oppure 40 calorie/kg di peso ideale, al giorno 2800 calorie per uomini sportivi, donne molto sportive e per gli adolescenti.

10 Il peso ideale Il peso ideale, quello a cui più frequentemente si fa riferimento, è il peso che più si avvicina ai parametri estetici attualmente seguiti e per questo viene definito anche peso desiderabile. Può essere calcolato con una semplice formula: Uomo: Altezza in centimetri -100, meno 5%. Ad esempio un uomo alto 1,70 m avrà un peso ideale di circa 66 Kg ( = 70 5% (3,5) = 66,5) Donna: Altezza in centimetri -104, meno 5%. Ad esempio una donna alta 1,67 m avrà un peso ideale di circa 60 Kg ( = 63 5% (3,15) = 59,85) Il valore ottenuto è indicativo in quanto altri fattori, come la diversa costituzione fisica, la presenza di masse muscolari importanti, ecc., possono influenzare il peso corporeo. Orientativamente, se si pesa qualche kg in più o in meno rispetto al peso ideale calcolato non significa che si è in sovrappeso o in sottopeso. IMC (Indice di Massa Corporea) Il calcolo dell IMC, che indica invece se la persona si trova in stato di normopeso, sovrappeso o obesità, consente di stabilire se l eccesso di peso corporeo può rappresentare un fattore di rischio per alcune malattie e se può determinare un aumento di mortalità. Nell adulto l IMC viene calcolato in rapporto all altezza tramite una semplice formula matematica: peso : altezza al quadrato Ad esempio una persona di 60 Kg e alta 1,70 m ha un IMC di 20,76, valore ottenuto da 60: (1,7 1,7). < 16 Magrezza grave Magrezza moderata Sottopeso Normopeso Sovrappeso Obesità moderata > 40 Obesità grave

11 In Italia il 30% della popolazione è in sovrappeso, ha cioè un IMC compreso fra 25 e 30. Per queste persone, sebbene non si parli di effettivi rischi per la salute, perdere qualche chilo potrebbe avere un risvolto soprattutto a livello personale (un corpo snello e scattante ha un influenza positiva anche sull umore). Quando invece l IMC è superiore a 30, si è in presenza di obesità grave, con elevata predisposizione a sviluppare numerose malattie, come ad esempio ipertensione e diabete. Bisogna tenere presente che le persone che fanno molto sport presentano una percentuale di massa muscolare (che è più pesante rispetto al grasso) superiore, per questo generalmente presentano un IMC piuttosto elevato senza essere in sovrappeso. Anche il sesso (l uomo ha una percentuale di massa muscolare più elevata rispetto alla donna), l età, la struttura dello scheletro, sono variabili che influiscono sulla determinazione del peso corporeo ideale. Questo ci fa capire perché persone dello stesso sesso e della stessa altezza possono avere un peso forma diverso anche di molti chili. Per la quantificazione dell apporto calorico del singolo alimento, si consulti la tabella delle pagine successive; questa sarà utile per imparare a PESARE ENERGETICAMENTE ogni alimento. Infatti, tutti più o meno sappiamo pesare a occhio, ad esempio, un etto di pasta; ma quanto pesa ENERGETICAMENTE un etto di pasta? (cioè: quante calorie apporta?) E quanta ENERGIA (calorie) dobbiamo introdurre giornalmente per rimanere nel nostro peso? Imparare a pesare energeticamente ogni alimento permetterà di avere la consapevolezza di quanta energia stiamo introducendo nell organismo ed eviterà il dannoso tira e molla col nostro peso ideale. L introito calorico giornaliero ideale è composto da: 15% proteine, 30% grassi, 55% carboidrati.

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO)

MENÙ SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA, CDD, CENTRO ERGOTERAPICO DIETA RELIGIOSA PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 (CUCINA IN LOCO) PRIVA DI CARNE SUINA A.S. 2014/2015 Giorno Prima settimana Seconda settimana Terza settimana Quarta Pasta all olio e Uova strapazzate Riso alla zucca Bresaola* / formaggio fresco Pasta olio e Bocconcini

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione

PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione PER DIMAGRIRE, OGNI ORA HA IL SUO CIBO? Giorgio Pitzalis - Specialista in Pediatria e Scienza dell'alimentazione Arriva l'estate ed ecco, regolarmente, "spuntare" le solite diete dimagranti. Ne esistono

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

Tratto dal libro "Guarire con la nuova medicina integrata".

Tratto dal libro Guarire con la nuova medicina integrata. 1. Mantenersi snelli. Il peso corporeo dev essere un valore da tenere nei ranghi. E a suggerirci i ranghi previsti è un parametro chiamato indice di massa corporea (BMI, da Body Mass Index). Si calcola

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori

La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori La corretta alimentazione nell infanzia Dedicato ai genitori A cura dell U.O.C. Igiene Alimenti e Nutrizione Dipartimento Prevenzione Medica, A.S.L. di Pavia, V.le Indipendenza,3 0382 432451 TROVA L EQUIILIIBRIIO

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA On. Ministro Gianni Alemanno Presidente, Prof. Ferdinando Romano Gruppo di esperti costituito presso l Istituto

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO

SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU NOI STESSI E SUL MONDO BISOGNI PRIMARI DELL'UOMO Quali sono i bisogni dell'uomo? Volendo semplificare i bisogni basilari sono due: vogliamo evitare

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

La salute vien mangiando!

La salute vien mangiando! La salute vien mangiando! Sede Legale: Monza 20052 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it - C.F. / P. IVA Sede Legale: Monza 20052 02734330968 viale Elvezia, 2 tel. 039 23841 www.aslmonzabrianza.it

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice

Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione. Indice pag. 1 / 20 Piramide alimentare svizzera Raccomandazioni alimentari per adulti che conciliano piacere ed equilibrio nell alimentazione Indice Versione lunga / Novembre 2011 2 Piramide alimentare svizzera

Dettagli

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma

19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO. a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma 19 VOCI PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE ED UN ADEGUATO ESERCIZIO FISICO a cura di Stefania Agrigento prefazione di Eugenio Del Toma ISBN 978-88-96646-46-5 2015 - Clio S.p.A., Lecce www.clioedu.it Proprietà

Dettagli

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione

Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Analisi nutrizionale: strumenti per la valutazione Sara Grioni Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre"

Dettagli

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria

Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria PIÙ ORTAGGI, LEGUMI E FRUTTA Educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria Manuale per la formazione dell insegnante Progetto MiPAAF Qualità Alimentare (approvato con D.M. 591/7303/02 del 23/12/2002)

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE

L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE 1 L ALIMENTAZIONE DI CAGNE E GATTE DURANTE GRAVIDANZA E LATTAZIONE Le femmine devono essere in peso forma al momento dell accoppiamento Se la femmina è fortemente sottopeso aumentano le possibilità di:

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute

Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Un alimentazione equilibrata rafforza la salute Come ridurre il rischio di cancro Un informazione della Lega contro il cancro Un alimentazione equilibrata rafforza la salute 1 Indice Editoriale 5 Una sana

Dettagli

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott.

L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA. a cura del Dott. L uomo ed il suo essere è in continuo adattamento. PRESERVARE LA SALUTE PASSA PER IL CIBO E DALLO STILE DI VITA a cura del Dott. Samorindo Peci Appunti dell autore Ho fatto in modo di realizzare questo

Dettagli

Linee guida per un corretto stile di vita

Linee guida per un corretto stile di vita Linee guida per un corretto stile di vita 1 Hanno collaborato alla redazione delle Linee guida : Rosanna Barbieri Angela Bardi Antonio Dispenza Maria Naldini Marina Pacetti Maria Rosa Silvestro Corrado

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La nutrizione nel malato oncologico

La nutrizione nel malato oncologico La Collana del Girasole n. 13 La nutrizione nel malato oncologico Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La Collana del Girasole La nutrizione nel malato oncologico 13 Legenda Per praticità

Dettagli

NUTRACEUTICA Corpo come Arte

NUTRACEUTICA Corpo come Arte NUTRACEUTICA Corpo come Arte efficacia sinergia RESVERA-VITIS 60 cps Antiossidante Riossigenante Tessutale Integratore a base di Resveratrolo e OPC ad alto dosaggio (in 1 cps 585 mg di Vitis Vinifera 17.000

Dettagli

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione SELEX ACETI AROMATIZZATI - BALSAMICI - CONDIMENTI Crema Classica all'aceto Balsamico

Dettagli

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita

Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita Linee guida per una sana alimentazione e per un corretto stile di vita SOMMARIO PRINCIPI DI NUTRIZIONE Pag. 2 I NUTRIENTI Pag. 2 LE VITAMINE Pag. 3 I GRUPPI ALIMENTARI Pag. 6 LA PIRAMIDE ALIMENTARE Pag.

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA LA COLONSCOPIA: CHE COS È E PERCHÉ VIENE ESEGUITA La colonscopia è un esame che permette di visualizzare l intestino ed individuare o escludere la

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

guida ai metodi per la cottura degli alimenti

guida ai metodi per la cottura degli alimenti guida ai metodi per la cottura degli alimenti Progetto a cura di ANDID - Associazione Nazionale Dietisti Member of andid in breve Il dietista é un professionista sanitario competente per tutte le attivitá

Dettagli

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE

PROTEINE VERDURE GRASSI ERBE E SPEZIE Senza le migliaia di persone che hanno contribuito al blog, ai podcast e infine al libro di Robb Wolf, la Paleo Dieta non avrebbe potuto essere d aiuto a così tanta gente. È stato solo interagendo con

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile

90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium. Essere uno chef non è mai stato così facile 90 Ricette con Chef Menu di JET CHEF Premium Essere uno chef non è mai stato così facile Congratulazioni per aver acquistato il forno a microonde con tecnologia 6 SENSO Whirlpool Jet Chef Premium! Da oggi

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà.

Al Roccolo. Fattoria Piolanti. A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Al Roccolo Fattoria Piolanti A ghè, un bèl sit in mezz al vert Lazàà l è ùl paès ndua te dè andà. Ragiungèl, l è facil tè po minga sbaglià. Ocio, sculta che tè spieghi mi Ciapa la strada che la và de là.

Dettagli

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi.

STORIA E TRADIZIONE. Da allora Tradizione e Qualità sono rimasti il fiore all occhiello della Pasticceria Orlandi. STORIA E TRADIZIONE La Pasticceria Orlandi nasce per volontà di Romano Orlandi che dopo una lunga gavetta nelle più famose pasticcerie milanesi, nel 1952 decide di mettersi in proprio aprendo il suo negozio

Dettagli

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014

impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 impariamo a mangiare sano con i cibi vegetali a cura di Luciana Baroni Società Scientifi ca di Nutrizione Vegetariana - SSNV 4 a edizione 2014 Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - SSNV www.scienzavegetariana.it

Dettagli

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno

Conta con il leone. Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti. con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta con il leone Guida all uso del conteggio dei carboidrati, e non solo! Andrea Scaramuzza Alessandra Bosetti Gian Vincenzo Zuccotti con le foto di Sabrina Alessio e i piatti di Gianluca Modugno Conta

Dettagli

ÒMangio a scuolaó sezione bambini

ÒMangio a scuolaó sezione bambini DISCRIMINANTI DEL CAMPIONE Istituto scolastico Classe Comune 1) Sesso maschio femmina 2) Etˆ 7-10 anni 11-13 anni 3) Preparazione dei pasti preparati nella cucina preparati altrove e della scuola portati

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti.

Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Valutazione dell incidenza dello scarto sul peso degli ingredienti. Nel calcolo del costo delle merci relative ad un singolo piatto non si possono ignorare le percentuali di scarto degli ingredienti. Se

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI

UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI UNITÀ OPERATIVA DI GASTRO ENTEROLOGIA ALIMENTARSI INFORMATI È con vero piacere che presento oggi Alimentarsi informati, un pratico manuale elaborato dall Unità Operativa di Gastroenterologia ed Endoscopia

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli

IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA. Dott. Francesco Andreoli IL CIBO DALLA TERRA ALLA TAVOLA Dott. Francesco Andreoli CHI PRODUCE? Grande industria Piccole industrie Piccoli produttori LE ETICHETTE Sono la carta d identità del prodotto (dati reali) Il pacchetto

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli